Sei sulla pagina 1di 136

Campusnet

Brochure dei corsi

Table of Contents
. Universit degli Studi di Torino . . . . . . . . . . Corsi di Studio in Scienza dei Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . Corsi di insegnamento: brochure creato il 17 gennaio 2010 . . . . Applicazioni del Computer alla Scienza dei Materiali . . . . . Biomateriali . . . . . . . . . . . . . . Biomateriali -non attivato nella.a. 2009/2010 . . . . . . Calcolo Numerico . . . . . . . . . . . . . Calcolo Numerico A.A.2008/2009 . . . . . . . . . Chimica Analitica dei Materiali . . . . . . . . . . Chimica Analitica dei Materiali . . . . . . . . . . Chimica Analitica dei Materiali . . . . . . . . . . Chimica Analitica dei Materiali non attivato nella.a. 2009/2010 . . Chimica dei Materiali . . . . . . . . . . . . Chimica dei Materiali . . . . . . . . . . . . Chimica dei Materiali Avanzati . . . . . . . . . . Chimica delle Macromolecole . . . . . . . . . . Chimica dello Stato Solido . . . . . . . . . . . Chimica dello Stato Solido con Laboratorio . . . . . . . Chimica e Tecnologia dei Polimeri . . . . . . . . . Chimica e Tecnologia dei Polimeri con Laboratorio . . . . . Chimica Elettroanalitica e Corrosione . . . . . . . . Chimica Fisica . . . . . . . . . . . . . Chimica Fisica dei Materiali . . . . . . . . . . Chimica Fisica dei Materiali con Laboratorio . . . . . . . Chimica Fisica dei Materiali con Laboratorio . . . . . . . Chimica Fisica I con Laboratorio . . . . . . . . . Chimica Fisica II con Laboratorio . . . . . . . . . Chimica Generale ed Inorganica con Laboratorio . . . . . . Chimica Generale ed Inorganica non attivato nella.a.2009/2010 . . Chimica Organica con Laboratorio . . . . . . . . . Chimica Organica non attivato nella.a.2009/2010 . . . . . Chimica Quantistica dei Materiali (non attivato nella.a. 2009/2010) . Complementi di Calcolo Numerico (non attivato nella.a. 2009/2010) . Complementi di Cristallografia . . . . . . . . . . Complementi di Cristallografia . . . . . . . . . . Complementi di Fisica dello Stato Solido (non attivato nella.a. 2009/2010) Complementi di Matematica (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . Complementi di Matematica e Calcolo Numerico . . . . . . Comunicazione Scientifica . . . . . . . . . . . Crescita Cristallina . . . . . . . . . . . . Cristallografia . . . . . . . . . . . . . Cristallografia . . . . . . . . . . . . . Economia ed Organizzazione Aziendale . . . . . . . . Economia ed Organizzazione Aziendale non attivato nella.a. 2009/2010 Elettromagnetismo . . . . . . . . . . . . Fisica dello Stato Solido (D.M. 509 a.a. 2008/2009) . . . . . Fisica dello Stato Solido 1 anno (D.M. 270 a.a. 2009/2010) . . . Fisica dello stato Solido 2 anno a.a. 2009/2010 . . . . . . Fisica dello Stato Solido con Laboratorio . . . . . . . Fisica dello Stato Solido con Laboratorio . . . . . . . Fisica dello Stato Solido I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 1 1 1 2 4 4 6 7 8 10 11 11 13 13 14 14 15 16 18 20 20 22 23 25 28 29 31 34 37 38 41 42 43 44 44 45 46 48 48 49 50 50 51 52 52 55 59 60 62 64

Fisica dello Stato Solido II . . . . . . . . . . . . . . . . . Fisica Generale I con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . Fisica Generale II con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . Fisica Generale III con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . Fisica Teorica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Fluidi Quantistici (non attivato nella.a.2009/2010) . . . . . . . . . . . . Inglese Scientifico (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . . . . . Introduzione alla Superconduttivit (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . . Introduzione alla Termodinamica dei Solidi Cristallini . . . . . . . . . . . Laboratorio di caratterizzazione dei metalli . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Chimica dei Materiali . . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Chimica Fisica . . . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Chimica Inorganica e Sicurezza non attivato nella.a.2009/2010 . . . . . . Laboratorio di Chimica Organica . . . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Equazioni Differenziali nelle Scienze Applicate . . . . . . . . . Laboratorio di Fisica dello Stato Solido (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . Laboratorio di Fisica dello Stato Solido I . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Fisica dello Stato Solido II . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Fisica I non attivato nella.a. 2009/2010 . . . . . . . . . . . Laboratorio di Fisica II . . . . . . . . . . . . . . . . . . Laboratorio di Metodi Spettroscopici e Microscopie . . . . . . . . . . . Laboratorio di Programmazione e Calcolo non attivato nella.a. 2009/2010 . . . . . . Lingua Inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lingua Inglese (D.M. 509- a.a. 2008/2009) . . . . . . . . . . . . . Matematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Matematica I (D.M.509-a.a.2008/2009) . . . . . . . . . . . . . . Matematica II (D.M. 509-a.a. 2008/2009) . . . . . . . . . . . . . . Materiali Ceramici (non attivato nella.a.2009/2010) . . . . . . . . . . . Materiali Compositi a Matrice Metallica . . . . . . . . . . . . . . Materiali Compositi a Matrice Metallica . . . . . . . . . . . . . . Materiali Compositi a Matrice Polimerica . . . . . . . . . . . . . . Materiali Compositi a Matrice Polimerica . . . . . . . . . . . . . . Materiali Inorganici Naturali . . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Metallici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Metallici (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . . . . . Materiali Metallici con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . Materiali metallici laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Organici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Organici Avanzati -non attivato nella.a.2009/2010 . . . . . . . . . Materiali Organici con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Polimerici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Polimerici con Laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Semiconduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . Materiali Semiconduttori-Laboratorio (non attivato nella.a.2009/2010) . . . . . . . Meccanica e Onde (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . . . . . Meccanica Quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . Meccanica Statistica (D.M. 509 a.a. 2008/2009) . . . . . . . . . . . . Meccanica statistica e quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . Metallurgia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Metallurgia (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . . . . . . . . . . Metodi Matematici e Meccanica Quantistica . . . . . . . . . . . . . Metodi Matematici per la Fisica . . . . . . . . . . . . . . . . Metodologie e Caratterizzazione dei Materiali Polimerici (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . Metodologie e Caratterizzazione dei Materiali Polimerici-Laboratorio (non attivato nella.a. 2009/2010) Microscopia Elettronica in Trasmissione: Interpretazione (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . Microscopia Elettronica in Trasmissione: Interpretazione non attivato nella.a. 2009/2010 . . .

64 . 66 . 67 . 68 . 69 . 70 . 70 . 71 . 71 . 71 . 72 . 73 . 73 . 74 . 74 . 75 . 75 . 78 . 79 . 79 . 80 . 80 . 81 . 82 . 82 . 84 . 84 . 85 . 85 . 86 . 87 . 87 . 92 . 92 . 92 . 93 . 94 . 95 . 96 . 97 . 99 . 100 . 101 . 102 . 103 . 104 . 105 . 105 . 107 . 108 . 108 . 109 . 110 . 111 . 111 . 112 .

ii

Nanomateriali . . . . . . . . . . . . . . . . Onde, radiazione e relativit . . . . . . . . . . . . . Qualit . . . . . . . . . . . . . . . . . Scienza dei Metalli . . . . . . . . . . . . . . . Selezione ed Uso dei Materiali . . . . . . . . . . . . Selezione ed uso dei Materiali . . . . . . . . . . . . Seminario Teorico Modellistico I (non attivato nella.a. 2009/2010) . . . . Seminario Teorico Modellistico II . . . . . . . . . . . Seminario Teorico Modellistico III . . . . . . . . . . . Storia delle Scienze Sperimentali . . . . . . . . . . . . Storia delle Scienze Sperimentali . . . . . . . . . . . . Struttura della Materia . . . . . . . . . . . . . . Struttura della materia con Laboratorio . . . . . . . . . . Superfici ed Interfasi . . . . . . . . . . . . . . Superfici ed Interfasi-Laboratorio . . . . . . . . . . . . Tecniche di Chimica Computazionale . . . . . . . . . . . Tecniche di chimica computazionale e Laboratorio . . . . . . . . Tecniche di Meccanica Statistica (D.M. 509 a.a. 2008/2009) . . . . . . Tecniche di Sincrotrone per lo Studio dei Materiali . . . . . . . . Teoria del Funzionale della Densit . . . . . . . . . . . Teoria del Legame Chimico . . . . . . . . . . . . . Teoria Matematica dei Materiali Linearmente Elastici (non attivato nella.a 2009/2010) Teorie Quantistiche dei Materiali (non attivato per la.a.2009/2010) . . . . Termodinamica non attivato nella.a.2009/2010 . . . . . . . . Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

112 . 112 . 113 . 114 . 115 . 115 . 116 . 118 . 118 . 118 . 119 . 119 . 119 . 121 . 122 . 123 . 123 . 124 . 125 . 125 . 127 . 127 . 128 . 128 . 129 .

iii

Universit degli Studi di Torino


Corsi di Studio in Scienza dei Materiali
Corsi di insegnamento: brochure creato il 17 gennaio 2010 Applicazioni del Computer alla Scienza dei Materiali
Codice: M8048 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Bartolomeo Civalleri Recapito: +39-011-6707564 [bartolomeo.civalleri@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti unintroduzione agli strumenti di calcolo quanto-meccanico utilizzati nella moderna chimica computazionale molecolare e dello stato solido. Lobiettivo principale e mostrare lutilita dei programmi di calcolo quanto-meccanici nello studio modellistico di materiali RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di a) conoscere che cosa si intende con approccio computazionale nella scienza dei materiali e come questo stia diventando uno strumento importante nella ricerca scientifica e un utile complemento allattivit sperimentale; b) apprendere lutilizzo base di programmi di calcolo quanto-meccanici per lo studio di sistemi molecolari e cristallini PROGRAMMA La metodologia didattica impiegata consiste in: a) 6 ore di lezioni in aula b) 12 ore di esercitazioni nel laboratorio informatico

Programma, articolazione e carico didattico

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Approccio computazionale nella Scienza dei MaterialiAccenni alla simulazione multiscalaDefinizione di scienza dei materiali computazionale Tecniche per la definizione di un modello strutturale per la simulazione di materialiFasi della progettazione di un esperimento al calcolatore 2 2 Accenni sui principali metodi quanto-meccanici per lo studio di molecole e solidi:a) principali approssimazioni dell'equazione di Schrodingerb) metodi ab-initio molecolari (HF e DFT)c) estensione al trattamento di sistemi cristallini 2 2 Presentazione e caratteristiche dei principali programmi di calcolo ab-initio molecolari e per sistemi cristallini (in particolare Gaussian e CRYSTAL)Descrizione dell'input e analisi dell'output dei programmi Gaussian e CRYSTALAccenni sull'ottimizzazione della struttura di molecole e cristalli 2 2 Modulo1: Introduzione all'uso di Gaussian98 per WindowsIntroduzione ai programmi di visuallizzazione grafica GaussView e MoldrawLa molecola d'acqua: ottimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali (Gaussian98)Analisi dei risultati e discussione 2 2 Modulo 2:Il dimero dell'acqua: definizione del problema, ottimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali (Gaussian98)Visualizzazione e analisi dei dati calcolati con discussione sul cambiamento delle caratteristiche strutturali e vibrazionali della molecola d'acqua isolata e nel dimero 2 4 Modulo 3:Uso dell'approccio a cluster nella simulazione

di materialiSimulazione degli ossidrili superficiali di materiali siliceiDefinizione del problema e creazione di un semplice modello strutturale con l'ausilio di un programma di grafica molecolare (Moldraw)Calcolo delle propriet strutturali e vibrazionali del modello isolato e in interazione con ammoniacaAnalisi/discussione dei risultati e confronto con i dati sperimentali 6 6 Modulo 4:Introduzione all'uso di CRYSTALEsempi di uso dell'approccio periodico nella simulazione di materiali (crustalli, superfici, difetti, ...) 2 2 Totale 6 12 18

Modalit di verifica/esame L'esame consiste in una prova pratica e in una serie di domande scritte. a) La prova pratica riprende il modulo 1 delle esercitazioni e rappresenta la parte pi importante dell'esame. Riguarda l'utilizzo del programma Gaussian e viene richiesto di saper calcolare le propriet strutturali e vibrazionali di un semplice addotto molecolare (es. FHNH3) valutando la variazione nelle caratteristiche dei singoli componenti in seguito alla formazione dell'addotto. Gli input necessari vengono forniti nel testo dell'esame. Il testo comprende anche una serie di tabelle che gli studenti devono riempire con i dati estratti dall'analisi dei dati prodotti dal programma. Gli studenti devono quindi dimostrare di saper usare il programma e di essere in grado di analizzare gli output estraendo le informazioni richieste. b) Le domande scritte (solitamente tre), di cui richiesto uno sviluppo molto sintetico, riguardano alcuni punti generali discussi nella parte di lezioni in aula e sono mirate a valutare la comprensione degli argomenti trattati.Il voto finale (in trentesimi) determinato in larga parte dall'esito della prova pratica (5/6), il resto (1/6) valutato sulla base delle risposte alle domande. TESTI I testi base consigliati per il corso sono: lucidi delle lezioni e materiale usato per le esercitazioni (forniti dal docente e disponibili sul sito) E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: F. Jensen, Introduction to Computational Chemistry, Wiley, 1999. Infine sono di seguito indicati siti internet di interesse: http://www.gaussian.com http://www.crystal.unito.it/tutojan2004/tutorials/index.html NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula ed esercitazioni in aula informatica. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 14 ed in Aula Informatica- Centro della Innovazione- Via Quarello http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=ce4c Ore Aula

Biomateriali
Codice: M8055 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Stefania Reineri (Titolare del corso) Recapito: [stefania.reineri@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: BIO/11 - biologia molecolare Anno accademico: 2009/2010

OBIETTIVI Il corso fornisce elementi di biologia cellulare e molecolare per la comprensione delle caratteristiche specifiche dei biomateriali e delle loro interazioni con i tessuti viventi. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente dovr essere in grado di capire le reazioni dellorganismo allimpianto di materiali esterni. Dovr conoscere i principi di biocompatibilit e biodegradabilit, conoscere i principali polimeri utilizzati in campo biomedico e avere nozioni di biologia molecolare per applicazioni nanotecnologiche PROGRAMMA Italiano

Argomento Ore di lezione Studio dell'interazioni cellula-materia e dei requisiti che i biomateriali debbono possedere per poter essere utilizzati nella fabbricazione di un dispositivo medico. 2 Caratteristiche dei tessuti biologici e reazione dei tessuti all'impianto di biomateriali per protesi e organi artificiali. 2 Fabbricazione e sterilizzazione dei vari materiali utilizzati e specifiche applicazioni. 2 Utilizzo di polimeri e copolimeri biodegradabili per applicazioni biomediche. Drug delivery ed ingegneria tissutale. 4 Strutture e propriet dei polimeri biologici extracellulari. 2 Caratteristiche dell'apoptosi cellulare e ruolo della morte cellulare in seguito all'impianto di un materiale esterno. 2 Tecnologie biomolecolari per la produzione di biomateriali. 2 Totale 16 Inglese Topics Hours/lesson Study of cell-material interactions and requirements that biomaterials must possess to be used in the manufacture of a medical device. 2 Features of biological tissues and their reaction to the implant of biomaterials for protheses and artificial organs. 2 Manufacturing and sterilization of various materials and their specific applications. 2 Use of biodegradable polymers and copolymers in biomedical applications. Drug delivery and tissue engineering. 4 Structures and properties of biologic extracellular polymers. 2 Characteristics of cellular apoptosis and role of programmed cell death following the implantation of a external material. 2 Biomolecular technologies for biomaterial production. 2 Total 16

TESTI Il materiale didattico reperibile alla pagina web del corso. I testi base consigliati per il corso sono: Pietrabissa, Biomateriali per protesi e organi artificiali, Collana di Ingegneria Biomedica, Ptron Editore E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: Alberts et al., lEssenziale di Biologia Molecolare della Cellula, Zanichelli. NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Scritto e orale separati con voto in 30simi Prova scritta: 35 domande di cui 34 a quiz e 1 aperta Prova orale: discussione della prova scritta ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Aula 14- Via Quarello 11 e Aula Wick- Via P. Giuria 1 Ore Aula

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=dcca

Biomateriali -non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: S8297 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Michele De Bortoli Recapito: 0116704689 / 0119933452 [michele.debortoli@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 07/10/2008 al 04/11/2008 Nota: Aule Via Giuria 9 e 7 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=bbf7 Ore Aula

Calcolo Numerico
Codice: MFN0649 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Prof. Vittoria Demichelis (Titolare del corso) Recapito: 0116702832 [vittoria.demichelis@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: MAT/08 - analisi numerica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: ● le nozioni di base relative alla libreria scientifica Mathcad, al linguaggio di programmazione QBasic ed alla rappresentazione dei numeri in un calcolatore; ●alcuni elementi di calcolo con le matrici ed algebra lineare numerica; ●alcuni fra i principali metodi numerici per linterpolazione, lapprossimazione ai minimi quadrati, lintegrazione, lapprossimazione delle radici di unequazione non lineare e la risoluzione di equazioni differenziali; ●le nozioni di base relative allanalisi di Fourier ed alle trasformate. Gli studenti dovranno essere in gradi di risolvere semplici problemi mediante lapplicazione delle tecniche numeriche studiate. Dovranno inoltre realizzare gli algoritmi relativi ai metodi analizzati in ambiente Mathcad o QBasic. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza di metodi numerici per lalgebra lineare, linterpolazione e lapprossimazione, lintegrazione e la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie. Implementazione degli algoritmi relativi in ambiente Mathcad o QBasic. Capacit d risolvere semplici problemi applicativi. Fruitori di tali competenze sono, in particolare, gli insegnamenti Chimica Fisica con Laboratori, Metodi Matematici e Meccanica Quantistica. PROGRAMMA

Italiano Introduzione alla libreria scientifica Mathcad ed al linguaggio di programmazione QBasic. Rappresentazione dei numeri in un calcolatore, arrotondamento. Aritmetica di macchina: propagazione degli errori e cancellazione numerica. Matrici e sistemi di equazioni lineari: operazioni fra matrici e loro proprieta, determinanti, autovalori ed autovettori, norme. Il metodo di eliminazione per la risoluzione di sistemi lineari. Interpolazione polinomiale e spline di dati e di funzioni. Approssimazione polinomiale ai minimi quadrati. Equazioni non lineari: metodo di bisezione, metodi delle secanti e di Newton. Integrazione numerica: le formule di Newton-Cotes, le formule composte dei trapezi e di Simpson. Problemi ai valori iniziali per equazioni differenziali ordinarie. Metodi ad un passo: metodo di Eulero. Metodi ad un passo e due stadi: Eulero modificato e Heun. Metodi a quattro stadi: Runge-Kutta di ordine 4. Introduzione alla serie di Fourier ed alla trasformata di Fourier. Trasformata discreta di Fourier. Inglese Introduction to the scientific library Mathcad and to the programming language QBasic. Machine numbers and rounding. Machine arithmetic: error propagation and cancellation error. Matrices and systems of linear equations: matrix operations and their properties, determinants, eigenvalues and eigenvectors, norms. The solution of liner systems by elimination. Functions and data sets interpolation by polynomials and splines. Polynomial least square approximation. Non linear equations: bisection method, secant and Newton's methods. Numerical integration: Newton-Cotes formulae, the composite trapezoidal and Simpson's rules. Initial value problems for ordinary differential equations. One step methods: Euler's method. One step and two stage methods: improved Euler's method and Heun's method. Four stage methods: Runge-Kutta of order four. Basic elements on Fourier's series and transform. Discrete Fourier transform.

TESTI I testi base consigliati per il corso sono: G. Monegato 100 pagine di elementi di Calcolo Numerico Levrotto & Bella, Torino (1997) M. Bramanti C.D. Pagani S. Salsa - Matematica Zanichelli , Bologna (2000) V. Demichelis Appunti di Calcolo Numerico E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: K. Atkinson Elementary Numerical Analysis John Wiley & Sons (1993) G. Monegato Fondamenti di Calcolo Numerico CLUT, Torino (1998) G. Naldi, L. Pareschi, G. Aletti Matematica I ( Algebra Lineare ) McGraw-Hill (2003) P.J. Pritchard MATHCAD per lingegneria McGraw-Hill (1999) NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni ed esercitazioni frontali in aula. Lezioni ed esercitazioni in aula informatica. Propedeuticit Matematica Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit desame Lesame si svolge, di norma, come segue: a) prova di laboratorio in aula informatizzata che prevede lo svolgimento di esercizi, relativi agli argomenti trattati, in ambiente Mathcad e QBasic. b) prova orale che prevede lesposizione degli argomenti svolti a lezione. Il superamento dellesame comporta lesito positivo di entrambe le prove. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 Nota: Aula 12-Centro della Innovazione -Via Quarello 11 Torino. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=3c02 Ore Aula

Calcolo Numerico A.A.2008/2009


Codice: M8009 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Vittoria Demichelis Recapito: 0116702832 [vittoria.demichelis@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: MAT/08 - analisi numerica Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: La conoscenza di metodi numerici per lapprossimazione di dati e di integrali, per il calcolo delle radici di unequazione e per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie. La capacit di applicare tali metodi alla risoluzione di semplici problemi. Le nozioni di base ed alcuni esempi applicativi sullanalisi di Fourier e sulle trasformate. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr possedere una buona conoscenza dei seguenti argomenti: Approssimazione ai minimi quadrati e interpolazione di dati sperimentali e di funzioni mediante polinomi e polinomi a tratti. Metodi per approssimare gli zeri di una funzione. Tecniche numeriche di base per il calcolo di integrali. Risoluzione numerica di equazioni differenziali ordinarie con condizioni inziali. Nozioni di base sui coefficienti e sulla serie di Fourier di una funzione e sulle trasformate di Fourier . Trasformata e antitrasformata discreta di Fourier e loro applicazione allanalisi e alla sintesi di un insieme di misure sperimentali. Implementazione in ambiente MATHCAD e BASIC dei metodi numerici e loro applicazione alla soluzione di semplici problemi. PROGRAMMA Metodologia didattica La metodologia didattica impiegata consiste in: Lezioni ed esercitazioni in aula informatizzata Programma, articolazione e carico didattico Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Interpolazione di dati e di funzioni. Polinomio di interpolazione di Newton alle differenze divise, funzioni spline cubiche, interpolazione trigonometrica. Funzioni Mathcad per l'interpolazione. 6 2 8 Approssimazione ai minimi quadrati. Polinomio di approssimazione ai minimi quadrati. Retta di regressione, problemi riconducibili al caso lineare. Funzioni Mathcad per l'approssimazione ai minimi quadrati. 3 2 5 Radici di equazioni non lineari. Metodi di bisezione, delle secanti, delle tangenti. Ordine di convergenza e criteri di arresto. 3 2 5 Integrazione numerica. Formule di quadratura di Newton- Cotes. Stima dell'errore. Formule composte. Funzioni Mathcad per l'integrazione numerica. 4 2 6 Risoluzione di equazioni differenziali ordinarie. Metodi ad un passo. 4 2 6 Trasformate. Serie e coefficienti di Fourier di una funzione.Cenni sulle trasformate di Fourier . Funzioni Mathcad per i coefficienti e le trasformate di Fourier. 7 2 9 Trasformate discrete. Analisi e sintesi di un insieme di misure sperimentali mediante la trasformata e l'antitrasformata discreta di Fourier, trasformata rapida di Fourier. Funzioni Mathcad per le trasformate discrete di Fourier. 4 2 6 Totale 31 14 45 Modalit di verifica/esame Lesame si svolge , di norma, come segue : a) prova di laboratorio in aula informatizzata che prevede lo svolgimento di esercizi, relativi agli argomenti trattati, mediante il pacchetto scientifico MATHCAD ed il linguaggio BASIC Lezioni in aula

b) prova orale che prevede l'esposizione degli argomenti svolti a lezione. Il superamento dell'esame comporta l'esito positivo di entrambe le prove.

TESTI I testi base consigliati per il corso sono: C. Dagnino V. Demichelis Appunti di Calcolo Numerico (2001) M. Bramanti C.D. Pagani S. Salsa - Matematica Zanichelli (2000) G. Monegato 100 pagine di elementi di Calcolo Numerico Levrotto & Bella, Torino (1997) E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: G. Monegato Fondamenti di Calcolo Numerico CLUT (1998) K. Atkinson Elementary Numerical Analysis John Wiley & Sons (1993) P.J. Pritchard MATHCAD per lingegneria McGraw-Hill (1999) ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 20/04/2009 al 19/06/2009 Nota: Aula 12- Via Quarello 11- Torino http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a8e3 Ore Aula

Chimica Analitica dei Materiali


Codice: MFN0667 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 6 SSD: CHIM/06 - chimica organica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Lo studente dovr essere in grado di valutare un protocollo di analisi per un materiale, dal campionamento, alla preparazione del campione ed alla scelta del metodo . Dovr quindi essere in grado di ottimizzare le condizioni sperimentali sulla base degli equilibri coinvolti e valutare le diverse metodiche sulla base del loro campo di applicazione, delle loro potenzialit e dei loro limiti. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere gli effetti degli equilibri chimici nellanalisi chimica Conoscere le principali tecniche strumentali e le loro applicazioni allanalisi di materiali Sapere scegliere una tecnica di analisi PROGRAMMA Italiano

Il problema analitico dal campionamento al risultato significativo Precisione e accuratezza di una misura, individuazione e trattamento dell'errore. Test di ipotesi e significativit. Eliminazione di dati anomali. Validazione di un metodo analitico. Procedure di calibrazione e tipologie di standard. Sensibilit e limite di rilevabilit. Il campionamento e la preparazione del campione per l'analisi. Procedure di estrazione e preconcentrazione L'equilibrio chimico. Costanti di dissociazione. Formazione di complessi in soluzione. Costanti di stabilit. Costanti condizionali. Solubilit. Equilibri redox. Applicazioni alla chimica analitica

dell'estrazione con solvente . Fenomeni di adsorbimento. Le tecniche volumetriche Generalit di elettrodica. L'equazione di Butler-Volmer. Cenni allo studio della corrosione dei materiali metallici. La spettrofotometria di assorbimento UV-vis. La tecnica potenziometrica. Misure di pH. Altri elettrodi iono-selettivi. Cenni alle applicazioni di polarografia e voltammetria all'analisi dei materiali metallici. Analisi elementare inorganica: fluorescenza di raggi X, spettroscopia di assorbimento ed emissione atomica, spettroscopia di emissione atomica con plasma ad accoppiamento induttivo: teoria ed applicazioni Analisi elementare organica: principi, strumentazione ed applicazioni Metodi cromatografici: principi ed applicazioni di HPLC e gascromatografia nell'analisi dei materiali Inglese Analytical strategies: from sampling to final results. Precision and accuracy of a measure; error management. Hypothesis tests; outliers. Analysis validation. Calibration protocols and standards. Sensitivity and limit of detection. Sampling, sample pre-treatment, extraction and pre-concentration. Equilibrium analysis in solution : protonation constants, complex formation, heterogeneous equilibria, redox equilibria. Solvent extraction. Adsorption processes. Volumetric analysis. Electrodics and equation of Butler-Volmer. Introduction to metal corrosion UV-vis spectroscopy Potentiometry; pH measurement and other ion-selective electrodes. Overlok on polarography and voltammetry in material analysis Elemental inorganic analysis: X-ray fluorescence; atomic absorption spectroscopy; inductively coupled plasma-atomic emission spectroscopy. Theoretical aspects and applications. Elemental organic analysis; theoretical aspects and applications Theoretical aspects and applications of HPLC and GC to material analysis Mass spectrometry and hyphenated techniques: GC-MS and ICP-MS. Theoretical aspects and applications. La spettrometria di massa e le tecniche accoppiate GC-MS e ICP-MS: principi ed applicazioni

TESTI E. Prenesti, P.G. Daniele, CHIMICA ANALITICA, Ed. Levrotto & Bella, Torino, 2001 D. Skoog, J.Leary, CHIMICA ANALITICA STRUMENTALE, EdiSES NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame orale http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=adc8

Chimica Analitica dei Materiali


Codice: M8077 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Alessandra Bianco Prevot, Prof. Pier Giuseppe Daniele Recapito: 011-6707634 [alessandra.biancoprevot@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 6 SSD: CHIM/01 - chimica analitica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti fondamenti ed applicazioni allanalisi chimica dei materiali, delle metodologie analitiche classiche (equilibri chimici e volumetria), delle spettroscopie atomiche e molecolari, della spettrometria di massa, delle metodologie elettrochimiche (con particolare riferimento ai fenomeni di corrosione) e delle metodologie separative strumentali. Verranno altres fornite le conoscenze necessarie per la scelta del metodo analitico ottimale e per la valutazione dei risultati

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente dovr essere in grado di valutare un protocollo di analisi per un materiale, dal campionamento, alla preparazione del campione, alla scelta del metodo fino alla discussione critica del risultato ottenuto. Dovr quindi essere in grado di ottimizzare le condizioni sperimentali sulla base degli equilibri coinvolti e valutare le diverse metodiche sulla base del loro campo di applicazione, delle loro potenzialit e dei loro limiti PROGRAMMA Il problema analitico dal campionamento al risultato significativo Precisione e accuratezza di una misura, individuazione e trattamento dell'errore. Test di ipotesi e significativit. Eliminazione di dati anomali. Validazione di un metodo analitico. Procedure di calibrazione e tipologie di standard. Sensibilit e limite di rilevabilit. Il campionamento e la preparazione del campione per l'analisi. Procedure di estrazione e preconcentrazione L'equilibrio chimico. Costanti di dissociazione. Formazione di complessi in soluzione. Costanti di stabilit. Costanti condizionali. Solubilit. Equilibri redox. Applicazioni alla chimica analitica dell'estrazione con solvente . Fenomeni di adsorbimento. Le tecniche volumetriche Generalit di elettrodica. L'equazione di Butler-Volmer. Cenni allo studio della corrosione dei materiali metallici. La spettrofotometria di assorbimento UV-vis. La tecnica potenziometrica. Misure di pH. Altri elettrodi iono-selettivi. Cenni alle applicazioni di polarografia e voltammetria all'analisi dei materiali metallici. Analisi elementare inorganica: fluorescenza di raggi X, spettroscopia di assorbimento ed emissione atomica, spettroscopia di emissione atomica con plasma ad accoppiamento induttivo: teoria ed applicazioni Analisi elementare organica: principi, strumentazione ed applicazioni Metodi cromatografici: principi ed applicazioni di HPLC e gascromatografia nell'analisi dei materiali La spettrometria di massa e le tecniche accoppiate GC-MS e ICP-MS: principi ed applicazioni TESTI E. Prenesti, P.G. Daniele, CHIMICA ANALITICA, Ed. Levrotto & Bella, Torino, 2001 D. Skoog, J.Leary, CHIMICA ANALITICA STRUMENTALE, EdiSES ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Aula 14- Centro della Innovazione- Via Quarello 11 Ore Aula

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=3bcd

Chimica Analitica dei Materiali


Codice: MFN0748 CdL: Magistrale Docente: Prof. Pier Giuseppe Daniele (Titolare del corso), Prof. Valter Maurino (Titolare del corso) Recapito: 011 6707610 [piergiuseppe.daniele@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/01 - chimica analitica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire fondamenti ed applicazioni di alcune metodologie analitiche rilevanti nella scienza dei materiali, con particolare riferimento alla caratterizzazione di materiali metallici, materiali colloidali e macromolecole. Si propone altres di fornire le basi per limplementazione dei sistemi qualit nel laboratorio chimico. Le esperienze riguarderanno lottimizzazione di metodologie analitiche per lanalisi elementare e composizionale dei materiali. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente dovr avere la capacit di scegliere il metodo analitico pi adatto e di valutare criticamente i risultati ottenuti. PROGRAMMA Italiano Implementazione del sistema qualit nel laboratorio chimico: validazione di una procedura analitica; metodologie di calibrazione, uso di standard certificati, confronto tra metodi. Metodologie analitiche per la caratterizzazione di leghe metalliche: spettroscopia in assorbimento atomico con atomizzatore a fiamma o con fornetto di grafite e spettroscopia di emissione atomica con plasma ad accoppiamento induttivo. Metodologie analitiche per la caratterizzazione dimensionale di colloidi e nanoparticelle: cromatografia di esclusione, Field Flow Fractionation, diffusione di luce laser (elastica e quasielastica) Metodologie avanzate di spettrometria di massa: massa-massa, spettrometria di massa a ioni secondari, accoppiamento cromatografia liquida-spettrometria di massa. Tecniche elettrochimiche ad elevata risoluzione spaziale: scanning electrochemical microscopy. Esercitazioni di laboratorio. Esempi di ottimizzazione di una tecnica analitica: a) analisi dei componenti minoritari in tracce di una lega, previo opportuno attacco e dissoluzione del campione, mediante spettroscopia in assorbimento atomico e spettroscopia di emissione atomica a plasma; b) analisi e caratterizzazione mediante GC-MS ed LC-MS di additivi presenti in materiali polimerici. Inglese Implementation of quality system in the chemical laboratory: analytical procedure validation; calibration methodologies;use of certified reference materials; comparison among different analytical techniques. Analytical methodologies for characterization of metal alloys: atomic absorption spectroscopy (flame and graphite furnace atomization) and ICP AES. - Analytical methodologies for dimensional characterization of colloids and nanoparticles: exclusion cromatography, Field Flow Fractionation, laser light diffusion (elastic and quasielastic) - Mass Spectrometry advanced methodologies: MS-MS, secondary ion mass spectrometry, LC-MS. - Electrochemical techniques at high space resolution: scanning electrochemical microscopy. - Laboratory practicals. Optimization of an analytical determination: a) the determination of the trace element present in a metal alloy by atomic absorption spectroscopy and ICP-AES, after suitable sample disgregation and dissolution; b) determination of additives in polymeric materials by GC-MS and LC-MS.

10

TESTI D. Skoog, J. Leary, Chimica Analitica Strumentale, EdiSES Dispense fornite dal docente NOTA Insegnamento comune ai due indirizzi Tipologia insegnamento Tradizionale-Lezioni-Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste Modalit di verifica/esame Orale con voto ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=2c61 Ore Aula

Chimica Analitica dei Materiali non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: S8295 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Pier Giuseppe Daniele, Prof. Valter Maurino Recapito: 011 6707610 [piergiuseppe.daniele@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 02/03/2009 al 19/06/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=934c Ore Aula

Chimica dei Materiali


Codice: MFN0664 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/03 - chimica generale e inorganica Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Acquisire familiarit con losservazione e la comprensione delle principali strutture solide di interesse nel campo dei materiali . Acquisire i concetti relativi alla chimica dei solidi con particolare attenzione a energia reticolare e difettistica. Collegare le propriet generali ad applicazioni precise di materiali strutturali e funzionali.

11

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza degli elementi principali della chimica di stato solido, conoscenza dei materiali di tipo ceramico, conoscenza di alcune propriet fondamentali dei materiali ( meccaniche, ottiche elettriche) PROGRAMMA Italiano Introduzione ai Materiali. Richiami alle strutture cristalline di riferimento. solidi binari e ternari. Cenni di cristallochimica: legame chimico nei solidi. Solidi covalenti, ionici, metallici, molecolari. Solidi ionici. Esistenza e dimensione degli ioni. Principi generali che presiedono alla formazione di solidi ionici. Condizioni di formazione di un solido ionico: elettroneutralit locale, rapporto tra raggi ionici. L'energia reticolare nei solidi ionici. Equazioni di Born Land e Born Mayer. Il ciclo termodinamico di Born-Haber. Elementi di transizione e cristalli ionici. Teoria del campo cristallino. Propriet magnetiche degli ioni di transizione in cristalli. Energia di stabilizzazione di campo cristallino. Il laser a rubino. DIFETTI PUNTUALI NEI CRISTALLI IONICI. Tipologia dei difetti. Difetti puntuali intrinseci. Concentrazione di difetti in solidi ionici. La conducibilit ionica nei solidi. Conduttori fast-ion (ioduro dargento, beta allumina, etc.) e loro applicazioni. Materiali per batterie. Cenni alle celle a combustibile. I centri di colore. Difetti puntuali non stechiometrici. Soluzioni solide. Difetti aliovalenti e induzione di valenza. LEGAME CHIMICO E PROPRIETA' ELETTRICHE DEI SOLIDI Cenni alle teorie sullo stato degli elettroni nei solidi cristallini. Conduzione elettronica nei metalli. Cenni alla teoria dell'elettrone libero e alla teoria delle bande. Densit di stati. Conduttori metallici, isolanti, semiconduttori intrinseci. Semiconduttori estrinseci. Superconduttori ad alta temperatura MATERIALI CERAMICI Ceramici tradizionali e silicati. I fillosilicati e le argille. I ceramici tradizionali.: composizione, tecnologie di preparazione. Casting. Processi di cottura. Trasformazioni fisiche e chimiche nella cottura. Ceramici avanzati o neoceramici. Refrattari e ceramici speciali. LEGANTI Leganti aerei e idraulici . Il cemento Portland. Composizione dei cementi ordinari e processi di preparazione. Idratazione dei cementi. Propriet fisiche e meccaniche dei cementi. Calcestruzzi e calcestruzzi armati. VETRI Formazione di fasi vetrose per raffreddamento da fuso: la transizione vetrosa. Tendenza alla formazione di vetri Formatori e modificatori di reticolo Composizione dei vetriLavorazione del vetro. Trattamenti termici su manufatti di vetro ZEOLITI Struttura dei principali sistemi zeolitici, propriet delle zeoliti. Setacci molecolari, catalizzatori size selective PROVE MECCANICHE SUI MATERIALI Prove di trazione. Legge di Hooke e modulo di Young. Fase elastica e fase plastica. carico di snervamento e di rottura. Tenacit. Prove d'urto. Prove di fatica. Durezza Scorrimento viscoso o creep TECNICHE DI SINTESI DI SOLIDI INORGANICI Il metodo sol-gel. Sintesi di un borosilicato sodico per via sol-gel. Metodi CVD e CVT .Metodo idrotermale. Sintesi con microonde. Inglese Introduction to materials Structural aspects of solid materials. The main structural families. Crystal chemistry. Chemical bond in solids. Ionic solids. Ions and their size. Pauling laws on ionic solids. Lattice energy and related equations. Born-Haber cycle. Crystal field theory. Magnetic properties of transitino metal ions. Crystal field stabilisation energy. Point defects in ionic solids. Mobility of point defects and ionic conductivity. Fast ion conductors and their applications. Batteries, Fuel cells. Color centres. Non stoichiometric defects. Chemical bond and electric properties. Semiconductors and extrinsic semiconductors. Superconductors. Ceramic materials. Chemistry of silicates. Technology of ceramic preparation. Advanced ceramic materials. Cements. Portland cement, preparation, composition properties. Glasses. The glass transition. Oxide glasses: composition and properties. Glass technologies. Zeolites. Structure of zeolites. Properties: molecular sieves, size selective catalysts. Mechanical properties of materials. Testing. Stress strain diagrams. Advanced synthesis of inorganic solids. Sol gel synthesis. Chemical vapor deposition. TESTI Callister Scienza e Ingegneria dei Materiali. Dispense del Docente.

12

NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame scritto + colloquio orale http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=8864

Chimica dei Materiali


Codice: M8027 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Elio Giamello Recapito: 0116707574 [elio.giamello@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato del corso alla Voce "Materiale Didattico" NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 13-Centro della Innovazione-Via Quarello http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e314 Ore Aula

Chimica dei Materiali Avanzati


Codice: M8049 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Domenica Scarano Recapito: 011/6707834 [domenica.scarano@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI

13

Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: Aula 14 - Via Quarello 11

Ore

Aula

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=65b3

Chimica delle Macromolecole


Codice: M8044 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Francesco Trotta (Titolare del corso) Recapito: [francesco.trotta@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Il programma dettagliato del corso si trova nella sezione "Materiale Didattico" ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e4f7 Ore Aula

Chimica dello Stato Solido


Codice: MFN0750 CdL: Magistrale Docente: Dott. Maria Cristina Paganini (Titolare del corso) Recapito: 0116707576 [mariacristina.paganini@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/03 - chimica generale e inorganica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il Corso si propone di presentare in modo esaustivo ed approfondito le problematiche inerenti la struttura e la reattivit degli ossidi sia binari che ternari. In particolare verr evidenziato come possono variare le propriet in funzione del tipo e della quantit di difetti presenti nella struttura o sulla superficie degli ossidi stessi. Verr quindi presentata nei dettagli la spettroscopia di risonanza paramagnetica elettronica, tecnica principe nellindividuazione dei difetti e della loro reattivit. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere la struttura degli ossidi e le loro propriet macroscopiche. Saper individuare ed interpretare il ruolo dei vari difetti di bulk e superficiali nella struttura di un ossido.

14

PROGRAMMA Italiano Lezioni: Introduzione allo stato solido, Ossidi dei metali: aspetti chimici e strutturali. Strutture degli ossidi binari e ternari: gli impacchettamenti. La classificazione elettronica degli ossidi: modello a bande. La non stechiometricit: i difetti. La spettroscopia di risonanza paramagnetica elettronica: teoria e applicazioni. Inglese Introduction to the solid state. Metal oxides: structural and chemical aspects. Binari and ternary oxides and their structures. Electronic classification of oxides: band structure. Non stoichiometry: the defects of the solids. Electron Paramagnetic Resonance: theory and applications. . TESTI West, Basic Solid state Chemistry, Wiley editore, Callister, Scienza e Ingegneria dei Materiali, Edises editore, Dispende del docente. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Teorico Tipologia insegnamento Tradizionale-Lezioni frontali Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste Modalit di verifica/esame Esame orale con voto. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=2905 Ore Aula

Chimica dello Stato Solido con Laboratorio


Codice: MFN0749 CdL: Magistrale Docente: Dott. Maria Cristina Paganini (Titolare del corso) Recapito: 0116707576 [mariacristina.paganini@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 6 SSD: CHIM/06 - chimica organica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il Corso si propone di presentare in modo esaustivo ed approfondito le problematiche inerenti la struttura e la reattivit degli ossidi sia binari che ternari. In particolare verr evidenziato come possono variare le propriet in funzione del tipo e della quantit di difetti presenti nella struttura o sulla superficie degli ossidi stessi. Verr quindi presentata nei dettagli la spettroscopia di risonanza paramagnetica elettronica, tecnica principe nellindividuazione dei difetti e della loro reattivit. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere la struttura degli ossidi e le loro propriet macroscopiche. Saper individuare ed interpretare il ruolo dei vari difetti di bulk e superficiali nella struttura di un ossido.

15

PROGRAMMA Italiano Lezioni: Introduzione allo stato solido, Ossidi dei metali: aspetti chimici e strutturali. Strutture degli ossidi binari e ternari: gli impacchettamenti. La classificazione elettronica degli ossidi: modello a bande. La non stechiometricit: i difetti. La spettroscopia di risonanza paramagnetica elettronica: teoria e applicazioni. Laboratorio: Preparazione con diverse tecniche di sintesi di ossidi semplici e misti. Loro caratterizzazione strutturale ed ottica. Analisi e studio dei difetti attraverso la tecnica di risonanza paramagnetica elettronica. Inglese Introduction to the solid state. Metal oxides: structural and chemical aspects. Binari and ternary oxides and their structures. Electronic classification of oxides: band structure. Non stoichiometry: the defects of the solids. Electron Paramagnetic Resonance: theory and applications. Laboratory: Using different synthesis thecnque, preparation of simple and mixed oxides. Structural and optical characterization. Study of defects of the system through the EPR technique. . TESTI West, Basic Solid state Chemistry, Wiley editore, Callister, Scienza e Ingegneria dei Materiali, Edises editore, Dispende del docente. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Sperimentale Tipologia insegnamento Tradizionale-Lezione-Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame con voto. Gli studenti sono invitati a preparare una presentazione in power point sui risultati ottenuti dalle esperienze di laboratorio. Lesposizione dei risultati viene proposta a tutti gli studenti che hanno seguito il corso. Dopo lesposizione ci sar una breve discussione sui risultati ottenuti e un breve colloqui sul programma svolto a lezione. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=97b7 Ore Aula

Chimica e Tecnologia dei Polimeri


Codice: M8029 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Dominique Scalarone Recapito: 0116707546 [dominique.scalarone@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 SSD: CHIM/05 - scienza e tecnologia dei materiali polimerici Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Vengono impartite le nozioni fondamentali sulla struttura dei materiali polimerici e sulla loro complessit di costituzione chimica e molecolare, sulle loro caratteristiche fisico-chimiche e modalit di trasformazione in oggetti finiti. La trattazione mira principalmente alla comprensione delle relazioni tra comportamento macroscopico e tipologie di composti macromolecolari.

16

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Obiettivo del corso quello di fornire agli studenti una conoscenza sufficiente di: i. struttura, costituzione e morfologia dei materiali polimerici ii. modalit di preparazione e relazioni con le caratteristiche dei materiali; iii. propriet chimiche, termiche, ottiche, elettriche, meccaniche; iv. tecnologie di trasformazione per le applicazioni come materie plastiche, gomme, fibre, film e prodotti vernicianti, compositi, polimeri funzionali. PROGRAMMA

Introduzione ai materiali polimerici: cenni storici, aspetti economici, produzione e consumo di materie plastiche. Definizione di polimero e classificazioni. Struttura e nomenclatura dei polimeri. Microstruttura: polimeri lineari, ramificati, reticolati; omopolimeri e copolimeri alternati, a blocchi, statistici, a innesto; isomerie di sequenza, geometriche, stereoisomerie; analisi conformazionale delle molecole organiche. (5 ore) Elementi di sintesi dei polimeri. Polimerizzazioni a stadi e a catena. Processi di polimerizzazione: in massa, in soluzione, in dispersione. (4 ore) Pesi molecolari medi e distribuzioni dei pesi molecolari. Determinazione del peso molecolare: metodi basati sulle propriet colligative; diffusione della luce e diagramma di Zimm; metodo viscosimetrico; cromatografia di esclusione dimensionale (SEC), taratura diretta e taratura universale. (4 ore) Solubilit dei polimeri: effetto della struttura chimica e molecolare. Il parametro di solubilit tridimensionale. Miscele polimeriche. (4 ore) Organizzazione dei polimeri allo stato solido. Polimeri amorfi e semicristallini. Temperatura di transizione vetrosa. Lo stato gommoso. Elastomeri e vulcanizzazione. Forme cristalline. Temperatura di fusione. Fattori strutturali che determinano la cristallinit. (5 ore) Propriet ottiche. Propriet elettriche. Propriet meccaniche e reologiche dei polimeri. Curve sforzo-deformazione, creep, curve di fatica. Resistenza agli urti. Analisi termo- e dinamico-meccanica. Flusso viscoso dei polimeri. Comportamento newtoniano e pseudoplastico. (8 ore) Processi di trasformazione: stampaggio, estrusione, soffiatura, calandratura. Deformazioni allo stato gommoso. Formatura per colata e reazione. Fattori che controllano la lavorabilit. Gli additivi nei materiali polimerici. I compositi. (6 ore) Reattivit e stabilit dei polimeri. Degrado termico e fotochimico delle strutture polimeriche. Meccanismo di ossidazione. Applicazioni industriali dei processi degradativi. Stabilizzazione di materiali polimerici. (4 ore) Pre-requisiti in ingresso: fondamenti di chimica organica. Competenze minime in uscita: conoscenza di struttura e propriet dei principali tipi di composti polimerici. Comprensione delle differenze costitutive, morfologiche e conformazionali tra plastomeri, elastomeri e termoindurenti.

TESTI Lucidi e appunti delle lezioni S. Brckner, G. Allegra, M. Pegoraro, F.P. La Mantia, Scienza e tecnologia dei materiali polimerici, EdiSES, Napoli, 2002 P. C. Painter, M. M. Coleman, Fundamentals of Polymer Science, Technomic Publishing, 1998. W. D. Callister, Scienza ed Ingegneria dei Materiali, EdiSES, Napoli, 2002. AA. VV, Fondamenti di Scienza dei Polimeri, Pacini editore, Pisa 1998.

17

NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit desame Lesame prevede una prova orale di 30-40 minuti atta a verificare il livello di apprendimento e il grado di assimilazione delle tematiche presentate. La valutazione si basa sul livello delle conoscenze acquisite, sulla correttezza di espressione e di terminologia, e sulla capacit di collegamento dei concetti. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13- Centro della Innovazione-Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=b214 Ore Aula

Chimica e Tecnologia dei Polimeri con Laboratorio


Codice: MFN0661 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/04 - chimica industriale Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Obiettivo del corso quello di fornire agli studenti una conoscenza sufficiente di: I. struttura, costituzione e morfologia dei materiali polimerici; II. relazioni struttura- propriet chimiche, termiche, ottiche, elettriche, meccaniche; III. tecnologie di trasformazione per le applicazioni come materie plastiche, gomme, fibre, film e prodotti vernicianti; IV. classi di polimeri e loro principali applicazioni industriali RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza di struttura e propriet dei principali tipi di composti polimerici. Comprensione delle differenze costitutive, morfologiche e conformazionali tra plastomeri, elastomeri e termoindurenti. Conoscenza delle applicazioni delle principali classi di materiali polimerici. Conoscenza delle principali tecniche di caratterizzazione dei polimeri. PROGRAMMA Italiano Introduzione ai materiali polimerici: cenni storici, aspetti economici. Definizione di polimero e classificazioni. Struttura e nomenclatura dei polimeri. Microstruttura: polimeri lineari, ramificati, reticolati; omopolimeri e copolimeri; isomerie di sequenza e geometriche, stereoisomerie; analisi conformazionale delle molecole organiche. Elementi di sintesi dei polimeri. Polimerizzazioni a stadi e a catena. Processi di polimerizzazione: in massa, in soluzione, in dispersione. Pesi molecolari medi e distribuzioni dei pesi molecolari. Determinazione del peso molecolare: metodi basati sulle propriet colligative, diffusione della luce, metodo viscosimetrico, cromatografia di esclusione dimensionale (SEC). Solubilit dei polimeri. Il parametro di solubilit tridimensionale. Miscele polimeriche. Diagramma di fase di soluzioni e mescole polimeriche. Organizzazione dei polimeri allo stato solido. Polimeri amorfi e semicristallini. Temperatura di transizione vetrosa. Temperatura di fusione. Lo stato gommoso. Elastomeri e vulcanizzazione. Forme cristalline. Fattori strutturali che

18

determinano la cristallinit. Propriet ottiche. Propriet elettriche. Propriet meccaniche e reologiche dei polimeri. Curve sforzo-deformazione. Viscoelasticit. Frattura. Flusso viscoso dei polimeri. Comportamento newtoniano e pseudoplastico. Processi di trasformazione: stampaggio, estrusione, soffiatura, calandratura, filatura, formatura per colata e reazione. Fattori che controllano la lavorabilit. Gli additivi nei materiali polimerici. I compositi. Reattivit e stabilit dei polimeri. Degrado termico e fotochimico delle strutture polimeriche. Meccanismo di ossidazione. Stabilizzazione di materiali polimerici. Descrizione delle principali classi di materiali polimerici: sintesi, propriet e applicazioni di poliolefine, polivinilcloruro, polimeri stirenici, polimeri acrilici, poliammidi, poliesteri, resine fenolo-formaldeide, resine epossidiche, poliuretani. Esperienze di laboratorio: identificazione di una campione incognito mediante misure di densit, comportamento meccanico a temperatura ambiente, prove di solubilit, comportamento alla fiamma. Spettroscopia infrarossa. Transizioni termiche e stabilit termica dei materiali polimerici madiante DSC e TGA. Prove di trazione. Viscosimetria. Inglese Introduction to polymer chemistry: historical and economic aspects. Definition of polymer. Classification, structure and nomenclature. Microstructure: linear, branched and cross-linked polymers; homopolymers and copolymers; sequence, geometric, configurational isomerizations; conformations. Introduction to polymer synthesis: step-growth and radical polymerizations. Bulk, solution, dispersion polymerization processes. Molecular weight and molecular weight distributions. Determination of molecular weight by colligative properties, light scattering, solution viscosimetry and size esclusion chromatography. Polymer solutions and blends. Solubility parameters. Phase diagram of polymer solutions and blends. States of matter in polymer materials. Amorphous and semicrystalline polymers. Factors affecting the glass transition temperature, the melting temperature and crystallization. Elastomers and vulcanization. Optical and electric properties. Mechanical and rheological properties. Stress-strain behaviour, Viscoelasticity. Failure. Viscosity. Newtonian and non-Newtonian fluids. Technology of polymer materials: moulding, extrusion, blow-moulding, calendering, spinning. Factors affecting the processing of polymers. Polymer additives and composites. Reactivity and stability of polymers. Thermal and photo-chemical degradation. Oxidation of polymers. Stabilization. Synthesis, properties and applications of polymer materials: polyolefins, poly(vinyl chloride), polysterene and styrene copolymers, acrylic polymers, polyamides, polyesters, phenol-formaldehyde resins, epoxy resins, polyurethanes. Laboratory experiences: identification of an unknown polymer by density determination, mechanical behaviour at ambient temperature, solubility tests and combustion behaviour. Infrared spectroscopy. Thermal transitions and thermal stability of polymer samples studied by DSC and TGA. Tensile tests. Viscosimetry. . TESTI S. Brckner, G. Allegra, M. Pegoraro, F.P. La Mantia, Scienza e tecnologia dei materiali polimerici, EdiSES, Napoli, 2002 P. C. Painter, M. M. Coleman, Fundamentals of Polymer Science, Technomic Publishing, 1998. W. D. Callister, Scienza ed Ingegneria dei Materiali, EdiSES, Napoli, 2002. AA. VV, Fondamenti di Scienza dei Polimeri, Pacini editore, Pisa 1998. A. Panatotto, D. Piacentini, Conoscere le materie plastiche, Editrice Promoplast, Milano, 2004 J.W. Nicholson, The Chemistry of Polymers, Royal Society of Chemistry, Cambridge, 1997 NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, laboratorio, esercitazioniin aula Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova orale di 30-40 minuti atta a verificare il livello di apprendimento e il grado di assimilazione delle tematiche presentate. La valutazione si basa sul livello delle conoscenze acquisite, sulla correttezza di espressione e di terminologia, e sulla capacit di collegamento dei concetti. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=cac2

19

Chimica Elettroanalitica e Corrosione


Codice: M8064 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Pier Giuseppe Daniele Recapito: 011 6707610 [piergiuseppe.daniele@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: CHIM/01 - chimica analitica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Conoscenza dei fondamenti elettrochimici della corrosione dei metalli, partendo dalle teorie correnti sugli aspetti termodinamici e cinetici delle reazioni elettrodiche. Conoscenza dei meccanismi di corrosione e dei metodi per la prevenzione e per la protezione dei metalli dalla corrosione. Conoscenza delle principali tecniche analitiche per il controllo dei fenomeni corrosivi RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Capacit di affrontare problemi connessi con la corrosione dei materiali metallici PROGRAMMA Approfondimento sull'eq. di Butler-Volmer. Aspetti sperimentali ed applicativi delle relazioni di Tafel. Applicazioni allo studio della corrosione dei materiali metallici. Trattazione descrittiva sulla rilevanza economica della corrosione. Modelli chimici che interpretano i fenomeni corrosivi e validazione sperimentale dei modelli proposti. Aspetti stechiometrici e termodinamici nell'interpretazione dei fenomeni di corrosione. Aspetti cinetici nell'interpretazione dei fenomeni di corrosione. La passivazione. Fattori di corrosione relativi al materiale metallico e allambiente. La corrosione localizzata (contatto galvanico, per vaiolatura, in fessura, da stress, intergranulare, da erosione). Danneggiamento da idrogeno Comportamento alla corrosione dei principali metalli e loro leghe. Prevenzione e protezione: inibitori di corrosione; modificazioni superficiali (rivestimenti metallici, non metallici, fosfatazione); protezione catodica Tecniche analitiche di controllo. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14 Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f3fc Ore Aula

Chimica Fisica
Codice: NFN0746 CdL: Magistrale Docente: Prof. Roberto Dovesi (Titolare del corso), Prof. Anna Chiorino (Titolare del corso) Recapito: 0116707561 [roberto.dovesi@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/02 - chimica fisica

20

Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Nella prima parte il corso si propone di fornire strumenti generali per la costruzione di funzioni donda multielettroniche Nella seconda, strumenti teorici e tecniche sperimentali che permettano la comprensione dei fenomeni di superficie. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Comprensione dei fattori dominanti dellinterazione interelettronica, e conoscenza delle tecniche teoriche pi comuni per il loro studio. Capacit di prevedere, interpretare e studiare con le opportune tecniche sperimentali i fenomeni alle interfasi liquido-solido, solido-solido e in particolare alla interfase solido-gas. PROGRAMMA Italiano Elementi di Chimica quantistica dei materiali.

Il problema multielettronico: funzioni multi e mono elettroniche; antisimmetria e detor. Hamiltoniana e i suoi termini, operatori di momento angolare, mono e multielettronici. Il metodo di Hartree-Fock e la sua equazione; elementi di matrice tra detor: le regole di Slater; l'Interazione di Configurazioni; Teorema di Brillouin; il metodo perturbativo di Moeller Plesset e il Coupled Cluster. Il funzionale della densit. I gruppi finiti e le regole di selezione per gli elementi di matrice, operatore proiezione; elementi di teoria delle bande, spazio reciproco e prima zona di Brillouin; funzioni di Bloch e teorema relativo. Livello di Fermi e superficie di Fermi; il problema multielettronico per i sistemi cristallini. Fenomeni dinterfaccia. Linterfaccia liquido-solido: viscosit, tensione superficiale e interfacciale, capillarit. L'interfaccia solido-gas ed il fenomeno delladsorbimento. Aspetti termodinamici elementari del processo dadsorbimento e loro valutazione sperimentale. La fisisorzione: il modello BET, l'area superficiale, la porosit superficiale e loro determinazione. La chemisorzione: i principali tipi di isoterma, atti alla descrizione della chemisorzione, e le informazioni che ne derivano. Chemisorzione molecolare e dissociativa su metalli, su ossidi, su ossidi riducibili e su nanocompositi metallo-ossido: effetti elettronici, chemisorzione cumulativa e depletiva. L'interfaccia solido-solido: considerazioni termodinamiche all'interfaccia metallo-ossido (adesione, bagnabilit reciproca, riducibilit dell'ossido..), effetti elettronici all'interfaccia metallo-semiconduttore. Metodi sperimentali per la caratterizzazione di sistemi metallo-ossido capaci di agire da catalizzatori per reazioni tra gas: valutazione del ruolo del supporto e delle dimensioni delle particelle metalliche.

Inglese Materials quantum chemistry. The multielectronic problem. Mono and multi-electronic functions; detor and antisymmetry. Terms in the hamiltonian. Mono and multi particle angular momentum operators. The Hartree-Fock method and equation. Matrix elements among detors: the Slater rules. The configuration Interaction, The Brillouin theorem. The Moeller Plesset perturbative scheme and the Coupled Cluster method. The Density Functional Theory. Finite Groups and selection rules for the matrix elements of the hamiltonian. Projector Operator; Band theory; reciprocal space and first Brillouin zone. Bloch functions and Bloch theorem. The Fermi level and Fermi surface. The multielectronic problem for crystalline systems.

21

Interface phenomena. Solid-liquid interface: viscosity, surface and interfacial tension, capillarity. Solid-gas interface and adsorption. Elementary thermodynamic aspects of the adsorption process and their experimental evaluation. Physisorption: BET model, surface area, surface porosity and their determination. Chemisorption: main isotherm models for its description and information that could arise from. Molecular and dissociative chemisorption on metals, oxides, reducible oxides, and on metal-oxide nanocomposites: electronic effects, cumulative and depletive chemisorption. Solid-solid interface: thermodynamic consideration at the metal-oxide interface (adhesion, mutual wettability, oxide reducibility), electronic effects at the metal-semiconductor interface. Experimental methods for the characterization of metal-oxide systems able to catalize reactions between gases: evaluation of the support role and of the metal particle size role. TESTI Dispense fornite dai docenti NOTA Insegnamento comune ai due indirizzi Tipologia insegnamento Tradizionale-Lezioni frontali e pratica di laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame prevede una prova scritta, seguita da una prova orale integrativa nel corso della quale verr discussa e valutata la relazione scritta relativa alle esperienze di laboratorio. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=cbb3 Ore Aula

Chimica Fisica dei Materiali


Codice: M8039 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Anna Chiorino, Prof. Flora Boccuzzi Recapito: +39 0116707540 [anna.chiorino@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 5 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: modelli teorici e dati sperimentali che permettano di comprendere la relazione tra composizione, struttura e propriet di materiali diversi, analizzando e interpretando le loro propriet elettriche, ottiche, di superficie a partire dalla loro struttura e natura. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di: descrivere e interpretare le propriet elettriche, ottiche, magnetiche, di superficie e catalitiche di materiali solidi di diversa natura PROGRAMMA Cinetica chimica: equazioni cinetiche fenomenologiche, equazioni cinetiche integrate, ordine di reazione, esempi. Teorie e modelli cinetici, legge di Arrhenius, effetti della temperatura sulla cinetica. Superfici di energia potenziale, cammino e coordinata di reazione. Energia di attivazione e catalisi. Struttura, composizione e propriet dei catalizzatori impiegati nelle marmitte catalitiche, degli elettrocatalizzatori delle celle a combustibile e dei catalizzatori utilizzabili per la produzione o purificazione dell'idrogeno. Ruolo delle dimensioni delle

22

particelle delle fasi attive. Difetti di stechiometria nei solidi: calcolo della pressione necessaria per avere una certa deviazione dalla stechiometria per un dato disordine intrinseco. Range di esistenza delle fasi non stechiometriche: deviazioni piccole e grandi dalla stechiometria, ordinamento di difetti con o senza segregazione di nuove fasi, esempi. Fenomeno della superconduzione: propriet termiche, termoelettriche, magnetiche, ottiche, effetto isotopico in superconduttori a bassa temperatura critica a base di metalli e leghe. Teoria BCS per l'interpretazione del fenomeno nei superconduttori a bassa TC. Superconduttori di nuova generazione ad alta TC: ossidi cuprati difettivi tipo YBCO. Relazioni struttura propriet elettriche, collegamento tra deviazione dalla stechiometria e variazione TC. Fallimento teoria BCS e possibili interpretazioni del fenomeno. Cenni ad altri superconduttori tipo MgB2. Introduzione alla propriet magnetiche dei materiali, approccio classico e fenomenologico, diamagnetismo, paramagnetismo. Tipi di materiali che presentano ordine magnetico, ferromagnetismo, antiferromagnetismo, ferrimagnetismo. Cenni ad un approccio quantomeccanico. Forma delle bande di energia per metalli, isolanti e semiconduttori. Assorbimenti in isolanti e semiconduttori: assorbimento fondamentale diretto e indiretto, assorbimento da parte di difetti e impurezze, da parte di portatori liberi di carica, eccitonico, reticolare, esempi. Propriet dielettriche ed ottiche dei materiali, teorie per 'interpretazione delle propriet ottiche dei metalli ed esame di alcuni esempi di spettri ottici di metalli puri. Propriet ottiche di piccole particelle metalliche messe a confronto con i metalli massivi, frequenza di risonanza plasmonica. Illustrazione di esempi. Applicazioni delle propriet ottiche dei materiali: conversione fototermica dell'energia solare. Conversione fotochimica e fotovoltaica dell'energia solare. TESTI I testi base consigliati per il corso sono: -P.W. Atkins chimica Fisica Zanichelli 1997 e il materiale usato a lezione scaricabile dal sito come file pdf o power point. E inoltre consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: -R. J. D. Tilley Defect crystal chemistry and its applications Blackie & Son Ltd (1987) -R. E. Hummel Electronic properties of materials, Springer-Verlag (1992) -J. Nowotny and L. C. Dufour, Surface and near-surface chemistry of oxide materials Elsevier (1988) NOTA Lesame si svolge, di norma, con un colloquio orale sugli argomenti affrontati nelle lezioni, eventualmente a partire dalla presentazione e discussione approfondita di uno degli argomenti oggetto del corso, a scelta dello studente ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14- Centro della Innovazione - Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1087 Ore Aula

Chimica Fisica dei Materiali con Laboratorio


Codice: MFN0670 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante

23

Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 6 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Lobiettivo quello di mettere in grado studenti, che gi conoscono il linguaggio e i fondamenti del legame chimico, delle spettroscopie, della termodinamica e della strutturistica, di comprendere, interpretare e prevedere le applicazioni tecnologiche avanzate di diversi materiali solidi. Inoltre, il corso si propone di fornire una conoscenza dellapplicazione delle spettroscopie fondamentali (IR, Raman, UV-vis, Luminescenza) a sistemi semplici in fasi condensate omogenea (solida, liquida) ed eterogenea, una introduzione a tecniche microscopiche nuove (AFM) e pi tradizionali (SEM, HRTEM) per la caratterizzazione delle propriet e della morfologia/struttura dei materiali. Lo studente dovr essere in grado di realizzare semplici esperimenti in laboratorio, comprendere e saper spiegare i risultati ottenuti, avendo acquisito i concetti di base delle spettroscopie fondamentali (IR, UV-vis) e delle tecniche microscopiche (AFM, SEM, HRTEM) utilizzate. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenze di base sulle propriet morfologiche, strutturali, elettriche, ottiche, di superficie di materiali solidi Gestione di semplici esperimenti di spettroscopia (IR, UV-Visibile): interpretazione dei dati acquisiti Analisi di immagini ottenute con microscopie AFM, SEM e HRTEM. PROGRAMMA Italiano Relazione tra propriet macroscopiche dei materiali e la loro struttura microscopica: richiami alla struttura e alla forma delle bande di energia per metalli, isolanti e semiconduttori. Effetto delle dimensioni finite e dei difetti. Difetti di stechiometria nei solidi: introduzione, termodinamica delle fasi non stechiometriche, calcolo della pressione necessaria per avere una certa deviazione dalla stechiometria per un dato disordine intrinseco. Range di esistenza delle fasi non stechiometriche, ordinamento di difetti con o senza segregazione di nuove fasi, esempi ed applicazioni di composti non stechiometrici. Struttura, composizione e propriet dei catalizzatori impiegati nelle marmitte catalitiche, degli elettrocatalizzatori delle celle a combustibile e dei catalizzatori utilizzabili per la produzione o purificazione dell'idrogeno. Ruolo delle dimensioni delle particelle delle fasi attive. Spettroscopia vibrazionale IR e Raman dei solidi: regole di selezione. Metodi di acquisizione di spettri IR e Raman per sistemi in fase condensata. Acquisizione di spettri IR vibrazionali di sistemi in fase condensata (idrocarburi saturi ed insaturi, sali inorganici) e di sistemi eterogenei: solido-gas. Spettroscopie elettroniche UV-visibile: richiami dei concetti di assorbimento, emissione spontanea e stimolata (laser) per i materiali. Tipi di transizioni elettroniche; origine del colore per effetto del campo cristallino; cenni sulla teoria del campo cristallino; composti di metalli di transizione, centri di colore, origine del colore per effetto di transizioni fra orbitali molecolari, transizioni in materiali con struttura a bande: metalli e semiconduttori, coefficiente di assorbimento per transizioni dalla banda di valenza a quella di conduzione in semiconduttori. Meccanismi di diseccitazione di stati eccitati elettronicamente (fluorescenza, fosforescenza e dissociazione). Fosfori. Laser: cavit e caratteristiche modali. Esempi di laser in fase solida, gas, chimici, ad eccimeri, a coloranti, a semiconduttore. Acquisizione di spettri elettronici UV-visibile di: ossidi, semiconduttori, (determinazione di energy gap, effetto delle dimensioni delle particelle e del drogaggio sulle transizioni elettroniche); sali inorganici (bande di trasferimento di carica metallo-legante e viceversa, effetto del tipo di reticolo sulle transizioni elettroniche del catione, origine del colore in sali con elementi di transizione); sistemi eterogenei: solido-gas. Applicazioni delle propriet ottiche dei materiali: conversione fototermica dell'energia solare. Conversione fotochimica e fotovoltaica dell'energia solare. Elementi di microscopie a sonda (SPM) e scansione elettronica (SEM). Acquisizione di immagini e analisi della morfologia di materiali con AFM, SEM e HRTEM. Inglese Relationships between the macroscopic properties of the materials and their microscopic structure: structure and shape of the energy bands of metals, insulator and semiconductors. The effects of the finite dimensions and of chemical and structural defects. Structure, composition and properties of the working catalysts for catalytic converters, for H2 production and purification and of electrocalysts for fuel cells. Role of particle size on the

24

catalytic activity. Introduction to stoichiometry defects on solids, thermodynamics of nonstoichiometric phases: relationship between non-stoichiometry, gas pressure of volatile components and intrinsic defectivity. Range of composition of nonstoichiometric phases, ordering of defects and new phases segregation. Applications of nonstoichiometric compounds. IR and Raman spectroscopies of solids: selection rules. Acquisition methods of IR and Raman spectra for condensed systems. Acquisition of IR vibrational spectra of systems in condensed phases (saturated and unsaturated hydrocarbons) and heterogeneous systems (gas-solid interaction). UV-visible electron spectroscopies: mention of notions of absorption, spontaneous and stimulated emission (laser) applied to materials. Types of electronic transitions; origin of colour due to crystalline field; outline on the crystalline theory field; compounds of transition metals; colour centers, origin of colour due to transitions between molecular orbitals, transition in materials with band structure: metals and semiconductors; absorption coefficient of transitions from valence band to conduction band in semiconductors. Processses of deexcitation of electron excited states (fluorescence, phosphorescence and dissociation). Phosphors. Lasers: cavity and modal features. Examples of lasers: solid phase lasers, gas phase lasers, chemical lasers, excimers lasers, dyes lasers, semiconductor lasers. Acquisition of UV-visible spectra of: oxides; semiconductors (evaluation of energy gap, effect of particle sizes and doping on electron transitions); inorganic salts (metal-ligand charge transfer bands, effect of the nature of the network on electron transitons of cations, origin of the colour in transition metal containing salts); heterogeneous systems: gas-solid interactions. Applications of materials optical properties: photothermic conversion of solar energy. Photochemical and photovoltaic conversion of solar energy. Principles of probe (SPM) and electron scanning (SEM) microscopies. Acquisition of images and analysis of material morphology by means of AFM, SEM and HRTEM. . TESTI -P. Atkins, J. De Paula, Chimica Fisica Zanichelli 2004 e il materiale usato a lezione scaricabile dal sito come file pdf o power point. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Applicativo Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame si svolge, di norma, con un colloquio orale sugli argomenti affrontati nelle lezioni, eventualmente a partire dalla presentazione e discussione approfondita di uno degli argomenti oggetto del corso, a scelta dello studente. Per quanto concerne la parte pi tipicamente di laboratorio, lo studente deve preparare una relazione, basata sulla raccolta e commento delle esperienze effettuate in laboratorio, a cui segue una discussione orale, che dimostri il livello di comprensione raggiunto, avendo acquisito i concetti base delle tecniche utilizzate. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e07d

Chimica Fisica dei Materiali con Laboratorio


Codice: MFN0668 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 10 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Lobiettivo quello di mettere in grado studenti, che gi conoscono il linguaggio e i fondamenti del legame chimico, delle spettroscopie, della termodinamica e della strutturistica, di comprendere, interpretare e prevedere le applicazioni tecnologiche avanzate di diversi materiali solidi alla luce delle loro propriet morfologiche, strutturali, elettroniche, magnetiche, dielettriche ed ottiche. Inoltre, il corso si propone di fornire una conoscenza

25

dellapplicazione delle spettroscopie fondamentali (IR, Raman, UV-vis, Luminescenza) a sistemi semplici in fasi condensate omogenea (solida, liquida) ed eterogenea, una introduzione a tecniche microscopiche nuove (AFM) e pi tradizionali (SEM, HRTEM) per la caratterizzazione delle propriet e della morfologia/struttura dei materiali. Lo studente dovr essere in grado di realizzare semplici esperimenti in laboratorio, comprendere e saper spiegare i risultati ottenuti, avendo acquisito i concetti di base delle spettroscopie fondamentali (IR, UV-vis) e delle tecniche microscopiche (AFM, SEM, HRTEM) utilizzate. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenze di base sulle propriet morfologiche, strutturali, elettriche, ottiche, magnetiche e di superficie di materiali solidi Gestione di semplici esperimenti di spettroscopia (IR, UV-Visibile): interpretazione dei dati acquisiti Analisi di immagini ottenute con microscopie AFM, SEM e HRTEM. PROGRAMMA Italiano Relazione tra propriet macroscopiche dei materiali e la loro struttura microscopica: richiami alla struttura e alla forma delle bande di energia per metalli, isolanti e semiconduttori. Effetto delle dimensioni finite e dei difetti. Difetti di stechiometria nei solidi: introduzione, termodinamica delle fasi non stechiometriche, calcolo della pressione necessaria per avere una certa deviazione dalla stechiometria per un dato disordine intrinseco. Range di esistenza delle fasi non stechiometriche, ordinamento di difetti con o senza segregazione di nuove fasi, esempi ed applicazioni di composti non stechiometrici. Struttura, composizione e propriet dei catalizzatori impiegati nelle marmitte catalitiche, degli elettrocatalizzatori delle celle a combustibile e dei catalizzatori utilizzabili per la produzione o purificazione dell'idrogeno. Ruolo delle dimensioni delle particelle delle fasi attive. Superconduzione: propriet fenomenologiche, effetto isotopico in superconduttori a bassa temperatura critica (TC) a base di metalli e leghe. Teoria BCS per superconduttori a bassa TC. Ossidi cuprati difettivi come superconduttori ceramici ad alta TC: relazioni struttura propriet elettriche, collegamento tra deviazione dalla stechiometria e variazione TC. Fallimento teoria BCS e possibili interpretazioni del fenomeno. Applicazioni. Introduzione alla propriet magnetiche dei materiali, approccio classico e fenomenologico, diamagnetismo, paramagnetismo. Tipi di materiali che presentano ordine magnetico, ferromagnetismo, antiferromagnetismo, ferrimagnetismo. Cenni ad un approccio quantomeccanico. Assorbimenti in isolanti e semiconduttori: assorbimento fondamentale diretto e indiretto, assorbimento da parte di difetti e impurezze, da parte di portatori liberi di carica, eccitonico, reticolare, esempi. Spettroscopia vibrazionale IR e Raman dei solidi: regole di selezione. Metodi di acquisizione di spettri IR e Raman per sistemi in fase condensata. Acquisizione di spettri IR vibrazionali di sistemi in fase condensata (idrocarburi saturi ed insaturi, sali inorganici) e di sistemi eterogenei: solido-gas. Spettroscopie elettroniche UV-visibile: richiami dei concetti di assorbimento, emissione spontanea e stimolata (laser) per i materiali. Tipi di transizioni elettroniche; origine del colore per effetto del campo cristallino; cenni sulla teoria del campo cristallino; composti di metalli di transizione, centri di colore, origine del colore per effetto di transizioni fra orbitali molecolari, transizioni in materiali con struttura a bande: metalli e semiconduttori, coefficiente di assorbimento per transizioni dalla banda di valenza a quella di conduzione in semiconduttori. Meccanismi di diseccitazione di stati eccitati elettronicamente (fluorescenza, fosforescenza e dissociazione). Fosfori. Laser: cavit e caratteristiche modali. Esempi di laser in fase solida, gas, chimici, ad eccimeri, a coloranti, a semiconduttore. Acquisizione di spettri elettronici UV-visibile di: ossidi, semiconduttori, (determinazione di energy gap, effetto delle dimensioni delle particelle e del drogaggio sulle transizioni elettroniche); sali inorganici (bande di trasferimento di carica metallo-legante e viceversa, effetto del tipo di reticolo sulle transizioni elettroniche del catione, origine del colore in sali con elementi di transizione); sistemi eterogenei: solido-gas. Propriet dielettriche ed ottiche dei materiali, teorie per l'interpretazione delle propriet ottiche dei metalli ed esame di alcuni esempi di spettri ottici di metalli puri. Propriet ottiche di piccole particelle metalliche messe a confronto con i metalli massivi, frequenza di risonanza plasmonica. Illustrazione di esempi. Applicazioni delle propriet ottiche dei materiali: conversione fototermica dell'energia solare. Conversione fotochimica e fotovoltaica dell'energia solare. Elementi di microscopie a sonda (SPM) e scansione elettronica (SEM). Acquisizione di immagini e analisi della morfologia di materiali con AFM, SEM e HRTEM. Inglese Relationships between the macroscopic properties of the materials and their microscopic structure: structure and

26

shape of the energy bands of metals, insulator and semiconductors. The effects of the finite dimensions and of chemical and structural defects. Structure, composition and properties of the working catalysts for catalytic converters, for H2 production and purification and of electrocalysts for fuel cells. Role of particle size on the catalytic activity. Introduction to stoichiometry defects on solids, thermodynamics of nonstoichiometric phases: relationship between non-stoichiometry, gas pressure of volatile components and intrinsic defectivity. Range of composition of nonstoichiometric phases, ordering of defects and new phases segregation. Applications of nonstoichiometric compounds. Superconductivity: phenomenological properties, isotopic effect in low critical temperature (TC) superconductors, metal and alloy based. BCS theory for low TC superconductors. Defective cuprate oxides high TC ceramic superconductors: structure-electrical properties relationship, stoichiometry deviation and TC value, BCS theory failure, quest for other models. Applications. Introduction to magnetic properties of materials: classic and phenomenological approach, diamagnetism, paramagnetism. Materials showing magnetic order: ferromagnetism, antiferromagnetism, ferrimagnetism. Mentions to a quantummechanical approach. Absorptions in semiconductors and insulators: direct and indirect fundamental absorption, absorptions by impurities and defects, by free charge carriers, by excitons and lattice with examples. IR and Raman spectroscopies of solids: selection rules. Acquisition methods of IR and Raman spectra for condensed systems. Acquisition of IR vibrational spectra of systems in condensed phases (saturated and unsaturated hydrocarbons) and heterogeneous systems (gas-solid interaction). UV-visible electron spectroscopies: mention of notions of absorption, spontaneous and stimulated emission (laser) applied to materials. Types of electronic transitions; origin of colour due to crystalline field; outline on the crystalline theory field; compounds of transition metals; colour centers, origin of colour due to transitions between molecular orbitals, transition in materials with band structure: metals and semiconductors; absorption coefficient of transitions from valence band to conduction band in semiconductors. Processses of deexcitation of electron excited states (fluorescence, phosphorescence and dissociation). Phosphors. Lasers: cavity and modal features. Examples of lasers: solid phase lasers, gas phase lasers, chemical lasers, excimers lasers, dyes lasers, semiconductor lasers. Acquisition of UV-visible spectra of: oxides; semiconductors (evaluation of energy gap, effect of particle sizes and doping on electron transitions); inorganic salts (metal-ligand charge transfer bands, effect of the nature of the network on electron transitons of cations, origin of the colour in transition metal containing salts); heterogeneous systems: gas-solid interactions. Dielectrical and optical properties of materials: theories for metals and analysis of some optical spectra of pure massive metals. Comparison with optical properties of small metal particles, plasmon resonance frequency. Applications of materials optical properties: photothermic conversion of solar energy. Photochemical and photovoltaic conversion of solar energy. Principles of probe (SPM) and electron scanning (SEM) microscopies. Acquisition of images and analysis of material morphology by means of AFM, SEM and HRTEM. . TESTI -P. Atkins, J. De Paula, Chimica Fisica Zanichelli 2004 e il materiale usato a lezione scaricabile dal sito come file pdf o power point. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Generale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, laboratorio, esercitazioni ina aula Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame si svolge, di norma, con un colloquio orale sugli argomenti affrontati nelle lezioni, eventualmente a partire dalla presentazione e discussione approfondita di uno degli argomenti oggetto del corso, a scelta dello studente. Per quanto concerne la parte pi tipicamente di laboratorio, lo studente deve preparare una relazione, basata sulla raccolta e commento delle esperienze effettuate in laboratorio, a cui segue una discussione orale, che dimostri il livello di comprensione raggiunto, avendo acquisito i concetti base delle tecniche utilizzate. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fcb0

27

Chimica Fisica I con Laboratorio


Codice: MFN0657 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Il corso fornisce agli studenti le nozioni di base della termodinamica classica, con elementi di cinetica, necessarie per prevedere il comportamento di sistemi solidi, liquidi e gassosi a composizione chimica anche complessa, sottoposti a variazioni di temperatura, volume, pressione e in condizioni di reattivit chimica. Il corso completato da esercitazioni numeriche e da esercitazioni di laboratorio riguardanti la calorimetria. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di: - prevedere quali sono i fenomeni macroscopici che si possono verificare al variare di temperatura, pressione e allatto del mescolamento di sostanze chimiche - prevedere il verso in cui decorrer (o dovrebbe decorrere) una reazione allatto del mescolamento di sostanze chimiche legate tra di loro da una reazione chimica. Calcolare la costante di equilibrio per una reazione chimica in condizioni normali, prevedere come si sposter lequilibrio al variare di T e p, calcolare in modo approssimato il valore della costante di equilibrio a nuovi valori di T e p; - saper leggere i diagrammi di fase delle sostanze pure, noti alcuni dati di equilibrio -saper leggere i diagrammi di fase binari ed in particolare le sezioni isobare che descrivono lequilibrio liquido-vapore, solido-liquido e solido-solido, comprendere il significato di: reazione elementare, meccanismo di reazione, energia di attivazione di un processo chimico, ordine di reazione; approssimazione dello stato stazionario. PROGRAMMA Italiano A) Gas ideali e non ideali. Nomenclatura e strumenti matematici usati in termodinamica B) Il primo principio della termodinamica. Cicli e funzioni di stato. Termochimica. Uso delle tavole. C) Il secondo ed il terzo principio della termodinamica. D) I potenziali termodinamici. Le condizioni per l'equilibrio chimico e di fase. Teoria generale dei sistemi a composizione variabile. Le soluzioni. Propriet colligative. La regola delle fasi. Diagrammi di fase per le sostanze pure. Diagrammi di fase binari. E) Equilibri chimici ed elettrochimici. F) Ordine e molecolarit di una reazione. Leggi cinetiche. Legge di Arrhenius e dipendenza della velocit di reazione dalla temperatura G) esperimenti di laboratorio: misure calorimetriche e cinetiche e analisi dei dati. Inglese A) The properties of ideal and real gases. Glossary and mathematics useful in thermodynamics. B) The first low of thermodynamics. Cicles and state functions. Thermochemistry. Use of Tables. C) The second and third low of thermodinamics D)The thermodynamic potentials. The conditions of the chemical and phase equilibrium. General theory of the systems with variable composition. The solutions. The colligative properties. The phase rule. The phase diagrams of pure substances. The binary phase diagrams. E) Chemical and electrochemical equilibria F) Reaction rate: order and molecularity. Kinetic rate. The Arrhenius low and the dependence of the reaction rate from the temperature. G) Experimental work: calorimetric and kinetic measurements and analysis of the data. .

28

TESTI P. Atkins, J. De Paula, Chimica Fisica Zanichelli 2004 G.K. Vemulapalli, Chimica Fisica, EdiSES, Napoli (1995) D.A. Mc Quarrie, J.D. Simon, Chimica Fisica: un approccio molecolare, Zanichelli, Bologna (2000) dispense fornite dai docenti NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, laboratorio-esercitazioni Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Scritto articolato in alcuni esercizi e domande di teoria, integrato da una prova orale, nella quale lo studente deve dimostrare di avere acquisito una comprensione globale della materia e di essere in grado di esporla con chiarezza. Relazione scritta per la parte di laboratorio http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6d9f

Chimica Fisica II con Laboratorio


Codice: MFN0663 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti i fondamenti delle teorie quantomeccaniche semplici del legame chimico, quali la teoria LCAO, per ottenere gli autostati della funzione donda monoelettronica di molecole e di solidi mono-, bi- e tri-dimensionali.Viene inoltre fornita unintroduzione (teorica e sperimentle) alle spettroscopie fondamentali vibrazionali ed elettroniche applicate a sistemi molecolari semplici. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di comprendere: - I fondamenti fisici alla base dellapprossimazione di Born-Oppenheimer; - La differenza fra orbitali molecolari (o cristallini) leganti ed antileganti; - Limportanza della simmetria degli orbitali molecolari (o cristallini) nelle regole di selezione - spettroscopiche che governano lassorbimento e lemissione di fotoni da parte della materia. - Le componenti covalenti e ioniche di un legame chimico; - La relazione energia-quantit di moto che lega gli elettroni allinterno di un solido cristallino e la costruzione delle bande. - Il concetto di massa efficace - Il funzionamento di uno spettrofotometro semplice (dispersivo e FT) - Le modalit di acquisizione ed interpretazione di spettri roto-vibrazionali ed elettronici di molecole. PROGRAMMA Italiano Definizione dell'Hamiltoniano molecolare. Approssimazione di Born-Oppenheimer, molecola H2+, Teoria LCAO, soluzione dell'equazione di Schrdinger tramite sovrapposizione di orbitali atomici 1s. Teorema variazionale. Classificazione degli orbitali molecolari. Parit degli orbitali molecolari. Richiami di teoria dei gruppi. Teoria dei gruppi e semplificazione dei problemi elettronici. Classificazione per simmetria delle soluzioni dell'eq. di Schroedinger. Molecole biatomiche omonucleari: e eteronucleari. Legame covalente, polare e ionico. Orbitali ibridi. Combinazione lineare di orbitali atomici ibridi: applicazioni alle molecole. Cenni all'uso di basi diverse dagli AO. Cenni alle potenzialit della chimica computazionale. Sistemi delocalizzati, molecole coniugate trattate tramite LCAO nell'approssimazione di Huckel.. Spettroscopia elettronica di molecole coniugate, regole di selezione. Molecole aromatiche: passaggio dal benzene alla grafite. Solidi Monodimensionali. Il filare di sodio metallico. Relazioni di periodicit: teorema di

29

Bloch. Spettro degli autovalori dell'Hamiltoniano: relazione energia-quantit di moto e definizione di banda. Definizione di massa efficace di un elettrone in una banda e teoria quantistica della conducibilit elettrica. Teoria LCAO applicata ad orbitali atomici p: il poliacetilene. Definizione di zona di Brillouin. Introduzione alle spettroscopie roto-vibrazionali ed elettroniche molecolari. Spettroscopia rotazionale: rotatore sferico e cenni al rotatore lineare, analisi degli spettri rotazionali. Spettroscopia vibrazionale, modi normali di vibrazione nelle molecole. Modalit di misura di spettri vibrazionali: strumentazione e modalit operative. Introduzione alle spettroscopie elettroniche (UV-Vis). Assorbimento, emissione, riflessione, diffusione. Tipi di transizioni elettroniche. Origine del colore in complessi di metalli di transizione e nelle molecole organiche. Inglese

Molecular Hamiltonian, Born-Oppenheimer approximation, H2+ molecule. LCAO theory: solutions of the Schroedinger equation by linear combinations of atomic orbitals. Parity and MOs. Principles of Groups Theory. Groups Theory in the solution of the electronic structure. Classification of autostates using symmetry. Homoand heter-nuclear diatomic molecules. Covalent, polar and ionic bond. The use of basis sets different from AOs. The field of Computational chemistry. Delocalized systems, LCAO theory of coniugated double bonds and Hueckel approximation. Electronic structure and spectroscopy of conjugated systems. Aromatic systems, from benzene to graphite. 1-dimensional solids. 1-D sodium "crystal". Periodicity in electronic structure: the Bloch theorem. Eigenvalues spectra of the hamiltonian: energy-momentum relationship and definition of bands. Effective mass of an electron in a band and electronic theory of electrical conductivity. LCAO periodic theory of p orbitals: poly-acetylene. Definition of Brillouin zone. Introduction to rotational and vibrational spectroscopies of molecules. Rotational spectroscopy: spherical rotator and mention of symmetric and linear rotators; analysis of rotational spectra. IR vibrational spectroscopy: selection rules. IR vibrorotational spectroscopy: vibration modes of molecules. Acquisition methods of IR spectra; components of IR and Raman spectrometers. Acquisition of IR vibrorotational spectra of molecules. Introduction to electron spectroscopies: UV-visible: absorption, and emission. Types of electronic transitions; origin of colour in metal ions complexes and in organic molecules. .

TESTI - Dispense fornite dai docenti disponibili sul sito - P. Atkins, J. De Paula, Chimica Fisica Zanichelli 2004 NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, laboratorio, esercitazioni in aula Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova orale, nella quale lo studente deve dimostrare di avere acquisito una comprensione globale della materia e di essere in grado di esporla con chiarezza. Il colloquio include la valutazione della parte di laboratorio, attraverso la discussione di una relazione, basata sulla raccolta e commento delle esperienze effettuate. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7e04

30

Chimica Generale ed Inorganica con Laboratorio


Codice: MFN0631 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Prof. Lorenza Operti (Titolare del corso), Dott. Maria Cristina Paganini (Titolare del corso) Recapito: 011-6707510 [lorenza.operti@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 10 SSD: CHIM/03 - chimica generale e inorganica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti gli insegnamenti di base della Chimica Generale ed Inorganica introducendoli al linguaggio ed alla metodologia delle scienze chimiche e fornendo loro gli strumenti necessari alla comprensione dei successivi insegnamenti di Chimica. Il corso di Laboratorio si propone di fornire agli studenti una formazione atta ad abilitarli allaccesso ai laboratori didattici insieme agli gli strumenti basilari per lapprendimento delle pi comuni operazioni di laboratorio. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di comprendere i principi fondamentali della chimica generale a partire dalla struttura atomica, Tavola Periodica e legame chimico, fino alle reazioni chimiche (aspetti quali- e quantitativi) con cenni di cinetica e termodinamica chimica e descrizione degli stati di aggregazione della materia. Dovr saper descrivere gli equilibri (eterogenei ed omogenei) ed i fondamenti dellelettrochimica. Avr inoltre una minima conoscenza delle propriet degli elementi e di alcune classi di loro composti e sar in grado di correlare le propriet alla configurazione elettronica ed alla struttura. Con il corso di Laboratorio lallievo dovr essere in grado di ragionare sulle problematiche connesse con le attivit di laboratorio per individuare il comportamento corretto da tenere per operare, saper ricercare le informazioni relative al problema di sicurezza che deve affrontare, preparare e analizzare alcune sostanze inorganiche tra cui soluzioni sature, verificare leffetto dellaggiunta di uno ione comune, misurare il pH di soluzioni acquose di sali inorganici con vari metodi, preparare soluzioni tampone, costruire una curva di titolazione e analizzare e riconoscere alcune reazioni di ossido-riduzione coinvolgenti metalli. PROGRAMMA Italiano Introduzione al corso. Ripasso su semplici concetti matematici. La materia. Struttura dellatomo (descrizione generale, struttura elettronica, i numeri quantici). Sistema periodico degli elementi (descrizione e propriet periodiche) Il legame chimico. Legame ionico e legame covalente (regola dellottetto, strutture di Lewis, risonanza, geometria molecolare, orbitali atomici ibridi). Aspetti quali-quantitativi delle reazioni chimiche. Masse atomiche e molecolari, il numero di Avogadro, formule, bilanciamenti delle reazioni, la resa di reazione, nomenclatura. Lo stato gassoso. Equazione di stato e leggi dei gas ideali e reali. Lo stato liquido. Propriet dei liquidi puri. Le soluzioni (generalit, concentrazioni, propriet colligative). Lo stato solido. Classificazione dei solidi e loro propriet. Le celle elementari. I diagrammi di stato (acqua, biossido di carbonio).

31

Cenni di cinetica chimica. Velocit di reazione e fattori che la influenzano. Cenni di termochimica. Funzioni di stato e criteri di spontaneit delle reazioni chimiche. L'equilibrio chimico. Definizione, costanti di equilibrio, equilibri in soluzione acquosa (acidi e basi, pH, titolazioni, soluzioni tampone, idrolisi, solubilit). L'elettrochimica. Elettrolisi e celle voltaiche (leggi di Faraday, ddp, equazione di Nernst). Chimica inorganica descrittiva.

Laboratorio Sicurezza: Generalit, gestione della sicurezza ed informazione, rischio e prevenzione, riconoscimento di sostanze pericolose, etichettatura, schede di sicurezza, gas compressi, incendio, estintori, maschere anti-gas. Esercitazioni pratiche di laboratorio: Introduzione alle operazioni di laboratorio. Acidit e basicit delle soluzioni: misura del pH di soluzioni acquose di acidi e basi forti e deboli, misura del pH di soluzioni di sali mediante l'uso di cartine indicatrici e descrizione degli eventuali fenomeni di idrolisi relativi; preparazione di una soluzione tampone. Prodotto di solubilit: preparazione di soluzioni sature e verifica dell'effetto dell'aggiunta di uno ione comune; precipitazione e/o ridiscioglimento del precipitato (reazioni da interpretare); Reazioni di ossido-riduzione: ossidabilit di metalli (Fe, Zn e Cu) in soluzioni acquose di un acido non ossidante (HCl) e di un acido ossidante (HNO3).Potenziali di riduzione. Inglese Introduction to the course. Revision on simple mathematical notions. The matter. Structure of the atom (general description, electronic structure, quantum numbers). The periodic table of elements (description and periodic properties). The chemical bond. Ionic and covalent bond (the octet rule, Lewis structures, resonant structures, molecular geometry, hybrid atomic orbitals). Quali-quantitative aspects of chemical reactions. Atomic and molecular weights, the Avogadro number, formula, equations balance, reaction yield, nomenclature. The gaseous state. Equation of perfect gases, the laws of ideal gases. The liquid state. Properties of pure liquids. Solutions (generalities, concentrations, colligative properties). The solid state. Classification of solids and of their properties. The elementary cells. The state diagrams (water, carbon dioxide). Hints on chemical kinetics. Reaction rate and factors affecting it. Hints on thermochemistry. State functions and criterions of spontaneity of chemical reactions. The chemical equilibrium. Definition, equilibrium constants, equilibria in aqueous solutions (acids, bases, pH, buffer solutions, hydrolysis, solubility).

32

Electrochemistry. Electrolysis and voltaic cells (Faraday laws, difference of potentials, Nernst equation). Inorganic chemistry. Laboratory Safety: Generalities, safety management and information, risk and prevention, identification of dangerous substances, labelling, safety cards, pressurised gases, fire, fire extinguishers, anti-gas masks. Experiments in laboratory: Introduction to operating in a laboratory. Acidity and basicity of solutions: pH determination of aqueous solutions of both strong and weak acids and bases, pH determination in solutions of salts by indicator papers with descriptions of the possible corresponding hydrolysis processes, preparation of a buffer solution; Solubility product: preparation of saturated solutions and check of common ion effect, precipitation / risolubilisation (interpretation of the observed reactions); Redox reactions: oxidation of metals (Fe, Zn e Cu) in aqueous solutions of a non oxidizing acid (HCl) and of an oxidizing acid (HNO3). The reduction potentials. TESTI Fondamenti di Chimica Manfredotti, Lanfredi, Tiripicchio Casa Editrice Ambrosiana Fondamenti di Stechiometria - Michelin e Vaglio - Ed. Piccin NOTA E prevista unattivit di Tutorato (attivit di supporto alla didattica) di 20 ore, che si terr il gioved pomeriggio dalle 14 alle 16 presso lAula 12 (Via (Quarello). Tipologia insegnamento Tradizionale.Lezioni frontali-Esercitazioni teoriche-Laboratorio Propedeuticit Nessuna Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame con voto.Scritto e orale separati. Prova scritta. Tale prova consiste di 4 domande di tipo teorico e 6 esercizi di stechiometria. Prova orale. Lo studente viene interrogato su quanto ha sbagliato nel compito, per verificare se, resosi conto dellerrore, ha ristudiato largomento in questione. Almeno una domanda riguarda sempre la Chimica Inorganica, non compresa nello scritto. Si pu accedere alla prova orale con una votazione di almeno 16/30 in quella scritta; il voto della prova scritta non ha scadenza. Laboratorio: Durante tutto lo svolgimento del laboratorio gli studenti sono tenuti a compilare in modo dettagliato il quaderno di laboratorio che verr periodicamente visionato e corretto dallinsegnante. Verranno inoltre consegnate delle schede relative alle diverse esperienze svolte che saranno corrette e costituiranno parte del voto finale. ORARIO LEZIONI Giorni Luned Marted Mercoled Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Aula 12- Laboratorio 1- Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=9f42 Ore 9:00 - 11:00 11:00 - 13:00 11:00 - 13:00 Aula

33

Chimica Generale ed Inorganica non attivato nella.a.2009/2010


Codice: M8066 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Lorenza Operti Recapito: 011-6707510 [lorenza.operti@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/03 - chimica generale e inorganica Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti gli insegnamenti di base della Chimica Generale ed Inorganica introducendoli al linguaggio ed alla metodologia delle scienze chimiche e fornendo loro gli strumenti necessari alla comprensione dei successivi insegnamenti di Chimica. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di comprendere i principi fondamentali della chimica generale a partire dalla struttura atomica, Tavola Periodica e legame chimico, fino alle reazioni chimiche (aspetti quali- e quantitativi) con cenni di cinetica e termodinamica chimica e descrizione degli stati di aggregazione della materia. Dovr saper descrivere gli equilibri (eterogenei ed omogenei) ed i fondamenti dellelettrochimica. Avr inoltre una minima conoscenza delle propriet degli elementi e di alcune classi di loro composti e sar in grado di correlare le propriet alla configurazione elettronica ed alla struttura. PROGRAMMA

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Introduzione al corso. Ripasso su cifre significative, notazione scientifica e calcolo esponenziale. 2 -2 La materia. Struttura dellatomo (descrizione generale, struttura elettronica, i numeri quantici). Sistema periodico degli elementi (descrizione e propriet periodiche) 5 1 6 Il legame chimico. Legame ionico e legame covalente (regola dellottetto, strutture di Lewis, risonanza, geometria molecolare, orbitali atomici ibridi).

34

5 2 7 Aspetti quali-quantitativi delle reazioni chimiche. Masse atomiche e molecolari, il numero di Avogadro, formule, bilanciamenti delle reazioni, la resa di reazione, nomenclatura. 4 3 7 Lo stato gassoso. Equazione di stato e leggi dei gas ideali e reali. 3 1 4 Lo stato liquido. Propriet dei liquidi puri. Le soluzioni (generalit, concentrazioni, propriet colligative). 4 3 7 Lo stato solido. Classificazione dei solidi e loro propriet. Le celle elementari. I diagrammi di stato (acqua, biossido di carbonio). 5 -5 Cenni di cinetica chimica. Velocit di reazione e fattori che la influenzano. 2 -2 Cenni di termochimica. Funzioni di stato e criteri di spontaneit delle reazioni chimiche. 2 -2 L'equilibrio chimico. Definizione, costanti di equilibrio, equilibri in soluzione acquosa (acidi e basi, pH, titolazioni, soluzioni tampone, idrolisi, solubilit).

35

5 7 12 L'elettrochimica. Elettrolisi e celle voltaiche (leggi di Faraday, ddp, equazione di Nernst). 2 2 4 Chimica inorganica descrittiva. 8 -8 Totale 47 19 66 TESTI I testi base consigliati per il corso sono: Fondamenti di Chimica Manfredotti, Lanfredi, Tiripicchio Casa Editrice Ambrosiana Fondamenti di Stechiometria - Michelin e Vaglio - Ed. Piccin NOTA Modalit di verifica/esame Lesame si svolge , di norma, come segue : Prova scritta. Tale prova consiste di 4 domande di tipo teorico e 6 esercizi di stechiometria. Nella valutazione della prova si tiene conto in modo diverso di errori di procedimento (pi gravi) o di calcolo (meno gravi). Prova orale. Lo studente viene interrogato su quanto ha sbagliato nel compito, per verificare se, resosi conto dellerrore, ha ristudiato largomento in questione. In caso di prova scritta senza errori, viene proposto un esercizio simile a quelli del compito per verificare che non sia stato copiato. Almeno una domanda riguarda sempre la Chimica Inorganica, non compresa nello scritto. Si pu accedere alla prova orale con una votazione di almeno 16/30 in quella scritta; il voto della prova scritta non ha scadenza. Il voto finale viene determinato sulla base di quello della prova scritta che pu essere modificato, sia in meglio che in peggio, dallesito della prova orale. ORARIO LEZIONI Giorni Luned Marted Mercoled Gioved Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 Ore 9:00 - 11:00 9:00 - 11:00 9:00 - 10:00 9:00 - 11:00 Aula

36

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fc0f

Chimica Organica con Laboratorio


Codice: MFN0648 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Dott. Pierluigi Quagliotto (Titolare del corso) Recapito: 0116707593 [pierluigi.quagliotto@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 10 SSD: CHIM/06 - chimica organica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: il linguaggio della chimica organica una visione generale dal punto di vista teorico e pratico delle metodologie e delle pratiche normalmente impiegate in un laboratorio di chimica organica un approccio pratico allesecuzione delle reazioni organiche ed alla purificazione dei composti ottenuti. capacit di riprodurre una reazione organica semplice, a partire da una ricetta scritta. padronanza nellapplicazione di tutte le operazione di laboratorio in modo corretto ed idoneo, ivi compresa lattenzione per la sicurezza in laboratorio ed il recupero dei reflui di laboratorio. nozioni di bibliografia e di utilizzo degli strumenti informatici per la ricerca bibliografica, irrinunciabili specialmente per gli studenti che scelgano di interrompere il loro cammino formativo al conseguimento della Laurea triennale. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente al termine del corso possieder: 1) La padronanza della Chimica Organica di base, dei concetti e delle principali reazioni dei gruppi funzionali; 2) la capacit di predisporre semplice sequenze di sintesi; 3) lesperienza necessaria a riprodurre una semplice reazione di chimica di organica ed a purificare i prodotti ottenuti. 4) Labilit nel recuperare dalla letteratura le informazioni salienti per lapproccio scientifico e pratico alla risoluzione di un problema inerente la chimica organica (Insegnamenti fruitori: Corsi frontali e di laboratorio sui materiali polimerici e sui materiali organici) PROGRAMMA Italiano Lezioni in aula: Struttura e Legame, Legami covalenti e polari, Alcani e Cicloalcani, Stereochimica degli alcani e dei ciclo alcani, Reazioni Organiche, Alcheni, Alchini, Stereochimica, Alogenuri Alchilici, Reazioni degli alogenuri alchilici, reazioni di sostituzione nucleofile e di eliminazione, Dieni Coniugati, Benzene ed Aromaticit, Reazioni del Benzene, Alcoli e Fenoli, Eteri Ed Epossidi, Aldeidi e Chetoni, Addizione Nucleofila, Acidi Carbossilici, Derivati degli Acidi Carbossilici, Sostituzione Nucleofila Acilica, Reazioni di Sostituzione in alfa al gruppo carbonilico, Reazioni di Condensazione dei Composti Carbonilici, Ammine, Carboidrati, Proteine, Lipidi, Eterocicli ed Acidi Nucleici, Reazioni Pericicliche, Polimeri di sintesi. Quaderno di Laboratorio, Chemical Abstracts, metodologie e strumenti informatici per il reperimento dell'informazione. Tecniche di separazione delle sostanze chimiche organiche: filtrazione, cristallizzazione, estrazione con solventi, distillazione, cromatografia. Esercitazioni in Biblioteca: Esercitazioni su sistemi bibliografici in forma cartacea e digitale, utilizzo di Sci-Finder, Web of Knowledge. Esercitazioni in Laboratorio: Esercitazioni di cristallizzazione, estrazione con solventi, reazioni organiche, preparazione di una cella solare sensibilizzata a colorante. Inglese Lezioni in aula: Structure and Bonding, Polar Covalent bonds, Alkanes and Cycloalkanes and their Stereochemistry, Overview of Organic Reactions, Alkenes, Alkynes, Stereochemistry, Organohalides, Alkyl halides reactions: nucleophilic substitutions and eliminations, Conjugated Compounds, Benzene and Aromaticity, Chemistry of Benzene, Alcohols and Phenols, Ethers and Epoxides, Aldehydes and Ketones, Nucleophilic Addition, Carboxilic Acids and Nitriles, Carboxylic Acid Derivatives: Nucleophilic Acyl

37

Substitution Reactions, Carbonyl Alpha-Substitution Reactions, Carbonyl Condensation Reactions, Amines and Heterocycles, Carbohydrates, Amino Acids, Peptides, and Proteins, Lipids, Nucleic Acids, Orbitals and Organic Chemistry: Pericyclic Reactions, Synthetic Polymers Laboratory notebook, Chemical Abstracts, methodologies for information retrival, network resources, Organic substances separation techniques: filtration, crystallization, solvent extraction distillation, chromatography. Esercitazioni in Biblioteca: Practical use of classical and modern bibliographic systems, Sci-Finder, Web of Knowledge. Esercitazioni in Laboratorio: Practice in the lab: Crystallizazion, solvent extraction, organic reactions, dye sensitized solar cell preparation.

TESTI J. McMurry, Chimica Organica 7a edizione, PICCIN Editore. M.V. DAuria O. Taglialatela Scafati, A. Zampella, Guida Ragionata allo Svolgimento di Esercizi di Chimica Organica, LOGHIA Editore. Vogel, "Chimica Organica Pratica", Casa Editrice Ambrosiana Appunti e lucidi forniti dal docente. NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale.Lezioni in aula, Esercitazioni in Biblioteca, Laboratorio. Propedeuticit Chimica Generale ed Inorganica con Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta. Agli studenti vengono poste alcune domande inerenti gli argomenti generali del corso. Un gruppo di 5 domande riguarda esercizi di nomenclatura, di riconoscimento delle varie isomerie e gruppi funzionali. Altre 2 domande riguardano la conoscenza delle preparazioni e delle reazioni dei gruppi funzionali e dei meccanismi di reazione. Unultima domanda riguarder aspetti teorici e pratici inerenti le esperienze di laboratorio e tecniche correlate. Durante la prova non consentito lutilizzo di materiale didattico ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 Nota: Aula 12- Laboratorio 1- Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=74c5 Ore Aula

Chimica Organica non attivato nella.a.2009/2010


Codice: M8068 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Pierluigi Quagliotto Recapito: 0116707593 [pierluigi.quagliotto@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 7 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti le nozioni base della chimica organica, in termini di nomenclatura, struttura, isomerie, gruppi funzionali, capitoli tematici. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di conoscere il linguaggio della chimica organica, scriverne correttamente le formule, fare le ricerche bibliografiche, affrontare con migliore predisposizione i corsi successivi onde dialogare efficacemente, a livello multidisciplinare, nel mondo dello stage e, successivamente, del lavoro

38

PROGRAMMA

Metodologia didattica La metodologia didattica impiegata consiste in lezioni frontali in aula.

Programma, articolazione e carico didattico

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Ibridizzazioni del carbonio. Alcani. Isomeria di struttura. Alogenazione. Combustione. Cicloalcani. Stereoisomeria conformazionale. 8

8 Alcheni. Reazioni di eliminazione. Isomeria cis-trans. Reazioni di addizione elettrofila. Stereoisomeria ottica. 8

8 Alchini. Tautomeria cheto-enolica. Acetiluri. Dieni. Teoria della risonanza. Metodo dell'orbitale molecolare. Isoprene. Areni. Energia di risonanza. Sostituzione elettrofila aromatica. Reattivit ed orientamento. Fullereni. 8

8 Gruppi funzionali. Alogenuri alchilici. Alcoli. Eteri ed epossidi. Aldeidi e chetoni. 8

39

Acidi carbossilici. Alogenuri. Ammidi. Anidridi. Esteri. Nitrili. Ammine. Fenoli. 8

8 Alogenuri arilici. Idrocarburi aromatici polinucleari. Sistemi eterociclici. 8

8 Glicidi. Protidi. Lipidi. Polimeri sintetici. 8

8 Totale 56

56

Modalit di verifica/esame

Lesame sar di norma scritto con possibilit di integrazione orale.

TESTI Il testo base consigliato per il corso : John McMurry, Chimica Organica, Piccin Editore 2005 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/01/2009 al 20/03/2009 Nota: Aula 12 - Via Quarello 11 Ore Aula

40

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4ec8

Chimica Quantistica dei Materiali (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8286 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Roberto Dovesi Recapito: 0116707561 [roberto.dovesi@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Informazioni generali su modelli teorici e su tecniche computazionali per la determinazione approssimata della funzione donda di sistemi multilettronici, con particolare attenzione alle fasi condensate. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Comprendere i fondamenti della teoria dei sistemi multielettronici, cos da essere in grado di collocare nella giusta prospettiva le varie approssimazioni che vengono adottate nelle tecniche computazionali ab-initio correntemente in uso. Conoscere le tecniche fondamentali ed usare con propriet il linguaggio relativamente al trattamento di sistemi periodici nellambito di approssimazioni mono-determinantali PROGRAMMA

Metodologia didattica Lezioni frontali con esercizi svolti a lezione

Programma, articolazione e carico didattico

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Lo sviluppo polideterminantale; spin e detor 10

10 Il metodo Hartree-Fock

41

7 Tecniche post-Hartree-Fock e del funzionale della densit 8

8 I solidi cristallini: fattorizzazione per simmetria 10

10 Totale

35 TESTI C. Pisani: Chimica Quantistica dei Materiali. Dispense del Corso. Torino 2008 (disponibile on line sul sito SDM) Lesame si svolge in forma orale sugli argomenti del Corso ORARIO LEZIONI Giorni Luned Mercoled Venerd Lezioni: dal 09/03/2009 al 20/04/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4e7d Ore 9:00 - 11:00 9:00 - 11:00 9:00 - 11:00 Aula

Complementi di Calcolo Numerico (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8293 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Ezio Venturino Recapito: 0116702833 [ezio.venturino@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009

42

ORARIO LEZIONI Giorni Venerd Ore 14:00 - 16:00 Aula Aula Informatizzata n 02 Dipartimento di Matematica

Lezioni: dal 06/03/2009 al 05/06/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f8df

Complementi di Cristallografia
Codice: MFN0744 CdL: Magistrale Docente: Dott. Davide Levy (Titolare del corso) Recapito: 0116705122 [davide.levy@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: GEO/06 - mineralogia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti cristallografici e diffrattometrici per lo studio della struttura dei cristalli. In particolare si affronteranno i seguenti argomenti: - Cristallografia computazionale - La teoria della diffrazione vista attraverso la trasformata di Fourier - Metodo di Rietveld - Diffrattometria non convenzionale: condizioni estreme, diffrazione neutronica - Metodi diffrattometrici delle superfici RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Alla fine del corso, lallievo dovr essere in grado di affrontare lanalisi di una struttura cristallina e di ricavare da essa il maggior numero di informazioni. Inoltre lo studente dovr essere in grado di pianificare una serie di esperimenti per lo studio di diverse propriet cristalline di vari tipi di campioni PROGRAMMA Italiano definizione delle simmetrie tramite la notazione matriciale. Teoria dei gruppi (N.ore): 6 matrice metrica e reticolo reciproco. Trasformazione di coordinate cristallografiche (N.ore): 6 Fattore di struttura e densit elettronica. Trasformata di Fourier in cristallografia. Metodi dei minimi quadrati in cristallografia. Metodo di Rietveld (N.ore): 6 Diffrazione neutronica e metodi di studio strutturale in condizioni non ambientali (N.ore): 4 Metodi di analisi della struttura delle superfici (N.ore): 4 Esercitazioni sul metodo di Rietveld su dati di diffrazione neutronica e in condizioni non ambientali (N.ore): 8 Inglese

Definition of symmetry using matrix. Group theory (N.ore): 6 Metric matrix and reciprocal lattice. Crystallographic co-ordinate transformation (N.ore): 6 Structure factor and electronic density. Fourier transformation in crystallography. Last square method in crystallography. Rietveld method (N.ore): 6 Neutron Diffraction and structural studies in not ambient conditions (N.ore): 4 Analytical method for the surface structure (N.ore): 4 Practical on the Rietveld method on neutron diffraction and not ambient diffrattometric data (N.ore): 8

43

. TESTI Dispense e appunti forniti dal docente E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: C. Giacovazzo Fundamentals of Crystallography Oxford University Press (2002) NOTA Il corso per la.a.2009/2010 si terr in inglese. Linsegnamento comune ai due indirizzi. Tipologia insegnamento Tradizionale Lezioni frontali (N.ore): 26 Lezioni in aula informatica (N.ore):6 Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Orale con voto finale ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7752 Ore Aula

Complementi di Cristallografia
Codice: S8296 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Davide Levy Recapito: 0116705122 [davide.levy@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato del corso si trova alla voce "Materiale Didattico" NOTA Per lA.A. 2009/2010 il corso sar tenuto in inglese. Tipologia insegnamento Tradizionale Lezioni frontali e Lezioni in aula informatica Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Le lezioni si tengono nellAula D1- Via P. Giuria 9 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=8a8d Ore Aula

Complementi di Fisica dello Stato Solido (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: M8085 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509)

44

Docente: Dott. Marco Truccato Recapito: 0116707374 [truccato@to.infn.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 1 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 Nota: Aula 14 - Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4498 Ore Aula

Complementi di Matematica (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8292 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Sergio Garbiero (Titolare del corso), Dott. Maria Luisa Tonon (Titolare del corso) Recapito: 0116702920 [sergio.garbiero@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti i principali metodi di risoluzione delle equazioni differenziali e di introdurre gli allievi allo studio della teoria dei gruppi, con particolare riguardo alle applicazioni quantistiche. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di impostare e risolvere semplici problemi di carattere chimico e fisico, utilizzando equazioni differenziali ordinarie e a derivate parziali. Inoltre dovr conoscere gli strumenti matematici necessari per affrontare certi argomenti di meccanica quantistica che richiedono lapplicazione della teoria dei gruppi e delle loro rappresentazioni. PROGRAMMA Metodologia didattica La metodologia didattica impiegata consiste in: lezioni frontali. Programma, articolazione e carico didattico Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Equazioni differenziali ordinarie lineari e non lineari 7 7 Sistemi lineari di equazioni differenziali ordinarie 3 3 Equazioni differenziali a derivate parziali ed applicazioni 6 6 Teoria dei gruppi, gruppi di simmetria e matriciali 7 7 Rappresentazioni dei gruppi finiti di simmetria 9 9 Totale 32 32 Modalit di verifica/esame Lesame si svolge, di norma, come segue: esame orale.

45

Il programma dettagliato del corso si pu inoltre trovare nella sezione "Materiale Didattico"

TESTI Materiale didattico I testi base consigliati per il corso sono: appunti delle lezioni forniti dai Docenti E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: F. Tricomi, Lezioni di Analisi Matematica, Cedam, Padova, 1962. E. Persico, Introduzione alla Fisica Matematica, Zanichelli, Bologna, 1965. J. C. Jaeger, An Introduction to Applied Mathematics, Clarendon Press, Oxford, 1951. A. Jeffrey, Linear Algebra and Ordinary Differential Equations, Blackwell Sc. Publ., Boston, 1990. R. McWeeny, Simmetry. An Introduction to Group Theory and its Applications, Dover Publications, New York, 1963. D. Bishop, Group Theory and Chemistry, Dover Publications, New York, 1973. Infine sono di seguito indicati siti internet di interesse: http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgibin/corsi.pl/Show?_id=d8b5&sort=DEFAULT&search=&hits=91 NOTA A partire dalla.a. 2009-2010 il corso di Complementi di Matematica NON sar pi attivato. Le modalit desame rimangono invariate. Le date degli esami di Complementi di Matematica coincidono con quelle degli scritti di MATEMATICA. Si prega di inviare une-mail di conferma ad entrambi i docenti, qualche giorno prima dello scritto. Le dispense su GRUPPI E RAPPRESENTAZIONI si trovano nella sezione MATERIALE DIDATTICO. Le dispense su EQUAZIONI DIFFERENZIALI sono disponibili presso la Prof. Tonon. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/10/2008 al 16/12/2008 Nota: Aule a Palazzo Campana http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=d8b5 Ore Aula

Complementi di Matematica e Calcolo Numerico


Codice: MFN0739 CdL: Magistrale Docente: Prof. Isabella Cravero (Titolare del corso), Prof. Sergio Garbiero (Titolare del corso), Dott. Maria Luisa Tonon (Titolare del corso) Recapito: 0116702917 [isabella.cravero@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti i principali metodi di risoluzione delle equazioni differenziali ordinarie, dei sistemi di equazioni differenziali e delle equazioni a derivate parziali. Si propone anche di predisporre gli strumenti matematici necessari per affrontare gli argomenti di meccanica quantistica che richiedono lapplicazione della teoria dei gruppi e delle loro rappresentazioni. Inoltre, per quanto riguarda la parte numerica, il corso si propone di introdurre gli allievi ai principali metodi numerici per lalgebra lineare e

46

per la risoluzione di equazioni differenziali e ad una libreria scientifica per la loro applicazione. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper risolvere semplici problemi di interesse chimico e fisico mediante la soluzione di equazioni differenziali ordinarie e a derivate parziali. Saper usare in modo adeguato gli strumenti matematici necessari alla meccanica quantistica. Saper approssimare la soluzione di un problema differenziale dalla discretizzazione del modello alla risoluzione del sistema lineare con laiuto di software scientifico. PROGRAMMA Italiano Equazioni differenziali ordinarie lineari e non lineari. Principali metodi di risoluzione. Soluzione di problemi di carattere chimico e fisico. Sistemi di equazioni differenziali. Sistemi lineari del primo ordine. Principali metodi di risoluzione. Equazioni differenziali a derivate parziali. Caratteristiche e classificazione. Principali metodi di risoluzione. Equazione delle onde, equazione di propagazione del calore, equazione di Laplace. Teoria dei gruppi. Gruppi e sottogruppi, gruppi di simmetria delle molecole e gruppi matriciali. Rappresentazioni. Rappresentazioni dei gruppi finiti di simmetria. Caratteri e rappresentazioni irriducibili. Metodi iterativi per la risoluzione di sistemi lineari. Risoluzione numerica di equazioni differenziali ordinarie ed alle derivate parziali. Inglese Linear and nonlinear ordinary differential equations. Main methods of solution. Solution of chemical and physical problems. Systems of differential equations. First order linear systems. Main methods of solution. Partial differential equations. Characteristics and classification. Main methods of solution. The wave equation, the heat equation, the Laplace equation. Theory of groups. Groups and subgroups, symmetry groups of molecules and matrix groups. Representations. Representations of finite symmetry groups. Characters and irreducible representations. Iterative methods for solving linear systems. Numerical solution of ordinary and partial differential equations. .

TESTI F. Tricomi, Lezioni di Analisi Matematica, Cedam, Padova 1962. E. Persico, Introduzione alla Fisica Matematica, Zanichelli, Bologna 1965. R. McWeeny, Simmetry. An Introduction to Group Theory and its Applications, Dover Publications, New York 1963. D. Bishop, Group Theory and Chemistry, Dover Publications, New York 1973. G. Monegato, Fondamenti di Calcolo Numerico, CLUT, Torino 1998. G. Rodriguez, Algoritmi Numerici, Pitagora Editrice, Bologna 2008. S. Berrone, S. Pieraccini, Esercizi svolti di Calcolo Numerico, CLUT, Torino 2004 NOTA Insegnamento comune ai due indirizzi. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula, pratica di laboratorio ed esercitazioni teoriche. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai

47

corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame orale, con voto. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=cf53 Ore Aula

Comunicazione Scientifica
Codice: M8024 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Monica Piccoli Recapito: 3398558594 [monica.piccoli@libero.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 1 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Il programma dettagliato del corso si trova nella sezione "materiale didattico" ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Aula 14 - Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=5c5a Ore Aula

Crescita Cristallina
Codice: MFN1003 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Dino Aquilano Recapito: 011 670 5125 [dino.aquilano@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 3 SSD: GEO/06 - mineralogia Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste.

48

ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14-Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=81a3 Ore Aula

Cristallografia
Codice: MFN0658 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 7 SSD: FIS/06 - fisica per il sistema terra e per il mezzo circumterrestre Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Il corso si divide in tre parti: - Cristallografia descrittiva: allo studente saranno forniti gli strumenti per descrivere le simmetrie presenti in un cristallo; sar anche descritto il reticolo reciproco e si far unintroduzione alla teoria dei gruppi. - Cristallografia diffrattometrica: tramite la teoria cinematica della diffrazione e alla descrizione delle tecniche diffrattometriche sperimentali si vuole fornire allo studente gli strumenti per estrarre informazione sulla struttura cristallina da dati sperimentali. - Cristallochimica: analisi del legame chimico nei cristalli e presentazione delle principali strutture inorganiche tipiche RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Alla fine del corso, lallievo dovr essere in grado di: interpretare e illustrare la simmetria cristallina attraverso i simboli dei gruppi puntuali e dei gruppi spaziali; illustrare la teoria della diffrazione e i metodi sperimentali diffrattometrici; illustrare come si ricavano informazioni su simmetria, parametri reticolari ed identificazione di una fase cristallina; applicare i principi fondamentali della cristallochimica per descrivere semplici strutture cristalline. PROGRAMMA Italiano Descrizione delle simmetrie, gruppi puntuali e morfologia (N.ore): 8 Reticoli bi- e tri-dimensionali, gruppi planari e spaziali. Reticolo diretto e reciproco (N.ore): 8 Interazione radiazione materia. Diffrazione geometrica. Teoria cinematica della diffrazione e fattore di struttura (N.ore): 8 Applicazione della diffrazione allo studio della struttura cristallina. Strumentazione diffrattometrica. Descrizione delle principali tecniche sperimentali diffrattometriche (N.ore): 8 Cristallochimica: strutture ad impacchettamento compatto e strutture derivate dall'impacchettamento compatto (N.ore): 8 Esercitazioni sulla cristallografia diffrattometrica e descrittiva (N.ore): 8 Laboratorio: descrizione ed utilizzo del diffrattometro. Analisi dati sperimentali al computer (N.ore): 8 Inglese Description of symmetry. Point group and morphology Bi and tri-dimensional lattice. Planar and space group. Direct and reciprocal lattice. Interaction between radiation and matter. Geometric diffraction kinematical theory of diffraction and structure factor. Application of diffraction to the study of crystal structure. Instrumentation for diffractometry. Description of the main diffrattometric technique. Crystallochemistry: compact packing structure and derivate structure Practical work on descriptive and diffrattometric crystallography Laboratory: description

49

and use of diffractometer. Computer analysis of experimental data. . TESTI I testi base consigliati per il corso sono: dispense e appunti forniti dal docente E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: C. Giacovazzo Fundamentals of Crystallography Oxford University Press (2002) C. Hammond introduzione alla cristallografia- Zanichelli (1999) M. BuergerElementary Crystallography- John Wiley and Son (1963) L. Azroff - Elements of x-ray crystallography. McGraw-Hill (1968) NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali (N.ore): 40 Esercitazioni (N.ore): 8 Lezioni in aula informatica e visita al laboratorio (N.ore):8 Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Scritto e orale con voto finale http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7b09

Cristallografia
Codice: M8026 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Davide Levy Recapito: 0116705122 [davide.levy@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato alla voce "Materiale didattico" NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=0e9e Ore Aula

Economia ed Organizzazione Aziendale


Codice: S8547 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Ing. Michelangelo De Biasio Recapito: [michelangelo.debiasio@gmail.com]

50

Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza:

http://chimica.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a721;sort=DEFAULT;search=chimica%20{ccl}%20!~%20m%2fsport%2fi%20and%20{ccl}%20!~%20m%2fculturali%2fi%20and%20{ccl}%20!~%20m%2favanzate%2fi%20and%20{corso}%20!~%20m%2friconoscimento%2fi%20;hits=78

OBIETTIVI Fornire ai partecipanti una visione di base del funzionamento dellazienda, dei principi elementari di gestione finanziaria e di calcolo dei costi. Prepararli allingresso nel mondo del lavoro con la conoscenza di base dei principi organizzativi e dellevoluzione del "sistema azienda" RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Mettere i giovani laureati in condizione di capire il sistema nel quale si apprestano ad entrare fornendo le conoscenze di base del funzionamento e degli obiettivi del "sistema azienda" TESTI Dispense disponibili nella sezione "Materiale Didattico" NOTA Esame Scritto ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 01/12/2009 Nota: Le lezioni si tengono in Aula Avogadro, Via P. Giuria 7 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a8c5 Ore Aula

Economia ed Organizzazione Aziendale non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: M8036 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Renato Alberto Tomasso Recapito: 3387665762 [garazzino.tomasso@tin.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 Nota: Aula 12- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a758 Ore Aula

51

Elettromagnetismo
Codice: M8072 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Ezio Menichetti Recapito: 0116707304 [menichetti@to.infn.it] Tipologia: Di base Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali ed esercitazioni in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13 -Centro della Innovazione-Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=bf1b Ore Aula

Fisica dello Stato Solido (D.M. 509 a.a. 2008/2009)


Codice: S8283 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Paolo Olivero Recapito: 011 670 7366 [paolo.olivero@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso ha lo scopo di trattare aspetti avanzati dellinterazione radiazione-materia, e di approfondire lo studio di dispositivi opto-elettronici quali: celle fotovoltaiche laser a stato solido nanostrutture a bassa dimensionalit (2D, 1D, 0D) cristalli fotonici PROGRAMMA

# data Argomenti trattati 1 15/01/09 Introduzione al corso

52

Richiamo concetti introduttivi: unit di misura: Sistema Internazionale e Sistema simmetrico di Gauss Richiamo concetti introduttivi: i semiconduttori: peculiarit e classificicazione (gruppo IV, composti III-V, etc.), struttura cristallina diamante e zinco-blenda, bande energetiche Richiamo concetti introduttivi: reticolo reciproco, prima zona di Brillouin, calcolo della prima zona di Brillouin per il reticolo cubico a facce centrate e identificazione punti notevoli Richiamo concetti introduttivi: introduzione spin-orbita e splitting della banda di valenza in sotto-bande "leggere" e "pesanti" 2 16/01/09 Teorema di Bloch Massa efficace Statistica dei portatori intrinseci, dipendenza della conducibilit dalla temperatura 3 19/01/09 Stati localizzati nella gap: calcolo funzione donda Livelli di donore e accettore, livelli "shallow" e "deep", livelli risonanti Statistica dei portatori estrinseci, dipendenza della conducibilit dalla temperatura 4 20/01/09 Richiamo concetti introduttivi: giunzioni pn: correnti di drift e diffusione, polarizzazione diretta e inversa, legge del diodo Celle fotovoltaiche: processo di generazione della fotocorrente, regione attiva 5 22/01/09 Celle fotovoltaiche: caratteristica IV ideale, processi di assorbimento, effetto della gap energetica, caratteristica IV reale (resistenza in serie e resistenza di shunt) 6 29/01/09 Celle fotovoltaiche: fill factor, efficienza Laser a stato solido: processi di interazione radiazione materia (assorbimento, emisione stimolata, emissione spontanea), determinazione coefficienti caratteristici 7 30/01/09 Laser a stato solido: inversione di popolazione, amplificazione, cavit di Fabry-Perot Diodo laser: giunzione pn in polarizzazione diretta, statistica dei portatori in condizioni di non-equilibrio 8 02/02/09 Diodo laser: condizione di Bernard-Duraffourg, calcolo della corrente di iniezione di soglia (GaAs) Etero-giunzioni Al(x)Ga(1-x)As 9 03/02/09 Laser a etero-giunzione

53

Cenni ad altri sistemi a stato solido di interesse: materiali amorfi, cristalli organici Tecniche di crescita di etero-strutture: Molecular Beam Epitaxy Super-reticoli: oscillazioni di Bloch 10 09/02/09 Quantum wells: stati legati e stati liberi Calcolo livelli energetici e densit di stati (approssimazione buca a pareti infinite) Stati legati in quantum well (buca di potenziale a pareti non-infinite) 11 10/02/09 Quantum wires: livelli energetici e densit di stati Quantum dots: livelli energetici e densit di stati Introduzione ai cristalli fotonici: eq. di Maxwell 12 12/02/09 Cristalli fotonici: master equation, sue propriet in analogia con la meccanica quantistica (linearit, hermitianit, autovalori reali e positivi) Cristalli fotonici: teorema variazionale e regole euristiche derivanti 13 13/02/09 Analogie e differenze tra la trattazione dei cristalli fotonici e la meccanica quantistica Cristalli fotonici: leggi di invarianza di scala Simmetrie e modi: simmetria traslazionale continua e sistema "a slab" 14 16/02/09 Simmetria traslazionale discreta: derivazione del Teorema di Bloch per i cristalli fotonici Funzione di Bloch e Master Equation Formazione della struttura a bande in cristallo fotonico: dielectric band, air band, gap, mid-gap ratio 15 17/02/09 Difetti: stati evanescenti e modi localizzati Cristalli fotonici bi-dimensionali: modi TE e TM, strutture a gap incompleta e completa Ingegnerizzazione dei difetti: cavit ottiche, guide donda e altri dispositivi 16 19/02/09 Fabbricazione e principi di funzionamento di celle fotovoltaiche di nuova generazione (seminario esterno a cura

54

del Dr. Mauro Brignone, CRF) TESTI F. Bassani, U. M. Grassano, "Fisica dello Stato Solido", Bollati Boringhieri [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 539.2 BAS] J. D. Jackson, "Elettrodinamica classica", Zanichelli [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 538.3 JAC.2e] C. Kittel, "Introduzione alla fisica dello stato solido", Bollati Boringhieri [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 539.2 KIT INT] J. I. Pankove, "Optical processes in semiconductors", Dover [disponibile presso la Biblioteca "G. Ponzio" di Chimica - collocazione: BIB.256] J. D. Joannopoulos, S. G. Johnson, J. N. Winn, R. D. Meade, "Photonic crystals Molding the flow of light", Princeton University Press [versione scaricabile online per uso personale] ORARIO LEZIONI Giorni Luned Marted Gioved Venerd Ore 9:00 - 11:00 9:00 - 11:00 14:00 - 16:00 9:00 - 11:00 Aula Aula Avogadro Dipartimento di Fisica Aula Avogadro Dipartimento di Fisica Sala Franzinetti Dipartimento di Fisica Aula Avogadro Dipartimento di Fisica

Lezioni: dal 15/01/2009 al 19/02/2009 Nota: Nei mesi di novembre e dicembre non si potranno tenere appelli del corso, in quanto il docente sar fuori sede. Il docente disponibile nei mesi di luglio e agosto per organizzare degli appelli. La lezione del 19/02/09 consister in un seminario del Dr. Mauro Brignone (Centro Ricerche FIAT, dipartimento "Micro and Nanotechnology") sulle propriet e sulle applicazioni di dispositivi fotovoltaici di nuova generazione. A partire dal 05/02/09, le lezioni del gioved sono spostate nella fascia oraria 14-16. Le lezioni del 05/02/09 e 06/02/09 sono sospese per indisposizione del docente. Le lezioni del 26/01/09 e 27/01/09 sono sospese. La lezione del 23/01/09 sospesa; gli studenti sono invitati a partecipare allinaugurazione del "Centro della Innovazione" presso il centro interdipartimentale NIS in via Quarello 11/A (Torino), ed assistere alla conferenza del premio Nobel Richard R. Ernst. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1435

Fisica dello Stato Solido 1 anno (D.M. 270 a.a. 2009/2010)


Codice: MFN0747 CdL: Magistrale Docente: Dott. Marco Truccato (Titolare del corso), Dott. Paolo Olivero (Titolare del corso) Recapito: 0116707374 [truccato@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010

55

OBIETTIVI Lallievo dovr essere in grado di: Descrivere i principi di funzionamento di dispositivi opto-elettronici avanzati quali ad esempio celle fotovoltaiche, laser a stato solido, nanostrutture a bassa dimensionalit e cristalli fotonici. Individuare e valutare le grandezze fisiche fondamentali che governano il funzionamento di tali dispositivi. Descrivere le propriet fondamentali delle varie classi di materiali superconduttori e i rispettivi ambiti di applicazione. Descrivere il funzionamento di una giunzione Josephson e le sue possibili applicazioni. Valutare e risolvere le problematiche sperimentali relative allacquisizione di dati di resistenza in funzione della temperatura RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza di base dei principi fisici di funzionamento dei principali dispositivi optoelettronici trattati nel corso. Conoscenza delle propriet di base dei materiali superconduttori. Saper organizzare, analizzare, presentare e discutere dati sperimentali. PROGRAMMA Italiano

Lezioni frontali: Richiamo concetti introduttivi: statistica dei portatori intrinseci ed estrinseci, giunzioni pn, legge del diodo

Celle fotovoltaiche: processo di generazione della fotocorrente, regione attiva, caratteristica IV ideale, processi di assorbimento, effetto della gap energetica, caratteristica IV reale (resistenza in serie e resistenza di shunt), fill factor, efficienza

Laser a stato solido: processi di interazione radiazione materia (assorbimento, emisione stimolata, emissione spontanea), determinazione coefficienti di Einstein, inversione di popolazione, amplificazione, cavit di Fabry-Perot, giunzione pn in polarizzazione diretta, statistica dei portatori in condizioni di non-equilibrio, condizione di Bernard-Duraffourg, calcolo della corrente di iniezione di soglia (GaAs), etero-giunzioni Al(x)Ga(1-x)As, laser a etero-giunzione

Sistemi a bassa dimensionalit: tecniche di crescita di etero-strutture: Molecular Beam Epitaxy, super-reticoli: oscillazioni di Bloch, quantum wells: stati legati e stati liberi, calcolo livelli energetici e densit di stati (approssimazione buca a pareti infinite), stati legati in quantum well (buca di potenziale a pareti non-infinite), quantum wires: livelli energetici e densit di stati, quantum dots: livelli energetici e densit di stati

Cristalli fotonici: derivazione della master equation, sue propriet in analogia con la meccanica quantistica (linearit, hermitianit, autovalori reali e positivi), teorema variazionale e regole euristiche derivanti, analogie e differenze tra la trattazione dei cristalli fotonici e la meccanica quantistica, leggi di invarianza di scala, simmetria traslazionale continua e geometria "a slab", simmetria traslazionale discreta: derivazione del Teorema di Bloch per i cristalli fotonici, funzione di Bloch e Master Equation, formazione della struttura a bande in cristallo fotonico: dielectric band, air band, gap, mid-gap ratio, difetti: stati evanescenti e modi localizzati, cristalli fotonici bi-dimensionali: modi TE e TM, strutture a gap incompleta e completa, ingegnerizzazione dei difetti: cavit ottiche, guide donda e altri dispositivi fotonici.

56

Strutture cristalline principali dei materiali superconduttori. Differenze nella transizione di materiali a bassa ed alta Tc. Effetto Meissner. Campo magnetico critico e corrente critica. Superconduttori di tipo II, vortici e reticolo di Abrikosov. Applicazioni dei superconduttori: volani a levitazione magnetica, magneti permanenti, cavi. Sistemi di trasporto. Strumenti diagnostici basati sullo SQUID. Esempi di elettronica superconduttiva.

Cenni all'interazione attrattiva tra elettroni mediata dai fononi. Il problema di Cooper e l'instabilit del livello di Fermi. Sovrapposizione delle funzioni d'onda di Cooper e funzione d'onda macroscopica. Trasformazioni di gauge. Momento canonico e momento cinetico. Derivate covarianti e forma covariante dell'equazione di Schrodinger. Modello quantistico macroscopico della superconduttivit. Quantizzazione del flussoide ed esperimento di Deaver-Fairbank per l'esistenza delle coppie di Cooper. Relazione fase-energia.

Caratteristica I-V dell'effetto Josephson. Tunneling per una giunzione traslazionalmente invariante e relazione fase-corrente. Differenza di fase gauge-invariante. Relazione fasetensione di Josephson. Giunzione pilotata in tensione : l'effetto Josephson AC. Esercitazioni in laboratorio: Caratterizzazione opto-elettronica di celle fotovoltaiche Misurazione di resistivit assolute e di andamenti in funzione della temperatura per materiali superconduttori, materiali metallici normali e materiali semiconduttori.

Inglese Lectures: Introductory concepts: statistics of intrinsic and doped semiconductors, pn junctions, diode

Photovoltaic cells: generation of the photocurrent, active region, ideal IV characteristics, optical absorption processes, effects of the energy gap, empirical IV characteristics (series and shunt resistances), fill factor, efficiency.

Solid state lasers: basic processes of interaction between radiation and matter (absorption, stimulated emission, spontaneous emission), Einstein coefficients, population inversion, amplification, Fabry-Perot cavity, pn junction in direct polarization, statistics of carriers in non-equilibrium conditions, formula of Bernard-Duraffourg, calculation of the threshold injection current (GaAs), etero-junctions Al(x)Ga(1-x)As, etero-junction lasers

Low-dimensionality systems: growth techniques of hetero-structures: Molecular Beam Epitaxy, super-lattices: Bloch oscillations, quantum wells: bound states and free states, energy levels and density of states (infinite potential barrier), bound states in quantum wells (finite potential barrier), quantum wires: energy levels and density of states, quantum dots: energy levels and density of states

57

Photonic crystals: derivation of the Master Equation and its properties in analogy with quantum mechanics (linearity, hermitianity, real and positive eigenvalues), variational theorem and deriving heuristic rules, analogies and differences between the photonic crystal theory and quantum mechanics, scale invariance laws, continuous translational symmetry and "slab" geometry, discrete translational symmetry: derivation of the Bloch theorem for photonic crystals, Bloch function and Master Equation, formation of band structure in a photonic crystal: dielectric band, air band, mid-gap ratio, defects: evanescent states and localized modes, bi-dimensional photonic crystals: TE and TM modes, complete and incomplete band-gap structures, defect engineering: optical cavities, waveguides and other photonic devices

Main crystal structures for superconducting materials. Different shapes of superconducting transition for low- and high-Tc superconductors. Meissner effect. Critical magnetic field and critical current. Type II superconductors, vortexes and Abrikosov's lattice. Applications of superconductors: magnetically levitating flywheels, portable permanent magnets, cables. Transportation systems. Diagnostic devices based on the SQUID. Examples of superconducting electronics.

Hints at the phonon-mediated attractive interaction between electrons. The Cooper problem and the Fermi level instability. Overlapping of the Cooper wavefunctions and macroscopic wavefunction. Gauge transforms. Canonical and kinetic momenta. Gauge-covariant derivatives and gauge-covariant form of the Schrodinger equation. Macroscopic quantum model for the superconductivity. Fluxoid quantization and the Deaver-Fairbank experiment for the proof of the existence of Cooper pairs. Phase-energy relationship.

The I-V characteristics of the Josephson effect. Tunnelling for a translationally invariant junction and phase-current relationship. Gauge-invariant phase difference. Josephson phase-voltage relation. Voltage-driven junction: the AC Josephson effect. Practical classes: Opto-electronic characterization of photovoltaic cells. Measurements of absolute resistivities and of temperature behaviours for superconducting materials, normal metallicmaterials and semiconducting materials. .

TESTI F. Bassani, U. M. Grassano, "Fisica dello Stato Solido", Bollati Boringhieri [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 539.2 BAS] J. D. Jackson, "Elettrodinamica classica", Zanichelli [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 538.3 JAC.2e] C. Kittel, "Introduzione alla fisica dello stato solido", Bollati Boringhieri [disponibile presso la Biblioteca Interdipartimentale di Fisica - collocazione: PH 539.2 KIT INT] J. I. Pankove, "Optical processes in semiconductors", Dover [disponibile presso la Biblioteca "G. Ponzio" di Chimica - collocazione: BIB.256] J. D. Joannopoulos, S. G. Johnson, J. N. Winn, R. D. Meade, "Photonic crystals Molding the flow of light", Princeton University Press [versione scaricabile online per uso personale] Terry P. Orlando, Kevin A. Delin : "Foundations of Applied Superconductivity", Addison Wesley, Reading, Massachussets, 1991 Charles P. Poole, Horacio A. Farach, Richard J. Creswick: Superconductivity, Academic Press, San Diego London, 1995

58

NOTA Insegnamento comune ai due Indirizzi. Tipologia insegnamento Tradizionale- Lezioni teoriche frontali pi esercitazioni pratiche di laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste Modalit di verifica/esame Esame orale. E prevista anche la valutazione delle relazioni scritte relative alle esercitazioni pratiche. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=ffe9 Ore Aula

Fisica dello stato Solido 2 anno a.a. 2009/2010


Codice: S8283 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Claudio Manfredotti (Titolare del corso), Dott. Stefano Cagliero (Titolare del corso) Recapito: 0116707306 [manfredotti@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI 1 Modulo - Introduzione alla Superconduttivit - Gli obiettivi di questo modulo sono di fornire una visione dinsieme delle propriet elettriche, magnetiche e strutturali dei materiali superconduttori, introdurre le principali teorie che descrivono il fenomeno superconduttivo e le applicazioni presenti o ancora in fase di ricerca. 2 Modulo Propriet ottiche dei solidi Il corso si propone di fornire le conoscenze fondamentali nel campo delle propagazione delle onde elettromagnetiche nel range dellinfrarosso, del visibile e dellultravioletto nella materia in generale e nei materiali cristallini in particolare, in modo da formare una buona base per lesecuzione e linterpretazioni di misure spettrofotometriche e di fotoemissione. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO 1 Modulo - Introduzione alla Superconduttivit: possedere una buona conoscenza su: - le principali strutture cristalline dei materiali superconduttori ad alta e bassa temperatura critica; - le descrizioni termodinamiche, fenomenologiche e microscopiche del fenomeno superconduttivo; - le problematiche relative ai vortici e alle forze di pinning; - la descrizione teorica e fenomenologica delle giunzioni Josephson. 2 Modulo Propriet ottiche dei solidi Lo studente dovr dimostrare una buona conoscenza delle propriet di riflettivit e di assorbimento ottico nei solidi, degli andamenti della costante dielettrica complessa nei metalli e nei materiali isolanti e delle interrelazioni tra assorbimento e riflettivit. PROGRAMMA Il corso suddiviso in due moduli: - 1 modulo - Introduzione alla superconduttivit , verr fornita una visione dinsieme delle propriet elettriche, magnetiche e strutturali dei materiali superconduttori, verranno introdotte le principali teorie che descrivono il fenomeno superconduttivo e le applicazioni presenti o ancora in fase di ricerca. Il programma dettagliato si trova nel materiale didattico.

59

- 2 Modulo Propriet ottiche dei solidi Equazioni di Maxwell nella materia Propagazione delle onde elettromagnetiche e costante dielettrica complessa Relazioni di dispersione - Parte reale e parte immaginaria dell'indice di rifrazione Propriet tensoriali della costante dielettrica Fotoassorbimento e fotoemissione - Modello di Lorentz per gli isolanti e modello di Drude per i metalli Forza di oscillatore e regole di somma - Le varie regioni spettrali di assorbimento riflettivit e trasmittanza Derivazione quantomeccanica del coefficiente di assorbimento Le relazioni di Kramers-Kronig e le loro applicazioni

TESTI 1 Modulo - Introduzione alla superconduttivit: - Poole C.P.Jr., Superconductivity, Elsevier - Schmidt V.V., The physics of superconductors, Springer - Orlando T.P. , Foundations of Applied Superconductivity, Addison-Wesley 2 Modulo - Propriet ottiche dei solidi Testi consigliati F. Wooten Optical Properties of Solids Academic Press 1972 (scaricabile da Internet ) F. Bassani e U. M. Grassano Fisica dello Stato Solido Bollati Boringhieri 2000 NOTA Il corso per la.a. 2009/2010 si terr in inglese ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=9d96 Ore Aula

Fisica dello Stato Solido con Laboratorio


Codice: MFN0673 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 5 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Lallievo dovr essere in grado di: Sapere descrivere il moto elettronico allinterno dei solidi dal punto di vista classico, semiclassico e quantistico. Padroneggiare le implicazioni della struttura periodica spaziale nei confronti delle onde, sia elettromagnetiche sia elettroniche. Sapersi orientare allinterno di una situazione fisica relativa alle propriet elettriche e termiche nei solidi individuando le grandezze importanti e il loro ordine di grandezza Sapere risolvere esercizi di non elevata difficolt RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere il concetto di banda, di gap energetica e di superficie di Fermi. Conoscere il concetto di prima zona di Brillouin e le sue implicazioni. Conoscere le nozioni fondamentali di fisica dei semiconduttori ed i principi di funzionamento dei dispositivi elettronici elementari (diodo a giunzione, celle solari) Conoscere alcune tecniche fondamentali per la caratterizzazione ottica ed elettronica dei materiali

60

PROGRAMMA Italiano

Lezioni frontali 3 CFU: Reticoli cristallini e influenza delle loro propriet di simmetria sulla simmetria di grandezze fisiche. Tecniche sperimentali per i raggi X. Teoria di Laue della diffrazione Reticolo reciproco e sue propriet. Modello di Drude e legge di Ohm. Elettroni in un reticolo periodico. Teorema di Bloch e sue implicazioni. Bande di energia. Cenni al modello di Kronig-Penney. Modello a elettroni quasi liberi in 1D e funzione d'onda approssimata vicino al bordo zona. Modello semiclassico per la dinamica elettronica nelle bande. Tensore massa efficace. **************************************************************** Elementi di Fisica dei semiconduttori: teoria delle bande, elettroni e lacune nei semiconduttori. Statistica dei portatori di carica. Semiconduttori in condizioni di non equilibrio. Trasporto di elettroni e lacune. Conducibilit, resistivit, legge di Ohm. Significato fisico dei diagrammi a bande. Giunzioni p-n: Elettrostatica, caratteristiche capacit/tensione e corrente/tensione teoria del diodo ideale. ********************************************* Esercitazioni in laboratorio 2 CFU: Misurazioni di trasmittanza e foto conducibilit per la determinazione della gap di un semiconduttore. Caratterizzazione elettrica ed ottica di dispositivi a semiconduttore: diodi, celle-solari, fotodiodi, LED Misura dello spessore ottico di film sottili mediante la tecnica dell'interferometria in luce bianca. Inglese Lectures 3 CFU: Crystal lattices and the influence of their symmetry properties on the symmetry of physical quantities. Experimental techniques for X-rays. Laue's theory of the X-ray diffraction. Reciprocal lattice and its properties. Drude's model and Ohm's law. Electrons in a periodical lattice. Bloch's theorem and its implications. Energy bands. Hints at the Kronig-Penney model. Nearly free electron model in 1D and approximated wave function near the zone boundary. Semiclassical model for the electron dynamics in the energy bands. The effective mass tensor. Elements of Semiconductor Physics: band theory, electrons and holes in semiconducting materials. Charge carrier statistical distribution law. Semiconductors in non-equilibrium conditions. Transport of electrons and holes. Conductivity, resistivity and Ohm's law. Physical meaning of the band diagrams. P-n junctions: Electrostatics, capacitance/voltage and current/voltage characteristics, theory of the ideal diode.

Practical classes 2 CFU: Transmittance and photoconductivity measurements for the determination of the energy gap of a semiconductor.

61

Electrical and optical characterization of semiconducting devices: diodes, solar cells, photo diodes, LED's. Measurement of the optical thickness of thin films by means of the white light interferometry technique.

TESTI KITTEL, Introduzione alla Fisica dello Stato Solido, Boringhieri ASHCROFT-MERMIN: Solid State Physics, Holt, Rinehart and Winston S.M. Sze, "Semiconductor Devices", 2nd edition, John Wiley and Sons, 2002 A.S.Grove: "Fisica e Tecnologia dei dispositivi a semiconduttore", Franco Angeli Ed., Milano 1993 M.Guzzi, Principi di Fisica dei Semiconduttori, Hoepli, 2004 NOTA Insegnamento dellIndirizzo Applicativo. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame scritto obbligatorio con esame orale separato facoltativo. E prevista anche la valutazione delle relazioni scritte relative alle esercitazioni pratiche. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=c71c

Fisica dello Stato Solido con Laboratorio


Codice: MFN0671 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 9 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Lallievo dovr essere in grado di: Sapere descrivere il moto elettronico allinterno dei solidi dal punto di vista classico, semiclassico e quantistico. Padroneggiare le implicazioni della struttura periodica spaziale nei confronti delle onde, sia elettromagnetiche sia elettroniche. Sapersi orientare allinterno di una situazione fisica relativa alle propriet elettriche e termiche nei solidi individuando le grandezze importanti e il loro ordine di grandezza Sapere risolvere esercizi di non elevata difficolt RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere il concetto di banda, di gap energetica e di superficie di Fermi. Conoscere il concetto di prima zona di Brillouin e le sue implicazioni. Conoscere le nozioni fondamentali di fisica dei semiconduttori ed i principi di funzionamento dei dispositivi elettronici elementari (diodo a giunzione, celle solari) Conoscere alcune tecniche fondamentali per la caratterizzazione ottica ed elettronica dei materiali. PROGRAMMA Italiano Lezioni frontali 7 CFU:

62

Onde nei mezzi dispersivi e significato della relazione di dispersione. Reticoli cristallini e influenza delle loro propriet di simmetria sulla simmetria di grandezze fisiche. Tecniche sperimentali per i raggi X. Teoria di Laue della diffrazione Reticolo reciproco e sue propriet. Equivalenza tra teoria di Bragg e teoria di Laue. Modello ad elettroni liberi per i metalli. Livello di Fermi. Propriet di conduzione elettrica e termica per il gas di Fermi. Collisioni con fononi e legge di Wiedermann-Franz. Effetto termoelettrico. Oscillazioni di plasma e lunghezza di schermo elettrostatico. Effetti della statistica di Fermi-Dirac per la depressione delle sezione d'urto elettrone-elettrone. Effetto Hall e magnetoresistenza. Elettroni in un reticolo periodico. Teorema di Bloch e sue implicazioni. Bande di energia. Cenni al modello di Kronig-Penney. Modello ad elettroni quasi liberi in 1D e funzione d'onda approssimata vicino al bordo zona. Superfici di Fermi in 2D e in 3D. Modello semiclassico per la dinamica elettronica nelle bande. Descrizione della conduzione per mezzo di elettroni o di lacune. Tensore massa efficace. Cenni alle oscillazioni di Bloch. Elementi di Fisica dei semiconduttori: teoria delle bande, elettroni e lacune nei semiconduttori. Statistica dei portatori di carica Semiconduttori in condizioni di non equilibrio Trasporto di elettroni e lacune. Conducibilit, resistivit, legge di Ohm. Significato fisico dei diagrammi a bande. Giunzioni p-n: Elettrostatica, caratteristiche capacit/tensione e corrente/tensione teoria del diodo ideale. Esercitazioni in laboratorio 2 CFU

Misurazioni di trasmittanza e foto conducibilit per la determinazione della gap di un semiconduttore. Caratterizzazione elettrica ed ottica di dispositivi a semiconduttore: diodi, celle-solari, fotodiodi, LED Misura dello spessore ottico di film sottili mediante la tecnica dell'interferometria in luce bianca. Inglese Lectures - 7 CFU: Waves in dispersive media and the meaning of the dispersion relation. Crystal lattices and the influence of their symmetry properties on the symmetry of physical quantities. Experimental techniques for X-rays. Laue's theory of the X-ray diffraction. Reciprocal lattice and its properties. Equivalence between Bragg and Laue theories. The free electron model for metals. Fermi level. The electrical and thermal properties of the Fermi gas. Scattering by phonons and the Wiedermann-Franz law. Thermoelectric effect. Plasma oscillations and electrostatic screening length. The effects of the Fermi-Dirac distribution function on the reduction of the electron-electron scattering cross section. Hall effect and magnetoresistance. Electrons in a periodical lattice. Bloch's theorem and its implications. Energy bands. Hints at the Kronig-Penney model. Nearly free electron model in 1D and approximated wave function near the zone boundary. Fermi surfaces in 2D and in 3D. Semiclassical model for the electron dynamics in the energy bands. Description of the conduction process by means of electrons or holes. The effective mass tensor. Hints at the Bloch's oscillations. Elements of Semiconductor Physics: band theory, electrons and holes in semiconducting materials. Charge carrier statistical distribution law. Semiconductors in non-equilibrium conditions. Transport of electrons and holes. Conductivity, resistivity and Ohm's law. Physical meaning of the band diagrams. P-n junctions: Electrostatics, capacitance/voltage and current/voltage characteristics, theory of the ideal diode.

63

Practical classes - 2 CFU: Transmittance and photoconductivity measurements for the determination of the energy gap of a semiconductor. Electrical and optical characterization of semiconducting devices: diodes, solar cells, photo diodes, LED's. Measurement of the optical thickness of thin films by means of the white light interferometry technique. TESTI KITTEL, Introduzione alla Fisica dello Stato Solido, Boringhieri ASHCROFT-MERMIN: Solid State Physics, Holt, Rinehart and Winston S.M. Sze, "Semiconductor Devices", 2nd edition, John Wiley and Sons, 2002 A.S.Grove: "Fisica e Tecnologia dei dispositivi a semiconduttore", Franco Angeli Ed., Milano 1993 M.Guzzi, Principi di Fisica dei Semiconduttori, Hoepli, 2004 NOTA Insegnamento dellIndirizzo Generale Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame scritto obbligatorio con esame orale separato facoltativo. E prevista anche la valutazione delle relazioni scritte relative alle esercitazioni pratiche. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a25c

Fisica dello Stato Solido I


Codice: M8078 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Claudio Manfredotti (Titolare del corso) Recapito: 0116707306 [manfredotti@to.infn.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza: http://fisica.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=54a0;sort=DEFAULT;search=;hits=239 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=0be5 Ore Aula

Fisica dello Stato Solido II


Codice: M8041 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Ettore Vittone Recapito: 011/6707371 [vittone@ph.unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010

64

OBIETTIVI Fornire agli studenti le conoscenze fondamentali per la piena comprensione dei principi fisici di funzionamento dei principali dispositivi a semiconduttore. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO - Possedere una buona padronanza dei fenomeni fisici su cui si basano i principali dispositivi a semiconduttore. Possedere una adeguata conoscenza delle principali propriet elettroniche e ottiche dei materiali semiconduttori ed isolanti. - Saper applicare tali conoscenze per definire le caratteristiche opto/elettroniche e le prestazioni dei principali dispositivi elettronici e sensori a semiconduttore Obiettivo del corso portare lo studente a PROGRAMMA Italiano Scopo del corso: fornire una conoscenza della fisica alla base del funzionamento dei dispositivi elettronici a semiconduttore. Fenomeni di trasporto nei semiconduttori. Diodo a giunzione p-n, diodo Zener. Fotodiodo e cella solare. Transistore a giunzione bipolare. Contatto metallo-semiconduttore, diodo Schottky.Il programma dettagliato disponibile in http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/index_didattica.html

English Objectives of the course: to provide an understanding of the physics underlying the operation of electronic semiconductor devices. Transport phenomena in semiconductors. P-n junction diodes, avalanche diodes. Photodiodes and solar cells. Bipolar junction transistors. Field-effect transistors. Contact between metals and semiconductors, Schottky diodes. Details on the program are available at http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/index_didattica.html . TESTI La bibliografia disponibile nella pagina http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/index_didattica.html NOTA MODALITA DESAME Lesame finale consiste in una prova scritta ed una prova orale a cui gli studenti potranno accedere mediante registrazione dal sito campus-net. Prova Scritta La verifica scritta della durata di 1 ora consister in un esercizio riguardante il calcolo numerico di unosservabile fisica di un semplice dispositivo a semiconduttore. Lesercizio sar simile ad uno di quelli sviluppati durante il corso. Non sar consentito portare libri, appunti e calcolatrici. La valutazione della prova scritta varr esclusivamente per lappello in cui si svolta. La valutazione della prova scritta potr contribuire al voto finale fino a un massimo di 12 punti. Prova Orale Saranno ammessi al colloquio gli studenti che avranno superato la prova scritta con un punteggio di almeno 8 punti. La prova orale riguarder - la discussione di un argomento, a scelta dello studente, fra quelli presenti nel programma. - una domanda, a scelta del docente, riguardante uno degli argomenti svolti a lezione. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 20/04/2009 al 19/06/2009 Nota: Aula A, comprensorio di Fisica - Via P. Giuria 1 Ore Aula

65

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fc84

Fisica Generale I con Laboratorio


Codice: MFN0640 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Prof. Alessandra Romero (Titolare del corso), Dott. Gianpiero Gervino (Titolare del corso) Recapito: +39 0116707302/7392 [alessandra.romero@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: FIS/01 - fisica sperimentale Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di introdurre gli studenti al linguaggio e alla metodologia delle scienze fisiche,in modo che acquisiscano una conoscenza di base della meccanica e dei fenomeni ondulatori tale da permettere loro di risolvere problemi numerici, di comprendere le principali applicazioni. Il corso si propone di fornire agli studenti la metologia di base per misurare le osservabili fisiche, introdurli al concetto di misura in fisica e prepararli allanalisi statistica dei dati sperimentali, utilizzando sia lezioni in aula che esercitazioni in laboratorio. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscere le leggi e le definizioni delle grandezze fisiche utilizzate nella meccanica, le varie forme di energia meccanica. Sapere risolvere problemi di meccanica del punto e del corpo rigido. Avere la metodologia alla base delle misure fisiche in laboratorio PROGRAMMA Italiano Cinematica e Dinamica del punto materiale. Forze peso, elastiche, di attrito, viscose, vincolari. Varie forme di energia. Dinamica dei sistemi rigidi. Urti in una e due dimensioni. Campo gravitazionale. Propriet meccaniche dei solidi. Analisi statistica degli errori e loro propagazione. Distribuzione statistica discreta di Bernoulli e continua di Gauss. Test statistici elementari (t-Student e Chi-quadrato), metodo dei minimi quadrati e interpolazione di dati sperimentali. Esercitazioni pratiche di laboratorio Inglese Kinematics and point particle dynamics. Weight, elastic force, friction,viscous forces. Various forms of energy. Rigid body motion. Collisions in one or two dimensions. Gravitational field. Mechanical properties of solids.Statistical error analysis and propagation of uncertainty. Bernoulli's discrete statistical distribution and Gauss' continuous statistical distribution. Student's test and Chi-square test,method of least squares and fitting techniques applied to experimental data. Practical laboratory excercises. .

TESTI Elementi di Fisica:volumi di Meccanica e termodinamica e Onde; ed Edises Taylor John :Introduzione allanalisi degli errori. Lo studio delle incertezze nelle misure fisiche Ed Zanichelli NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, Esercitazioni, Laboratorio Propedeuticit Nessuna Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame scritto ed orale separati con voto finale

66

ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Aula 12- Laboratorio 6- Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7021 Ore Aula

Fisica Generale II con Laboratorio


Codice: MFN0656 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Prof. Ezio Menichetti (Titolare del corso), Dott. Alessandro Ferretti (Titolare del corso) Recapito: 0116707304 [menichetti@to.infn.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 12 SSD: FIS/01 - fisica sperimentale Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Parte lezioni in aula: Conoscenza delle leggi fondamentali dellelettromagnetismo, fino alle eq. di Maxwell incluse. Conoscenza delle applicazioni scientifiche e tecnologiche piu importanti. Capacita di risolvere problemi di elettromagnetismo a livello universitario. Parte lezioni in laboratorio: Il corso si propone di fornire agli studenti una conoscenza sperimentale diretta dei principali fenomeni fisici che possono costituire uno strumento di indagine delle proprieta elettromagnetiche dei materiali. In particolare si vuole che gli studenti imparino a determinare le proprieta ed il comportamento elettrico di conduttori, capacitori ed induttori, in presenza di tensione continua o alternata. le proprieta fisiche dei materiali determinabili grazie alla presenza di un campo magnetico (effetto Hall). Lallievo dovr essere in grado di: 1) effettuare misure elementari di tipo elettrico (misure di differenza di potenziale, di corrente e di resistenza) in circuiti alimentati sia in regime continuo che alternato; 2) applicare i teoremi base delle reti lineari a semplici circuiti; 3) studiare il comportamento di elementi non lineari di un circuito (capacitori, induttori, diodi) in funzione delle condizioni esterne; 4) misurare la concentrazione dei portatori di carica maggioritari in un semiconduttore; RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Parte lezioni in aula: Capacita di applicare le leggi dellelettromagnetismo allo studio di semplici modelli della struttura della materia e di sistemi di misura Capacita di risolvere problemi di elettromagnetismo a livello universitario. Parte lezioni in laboratorio: Utilizzo del multimetro digitale e delloscilloscopio Utilizzo di sonde di Hall per la misura del campo magnetico Conoscenza pratica degli elementi circuitali lineari e dei diodi. PROGRAMMA Italiano Parte lezioni in aula: Elettrostatica Conduzione elettrica Magnetostatica Induzione elettromagnetica Corrente di spostamento Eq. di Maxwell Parte lezioni in laboratorio: Analisi dei circuiti in corrente continua e alternata - Proprieta magnetiche - Esperienze su circuiti DC e AC (laboratorio) - Esperienze su Effetto Hall (laboratorio) Inglese Parte lezioni in aula: Electrostatics Electrical current Magnetostatics Electromagnetic induction Displacement current Maxwell equations Parte lezioni in laboratorio: Electrical circuits Laboratory work on DC and AC circuits and Hall effect.

67

. TESTI Testi consigliati per la Parte lezioni in aula: Focardi-Massa-Uguzzoni Fisica Generale/Elettromagnetismo/Onde (Ambrosiana) Lovitch-Rosati FisicaGenerale/2 (Ambrosiana) Mazzoldi-Nigro-Voci Elementi di Fisica/Elettromagnetismo/Onde (EdiSES) Resnick-Halliday-Krane Fisica/2 (Ambrosiana) Tipler Corso di Fisica/2 (Zanichelli) Testi consigliati per la Parte lezioni in laboratorio: Dispense del docente NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale: Lezioni frontali-Esercitazioni in aula- Esercitazioni in laboratorio Modalit di verifica/esame Parte lezioni in aula: Prova scritta: risoluzione di problemi attinenti al programma svolto Prova pratica: viene chiesto al candidato di realizzare una delle misure di laboratorio effettuate durante il corso, in forma abbreviata. Durante tale prova viene, normalmente, chiesta la motivazione della metodologia adottata per la misura e viene chiesto di impostare il calcolo dellerrore da cui sono affetti i valori misurati. Prova orale: colloquio su argomenti attinenti al programma svolto ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 08/03/2010 al 18/06/2010 Nota: Aula 12- Laboratorio 6 - Centro della Innovazione- via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6786 Ore Aula

Fisica Generale III con Laboratorio


Codice: MFN0660 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 10 SSD: FIS/01 - fisica sperimentale Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Conoscenza dei fenomeni di polarizzazione e magnetizzazione dei materiali, dei fenomeni ondulatori, delle propriet delle onde elettromagnetiche e delle principali applicazioni tecnologiche. Conoscenza pratica e teorica dellottica geometrica. Conoscenza delle leggi fondamentali della meccanica dei fluidi. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza delle leggi che regolano i fenomeni ondulatori e le onde elettromagnetiche e capacit di applicarle alla soluzione di problemi pratici di livello universitario. Conoscenza dei meccanismi di magnetizzazione e polarizzazione dei materiali. Capacit di risolvere problemi di statica e dinamica dei fluidi. Capacit di impostare una misura di laboratorio e di analizzarne ed interpretarne correttamente i risultati. PROGRAMMA Italiano Parte lezioni in aula: Propriet elettriche e magnetiche della materia Fenomeni ondulatori Onde elettromagnetiche - Ottica geometrica e fisica Propriet meccaniche dei fluidi. Parte lezioni in laboratorio: Esperienze di ottica fisica e geometrica.

68

Inglese Electric and magnetic properties of materials Waves Electromagnetic waves Geometric and physical optics Mechanical properties of fluids. Practical laboratory experiences on geometric and physical optics. .

TESTI Mazzoldi-Nigro-Voci, "Elementi di Fisica", (EdiSES), volumi di Meccanica, Elettromagnetismo, Onde. Dispense dei docenti per la parte di laboratorio. NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, laboratorio,esercitazioni in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta ed orale separati, con voto finale. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e952

Fisica Teorica
Codice: MFN0745 CdL: Magistrale Docente: Dott. Mariaelena Boglione (Titolare del corso), Prof. Ferdinando Gliozzi (Titolare del corso) Recapito: 011 - 6707213 [boglione@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 12 SSD: FIS/02 - fisica teorica, modelli e metodi matematici Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Fornire una formulazione completa della meccanica statistica e della meccanica quantistica molecolare che sia idonea alle esigenze formative della laurea magistrale e garantisca lacquisizione da parte dello studente delle conoscenze necessarie per le applicazioni a sistemi fisici di interesse teorico e applicativo. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Acquisizione delle fondamentali tecniche di meccanica quantistica e statistica per la risoluzione di semplici problemi. PROGRAMMA

Italiano Il corso e' suddiviso in due moduli. Il primo tratta delle basi statistiche della termodinamica, discutendo in particolare lapproccio allequilibrio, il principio ergodico, la teoria degli insiemi statistici e le transizioni di fase. Si studiano vari sistemi statistici: i gas ideali di Bose e di Fermi, i sistemi magnetici, i superfluidi, i superconduttori e processi stocastici. Effetto Hall quantistico. Il secondo modulo del corso si propone di

69

sviluppare le tecniche della teoria delle perturbazioni (indipendenti e dipendenti dal tempo) e di applicarle allo studio dei sistemi a molti corpi, quali molecole, atomi multi elettronici e cristalli. Inglese The course is divided into two modules. One deals with the statistical bases of the thermodynamics. In particular it describes the approach to equilibrium, the ergodic principle, the theory of statistical ensembles and the phase transitions. We study a variety of statistical systems, like the ideal Bose and Fermi gases, magnetic systems and stochastic processes, superfluidity and superconductivity. Quantum Hall Effect. The second module introduces the basics of perturbation theories (both time independent and time independent) and their implementation in the framework of many-body systems like molecules, multi-electron atoms and crystals. . TESTI David Chandler, "Introduction to Modern Statistical mechanics" Oxford University Press. John Cardy, "Scaling and Renormalization inStatistical Physics"Cambridge University Press P. W. Atkins, R.S. Friedman, "Meccanica quantistica Molecolare", Zanichelli NOTA Insegnamento dellIndirizzo Teorico Tipologia insegnamento Tradizionale-Lezioni frontali ed esercitazioni. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Scritto e orale separati con unico voto finale ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a525 Ore Aula

Fluidi Quantistici (non attivato nella.a.2009/2010)


Codice: 8046S CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Ferdinando Gliozzi Recapito: 0116707218 [gliozzi@to.infn.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2008/2009 NOTA Il corso non stato attivato per la.a. 2009/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f17f

Inglese Scientifico (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8291 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Recapito: [] Tipologia: Per la prova finale e per la conoscenza della lingua straniera Anno: 1 anno

70

Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 NOTA E stato attivato un corso di inglese avanzato per gli studenti della Facolt di Scienze Mfn, che si terr dal 30/03/2009 al 22/06/2009 il luned dalle 15 alle 17. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6897

Introduzione alla Superconduttivit (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8961 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Marco Truccato Recapito: 0116707374 [truccato@to.infn.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 NOTA Il corso per lA.A. 2009/2010 non sar attivato http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=50ac

Introduzione alla Termodinamica dei Solidi Cristallini


Codice: 8045S CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Anna Maria Ferrari Recapito: [anna.ferrari@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Il programma dettagliato del corso si trova nella sezione "Materiale Didattico" http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=bb78

Laboratorio di caratterizzazione dei metalli


Codice: MFN0756 CdL: Magistrale Docente: Dott. Paola Rizzi (Titolare del corso) Recapito: +39 011 6707565 [paola.rizzi@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2009/2010

71

OBIETTIVI Il corso si propone di fornire un approfondimento sulla caratterizzazione dei materiali metallici. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza dei metodi metallografici di indagine dei materiali metallici PROGRAMMA Italiano Caratterizzazione microstrutturale e strutturale dei materiali metallici: - Esperienze sulla applicazione di tecniche di metallografia a problematiche di interesse metallurgico: Fe puro a diversi tassi di laminazione, ghisa grigia e sferoidale, acciaio ipo-eutettoidico, diverse leghe del sistema Pb-Sn, ottoni. - Analisi delle microstrutture e delle dimensioni del grano. - Diffrazione di raggi X applicata a casi di interesse metallurgico Prove meccaniche: prove di trazione - analisi al computer di curve sforzo deformazione - durezza e microdurezza - analisi frattografiche Inglese Structural and microstructural characterisation of metallic materials: - Metallographic techniques applied to: cold-rolled pure Fe, cast irons, steels, different alloys of the Pb-Sn system, brasses. - Analyses of the microstructures and grain size - X-ray diffraction on metallic materials Mechanical tests - tensile test - analysis of stress-strain curves - hardness, microhardness - fracture surfaces . TESTI Dispense fornite dal docente NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale.Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Relazione scritta di laboratorio e esame orale. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=b553

Laboratorio di Chimica dei Materiali


Codice: M8031 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Livio Battezzati, Dott. Francesco Trotta Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato del corso alla voce "Materiale Didattico" NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI

72

Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010

Ore

Aula

Nota: Le esercitazioni di laboratorio si tengono presso il Centro della Innovazione-Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7274

Laboratorio di Chimica Fisica


Codice: M8074 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Silvia Bordiga, Dott. Gabriele Ricchiardi Recapito: [silvia.bordiga@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato sotto la voce "Materiale Didattico" TESTI v. pagina web del corso: http://www.personalweb.unito.it/gabriele.ricchiardi/Didattica/Lab_CF/ NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale.Esercitazioni in aula informatica-Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13 e in Laboratorio- Centro della Innovazione- Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6fe7 Ore Aula

Laboratorio di Chimica Inorganica e Sicurezza non attivato nella.a.2009/2010


Codice: M8070 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Maria Cristina Paganini, Dott. Pierluigi Quagliotto Recapito: 0116707576 [mariacristina.paganini@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009

73

ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 20/04/2009 al 19/06/2009 Nota: Laboratorio 1- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=abc4 Ore Aula

Laboratorio di Chimica Organica


Codice: M8073 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Pierluigi Quagliotto Recapito: 0116707593 [pierluigi.quagliotto@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Il programma dettagliato del corso di trova nella sezione "materiale didattico" ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione- Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=526a Ore Aula

Laboratorio di Equazioni Differenziali nelle Scienze Applicate


Codice: S8889 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Anna Capietto Recapito: 0116702914 [anna.capietto@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2008/2009 NOTA Per lA.A. 2009/2010 il corso non sar attivato http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=0d21

74

Laboratorio di Fisica dello Stato Solido (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8284 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Marco Truccato, Prof. Ettore Vittone Recapito: 0116707374 [truccato@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Le finalit del corso sono: introdurre gli allievi ad alcune tecniche avanzate per la caratterizzazione fisica di materiali. fornire la capacit di analisi dei dati, di interpretazione fisica dei risultati, proponendo una dettagliata relazione analitica RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO possedere una buona padronanza della strumentazione utilizzata in laboratorio e delle relative tecniche sperimentali. possedere una sufficiente padronanza delle tecniche e degli strumenti per la fabbricazione del vuoto e dei principali trasduttori per basse pressioni. saper eseguire correttamente una misurazione di una grandezza fisica e verificare la validit fisica dei dati ottenuti saper riportare il lavoro svolto in una relazione dettagliata facendo uso di programmi ad hoc per lanalisi e lillustrazione grafica dei risultati conoscere le differenze di comportamento elettronico tra diverse classi di materiali PROGRAMMA Il programma dettagliato descritto in http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/laboratori/LabFisStSol-LSSM/LabFisStSol-LSSM.html TESTI Bibliografia [1] D.Briggs, M.P.Seah,"Practical Surface Analysis by Auger and X-ray Photoelectron Spectroscopy", Wiley &Sons, New York (1990) [2] M.Anderle, M.G.Cattania, "Metodi per la caratterizzazione chimico fisica delle superfici", Ist. Trentino di Cultura, Istituto per la ricerca Scientifica e tecnologica, Patron Editore, Bologna 1991. Dispense [D1] E. Vittone, "TECNICHE DI FABBRICAZIONE E MISURAZIONE DEL VUOTO" [D2] M. Castellino, "XPS (X-RAY PHOTOELECTRON SPECTROSCOPY)" [D3] Modello per la relazione finale http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1386

Laboratorio di Fisica dello Stato Solido I


Codice: M8079 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Ettore Vittone (Titolare del corso), Dott. Alberto Castellero (Titolare del corso) Recapito: 011/6707371 [vittone@ph.unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010

75

OBIETTIVI Le finalit del corso sono: introdurre gli allievi ad alcune tecniche per la caratterizzazione fisica di materiali. fornire la capacit di analisi dei dati, di interpretazione fisica dei risultati, proponendo una dettagliata relazione analitica Obiettivi del corso portare lo studente a: possedere una buona padronanza della strumentazione utilizzata in laboratorio e delle relative tecniche sperimentali. possedere una sufficiente padronanza delle tecniche e degli strumenti per la fabbricazione del vuoto e dei principali trasduttori per basse pressioni. possedere una sufficiente padronanza della spettroscopia XPS possedere una sufficiente padronanza della tecnica della difrattometria a raggi x saper eseguire correttamente una misurazione di una grandezza fisica e verificare la validit fisica dei dati ottenuti saper riportare il lavoro svolto in una relazione dettagliata facendo uso di programmi ad hoc per lanalisi e lillustrazione grafica dei risultati PROGRAMMA Organizzazione del corso Il corso suddiviso in 2 moduli di 2 CFU. Primo modulo - 2 CFU - Docente Prof. Ettore Vittone Il primo modulo riguarda elementi di tecniche per la fabbricazione e misurazione delle basse pressione e elementi di spettroscopia di fotoemissione (XPS). Le quattro lezioni frontali si terranno secondo il calendario sotto elencato Le esperimentazioni/misurazioni verranno effettuate presso i laboratori di Fisica dello Stato Solido del Dipartimento di Fisica Sperimentale (via P.Giuria 1, terzo piano interrato). Gli studenti saranno suddivisi in gruppi di (max) 5 persone. Gli studenti saranno seguiti durante la attivit di laboratorio dal docente e dagli assistenti e dovranno riportare con cura nel quaderno di laboratorio una descrizione dettagliata dellattivit svolta. Le esperienze riguarderanno la deposizione di film sottili metallici tramite evaporazione termica e la loro caratterizzaione spettroscopia fotoelettronica. Il calendario delle esercitazioni in laboratorio disponibile al sito http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/laboratori/LabFisStSolI/calendario2009-2010.doc

Secondo modulo - 2 CFU - Docente Prof. Alberto Castellero LEZIONI: Richiami di cristallografia (Reticolo diretto e reticolo reciproco). Richiami della teoria della diffrazione (equazioni di Laue, legge di Bragg, sfera di Ewald).

Interazione tra raggi X e materia. Intensit dei riflessi di diffrazione da parte di reticolo cristallino. Fattore di struttura ed estinzioni.

76

Aspetti strumentali: produzione di raggi X; spettro di fondo e spettro caratteristico; lutilizzo dei filtri per lottenimento di radiazione monocromatica; il fenomeno della fluorescenza; rivelatori; diffrattometri con geometria Bragg-Brentano. Informazioni ottenibili da un spettro di raggi. 1) Determinazione del parametro reticolare di una struttura cubica; minimizzazione dellerrore. 2) Principi dellanalisi qualitativa; le schede ICDD. 3) Metodi per lanalisi quantitativa: standard interno ed esterno, confronto diretto e metodo delle aggiunte progressive. La diffrazione elettronica: similitudini e differenza rispetto alla diffrazione di raggi X. Aspetti strumentali: il microscopio elettronico in trasmissione (TEM). Immagini in campo chiaro e campo scuro. Immagini in alta risoluzione. ESERCITAZIONI: Determinazione del parametro reticolare di una struttura cubica incognita. Riconoscimento del tipo di reticolo cubico. Analisi qualitativa di una miscela incognita. Utilizzo delle schede ICDD. Riconoscimento delle fasi cristalline presenti nella miscela. Analisi quantitativa di una miscela di silicio e allumina utilizzando il metodo delle aggiunte progressive.

Osservazione di campioni modello al microscopio elettronico in trasmissione. Immagini di diffrazione: riconoscimento del tipo di reticolo cubico; indicizzazione dei riflessi.

Modalit di esame: orale TESTI Primo modulo: Testi consigliati e bibliografia Bibliografia [1] D.Briggs, M.P.Seah,"Practical Surface Analysis by Auger and X-ray Photoelectron Spectroscopy", Wiley &Sons, New York (1990) [2] M.Anderle, M.G.Cattania, "Metodi per la caratterizzazione chimico fisica delle superfici", Ist. Trentino di Cultura, Istituto per la ricerca Scientifica e tecnologica, Patron Editore, Bologna 1991. Dispense [D1] E. Vittone, "TECNICHE DI FABBRICAZIONE E MISURAZIONE DEL VUOTO" [D2] AA. VV., "XPS (X-RAY PHOTOELECTRON SPECTROSCOPY)" [D3] Modello per la relazione finale Copia dei file powerpoint proiettati durante le lezioni sono disponibili alla voce "materiale didattico". Secondo modulo: Verranno fornite le presentazioni powerpoint proiettate a lezione. Gli argomenti trattati possono essere approfonditi sui testi: B.D. Cullity, Elements of X-ray Diffraction R. Jenkins & R.L. Snyder, Introduction to X-ray powder diffractometry NOTA La valutazione finale sar la media delle valutazioni dei singoli moduli. Primo modulo - 2 CFU - Docente Prof. Ettore Vittone La valutazione finale si svolger al termine del corso di laboratorio e verter Per 15/30 sulla valutazione del lavoro svolto in laboratorio in base a # Frequenza dei singoli studenti alle attivit di laboratorio # Comportamento del gruppo in laboratorio # Rispetto delle norme di sicurezza illustrate allinizio del corso. # Quanto descritto nel quaderno di laboratorio sia per quanto riguarda la corretta esecuzione delle misurazioni che lanalisi dei dati. Per 15/30 su un colloquio individuale e/o prova pratica riguardante una delle attivit svolte in laboratorio. DATA DI CONSEGNA IMPROROGABILE DELLE RELAZIONI: VENERDI 13 NOVEMBRE 2009. LA DISCUSSIONE E LA VALUTAZIONE FINALE DELLE RELAZIONI AVVERRA IL GIORNO MER. 18.11.2009 A PARTIRE DALLE ORE 09.00. Al termine della discussione delle relazioni, gli studenti potranno sostenere nella stessa giornata oppure venerd 20.11.2009 a partire dalle ore 8.00, anche il colloquio per la valutazione finale riguardante il solo 1o modulo del laboratorio. Secondo modulo - 2 CFU - Docente Prof. Alberto Castellero Modalit di esame: orale

77

ORARIO LEZIONI Giorni Marted Gioved Ore 11:00 - 13:00 11:00 - 13:00 Aula

Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Primo modulo: Marted 06.10.2009-Aula Wick-via P. Giuria 1, 1o piano - Introduzione alla tecnologia del vuoto Gioved 08.10.2009-Aula A-via P. Giuria 1, piano terra - Strumentazione per la fabbricazione del vuoto Luned 12.10.2009 h. 16.00-18.00-Aula F-via P. Giuria 1, piano terra - Strumentazione per la f misurazione del vuoto. Marted 13.10.2009-Aula Wick-via P. Giuria 1, 1o piano - Introduzione alla tecnica XPS Gioved 15.10.2009-Aula A-via P. Giuria 1, piano terra - Strumentazione e protocolli di misura http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7630

Laboratorio di Fisica dello Stato Solido II


Codice: M8047 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Ettore Vittone Recapito: 011/6707371 [vittone@ph.unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Obiettivo del corso portare lo studente a: possedere una buona padronanza della strumentazione utilizzata in laboratorio e delle relative tecniche sperimentali. Le tecniche a disposizione riguarderanno la spettroscopia ottica (interferometria da luce bianca), la caratterizzazione opto-elettronica di LED, la misura di gap ottica di un semiconduttore attraverso misure di fotoconducibilit e trasmittanza. saper eseguire correttamente una misurazione di una grandezza fisica e verificare la validit fisica dei dati ottenuti saper riportare il lavoro svolto in una relazione dettagliata facendo uso di programmi ad hoc per lanalisi e lillustrazione grafica dei risultati RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO la capacit di analisi dei dati, di interpretazione fisica dei risultati, proponendo una dettagliata relazione analitica la comprensione delle tecniche sperimentali utilizzate in laboratorio PROGRAMMA Il programma dettagliato e il calendario delle esercitazioni in laboratorio sono disponibili nel sito http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/index_didattica.html TESTI [1] E.Vittone: Spettroscopia ottica [2] L. Nieves et al. "Measuring the Planck constant with LEDs" [3] R. Nath Biswas "LED: the ultimate lamp" [4] John H. Scofield, "A Frequency-Domain Description of a Lock-in Amplifier", American Journal of Physics 62 (2) 129-133 (Feb. 1994).(Traduzione di S. Contini: Descrizione del funzionamento di un lock-in amplifier) [5] A. Sconza, G. Torzo, "Spectroscopic measurement of the semiconductor energy gap", American Journal of Physics 62 (8) 732 (aug. 1994).

78

NOTA Modalit di verifica/esame La valutazione finale si svolger al termine del corso di laboratorio e verter Per 15/30 sulla valutazione del lavoro svolto in laboratorio in base a - Frequenza dei singoli studenti alle attivit di laboratorio - Comportamento del gruppo in laboratorio - Rispetto delle norme di sicurezza illustrate allinizio del corso. - Quanto descritto nel quaderno di laboratorio sia per quanto riguarda la corretta esecuzione delle misurazioni che lanalisi dei dati. Le relazioni dovranno essere consegnate entro il 26 giugno 2009. Per 15/30 su un colloquio individuale e/o prova pratica riguardante una delle attivit svolte in laboratorio. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=bec1

Laboratorio di Fisica I non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: M8071 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Gianpiero Gervino Recapito: 0116707318 [gervino@to.infn.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 20/04/2009 al 19/06/2009 Nota: Aula 12 e Laboratorio 6 Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=442e Ore Aula

Laboratorio di Fisica II
Codice: M8075 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Alessandro Ferretti Recapito: 0116707055 [ferretti@to.infn.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale.Lezioni frontali--Laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13 e nel Laboratorio 6-Via Quarello 11. Ore Aula

79

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=da6e

Laboratorio di Metodi Spettroscopici e Microscopie


Codice: M8080 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Domenica Scarano Recapito: 011/6707834 [domenica.scarano@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Il programma dettagliato del corso si trova alla voce "Materiale Didattico". NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali, esercitazioni in aula e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14 e Laboratori- Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=80c9 Ore Aula

Laboratorio di Programmazione e Calcolo non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: M8067 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Giovanna Pittaluga, Dott. Laura Sacripante Recapito: 0116702834 [giovanna.pittaluga@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: MAT/08 - analisi numerica Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso propedeutico al successivo corso di Calcolo Numerico, di cui analizza i concetti di base e le problematiche connesse, soprattutto quelle legate alla propagazione degli errori. Nelle lezioni teoriche vengono sviluppati lo studio e lanalisi delle metodologie numeriche per i problemi dellAlgebra lineare, in particolare la risoluzione dei sistemi lineari. Il laboratorio si propone di introdurre gli studenti alla programmazione in Qbasic e allutilizzo del software scientifico Mathacad, abituandoli alluso mirato degli strumenti di calcolo per limplementazione degli algoritmi associati ad ogni metodo studiato.

80

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Gli studenti devono imparare ad identificare i tipi di problemi dellAlgebra Lineare e risolverli con i metodi analizzati. Inoltre devono maturare esperienze di calcolo e rendersi conto delle differenze tra laritmetica esatta e laritmetica finita. Inoltre devono acquistare dimestichezza con la programmazione e con gli strumenti di calcolo messi a disposizione. PROGRAMMA Teoria degli errori: errore assoluto e relativo. Loro legami con cifre decimali e significative. Rappresentazione dei numeri e cenni sullaritmetica degli elaboratori. Fonti di errori. Algoritmi, stabilit e condizionamento. Elementi di analisi delle matrici: mzatrici particolari, operazioni tra matrici e vettori. Matrice trasposta e inversa. Determinate. Completamneto algebrico. Rango. Sistemi lineari: teorema di Rouch-Capelli, metodo di eliminazione di Gauss, pivoting, fattorizzazione Lu, calcolo della matrice inversa e del determinate. Metodi iterativi. Autovalori e autovettori di matrici e loro calcolo. Linguaggio Qbasic: istruzioni fondamentali, concetto di sottoprogramma. Linguaggio Matchad: suo utilizzo nella risoluzione dei problemi di Algebra Lineare e nella rappresentazione grafica di funzioni.

MODALITA DI ESAME Lesame si svolge di norma come segue: Prova di laboratorio in aula informatizzata sui linguaggi studiati (2 ore) Prova scritta in cui si richiede lo svolgimento di tre esercizi relativi ai problemi studiati (2 ore) Prova orale (facoltativa) La prova di laboratorio resta valida per un anno solare TESTI Dispense fornite dalla docente ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=27a7 Ore Aula

Lingua Inglese
Codice: MFN0641 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Catherine Merrett (Titolare del corso) Recapito: 011.670.7884 [catherine.merrett@unito.it] Tipologia: Per la prova finale e per la conoscenza della lingua straniera Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA E possibile richiedere, per gli studenti che avessero conseguito il PET o titolo equivalente o superiore, il riconoscimento dei 2 CFU di Lingua Inglese,

81

ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Aula 12- Centro della Innovazione- Via Quarello,11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=d82b Ore Aula

Lingua Inglese (D.M. 509- a.a. 2008/2009)


Codice: M8018 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Catherine Merrett Recapito: 011.670.7884 [catherine.merrett@unito.it] Tipologia: Per la prova finale e per la conoscenza della lingua straniera Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Accertare la conoscenza della lingua Inglese NOTA Il corso per lA.A. 2008/09 sar tenuto presso lExEdilscuola, Via Quarello 11/13 - Aula 12- Luned ore 14-16 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fbc7 Ore Aula

Matematica
Codice: MFN0708 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Prof. Sergio Garbiero (Titolare del corso), Dott. Maria Luisa Tonon (Titolare del corso), Prof. Domenico Zambella (Esercitatore) Recapito: 0116702920 [sergio.garbiero@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 12 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti fondamentali del calcolo differenziale ed integrale per funzioni di una o pi variabili, con particolare riguardo alle applicazioni di carattere chimico e fisico. Lallievo dovr essere in grado di: conoscere le propriet ed i grafici delle funzioni elementari; studiare analiticamente una funzione di una variabile; saper calcolare un integrale proprio o improprio; saper risolvere semplici equazioni differenziali ordinarie di primo e secondo ordine; conoscere le equazioni di rette, piani, coniche e quadriche elementari; studiare analiticamente una funzione di due variabili; saper calcolare integrali doppi, tripli, curvilinei e di forme differenziali; saper applicare i principali risultati dellanalisi vettoriale.

82

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper studiare analiticamente le funzioni di una o pi variabili, saper calcolare integrali e risolvere equazioni differenziali di interesse chimico e fisico. PROGRAMMA Italiano Funzioni reali di una variabile. Dominio, propriet e grafico delle funzioni elementari. Limiti, continuit e asintoti. Derivate, massimi, minimi e flessi. Differenziale e sviluppo di Taylor. Integrali. Integrali definiti ed indefiniti. Principali metodi di integrazione. Integrali impropri. Equazioni differenziali ordinarie. Equazioni differenziali a variabili separabili e lineari del primo ordine. Equazioni differenziali lineari del secondo ordine. Geometria analitica nello spazio. Operazioni tra vettori. Equazioni di rette e piani. Funzioni reali di due variabili. Dominio, limiti, continuit, derivate parziali, punti di stazionariet ed estremi. Integrali di funzioni di pi variabili. Integrali doppi e tripli, integrali di linea e di superficie. Teoremi di Green, Gauss e Stokes. Inglese Real functions of one variable. Domain, properties and graphics of elementary functions. Limits, continuity and asymptotic lines. Derivatives, maxima, minima, inflection points. Differential and Taylor's expansion. Integrals. Definite and indefinite integrals. Main methods of integration. Improper integrals. Ordinary differential equations. Separable and linear first order differential equations. Linear second order differential equations. Analytic geometry in the space. Vector calculus. Equations of lines and planes. Real functions of two variables. Domain, limits, continuity, partial derivatives, stationary points and extrema. Integrals of functions of several variables. Double and triple integrals, line and surface integrals. Theorems of Green, Gauss and Stokes. TESTI J. Stewart, Calcolo - Funzioni di una variabile, Apogeo, Milano, 2001. J. Stewart, Calcolo - Funzioni di pi variabili, Apogeo, Milano, 2002. M. Bertsch, Istituzioni di matematica, Bollati Boringhieri, Torino, 1994. G. Orecchia, S. Spataro, Corso propedeutico di matematica, Collana Esami n. 11, Edizioni Tecnos, Milano, 1989. NOTA E prevista unattivit di Tutorato (attivit di supporto alla didattica) di 40 ore presso lAula 12 (Via Quarello). Tipologia di insegnamento: lezioni ed esercitazioni frontali in aula. Propedeuticit: nessuna. MODALITA DESAME Lesame consiste in una prova scritta costituita da esercizi e domande di tipo teorico. Lorale obbligatorio per coloro che hanno ottenuto una votazione compresa tra 15/30 e 17/30. Lorale facoltativo per gli studenti che hanno riportato una votazione maggiore o uguale a 18/30. Per le prove scritte OBBLIGATORIA la prenotazione, fatta esclusivamente sul Portale della Didattica, entro i termini stabiliti per ciascun appello. Sono previste due prove parziali nei mesi di novembre e gennaio, RISERVATE AGLI STUDENTI IMMATRICOLATI NEL PRESENTE ANNO ACCADEMICO.

83

ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Aula 12- Centro della Innovazione- Via Quarello, 11- Torino http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=5fc3 Ore Aula

Matematica I (D.M.509-a.a.2008/2009)
Codice: M8001 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Sergio Garbiero Recapito: 0116702920 [sergio.garbiero@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 6 Anno accademico: 2008/2009 TESTI Il programma, i testi consigliati, gli Esercizi, le Prove Scritte precedenti ed il Formulario si trovano nella sezione MATERIALE DIDATTICO che compare in basso. NOTA MODALITA DESAME: Lesame consiste in una prova scritta costituita da alcuni esercizi ed alcune domande di tipo teorico. Lorale obbligatorio per coloro che hanno ottenuto una votazione compresa tra 15/30 e 17/30. Lorale facoltativo per gli studenti che hanno riportato una votazione maggiore o uguale a 18/30. A partire dal prossimo a.a. 2009-2010, il corso di Matematica I NON sar pi attivato. Conformemente a quanto stabilito dal Regolamento Didattico di Facolt, ci saranno TRE APPELLI ogni anno per gli studenti che devono ancora sostenere lesame, nei mesi di GENNAIO, GIUGNO, SETTEMBRE. E obbligatoria la prenotazione sul Portale della Didattica entro i termini stabiliti per ciascun appello. ATTENZIONE: ci si deve prenotare esclusivamente per gli appelli di Matematica I e NON per quelli di Matematica (riservati agli studenti iscritti nel 2009-2010 al primo anno). ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 12/12/2008 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=73e8 Ore Aula

Matematica II (D.M. 509-a.a. 2008/2009)


Codice: M8006 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Maria Luisa Tonon Recapito: 0116702838 [marialuisa.tonon@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009

84

TESTI I testi consigliati si trovano nel programma del corso, nella sezione Materiale Didattico. In tale sezione sono reperibili inoltre il programma dettagliato del corso, una raccolta di esercizi relativi agli argomenti svolti e i temi desame assegnati dalla.a. 2000/2001. NOTA MODALITA DESAME: Lesame consiste in una prova scritta costituita da alcuni esercizi ed alcune domande di tipo teorico. Lorale obbligatorio per coloro che hanno ottenuto una votazione compresa tra 15/30 e 17/30. Lorale facoltativo per gli studenti che hanno riportato una votazione maggiore o uguale a 18/30. A partire dal prossimo a.a. 2009-2010, il corso di Matematica II NON sar pi attivato. Conformemente a quanto stabilito dal Regolamento Didattico di Facolt, ci saranno TRE APPELLI ogni anno per gli studenti che devono ancora sostenere lesame, nei mesi di FEBBRAIO, LUGLIO, SETTEMBRE. E obbligatoria la prenotazione sul Portale della Didattica entro i termini stabiliti per ciascun appello. ATTENZIONE: ci si deve prenotare esclusivamente per gli appelli di Matematica II e NON per quelli di Matematica (riservati agli studenti iscritti nel 2009-2010 al primo anno). ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/01/2009 al 20/03/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7656 Ore Aula

Materiali Ceramici (non attivato nella.a.2009/2010)


Codice: S8287 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Elio Giamello, Dott. Maria Cristina Paganini Recapito: 0116707574 [elio.giamello@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f386

Materiali Compositi a Matrice Metallica


Codice: M8057 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Livio Battezzati (Titolare del corso) Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI

85

Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14-Via Quarello 11

Ore

Aula

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=273b

Materiali Compositi a Matrice Metallica


Codice: S8671 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Livio Battezzati (Titolare del corso) Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza: http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=273b;sort=U2;search=509%203;hits=91 OBIETTIVI Lallievo dovr essere in grado di trattare le propriet dei compositi a matrice metallica usando i concetti di base sul comportamento meccanico dei materiali, le tecnologie di produzione ed applicazioni di questa classe di materiali. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenze sulle propriet, test, stato strutturale, applicazioni dei compositi a matrice metallica. PROGRAMMA Italiano Definizioni e tipi di Compositi a Matrice Metallica. Tecnologie di produzione Propriet dei compositi a fibra continua: comportamento sforzo-deformazione, tenacit, frattura. Propriet dei compositi a fibra discontinua: effetto della lunghezza della fibra. Interfacce fibra-matrice: propriet, reazioni, test meccanici. Applicazioni. Inglese Definition and type of Metal Matrix Composites. Production technology. Properties of long fibre composites: stress-strain behaviour, toughness, fracture. Properties of discontinuous fibre composites: effect of fibre length. Fibre-matrix interfaces: properties, reactions, mechanical tests. Applications.

86

TESTI Appunti forniti dal docente. NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta consistente in due domande a risposta aperta. Eventuale integrazione orale per definire il voto in caso la valutazione dello scritto sia dubbia o non esauriente. La valutazione si basa sul livello di acquisizione delle conoscenze sulle tipologie, propriet, test meccanici dei compositi a matrice metallica. ORARIO LEZIONI Giorni Ore Aula

Nota: vedere orario laurea triennale II quadrimestre 3 anno http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=8a10

Materiali Compositi a Matrice Polimerica


Codice: S8672 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Maria Paola Luda, Dott. Marco Zanetti (Titolare del corso) Recapito: 011/6707547 [marco.zanetti@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza: http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f341;sort=DEFAULT;search=;hits=129 ORARIO LEZIONI Giorni Ore Aula

Nota: Vedere orario laurea triennale II quadrimestre - 3 anno http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4e7a

Materiali Compositi a Matrice Polimerica


Codice: M8058 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Maria Paola Luda, Dott. Marco Zanetti Recapito: +39 011 6707556 [mariapaola.luda@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso introduce gli studenti alle principali classi di materiali compositi a matrice polimerica di importanza industriale: materiali compositi propriamente detti, nanocompositi a matrice polimerica e prodotti vernicianti. Per ogni classe verranno trattate: materie prime, propriet, metodologie di trasformazione, principali

87

applicazioni, con particolare riguardo alle relazioni propriet-struttura. Al termine del corso lo studente avr le competenze per selezionare i materiali pi adatti a particolari applicazioni e per progettare/modificare formulazioni di materiali compositi a matrice polimerica con propriet mirate corrispondentemente agli ambiti di applicazione RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper valutare le propriet dei principali sistemi vernicianti, Determinare la composizione dei principali sistemi vernicianti Avere dimestichezza con i principali materiali compositi strutturali a matrice polimerica e le loro propriet anche in relazione ai processi di lavorazione PROGRAMMA Italiano

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Generalit sui prodotti vernicianti (composizione: materiale polimerico, solventi cariche ed additivi) 2

2 Propriet chimiche e meccaniche di un prodotto verniciante 1

1 La base polimerica dei prodotti vernicianti: composizione e processo di reticolazione 3

3 Vernici all'acqua ed ad alto contenuto di solido 1

88

Metodi di deposizione dei prodotti vernicianti 1

1 Generalit sui materiali compositi a matrice polimerica (composizione, propriet meccaniche e cenni sulle propriet termiche elettriche) 2

2 Fibre (Vetro, carbonio, aramidi, viniliche, ecologiche) 1

1 Principali Matrici termoindurenti e termoplastiche 1

1 Tecnologie di trasformazione di compositi a matrice termoindurente e a matrice termoplastica 2

2 Nanocompositi a matrice polimerica: preparazione e propriet 2

2 Totale 16

16 Inglese

89

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Introduction to coatings their composition 2

2 Chemical and mechanical properties of coatings 1

1 Binders for conventional coatings 3

3 High solid and waterborne coatings 1

1 Film formation 1

1 Introduction to polymer composites (composition and mechanical properties) 2

2 Fibers (Glass fibers, carbon fibers, synthetic and eco-fibers),

90

1 Thermosetting and Thermoplastic polymer matrices 1

1 Main Processing techniques for composites production 2

2 Polymer Nanocomposites: preparation and properties 2

2 Totale 16

16 TESTI copia delle slides presentate a lezione. (richiedono la partecipazione alle lezioni teoriche) E fortemente consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: Hans Georg Helias "An introduction to Plastics" 2nd ed. Wiley WCH Weinheim 2003 Infine sono di seguito indicati siti internet di interesse: http://www.psrc.usm.edu/macrog/index.htm NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. La metodologia didattica impiegata consiste in lezioni frontali. Compatibilmente con le disponibilit di tempo e risorse verr organizzata una visita didattica ad uno stabilimento di produzione di materiali compositi e/o prodotti vernicianti. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame consiste in un colloquio orale in cui si discuteranno sia argomenti relativi ai prodotti vernicianti che ai compositi strutturali e nanocompositi trattati a lezione. Nel colloquio orale sono possibili domande su un argomento del corso a scelta dello studente. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Ore Aula

91

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f341

Materiali Inorganici Naturali


Codice: M8059 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Recapito: [] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2007/2008 NOTA Per lA.A. 2009/2010 il corso non sar attivato http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=afac

Materiali Metallici
Codice: M8030 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Livio Battezzati Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Programma dettagliato alla voce "Materiale Didattico" NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione-Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=93e6 Ore Aula

Materiali Metallici (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8549 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Marcello Baricco Recapito: 0116707569 [marcello.baricco@unito.it]

92

Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f674

Materiali Metallici con Laboratorio


Codice: MFN0666 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI In questo corso si intendono fornire allo studente le informazioni essenziali sulla struttura dei metalli e delle leghe e sulla loro elaborazione tramite trattamenti termici. Il corso prevede la trattazione formale della termodinamica delle leghe e dei meccanismi di formazione delle microstrutture in materiali metallici. La finalit ultima la comprensione dello sviluppo delle microstrutture che determinano le propriet di esercizio. La parte di laboratorio si propone di verificare con esperienze un diagramma di fase e le microstrutture delle relative leghe. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza dei difetti reticolari e del loro effetto sulle propriet meccaniche dei metalli. Saper leggere i diagrammi di stato metallurgici e conoscere il diagramma Fe-C. Avere una solida preparazione sulla termodinamica dei sistemi solidi e costruire i diagrammi di stato Essere familiari con le principali trasformazioni di fase dei sistemi metallici ed applicare i concetti alle varie tipologie di leghe descrivendo le trasformazioni di fase dei metalli attraverso le forze motrici termodinamiche e gli appropriati flussi di materia, di difetti e di calore. PROGRAMMA Italiano Riduzione degli ossidi e produzione dei metalli. Descrizione dei reticoli e dei difetti reticolari (dislocazioni, bordi di grano e tra fasi). Termodinamica di miscela e calcolo dei diagrammi di fase. Diagrammi di stato binari e ternari. Diagramma Fe-C Diffusione nei metalli. Teoria della nucleazione e crescita dei cristalli. Trasformazioni di fase: curve TTT e CCT. Trattamenti termici e termochimici delle leghe. Cinetica delle trasformazioni di fase (solidificazione, precipitazione, eutettoide, martensite). Tipologie di leghe di Fe, Al, Cu, Ti, speciali. Esperienze di laboratorio: costruzione di un diagramma di stato, osservazione delle microstrutture e prove di durezza. Inglese Oxide reduction and production of metals. Lattices in metals. Lattice defects (dislocations, grain- and inter-phase boundaries). Thermodynamica of mixing and calculation of phase diagrams. Binary and ternary phase diagrams. Fe-C phase diagram. Diffusion in metals. Theory of nucleation and growth of crystals. Phase transformations: TTT and CCT curves. Thermal and thermo-chemical treatments for alloys. Kinetics of phase transformations (solidification, precipitation, eutectoid, martensitic). Types of alloys of Fe, Al, Cu, Ti, special alloys. Laboratory work: construction of a phase diagram, observation of microstructures, hardness tests.

93

TESTI . D. Callister, Scienza ed Ingegneria dei Materiali, EdiSES, Napoli, 2002. Appunti del docente anche disponibili sulla pagina web personale. D. A. Porter, K. E. Easterling, Phase Transformations in Metals and Alloys, Chapman and Hall, London, 1992. NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta consistente in tre domande a risposta aperta ed eventualmente una domanda opzionale. Eventuale integrazione orale per definire il voto in caso la valutazione dello scritto sia dubbia o non esauriente. La valutazione si basa sul livello di acquisizione delle conoscenze su struttura e difetti dei metalli, produzione dei metalli, diagrammi di fase, tipologia delle fasi e loro trasformazioni, vari tipi di leghe. E disponibile in rete una tipologia di domande. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=781a

Materiali metallici laboratorio


Codice: S8550 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Paola Rizzi (Titolare del corso) Recapito: +39 011 6707565 [paola.rizzi@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di applicare le tecniche di caratterizzazione microstrutturale, meccanica, diffrazione di raggi X ed analisi termica a problematiche di interesse metallurgico. PROGRAMMA Pre-requisiti (in ingresso): Metallurgia Propriet meccaniche dei materiali metallici Processi e impianti metallurgici Competenze minime (in uscita): Capacit di analizzare materiali metallici dal punto di vista meccanico, microstrutturale e strutturale

Argomento OreLez. OreEsercitazioni Ore Laboratorio Totale Ore di Car. Didattico Caratterizzazione microstrutturale di materiali metallici 12 12 Caratterizzazione strutturale di materiali metallici 10 10 Caratterizzazione meccanica di materiali metallici 10 10 TOTALE ORE 32 32 TESTI Dispense fornite dal docente

94

NOTA Lesame si svolge, di norma, come segue: 1)Valutazione sulla capacit di acquisizione di competenze sperimentali durante le esperienze 2)relazione scritta sulle esperienze di laboratorio, da consegnare prima dellesame 3)discussione orale sullelaborato http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=a3c8

Materiali Organici
Codice: MFN0753 CdL: Magistrale Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/06 - chimica organica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: conoscenza pratica e di base dei sistemi anfifilici capacit di individuare tensioattivi per la soluzione di problemi pratici gli elementi di raffronto tra le celle solari al silicio nelle loro tre tipologie fondamentali e le celle sensibilizzate a colorante o celle di Graetzel. conoscenza del ruolo del sensibilizzatore nel funzionamento delle celle solari di Graetzel e dei parametri strutturali su cui si pu agire per modulare le propriet ottiche e redox. conoscenza dellarchitettura di una cella solare di Graetzel. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente al termine del corso possieder: la conoscenza dei sistemi tensioattivi dal punto di vista teorico la conoscenza delle applicazioni pratiche dei tensioattivi la pratica di laboratorio nella determinazione di cmc di tensioattivi e nella manipolazione dei sistemi che li contengono Fondamenti sulle capacit autoorganizzative di materiali organici Fondamenti sulleffetto fotovoltaico conoscenza delle celle di Graetzel, e delle sue componenti, con particolare rilevanza riguardo al materiale organico PROGRAMMA Italiano Tensioattivi: Generalit. Chimica Fisica delle Interfacce: Definizioni, Energia Libera Superficiale, Angolo di Contatto, Spargimento, Effetto dei Tensioattivi sulle Propriet delle Soluzioni, Adsorbimento alle Interfacce, Micelle, Concentrazione Critica Micellare (CMC), Numero di Aggregazione, Effetto della Struttura di un Tensioattivo sulla CMC e sulla Dimensione delle Micelle, Geometria degli Aggregati, Tensione Superficiale: Metodi di misura, Problemi connessi con la Tecnica di Misura. Effetto della Struttura di un Tensioattivo sui Comportamenti alle Interfasi Dispersione di Solidi e Liquidi. Solubilizzazione. Tensioattivi Fluorurati, Alchilpoliglucosidi, Esterquats, Tensioattivi Idrolizzabili, Tensioattivi Gemini. Nuovi Tensioattivi:

Materiali Organici per l'Energia Solare: Fonti energetiche rinnovabili (idrogeno, eolico, solare) a confronto, solare termico, l'effetto fotoelettrico ed il solare fotovoltaico, celle fotovoltaiche convenzionali al silicio, celle solari di seconda e terza generazione, principi di funzionamento e confronto delle prestazioni, celle fotovoltaiche sensibilizzate a coloranti, sensibilizzatori organici ed organometallici, celle solari tandem per la cogenerazione di idrogeno.

95

Inglese Surfactants: Surfactants: General Aspects. Physical chemistry of the Interfaces. Definitions, Surface Free Energy, Contact Angle, Spreading. Surfactant Effects on the Solution Properties. Adsorption at the Interfaces. Micelles: Critical Micellar Concentration (CMC), Aggregation Number. Surfactant Structure Effects on the Micellar Shape, Micellar Shape. Surface Tension: Measuring Methods and their Problems. Surfactant Structure Effect on the Behaviour at the Interfaces, Dispersion, Solubilisation. Classification of Surfactants. Fluorinated Surfactants. Novel Surfactants: Alkylpolyglucosides, Esterquats, Cleavable Surfactants, Gemini Surfactants.

Organic Materials for Photovoltaic Applications:

An overview of renewable Energy sources (hydrogen, eolic, photovoltaic). Solar thermal approach. Photoelectric effet and the solar photovoltaic approach. Silicon photovoltaic cells, second and third generation photovoltaic cells. Working principle and performance comparison. Dye Sensitized Solar Cells (DSSC). Al organic and organometallic sensitizers. Tandem solar cells for hydrogen cogeneration. . TESTI Il materiale didattico presentato a lezione disponibile presso il docente e sul sito del corso di laurea Appunti preparati dal docente, disponibili in formato informatico (PDF, CD Web-based, Animazioni in Flash) Bibliografia di Interesse: Surfactants and Interfacial Phenomena, M.J. Rosen, John Wiley and Sons, 1989, New York Photovoltaic Solar Energy Generation, A. Goetzberger, V. U. Hoffmann, Springer-Verlag 2005 Berlino NOTA Insegnamento dellIndirizzo Teorico. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Propedeuticit Corso di Chimica Generale ed Inorganica con Laboratorio. Corso di Chimica Organica con Laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=24ac

Materiali Organici Avanzati -non attivato nella.a.2009/2010


Codice: S8289 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Pierluigi Quagliotto, Prof. Guido Viscardi Recapito: 0116707593 [pierluigi.quagliotto@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=2e9b

96

Materiali Organici con Laboratorio


Codice: MFN0752 CdL: Magistrale Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 6 SSD: CHIM/06 - chimica organica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: conoscenza pratica e di base dei sistemi anfifilici capacit di individuare tensioattivi per la soluzione di problemi pratici gli elementi di raffronto tra le celle solari al silicio nelle loro tre tipologie fondamentali e le celle sensibilizzate a colorante o celle di Graetzel. conoscenza del ruolo del sensibilizzatore nel funzionamento delle celle solari di Graetzel e dei parametri strutturali su cui si pu agire per modulare le propriet ottiche e redox. conoscenza dellarchitettura di una cella solare di Graetzel. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lo studente al termine del corso possieder: la conoscenza dei sistemi tensioattivi dal punto di vista teorico la conoscenza delle applicazioni pratiche dei tensioattivi la pratica di laboratorio nella determinazione di cmc di tensioattivi e nella manipolazione dei sistemi che li contengono Fondamenti sulle capacit autoorganizzative di materiali organici Fondamenti sulleffetto fotovoltaico conoscenza delle celle di Graetzel, e delle sue componenti, con particolare rilevanza riguardo al materiale organico PROGRAMMA Italiano Lezioni in aula:

Tensioattivi: Tensioattivi: Generalit. Chimica Fisica delle Interfacce: Definizioni, Energia Libera Superficiale, Angolo di Contatto, Spargimento, Effetto dei Tensioattivi sulle Propriet delle Soluzioni, Adsorbimento alle Interfacce, Micelle, Concentrazione Critica Micellare (CMC), Numero di Aggregazione, Effetto della Struttura di un Tensioattivo sulla CMC e sulla Dimensione delle Micelle, Geometria degli Aggregati, Tensione Superficiale: Metodi di misura, Problemi connessi con la Tecnica di Misura. Effetto della Struttura di un Tensioattivo sui Comportamenti alle Interfasi Dispersione di Solidi e Liquidi. Solubilizzazione. Tensioattivi Fluorurati, Alchilpoliglucosidi, Esterquats, Tensioattivi Idrolizzabili, Tensioattivi Gemini. Nuovi Tensioattivi:

Materiali Organici per l'Energia Solare: Fonti energetiche rinnovabili (idrogeno, eolico, solare) a confronto, solare termico, l'effetto fotoelettrico ed il solare fotovoltaico, celle fotovoltaiche convenzionali al silicio, celle solari di seconda e terza generazione, principi di funzionamento e confronto delle prestazioni, celle fotovoltaiche sensibilizzate a coloranti, sensibilizzatori organici ed organometallici, celle solari tandem per la cogenerazione di idrogeno.

97

Esercitazioni in Laboratorio:

Laboratorio: Misure di CMC mediante Spettroscopia Ultravioletta, Fluorescenza, Conducibilit e Tensione Superficiale.

Inglese Surfactants: Surfactants: General Aspects. Physical chemistry of the Interfaces. Definitions, Surface Free Energy, Contact Angle, Spreading. Surfactant Effects on the Solution Properties. Adsorption at the Interfaces. Micelles: Critical Micellar Concentration (CMC), Aggregation Number. Surfactant Structure Effects on the Micellar Shape, Micellar Shape. Surface Tension: Measuring Methods and their Problems. Surfactant Structure Effect on the Behaviour at the Interfaces, Dispersion, Solubilisation. Classification of Surfactants. Fluorinated Surfactants. Novel Surfactants: Alkylpolyglucosides, Esterquats, Cleavable Surfactants, Gemini Surfactants.

Organic Materials for Photovoltaic Applications:

An overview of renewable Energy sources (hydrogen, eolic, photovoltaic). Solar thermal approach. Photoelectric effet and the solar photovoltaic approach. Silicon photovoltaic cells, second and third generation photovoltaic cells. Working principle and performance comparison. Dye Sensitized Solar Cells (DSSC). Al organic and organometallic sensitizers. Tandem solar cells for hydrogen cogeneration.

Laboratory Practice:

Practice in the lab: CMC measurements of surfactants using UV Spectroscopy, Fluorescence, Conductivity and Surface Tension. .

TESTI Il materiale didattico presentato a lezione disponibile presso il docente e sul sito del corso di laurea Appunti preparati dal docente, disponibili in formato informatico (PDF, CD Web-based, Animazioni in Flash) Bibliografia di Interesse: Surfactants and Interfacial Phenomena, M.J. Rosen, John Wiley and Sons, 1989, New York Photovoltaic Solar Energy Generation, A. Goetzberger, V. U. Hoffmann, Springer-Verlag 2005 Berlino. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Sperimentale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta e relazione di laboratorio

98

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7e72

Materiali Polimerici
Codice: MFN0743 CdL: Magistrale Docente: Prof. Oscar Chiantore (Titolare del corso) Recapito: 011 6707558 [oscar.chiantore@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/04 - chimica industriale Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza: http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=5388;sort=U2;search=magistrale;hits=17 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire gli strumenti per la comprensione delle relazioni struttura-propriet dei materiali polimerici, trattate sia sotto laspetto delle caratteristiche molecolari che da quello termodinamico. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Essere in grado di riconoscere formule e strutture molecolari delle principali classi di polimeri di interesse industriale e applicativo. Saper interpretare il comportamento fisico (meccanico, termico, elettrico, ecc.) e chimico in base alle loro caratteristiche chimiche e molecolari. Utilizzare le principali tecniche di indagine per sistemi polimerici PROGRAMMA Italiano Lo stato solido nei polimeri - Polimeri amorfi. Teoria del volume libero. La temperatura di transizione vetrosa. Elastomeri e gomme. Termodinamica e teoria molecolare.dell'alta elasticit. Polimeri cristallini: meccanismi, termodinamica e cinetica dei processi di cristallizzazione.

Soluzioni polimeriche: basi termodinamiche. Teoria di Flory-Huggins. Il parametro di interazione. Fenomeni di trasporto: diffusione e moto browniano, Sedimentazione, Viscosit. Miscele polimeriche: termodinamica di mescolamento. Compatibilit - Leghe polimeriche.

Inglese Solid state in polymers Amorphous polymers. Free volume theory. Glasst transtion temperature Elastomers and rubbers. Thermodynamics and molecular theory of high elasticity. Cristalline polymers: mechanisms, thermodynamics and kinetics of crystallization in polymers.

Polymer solutions. Flory-Huggins theory. Interaction parameter. Transport phenomena: diffusion, brownian motion, sedimentation, viscosity. Polymer blends: mixing, compatibility.

99

TESTI - Appunti delle lezioni (http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/) - "Fondamenti di Scienza dei polimeri", a cura di M. Guaita, F. Ciardelli, F. La Mantia, E. Pedemonte, Piccin, Padova 1998 - S. Brckner, G. Allegra, M. Pegoraro, F. La Mantia, "Scienza e tecnologia dei materiali polimerici", EdiSES, napoli 2001 NOTA Insegnamento dellIndirizzo Teorico. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame orale. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=92ed

Materiali Polimerici con Laboratorio


Codice: MFN0742 CdL: Magistrale Docente: Prof. Oscar Chiantore (Titolare del corso), Prof. Maria Paola Luda (Titolare del corso) Recapito: 011 6707558 [oscar.chiantore@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/04 - chimica industriale Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire gli strumenti per la comprensione delle relazioni struttura-propriet dei materiali polimerici, trattate sia sotto laspetto delle caratteristiche molecolari che da quello termodinamico. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Essere in grado di riconoscere formule e strutture molecolari delle principali classi di polimeri di interesse industriale e applicativo. Saper interpretare il comportamento fisico (meccanico, termico, elettrico, ecc.) e chimico in base alle loro caratteristiche chimiche e molecolari. Utilizzare le principali tecniche di indagine per sistemi polimerici PROGRAMMA Italiano Lo stato solido nei polimeri - Polimeri amorfi. Teoria del volume libero. La temperatura di transizione vetrosa. Elastomeri e gomme. Termodinamica e teoria molecolare.dell'alta elasticit. Polimeri cristallini: meccanismi, termodinamica e cinetica dei processi di cristallizzazione. Soluzioni polimeriche: basi termodinamiche. Teoria di Flory-Huggins. Il parametro di interazione. Fenomeni di trasporto: diffusione e moto browniano, Sedimentazione, Viscosit. Miscele polimeriche: termodinamica di mescolamento. Compatibilit - Leghe polimeriche. Reologia delle molecole polimeriche. Viscoelasticit lineare. Misure dinamico-meccaniche. Polimeri per applicazioni speciali: film, membrane, materiali per l'energia. Sistemi nanostrutturati: nanocompositi, templanti, ibridi organico-inorganici. Esperienze di Laboratorio: 1a) DMA statica e dinamica, transizioni, effetto frequenza 1b) Creep e stress relaxation, sovrapposizione tempo temperatura (TTS) 2) uso della calorimetria differenziale a scansione (DSC) nello studio della miscibilit di sistemi polimerici 3) uso dell'analisi termogravimetrica nella caratterizzazione dei materiali polimerici 4) uso della spettroscopia IR nell'analisi di sistemi polimerici; metodi di preparazione di campioni polimerici Inglese Solid state in polymers Amorphous polymers. Free volume theory. Glasst transtion temperature Elastomers and rubbers. Thermodynamics and molecular theory of high elasticity. Cristalline polymers:

100

mechanisms, thermodynamics and kinetics of crystallization in polymers. Polymer solutions. Flory-Huggins theory. Interaction parameter. Transport phenomena: diffusion, brownian motion, sedimentation, viscosity. Polymer blends: mixing, compatibility. Rheology of polymer systems. Linear viscoelasticity. Dinamic mechanical measurements. Polymers for advanced applications: films, membranes, materials for energy conversion. Nanostructured polymer systems, nanocomposites, organic-inorganic hybrid systems. Laboratory: 1a) static and dynamic DMA, transitions, frequency effect 1b) Creep and stress relaxation, time-temperature superposition (TTS) 2) use of DSC in determining mutual miscibility of polymer systems 3) use of thermogravimetry in polymer characterization 4) use of IR spectroscopy in polymer characterization, sample preparation TESTI - Appunti delle lezioni (http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/) - "Fondamenti di Scienza dei polimeri", a cura di M. Guaita, F. Ciardelli, F. La Mantia, E. Pedemonte, Piccin, Padova 1998 - S. Brckner, G. Allegra, M. Pegoraro, F. La Mantia, "Scienza e tecnologia dei materiali polimerici", EdiSES, napoli 2001 NOTA Insegnamento dellIndirizzo Sperimentale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni in aula ed esercitazioni di laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame orale, comprendente la discussione della relazione di laboratorio ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=5388 Ore Aula

Materiali Semiconduttori
Codice: S8551 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Carlo Lamberti, Prof. Ettore Vittone Recapito: 0116707841 [carlo.lamberti@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Finalit del corso: Approfondimento dellimpiego dei materiali semiconduttori nella realizzazione e nel funzionamento di dispositivi elettronici ed optoelettronici RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Obiettivo del corso portare lo studente a: possedere una buona conoscenza delle tecniche di sintesi del silicio e fabbricazione di alcuni dei pi importanti dispositivi per la microelettronica. possedere una buona conoscenza su : (i) le tecniche di crescita epitassiale di strutture binarie, ternarie e quaternarie e di eterostrutture di semiconduttori III-V e II-VI; (ii) concetti basilari della teoria della enucleazione 3D e 2D; (iii) le tecniche di caratterizzazione delle eterostrutture, con particolare attenzione alla qualit delle interfacce. (iv) concetti fondamentali riguardanti la struttura e il funzionamento di alcuni dispositivi fondamentali della microelettronica (MOS, MOSFET...) (v) elementi della tecnologia di sintesi e microfabbricazione di dispositivi di silicio per la microelettronica

101

PROGRAMMA Il corso suddiviso in due moduli: Nel secondo modulo (Prof. C. Lamberti, 1 CFU), verranno illustrate le basi delle tecniche di crescita epitassiali utilizzate per realizzare eterostrutture quantistiche per dispositivi optoelettronici e le tecniche di caratterizzazione delle medesime. Nel primo modulo (Prof. E. Vittone, 2 CFU), verranno illustrati i principali metodi di sintesi del silicio di grado elettronico e le attuali tecniche di fabbricazione di dispositivi per la microelettronica. Nel corso delle lezioni verranno organizzati alcuni seminari tenuti da personale dei dipartimenti di Ricerca e Sviluppo di alcune societ operanti nel settore della microelettronica. I dettagli del programma, opie dei lucidi proiettati a lezione sono disponibili http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/Materiali%20semiconduttori/index_mat-semicond_09-10.html TESTI Per il secondo modulo: S.M.Sze, "Semiconductor Devices, Physics and Technology, 2nd edition", John Wiley and Sons, USA, 2002 NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 09/10/2009 al 26/11/2009 Nota: Per il secondo modulo: Orario Lezioni: Luned 2.11.2009, ore 14-16, Aula Wick, via P. Giuria 1 Marted 3.11.2009, ore 16-18, Aula Avogadro, via P. Giuria 1 Mercoled 4.11.2009, ore 14-16, Aula Avogadro, via P. Giuria 1 Gioved 5.11.2009, ore 14-16, Aula Avogadro, via P. Giuria 1 Venerd 6.11.2009, ore 14-16, Aula D, via P. Giuria 1 Mercoled 11.11.2009, ore 14-16, Aula G, via P. Giuria 1 Gioved 12.11.2009, ore 14-16, Aula Avogadro, via P. Giuria 1 Venerd 13.11.2009, ore 14-16, Aula D, via P. Giuria 1 Seguiranno seminari interni e visita presso i laboratori STMicroelectronics e INRIM http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1360 Ore Aula in

Materiali Semiconduttori-Laboratorio (non attivato nella.a.2009/2010)


Codice: S8552 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Ettore Vittone Recapito: 011/6707371 [vittone@ph.unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2008/2009

102

OBIETTIVI Le finalit del corso sono: introdurre gli allievi ad alcune tecniche per la caratterizzazione dei materiali semiconduttori. fornire la capacit di analisi dei dati, di interpretazione fisica dei risultati, proponendo una dettagliata relazione analitica RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Obiettivo del corso portare lo studente a: saper eseguire correttamente una misurazione di una grandezza fisica e verificare la validit fisica dei dati ottenuti possedere una buona padronanza della strumentazione utilizzata in laboratorio e delle relative tecniche sperimentali. Le tecniche a disposizione riguarderanno la caratterizzazione di transistori a stato solido e misure di fotoconducibilit per la determinazione della gap energetica di un semiconduttore. PROGRAMMA Il programma dettagliato riportato nella pagina WEB http://www.dfs.unito.it/solid/Didattica/index_didattica.html Modalit desame Modalit di verifica/esame La valutazione finale si svolger al termine del corso di laboratorio e verter Per 15/30 sulla valutazione del lavoro svolto in laboratorio in base a - Frequenza dei singoli studenti alle attivit di laboratorio - Comportamento del gruppo in laboratorio - Rispetto delle norme di sicurezza illustrate all'inizio del corso. - Quanto descritto nel quaderno di laboratorio sia per quanto riguarda la corretta esecuzione delle misurazioni che l'analisi dei dati. Le relazioni devono essere consegnate entro il 19 giugno 2009. Per 15/30 su un colloquio individuale e/o prova pratica riguardante una delle attivit svolte in laboratorio.

TESTI [1] A.S.Grove: "Fisica e Tecnologia dei dispositivi a semiconduttore", Franco Angeli editore, Milano 1993 [2] University of California at Berkeley, Physics 111 Laboratory, Basic Semiconductor Circuits (BSC) http://ist-socrates.berkeley.edu/~phylabs/bsc/PDFFiles/bsc5.pdf [3] John H. Scofield, "A Frequency-Domain Description of a Lock-in Amplifier", American Journal of Physics 62 (2) 129-133 (Feb. 1994).(Traduzione di S. Contini: Descrizione del funzionamento di un lock-in amplifier) [4] A. Sconza, G. Torzo, "Spectroscopic measurement of the semiconductor energy gap", American Journal of Physics 62 (8) 732 (aug. 1994). NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=d975

Meccanica e Onde (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: M8069 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Alessandra Romero, Dott. Nicola Carlo Amapane (Esercitatore) Recapito: +39 0116707302/7392 [alessandra.romero@unito.it] Tipologia: Di base Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 9 Anno accademico: 2008/2009

103

NOTA materiale didattico si trova partendo da http://www.ph.unito.it/%7Eromero/ e andando su appunti per il corso di meccanica e onde http://www.ph.unito.it/%7Eromero/Scienze-materiali-appunti/sc-materiali-appunti.html ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/01/2009 al 20/03/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=0c99 Ore Aula

Meccanica Quantistica
Codice: M8025 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Carlo Angelantonj (Titolare del corso) Recapito: 011 670 7220 [carlo.angelantonj@to.infn.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/02 - fisica teorica, modelli e metodi matematici Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Acquisizione delle nozioni di Meccanica Quantistica indispensabili per lo studio di sistemi microscopici. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza dei principi della Meccanica Quantistica; Capacit di applicare il formalismo della Meccanica Quantistica alla risoluzione di problemi fisici. PROGRAMMA - Introduzione storica - I postulati della Meccanica Quantistica - Rappresentazioni di Schroedinger e di Heisenberg - Oscillatore armonico unidimensionale - Momento angolare e spin - Atomi idrogenoidi - Struttura fine ed effetto Zeeman - Teoria delle perturbazioni - Sistemi di particelle identiche TESTI P.T. Matthews, "Introduzione alla Meccanica Quantistica", Zanichelli NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/01/2009 al 20/03/2009 Nota: le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione- Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4097 Ore Aula

104

Meccanica Statistica (D.M. 509 a.a. 2008/2009)


Codice: S8285 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Ferdinando Gliozzi Recapito: 0116707218 [gliozzi@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 PROGRAMMA Il corso studia le basi statistiche della termodinamica, discutendo in particolare lapproccio allequilibrio, il principio ergodico, la teoria degli insiemi statistici. Si applicano questi metodi generali allo studio del corpo nero, dei gas ideali di Bose e di Fermi con applicazioni agli elettroni di conduzione in un metallo, al fenomeno della condensazione di Bose-Einstein , alla teoria di Debye dei calori specifici dei solidi e allo studio dell moto browniano. Il corso e mutuato dalla prima meta del corso di Meccanica Statistica per la laurea mgistrale in Fisica delle interazioni fondamentali

TESTI D. Chandler, Introduction to Modern Statistical Mechanics, Oxford U..P. NOTA Metodo di verifica: Prova scritta ORARIO LEZIONI Giorni Marted Mercoled Gioved Ore 11:00 - 13:00 11:00 - 13:00 11:00 - 13:00 Aula Sala Franzinetti Dipartimento di Fisica Sala Franzinetti Dipartimento di Fisica Sala Franzinetti Dipartimento di Fisica

Lezioni: dal 30/09/2008 al 28/10/2008 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f495

Meccanica statistica e quantistica


Codice: MFN0740 CdL: Magistrale Docente: Dott. Mariaelena Boglione (Titolare del corso), Prof. Ferdinando Gliozzi (Titolare del corso) Recapito: 011 - 6707213 [boglione@to.infn.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: FIS/02 - fisica teorica, modelli e metodi matematici Anno accademico: 2009/2010

105

OBIETTIVI Fornire una formulazione completa della meccanica statistica e della meccanica quantistica molecolare che sia idonea alle esigenze formative della laurea magistrale e garantisca lacquisizione da parte dello studente delle conoscenze necessarie per le applicazioni a sistemi fisici di interesse teorico e applicativo. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Acquisizione delle fondamentali tecniche di meccanica quantistica e statistica per la risoluzione di semplici problemi. PROGRAMMA Italiano Il corso e' suddiviso in due moduli. Il primo tratta delle basi statistiche della termodinamica, discutendo in particolare lapproccio allequilibrio, il principio ergodico, la teoria degli insiemi statistici e le transizioni di fase. Si studiano vari sistemi statistici: i gas ideali di Bose e di Fermi e i sistemi magnetici. Il secondo modulo del corso si propone di sviluppare le tecniche della teoria delle perturbazioni (indipendenti e dipendenti dal tempo) e di applicarle allo studio dei sistemi a molti corpi, quali molecole, atomi multi elettronici e cristalli.

Inglese The course is divided into two modules. One deals with the statistical bases of the thermodynamics. In particular it describes the approach to equilibrium, the ergodic principle, the theory of statistical ensembles and the phase transitions. We study a variety of statistical systems, like the ideal Bose and Fermi gases and magnetic systems. The second module introduces the basics of perturbation theories (both time independent and time independent) and their implementation in the framework of many-body systems like molecules, multi-electron atoms and crystals. . TESTI David Chandler, "Introduction to Modern Statistical mechanics" Oxford University Press. P. W. Atkins, R.S. Friedman, "Meccanica quantistica Molecolare", Zanichelli NOTA Insegnamento dellIndirizzo Sperimentale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali ed esercitazioni. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Scritto e orale separati con unico voto finale ORARIO LEZIONI Giorni Luned Venerd Ore 11:00 - 13:00 11:00 - 13:00 Aula Sala Franzinetti Dipartimento di Fisica Aula Verde Dipartimento di Fisica

Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7d57

106

Metallurgia
Codice: MFN0741 CdL: Magistrale Docente: Prof. Marcello Baricco (Titolare del corso), Dott. Paola Rizzi (Titolare del corso) Recapito: 0116707569 [marcello.baricco@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire un approfondimento sulle principali tipologie di leghe di interesse industriale, sui principali processi metallurgici, sulle principali propriet dei materiali metallici e sulla loro caratterizzazione. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Descrizione delle principali tipologie di leghe industriali e delle principali propriet dei materiali metallici. PROGRAMMA Italiano Lezioni Propriet meccaniche dei materiali metallici Prove meccaniche, curva sforzo-deformazione. Deformazione elastica Moduli elastici Deformazione plastica- Propriet delle dislocazioni. Energia, interazioni.Meccanismi di rafforzamento, relazione tra microstruttura e propriet meccaniche Frattura duttile e fragile Altre prove meccaniche fatica, scorrimento viscoso, usura I metalli e le leghe di interesse industriale - Aspetti tecnologici ed economici Leghe ferrose - Curve TTT e CCT - Trattamenti termici e termochimici degli acciai Effetto degli elementi aggiunti al Fe - Classificazione degli acciai - Acciai al C, acciai rapidi, acciai inossidabili Ghise Leghe non-ferrose - Leghe leggere - Bronzi ed ottoni - Leghe per alte temperature - Leghe per usi speciali - Leghe per usi magnetici Trattamenti di metalli e leghe - Cicli produttivi dei materiali metallici - Solidificazione in lingottiere ed in stampi - Lavorazioni plastiche a caldo - Lavorazioni plastiche a freddo - Lavorabilit dei materiali metallici Caratterizzazione dei materiali metallici - Controlli non-distruttivi Processi metallurgici Termodinamica metallurgica, estrazione dal minerale Altoforno, affinamento, elettrometallurgia. Affinazione dell'acciaio Metallurgia dell'alluminio e del rame. Trattamenti di metalli e leghe Cicli produttivi dei materiali metallici. Solidificazione in lingottiere ed in stampi. Lavorazioni plastiche a caldo Lavorazioni plastiche a freddo Lavorabilit dei materiali metallici Corrosione e protezione dei materiali metallici Corrosione elettrochimica Ossidazione- Protezione dei materiali metallici. Stagnatura e zincatura Caratterizzazione dei materiali metallici Controlli non-distruttivi Riciclo dei prodotti metallici Normativa dei materiali metallici Laboratorio Esperienze sulla applicazione di tecniche di caratterizzazione metallografia, meccanica, diffrazione di raggi X ed analisi termica a problematiche di interesse industriale. Inglese Lectures Mechanical properties of metals. Mechanical tests, stress-strain curves. Elastic deformation, elastic modulus. Plastic deformation. Dislocations properties. Energy, interactions. Strengthening mechanisms, microstructures-mechanical properties relationship. Brittle and ductile fracture. Other mechanical properties: fatigue, creep, wear. Industrial alloys Econmical aspevts Forrous alloys TTT and CCT curves Therma and thermochemical treatments of steels Effect of steel coposition Steel classification Carbon steels, high speed steels, stainless steels Cast iron Non ferrous alloys Light alloys Brasses and bronzes High temperature alloys Special alloys Magnetic alloys Metallurgy processes: thermodynamic, extraction. Blast furnaces, refining, electrometallurgy. Refining of steel. Metallurgy of aluminium and copper. Treatments of metals and alloys. Production of metallic materials. Solidification in moulds. Hot working and cold plastic processing. Metals workability. Corrosion and protection of metals. Electrochemical corrosion. Oxidation. Tinning and zincing. Characterization of metals. Non-destructive controls Recycling of metals. Regulation of metallic materials Laboratory Case studies: application of characterisation techniques (mechanical, microstructural) to specific metallic materials.

107

. TESTI W.Nicodemi - "Metallurgia" e "Acciai e Leghe non ferrose" - Zanichelli seconda ed. (2007-2008) R.A.Higgins "Engineering Metallurgy" - E.Arnold ed. (1993) A.G.Guy, J.J.Hren - "Elements of Physical Metallurgy"Addison-Wesley Ed. (1974) R.Smallman - "Modern Physical Metallurgy" - Butterworths Ed. D.A.Porter, K.E.Easterling - "Phase Transformations in Metals and Alloys" - Van Nostrand Reinhold Ed. (1982) M.F.Ashby, D.R.H.Jones "Engeneering Materials 1", Pergamont Press (1980) NOTA Insegnamento comune ai due indirizzi. Tipologia insegnamento Tradizionale- Lezione e laboratorio Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Esame orale e relazione scritta di laboratorio ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 Nota: Il laboratorio si terr il secondo semestre http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=d3f5 Ore Aula

Metallurgia (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8553 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Marcello Baricco Recapito: 0116707569 [marcello.baricco@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=665e

Metodi Matematici e Meccanica Quantistica


Codice: MFN0659 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: FIS/02 - fisica teorica, modelli e metodi matematici Anno accademico: 2010/2011 OBIETTIVI Acquisizione delle nozioni di Analisi Complessa ed Armonica e di Meccanica Quantistica indispensabili per lo studio di sistemi quantistici.

108

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Capacita di calcolare integrali e risolvere equazioni differenziali nel campo complesso; Conoscenza delle proprieta e delle principali applicazioni delle trasformate di Fourier e Laplace; Conoscenza dei principi della Meccanica Quantistica; Capacita di applicare il formalismo della Meccanica Quantistica alla risoluzione di problemi fisici. PROGRAMMA Italiano Programma di Metodi Matematici della Fisica - Funzioni analitiche - Calcolo di integrali nel campo complesso Equazioni differenziali lineari in campo complesso - Serie di Fourier - Trasformate di Fourier - Trasformate di Laplace - Operatori lineari e spazi vettoriali Programma di Meccanica Quantistica - Introduzione storica - I postulati della Meccanica Quantistica - Rappresentazioni di Schroedinger e di Heisenberg - Oscillatore armonico unidimensionale - Momento angolare e spin - Atomi idrogenoidi - Struttura fine ed effetto Zeeman - Sistemi di particelle identiche Inglese Mathematical Methods for Physics - Analytic functions - Evaluation of integrals in the complex domain - Linear differential equations - Fourier series - Fourier transform - Laplace transform - Vector spaces and linear operators Quantum Mechanics - Historical introduction - The Postulates of Quantum Mechanics - Schroedinger and Heisenberg pictures - One-dimensional harmonic oscillator - Angular momentum and spin - Hydrogen-like atoms - Finite structure and Zeeman effect - Systems of identical particles . TESTI Dispense fornite dai docenti J. Bak, D. J. Newman "Complex analysis", Springer-Verlag J.J. Sakurai, "Meccanica Quantistica Moderma", Zanichelli C. Cohen-Tannoudyij, B. Diu, F. Laoe, "Quantum Mechanics", John Wiley and Sons L.Schiff, "Meccanica Quantistica", Edizioni Scientifiche Einaudi NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni in aula, con svolgimento di esercizi e risoluzione di problemi. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame consiste di uno scritto, riguardante entrambe le parti ed un orale riguardante solo la parte di Meccanica Quantistica. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=76ba

Metodi Matematici per la Fisica


Codice: M8021 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Marialuisa Frau (Titolare del corso) Recapito: +39 011 6707240 [frau@to.infn.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: FIS/02 - fisica teorica, modelli e metodi matematici Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Acquisizione delle nozioni di Analisi Complessa ed Armonica indispensabili per lo studio di sistemi quantistici.

109

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Conoscenza delle principali proprieta delle funzioni analitiche, delle serie e delle trasformate di Fourier. Capacita di risolvere alcune classi di integrali e di equazioni differenziali. PROGRAMMA - Funzioni analitiche - Calcolo di integrali nel campo complesso - Equazioni differenziali lineari in campo complesso - Serie di Fourier - Trasformate di Fourier - Cenni sulla distribuzione delta di Dirac

TESTI Sono disponibili le dispense del corso. NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale: Lezioni frontali in aula. La frequenza alle lezioni fortemente consigliata. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 11/12/2009 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione-Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=bceb Ore Aula

Metodologie e Caratterizzazione dei Materiali Polimerici (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8554 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Valentina Brunella, Prof. Maria Paola Luda Recapito: 011 6707546 [valentina.brunella@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 Avvalenza:
http://chimicaindustriale.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=58d8;sort=DEFAULT;search=%7bdocente%7d%20%3d%7e%20%2f%5cbmluda%5cb%2f;hits=3

NOTA ORARIO LEZIONI

110

Giorni Luned Gioved

Ore 16:00 - 18:00 14:00 - 16:00

Aula

Lezioni: dal 17/11/2008 al 22/01/2009 Nota: Via P. Giuria 7, auletta II http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=67c0

Metodologie e Caratterizzazione dei Materiali Polimerici-Laboratorio (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8555 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Maria Paola Luda, Dott. Valentina Brunella Recapito: +39 011 6707556 [mariapaola.luda@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: CHIM/05 - scienza e tecnologia dei materiali polimerici Anno accademico: 2008/2009 Avvalenza:
http://chimicaindustriale.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=58d8;sort=DEFAULT;search=%7bdocente%7d%20%3d%7e%20%2f%5cbmluda%5cb%2f;hits=3

NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI ORARIO LEZIONI Giorni Luned Marted Ore 14:00 - 18:00 9:00 - 13:00 Aula

Lezioni: dal 27/02/2009 al 23/03/2009 Nota: Laboratori Gruppo Materiali Polimerici, Via P. Giuria 7, IV piano lato Via Bidone http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6045

Microscopia Elettronica in Trasmissione: Interpretazione (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: M8060 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Mauro Prencipe Recapito: 0116705131 [mauro.prencipe@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2

111

NOTA Per lA.A. 2009/2010 il corso non sar attivato. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=407c

Microscopia Elettronica in Trasmissione: Interpretazione non attivato nella.a. 2009/2010


Codice: S8673 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Mauro Prencipe Recapito: 0116705131 [mauro.prencipe@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 NOTA Il corso per lA.A. 2009/2010 non sar attivato http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=807d

Nanomateriali
Codice: S8891 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Carlo Lamberti Recapito: 0116707841 [carlo.lamberti@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Corso opzionale. Per lA.A. 2009/2010 il corso sar tenuto in inglese Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni Frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fa8e Ore Aula

Onde, radiazione e relativit


Codice: M8088 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Ezio Menichetti Recapito: 0116707304 [menichetti@to.infn.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 4

112

SSD: FIS/01 - fisica sperimentale Anno accademico: 2009/2010 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Orario e Aula da definire http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1bac Ore Aula

Qualit
Codice: M8043 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Enrico Prenesti Recapito: 011-6707616 [enrico.prenesti@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 1 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti: Conoscenze sul concetto e sulla struttura del Sistema Qualit. Sistema Qualit internazionale e italiano. Enti normatori. La normativa tecnica consensuale come base per la normazione in campo tecnico-scientifica. Certificazione e accreditamento. Norme ISO in campo merceologico/gestionale (ISO 9000:2000 e altre) e tecnico/scientifico (UNI CEI EN ISO/IEC 17025). RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di: Distinguere la norma cogente da quella consensuale. Conoscere il Sistema Qualit in Italia. Conoscere i principi delle normative ISO ed europea e applicarla in contesti scientifici (esempio: laboratori di analisi, controllo ambientale). PROGRAMMA

La metodologia didattica impiegata consiste in: Lezione frontale.

Modalit di verifica/esame Lesame si svolge, di norma, come segue: breve verifica orale dell'apprendimento.

Programma, articolazione e carico didattico Argomento

113

Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Il Sistema Qualit internazionale e in Italia. 4

La norma tecnica ISO/IEC 17025. 4

Totale 8

TESTI I testi base consigliati per il corso sono: Dispense del docente. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 18/01/2010 al 19/03/2010 Nota: Aula 14-Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=9060 Ore Aula

Scienza dei Metalli


Codice: M8045 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Livio Battezzati Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA

114

Programma dettagliato del corso disponibile alla voce "Materiale didattico" NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: Aula 14- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1bdd Ore Aula

Selezione ed Uso dei Materiali


Codice: S8556 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Livio Battezzati Recapito: 0116707567 [livio.battezzati@unito.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2009/2010 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 22/10/2008 al 24/11/2008 Nota: Aule Via P. Giuria 9-7 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=ef9b Ore Aula

Selezione ed uso dei Materiali


Codice: MFN0751 CdL: Magistrale Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: ING-IND/21 - metallurgia Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI In questo corso si intende fornire allo studente che ha acquisito nozioni sulle propriet dei materiali e sulla loro origine, un metodo per la selezione e lutilizzo di materiali diversi per specifiche funzioni applicative.

115

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Capacit di valutazione delle potenzialit duso di materiali diversi. Conoscenza di propriet tecnologiche in relazione ai processi di elaborazione dei materiali e dei controlli non distruttivi. PROGRAMMA Italiano I) Il concetto di selezione dei materiali: motivazione, processi, costi. II) Selezione in base a propriet meccaniche ed in base a propriet delle superfici. Carte di Ashby. III) Propriet tecnologiche dei materiali: attrito, usura, shock termico, fatica, ossidazione, corrosione. IV) Controlli non distruttivi. V) Valutazione dei requisiti di impiego e "failure analysis"; controlli di qualit. Inglese I) The concept of selection of materials: motivation, processes, costs. II) Selection based on mechanical and surface properties. Ashby's charts. III) Technological properties of materials: friction, wear, thermal shock, fatigue, oxidation, corrosion. IV) Non distructive controls. V) Evalutazion of use requirements and failure analysis; quality controls. . TESTI Crane-Charles, Selection and Use of Engineering Materials, Butterworths; M. Ashby, Materials Selection in Mechanical Design, Butterworths and Heinemann. Appunti del docente. NOTA Insegnamento dellIndirizzo Sperimentale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Prova scritta consistente in due domande a risposta aperta ed eventualmente una domanda opzionale. Eventuale integrazione orale per definire il voto in caso la valutazione dello scritto sia dubbia o non esauriente. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=b6bf

Seminario Teorico Modellistico I (non attivato nella.a. 2009/2010)


Codice: S8557 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Bartolomeo Civalleri, Prof. Roberto Dovesi Recapito: +39-011-6707564 [bartolomeo.civalleri@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti unintroduzione agli strumenti di calcolo quanto-meccanico utilizzati nella moderna chimica computazionale molecolare e dello stato solido. Lobiettivo principale mostrare attraverso unesercitazione mirata, luso di programmi di calcolo quanto-meccanici nello studio modellistico di materiali. Lesercitazione cambia di anno in anno. Per lanno accademico 2006/2007, ha riguardato luso di diversi approcci di modellizzazione strutturale (a cluster e periodico) nella simulazione di adsorbimento di molecole semplici sulla superficie di materiali ossidici (es. MgO, Al2O3, SiO2, ...). La tematica trattata, che fa parte dallattivit di ricerca svolta negli ultimi anni dal gruppo di Chimica Teorica, permetter anche agli studenti di vedere come problematiche di interesse per la scienza dei materiali vengono affrontate nei laboratori

116

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di a)conoscere che cosa si intende con approccio computazionale nella scienza dei materiali e come gli esperimenti al calcolatore possano essere usati per la predizione di propriet di interesse; b)apprendere lutilizzo base di programmi di calcolo quanto-meccanici per lo studio di sistemi molecolari (GAUSSIAN) e cristallini (CRYSTAL) PROGRAMMA Metodologia didattica La metodologia didattica impiegata consiste in:a) laboratorio informatico Programma, articolazione e carico didattico 8 ore di lezione in aula b) 16 ore di esercitazione nel

Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Estensione del metodo HF e DFT al trattamento di sistemi cristallini (con periodicit traslazionale). 2 2 Presentazione e caratteristiche del programma di calcolo ab-initio periodici (CRYSTAL). 2 2 Ottimizzazione di geometriaSet base gaussiani 2 2 Fasi della progettazione di un esperimento al calcolatore Definizione di un modello per la simulazione di superfici: modelli a cluster e modelli a "slab".Tipologie di superfici. Classificazione di Tasker. 2 2 Laboratorio Modulo 1:Modellizzazione di una superficie: il modello a slab. Costruzione di modelli a slab per la superficie (100) di MgO, (0001) di Al2O3 e della silice. Calcolo dell'energia superficiale e altre propriet (es. potenziale elettrostatico, stati superficiali, ...) 4 4 Laboratorio Modulo 2:Modelli delle diverse facce dell'allumina. Stabilit relativa delle superficieIl problema della ricostruzione superficiale. 6 6 Laboratorio Modulo 3:Modellizzazione della reattivit di una superficie: CO su MgO e NH3 su silice.Analisi/discussione dei risultati e confronto con i dati sperimentali 6 6 Totale 8 16 24

Modalit di verifica/esame L'esame consiste in una relazione che gli studenti dovranno preparare sulla base dell'esercitazione effettuata in laboratorio. Il voto finale verr stabilito dopo la discussione della relazione presentata. TESTI Materiale didattico I testi base consigliati per il corso sono: lucidi delle lezioni e materiale usato per le esercitazioni (forniti dal docente e disponibili sul sito) Il seguente materiale verr usato per approfondimenti e integrazioni del modulo di esercitazioni: Roberto Dovesi, Bartolomeo Civalleri, Roberto Orlando, Carla Roetti, and Victor R. Saunders Ab Initio Quantum Simulation in Solid State Chemistry Reviews in Computational Chemistry, Chapter 1, Volume 21 Kenny B. Lipkowitz (Editor), Raima Larter (Editor), Thomas R. Cundari (Editor) John Wiley & Sons, Inc, New York, 2005 http://www.crystal.unito.it/tutorials/ ==> surfaces and adsorption NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO TEORICO ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 02/03/2009 al 19/06/2009 Nota: Orario da concordare con i docenti Ore Aula

117

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=14d5

Seminario Teorico Modellistico II


Codice: S8558 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Silvia Casassa Recapito: 0116707829 [silvia.casassa@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO-TEORICO. Il corso per la.a.2009/2010 sar tenuto in inglese. Tipologia insegnamento Tradizionale Lezioni in aula informatica. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Orale con voto finale Il programma dettagliato del corso si trova nella sezione "Materiale Didattico" http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=6803

Seminario Teorico Modellistico III


Codice: S8559 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Alfredo Molinari Recapito: 0116707217 [molinari@to.infn.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza:
http://fisica.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=2e9f;sort=DEFAULT;search={docente}%20%3d~%20%2f^almolina%20.v.%2f%20and%20{qq}%20ne%20%27236e%27;hits=2

NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO-TEORICO http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=4bf5

Storia delle Scienze Sperimentali


Codice: S8890 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Luigi Cerruti Recapito: 0116707952 [luigi.cerruti@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 Avvalenza:
http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=05ff;sort=DEFAULT;search={docente}%20%3d~%20%2f^lcerruti%20.v.%2f%20and%20{qq}%20ne%20%273b79%27;hits=2

118

NOTA Il Programma dettaglaito del corso si trova nella sezione "Materiale Didattico" http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=f1f7

Storia delle Scienze Sperimentali


Codice: M8084 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Luigi Cerruti Recapito: 0116707952 [luigi.cerruti@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Il programma dettagliato del corso si trova nella sezione "Materiale Didattico" http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=05ff

Struttura della Materia


Codice: M8076 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Marco Truccato Recapito: 0116707374 [truccato@to.infn.it] Tipologia: Affine o integrativo Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione- Via Quarello 11 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=463e Ore Aula

Struttura della materia con Laboratorio


Codice: MFN0662 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Affine o integrativo

119

Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: FIS/03 - fisica della materia Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Lallievo dovr essere in grado di: Sapere descrivere e interpretare i fenomeni fisici fondamentali che coinvolgono assemblee macroscopiche di particelle. Sapere risolvere esercizi di non elevata difficolt. Sapere condurre e interpretare criticamente i risultati di unesperienza di diffrattometria ai raggi X. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper discriminare tra comportamento classico e quantistico della materia. Conoscere i fondamenti degli spettri X atomici. Saper interpretare una misura di diffrazione ai raggi X. PROGRAMMA Italiano Elementi di calcolo delle probabilit. Elementi di meccanica statistica classica: statistica di Boltzmann e applicazioni ai gas. Statistiche quantistiche. Applicazioni al problema del corpo nero, del calore specifico dei solidi e del gas di elettroni. Natura corpuscolare della luce e natura ondulatoria della materia. Struttura dell'atomo, spettro dei raggi X caratteristici, tavola periodica, magnetismo atomico. Cenni di fisica del nucleo: propriet del nucleo, decadimenti radioattivi. Riepilogo dei fondamenti della diffrazione. Problematiche di acquisizione sperimentale nelle misure di diffrazione ai raggi X: aberrazione e allargamento dei picchi. Teoria della preparazione dei campioni: polveri, film, bulk, cristalli. Parte pratica: preparazione dei campioni, acquisizione della funzione strumentale, acquisizione di misura ai raggi X. Raffinamento della struttura con metodo Rietveld su diversi tipi di sostanza Inglese

Elements of probability calculus. Elements of classical statistical mechanics: Boltzmann's statistical law and its applications to gases. Quantum statistical mechanics. Applications to the problem of blackbody radiation, of the specific heat in solids, and of the electron gas. Corpuscular nature of light and wave-like nature of matter. Atomic structure, characteristic X-ray spectra, periodic table, atomic magnetism. Hints at nuclear physics: properties of the nucleus, radioactive decay.

Overview of basilar concepts of X-ray diffraction. Problems connected to experimental acquisition in X-ray diffraction measurements: aberration, peak widening. Theoretical considerations for sample preparation: powders, films, bulk and crystals. Practical classes: sample preparation, acquisition of the instrumental function, X-ray data acquisition. Crystal structure refinement for several compounds by means of the Rietveld method. .

TESTI Halliday-Resnick-Krane, Fisica 2, Casa Editrice Ambrosiana, 2002 - Max Born - Fisica Atomica B.E. Warren X-ray diffraction, Dover Publ. 1990 Chung, H.F. and Smith, D.K. editors. Industrial applications of X-ray diffraction., Marcel Dekker Inc., New York, Basel (2000).

120

NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali e laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Correzione delle relazioni scritte relative alle esercitazioni. Esame scritto sulla parte teorica con esame orale separato facoltativo http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=1a06

Superfici ed Interfasi
Codice: S8560 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Claudio Morterra, Prof. Flora Boccuzzi Recapito: 011 6707589 [claudio.morterra@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Introduzione alla comprensione, allo studio ed alla utilizzazione dei fenomeni di superficie. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper utilizzare il fenomeno delladsorbimento (fisi e chemi) per la determinazione delle caratteristiche di superficie di sistemi solidi. PROGRAMMA

Fenomeni dinterfaccia. Linterfaccia solido-gas ed il fenomeno delladsorbimento. Aspetti termodinamici elementari del processo dadsorbimento e loro valutazione sperimentale. La chemisorzione: i principali tipi di isoterma, atti alla descrizione della chemisorzione, e le informazioni che ne derivano. La fisisorzione: il modello BET. Determinazione delle aree superficiali. I sistemi meso-porosi, e la determinazione della distribuzione di dimensione dei pori. La micro-porosit e le problematiche ad essa collegate. Chemisorzione molecolare e chemisorzione dissociativa su metalli, su ossidi e su nanocompositi metallo-ossido. Fenomeni di interfaccia metallo-ossido semiconduttore. Metodi sperimentali per la determinazione dell'area metallica. Cinetiche di reazione e meccanismi di reazioni modello catalizzate da metalli supportati su ossidi. TESTI P.W. Atkins, "Chimica Fisica", Zanichelli G.K. Vemulapalli, "Chimica Fisica", EdiSES e Materiale iconografico e schemi messi a disposizione dai docenti NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI Il corso sar tenuto in parte in inglese (2CFU). Tipologia di insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali in aula. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit desame Questo modulo didattico preliminare e fortemente integrato con il modulo di SUPERFICI ED INTERFASI - LABORATORIO, che comporta la preparazione di una relazione sulle esercitazioni svolte. La verifica relativa alle lezioni frontali di SUPERFICI ED INTERFASI si realizza mediante un colloquio e una discussione avente come base la relazione sulle esercitazioni di laboratorio. ORARIO LEZIONI

121

Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010

Ore

Aula

Nota: Le lezioni si tengono in Aual D1- via P. Giuria 9, salvo diversa indicazione http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7793

Superfici ed Interfasi-Laboratorio
Codice: S8561 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Anna Chiorino, Dott. Giuliana Magnacca Recapito: +39 0116707540 [anna.chiorino@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Il laboratorio si propone di fornire agli studenti gli strumenti sperimentali che permettano la valutazione e comprensione dei fenomeni di superficie. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Saper progettare e svolgere un esperimento di adsorbimento. PROGRAMMA Linterfaccia solido-gas ed il fenomeno delladsorbimento,l a fisisorzione (determinazione dellarea superficiale e della porosita di materiali), la chemisorzione (ottenimento e discussione delle isoterme, approfondimento sul modello di Langmuir ed ottenimento di dati termochimiciconfrontabili con dati sperimentali calorimetrici), valutazione tramite spettroscopia IR delle specie formate sulla superficie di un catalizzatore in seguito al contatto gas-solido.

TESTI P.W.Atkins, Chimica fisica NOTA Insegnamento dellindirizzo MATERIALI FUNZIONALI E STRUTTURALI. Il corso per lA.A. 2009/2010 sar tenuto in inglese. Tipologia di insegnamento Tradizionale. Laboratorio. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit desame Discussione della relazione sulle esperienze effettuate in laboratorio. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=cead Ore Aula

122

Tecniche di Chimica Computazionale


Codice: S8562 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Silvia Casassa Recapito: 0116707829 [silvia.casassa@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 3 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2009/2010 NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO-TEORICO. Il corso per lA.A. 2009/2010 sar tenuto in inglese. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7a2a

Tecniche di chimica computazionale e Laboratorio


Codice: MFN0754 CdL: Magistrale Docente: Recapito: [] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 8 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Il corso vuol essere una guida alluso competente di strumenti computazionali ab-initio per la predizione delle propriet di materiali cristallini (strutturali, elettroniche, vibrazionali, ) e alluso di opportuni modelli strutturali per trattare superfici e difetti. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di: usare un programma di calcolo ab initio per la modellizzazione di solidi cristallini trattare superfici e difetti puntuali attraverso opportuni modelli strutturali interpretare i risultati dei calcoli effettuati sulla base delle conoscenze acquisite nei corsi precedenti PROGRAMMA Italiano Lezioni introduttive: 1) Discussione delle principali approssimazioni adottate nella modellizzazione ab initio di solidi (Hamiltoniani e set base) e presentazione di alcuni dei programmi attualmente disponibili 2) Funzioni di Bloch descritte in termini di un set base atomico localizzato e discussione di un semplice modello alla Hckel del grafene 3) Definizione di superficie di energia potenziale (PES) e di ottimizzazione di geometria per sistemi cristallini. Breve accenno alla dinamica molecolare 4) Introduzione al codice ab initio periodico CRYSTAL: tecniche per la risoluzione delle equazioni di HF e KS, calcolo degli integrali (trattamento esattto e approssimato), trattamento delle serie infinite nei solidi 5) Metodi post-HF per i solidi e implementazione di una correzione perturbativa al secondo ordine nel programma CRYSCOR Esercitazioni in aula informatica: 1) Introduzione all'uso del programma CRYSTAL: input/output, ottimizzazione di geometria, calcolo delle frequenze vibrazionali, analisi della struttura elettronica (struttura a bande, densit degli stati, densit di carica, ...). Modellizzazione base di superfici e difetti puntuali con CRYSTAL 2) Applicazioni

123

avanzate del codice CRYSTAL per una/due dei seguenti argomenti: a) Modellizzazione avanzata di superfici e adsorbimento b) Modellizzazione avanzata di solid difettivi c) Propriet elettroniche e magnetiche di composti di metalli di transizione d) Propriet elettriche di solidi (Propriet ottiche lineari e non) e) Stabilit relativa di polimorfi: effetto della pressione e della temperatura f) Equazione di stato per i solidi e calcolo delle costanti elastiche g) Modellizzazione di nanotubi h) Calcolo post-HF della correlazione elettronica nei solidi Inglese Introductory lectures: 1) General discussion of the main approximations adopted in the ab initio modeling of solids (Hamiltonians and basis sets) and presentation of some of the standard codes commonly used in solid state modeling 2) Bloch functions in terms of a localized basis set (LCAO) and discussion of a simple periodic Hckel's model for graphene 3) Definition of the Potential Energy Surface (PES) and Geometry optimization of crystalline systems. A brief introduction to molecular dynamics for condensed matter 4) Introduction to the CRYSTAL code: techniques for the solution of HF and KS equations, integrals calculation (exact treatment and approximations), treatment of infinite summations for solids 5) Post-HF methods for solids and implementation of a second-order perturbative correction in the CRYSCOR code Practical work: 1) Introduction to the basic use of the CRYSTAL code: input/output, geometry optimization, vibrational frequencies calculation, analysis of the electronic structure (band structure, density of states, ) 2) Advanced application of the CRYSTAL code to one/two of the following topics: a) Modeling of surfaces and adsorption b) Modeling of defective solids c) Magnetic properties of transition metal compounds d) Dielectric properties of solids (linear and nonlinear optical properties) e) Relative stability of polymorphs: effect of pressure and temperature f) Equation of states of solids and elastic properties g) Modelling of nanotubes h) Calculation of the electron correlation .

TESTI Dispense fornite dai docenti NOTA Insegnamento dellIndirizzo Teorico. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali ed esercitazioni in aula informatica Propedeuticit Meccanica Statistica e Quantistica Fisica dello Stato Solido Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Colloquio orale sulla parte di lezioni frontali e discussione di una relazione basata sulla raccolta e commento delle esperienze effettuate nella parte di laboratorio http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e365

Tecniche di Meccanica Statistica (D.M. 509 a.a. 2008/2009)


Codice: S8563 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Ferdinando Gliozzi Recapito: 0116707218 [gliozzi@to.infn.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009

124

NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO-TEORICO ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 28/10/2008 al 20/11/2008 Nota: Aula Franzinetti - Via P. Giuria 1 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=5c2d Ore Aula

Tecniche di Sincrotrone per lo Studio dei Materiali


Codice: S8668 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Carlo Lamberti Recapito: 0116707841 [carlo.lamberti@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 Anno accademico: 2009/2010 NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 05/10/2009 al 22/01/2010 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=c9e3 Ore Aula

Teoria del Funzionale della Densit


Codice: 8044S CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Bartolomeo Civalleri Recapito: +39-011-6707564 [bartolomeo.civalleri@unito.it] Tipologia: A scelta dello studente Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 2 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2009/2010 OBIETTIVI Finalit Il corso si propone di fornire agli studenti unintroduzione alla teoria del funzionale della densit (DFT). per sistemi multielettronici nello stato fondamentale. Obiettivi Lallievo dovr essere in grado di a) conoscere i fondamenti della teoria DFT: teoremi di Hohenberg-Kohn, formulazione di Kohn-Sham, origine del funzionale di scambio e correlazione; b) conoscere la classificazione e le caratteristiche principali delle diverse famiglie di funzionali DFT; Pre-requisiti (in ingresso) - Fondamenti di meccanica quantistica - Fondamenti di chimica quantistica Insegnamenti fornitori - Meccanica Quantistica - Chimica Quantistica dei Materiali

125

RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Competenze minime (in uscita): - Conoscere i fondamenti della teoria del funzionale della densit - Conoscere la classificazione e le caratteristiche principali delle diverse famiglie di funzionali DFT PROGRAMMA Metodologia didattica Il corso di 2 CFU prevede 16 ore di lezione frontale in aula. La durata del corso di 4/5 settimane con 4 ore di lezione per settimana. Programma, articolazione e carico didattico Argomento Ore Lez. Ore Eserc. Totale Ore Richiami su funzionali e derivate funzionali.Dalla funzione donda alla densit elettronica attraverso un approccio intuitiv 2 Modello di Thomas-Fermi. Teoremi di Hohenberg-Kohn (HK) (enunciati). Dimostrazione e discussione del primo teorema di HK 2 Dimostrazione e discussione del secondo teorema di HK. Riformulazione di Levy-Lieb e discussione. Estensioni dei teoremi di HK (accenni). 2 Breve introduzione al formalismo delle matrici densit. Densit elettronica di paia e buca di scambio e correlazione. Propriet della buca di scambio e correlazione e delle singole buche. 2 Approccio di Kohn-Sham (KS): assunzioni, sistema di elettroni non interagenti e definizione del funzionale di scambio e correlazione. Equazioni di KS e discussione sul significato di: autovalori, autovettori e potenziale di scambio e correlazione. 2 Connessione adiabatica e buca di scambio e correlazione. Esempi di buca di scambio e correlazione allinterno della connessione adiabatica. 2 Funzionali di scambio e correlazione: definizioni e acronimi, classificazione di Perdew (Jacobs Ladder), funzionali ibridi. 2 Accenni allimplementazione dei metodi DFT (approssimazione LCAO, matrice di KS, integrazione numerica).Risultati e prestazioni dei metodi DFT per atomi, molecole e solidi 2 Totale 16 16 TESTI I testi base consigliati per il corso sono: Appunti delle lezioni (forniti dal docente) E consigliato lutilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: Il principale testo di riferimento : W. Koch, M.C. Holthausen, A Chemist Guide to Density Functional Theory, Wiley-VCH, 2000. Altri testi consultabili per approfondimenti sono: - Parr, R.G; Yang, W. Density Functional Theory of Atoms and Molecules, Oxford University Press, NY, 1989 - Dreizler, R.M.; Gross, E.K.U. Density Functional Theory: An Approach to the Many-Body Problem; Springer-Verlag, Berlin, 1990 - Gill, P.W.M.; Density Functional Theory (DFT), Hartree-Fock (HF), and the Self Consistent Field, in Encyclopedia of Computational Chemistry, Schleyer, P.v.R.; Allinger, N.L.; Clark, T.; Gasteiger, J.; Kollman, P.A.; Schaefer III, H.F.; Schreiner, P.R. (eds.); Wiley, Chichester, 1998, vol. A, pp. 678-689 NOTA Lesame consiste in una prova orale di carattere generale, relativa agli argomenti discussi a lezione. ORARIO LEZIONI Giorni Nota: Da concordare con il docente Ore Aula

126

http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=7c66

Teoria del Legame Chimico


Codice: M8034 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Dott. Carlo Lamberti, Dott. Gabriele Ricchiardi Recapito: 0116707841 [carlo.lamberti@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 2 anno Crediti/Valenza: 5 Anno accademico: 2009/2010 PROGRAMMA Il programma dettagliato del corso disponibile alla voce "Materiale Didattico" NOTA Tipologia insegnamento Tradizionale.Lezioni frontali. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 19/04/2010 al 18/06/2010 Nota: Le lezioni si tengono in Aula 13-Centro della Innovazione-Via Quarello 11. http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=fd45 Ore Aula

Teoria Matematica dei Materiali Linearmente Elastici (non attivato nella.a 2009/2010)
Codice: S8564 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Dott. Maria Luisa Tonon Recapito: 0116702838 [marialuisa.tonon@unito.it] Tipologia: Altre attivit Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 3 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Vedere "Materiale didattico" PROGRAMMA Vedere "Materiale didattico". E disponibile una copia cartacea delle lezioni. TESTI Vedere "Materiale didattico"

127

NOTA Insegnamento dellindirizzo MODELLISTICO-TEORICO Nel corrente anno accademico il corso stato collocato al 1 anno I semestre. ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 23/01/2009 Nota: Aule a Palazzo Campana http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=8f8a Ore Aula

Teorie Quantistiche dei Materiali (non attivato per la.a.2009/2010)


Codice: S8294 CdL: Corso di Laurea Specialistica Docente: Prof. Mauro Anselmino Recapito: 0116707227 [mauro.anselmino@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 06/10/2008 al 23/01/2009 Nota: Aula D1 - Via P. Giuria 9 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=b623 Ore Aula

Termodinamica non attivato nella.a.2009/2010


Codice: M8016 CdL: Corso di Laurea Triennale in Scienza dei Materiali (D.M.509) Docente: Prof. Cesare Pisani, Dott. Silvia Casassa (Titolare del corso) Recapito: 0116707829 [silvia.casassa@unito.it] Tipologia: Caratterizzante Anno: 1 anno Crediti/Valenza: 4 Anno accademico: 2008/2009 OBIETTIVI Fornire una solida base di concetti e strumenti della termodinamica classica per applicazioni nella scienza dei materiali. PROGRAMMA

128

PROGRAMMA DEL CORSO A) Gas ideali e non ideali. Nomenclatura e strumenti matematici usati in termodinamica B) Il primo principio della termodinamica. Cicli e funzioni di stato. Termochimica. Uso delle tavole. C) Il secondo ed il terzo principio della termodinamica. D) I potenziali termodinamici. Le condizioni per l'equilibrio chimico e di fase. Teoria generale dei sistemi a composizione variabile. Le soluzioni. Propriet colligative. La regola delle fasi. Diagrammi di fase per le sostanze pure. Diagrammi di fase binari. E) Equilibri chimici ed elettrochimici. F) Elementi di cinetica chimica. MODALIT D'ESAME previsto uno scritto articolato in alcuni esercizi e una serie di domande di teoria. Un buon superamento della prova scritta esonera dall'orale che altrimenti obbligatorio

TESTI Sono fornite dispense. Testi di complemento e approfondimento: G.K. Vemulapalli, Chimica Fisica, EdiSES, Napoli (1995) D.A. Mc Quarrie, J.D. Simon, Chimica Fisica: un approccio molecolare, Zanichelli, Bologna (2000) ORARIO LEZIONI Giorni Lezioni: dal 20/04/2009 al 19/06/2009 http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=e48f Ore Aula

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali


Codice: MFN0675 CdL: Corso di Laurea in Scienza dei Materiali (D.M. 270) Docente: Recapito: [] Tipologia: Altre attivit Anno: 3 anno Crediti/Valenza: 4 SSD: CHIM/02 - chimica fisica Anno accademico: 2011/2012 OBIETTIVI Il corso si propone di fornire agli studenti unintroduzione agli strumenti di calcolo quanto-meccanico utilizzati nella moderna chimica computazionale molecolare e dello stato solido. Lobiettivo principale mostrare lutilit dei programmi di calcolo quanto-meccanici nello studio modellistico di materiali. RISULTATI DELLAPPRENDIMENTO Lallievo dovr essere in grado di a) conoscere che cosa si intende con approccio computazionale nella scienza dei materiali e come questo stia diventando uno strumento importante nella ricerca scientifica e un utile complemento allattivit sperimentale; b) apprendere lutilizzo base di programmi di calcolo quanto-meccanici per lo studio di sistemi molecolari e cristallini PROGRAMMA Italiano Lezioni introduttive:

129

1) Approccio computazionale nella Scienza dei Materiali. Accenni alla simulazione multiscala. Definizione di scienza dei materiali computazionale. Tecniche per la definizione di un modello strutturale per la simulazione di materiali. Fasi della progettazione di un esperimento al calcolatore 2) Accenni sui principali metodi quanto-meccanici per lo studio di molecole e solidi: (i) principali approssimazioni dell'equazione di Schrodinger; (ii) metodi ab-initio molecolari (HF e DFT); (iii) estensione al trattamento di sistemi cristallini. 3) Presentazione e caratteristiche dei principali programmi di calcolo ab-initio molecolari e per sistemi cristallini (in particolare Gaussian e CRYSTAL). Descrizione dell'input e analisi dell'output dei programmi Gaussian e CRYSTAL. Accenni sull'ottimizzazione della struttura di molecole e cristalli

Esercitazioni in aula informatica: 1) Introduzione all'uso di Gaussian per Windows. Introduzione ai programmi di visuallizzazione grafica GaussView e Moldraw. La molecola d'acqua: ottimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali. 2) Il dimero dell'acqua: definizione del problema, ottimizzazione della geometria e calcolo delle frequenze vibrazionali. Visualizzazione e analisi dei dati calcolati con discussione sul cambiamento delle caratteristiche strutturali e vibrazionali della molecola d'acqua isolata e nel dimero. 3) Uso dell'approccio a cluster nella simulazione di materiali. Simulazione degli ossidrili superficiali di materiali silicei. Definizione del problema e creazione di un semplice modello strutturale con l'ausilio di un programma di grafica molecolare (Moldraw). Calcolo delle propriet strutturali e vibrazionali del modello isolato e in interazione con ammoniaca. Analisi/discussione dei risultati e confronto con i dati sperimentali. 4) Breve introduzione all'uso di CRYSTAL. Semplici esempi di uso dell'approccio periodico nella simulazione di materiali (cristalli, superfici, difetti, ...) Inglese Introductory lectures: 1) A computational approach to materials science. Multiscale modeling and definition of computational materials science. Definition of a structural model: approaches and strategies. How to design an experiment on a computer. 2) A brief introduction to the main quantum-mechanical methods used in the study of molecules and solids: (i) approximation of the Schrodinger equation; (ii) ab-initio methods for molecules (HF and DFT); (iii) extension to solids. 3) A quick overview of the main features of ab-initio molecular and periodic codes (in particular Gaussian and CRYSTAL). How to prepare an input and to analyze and output file of the Gaussian and CRYSTAL programs. A brief discussion of the meaning of geometry optimization of molecules and solids. Practical work: 1) How to use Gaussian for Windows. How to visualize molecular structures with graphical user interfaces such as GaussView and Moldraw. Water molecule as a simple example: geometry optimization and vibrational frequencies calculation. Discussion of computed results. 2) Water dimer: geometry optimization and vibrational frequencies calculation. Visualization and analysis of computed data. Comparison of water dimer predicted properties with isolated water molecule ones: structural and vibrational frequencies changes. 3) How to use a cluster approach to model hydroxyl groups at the surface of siliceous materials. Designing a simple structural model through the Moldraw graphical user interface. Prediction of the main structural and vibrational properties of the structural model alone and in interaction with ammonia. Comparison of the computed results with available experimental evidence. 4) Brief introduction to the use of the CRYSTAL code. Simple examples on the modeling of crystals, surfaces and defective systems .

130

TESTI Lucidi delle lezioni e delle esercitazioni di laboratorio NOTA Insegnamento dellIndirizzo Generale. Tipologia insegnamento Tradizionale. Lezioni frontali ed esercitazioni in aula informatica. Frequenza La frequenza alle lezioni non obbligatoria. La frequenza ai corsi di laboratorio obbligatoria e non pu essere inferiore al 70% delle ore previste. Modalit di verifica/esame Lesame consiste in una prova pratica e in alcune domande scritte sulla parte di lezioni in aula http://scienzadeimateriali.campusnet.unito.it/cgi-bin/corsi.pl/Show?_id=be4d

Powered by Unito.it - Campusnet 2.0

131

Potrebbero piacerti anche