Sei sulla pagina 1di 73

Il libro italiano dei morti

di Niccol Ammaniti

Uno. ITALIA. APPENNINI CENTRALI 1070 d. C. I fiocchi di neve, pesanti come batuffoli di ovatta, coprivano il sentiero che si arrampicava tra guglie arcigne, lastroni di ghiaccio e abeti coperti di neve. Non tirava vento e solo il richiamo stridulo della civetta, lululare dei lupi marsicani e il respiro affaticato degli uomini rompevano il silenzio ottuso dellaspra gola stretta tra le montagne. Sette uomini salivano lentamente il cammino, uno dietro laltro, senza parlare, risparmiando le forze. Le armature, le lance e gli elmi puntuti gli pesavano addosso rendendoli gobbi e neri come uno stormo di avvoltoi. Un mulo pelle e ossa carico di armi, legna e bisacce seguiva a testa bassa un monaco che chiudeva il drappello. Leonardo, detto il Truce, era in testa al gruppo, sul suo cavallo nero. Nonostante la dissenteria, la ferita al costato che lo aveva quasi ammazzato e il digiuno degli ultimi mesi, il Truce era un omone vigoroso. Aveva le spalle possenti, il collo di un mastino e le mani tozze e forti. Sotto lelmo arrugginito che gli copriva la fronte e le sopracciglia, spuntavano un naso aquilino e due fessure nere e senza espressione. I capelli aggrovigliati dal fango e dal ghiaccio e la barba nera poggiavano sulla maglia di lana cotta e sulla pelliccia di orso legata intorno alle spalle. Il Truce osserv il cielo, fosco e pesante come una lastra di piombo. La valle ai loro piedi affondava nelle nebbie e la cima della montagna era lontana. La smorta luce del giorno stava per svanire e la salita non finiva mai. Dopo ogni valico ce nera un altro e dopo ogni passo ne arrivava sempre un altro. Il Truce pungol il cavallo, ma la bestia era sfiancata dalla fatica. Scese da sella e cominci a trascinarla per le redini. Pochi passi dietro di lui, lo seguiva Tarcisio. Ciondolava come un ubriaco tirandosi dietro la lancia. Il colpo dascia che gli aveva diviso in due le labbra, il naso, locchio e la fronte si era infettato. La ferita era gialla, tumefatta e puzzava da vomitare. Bruciarla con la spada arroventata non era servito a granch. Tremava per la febbre alta. Anche gli altri non sembravano in condizioni migliori, erano ore che non si sentiva pi una parola. Tra poco sarebbero caduti a terra stremati. Le tenebre stavano per calare. Dovevano trovare un rifugio dove accamparsi e riprendere il cammino lindomani mattina. Ma il Truce era troppo vicino a casa per fermarsi ora. Sentiva nellaria fredda lodore della sua sposa. Quando era andato in guerra, Arianna aveva undici anni. Era una fanciulla magra e elegante come un airone, con i seni piccoli e i capezzoli duri come ghiande. Una criniera di riccioli neri come le piume del gallo cedrone le arrivava fino ai fianchi. La pelle era luccicante come lebano levigata e gli occhi grigi come lardesia. Ora doveva averne quindici o sedici, se il Truce aveva fatto bene i suoi calcoli. E doveva essere pi donna. Il giorno prima di partire per la guerra il Truce e Arianna avevano galoppato lungo le rive verdi del lungo lago che si stendeva ai piedi del castello. Lei lo abbracciava e gli carezzava i capelli e gli prometteva che lo avrebbe aspettato per sempre. E che se non

fosse tornato si sarebbe fatta monaca. Era primavera inoltrata, e i pascoli erano coperti di erba soffice come velluto e di fiori gialli, laria era una pioggia di tarassachi. Le greggi si muovevano sopra le colline su cui erano poggiate viluppi di nuvole bianche come caglio. Oche selvatiche volavano in formazione e tra le canne nuotavano le lontre. Il Truce aveva legato il cavallo e aveva disteso Arianna sotto una quercia, tra i ciclamini e le foglie, le aveva abbassato il vestito poi laveva afferrata per i capelli e laveva deflorata. Per tre anni il Truce aveva rivissuto quel momento. Per tre lunghi anni passati dentro unarmatura a combattere nel fango, nel sangue e tra i cadaveri putrefatti, aveva ricordato le unghie di Arianna che gli artigliavano la schiena, le gambe che gli si aggrappavano addosso. Durante la battaglia, quando affondava la spada fino allelsa nelle viscere del nemico, aveva la sensazione di entrare nel corpo caldo e vibrante di Arianna. confondeva le grida di piacere della sua sposa con i rantoli mortali dei suoi avversari. Era stato ferito e la febbre lo aveva quasi stroncato. La mente in preda ai deliri laveva riportato da lei, a casa, nella loro stanza. Arianna era nuda, adagiata su pellicce di orso. Lo guardava con quegli occhi cenerini e con quelle labbra scure gli sussurrava: Ora. Adesso. Lo voglio, ti prego. E lui la prendeva. Eccoci, ci siamo, url il Truce quando finalmente superarono lultimo sperone di roccia e di fronte a loro si schiuse laltipiano. La notte era buia, ma in fondo, oltre il bosco, un esile bagliore rischiarava le tenebre. La Rocca. Casa. Il Truce risal a cavallo. Vi far trovare cibo e donne. Tutti iniziarono a urlare. Ma la povera bestia non ce la faceva nemmeno a sostenerlo, vacillava sotto il suo peso. Muoviti bestia bastarda, muoviti. Il Truce prese a batterlo senza piet, a infilargli gli speroni nei fianchi, niente. Aiutatemi, per dio!. Tarcisio e gli altri cominciarono a spingere le terga dellanimale, che alla fine si mosse. Il Truce galoppava sui campi coperti di neve, con il cuore che gli bussava sul petto e il ventre chiuso in un pugno. Costeggi i bordi del lago ghiacciato, risal le colline, si immerse nelle tenebre del bosco. fatta, si disse, e mentre lo disse il cavallo inciamp su una radice e uomo e cavallo volarono nel nero. Il Truce colp con la fronte una roccia. Si rialz bestemmiando. Un fluido denso e caldo gli colava sul volto, sugli occhi, gli imbrattava la barba. Sentiva il sapore ramato del suo sangue sulle labbra, e lodore metallico nelle narici. Allora si strapp un lembo della tunica e se lo avvolse intorno alla testa, poi prese lelmo e se lo cacci sopra. Si pieg sul cavallo. La povera bestia ansimava, il ventre si gonfiava e si sgonfiava come una zampogna, aveva la bocca coperta di schiuma e le zampe gli tremano scosse da spasmi mortali. Sei stato un bravo compagno, hai fatto il tuo dovere, mi hai riportato a casa. Il Truce sguain la spada, gliela affond nel cuore e ripart correndo. Il Truce era fermo, piegato in due dalla fatica, di fronte alla rocca. Era ancora l. Arcigna, sgraziata, aggrappata a un cucuzzolo di rocce. Gettate intorno, una manciata capanne di legno e sassi e i recinti delle vacche. Sentiva le gambe e le braccia dure come marmo. Prese due boccate e si fece coraggio. Si incammin lentamente sulla stradina di fango e neve che costeggiava le baracche dove dormivano i braccianti e si arrampic sui ripidi gradini scavati nella pietra che portavano alla ingresso della rocca. Avrebbe voluto urlare, svegliare tutti. Il vostro signore tornato, di nuovo qui, ma qualcosa lo trattenne. Perch il ponte levatoio era abbassato? Il silenzio era pesante come una coperta. E se sono tutti morti?, si chiese. Se dentro alla Rocca non cerano che cadaveri? Se la peste si

li era portati via tutti? Se lesercito del Nord era arrivato fin l? Il Truce attravers lo stretto ponte sentendolo vibrare sotto ogni passo. Il portone era chiuso. Prov a spingere. I battenti di bronzo e legno del grande portale si aprirono cigolando. Non lavevano chiusa. Non aveva pi saliva in bocca e le ascelle gli sudavano. Sguain la spada ed entr trattenendo il respiro. Una torcia consumata rischiarava appena il lungo corridoio a volta, tetro di fuliggine. Silenzio. Freddo. Una guardia se ne stava accucciata in un angolo con la testa poggiata sul petto e lelmo e la lancia buttati ai suoi piedi. Unaltra guardia era piegata su un tavolo con le braccia stese in avanti. Il Truce si avvicin con la spada puntata in avanti. Russavano. Era questo il modo di proteggere il suo maniero? Il Truce stava per sferrargli un colpo di spada, ma poi decise che era stanco di morte. Avanz fino alle cucine. In un angolo, un fuoco con un paiolo appeso sopra moriva. Un groviglio di corpi addormentati sopra un pagliericcio si stringevano per mantenersi caldi. Cera un puzzo acre di sudore e di cipolle. Un movimento furtivo tra i sacchi di frumento. Topi. Il Truce continuo a procedere cauto per il corridoio. Afferr una torcia dal muro e si avvi sulle scale a chiocciola che portavano alla stanza di Arianna. A un tratto due occhi blu gli si pararono davanti brillando nel buio. Il cuore gli fin in gola. Poi sent un mugolio trattenuto. Temura, sei tu?, sussurr. Un enorme alano comincio ad ancheggiare e a scuotere la coda. Era legato con una corda a un gancio. Il Truce lo accarezz sentendo le costole che gli sporgevano dai fianchi. Era invecchiato e dimagrito. Buono. Buono. Fai piano che sveglierai la tua padrona. Il cane, ubbidiente, si acciambell sulla sua cuccia. Il Truce riprese a salire i lunghi gradini, man mano che saliva sentiva che lambiente si riscaldava e un odore di legna che arde e di balsami cominci a impregnare laria. La porta della camera era socchiusa. Il Truce la spalanc. La stanza era grande, con il soffitto a cupola. In un enorme camino di pietra ardeva un tronco largo come mezzo braccio. Le fiamme salivano alte e vivaci irraggiando la stanza di bagliori sanguigni. Delle lanterne appese a delle catene finivano di illuminarla. Proprio al centro cerano, buttate a terra, pellicce di lupo e di orso. Sdraiato sopra cera una sagoma nera. Un uomo enorme e completamente nudo. Ansimava. La schiena lucida di sudore rifletteva il rosso del fuoco. I lunghi capelli neri gli coprivano completamente il volto. E vide poi due braccia scure che lo stringevano e due gambe di donna che gli serravano i fianchi. Ansimavano insieme in un amplesso bestiale. Il Truce dovette sostenersi allo stipite della porta per non cadere a terra. Non era possibile. Quello era il suo sogno. Allora era ancora nei deliri della febbre. Cosera? Un sogno? Un incantesimo? Quello l era lui. E quella sotto era Arianna. Allora era ancora tra la vita e la morte, steso nella sua tenda, e la guerra non era finita? Il Truce non riusc a trattenere un urlo. Le due sagome simmobilizzarono e poi la donna sporse la testa da sotto il braccio delluomo. Arianna. Lo guardava senza espressione. A bocca aperta, come se avesse visto uno spettro. Il Truce sent che il dolore si impossessava dei suoi piedi, saliva per le cosce, gli stringeva i testicoli, gli penetrava nelle viscere e gli afferrava in una morsa il cuore. Prov a parlare, ma la lingua era una lumaca di ghiaccio. Il suo sosia volt la testa. Nonostante la chioma che gli nascondeva met del volto, il Truce si riconobbe. Quel naso aquilino, quelle sopracciglia erano sue... Una cicatrice bianca e spessa gli solcava la fronte come una serpe. E allora il Truce si poggi una mano sulla fronte liscia. No, non cerano cicatrici, la testa cominci a pesargli come se fosse piena di piombo e le orecchie a ronzargli come se ci fossero sciami di calabroni. Croll in ginocchio. Fratello! Fratello, sei vivo? Sei tornato...?, balbett il suo sosia scostandosi da Arianna. Il Truce chiuse gli

occhi e cominci a respirare con il naso e poi sussurr: S, sono vivo. Si mise in piedi e sollev la spada: E sono tornato per ucciderti, fratello mio. Si avvent sulluomo e lo colp su una spalla. La lama gli affond per un palmo proprio allattaccatura del collo. Luomo rimase un attimo stupito, incapace di credere che suo fratello lo aveva colpito. Una fontana scarlatta zampill dalla ferita. Luomo, lentamente ci poggi sopra una mano per tamponarla. Leonardo...?, mugugn. Fratello mio!, disse il Truce e con tutte due le mani sollev la spada sopra la testa e lo colp con un fendente cos violento che gli amput di netto il capo, che rotol vicino al camino. Il corpo decapitato croll a terra rigido come una quercia abbattuta. Arianna, a quattro zampe, cercava riparo in un angolo mugugnando. Avevi detto che mi avresti aspettato per sempre, ringhi il Truce e la rincorse. Arianna si era nascosta sotto un tavolo. Il Truce lafferr per i capelli e la trascin al centro della stanza e con un piede la inchiod a terra come una serpe. Con mio fratello.... Lei sgran gli occhi cerulei e tremando sussurr: Ti prego, Leonardo... Ti prego. Io.... Il Truce la osserv, ansimando per la fatica. Lo sapevo che eri pi bella. Chiuse gli occhi e poi con urlo le affond la spada fra i seni. Due. Il Truce si chiuse dentro quella stanza per due giorni e due notti, strillando come un ossesso, bestemmiando Dio, piangendo come un bambino. Ci fu un servo, pi coraggioso degli altri, che prov timidamente a entrare, ma fu gettato per le scale rompendosi losso del collo. Il terzo giorno il Truce usc fuori. Si era tagliato con la spada i capelli e la barba e la testa e le guance erano solcate da tagli e graffi. I suoi occhi neri come pece, si erano stinti, sbiaditi. Il fuoco dietro le sue pupille si era spento e il volto del condottiero aveva lespressione dei folli melanconici. Era nudo, solo una striscia di stoffa macchiata di sangue gli fasciava la testa. Reggeva tra le braccia il corpo senza vita di sua moglie. La testa le ciondolava appesa al collo di cigno. I lunghi riccioli cadevano gi come una cascata nera. La pelle bianca come neve. Le labbra viola. Un sottile velo di organza le copriva le nudit. Un diadema dargento le incornava la chioma. Il Truce scese le scale, attravers il lungo corridoio e si diresse verso il portone. Tutte le donne uscirono dalle cucine spingendosi e bisbigliando curiose. Gli uomini e le guardie si incollarono ai muri per farlo passare, le facce dei bambini facevano capolino tra le gonne e le gambe. Tutti guardavano quellomone nudo che avanzava con il cadavere di sua moglie tra le braccia verso il portone del castello. In molti si fecero il segno della croce. Il cielo era azzurro, laria tagliente come la lama del boia e il sole accecante riverberava nella valle bianca. Il Truce port Arianna al centro di un campo innevato e la adagi in una lunga vasca di marmo vuota. Le incroci le braccia sul petto e la baci sulla bocca che gi sapeva di carogna. Poi si volt verso gli uomini che a cinquanta passi osservavano quello che faceva il loro signore e disse: Portatemi dellacqua e trovatemi le streghe. Dopo tre giorni furono portate in ceppi le streghe. Tarcisio e un gruppo di cinque armati avevano scalato la grande montagna a ovest, attraversato il ghiacciaio, ed erano arrivati sulle guglie della montagna dove vivevano solo le aquile e gli avvoltoi. Le avevano scovate dentro una grotta. Per tirarle fuori dallantro avevano dovuto affumicarle. Le

streghe erano tre e sommando le loro et dovevano avere pi di mezzo secolo. Erano piccole, storte dallartrite e dai reumatismi, coperte di stracci sporchi, rugose come la corteccia di un sughero e puzzavano di merda e malattia. Parlavano in una lingua sconosciuta e appena potevano sputavano, graffiavano e mordevano. Le chiusero nel porcile. Le streghe si aggrappavano una allaltra come scimmie. I bambini e le donne gli lanciavano contro sassi e palle di neve e quelle spalancavano le fauci sdentate e lanciavano insulti incomprensibili. Il Truce fece trascinare le streghe fino alla vasca di marmo. Arianna era immersa nel ghiaccio. Attraverso la lastra turchina si intravedeva il corpo nudo e congelato della ragazza. I lineamenti del viso erano rilassati e unespressione di pace era disegnata sulle labbra vermiglie. Sembrava che dormisse. Fatela tornare a vivere, ordin il Truce alle streghe. Le tre vecchie si avvicinarono zompettando alla vasca e cominciarono a toccare con i loro artigli neri la superficie ghiacciata, e quando videro Arianna, cominciarono a lanciare esclamazioni, a strillare, a parlottare tra loro, a spingersi, a sghignazzare. Poi la pi vecchia e cenciosa delle tre, allung un dito e indic il Truce e scuotendo la testa disse: Riot Sravat Scruneat Polo. Che dici vecchia? Non ti capisco. Fece il Truce afferrandola per un braccio... Parla come una cristiana. La seconda si accucci ai piedi del Truce e lo guard con i suoi occhi bianchi come uova sode e poi sussurr: Dice che i morti bisogna lasciarli stare. Come? Sliot Ranca! Gnepra Tafuc Tufac. Sragen Tel Rinemort. Fece la vecchia gettando la neve contro il Truce. I morti non vogliono tornare indietro. Stanno bene dove stanno. Quando si entra nel regno delle tenebre una porta si chiude alle nostre spalle. Il Truce la sollev da terra e cominci a sbatacchiarla. La vecchia strillava come un corvo afferrato da una lince. Strega, non mi interessa niente di queste storie. Falla tornare indietro, subito. Se non ubbidisci vi brucer vive. Poi, come se le forze si fossero esaurite, la lasci cadere a terra, abbass la testa e sussurr: Io non posso vivere senza di lei. Non posso.... Le tre streghe si misero a parlottare, a discutere animatamente, a tirarsi i capelli. Quella con la gobba e la faccia mangiata dal vaiolo, che fino a quel momento non aveva parlato, disse: Possiamo provare. Per cavaliere ricordati bene che la tua sposa non sar pi la stessa. Il Truce si pieg sulla vasca, pos le labbra sul ghiaccio. Non mimporta... Io la amo e la rivoglio. Quella notte le tre streghe accesero fuochi che sollevavano tentacoli fiammeggianti intorno alla vasca ghiacciata ballando e intonando inni al dio dei morti. Il Truce dalla finestra della sua stanza le osservava e pregava perch le fattucchiere riuscissero in quella funesta impresa. Finalmente arriv lalba e cancell la lunga notte. Il Truce usc dalla rocca. Un senso di oppressione gli gravava sul petto e gli annodava la trachea. Le tre vecchie erano addormentate accanto alle braci dei fuochi. Il Truce esit un istante e poi guard nella vasca. Arianna era ancora l, l come laveva lasciata. Gli occhi neri del Truce si accesero di rabbia. Lira, bruciante come un tormento fisico, inond tutto il suo corpo e tutto parve vacillare di fronte a lui. Cagne infernali! Non ci siete riuscite! cominci a prendere a pedate le maliarde. Le tre vecchie scappavano latrando per la piana innevata. Ve lo avevo detto, il Truce aveva sguainato la spada. Vi far bruciare vive, vecchie schifose!. Stava per colpirne una quando un grido disperato che non aveva niente di umano, acuto come quello di un gatto in amore e profondo come quello di un orso ferito a morte ghiacci il sangue nelle vene al Truce, alle streghe e a tutti gli abitanti della valle. I maiali cominciarono a grugnire, a sbattere contro i recinti, i cani ad abbaiare, e le mucche a muggire. Le oche presero il volo e le galline scapparono via

starnazzando. Il grido proveniva dalla vasca. Il Truce rimase un istante impietrito, ma poi si scosse e si precipit verso la sua sposa urlando: Arianna! Arianna, sei torna.... Il ghiaccio era intatto e il cadavere giaceva nella stessa posizione. Il Truce allora cominci a roteare la spada nellaria e con un grido di dolore colp il bordo della vasca. La lama si spezz in una pioggia di scintille. Stava per avventarsi con i pugni contro la lastra gelata quando si accorse che qualcosa era cambiato. Il volto di Arianna. Il volto di Arianna era cambiato. La bocca era spalancata in un urlo muto, unespressione malvagia le distorceva i bei lineamenti e gli occhi le allungati e ingialliti come quelli delle serpi. I lunghi capelli si muovevano lentamente, sinsinuavano nel ghiaccio scavando migliaia di sottili gallerie. La superficie prese a scricchiolare, a creparsi, a fendersi, a spaccarsi come se un fantasma lo prendesse a martellate. Il Truce indietreggi tenendo puntata la spada verso la vasca. Le schegge schizzavano da tutte le parti come se una tromba daria le facesse volare con un fragore simile a quello unintera montagna di ghiaccio che andasse in frantumi... E finalmente Arianna si sollev, avvolta da una fredda fiamma azzurra cos accecante che il truce sollev le mani per proteggersi gli occhi dal bagliore insopportabile. Le tre streghe si buttarono a terra e cominciarono a pregare al dio degli inferi nella loro lingua sconosciuta. Anche il Truce si inginocchi e preg il padre celeste perch mettesse fine a questo orrido prodigio. Arianna scese dalla vasca e la fiamma azzurra che la circondava svan. La pelle della creatura era bianca come lavorio, le unghie nere, come i capezzoli e le labbra. Gli occhi affilati erano posseduti da una passione aliena e crudele. I capelli le si erano drizzati come se una energia misteriosa li percorresse formando una criniera corvina e animata. Chi sei, tu? Non sei Arianna.... La sposa resuscitata avanz verso il suo sposo. Ogni movimento del suo corpo sinuoso era subdolamente ammiccante. Un ghigno divertito le piegava le labbra vermiglie e uno scintillio malvagio le brillava nello sguardo. Ran Scrut. Satar Nec, Iol... pronunci la creatura con una voce cavernosa e maschile. Si avvicin al Truce e lo afferr per la gola con una mano e lo sollev in aria come fosse uno spaventapasseri. Lomone piangeva come un bambino. La creatura gli pass lindice sulle ruvide guance e sulle lacrime calde. Si mise il dito in bocca, sorrise e con un movimento fulmineo gli spezz losso del collo. Il corpo senza vita del Truce affond nella neve. La creatura ci si pieg sopra con movimenti felini, lo odor da capo a piedi, diede unocchiata sospettosa in giro e poi cominci a divorarlo. La notizia che un essere feroce era tornato dalloltretomba si sparse per tutte le valli e cento armati furono mandati ad affrontarlo. Il risultato fu che trenta uomini furono sbranati vivi, altri venti furono feriti e le ferite non guarirono, si riempirono di pus e vermi e il resto dellesercito scapp terrorizzato. Allora venne chiamato Antonello da Guidonia, un cavaliere di ventura che si diceva avesse ucciso un drago alato a Bisegna, tre sirene a Cattolica e due gemelli siamesi in un borgo vicino Todi. Il paladino entr nel bosco dove la creatura si era rifugiata coperto di unarmatura dorata, imbracciando una balestra caricata con frecce avvelenate. Gli abitanti sentirono solo un urlo terribile e poi dalle chiome degli alberi schizzarono via, come meteore doro, i pezzi dellarmatura. Tarcisio scosse la testa, si gratt la cicatrice e disse: Qui ci vuole una idea. Si chiuse in casa. Due giorni dopo ne riusc con un piano. Poco distante dalla rocca cera un buco profondo pi di mille braccia. Sul fondo, la leggenda voleva che gli antichi cristiani avessero scavato una cripta dove si erano rifugiati alla persecuzione dei romani. Sopra il buco gli abitanti della rocca poggiarono un telaio di rami secchi lo coprirono con tappeti e ci poggiarono sopra la neve. Quattro

vergini nude furono disposte proprio sul ciglio. Un ladruncolo, scoperto a rubare uova in un pollaio, fu issato su un cavallo e fu obbligato ad attraversare al galoppo il bosco. La creatura appollaiata su un ramo di una quercia, allarg le narici, si accucci e appena il cavallo gli pass sotto ulul e con un balzo si lanci. Il ladruncolo emerse dal bosco urlando. Il mostro gli stava alle calcagna e stava per raggiungerlo, ma in quel preciso momento le vergini recitarono lAve Maria. Arianna, o ci che era diventata, si ferm e poi a lunghe falcate si diresse verso le fanciulle, felice come una donnola che ha puntato una colonia di conigli. La creatura fin nel buco. La sentirono precipitare urlando e poi un tonfo sordo. Gli abitanti attesero trattenendo il fiato. Silenzio. Non un suono, un rumore, proveniva dal fondo. Lavevano uccisa. Cominciarono a saltare di gioia ad abbracciarsi, ma si sbagliavano, dal buco emersero ruggiti furiosi e latrati cos lancinanti da spaccare i timpani... Il demonio non era morto. Tarcisio si affacci sul ciglio, guard nelloscurit, sollev le spalle e disse: Seppelliamola viva. Poi fu la volta delle streghe. Le sciolsero dal palo a cui le avevano legate e le trascinarono in catene verso il buco. Le tre vecchie frignavano disperate, affondavano le mani nella neve, si aggrappavano a tutto ci che trovavano e chiedevano piet, un po di cristiana piet. Le gettarono nel buco. La pi vecchia delle tre, prima di precipitare, sollev le braccia al cielo, fece una smorfia terrificante e lanci un terribile anatema. Ranz! Riot! Canter Is Da Coturnia. Renter Ka. Nessuno cap niente. Poi coprirono il buco di terra e sassi e la pace e la serenit fecero ritorno nella valle. II Mille anni dopo, praticamente oggi Mille anni dopo, la valle, come ogni valle che si rispetti, aveva subito parecchi cambiamenti. La statale S241 si snodava come una lunga biscia tra le montagne, raggiungeva la valle, proseguiva dritta tagliandola in due e poi attraverso un tunnel e un lungo viadotto se ne ritornava in basso, verso la pianura. A un paio di chilometri dalla rocca, su un fianco della conca, accanto alla statale, ora si trovava un centro abitato chiamato Forca di Mezzo. Un agglomerato di casette stile baita alpina e palazzine in cemento armato stile Bucarest erette tra gli anni 60 e 70. Tutte gravitavano intorno a una piazza quadrata. Al centro di piazza Cadorna, su un pezzetto di prato lo scultore Tony Riccardi aveva creato unenorme ciambella di bronzo dal cui centro sgorgava una fontanella. Per il resto il paese riservava poche sorprese. La birreria-pizzeria-creperia La piccozza del monaco, una Coop, il negozio di sport Ana Purna, un bar senza nome, un paio di pensioni e una filiale del Monte dei Paschi di Siena. In tutto quel tempo il lago si era ristretto, ne rimaneva una pozzanghera per la pesca sportiva alla trota salmonata. Il bosco era stato tagliato, al suo posto ora cerano pascoli e sassaie. Nel 1980 la zona aveva fatto il salto, su un vallone scosceso della montagna era stato costruito un impianto sciistico che la giunta comunale democristiana aveva battezzato Valle Amena. Una seggiovia, due skilift, una pista nera (Zeus), esposta a nord e sempre ghiacciata, una pista rossa (Saturno), una azzurra (Bambi) e un campetto scuola (Tippete). Sulla statale, a un chilometro da Forca di Mezzo, accanto alla pompa Agip, sorgeva il mobilificio degli artigiani marsicani. Una costruzione a forma di castello, con tanto di merli e tetti a imbuto. Una riproduzione di una catapulta era parcheggiata accanto alle vetrine. Il mobilificio era famoso nella zona per una gamma semplice e funzionale di armadi, letti, librerie, tavoli porta-pc, scarpiere tutto in stile medievale. E proprio di fronte al magazzino, dallaltro lato della statale, la rocca del Truce era ancora l. Resisteva

arcigna, sgraziata, aggrappata allo stesso cucuzzolo di roccia e decisa a non cedere. Certo, le capanne e i recinti degli animali erano stati sostituiti da un parcheggio asfaltato occupato da monovolume Bmw, Mercedes, Smart disposte in fila accanto a cumuli di neve sporca. Ora la rocca possedeva anche due lunghe ali di vetro e alluminio anodizzato che si affacciavano sulla grigia valle sottostante. Lala destra era un famoso ristorante consigliato dalla guida Michelin e dal Gambero rosso. Laltra ala era la hall di un esclusivo hotel a quattro stelle. Proprio sotto la rocca, sei lunghi piloni di cemento armato azzannavano la montagna sostenendo il resto dellalbergo. Cinquanta stanze, tre suite imperiali con vista sul baratro. Centro benessere. Piscina coperta. Sale meeting, un cinema, postazione multimediale. E giardino dinverno. Lantico portale di legno e bronzo della rocca era coperto da una pensilina di ferro battuto e perspex. Sulla destra, accanto a un fungo argentato che riscaldava laria, quel giorno particolarmente pungente, spiccava un cartellone color arancione appoggiato su un treppiedi che annunciava: IL POTERE DELL'ARMONIA INTERIORE La fine del conflitto interpersonale come evoluzione del s SEMINARI E INCONTRI DIRETTI DALLA PROFESSORESSA GIOVANNA CARAFFA E DAL PROFESSOR RENATO RISPOLI (25 febbraio 2 marzo 2001) medicina olistica aromaterapia drumming e sciamanesimo tecniche di rebirthing terapia astrologica yoga kundalini rimotivazione personale e di coppia musicoterapia cristallomanzia ipnosi regressiva feng shui. E inoltre Tecniche e Pratiche di: pulizia dellaura bilanciamento dei chakra rimozione delle energie negative dal corpo spirituale controllo del proprio spazio interno riabilitazione delle proprie capacit spirituali per curare se stessi e gli altri. Il 25 febbraio alle ore 8,30 si terr nel ristorante della rocca la cena inaugurale a base di piatti medievali preparati dallo chef Pasquale Muti. Parteciper il gruppo new age Kaja Secca. Prenotazioni al 7768810. Tre. Breccola Paolo Pascarella, detto Breccola, odiava la pista Zeus pi di ogni cosa al mondo. Ma chiamare la Zeus pista da sci era un eufemismo. Quella era una pista di pattinaggio adagiata sopra a una montagna, un imbuto di ghiaccio che portava verso la sofferenza fisica, un corridoio verso la morte. Nei giorni buoni il sole ci infilava, schifato, qualche raggio per una ventina di minuti e poi, per il resto, il canalone restava in ombra e da sopra, dai picchi, ci si infilava dentro un ventaccio che tagliava le orecchie. Quando nevicava era peggio. Lo strato di neve fresca si posava sulla lastra di ghiaccio rendendola, se possibile, pi infida. Se facevi la stronzata di imboccarla a cuor leggero, magari a uovo, per farci il fico con gli amici, maledicevi il giorno in cui avevi deciso di metterti a sciare. Cerano sciatori esperti che dal terrore si erano paralizzati fra quelle cunette ghiacciate e se la disperazione ti portava a decidere di toglierti gli sci, be, lasciamo stare. Secondo il Breccola quella pista aveva unanima. Unanima malvagia. Perfida. Sotto quel

ghiaccio ci doveva essere una concentrazione di odio e cattiveria che Non riusciva a spiegarselo. E non questione di quanto sei bravo, anzi se sei bravo peggio. Perch pensi di poterla gestire, ma lei che gestisce te. Rifletteva il Breccola, imbacuccato nella sua giacca a vento mentre la seggiovia lo portava, nella nebbia, in cima alla Zeus. Poggiata accanto a s aveva una slitta da pronto soccorso, lo aveva chiamato alla radio Romolo, il collega degli skipass, per dirgli che una era caduta. proprio cos. La storia di Alberto Tomba lo dimostrava. Un anno prima il campione era venuto a Forca di Mezzo per un giro promozionale della sua linea di abbigliamento. Dopo un banchetto organizzato in suo onore sul campetto Tippete e la sfilata delle modelle in tute colorate, Tomba aveva deciso, improvvisamente, di concedersi ai suoi fan e di farsi una discesa. Mai dal giorno dellinaugurazione dellimpianto era avvenuta una cosa cos eccezionale e degna di essere inscritta nellalbo di Valle Amena. Un campione mondiale che scende gi per le loro piste. Tutti si erano muniti di macchine fotografiche e telecamere. Tomba si era alzato da tavola barcollando. Si era fatto fuori un cosciotto di cinghiale ricoperto di salsa ai mirtilli, due bottiglie di Fiano dAvellino e una quantit indeterminata di grappini, aveva sbottonato i pantaloni, si era infilato gli sci e salutando come un imperatore romano era montato sulla seggiovia. Tutti lo avevano seguito. Era arrivato sulla Zeus, tra due ali di fanatici che urlavano: Forza Alberto! Forza Alberto! Sei tutti noi!. Alberto si era infilato gli occhiali neri, il capellino con la visiera, aveva fatto un gran sorriso e si era gettato gi con la sua solita, inimitabile, eleganza. Una curva sublime, una seconda curva pi sublime dellaltra, una ancora di pi, un salto leggero come una pasta sfoglia, ma quando era atterrato, la Zeus, infame bastarda, e senza nessuna soggezione, si era vendicata. Uno sci era partito come una scheggia impazzita, laltro lo aveva imitato e il vincitore di svariati campionati mondiali si era fatto il resto della pista a pelle dorso fermandosi tra i tavolini della baita Edelweiss. Alberto si era alzato, nellimbarazzo generale, si era spolverato di dosso la neve e senza fiatare era montato sulla sua Mercedes e se nera andato. Il giorno dopo sui giornali aveva rilasciato unintervista infuriata in cui denunciava che quella pista era mortale, che bisognava chiuderla immediatamente, che era un attentato alla vita degli sciatori. Per un po, scioccato dalla pubblicit negativa, Gianni Chiappafava, lamministratore generale dellimpianto, laveva chiusa, ma poi rendendosi conto che nessuno ci veniva fino a l per una pista rossa lunga mezzo chilometro e una azzurra quasi in salita, laveva riaperta fottendosene. Il bilancio di dieci anni di attivit della Zeus era impressionante. Quattro morti, due in coma e i contusi, i lussati, i fratturati non si contavano nemmeno. Fatti due conti, avevi meno probabilit di farti male lanciandoti dal secondo piano di una casa che scendendo la Zeus senza racchette, tirandoti dietro una slitta. Breccola, seduto a dieci metri dal terreno, sentiva che le gambe gli diventavano di ricotta al pensiero di quello che si accingeva a fare. Tre mesi prima era andato a recuperare un tedesco che si era schiantato contro un pilone. Si era ritrovato in ospedale accanto al tedesco, per il crucco era stato dimesso dopo tre giorni, lui dopo un mese con il bacino incrinato e le stampelle. Si maled per la centesima volta di avere accettato di far parte del soccorso alpino. Di fare parte... meglio, di essere il soccorso alpino di Valle Amena. Aveva accettato solo perch... perch non aveva abbastanza coglioni per farsi valere, non era riuscito a dire no a quel bastardo dellamministratore. Ci aveva provato, eccome se ci aveva provato, ma le parole gli erano morte stecchite sulla punta della lingua come salmoni gravidi di uova. Se le sentiva tutte l, soggetti, verbi, aggettivi, sostantivi che gli riempivano la bocca. Sapeva che bastava

metterle in ordine, una dietro laltra, come i vagoni di un treno e farle uscire fuori sotto forma di frasi sensate. Niente da fare. Non riusciva a sputarle fuori, lunica cosa che era riuscito a fare era diventare paonazzo come un peperone e a strizzarsi come se dovesse cagare uno stronzo troppo duro. Breccola, senti un po, ho pensato una cosa, gli aveva detto quel panzone di Chiappafava fumando il suo toscano. Ti voglio promuovere. Tu stai tutto il giorno a gelarti il culo bucando skipass e invece potresti fare qualcosa di molto pi utile per la societ e per te stesso e che farebbe salire notevolmente il tuo punteggio in paese. Ho saputo che qualche anno fa hai seguito un corso di pronto intervento e che eri tra i pi bravi.... Niente di pi falso. La provincia aveva organizzato un corso di pronto intervento a Forca di Mezzo, ma lui non era riuscito a superare lesame orale. Breccola aveva emesso dei versi per dire che lui non aveva lattestato, versi che Chiappafava non aveva degnato dattenzione. E quindi ti promuovo alla squadra soccorso alpino. Passerai il giorno in una baracca riscaldata con tanto di radiotrasmittente e televisione e qualche volta dovrai uscire con la slitta, caricare linfortunato e portarlo allambulanza. Una cosa facile facile. Contento?. Breccola si era cominciato ad agitare tutto, a fare no con la testa, a fremere come un bastardino impaurito. Non voglio! Avrebbe voluto urlare. Non era in grado di farlo per un milione di ragioni, tra cui: 1) sciava da cani, era nato l e aveva fatto la scuola di sci, ma non era mai riuscito nemmeno a superare lo stadio spazzaneve. 2) Il sangue gli faceva impressione, il dolore lo paralizzava. 3) Non voleva acquistare nessun punto, non si sentiva un eroe, anzi. Si sentiva solo un povero scemo balbuziente. 4) Gli piaceva il lavoro che faceva: controllare gli skipass, aiutare i bambini a salire sulla seggiovia, prendere il sole, farsi una cioccolata calda con la panna e stare tranquillo. 5) E vaffanculo a quello stronzo di Chiappafava. Non mi ringraziare. Chiappafava aveva gettato il toscano e gli aveva dato una pacca sulle spalle: chiaro che questa una proposta da prendere o lasciare. Se non accetti sar costretto a licenziarti e come sai il personale della seggiovia in esubero e se deve cadere una testa, quella testa la tua, lo sai, con i problemi che ti ritrovi. E quindi eccolo qui, il nostro Breccola, che scendeva maldestro dalla sedia con un corpetto rosso con la croce bianca sulla schiena e quella cassa da morto argentata tra le mani. Rino, quello che controllava larrivo della funivia, sempre abbronzato, con le cuffiette fuse nei padiglioni e un cappello da cowboy, era sbracato su una sdraio, quando lo vide lo salut con un ghigno. Ecco il prode Breccola. Una vecchia si sdraiata ed finita lunga contro le reti. Breccola, la pista molto incazzata e ci finisci di nuovo allospedale. E prese a sghignazzare come se stesse vedendo le comiche. Allospedale finisco accanto a quella troia di tua sorella che le devono fare la ricostruzione plastica dellano per quanti ne ha presi. Quanto gli sarebbe piaciuto potergli rispondere cos. La frase era l, formata nel cervello, cattiva e tagliente, e in una persona normale sarebbe risalita su per la gola, sarebbe passata sotto lepiglottide e sarebbe uscita fuori dalla bocca come una freccia appuntita affondando nellonore familiare di quel bastardo come nel burro. In un balbuziente come lui invece si incagliava tra i denti, vanificando tutto. Lui sapeva di avere solo un blocco psicologico, come era sicuro di non essere un deficiente, e di avere un cervello che funzionava meglio di quello di quel cerebroleso di Rino. Aveva letto che pure Cicerone, il magister del foro romano, il grande oratore, era balbuziente e che mettendosi un sasso in bocca riusciva a parlare. Breccola ci aveva provato, con lunico risultato di avere ingoiato la pietra e di essersi beccato quellorrendo soprannome. Trascin la slitta oltre la ruota della seggiovia e osserv la Zeus. Era cos appesa che per

vederne la fine bisognava guardarsi la punta degli scarponi. Forza, ce la puoi fare, si fece coraggio. Breccola aveva 23 anni, era alto un metro e settanta e pesava unottantina di chili. Aveva un faccione rosso come una costata di manzo, un nasone a patata, due occhietti azzurri e i capelli tagliati con la macchinetta. Un sorriso gentile gli attraversava le labbra, ma ora, di fronte a quella parete verticale, la bocca gli si era serrata in una smorfia di terrore. Dalla nebbia spuntavano un mare di gobbe trasparenti. La vecchia che si era sdraiata non si vedeva, n si era formato il solito capannello di osservatori. Forse era caduta pi in basso, dove la pista curvava sopra un crepaccio profondo. L avevano messo delle reti di protezione, e gli sciatori ci finivano come branchi di sardine. Se la vecchia era l forse non si era fatta tanto male. Speriamo. Breccola si infil il cappello con il pon pon, si chiuse bene la giacca, si fece il segno della croce e afferr i manici della slitta. Era pronto. Quattro. BRECCOLA Se il capo, il tronco e gli arti superiori di Paolo Pascarella, detto il Breccola, erano pi o meno pronti ad affrontare la discesa, la parte inferiore del suo corpo no. Le sue gambe avevano la consistenza molliccia della certosa Galbani. Vai! Forza! Si fece coraggio e gett un po di peso a valle e cominci a scivolare gi a spazzaneve. Super le prime cunette in apnea, poi prese un respiro. Avanzava lento nel grigio e nel freddo rigido come un manichino. La slitta del soccorso alpino, alle sue spalle, gli gravava addosso. Non cera unanima sulla pista. Normale, in un giorno di merda come quello. Con quella temperatura siberiana e una nebbia fitta fitta che non vedevi la punta degli scarponi. Solo una malata di mente che veniva da lontano e che non aveva nessuna esperienza della perfidia meteorologica dellAppennino centrale poteva avventurarsi sulla Zeus con un tempo come quello. Ma dove diavolo era? Breccola, intanto, per la pendenza che cresceva, aveva spalancato un enorme spazzaneve del raggio di 180 gradi e sentiva caviglie e tendini che protestavano come gomene di un traghetto durante una libecciata. Le lame degli sci scricchiolavano azzannando il ghiaccio. Scendeva gi dritto, facendo il minimo di curve, in modo da non sbilanciare la slitta che si tirava dietro. Super il primo tratto della Zeus e nella nebbia cominci a materializzarsi il curvone del monaco, chiamato cos perch un francescano di Roccella Ionica, qualche anno prima, ci aveva rimesso le penne. Non vado male, per, si disse contento Breccola. Della vecchia per ancora nessuna traccia. Attraverso la foschia, si intravedeva la lunga rete nera, tenuta in piedi da bastoni colorati di rosso, che recintava la curva del monaco. Era l per evitare che orde di sciatori, in giornate nebbiose come quella, finissero nel precipizio. Breccola era sicuro di trovare la vecchia infilata nella rete come una mosca in una ragnatela. Ma non fu cos. Nessuno, solo uno stormo di grossi corvacci neri appollaiati sul crinale della montagna che gli gracchiavano contro, gelandogli il sangue. Lentamente un sospetto, un terribile sospetto, si fece spazio nella mente di Breccola. Cerc di respingerlo, ma poi, collegando una serie di osservazioni, improvvisamente gli fu tutto chiaro. Non cera proprio nessuno sulla pista, per il semplice fatto che nessuno quel giorno aveva preso la seggiovia oltre lui e... Rino! Rino gli aveva fatto uno scherzo. Perch lo chiami scherzo?, gli chiese una vocina nel cervello. In effetti quello non era uno scherzo. Uno scherzo, teoricamente, deve essere divertente. Uno scherzo quando ti fanno buu dietro la porta,

quando tinfilano la neve nel cornetto, quando ti prendono la sciarpa e te la fanno ghiacciare, al limite quando ti prendono a sassate o ti ammazzano il gatto. Questo no. Questo era solo un attentato alla sua vita. Un tentativo di omicidio. Una fitta di dolore gli attravers il cuore. Gli occhi gli si gonfiarono e la gola gli si chiuse. Non ti metterai a piangere in mezzo alla Zeus?, continu la vocina nella sua testa. Perch non mi lasciano in pace? Che vi ho fatto di male? Queste due domande avevano accompagnato lesistenza del Breccola da quando il suo intelletto aveva cominciato a produrre i primi pensierini logici e a capire che la sua sarebbe stata unesistenza di merda, punteggiata da scherzi e prese per il culo, immersa nella solitudine. Da quando aveva cominciato a socializzare, non cera stato giorno dove qualche amichetto/a non si fosse preso la briga di fargli notare che era un rotolo di coppa, un ciccione demente, un povero balbuziente, un brufolo ambulante, un mongoloide, uno spastico, un deficiente, un ricchione. E se volava uno schiaffo, uno sputo, un sasso, ci si poteva scommettere che se lo beccava quel coglione del Breccola. Con gli anni e le vessazioni continue, intorno al cuore di Breccola si era formato un callo, un carapace durissimo. Con fatica e pena, aveva affinato le doti di sopportazione e di pazienza di un monaco tibetano. Aveva seccato i dotti lacrimali. Per fare questo, simmaginava di avere al posto dello stomaco una fornace rivestita di materiale refrattario, capace di bruciare quantit impressionanti di dolore, rabbia e frustrazione e di trasformarle in forza interiore e indifferenza. Lontano come Alpha Centauri, si ripeteva come un mantra dopo che i bulli del paese gli avevano accartocciato la bicicletta. Lentamente il livore si spegneva e si trasformava nel sorriso imperturbabile di un Budda appenninico. Questo faceva impazzire i suoi carnefici, che, frustrati, cercavano di estirpargli dalla faccia quel sorriso idiota riempiendolo di pugni e calci. Ma Breccola resisteva, sapeva che un giorno ci sarebbe stata giustizia. Qui o in Paradiso. Ma adesso, sulla Zeus, si rese conto che per colpa di questo ultimo scherzo bastardo qualcosa dentro di lui si era rotto. Basta! Aveva ingoiato troppe tonnellate di merda. Era andato in sovraccarico come una lavapiatti troppo stipata. La fornace, nelle sue viscere, aveva smesso di bruciare e il dolore che sentiva non poteva essere pi spento. Anzi, l, fermo in mezzo alla pista, avvertiva che si stava amplificando, che cresceva immenso come quello del Nostro Salvatore sul Golgota. Ma siccome lui non era Ges Cristo, n tanto meno suo parente, non sarebbe stato in grado di perdonare Rino e il resto della razza umana. Quel dolore lancinante si tramut in rabbia, una rabbia acida, spumante e acre come il mosto selvatico, riscaldandogli le vene. Un rigurgito di bile gli sal dal profondo delle viscere fino in gola, strinse le racchette e fece un rutto esplosivo che fece volare via lo stormo di corvi. Vi odio. Tutti. Rino. Chiappafava. I colleghi, quelli che gli facevano i versi alle spalle e quelli che gli facevano mille domande solo per il piacere di vederlo spremersi come un deficiente e quelli che lo trattavano come fosse un cerebroleso. Li odiava. Tutti. Nessuno escluso. Dovete morire. Soffrendo. Da quando era piccolo, forse ancora prima che fosse tempo di parlare, non cera stato un giorno in cui non si era sentito trattato come un essere diverso, una creatura da baraccone. In 22 anni non era riuscito a trovare una persona, nemmeno sua madre che aveva cercato di mandarlo in istituto e che per fortuna era morta prematuramente stroncata dal fumo che avesse avuto un briciolo di comprensione. Che volesse capire chi fosse davvero Paolo Pascarella, in arte Breccola. Lui non aveva mai chiesto a nessuno di essere rispettato, compreso. A queste stronzate non ci credeva. Sapeva, come sapeva che la terra gira intorno al sole, che lumanit era formata da una manica di figli di troia che godevano a infierire sui pi deboli. Breccola

aveva semplicemente chiesto di essere lasciato in pace. Come una pietra. Come una cazzo di guglia di quella montagna di merda che gli incombeva sulla testa. Forca di Mezzo, posto di insensibili, montanari, figli di puttana insensibili. Dvvvvttttttttttt mmmmmmirre ttttuttti!, url al vento e alle guglie innevate, sollevando le mani al cielo e dimenticandosi che la slitta, traditrice, era proprio alle sue spalle. Lo colp sopra i polpacci. Breccola rimase un attimo in bilico, ma poi perse lequilibrio e mulinando le braccia tent disperatamente di ritrovarlo. Ma gli sci gli scapparono sul ghiaccio vivo e cadde di culo e a gambe spalancate, finendo dentro la slitta che prese subito velocit, schizzando come un proiettile impazzito sopra le cunette. Breccola, mugugnando strani dittonghi prov a fermare la slitta con le mani, ma la neve era dura come marmo. Gli sci volarono via e cos pure le racchette. Steso in quella specie di bara dalluminio, aveva la sensazione che il paesaggio intorno a lui fosse diventato una serie di strisce grigie che gli fuggivano alle spalle. Un po come in Guerre Stellari quando Luke e i suoi amici entravano nelliperspazio. Un rombo gli riempiva le orecchie e il vento gelido gli entrava nella bocca spalancata in un ghigno di terrore. Il fondo della slitta sfiorava appena la schiena trasparente delle cunette. Aveva due certezze: che stava battendo ogni record di velocit di discesa con lo slittino e che sarebbe morto schiantato contro una roccia. Sollev la testa e quando cap che era lanciato a quella velocit folle contro le recinzioni del curvone del monaco, svuot la vescica sul plaid scozzese. Quelle bastarde avrebbero retto. Breccola si ricordava quello che aveva detto Chiappafava il giorno in cui erano state installate e ben bene pubblicizzate. Erano costituite da una fibra sintetica altamente tecnologica, che veniva usata dai rimorchiatori giapponesi per tirare fuori le petroliere dal porto di Osaka. Se ci finisce contro pure una Mercedes Station quelle reti non si rompono. Questo aveva detto Chiappafava e Breccola si era chiesto che cavolo ci faceva una Mercedes su una pista da sci. Almeno in questo il bastardo non poteva aver raccontato una delle sue stronzate. Dietro quelle barriere di nylon cera solo un baratro senza fondo di ghiaioni, lastre di ghiaccio, spunzoni di pietra. La fascia nera delle recinzioni si faceva sempre pi grande e accogliente. La prua della slitta ci si sarebbe infilata dentro e quindi non cerano pericoli, al massimo si sarebbe rotto in mille Quando, tra le cunette apparve, come un onda anomala, unenorme cupola di ghiaccio, perfetta come la tetta di Anna Falchi, che lo spazzaneve non sera curato di appiattire. Breccola cerc di buttarsi gi, ma era troppo veloce e la slitta schizz sopra la cunetta e decoll superando la rete, superando la pista, superando le montagne e librandosi nel cielo come uno Scud durante la guerra del Golfo. Cinque. ARNALDO COTUGNO Alle nove del mattino Arnaldo Cotugno, il proprietario del Relais La Rocca e del Mobilificio Marsicano, era sprofondato nella poltrona anatomica del suo ufficio, dietro una scrivania che sembrava il ponte della Nimitz. Cotugno era un omone robusto, sulla cinquantina. Aveva due spalle possenti, il collo di un mastino e due mani tozze e forti. I capelli tinti di un rosso ebano gli formavano unonda che gli ricadeva sulla fronte, bassa come quella di un orango. Due fessure nere e senza espressione erano divise da un naso schiacciato. Indossava come sempre i pantaloni di una tuta Adidas, una felpa di pile e scarpe da ginnastica Nike. Stava fumando una vecchia Diana Blu che aveva trovato

dimenticata in fondo a un cassetto. Era la prima sigaretta dopo cinque anni di completa astinenza. Dietro le spalle di Cotugno, lenorme vetrata dello studio, che si affacciava sul panorama mozzafiato della valle, respingeva la coltre di nebbia che, unita alle luci gialle e soffuse nascoste dietro la boiserie di mogano scuro, dava alla stanza unatmosfera irreale e fuori dal tempo. Cotugno continuava a ripensare allincubo mostruoso che lo aveva risvegliato urlante nel mezzo della notte. Un sogno cos vivido e cos impresso nella sua memoria da sembrare reale. Aveva sognato di salire in pigiama le scale che portavano alla sala banchetti della Rocca. Ma le pareti erano nere, coperte di fuliggine e a terra non cera moquette, ma pietra gelata. Mano mano che saliva, laria era sempre pi calda: si sentivano un odore penetrante di legna che arde e un profumo dolciastro, soffocante. La porta della sala era socchiusa. Arnaldo laveva spalancata con addosso una strana ansia. I tavoli non cerano pi. Le teste dei cervi e di cinghiali appesi al muro non cerano pi, la foto con Mara Venier non cera pi, la cantinetta refrigerata con i vini non cera pi e neanche il frigo dellantica gelateria del corso. Nel camino ardeva un tronco largo come una condotta fognaria. Le fiamme salivano per la cappa alte e vivaci irraggiando la stanza di bagliori sanguigni. Al centro della stanza cerano, buttati a terra, dei cappotti di montone e delle pellicce di visone. Sdraiata sopra cera la sagoma scura di un uomo. Un omone completamente nudo che ansimava. La schiena lucida di sudore rifletteva il bagliore del fuoco. La frangetta mogano gli copriva il volto. Poi aveva visto due braccia scure che lo stringevano e due lunghe gambe di donna che gli serravano i fianchi. Scopavano come assatanati. Lei ansimava in preda al piacere e si avvinghiava alla schiena delluomo con le unghie. Arnaldo sapeva che quelluomo era lui. Si vedeva scopare come un toro al centro della sala banchetti. In piedi, in pigiama, accanto alla porta, riusciva a percepire il piacere del suo clone. Aveva sentito il suo membro duro e pulsante che scivolava nelle viscere calde e liquide della donna. A un tratto, per, le due sagome si erano immobilizzate come se avessero percepito una presenza. La donna aveva sporto la testa da sotto il suo braccio. Era Giordana. Sua figlia. Lo guardava senza espressione. Arnaldo Cotugno si era svegliato urlando e con unerezione nel pigiama. Sei. ARNALDO COTUGNO Arnaldo Cotugno spense la terza cicca, si alz dalla poltrona e affondando nella moquette nera, folta come il pelo di una pantera, attravers lenorme ufficio e cominci a trotterellare su un tapis roulant posizionato, strategicamente, di fronte alla vetrata che si affacciava sulla valle, ora coperta da una massa di nuvole color cappuccino. Arnaldo non riusciva a capire perch il cervello gli avesse fatto uno scherzaccio del genere. da psicopatici pervertiti sognare di trombarsi la propria figlia? Forse doveva parlarne con un medico, uno psichiatra. Quando ricord la scena in cui Pannocchietta gli faceva un pompino in macchina, per poco non diede un pugno al display dellattrezzo ginnico. Il pensiero di sbattersi la luce dei suoi occhi gli faceva venire ribrezzo, peggio che pestare a piedi nudi una carogna di cane. Una volta, Carmela Tricarico, la farmacista, unesperta di robe psicologiche, gli aveva parlato del subconscio e dei sogni. La parte oscura, la chiamava. Il subconscio, se Arnaldo aveva capito bene, una parte del cervello che di giorno funziona come una specie di aspirapolvere, succhiando tutto quello che uno pensa, desidera, ricorda e fa, e poi di notte, mentre dormi, produce una specie di macedonia e te

la ripropone. E questo, sempre secondo Carmela Tricarico, serve al cervello per riorganizzarsi e alla memoria per funzionare. Qualcosa del genere, insomma. Questo poteva pure essere vero, ma in vita sua Arnaldo Cotugno, e poteva giurarlo su quant vera la Santa Trinit, non aveva mai desiderato accoppiarsi con sua madre, sua figlia e nemmeno qualche parente lontano, e quindi il suo subconscio non si doveva permettere di farlo eccitare per una cosa cos abominevole e contro natura. Manuela, ansim guardando verso il cielo coperto di nuvole. Manuela, perdonami. Si stava rivolgendo a sua moglie, morta dieci anni prima per un cancro allintestino. Non colpa mia. Ti giuro che non ho mai avuto pensieri sporchi su nostra figlia. Mai, mi potesse venire un coccolone qui, allistante. Gli sembr di sentire la voce della moglie che gli rispondeva dal cielo. Forse hai sognato questa roba immonda perch hai sistemato quel grande figlio di puttana del cantante che aveva violato linnocenza della nostra adorata Pannocchietta. Parole sante. Sette. LINO MELONE Il cantante che importunava Pannocchietta, ladorata figlia di Arnaldo Cotugno, si chiamava Sandro Maranzano, in arte Lino Melone. Da sei giorni per aveva improvvisamente smesso di chiamarsi e nello stesso tempo di essere. Il suo cadavere giaceva sul fondo melmoso di un laghetto per la pesca sportiva, a circa quattro metri di profondit. La corrente lo faceva fluttuare mollemente tra gli steli coriacei della Vallisneria Gigantea come unodalisca in preda agli allucinogeni. Un branco di Salmo Trutta Fario, chiamati comunemente trote, gli nuotava intorno attirato dal bagliore dei resti sbrindellati dello smoking di paillettes blu. Aveva gi cominciato a gonfiarsi e, se non fosse stato trattenuto da due secchi pieni di cemento a presa rapida in cui gli avevano immerso i piedi prima di gettarlo in acqua, avrebbe galleggiato al centro del laghetto come una boa di ormeggio. I gamberi, i granchi e i paguri dacqua dolce non erano rimasti con le chele nelle chele. Avevano subito cominciato a colonizzargli tutto lapparato digerente, a otturargli lesofago e farsi delle tane tra gli alveoli polmonari. La faccia, nonostante si fosse allargata come in un dipinto di Botero, continuava, in modo singolare, a far trasparire i tratti del grande sciupafemmine che era stato. Il mascellone, lo zigomo alto, il nasino alla francese, la fronte spaziosa. Ma il riporto, che in vita formava un tappeto lucido e scuro sulla calotta, si era sollevato e ondeggiava come un ciuffo di Posidonia. Lincarnato aveva assunto un color verde pisello dovuto alla colonizzazione del derma da parte di alghe cianoficee unicellulari. Ma per capire le ragioni e i tragici accadimenti che avevano portato il cantante melodico in fondo a un laghetto per la pesca sportiva, dobbiamo tornare un po indietro nel tempo e precisamente di sei giorni, quando Arnaldo Cotugno e i suoi due scagnozzi, il greco Nilo Papadopulos e il marchigiano Enzo Tavazzi, misero finalmente le mani su Lino Melone. Quel giorno, Arnaldo, seduto a un tavolo del suo ristorante con sua figlia, aveva deciso che cos non si poteva pi andare avanti. Doveva fare qualcosa. Pannocchietta era cambiata troppo. Non la riconosceva pi. Vabb che era orfana di madre, vabb che era adolescente, vabb che Forca di Mezzo non era il massimo del divertimento, ma vederla rifiutare il suo piatto preferito, la fantasia di carne ai ferri con contorno di cicorietta

ripassata e patatine fritte, per un actimel e un integratore vitaminico era una cosa che gli faceva troppo male. Era sbottato. Pannocchietta mia, ma si pu sapere che hai? Dillo a pap tuo. Non mi mangi pi. Non mi ridi pi. Non mi esci mai. Non vieni pi nemmeno a caccia di cinghiali, la cosa che ti piaceva di pi al mondo Ti ho comprato una Porsche Cayenne che, non per fartelo sapere, ho pagato sessantamila euro uno sullaltro, e non ti sei nemmeno degnata di tirarla fuori dal garage. Che ti succede?. Ma Carla lo aveva guardato con gli occhi spenti e aveva sospirato: Tu certe cose non le puoi capire. Si era alzata e si era chiusa nella sua stanza. Quella ragazza, aveva concluso Arnaldo, doveva avere un segreto. Un segreto di femmina. Non poteva pi continuare a considerarla una bambina. In effetti, negli ultimi mesi era cambiata pure nel fisico. Si era fatta donna. Era sempre minuta, ma con tutte le cose al posto giusto. E indossava minigonne e magliettine striminzite che si aprivano su un dcollet che Arnaldo non ricordava cos florido. Non che si rifatta le tette?, aveva pensato, ma poi aveva scacciato quellipotesi. E si era pure combinata qualcosa ai capelli, tipo se li era stirati. Assomigliava maledettamente a sua madre. In meglio. Arnaldo se nera tornato nel suo studio e aveva chiamato Nilo Papadopulos, il suo braccio destro balcanico, e gli aveva detto: Scopri che ha mia figlia, ma mi raccomando, con tatto. Non deve saperne niente. Il greco, un tipo di poche parole, magro come una cavalletta e nervoso come un furetto con le emorroidi, gli aveva detto di stare tranquillo. Non erano passate neanche tre ore che il greco era tornato. Allora, che hai scoperto?. Papadopulos si era acceso una sigaretta. Tua figlia innamorata. Arnaldo aveva sentito una fitta al ventricolo sinistro, l dove gli avevano fatto il by-pass. Si era messo una mano sul cuore. Sapeva che prima o poi sarebbe successo, ma a diciassette anni non era troppo presto? Di chi?. Di un certo Lino Melone. E chi cazzo ?. un cantante cinquantenne di Caserta specializzato nel repertorio partenopeo. Un gigol che ha avuto un certo successo nei primi anni 90 con la canzone Concetta Pancetta. Ora ramazza qualche euro tra matrimoni, sagre di paese e congressi medici. Ti ricordi che circa tre mesi fa c stato un congresso sullartrosi dellanca, qui alla Rocca?. E allora? Melone ha cantato alla serata dinaugurazione e, il greco di colpo sembrava restio a parlare. E dopo ha conosciuto tua figlia. E...? Nilo prese una boccata di fumo e spar la bordata. E niente, se l scopata nel cesso degli uomini. Arnaldo Cotugno era sempre stato un incassatore. Uno capace di restare in piedi anche dopo notizie ferali. In paese si diceva che Cotugno ingoiava sbarre di ferro e cagava bulloni. Ed era vero. Quando la finanza lo aveva multato per una frode fiscale di sei milioni di euro, non aveva battuto ciglio, quando era crollata unala intera della Rocca costata una cifra impronunciabile, aveva detto: Meglio. La rifaremo pi grande. Anche quando il cancro si era portato via sua moglie Manuela dopo sei mesi di atroci sofferenze in un letto di ospedale, non aveva dato a vedere a nessuno del fatto che lunica cosa che lo attraeva era il baratro sotto al balcone del belvedere della Rocca. E se non lo aveva scavalcato e si era spiaccicato 500 metri sotto era solo per amore di sua figlia. I problemi e i dolori, diceva, lo rendevano solo pi forte e incazzato. Ma alla notizia che sua figlia era stata sverginata da un gigol di 50 anni nella toilette degli uomini, Arnaldo Cotugno per la prima volta in vita sua aveva vacillato. Quello scud aveva fatto breccia tra le squame della sua rozza armatura e aveva colpito un muro maestro facendo incrinare lintera architettura. Aveva stretto i braccioli della poltrona e si era piegato su se stesso e aveva vomitato le costolette di agnello e le cipolle in agrodolce, la panna cotta che si era fatto a pranzo e il caff e il cannolo siciliano che aveva preso a

colazione e le pappardelle tartufate saltate nella crema al Barolo della sera prima e quello di due, tre, quattro giorni prima, di un mese prima, aveva rigurgitato tutto quello che si era ingozzato l alla Rocca e in tutti i ristoranti della guida del gambero rosso in cui si era sfondato negli ultimi dieci anni. Aveva vomitato tutto quello che aveva mangiato in vita sua, fino ai biscotti plasmon, al latte di sua madre, al liquido amniotico. Aveva rimesso sul pavimento la morte di Manuela, la paura di non essere abbastanza cazzuto, la volta che aveva sparato al sovrintendente alle belle arti, la volta che aveva spezzato le cosce al proprietario del ristorante La zampogna lucana, e quella che aveva corrotto mezza regione e la volta che aveva portato sua figlia allospedale per una peritonite e per poco non ci aveva lasciato la pelle e la volta che si era inculato con Tavazzi Mery, un travestito in una piazzola di sicurezza della superstrada. Aveva vomitato ogni passo falso, ogni insicurezza, ogni sconfitta e vittoria l sulla moquette nera del suo ufficio. Il greco aveva perso la sua flemma balcanica, sicuro che il suo capo avesse un alien nello stomaco, che sarebbe morto autovomitandosi. E invece lentamente, come un riccio dopo un incendio, Arnaldo Cotugno aveva cacciato su la testa e aveva preso una boccata daria e aveva detto: Deve morire. Il greco aveva spento la cicca nel portacenere e aveva fatto: s. Non era stato molto difficile beccarlo. Il cantante girava su un camper grosso come un autotreno su cui era dipinto in rosso il suo nome e in oro una lunga scia di stelle. Quellincosciente ancora bazzicava sereno la zona, quella sera si era esibito a una cresima in un paesino vicino a Forca di Mezzo e poi aveva parcheggiato il camper in uno spiazzo che si apriva nel bosco non lontano dalle piste di sci. Arnaldo Cotugno, Nilo Papadopulos ed Enzo Tavazzi parcheggiarono una Mercedes nera come quella notte senza luna lungo la provinciale e si avviarono in silenzio verso lo spiazzo. Cotugno stringeva in mano il crick della macchina. Nilo, ma come hai scoperto che quel figlio di puttana si fatto Pannocchietta?, fece a un tratto Arnaldo Cotugno afferrando per un braccio il greco. Papadopulos cerc di glissare. Fonte sicura. Quale? Non voglio ammazzare uno che non centra un cazzo. Enrichetta. Lamichetta del cuore di tua figlia. Come hai fatto a farla parlare?. Il greco fece una smorfia, come a dire che era stata una passeggiata, una cazzata. In realt non lo era stato affatto. Aveva preso la ragazzina mentre tornava sola soletta dalla lezione di tennis. Laveva presa. Nel senso che laveva investita con la macchina. Piano. Quel tanto da rimbambirla a sufficienza per caricarla e portarla nella stireria della Rocca. L laveva legata su una sedia e, tanto per essere chiari, le aveva dato due pizze e poi le aveva domandato perch Carla era triste. Enrichetta, incredibile, aveva resistito. Aveva detto che era pronta a morire, ma non avrebbe mai tradito la sua migliore amica. Sei sicura?. S. Sei proprio sicura?. S. Il greco aveva acceso un ferro da stiro e bollente glielo aveva stampato su un braccio. A quel punto la ragazza aveva tirato fuori tutto. Ma forse, si era detto Papadopulos dopo averla abbandonata in un cassonetto, era meglio non raccontare al capo come era arrivato in possesso delle preziose informazioni. I tre arrivarono davanti al camion. Dagli obl trapelavano un debole bagliore e delle note di chitarra. Il cantante era dentro. Cotugno buss alla porta. Otto. LINO MELONE

Lino Melone, il cantante melodico di origine lucana, se ne stava nel suo camper avvolto da una nube di fumo e teneva docchio il timer del forno elettrico. Non si era nemmeno tolto labito di scena, uno smoking di paillettes blu, tanto era affamato. Attraverso lobl del forno osserv sbavando una pizza Bella Napoli modificata. Sopra ci aveva adagiato un letto di radicchio rosso, tre fette di speck e mezza provola affumicata. Una vera delizia che avrebbe attenuato un po il baratro di frustrazione e rancore in cui era precipitato quel pomeriggio cantando a una cresima a Forca di Valle. Un ennesimo colpo per il suo orgoglio, ridotto a uno straccio consumato. Si era sgolato in un microfono che non funzionava mentre una mandria di montanari ignoranti si sfondava di arrosticini e interiora di capra ai ferri. Neanche una richiesta, un applauso, un bis, una stretta di mano. 250 euro e avevano voluto la ricevuta fiscale. Pidocchi!, fece Lino notando che la provola cominciava a fondere costituendo unamalgama con laffettato e il radicchio. Da qualche parte, aveva letto che la felicit fatta di piccole cose, di momenti che, sommati, rendono una vita di merda degna di essere portata avanti. Una Bella Napoli con la modifica, un camper, una puntata di Porta a porta con Nancy Brilli, la possibilit remota che Yelena, una cameriera croata che aveva conosciuto quel pomeriggio, gli facesse un pompino come Dio comanda. Lino non ci sperava pi di tanto che la croata venisse. Gli aveva detto che non sapeva come andare da lui e che prendere la corriera e poi farsi i due ultimi chilometri a piedi non le reggeva. In qualche modo gli aveva fatto capire che si aspettava che lui landasse a prendere. E secondo quella psicotica lui muoveva il camper per un pompino? Quanterano vere le due leggi del pompino che lui aveva redatto dopo anni di esperienze sessuali! 1) Un pompino non mai gratis. 2) Un pompino non arriva mai da solo. Insieme ci sono chiacchiere idiote, telefonate, falsa intimit e tante altre rotture di coglioni. Guarda che cazzo era successo con quella l, Carla non si ricordava come, la figlia del proprietario del Relais la Rocca che si era fatto nel bagno dellalbergo durante un congresso di ortopedici. La ragazzina aveva perso la testa. Uninvasata. Lo aveva investito prima con una grandinata di sms, poi lo aveva braccato con lostinazione di un terrier e quando finalmente lo aveva scovato, lui laveva cordialmente pregata di andare a fare in culo. Non lo avesse mai fatto. Una tragedia! Gli era scoppiata a piangere davanti come se le avessero detto che aveva il sarcoma di Kaposi, si era rotolata a terra, nella polvere, strappandosi i capelli e aveva minacciato, se lui si rifiutava di fidanzarsi con lei, di andare da Maria De Filippi a dire a tutto il mondo che un figlio di puttana laveva sverginata, le era venuto in bocca e laveva abbandonata. E che sar mai? Se non lavesse sverginata lui ci avrebbe pensato al pi presto qualche indigeno. Se non fosse stato che quella troietta non aveva ancora 18 anni e con ste storie si rischia la galera, ce lavrebbe mandata dalla De Filippi, sarebbe stata loccasione per il rientro di Lino Melone nel piccolo schermo. Da grande seduttore. Certo, si disse Lino, mentre tirava fuori la pizza dal forno, comerano cambiate le donne negli ultimi anni. Quando lui era giovane potevi pure stuprarle che quelle rimanevano in silenzio, buone buone. Avevano paura della gente. Di perdere lonore. Di passare per donne di malaffare. Le adolescenti di oggi non vedevano lora di essere abbandonate per farne un caso nazionale, per poter urlare al mondo il loro dolore, per poter piangere davanti a una telecamera. Ma che razza di mondo quello in cui non esistono pi le figure di merda? Dopo queste amare riflessioni poggi la pizza fumante sul tavolinetto in compensato al centro del camper apparecchiato con una tovaglia a quadretti. Apr il piccolo frigo e prese un peroncino gelato. Si sedette e alz il volume del televisore incastonato tra i pensili sopra lobl. Ci

voleva proprio, si disse soddisfatto e cominci a tagliarsi una fetta. Nel piccolo schermo in bianco e nero la Brilli parlava del suo ruolo in Sms dallaldil, una donna che gli moriva il marito in un terribile incidente ferroviario e dopo qualche mese le arrivavano degli sms dal consorte defunto che diceva di stare in paradiso. Una fiction Rai che racchiudeva in s tragedia, amore e un pizzico di thriller. La Brilli era la classica femmina per cui Lino avrebbe potuto perdere la testa. Donna matura, ma in salute, con fisico statuario e cervello funzionante, che non si era mai rifatta e in pi con gli anni si era rivelata artista di livello internazionale. E cera stato un tempo in cui Lino Melone avrebbe potuto avere unavventura con la Brilli con la facilit con cui ora si stava sparando quella pizza allo speck. La mente gli torn indietro al 1989, quando aveva vinto LAgerola Music Award con la sua Hit Concetta pancetta, che era stata per sei mesi trasmessa ininterrottamente da tutte le radio campane. Poi che era successo? Non erano chiare nemmeno a lui le ragioni della sua calata agli inferi. Aveva inanellato, come un abile giocoliere, una serie di cazzate madornali e di imbarazzanti ingenuit. La cocaina, quel figlio di puttana del suo agente che gli aveva rubato tutti i diritti, loperazione allanca. Troppe sfighe. E ora eccolo qua, in un camper gelato, in mezzo a dei buzzurri... Va be, basta, non ci doveva pensare. Si alz e mise il piatto nel lavandino e si annus lascella. Per un attimo prese in considerazione lidea di farsi una doccia, ma poi riflett che non aveva acceso lo scaldabagno: Domani. Si stava buttando sul lettone ad acqua che aveva disposto in fondo al camper quando sent bussare alla porta. Nooo. La croata! Che palle! Non ce la poteva fare. Aveva lo stomaco gonfio e gli era calata addosso la solita tristezza bestia e in questo stato avrebbe fatto una figura di merda anche se si faceva fuori una confezione di Viagra. E se non la faceva entrare? Avrebbe visto le luci accese e avrebbe capito che non le voleva aprire. E chi se ne frega!, mormor sdraiandosi sul letto e aumentando il volume della tv. La croata riprese a battere contro la porta. E se non era la croata ed era la ragazzina? Lino fece un rutto alla birra. No, adesso non ce la poteva fare a discutere con quella fuori di testa. Altro che Attrazione fatale. Lino non si capacitava che una di neanche 18 anni si potesse prendere una sbandata di quelle proporzioni per uno come lui, che poteva essere tranquillamente suo padre. Fuori quella continuava a picchiare contro la porta. Delle botte impressionanti che facevano rullare tutto il camper. Ma che cazzo voleva fare? Distruggergli il camper? Questo no, quella baracca ambulante era lunica cosa che gli era rimasta. Si alz di scatto dal letto: Ora, signorina, hai rotto veramente il cazzo. Corse ad aprire la porta infuriato: Ma ti se?. Il resto della frase se lo tenne per s quando vide chi cera di fronte a lui. Non era n la ragazzina fuori di testa n tanto meno la croata. Erano tre tipi. Tre tipi di quella razza bastarda e assassina che quando li incontri in una metropolitana affollata percepisci nellaria, come una rondine percepisce larrivo dellinverno, odore di guai, di guai seri, di sangue e ossa rotte e sai che se solo fiati, se solo li sfiori con uno sguardo, sono cazzi da cagare, sai che loro non aspettano altro, sai che non vedono lora che tu gli dici di piantarla di toccare il culo alla tua ragazza e allora smetti di respirare, abbassi la testa e cerchi, come una falena, di assumere lo stesso colore dei sedili color pisello della carrozza. Figuriamoci vederseli apparire davanti sopra una montagna dellAppennino centrale a diversi chilometri da un centro abitato e tu, solo, dentro un camper. Quello davanti, che doveva essere il capo, riport il cantante agli anni dellelettrotecnico, a quella volta che era andato in gita a Roma e lo avevano portato al Museo paleontologico Pigorini dove cera la statua di un ominide. Le differenze tra il nostro progenitore e il tipo

di fronte a Lino erano irrisorie. Quello l era nudo e in mano stringeva una clava, questo qui sfoggiava una tuta acetata adidas e in mano stringeva un crick. Gli altri due erano decisamente pi civilizzati, ma avevano facce altrettanto cattive. Poi la mente di Lino Melone si concentr sul perch quei tre volevano fargli del male, perch non cerano dubbi che gli volessero fare del male. Fu un fiorire di ipotesi, tutte assai spiacevoli e suggestive, ma quella che lo convinse e contemporaneamente lo terrorizz di pi fu che fossero stati mandati da Polio, uno strozzino di Petrizzi in provincia di Catanzaro, a cui doveva ancora svariati milioni. Lino afferr la porta con lintenzione di chiuderla, ma il Neanderthal gli schiant il crick sulla rotula destra. Croll a terra colpendo con la tempia prima lo spigolo del mobiletto e poi il ciglio in acciaio del gradino. Una luce accecante, come quella che si era immaginato ci fosse al fondo del tunnel che portava le anime nellaldil, gli esplose davanti. Per un istante torn a vederci e si rese conto che era steso a terra e gli stava arrivando sulle gengive la suola di un mocassino di Ferragamo. Poi, per misericordia del Signore, tenebre dolorose lo inghiottirono. La luna era un cerchio perfetto, piazzata al centro di un cielo stellato. I suoi raggi si diluivano sulla superficie argentata di un laghetto incoronato da una sottile e grigia striscia di nebbia da cui spuntavano gli steli dei loti e delle canne acquatiche. Sentiva un coro di rane che gli gracidavano nei timpani e nelle narici un odore buono di fango e di vegetazione. Per essere bello era bello. Niente da dire. Rinvenire di fronte a uno spettacolo naturale di quel genere avrebbe potuto rimettere in pace con il mondo Lino Melone se non avesse avuto quel dolore lancinante agli arti inferiori. Aveva limpressione che uno schiacciasassi gli fosse passato parecchie volte sulle gambe e poi qualcuno gliele avesse aperte come si fa con le luganeghe e gliele avesse imbottite di cocci di vetro e ricucite. La visione del lago lentamente si trasform in una roba grigia e opaca. Fortuna che nonno Luigi e nonna Delia lo sostenevano per le braccia. Se non ci fossero stati loro, sarebbe finito a terra. Era bello riaverli vicino, soprattutto perch erano morti e sepolti da ventanni. Grazie, nonni, aiutate il vostro Linetto, mugugn. Sentiva a ondate le loro voci. Che facciamo? Lo buttiamo, dici che abbastanza duro?. Scusa, ma quale hai usato?. Quella che hai detto te. E quale ho detto io?. Quella che stava nel bagagliaio. Non ho detto solo quella che stava nel bagagliaio. Bello, non ci provare. Hai detto quella che stava nel bagagliaio. In effetti ho detto anche prendi quella che sta nel bagagliaio, ma la frase finiva con ma quella nel sacco bianco che a presa rapida. Guarda che ti stai smarrendo. La seconda parte della frase io non lho colta. Sei sordo. O forse tu hai un principio di Alzheimer. Va be. Ma quale hai usato quella nel sacco bianco o quella nel sacco azzurro?. Quella nel sacco bianco. Quindi quella a presa rapida. Se quella nel sacco bianco a presa rapida. Bene. Quindi ora dovrebbe essersi indurita. Infatti bella dura. Lino non riusciva a capire su che diavolo stessero litigando i nonni. Forse stavano decidendo di rifare un muro di casa. Era giusto. Casa loro era sempre stata cos sgarrupata. Certo se lo avessero almeno messo a letto prima di dedicarsi ai lavori di edilizia. Nonna Letto, sussurr disperato. Arnaldo, gli vuoi dire qualche cosa? Te lo risveglio?. E tanto a che serve? Tra poco muore. Una voce diversa, pens Lino. Pi roca. Di qualcuno di famiglia. Forse zio Franco. Va be, che centra? Si fa cos quando uno ammazza un infame, un traditore. Ma chi lha detto?. Come chi lha detto? sempre cos. Nei film, per esempio. De Niro lo fa sempre. Vedi intorno macchine da presa e luci? Io no. No. Ma pi bello. Comunque fai come ti pare. Era solo un suggerimento. Va be, se ci tieni tanto glielo faccio. Lino riapr gli occhi perch

qualcuno, nonno forse, gli aveva dato uno sganassone, ma era tutto sfocato. Hai scopato mia figlia e adesso muori. Pausa. Va bene?. Benissimo, Arnaldo. Lino si sent improvvisamente precipitare. Lacqua fredda e fangosa lo avvolgeva. La sua gola prov a emettere un grido ma si riemp di acqua fetida. Gli entr nel naso. E improvvisamente tocc il fondo. Adesso, secondo il principio di Archimede, aveva fatto lelettrotecnico, sarebbe dovuto risalire. Era un principio basilare della fisica un corpo con un peso specifico minore galleggia, qualcosa del genere. Se non tornava su significava che il cemento era. Lino Melone comprese che voleva dire lespressione toccare il fondo. E si aspett di vedere scorrergli davanti in un lampo tutta la sua vita, ma ci fu solo il buio, il buio senza fine. Nove. BRECCOLA O IL TRADITORE DELLA RAZZA UMANA La slitta dalluminio del pronto soccorso su cui si trovava Paolo Pascarella, detto il Breccola, schizz sopra una cunetta ghiacciata della pista Zeus e decoll superando la rete di recinzione, il ciglio del dirupo e librandosi tra le aspre montagne umbre come un missile terra-aria durante la guerra del Golfo. La parabola disegnata dalla slitta sopra il cielo color ghisa raggiunse il culmine dopo poche decine di metri e lentamente la prua cominci a picchiare verso il basso, verso un baratro di rocce e ghiacci. Tutto lapparato intestinale del Breccola gli si ammass nellesofago, un po come quando, da piccolo, era stato in gita a Gardaland con la parrocchia. Solo che quella volta il vagoncino su cui era seduto con padre Marcello era ben saldo alle rotaie. La mente fossilizzata dal terrore del Breccola non ebbe nemmeno, come succede sempre negli attimi prima della fine, la forza di rivedere come un film velocissimo la sua breve vita di merda. La parte rettiliana, pi arcaica del cervello del Breccola, che secondo il grande scienziato Paul D. McLian composta essenzialmente della parte superiore del midollo spinale, da parti del mesencefalo, dal diencefalo e dai gangli della base cranica, era lunica ancora ad avere una lieve attivit elettrica. Il cervello rettiliano, sempre secondo McLian, pregno come un bab di esperienze e memorie ancestrali ed sostanzialmente fedele a quel che dicono gli antenati. Quello che in quel momento suggerivano gli antenati bastardi al Breccola era di non mettersi a sperare in un miracolo, ma di abbattersi perch entro pochi attimi di lui sarebbero rimasti solo pezzettini di carne sanguinolenta e scaglie di ossa sparsi tra le pietre. Nonostante ci, Breccola cacci un urlo disumano mentre precipitava tra baratri di rocce e ghiacci. Ma a pochi metri dallimpatto la sua mente ne ebbe troppo e cadde in uno stato vegetativo che assomigliava a un coma. La slitta sincune come un giavellotto in una cengia innevata che si affacciava sulla valle sottostante. Nellimpatto, venne sbalzato lontano, affondando di testa in un mucchio di neve soffice come yogurt magro. Breccola riprese coscienza e per prima cosa si accorse di avere la testa infilata nella neve e per seconda di sentire A mi manera, la versione gitana di My Way dei Gipsy Kings. Quella canzone faceva parte di una compilation latina che si era registrato alla radio qualche giorno prima ed era nel piccolo riproduttore a cassetta che teneva nella tasca dei pantaloni. Lapparecchio doveva essersi acceso con limpatto e quindi Non era morto! Era vivo! Rimase cos, con la testa infilata nella neve come uno struzzo ad ascoltare Nicolas Reyes, il leader della band della Camargue che cantava in spagnolo: Ho vissuto una vita piena. Ho viaggiato su tutte le strade. Ma di pi. Molto pi di questo. Lho fatto

alla mia maniera. Rimpianti, ne ho avuti alcuni. Ma ancora troppo pochi per citarli. Ho fatto quello che dovevo fare. Ho visto tutto, senza risparmiarmi nulla. Non che Breccola sapesse lo spagnolo. Aveva trovato su Internet la traduzione e se lera imparata a memoria perch quel testo era molto toccante e cos lontano dalla sua esperienza. In effetti, rispetto a Nicolas Reyes, Breccola non aveva mai fatto niente di quello che voleva fare. Aveva una vita vuota e non aveva visto un cazzo di niente se non quel paesino sputato da Dio su quelle montagne. Aveva un mucchio di rimpianti, ma era stato miracolato! Era vivo dopo un volo di diverse centinaia di metri e questa era la cosa pi bella del mondo, ricompensava tutte le tonnellate di merda ingoiata in ventisei anni di vita. Alla fine, Dio, nella sua infinita bont, aveva allungato la sua mano invisibile e lo aveva salvato. Alla faccia di tutti gli stronzi che gli volevano male. Tir fuori la testa semicongelata dalla neve, sput, toss e si guard intorno. Ma dove era finito? Sembrava una specie di pianoro stretto in una gola di rocce e ghiaccio. Mosse le braccia e quelle risposero e anche le gambe sembravano stare bene. Cerc di mettersi in piedi, ma affondava fino alla cintola nella neve fresca. Strisci fino al bordo della cengia e guard gi. Fu assalito dalle vertigini. Sotto il suo naso, avvolto dalle nebbie, cera uno strapiombo che non finiva pi. La felicit si dissolse lasciando un profondo disagio. Da quel posto non sarebbe riuscito ad andarsene nemmeno Reinhold Messner. E ora? Scendere era impossibile. Guard in alto. Peggio. Si frug nelle tasche e trov il riproduttore, lo spense e cerc il cellulare. Prov anche in tutte le tasche della giacca a vento. Niente. Quando si ricord che laveva lasciato nella cabina della sciovia gli venne da vomitare. Era fottuto! Dio, come al solito, lo aveva fregato e si era rivelato ancora pi infame e perfido di quanto Breccola avesse mai immaginato. Gli aveva impedito di schiantarsi contro una roccia, solo per farlo spegnere lentamente, assiderato sul pizzo di una montagna. Torn indietro verso la slitta, piantata come unastronave aliena nella neve. Il plaid scozzese e il kit del pronto soccorso erano finiti chiss dove. Proprio sotto la punta, per, trov una specie di borsetta. Lapr speranzoso. Dentro cera solo una confezione di Gran Cereali del Mulino Bianco e una bottiglietta di chinotto. Forse era il caso di razionare le scorte, ma era cos depresso che non pot fare a meno di sgranocchiarsi un paio di biscotti. Incominciava pure a fare parecchio freddo. Disperato, accese il piccolo riproduttore. Forse la musica poteva aiutarlo ad affrontare quel momento difficile. Dopo i Gipsy, cera il trio femminile Las Ketchup con lhit Aserej. Una delle canzoni preferite di Breccola. Si attacc al chinotto. In quel momento uno stormo di enormi corvi neri come pece lo sfior gracchiando. Breccola cerc di allontanarli con le mani. Sembravano vomitati fuori da una fessura della montagna che fino a quel momento non aveva notato. Poco dopo, dalla stessa fenditura, usc una sagoma umana. Il cuore di Breccola fece un doppio carpiato. La nebbia impediva di vederla chiaramente e dovette aspettare che fosse pi vicina. Una donna. Giovane. Alta quasi due metri, con il seno pieno, le gambe ben piantate e le spalle larghe e muscolose come se fosse iscritta in palestra. Tutto il suo corpo emanava una forza non comune, senza togliere nulla a una femminilit prorompente. Addosso aveva un microscopico tanga di pelo di cinghiale e un reggipetto di pelle scamosciata che conteneva a malapena le tette turgide e bianche come mozzarelle di bufala. Ai piedi calzava stivali di pelle morbida che le arrivavano al ginocchio. In mano stringeva un lungo spadone arrugginito. Sculettava attraverso la neve fresca come una modella sulla passerella di Fendi. Breccola con la sua bottiglietta in mano e la bocca spalancata la vedeva avanzare verso di lui. Nel cervello aveva uno striminzito bouquet di possibilit sul

perch una valchiria si trovasse in un fazzoletto di neve incrostato su una parete irraggiungibile da chiunque non sapesse affrontare una scalata di sesto grado. 1) Era la protagonista di uno spot (in effetti la bonona assomigliava assai a Megan Gale) dimenticata dalla troupe mentre girava una pubblicit sui cellulari satellitari o su una grappa. 2) Era una donna finita sotto i ghiacci durante il medioevo che ora si era scongelata. 3) Era morto. E anche quella era una morta. Delle tre possibilit scart la seconda (troppo improbabile) e la terza (troppo orrenda) e quindi decise che quella non poteva che essere una famosa modella. Da qualche parte, nascosti tra le nevi, ci dovevano essere una cinepresa che li riprendeva, i fari e un regista. Adesso era pi vicina. Il volto spigoloso era incorniciato da una massa di capelli scuri e ribelli, quelli pi vicini alla fronte erano raccolti in treccine che terminavano con anelli di osso. Aveva gli occhi gialli come una civetta. Era la femmina pi bella che aveva visto in vita sua, mille volte meglio della fidanzata di Alberto Tomba. sicuro una pubblicit, si messa pure le lenti a contatto gialle, pens Breccola e cerc di darsi un contegno. Si pass una mano nei capelli, si spazzol la neve dalla giacca. La donna gli si avvicin e lo osserv piegando la testa come farebbe un labrador e poi con una voce da tenore gli domand: Sei tu il traditore della razza umana?. Breccola si tocc il petto: Che cosa? Scusi, non ho capito. Sei tu il traditore della razza umana? No. Io mi chiamo Paolo Pascarella. Breccola si accorse di non aver balbettato. Aveva pronunciato la frase spedito dallinizio alla fine. Impossibile. Ci riprov: Mi chiamo Pascarella ma c qualche idiota che mi ha soprannominato Breccola. Ma lei mi pu chiamare semplicemente Paolo. Perfetto! Prese aria e recit: Trentatr trentini entrarono a Trento tutti e trentatr trotterellando. Questo s che era un miracolo! Cominci a ripetere: Tre tigri contro tre tigri e Sopra la panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa. La guerriera lo osservava con la stessa espressione vivace di un camaleonte ammalato, ma poi con uno scatto felino lo afferr per la gola: Non credere che sia un miracolo. La tua lingua si sciolta perch Satana ha voluto cos. Lo sollev in aria come fosse un manichino di pezza: Tu conosci il cuore nero delluomo, sai quanto dietro una falsa bont pu essere malvagio. Vero?. Breccola, in aria, con quella morsa intorno alla gola riusciva a malapena a parlare: Io? S che lo so Mi hanno fatto uno scherzo di pessimo gusto. Per poco non ci lasciavo le penne. Lo sai che tutti ridono di te. Sei un povero giullare. Dicono che sei un ritardato e un buono a nulla. E lo lasci cadere. Breccola riprese fiato e quando pot di nuovo parlare nel tono della sua voce cera un grande dolore. Prese a dondolare il capo e a massaggiarsi la gola: Lo so. Lo so. Mi odiano. E io li odio. Ma tu chi sei? Mi sembra di averti visto in televisione? A Canale 5, possibile?. Il mio nome Arianna. E sono stata assassinata orribilmente da mio marito con un colpo di spada. Poi sono tornata a vivere, ma gli uomini mi hanno rinchiuso in un antro buio. Ma adesso sei arrivato tu a liberarmi. Per mille anni bui e solitari ti ho aspettato. In un documentario sullEverest, Breccola aveva visto che laltitudine e la mancanza di aria pu dare molti problemi al cervello degli scalatori, procurando allucinazioni e follia. La donna doveva essere preda di una crisi acuta di ipossia. Certo, l erano a millecinquecento metri sul livello del mare... Adesso io e te dobbiamo accoppiarci. Poi spargerai il tuo seme su di me e insieme invocheremo il Signore delle Mosche e i morti torneranno a camminare, poi ti condurr nelle viscere della montagna dove aprirai la grande porta del regno dei morti e tu, unico prescelto tra gli umani, guiderai, a fianco di Satana, larmata dei morti alla conquista del mondo. Di tutto quel discorso delirante Breccola comprese fondamentalmente due cose: (a) che la

bona voleva trombare con lui e (b) che le doveva venire addosso come nei film porno. Arianna piant lo spadone nella neve, si strapp il reggipetto, afferr Breccola per i capelli e gli infil la lingua biforcuta nella gola. Dieci. GIOVANNI RICORD Breccola stava steso nudo sulla neve e non sentiva freddo, gli sembrava di essere adagiato sopra un soffice piumino di piume doca. Anzi, a essere pi precisi, non era mai stato cos bene in tutta la sua miserabile esistenza. La modella psicopatica, vestita da vichinga, gli dormiva accanto disfatta dallamplesso furioso. Breccola continuava a passarsi le mani sulla faccia e a sorridere, quasi imbarazzato da come quella assatanata gli si fosse avvinghiata addosso. Da quello che gli aveva fatto con quella lingua lunga e sinuosa. E lui (il suo coso) si era comportato veramente bene e non sapeva spiegarsi il perch. La grave forma di eiaculazione precoce cronica era passata. Non che in vita sua avesse avuto molte occasioni di avere rapporti sessuali, ma quelle poche volte era stato un vero disastro. Nel 2000 con Miriana Rocchetti, una papa-girl di Cosenza che aveva conosciuto nel grande campo di accoglienza di Tor Vergata quando era andato a Roma per il Giubileo, aveva fatto una tale figura di merda che quando ci ripensava diventava viola. anche vero che era uneretica arrapata che voleva organizzare unorgia con quelli di Comunione e Liberazione. Lei gli aveva solo accarezzato i capelli e Breccola era dovuto scappare a gambe larghe. E invece ora a meno 40, sul ciglio di uno strapiombo, dopo un volo di centinaia di metri in groppa a una slitta del pronto soccorso, con la donna bellissima aveva fatto una prestazione da grande amatore. La osserv dormire soddisfatto. Non capiva perch lo continuava a chiamare traditore della razza umana mentre scopavano. E anche tutta la dinamica dellamplesso non gli era cos chiara. Aveva solo dei fermi immagine. E alcuni, in verit, assai strani se non addirittura paurosi. Ma ora era meglio muoversi, trovare un modo per tornare alla civilt. Stava per svegliare la modella quando, a una ventina di metri, vide, sfocati dalla nebbia, degli uomini che camminavano barcollando sulla cengia. Giovanni Ricord, con la canna da pesca in mano, si svegli con i coglioni che gli giravano su una logora sedia a sdraio piazzata al centro di una barchetta in vetroresina chiamata Antonella II che galleggiava in mezzo al laghetto per la pesca sportiva dei fratelli Franceschini. Era sempre cos quando si risvegliava dai suoi pisolini. Per almeno unora era incazzato e intrattabile come un gatto randagio a cui hanno infilato un termometro su per il culo. Giovanni Ricord aveva compiuto da due settimane 73 anni e da quando il cardiologo gli aveva proibito di bere caff appena poggiava le chiappe su qualcosa crollava in un sonno pesante, senza sogni, da cui si risvegliava mezzo anestetizzato, di pessimo umore e con la sensazione che, prima o poi, la morte avrebbe approfittato di quella stasi per portarselo allaltro mondo. Era riuscito ad assopirsi pure in mezzo a un laghetto con quel vento siberiano che gli aveva ghiacciato la punta del naso. Si stropicci gli occhi cisposi chiedendosi che senso avesse pescare in questo stato di letargia. Non si accorgeva nemmeno quando i pesci abboccavano e poi quei due cafoni ignoranti dei Franceschini quando tornava al pontile lo prendevano pure per il culo. E questo gli faceva cos girare i coglioni che quasi si sentiva male. La cosa peggiore, a suo giudizio, era una societ che non aveva rispetto delle persone anziane, che rappresentano

la memoria e la tradizione. Sbadigli. Quanto avrebbe dato per un bellespresso ristretto. Il sole, ammalato dittero, era apparso tra le montagne ricoperte di neve e rischiarava la valle senza riscaldarla. Se ne sarebbe tornato a casa volentieri, a schiacciarsi un sonnellino davanti a Unomattina, ma prima era imperativo prendere quattro trote da 500 grammi o, peggio, otto da 250. S, perch in quel dannato laghetto cerano pesci di due tagli. 250 e 500 grammi. Quella sera arrivavano quello scassacazzi psicopatico di suo figlio Ippolito e la sua nipotina Isabella da Milano. Non poteva credere di aver generato con i suoi spermatozoi un tale cretino patentato. Si era fatto lasciare dallunica donna al mondo che lo sopportava. Un angelo. Una santa. Una martire. Un eroe. Non sapeva nemmeno lui come chiamarla. Una creatura capace di stare con uno che se gli si macchiava la camicia aveva un attacco epilettico, che si lavava le mani 30 volte al giorno e che si passava il filo interdentale per unora e mezza. Ora come diavolo avrebbe fatto a occuparsi di sua figlia paralitica? Eh, come avrebbe fatto? Chiaro, la mollava ai nonni per due settimane. Giovanni gir il mulinello. I pesci, mentre dormiva, gli avevano fatto fuori lesca. Prese da un barattolo un bel lombrico, lo innesc sullamo e con un gesto artritico lo scagli vicino a un boschetto di giunchi ingialliti che spuntavano dallacqua verdastra. Rimase fermo e subito sent le palpebre cadergli come serrande rotte. No! Doveva fare qualcosa. Forse un po di musica poteva aiutarlo. Rovist nel vecchio zaino militare dove teneva lattrezzatura da pesca e ne cacci fuori una radiolina a pile Panasonic. Laccese e cerc il terzo canale, a quellora di solito cera la musica classica che lo rilassava. No, lui non doveva rilassarsi. Trov una radio giovane che produceva una serie di battiti con una voce rauca che parlava e che blaterava una valanga di sciocchezze. Perfetto, fece impugnando meglio il manico di sughero della canna. Con quella porcheria alla radio non ci sarebbe stato pericolo di crolli letargici. Ma i pesci, in tutto questo, doverano finiti? Che succedeva? Al bar qualcuno sosteneva che quelle trote arrivavano dalla Cina modificate geneticamente per abboccare. Come mai quella mattina invece sembravano scomparse? Alla radio, il presentatore, uno che avevano tirato via dallaratro, introdusse una vecchia canzone, di un certo Lino Melone, una hit degli anni 80 chiamata: Concetta pancetta. Ma mente umana pu concepire un titolo pi cretino?, brontol Giovanni e stava per abbassare il volume quando si accorse che per il ritmo non era malvagio. Tutte chitarre flamenche e percussioni. Il vecchio encefalo del pescatore fece un salto indietro di mezzo lustro prima. A una notte tiepida e profumata di gelsomini e scampi ai ferri. A quella notte in cui era stato a Siviglia in un locale con tutto il reparto vendite della Rizzoli (per quasi un quarto di secolo era stato rappresentante della casa editrice milanese). A quella notte indimenticabile in cui aveva incontrato la bionda Manola Guitierrez che poi, nellintimit della stanza dalbergo, si era rivelato essere Manolone Guitierrez. Lunico tradimento in 45 anni di irreprensibile carriera coniugale. Un tradimento completo e totale nei confronti di sua moglie Angela e, pi in generale, del genere femminile. Quellinfame segreto se lo sarebbe portato nella tomba, ma comunque il ricordo di quella notte spagnola gli era rimasto conficcato tra i lobi temporali e ancora adesso dopo due operazioni alla prostata, quando ci pensava uno strano miscuglio di libidine e imbarazzo lo faceva rabbrividire. Alz il volume della radio e cominci a dondolare languido le spalle ricordando il primo bacio strappato a Manolone, nello stesso istante sent uno strattone deciso sulla canna. Eccoti!, fece Giovanni piantando i piedi a terra, stringendo la canna e cominciando ad arrotolare la lenza. Doveva essere una bestia da 500 grammi da come tirava. Strano, per, si disse, la barca si

muoveva verso il pesce e non il pesce verso la barca. Le cose erano due: o lamo si era incagliato o quello era un bestione. Mentre era l che sudava con le braccia dure come ciocchi di legno cercando di stancare il bestione, gli venne il sospetto che i fratelli Franceschini gli avessero fatto un brutto scherzo. Tipo buttare un grande pesce nel laghetto. Ma che bestia dacqua dolce avevano potuto mettere quei due scellerati che opponeva s fiera resistenza? Uno storione russo? Un siluro del Sudamerica? Il famelico barramundi, il mitico pesce australiano che poteva arrivare a pesare anche 60 chili e a misurare un metro e mezzo? Impossibile. Francamente impossibile. I Franceschini erano due cadaveri viventi pieni di droga fino agli occhi, figurati se si prendevano la briga di mettere dei bestioni cos nel loro laghetto di merda. Ora il filo di nylon scendeva gi a picco nellacqua marroncina, segno che doveva essersi incagliato sul fondo. Stava stancando uno scoglio. Si gir verso la baracca dove stavano i due Franceschini sicuro di vederli sul pontile che si rotolavano dalle risate, ma non cera nessuno. Uno strattone. Un altro. Allora non poteva essere un oggetto inanimato. Era un pesce, un pesce vero! Adesso per si doveva calmare, riprendere fiato, senn il cuore gli zompava nel petto come un tappo di champagne. Sei finito!, url verso il fondo. Quel figlio di puttana lo avrebbe tirato in barca, quanto era vero iddio e dopo, non gli importava, poteva pure schiattare. Simmagin i Franceschini che lo ritrovano morto su quella barchetta accanto a un barramundi di un metro e 80. Un gesto maschio con cui avrebbe fugato qualsiasi dubbio sulla sua virilit. Con una parte del cervello si accorse che alla radio la canzone spagnoleggiante non era ancora finita e che gli strattoni alla canna sembravano andare in sincrono con il ritmo. Ma che minchia stava succedendo? Giovanni Ricord cominci a sbuffare aria come un gonfiatore per canotti e a girare il mulinello che era diventato duro come il crick di un tir. Si fece prendere dal panico, la canna non avrebbe retto a lungo, era piegata a U, poi ripens al suo romanzo preferito di sempre, Il vecchio e il mare del grande Ernest Hemingway e si calm. In quella storia semplice e commovente era simboleggiato leterno scontro tra la vita e la morte. Quel vecchio pescatore gli assomigliava da morire e non importava che lui non era nelloceano ma in un laghetto per la pesca sportiva a 200 metri da casa. Non credere di fottermi. Era riuscito a recuperare almeno cinque metri di lenza e quel laghetto non era pi profondo di cinque. Il pesce doveva essersi nascosto sotto la chiglia. Doveva tirarlo su lentamente, il rischio che il nylon si spezzasse era altissimo. Aveva un filo per pesci da un chilo e ora stava combattendo contro uno squalo tigre. Si sporse dalla barca e vide un guizzo azzurro. Per poco, per lemozione, Giovanni non fin in acqua. Il sangue gli rombava nei timpani e il cuore gli sbatteva in petto. Ti prego, Dio caro, fammi pescare il bestione e ti giuro sulla testa della povera Isabella che torner a casa e dir a mia moglie tutta la verit su Manolo, chiese allOnnipotente gonfiando e sgonfiando le guance come un rospo in amore. La pressione gli era salita a 320. Pens alla piccola Isabella inchiodata su una sedia a rotelle da un destino amaro. Quanto sarebbe stata fiera del suo nonnino. Vedeva la sagoma blu sotto il pelo dellacqua, nonostante pesasse un accidente, sembrava che il barramundi si fosse un po placato e che opponesse meno resistenza. Forse aveva capito che dallaltra parte cera un nemico troppo forte per poterlo combattere ed era meglio arrendersi. Bravo, pesciolino!, fece il vecchio Ricord e nello stesso momento dalla superficie del laghetto usc un braccio scarnificato avviluppato nei resti di uno smoking di paillettes che gli afferr il labbro e la mandibola e lo strapp dalla barca e lo trascin gi, sottacqua, in un crepuscolo liquido e buio come il terrore che gli attanagliava

lanima. Antonietta RICORD La signora Antonietta Ricord, 64 anni, stava lavando il radicchio rosso nella sua nuova cucina Snaidero quando sent un toc. Un toc preciso. Un toc chiaro e distinguibile. Il toc fatto, ad esempio, con la punta di un coltello su un vetro. La signora Antonietta trasal e, respirando con il naso, abbass la radio che trasmetteva una compilation dei grandi del rock. Guard fuori dalla finestra e sfil il coltello per il pane dal cubo di legno accanto al lavello. Gli albanesi. Eccoli. Erano arrivati. Negli ultimi periodi gli albanesi avevano catalizzato tutte le paure e le insicurezze della signora Ricord. Era certa che prima o poi sarebbero arrivati i diavoli dellEst e lavrebbero stuprata, avrebbero ucciso suo marito poi avrebbero razziato la casa e per finire le avrebbero dato fuoco. Quella gente le aveva tolto tutto il piacere di vivere in campagna, in una zona isolata della valle. Non voleva trasformare quella casa in un bunker con le grate alle finestre e allarmi che scattavano a ogni passo che facevi. Da un po aveva cominciato, a malincuore, a chiedere a suo marito di vendere quella casa e di comprarne una in paese. Ma lui, figuriamoci, non la stava neanche a sentire. E adesso, chiaramente, non cera. Era andato a pescare al laghetto quelle orrende trote che sapevano di cartone. Antonietta continuava a guardare fuori. Ma non cera proprio nessuno. Dalla finestra della cucina si vedeva il prato mangiato dal gelo invernale, il pollaio, i panni appesi allo stenditoio e le montagne arcigne, ma nessun albanese. Dopo un po, sicura di esserselo immaginato, sollev le spalle e ricominci a lavare linsalata. Stava preparando la cena per suo figlio e sua nipotina che arrivavano quella sera da Milano. Sarebbero stati affamati. Le cose preferiva farle con tranquillit e non allultimo minuto. Toc. Un altro colpo. Pi forte. Toc. Toc. Toc. Per non veniva da fuori. Le sembrava che venisse da qualche parte della cucina. Come se No! Questo uno scherzo di quel ricchione inespresso di Giovanni, si disse e guard il vialetto. La Croma di suo marito non cera. Quindi non poteva essere lui. Il cuore le cominci a marciare nel petto. E se lalbanese era entrato in casa? Con il coltello in mano inizi a perlustrare la cucina. Toc. Toc. Dal forno. Veniva dal forno. Tir un sospiro di sollievo. Doveva essersi rotta di nuovo la resistenza. Aveva fatto un errore imperdonabile a farsi infinocchiare dal venditore. Come aveva detto? I forni elettrici cucinano meglio. La cottura pi uniforme. Che scempiaggini, fece ad alta voce. E adesso? Se si rotto come faccio?. Pos il coltello, afferr uno strofinaccio e senza indecisioni apr lo sportello. Da dentro al forno schizz fuori un grosso pollo ricoperto di pancetta sprizzando olio dalla pelle semicotta e colp la signora Antonietta al centro della fronte. Ora, non dobbiamo stupirci troppo di tutto ci. Proprio in quel momento il Breccola dentro la caverna sotto la pista da sci Zeus aveva finito di pronunciare la lunga preghiera per risvegliare i morti dalle tombe. E per morti non intendeva solo esseri umani. In quel preciso momento, a un paio di chilometri, anche il consorte della signora Antonietta, Giovanni Ricord, era divorato al centro del laghetto dei fratelli Franceschini dal cadavere putrescente del cantante neomelodico Lino Melone. Si sente spesso raccontare di coppie che hanno vissuto insieme per un sacco di anni in cui la morte di uno dei due componenti lascia laltro vivo, ma in uno stato di tale malessere e confusione che in breve tempo si secca come una pianta senzacqua e raggiunge lamato allaltro mondo. La scienza medica di fronte a questi singolari eventi di morte per crepacuore non sa che pesci

pigliare e li giustifica con un abbassamento generico del sistema immunitario e di conseguenza una predisposizione del soggetto ad ammalarsi per qualsiasi forma, anche lieve, di contatto batterico o virale. Bene, questo non era assolutamente vero per i coniugi Ricord, la signora Antonietta avrebbe reagito alla morte del marito con una seconda giovinezza, i suoi processi di invecchiamento fisici e mentali si sarebbero rallentati e avrebbe campato almeno per altri 25 anni in un bellappartamento in una palazzina al centro di Forca di Mezzo. Ma un destino amaro volle che anche la signora Antonietta, quel giorno, trovasse una morte violenta, per certi versi anche pi efferata e impressionante di quella di suo marito. Fu uccisa a beccate dal cadavere del vecchio Jacopo. Jacopo era un cappone di quasi cinque chili che prosperava nel pollaio dietro la casa dei coniugi Ricord da un paio danni. Nonostante fosse stato castrato quasi pulcino, gli era venuto fuori un carattere assai cazzuto: dirigeva il pollaio con la decisione e la sicurezza di un amministratore delegato di una grande azienda. I giovani galletti quando crescevano ci provavano a spodestarlo, ma Jacopo anche grazie alla sua stazza da combattimento non si lasciava mettere le zampe in testa da nessuno. Una volta aveva messo in fuga pure Tor, il pastore maremmano dei Pariani. Il signor Ricord provava per Jacopo una vera e propria stima, era un esempio positivo per tutti, da imitare in questa Italia allo sfascio. Anche senza testicoli, grazie a una forza di volont indomabile, riusciva a far rigare tutti dritti. Un leader. Ma come ogni leader che si rispetti anche il vecchio Jacopo aveva nemici che nellombra complottavano contro di lui. In primis la signora Antonietta che mal digeriva le prepotenze di quel pennuto nei confronti delle galline e dei galletti che, poverini, cercavano solo di costruire una societ dove ognuno avesse gli stessi diritti e doveri, seguendo, in poche parole, un modello marxista. Antonietta era pronta a capeggiare la grande rivoluzione avicola e a deporre il tiranno Jacopo su una teglia e, in compagnia delle patate, del rosmarino e della pancetta, infilarlo nel forno. Era almeno un anno che ogni tre giorni i due si scontravano sulla sorte del gallinaceo. Mai! Mai e poi mai! Prova a tirargli una sola penna e vedi che ti succede, urlava lui. E sentiamo Che mi fai?, rispondeva lei e si metteva a sghignazzare. Non mi sfidare, Antonietta. Io sono buono e caro. Ma sono pi caro che buono, fece enigmatico lui. La cosa terribile, caro il mio Giovanni, che te lo mangerai con gusto e ti accorgerai di essertelo mangiato solo quando andrai nel pollaio e scoprirai che quel bastardo non c pi. Erano parole cos, buttate l giusto per il gusto della polemica. In fondo Antonietta era una donna buona, non era capace di fare quel torto a suo marito. Almeno fino a quella mattina. Quella mattina tirando fuori dalla cantina la brandina per sua nipote Antonietta aveva trovato, nascosta sotto un tappeto, una vecchia valigia di pelle coperta di ragnatele e muffa. Era sicura che fosse vuota e invece pesava Laveva aperta e dentro delle foto Delle foto di suo marito e di un transessuale enorme E con questo uomo Non riusciva a crederci. Insomma, a farla breve, suo marito era omosessuale. E scoprire che tuo marito un pederasta dopo trentanni di matrimonio una cosa sgradevole, peggio di scoprire che la donna delle pulizie, quando non ci sei, chiama le Filippine. E le lettere? Vogliamo parlare dei mazzi di lettere? Quel bastardo a questo Manolo Guitierrez, un trans che avrebbe potuto essere un campione di wrestling, aveva scritto un sacco di lettere damore che non aveva mai spedito. E le lettere erano cos pervase di tenerezza, sensibilit e intelligenza Roba che non immaginava potesse possedere quello zotico. Quello che la signora Ricord aveva capito, dopo aver pianto in silenzio per unora in un angolo della cantina buia, era

che le bruciava non il fatto che fosse stata tradita e nemmeno scoprire che suo marito aveva una vena ricchiona, ma lidea di essersi repressa per tanti anni la voglia di portarsi a letto praticamente tutti i maschi del paese con lassurda idea di rimanere fedele a un uomo A un essere che simmaginava, cos aveva scritto, di viaggiare in un vascello di luce verso linfinito con un lottatore spagnolo con le zinne. Che stronzata! Anche lei lo aveva tradito a Giovanni. Certo, solo con la testa. Ma in fondo non era lo stesso? E perch? Lo volete sapere perch? Per seguire una moraletta cattolica meschina e repressiva. Tutti e due non avevano dato spazi ai loro bisogni. Se solo quellimbecille di Giovanni avesse avuto il coraggio di esternare i suoi gusti sessuali, la loro vita sarebbe certamente cambiata, avrebbero potuto essere una coppia aperta, disponibile a provare esperienze diverse. Che bella vita sarebbe stata, libera dalle costrizioni di quelletica fascista che odiava ogni diversit. E improvvisamente le era venuto in mente il vecchio Jacopo, il cappone dittatore che faceva il bello e il cattivo tempo nel pollaio. Una squallida creatura castrata che per mascherare limpotenza terrorizzava tutti. Era esattamente la copia speculare di suo marito. Per quello Giovanni lo amava in quel modo. Un sorriso cattivo aveva piegato la bocca di Antonietta. Era uscita in giardino e aveva tirato il collo a quel prepotente di Jacopo. Quindi, quando la signora Antonietta si riprese dal colpo in fronte, si disse che quel pollo morto vivente era tornato dallinferno per vendicarsi. Poi cerc di scappare fuori dalla cucina. Si sollev da terra mentre il sangue le colava sulle labbra e fece tre passi in direzione della porta quando il pollo spunt da dietro al frigorifero e dondolando sui moncherini delle zampe le venne incontro. La cosa terribile era che mentre avanzava sbatteva le ali croccanti. Antonietta Ricord con un balzo artritico cerc di superare il volatile, ma quello le sinfil sotto la gonna. La povera donna cominci a zompare per la cucina strillando come uninvasata. Da sotto lorlo della gonna le spuntavano i due monconi vibranti di quella innaturale vita. Dal culo del pollo cadde un grosso limone unto che le fin sotto una suola. La casalinga scivol finendo dritta contro la dispensa che le rovesci sopra scatole di pasta, confezioni di riso e barattoli di pelati. Urlando di dolore, Antonietta afferr il pollo che cercava di farsi spazio sconciamente tra le sue cosce e lo lanci contro il muro. Il pollo stamp una macchia di olio sulla parete e cadde a terra fremendo. Poi scivolando sulla schiena spalmata di grasso schizz sotto il lavabo. La signora Ricord non era mai stata un amante dei film di fantascienza e quindi non aveva mai visto il primo Alien, senn non avrebbe potuto non notare con stupore le somiglianze tra quello che le stava accadendo in quel momento e quello che era successo a Ripley allinterno dellinfermeria quando aveva trovato lessere alieno. Nonostante il dolore che le era esploso nel bacino, allung una mano, apr il cassetto delle posate e ne estrasse un coltellaccio affilato. Non era intenzionata a farsi ammazzare da un cappone zombie. Avrebbe venduto cara la pelle. Si trascin lentamente verso il lavandino con il coltello sollevato, pronta ad afferrarlo. Ma quello che restava del vecchio Jacopo le arriv addosso talmente veloce che la vecchia lo lisci e si piant mezza lama nellintestino crasso. Nello stesso istante il pollo arrosto allung il collo rinsecchito e le diede una beccata precisa asportandole il globo oculare destro. Antonietta croll a terra in una pozza di sangue scuro, mentre il volatile le portava via anche il secondo occhio e la rendeva cieca. Il suo cervello terrorizzato, prima di smettere di funzionare, riusc a cogliere dei brandelli di Bob Dylan che cantava alla radio Knockin on Heavens Door. La signora Ricord si chiese, mentre la morte se la prendeva, se quella canzone doveva interpretarla

come un buono auspicio o come lultima presa per il culo di una esistenza votata alla tristezza. Undici. Dal diario personale di padre Marcello, parroco di Forca di Mezzo: Mentre marciavi con il fucile in spalle vedesti uno zombie in fondo alla valle che non aveva il tuo identico umore e arti cadenti di un altro colore. Sparagli uomo, sparagli ora e dopo un colpo sparagli ancora fino a che tu non lo vedrai decollato cadere in terra a colpire il selciato e se gli spari in fronte o nel naso soltanto il tempo avr per morire e il tempo a te rester per vedere vedere gli occhi marci di uno zombie che muore. 25/1/2003 I morti si sono risvegliati. Doveva succedere ed successo. Non so se questa lApocalisse, ma i morti hanno preso a camminare a Forca di Mezzo. Sono usciti fuori dal cimitero e dai ghiacci a centinaia. Non avrei mai immaginato che in questa valle solitaria potesse essere morta cos tanta gente. Se il contagio dovesse uscire da qui e invadere il pianeta quanti milioni di morti tornerebbero a cercare di placare la loro fame con carne umana? Quante persone sono morte dallalba della nostra razza? E non sono solo uomini. Galline, pesci, mucche e cani morti si sono svegliati, mio Signore. Io, tuo umile servo peccatore, devo riportare alla pace queste carcasse ambulanti. Sono pronto. E non ho paura di morire. Ho paura, una volta morto, di vagare inquieto tra le rovine dellumanit. Preferisco finire fra le fiamme dellinferno. Chi dovesse leggere questo diario si ricordi di giudicarmi con piet, che stato nostro Signore Ges Cristo il primo a resuscitare un morto. Un bel giorno Ges arriv in una cittadina, non lontano da Gerusalemme. Era andato l perch cera una famiglia che aveva chiesto di lui. Quando arriv a casa loro gli dissero che erano distrutti di dolore perch gli era morto il figlio chiamato Lazzaro. Lazzaro era un bellissimo giovane, un po scavezzacollo, che correva per la citt con la biga e andava a caccia di quaglie con larco. Per Natale la sua fidanzata, Stella, voleva assolutamente una pelliccia. Senza pelliccia si sentiva brutta e poi tutte le sue amiche giravano coperte di pelli di gazzelle, lupi e conigli. Ogni giorno rimproverava il povero Lazzaro: Lazzaro! Lazzaro! Voglio una pelliccia! E prendimi una pelliccia. Fino a quando Lazzaro non ce la fece pi, sbuff, prese larco e si avventur nel deserto dove abitavano i leoni. I leoni sono bestie tranquille, ma se gli tiri le frecce o gli spari diventano veramente feroci. Lazzaro vide un enorme leone con una criniera bellissima che dormiva sotto una palma, punt larco, chiuse gli occhi e tir. Quando li riapr vide davanti a s una caverna rosa con delle stalattiti e delle stalagmiti bianche come lavorio intorno ai lati. Da dentro spirava un alito terribile, di carne. Poi la caverna si chiuse sulla testa di Lazzaro. Il giovane mor nel deserto. Lo trovarono mezzo maciullato. Stella urlava disperata, il suo fidanzato era morto per colpa della sua sciocca vanit. I genitori di Lazzaro presero il cadavere e lo chiusero nella tomba facendo un gran funerale. Ma, passata una settimana, non riuscivano a smettere di piangere, di tormentarsi. E allora decisero di chiamare Ges. E Ges, quando arriv, si fece portare al sepolcro e fece

spostare lenorme pietrone che avevano messo davanti alla tomba. In quattro dovettero mettercisi a fare quel lavoro. Appena fu tolta, una puzza terribile usc da dentro, di carogna, un odore dolciastro, tutti cominciarono a vomitare, ma non Ges. Ges entr dentro accompagnato da uno stormo di colombe e si avvicin ai resti di Lazzaro e gli disse: Lazzaro, alzati e cammina. E Lazzaro si alz e cammin. Da questa storia del nostro Vangelo, mio adorato Signore, si evince facilmente che sei stato tu il primo a volere, nella tua infinita quanto imperscrutabile perfezione, che i morti viventi, questi esseri immondi, camminassero sulla terra, e io credo, nella mia umilt, di sapere anche il perch. Per punire, in generale, gli uomini che si ergono a dei e credono di essere i padroni delluniverso. colpa mia se oggi i cadaveri sono tornati a camminare e sar mio impegno riportarli tutti alla pace. Chi poteva credere che un libro chiamato Macumba for Dummies (per cretini) potesse contenere la formula per risvegliare i morti. Me lo sono procurato in una grande libreria Feltrinelli per pochi euro. Ero cos accecato dal dolore che ho eseguito la macumba numero tre, a pagina 92, e non meno di 12 ore dopo mi sono ritrovato in questincubo. Ora tu che leggerai queste misere pagine devi sapere che anche un sacerdote, come ogni altro essere umano, fatto di carne (come sanno bene gli zombie) e che pu cadere in peccato. La ragazza si chiamava Alessia. Alessia C. (non posso rivelare il cognome). Lho vista in chiesa una domenica di circa un anno fa. Aveva da poco ventanni. Una massa di capelli neri le incorniciava due grandi occhi scuri e peccaminosi. Molto sexy. Carnagione chiara e un seno che non si faceva scorno di mettere in mostra anche durante la funzione. I jeans che le fasciavano le cosce e le rotondit dei fianchi. Una tentazione continua in cui un giorno di primavera sono caduto. Si veniva a confessare. E raccontava storie di lussuria e perversione che avvelenavano la testa. Chiudevo gli occhi e non potevo non immaginare che al centro di quelle storie ci fossimo io e lei. Era il diavolo. Il diavolo nascosto dentro i panni di una ragazza di montagna. Persi la testa. Lei non aspettava altro. Mi disse che mi aveva sempre desiderato, gi dai giorni della prima comunione. A me, umile prete. In ogni uomo aveva cercato me. Nascosti nelle tenebre del confessionale ci siamo baciati. Non pensavo pi a niente, la fede mi aveva abbandonato come le pulci abbandonano un cane morto e una sete peccaminosa mi divorava nel silenzio della sagrestia. Ho cominciato a vederla. Non cera che lei in ogni pensiero. Una febbre, un tifo, mi aveva preso e lunica medicina era lei, Alessia. Ci vedevamo di nascosto. Di solito io mi allontanavo dal paese e lei passava a prendermi con il pick-up del padre e ci nascondevamo a peccare tra le guglie di queste aspre montagne. Ho vissuto nel vizio per qualche mese, poi un giorno ci siamo fermati sopra il Salto della Vedova. Il Salto della Vedova un pauroso baratro che scende gi per centinaia di metri tra rocce affilate come coltelli e ghiacci duri come diamanti. Le piaceva farlo l a qualche metri dallorrida vertigine. Diceva che il vuoto leccitava ed era vero. Avemmo un amplesso bestiale, lei stesa sul pianale di carico del pick-up io a terra che la pompavo come un materassino. Nel momento del massimo godimento le diedi laffondo finale e mi sfugg dalle mani. Quando Alessia si era fermata, non aveva tirato il freno a mano. E io con quel colpo finale lho spinta gi dal Salto della Vedova. Lho vista, a occhi chiusi e gambe divaricate, precipitare gi per labisso sopra il camioncino. Non me lo dimenticher mai.

Le autorit non sospettarono mai che ci fosse stato qualcun altro quando Alessia era precipitata. Le cause della sua morte non risultarono chiare, ma il fascicolo venne archiviato come suicidio. Era terribile. Lavevo ammazzata, e la memoria di Alessia era legata a un suicidio incomprensibile. Mi tocc anche officiare la messa funebre e non potei che scoppiare a piangere sulla spalla di sua madre. E tutti a dirmi che ero una persona buona, un pastore sensibile. Quella notte io, astemio da sempre, mi attaccai al Tavernello che usavo durante la messa e nellarco di una settimana mi trasformai in un alcolista. Fino a quando la mia mente era inzuppata di alcol riuscivo a sopravvivere. Mi trascinavo a messa con la barba non fatta e le ascelle significative e mi sembrava di vedere tra i banchi il volto di Alessia. Era sempre nei miei pensieri e oramai non ero pi un prete. Ero solo un assassino disperato. Un giorno decisi di andare a Roma. L arrivai alla Stazione Termini e me la feci a piedi fino a piazza Esedra alla libreria Feltrinelli e cercai un romanzo noir di Carlo Lucarelli per provare almeno a distrarre la mente. Accanto cera il reparto Religioni occulte e magia. Un grande libro blu, con in copertina una bambola piena di spilloni, era ben esposto e aveva pure il 20% di sconto. Sembrava quasi che brillasse come se fosse stato immerso in una pozione. Lo presi in mano. Il titolo era: Macumba for Dummies di un certo Aleandro Vasques. Un libro che solo un anno fa avrei fatto bruciare nella piazza centrale e che invece adesso leggevo cercando una risposta che il mio Dio non mi poteva dare. Il capitolo 7 era tutto dedicato agli zombie. Sembra che nel 1911 un medico russo che lavorava in Siberia a esperimenti segreti con i non morti, un certo Morton Subotnik, abbia isolato il ceppo virale che riporta in vita i cadaveri e abbia prodotto un vaccino contro i morsi degli zombie. Ma la maggior parte degli esperti convinta che lunico sistema per combatterli sterminarli. Il virus che risveglia i morti parrebbe propagarsi attraverso il contatto organico. E dovrebbe essere pi infettivo nelle regioni a clima caldo. E sembrerebbe essere intraspecifico e attaccare tutti i vertebrati. Dai pesci alluomo. I tre stadi dellinfezione sono: a) Infezione. Che dura uno-due giorni e causa febbre, tremore, vomito e diarrea. Luso di antipiretici e antibiotici non produce miglioramenti significativi. b) Coma. Che considerevolmente pi breve del coma vampirico. I cambiamenti fisiologici dellinfetto sono un abbassamento irreversibile della temperatura corporea, alitosi, seborrea, psoriasi. Il coma dura dalle sei alle otto ore. c) Trasformazione. Gli zombi si risvegliano dal coma in stato catatonico. Sono insensibili alla maggior parte degli stimoli e si mettono subito alla caccia di carne umana. A causa della loro condizione catatonica, gli zombie non hanno mai dato testimonianze personali del loro stato di salute. E quindi tutto ci che conosciamo sugli zombie dovuto a ricerche empiriche sul campo. Quello che si pu certamente affermare che uno zombie , sostanzialmente, una sorta di essere che deve assolvere a tre bisogni: localizzare la preda, catturarla e nutrirsi. I grandi cambiamenti fisiologici sembrano interessare il sistema nervoso. (A mio modesto parere di parroco di campagna, dopo aver visto un morto, so che gli zombie vanno annientati e basta. Non mi interessano queste ricerche pseudoscientifiche. So per esperienza personale che se gli spari, se li crivelli di colpi e gli amputi le gambe, quelli si trascinano sulle braccia e lentamente ma inesorabili come una maledizione ti arrivano addosso fino a quando non senti prima il loro alito pestilenziale e poi i loro denti marci affondarti nella giugulare. Bisogna che gli spappoli il

cranio per rimandarli da dove vengono. E ricorda, gli zombie non sono vampiri, non hanno un cazzo di affascinante da dire. Gli zombie vanno massacrati e basta. E gli zombie sono dovunque, sotto i cimiteri, pochi metri sottoterra, in attesa. E hanno fame della tua carne. E quando arriveranno anche la tua nonnina adorata far parte di questallegra brigata). Ebbi quasi un mancamento quando lessi il titolo del capitolo successivo: Come imparare a risvegliare i morti senza complicazioni. Afferrai il libro, lo comprai e me ne tornai dritto alla stazione. Ora sapevo cosa fare. Dodici. Ippolito Ricord Il sole era improvvisamente cascato dietro le cime degli alberi, come se qualche dio lo avesse tirato gi, ma a Ippolito Ricord non poteva fregare di meno. Il suo van Ford 2550 turbodiesel aveva una doppia fila di fari al tungsteno che metteva a giorno il bosco. Il professor Ricord era un uomo gracile, con gli occhi spiritati, i capelli corti e castani appiccicati sulla fronte. Degli occhiali con la montatura pesante si poggiavano sul naso sottile. Aveva messo il cd in cui Keith Jarrett interpretava magistralmente il Clavicembalo ben temperato di Bach. Accanto a lui cera sua figlia Isabella che guardava assorta il bosco scuro dal finestrino. Erano partiti presto, quella mattina da Cologno Monzese, per arrivare in tempo per la cena dai nonni a Forca di Mezzo, ma uno sciopero degli autotrasportatori gli aveva mandato al diavolo tutta la tabella di viaggio. Quegli sciagurati avevano formato un lungo convoglio che procedeva sullAutostrada del Sole alla velocit di sette chilometri allora. Ippolito Ricord, 39 anni, di professione insegnante di storia e filosofia in un liceo classico, dietro a quei tir che avanzavano a passo duomo aveva sentito la rabbia ribollirgli come lava incandescente nelle viscere, ma come sempre aveva cominciato a respirare con il naso impedendo di abbandonarsi a gesti avventati tipo salire su uno di quei camion del cazzo e prendere uno di quei figli di puttana e sbattergli la testa contro il cruscotto. Brutto stronzo di un camionista, ti rendi conto che per colpa tua la mia vita sta andando in pezzi?. Con gli anni e lesperienza il professore era diventato un mostro di bravura nellarte della simulazione. A tutto il mondo faceva credere di essere un uomo sereno e posato, ma in verit era lessere vivente a cui rodeva pi il culo in tutto lemisfero australe. Era capace di ingoiare vagonate di merda con il sorriso sulla faccia. Di prendersi una crickata su una rotula e ringraziare caramente. A volte, soprattutto durante le notti insonni, si immaginava di essere un bunker scavato nella roccia viva in cui puoi fare esplodere una bomba atomica e in superficie non si sente niente, al massimo un sottile borbottio. Nellultimo anno aveva resistito a una serie impressionante di esplosioni termonucleari globali che in effetti cominciavano a incrinargli la supercorazza. 1) Sua moglie lo aveva lasciato. E si era messa con la sua massaggiatrice jatzu abbandonando baracca e burattini. 2) Aveva avuto la conferma che sua figlia Isabella, lunica luce in unesistenza buia come il traforo del Gran Sasso, non si sarebbe mai sollevata dalla sedia a rotelle. 3) Un fulmine durante un temporale gli aveva carbonizzato in ordine di importanza: il forno a microonde, la televisione, limpianto stereo, un piede. S, proprio un piede. E per la precisione il piede destro. Una specie di serpente azzurro

era uscito da una presa elettrica si era impossessato del lettone Ikea dove lui stava dormendo (era una delle poche volte in cui dormiva) e gli aveva avvolto il piede con una corrente di migliaia di volt per un tempo non sufficiente a metterglielo a fuoco ma ad abbrustolirglielo. Adesso il suo piede era nero come un filone di pane dimenticato nel forno. Riusciva a fatica a camminare e ogni tanto la gamba gli cominciava, senza alcuna ragione, a tremare come se avesse il tetano. 4) Aveva investito tutti i suoi soldi nellazienda di insaccati di suo cognato. E suo cognato un giorno, durante una riunione con gli azionisti, aveva deciso di andare a prendere le sigarette in macchina. E in questo non cera niente di strano. Il problema era che invece di prendere lascensore aveva scelto la via pi rapida: aveva aperto la finestra e si era gettato dal settimo piano. Dopo si era scoperto che suo cognato, in silenzio e con la collaborazione del casin di Campione, aveva mandato in fallimento lazienda e il nostro Ippolito Ricord era stato portato in tribunale dai creditori perch faceva parte del consiglio di amministrazione, senza saperlo. 5) E per finire lultima, terrificante, notizia: avevano anticipato la puntata di Supergenius di tre settimane. E Isabella, nonostante fosse un genio, non era assolutamente pronta. Aveva lacune che non avrebbe certo colmato in 20 giorni. Isabella Ricord guardava suo padre che guidava e corrucciava le folte sopracciglia preso dai suoi pensieri catastrofici. Meglio cos. Almeno, se pensava alle sue sfortune non la interrogava. Da quando erano partiti da Cologno Monzese non le aveva dato un attimo di pace. Una sfilza di domande estenuanti a cui lei aveva stancamente risposto. Ma lui non era mai contento, nemmeno quando rispondeva correttamente. Maledetti gli inventori di quel quiz. Si poteva inventare un programma televisivo pi razzista di quello? Per partecipare dovevi avere 60/60 di quoziente intellettivo, avere meno di 13 anni e per finire, conditio sine qua non, dovevi essere sfigato. Quando gli organizzatori del programma avevano visto Isabella Ricord entrare nello studio sulla sedia a rotelle, dalla gioia per poco non si erano messi a saltare sul tavolo. Che vuoi di pi? Una bella ragazzina con dei lunghi capelli neri e lucenti come le penne di un corvo. Un volto magro con due occhi grigi e grandi come monete da due euro. E sotto due gambette secche e storte da un male incurabile. Lei era il caso umano per antonomasia. Bella come unelfa dei boschi, intelligente come un fisico nucleare, con la memoria di un elefante e deforme come il Gobbo di Notre Dame. Isabella aveva implorato suo padre di non farla partecipare, gli aveva spiegato che lei non voleva essere commiserata da nessuno, che lei era, evidentemente, solo un patetico mezzo per fare audience, che era disposta a fare qualsiasi cosa pur di non essere trasformata in un fenomeno da baraccone, ma non cera stato niente da fare. Suo padre aveva detto, molto serio, che se lei non partecipava (e vinceva 500 mila euro, il premio finale) lui si sarebbe suicidato come suo zio. Di fronte a questa risposta, Isabella aveva dovuto capitolare. Quando arriviamo dai nonni, pap?, domand e si sollev sulle braccia per far circolare un po di sangue nelle gambe atrofizzate. Tra circa 40 minuti dovremmo essere arrivati. Occupiamo questo tempo con un po di orografia. Lo sai che sullorografia sei un po debole. Dai pa, ti prego. Basta. Allora, Isa, dimmi: quanto alto Pizzo Carbonara? E soprattutto: dove si trova? Niente. Come se non lavesse sentito. Isabella sbuff. In Sicilia. Ed alto 1978 metri. la seconda cima della Sicilia dopo lEtna. Quante sono alte le cime di Lavaredo? 3003 metri. Il massiccio dellAnnapurna

quante cime principali possiede? Sei. Bene. E quanto sono alte? Dai, pap non me le chiederanno mai. Ippolito Ricord diede unocchiataccia a sua figlia e poi riprese a osservare la strada. Senti Isa, questo per favore fallo decidere a me. Isabella chiuse gli occhi e si concentr: LAnnapurna primo alto 8091 metri. LAnnapurna secondo 793. Il pulmino fren improvvisamente in uno stridio di pneumatici e Isabella non si ruppe la faccia contro il parabrezza solo per la cintura di sicurezza. Riapr gli occhi e vide suo padre saldamente avvinghiato al volante. Che succede, pap? Sei impazzito? C un uomo sulla strada. Gli abbaglianti si allungavano sullasfalto e illuminavano un corpo umano steso al centro della strada stretta dalle braccia nere del bosco. Isabella si mise una mano davanti alla bocca: Che gli successo? Ippolito Ricord sorrise. Non gli era mai successo in vita sua di non saper dare una risposta. Quello che vedi l solo un esempio lampante di come la societ italiana oramai agli sgoccioli. Saprai perfettamente che lalcol, il tabacco e i grassi polinsaturi sono le tre maggiori cause di morte nellOccidente. Quello l chiaramente un coltivatore diretto che ha alzato troppo il gomito. Il nostro dovere di bravi cittadini accertarsi che stia bene, aiutarlo e riportarlo a casa dai suoi familiari certamente in pensiero. Poi andiamo dai servizi sociali e dai carabinieri e facciamo regolare esposto. Questa la procedura che dovrebbe seguire qualsiasi persona responsabile, ma che stranamente in Italia non la regola. Isabella non rispose. Il professor Ricord apr il cassetto del cruscotto e tir fuori una lunga torcia di alluminio nero. Spalanc lo sportello e scese dallautomobile: Tu aspettami qui. Poi, vedendo che sua figlia era immobilizzata su una sedia a rotelle, sollev le spalle: Scusami. Intendevo dire che torno subito. Ippolito Ricord si avvi verso il corpo inspirando ed espirando con il naso. Quando arriv a pochi metri dal corpo lo illumin. Il coltivatore diretto era steso a terra a pelle di leone. Al centro della schiena gli era passato un camion perch nella polpa sanguinolenta erano rimaste le impronte del battistrada Pirelli Touring. Il poveraccio, con la faccia appiccicata contro la strada, muoveva ancora le braccia e le gambe in una patetica imitazione di un nuotatore di rana. Il professor Ricord rimase un attimo perplesso: Tutto bene? Il contadino si lamentava in modo strano. Pi che un lamento, sembrava il ringhio rabbioso di un cane San Bernardo. Stia calmo, signore. Non niente Oggi con le nuove tecniche chirurgiche... Non assolutamente il caso di preoccuparsi. Poi url alla figlia in macchina: Isa, cara, presto, la scatola del pronto soccorso. Isabella controll nel cassetto del cruscotto, ma non trov nulla. Il professore si avvicin al ferito: Adesso le metto un po di disinfettante e poi chiamiamo una bella ambulanza. Luomo che al posto degli occhi aveva due uova sode, con uno scatto improvviso sollev la testa e allung il collo e affond gli incisivi marci nel piede carbonizzato del professor Ricord, che cacci un urlo e cerc di divincolarsi: Ahhhaaa!!! Ma che fa?!!! Molli la gambaaa!!! Ahhhaaa!!!. Intanto, nel pulmino, Isa aveva trovato il kit del pronto soccorso sotto il sedile. Pap! Ho trovato la cass. Sollev la testa e vide il padre che, come un invasato, stava colpendo il contadino con la torcia. Schizzi di sangue si sollevavano macchiandogli la camicia immacolata, gli occhiali, la fronte. Isabella era a bocca aperta. Suo padre stava massacrando il povero coltivatore etilista. Ippolito Ricord riusc finalmente a liberarsi. Torn alla macchina zoppicando vistosamente e aggiustandosi la frangetta. Pap che successo? Stai bene? Il

professore fece segno di s, avvi il motore e part sgommando. Con uno scatto deciso dribbl il corpo a terra e cominci a rimettere a posto lo specchietto retrovisore. Ma la mano gli si era come paralizzata. Sicuro di stare bene?, fece Isa preoccupata. Sto benissimo! Benissimo!, ghign suo padre a denti stretti e stacc lo specchietto e lo butt di dietro. Ma che diavolo gli era successo a suo padre? Era pieno di strani tic, aveva preso da una tasca dello sportello una cartina stradale e la ciucciava. Sicuro di stare bene, pap?, balbett Isa. Hai una zampa del pantalone tutta imbrattata di sangue. Piantala! Piantala per favore di chiedermi come sto. Sto in piena forma, ragazzina. Adesso riprendiamo le domande. Allora in che anno Mohammed Al ha dipinto la Cappella Sistina?. Ma che dici? Tu non stai be...!. Isa non ebbe nemmeno il tempo di finire la frase che suo padre fece un rutto e si accasci morto sul volante. Il pulmino cominci a sbandare paurosamente. Isabella prov ad afferrare il volante. Ma non ci riusc, la macchina sterz verso sinistra e rotol gi nel bosco. Tredici. ISABELLA RICORD Isabella Ricord rinvenne di colpo sul ciglio della strada. Era contusa, un lungo graffio le attraversava la fronte, ma per il resto stava bene. Ma cosa le era successo? Ricordava solo che suo padre era andato ad aiutare un coltivatore diretto etilista ed era tornato in macchina assai diverso e allimprovviso si era accasciato sul volante e il furgone aveva sbandato e poi ...Niente. Il buio. Ora cera un odore di bruciato fortissimo, un misto di gomma e benzina. Isa gir la testa e la prima cosa che vide fu un fosso profondo cinto da querce e cespugli di pungitopo e il furgone avvolto dalle fiamme. Ippolito Ricord, lautore dei suoi giorni, poteva essere dentro quellorrenda pira. Pap!? Pap!?, cominci a urlare la bambina trascinandosi disperata verso il rogo. Forza, aiutatemi, ordin ai suoi arti e prov a tirarsi su, ma ricadde a terra. Se avesse avuto due gambe funzionanti e non due appendici storte e senza vita, forse avrebbe potuto salvarlo. Perch Dio, nella sua infinit bont, si era accanito proprio su di lei e laveva fatta nascere paralitica? Nonostante Isabella avesse studiato la Bibbia, il Corano e uninfinit di testi teologici a questa innocente domanda non aveva trovato una risposta. Lunica risposta che le era sembrata significativa era quella che diceva che le colpe dei padri ricadono sui figli. Ma che diavolo aveva potuto combinare suo pap perch il Padreterno avesse deciso di punirla cos facendola nascere storpia? E, soprattutto, lOnnipotente non conosceva la norma elementare per cui ognuno responsabile delle proprie azioni? Se gli uomini riconoscevano istintivamente questo principio come uno dei grandi cardini su cui si poggia la convivenza sociale, perch il Signore, che ha creato gli uomini a sua immagine e somiglianza, usa metodi e regole morali disumane e aliene? Isabella, a nove anni, aveva ragionato un sacco su questi problemi e la conclusione a cui era giunta era assai amara: Dio non esisteva e se esisteva era un prodotto della mente degli uomini. Nessun principio primo, nessun senso allesistenza. La vita era il prodotto casuale di unaggregazione di molecole. E le molecole? Visto che sai tutto, cara Isabella, chi ha inventato le molecole?, chiedeva Ippolito Ricord a sua figlia Isabella. Caro pap, le molecole non sono il prodotto di una creazione o, come dici tu impropriamente, di uninvenzione. Latomo composto di elettroni e protoni esiste da sempre ed esister per sempre.

Laffermazione di realt dellatomo e delle sue aggregazioni molecolari coincide con laffermazione che esiste una realt fisica oggettiva. E non necessaria una creazione, perch la creazione richiede un nulla precedente che non riusciamo a pensare e tantomeno a definire. Per questo Dio non esiste. E quindi, ora che si trascinava sul ciglio della strada, Isabella avrebbe voluto bestemmiare Dio e la Madonna che avevano infierito su di lei, ma non lo fece. Dio non cera e le sue bestemmie non avrebbero offeso nessuno, se non i poveri ingenui che liberamente ci credevano. Quindi si limit a esclamare un generico: Porca paletta!. Raggiunse il bordo del fossato e attraverso le fiamme e il fumo nero vide che nella cabina del pulmino non cera nessuno. Il parabrezza era distrutto, suo padre doveva essere stato sbalzato fuori quando lautomobile era finita nel bosco. Sempre trascinando le gambe, Isabella segu il ciglio del fossato e vide davanti a s la sedia a rotelle, rovesciata sotto il tronco di una quercia. E dietro vide suo padre. Era finito contro lalbero e un lungo ramo, largo una decina di centimetri, gli trapassava lo stomaco da parte a parte come un pollo allo spiedo. Le gambe e le braccia gli pendevano gi senza vita. Isabella, in silenzio, cominci a piangere e le lacrime le sfocarono il nero del fumo, il giallo delle foglie morte, il verde del muschio e il marrone del completo di suo pap. Ora era sola. La mamma era scappata con quel massaggiatore jatzu. Non le restavano che il nonnino e la nonnina, ma ormai avevano una certa et. Quanto potevano campare ancora? Cinque, sei anni, al massimo. Gi le mancava suo pap. Nonostante avesse tanti difetti, era stato un uomo buono e un bravo padre. Ciao pap. Ti voglio bene, fece Isabella tirando su con il naso e poi, pragmatica, cerc di rimettere in piedi la sedia. Doveva tornare sulla strada e chiamare aiuto, ma sapeva gi che mettersi sulla sedia con la forza delle sole braccia sarebbe stato difficile, se non impossibile, ma doveva tentare ugualmente. Non poteva rimanere l, in mezzo a un bosco, accanto al cadavere dellautore dei suoi giorni. Afferr una ruota e facendo uno sforzo terribile la tir verso di s, senza ottenere risultati. Ci riprov ancora e ancora. Possibile? Sembrava piantata a terra, quella maledetta sedia. La verit che una sedia come quella, con il motore elettrico, pesa da morire. Pensa, Isa, pensa, si disse. Certo, la Storia ti pu essere sempre maestra, in casi disperati. Archimede Pitagorico cosa aveva detto? Datemi una leva e vi sollever il mondo. Afferr un ramo e lo incune sotto la sedia, poi cominci a spingere e al terzo tentativo riusc a rimetterla su. Adesso veniva la parte pi difficile, mettercisi a sedere. Stringendo i denti e afferrandosi con le mani ai braccioli riusc a issarsi. Poi con un ultimo sforzo ruot su se stessa e ci poggi sopra il pop. Aveva il cuore che gli pulsava nei timpani ed era tutta sudata, ma era salva. Isa Isa. Si volt di scatto al suono di quella voce bassa e rantolante. Vide suo padre che allungava le braccia verso di lei e sorrideva. Ai lati della bocca gli colavano due rivoli di bava rossiccia e gli occhi erano appannati da un velo bianco. Pap!? Pap, non sei morto?, url di gioia Isa e spinse in avanti la leva di comando. Le piccole ruote della sedia, lamentandosi, si mossero. Ma quando arriv a pochi metri Isa si ferm. In effetti non era possibile che fosse ancora vivo! Aveva un buco nello stomaco dove sarebbe passata tranquillamente una pallina da tennis. Sotto di lui cera una pozza di sangue larga un metro e profonda un paio di centimetri. Aveva subto un danno molto esteso allapparato digerente, che aveva prodotto unemorragia letale. Allora, perch suo padre si contorceva come un ossesso cercando di liberarsi dal tronco che lo infilzava? Pap, come stai? Ti senti bene? E come sto? Non mi vedi? Se non mi liberi subito, piccola troietta, mi farai arrabbiare

moltissimo. Ma pap!?, Isa si mise, scandalizzata, la mano sulla bocca. Perch mi dici queste cose? Ippolito Ricord cominci a tirarsi su il ramo cercando di sfilarselo dalla pancia. Dietro di s lasciava una scia di siero e sangue. Lo sai che sei solo una puttanella paralitica? E che adesso pagherai per avermi rovinato lesistenza, ringhi il signor Ricord a sua figlia. Io ho cercato di far abortire quella zoccola di tua madre, ma sai come sono fatte le donne... Anzi, non lo sai perch tu non sei una donna, ma un povero mostriciattolo costretto su una sedia a rotelle. Isa si costrinse a non piangere. Quellessere l non poteva essere suo padre. Si ricord di aver letto su un libro sul folclore dei Monti Carpazi di una leggenda che parlava di morti viventi parlanti. Secondo questa storia popolare i morti viventi-zombie almeno nelle prime fasi della loro non vita potevano parlare, fino a quando le corde vocali non gli venivano colonizzate da batteri saprofiti che gliele mandavano in pappa. E sempre secondo questa storia folcloristica i non morti dicevano la verit, tiravano fuori ogni segreto e pensiero proibito che avevano avuto nella vita precedente. E quindi, se voleva dar credito a questa favola, dentro il guscio di professore moralista si nascondeva un uomo malvagio che laveva sempre odiata. Questa amara riflessione le diede la forza di reagire. Gir la carrozzella e punt dritta verso la strada senza voltarsi indietro e cantando Luna di Gianni Togni per non sentire la voce di suo padre. Attravers la boscaglia riparandosi la faccia con un braccio. La striscia di asfalto era l, davanti a lei. Era quasi arrivata quando, improvvisamente, la carrozzella si piant. Isa sent un rumore di frullatore rotto. Abbass lo sguardo e vide che le ruote della sedia erano finite in un pantano e giravano impazzite sollevando schizzi di fango. Isa si era ripromessa mille volte di sostituire le gomme con radiali della Pirelli da cross, ma si sa, gli impegni quotidiani... E adesso? Si gir e vide che suo padre si era praticamente liberato dal palo e le urlava parole irripetibili. Unaltra cosa che Isa sapeva bene, per i numerosi film che aveva visto sullargomento, era cosa ti fa uno zombie quando ti si avvicina. Ti mangia vivo. E ti lascia l tutto smozzicato e sanguinante a vagabondare come un idiota. Molti critici cinematografici che videro nel 1968 il film di Romero La notte dei morti viventi identificarono la figura dello zombie con il tipico consumatore americano cieco e insaziabile come era in quel momento il suo paparino. Arrrggghhh!!! Strooonzzzaaa!!!, grugn lex professore liceale e barcollando si avvi verso la figlia impantanata come una Toyota durante il rally di Sardegna. Isa si pieg da un lato e con un colpo di reni riusc a smuovere la ruota destra dal fango e a spostarla fuori dal pantano e come dincantesimo si ritrov sulla strada. Mise a manetta il controllo della velocit e sent sotto al culo il motore elettrico ronzare soddisfatto. Isa gir la testa e vide suo padre che la inseguiva a mani in avanti, con un buco nel bacino da cui si vedeva il furgone alle sue spalle. Ti uccido a te e a quella bocchinara di tua madre, urlava. Isa si pieg in posizione aerodinamica, ma, invece di aumentare la velocit, rallent. E ora? Che cosa succedeva? Osserv lindicatore della batteria. Rosso! Era scarica!!! Si gir disperata. Suo padre aveva guadagnato strada e non aveva nessuna intenzione di mollare. Isa si rese conto, in quel momento, di quanto fosse attaccata a quellesistenza sfortunata. Non le importava di essere una bambina menomata, non le importava che non avrebbe mai camminato, voleva vivere, voleva morire centenaria in un ospizio, non voleva essere mangiata da suo padre. Guard di nuovo lindicatore: era al minimo, tra una decina di metri si sarebbe fermata! Lasci lacceleratore e si abbandon sulla sedia, pronta a farsi divorare. Eccooo!!! Arriva Paparinooo!!!, url Ippolito Ricord. Isa chiuse gli occhi nel momento in cui vide

con la coda dellocchio le fauci di suo padre spalancarsi. Unesplosione. E un liquido caldo le imbratt la faccia. Riapr gli occhi e vide il corpo di suo padre, decapitato, avanzare e crollare a terra come un burattino. Nello stesso momento, una Vespa 50 azzurra gli sgomm davanti, scivolando sul sangue. In sella cera un prete. Un uomo con i capelli bianchi e la barba sfatta che imbracciava una doppietta a canne mozze. Al posto del mirino aveva un piccolo crocifisso. Il prete le sorrise. Isa si pul con le mani dal sangue e gli domand: Ma tu chi sei? Il sacerdote sinfil un toscano tra i denti e disse: Padre Marcello. Le tenebre, come sempre succedeva dinverno, erano cadute sul paesino di Forca di Mezzo con la rapidit della lama di una ghigliottina. Il freddo tagliente. Il cielo era tanto zeppo di stelle che la Via Lattea sembrava un lenzuolo steso sul firmamento. La luna non cera ma bastavano tutti quegli astri a pennellare dargento le cime gelate dei pini e i costoni affilati di roccia. La notte era un buon compagno per gli abitanti delle montagne. E se nel Medioevo era il regno dei ladri, delle streghe e di Satana in persona oggi era un comodo drappo nero che nascondeva incontri sconvenienti. E in quella Toyota parcheggiata di fronte al laghetto per la pesca sportiva dei fratelli Franceschini ne stava avvenendo uno particolarmente sconveniente. Tra Matteo Antonucci, lassessore alle politiche giovanili e Laura Trentalance, linsegnante delle elementari venuta da Roma. Le malelingue, in paese, mormoravano, che la nuova insegnante delle elementari, Laura Trentalance, fosse in realt una famosa pornostar rumena che si faceva chiamare Ortensia Colonna. Era chiaro che quella donnaccia era venuta nel loro paese per cercare di rifarsi una faccia. Nella vita uno pu fare tutto quello che vuole. Io non giudico. Ognuno libero di scegliersi la propria vita. Ma la signora si sbaglia se crede di rifarsela a spese dei nostri bambini, diceva la proprietaria del negozio di articoli da regalo. Mi sono visto per un secondo i film della nostra professoressa. lei al cento per cento. Che maiala Negri, arabi, donne Di tutto. In paese era circolata tutta la filmografia di Ortensia Colonna. E lassessore alle politiche giovanili Matteo Antonucci aveva deciso che bisognava scoprire se dietro lingenua insegnante si nascondesse quel mostro di perversione. Va detto che Matteo Antonucci era convinto di essere uguale a George Clooney, ma si sbagliava alla grande. Non basta avere i capelli brizzolati, farsi le lampade e sbiancarsi i denti per assomigliare al divo americano. Eppure quella assurda certezza gli rendeva lesistenza migliore e gli dava una sicurezza nei suoi mezzi che alla fine gli permetteva di fare grandi, mirabolanti acchiappi nella fauna selvatica di Forca di Mezzo. Per esempio, rimorchiarsi Laura Trentalance era stato facile. Secondo lassessore era spiccicata ad Angelina Jolie. Stesse labbra ad anello di totano. Stessi occhi da zoccola. Stesse tette rifatte. Stesso tutto. Era incredibile che l, in mezzo agli Appennini centrali, in una Toyota Rav 4 parcheggiata davanti a un fetido laghetto per la pesca sportiva, ci fossero i cloni di George Clooney e Angelina Jolie che amoreggiavano. Per essere precisi, finalmente, dopo un piatto di linguine allo scoglio, una trota allacqua pazza e una bottiglia di Fiano dAvellino, Angelina stava per praticare un pompino a George. Lassessore aveva una vera fissazione per il sesso orale. Adorava vedere una donna appena conosciuta che si prostrava di fronte al suo enorme membro. Era un atto di rispetto verso il simbolo della potenza maschile. Un po come quello che fanno i corazzieri verso la bandiera italiana. Il problema era che Matteo Antonucci non voleva solamente questo. Aveva promesso a tutti i suoi amici del bar Civetta di portargli una prova filmata della prestazione dellinsegnante/pornostar. Ora per doveva dirle che

voleva filmarla. Come lavrebbe presa? Se era una pornostar benissimo. Laura Trentalance seduta nella Toyota di Antonucci rimpiangeva di aver accettato luscita con quel tipo. Laveva obbligata ad andare a vedere le stelle che si specchiavano nel laghetto della pesca sportiva. Fuori le rane, assiderate, gracidavano. Laura osserv Antonucci. Sembrava Claudio Baglioni. Doveva essersi riempito di botulino perch aveva la faccia tirata come il sedile di una poltrona e la vivace espressivit di una statua di Madame Tussauds. Laura Trentalance odiava il sesso orale. Ma spesso era meglio di un rapporto completo. Finiva subito. E non dovevi nemmeno spogliarti. Ma adesso che aveva quella specie di tubo in bocca non era per niente felice. Sperava che finisse presto. E intanto cercava di pensare al fatto che non aveva ancora pagato lassicurazione allo scooterone, che era scaduta, e che voleva per prima chiedere un preventivo a una di quelle compagnie on line di cui parlano tanto bene. Ma sto rompiballe quanto ci metteva? In un documentario aveva visto che i monaci tibetani sono in grado di astrarsi, attraverso tecniche di meditazione e non pensare pi a niente. Forse ci poteva riuscire anche lei. Anche se i monaci tibetani non si devono astrarre dalle cose mondane con un lungo coso infilato nella bocca. E poi lassessore aveva anche dei problemi di erezione. Che succede?, gli domand la professoressa. Credo che sia colpa della ciabatta con i peperoni che ci hanno dato per antipasto. Non li digerisco. Ma forse conosco un rimedio. Antonucci tir fuori un cd dal cruscotto della Toyota e lo infil nellautoradio. Una musica flamenco alla Gipsy King riemp labitacolo del fuoristrada. Amor. Amor. Le cose de la vida non se parar. O amor!, gorgheggiava il cantante. E questo chi ?, chiese linsegnante tutta incastrata sotto il volante. Lino Melone. Il pi grande dei cantanti neomelodici. Vive da ste parti. un amico mio. Se vuoi, un giorno te lo faccio conoscere. un grande. Una persona eccezionale. La Trentalace osserv leffetto della musica gitana sul membro dellassessore alle politiche giovanili e si rimise, pi serena, al lavoro. Nessuno dei due guardava fuori, ma nella calma placida del laghetto illuminato dai fari della macchina a un tratto ci fu un movimento. Tre rane saltarono scocciate dalle ninfee e un essere scuro emerse dalle acque. Era quello che restava di Lino Melone. Uno scheletro su cui erano appesi brandelli di uno smoking di paillettes. Nonostante lo stato di decomposizione avanzata riusciva a ballare con un certo stile. Tipo Ricky Martin con Livin la vida loca. Le alghe e i mitili gli avevano coperto il cranio. La mascella che gli cadeva da una parte si abbassava e si alzava in un orrido playback della sua canzone che arrivava dalla macchina. Lassessore alle politiche giovanili, Matteo Antonucci, continuava a dondolare la testa a ritmo della musica. Linsegnante ci sapeva proprio fare. Adesso doveva tirare fuori la videocamera e riprenderla. Forse riusciva a farlo senza che lei se ne accorgesse. Allung un braccio sul sedile posteriore e infil una mano nella sacca dove teneva la Sony Handycam. Dovera finita? Mentre girava la testa ebbe limpressione che nel lago ci fosse stato un bagliore blu. Dovevano essere le trote contaminate dei Franceschini. Ma strizzando gli occhi gli sembr di vederlo di nuovo. E non era nellacqua. Ma sopra la superficie. Cosera? Non riusciva a capire. Sembrava una sagoma umana. Possibile? Azion gli abbaglianti. E vide una cosa assolutamente impossibile. Cera un uomo che cantava in mezzo al laghetto. Guarda! Guarda!. La Trentalance sollev la testa. E ora che succede?. Lassessore era a bocca aperta. Lo vedi!?. Linsegnante si mise gli occhiali da vista e guard fuori. Chi ?. Antonucci prese il cd dove cera in copertina la foto di Lino Melone. Lino Melone. E che ci fa l?. Non lo so. Lassessore

cominci a riprenderlo con la videocamera. Intanto il cantante neomelodico continuava a cantare come un invasato. E come Ricky Martin diede un colpo danca mettendo in mostra la cassa toracica scarnificata. I due amanti si guardarono e cacciarono un urlo di terrore. In realt Antonucci con tutto il botulino che aveva sotto pelle, riusc solo a spalancare la bocca come avrebbe fatto un coccodrillo. Lassessore accese la macchina e mise la retromarcia, ma le ruote presero a slittare in una pappa di fango e nevischio. Lino si avvicinava lentamente ma inesorabilmente, allora Antonucci chiuse le sicure. Lo zombie diede una capocciata contro il finestrino mandandolo in mille pezzi e infil una mano scheletrica verso il collo dellassessore che lo colp con la videocamera. Ma lo zombie lo afferr per un orecchio e lo tir fuori dalla Toyota. Linsegnante elementare apr la portiera e si gett fuori e fin nel fango; si risollevo e cominci a scappare. Continuava a vedere la faccia di Antonucci impassibile e tonica che veniva divorata dallo zombie. Quattordici. La mora si agitava sul pianale arrugginito del pick-up come se gli artigli di un grifone le scivolassero lungo la spina dorsale. Sembrava che stesse soffrendo pene lancinanti, ma poi sorrideva e rideva, allora eri certo che stesse morendo di piacere. Si muoveva sinuosa, poi scatti improvvisi la irrigidivano e le strizzavano la bocca in un rictus che le portava via tutta la bellezza. Il lento e faticoso ansare le faceva sollevare il petto costretto a malapena dentro il reggiseno di pizzo nero. I grandi capezzoli come due soli nascenti si intravedevano tra i nastrini di raso del completo intimo La Perla. Ancora! Ancora figlio di puttana miscredente! Sfondami, pastore di anime dannate!, miagolava la giovane mora affondando le unghie laccate di rosso nel pianale del camioncino. Sorrise e poi apr gli occhi. Le orbite erano due crateri neri da cui colavano grosse larve albine e millepiedi. Spalanc la bocca e uno sciame di calabroni ne usc in una scura nuvola ronzante. Un orrendo zombie disteso sul pianale di un pick-up che precipitava in un gorgo psichedelico. Padre Marcello si risvegli urlando nella sagrestia della chiesa di San Nicola di Forca di Mezzo. Quellincubo mostruoso non lo abbandonava pi. Appena chiudeva gli occhi, ecco che la mora gli si ripresentava nel suo subconscio malato. Dio, per ora, lo stava punendo cos per quello che aveva fatto a quella povera ragazza. Ma dopo avrebbe gettato la sua anima allinferno, se, ancora peggio, non lo avesse costretto ad aggirarsi come quegli esseri non morti alla ricerca di carne umana. Si sollev dallamaca appesa tra la statua della Madonna e quella di San Pietro. Raccolse da terra il pacchetto di Camel senza filtro e se ne accese una. Poi prese la mezza bottiglia di Biancosarti e ci si attacc. Passando davanti a un vecchio specchio non pot fare a meno di fermarsi e guardarsi. Si era dimenticato di avere un aspetto, da quando aveva deciso di sterminare tutti gli zombie della valle. Simpression osservandosi. Comera ridotto. Aveva 53 anni, ma quel lavoro mostruoso gliene aveva caricati almeno altri dieci addosso. I capelli come stoppa e con la ricrescita bianca dritti in testa. La barba sfatta che gli arrivava poco sotto gli zigomi. Gli occhi cerchiati da due anelli violacei e ragnatele sanguinolente gli attraversavano i globi giallognoli. Il prete fece un passo indietro e osserv il vestito. La lunga palandrana nera era tutta macchiata di sangue e altre sostanze organiche. Sul colletto bianco era incrostata una roba verdastra simile al moccio di un ragazzino con la Sars. Erano pezzi di materia

cerebrale di Franco Mariani, il tabaccaio di Forca di Mezzo che era morto di infarto solo un mese prima. Padre Marcello aveva officiato il rito funebre. Un funerale triste e fatto in fretta: solo la figlia, i due nipotini che giocavano con il Gameboy e una vedova senza lacrime. Laveva vista lui la tomba che veniva calata nella fossa. Li aveva visti lui i due becchini poggiarci sopra la lastra di travertino con la scritta in oro Franco Mariani 19502005. E allora perch dopo nemmeno un mese il tabaccaio si aggirava con il vestito nero e in stato di avanzata decomposizione per corso Maresciallo Diaz? Perch lo aveva trovato in un angolo del negozio di sport che si sbranava il volto di Fiorenza Tessari, unattrice di una certa fama che aveva affittato uno chalet proprio a due passi dalle piste da sci? Perch i morti si erano risvegliati? Continuava a tormentarsi con questa domanda. Non poteva essere stata la strana formula che aveva recitato, completamente ubriaco, dal manuale pratico di resurrezione che aveva comprato alla Feltrinelli? No! Si rifiutava di crederlo! Doveva essere successo qualcosaltro. Ne aveva la certezza e lo avrebbe scoperto. Apr il grande armadio dove aveva sempre tenuto gli arredi sacri. Adesso cerano due fucili a pompa, un fucile a canne mozze e una balestra in fibra di carbonio. E un sacco di scatole piene di proiettili e frecce. Padre Marcello tir fuori il fucile a canne mozze e lo caric con proiettili esplosivi. Prese anche la balestra e se la mise a tracolla. Poi, stiracchiandosi, entr nella chiesa. La luce del tramonto sinsinuava attraverso le assi inchiodate sulle lunghe finestre in stile finto gotico dipingendo sul pavimento una scacchiera luminosa. Contro la grande porta, in fondo alla navata, erano accatastate le panche. La chiesa, in quello stato, sembrava essere sopravvissuta per miracolo a un bombardamento. Padre Marcello and allaltare su cui aveva poggiato una vecchia macchina da scrivere Olivetti Lettera 32. Ammonticchiati accanto, pile di fogli su cui aveva scritto le sue osservazioni scientifiche sulla natura biologica degli zombie. Un po pi in l bottiglie vuote di superalcolici presi dai bar del paese. Sinchin di fronte alla statua della Vergine Maria e cominci a recitare il Padre nostro. Mentre era l che cercava un contatto con il suo Dio, sent come un frusco, simile a quello che potrebbe fare un serpente a sonagli sulla sabbia del deserto. Sirrigid ma continu a pregare a denti stretti. Schiuse un occhio e gir appena la testa. Una pallina da tennis. Una pallina da tennis verde e strisciata di sangue era ai piedi dellaltare. Era stata quella a fare rumore. Il prete prese un grande respiro e si volt. In mezzo alla chiesa, a una ventina di metri da lui, cera uno zombie vestito da tennista. A essere precisi assomigliava maledettamente a John McEnroe dopo che un pendolino gli fosse transitato addosso. Aveva una fascetta a strisce intorno alla testa. Be non era proprio una testa, ma piuttosto avanzi di testa. La parte destra del volto sotto il sopracciglio era completamente assente e la mandibola gli pendeva sbilenca come il batacchio di una campana. Addosso aveva una maglietta Fila con il colletto blu. Da una manica gli spuntava un braccio, dallaltra gli spuntava lomero a cui erano appesi pezzi di carne sanguinolenta. Dai calzoncini gli spuntavano le gambe, stranamente ancora in buona forma. Nellunica mano che gli rimaneva, stringeva una racchetta da tennis nera. Padre Marcello lo riconobbe subito. Quello l era Franco Sartogo, linsegnante di tennis del circolo sportivo Camoscio bianco. Un bravuomo. Era stato campione regionale nel 1982 e raccontava di essere stato amico di Panatta e Galeazzi e chiss, poteva pure essere vero. Lo zombie, a gambe aperte e con il busto in avanti, sembrava che stesse aspettando la battuta. Dondolava pure un po. Inginocchiati!, fece il prete con la voce rauca e impastata dal Biancosarti. Se la schiar

e ripet: Inginocchiati nella casa del Signore. Sapeva che i non morti non erano in grado di capire e recepire nulla, eppure non poteva fare a meno di continuare a parlargli. Lex tennista fece un ringhio cavernoso e si pieg ancora di pi. Padre Marcello prese la doppietta e con calma inquadr una rotula del maestro di tennis nel piccolo crocifisso che aveva saldato in punta al fucile e fece fuoco. Lesplosione rimbomb nella volta a botte della chiesa. Lo zombie, incredibilmente, era ancora in piedi. Su una gamba sola, come una specie di strano fenicottero. Il sacerdote punt di nuovo larma e fece fuoco sullaltro ginocchio. Il tennista finalmente si ritrov a terra. Bravo. Ti sei inginocchiato. E adesso chiedi piet per i tuoi peccati, disse il prete e caric la balestra con una freccia esplosiva. Prese la mira e tir il grilletto. Ci fu un fiuuu della corda dellarco e la freccia fin proprio al centro della fronte di Franco Sartogo. Il resto della scatola cranica esplose in schizzi di schegge ossee e materia cerebrale e contemporaneamente il corpo, come al rallentatore, si pieg indietro e sollev il braccio con la racchetta come in ultimo e disperato tentativo di servire una battuta. Poi del maestro non rimase che un troncone. Anche quella roba che assomigliava alla vita si era dissolta. Riposa in pace, fece il sacerdote, apr una porta e sal su una stretta scala a chiocciola che portava sopra al campanile. Da l si aveva una visione globale della situazione in cui versava il paese. Prese il binocolo e osserv. Un disastro. Cerano oramai solo morti viventi che si aggiravano senza meta tra le stradine. Pi in lontananza vide una spirale di fumo sollevarsi dalle chiome del bosco e poi vide sulla strada una ragazzina su una carrozzella inseguita da uno zombie. Resisti! Resisti! Ti salvo io, piccoletta, fece, sputando via il mozzicone di sigaretta e si gett gi per le scale sulla sua coscia malandata. Quindici. CARLA COTUGNO Nilo Papadopulos, il greco, era alla guida di una Lexus berlina, nera come la coscienza di un vecchio pedofilo. Accanto, gli sedeva il suo compare, Enzo Tavazzi, che guardava assente le tenebre gelate che avvolgevano la macchina. Il greco continuava a scuotere la testa come una frisona che voglia scacciare le mosche cavalline. Io sono sicuro che Veronica mi ama. Dal punto di vista cosciente lei non lo sa, ma dal punto di vista incosciente, invece, pazza di me. come quando uno odia i cani ma poi, stranamente, li accarezza. Quante volte vedi persone che odiano i cani e li accarezzano e gli danno da mangiare? Oppure, quando c un incidente stradale e non puoi fare a meno di guardare, anche se ti fa schifo. Perch credi che va a letto con quel pezzo di merda allora?. Tavazzi non si degn nemmeno di aprire gli occhi: Perch suo marito. Idiota. Papadopulos sorrise. incredibile come non capisci un cazzo delle donne. Se conoscessi un briciolo di psicologia femminile lo sapresti. Lo fa perch ha paura di innamorarsi, di diventare debole, di riconoscere che io lattraggo da morire. Da dietro venne la voce di Arnaldo Cotugno, il grande boss. Basta, state zitti, porca troia. Non sento niente. Teneva stretto in mano il cellulare come se fosse un rompighiaccio. Carla! Carla! Mi senti!? Fermati, dove vai? Fermati!. Carla Cotugno, a qualche chilometro di distanza, alla guida della sua Mini Cooper fuggiva da suo padre e dalla sua gelosia che la strangolava. E poi aveva fatto uno strano sogno. Anzi, a essere precisi, un incubo in piena regola. Aveva trovato finalmente qualcuno da amare. Uno che la voleva sposare. Il cuore al solo pensiero le si gonfiava di

una terribile tenerezza, di un desiderio di scappare con lui in capo al mondo. Erano scappati insieme e senza dirlo a nessuno si erano andati a sposare. La chiesa li aveva avvolti, inghiottiti. Nelle tenebre dellalto edificio, illuminate di luce propria, colonne scarne come tibie. Intorno allaltare migliaia di candele ritorte come serpenti deformi bruciavano in fiammelle tremolanti, piccoli punti accesi, mozziconi di sigarette. Carla si sforzava di vedere in faccia il prete, ma un velo opaco le impediva di farlo. Affioravano solo gli occhi che trapassavano la coltre come tizzoni ardenti, il naso e gli zigomi come staccati dalla figura, sembravano avere vita propria. E il sacerdote puzzava di cicche e di alcol rancido. Carla aveva tentato, risvegliandosi in un lago di sudore, di mettere insieme quelle immagini singole per ricostruire la trama dellincubo, ma le riusciva impossibile. Anche nel sogno si era concentrata per capire chi diavolo si stesse sposando, ma gli occhi arrossati dallo sforzo le si chiudevano. Nel buio della sala, davanti a un film, le era successo lo stesso; le palpebre come serrande abbassate gli chiudevano lo sguardo, incapaci di sentire i vaghi comandi del cervello lontano. Piaghe purulente sembravano formare una rete nella carne del prete. Solchi rossi. La voce del prete le si era insinuata dentro come olio caldo, ma non capiva il significato di quelle parole distanti. Troppo difficile concentrarsi. I pensieri le scivolavano nella mente senza lasciare impronta. Poi aveva capito. Vuoi tu, Carla Cotugno, sposare questuomo, nel bene e nel male, nella buona o nella cattiva sorte? Eh?! Lo vuoi?. S... S, lo voglio!, aveva risposto di getto. Si era stupita di come aveva pronunciato quelle parole senza nemmeno rendersene conto. Le erano uscite cos, le aveva vomitate come aveva vomitato il gin liscio la prima volta che lo aveva provato. Alla fine aveva baciato suo marito. Era strano, vedeva il naso, la bocca, gli occhi eppure non riusciva a metterli insieme per formare il volto. Lui le aveva messo in bocca una lingua lunga, agile. La sentiva muoversi in bocca, gi fino al palato e dentro la trachea. Non riusciva a prendere aria. Si era voltata, nellombra il sacerdote le sorrideva con un ghigno di complicit. Mentre le sorrideva, con le mani il prete si staccava i capelli dal cranio, a ciocche, li guardava e poi li buttava per terra, sopra il marmo chiaro. Luomo le si era avvinghiato addosso. Sentiva un odore buono sulla carne scura di lui, di chiodi di garofano, di incenso, ma che poi mutava in qualcosa di diverso, affumicato, di salsicce ai ferri. Era troppo vicina a lui per poterlo distinguere interamente. Le metteva le mani addosso. Poi le aveva alzato il lungo strascico e messo le mani tra le cosce, sotto gli elastici delle mutande. Carla aveva preso ad agitarsi, a gemere di piacere e a muoversi in modi assurdi. Ruotava le membra in posizioni impossibili. Suo marito la teneva sollevata, reggendola con un braccio, le dita nascoste nel buio della fica. Poi, tenendosi per mano, quasi di corsa, erano usciti dallalto edificio. Fuori il sole laveva abbagliata, era come stare in un ghiacciaio. Doveva tenere gli occhi chiusi. Mano nella mano. Intorno mulini di foglie secche portate dal vento. Carla sapeva che adesso avrebbero fatto il viaggio di nozze, ma non sapeva dove. E poi aveva capito dove. Nella casa al mare dove era morta mamma. Non ci sarebbe stato nessuno e suo padre non lo avrebbe mai scoperto. Mentre, in macchina, percorrevano la strada per il mare, Carla si sentiva in colpa. Aveva fatto qualcosa di male, qualcosa che non si deve fare. Ma non ricordava che cosa. La casa era grande, stanze vuote si succedevano una dopo laltra, porte sempre uguali le univano. Non cerano corridoi. Nella loro stanza, lunica con un letto sul centro, cera una grande finestra che si affacciava sullalta scogliera rocciosa. In lontananza una lunga spiaggia coperta dalla neve. Formava uno strato uniforme e nessuno laveva mai calpestata. Carla passava intere giornate appoggiata alla finestra. Aquile

marroni volteggiavano tra i picchi della scogliera sotto un cielo denso e pesante, rincorrendosi in folli piroette. Per il resto, il paese sembrava abbandonato. Non ricordava che in quel posto potesse nevicare. Era un elemento che stonava e le lasciava da pensare. Dormivano molto e poi facevano lamore. Non parlavano. Era intorpidita e apatica e tutto era fermo. Non aveva ancora riuscito a capire chi cavolo fosse suo marito, ogni tanto scompariva senza dire niente, bastava che voltava lo sguardo e non cera pi. Dove andava? Appena pensava a lui altri pensieri si aggiungevano, lasciandola confusa. Un giorno, mentre era alla finestra, la casa aveva incominciato a trillare. Sembrava che tutto ledificio e i muri suonassero a intervalli. Il telefono. Carla correva nelle stanze vuote alla ricerca dellapparecchio. Il trillo continuava e Carla, dimprovviso, aveva capito cosa aveva nel petto che la faceva sentire in colpa. Ora ricordava. Suo padre non voleva che lei si sposasse, soprattutto con quello. Aveva mentito, laveva tradito. Lui si aspettava tuttaltro da lei, ma cosa? Continuava a correre, il suono come un martello sincuneava come una scure tra i lobi del cervello. Dove cazzo stava il telefono? Le camere, tutte uguali, sembravano infinite. Stava per disperare quando trov quello che cercava. Lapparecchio in mezzo alla stanza, nero e lucente, avanzava lentamente trascinandosi. Sembrava ferito, si tirava dietro il filo come un cordone ombelicale. Pi si avvicinava e pi sembrava un grosso insetto. Una blatta nera. Tra le elitre, poggiata in mezzo, spuntava la cornetta. Vincendo lo schifo, la sollev. Era viscida, coperta di un liquido denso e lattiginoso. Pronto! Pronto chi parla?. Pronto! Carla sono tua madre, come stai? Domani siamo l... Con tuo padre. La casa? La casa come sta? Hai messo in disordine? Sei contenta? Faremo di nuovo le vacanze insieme... Come una volta. Qui fa un caldo terribile. Be... Ci vediamo domani. Ciao. Tornando verso la sua stanza si era chiesta come era possibile che venisse anche sua madre. Era morta da Ma, a ripensarci, non ne era pi tanto sicura. Aveva trovato suo marito che guardava fuori. Si era voltato, laveva presa per il collo e laveva sbattuta contro la finestra, le aveva allargato le braccia e poggiato le palme sul vetro umido di condensa. Le aveva divaricato le gambe, e con lentezza le aveva tirato su il vestito da sposa, poggiandoglielo sulla schiena. Non aveva mutande. Si era girata e vedeva il sedere emergere dal candore della stoffa. Le natiche abbronzate confluire insieme in una valle pi buia, le gambe lunghe e magre unirsi in un delta. Ondeggiava le chiappe come una cagna in calore. Poi un salto improvviso e si era ritrovata a correre per un groviglio di strade e rampe di scale. Lui davanti, lei di dietro. Il paese aggrappato a quei sassi scoscesi taceva. Il vento sbuffava indisturbato tra le case bianche e sbatteva le imposte e, turbinando, si infilava gi per le canne dei camini per poi riuscire tra lo stridore di cardini arrugginiti. Avevano imboccato un piccolo sentiero che faticosamente aggirava le costruzioni fino a raggiungere la scogliera a picco sul mare. Il sentiero come una ferita tagliava in due un grande campo di stoppa gialla, bruciata dal sole. Alla fine del viottolo si trovarono su un enorme faraglione che precipitava nel vuoto. Lodore del mare arrivava fin lass, odore di alghe seccate sul bagnasciuga. Onde grandi come colline, in basso si sfondavano sugli scogli neri formando schiuma bianca. Lui, incurante della vertigine, era salito fino alla punta del faraglione, in piedi su uno sbalzo. I capelli, agitati dal vento, gli coprivano il volto. Non sembrava aver paura del vuoto. Carla gli era arrivata alle spalle e senza esitazione laveva spinto gi. Lui non aveva opposto resistenza. Era precipitato e basta, allargando le braccia, come un manichino. Dopo un lungo volo si era schiantato sulle rocce. Le onde lo coprirono e una pi grande delle altre se lo prese, inabissandolo.

Carla era tornata a casa di ottimo umore, ora poteva far trovare tutto in ordine. Era contenta che sua madre avesse deciso di venire. Il giorno dopo era una bella giornata. La neve si era sciolta lasciando lo spazio a ombrelloni e bagnanti. Le case si erano riempite di vita, di voci, di urla di bambini. Dalla finestra il mare era piatto come una tavola e sopra, come spilli appuntati, barchette colorate piene di gente in costume. Riconobbe subito il gozzo azzurro dei suoi genitori che avanzava piano lungo la costiera. Era uscita di corsa, tra motorini e frotte di vacanzieri. Aveva superato il faraglione e sceso la scalinatella di pietra che portava alla spiaggia. Intanto, la barca era quasi arrivata, vedeva distintamente suo padre al timone e sua madre in costume sdraiata a prendere il sole sulla coperta. Urlava forte da l sopra per attirare la loro attenzione. Si erano accorti di lei e si erano avvicinati. Ora erano sotto, a pochi metri dalla roccia. Dai! Buttati! Buttati!. Quando era piccola si era tuffata, ma mai da cos in alto. Cerano dieci metri buoni. Poteva farcela, non era tanto. Li avrebbe sicuramente stupiti. Si chiese, per un attimo, come mai la mamma la spingesse a saltare. Sal sul muretto di pietra e guard gi. La barca rollava dolcemente mossa dalle onde. Ebbe solo un momento di esitazione, poi spicc il volo. Chiuse le braccia contro il busto, serr le gambe, incune i piedi. Buc lacqua perfettamente, senza schizzi, composta. Il mare le si chiuse sulla testa. Non aveva pensato a quanto era profondo, ma era scesa molto senza toccare, non cera pericolo. Il corpo termin la sua corsa verso il basso, la spinta di Archimede ebbe il sopravvento. Sotto, a pochi metri, vedeva le rocce spuntare tra la sabbia, in alto la pancia ovale della barca. Mentre remava con le gambe guardando in su, vide nello specchio che formava la superficie del mare qualcosa luccicare sul fondo tra i prati di posidonia. Le sembrava un banco di alici. No, era un panno. Un panno ricoperto di paillettes. Lo stomaco le si chiuse e lo stesse fece il cuore, allora pedal pi forte anelando aria, non ne aveva pi. Mancava poco, era finalmente arrivata, quando una morsa lafferr tirandola di nuovo gi, verso il fondo. Artigli nella carne. Si gir e vide Lino con lo smoking blu attaccato alla sua gamba. Era enorme, la bocca dilatata. Mostrava i denti aguzzi, le alghe intrecciate ai capelli. Carla prov a nuotare disperatamente e ad allontanarlo colpendolo con il piede libero, ma era pesante per via dei blocchi di cemento attaccati ai piedi. La tir gi, pi gi, tra le rocce, mentre l'acqua si tingeva di rosso. La chiglia della barca si rimpicciol mentre Lino, il suo amore, le diceva: stato tuo padre stato tuo stato . Sedici. ANTONELLO PEDROTTI I morti camminano tra noi. Zombie, morti viventi, comunque li si voglia chiamare, questi sonnambuli sono la minaccia pi terribile per lumanit, dopo lumanit stessa. Sarebbe impreciso chiamare loro predatori e noi prede. Altro non sono che una peste e la razza umana ne lospite. Le vittime pi fortunate vengono divorate, le ossa completamente spolpate, la carne consumata. Quelle meno fortunate passano dalla parte degli aggressori, trasformate in putridi mostri carnivori. Contro queste creature, le strategie di guerra e il pensiero tradizionale non servono a nulla. La scienza del porre fine alla vita, sviluppata e perfezionata fin dai primordi della nostra esistenza, non pu proteggerci da un nemico che non ha alcuna vita cui porre fine. Significa dunque che i morti viventi sono invincibili? No. possibile fermare queste creature? S.

Sopravvivenza la parola da ricordare: non vittoria, non conquista, ma solo sopravvivenza. Dallintroduzione del saggio Zombie di Max Brooks Il greco, Nilo Papadopulos, guard nello specchietto retrovisore, spense la cicca nel portacenere e disse: Cacacazzi a ore 6. Dietro la Lexus, a una cinquantina di metri cera una volante della polizia. Enzo Tavazzi diede unocchiata indietro e abbass il volume della radio. Non te la inculare di pezza. Rallenta, no? Non vedi che stai a 150?. Dietro, il boss Arnaldo Cotugno, cellulare in mano, cercava di mettersi in contatto con sua figlia. Capo, se rallentiamo facciamo una cazzata. Gli facciamo capire di temere qualcosa e quello, al 1000 per cento ci ferma, si accalor Tavazzi. E infatti abbiamo qualcosa da temere visto che il limite 120. Se rallenti gli fai capire che sai che stavi andando troppo veloce e ti lasciano perdere. Mi segui, genio?, fece Cotugno. Tavazzi si sporse indietro, infilando il muso da faina tra i due sedili anteriori: Capo, scusa se ti contraddico, ma se capiscono che hai rallentato vuol dire che hai paura di loro e quindi ti fermano. cos che funziona la mente della polizia. una mente se. Non ho capito che devo fare. Rallento o no? E se accelero? Me lo bevo in un attimo, sintromise Papadopulos. Quasi che il poliziotto avesse sentito quello che diceva il greco, la volante, con uno scatto improvviso, affianc la Lexus. I tre, con la simultaneit di tre marmotte minacciate, girarono la testa e guardarono i poliziotti. La risposta fu immediata: la sirena sul tetto dellAlfa Romeo si accese e un braccio cominci a sventolare una paletta facendogli segno di accostare. Visto?, fece soddisfatto Tavazzi. Cotugno si massaggi con una mano le tempie. Visto cosa?. Visto? Ci hanno fermato!. Lo sai che tu devi avere una tara familiare grave. Hai detto che non doveva rallentare. Nilo, hai rallentato, per caso?. Il greco fece no con la testa. Ma che cazzo centra? Non hai rallentato, daccordo, ma non hai nemmeno accelerato. Sei rimasto l come un imbecille a 150. Ma. Mentre i tre discutevano, la volante li stringeva indicandogli il ciglio della strada. Che faccio allora?. Cotugno: Nascondete i ferri. Poi accosta. E fate parlare a me. Il greco controll che la pistola fosse nascosta dalla giacca, mise la freccia a destra, si ferm in una piazzola di sosta. Intorno cera il solito marrone. Foglie. Alberi. Sassi. Tutto marrone. Dalla volante usc fuori un solo poliziotto. Laltro rimase dentro. Tavazzi sorrise mettendo in mostra la chiostra di denti rifatti. Guardate che testa di minchia. Il poliziotto della stradale era alto un cazzo e mezzo e camminava a gambe larghe, alla John Wayne, o, meglio, come uno che aveva subito unoperazione alle emorroidi. Ha pure i RayBan a specchio. Si crede Quello.. Papadopulos fece una smorfia di sofferenza. Dai come si chiama? Quei due poliziotti sulle moto?. Che stai dicendo?. Il telefilm. Che vedevamo da bambini, dai I due? Tu da bambino vivevi in Grecia. In qualche isola del cazzo. Che ne so di che minchia vi vedevate voi alla televisione? Ma ce lavevate la televisione?. Guarda che alla fine, gira che ti rigiri, il mondo uno solo. E le stronzate circolano. Tu lhai mai visto Sandokan?. Sandokan?!. Il greco cadde dalle nuvole. Visto? Che cazzo di infanzia hai avuto senza Sandokan? Sandokan con Kabir Bedi e Carole Andr non ti dice niente? Buio totale, eh? Tremal Naik? Yanez De. Il poliziotto buss al finestrino. Il greco mise su un sorriso con troppe gengive e abbass. Salve, agente. Patente e libretto, per cortesia. Il poliziotto doveva essersi visto troppe volte Terminator 2. Aveva la faccia scolpita nel legno e puzzava di dopobarba scadente. Qualche problema?. Si fece avanti Arnaldo Cotugno. Avete superato il limite di velocit. Sa. abbiamo un po fretta Sto cercando mia figlia. Anzi, non che per caso ha incrociato una Mini Cooper rossa?. Il poliziotto scosse appena la

testa: Le devo fare la multa. Cotugno: Faccia Faccia... Quando giusto giusto. Dora in poi terremo docchio il contachilometri. Il poliziotto, fece due passi indietro, tiro fuori una penna dalluminio e incominci a scrivere il verbale. Quant cattivo?, ghign Tavazzi indicando con il mento il rappresentante della legge. Tostissimo. Si sente un padreterno. A un tratto ci fu un colpo attutito, come se qualcuno avesse dato un pugno sulla carrozzeria della Lexus. Cotugno sirrigid come un nasello: Che ? Che cazzo succede?. Tavazzi si diede una manata rumorosa sulla fronte: Porca puttana maiala infame. Mi sono dimenticato!. Cosa!? Cosa ti sei dimenticato?. Soffi fuori il greco cercando di fare il vago. Pedrotti. Me lo sono dimenticato. Pedrotti Pedrotti? Nello Pedrotti?. Antonello Pedrotti, detto Nello, era stato, nellultima parte della sua esistenza, lallenatore del Forca di Mezzo Calcio Club, di propriet di Arnaldo Cotugno. La squadra, a fine campionato, era retrocessa allinferno. E gli era stato gentilmente consigliato di prendersi i suoi stracci e darsela il pi veloce possibile e di non scendere mai pi sotto la linea dellarco alpino. Ma lallenatore era un tipo che non si faceva mettere i piedi in testa da nessuno e aveva minacciato un mucchio di cose: denunce al Coni, alla Lega Calcio, addirittura aveva detto che suo cugino conosceva benissimo Aldo Biscardi. E che Cotugno era un camorrista e che Parole in libert. Intanto il poliziotto, fuori, continuava a scrivere. Tavazzi, con la faccia di un ragazzino che ha fatto sega a scuola ed stato beccato dai genitori, sussurr un s. Non lhai ammazzato?. S. Giuro su Dio. Due pallottole in fronte. E poi gli ho dato pure fuoco. Il greco rimase perplesso. Non avevi detto che prima gli avevi dato fuoco e poi gli avevi sparato?. In effetti s. Gli ho dato fuoco, ma quello si messo a correre come un indemoniato per tutti gli spogliatoi, cos gli ho sparato. In testa. Preciso. Pareva la torcia umana. Un nuovo tonfo nel bagagliaio. Il poliziotto sollev gli occhi dalla cartellina come se avesse sentito qualcosa, ma poi, dopo un attimo, riprese a scrivere. Ma quando lo avete ammazzato?, domand Cotugno. E che sar? Una settimana circa, Tavazzi chiese conferma a Papadopulos, che concord. S. Pi o meno. Cotugno si cominci a grattare nervosamente i capelli tinti color teak. E lo avete lasciato nel bagagliaio della mia Lexus per una settimana? Vivo?!. Tavazzi non capiva. Quando lho messo dentro mi pareva proprio morto. Ma vai a capire Due pallottole in testa, arrostito e una bella settimana dentro un bagagliaio. So cose che sfiorano lincredibile. Lo stimo, allallenatore. Un colpo. E un altro. Pi forte. Come se ci fosse veramente qualcuno dentro il bagagliaio. Il poliziotto finalmente sent qualcosa. Rimase un attimo perplesso e poi si avvicin al finestrino e: Che c li dentro?. Indic il bagagliaio. Il greco sollev le spalle: Niente. Il poliziotto: Pu scendere e aprire?. Papadopulos chiese con gli occhi al boss che cosa doveva fare. Aprigli. Usc dalla macchina. Aveva dieci centimetri di tacco nascosti sotto un paio di pantaloni a zampa delefante. Sopra aveva una giacca a due bottoni, troppo stretta sui fianchi, color marrone. Si aggiust il pacco e and al bagagliaio seguito da quello della stradale. Aspetti ad aprire. Il poliziotto tir fuori la pistola e la punt, tutto concentrato, sul bagagliaio. Non si accorse che il greco, veloce come un gatto, aveva cacciato fuori anche lui lartiglieria e la nascondeva dietro la schiena. Apra! Apra ora!. Il sicario sollev lo sportello. Dal buio del bagagliaio usc una specie di ruggito basso. Il poliziotto fece due passi indietro. E poi spunt fuori Nello Pedrotti. Completamente carbonizzato. Sembrava una mummia senza fasce. Grigio come cenere con le appendici carbonizzate e resti di tuta bruciata che gli pendevano addosso. Oh mio Dio!, fece il poliziotto.

Signore! Signore, si sente bene?. Lex allenatore grugn. Il poliziotto con un scatto improvvis punt la pistola contro il greco: Fermo! Non una mossa. Poi allung una mano per aiutare lo zombie che non riusciva a uscire fuori e quello per ricambiare la cortesia gliela mozz con un sol morso. Il poliziotto monco cadde indietro e tir il grilletto e colp il non-morto che fin sotto la macchina dibattendosi tra le ruote come se avesse una crisi epilettica. Il greco, senza pensarci troppo, spar in testa al poliziotto un paio di colpi poi chiuse lo sportello e rientr in macchina. Mentre infilava la chiave disse: E poi dicono che facile morire al giorno doggi. La Lexus ripart verso Forca di Mezzo. Diciassette. CARLA E ARNALDO COTUGNO Carla Cotugno, la figlia del boss Arnaldo Cotugno, era certa di essere inseguita da suo padre e dai suoi orrendi tirapiedi. La ragazza guard per lennesima volta nello specchietto retrovisore sicura di trovarci la Lexus nera. Se hanno ucciso Lino, li ammazzo a tutti e tre. Quant ver. Fece appena in tempo a poggiare gli occhi sulla strada che si srotolava davanti come una striscia di caucci che una hostess della Vodafone (la riconobbe dalluniforme rossa) le si schiant sul parabrezza come un moscone impazzito. La macchina cominci a sbandare. Il vetro era ricoperto dal sangue e dal materiale organico della hostess. Carla us i tergicristalli e la pompetta dellacqua per vederci qualcosa, ma quando qualcosa le apparve finalmente davanti fu troppo tardi per frenare. Si schiant contro linsegna di una pompa dellAgip. Lairbag esplose impedendole di sfracellarsi la faccia contro il vetro e mandando in fumo il lavoro sopraffino del suo chirurgo estetico. Carla usc dalla macchina tremante e, barcollando, and verso la stazione di rifornimento. Non cera nessuno e sembrava abbandonata da un sacco di tempo. Dietro le pompe cera un minimarket snack bar. Entr dentro. Sembrava che ci fosse passata una banda di hooligan o peggio un tornado. La gran parte degli scaffali era a terra. La cassa aperta e i soldi sparsi dovunque. Carla con una vocina striminzita domand: C qualcuno? C qualcuno?. E avanz tra sacchetti aperti di popcorn e patatine. Poi sent una specie di ruggito. Quello che potrebbe fare un leone mentre sbrana una gazzella. Carla si ricord di avere un Uzi nello zainetto di Fendi. Prima di scappare di casa laveva rubato dallarmeria di suo padre. Tolse la sicura e fece due passi trattenendo il respiro. Dietro gli scaffali dei deodoranti seduta a terra, a gambe allargate, cera la cassiera con il grembiule e la cuffia in testa. Non stava per niente bene, aveva due occhiaie nere, con al centro due globi bianchi che sembravano due uova di quaglia e soprattutto si stava mangiando la gamba di un uomo. Era cos presa a ripulire il femore dai resti della polpa che non si accorse nemmeno di Carla. A terra, poco distante, fremeva e scalciava, come fanno, alle volte, i cani quando dormono, la carcassa di un bassotto con tutte le interiora di fuori. Carla non riusc a trattenere un urlo e fece due passi indietro e and a sbattere contro lespositore di cd. Si gir e vide un benzinaio senza un braccio che la osservava. Carla per anni aveva fatto gli esercizi di aerobica di Jane Fonda e aveva un fisico tonico e scattante che le permise di scartare lo zombie ma non di scivolare su un Fattoria, il famoso panino ripieno di speck e brie che ha reso celebri gli Autogrill del nostro bel paese in tutto il mondo. La mitraglietta Uzi, roteando, le vol di mano e le fin sotto uno scaffale. Nello stesso momento Nilo Papadopulos, il greco, Enzo

Tavazzi e il boss Arnaldo Cotugno inchiodarono davanti alla pompa di benzina. Nessuno dei tre si era accorto che la Mini Cooper di Carla era accartocciata contro un palo a poche decine di metri. Nilo Papadopulos si stiracchi ed espresse un desiderio: Vado a pisciare. Sono due ore che la tengo. Tu fai il pieno. Mi compri un panino?, fece da dietro il boss. Che vuoi? Un Positano? Un Ghiottone? Un Camogli? Un Icaro?, chiese Papadopulos. Non lo so Tu che mi consigli? Come si chiama il classico, quello con lo speck e il brie?. Il Fattoria?. Bravo. Quello l. Tavazzi si accese una sigaretta scuotendo la testa. Lascia perdere. Perch?, chiesero in coro Cotugno e Papadopulos. Li fanno in Cina. Come li fanno in Cina?. S. Oramai tutti i panini li fanno in Cina. Ma che stai a dire? Mo, secondo te, i panini li fanno in Cina?. Papadopulos era scettico. Ma mi senti quando parlo? Lho appena detto. Papadopulos cominci a scuotere la testa a destra e a sinistra. E come fanno a essere cos fragranti e freschi? Sai quanto ci mettono a farli arrivare dalla Cina? E non mi raccontare la stronzata che arrivano congelati perch non vero. Io li so riconoscere i panini congelati pure se li scaldano per bene. E infatti arrivano freschi. Niente congelamento. E secondo te, caro greco sotuttoio, un panino fatto in qualche merdosa fabbrica di panini di Pechino pu fare un viaggio di 10 mila chilometri e arrivare qui fresco?. Papadopulos sorrise mettendo in mostra i denti gialli di nicotina. Usano il Dhl. Non lo sai che la Cina ha fatto un accordo internazionale con il Dhl?. I due non seppero come replicare. Il greco li guard un istante. Anche la mozzarella di bufala arriva dalla Cina. Stai a sentire a zio. Cotugno si mise una mano in fronte. Pure la mozzarella?. Vabbe, io vado al cesso. Il greco si avvi. Il benzinaio/zombie si stava avvicinando. Carla Cotugno, stesa a terra, tentava inutilmente di afferrare la mitraglietta finita sotto un espositore. Non ce lavrebbe fatta mai a recuperare larma. Si guard intorno. Proprio accanto a lei cera un lungo scaffale con un bel cartello offerta speciale. Esposte in ordine cerano delle statuette che cambiavano colore a seconda della temperatura della torre di Pisa, del Duomo di Milano, del David di Donatello e di Padre Pio. Ci fu un istante di indecisione poi Carla afferr la statuetta di Padre Pio e la cacci nellorbita destra dellex benzinaio. Lo zombie emise un gorgoglio e croll contro la figura cartonata di Andrea De Carlo che sorrideva con il suo romanzo in mano. Nilo Papadopulos entr nel gabinetto abbassandosi la lampo dei pantaloni. In fondo, accanto alla sfilza blu delle porte dei cessi, cerano due pisciatoi. Uno era occupato da un tipo alto e il greco, dopo aver gettato la cicca nel lavandino, si posizion davanti a quello libero. Tir fuori luccello e cominci a liberarsi. Cazzo, stava scoppiando. E raggiunta una certa et fa malissimo tenersela. Rischi lincontinenza. Chiuse gli occhi, ma li riapr subito. Il tipo accanto gli stava guardando il cazzo. Oramai i froci so dovunque. E in pi sto frocio aveva gravi problemi di inestetismi della pelle e la mascella gli pendeva da una parte, come una porta senza un cardine. Bello, eh?, gli sorrise il greco. Peccato che non lo puoi avere e se non ti giri entro tre secondi sar lultima cosa che vedrai in vita tua. Il frocio sembr non sentirlo e allung una mano. Con un unico gesto Nilo Papadopulos estrasse dalla fondina la pistola e gli piazz un proiettile calibro nove tra le sopracciglia. Mentre Carla Cotugno recuperava la mitraglietta il bassotto zombie cominci a morderle una scarpa. Eh no!!! Sono di Fabrizio Cavalli!!!. Fece esplodere il cranio dellanimale

e usc fuori dal minimarket con lUzi che fumava e senza un tacco. Enzo Tavazzi stava facendo benzina quando vide la figlia del boss uscire dal minimarket. Per una frazione di secondo non seppe che fare poi infil la testa in macchina. Capo! Capo! C tua figlia!. Il boss usc dalla macchina. Carla! Pipotta mia. La figlia guard il padre, poi strinse gli occhi e osserv le cime degli alberi, i corvi e il sole che sembrava una noce di burro che si scioglie in un tegame rovente. Che vuoi?. Sono venuto a cercarti. Perch sei scappata?. Perch ti detesto. Hai ammazzato lunica persona che io ho amato in vita mia. Non ci posso credere che amavi quel mezzo uomo. Era pi uomo dei tuoi fedeli scagnozzi. Sai quante volte hanno tentato di scoparmi? Sai quanti pompini gli ho fatto al signorino?. E indic il povero Tavazzi. Limpressione, vedendolo da fuori, fu che il fantasma di Tyson avesse affondato uno dei suoi micidiali destri nello stomaco del boss che divenne paonazzo come un polpo minacciato. Non vero! Non vero! Non ci ho mai provato, capo! Non le devi credere capo. Tavazzi sollev le mani e poi inferocito si rivolse alla ragazza. Che bastarda che sei! Io non ti ho mai nemmeno avvicinata! Lo giuro sulla Madonna del valico di Chiusi!. Carla sembr non sentirlo, con gli occhi ridotti a due fessure buie disse solo: Io a casa non ci torno. Tu a casa ci torni. Lo dico io che sono tuo padre. E le punt addosso la sua Luger con il calcio in ebano. Carla gli punt a sua volta la sua Uzi contro. Ce lho pure io. E la mia meglio. Avresti il coraggio di sparare a tuo padre? Non ci credo. Carla chiuse gli occhi e gli spar a una spalla. Credici. Ahhh!!! Che dolore! Che cazzo fai, Pipotta, spari?. Il boss si stringeva il braccio ferito. Carla puntando la mitraglietta contro tutti e due diede un calcio alla Luger che fin lontano. Adesso mi prendo la macchina. Sal e il tubo della benzina fin a terra allagando il piazzale. Cotugno era disperato: No, la Lexus, no! No, ti prego! La Lexus no! in leasing. Ma Carla si era gi allontana. Il greco si scroll luccello e si chiuse i pantaloni. Se cera una cosa che odiava era quando gli rimanevano quelle quattro gocce che gli bagnavano le mutande. Il frocio si rialz da terra. Sei duro a morire. Papadopulos gli sistem altri due colpi nel torace ma quello si rimise in piedi. Il greco lo guard, si accese una sigaretta. Ho finito le pallottole. Lo scavalc e usc. Tavazzi era alla guida di un carroattrezzi. Seduto accanto stava Cotugno con una mano sanguinate premuta sulla spalla. Sali, svelto!. E la tua Lexus?. Tavazzi come se nulla fosse: Ce lha fregata Carla. Sali! Cazzo, sali!. Il greco scosse la testa perplesso. Ma che succede in questo posto? Prima un frocio immortale mi ha spizzato il cefalo e adesso ci hanno fregato la macchina?. Sali, forza!. Alle loro spalle, apparvero lo zombie benzinaio con la statua di Padre Pio piantata in un occhio e la cassiera non morta. Il killer mont sul camion e gett la sigaretta nel lago di benzina. Diciotto. Padre Marcello inchiod la vespa davanti a una villetta a due piani che dava le spalle alle montagne aspre e spolverate di neve. Il tetto con le tegole marroni. Finestre. Balconi. Infissi anodizzati. Un giardino con una fontana di cemento. Un orto. Un pollaio vuoto. E qui che stanno i tuoi nonni?, fece il sacerdote. Si accese una sigaretta, poi prese il fucile a canne mozze e lo infil in una custodia che teneva allacciata dietro la schiena. Hai ucciso mio padre!. Con quei due squarci bui che aveva al posto degli occhi guard la ragazzina con la frangetta nera seduta sulla sedia a rotelle e il cielo stinto come la tuta di un metalmeccanico. Isabella si stropicci gli occhioni lucidi. Perch? Perch lhai

fatto?. Padre Marcello tir fuori dalla tasca della tunica una dozzina di bottigliette di Jack Daniels, quelle che si trovano dei minibar degli hotel e se le scol una dietro laltra poi fece una smorfia e disse: Ascoltami bene, piccola. Quello l non era tuo padre. Quello era un essere sfortunato condannato a vagare per leternit sospeso tra la vita e la morte. Tuo padre non cera pi e quellessere rifiutato dal paradiso e dallinferno era solo un mangiauomini. Tranquilla, nessun problema. Isabella si pass una mano nei capelli lisci e neri come fili di liquirizia. Vuoi dire che era uno zombie?. Brava, ragazzina. Hai detto la parola giusta. Un fottutissimo zombie dalla punta dei capelli alle unghie dei piedi. Non riesco proprio a capire cosa gli succede alla gente che improvvisamente si trasforma in non morti. Padre non ha letto il testo fondamentale sugli zombie di Peter Brook? Il prete fece spallucce. No. Bene, secondo leminente anatomopatologo, questo stato dipende da un virus, il Solanium. Il Solanium un retrovirus che si sposta nel circolo sanguigno e in quello linfatico e infetta il cervello, l si riproduce nella zona dei lobi frontali. Questa infezione porta rapidamente alla morte del soggetto infettato. O almeno il soggetto appare morto. Niente pi battito cardiaco. Niente pi respirazione. Anche la temperatura corporea passa da 36,5 alla temperatura ambientale. La cosa interessante che in questo stato di anossia nel cervello persiste un metabolismo anaerobico che trasforma morfologicamente e istologicamente lorgano. Alla fine di quella che potremmo definire metamorfosi, questo nuovo organismo rianima il cadavere dando vita a quello che con parole comuni e inappropriate viene chiamato zombie o nonmorto. Non ho capito quello che mi stai dicendo. Forse che gli zombie sono il prodotto di uninfezione, di un virus come il raffreddore o la scarlattina?. S, secondo leminente scienziato Peter Brook e molti altri esperti, s, cos. Il fenomeno. Non gli veniva la parola. Questa roba insomma per cui i morti camminano non pu essere originato quindi da formule magiche, da riti voodoo?. Isabella lo fiss e poi gli chiese: Non penso proprio. A meno che uno non voglia credere alla presenza, nel mondo, di forze ultraterrene legate a culti animisti e demoniaci. Lei crede al folclore, padre?. Io? Scherzi, piccoletta? Io credo solo nel Nostro Signore, Gesucristo e la Madonna. Nella triade divina. Ma come si sviluppa sto virus? Be, la sintomatologia infettiva pu essere suddivisa in cinque stadi successivi. Isabella sollev il pollice. Uno. Dolore e gonfiore della parte infetta. Isabella sollev lindice. Due. Febbre. Brividi. Demenza. Vomito. Dolore alle articolazioni non dissimile dal raffreddore. Isabella sollev il medio. Tre. Demenza aggravata. Aumento della temperatura corporea. Paralisi e rallentamento della frequenza cardiaca. La ragazzina paralitica sollev lanulare. Quattro. Coma. Infine alz il mignolo. Cinque. Per finire, morte e rianimazione Padre Marcello era a bocca aperta. Ma chi era quella ragazzina vestita come un corvo che sapeva tutto di quelle cose? Ma esiste una terapia?. Isabella sorrise mettendo in mostra la dentatura bianchissima. S. Esiste. E qual ?. Isabella osserv le grigie cime delle montagne, i ghiaioni, la statale, poi torn a fissare luomo di Dio. Fargli esplodere il cranio come una torta alla crema!. Evvai!!! Dammi il cinque, ragazzina!!!. I due con un sonoro sciak si colpirono le mani. questa la casa della tua nonna?. Isabella fece segno di s. Padre Marcello smont dalla vespa. Aspettami qui. Vado a chiamare la nonnina. Vedrai andr tutto a posto. Tranquilla. Ci penser lei a te. Si avvi verso la porta della casa zoppicando. Proprio accanto allingresso, poggiato contro una parete, cera un decespugliatore. Per chi non lo sapesse un decespugliatore un affare di ferro, un tubo dacciaio per essere precisi. Su unestremit c un piccolo motore a scoppio e sullaltra

unelica a tre pale affilate come rasoi. Il prete lo afferr, sinfil la tracolla e tir il cordino daccensione. Il motore fece due pernacchie e poi cominci a vibrare e a sputare fumo bianco. La porta era socchiusa e un mazzo di chiavi pendeva dalla serratura. Padre Marcello buss alla porta. Niente. Infil il testone e con la sua voce ruvida come una grattugia chiese: C nessuno in casa? C nessuno in casa? Fece due passi nellingresso arredato con mobili rustici. A destra una porta affacciava sulla cucina, a sinistra si apriva un lungo corridoio su cui erano appese fotografie di un signore anziano che mostrava alla macchina delle carpe e delle trote. Saffacci nella cucina. Sembrava che l dentro fossero passati degli hooligan. Tutto quello che poteva stare a terra era a terra. Cibo, posate, piatti e bicchieri rotti. Schizzi scarlatti sulle pareti e poi una pozza di sangue rappreso proprio vicino al forno spalancato e un tacchino mezzo cotto con addosso dei rametti di rosmarino e un limone che gli usciva dal culo, si aggirava sotto il tavolo poggiandosi sui moncherini e sbattendo le ali croccanti e unte di olio. Il sacerdote diede gas al decespugliatore e con lelica lo ridusse a un omogeneizzato di tacchino. Poi and in salotto. E l trov la nonna di Isabella. Non stava molto in forma. La vecchia signora, senza un braccio e con le budella che le colavano tra le gambe continuava a sbattere contro un angolo del soggiorno e a ripetere come un robot in corto circuito: 300 grammi di cipolle, 200 grammi di guanciale, uova e una bella spruzzata di parmigiano reggiano, ecco la perfetta ricetta per la carbonara. Il prete si fece il segno della croce e poi azion la manopola del gas del decespugliatore e infil la lama rotante tra la seconda e la terza vertebra cervicale dello zombie. La testa per lazione centrifuga impressale dallelica si avvit come una trottola e con una parabola perfetta fin tra le gambe di Isabella, che arrivava in quel momento. La ragazzina url disperata: Nonnina!. E poi lanci fuori dalla finestra la testa della vecchia. Carla Cotugno, la figlia del boss Arnaldo Cotugno, aveva girato tutto il paese a bordo della Lexus alla ricerca del suo amore, il cantante neomelodico Lino Melone. Le strade, le piazze, le scale del comune erano affollate di zombie che si trascinavano da una parte allaltra alla ricerca di carne umana. Aveva riconosciuto Massimo DAntoni, un suo compagno di scuola, che si nutriva del corpo di Marisa Meniconi, la merciaia. Il sindaco Rossano DallOrto si stava spolpando il consulente familiare Italo Petriccione. Dove poteva essere finito Lino? Uscire cos dalla macchina era un suicidio bello e buono. Daccordo, aveva la pistola di suo padre. Ma dopo che ne hai uccisi sei, ti rimane da affrontare tutta la comunit. Pass accanto al negozio di oggettistica medievale, Lantica Gubbio, di Pasquale Ricciardi. Le venne unidea. Unidea geniale. Carla sterz di colpo e sinfil di muso nella bottega. Padre Marcello e Isabella avevano appena finito di sotterrare la testa della nonna e stavano per mettere la croce, quando di fronte alla villetta si ferm un carro attrezzi sgangherato. Dentro cerano Nilo Papadopulos, Tavazzi e il boss Arnaldo Cotugno. Il greco si lev gli occhiali da sole, mostrando il suo muso da topo: Prete, hai per caso incontrato una ragazza, una bella ragazza?. Si fece spazio il boss: Mia figlia. Carla. No, rispose Padre Marcello piantando la croce. Tavazzi si fece spazio tra le teste dei suoi compari: E un cantante lhai visto?. Tir fuori una fotografia in bianco e nero dei tempi migliori di Lino. No, mi dispiace. I tre, senza nemmeno ringraziare, ripartirono. Diciannove. Carla Cotugno, la figlia del boss Arnaldino Cotugno, stava girando a bordo della Lexus di

suo padre alla ricerca del suo amor perduto, il cantante neomelodico Lino Melone che, in quel momento, in uno stato di semiesistenza, si trascinava per Forca di Mezzo alla ricerca di carne umana. Daltro canto, le strade, le piazze, le scale del comune erano affollate di morti viventi e le persone ancora regolarmente in vita si potevano contare sulla punta delle dita di una squadra di calcetto. Carla Cotugno aveva riconosciuto Massimo DAntoni, un suo compagno di scuola che si nutriva del corpo di Marisa Meniconi, la merciaia. Il sindaco Rossano DallOrto che si stava spolpando il consulente familiare Italo Petriccione. La vecchia baronessa Ristolfi che si divorava il suo nipotino Pierangelo. E poi macchine rovesciate. Case che bruciavano. Colonne di fumo nero che si sollevavano verso un cielo cupo come una padella di ghisa. Corvi. Cani che si nascondevano sotto i cassonetti dellimmondizia. Insomma, la solita squallida scenografia di un qualsiasi film sugli zombie. Carla Cotugno, che aveva sin da bambina il sogno di frequentare il Dams di Bologna, indirizzo spettacolo, si rese improvvisamente conto che limmaginario di certi registi come Romero, Argento, Baldacci non era poi cos distante dalla realt. Ma in fondo, se lei, in quel momento, avesse avuto una telecamera digitale, avrebbe potuto filmare questo fenomeno prodigioso, usare la sua voce, in fuoricampo, per raccontare chi erano gli zombie nella loro vita precedente, mostrare come si erano ridotti e poi montarlo con il suo portatile Powerbook (Mac X) e vincere lOscar come migliore regista esordiente. Altro che quella figlia di pap di Sofia Coppola. E poi poteva trasferirsi a vivere a Los Angeles e l aiutare Lino a diventare una star del melodico, mille volte meglio di Michael Bubl. Che coppia pazzesca! Se solo avesse avuto una telecamera. Ma dove poteva trovarla? A Forca di Mezzo cera solo lOttica Baldoni che vendeva macchine fotografiche e telecamere. Era l che doveva andare. Con una brusca sterzata imbocc corso Maresciallo Diaz. Gli si par davanti la sua vecchia maestra delle elementari, la professoressa Pini, che avanzava ciondolandosi a destra e a sinistra e si tirava dietro i resti di Coccolone, uno schnauzer nano. Del povero Coccolone rimanevano la testa, gli arti anteriori e met busto e poi, come una lunga e grassa coda, gli pendeva la massa violacea degli intestini, che lasciavano una scia rossastra sullasfalto. Il cagnetto zombie rognava nello stesso identico modo in cui aveva rognato per tutta la sua esistenza. Segno che forse certi aspetti del carattere non cambiano dopo la morte. Ecco, questo poteva essere un buon incipit per il documentario. Si cambia realmente dopo la morte? La professoressa e Coccolone finirono sotto il cofano della Lexus. Carla guard nel finestrino. Erano a terra e sgambettavano cercando in qualche modo di rimettersi in piedi. Anche la loro ostinata volont a continuare ad avanzare, questa voracit, questa smania antropofaga che li spingeva avanti, era qualcosa che andava indagato nel suo documentario. Esistevano zombie pigri? In effetti, a Forca di Mezzo la gente non aveva voglia di fare un tubo dalla mattina alla sera. E adesso che si erano trasformati in zombie, gli abitanti erano pervasi da un dinamismo insospettabile. Lento ma tenace. Che assomigliava un po allattitudine che ha la gente del Nord rispetto al lavoro e allesistenza. Per certi versi si poteva mettere in confronto lo zombie appenninico con lo yuppie milanese degli anni 90. La Milano da bere con la Forca di Mezzo da divorare. Ecco qui, si disse Carla Cotugno, un altro ottimo spunto per il documentario. Sentiva, improvvisamente, il cervello girarle a mille. Era viva come mai prima. Che emozione provare finalmente la sensazione di aver trovato una strada da percorrere. proprio la condizione di assenza di stimoli che abbruttisce la giovent di oggi. E anche lei negli ultimi anni, chiusa in quellalbergo del cazzo di suo padre, si era

abbruttita appresso a Maria De Filippi e alla casa del Grande fratello. Ecco, doveva diventare la regista/sceneggiatrice di documentari impegnati, un po come Roger Moore No, Roger Moore era lagente 007 Vabb, insomma, come quel ciccione con il cappelletto da baseball. Carla Cotugno inchiod davanti lOttica Baldoni. La porta del negozio era spalancata. E a terra cerano centinaia di occhiali. Dovevano averla saccheggiata, ma ora sembrava non esserci dentro nessuno. Carla rimase a fissare la vetrina senza sapere che fare. Non si fidava a uscire cos. Aveva sempre la pistola di suo padre. Ma le rimanevano solo quattro pallottole. E con quattro pallottole sai che ci fai contro un gruppo di zombie affamati? Proprio accanto allottica cera una bottega di anticaglie e mobili rustici e oli al tartufo. LAntica Gubbio. In vetrina cera una splendida riproduzione a grandezza naturale di unarmatura medioevale. Lelmo a becco con visiera. Il pennacchio viola che partiva dalla nuca come una lunga coda di cavallo. Gli stemmi sulle spalline. A due mani stringeva un lungo spadone. Sotto cera un cartello che ne spiegava le caratteristiche: Secolo XV/XVI. Realizzata in una lega di alluminio leggero (solo 37 kg!). Indossabile. 2599. Sconto irripetibile. Ecco qui la soluzione! Carla scese dalla Lexus tenendo puntata la pistola. Rapidamente si avvicin alla porta dellAntica Gubbio e fece esplodere la serratura. Entr nel negozio e subito abbass la saracinesca elettrica. Si tolse i jeans Replay con i ricami e i finti tagli, le Camper e la camicetta Diesel e indoss larmatura del XV/XVI secolo. Altezza perfetta, solo che le andava un po stretta, soprattutto sui fianchi e sul culo per via della disgustosa cellulite che spingeva contro i paragambe e anche le tette se le sentiva un po strizzate dalla cotta darme in maglia di ferro. Sinfil lelmo e quando abbass la visiera si rese conto di non vederci un accidente. Ma come diavolo facevano Re Art e i cavalieri della tavola rotonda a compiere le loro imprese mitologiche, con tutto quel pop di ferramenta addosso? Poi prese lo spadone a doppio taglio e lo scudo. Lo scudo un oggetto che, stranamente, sempre stato sottovalutato, ma che invece nello scontro corpo a corpo e contro gli attacchi aerei degli arcieri pu veramente salvarti la vita, riflett la figlia del boss. Era indecisa se prendersi anche una bella balestra in mogano e unalabarda a doppia penna, ma con tutta quella roba addosso si sarebbe inchiodata come un robot con le pile scariche. Carla finalmente sollev la saracinesca e avanzando rigida e, cigolante come un androide su Marte, si avvi verso lOttica Baldoni. Entr nel negozio e si avvi ondeggiando verso il reparto fotografia e video. Su uno scaffale era in bella mostra il top di gamma della Sony. La Z1P1 ad alta definizione con la possibilit di cambiare gli obbiettivi, che su eBay si trova a circa 4000 euro. Era perfetta. Cera solo un piccolo problema: con la spada a due mani e lo scudo come faceva a prendersela? Decise che avrebbe fatto a meno dello scudo. Mentre stava per prendere la videocamera, da dietro il bancone degli obbiettivi e delle memorie usc fuori il dottor Baldoni, il proprietario del negozio. Stava messo parecchio male. Doveva essere stato sbranato da un branco di zombie. Gli mancava un arto superiore, aveva la gabbia toracica spalancata come un orologio a cuc e dentro era rimasto ben poco: qualche simpaticone aveva fatto razzia degli organi interni, compreso il cuore. Eppure, il dottore se ne stava impettito con quellatteggiamento un po altezzoso che aveva avuto nella vita passata. La osservava con unespressione strana e circospetta. Sembrava indeciso se attaccare o disfarsi in pezzi. Sollevava un polso, strizzava lunico occhio che gli era rimasto e sorrideva non si sa di che. Carla afferr la telecamera e spinse rec. Punt lobbiettivo in faccia al dottore. Ci troviamo dentro lOttica Baldoni e questo quello che resta del dottor Baldoni. Il dottor

Baldoni aveva una quarantina danni, padre di tre figli e marito divorziato. Come potete vedere anche voi adesso uno zombie o morto vivente che dir si voglia. Zoomm allinterno della carcassa. Osservando il torace si pu notare la mancanza degli organi interni, questa situazione assolutamente inaccettabile per un essere vivente assolutamente norm. Lottico scatt sibilando come un serpente a sonagli ma Carla Cotugno lanci la telecamera in aria, sguain la spada, affett la testa dello zombie come un gambo di sedano, rinfil lo spadone nellelsa e riprese al volo la telecamera. Bene, disse nel microfono. Per rendere inoffensivo uno zombie, come tutti sapete, necessario recidergli il capo. Fece un primo piano della testa del negoziante. Usc dal negozio reggendo la telecamera e cigolando come un cardine arrugginito. In mezzo a Corso Diaz cera un cavallo non-morto. Che cosa ci facesse l e come ci fosse arrivato non dato saperlo, comunque era l. Il collo ridotto a una serie di vertebre. Il ventre slabbrato che lasciava pendere gli intestini e il fegato. Gli occhi ridotti a due biglie bianche e una schiuma rosata tra le fauci. Carla gli si avvicin e con un salto gli sal in groppa. La bestia emise una specie di nitrito svuotato e part al galoppo. Adesso Carla Cotugno era un vero Paladino della Razza Umana. Da sopra una collina, Briccola, il traditore della Razza Umana, osserv e poi cominci a ridere. Venti. Ora per, affezionato lettore, necessario lasciare alle loro sorti la nostra schiera di eroi: la paladina Carla, figlia del noto boss Arnaldo Cotugno, il greco Nilo Papadopulos, Tavazzi, Padre Marcello, la disabile Isabella e il cantante neomelodico Lino Melone. Ci toccher, per qualche tempo, occuparci di Lui. Lui il pi cattivo di tutti. Lui il pi rosicone di tutti. Lui il vero, unico, bastardo di questa triste storia. Breccola, alias il traditore della razza umana. Qualche lettore obietter a queste mie dichiarazioni. Gi me lo sento che in camera con la moglie con i bigodini, la mascherina e la maschera ringiovanente, dice: Ma come? Allora sto Ammaniti, sto scrittorucolo da quattro soldi mi prende in giro? E tutti quegli zombie, quei non-morti che si sono divorata la popolazione di Forca di Mezzo? Che, sono buoni? Che, sono brave persone?. Mi piacerebbe aprire un dibattito filosofico sulletica dei non-morti, ma non posso proprio permettermelo. Devo occuparmi di Breccola, il traditore della razza umana. Per quanto riguarda gli zombie io non li considererei cattivi. Questo mai. Sono solo creature infelici, che per cause esterne hanno interrotto il sonno eterno per vagare sul nostro mondo affamate e senza la possibilit di saziarsi. Per caso direste che i tarli che crivellano le travi su cui poggiano i nostri tetti sono cattivi? No, sono solo dei bastardi insetti che vanno eliminati prima che ci crolli la casa sulla testa. Stesso discorso vale per gli zombie. Agiscono cos, perch quella la loro natura e per questo vanno massacrati. Ora basta per, perch Breccola l. Eccolo l, il traditore della razza umana, in piedi sopra il tetto del centro commerciale I 2 pini. Luniforme in goretex del soccorso alpino stracciata come se fosse stato ingurgitato e sputato da una mietitrebbia, gli occhi gonfi e spiritati, il cranio ustionato da cui pende una massa informe di capelli carbonizzati e pezzi di cuoio capelluto abbrustoliti. Ghignava soddisfatto osservando, come un fiero generale, plotoni di non-morti aggirarsi per Forca di Mezzo sotto il suo comando telepatico. Accanto al traditore zompettava il suo demone personale, Gelnik. Un diavoletto custode di terza categoria. Un essere

nervosetto, alto un cazzo e mezzo con le corna torte come fusilli e un lungo e sottile pene che pendeva come la coda di una bertuccia. Il demone aveva un pessimo carattere e il linguaggio di un cassaintegrato del porto di La Spezia. E in pi lanciava delle palle di fuoco su qualsiasi cosa si muovesse nei paraggi. Piccioni, zanzare, scarafaggi, sprecando un sacco di energia. Per ricaricare lenergia necessaria a produrre quei globi di fuoco, ogni mezzora aveva bisogno di recuperarla da Breccola. Sodomizzandolo. Unoperazione, a essere onesti, non cos traumatica e cos drammatica come si potrebbe immaginare e a cui il nostro antieroe si era adattato con filosofia (nella vita precedente in effetti aveva avuto diverse di queste esperienze, anche se esclusivamente metaforiche). Lapparato riproduttore (sempre che fosse un apparato riproduttore) del demone assomigliava alla coda di un formichiere. Umido, rossiccio e snodabile, si introduceva nello sfintere di Breccola per circa una trentina di secondi, il tempo necessario a ricaricare lenergia ignea. Il problema era che ogni mezzora lintervento di rifornimento andava ripetuto. Breccola sopra il tetto del centro commerciale I 2 pini si sentiva addosso una grande responsabilit. Sarebbe stato lui a eliminare la razza umana dal pianeta. Ed era stato Satana in persona a dargli questo incarico. Lo aveva chiamato al suo cospetto e gli aveva spiegato che grazie a lui, lunico essere umano degno di stare al suo fianco, la vittoria sul mondo dei vivi e in una seconda fase sul mondo celeste sarebbe stata definitiva e irreversibile. E lui, proprio lui, nientaltro che lui, unico fra sei miliardi di uomini, aveva avuto lonore di spalancare le immense porte dellinferno e portare alla vittoria lesercito dei morti contro quello dei vivi. Breccola sulle prime si era esaltato, alla prospettiva. Mai in vita sua aveva avuto un compito cos importante e poi lui odiava tutti, nessuno escluso. Tutti quelli del suo paese che lo avevano sempre trattato come un povero scemo, i bambini che lo rincorrevano e gli tiravano le pietre e i fichetti davanti al bar La stella alpina che una volta lo avevano legato dietro a un Cayenne e lo avevano trascinato fino a LAquila. Certo dopo che la razza umana sarebbe stata sterminata sulla Terra, sarebbe rimasto solo con demoni, diavoli, satiri, zombie, elementali di pietra e fuoco (che poi non erano nientaltro che aggregati rotolanti di pietre e fuoco perennemente incazzati), entit blu che si aggiravano intorno a grossi cristalli. Insomma gente a cui, per principio, rodeva parecchio il culo. Ma comera possibile che Andrea Tavazzi, detto il Breccola per via della balbuzie, il pi coglione di tutta Forca di Mezzo, adesso fosse diventato cos importante? Il generale dellesercito dei morti e il traditore della razza umana? Del Breccola, per colpa dellautore, abbiamo perso le tracce nelle prime puntate di questa storia. Dopo lo scherzo di pessimo gusto che gli avevano fatto i colleghi del campetto di sci, il vecchio Breccola era schizzato gi dalla pista Zeus sopra un lettino del pronto soccorso e dopo un volo di un centinaio di metri tra lastroni di ghiaccio e guglie affilate era finito su una sottile cengia che si affacciava sulla valle sottostante. Una gola dimenticata da dio e dagli uomini, dove nel corso dei secoli erano precipitati sventurati guerrieri al seguito di Annibale, viaggiatori solitari, alpinisti e sciatori della domenica. Nessuno ne era uscito vivo. Se non era stata la caduta a finirli, il colpo di grazia glielo aveva dato il freddo. Invece il nostro eroe, per miracolo, era sopravvissuto e aveva giurato che avrebbe odiato per sempre la razza umana, creature schifose e senza cuore. Poi aveva chiesto a Satana e alle forze dellombra di prenderlo con loro. E per magia si era accorto di non essere pi balbuziente. E tanto per gradire una donna bellissima, con addosso perline e gioielli tribali, che sulle prime Breccola aveva scambiato per Megan Gale, la signorina Vodafone, lo aveva sedotto e gli aveva strappato

la verginit con la stessa gentilezza e romanticismo con cui il buttero marchia i suoi buoi. E poi, senza sapere come, si era risvegliato in fondo a una enorme caverna. Laghi di fiamme, mostri alti come palazzi che si trascinavano sotto cattedrali di pietra bruciando come tizzoni, serpenti lunghi centinaia di metri. Megan Gale lo aveva preso per mano e lo aveva portato di fronte a Satana in persona, che stava in una specie di monolocale di 50 metri quadrati arredato con poche cose di gusto che a prima vista potevano pure essere di Ikea. Tutti gli avevano descritto Satana come il peggio del peggio. Lessere pi orrendo mai esistito dalla nascita delluniverso. Peggio di Hitler, di Stalin, di Aguirre. E invece, Breccola, non lo aveva trovato niente male, anzi, a dire la verit, molto simpatico. Ecco, si capiva che era un uomo con un grande potere e carisma, tipo Berlusconi per intenderci, uno che si era fatto da solo e non ti faceva sentire la sua posizione, i suoi soldi. Ti trattava come se tu fossi suo amico. Breccola aveva pensato che non c niente di peggio della gente che giudica senza conoscere, tutti a dire che il diavolo un essere spregevole. Ma lo conoscete sul serio? E il diavolo che poi si chiama Enrico Tavazzi lo aveva salutato cordialmente e gli aveva offerto due uova al tegamino e un bicchierone di Fanta. E senza troppi preamboli gli aveva chiesto di entrare nellazienda. Breccola aveva accettato e aveva acquisito dei poteri incredibili. Per prima cosa, poteva scudarsi con una specie di sfera impenetrabile che durava mezzora. Poi, poteva lanciare dei raggi di fuoco e dombra che facevano un male terribile. Poi, poteva evocare dei demoni come il piccolo Gelnik che lo aiutavano. E per finire, con la mente poteva controllare le schiere di zombie uscite dallinferno. Era praticamente invincibile. Aveva raso al suolo Forca di Mezzo, il luogo in cui era nato e non aveva risparmiato neanche i suoi parenti. Una passeggiata. Solo un gruppo di sopravvissuti era ancora l. Un prete alcolizzato, una ragazzina paraplegica e una donna nascosta in unarmatura in sella a un cavallo-zombie. Breccola sapeva che vincerli sarebbe stato difficile. Soprattutto la paladina. Ma non aveva paura di morire, perch forse era gi morto e non lo sapeva. Il traditore della razza umana ghign, fece un gesto al piccolo demone che gli zompettava accanto, si scud con unaura luminosa e si gett dal tetto del centro commerciale. Eccola l, la troia sul suo cavallo di ossa. Breccola allarg le gambe, tir indietro un braccio e caric un raggio di fuoco che attravers tutto Corso maresciallo Diaz e colp la donna con un colpo critico, facendola cadere da cavallo. Sei finita!!!, url e cominci a correre e a saltare. Ventuno. Alessio Cantilli era stato un perfetto piccolo imprenditore dellItalia centrale prima di trovarsi a essere uno zombie. Un metro e 80 daltezza. 37 anni. Capelli brizzolati e dentatura candida. Sposato con una bella donna. Buon padre di famiglia. Frequentava la chiesa e detestava la politica. E cosa pi importante, i suoi soldi erano puliti e odoravano di sudore (li aveva fatti mettendo su dal niente la Globgarden, unazienda di prodotti per il giardino, con un catalogo che spaziava dai gazebo in alluminio alle fontane in cemento armato). Quella mattina, Alessio si svegli intorno alle cinque e rimase per mezzora nel buio, fermo accanto a sua moglie che dormiva. Per buoni 30 minuti la sua mente riflett sul fatto che, come un idiota quando aveva ordinato la Range, non aveva fatto montare i nuovi fari ai vapori xeno. Per risparmiare un paio di migliaia di euro aveva fatto una delle peggiori cazzate degli ultimi dieci anni. Quando si alz, and nello studio dove scrisse diverse email. Una al circolo sportivo di Forca di Mezzo per sapere a che punto era la sua

domanda di iscrizione. Unaltra a un certo BBFuco per domandargli se il suo annuncio su eBay per la vendita di un set di coprimaniglie cromate era ancora valido. Poi scrisse una risposta inviperita a un certo Aristide66 che asseriva nel forum di 4x4 che il Touareg della Volkswagen su terreno misto si comportava meglio della Range Rover. Si fece una doccia e indoss un completo blu di Ralph Lauren con cravatta blu e camicia bianca pregustandosi il viaggio nellautostrada deserta. Aveva da poco sostituito i diffusori allautoradio e moriva dalla voglia di provare come si sentiva la chitarra di Pino Daniele. Lo attendeva una giornata di fuoco. Alle 8.20 gli partiva il volo da Roma per Brindisi, dove alle 10.30 avrebbe avuto un incontro con lassessore ai parchi che voleva acquistare dalla Globgarden 20 gazebo e un centinaio di panchine in noce naturale. Alle 6.40, in perfetto orario, apr la porta di casa e si vide davanti un fenomeno straordinario. Dallo sconcerto gli cadde dalla mano la cartella della Bottega Veneta. Unallucinazione? La vicina, Bianca Cerutti, si aggirava in vestaglia nel suo giardinetto come fosse ubriaca. E quello era il meno. Le mancava il braccio destro strappato via come fosse stata unala di tacchino e al posto di una tetta aveva un buco da cui si vedevano le costole. Dietro aveva il piccolo Davide, il figlio di 11 anni, che in pigiama ringhiava e strappava dei brandelli dalla carcassa di Coccolone, il loro labrador color miele. Prov a fare un passo indietro e a tornare in casa ma non poteva lasciare l la sua ventiquattrore. Dentro cera tutto il consuntivo del progetto da consegnare allassessore. Il lavoro mi ha fottuto lesistenza, amava ripetere agli amici quando gli dicevano che lavorava troppo. Mai frase fu pi vera. Allung il braccio pronto a prendere la borsa e a barricarsi dietro la porta blindata, ma la Cerutti con uno scatto atletico gli si avvent sulla mano e gli port via in un sol boccone il mignolo, lanulare e la falangetta dellindice. Urlando a squarciagola, limprenditore diede un calcio alla vicina e, tra gli spruzzi di sangue, si chiuse in casa. Paoletta Cantilli, la moglie di Alessio Cantilli, aveva da qualche settimana un segreto che la straziava e che non poteva confessare a nessuno. La vita di Paoletta, a quei tempi, era interessante e piena di imprevisti quanto quella di uno gnu in una gabbia di uno zoo. Unesistenza divisa tra lezioni di acquagym, shopping e involontari esperimenti di eugenetica. Stava tentando di far accoppiare Lourdes, la loro nuova filippina, con Enrique, il domestico venezuelano dei vicini. Secondo lei, da quellunione poteva nascere un figlio bellissimo. In realt, inconsciamente, quello che desiderava era creare il colf perfetto. Con le migliori caratteristiche delle due razze. Ma come spesso accade, i fatti pi importanti della nostra esistenza sono generati da fatti allapparenza senza valore. Il segreto di Paoletta, in fin dei conti, nasceva da un innocuo tortino dal cuore caldo di cioccolato. Non sai quantera buono. Era accompagnato da una pallina di gelato di crema. Cos il cuore caldo si fondeva con il freddo, aveva raccontato una sera Alessio alla moglie, tornato a casa da un viaggio di lavoro a Milano. E poich ogni desiderio di Alessio era un ordine, Paoletta aveva deciso di farglielo trovare a cena. Il problema era che n sul Talismano della felicit n sulla Cucina italiana cera la ricetta del tortino. Sua figlia Daria le avrebbe trovato in un secondo la ricetta su Internet. Ma in fondo poteva farcela anche da sola. Aveva acceso il computer nello studio di suo marito e dopo un paio di tentativi aveva cliccato sullicona di Explorer. Come per incantesimo le si era aperta la pagina di Google. Tutta soddisfatta, aveva battuto sulla tastiera tortino dal cuore caldo di cioccolato. Ed erano usciti fuori un sacco di siti. Aveva aperto il primo. Sopra la ricetta era apparsa una finestra pi piccola su cui era scritto a grandi caratteri: Sei abbastanza maliziosa per essere una Calendar Girl?. Distinto ci aveva cliccato sopra sperando che

sparisse e invece davanti le si era aperta una pagina con foto di centinaia di donne. Paoletta non aveva potuto fare a meno di guardare. Alcune non erano nemmeno tanto giovani, ce nerano parecchie che avevano da un pezzo passato la trentina e che si facevano fotografare in autoreggenti e reggiseno accasciate sulla squallida scala di un condominio popolare, stravaccate su un divano Ikea in una grottesca imitazione di certe modelle dei giornali. Aveva scoperto che cera anche una classifica e le prime 12 avrebbero fatto parte di un calendario e avrebbero vinto una settimana in Tunisia. Paoletta se le era studiate attentamente. Avevano tutte dei soprannomi. E ognuna di loro aveva risposto a un questionario divertente. La prima, Astridina, una brunetta niente di che con una rosa tatuata sul petto, era stata votata da ben 456 persone. Ma perch si umiliano cos?, si era chiesta Paoletta. Aveva chiuso la pagina e si era appuntata la ricetta del tortino. Ma dopo, in cucina, mentre impastava la cioccolata con la farina e il burro, si vide riflessa nella finestra. Prese il bicchiere di gin tonic e se lo scol in un sorso e prov a guardarsi con gli occhi di uno sconosciuto. Aveva una bellezza inoffensiva e sobria come quella di una Bmw berlina. Sarebbe stata perfetta in uno sceneggiato americano degli anni 80, stesa in bikini sul bordo di una piscina di Dallas o Dynasty. Biondina. Magra e gamba lunga. Zigomo alla Bo Derek. Nasino allins. Due globi oculari azzurri ed espressivi quanto quelli di una testuggine delle Galapagos. 35 anni che si era ritrovata addosso senza accorgersene e senza patire. Le sembrava ieri che aveva 18 anni e che arrivava seconda al concorso nazionale di Miss Eleganza. Grazie a quel concorso, per un paio di anni aveva fatto la modella per i cartelloni pubblicitari di unazienda di infissi anodizzati. L aveva conosciuto Alessio Cantilli, il figlio del proprietario, un bel ragazzo elegante, che lavorava al reparto marketing. Dopo un corteggiamento lampo durato un paio di sere Alessio le aveva tolto la verginit su un sedile di una Maserati Biturbo. La faccia premuta contro il reggitesta di alcantara. Una mano di Alessio che le stringeva la carotide come un abbacchio da vaccinare. Lodore dellarbre magique al pino selvatico. E la lucina che impietosa mostrava la smagliatura di una calza. Paoletta Catania (questo era il suo cognome da nubile) non aveva sofferto, ma nemmeno goduto. Era stato veloce e si era sbarazzata di un fardello. Si erano sposati subito dopo e per il viaggio di nozze erano andati al Salone dellautomobile di Monaco. E poi? E poi i fatti rilevanti della sua esistenza si potevano contare sulle dita che rimanevano a suo marito dopo lincontro con la vicina. Aveva abbandonato la carriera di modella (Alessio preferiva cos). Aveva messo al mondo una bambina con il parto cesareo. Aveva aperto e chiuso una bottega di erboristeria. Si era fatta levare un ovaio e si era sottoposta a un intervento di mastoplastica additiva. E fra tutte, la cosa pi dolorosa era stata rifarsi le tette. Non aveva sofferto quando suo marito aveva smesso di avere rapporti sessuali con lei. Era stato passare dal poco al niente. Questo significava che era diventata una vecchia scopa consumata? Probabile. Paoletta si sentiva decrepita dentro nonostante le mezze giornate che passava dallestetista, dal massaggiatore e in palestra. Eppure le donne che avevano pi successo in tv avevano tra i 35 e i 40 anni. Anche lei, come quelle, aveva la pancia piatta, le tette tonde come due pompelmi e un leggero filo di cellulite sulle cosce. In effetti, in palestra cerano un sacco di ragazzotti che la squadravano in un modo... Ma chiss, forse era solo la sua immaginazione Riflessa nella finestra della cucina, Paoletta Cantilli aveva cercato di vedersi in una posa sexy con poca roba addosso, si era immaginata le sue foto tra quelle delle ragazze di Internet e aveva pensato con un brivido agli sconosciuti che davanti ai loro schermi si toccavano guardandola e poi la votavano.

Quel pensiero le aveva mozzato il fiato e illanguidito le articolazioni. Si era dovuta attaccare al bancone di marmo per non finire a terra. E se mi fotografassi? (No. Non si pu. Se lo scopre Alessio, oppure Daria...). Ma perch no? Perch non provare? Che faceva di male? Si sarebbe data un soprannome carino e nessuno avrebbe potuto riconoscerla. Chi andava a pensare che quella biondina era proprio Paoletta Cantilli di Forca di Mezzo? Dai messaggi che le sarebbero arrivati, per, avrebbe almeno capito se piaceva o no. In tutta la sua esistenza, Paoletta Cantilli non si era mai sentita cos eccitata. Si era fatta un altro gin tonic bello carico e aveva deciso che doveva fotografarsi subito. Uno perch in casa cera solo Lourdes, sia Daria che Alessio sarebbero tornati tardi, due perch sapeva che o lo faceva adesso o mai pi. Aveva mollato a met i tortini, aveva preso la boccia di gin e aveva tirato fuori da un cassetto la Nikon digitale che le aveva regalato Alessio per Natale e che aveva usato tre volte in croce. Aveva studiato le istruzioni al capitolo autoscatto, aveva tirato fuori la lingerie pi sexy e aveva detto a Lourdes di non disturbarla per nessuna ragione al mondo. E finalmente si era chiusa a chiave in bagno. Ne era riuscita fuori un paio di ore dopo sghignazzando come una bambina che ha infilato le dita nella marmellata. Non si ricordava di essersi mai divertita cos. Sono una pazza! Sono una pazza!, aveva detto ad alta voce mentre collegava la fotocamera al computer e scaricava le foto. Quando le aveva viste, per attenuare limbarazzo aveva dovuto attaccarsi al gin. La sessione fotografica nel bagno aveva prodotto circa una cinquantina di scatti. Gran parte presi sotto la doccia. Paoletta Cantilli con addosso un microscopico slip nero, una canottiera bagnata che mostrava i capezzoli scuri e i capelli impiastricciati di gel. Paoletta Cantilli seduta sulla tazza del cesso a gambe larghe con addosso solo lombretto, le mutande e delle scarpe con dei tacchi esagerati. E per finire in bellezza una decina di scatti immersa nella Jacuzzi. La maggior parte, secondo Paoletta, erano orribili. O aveva gli occhi rossi. O la luce del flash era troppo forte. Ne aveva salvate una decina non male. E le aveva spedite al sito. Immediatamente dopo le era arrivata unemail in cui la invitavano a rispondere al pi presto al questionario allegato alle sue foto. Quella era la parte pi difficile di tutta loperazione. Ci mise un mucchio di tempo a rispondere al questionario. Questo fu il risultato. Nickname: Fragola. Stato civile: nubile. Le mie misure: non le so. Il colore dei miei occhi: azzurri. Professione: casalinga. I miei valori in ordine di importanza: famiglia, denaro, amicizia, amore, sesso. La parte del mio corpo che mi piace di pi: il sedere, credo. La parte del mio corpo che mi piace di meno: le orecchie un po a sventola. Mi d i voti (da 1 a 5). Bellezza: 4. Intelligenza: 1. Simpatia: 1. Creativit: 1. Sensualit: 1. Sono: una donna di mezzet. Mi sento: vuota.

La mia marcia in pi: non lo so. Dicono di me: niente. La parte del corpo sulla quale potrei far intervenire la chirurgia estetica: le cosce. Non saprei dire di no a: un viaggio ai Tropici e dormire su una palafitta. Su un isola deserta, porterei con me: mia figlia. Vi racconto un aneddoto divertente su di me: laltro giorno Beppe il giardiniere ha trovato una talpa morta nel mio giardino e per farmi uno scherzo le ha messo gli occhiali da sole. La dote che apprezzo di pi in un uomo : la dolcezza. Una situazione che mi imbarazza: aver fatto queste foto. Un uomo per conquistarmi deve: essere dolce. La cosa che sopporto meno nelle persone: lipocrisia. Vi racconto una situazione che NON mi imbarazza: cenare senza parlare. La mia maggiore virt: il silenzio. La mia posizione preferita: la pecora, si dice cos? Il mio tallone dAchille: non lo so. Perch dovreste votarmi: non lo so. Se fossi un peccato capitale sarei: non lo so. La cosa che mi porterebbe a fare una pazzia: non lo so. Per sedurre un uomo sono arrivata fino a: non lo so. Vi descrivo la mia tecnica di seduzione: non lo so. Accetterei di recitare in un film a luci rosse solo con: Nessuno. Nei giorni successivi, Paoletta Cantilli aveva scoperto di piacere parecchio al popolo di Internet. In una settimana era tra le prime cento. In due era al primo posto. Ventidue. Adesso che la battaglia contro le forze del male era finalmente alle porte e che Breccola si era rivelato essere supremo generale dei morti viventi e insigne traditore della razza umana, padre Marcello, nascosto in sagrestia, era preso da dubbi e paure di non essere allaltezza della missione. A dirla tutta, quel gran casino a Forca di Mezzo era opera sua. Se, accecato dallamore, non avesse usato il manuale Voodoo per negati, a questora in quella valle avrebbero regnato la pace e la tranquillit, e non schiere di zombie. Come prete era uno schifo. Come uomo peggio. Aveva amato sempre il Signore, ma anche le donne, con la stessa passione. Aveva preso i voti per colpa di una donna. Katrine Krog. Danese. 90-60-90. La triade divina. Aveva conosciuto Katrine Krog in Zaire, nel progetto umanitario internazionale Un sorriso per lAfrica. A quel tempo lui si chiamava Marcello Barretta ed era solo un giovane che simpegnava per cause umanitarie. Credeva in dio e soprattutto credeva che bisognava fare qualcosa per chi soffriva. Insomma,

volontaria lei, volontario lui. Un metro e ottantadue lei, un metro e sessantadue lui. Katrine Krog veniva da una fredda isoletta danese. Figlia di pescatori di merluzzi, prima di convertirsi al volontariato cattolico aveva militato per qualche anno con Greenpeace. Al campo si raccontava, e Barretta non stentava a crederci, che una volta la ragazza si era avvinghiata per protesta al periscopio di un sottomarino atomico americano e che laveva mollato solo a venti metri di profondit. Era una creatura di una bellezza da levare il respiro. Due fanali blu al posto degli occhi. Lentiggini. Era magra come unantilope ma con i muscoli lunghi e definiti e con un paio di tettone di dimensioni decisamente sproporzionate. I capelli color fuoco, lisci e sempre perfetti come se fosse su una passerella di Fendi e non a spalare merda in una latrina maleodorante. Katrine Krog se la giocava con Monica Cannavale, una biondina di San Giorgio a Cremano, e con Dolores Fuente, una moretta portoghese, per la pole position della pi gnocca del campo Zigoru. Ma secondo Marcello Barretta, non cera proprio storia. Era un po come confrontare le fettuccine Barilla con quelle che faceva nonna Maria. Nei primi giorni del campo Katrine aveva subito un vero e proprio assalto da parte del contingente maschile. Ma la Valkiria, come la rocca di Masada, aveva resistito senza dare segni di debolezza. Era refrattaria alle battutine maliziose, insensibile ai complimenti e non si accorgeva nemmeno degli sguardi che la sondavano come sonar alla ricerca di tesori nascosti. Katrine era gentile con tutti, indistintamente, in quel modo impersonale tipico della gente del Nord. Grandi risate. Grandi bevute. Grandi pacche sulle spalle. Era la prima a iniziare a lavorare e lultima a staccare. E pi il lavoro era duro e umile pi lei ci si buttava con entusiasmo. Katrine si era beccata il soprannome di BiBi. Non era per Brigitte Bardot, ma per Boris Becker, il tennista tedesco. Marcello invece, nel buio della tenda, nei fumi dello zampirone e nellassordante russare dei compagni, si faceva una serie di torbide fantasie su Katrine che lo facevano smaniare e rigirarsi sul materassino di poliuretano come una luganega in padella. Lasciatela stare, quella. Quella l, una volta che lhai ammansita (addomesticata, mai), deve essere una furia della natura. di quelle che a letto decidono tutto loro, ti afferra per il collo come un abbacchietto e ti mette sotto. S, doveva essere cos. Ne era certo. Peccato che lui non lo avrebbe mai sperimentato. Per prima cosa, il suo linglese faceva schifo e con i pochi mezzi linguistici di cui disponeva non avrebbe potuto mostrare la sua affascinante complessit mentale ed emozionale. Poi cera la famosa Sindrome Di Pamela Carbone che lo affliggeva dagli amari anni della pubert. Pamela Carbone aveva fatto lalberghiero con Marcello Barretta. E lui era pazzo di quella ragazza bellissima. Aveva tentato diverse volte di avvicinarla con goffi stratagemmi, ma ogni volta, a un passo dalla conclusione, aveva battuto in ritirata. Le donne troppo belle lo mettevano in soggezione. Di fronte a codeste forme femminili superiori il volontario di Azione Cattolica era sopraffatto dal senso dinferiorit e di conseguenza, infelice e imbarazzato, retrocedeva ai margini del gruppo, un po come farebbe lultimo gregario vicino alla femmina della iena alfa. Se il nostro eroe avesse avuto la coda, se la sarebbe infilata tra le gambe e poi si sarebbe acquattato a terra e avrebbe mostrato il ventre nella classica postura di sottomissione. La Sindrome Di Pamela Carbone, secondo Marcello Barretta, colpiva la gran parte degli uomini sensibili ed era, in definitiva, responsabile del lento degradare della nostra civilt in una nuova era di barbarie e brutalit. La ritirata dei gentili lasciava inevitabilmente il campo aperto allattacco a umanoidi inferiori, a colonie di esseri primitivi, organismi volgari che con poche zampate facevano proprie le donne pi belle. Ecco spiegato perch in generale le fighe sono sempre contornate da

branchi di coatti che le profanano, le ingravidano, strappano loro ogni bellezza e le abbandonano come pallidi spettri senza dimora. E quindi io non avr mai Katrine. Eppure, nonostante la ragione, nelle notti africane senza fine la fantasia lo portava a immaginare Katrine Krog. Gli pareva di vederla che entrava nella tenda con addosso solo un paio di scarponi da lavoro, unta di sudore e dolio di motore, e gli diceva: Mi piace come ragiona la tua testa. E poi lo afferrava per i capelli e lo trascinava come Achille con Ettore per tutto il campetto dei volontari. Ma il giorno di Natale, finalmente, il destino o la sfiga aveva voluto che le strade di Katrine e Marcello sincontrassero. Per festeggiare il compleanno di Ges Cristo era stata organizzata una ricca scaletta di attivit e appuntamenti. La mattina alcuni volontari inglesi si erano vestiti da Pap Natale e da pagliacci e avevano fatto uno spettacolo nelle baracche dei bambini. Poi cera stata la messa tenuta da don Fabio. E un picnic nella savana con partita di rugby alla quale chiaramente Marcello non aveva partecipato. Alle quattro era arrivato il momento di Marcello Barretta. Aveva organizzato il cineforum. Era riuscito a farsi mandare per posta dallItalia tre vhs: Ges di Nazareth di Zeffirelli, Lultima tentazione di Cristo di Martin Scorsese e Il Vangelo secondo Matteo di Pasolini. La sua idea era di proiettarli uno dietro laltro, in una lunga maratona cristologica che avrebbe aperto uno spazio di confronto critico sui differenti punti di vista dei tre registi. Liniziativa era stata, ovviamente, un fiasco totale: un po per i 60 gradi che aveva raggiunto la baracca di lamiera sotto le lame torride del sole africano, un po per le mosche e un po per la mancanza di sottotitoli. Si erano presentate una decina di persone che erano crollate in uno stato di semi-incoscienza dopo i titoli di testa. Chiaramente, Katrine aveva disertato. Alle dieci di sera era finalmente arrivata la fiesta. Tutti i volontari, i missionari e qualche indigeno erano intorno a un enorme fuoco e intonavano canzoni di Bob Marley, Bob Dylan e Simon & Garfunkel. Marcello Barretta sedeva distante dagli altri. Era cotto e infelice. Si era scolato un quarto di un bottiglione da due litri di limoncello distillato dalla madre di un volontario di Benevento. Tra le mani stringeva un flauto di canna che diceva di saper suonare ma non era vero. Con la testa appoggiata su un tronco osservava, con lo sguardo arzillo di un tacchino in batteria, Katrine che giocava a frisbee con tre energumeni tedeschi. Il disco fosforescente planava davanti alla sagoma scura della chiesa in costruzione. Barretta non riusciva a togliere gli occhi brilli dalla ragazza danese. Era una silhouette nera, che ogni tanto si ravvivava alle fiamme del fal. Il Nostro losservava ridere mentre correva per afferrare il disco con la velocit e la grazia di un ghepardo, o quando beveva dalla borraccia e un rivolo dacqua le scendeva lungo il collo sudato, quando si sistemava i capelli tenendo una forcina tra i denti, quando con le mani sulla vita, leggermente ingobbita, ansimava aspettando il passaggio. E la canottiera le si gonfiava per la brezza calda. Ventitr. A un tratto un tiro sbagliato e il disco che vola in alto, troppo in alto per la foresta di braccia tese e che finisce, planando dolcemente, in mezzo al fiume. Katrine e gli altri erano corsi sul greto, mentre il frisbee, sotto una volta immensa traforata da miliardi di stelle, veniva lentamente portato via dalla corrente. Si diceva che in quel fiume ci fossero i coccodrilli. Anche se nessuno li aveva mai visti. Di giorno centinaia di bambini ci facevano il bagno e le donne lavavano i panni colorati e li mettevano ad asciugare su

grandi pietre lisce. Sulla riva era cominciato uno scambio di battute in inglese. Marcello era riuscito, pi o meno, a capire che scherzavano sui coccodrilli e su chi aveva il coraggio di tuffarsi e andare a recuperare il frisbee. Katrine improvvisamente si era tolta la maglietta, mettendo in mostra il generoso dcollet punito da un reggiseno sudicio: ne aveva fatta una palla e laveva gettata sulla riva fangosa. Poi, via i pantaloni, che avevano subito la stessa sorte della maglietta. in reggiseno e mutande, aveva gorgogliato Baretta afferrando la bottiglia. Un tipo con una torcia laveva illuminata come si farebbe per una valletta al centro del palco. Erano partiti applausi e fischi di approvazione. Altri erano corsi verso il fiume tenendo in mano rami infuocati che avevano sparso macchie vermiglie sulla superficie oleosa dellacqua. Una grossa radio sparava a tutto volume White Rabbit dei Jefferson Airplane. Sembrava una scena di Apocalypse Now. Marcello Barretta si era tirato su. Katrine era splendida. Come se lera immaginata nelle sue fantasie. Anzi, forse pure meglio. Forza, levati quel reggipetto, stupiscili tutti, le aveva ordinato mentalmente attaccandosi al resto del liquore. Ma Katrine, insensibile e bastarda come al solito, con un tuffetto elegante era sparita sotto la superficie dellacqua per riapparire qualche metro pi in l gracchiando come una cornacchia. Quel grido era stato una specie di comando e tutti, compresi i preti, intontiti dal cibo e dallalcol si erano messi in mutande e si erano buttati, lanciando strilli, nel fiume tiepido. Vai, vai pure tu, gli aveva comandato una vocetta estremamente seria, e Marcello aveva ubbidito. S, devo andare. A fare cosa, non lo sapeva. Ma doveva trovare un contatto con quella donna. E quella era la sua ultima possibilit. Mancavano pochi giorni e poi il contingente di volontari sarebbe stato sostituito. E addio per sempre. Quasi che non fosse la sua volont a comandarlo, Marcello si era osservato mentre si sfilava freneticamente i bermuda, la camicetta coloniale, i calzini, le mutande... S, pure le mutande. Sai che me ne frega di cosa pensa la gente! ...le Superga, e cacciava uno striminzito: Banzai!!!. Poi, nudo come una salamandra albina, zompett sui ciottoli acuminati e si gett nel fiume tra decine di corpi che urlavano e schiamazzavano come bambini facendo finta che ci fosse un coccodrillo. In mezzo a quegli esseri insulsi, a quei mostri che rubano lotto per mille, da qualche parte cera la sirenetta di Copenhagen. Ma dove? Finalmente, nella penombra, intravide due semisfere che emergevano dallacqua sporca come le cupole gemelle delle chiese di Santa Maria del Popolo. Si tolta il reggipetto. Nuotando piano, con gli arti dolcemente intorpiditi dal limoncello, il volontario aveva evitato per un soffio una pallonata, un paio di manate e si era avvicinato, silenzioso e invisibile come una ventresca, alla sirenetta. Era rimasto l, alle sue spalle, continuando a fare rutti al limoncino e a ingoiare quella broda fetida pullulante di ogni forma di organismo patogeno e a pinneggiare e a sentire la corrente che gli accarezzava i coglioni. Non poteva chiudere gli occhi perch il mondo si avvitava in una folle spirale e, come in un film porno, gli apparivano lui e lei che si rotolavano sulla riva del fiume tra aironi cenerini, uccelli dal becco a spatola, trampolieri e rospi. Lui sotto di lei. Lei che lo afferra e... Perch diavolo mi sono ubriacato cos? Perch era triste da morire. Non era giusto. Non era giusto che soffrisse cos tanto per un essere che, in un mese e mezzo, lo aveva salutato a malapena tre volte. In effetti, come poteva innamorarsi e desiderare una donna che era solo lo specchio delle sue pi oscure fantasie, di cui non conosceva lanima, la sensibilit e i desideri? Marcello aveva sempre sostenuto che lamore nascesse dalla comunicazione e dalla comunione degli intenti. Ma con quella stronza aveva avuto la stessa comunicazione che pu avere un paramecio con un falco pellegrino. Lei era a capo

della piramide alimentare e lui al fondo, no, anzi, era ancora pi sotto, nelle segrete della piramide. E poi coserano quelle orrende fantasie che lo tormentavano legate al suo ano? Oggetti, dita, bottiglie, manufatti di forme e dimensioni disparate che finivano inevitabilmente nel suo buco del culo? Basta, allontanati. Hai 35 anni, sei una persona seria, non puoi ragionare come un ragazzino di 16. Lascia perdere. Tornatene nella tenda. Stava tornando indietro quando un moto di orgoglio lo fece fermare. No! No e no! Almeno un tentativo doveva farlo. Perch se non lo faceva, il rimorso lo avrebbe tormentato per il resto dellesistenza. Si volt verso gli altri e vide che continuavano a far finta di essere divorati dai coccodrilli. Ecco cosa doveva fare. Uno scherzo. Si gonfi i polmoni daria e simmerse nellinchiostro. Scese in profondit, spingendo di braccia e gambe. Con i timpani che gli pulsavano, ma resistendo stoico alla tentazione di tornare a galla. Secondo i suoi calcoli lei doveva essere pi o meno l. Allung una mano e sfior la gamba della sirenetta. Che ridere... Marcello spalanc le fauci, le afferr una caviglia e... Stava per emulare scherzosamente il morso di un alligatore sul polpaccio quando sent rimbombargli nei timpani il rumore della cartilagine del setto nasale che si schiantava, mille flash gli esplosero davanti agli occhi e unondata di lava gli avvolse il volto. Cacci un urlo disperato e prese aria. Solo che non era aria ma acqua, lacqua fetida del fiume che gli entrava nella gola e da l scendeva nei bronchi, gi per i polmoni fin dentro gli alveoli, e poi sent il mondo crepitare, accendersi e spegnersi come un neon scarico e i suoi pensieri, il terrore di affogare, i sensi che se ne andavano portati via dalla corrente nera del fiume. Intanto, un metro e mezzo pi su, in superficie, Katrine Krog urlava e scalciava, disperata, affondando tallonate contro il coccodrillo che stava per divorarla e poi starnazzando, quasi camminando sullacqua, schizz fuori e tutti, in un istante, si resero conto che qualcosa, qualcosa di terribile, stava accadendo sotto i loro piedi. C un coccodrillo! Ha cercato di azzannarmi un polpaccio, url la danese continuando a massaggiarsi la gamba. E non fece in tempo a finire di dirlo che anche gli altri erano fuori e strillavano. Puntarono le torce elettriche e gli indigeni, risvegliati dalle urla, uscirono dalle baracche armati di machete e bastoni. Non si riusciva a vedere il rettile. Probabilmente la bestia si era nascosta nel greto fangoso. Poi qualcuno riusc a vedere qualcosa, una gobba, che galleggiava al centro del fiume. Era il ventre bianco del coccodrillo. Sembrava morto, ma nemmeno i pescatori si fidavano ad avvicinarsi, cos gettarono le loro reti e in venti cominciarono a tirare il mostro a riva. Dal terrore si era passati a unatmosfera deccitazione per limprovvisa caccia. Cera chi diceva che il coccodrillo andava fatto arrosto, chi scuoiato e la pelle messa sullaltare della nuova chiesa, chi diceva che se non era morto bisognava liberarlo. Ci misero un po a capire che quello che avevano catturato non era un coccodrillo ma Marcello, litaliano con i ricci che aveva organizzato il cineforum. Quando lo liberarono dalla rete era pi morto che vivo. Nudo e viscido come una salamandra albina fu trascinato sulla riva fangosa. Don Fabio gli pratic la respirazione bocca a bocca, rianimandolo. Quando riapr gli occhi, Marcello, senza nessuna rivelazione ad aiutarlo, decise che si sarebbe fatto prete. Ventiquattro. Padre Marcello, nel buio della sagrestia, prese una sorsata di Amaro Lucano e storcendo la bocca si disse che le femmine, o meglio le donne, gli avevano distrutto lesistenza. Le aveva amate troppo e loro, in cambio, lavevano fatto sempre soffrire e per colpa loro si

era fatto prete. La sua scelta, in definitiva, era stata una rinuncia e non un cieco abbraccio alla fede. Il sangue che gli scorreva nelle vene era troppo caldo per il temperamento di un sacerdote. Un servitore di Dio dovrebbe essere freddo come un rettile. Disse cominciando ad armarsi. I rettili sanno come affrontare il digiuno. In lunghi periodi di assenza di cibo questi animali straordinari riescono a ridurre le dimensioni di alcuni organi come lintestino, i reni, i polmoni, il cuore. Il cuore. Anche lui doveva ridurre il volume del suo cuore, farlo diventare piccolo come una noce, duro come lacciaio e freddo come un blocco di ghiaccio. Basta pensare a Katrine Krogg. Basta pensare a quella povera ragazza che si era sfracellata in un burrone per colpa della sua perversa libidine. Adesso per sapeva che cosa doveva fare. Combattere contro larmata dei morti viventi che aveva fatto di Forca di Mezzo, un ameno paesino degli Appennini, lavamposto per invadere il mondo. E se questa battaglia richiedeva lestremo sacrificio era pronto a compierlo, senza paura e senza rimorsi tanto quella che viveva non era vita Ma mai avrebbe permesso alla sua carne dopo la morte di tornare a rianimarsi sotto linflusso di Satana in persona. Prese una croce di ferro alta una decina di centimetri che usava per officiare la messa e la mise sul gas a scaldare. Aspett in silenzio ripetendo il Padre Nostro e quando la croce divent rossa si tolse la tonaca e la maglia della salute. Prese la croce arroventata con un paio di pinze da sopra il fornello, si riemp i polmoni daria, strinse i denti e se la premette sul pettorale destro. Si lev un fumo acre di pelle abbrustolita e peli bruciati che gli entr nelle narici. Il sacerdote per non emise nemmeno un suono. Muto e stoico sopport quel dolore mostruoso. Barcollando and nel piccolo bagnetto e si fece una doccia. Lacqua fredda si port via tutta la sporcizia, il sangue raggrumato tra i capelli, lo sporco, i brandelli di pelle che cadevano dallustione. Si ras. Si mise il dopobarba. Poi prese dallarmadio la sua tonaca migliore, quella che usava solo per la messa di Natale e Pasqua, la tolse dalla plastica e la indoss. Si cacci in testa la papalina. Da dentro allarmadio tir fuori due Remington calibro 12 a cui aveva segato le canne e li caric con pallottole esplosive. Poi prese una mazza da baseball e un lunga ascia bipenne che un tempo era stata propriet dei pompieri di Forca di Mezzo. Mise un coltello in ogni stivale. Cos armato sal sul campanile e con il binocolo osserv quello che restava del paese. Rovine. Dalla pompa di benzina, appena fuori dallabitato, si levava una cortina di fumo nero. Alcune costruzioni, tra cui la Coop, bruciavano come Troie. Sulle strade poi era il delirio. Automobili rivoltate. Pali e cartelloni abbattuti. Cassonetti di rifiuti rovesciati sulla strada. E Zombie. Dovunque. I figli di puttana si muovevano lentamente, a caso, come se non sapessero bene che fare, trascinandosi arti mangiati dalla putrefazione, ricoperti di larve e vermi. Piazza Diaz non era mai stata cos affollata. Nemmeno durante le elezioni comunali o la sagra del fagiolo borlotto cera stata tanta calca. Questa era un po diversa da quella che riempiva la piazza fino a poco tempo prima. Ma nemmeno tanto. Gli abitanti di Forca di Mezzo avevano certamente meno voglia di vivere ed erano meno determinati di quei mostri laggi. Fece una carrellata con il binocolo su tutto il Corso e nella zona del Palazzo comunale alla ricerca di qualche superstite. Non sembrava esserci rimasto nessuno vivo. I bastardi si erano tutti sbranati tra di loro. Guard in basso, intorno alla chiesa si era radunata una folla di morti viventi che sbattevano contro il portone e le mura. Alla lunga le assi che aveva inchiodato contro porte e finestre non avrebbero retto. Lo sapeva ma non gliene importava nulla. Sotto la campana aveva messo due scatoloni pieni di bottiglie di olio di arachidi, le vers in un pentolone e lo poggio su un fornello da camping. Padre Marcello

si accese una sigaretta e aspett che lolio diventasse bollente. Poi lo gett di sotto. Arriv su un puzzo da vomitare. Stava per andarsene quando si accorse di uno strano movimento vicino al negozio di ottica. Regol il fuoco del binocolo. Cera un tizio completamente ustionato che aveva intorno una specie di palla denergia. Accanto aveva un animale Una scimmia sembrava No, non era una scimmia. Era un piccolo diavoletto rosso che saltava e lanciava delle sfere di fuoco contro un uomo coperto da unarmatura in sella a un cavallo. Losserv meglio. E si rese conto che quello era Breccola. Un mezzo idiota che lavorava agli skilift. Ma che gli era successo? Lo vide allungare le braccia e fare degli strani movimenti. Neanche fosse un direttore dorchestra o un vigile urbano che dirige il traffico. Un gruppo di morti viventi, una ventina, come se fossero stati telecomandati, risposero al suo comando, si riunirono rapidamente e si disposero ordinatamente in tre file come un plotone di fanti prussiani. Poi fece un segno e tutti avanzarono verso il cavaliere che con unalabarda faceva massacro di zombie. lui che li muove!. Fece Padre Marcello gettando la cicca. Quello l non ce la far per molto. Doveva andare ad aiutarlo. Subito. Il prete scese di corsa la scala a chiocciola che portava gi nella sagrestia. Prima di uscire and a controllare come stava la piccola Isabella, la ragazzina paralitica che aveva portato dai nonni. Dormiva sul suo letto avvolta nella coperta. Si vedeva solo un pezzo di fronte bianca come latte e una ciocca di capelli neri come le piume di un corvo. La batteria della sedia a rotelle elettrica era carica. Il sacerdote non sapeva se lasciarla l o portarla con lui. Dove sarebbe stata pi al sicuro? Meglio l. Le porte reggevano ancora e lui sarebbe tornato al pi presto. Le scrisse un bigliettino: Non ti preoccupare. Rimani qua. Io torno subito. Non uscire, pieno di morti viventi. Lo firm Padre Marcello. Venticinque. Mentre Padre Marcello, a bordo della sua Vespa 50, era alla ricerca dei superstiti della popolazione di Forca di Mezzo, i killer Tavazzi & Papadopulos, dopo uno scontro a fuoco con una dozzina di morti viventi, si erano rifugiati allinterno dellAntica Pasticceria Sazbon. Del loro capo, il boss Cotugno, avevano perso le tracce. Stessa cosa per sua figlia. Erano stanchi e in quella bottega cera una strana e amena tranquillit daltri tempi. Fuori, oltre le tendine di lino ricamate e la vetrina il corso era affollato come i giorni precedenti a Natale, quando la gente si spende tutto quello ha risparmiato in cazzate da regalare al prossimo. Solo che ora quella folla era formata da esseri che deambulavano, anzi si trascinavano, senza una meta precisa e uno scopo se non quello di saziare una fame insaziabile. Cosa c di peggio che mangiare fino a esplodere e avere la sensazione di non aver ingerito nulla, di star morendo di fame? Una punizione cos atroce, quella dei morti viventi, che nemmeno il sublime Dante, nel suo inferno, riuscito a immaginare per i suoi golosi. Cerbero, il cane con tre teste e coda di serpente, ma dotato di particolari umani (barba, mani, facce), mostro infernale dellantica mitologia pagana, la cui cattura fu la dodicesima e ultima fatica di Ercole, fa da custode nella Divina Commedia al triste mondo dei golosi. E, proprio come gli zombi, ha una fame che non si pu soddisfare. la guardia del terzo cerchio, quello dei golosi, appunto. Dice il poeta: Urlar li fa la pioggia come cani; de lun de lati fanno a laltro schermo; volgonsi spesso i miseri profani (Inferno, Canto VI, 19-21) La dannosa colpa de la gola (Inferno, Canto VI, 53) infatti lingordigia, la rinuncia,

cio, al controllo degli istinti. E la pena? Una pioggia incessante di acqua sudicia, grandine e neve che diventa una fanghiglia maleodorante in cui sono distesi i dannati che, sbranati da Cerbero, implorano come disgraziati. Invece gli zombi che popolavano Forca di Mezzo erano silenziosi, alle volte emettevano dei mugolii strozzati, dei rantoli svuotati, che facevano accapponare la pelle. Esseri senza un braccio, senza una gamba, tronchi che strisciavano sulle aiuole bruciate dal freddo, organismi ricoperti di vermi e larve dinsetto, avvolti da nuvole di mosche. Questo esercito di dannati era composto in gran parte dagli abitanti della ridente localit sciistica, ma non solo. Dal cimitero posto dietro il complesso del mobilificio dei maestri del legno, un enorme parallelepipedo in cemento armato cinto da schiere di cipressi, erano usciti fuori i defunti degli ultimi ventanni. Avevano sfondato, con la forza della disperazione, i microscopici loculi in cui riposavano e si erano buttati di sotto da quellimmenso condominio di ossa. Alcuni di quei resti, vecchissimi, avevano partecipato alla Seconda guerra mondiale e alla Prima. Moltissimi bambini morti agli inizi del Novecento per unesplosione micidiale di difterite. I piccoli cadaveri, ridotti a ossa e stracci avevano creato una lunga fila che, mano nella mano, si avviava verso quella che un tempo era stata la scuola elementare, condotti da uno scheletro con un lungo vestito nero, forse la loro maestra. Eppure, questa macabra processione era lontana dallAntica Pasticceria Sazbon e i nostri due eroi seduti a un tavolino si mangiavo un ciambellone e si bevevano un liquore al mirtillo dei monaci trappisti. Una radio trasmetteva le note dolenti delle Gymnopedie di Erik Satie. Erano stanchi e non avevano ancora capito bene quello che stava succedendo l fuori. Linferno aveva spalancato le porte? Tavazzi si tagli un altro pezzo del dolce e chiese al greco. Senti, quindi, secondo te, questi sono morti? Come quelli dei film. possibile? Papadopulos si stropicci gli occhi e poi poggi i gomiti sul tavolino. Non lo so Certo questi qua non sono esseri viventi. Di questo ne sono sicuro. Si vers un bicchiere di liquore e se lo butto gi in ununica sorsata. Io sono nato a Menetes, un piccolo villaggio nellisola di Karpathos. Una grande isola a Sud-ovest di Rodi. Mio padre faceva il tappezziere e mia madre si occupava dei cinque figli. Io ero il terzo. Nella nostra casa ci vivevano anche i nonni. Non ho conosciuto mai due persone che si amavano come quei due. Si erano sposati da bambini. Mia nonna Corinna aveva 14 anni e mio nonno Dimitri 16. Le famiglie avevano deciso di unirli e quando si sposarono non si conoscevano quasi. Quel matrimonio serviva a sancire un patto tra la famiglia Papadopulos e la famiglia Mesochori. Avrebbero unito le terre confinanti per permettere alle rispettive greggi di pascolare su un terreno pi ampio. Nei film i matrimoni combinati sono sempre sinonimo di dolore e assenza di amore. Nel caso dei miei nonni non fu cos. Mai in tutta la Grecia ci fu un matrimonio pi perfetto di quello. I due non si lasciarono nemmeno un giorno, ne passarono di dure, la guerra, la fame, la carestia, ma niente riusc a incrinare il loro amore. In paese si diceva che Corinna e Dimitri sarebbero morti se fossero stati separati. E nessuno mai riusc a separarli. Io me li ricordo, vecchissimi, seduti nel cortile di casa, sotto un albero di carrubo, mano nella mano. Non parlavano quasi mai, negli ultimi anni. Si guardavano e noi sapevano che riuscivano a comunicare con uno sguardo. Il nonno, una sera che aveva bevuto un paio di bicchieri di ouzo in pi e gli si era sciolta la lingua ci disse a tutti noi che la morte sarebbe arrivata presto a prenderli. Erano vecchi ed era ora di andarsene. E che lui ci aveva parlato con la morte e laveva convinta a prenderli insieme, nel sonno, nello stesso istante, mano nella mano. Per lui e sua moglie il triste mietitore avrebbe fatto uneccezione. Ne era sicuro. Ma si sbagliava. Circa tre mesi dopo

mia nonna Corinna mor cadendo dalle scale. Sbatt la nuca contro un gradino e spir senza emettere nemmeno un suono. E tuo nonno? Sicuro morto di crepacuore?. Tavazzi si accese una sigaretta e sbuff una nuvola di fumo. No. Sembr anzi non rimanerci nemmeno tanto male. Lunica cosa che faceva era salire sullasino la mattina e tornare la sera. E dove andava?. Nessuno lo sapeva. Mio padre glielo chiedeva ma mai che il vecchio gli rispondesse. Un giorno decisi, insieme a mio fratello maggiore di seguirlo di nascosto. Non era una cosa troppo difficile. Lasino, Bucefalo, era una bestia pelle e ossa e avanzava zoppicando sui viottoli di pietra come se camminasse su schegge di vetro. Noi, nascosti dietro i muretti a secco, lo seguimmo per pi di unora. Alla fine mio nonno, dopo due ore si ferm in un piccolo villaggio abbandonato in cima a una collina pietrosa ricoperta di ulivi e vite selvatica. Quattro case di pietra, i vecchi infissi mangiati dal sole e dal tempo. I colombi ci avevano fatto i nidi. Una chiesetta con il tetto sfondato e una selva di rovi che avvolgeva labitato come a proteggerlo. Mio nonno leg Bucefalo a un ramo e si fece spazio tra quel muro compatto di spine. Proprio come se lo facesse ogni giorno. Io e mio fratello aspettammo un po e poi, senza respirare, lo seguimmo. Lo vedemmo entrare in una vecchia casa con un arco che dava su una grande stanza buia. Poteva essere una stalla abbandonata. Rimanemmo l, senza sapere che fare e che pensare. Era rischioso avvicinarsi troppo, ci avrebbe sentito certamente. Ma a un tratto lo sentimmo che parlava. Non era chiaro quello che diceva. Ma pareva proprio che stesse dialogando con qualcuno. Qualcuno che non gli rispondeva. La curiosit era troppa. Io presi coraggio e saltando come una cavalletta mi appiccicai al muro e infilai un occhio dentro la stalla dove stava mio nonno. Sulle prime vidi solo la figura secca e affilata di mio nonno. E poi, appena gli occhi si abituarono alloscurit, mi accorsi che cera anche qualcun altro la dentro. Una donna. S, sembrava una donna che si nascondeva in un angolo buio come se avesse paura, come una bestia braccata. Mio nonno tir fuori dalla bisaccia che teneva a tracolla un coniglio. Un coniglio morto, con addosso ancora la pelle e il pelo. Lo poggi a terra e fece due passi indietro. La figura nellombra fece due passi avanti, timorosa e poi si avvent sul cadavere del coniglio. Nilo Papadopulos prese un respiro e spense la cicca nel portacenere. Era mia nonna. Era lei. Te lo giuro sulla testa di mia madre. Era lei... Ancora pi magra. Con i capelli, che aveva tenuto per tutta la vita raccolti, sciolti, bianchissimi e lunghi fino a terra. Gli occhi senza vita. Opachi e spenti. Si mangiava il coniglio con la foga di un orso famelico e faceva degli strani versi Ma comera possibile? Non era morta? Non lavevate sepolta? Che ci faceva l? E perch si mangiava i conigli con tutto il pelo?. Chiese Tavazzi schifato. E Papadopulos avrebbe voluto dargli una risposta, cazzo se avrebbe voluto, ma le assi di legno sotto i suoi piedi esplosero come se avessero messo una bomba e una selva di braccia scarnificate lo afferrarono per le gambe e lo succhiarono negli scantinati dellAntica Pasticceria Sazbon. Poi ci furono spari e urla. Tavazzi spalmato contro il muro caric il fucile, si fece il segno della croce e si gett in aiuto del suo compagno. Quando riemersero dal magazzino erano sporchi di sangue, con i vestiti stracciati ma vivi e incazzati. Uscirono puntando le pistole fuori dalla pasticceria proprio nel momento in cui Padre Marcello smontava con il suo Remington dal vespino e i tre, senza conoscersi ma uniti dallamore per lesistenza, presero a sterminare zombie. Ventisei.

Era arrivata la resa dei conti. Padre Marcello, i due killer, Tavazzi e Papadopulos, erano oramai accerchiati dallintera popolazione morta di Forca di Mezzo e le prospettive non erano delle migliori. 600 e passa zombie che lentamente ma inesorabilmente avrebbero tolto di mezzo le ultime tre forme di vita come noi labbiamo sempre intesa dalla ridente localit montana. E poi? E poi niente. Il male a capo di sterminati eserciti di non-morti si sarebbe sparso ovunque, avrebbe ingrossato le proprie fila contaminando gli Appeninini, assoldando truppe nelle autostrade, a Roma, a Pomezia, a Castel Gandolfo. E poi lItalia, la comunit europea, il pianeta intero una sola razza, una sola specie. Zombie. E fine della razza umana. The end. Un ricercatore della facolt di microbiologia dellUniversit di Castelfranco Veneto, Roberto Alberto Savaglia, ha fatto una lunga ricerca teorica ipotizzando uninvasione di zombie sulla terra. Zombie con le caratteristiche biologiche e morfologiche di quelli dei film dellimmenso regista statunitense Romero. Linfezione, secondo Savaglia, avrebbe il solito andamento di una curva epidemica di Reed e Frost. C t+1 = S t (1- q Ct) C t+1: numero dei casi contagianti al tempo t-1 S t: numero degli esseri umani suscettibili al tempo t (1- q Ct): probabilit che almeno uno dei casi Ct infettanti al tempo t compia un contatto efficiente. q: probabilit per un essere umano di non avere un contatto efficiente. Diciamo subito che per un essere umano non avere un contatto efficiente praticamente impossibile. Infatti non necessario che uno zombie ti azzanni per trasmetterti linfezione, sufficiente un graffio leggero, venire a contatto di mucose con qualche effluvio corporeo del morto vivente per ritrovarti, sei ore dopo, a zoppicare emettendo dei disgustosi versi gutturali e cercando di sbranarti tua madre. Comunque, senza essere troppo tecnici, la tesi di Savaglia che in breve tempo (pi o meno 10 anni) sulla terra non ci saranno pi esseri umani. E dei poveri zombie che sarebbe? Secondo Savaglia essendo il non morto un organismo dal basso consumo metabolico, pi basso addirittura di organismi a sangue freddo come i rettili o gli anfibi, si consumerebbe lentamente in un digiuno prolungato. Ci vogliono circa venti anni a un non-morto per sospendere qualsiasi attivit metabolica (usare il termine vita, per questi organismi, sbagliato) ed essere trasformato in un oggetto inerte come un sasso. Sempre secondo il ricercatore di Castelfranco Veneto non escluso che lo zombie, privato della sua unica fonte di energia, la carne umana, si trasformi in una sorta di bozzolo, di cisti, e che, se debitamente stimolato, possa tornare a risvegliarsi. Ma in fondo a noi cosa diavolo ce ne importa? A noi niente. Ma a Roberto Alberto Savaglia importava moltissimo. Nel suo bilocale, ogni mercoled sera, incontrava un gruppo di amici. Si beveva birra, si mangiava pizza nelle scatole di cartone e si parlava dello sterminio della specie umana. Tutta. Nessuno escluso. Compresi i presenti, che si sarebbero suicidati con una dose letale di psicofarmaci. Questa allegra comitiva aveva un nome di battaglia: Gaya Armata. Erano ecologisti integralisti che volevano estirpare alla radice i colpevoli della distruzione dellecosistema Terra. Dopo essersi fatti un cannone di erba calabrese, ascoltando un cd di ululati di lupi e pianoforte simmaginavano il pianeta senza pi lumanit bastarda, le piante che ricrescono, gli animali che riprendono a moltiplicarsi, il buco dellozono che si richiude. La piaga umana solo un ricordo. Citt ricoperte di giungle. Tane per pipistrelli e animali amanti delle tenebre. Come nel pi classico romanzo di fantascienza. Quindi Roberto Alberto Savaglia, nel laboratorio di microbiologia, facendo esperimenti su gatti randagi,

cercava di sintetizzare in vitro un retrovirus capace di trasformare gli uomini (e pure i gatti) in zombie. Per fortuna, senza grande successo. Poi fu scoperto a fare questi esperimenti illeciti e buttato fuori dalluniversit e ora credo faccia il tecnico in un laboratorio di analisi a Cabras, un piccolo comune in provincia di Oristano. Ma ora, per fortuna la nostra piccola banda di eroi, era ancora viva e poteva ancora tentare di salvare il destino della razza umana. Cazzo facciamo?, chiese Papadopulos arretrando verso la pasticceria alle sue spalle. Lorda di non morti gli si chiudeva davanti. Padre Marcello imbracci il fucile Remington, prese la mira e fece esplodere il cranio di Giacomo DAlessandro, il proprietario della Casa della bomboniera di via Serpieri: In testa. Sparategli in testa. Senn non serve a niente. Ma dai? Veramente? Questa non la sapevo. Fece ironico Tavazzi piazzando un proiettile calibro 9 nellorbita destra di Giuseppina Cafini, che era morta nel 1986 soffocata da suo nipote Mariano mentre dormiva. Allora la situazione questa. Qui resistiamo ancora pochi minuti. Dobbiamo ritirarci in un luogo sicuro e con laiuto del Signore decidere una strategia per sterminare questi sciagurati. Il prete mise in moto, con un colpo preciso la Vespa. Tavazzi diede un calcione, allontanando da s una roba che assomigliava a uno zombie, tanto era ricoperto di larve e avvolto da un nugolo di mosche. Mi sembra unottima idea, prete. Forza, salite, su. Non credo ci faranno la multa. I due killer non se lo fecero ripetere due volte. Facendosi largo a colpi di pistola montarono sullo scooter del sacerdote e sbandando, dando calcioni a destra e a sinistra, riuscirono ad allontanarsi. I tre erano nella piccola sacrestia illuminata dalle candele e da una lampada a petrolio. Lelettricit, come il telefono, erano fuori uso. Padre Marcello, nella radio portatile, aveva messo un cd e Willie Nelson e Ray Charles cantavano It was a very good year. Le due voci cos diverse eppure cos in armonia riuscivano in qualche modo a coprire i versi e i mugolii dei non morti che grattavano senza sosta contro le pareti della chiesa. Sul modesto tavolo cera un tagliere con del salame, un paniere e una zuppiera fumante di bucatini allamatriciana. Padre Marcello cominci a fare delle porzioni belle abbondanti e a grattarci su il parmigiano. Prima di combattere bisogna mangiare come Dio comanda. Questo potrebbe essere il nostro ultimo pasto. Tavazzi ebbe un gesto di stizza. Scusi, padre, ma cos mi fa passare lappetito. Il nostro ultimo pasto Scusi, ma chi lha detto? Basta trovare una macchina e filarsela da sta valle di, di. Non gli veniva. Insomma. Diamoci prima che sia troppo tardi. Papadopulos, con il boccone in bocca, sollev le spalle daccordo con il suo collega. Padre Marcello si sedette, chiuse gli occhi e poggi le mani una sullaltra e con la voce rauca cominci a recitare. Padre Nostro benedici questa tavola e le persone che ci sono intorno. La situazione qui parecchio incasinata. Linferno ha scatenato le sue forze. E a NOI. Sottoline il NOI guardando negli occhi Tavazzi e Papadopulos che li abbassarono sui bucatini. ...hai dato il compito di combatterlo. Siamo pochi, indegni, ma siamo stati scelti da te per questo compito altissimo e lo accettiamo senza fare discussioni inutili. Amen. Tir fuori dalla tasca della tonaca una bottiglietta di rum e ci si attacc con un gesto ieratico come fosse il vino della messa. Tavazzi scosse la testa. Scusi padre, ma che cazzo di preghiera questa? Ma queste sono le preghiere che fa in chiesa? Accettiamo senza far discussioni Ma impazzito? Io non accetto un benemerito cazzo. Fu un attimo. Padre Marcello, come un prestigiatore che tiri fuori la colomba, da sotto il tavolo cacci la bocca scura e micidiale del suo Remington. Contemporaneamente, come se fosse scattato un meccanismo a molla, i due killer tirarono fuori le pistole e le puntarono sul pastore. E

rimasero cos, avvolti dai fumi della salsa di pomodoro, del guanciale e del pecorino. Che succede?. Dalla porta che dava in sagrestia entr Isabella sulla sedia a rotelle. I tre con le pistole puntate si voltarono e si videro di fronte la ragazzina bianca come un cencio, con quei capelli neri come le piume di un corvo che li osservava e immediatamente, come a comando, abbassarono le armi. Niente Non successo niente, si discuteva. Bofonchi Padre Marcello. pronto da mangiare. Vieni. Isa non si mosse. Con quei due occhi enormi e liquidi li osservava. I due killer si alzarono da tavola, in uno stridio di sedie, e goffamente si presentarono. Che aspetti? Dai che si fredda!. No, sussurr. Io con voi che litigate e vi puntate le pistole contro non ci mangio. Prese aria e poi pi decisa continu. Voi non vi rendete conto di che inferno si sta scatenando. Per ora sembra essere coinvolta solo Forca di Mezzo, ma presto il focolaio si estender e sar la fine dellumanit. Quindi non possiamo scappare N affrontarli senza una precisa strategia. Siamo in quattro e loro Quelli saranno almeno mille. Loro hanno i numeri, noi il cervello. Non credo che nessuno di voi tre possa dirsi senza colpe, con la coscienza senza una macchia. Nemmeno io lo sono pure se sono una bambina. Si guard le gambe inermi. Per colpa di queste deformi appendici ho invidiato fino a odiare il mondo, i miei compagni che correvano e saltavano, la gente che mi guardava con infinita piet, la mia maestra che mi diceva di essere felice e che le cose importanti sono nel cuore Stronzate! Comunque Ora abbiamo la possibilit di riscattarci e di salvare il mondo. Vi sembra poco? E poi tra quei bastardi c pure il mio paparino e i miei nonnini. E non posso immaginare di lasciarli in quello stato. Allora, forza, alzi la mano chi con me. Padre Marcello, solev tutte e due le braccia e corse a baciare la ragazzina e i due sicari si guardarono, sbuffarono e timidamente alzarono le loro. E simmolarono. Bene La storia finita. Cosi? S. Preferisco non raccontare di come i nostri quattro eroi si sacrificarono in uno scontro impari contro lesercito dei morti viventi. Questa non una storia damore, n tantomeno una storia dellorrore a lieto fine. Vi dir solo che tutti e quattro si comportarono da veri eroi. Padre Marcello, che si credeva colpevole della calamit, si fece esplodere davanti allOttica Baldoni portando con s una cinquantina di zombie. Sacrificio sostanzialmente inutile. Tavazzi e Papadopulos si chiusero nello snack bar La Perla. Ma dopo tre giorni, a cornetti e tramezzini, tentarono la fuga. Vennero sbranati da circa mille ex abitanti di Forca di Mezzo. Isabella fu pi fortunata, fu divorata da suo padre appena fuori dalla chiesa. Breccola, il traditore della razza umana, ebbe la meglio su Carmela Cotugno dopo uno scontro che lo lasci in fin di vita. In testa alle armate oscure in circa cinque anni si prese il mondo intero e trasform gli esseri umani in carne morta zoppicante. Lo scontro tra bene e male finito zero a uno. Ma, come dice mio zio, non detto che non ci sia la partita di ritorno. Baci e abbracci. Niccol Ammaniti

Interessi correlati