Sei sulla pagina 1di 1

Automa a stati finiti: definizione

Un automa a stati finiti deterministico (DFA) una quintupla (Q, E, o, qi, F) dove:
- Q un insieme finito di k 2 stati: {q0, q1, , qk-1}
- E un alfabeto finito di l 1 simboli di ingresso: {s
0
, s
1
, , s
l-1
}
- o la funzione di transizione di stato: o: Q x E Q
o (q, s) lo stato futuro in cui lautoma si porter se, a partire dallo stato q, il simbolo di
ingresso s (qi e Q lo stato iniziale).
- F _ Q il sottoinsieme degli m > 1 stati finali (di accettazione)
F = {qf0, qf1, , qf(m-1)}
In generale un DFA deve includere la possibilit di generare uscite: diventa una macchina a stati finiti
(deterministica). Esistono due definizioni che si dimostrano sostanzialmente equivalenti:
1. Una macchina di Mealy una sestupla (Q, E, A, o, , qi) dove:
- Q, E, o, qi hanno lo stesso significato del DFA
- A un alfabeto finito di n > 1 simboli duscita: {d0, d1, , dn-1}
- la funzione di uscita: : Q x E A
(q, s) il valore delluscita che la macchina produrr nella transizione dallo stato q con
simbolo di ingresso s.
- La macchina ha generalmente un funzionamento continuativo e pertanto non vengono
esplicitati stati finali (di accettazione; hanno pi senso in altre applicazioni del DFA).
2. Una macchina di Moore una sestupla (Q, E, A, o, , qi) dove:
- Q, E, A, o, qi hanno lo stesso significato della macchina di Mealy
- la funzione di uscita: : Q A
(q) il valore delluscita quando la macchina si trova nello stato q.
- Si pu dimostrare che data una macchina di Mealy (Moore) possibile trovare una macchina di
Moore (Mealy) equivalente nel comportamento ingresso/uscita. A parit di problema, la
soluzione con la macchina di Moore pu necessitare di pi stati rispetto alla soluzione con la
macchina di Mealy perch questultima in grado di produrre uscite diverse a partire dallo
stesso stato con ingressi diversi.