Sei sulla pagina 1di 6

Gli inganni di Satana - Lo Spiritismo

Non vi rivolgete ai negromanti n agli indovini; non li consultate per non contaminarvi per mezzo loro. Io sono il Signore, vostro Dio (Lv 19,31) Dio ama tutte le creature, quelle vive e quelle defunte. Se il dialogo con i defunti fosse utile e benefico, Dio sarebbe il primo a favorirlo. Se lo proibisce cos duramente, come viene molte volte ripetuto nella Bibbia, perch riconosce che un male, un mezzo per distogliere da Dio, per allontanare dalla verit, per nuocere alla fede. Se ci pensiamo bene, che reazione avremmo a sapere che un nostro caro parente defunto finito allinferno e l rimarr in eterno? Certamente, se la nostra fede non fosse matura, ci ribelleremmo in maniera risoluta nei confronti di Dio poich non accetteremmo il fatto di aver perso per sempre un parente. Ci dovuto al profondo legame umano che si era creato in vita e che impedisce alla persona di considerare il fatto che ognuno, in base alle proprie azioni, decide la sua sorte futura e che i giudizi di Dio sono infallibili e veritieri. Sono molti i passi della Bibbia che condannano ogni forma di evocazione dei morti, in cui si dice senza mezzi termini che chi interroga i morti in abominio a Dio (cfr. Dt 18,12; Lv 19,31; 20,6; 20,27, Is 8,19-20; 1Cor 10-13 ecc.). Altrettanto numerose sono le dichiarazioni fatte dalla Chiesa in varie occasioni per mettere i fedeli in guardia da tale pericolo. E tuttavia frequente il caso di persone che, sedute intorno ad un tavolo, cominciano ad evocare i morti per ottenere delle risposte, per conoscere la destinazione nell'aldil, oppure per parlare con loro. Generalmente dirige il tutto un esperto (medium) che, lasciandosi invadere da uno "spirito guida" (sempre maligno), istruisce i presenti e fornisce delle risposte in merito alle domande formulate. In stato di trance il medium fa perci da tramite allo spirito evocato e molto frequentemente si verificano cambi di timbro vocale, formulazione di strane preghiere o formule, espressioni in lingue sconosciute ed altre cose che il medium non ricorda pi al termine della possessione spiritica. Il termine evocazione indica qualunque modo utilizzato per cercare di instaurare una comunicazione sensibile con gli spiriti o le anime dei defunti. Completamente diverso il caso dell'invocazione che indica invece la preghiera, la domanda, la supplica che si rivolge a Dio, alla Madonna, ai santi o ai defunti affinch intercedano presso Dio in nostro favore. Nonostante l'assonanza delle due parole, il loro significato completamente diverso. Gli spiritisti parlano di "corpo astrale" che chiamano anche "perispirito", il quale sarebbe una copia del corpo fisico costituito da materia molto pi sottile descritto come una specie di fluido vitale che chiamano "ectoplasma", il quale, a sua volta, sarebbe una manifestazione del "fluido universale" chiamato anche "grande energia cosmica". Secondo gli spiritisti, dopo la morte l'anima si distacca dal corpo per tornare nel corpo astrale.

Il medium sarebbe una persona particolarmente sensibile in grado di agire sul proprio corpo astrale per portare il suo fluido, la sua energia, allo spirito evocato cos che quest'ultimo possa agire tramite di lui. Il medium sarebbe perci un agente intermediario in cui si verifica una vera e propria incorporazione dello spirito evocato, il quale si sostituisce al medium stesso. Tra le pi note tecniche utilizzate dagli spiritisti troviamo:
- La tecnica dei colpi battuti(linguaggio dei colpi, tiptologia), che rappresenta

una sorta di linguaggio in cui lo spirito comunica mediante particolari sequenze di colpi che determinano la formazione di parole e frasi di senso compiuto. Essendo una metodologia alquanto complessa e lenta stata quasi del tutto abbandonata dagli spiritisti. - Il tavolino girevole, attorno al quale di dispongono il medium ed i partecipanti toccandoci le mani e creando una sorta di catena. Sovente il tavolo inizia a girare, agitarsi, dondolare, levitare, e tramite una gamba batte dei colpi al suolo usando un tipo di comunicazione simile a quella dei colpi battuti. Altre volte il tavolino rimane fermo e lo spirito evocato si manifesta tramite il medium o qualcuno dei presenti che ne subisce l'invasione o la possessione (trance medianica). - Il pendolino (radiestesia), in cui lo spirito evocato comunica tramite un pendolino od un oggetto simile appeso ad un filo. Le risposte avvengono automaticamente tramite l'oscillazione del pendolino in una direzione oppure la rotazione in senso orario o antiorario. - La scrittura medianica (scrittura automatica), viene fatta sia in gruppo (indiretta) che da soli (diretta). Nel secondo caso il medium avverte al braccio una sorta di scossa e la mano comincia a scrivere da sola, indipendentemente dalla volont, parole e frasi che il medium non conosce e con una calligrafia non sua. Esistono alcune derivazioni di questa tecnica che sono la "pittura medianica" e la "musica medianica". In entrambi i casi le capacit espressive sono avulse dal reale contesto cognitivo della persona. - La pneumatografia, in cui viene chiesto al defunto di scrivere il suo messaggio in un foglio di carta collocato sopra la sua tomba o fotografia nel corso della seduta spiritica. - La pneumatofania, cio la presunta comunicazione verbale dei defunti evocati, per mezzo di suoni o parole che si manifestano nell'ambiente circostante. - Il cartellone alfabetico (ouija), molto utilizzato oggigiorno e venduto come gioco, consiste in una tavola in cui sono segnate le lettere dell'alfabeto ed i numeri da 0 a 9 e sulla quale viene posto un bicchiere, un piattino capovolto o una moneta. Alle domande dei partecipanti, le dita poggiate sul bicchiere vengono dirette verso le lettere o i numeri per formare parole e frasi. - Gli strumenti elettronici, tra cui troviamo il registratore, il telefono, la radio, il televisore, il computer. Nel caso del registratore viene premuto il tasto di registrazione in ambiente silenzioso per registrare la voce dello spirito evocato che fornisce delle risposte; nel caso del telefono viene fatta una domanda allo

spirito e viene atteso che squilli trovando all'altro capo qualche persona defunta; attraverso la radio con l'ausilio di una "mediatrice" che indicher la lunghezza d'onda su cui sintonizzarsi (chiamata "onda bianca") viene udita qualche voce dell'aldil; tramite il televisore vengono mostrate persone defunte (psicovisione); tramite il computer lo spirito fornisce delle risposte scritte sul monitor o tramite la stampante. Nel corso (o in seguito) a tali pratiche in un determinato ambiente, si manifesteranno con alta probabilit e senza alcun movente visibile fenomeni persistenti quali: colpi sui tavoli, sul muro, sui pavimenti, rumori di sparo, rumori di tamburo, sibili metallici, passi, fruscii, ventate improvvise, rimbombi, scoppi di tuono, oscillazioni e sollevamento degli oggetti, forti vibrazioni, scritture sui muri o sugli specchi, suoni di strumenti musicali, voci in varie lingue, lampi e bagliori di vario tipo, comparsa di oggetti vari anche viventi (fiori, frutta, animali). Le persone coinvolte nella seduta spiritica o residenti nel luogo possono invece subire gravi stati di alterazione psichica: trance medianiche di vario tipo, conoscenza dei contenuti mentali di un'altra persona (telepatia), conoscenza di eventi al di fuori della portata dei cinque sensi (chiaroveggenza), presunta -e fallace- conoscenza di eventi futuri (premonizione), conoscenza di avvenimenti passati (retrocognizione), conoscenza di alcuni aspetti della vita di una persona al contatto degli oggetti che gli sono appartenuti (psicometria). Nel caso della telepatia bene ricordare che in realt nessuno spirito maligno -compreso satana- pu entrare nella mente del vero cristiano armato di Cristo, in quanto ci impedito da Dio che l'unico ad averne tale diritto. Il caso diverso per i deboli nella fede o per coloro che volutamente aprono la propria mente ed il proprio spirito all'azione di questi spiriti. Le varie correnti spiritiche, sebbene non coerenti nel modo di concepire le loro dottrine, sono concordi nel credere che gli spiriti che evocano some anime in transito verso un nuovo ciclo di reincarnazione. Se lo spirito non risponde all'evocazione significa che si gi reincarnato o occupato altrove. Non esisterebbero demoni ed angeli, ma solo anime pi o meno evolute in base alle purificazioni che hanno raggiunto nelle loro vite passate. Viene perci annullata la figura dell'inferno e del purgatorio mentre viene assicurato a tutti il paradiso; si tratta solo di una questione di tempo per raggiungere il necessario stato di elevazione. Lo stesso Ges perde quindi ogni importanza e valore in quanto, non essendoci bisogno di alcuna redenzione divina, viene vanificato anche il sacrificio della Croce. Gli spiriti possono quindi salvarsi da soli con una progressiva purificazione per reincarnarsi in stadi di vita superiore come pure in altri pianeti sotto forma di extraterresti. Si noti che il filo conduttore lo stesso della New Age e di molte altre dottrine esoteriche. Il contatto con gli spiriti viene visto come un modo per imparare da loro ed avanzare nella via della conoscenza. E' infatti il presunto contatto con gli spiriti di categoria superiore che fa loro dimenticare i comportamenti violenti e malvagi di altri spiriti che vengono considerati inferiori ed appartenenti ad un livello di perfezione pi basso. Ci giustificherebbe anche le ripetute contraddizioni che si verificano nel corso delle loro manifestazioni.

In base alle loro credenze i demoni non esistono ed ogni contatto avviene solo con spiriti neutri che hanno la caratteristica di essere pi o meno illuminati. Lo stesso Ges, la Madonna e i santi vengono considerati spiriti superiori ma non viene assolutamente riconosciuto loro il ruolo e la figura che invece attribuisce tutta la cristianit. Lo stesso Dio concepito come il "tutto cosmico" di cui loro stessi ne costituiscono una parte. Il famoso "Libro degli spiriti" scritto dal massone e spiritista Lon Denizard Rivail, altro non che un miscuglio e riassunto delle varie dottrine spiritiche che viene utilizzato come testo di riferimento per le loro pratiche. Forme di spiritismo di origine africana molto diffuse in Sud America (Brasile) sono il rito macumba (suddiviso in umbanda e candombl) ed il rito voudou. Nel caso della umbanda solo il medium viene posseduto dallo spirito, mentre nel caso della candombl esso invade anche altre persone presenti (chiamate "cavalli"). Durante la possessione il medium compie rituali magici e pronuncia sentenze malvagie o benevole sui presenti. Al termine della possessione il medium non ricorda assolutamente nulla di quello che ha fatto. La magia nera ed i malefici di stampo macumba sono purtroppo conosciuti in tutto il mondo a causa del loro potere di nuocere. Altri riti spiritici di origine africana sono: il daime, la santeria, il palo mayombe. Santeria e palo mayombe sono i riti pi sanguinari in assoluto e non disdegnano sacrifici animali ed umani (anche multipli). Per quanto riguarda il voudou (praticato ad Haiti -in cui stato pure religione di stato-, Cuba, Antille e Brasile) da segnalare il ricorrente uso dei strani e complicati segni chiamati vv che a volte vengono ritrovati nei cimiteri o accanto ai cadaveri di animali o persone sacrificate i onore degli spiriti animistici della natura (loa) che loro adorano. Spesso si riuniscono ad invocare i diabs (diavoli) per arrecare malefici a qualcuno. Anche questo tipo di maleficio, come la macumba, molto temuto sia in Sud America che altrove. Un'altra forma di spiritismo di derivazione New Age (vedi sezione specifica) il channeling, che letteralmente significa "incanalamento" cio collegarsi, entrare in contatto con realt superiori e con la "coscienza universale" (chiamato anche "essere unico", "grande tutto", "grande s", "essere universale") di cui noi dovremmo essere frammenti. Secondo questa corrente oltre che con l'aldil, possibile entrare in contatto con gnomi, folletti, elfi, fate, che sarebbero tutti spiriti della natura oppure con spiriti di piante o alberi secolari o con il grande spirito della terra (dea pagana Gaya), o ancora con gli spiriti del fuoco o dell'acqua. Dicono di potersi mettere in contatto anche con Dio, Ges, la Madonna, i santi (che rappresentano per loro solo entit illuminate) fino ad arrivare agli spiriti superiori extraterrestri che abitano su altri pianeti. Il channeling sarebbe quindi un processo di incanalamento verso entit che si trovano ad un livello di realt diverso da quello naturale, in un'altra dimensione. A differenza dello spiritismo classico, viene considerato tutto come manifestazione e sviluppo della potenza mentale dell'uomo compresi tutti gli avvenimenti storici e religiosi. Ogni singolo episodio sarebbe solo un fenomeno di channeling. Ciascuno di noi

considerato un canalizzatore, una sorta di stazione ricevente dei messaggi provenienti da Ges, dagli angeli, dai defunti, dagli spiriti della natura, dagli extraterrestri, ecc. Secondo loro, i fenomeni medianici arriveranno a sostituire la religione ed il monopolio che la Chiesa ha avuto nei secoli. Anche nei pi disperati casi di lutto famigliare, nessuna delle pratiche esposte sopra da considerarsi lecita. Risulta infatti altamente pericoloso esporsi a contatti con gli spiriti dell'aldil in quanto ogni risposta che si riceve proviene da satana o da qualche altro spirito maligno; ci sempre vero anche se la voce sembra identica a quella del defunto o se lo spirito si identifica come "spirito buono". Sappiamo infatti che satana esperto nel mascherarsi in angelo di luce (cfr. 2Cor 11,14) perci anche se parte dei messaggi e delle risposte sembrano buone e veritiere, ci solo per ingannare i presenti. E famoso il caso di una signora che era entrata in contatto con uno spirito che riteneva benevolo perch gli insegnava a pregare ed altre cose buone. Ci durato fino a quando il danno subito era irreversibile ed essa era legata allo spirito che cos cominci a manifestarsi per quello che in realt era. Questa persona ha dovuto in seguito subire tormenti di varia natura da parte di satana che la continuava a perseguitare. Diffidate da ogni persona che dice di poter parlare con gli spiriti tramite evocazione e di poter mettere in contatto diretto con i cari defunti; tutti costoro sono strumenti diabolici che portano inesorabilmente alla rovina spirituale, psichica, fisica e materiale delle persone che vi partecipano (anche se in qualit di semplici spettatori). Il diavolo non scherza in nessuna occasione, anche se astutamente vuol fare credere il contrario. Attenzione, perch esistono varie sette diffuse in Italia (Movimento della Speranza, Cenacolo Universale Spirituale, Cerchio Firenze 77, ecc.) che praticano deliberatamente spiritismo ed evocazione dei morti anche se costoro si mascherano con lapparenza onesta e pia di comunione con la Chiesa. E' bene tenere sempre a mente che sono leciti solo i casi in cui per permissione divina il defunto purgante si presenta liberamente al vivente (in sogno, in visione, ecc.) per confortare il vivente o per richiedere particolari preghiere di suffragio. In tutti questi casi comunque non la persona che richiama il morto, ma Dio che liberamente permette allo stesso di manifestarsi. Oltre che nel Vangelo (cfr. Lc 9,28-31; Mt 27,5153), troviamo casi di questo tipo nella vita di molti santi e non solo. Prima di terminare utile ricordare cosa la rivelazione biblica e dei santi (e confermato dai Concilii Vaticani) ci dice riguardo ai defunti. Anzitutto le loro anime vanno subito o in Paradiso, o in Purgatorio, o allInferno. La Bibbia stessa afferma che "abbiamo solo questa vita come periodo di prova; non c appello". Il Vangelo ha espressioni che non lasciano dubbi. La storiella della reincarnazione, in cui credono le grandi religioni orientali ed in cui credono molti italiani, inammissibile ed in netta contraddizione con la fede nella risurrezione della carne (meritata dalla risurrezione di Cristo), che alla base del cristianesimo. Riguardo allanima dei defunti la fede ci dice inoltre che le anime del Paradiso possono ricevere le nostre preghiere ed intercedere per noi mentre le anime del

Purgatorio possono ricevere i nostri suffragi ed ottenerci grazie; il tutto avviene non direttamente, ma attraverso Dio. Le preghiere per le anime dellInferno sono totalmente inutili poich il loro stato definitivo in eterno; tuttavia Dio sapr utilizzare la nostra preghiera affinch non resti vana, per casi di altrui necessit forse a noi sconosciuti finch saremo in questa vita.