Sei sulla pagina 1di 60

Biblioteca di Linguistica

diretta da Massimo Arcangeli

Biblioteca di Linguistica
collana diretta da Massimo Arcangeli La collana prevede una serie di volumi, afdati alle cure di diversi specialisti, dedicati ad aspetti essenziali della linguistica e ad alcuni temi forti della linguistica contemporanea. Ogni volume sar costituito da una parte teorica introduttiva, da unampia antologia e da un glossario ragionato, e conceder uno spazio privilegiato alla linguistica italiana. Un Dizionario ragionato di linguistica assommer alla ne in s tutti i dizionari acclusi ai vari volumi. A utile corredo della collana prevista inoltre la pubblicazione di una serie di supplementi di approfondimento di singoli temi.

Mario Alinei

LORIGINE DELLE PAROLE

Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06) 93781065

ISBN

9788854815315

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dellEditore.

I edizione: luglio 2009

INDICE

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

1. Cosa una parola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29


1.1. La parola come unit del discorso . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.1.1. Due diversi tipi di parola: parola vs lessema o lemma . . . . . . . 1.1.1.1. Sinonimi di parola e di lessema . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29
30 32

1.2. La parola come artefatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


1.2.1. Alcune somiglianze dellartefatto lessicale con gli altri artefatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2. La parola come artefatto sui generis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.1. La parola come artefatto complesso . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.2. La parola come artefatto standardizzato senza procedure burocratiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.3. La parola come artefatto creabile e riproducibile da chiunque . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.4. La parola come artefatto che identica una comunit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.5. La parola come artefatto multifunzionale . . . . . . . . . . 1.2.2.6. La parola come artefatto volatile e allo stesso tempo durevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.7. La durata delle parole dovuta alla loro trasmissione da una generazione allaltra . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.8. La parola come artefatto allo stesso tempo fossile e vivente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2.2.9. La parola come artefatto gratuito . . . . . . . . . . . . . . . . .

33
36 38 38 39 41 41 42 44 44 45 46

1.3. La parola come moneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .


1.3.1. La parola come moneta sui generis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

47
48

2. Cosa si nasconde in una parola . . . . . . . . . . . . . . . . .


2.1. La parola come segno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2. Analisi fonologica e fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3. Analisi morfologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

53 53 54 54
7

Lorigine delle parole

2.4. Analisi semantica e semiotica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5. Analisi motivazionale o iconimica . . . . . . . . . . . . . . . . .


2.5.1. La motivazione (iconimo) come ombelico della parola . . . . . 2.5.2. Una nuova terminologia e una nuova convenzione per la motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.3. Liconimo nella parola e nella moneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.4. Iconimia fonica, iconimia lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.5. Iconimia paradigmatica e metaforica, iconimia sintagmatica e metonimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6. Aspetti delliconimia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.1. Liconimo come unica causa del mutamento sesemantico ovvero: il mutamento semantico come creazione di signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.2. La lessicalizzazione iconimica come genesi del signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.3. Liconimia come causa della trasformazione del concetto in signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.4. Scomparsa delliconimo dopo lassolvimento della sua funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.5. Iconimo come scorciatoia di un concetto e modalit della sua scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.6. L iconimia come genesi del linguaggio poetico . . . . . 2.5.6.7. Rapporto fra iconimo e morfologia . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.8. Confusione delliconimo col signicato . . . . . . . . . . . 2.5.6.9. Il rapporto delliconimo con il nome . . . . . . . . . . . 2.5.6.10. Popolarit e prestigio sociale del campo iconimico e suo valore storicoculturale e cronologico . . . . . 2.5.6.11. Le locuzioni: un fondamentale capitolo delliconimia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.5.6.12. Come inizia il processo di iconimia? . . . . . . . . . . . . .

55 57
62 65 67 68 69 70

70 72 74 74 77 78 80 81 82 84 86 87

2.6. Dalla dicotomia di Saussure al triangolo semiotico di Ogden e Richards e al quadrangolo iconimico . . . . . . . . . .

89

3. Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia . . . . . . . . . . . . . . . . .


3.1. L interesse principale delletimologia non sta nel mutamento ma nella continuit della parola nel tempo . . . . .

91 91

Indice

3.2. Il mutamento lessematico come movimento apparente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.3. I mutamenti lessematici come discontinuit nella continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4. Le convenzioni e i metodi di base delletimologia . . . . . .
3.4.1. La sequenza etimologica bidirezionale e le sue applicazioni . . . . 3.4.2. Etimo attestato, etimo ricostruito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.3 I due metodi di base delletimologia tradizionale: fonetica e morfologia storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.4. Fonetica storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.4.1. Il principale problema della fonetica storica e il suo riesso nelletimologia: regole contrastanti . . . . . 3.4.4.2. La soluzione tradizionale, in chiave di reicazione del linguaggio, e la soluzione nuova in chiave geo e sociolinguistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.4.3. Lapproccio fonetico articolatorio . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.4.4. Un altro problema della fonetica storica inadeguatamente studiato: lopposizione fra regole e accidenti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5. Morfologia storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5.1. Coesistenza di morfemi diversi, anche se derivanti dalla stessa origine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.4.5.2. Uso dellimperativo nei composti . . . . . . . . . . . . . . . .

94 95 96
96 98 98 99 103

105 108

111 121 122 128

3.5. Il rapporto fra mutamento lessematico ed etimologico: le incoerenze delletimologia tradizionale . . . . . . . . 129 3.6. Una prima revisione critica della denizione delletimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 3.7. Nuove esigenze terminologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 3.8. La tipologia del mutamento lessematico in base alletimo: una revisione critica delle conclusioni della linguistica storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
3.8.1. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sulla parola: endolessematici vs esolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.1.1. Mutamenti endolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.1.2. Mutamenti esolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.2. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sul sistema: strutturali o diasistemici vs locali . . . . . . . . . . . . . . . . . 139 139 141 146

10

Lorigine delle parole

3.8.3. Tipi di mutamento lessematico in base alle sue cause esterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.3.1. Il mutamento lessematico non ha un carattere organico o comunque inevitabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.3.2. La causa ultima della continuit linguistica sta nella competenza del parlante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.3.3. Le cause ultime del mutamento lessematico sono esterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.4. Il ruolo della competenza del parlante nel mutamento lessematico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.4.1. Il ruolo della competenza nellanalogia . . . . . . . . . . . . 3.8.4.2. Il ruolo della competenza nella differenziazione diastratica e diafasica del lessico . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.8.5. Classicazione nale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

149 150 153 153 159 163 166 167

3.9. Il rapporto fra etimo e la classicazione dei lessemi: altre incoerenze delletimologia tradizionale . . . . . . . . . . . 172 3.10. La classicazione etimologica dei lessemi: una revisione critica delle nozioni tradizionali . . . . . . . . . . . 173
3.10.1. Lessemi mutati nella fonetica: macro e microfonetismi . . . . 3.10.1.1. Macrofonetismi di tradizione popolare: paleolessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.1.2. Macrofonetismi di tradizione semidotta: mesolessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.1.3. Microfonetismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.2. Lessemi mutati nella semantica: iconimie . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.2.1. Iconimie pure, popolari o anonime (accezioni) . . . 3.10.2.2. Iconimie pure, specialistiche o di autore (tecnicismi, neologismi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.2.3. Voci di tradizione dotta (mesolessemi) semanticamente mutate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.2.4. Calchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.2.5. Altre iconimie pure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.3. Lessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.3.1. Paleolessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.3.2. Lessemi di tradizione dotta e altri mesolessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.4. Lessemi mutati per contatto linguemico . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.4.1. La norma: gli encorismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.4.2. Leccezione: gli esocorismi e i pericorismi o prestiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177 179 180 184 184 186 189 191 191 192 192 193 194 195 197 198

Indice

11

3.10.5. Lessemi mutati per tab: tabuismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.5.1. Tabuismo/noa con occultamento sostitutivo . . . . . 3.10.5.2. Tabuismo/noa con occultamento fonetico o desemantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.5.3. Tabuismo/noa con occultamento fonoiconimico o reiconimizzazione fonetica . . . . . . . . . . . . . 3.10.6. Lessemi mutati per variabili di competenza . . . . . . . . . . . . . 3.10.6.1. Competenza classedipendente . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.6.2. Competenza gruppodipendente . . . . . . . . . . . . . . 3.10.6.3. Competenza etdipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.6.4. Competenza pragmatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.7. Lessemi mutati per analogia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.7.1. Macroanalogismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.7.2. Microanalogismi o ipercorrettismi . . . . . . . . . . . . . 3.10.8. Lessemi risalenti allo stesso etimo, ma risultanti da diversi tipi di mutamento per contatto linguemico: allotropi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.8.1. Allotropia sociolinguistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.8.2. Allotropia dialettale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.8.3. Allotropia diaglottica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.8.4. Allotropia mista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.8.5. Allotropia problematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.10.9. Un caso speciale: le etimologie sbagliate . . . . . . . . . . . . . . .

207 208 208 208 208 209 209 209 210 210 210 210

215 216 216 217 217 217 218

3.11. La validit della classicazione dipende dal livello della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219 3.12. Una prima classicazione cronologica del lessico: paleo meso e neolessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220

4. Principali sviluppi delletimologia tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223


4.1. Le cinque principali innovazioni della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
4.1.1. In primo piano la cosa: la scuola Parole e Cose . . . . . . . . . . . 4.1.2. In primo piano la geograa: lonomasiologia . . . . . . . . . . . . . . 4.1.2.1. Onomasiologia: etimologia comparata . . . . . . . . . . . . 4.1.2.2. Dallonomasiologia alla linguistica storica: le norme di Bartoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225 227 228 231

12

Lorigine delle parole

4.1.2.3. Dallonomasiologia allonomasiologia strutturale . . . . 4.1.3. In primo piano i rapporti etnici e sociali: la teoria del sostrato e i suoi sviluppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.4. In primo piano il tab: il tab linguistico e la sua importanza per letimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.4.1. Animali tabuizzati e tipologia dei loro nomi noa . . . . 4.1.4.2. Il carattere ciclico del tabu linguistico e loccultamento semantico continuato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.5. In primo piano il signicato: semasiologia o geosemantica . . . . 4.1.5.1. Dalla geolinguistica alla linguistica storica: la densit morfosemantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.6. In primo piano la preistoria: la paleontologia linguistica . . . . .

232 249 252 254 256 257 257 264

4.2. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265

5. Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale per lepistemologia della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
5.1. Il bilancio negativo delletimologia tradizionale . . . . . . 267 5.2. Cosa vuol dire etimi certi? Una prima risposta empirica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
5.2.1. Il valore storicoculturale delletimo dei giorni della settimana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.2. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lit. Natale, fr. Nol, cat. nadal, galiz. nadal, occ. nadal, etc., come nomi della festa cristiana, e il lat. Natalis solis come festa solstiziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.3. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lat. sidus stella e lat. desiderare, considerare; di lat. contemplare da lat. templum; di lat. auspicium da lat. avis spicium osservazione degli uccelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.4 Il valore storicoculturale delletimo di termini latini e italiani derivati da antiche tecniche neolitiche . . . . . . . . . . . . . . 5.2.5. Il valore storicoculturale delle scoperte, anche fonetiche, della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.6. Conseguenze della mancata distinzione fra etimi certi ed timi incerti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2.7. Una prima proposta metodologica: etimograa vs etimotesi . . . . 269

271

271 273 274 275 277

Indice

13

5.3. Cosa vuol dire etimi certi? La risposta teorica denitiva: morfonologia e iconomastica come i due fondamenti della certezza etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
5.3.1. Etimograa ed etimotesi: una nuova denizione . . . . . . . . . . . . 279

5.4. I due tipi fondamentali di ricerca etimologica: morfonetimologia e iconomastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282

6. Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica e iconomastica come sua nuova disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6.1. Letimologia tradizionale come ricerca senza un oggetto ben denito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285 6.2. Iconimo come ne ultimo, e iconomastica come nuova disciplina della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . 288
6.2.1. Il posto delliconimo e delliconomastica nella struttura gerarchica della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289

6.3. I tre tipi di iconomastica: iconimologia, iconomasiologia, semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293

7. Iconimologia: ricerca delliconimo . . . . . . . . . . . 297


7.1. Tipologia interna alliconimologia: semplice o monofase e bifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297 7.2. Tre esempi di ricerca iconomastica semplice o monofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
7.2.1. Casino postribolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.2. Il gallo della Checca ricercato dalle donne . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3. Mosca cieca gioco infantile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3.1. Mosca cieca in altre lingue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3.2. Altri animali ciechi in area neolatina . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3.3. Personaggi umani o mitici, ciechi e no: Maria, santa Lucia, la vecchia, il diavolo, lorco, la morte . . . 7.2.3.4. Il gioco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3.5. Lofciante del rito come colpitore . . . . . . . . . . . . . 301 302 303 303 304 306 307 308

14

Lorigine delle parole

7.2.3.6. Il signicato degli etnotesti relativi al gioco della mosca cieca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.3.7. Il colpitore cieco come rafgurazione della morte . . . . 7.2.3.8. Gli animali e la maga ciechi come rappresentazione della morte nella concezione totemica . . . . . . . .

310 310 312

7.3. Alcuni esempi di ricerca iconomastica bifase . . . . . . . . 314


7.3.1. Vecchie iconimologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.2. It. pateracchio da lat. PATER + ACULUM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.3. It. sciara lava indurita da lat. FLAGRO ammeggiare, avvampare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.4. Il curioso destino di tre termini monastici medievali: it. colazione da lat. COLLATIO, it. pietanza da lat. PIETAS, it. minestra da lat. MINISTRARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.5. It. dial. mazza vomere dellaratro da lat. *MATEA (cfr. lat. MATEOLA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.6. It. ugello da lat. *AVICELLUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315 315 315

316 322 324

7.4. Liconimologia come fonte primaria di conoscenze storiche e parte integrante dellArcheologia Etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326 7.5. Liconimologia come inverso speculare della semasemasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326

8. Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi . . . . . . . 329


8.1. Dallonomasiologia alliconomasiologia . . . . . . . . . . . . 329 8.2. Dalletimoanteforma alletimoiconimo . . . . . . . . . . . 333 8.3. Dal singolo iconimo alla classe e al campo iconimici: iconomastica tipologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336 8.4. Laspetto speculare e ciclico delliconomastica: dalliconomasiologia alla semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . 338 8.5. Il risultato principale della ricerca iconomastica: la scoperta delle regole della semantica storica . . . . . . . 339 8.6. Tre esempi di iconomasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
8.6.1. Iconomasiologia europea dellarcobaleno . . . . . . . . . . . . . . . . . 340

Indice

15

8.6.1.1. La produttivit delliconomasiologia per la soluzione di problemi etimologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.6.1.2. Laspetto ciclico della ricerca iconomasiologica: dalliconimo del nome al nome delliconimo . . . . . . . 8.6.2. Iconomasiologia europea della coccinella . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.6.2.1. Le rime infantili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.6.3. Iconomasiologia europea della donnola . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

346 348 351 352 354

8.7. Un esempio di iconomasiologia di classe: iconomasiologia zoonimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359


8.7.1. Le tre principali categorie tipologiche di iconimi zoonimici: cristiani, precristiani, parentelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7.2. La sacralit dellanimale, alla luce delle due categorie magicoreligiose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.7.3. La sacralit dellanimale alla luce della categoria del tab . . . . 360 364 365

8.8. Nuovi orizzonti della ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365 8.9. Un esempio diverso di iconomasiologia: i nomi del vomere dellaratro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366

9. La semasiologia rivisitata alla luce delliconomastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375


9.1. Cos la semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375 9.2. La semasiologia nella ricerca semantica tradizionale . . . 376
9.2.1. La semasiologia nei primi dizionari etimologici . . . . . . . . . . . . 9.2.2. La semasiologia nellhistoire du mot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.2.3. La semasiologia nella geosemantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377 379 380

9.3. Conseguenze teoriche della revisione in chiave iconomastica del mutamento semantico . . . . . . . . . . . . . . . 381 9.4. Conseguenze pratiche: la complessit variabile della semasiologia come ricerca iconimica . . . . . . . . . . . . . 383
9.4.1. Tipologia schematica della ricerca semasiologica . . . . . . . . . . . 9.4.2. La centralit della semasiologia rispetto alliconomasiologia e alletimologia tout court . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.4.3. La semasiologia come principale fonte di certezze etimologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385 386 388

9.5. Esempi di ricerca semasiologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389

16

Lorigine delle parole

9.5.1. Gli sviluppi di lat. draco < gr. serpente come iconimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.1.1. Drago acquatico e terrestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.1.2. Drago celeste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.1.3. Antropomorzzazione del drago . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.2 Un esempio del rapporto speculare fra semasiologia e iconimologia: gli sviluppi di gr. drago femminile come iconimo, e letimologia di it. dial. lagno canale di raccolta delle acque montane, e it. e fr. dial. *lanca langa, lat. lama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.3. Un esempio di semasiologia combinata con liconomasiologia: il {drago} come iconimo di aspetti della natura . . . . . 9.5.4. Letimologia di bova drago . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.5. Un esempio di ricerca semasiologica a livello tipologico di classe: la zoonimia parentelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.5.1. Animaliparenti in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.5.2. Animaliparenti in Europa ..................... 9.5.5.3. Lorsoparente nellarea dei Nenci e dei Mansi . . . . . . 9.5.5.4. La conferma delle abe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.6. Un esempio di livello tipologico massimo: la semasiologia del campo {MAGICORELIGIOSO} combinata con liconomasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9.5.7. Un esempio tecnologico: il nome del vomere e del ceppo dellaratro come sviluppo di quello della zappa . . . . . . . . . . . .

389 392 399 405

410 418 419 421 422 422 429 431

433 433

10. Archeologia etimologica: la datazione delle parole . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435


10.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435 10.2. Cosa signica datare una parola . . . . . . . . . . . . . . . 435 10.3. Datare una parola non signica datarne la forma . . . 436 10.4. Datare una parola signica datarne il signicato . . . . 437
10.4.1. Si pu datare il signicato anche senza identicarne liconimo? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4.2. La datazione delle singole parole di una lingua travalica la datazione della lingua stessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.4.3. Datare i mutamenti della forma fonica di una parola: un problema irrilevante per la datazione della parola . . . . . 10.4.4. Una verica: come datare forestierismi e calchi . . . . . . . . . 439 441 444 445

Indice

17

10.5. Metodi di datazione lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446


10.5.1. La datazione lessicale esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.1.1. Limiti metodologici e valore variabile delle prime attestazioni scritte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.1.2. Il valore delle prime attestazioni per datare i mutamenti fonetici: critica della tesi tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.1.3. Il carattere necessariamente elitario della lingua scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.1.4. Limiti cronologici della documentazione scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.2. La datazione lessicale interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.3. La semantica storicizzabile come base delle datazioni interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4. La via maestra per la datazione lessicale: lautodatazione lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.1. Autodatazioni lessicali moderne . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.2. Autodatazioni lessicali medievali e del principio della nostra era . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.3. Si possono autodatare i nomi dei referenti preistorici? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.4. Come essere sicuri che i nomi dei referenti preistorici siano quelli originari, e non siano innovazioni? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.5. Un primo metodo tradizionale per eliminare il rischio che i nomi autodatabili siano innovazioni: le attestazioni scritte . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.6. Il metodo tradizionale per vericare lautenticit dei nomi preistorici: la comparaparazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.5.4.7. Un nuovo metodo per dimostrare lautenticit di un nome e la veridicit della sua autodatazione: la sequenza iconimica . . . . . . . . . . . 447 447

453 455 457 458 459 459 460 461 463

464

466

467

469

10.6. Lautodatazione lessicale nella paleolinguistica linguistica tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478


10.6.1. Critica della paleontologia linguistica . . . . . . . . . . . . . . . . 10.6.2. Critica dellargomentazione di James Mallory . . . . . . . . . . 481 482

10.7. Continuit di qualunque parola ereditaria dalle origini del linguaggio: dalla sequenza etimologica alla stratigraa etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
10.7.1. Tipi di stratigraa etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493

18

Lorigine delle parole

10.7.2. Le stratigrae etimologiche sono obbligate . . . . . . . . . . . . 10.7.3. Le stratigrae etimologiche sono narrative . . . . . . . . . . . . . 10.7.4. Le stratigrae etimologiche sono indipendenti dal tipo di tradizione, ininterrotta o dotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10.7.5. Due conclusioni di valore generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

496 496 497 499

11. Archeologia etimologica: la periodizzazione del lessico . . . . . . . . . . . . . . . 503


11.1. Cosa signica periodizzare un lessico . . . . . . . . . . . . 503 11.2. Dalla datazione delle parole alla periodizzazione di un lessico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503 11.3. La periodizzazione del lessico di una lingua vivente nella prassi tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504 11.4. La tripartizione cronologica fondamentale di un lessico europeo: paleolessico, mesolessico e neolessico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506 11.5. Esempi di periodizzazione preistorica del paleolessico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
11.5.1. Paleolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.1.1. Il lessico grammaticale italiano . . . . . . . . . . . . . . 11.5.1.2. Il lessico italiano che risale al PIE . . . . . . . . . . . 11.5.1.3. Temi lessicali specici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.2. Mesolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.2.1. La scoperta delle colle da lavoro estraibili dagli alberi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.2.2. Linizio della pesca come sistema di economia specializzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.2.3. Linizio della lavorazione generalizzata del legno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3. Neolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3.1. Agricoltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3.2. Pastorizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3.3. Tessitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3.4. Ceramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.3.5. Religione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.4. Et del Rame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507 507 508 517 526 526 527 529 530 531 535 535 535 535 540

Indice

19

11.5.5. Et del Bronzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11.5.6. Et del Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

543 545

11.6. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 547

12. Etimologia di frontiera: i pi frequenti errori tradizionali e i requisiti per una ricerca ottimale . . . . . . . . 549
12.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 549 12.2. L errore pi evidente delletimologia dilettantistica . . . 550 12.3. Un dodecalogo degli errori pi frequenti delletimologia tradizionale e dei requisiti di unetimologia ottimale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 552 12.4. Esempi di scelta, nella zona grigia fra etimotesi ed etimograa, fra etimi alternativi . . . . . . . . . . . . . . 560
12.4.1. Limportanza del tab per letimologia . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.1.1. It. iella, iellato vs iettare, iettatore, iettatura . . . 12.4.2. Limportanza delle regole di conversione libere (accidenti generali) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.2.1. It. anche e ancora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.2.2. It. andare, fr. aller . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.3. Limportanza della localizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.3.1. It. zattera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.4. Limportanza dellarcheologia delle cose . . . . . . . . . . . . . . 12.4.4.1. It. zappa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.5. Limportanza dellideologia: il pangermanesimo nelletimologia romanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.5.1. It. arredo e corredo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.5.2. It. bianco e biondo, fr. blanc e blond . . . . . . . . . . 12.4.5.3. Guai e guaio, guado, guaire, guastare e simili: origine latina, non germanica, e con inuenza celtica (brittonica), non germanica . . . . . 12.4.5.4. It. leccare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.5.5. It. rigoglio e orgoglio, fr. orgueil . . . . . . . . . . . . . 12.4.5.6. It. strappare e scippare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.6. Limportanza della teoria della continuit: preindoeuropeismi immaginari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561 561 562 563 567 573 573 574 575 576 580 582

590 593 594 600 602

20

Lorigine delle parole

12.4.6.1. It. e lat. pala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.6.2. It. manzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.6.3. It. lampone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.6.4. It. mer. e toponimo morra gregge di pecore, mucchio di sassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.6.5. It. reg. balma, fr. reg. baume caverna . . . . . . . . 12.4.7. Un esempio emblematico dei vizi delletimologia tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12.4.7.1. It. pizza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

603 606 609 610 612 616 616

12.5. Conclusione: il primato delletimograa per la ricostruzione della nostra preistoria e storia culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 631

13. Dizionari etimologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633


13.1. I dizionari etimologici e la loro tipologia . . . . . . . . . . 633
13.1.1. Dizionari etimologici per il pubblico: a sequenza regressiva e monolessicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13.1.2. Dizionari etimologici specialistici: a sequenza progressiva, comparativi e plurilessicali . . . . . . . . . . . . . . . . . 634 637

13.2. Dizionari (ic)onomasiologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 640 13.3. Illustrazione e discussione di un esempio italiano, visto nei principali dizionari etimologici . . . . . . . . . . 642

14. Verso una denizione critica delletimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653


14.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653 14.2. Denizioni di dizionari monolingui, di dizionari di linguistica, di linguisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653
14.2.1. Un commento alle denizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660

14.3. Etimologia: scienza o arte? Un dilemma inesistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 661 14.4. Il posto delletimologia nella linguistica . . . . . . . . . . 662

Indice

21

14.5. In che senso letimologia ricerca lorigine di una parola? Nel senso della lessicalizzazione, e quindi delliconimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 662 14.6. Etimologia come ricerca dello stadio precedente o dello stadio pi antico? Un altro dilemma inesistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 665
14.6.1. In quale caso la denizione o il raggiungimento delliconimo meno rilevante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 665

14.7. Etimologia, enciclopedismo, specializzazione . . . . . . 666 14.8. Verso una denizione metodologica delletimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
14.8.1. Finalit immediata della ricerca: la discontinuit nella continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14.8.2. Finalit ultima della ricerca: liconimo . . . . . . . . . . . . . . . . 14.8.3. Modalit della ricerca: sequenziale e stratigraca . . . . . . . 14.8.4. Lunghezza variabile della stratigraa iconimica, lunghezza ssa della sequenza etimologica tradizionale . . . . . 14.8.5. Orizzonti della ricerca: tipologica e/o storica nellambito dellarcheologia etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 668 668 668 669 669

14.9. Un abbozzo di denizione e un dodecalogo . . . . . . . 670

Antologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673
1878 e 1960. Esempi di revisione di etimologie germaniche . . . . 677
1.1. NAPOLEONE CAIX, Studi di etimologia italiana e romanza, Firenze, Sansoni, 1878 (selezione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1.2. ANGELICO PRATI, Storie di parole italiane, Milano, Feltrinelli, 1960 (riprod. pp. 3235) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 679 683

1886. La scoperta del sostrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 687


2. GRAZIADIO ISAIA ASCOLI, Di un lone italico, diverso dal romano, che si avverta nel campo neolatino. Lettera a Napoleone Caix, in ID., Due lettere glottologiche, Archivio Glottologico Italiano, X, 18861888, pp. 117 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

689

1919. Iconomasiologia e semasiologia ante litteram . . . . . . . . . . 707


3. ADRIANO GARBINI, Antroponimie ed ononimie nel campo della zoologia popolare. Atti e memorie dellAccademia di agricoltura scien-

22

Lorigine delle parole

ze e lettere di Verona, Verona, Mondadori, 19191925, 3 voll. (riprod. pp. 135859, 137883) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

709

1921, 1976, 2005. Tre esempi di approccio tipo parole e cose ai nomi dellaratro, di cui uno storicolinguistico, uno antropologico e uno storicoagricolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 717
4.1. MAX LEOPOLD WAGNER, La vita rustica della Sardegna riessa nella lingua, Nuoro, Ilisso, 1996 (trad. it., a cura di G. DE PAULIS, di Das lndliche Leben Sardiniens im Spiegel der Sprache: Kulturhistorischsprachliche Untersuchungen, Wrter und Sachen, Beiheft 4, Heidelberg, Winter, 1921) (riprod. pp. 9097, 99) . . . . . . . . . . . . 4.2. GIULIO ANGIONI, Sa laurera: Il lavoro contadino in Sardegna, Cagliari, Editrice Democratica Sarda, 1976 (riprod. pp. 139145) . . . . . 4.3. GAETANO FORNI, Laratro valdostano. Il pi antico (2750 a.C.) del nostro Paese? In Etnostorie, Piemonte e Valle dAosta, a cura di Renato Comba e Giovanni Coccoluto, Cuneo, Societ per gli Studi storici, archeologici ed artistici della provincia di Cuneo, 2005, pp. 159169 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

719 729

737

1923. Un esempio di iconomasiologia ante litteram, con approfondimento di tipo parole e cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749
5. VITTORIO BERTOLDI, Un ribelle nel regno de ori. I nomi romanzi del Colchicum autumnale L. attraverso il tempo e lo spazio, Genve, Olschki, 1923 (riprod. indice pp. IIIV, gura, introd. pp. 14) . . . . . . . . . . . 751

192829. Uno dei primi e migliori esempi di ricerca sul fenomeno del tab linguistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 759
6. Dmitri Konstantinovi Zelenin, Tab linguistici nelle popolazioni dellEuropa orientale e dellAsia settentrionale, Quaderni di Semantica, IX (1988), pp. 187317, X (1989), pp. 123180, 183276 (trad. dal russo) (riprod. pp. 160165, 269275) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

761

1936. Il primo esempio istituzionale di geosemantica . . . . . . . . . 775


7. KARL JABERG, Aspects gographiques du langage, Paris 1936 (riprod. pp. 4749 + carta) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 777

193637. La prima sintesi, iconomastica ante litteram, di zoonimia popolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 781


8. RICHARD RIEGLER, Tiernamen, Handwrterbuch des deutschen Aberglaubens, VII, pp. 819842, 864901 (trad. it.: Zoonimia popolare, Quaderni di Semantica, II, 1981, pp. 325361) (riprod. integrale esclusa la bibliograa, pp. 325356) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

783

Indice

23

1952. Un esempio di approfondimento storicoculturale per un calco latino dal greco (lat. catum > it. fegato) . . . . . . . . . . . . 815
9. VITTORIO BERTOLDI, Larte delletimologia, Napoli, Liguori, 1952 (riprod. pp. 3742) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 817

1957. Un esempio di etimologia con approfondimento storicoagricolo e geolinguistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 823


10. GIANDOMENICO SERRA, Appunti sulla storia linguistica del diboscamento in Italia. A proposito delle voci cetina e cesina e afni, Romanistisches Jahrbuch, VIII, 1957, pp. 4862 (riprod. integrale) . . . . . . 825

1974. Un esempio di ricerca delle prime attestazioni e degli autori di neologismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 841
11. BRUNO MIGLIORINI, Onomaturgia, Lingua Nostra, XXXV , 1974, pp. 3336 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843

1978. Alla ricerca del semidotto dialettale . . . . . . . . . . . . . . . . 847


12. GIULIA PETRACCO SICARDI, Nota su mezzadro, in AA.VV., Italia linguistica nuova ed antica, Galatina, Congedo, 1978, vol. II, pp. 205218 (riprod. pp. 205214) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 849

1982 e 1983. Due esempi recenti di iconimologia bifase ante litteram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 859
13.1. OTTAVIO LURATI, Pateracchio, Lingua Nostra, XLIII, 1982, pp. 45 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13.2. GIOVANNI SINICROPI, Sciara, Lingua Nostra, XLIV , 1983, pp. 113115 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 861 863

1984 e 2005. Due esempi recenti di iconimologia monofase ante litteram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 867
14.1. PAOLO ZOLLI, Essere il gallo della Checca, Lingua Nostra, XLV , 1984, p. 119 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14.2. FRANCO CREVATIN, Ital. Casino casa di tolleranza (Breviora etymologica), in MAX PFISTER e GABRIELE ANTONIOLI (a cura di), Itinerari linguistici alpini. Atti del Convegno di dialettologia in onore del prof. Remo Bracchi (Bormio, 2425 settembre 2004), SondrioMainz, Istituto di Dialettologia e di Etnograa Valtellinese e Valchiavennasca/Lessico Etimologico Italiano/Arbeitstelle der Akademie der Wissenschaften und der Literatur, 2005, pp. 243245 (riprod. 244245) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869

871

24

Lorigine delle parole

1988. Un esempio recente di retrodatazione . . . . . . . . . . . . . . . . 873


15. SALVATORE CLAUDIO SGROI, Americanata, Lingua Nostra, XLIX, 1988, p. 126 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 875

2003. Iconomasiologia e semasiologia nei nomi parentelari della mantide religiosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 877
16. ALFIO LANAIA, I nomi della mantide religiosa nel dominio linguistico italiano, Bollettino dellAtlante Linguistico Italiano, XXVII, 2003, pp. 1151 (riprod. pp. 2633) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 879

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 887 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935 Illustrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 963

PREFAZIONE

Lo studio dellorigine delle parole loggetto di una disciplina linguistica chiamata etimologia. Disciplina antichissima, dato che il concetto e la parola stessa etimologia risalgono a Platone, secondo il quale letimologia era la ricerca del signicato autentico (gr. tumj vero, autentico), che veniva contrapposto a quello che tutti conoscono, considerato solo apparente e quindi falso. Come vedremo, abbiamo qui unintuizione feconda, spesso a torto criticata dalla ricerca tradizionale. Da quando letimologia diventata una disciplina scientica nellOttocento letimologia infatti divenuta la ricerca di un etimo (spesso chiamato anchesso, tautologicamente, etimologia, per cui letimologia sarebbe la ricerca delletimologia), non pi inteso nel senso di signicato vero, bens di un semplice stadio precedente della parola stessa, e senza che sia chiaro se questo stadio anteriore comporti necessariamente un cambiamento, e se esso riguardi la forma, o il signicato, o tutti e due. Cos, per esempio, nei manuali e nei dizionari etimologici troviamo che letimo di it. io il lat. ego, dove abbiamo un cambiamento di forma ma non di signicato; quello di it. alibi mezzo di difesa in un processo, scusante, giusticazione il lat. alibi altrove, con un cambiamento di signicato ma non di forma; quello di it. ciao, attraverso il veneziano /'avo/ schiavo, il lat. tardo sclavus slavo, con un cambiamento sia di forma che di signicato; quello di quando il lat. quando, dove non abbiamo n un cambiamento di forma, n di signicato, ma solo di lingua (nel tempo); quello di sport dallinglese sport, in cui, di nuovo, non c n cambia25

26

Lorigine delle parole

mento di forma n di signicato, ma solo di lingua (nello spazio); e inne che letimo di malloppo il dialettale malloppo, dove c solo un mutamento di lingua (nella societ). Che cos allora, veramente, letimo di una parola, e in cosa consiste la ricerca etimologica? Rispondere a queste due domande tuttaltro che facile: non solo perch, come vedremo, la materia estremamente complessa, ma anche, e soprattutto, perch letimologia manca quasi completamente di un solido supporto teorico, e la sua denizione tradizionale irta di agranti contraddizioni. La ricerca etimologica scientica, infatti, ha goduto di grande prestigio solo nellOttocento e agli inizi del Novecento, nel periodo di formazione della linguistica storica, e, come stato pi volte notato (cfr. SCHMITT 1977: 2), i fondatori delletimologia non erano molto interessati a dare un fondamento teorico alla nuova disciplina, ma piuttosto ad applicare a essa i nuovi principi scoperti e formulati dalla linguistica storicocomparata. E a partire dagli anni Trenta e Quaranta, quando letimologia aveva gi perso molto del suo prestigio in parte per levidente debolezza dei suoi risultati, in parte per lemergere di nuovi interessi prevalentemente teorici (e non pi storici) per il linguaggio i linguisti non si interessano pi alletimologia. Come ammetteva, nel 1976, il romanista americano (di origini ucraine) Yakov Malkiel (MALKIEL 1976: vii), uno dei pochi linguisti interessati allaspetto teorico delletimologia: [etymologys] fall from high estate, accelerated over the last thirty or forty years, has been quite dramatic. Per cui, letimologia come nozione teorica non ha mai potuto essere veramente al centro dellattenzione degli studiosi. Nonostante alcuni tentativi negli anni Settanta di far rivivere linteresse teorico nei suoi confronti (MALKIEL 1976, ZAMBONI 1976, SCHMITT 1977), la sua drammatica caduta, lamentata da Malkiel, solo continuata, anche a causa del ristagno generale della linguistica storica e della continua diminuzione del suo ruolo nella linguistica generale. In questo libro sottoporremo ad analisi teorica e metodologica tutte le diverse fasi della ricerca etimologica, individuando le fondamentali conquiste fatte dai fondatori della linguistica stori-

Prefazione

27

ca come scienza, ma anche tentando, allo stesso tempo, di colmarne le lacune, alla luce dei risultati della ricerca di questi ultimi decenni, fra i quali anche quelli della cosiddetta Teoria della Continuit dal Paleolitico (ALINEI 1996a2000a), troppo importanti, sul piano specicamente cronologico, per essere taciuti in una discussione che riguarda, necessariamente, anche la datazione delle parole. Nei primi due capitoli analizzeremo la parola, prima genericamente, come artefatto umano sui generis, poi specicamente, come segno. Sulla base di questa analisi discuteremo poi criticamente, nel terzo e quarto capitolo, i principi e i risultati della ricerca etimologica tradizionale, mettendone in luce i limiti e avviandone una rielaborazione. Nei sei capitoli successivi (dal quinto allundicesimo) illustreremo diverse nuove proposte teoriche e metodologiche, anche concernenti la datazione e la periodizzazione lessicale. Nel dodicesimo riassumeremo i principali errori delletimologia tradizionale e illustreremo quelli che ci sembrano i requisiti di unetimologia ottimale. Nel tredicesimo illustreremo i dizionari etimologici, e nellultimo tenteremo di dare una nuova denizione riassuntiva delletimologia. Seguono la Bibliograa e, come Appendici: (A) unAntologia critica di esempi signicativi di ricerca etimologica; (B) un Glossario. Da quanto detto dovrebbe risultare chiaro che questo libro non intende essere una storia della ricerca etimologica italiana o romanza o indoeuropea , anche se, inevitabilmente, i riferimenti alle diverse scuole di pensiero che hanno inuenzato queste specializzazioni saranno numerosi. Piuttosto, questo libro vorrebbe essere un manuale introduttivo alletimologia, sia teorico che pratico, che aiuti lo studente e il giovane studioso a entrare subito in medias res approttando del fatto che le nostre parole sono una straordinaria enciclopedia che ciascuno di noi, n dallinfanzia, ha a propria disposizione. Che li aiuti a capire, quindi, che cosa signica veramente cercare letimo delle parole, che cosa e cosa non deve essere letimologia, e quale enorme contributo essa pu dare, se effettuata con coscienza critica e ri-

28

Lorigine delle parole

gore di metodo, alla conoscenza di tutto il nostro passato, dal pi recente al pi remoto, e quindi di noi stessi e dei nostri simili, come rappresentanti del genere umano. Per questo, abbiamo preferito concentrarci sullitaliano, sulle sue connessioni con il latino, con le altre lingue e gli altri dialetti neolatini, e con altre lingue antiche e moderne, per dare unidea pi coerente possibile del tipo di ricerca che si pu fare e dei risultati che si possono ottenere partendo dalle parole di una singola lingua. Avvertiamo che in questo volume i segni usati per distinguere le principali modalit del discorso e della parola sono i seguenti: corsivo per le forme linguistiche e per lenfasi, grassetto per le protoforme del PIE, corsivo grassetto per lenfasi accentuata, per il signicato, per il distanziamento e vari altri usi, per le citazioni; // per la trascrizione fonologica larga, [ ] per la trascrizione fonologica stretta; {} per liconimo (motivazione); <> per la graa; / \ per racchiudere le sequenze e le formule etimologiche, le prime caratterizzate, allinterno di / \, da >, per indicare lo sviluppo storico da X a Y, e da > per indicare lorigine storica di Y da X; le seconde caratterizzate da per indicare la direzione della presentazione. Il segno usato anche per il rinvio al Glossario e allAntologia critica. Nelle forme latine, la quantit vocalica stata segnata solo quando oggetto specico di discussione, e non nellesemplicazione pura e semplice.

1. COSA UNA PAROLA

1.1. La parola come unit del discorso Prima di affrontare il problema dellorigine delle parole sar opportuno denirne con qualche rigore loggetto: la PAROLA [ Glossario]. La questione potr sembrare cavillosa o superua, in quanto qualunque PARLANTE [ Glossario] e a maggior ragione il lettore di queste pagine certamente sa cosa sono le parole. Tuttavia, vedremo come la questione sia meno semplice di quanto non paia a prima vista, tanto pi se la domanda viene posta in rapporto al problema delle origini delle parole. Anzitutto, occorre ricordare al lettore che nella ricerca linguistica, se non si specica altrimenti, quando si parla di LINGUA [ Glossario] e di LINGUAGGIO [ Glossario] si intende sempre parlare di lingua parlata, e non di lingua scritta. Ed anzi signicativo che la forma pi antica, non attestata, della parola parlare fosse proprio *parolare, usare le parole. Ora, in ambito di lingua scritta, la denizione di una parola sarebbe semplice: unit graca preceduta e seguita da spazio o da segno di punteggiatura. E in effetti grosso modo cos che un computer o un processore computa e gestisce le parole di un testo. Ma nella lingua parlata una parola non viene divisa da spazi dalle altre, e di solito neanche da pause, e la sua realt quindi molto pi sfuggente. Per catturarla, quindi, se non la conoscessimo, dovremmo ricorrere a procedure complesse, che mirino a vericare la sua separabilit, cio la possibilit di esistere come unit signicativa autonoma, da sola, o in un certo conte29

30

Lorigine delle parole

sto. Chi si trovasse per la prima volta a dover identicare le parole di una lingua parlata ignota come accaduto e accade ancora nello studio delle lingue e/o dei dialetti non ancora alfabetizzati, e nella compilazione dei loro dizionari deve di fatto ricorrere a tali procedure. Nelle societ che dispongono di una lingua scritta, e in cui la separabilit delle parole stata gi realizzata a questo scopo, gli studiosi possono risparmiarsi le complesse operazioni di verica; le assumono cio come virtualmente effettuate, e deniscono la parola, senza per altro riuscirvi pienamente, per la complessit del problema, come unit minima separabile del discorso che abbia un signicato. 1.1.1. Due diversi tipi di parola: parola vs lessema o lemma Chiarito questo, tuttavia, dobbiamo ancora affrontare un altro problema, che non solo rilevante per il problema delle origini, ma lo , in generale, per la comprensione della natura della parola e, a livello pratico, anche per la preparazione di vocabolari e di altri strumenti che riguardano il LESSICO [ Glossario] nel suo insieme. Ed un problema che si pone soprattutto per le lingue essive come litaliano e le lingue indoeuropee in genere e per quelle agglutinanti come quelle uraliche e altaiche: quando parliamo di parole, cio, intendiamo quelle esse o declinate come andiamo andate andando andassero, amica amiche amicone amichetti, o la forma astratta che nella convenzione lessicale italiana e neolatina viene rappresentata dallinnito andare per i verbi, e dal maschile per i sostantivi e gli aggettivi (amico), e che di solito si chiama LESSEMA [ Glossario] o LEMMA [ Glossario]? Ci che troviamo nei dizionari monolingui e bilingui sono soltanto i lessemi o lemmi del dizionario, e invano si cercherebbe una denizione o una traduzione di parole come andiamo o andate. Questo non solo per ovvie ragioni di economia, ma anche perch ci che ci interessa, della parola, soprattutto il suo SIGNIFICATO [ Glossario] (di cui parleremo pi in dettaglio nel prossimo capitolo), e questo, come ben sappiamo, si conserva immutato, nel suo nucleo, in tutte le forme della coniugazione del verbo.

1 Cosa una parola

31

Pi esattamente, la coniugazione di un verbo aggiunge al suo signicato di base, mediante le desinenze [ Glossario, DESINENZA], ci che chiamiamo la persona, rispettivamente singolare (io, tu, lui, etc.) o plurale (noi, voi, loro, etc.), il modo (indicativo, imperativo, condizionale, etc.) e il tempo (presente, passato, futuro, etc.). Mentre nei nomi e negli aggettivi aggiungiamo il genere (maschile, femminile), il numero e, facoltativamente e mediante sufssi, unalterazione (accrescitivo, diminutivo, vezzeggiativo, dispregiativo, etc.). Anche nei dizionari etimologici [ Glossario, DIZIONARIO ETIMOLOGICO], che rispondono alle nostre domande sullorigine delle parole, troviamo soltanto i lessemi, e non le parole in senso stretto. Non troviamo quindi risposta n a domande del tipo da dove viene andiamo? n del tipo da dove viene la desinenza iamo della I pers. plur. del presente di tutti i verbi italiani?. N troviamo lorigine di sufssi [ Glossario, SUFFISSO] accrescitivi, diminutivi e dispregiativi come one o etto, ino, uccio, accio, etc., e neanche di sufssi di diverso tipo strutturale, come esimo (battesimo, cristianesimo, umanesimo) o come aggio (lavaggio, messaggio, ingrassaggio, viaggio, omaggio, etc.), o come esco (grottesco, cavalleresco, pedantesco, etc.). A domande di questo tipo che riguardano la MORFOLOGIA [ Glossario] delle parole, e quindi i morfemi [ Glossario, MORFEMA] e non le parole stesse in quanto tali risponde, come vedremo, la GRAMMATICA STORICA [ Glossario] e, pi specicamente, quella sua parte che si chiama MORFOLOGIA STORICA [ Glossario] (vd. oltre). Dobbiamo quindi scegliere anche noi, n dallinizio: a quale tipo di parola ci rivolgiamo, nella nostra trattazione: alle parole in senso stretto o ai lessemi o lemmi del vocabolario? Affrettiamoci a rispondere: a entrambi. La nostra trattazione mira a dare unidea completa delle problematiche e delle metodologie che riguardano lorigine delle parole cos come le conosciamo e le usiamo; quindi includeremo nella nostra illustrazione tutti e due i sensi di parola: sia quello di parola in senso stretto, sia quello della parola nel senso di lessema.

32

Lorigine delle parole

Ma aggiungiamo subito questa precisazione: dedicheremo, obbligatoriamente, molto pi spazio al lessema, perch lorigine dei morfemi di tipo iamo, ate, aggio, esimo, e cos via, tipici della parola in senso stretto, riguarda anzitutto un numero molto pi limitato di casi; inoltre, molto meno problematica di quella dei lessemi. Ma a parte questa differenza, il problema delle origini si sdoppia, a partire da ora, in un problema delle origini dei lessemi, e in un altro di quelle dei morfemi. 1.1.1.1. Sinonimi di parola e di lessema Ricordiamo, a proposito della tipologia della parola, che nella tradizione lessicale italiana (e anche in quella di altre lingue europee) esistono diversi sinonimi, sia di lessema come termine scientico univoco, sia di parola come termine comune e ambiguo: sinonimi come voce, vocabolo, termine, entrata lessicale, forma. Ciascuno di questi termini ha una connotazione pi o meno diversa, che ora cercheremo di analizzare, senza tuttavia pretendere di arrivare a una denizione ottimale, che richiederebbe molto pi spazio. Sinonimi di lessema in senso univoco: termine: la scelta preferenziale per rinviare alla presenza di una terminologia ristretta e specica o, pi genericamente, per indicare una scelta lessicale ben determin ata, cio cosciente della differenza specica di una parola rispetto ad altre, allinterno del lessico. Ha quindi, di solito, il senso di lessema; vocabolo: termine oggi poco usato nella ricerca, se non in rapporto al suo ancora usatissimo derivato vocabolario: come tale tende ad avere lo stesso signicato di lessema; entrata lessicale: anglicismo che ricalca lexical entry, a sua volta equivalente di lessema in area anglosassone (dove i neologismi di origine grecolatina non sono popolari). In Italia viene usato esclusivamente dai generativisti. Sinonimi di parola in senso ambiguo:

1 Cosa una parola

33

voce: nella ricerca, come nel linguaggio scolastico, uno dei termini pi usati, di solito per designare una singola unit nellambito di un complesso dello stesso tipo, e sottintende quindi linsieme da cui proviene. termine ambiguo, in quanto viene usato sia nel senso di forma, per esempio in voce di un certo verbo; sia come lessema, per esempio in voce dialettale o voce di un vocabolario. Un discorso a parte inne va fatto per FORMA [ Glossario], termine scientico che spicca per la sua ambiguit, ma che di difcile sostituzione. A livello teorico e astratto, infatti, forma mira a designare laspetto formale, cio morfofonetico [Glossario, MORFOFONETICA] della parola/lessema, e si oppone quindi al loro signicato. Per cui, a livello SINCRONICO [ Glossario], ha nito con acquistare lo stesso valore di parola non lemmatizzata [ Glossario, LEMMATIZZAZIONE], cio realizzata nel suo contesto sintattico, e si oppone quindi proprio a lessema o lemma, come unit lessicale astratta e convenzionale (in italiano innito per i verbi, maschile singolare per nomi e aggettivi). Mentre a livello DIACRONICO [ Glossario] nisce con riferirsi proprio al lessema, di cui rappresenta laspetto FONETICO [ Glossario] o FONOLOGICO [ Glossario], mediante il quale si pu recuperare l ANTEFORMA [ Glossario] o la PROTOFORMA [ Glossario, PROTO] etimologica. Va quindi sottolineata la mancanza, nel linguaggio comune, di sinonimi esclusivi per parola in senso stretto (dato che, come gi detto, forma in tal senso in uso solo nel discorso scientico). Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il parlante ha molto pi vivo il senso della nozione di lessema, che implica la stabilit del signicato, che non quella della forma come tale.

1.2. La parola come artefatto Chiarita lesistenza dei due diversi tipi di parola, possiamo ora porci una prima domanda fondamentale sulla parola, comun-

34

Lorigine delle parole

que intesa: come possiamo denirla, nel senso pi astratto e generico possibile, cio superiore alla stessa TASSONOMIA LESSICALE [ Glossario] della linguistica? Ricordiamo che tassonomia il nome che si d allorganizzazione gerarchica di un lessico, nellambito della quale, per esempio, possiamo denire un mastino come un cane da guardia a un livello superiore, quindi come un cane a un livello ancora superiore, quindi come un animale domestico a quello successivo, e inne come un animale, che consideriamo il vertice della tassonomia. La tassonomia dei cani rientra in quella degli animali domestici, che a sua volta rientra in quella degli animali. Ognuno di questi livelli rappresenta una categoria superordinata (di iperonimi [ Glossario, IPERONIMO] rispetto a quella inferiore (di iponimi [ Glossario, IPONIMO] e coiponimi [ Glossario, COIPONIMO]. quindi uno dei due modelli fondamentali per la strutturazione di un lessico naturale. L altro quello che possiamo denire, in modo generico, come la SINTASSI DEL LESSEMA [ Glossario], soggiacente alla LESSICALIZZAZIONE [ Glossario], che determina lassegnazione di ogni lessema alle diverse parti del discorso [ Glossario, PARTE DEL DISCORSO], a seconda della struttura concettuale e sintattica che esso servito a rappresentare in forma abbreviata (vd. oltre e cfr. ALINEI 1974a, 1980a). Come possiamo dunque denire la parola al livello extralinguistico pi generico possibile? Quale pu essere il vertice pi generico della sua tassonomia? La risposta, anche se pu richiedere pi di un momento di riessione, non pu essere che una: la parola un ARTEFATTO [ Glossario]. Cio fatta ad arte, perch creata dalla mente umana e realizzata con il ato umano, modicato dallapparato vocale, gustativo e masticatorio. Descritta nella sua materialit, questa mirabile facolt di HOMO LOQUENS [ Glossario], che secondo le ultime ricerche paleoantropologiche Homo ha ereditato, come facolt innata, da uninnovazione facoltativa di Australopithecus, ci ha messo infatti in grado di sfruttare lemissione del ato effettuata per lo pi in modo sonoro, cio con le corde vocali vibranti, ma pur sempre continuando nella respirazione normale per modicare

1 Cosa una parola

35

contemporaneamente il suono delle parole attraverso il movimento delle labbra, del palato, della lingua, del velo, delle corde vocali stesse e di altre parti della cavit orale; parole prodotte da sole o in sequenze sintattiche regolate dalla nostra GRAMMATICA [ Glossario]. Invenzione simile, ma incomparabilmente superiore, tecnicamente, a quella di qualunque strumento musicale a ato, perch con la parola vocale, volendo, potremmo anche cantare come lo strumento stesso, mentre con nessuno strumento musicale potremmo mai pronunciare parole, cio esprimere concetti. Per i suoi risultati, poi, facolt ancora pi prodigiosa, e forse la pi grande fra le facolt umane, perch con essa che Homo loquens si distinto dagli altri Primati, e senza di essa lumanit non avrebbe potuto realizzare nessuna delle altre invenzioni che caratterizzano la sua formidabile storia. E poco importa se alcuni specialisti ritengano che il linguaggio di tipo moderno, basato su una grammatica sosticata, sia cominciato solo con Homo sapiens, e altri pensino invece che sia cominciato molto prima, e sia quindi il risultato di unevoluzione continua. Perch sia nelluno che nellaltro di questi casi la parola come tale, cio come primo elemento fondamentale di un linguaggio, non importa se sosticato o primitivo, doveva essere gi disponibile. In altre parole, il linguaggio moderno pu forse essere iniziato con Homo sapiens, ma la parola come tale, primo elemento di qualunque tipo, anche rozzo e primitivo, di linguaggio, deve essere iniziata con le prime specie di Homo. Vi poi, passando al linguaggio moderno come lo conosciamo noi, un altro aspetto della parola che conferma ed evidenzia clamorosamente il suo carattere di artefatto: la sua diversit nelle varie parlate del mondo. Se tutte le parole in tutte le lingue del mondo fossero le stesse, si potrebbe anche sospettare che esse siano, anzich artefatti, il prodotto diretto di qualche misteriosa attivit mentale e organica; ma la realt che ogni parola diversa di lingua in lingua, di dialetto in dialetto: la parola per dio deus in latino, qej in greco (che non ha nulla a che fare con deus), god in inglese, bog in russo, sura in sanscrito. Cosa vi potrebbe

36

Lorigine delle parole

essere di pi articiale? Ovviamente, ci non toglie che qualunque artefatto, comprese le parole, venga prodotto mediante facolt innate nellessere umano, ma non questo il punto che ci interessa qui. 1.2.1. Alcune somiglianze dellartefatto lessicale con gli altri artefatti Molte sono le somiglianze degli artefatti lessicali con gli altri artefatti umani. Vediamo le pi evidenti. Anche gli artefatti lessicali, come tutti gli altri, vengono creati in un dato momento. Per le parole, come gi detto e come vedremo meglio nel prossimo capitolo, il momento della loro creazione quello che viene chiamato lessicalizzazione. Unaltra somiglianza, molto importante, degli artefatti lessicali con gli altri artefatti che anchessi sono soggetti a fattori esterni. Il ferro, non protetto, arrugginisce; il colore, alla luce, sbiadisce; il legno si tarla; il tessuto bagnato si restringe; e cos via. Anche la parola, se pronunciata da una bocca straniera, o dalla bocca di un dialettofono, o di un bambino infante, o male interpretata da un parlante incolto, si deforma, si abbrevia, si allunga, cambia. Per ragioni che illustreremo nei prossimi capitoli, la parola pu anche cambiare di signicato senza per questo cambiare di forma. Anche se gli agenti esterni che modicano le parole non sono, ovviamente, gli stessi che modicano il ferro, o il legno, o il tessuto, sono sempre agenti esterni che producono alterazioni lessicali (e linguistiche in genere). Indipendentemente da questi mutamenti, poi, anche gli artefatti lessicali, come tutti gli altri, possono diventare obsoleti e scomparire dalluso. I musei agricoli e scientici sono pieni di strumenti non pi usati ma importanti come testimonianze storiche e oggetto di studi sul nostro passato recente. Per lantichit pi remota esistono i musei preistorici, creati per custodire preziosissime vestigia dei nostri artefatti pi antichi, dalle recenti Et dei Metalli no al pi remoto Paleolitico. Perno per le industrie obsolete dellepoca moderna esiste larcheologia industriale. Per

1 Cosa una parola

37

le parole come artefatti, purtroppo, non si ha alcuna attenzione e considerazione. Come vedremo, invece, si tratta sempre di utensili di enorme valore storico, anche quando escono dalluso. Valore che aumenta, naturalmente, in misura della loro antichit. Proprio per questo, fra laltro, le innumerevoli parole dialettali che sono morte e stanno morendo, per la morte delle condizioni culturali che ne hanno permesso no a poco fa la sopravvivenza, dovrebbero essere registrate e conservate a disposizione degli studiosi in musei audiocartacei, come tesori di inestimabile valore storico e preistorico, per la luce che possono gettare sul nostro passato e sulle nostre conoscenze delluniverso cognitivo e linguistico di gruppi rappresentativi della differenziazione del genere umano. Come gli altri artefatti, inne, anche quelli lessicali possono viaggiare naturalmente trasportati anche loro da un paese allaltro, e talvolta affermarsi fra i parlanti di unaltra lingua. In mancanza di lingua scritta, naturalmente, la diffusione di una parola al di fuori della propria area di origine non poteva che dipendere dai viaggi del parlante stesso. La lingua scritta prima con il trasporto dei documenti, oggi divenuto immediato con fax, cellulari e computer , e quella parlata poi con il telefono, la radio e la televisione hanno moltiplicato allinnito queste potenzialit di diffusione della parola. Quando una parola si afferma fra i parlanti di unaltra lingua, la LINGUISTICA STORICA [ Glossario], come vedremo, parla di prestiti [ Glossario, PRESTITO] da una lingua allaltra: nome, come stato gi notato (cfr. TAGLIAVINI 1964: 220 e n.), non poco curioso, della cui scelta sarebbe utile ricostruire la storia e il contesto ideologico, dato che i prestiti si suppone vengano restituiti, ci che nella storia delle lingue succede solo rarissimamente con i cosiddetti Rckwanderer o cavalli di ritorno parole che viaggiano ritornando in altra forma al paese di origine! In realt, andrebbe aggiunto, si tratta di acquisizioni, o di veri e propri regali, che come tali di solito arricchiscono e non impoveriscono la lingua che li riceve. E da questo punto di vista degno di nota che, sebbene tutte le culture accettino la norma di buona

38

Lorigine delle parole

educazione secondo cui a caval donato non si guarda in bocca, la storia delle lingue conosca tanti puristi, non proprio bene educati, che passano il loro tempo a guardare in bocca i cavalli stranieri che ci sono stati regalati per svalutarli e sostenere che bisogna usare solo cavalli nostrani, o per lo meno introdurre delle quote di immigrazione Dimenticando, fra laltro, che proprio linglese, oggi principale incriminato per le valanghe di regali che da qualche tempo rovescia in tutte le lingue del mondo, una delle poche lingue occidentali composte per pi di met di prestiti da unaltra lingua: il francese. Per cui, quando affermiamo L inglese attualmente la lingua dominante nel mondo, notiamo solo un prestito inglese nella frase (la parola inglese!), mentre quando lo affermiamo in inglese English is at present the dominant language in the world notiamo tre prestiti, di cui due latini (present, dominant) e uno francese (language). Purtroppo, non c peggiore educatore del censore! E, come si vede, proprio la lingua pi aperta e tollerante ai prestiti quella che oggi ha conquistato il mondo! 1.2.2. La parola come artefatto sui generis Ma se la parola assomiglia per certi versi agli altri artefatti essa ha anche caratteristiche uniche e straordinarie, che la distinguono da tutti gli altri artefatti, ed soprattutto su queste che ora dobbiamo concentrare la nostra attenzione. 1.2.2.1. La parola come artefatto complesso Come artefatto, la parola tuttaltro che semplice. Anzitutto, anche se la consideriamo come lessema, ne esistono decine di migliaia, e di ciascuna di esse dobbiamo conoscere e ricordare le regole di riproduzione. Per di pi, come abbiamo gi visto, quasi ogni lessema di una lingua come litaliano conosce un certo numero di forme (parole in senso stretto), a seconda se si tratta di nomi, di aggettivi o di verbi, e a seconda se si riferisca a una o pi persone o cose, se sia di genere maschile o femminile, se si rife-

1 Cosa una parola

39

risca a me, a te, a lui, a lei, a noi, a voi, a loro, e se nel presente, nel passato, nel futuro, se sia un racconto, unasserzione, un invito, un comando, una supposizione, unipotesi, e cos via. In realt, il livello di produttivit lessicale che ci si aspetta da qualunque parlante, anche il pi incolto, esige che questi diventi, gi da bambino, un perfetto gestore del proprio hardware (polmoni, bocca, lingua, etc.), e un altrettanto perfetto utente del complesso software che gli permette, n dallinfanzia, di produrre questa mirabolante variet di artefatti, ognuno diverso dallaltro, ma sempre prodotto con le stesse regole e le stesse eccezioni. 1.2.2.2. La parola come artefatto standardizzato senza procedure burocratiche Gli altri artefatti umani, anche quando sono industriali, cio prodotti in massa, raramente sono standardizzati: la loro produzione, cio, di solito, varia liberamente secondo il gusto e la strategia dei produttori. Solo quando viene standardizzata, cio sottoposta a norme imposte da unautorit esterna, e conformi a un certo modello precisamente denito, viene resa pi uniforme; ci che limita in qualche misura la libert del produttore. Ma anche i prodotti standardizzati (per es. i prodotti elettrici, i farmaci e altri) differiscono di solito nei materiali, nella qualit, nella confezione e in altri aspetti, per la scelta dei quali la libert dei singoli produttori non viene limitata. Indumenti, strumenti di uso quotidiano e generalizzato, che non sono standardizzati formalmente, ma la cui funzione li livella egualmente a modelli universali (si pensi alle taglie per gli indumenti), conoscono forme, materiali, colori, stili e qualit diversi, a seconda della moda, del gusto personale, del luogo di produzione, del nome del produttore, del prezzo. Le parole prodotte dai membri di una comunit di parlanti, invece, siano essi bambini, adulti o vecchi, donne o uomini, sono sempre identiche a s stesse, e senza che nessuno abbia esplicitato, imposto o autorizzato una norma qualsiasi. La parola, dunque, nonostante non sia un prodotto industriale, un artefatto assolu-

40

Lorigine delle parole

tamente standardizzato, e lo in modo assoluto e senza eccezioni: infatti sempre identico a s stesso. E alla sua standardizzazione provvede un meccanismo sociale di autoregolazione, gestito dalla comunit che lo usa, nel senso preciso che la parola viene prodotta in modo identico da tutti i membri di una stessa comunit, indipendentemente dallet, dal sesso e dalla cultura di chi la usa, e nonostante sia prodotta in miliardi di esemplari dallintera comunit di parlanti. Tutte le parole usate in qualunque conversazione fra due persone che si trovino in qualunque luogo della propria area linguistica, o a livello scritto in qualunque pubblicazione, sono sempre le stesse. A partire dal momento in cui una parola, per opera di un individuo, nasce ed entra in circolazione, essa diventa automaticamente riproducibile da tutti i parlanti di quella lingua. Con o senza inessioni dialettali nel parlato, con o senza errori di ortograa nello scritto, le migliaia di parole del vocabolario che ognuno di noi usa quotidianamente si continuano, di fatto inalterate, nei discorsi e negli scritti delle decine di milioni di italiani, cos come quelle inglesi o spagnole nelle centinaia di milioni dei parlanti di quelle lingue. Anche nello spazio di una nazione, con esclusione delle eventuali aree alloglotte, le parole di una lingua sono sempre le stesse, indipendentemente da chi le pronuncia. Nelle societ tradizionali vi possono essere differenze fra il vocabolario degli uomini e delle donne, o di un gruppo sociale rispetto agli altri, ma si tratta di differenze imposte da credenze religiose e da consuetudini rituali, e non inerenti le parole stesse, che nonostante queste differenze sono sempre standard. Nelle societ socialmente straticate del nostro mondo, le differenze sociali e i loro riessi geoculturali possono causare la produzione di varianti sociolinguistiche [ Glossario, SOCIOLINGUISTICA] delle parole, ma anche queste varianti, in ultima analisi, sono standardizzate, cio autoregolate secondo norme accettate dalle comunit sociolinguistiche che le usano.

10. ARCHEOLOGIA ETIMOLOGICA: LA DATAZIONE DELLE PAROLE

10.1. Premessa Sarebbe difcile parlare di archeologia etimologica senza disporre di adeguati metodi di datazione lessicale. Il problema, tuttavia, non mai stato seriamente affrontato dalla linguistica storica.

10.2. Cosa signica datare una parola L espressione datare una parola, anzitutto, pu sembrare ambigua, se non fuorviante o, addirittura, priva di senso. Cerchiamo dunque di renderci conto del perch, prima di rispondere alla domanda. Che questa impressione sia dovuta allidea errata, che gi conosciamo, che le parole siano qualcosa di vivo e organico? In questo caso, naturalmente, non potremmo datare le parole cos come non possiamo datare un ore, un animale, o una persona. Anche di un organismo vivo, tuttavia, possiamo stabilire let, cio la data di nascita. In realt, non vi sono differenze sostanziali fra datare qualcosa e stabilirne let: la distinzione puramente terminologica, cio contestuale si data un artefatto, si ssa la data di nascita di un organismo vivente. Da dove nasce dunque questa impressione di domanda senza senso sulla data di una parola? Tanto pi che, come sappiamo, le parole non sono un organismo ma un artefatto, quindi anchesse dovrebbero essere, come tutti gli altri artefatti, databili?
435

436

Lorigine delle parole

Il fatto , come abbiamo visto, che le parole sono artefatti diversi da tutti gli altri, perch sono volatili, ma ci nonostante hanno la straordinaria capacit di durare nei secoli e nei millenni, senza per questo mai perdere la loro identit, attualit e funzionalit. A differenza quindi di un manufatto archeologico, che pu essere datato allepoca romana, allEt del Ferro, al Neolitico, al Mesolitico, al Paleolitico, qualunque parola in circolazione, indipendentemente dalla sua data di nascita, sempre come nuova e pronta alluso, e, nella misura in cui il suo signicato cambia, cambia anche la sua data di nascita. Inoltre nessuno di noi ricorda il momento in cui abbiamo appreso le prime parole. E quandanche ce lo ricordassimo, non sarebbero parole gi vecchie, perch gi usate dai nostri genitori? Come potremmo dunque datarle? Sembrerebbe, piuttosto, che le parole non abbiano n principio n ne, che siano eterne e immortali come (si spera) la specie umana, oppure che si confondano con la nascita del linguaggio e, quindi, dellominide stesso. Ecco perch abbiamo difcolt a capire il senso della domanda sulla datazione delle parola. Per rendere la domanda pi sensata, ci che dobbiamo accertare, prima di tutto, se nellartefattoparola vi sia qualcosa di databile e, se vi , in che cosa consiste. E solo se riusciremo in questo intento, potremo procedere a fondare la nuova archeologia etimologica, che riunisca in una sintesi coerente tutti i risultati di valore storicoculturale della ricerca etimologica, sostituendosi, come stiamo per vedere, alla paleontologia linguistica tradizionale.

10.3. Datare una parola non signica datarne la forma La linguistica storica, purtroppo, ha affrontato il problema della datazione lessicale in modo del tutto inadeguato, a causa dellignoranza del ruolo delliconimo nei processi lessicali, oltre che dei gi illustrati, profondi fraintendimenti sulla natura del linguaggio e della parola (ALINEI 1991b, 1992c, 1996). Nella prassi tradizionale, infatti, quando si parla di datazione di una parola ci si riferisce di solito alle attestazioni [ Glossa-

10 Archeologia etimologica: la datazione delle parole

437

rio, ATTESTAZIONE] della sua forma graca, e in particolare alla sua PRIMA ATTESTAZIONE [ Glossario] (cfr. per es. PFISTER/LUPIS 2001). Vedremo pi in l come tali datazioni siano afdabili e produttive solo in un numero molto ristretto e rigorosamente denibile di casi, e solo come metodo di datazione indiretta. In generale, per, datare le parole sulla base delle attestazioni scritte ha pressappoco lo stesso valore di una datazione delle montagne basata sulle loro prime fotograe. Occorre quindi, anzitutto, ribadire quanto abbiamo detto n dallinizio di questo libro, e cio che quando parliamo di origine delle parole parliamo sempre di lingua parlata. Anche per la datazione lessicale, quindi, dobbiamo rigorosamente partire da questo principio. Ovviamente il suono fonico come tale non si lascia datare. Anche se prendiamo in considerazione la forma fonica specica di un iconimo, essa , per denizione, quella di una parola gi esistente precedentemente, e quindi in ultima analisi nisce con coincidere con una protoforma, cio con lorigine del linguaggio e con il suono signicante come tale. Certo il suono signicante databile come specica facolt umana, diversa da quella degli altri animali che pure possono produrre suoni signicativi. Ma poich le ultime ricerche paleoantropologiche ci assicurano che Homo nato loquens, lunica datazione possibile del suono linguistico umano sarebbe quella della comparsa di Homo, un numero ancora dibattuto di milioni di anni fa!

10.4. Datare una parola signica datarne il signicato chiaro, invece, che di una parola si pu datare, e vedremo con che metodi, il momento, o per lo meno il periodo, della lessicalizzazione del suo signicato. E, come sappiamo, tale lessicalizzazione altro non che il mutamento di signicato delliconimo scelto dal parlante per designare il nuovo referente. Datare una parola signica quindi datare il momento in cui il parlante ha deciso di lessicalizzare un nuovo signicato, cio un nuovo referente, una nuova nozione, e ha quindi scelto un iconi-

438

Lorigine delle parole

mo per designarlo: solo questo signicato che nuovo, e come tale nasce. La data di nascita di una parola la data di nascita del suo signicato, indissolubilmente legato alliconimo che servito alla sua designazione, anche se questo pu restare inaccessibile allanalisi. Il momento in cui una parola gi esistente cambia di signicato, cio diventa un iconimo per designare unaltra nozione, nasce anche una nuova parola, con la sua brava data di nascita. Non a caso, come abbiamo pi volte detto, liconimo lombelico della parola. Ecco perch, come vedremo meglio nel prosieguo della discussione, la precisione della datazione delle parole dipende in larga misura dalla databilit dei loro signicati, cio dei referenti e delle nozioni che esse designano: pi questi sono recenti, pi facile datarne il nome; per non poche parole scientiche, per esempio, possiamo addirittura ssarne la data di nascita precisa. Al contrario, pi le parole sono antiche e vedremo fra poco no a che profondit cronologica possiamo arrivare pi difcile stabilire let esatta del loro nome. Come vedremo, tuttavia, nonostante questa inevitabile approssimazione il signicato di innumerevoli parole pu essere datato, n pi n meno dei manufatti archeologici, a qualunque periodo della storia o della preistoria: allEvo Moderno, al Medioevo, a Roma, alle tre Et dei Metalli, e perno al Neolitico, al Mesolitico e al Paleolitico. Da quanto detto, consegue anche che una stessa parola indipendentemente dal suo eventuale mutamento fonetico possa avere pi di una data: semplicemente perch ha cambiato di signicato, e quindi ci che datiamo sono i suoi diversi signicati. Nel datare la parola penna (per scrivere), per esempio, non andremo pi in l del Medioevo, cio dellepoca in cui si cominci a usare una penna doca per scrivere. Se invece volessimo datare penna (duccello), anche se penna pur sempre la stessa parola usata come iconimo della nuova , raggiungeremo prima lepoca latina, in quanto lat. pinna e penna convergono nel signicare penna duccello, ala, ma poi dovremo arretrare no al PIE per scoprire liconimo *petna che serve e volare, il quale, come formazione lessicale appartenente al PIE, certamente paleolitico.

10 Archeologia etimologica: la datazione delle parole

439

Al contrario, se il signicato di una parola non cambia, nonostante ne cambi la forma, la datazione sar una sola. Prendiamo per esempio it. io, che sappiamo deriva da lat. ego, con lo stesso signicato. A quando datiamo la lessicalizzazione di io? evidente che per raggiungere il momento della lessicalizzazione di questa nozione dobbiamo prescindere assolutamente dalle eventuali trasformazioni che la forma originale potrebbe aver subito nel corso dei tempi. Di conseguenza, dobbiamo anche trascurare la lingua o il linguema nel cui lessico la parola o la sua eventuale trasformazione stata accolta. Per cui non solo la parola italiana io non rappresenta il momento della lessicalizzazione della nozione, ma non lo rappresenta neanche quella latina ego, anchessa modicata rispetto alla radice PIE ricostruita nella forma *eg (e varianti). La datazione della parola it. io, insomma, cos come quella della parola lat. ego (e quella del gr. g, del ted. ich, ingl. I, ned. ik, scand. jag, etc., slovn., russ. e pol. ja, etc., lit. , lett. es, etc.), una sola, cio quella della sua lessicalizzazione nel Paleolitico, quando, presumibilmente, una popolazione IE diversa dalle altre, ma come le altre egualmente rappresentativa di Homo loquens, scelse una forma simile alla radice PIE ricostruita per esprimere, per la prima volta, la coscienza di s come composta di individui. 10.4.1. Si pu datare il signicato anche senza identicarne liconimo? Dallesempio della datazione di io sorge un quesito importante: possiamo datare il signicato di una parola, anche senza conoscerne liconimo? Lesempio di io si presta a questa discussione perch il suo iconimo concreto non raggiungibile anche se, come abbiamo visto, la ricostruzione di una protoforma IE, basata sul confronto delle forme afni nelle diverse lingue IE, permette di ipotizzare la presenza di un protoiconimo fonosimbolico. Ci nonostante, la profondit cronologica di una nozione come io, che si confonde con la nascita della coscienza umana, ci permette una datazione al pi remoto Paleolitico. Anche per le

440

Lorigine delle parole

parole di iconimo ignoto o incerto, dunque, possiamo egualmente effettuare datazioni sulla base del signicato. Naturalmente, come logico e come vedremo meglio nelle prossime sezioni, la conoscenza delliconimo ci permette di approfondire e di precisare le nostre ricostruzioni, comprese le nostre datazioni. Non solo, ma essa rappresenta anche una formidabile garanzia teorica della validit del metodo di datazione. Tuttavia, essa non indispensabile per la datazione lessicale. Per chiarire questo punto, accontentiamoci per ora di un esempio: la parola latina ferrum, la cui continuit nellarea neolatina generale: it. e port. ferro, fr. fer, sp. hierro, cat. e prov. ferre, rum. er, etc. Questa parola ha un iconimo incerto e controverso, e possiamo quindi simulare la sua assenza, anche se illustreremo per convenienza un paio di ipotesi. La questione : possiamo datarla lo stesso, anche ignorandone liconimo? La risposta evidente: certo che possiamo, dato che lesistenza del suo signicato, cio la nozione del ferro come metallo, indipendentemente da quale iconimo e in quale lingua sia stato scelto per designarlo, indissolubilmente legata alla scoperta del metallo, che la ricerca archeologica data al II millennio a. C. E poich la parola ferrum appartiene al vocabolario del latino classico, possiamo datarne ladozione in latino esattamente al periodo fra le prime attestazioni assolute delluso del ferro nel II millennio (sia nel suo probabile focolaio in Anatolia che in Europa) e la fondazione di Roma, allinizio del I, quando si deve presumere che il latino fosse gi parlato in Italia centrale. Ora, la conoscenza delliconimo di lat. ferrum potrebbe contribuire a rendere questa ricostruzione pi precisa, ma non ne cambierebbe la sostanza: se per esempio si trattasse di un forestierismo, come alcuni studiosi hanno variamente e vanamente ipotizzato, e come stato invece accertato, per esempio, per il nome germanico del rame (ingl. copper, ted. Kupfer, etc.) e per quello francese dello stesso metallo (cuivre), che viene dal nome dellisola di {Cipro}, potremmo identicare con precisione il percorso geograco della parola, al seguito della cosa, e cercare possibili addentellati con la documentazione archeologica. Ma la datazione al-

10 Archeologia etimologica: la datazione delle parole

441

lEt del Ferro, ovviamente, non cambierebbe. Se invece si trattasse di un iconimo concettuale o metaforico, potremmo capire meglio il contesto dellinvenzione: nella nostra etimotesi per ferrum (ALINEI 2000a), si tratterebbe di una variante dialettale celtizzata del latino faber fabrum (agg.) fatto dal fabbro nata nellambito della grande cultura celtica di La Tne , con palatalizzazione di /a/ tonica (cfr. fr. fvre fabbro) e successivo passaggio, nellarea tipicamente siderurgica e di dominio etrusco dellisola dElba, di Piombino, Populonia, etc., di /br/ a /rr/, come per es. nellelbano e toscano dialettale ferraio febbraio, it. lira (da libra), etc. Anche qui, e molto meglio che nel caso precedente per la coincidenza con i dati archeologici, potremmo ricostruire con esattezza litinerario della parola. Ma la datazione non cambierebbe. Ecco dunque la conclusione, tanto semplice quanto fondamentale, che ci seguir in tutto il capitolo: datare una parola unoperazione che riguarda esclusivamente il suo signicato, che pu essere precisata dalla conoscenza delliconimo, ma non ne strettamente dipendente, e non ha comunque niente a che fare n con la forma della parola n con la lingua o dialetto del cui lessico essa fa parte. 10.4.2. La datazione delle singole parole di una lingua travalica la datazione della lingua stessa Soffermiamoci ora su questi due ultimi problemi, cominciando dallindipendenza della datazione di una parola da quella della lingua in cui attestata. Anche se il problema della datazione di una lingua non appartiene alla tematica di questo libro, forse utile chiarire che questo problema di carattere sociopolitico e non linguistico comunque completamente diverso da quello della datazione delle sue parole. Non solo nel senso del tutto ovvio che la datazione di un insieme sempre diversa da quella delle sue singole parti, ma anche e soprattutto in quello, meno ovvio, che lingua e lessico coincidono sul piano formale ma non sul piano semantico. Sul piano formale, italiano e io coincidono,

442

Lorigine delle parole

cos come coincidono latino ed ego, ma sul piano semantico sia io che ego, come abbiamo visto, non si lasciano datare n alla nascita dellitaliano n a quella del latino, bens alla nascita della coscienza umana in un ramo specico della prima famiglia umana. Questa una posizione nuova, rispetto a quella tradizionale. Secondo la linguistica storica classica, infatti, poich il lessico una componente fondamentale di una lingua e ha quindi la sua stessa cronologia, le parole di una lingua non possono essere pi antiche della lingua stessa. In altri termini, la data di nascita di una parola non dipenderebbe dalla prima lessicalizazione della nozione designata, ma dallinizio convenzionale della lingua cui la parola appartiene, e la data di inizio della lingua, comunque questa possa essere determinata, rappresenterebbe, per denizione, un limite massimo per lorigine delle parole della lingua stessa. Per cui se volessimo datare, per esempio, la parola it. io, o la parola it. quando, che in quanto signicati risalgono senza soluzioni di continuit al PIE e hanno quindi una datazione paleolitica, niremmo con datarle tutte allinizio dellitaliano, convenzionalmente attribuito al Medioevo. Questa posizione del tutto errata, ed dovuta ad alcuni errati assunti della linguistica storica tradizionale, fra cui principalmente: (1) il primato della forma sul signicato: io italiano solo come forma e come parte di un sistema morfonosintattico formale; (2) la gi criticata considerazione di una lingua come un organismo vivente; infatti evidente che se una lingua fosse un organismo vivente le sue parole parteciperebbero di questa vita e nascerebbero e morirebbero con la lingua stessa; (3) la successiva reicazione e superfetazione della lingua, a cui vengono attribuiti caratteri obiettivi inesistenti, attribuibili invece alla psicologia dei parlanti; (4) la mancata individuazione delliconimo, e del suo rapporto con il signicato: sia il signicato che liconimo possono travalicare lesistenza di una lingua intesa come sistema; (5) il modo inadeguato con cui la linguistica storica ha affrontato il problema specico della datazione delle parole. In realt, poich abbiamo visto che ogni parola del lessico di una lingua databile solo in base alla lessicalizzazione del suo si-

10 Archeologia etimologica: la datazione delle parole

443

gnicato, ci ci porta inevitabilmente, in innumerevoli casi, a superare anche di millenni e millenni la nascita della lingua in cui si parla. Ci non esclude affatto che litaliano, o il latino, abbiano personalit, identit e caratteristiche del tutto particolari e uniche, che le rendono lingue diverse da tutte le altre. Non contestiamo, in alcun modo, questa ovvia e banale realt. Ma questo non ha nulla a che fare con la data di nascita dei signicati delle parole italiane e latine: se il loro signicato nato con lIE, e quindi con il Paleolitico, o nato con il Mesolitico, o con il Neolitico, o nellEt del Rame, del Bronzo o del Ferro, le abbiamo ereditate da allora e hanno quindi quella et, anche se oggi hanno unaltra forma, seguono altre regole, e sono italiane, e ieri erano latine, o protoitaliche, legate a unaltra grammatica. Allo stesso modo, il fatto che il popolo italiano, rigorosamente inteso, non possa dirsi tale prima del Risorgimento e dellIndipendenza nazionale, perfettamente conciliabile con la certezza che tutti gli italiani che si chiamano Fabbri, Ferrari, Magnani, Molinari, Callegari, Sartori e simili risalgano, per via paterna, a fabbri, mugnai, calzolai e sarti medievali, cio di unepoca in cui lItalia come nazione non esisteva neanche come programma politico. Se poi usiamo il DNA, cosa resta dellitalianit di un italiano? E in cosa si distingue la scomposizione della parola in signicato, forma e iconimo da quella dellindividuo in elementi biochimici? La lessicalizzazione di un nuovo concetto sia questo io o ferro, arcobaleno o telefonino non ha niente a che fare con la lingua in cui essa si realizza, a parte la mera casualit della circostanza. La data di questa lessicalizzazione rester sempre la stessa, nei secoli e nei millenni, indipendentemente dalla continuazione e dalla diffusione della parola nel futuro e dal suo eventuale attraversamento di pi lingue, intese come identit di tipo grammaticale, associate a comunit di tipo sociopolitico. Buona parte del lessico PIE, che ha per denizione origini paleolitiche e una grammatica sui generis, si continua nel latino che ha unaltra grammatica e unidentit protostorica, e buona parte di questo lessico latino di origine PIE si continua poi nellitaliano,

444

Lorigine delle parole

con una terza grammatica e una terza identit storicopolitica; e si continuerebbe, nel futuro, in tutte le possibili lingue che dallitaliano o dalla sua mescolanza con altre lingue e con altre societ potrebbero nascere. Analogamente, nessuno esiterebbe, per una persona, a distinguere fra la sua et in assoluto e la data del suo eventuale cambio di cittadinanza o di residenza. Lo stesso vale per la parola nel suo rapporto di cittadinanza linguistica. Anche per le parole di una lingua, infatti, si pu distinguere fra la datazione della lessicalizzazione delle nozioni che nacquero nel pi antico sistema encorico raggiungibile (PIE per litaliano) e la datazione dellaccettazione delle stesse parole nei diversi sistemi encorici (come litaliano e il latino) che lhanno accolte, di volta in volta, nella stessa forma (quando da quando) o in una forma diversa (io da ego). 10.4.3. Datare i mutamenti della forma fonica di una parola: un problema irrilevante per la datazione della parola Passiamo ora al possibile ruolo della forma fonica per la datazione della parola. Che questo sia inesistente dimostrabile riettendo alla datazione di un moneta: la data di una moneta greca del periodo attico resta assolutamente la stessa, indipendentemente dallo stato di conservazione in cui c pervenuta (e dalla nazionalit dei suoi diversi proprietari, per ritornare al precedente punto della lingua). Analogamente, la datazione della grotta di Lascaux indipendente dal mutamento del clima, del paesaggio e delle popolazioni dellarea in cui si trova. E anche nella vita organica, let del signor X non affatto legata alle trasformazioni del suo corpo, da neonato a bambino, da bambino a ragazzo, da ragazzo a giovanotto, da giovanotto a uomo, da uomo a vecchio, nel corso della sua vita, n al cambio della sua cittadinanza o della sua residenza in una nazione o in unaltra, dal fatto che si lasci crescere i baf o la barba, e si faccia o meno un face lifting o un trapianto di capelli. Vedremo pi oltre come su questa questione fondamentale lindoeuropeistica e la linguistica storica tradizionale abbiano commesso un errore di fondo, che ha enorme-

10 Archeologia etimologica: la datazione delle parole

445

mente frenato il loro sviluppo negli ultimi decenni, e che impedisce tuttora il loro rinnovamento. Inoltre, indipendentemente dai problemi che illustreremo fra poco, non va mai perso di vista che datare una parola e datare i suoi cambiamenti fonetici restano comunque due operazioni assolutamente diverse. Ce ne rendiamo meglio conto se prendiamo di nuovo lesempio della vita organica: un conto stabilire la data di nascita di una persona, un altro la data delle sue trasformazioni siologiche nel corso della sua vita. Lo stesso per un manufatto architettonico, per esempio, la cui data di nascita non ha niente a che fare con quella in cui stato bombardato nel corso di una guerra, restaurato in un altro momento, danneggiato da un incendio in un altro ancora, restaurato di nuovo in un momento successivo, e cos via. Naturalmente, anche se nella pratica linguistica, come vedremo, praticamente impossibile determinare la data dei cambiamenti fonetici di una parola, di essi si pu stabilire una CRONOLOGIA RELATIVA [ Glossario]: prima viene *egom, poi ego, poi *eo, inne io. Ma ciascuna di queste forme, in assenza di registrazioni che ne accertino (come?) linizio, non contiene, in s, neanche lombra di una data assoluta: la produzione del suono, negli esseri umani, per sua natura pancronica. Semmai, ci si pu porre il compito di datare il momento in cui un mutamento fonetico, dapprima individuale o locale, stato accolto nella norma linguistica. Per questo tipo di datazione vedremo pi oltre che possibili metodi ci sono, ma vedremo anche che essi hanno un valore molto relativo. 10.4.4. Una verica: come datare forestierismi e calchi Pu essere utile vericare quanto detto alla luce di due tipi particolare di parole: i prestiti e i calchi. Per quanto riguarda i prestiti, come abbiamo gi accennato, facile vedere che vi sono due diverse datazioni possibili, ed entrambe indipendenti, anche queste, dalla lingua e dalla forma: (1) si pu datare la parola originaria, cio la sua lessicalizzazione nel

446

Lorigine delle parole

sistema di origine, per noi esocorico, e allora non potremo che seguire il criterio semantico gi illustrato; (2) si pu cercare di stabilire la data, ovviamente del tutto diversa, dellingresso del prestito nel nostro sistema encorico, e allora, quando possibile, ci varremo di altri criteri, esterni alla parola stessa, che vedremo fra poco. Anche qui, la totale differenza delle due datazioni pu essere meglio apprezzata con un esempio extralinguistico: se abbiamo a che fare con una persona immigrata, un conto ssare la sua data di nascita, un altro quella della sua immigrazione nel nostro paese. Per quanto riguarda i calchi, il problema del tutto analogo: se vogliamo datare grattacielo, calco dellamericano skyscraper, un conto stabilire la data del calco, cio della traduzione delliconimo della parola esocorica nel sistema encorico, un altro stabilire la data della vera parola, cio di quella originale, per la quale non possiamo che valerci del signicato, legato alla costruzione dei primi grattacieli americani.

BIBLIOGRAFIA

AA.Vv. (1976), Dizionario del dialetto cremonese, Cremona, Libreria del convegno. . L. ABAEV, Prinzipien etymologischer Forschung, in SCHABAEV (1956/1977) = V MITT (1977), pp. 177199 (ediz. orig.: O principach etimologieskogo issledovanija, in ID., Voprosy metodiki sravitelnoistorieskogo izuenija indoevropejskich jazykov, Moskva, Izdat. Akad. Nauk SSSR, 1956, pp. 286307). ABBOTT (1903) = G. F. ABBOTT, Macedonian Folklore, Cambridge, University Press. AEBISCHER (1930) = P. AEBISCHER, Le caractre divin du Sarno, in Revue Belge de Philologie et dHistoire, IX, pp. 421454. AEBISCHER (1978) = ID., Protohistoire de deux mots romans dorigine grecque: thius oncle et thia tante, in ID., Etudes de stratigraphie linguistique, Berne, Francke, pp. 2577. AEI = G. DEVOTO, Avviamento alla etimologia italiana. Dizionario etimologico, Firenze, Le Monnier, 1966. AIS = K. JABERG, J. JUD, Sprach und Sachatlas Italiens und der Sdschweiz, Zongen, Ringier, 19281940, 8 voll. ALCOVERMOLL = A. M. ALCOVER, F. DE B. MOLL (19641969), Diccionari CatalValenciBalear. Inventari lexicogrc i etimolgic de la llengua ca talana, Palma de Mallorca, Editorial Moll, 10 voll. , ALE = M. ALINEI et al. (a cura di), Atlas Linguarum Europae, Tomes IIV 19831990, Assen, Van Gorcum, Tome VVI, 19931997, Roma, IPZS. ALEIC = G. BOTTIGLIONI, Atlante Linguistico ed Etnograco Italiano della Corsica, Pisa, 19331942, 10 voll. ALF = J. GILLIERON, E. EDMONT, Atlas Linguistique de la France, Paris, Cham pion, 19021910, 11 voll. ALGRM = W. H. ROSCHER (Hrsg.), Ausfhrliches Lexikon der griechischen und rmischen Mythologie, Leipzig, Teubner, 18841921, 10 voll. ALINEI (1965) = M. ALINEI, Di un antico esito di J postconsonantica in Italiano, in G. STRAKA (d.), Actes du X me Congrs International de Linguistique

935

936

Lorigine delle parole

et Philologie Romanes (Strasbourg, 2328 aprile 1962), Paris, Klincksieck, pp. 965989. ALINEI (1967) = ID., Evaluation of Semantic Isoglosses with Regard to Romance Dialects, in L. E. SCHMITT (Hrsg.), Verhandlungen des zweiten internationalen Dialektologenkongresses (Marburg/Lahn, 510 settembre 1965), Wiesbaden, Steiner, pp. 713 (trad. it.: Il concetto di densit semantica in geograa linguistica, in ALINEI 1984e, pp. 257267). ALINEI (1971) = ID., La norma della densit semantica nella geograa linguistica, in Actele celui deal XIIlea Congres International de Lingvistica i Filologie romanica (Bucarest, 1520 aprile 1968), Bucarest, Editions de lAcadmie de la Rpublique Socialiste de Roumanie, pp. 263265. ALINEI (1974a) = ID., La struttura del lessico, Bologna, il Mulino. ALINEI (1974b) = ID., Semantic Density in Linguistic Geography: a Study of Some Romance Words Related to the Wheel, in A. A. WEIJNEN e M. ALINEI, The Wheel in the Atlas Linguarum Europae. Heteronyms and Semantic Density, Amsterdam, NoordHollandsche Uitgevers Maatschappij, pp. 1628, with 5 maps (trad. it., La densit semantica di alcune parole romanze connesse con la ruota, in ALINEI 1984e, pp. 269289). ALINEI (1977a) = ID., Aspetti sociolinguistici del lessico italiano, in R. SIMONE, G. RUGGIERO (a cura di), Aspetti sociolinguistici dellItalia contemporanea. Atti dellVIII Congresso Internazionale di Studi della Societ di Linguistica Italiana (Bressanone, 31 maggio2 giugno 1974), Roma, Bulzoni, pp. 5773 (rist. in ALINEI 1984e, pp. 4964). ALINEI (1977b) = ID., Etimologie latine e neolatine, in AA.Vv., Homenaje a Robert A. Hall jr. Ensayos lingsticos y lolgicos para su sexagsimo aniversario, Madrid, Playor, pp. 2935. ALINEI (1979) = ID., The Structure of Meaning, in AA.Vv., A Semiotic Landscape. Proceedings of the First Congress of the International Association for Semiotic Studies (Milano 1974), The HagueBerlin, Mouton, pp. 499503. ALINEI (1980a) = ID., Lexical Grammar and Sentence Grammar: A TwoCycle Model, in Quaderni di Semantica, I, pp. 3395. ALINEI (1980b) = ID., The Structure of Meaning Revisited, in Quaderni di Semantica, I, pp. 289305. ALINEI (1980c) = ID., Questioni di metodo e di fatto nella ricerca etimologica romanza, in H. D. BORCK, A. GREIVE, D. WOLF (Hrsg.), Romanica Europa et Americana. Festchrift fr Harri Meier, Bonn, Grundmann, pp. 1121 (rist. in Alinei (1984e), pp. 127137). ALINEI (1981a) = ID., Osservazioni sul rapporto semantico fra arcobaleno e itterizia in Latino e nei dialetti e folklore italiani, in Quaderni di Seman tica, II, pp. 99110. ALINEI (1981b) = ID., Barbagianni zio Giovanni e altri animaliparenti: origine totemica degli zoonimi parentelari, in Quaderni di Semantica, II, pp. 363385.

Bibliograa

937

ALINEI (1982) = ID., Etymography and Etymothesis as Subelds of Etymology. A contribution to the Teory of Diachronic Semantics, in Folia Linguistica, XVI, pp. 4156. ALINEI (1983a) = ID., Onomasiologia strutturale ed etimologia: il caso di barba zio e amita zia, in G. HOLTUS, M. METZELTIN (a cura di), Linguistica e dialettologia veneta. Studi offerti a Manlio Cortelazzo dai colleghi stranieri, Tbingen, Narr, pp. 115131. ALINEI (1983b) = ID., Arcenciel, in ALE, I 1, Cartes 89, Commentaire, Assen, Van Gorcum, pp. 4780. ALINEI (1983c) = ID., Problemi di fatto e di metodo nella ricerca etimologica. A proposito delletimologia del toponimo CALMA, in AA.VV., Scritti linguistici in onore di Giovan Battista Pellegrini, Pisa, Pacini, pp. 629644. ALINEI (1983d) = ID., Introduction to ALE I 1, Assen, Van Gorcum. ALINEI (1984a) = ID., Dal totemismo al cristianesimo popolare. Sviluppi semantici nei dialetti italiani ed europei, Alessandria, Edizioni dellOrso. ALINEI (1984b) = ID., I nomi dellarcobaleno in Europa: una ricerca nel quadro dellALE, in AA.Vv., Diacronia, sincronia e cultura. Saggi linguistici in onore di Luigi Heilmann, Brescia, La Scuola, pp. 365384. ALINEI (1984c) = ID., Alcuni nomi italiani dellarcobaleno, in Revue de Linguistique Romane, XXXXVIII, pp. 161165. ALINEI (1984d) = ID., Naquane nella Valcamonica nei suoi rapporti con le Aquane, esseri mitologici delle Alpi centroorientali, in Quaderni di Semantica, V, pp. 316. ALINEI (1984e) = ID., Lingua e dialetti: struttura, storia e geograa, Bologna, il Mulino. ALINEI (1985a) = ID., Evidence for Totemism in European Dialects, in International Journal of American Linguistics, LI [dedicated to Eric Pratt Hamp], pp. 331334. ALINEI (1985b) = ID., Silvani latini e Aquane ladine: dalla linguistica allantropologia, in Mondo Ladino, Bollettino dellIstituto Culturale Ladino, IX, 34, pp. 4978. ALINEI (1986) = ID., Belette, in ALE, I 2, Carte 28, Commentaire, Assen, Van Gorcum, pp. 145224. ALINEI (1987a) = ID., Cinque saggi sul rospo: presentazione, in Quaderni di Semantica, VIII, pp. 205206. ALINEI (1987b) = ID., Rospo aruspice, rospo antenato, in Quaderni di Semantica, VIII, pp. 265296. ALINEI (1988a) = ID., La monograa sul tab linguistico delletnografo sovietico Zelenin: Presentazione, in Quaderni di Semantica, IX, pp. 183185. ALINEI (1988b) = ID., Slavic baba and Other old women in European Dialects. A Semantic Comparison, in AA.Vv., Wokl Jezyka. Rozprawy i studia poswiecone pamieci profesora Mieczyslawa Szymczaka, Wroclaw, Wydawnictwo Polskiej Akademii Nauk, pp. 4151.

938

Lorigine delle parole

ALINEI (1989a) = ID., Geograa semantica: continuatori di draco in Italia e in Francia, in AA.Vv., Espaces Romans: tudes de dialectologie et de golinguistique offertes Gaston Tuaillon, Grenoble, Ellug/Universit Stendhal, vol. II, pp. 459487. ALINEI (1989b) = ID., Bronzo: Nuovi argomenti per unorigine da Brundisium, in Revue de Linguistique Romane, LIII, pp. 443451. ALINEI (1990a) = ID., Il Natale come ceppo in Italia: in margine al saggio sugli alberitotem di Zelenin, in Quaderni di Semantica, XI, pp. 203208. ALINEI (1991a) = ID., Lapproccio semantico e storicoculturale: verso un nuovo orizzonte cronologico per la formazione dei dialetti, in Atti del Colloquio I dialetti e la dialettologia negli anni Novanta (Lecce, 911 maggio 1991), in Rivista Italiana di Dialettologia, XV , pp. 4365. ALINEI (1991b) = ID., Il problema della datazione in linguistica storica, in Quaderni di Semantica, XII, pp. 319; Commenti di R. AMBROSINI, G. GIACOMELLI, A. STUSSI, P. SWIGGERS, P. TEKAVCIC, E. F. TUTTLE, pp. 2146; Replica, pp. 4751. ALINEI (1992a) = ID., Tradizioni popolari in Plauto: bibit arcus (Curculio 131), in Lares, LVIII, pp. 333340. ALINEI (1992b) = ID., Dialectologie, anthropologie culturelle, archologie: vers un nouvel horizon chronologique pour la formation des dialectes europens, in AA.Vv., Nazioarteko dialektologia biltzarra. Agirak. Actas del Congreso International de Dialectologia (Bilbao, 2125 ottobre 1991), Bilbao, Euskaltzaindia/Real Academia de la lengua vasca, pp. 577606. ALINEI (1992c) = ID., The Problem of Dating in Historical Linguistics, in Folia Historica Linguistica, XII/12, pp. 107125. ALINEI (1993) = ID., Due note su totem e tab nei dialetti, in Quaderni di Semantica, XIV , pp. 37. ALINEI (1994) = ID., Trentacinque denizioni di etimologia, ovvero: il concetto di etimologia rivisitato, in Quaderni di Semantica, XV , pp. 199221. ALINEI (1995a) = ID., ThirtyFive Denitions of Etymology or: Etymology Revisited, in W. WINTER (ed.), On Languages and Language The Presidential Addresses of the 1991 Meeting of the Societas Linguae Europaea, Berlin New York, Mouton & de Gruyter, pp. 126. ALINEI (1995b) = ID., Theoretical Aspects of Lexical Motivation, in L. ELMEVIK (ed.), Ml i sikte. Studier i dialektologi tillgnade, Svenska landsml och svenskt folkliv, Uppsala, Almquist & Wiksell, pp. 110. ALINEI (1995c) = ID., Etimologie dal cassetto, in Quaderni della sezione di Glottologia e Linguistica dellUniversit di Chieti, VII, pp. 1337. ALINEI (1995d) = ID., Giovannino il baco, in AA.Vv. Scritti di Linguistica e dialettologia in onore di Giuseppe Francescato, Trieste, Universit degli studi di Trieste Facolt di lettere e losoa/Ricerche, pp. 16. ALINEI (1995e) = ID., I nomi europei del Natale, in Bollettino dellAtlante Linguistico Italiano, XIX, pp. 546.

Bibliograa

939

ALINEI (1995f) = ID., LEuropa delle lingue, in AA.VV., LEuropa dei popoli, I, Roma, Istituto Poligraco e Zecca dello Stato/Editalia, vol. I, pp. 231246. ALINEI (1996a) = ID., Origini delle lingue dEuropa: I. La teoria della continuit, Bologna, il Mulino. ALINEI (1996b) = ID., The Principle of Morphosemantic Density and the Etymology of the Latin rota Word Family, in AA.Vv., Studier i talesprogsvariation og sprogkontakt. Til Inger Ejskjr p halvfjerdsrsdagen den 20. maj 1996, Kbenhavn, Institut for dansk Dialektforskning/Reitzels, pp. 1116. ALINEI (1997a) = ID., Principi di teoria motivazionale (iconimia) e di lessicologia motivazionale (iconomastica), in L. MUCCIANTE, T. TELMON (a cura di), Lessicologia e lessicograa. Atti del XX Convegno della Societ Italiana di Glottologia (ChietiPescara, 1214 ottobre 1995), Roma, Il Calamo, pp. 936. ALINEI (1997b) = ID., Magicoreligious Motivations in European Dialects: A Contribution to Archaeolinguistics, in Dialectologia et Geolinguistica, V , pp. 330. ALINEI (1997c) = ID., Laspect magicoreligieux dans la zoonymie populaire, in AA.VV., Les zoonymes, Nice, Facult des Lettres, Arts, et Sciences Humaines, pp. 922. ALINEI (1997d) = ID., La teoria della continuit ed alcuni esempi di lunga durata nel lessico dialettale neolatino, in Rivista Italiana di Dialettologia, XXI, pp. 7396. ALINEI (1997e) = ID., Nol, in ALE, I 5, Carte 59, Commentaire, Roma, IPZS, pp. 253291. ALINEI (1999) = ID., Streghe come animali, animali come streghe: una nuova etimologia di sp. bruja, in Quaderni di Semantica, XX, pp. 225232. ALINEI (2000a) = ID., Origini delle lingue dEuropa II: Continuit dal Mesolitico allEt del Ferro nelle principali aree etnolinguistiche, Bologna, il Mulino. ALINEI (2000b) = ID., A Stratigraphic and Structural Approach to the Study of MagicoReligious Motivations, in Yunoslovenski filolog, LVI/12, Belgrado, Accademia Serba delle Scienze e delle Arti/Istituto di linguistica serba, pp. 7592. ALINEI (2000c) = ID., Witches as Lizards, Lizards as Mothers: a New Etymology of gm. Hexe and Eidechse, in Quaderni di Semantica, XXI, pp. 339346. ALINEI (2002a) = ID., Tre studi etimologici: (1) biondo e bianco, (2) marmotta, (3) continuatori di gr. lamia, in Quaderni di Semantica, XXIII, pp. 938. ALINEI (2003a) = ID., Mosca cieca, gallina ciega, cabracega e colinmaillard: animali sacri e personaggi mitici nei giochi infantili, in R. CAPRINI (a cura di), Parole romanze. Scritti per Michel Contini, Alessandria, Edizioni dellOrso, pp. 112. ALINEI (2003b) = ID., Acque pericolose nei dialetti italiani: continuatori di gr. lamia drago, in AA.Vv., Sempre los camps segadas resurgantas. Mlanges Xavier Ravier, Toulouse, CNRS/Universit de Toulouse/Le Miral, pp. 2328. ALINEI (2003c) = ID., Nomi di animali, animali come nomi: cosa ci insegnano i dialetti sul rapporto fra esseri umani ed animali, in C. TUGNOLI (a cura di),

940

Lorigine delle parole

Zooantropologia. Storia, etica e pedagogia dellinterazione uomo/animale, TrentoMilano, IPRASE/Franco Angeli, pp. 86114 (con carte f. t.). ALINEI (2003d) = ID., Etrusco: una forma arcaica di ungherese, Bologna, il Mulino. ALINEI (2004) = ID., The Celtic Origin of Lat. rota and Its Implications for the Prehistory of Europe, in Studi Celtici, III, pp. 1329. ALINEI (2005) = ID., Names of Animals, Animals as Names. Synthesis of a Research, in A. MINELLI, G. ORTALLI, G. SANGA (edd.), Animal Names, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, pp. 245268. ALINEI (2007) = ID., Origini pastorali e italiche della camorra, della maa e della ndrangheta: un esperimento di Archeologia Etimologica, in Quaderni di Semantica, XXVIII, pp. 247286. ALINEI (c.d.s.a) = ID., Letimologia di gr. blasphemia e il suo passaggio a it. bestemmia. ALINEI (c.d.s.b) = ID., Il LEI di Max Pster. ALINEI/BARROS FERREIRA (1986) = ID., M. BARROS FERREIRA, Les noms europens de la coccinelle: pour une analyse base sur la thorie de Propp, in Quaderni di Semantica, VII, pp. 195204. ALINEI/NISSAN (2007) = ID., E. NISSAN, Letimologia semitica dellit. pizza e dei suoi corradicali esteuropei, turchi e dellarea semitica levantina, in Quaderni di Semantica, XXVIII. pp. 117136. ALiR = M. CONTINI, G. TUAILLON, Atlas Linguistique Roman, Roma, IPZS, 1993 sgg. ALJAN = J. B. MARTIN, G. TUAILLON, Atlas Linguistique et Ethnographique du Jura et des Alpes du Nord (Francoprovenal central), Paris, CNRS, 1978 1986, voll. IIII. ALMC = P. NAUTON, Atlas Linguistique et Ethnographique du Massif Central, Paris, CNRS, 19571963, voll. IIII. ALP = J.C. BOUVIER, C. MARTEL, Atlas Linguistique et Ethnographique de Provence, Paris, CNRS, 19901994, voll. IIII. ALTAMURA (1956) = A. ALTAMURA, Dizionario dialettale napoletano, Napoli, Fiorentino. AMALFI (1895) = G. AMALFI, Il Vesuvio nelle tradizioni popolari, in Archivio per lo Studio Tradizioni Popolari, XV , pp. 502591. ANDREOLI (1966) = R. ANDREOLI, Vocabolario napoletanoitaliano, Napoli, Berisio. ANGIONI (1976) = G. ANGIONI, Sa laurera. Il lavoro contadino in Sardegna, Cagliari, Editrice Democratica Sarda. ASCOLI (1864) = G. ASCOLI, Lingue e nazioni, in Politecnico, XXII, pp. 77100. ASCOLI (1882) = ID., Lettere glottologiche. Prima lettera, in Rivista di lologia e istruzione classica, X, pp. 171. ASCOLI (18861888) = ID., Di un lone italico, diverso dal romano, che si avverte nel campo neolatino. Lettera a Napoleone Caix, in Due lettere glottologiche, in Archivio glottologico italiano, X, 117.

Bibliograa

941

ASLEF = G. B. PELLEGRINI, Atlante StoricoLinguisticoEtnograco del Friu liVenezia Giulia, PadovaUdine, Istituto di Glottologia e Fonetica dellUniversit di Padova/Istituto di Filologia Romanza della Facolt di Lingue e Letterature Straniere dellUniversit di Udine, 19721986. AVANESOV/IVANOV/DONADZE (1983) = in ALE, I 1, Carte 1819, Commentaire, Assen, Van Gorcum, pp. 147177. AZZOLINI (1976) = G. AZZOLINI, Vocabolario vernacoloitaliano pei distretti roveretano e trentino, Calliano (TN), Manfrini (rist. anast.; prima ediz.: Venezia, Grimaldi, 1856). BACCHI DELLA LEGA (1904) = A. BACCHI DELLA LEGA (a cura di), Il Trattato degli Arbori di Giovanvettorio Soderini (Collezione di Opere Inedite o Rare), Bologna, Romagnoli DallAcqua. BAKRNAGY (1979) = M. Sz. BAKRNAGY Die Sprache des Baerenkultes im Obugrischen, Budapest, Akadmiai Kiad. BALDINGER (1959/1977) = K. BALDINGER, Letimologie hier et aujourdhui, in Cahiers de lAssociation Internationale des Etudes Franaises, vol. II, pp. 233264 (rist. in SCHMITT 1977, pp. 213246). BALLESTER (2006) = X. BALLESTER, In Principio Era il Dimostrativo, in Quaderni di Semantica, XXVII, p. 1330. BALLY (1932) = CH. BALLY, Linguistique gnrale et linguistique franaise, Paris, Leroux. BAMBECK (1984) = M. BAMBECK, Wieselbezeichnungen in Portugal und etwas aus Martin von Braga und Thomas von Aquin. Ein Beitrag zum Sprachtabu, in Quaderni di Semantica, V , pp. 3542. BANFI (1985) = E. BANFI, Linguistica balcanica, Bologna, Zanichelli. BARKER (1981) = G. BARKER, Landscape and Society. Prehistoric Central Italy, LondonSan Francisco, Academic Press. BARROS FERREIRA (1997) = M. BARROS FERREIRA, Ver luisant, in ALE, I 5, Cartes 5658, Commentaire, Roma, IPZS, pp. 195252. BARROS FERREIRA/ALINEI (1990) = EAD., M. ALINEI, Coccinelle, Cartes 4244, Commentaire, ALE, I 4, Assen, Van Gorcum, pp. 99199. BARTOLI (1906) = M. G. BARTOLI, Das Dalmatische. Altromanische Sprachreste von Veglia bis Ragusa und ihre Stellung in der AppenninoBalkanischen Romania, Wien, Hlder, 2 voll. BARTOLI (1925) = ID., Introduzione alla neolinguistica, Genve, Olschki. BARTOLI (1945) = ID., Saggi di linguistica spaziale, Torino, Rosenberg & Sellier. BECCARIA (1968) = G. L. BECCARIA, Spagnolo e spagnoli in Italia. Riessi ispa nici sulla lingua italiana del cinque e del seicento, Torino, Giappichelli. BECCARIA (1995) = ID., I nomi del mondo. Santi, demoni, folletti e le parole perdute, Torino, Einaudi. BECCARIA (20042) = ID. (a cura di), Dizionario di linguistica e di lologia, metrica, retorica, Torino, Einaudi (prima ediz.: 1994). BENVENISTE (1969/1976) = E. BENVENISTE, Il Vocabolario delle istituzioni in-

942

Lorigine delle parole

doeuropee, Torino, Einaudi, 3 voll. (ediz. orig.: Le vocabulaire des institutions indoeuropennes, Paris, Editions de Minuit). BERRETTA (1973) = M. BERRETTA, Spostamenti di senso e aree semantiche: appunti per unanalisi del nucleo semico, in Parole e Metodi. Bollettino dellALI, V , pp. 1555. BERGOUNIOX (1983) = G. BERGOUNIOX, La science du langage en France de 1870 1885: du march civil au march tatique, in CHEVALIER/ENCREV (1983), pp. 741. BERGOUNIOX (1989) = ID, Le francien (18151914): la linguistique au service de la patrie, in Mots, XIX, pp. 2340. . BERTOLDI, Un ribelle nel regno de ori. I nomi romanzi del BERTOLDI (1923) = V Colchicum autumnale L. attraverso il tempo e lo spazio, Genve, Olschki. BERTOLDI (1947) = ID., La glottologia come storia della cultura, con particolare riguardo al dominio linguistico dellEuropa centrale e nordica, Napoli, Raffaele Pironti & Figli. BERTOLDI (1949) = ID., Il linguaggio umano nella sua essenza universale e nella storicit dei suoi aspetti, Napoli, Liguori. BERTOLDI (1950) = ID., Colonizzazioni nellantico Mediterraneo occidentale alla luce degli aspetti linguistici, Napoli, Liguori. BERTOLDI (1952) = ID., Larte delletimologia, Napoli, Liguori. BERTOLETTI (2006) = N. BERTOLETTI, Un continuatore di AMITA e la essione imparisillaba nei nomi di parentela, in Lingua e Stile, LX, pp. 159200. BERTONI (1913) = G. BERTONI, Denominazioni del ramarro (lacerta viridis) in Italia, in Romania, XLII, 161173. BERTONI (1917) = ID, Denominazioni del lombrico (lumbricus terrestris) in Italia, in Archivum Romanicum, I, 411413. BERTONI/BARTOLI (1925) = G. BERTONI, M. G. BARTOLI, Breviario di neolinguistica. I parte: principi generali; II parte: criteri tecnici, Modena, Societ Tipograca Modenese. BESSAT/GERMI (2001) = H. BESSAT, P. GERMI, Les noms du paysage alpin. Atlas toponymique. Savoie, Valle dAoste, Dauphin, Provence, Grenoble, Ellug/Universit Stendhal. BETTINI (1998) = M. BETTINI, Nascere. Storie di donne, donnole, madri ed eroi, Torino, Einaudi. BIANCHI (1877) = B. BIANCHI, Storia della preposizione A e de suoi composti nella lingua italiana, Firenze, Tipograa della Gazzetta dItalia. BLASCO FERRER (2001) = E. BLASCO FERRER, Etimologia ed etnolinguistica: nomi parentelari e totemismo in Sardegna, in Quaderni di Semantica, XXII, 187214. BLOCH/VON WARTBURG (1960) = O. BLOCH, W. VON WARTBURG, Dictionnaire tymologique de la langue franaise, Paris, Presses Universitaires de France. BLOOMFIELD (1933) = BLOOMFIELD, Language, New York, Holt, Rineheart & Winston.