LINK  14    –  IDEE  PER  LA  TELEVISIONE    

Anche  i  broadcaster,  nel  loro   piccolo  schermo,  s’incazzano.  
  Perché  se  gli  Gnomi  del  web  rubano  la  moneta  dell’Attenzione,   non  ci  resta  che  tornare  alla  vecchia  Ira.  
  Carlo  Alberto  Carnevale  Maffè    

   

Ladri     d’attenzione,   ricettatori   di   contenuti   e   usurpatori   di   senso   d’appartenenza.   Ce   n’è   abbastanza,   nei   confronti   nei   nuovi   Opportunisti   del   Web,   da   provocare   un   legittimo   moto   d’ira   per   il   sopruso   subìto,   un   sordo   risentimento   da   lesa   maestà   del   focolare   domestico,   una   sonora   incazzatura   da   presa   per   i   fondelli   sul   modello   di   business.     E   capita   quindi   che   anche   il   pacato   editore   TV,   col   suo   passato   di   fomentatore   di   disappunti   da   salotto,   per   anni   messo   sul   banco   degl’imputati   dall’intellighenzia   letteraria,   ritenuto   colpevole   di   aver   sottratto   la   diligente   gioventù   alla   lettura   delle   monografie   di   “Rinascita”   e   soprattutto   di   aver   trattenuto   a   forza  in  tinello  frotte  di  casalinghe   altrimenti  attratte  dal  frequentare   le  platee  del  teatro  d’avanguardia   o   le   mobilitazioni   popolari   del   partito   dell’indignazione,   ora   diventi   accusatore.   Irato   per   di   più,   e   indignato   a   sua   volta   contro   gl’impresentabili  Opportunisti  del  

Web.   Ma   come   si   permettono,   questi   fenomeni   del   click   e   del   touch,   di   turbare   la   quiete   perfetta   delle   serate   familiari   liturgicamente   organizzate   dai   broadcaster,   con   la   famiglia   a   pencolare   tra   la   fiction   popolare   e   la   gara   di   talenti,   smangiucchiando   un   pezzo   di   tiggì   intanto   che   si   attende   il   wrestling   politico   del   talk   show   notturno?   Quadretti   d’intimità   perfetta,  dove  l’unico  conflitto  era   la   lotta   per   il   controllo   dello   Scettro   a   Infrarossi,   bacchetta   magica  per  far  scomparire  i  canali   noiosi:   i   nostri   piccoli   regni   d’armonia   domestica   scanditi   dal   metronomo   delle   pause   pubblicitarie,   ora   sconvolti   dall’irruzione   di   questi   rapinatori   digitali,   inopportuni   rovinafamiglie   dove   ciascun   membro  s’isola  ad  armeggiare  sul   suo   smartphone,   infami   succhiaruote   di   un’attenzione   faticosamente   scalata   dal   gruppo   gregario   di   sceneggiatori   e   produttori   TV,   che   ogni   sera   mette   in   campo   il   circo   del   proprio  sudato  spettacolo.  

  Narrami   dunque,   o   Diva   TV,   l’ira   funesta   del   sempre   più   pallido   broadcaster.   Pallido   come   la   sua   luce  azzurrina,    irradiata  ogni  sera   su   milioni   di   sofà   sempre   più   distratti.  Pallido  come  il  suo  conto   economico,   prima   esibito   come   trofeo,   ora   seminascosto   con   afflizione.   Pallido   come   il   suo   palinsesto,   ieri   esuberante   come   la   carte   di   uno   chef   pluristellato,   oggi   mesto   come   la   fotocopia   sgualcita   di   un   menu   da   mensa   aziendale.     Ira  fondata,  si  diceva,  sulla  triplice   offesa   ricevuta   dai   nuovi   folletti   del   Web:   il   furto   d’attenzione   degli   spettatori,   la   ricettazione   di   contenuti   altrui   e   l’usurpazione   del  senso  di  appartenenza.     Ladri   d’attenzione   e   ricettatori   di  contenuti     L’attenzione   dell’audience   è   la   moneta  di  scambio  stampata  ogni   sera   dall’instancabile   zecca   ufficiale   della   TV,   fino   a   ieri   indiscussa   banca   centrale   dell’Interesse   Tematico,   prestatore   d’intrattenimento   di   ultima   istanza,   quando   ogni   altra   migliore   opzione   –   che   so,   un   saggio   sulla   desertificazione   dell’Amazzonia   o   una   rivista   di   geopolitica   solidale   –   si   rivela   impraticabile.   Tramite   quella   moneta,   il   broadcaster   scambia   scampoli   di   palinsesto   con   spot   pubblicitari.   Il   principio     economico   della   TV   è   infatti   semplice:   essa   sfrutta   le   esternalità   positive  

dell’attenzione   umana,   infilando   nelle   sue   interstizialità   dosi   omeopatiche   di   comunicazione   commerciale.   Così   funziona   l’antico   principio   del   bradipo:   se   la   presunta   minaccia   che   si   presenta   davanti   agli   occhi   è   minore   del   costo   della   reattività   allertata,  tanto  vale  non  muoversi.   Se   cercare   un   nuovo   canale   interessante   ogni   volta   che   c’è   un’interruzione   pubblicitaria,   in   più   col   rischio   di   perdersi   qualche   scena   al   rientro   dal   break,   costa   più   fatica   dell’impalpabile   disagio   di   beccarsi   il   miliardesimo   spot,   allora  rimarremo  seduti  e  sudditi.   Pigri   eppure   inconfessabilmente   rassicurati  e  felici.   Invece   ecco   che   quelle   stesse   mani   che   una   volta   si   contendevano   il   telecomando,   oggi   stringono   uno   smartphone   o   un   tablet.   E   gli   occhi,   i   preziosi   occhi   che   guidano   l’attenzione,   ora   saltano   dal   piccolo   schermo   del   salotto   al   piccolissimo   schermo   del   nostro   grembo.   Piccolissimo   ma   sensibile,   vivace   e  intrusivo.  Dove  lo  spettacolo  che   va   in   scena   sul   palcoscenico   luccicante   dalla   TV   continua   tra   i   frizzi   e   i   lazzi   dei   commenti   sul   social   network,   o   dove   l’idea   proposta   dal   talk   show   diventa   chiave   di   ricerca   sul   web   per   qualche   motore   opportunista   che   se  la  rivende  a  fior  di  dollaroni.     La   fabbrica   televisiva   dell’attenzione,   tradizionale   cornucopia   di   introiti   pubblicitari,   viene   intercettata   da   chi,   senza   partecipare   alla   difficile   opera   di   definizione   dei   contenuti,   ne  

sfrutta   però   i   magici   effetti   sul   popolo   e   si   appropria   –   intelligentemente,   bisogna   ammetterlo   –   della   sua   coda   lunga.   Anche   i   grandi   attori   di   Internet   vivono   di   esternalità   economiche,   ma   diversamente   dalla   mietitrebbia   televisiva   che   raccoglie   solo   aggregati   massivi   d’attenzione,  il  loro  software  fa  da   spigolatrice   di   Sapri   di   ogni   singola   spiga   d’attenzione   individuale,   raccogliendola   e   accudendola,  per  poi  piazzarla  sul   dinamico   mercato   dei   click-­‐ through   e   dei   pop-­‐up.   L’attenzione   prodotta   faticosamente   dalla   TV   viene   venduta   e   monetizzata   dagli   splendidi   Opportunisti   del   Web.     Che,   non   contenti,   diventano   anche  ricettatori  di  contenuti  .Con   i  loro  hashtag  malandrini,  scippati   dal   lavoro   degli   sceneggiatori   TV:   s’appropriano   del   flusso   agganciato   al   #talentdiprimaserata   o   al   #talkshowpolitico   senza   nemmeno   riconoscere   ai   poveri   broadcaster   non   dico   uno   straccio   di  royalties,  ma  nemmeno  l’onore   delle   armi   di   una   citazione,   di   un   misero   link   al   sito   istituzionale,   come   per   netiquette   si   farebbe   anche   per   l’ultimo   blogger   sfigato.   Niente.   Opportunismo   puro,   e   perfino  irriconoscente.     Usurpatori  d’appartenenza     E   che   pretendono   questi   uccellini   azzurri   che   svolazzano   intorno   ai   nostri   talk   show,   rubandoci   temi,   clienti   e   fatturato,   scippando   la   conversazione   da   noi  

pazientemente   progettata?   Chi   sono   questi   vampiri   del   mouse,   queste   sanguisughe   del   touchscreen   che   si   incistano   nei   nostri   talent   show   e   succhiano   il   sangue   pubblicitario   dei   nostri   preziosi   personaggi,   pazientemente   selezionati   al   casting   e   ora   rivenduti   di   frodo   sui   loro   mille   schermi   per   pochi   centesimi  a  contatto?   E   poi,   oltre   al   danno,   la   beffa:   a   noi  i  costi  e  gli  oneri  della  vetustà,   a   loro   gli   i   ricavi   e   gli   onori   della   modernità.  E  no,  eh.     Su   Facebook   e   Twitter,   questi   mercenari   globali   si   dividono   le   vesti   dell’appartenenza   del   nostro   pubblico   alle   diverse   community   tematiche,   mentre   il   broadcaster   viene   crocifisso   al   patibolo   dei   costi   crescenti   e   dei   ricavi   inchiodati   sul   rigido   legno   di   budget   pubblicitari   rinsecchiti   e   stagionatissimi.   I   social   network   si   spartiscono   i   proventi   maramaldeschi   della   faticosa   opera   di   fondazione   e   costruzione   di   comunità   sotto   il   nome  della  capricciosa  –  e  costosa   –   star   o   dell’articolato   –   e   costosissimo  –  format.     Parassiti   di   comunità   costruite   con   la   nostra   passione,   zecche   emofaghe   dell’audience   faticosamente   riunita   davanti   al   focolare   al   plasma,     scarabei   stercorari   di   frattaglie   dei   nostri   discorsi  sceneggiati.   Noi   a   profonderci   in   sforzi   titanici   d’ipnosi   collettiva.   E   loro,   usurpatori   dell’appartenenza,   a   goderne   i   benefici,   come   figli   di  

secondo   letto   infiltratisi   a   corte   del   Sovrano,   tale   per   volontà   del   Dio   dell’Etere   e   per   il   bene   del   Popolo.   Il   vestito   del   vecchio   imperatore   televisivo   è   un   pesante   broccato,   sfilacciato   e   strappato.   O   forse   il    
 

vestito   non   c’è   più   e   l’imperatore   broadcatser   è   nudo   come   il   suo   Re-­‐Contenuto.   Nel   frattempo   era   arrivata   la   rivoluzione   dei   sanculotti   del   web,   e   noi   non   avevamo  niente  da  metterci.  

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful