Sei sulla pagina 1di 1

34

il Giornale
Sabato 13 marzo 2010

Cultura
VIAGGIO A LOURDES
Rosa Matteucci*

SCOPERTI MANOSCRITTI INEDITI

Una Fondazione per Carlo Cattaneo Il presidente sar Umberto Bossi

Carlo Cattaneo ha lasciato una serie di scritti inediti che sono stati ritrovati e donati a un docente delluniversit dellInsubria, Fabio Minazzi. Il senatore leghista Fabio Rizzi, che anche sindaco di BesozzoinprovinciadiVarese,haannunciatoilritrovamentodei154manoscrittiineditidelpadredel federalismospiegandochenascerunaFondazioneinsubricaAmicidiCarloCattaneoperfarconoscere i testi. Presidente onorario della Fondazione sar il ministro delle Riforme Umberto Bossi.

ella pacchiana geografiadelleintercessioni mariane il santuario di Lourdes, con la praticadellavventuroso viaggio in treno di variopinte torme di aspiranti miracolativersionepellegriniemalati,e la relativa sardana commerciale, da oltre cento anni seguita a suggestionare la gente. I visitatori credenti sonoprontiaesaltarsiperlincredibileproliferazione di suggestive e solenni cerimonie religiose non-stop, tipo le processioni notturne aux flambeaux,salvoritornareacasa mezzi ubriachi di sacro da supermercatoecarichidiparafernalia assolutamente made in China. Mentre gli scettici tradizionalisti, quelli che indossano la cotta del pi scontato e ormai caricaturale neopositivismo, seguitanoaribadireisolitistralianticristiani, articolati per smozzicati luoghi comuni, senza mai premurarsidicorredarlidelledebiteargomentazionilogiche,anzispessoaffiancandoalladerisione e al sarcasmo nei confronti delcattolicesimo,comunquedeclinato, una bonaria e convinta

Quanto amore per Dio nelle bestemmie di Zola


Ripubblicato il romanzo del grande autore francese contro il santuario Ce lo racconta una scrittrice che ha fatto lo stesso tragitto. Con esito opposto
arrogantiesuperficiali,senonoffensivi.Sonostateaccreditatead arteipotesivolgarmentescristianizzantiodeltuttofantascientifiche, come la leggenda dellacquache non bagna, che furoreggia fra le pellegrine italiane di mezza et. Il motteggio declina fino alle soglie della pi gaglioffa goliardia,comenellaricostruzione percui nella grotta Santa Bernadetteavrebbeintravisto,anzich la Vergine, lallegra moglie di un ufficiale che si intratteneva conunsuoamicoeche questa signora avrebbe furbescamente spaventato la rozza pastorella, spacciandosicongranvenadattrice per ben altra, al fine di preservare la sua serenit domesticaenonallarmarerovinosamenteilconsorte;finoalfilm Lourdes della regista Hausner, stranamente gradito a credenti e no, quando invece - a mio avviso - la pellicolarappresentaimpietosamente,inunaprofondasolitudine e miseria spirituale, i poveri malati, s accuditi dai volontari diturno,materribilmenteesiliatineilorocorpi-gusciobacatidallamalattia,visionechenoncorrisponde affatto a quello che il senso ultimo del pellegrinaggio mariano ai Pirenei. Lourdes invece uno dei pochi luoghi dove la malattia fisica e il dolore sembrano acquistare un senso, un valore etico, una giustificazione ultraterrena. Qui le malattie diventano espressione collettiva di elevazione dello spirito. Perci prestare assistenzavolontariaallacuradiestranei ammalati acquista un significatosimbolicoepotentissimodiredenzione.Quiilpoveromiserabile corpo martoriato, il fenotipo cristiano dellEcce Homo, diventaveicolofralumanoeildivinoe a Lourdes la malattia e la sofferenzafisica,contuttiisuoiterribili annessi, non sono pi catene, bens trampolini di lancio diretti verso Dio. Anchio, come lillustrissimo Zola,sonoandatainpellegrinaggio a Lourdes, la prima volta come una sprovveduta damina, piena di pretese ultraterrene talch mia intenzione era quella di litigare col Padreterno, e questo perch avevo visto morire mio padre, nel breve volgere di unadelirantenottataallospedale,perunbanaleepisodiodimalasanit; ma questa una storia vecchia e decrepita, anche se coincide con linizio della mia carriera di scrittrice e la genesi del romanzo Lourdes, uscito per Adelphi dodici anni fa. Anche nel mio romanzo, come nellomonimo zoliano, la protagonista si chiama Maria; e le due Marie, la mia e quella di Zola,siassomigliano.unasimilitudine giudicabile equamente come strana e anche fatale, perch quando scrissi il mio libro

LOTTA Il testo risente della campagna attivata per la chiusura di grotta e piscine
comprensioneversolemoderne religioni fai-da-te, quelle pratiche devozionali come il buddhismo de noantri, mezzo religione e mezzo fashion, destinato a cadere miseramente nel nulla quando la vita terrena prossimaasvanire,chataleappuntamentononsisfugge,ealloranon di rado quegli stessi che lontano daltraguardotantoavevanoirriso le ingenue forme di devozionepopolare, inlimine sonoprontiaraccomandarsiallatriadeGes-Giuseppe-Maria. Si ripubblica in questi giorni un testo accompagnato da nera fama,oggettodimessaallindice e di seguente simbolico rogo, quel Lourdes di mile Zola (Medusa, pagg. 105, euro 10) uscito per la prima volta nel 1894. Su Lourdes e sul suo mistero mariano, sullimpero economico-devozionale che ne scaturito, in molti si sono espressi; del santuario pirenaico e dellumanit che vi conviene si scritto in mille modi, sempre abbastanza

nonavevolettoZola,navreipotuto come lui ispirarmi al fanatico negazionismo che animava promotori e attivisti - tra cui lo stesso romanziere - di una campagnacontroLourdes,culminata in una mozione di chiusura delsantuariorivoltaalprimoministro Combs nel 1900, anno in cui dallesercito antimariano vennepureottenutounrisultato chiaro: lestromissione dalla comunit religiosa della cittadella santa dei padri assunzionisti, i pi invisi ai compagni di Zola in quantotacciatidifarcommercio dellacquaspacciatacomemiracolosa, con gravi conseguenze sanitarie se non epidemiologiche. Il romanzo zoliano racconta dunque il pellegrinaggio di MariaDeGuersaintattorniatadaaltri personaggi simbolici di profilo assai prevedibile, come limmancabile prete che perde la fede, che si staglia in una pittorescagalleriadidonnetteneuropatiche sedicenti miracolate, afflittedamalattieastrusetipolatallonite ocerte orticarierosacee. Per parte sua, la protagonista guariscedaquelchesirivelaunisteria conlavventodelmenarca,dettagliotruculento-oggisidovrebbe dire pulp, ma mi difficile - di quelli che mi hanno sempre fatto amare il realismo di Zola. Feroce nello sguardo, incapacedisottrarsiaipigrevistereotipianticlericalitipicideltempoin cui fu composto, questo romanzomeritaancoroggidiessereletto, per la potenza di scrittura e il segno di trattato antropologico che lo rendono attuale. Su Lourdes e il suo mistero esprime una tesi tanto manichea da non poter convincere altri da chi sia gi

TESTIMONE Si pu arrivare per lamentarsi delle ingiustizie subite e scoprire la speranza


convinto, fornendo allo scettico unnitidospecchioperlesuecertezze. Tanto da lasciar pensare che Zola agissecome quei misticialtomedievali,usiapercorrere fino in fondo le strade pi sordide,aprovocareilSacronegandoloebiastemandolo,nellasperanzadiricevereunsegnocapacedi incrinareilsilenziodiunDioche invece parla, in maniera del tuttochiara,achisappiadisporsiallascolto.
DEVOZIONE La grotta di Lourdes con la statua della Madonna, meta del pellegrinaggio di milioni di fedeli provenienti da tutto il mondo

* autrice di Lourdes (Adelphi) e Tutto mio padre (Bompiani)

LINTERVISTA ABRAHAM VERGHESE

Il best-seller medico si rinnova: basta Dr. House


Tommy Cappellini

Verit Scrivo per testimoniare la sofferenza dei pazienti

Chimere Libri e fiction illudono la gente con false speranze

rofessionidisabilitantilechiamavaIvanIllich discutendo di medici,psicoterapeuti e affini. Disabilitanti non certo per chi le intraprende, bens per i pazienti. Intendeva, Illich, che superata una certa soglia la medicina diventa iatrogena, genera cioessastessasemprenuovemalattie.Figuriamocisepoiunmedicosimetteascrivere fiction:passata lepoca dei Cechov, dei Cline, degli Schnitzler e dei Gottfried Benn, la miglior cosa che possa uscirneunincrociotrail Dr.House e Michael Crichton, con una spruzzatina di Robin Cook. Be, non andata del tutto cos

con Abraham Verghese - medico per decenni in India, Tennessee e TexasnonchprofessoreallaStanfordUniversity-sbarcatoieriinItaliaper presentare il suo primo, colossaleromanzo, La portadellelacrime (Mondadori, pagg. 688, euro22),incuievitalingenuitattraverso la passione. Dottor Verghese, lei non sembradisincantatoverso lumanit, come lo era il dottor Cline. Diversamente dalla tradizione dei medici-scrittori, pare un ottimista... il mio realismo che mi rende ottimista. Negli Stati Uniti, quandoparlo di morte, tutti mi guardano con incredulit, tutti i pessimisti, intendo. Il fatto che sottolineo unineluttabilitper ciascuno, pe-

r, non dovrebbe togliere nulla al miolavorodimedico.Mettiamola in poesia: se la rosa non morisse mai, la sua bellezza diventerebbe noiosa.Pochidinoicolgonosenza piangere la bellezza dellappassire.unamancanzadirealismoottimista. Pertuttirimangonoaffascinati da quel cinico del Dr. House. La medicina ha persola sua innocenza, questo chiaro. SoprattuttonegliStatiUniti,dovediventata unindustria da tre trilioni di dollari. La medicina che racconto nelmioromanzo,invece,ambientato in gran parte in Etiopia, dove sono nato da genitori indiani nel 1955, cerca di vendersi meno comestregoneria,ancheseipazienti poveri-in Laportadellelacrime co-

me nella realt - cercano lo stesso in essa, come gli spettatori del Dr. House, una risposta miracolosa. Di natura solo palliativa, nel loro casospecifico.Adognimodosono perunamedicinaumanisticaeancheperunatecnicista,mamaiprese singolarmente. La fiction estremizza troppo questi due modi. Ma come si spiega il successo delle medical fiction in tv e nelleditoria? Colfattochenonsonoreali.Illudono parecchio. Quando mi hanno chiesto se potevo scrivere una puntatadel Dr.House,misonoprocurato i Dvd della serie per farmi unidea, ma non sono riuscito ad andare oltre al primo. Mia moglie testimone, continuavo a interrompere ogni scena gridando:

non reale, non possibile!. Lei ottimista pure per la riforma che sta tentando Obama? Non una riforma ideale, non sar una panacea, settepresidenti hanno tentato prima di lui di fare qualcosa in questa direzione. Ad ognimodo,speriamoci.Comemedicoincontromoltimalaticronici: sono almeno il 60%. Lultima cosa chevorrebbero,leassicuro,essere curati sul genere Dr. House o in una situazione di tagli economici. Quandosi spoglianodavanti a me percepiscotuttoilloroaffidarsiela loro esigenza di rispetto. La porta dellelacrime,nonostantesiaunromanzo conflittuale, di desiderio mimetico - la storia di due gemelli e di una stessa donna - il contrario di E.R. e delle sue beghe.

Interessi correlati