Sei sulla pagina 1di 68

Roberto munter

Bartitsu
L'arte marziale perduta di Sherlock holmes

IlBartitsue'statoideatoconlideadifornireallepersonepacificheunmetododiautodifesadabullie prepotenti,ecomprendenonsoloilpugilato,maanchelusodelbastonedapasseggio,deipiediedelletecniche davveroefficaciefurbedilottagiapponese,incuiilpesoelaforzagiocanosolamenteunapiccolaparte. (edwardwilliamBartonWright,1902).

CONDIZIONI D'USO E LICENZA:


Questo manuale tutelato dalla seguente licenza Creative Commons (CC): Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported

Tu sei libero:

di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera

Alle seguenti condizioni:


Attribuzione Devi attribuire la paternit dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. Non commerciale Non puoi usare quest'opera per fini commerciali. Non opere derivate Non puoi alterare o trasformare quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.

Prendendo atto che:


Rinuncia E' possibile rinunciare a qualunque delle condizioni sopra descritte se ottieni l'autorizzazione dal detentore dei diritti. Pubblico Dominio Nel caso in cui l'opera o qualunque delle sue componenti siano nel pubblico dominio secondo la legge vigente, tale condizione non in alcun modo modificata dalla licenza.

Altri Diritti: La licenza non ha effetto in nessun modo sui seguenti diritti:
Le eccezioni, libere utilizzazioni e le altre utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore; I diritti morali dell'autore; Diritti che altre persone possono avere sia sull'opera stessa che su come l'opera viene utilizzata, come il diritto all'immagine o alla tutela dei dati personali.

Nota: Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i
termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.

Autore, segnalazioni e feedback:


Per segnalazione di errori, suggerimenti, informazioni e qualunque altra comunicazione su questo libro o sul Bartitsu in generale, possibile contattare l'autore al seguente indirizzo (postale ed elettronico):

Roberto Munter Via Ronchi 36 38030 Rover della Luna (TN) - Italy email: halfhippo@gmail.com

Introduzione.
Questo libretto, che vuole essere il primo di una serie, introduce l'arte marziale eclettica del Bartitsu, nata e morta a cavallo fra il il XIX e il XX secolo. Il libro il frutto di un lungo e appassionante lavoro di ricerca storica e tecnica sul Bartitsu e per questo non avr mai finito di ringraziare l'aiuto preziosissimo fornitomi da Tony Wolf con numerose informazioni, segnalazioni, novit e chiarimenti . Di grandissimo aiuto stato anche il sito della Bartisu Society (www.bartitsu.org) e la relativa mailing-list su cui ho potuto confrontarmi in questioni tecniche e storiche con appassionati ricercatori di Bartitsu di tutto il mondo. Ulteriori ringraziamenti vanno al sito della Linacre School of Defence (http://www.sirwilliamhope.org/), una vera e propria miniera di informazioni sulle arti marziali antiche e attuali. Ai nostri giorni si fa un gran parlare di arti marziali miste (Mixed Martial Arts), che prendono il meglio di ogni disciplina per ottenere un sistema di difesa personale molto efficace. Un esempio tipico, che riscuote molto successo ai nostri giorni, il sistema israeliano Krav-Maga, ma ci sono anche altri esempi simili come il Brasilian Ju-Jitsu, l'American Kempo, il russo Systema e molti altri ancora. Tutto ci sembra una grande novit, ma tutti sembrano dimenticare che questa filosofia fu insegnata dall'attore sino-americano Bruce Lee quando, pi di 35 anni fa, diffuse il suo famoso Jeet Kune do. Ancora pi sorprendente il fatto che ci fu qualcuno che anticip Bruce Lee di oltre settant'anni e i sistemi attuali di oltre un secolo! Nel 1898 apr a Londra una scuola di auto-difesa che ottenne subito un successo straordinario, ma altrettanto velocemente, nel 1903, chiuse i battenti e sarebbe finita dimenticata nella polvere della storia se il suo sistema di lotta non avesse salvato la vita al pi celebre detective del mondo, il mitico Sherlock Holmes, come vedremo nell'introduzione storica. In questa scuola si insegnava il Bartitsu, un efficacissimo sistema di lotta basato sull'integrazione di varie arti marziali occidentali e l'allora sconosciuto Ju-Jitsu giapponese. Passato un secolo, potr dire qualcuno, gli attuali sistemi di lotta si saranno evoluti in maniera decisiva e saranno notevolmente superiori a quelli di cento anni fa... In realt non c' assolutamente niente di vero in questa affermazione, anzi! Nei primi anni del XX secolo si era nel pieno della seconda Rivoluzione Industriale e le cosiddette societ civili dovettero affrontare notevoli problemi di ordine pubblico ed una criminalit dilagante. Furti, stupri, rapine, aggressioni ed omicidi divennero cos frequenti e diffusi, specialmente nelle grandi citt e nei loro dintorni, da rendere la vita quasi impossibile ai cittadini onesti e rispettosi della legge. Le arti marziali di allora: il pugilato, la lotta e la scherma, erano ormai orientate verso l'aspetto sportivo e ludico di tali pratiche e si dimostrarono inadatte fornire un valido sistema di auto-difesa. Inoltre il tipico cittadino occidentale viveva almeno in teoria! - in una societ ormai disarmata, dove l'onere di mantenere l'ordine e far rispettare la legge era passato nelle mani dello stato. Lasciando da parte le zone pi periferiche della civilt occidentale, come il West americano o certe colonie in zone calde, i cittadini non potevano certo farsi giustizia da soli o girare armati per le citt, ma con i grossi problemi socio-economici creatisi con l'industrializzazione ed il massiccio urbanesimo (che aument di vari ordini di grandezza gli abitanti di tutte le grandi citt europee), gli stati si dimostrarono completamente impreparati ad affrontare la nuova situazione. Violente bande giovanili e criminali infestavano interi quartieri con frequenti fenomeni di criminalit e bullismo. I vicoli e le strade divennero il luogo di lavoro di prostitute, ruffiani, rapinatori, truffatori, bari e bulli, mentre le strade periferiche e quelle di campagna divennero il terreno di caccia di numerosi briganti, vagabondi e sfaccendati. Indurito e reso scaltro dalle risse giornaliere, forte e robusto a causa del pesante lavoro fisico svolto fin dall'infanzia ed incattivito dall'alcol e dalla rabbia per la penosa situazione in cui viveva, il tipico teppista di inizio secolo era un avversario decisamente pericoloso da affrontare. Inoltre egli non si faceva certo scrupolo ad usare sporchi trucchi (come testate, gomitate, ginocchiate, dita negli occhi, morsi, calci nelle tibie e nelle ginocchia, ecc...) ne ad usare armi di ogni genere (come coltelli, manganelli, bastoni, tirapugni, catene e chi pi ne ha pi ne metta!), ne a fare ricorso a complici che potevano assalire la vittima da ogni lato. Un pugile dilettante, o un lottatore o un savateur, erano completamente impreparati a questo brutale tipo di lotta e non furono pochi i campioni dell'una o dell'altra disciplina che finirono duramente malmenati durante un'aggressione o una rissa, e questo destava grande scalpore ed aumentava l'insicurezza dei cittadini. Fu in questo clima che un ingegnere ferroviario inglese, Edward William Barton-Wright, apr a Londra la sua scuola di auto-difesa che si dimostr efficacissima e super brillantemente anche le prove pi dure.

Breve storia del Bartitsu.


...Quando raggiunsi l'estremit ero in trappola. Non estrasse un'arma, ma si scagli contro di me e mi avvinghi con le sue lunghe braccia. Sapeva che la sua partita era persa, ed era soltanto ansioso di vendicarsi su di me. Vacillammo insieme sul bordo della cascata. Io avevo, tuttavia, qualche nozione di Baritsu, ovvero il sistema di lotta giapponese, che mi stato pi di una volta assai utile. Scivolai attraverso la sua presa, ed egli con un orribile grido scalci furiosamente per alcuni secondi ed artigli l'aria con entrambe le mani. Ma con tutti i suoi sforzi non riusc a trovare l'equilibrio e and gi. Con il viso oltre il bordo lo vidi cadere per un lungo tratto. Poi colp una roccia, rimbalz e cadde in acqua con un tonfo. ["Il ritorno di Sherlock Holmes - L'avventura della casa vuota" di Arthur Conan Doyle. (1903)]

Per gran parte del secolo successivo gli appassionati di Sherlock Holmes hanno invano speculato su cosa fosse questo misterioso sistema di lotta giapponese che gli aveva permesso di sconfiggere il suo pi terribile rivale, Moriarty, e di sfuggire alla morte nelle cascata di Reichenbach. Accurate ricerche appurarono che in Giappone non esiste nessuna arte marziale con questo nome. Era forse un nome inventato da Conan Doyle, oppure era un antico sistema di lotta dei Samurai andato perduto? Forse questo era un sinonimo per lo Judo o per il Ju-jitsu? A complicare ulteriormente le cose ci pensarono gli editori americani delle avventure di Sherlock Holmes che sostituirono - del tutto arbitrariamente - la parola "Baritsu" con "Ju-jitsu". Alcuni identificarono questo misterioso sistema con il Bu-Jitsu, altri con lo Judo ed altri ancora con il Sumo, ma nessuna di queste proposte fu mai convincente. Nel frattempo "l'arte marziale di Sherlock Holmes" assunse, per cos dire, una vita propria e fu citata spesso in molte fictions, compresi i fumetti, dove gli eroi venivano iniziati a questo misterioso ed efficacissimo sistema di lotta, come ad esempio in Doc Savage e ne L'Uomo Ombra (The Shadow). Praticamente un secolo dopo la pubblicazione del romanzo, nel 2001, lo storico inglese (ed esperto di arti marziali) Richard Bowen risolse il mistero trovando una serie di articoli nella rivista "Pearson's Magazine" dell'anno 1902, dove si parlava di un "nuovo metodo di difesa personale" denominato, appunto, "Bartitsu".

Le ricerche successive portarono alla luce anche altri articoli relativi al Bartitsu e si scopr che questo sistema di lotta era molto completo e articolato ed includeva calci, pugni, proiezioni, immobilizzazioni, leve articolari, ecc... In pratica, si trattava di un sistema di lotta completo composto da un mix di diverse arti marziali e che contemplava

tecniche della "Canne", della Savate, del pugilato inglese, del Wrestling e dello Ju-Jitsu, il tutto adattato alla difesa personale e che offriva ai suoi praticanti un sistema completo, efficace ed estremamente versatile. La misteriosa arte marziale di Sherlock Holmes era stata finalmente ritrovata! Tutto ci comunque, rimase confinato fra un numero ristretto di appassionati finch nel 2002, l'inglese Will Thomas, uno degli appassionati ricercatori, si decise a creare una mailing-list per coordinare le ricerche sul Bartitsu e nello stesso anno fond la "Bartitsu Society", un'associazione culturale senza scopo di lucro che aveva lo scopo di trovare quanto pi possibile su questa sconosciuta arte marziale. Storici professionisti e appassionati ricercatori dilettanti si misero a spulciare gli archivi di giornali, riviste e case editrici di tutta l'Inghilterra finche venne raccolto un buon corpus di informazioni, articoli tecnici, foto e disegni che permise alla "Bartitsu Society" di andare oltre la ricerca storica ed accademica. Diversi esperti di arti marziali, provenienti dai pi disparati stili di lotta, hanno codificato tecniche ed applicazioni di questo incredibilmente "moderno" sistema di lotta cos che dopo oltre un secolo di oblo il Bartitsu, l'arte marziale di Sherlock Holmes, finalmente rinata. L'inventore del Bartitsu si chiamava Edward William Barton-Wright, un ingegnere ferroviario inglese che grazie al suo lavoro gir in lungo e in largo per tutto l'Impero Britannico: in India, in Africa e in Asia. In particolare, egli visse per oltre tre anni Giappone dove apprese l'allora sconosciuta arte del Ju-Jistu, presso la scuola Shinden Fudo. Sempre in Giappone, egli studi anche l'allora neonato Judo, presso il Kodokan di Tokio poi, nel 1898, ritorn in patria. In quel periodo l'Europa era in piena "Belle Epoque" ed aveva ormai le caratteristiche di una moderna civilt industriale. La corrente elettrica, i treni a vapore, il telegrafo, le navi con lo scafo in acciaio, la diffusione popolare di giornali e riviste, i centri commerciali, il cosmopolitismo... Tutto questo rendeva quell'epoca straordinariamente simile alla nostra (anche se pochi anni dopo sarebbe stata spazzata via da due guerre mondiali e da un lungo periodo di dittature e nazionalismi). Le classi medie, a causa dell'imperante meccanizzazione, tendevano ad avere problemi di "forma fisica" e per questo iniziarono a diffondersi numerose palestre dove praticare la ginnastica, la scherma e numerosi altri sport, dove le classi borghesi e benestanti potevano praticare della sana attivit fisica. Nello stesso periodo, le grandi metropoli soffrivano di gravi problemi di sicurezza: scippatori, rapinatori, tagliagole, banditi (ruffians) e violente bande di teppisti (famosi divennero gli Hooligans di Londra e gli Apaches di Parigi) rendevano le citt un luogo molto pericoloso per le persone per bene. Particolarmente temuti erano i terribili "garroters" piccole bande di due o tre componenti che strangolavano gli ignari passanti con un laccio o con un drappo di seta, per poi rapinarli. I numerosi fatti di violenza venivano inoltre amplificati dall'allora neonata stampa scandalistica, facendo aumentare nei cittadini il bisogno di sicurezza. Ecco allora che assieme ai vari sport "tradizionali", vennero aperti numerosi club dove si praticavano le arti da combattimento, quali la scherma, il pugilato, la lotta o il wrestling.

Grande appassionato delle tecniche di combattimento, Barton-Wright conosceva bene la Boxe inglese, la Savate francese ed il Wrestling che allora furoreggiava nelle platee, e volle aprire una palestra per sfruttare cos la moda imperante. Chiam inoltre dal Giappone due maestri di Ju-Jitsu con cui aveva praticato negli anni precedenti e dalla Svizzera fece venire il maestro d'armi Pierre Vigny (inventore di una scherma eseguita con il bastone da passeggio, "la Canne" che associava alla Savate francese) ed il campione di wrestling Armand Cherpillod, svizzero pure lui. Fu allora che Barton-Wright ebbe la grande intuizione di fondere il meglio delle tecniche europee ed asiatiche in

un'unica arte marziale, orientata alla difesa personale nel moderno contesto di una civilt industrializzata. Assieme ai suoi collaboratori, egli apr un prestigioso club di autodifesa e cultura fisica, il "Bartitsu Accademy of Arms and Phisical Culture", al numero 67b di Shaftesbury Avenue, nel quartiere Soho di Londra, ed inizi a mettere a punto la sua nuova arte marziale. Il nome "Bartitsu", derivava dalla fusione del suo cognome (BARTon) con l'ideogramma "jITSU". Il nuovo sistema di lotta prevedeva la scherma col bastone da passeggio per la lunga distanza, della Savate e della Boxe inglese per la media distanza (o nel caso non fosse disponibile il bastone) e della tecniche del Wrestling e della lotta giapponese (Ju-Jitsu) a distanza ravvicinata. Barton-Wright vi incluse inoltre tecniche ricavate dalla "Lutte de rue" parigina, dallo "Chasson" marsigliese e da altri sistemi di "combattimento sporco" provenienti da tutto il mondo. Tutte le tecniche delle varie arti marziali furono adattate per rispondere ai principi di semplicit, praticit ed efficacia ed unite in un unico sistema organico, anticipando cos di oltre un secolo i moderni ed attuali sistemi di autodifesa (come l'israeliano Krav-Maga o il russo Systema). Accanto all'attivit del club, Barton-Wright e i suoi collaboratori organizzavano sfide dimostrative contro atleti di tutte le discipline di lotta, dove vincevano sempre in maniera schiacciante. Fra queste fece molto scalpore l'impresa di Barton-Wright al St. Jame's Hall dove incontr, uno dopo l'altro, sette forti lottatori e li sconfisse tutti e sette nel giro di tre minuti! Quest'impresa gli fece ottenere un'adesione al prestigioso ed esclusivo "Bath Club" e anche un invito reale per comparire dinanzi ad Edoardo, Principe di Galles. Il Club Bartitsu era organizzato sul modello dei circoli sportivi vittoriani; gli aspiranti membri presentavano le loro domande di ammissione ad un comitato, che includeva sia il capitano Alfred Hutton, il primo a promuovere la riscoperta della scherma tradizionale in Inghilterra, che il colonnello George Malcolm Fox, ex Ispettore Generale del Corpo di addestramento dell'Esercito Britannico. In generale era un club molto esclusivo e i suoi componenti appartenevano alla "creme" della societ britannica di allora, sia civile che militare.

Dopo pochi anni di attivit, verso la fine del 1902 la Bartitsu Accademy chiuse i battenti. La cattiva gestione economica, le rette troppo alte ed una serie di liti fra i soci, posero fine all'attivit del club. Barton-Wright continu l'attivit aprendo dei centri salutisti dove si fornivano pratiche "esoteriche" al limite della cialtroneria, quali l'elettro-terapia, la luce-terapia, le radiazioni e la vibro-terapia, anche se sappiamo che ha continuato a sviluppare e praticare il Bartitsu almeno fino al 1920, anche se solamente sotto forma di lezioni private. I due ju-jitsuka giapponesi, Yukio Tani e Sadakazu Uyenishi, aprirono dojo di Ju-Jitsu in tutta Europa e pi tardi cominciarono a diffondere lo Judo. Vigny e Cherpillod tornarono in svizzera e ben presto il Bartitsu fu completamente dimenticato e sarebbe scomparso nell'oblio, se non fosse stato per il racconto di Conan Doyle che abbiamo visto all'inizio. Per molti versi, E.W. Barton-Wright era un uomo in anticipo sul suo tempo. Fu tra i primi Europei noti ad aver studiato le arti marziali giapponesi, e fu certamente il primo ad averle insegnate in Europa, nell'Impero britannico o nelle Americhe. Il Bartitsu fu la prima arte marziale ad aver deliberatamente combinato stili di lotta asiatici ed europei allo scopo di affrontare i problemi dell'autodifesa civile/urbana in una "societ disarmata". In questo, Barton-Wright anticip l'approccio del Jeet Kune Do di Bruce Lee di oltre settant'anni. Una filosofia simile di eclettismo pragmatico fu adottata da altri specialisti europei di autodifesa degli inizi del XX secolo, inclusi Percy Longhurst, William Garrud e Jean Joseph-Renaud, che avevano tutti studiato con ex istruttori del Bartitsu Club. Bill Underwood, William E. Fairbairn ed altri, incaricati di sviluppare sistemi di combattimento ravvicinato ad uso delle truppe alleate durante la Seconda guerra mondiale, misero ugualmente a punto sistemi di combattimento

corpo a corpo di tipo pratico ed interculturale. Underwood aveva effettivamente studiato il jujitsu con Yukio Tani ed un altro jujitsuka, Taro Miyake, a Londra durante il primo decennio del XX secolo. I sistemi fondati da Underwood, Fairbairn e dai loro contemporanei divennero la base per la maggior parte dell'addestramento al combattimento ravvicinato delle forze armate e della polizia in tutto il mondo occidentale durante il XX secolo. E.W. Barton-Wright ricordato anche come un promotore pionieristico delle gare di arti marziali miste o M.M.A. (Mixed Martial Arts), nelle quali esperti di diversi stili di lotta competono in base a regole comuni. I campioni di Barton-Wright, compresi Yukio Tani, Sadakazu Uyenishi e il lottatore svizzero di Wrestling, Armand Cherpillod, godettero di notevole successo in queste gare, che anticiparono di cento anni il fenomeno delle M.M.A. degli anni '90. Il Bartitsu Club fu inoltre tra le prime scuole del suo tipo in Europa ad offrire lezioni specializzate di autodifesa femminile, una pratica adottata ,dopo la chiusura del Club, da parte di studentesse di Yukio Tani e Sadakazu Uyenishi, fra le quali Edith Margaret Garrud ed Emily Watts. La signorina Garrud fond il proprio dojo (scuola) di ju-jitsu a Londra ed insegn l'arte anche ai membri del movimento militante delle suffragette, creando un'iniziale associazione tra l'allenamento all'autodifesa e la filosofia politica del femminismo.

Nel 2002, fu creata un'associazione internazionale di entusiasti del Bartitsu, conosciuta come la Bartitsu Society, inizialmente per dedicarsi alle ricerche storiche e inseguito per far rinascere la "Nuova arte di autodifesa" di E.W. Barton-Wright. La Bartitsu Society divide le ricerche sul Bartitsu in due campi collegati, quelli del Bartitsu canonico (le sequenze di autodifesa che furono illustrate in dettaglio da Barton-Wright e dai suoi assistenti nel 1899-1902) e del Neo-Bartitsu (interpretazioni moderne, personalizzate, tratte specialmente dai manuali di allenamento prodotti da ex istruttori del Bartitsu Club e dai loro studenti fra il 1905 ed i primi anni 1920). Accanto a questo filone principale, la ricerca ha sviluppato interessi collaterali per fenomeni sociali quali le bande di strada a cavallo fra il XIX ed il XX secolo, l'addestramento marziale del movimento militante delle Suffragette, e lo studio delle arti marziali come parte della storia sociale vittoriana ed edoardiana. La Bartitsu Society comunica attraverso un gruppo email fondato dall'autore Will Thomas e singoli membri offrono occasionalmente seminari pratici delle tecniche di lotta del Bartitsu. Nell'agosto 2005, la Society pubblic un libro, "The Bartitsu Compendium" ("Il compendio del Bartitsu"), curato da Tony Wolf. Il Compendium illustra in dettaglio la storia completa di quest'arte marziale nonch un corso tecnico di studio del Bartitsu canonico. Il secondo volume, pubblicato nell'agosto 2008, comprendeva risorse per il Neo-Bartitsu tratte sia dagli scritti dello stesso Barton-Wright che dal corpus dei manuali di autodifesa prodotti dai suoi colleghi e dai loro studenti, compresi Yukio Tani, William Garrud, H.G. Lang, Jean Joseph-Renaud e R.G. Allanson-Winn. Articoli su vari aspetti del Bartitsu sono stati pubblicati su giornali (tutti in lingua inglese) tra i quali "Classical Fighting Arts", "Western Martial Arts Illustrated", "The Chap", "History Today" e "Clarkesworld Magazine". Nel settembre 2006, un membro della Bartitsu Society, Kirk Lawson, mise in commercio un DVD intitolato "Bartitsu - the Martial Art of Sherlock Holmes" ("Bartitsu - L'arte marziale di Sherlock Holmes"), che una presentazione delle tecniche del Bartitsu secondo la dimostrazione fatta al Cumann Bhata Western Martial Arts Seminar nella primavera 2006. Nell'ottobre 2006, la Bartitsu Society lanci il sito Bartitsu.org, che include informazioni sulla storia, la teoria e la pratica dell'arte marziale di Barton-Wright. Nel luglio 2008, Kirk Lawson, il gi citato membro della Bartitsu Society, annunci ufficialmente il primo corso attivo di addestramento al Bartitsu/Neo-Bartitsu presso il suo club, il Cumann Bhata Dayton. Nell'agosto 2009 la Bartitsu Society annunci la realizzazione di un documentario integrale su E.W. Barton-Wright e le sue arti di autodifesa.

Gli incassi delle vendite del Bartitsu Compendium, del Bartitsu Compendium II e del DVD Martial Art of Sherlock Holmes sono stati destinati alla creazione di una tomba adeguata ed un monumento funebre per E.W. Barton-Wright, che mor povero e dimenticato ed attualmente seppellito in una fossa comune. Circoli e gruppi di appassionati di Bartitsu ,sul modello della Bartitsu Society ,sono stati creati in varie nazioni. In Italia, attivo il Bartitsu Club Italia, fondato da Paolo Paparella, Ran Arthur Braun e Angelica A. Pedatella in collaborazione con Tony Wolf. Anche il sito del club (Bartitsu.it) contiene varie informazioni e materiali sulla storia di quest'arte marziale, nonch sui corsi e le iniziative ad esso dedicate. Lo scopo di questo piccolo manuale quello di coinvolgere il maggior numero possibile di persone e di far conoscere meglio e possibilmente diffondere la nobile arte del Bartitsu nel nostro Paese.

Il Bartitsu stato ideato con lidea di fornire alle persone pacifiche un metodo di autodifesa da bulli e prepotenti, e comprende non solo il pugilato ma anche luso del bastone da passeggio, dei calci e delle tecniche davvero efficaci e furbe della lotta giapponese, in cui il peso e la forza giocano solamente una piccola parte. (E.W. Barton-Wright, 1902). Il Bartitsu era lautodifesa per gli intenditori, consentendo ai gentiluomini di riaffermare la loro presenza fisica in strada in modo non solo scaltro ma anche esteticamente gradevole. Larte marziale di Barton-Wright permise ai gentiluomini di mettere alla prova le loro abilit fisiche e mentali, piuttosto che acquistare semplicemente una delle tante armi disponibili sul mercato. (Emelyne Godfrey, 2005) Nel Bartitsu compreso il pugilato, ovvero l'uso del pugno come mezzo contundente, l'uso dei piedi sia in senso offensivo che difensivo, e l'uso del bastone come mezzo di autodifesa. Judo e ju-jitsu, che erano stili segreti di lotta giapponese, si potrebbero definire come azione ravvicinata applicata all'autodifesa. Al fine di assicurarsi per quanto possibile l'immunit contro le ferite in attacchi codardi o zuffe, si deve apprendere il pugilato, per apprezzare completamente il pericolo e la rapidit di un colpo ben diretto, e le particolari parti del corpo che sono attaccate scientificamente. Lo stesso, naturalmente, vale per l'uso dei piedi o del bastone. Il judo ed il ju-jitsu non sono pensati come mezzi primari di attacco o di difesa contro un pugile o un uomo che vi prende a calci, ma devono essere usati solo dopo essere giunti a distanza ravvicinata, e per arrivare a distanza ravvicinata assolutamente necessario capire il pugilato e l'uso dei calci. (E.W. Barton-Wright, 1902).

La Belle Epoque.
Per Belle Epoque si intende il periodo storico compreso fra il 1880 ed il 1914, durante la seconda Rivoluzione Industriale. Questo periodo temporale fu sotto molti aspetti eccezionale e present delle straordinarie analogie con la nostra epoca. Nella Belle Epoque le invenzioni e i progressi della tecnica e della scienza furono senza paragoni con le epoche passate e i benefici che queste scoperte apportarono agli standard di vita furono notevoli: l'illuminazione elettrica, il telegrafo, l'automobile, il cinema, la pastorizzazione, i vaccini... Tutto ci permise un miglioramento delle condizioni di vita e al diffondersi di un senso di ottimismo. La borghesia celebrava i risultati raggiunti in pochi decenni di egemonia con Esposizioni Universali, in cui si esibivano le ultime strabilianti meraviglie della tecnica; con conferenze di esploratori, missionari, ufficiali, che raccontavano le grandezze e le miserie di mondi lontani, il cui contrasto con l'Occidente inorgogliva gli ascoltatori e li confermava nella loro certezza di appartenere ad un mondo superiore, che nulla mai avrebbe potuto incrinare. Le guerre, se c'erano, erano lontane: in Cina, in Africa, sulle pendici dell'Himalaya. Tra le potenze europee ogni accordo sembrava possibile, pur di conservare un benessere tanto evidente. Affrontare la vita con questo spirito significava caratterizzarlo in modo spensierato e positivo. Gli abitanti delle citt avevano scoperto il piacere di uscire, anche e soprattutto dopo cena, di recarsi a chiacchierare nei caff e assistere a spettacoli teatrali. Si trattava soprattutto di spettacoli di teatro dombre e spettacoli di Can Can. Il primo una antica forma di spettacolo popolare, originario della Cina, realizzato proiettando figure articolate su uno schermo opaco, semitrasparente, illuminato posteriormente per creare l'illusione di immagini in movimento. Esso venne rappresentato in molti locali, ma il pi noto resta il Caff-Cabaret Le Chat Noir di Parigi che present numerosi spettacoli di teatro d'ombre in una forma spettacolare che vedeva al lavoro fino a 20 animatori. Questo locale era frequentato da numerosi artisti dellepoca e al suo interno era inoltre possibile bere l'assenzio, un distillato dal colore verde, ad alta gradazione alcolica, con un sapore che ricorda molto la liquirizia che veniva servito con acqua ghiacciata e zucchero. Il secondo, invece, uno spettacolo caratterizzato dall'esibizione di ballerine che, schierate in fila l'una a fianco dell'altra, al tempo di una musica molto veloce e ritmata alzavano ritmicamente le gambe: durante questo movimento esse si scoprivano parzialmente, emergendo dalle lunghe e ampie gonne e sottogonne in uso all'epoca e suscitando l'entusiasmo degli spettatori che spesso accompagnavano il ritmo battendo le mani. Il Can Can era ballato in numerosi locali di Parigi, ma il pi noto resta il Caff-Concert Moulin Rouge, anchesso molto frequentato dagli artisti dellepoca e tuttoggi visitabile. In generale, durante la Belle poque, le vie e le strade cittadine erano piene di colori: manifesti pubblicitari, vetrine con merci di ogni tipo, eleganti magazzini. I progressi tecnici e scientifici diedero inizio anche alla stampa popolare e si ebbe una grande diffusione di giornali e riviste di ogni genere. I pi venduti erano quelli scandalistici e quelli che trattavano pettegolezzi sui personaggi pi in vista (un vero e proprio gossip ante-litteram!). Bisogna immaginare che inizialmente i padri e i nonni di questa generazione di fine secolo si spostavano in carrozza o a cavallo, su strade polverose e insicure; comunicavano con lettere che impiegavano settimane a giungere a destinazione; le merci arrivavano in porto dopo mesi di navigazione attraverso gli oceani e venivano poi caricate su mezzi trainati da cavalli, muli e buoi; il lavoro nelle manifatture era spesso disumano perch si giovava quasi esclusivamente della forza delle braccia. Nell'arco di pochi decenni tutto questo spar, grazie alla diffusione di efficienti macchine a vapore per treni e navi, all'elettrificazione di molte linee ferroviarie, alla comunicazione in tempo reale attraverso il telegrafo, all'invenzione del motore a scoppio che soppiantava dopo millenni il traino animale, alla straordinaria invenzione dei fratelli Lumire (il cinema) e agli albori dell'aereonautica. Possiamo immaginare l'emozione nel vedere le citt illuminarsi ogni sera di migliaia di lampadine, dopo secoli di buio rischiarato da torce e pochi lumi a gas. Ce n'era davvero abbastanza per ubriacare un'intera generazione!

Bisogna per anche dire che la Belle poque fu tale solo per chi se la poteva permettere. Il progresso aveva infatti un prezzo: il benessere di alcuni si basava sul disagio di moltissimi altri; secondariamente del proletariato operaio e contadino. Quest'ultimo tuttavia, soprattutto quello operaio, durante la Belle poque cominci a godere di qualche vantaggio, non solo grazie alle proprie durissime lotte, ma grazie anche alla logica stessa dell'economia di mercato. In base a questa logica infatti se si vuole guadagnare di pi bisogna produrre e vendere di pi. Ma per aumentare le vendite era necessario che masse sempre pi estese avessero sempre pi denaro per comprare. Gli imprenditori, quindi, man mano che la produzione scendeva, accettarono di concedere aumenti dei salari, facendo salire il reddito pro capite nei paesi sviluppati. Dopo aver creato nuovi mercati nelle colonie, costringendole ad acquistare dall'Occidente i prodotti lavorati, misero anche in moto una crescita esponenziale dei loro mercati interni, ponendo le basi per una vera e propria societ di consumisti-consumatori. Per realizzare compiutamente questo allargamento del mercato si provvide anche rapidamente alla crescita della distribuzione. Beni di consumo come abiti, calzature, mobili, utensili domestici, che prima erano prodotti artigianalmente e venduti da piccoli commercianti al dettaglio, cominciarono a essere offerti da una rete commerciale sempre pi ampia. Si moltiplicarono i grandi magazzini, furono incrementate la consegna e la vendita a domicilio, la vendita per corrispondenza, furono trovate nuove forme per il pagamento rateale che se da un lato indebitavano le famiglie, nel contempo rendevano accessibile ai meno abbienti una quantit prima impensabile di prodotti di ogni genere. In appoggio a questa massiccia strategia di vendita nasceva la pubblicit, che cominciava ormai a riempire i muri delle citt e le pagine dei giornali.

Cultura fisica.
Per la borghesia di allora le migliori condizioni di vita, l'agiatezza, i pasti abbondanti e la crescente sedentariet, portarono dei problemi ben noti anche nella nostra epoca, come l'obesit e la scarsa forma fisica, con tutti i problemi medici ed estetici che ne conseguono. Ci coincise con lemergente ridefinizione di sport come un'attivit atletica di qualsiasi tipo che potesse essere svolta anche a livello amatoriale, in contrasto con la cultura dellazzardo, del competere per vincere un premio, delle corse dei cavalli e del libertinaggio. Questo insieme di fattori port alla fondazione di palestre cittadine dove si affrontavano lobesit e gli altri problemi causati dalla sedentariet. Un gran numero di sistemi competitivi di ginnastica calistenica, sollevamento pesi ed altre simili forme di esercizi erano disponibili al pubblico. Pugilato scientifico, oltre che gare di quarterstaff (un bastone lungo da 2 a 3 metri circa, tipico della tradizione medievale anglosassone) e le arti della scherma di bastone, sciabola, fioretto e baionetta erano tutte attivit seguite con entusiasmo dagli studenti delle sale darmi e delle palestre che fiorirono nelle maggiori citt europee verso la fine del 1800. Esempi notevoli in tal senso sono la londinese Young Mens Christian Association, la German Gymnasium e la Inns of Court School of Arms. In queste palestre i pugili dilettanti si scioglievano le spalle confrontandosi con schermidori di vari stili, lottatori ed altri appassionati delle principali arti marziali allora in voga. Il diffuso fenomeno della cultura fisica della classe media, favor lo sviluppo di un'ampia variet di sistemi di esercizi ginnici, pi o meno dipendenti dallimpiego di attrezzi specifici, quali mazze indiane, manubri per sollevamento pesi, corde per esercizi di tiro e arrampicata, cavalli da volteggio e simili. Molti di questi esercizi trovarono posto nei programmi della ginnastica, delle arti marziali e nelle accademie degli sport, oltre che a volte essere impiegati in dimostrazioni pubbliche che i praticanti organizzavano per raccogliere fondi.

Aspetti sociologici e micro-criminalit.


La rivoluzione industriale provoc lo spostamento di enormi masse di uomini dalle zone rurali verso le citt, attratte dalla grande richiesta di mano d'opera e dalla speranza di una vita migliore. Per la stragrande maggioranza di essi per, questa fu solo una pia illusione e si ritrovarono a vivere stipati in angusti e miserabili quartieri, in condizioni sanitarie paurose ed in completa indigenza. La crescente meccanizzazione provoc una crescente e diffusa disoccupazione ed i fortunati che potevano ancora lavorare lo facevano con orari disumani, con stipendi da fame e in regime di semi-schiavit. I lavoratori pi richiesti erano i bambini, che spesso si sobbarcavano il peso di mantenere l'intera famiglia, mentre alle donne non rimaneva altra strada che la prostituzione, su cui si avviavano fin dai dodici anni. Miseria, prostituzione, malattie veneree, elevata mortalit infantile, alcolismo, sfruttamento del lavoro minorile, criminalit sempre pi diffusa, questo fu il rovescio della medaglia della Belle Epoque. Gli uomini rimanevano a casa nella pi completa inattivit, abbandonandosi all'alcool e alle prostitute. I giovani, senza altra prospettiva che un lavoro malsano e mal pagato quando erano fortunati! - si riunivano in bande di teppisti che terrorizzavano interi quartieri. Ruffiani, borseggiatori, taglia gole e rapinatori cominciarono a infestare le citt di tutta Europa, specialmente nelle ore serali e notturne e la piccola e media borghesia cominci a temere le bande giovanili degli Hooligans e degli Scruttler, i rapinatori da strada quali i Corner Men (che aspettavano le loro vittime dietro gli angoli dei vicoli), i Garroters (i garrottatori, cos chiamati perch strozzavano le loro vittime con una sciarpa di seta, con una tecnica che vedremo pi avanti) e i violenti teppisti (ruffians) che sfogavano la loro rabbia e loro loro frustrazione nell'alcool e nella violenza gratuita. La micro-criminalit e la violenza delle bande divennero ben presto un fenomeno sociale molto preoccupante a cui la stampa dell'epoca diede larga eco, nonostante la polizia tendesse a minimizzare le cose e per la piccola e media borghesia l'auto-difesa divenne ben presto una necessit primaria. Prima di proseguire, per, nel nostro excursus storico, sar interessante osservare pi da vicino quali erano e come agivano i tipici criminali di inizio '900, servendoci dei documenti dell'epoca.

Scuttlers e Hooligans.
Col nome di Scuttlers si intendevano i membri che appartenevano a delle bande giovanili di quartiere (noti come bande scuttler) formatesi in quartieri popolari di Manchester, Salford, e dei comuni circostanti durante il fine del 19esimo secolo. E 'possibile tracciare un parallelo con le bande di strada di Londra del 1890 che divennero famose col nome di Hooligans. Un scuttler era un ragazzo, di solito tra i 14 e i 18, 19 anni, la cui attivit principale erano i combattimenti fra bande contrapposte di giovani, armati con armi improprie di ogni genere. Queste gangs si sono formate nei bassifondi di Manchester, nei comuni di Bradford, Gorton e Openshaw a est e a Salford, a ovest della citt. I primi conflitti fra bande rivali sono scoppiati a Manchester nei primi anni del 1870 e sono continuati sporadicamente per trent'anni, con un calo di frequenza e di gravit a partire dalla fine del 1890. Gli Scuttlers erano bande di combattimento territoriali. Ci si riflesso nei loro nomi, quali le "tigri del Bengala", acclamate dal grappolo di strade e campi intorno a Bengala Street a Ancoats. La maggior parte delle bande ha preso il nome da una strada locale, come "Holland Street" a Miles Platting o "Hope Street, a Salford. Gli Scuttlers si distinguevano dagli altri giovani dei quartieri operai dal loro abbigliamento distintivo. In genere indossavano zoccoli con una punta in ottone, pantaloni a zampa, tagliati alla marinara (chiamati "campane" con circonferenza di quattordici pollici al ginocchio e 21 pollici all'altezza dei piedi) e un'appariscente sciarpa di seta. I loro capelli erano tagliati corti sul retro e ai lati, ma con lunghe frange, allora note come "frange d'asino", pi lunghe sulla sinistra, di modo che ricoprivano quasi tutto l'occhio sinistro. I classici berretti con la visiera erano indossati inclinati verso sinistra, per evidenziarne meglio la frangia. Le ragazze Scuttlers avevano anche loro uno stile di abbigliamento particolare, composto da zoccoli, scialle, e una gonna a strisce verticali. I membri di queste gangs hanno combattuto con una grande variet di armi improprie, ma tutti portavano il coltello e delle cinture con pesanti fibbie, spesso decorate con immagini, quali serpenti, cuori trafitti da frecce o nomi di donne. Le cinture in pelle, di grosso spessore, erano i loro beni pi preziosi e venivano strette attorno al polso nel momento di uno scontro, in modo che la fibbia potrebbe essere utilizzata per colpire gli avversari. L'uso di coltelli e

delle cinture per era per studiato pi per mutilare e sfigurare, piuttosto che per uccidere, infatti ben difficilmente gli scontri avevano esiti letali. Alcuni degli scontri tra bande rivali coinvolsero un grandissimo numero di partecipanti. Il Reporter Gorton descrisse una gigantesca rissa, avvenuta nel maggio del 1879 che coinvolse pi di 500 persone. Il fenomeno degli Scuttlers raggiunse il picco nel 1890-1891, tanto che nel 1890 c'erano pi giovani scuttlers in prigione per rissa che per qualsiasi altro reato. Al volgere del secolo, le bande si era quasi tutte sciolte, in parte a causa della demolizione di alcuni dei peggiori bassifondi, in parte per l'impiego dei giovani in lavori socialmente utile e di mutuo soccorso (gli allora famosi Lads Club) per impegnare i giovani che non lavorano in attivit pi pacifiche ed utili alla comunit, e per la diffusione del footbal di strada e l'avvento del cinema. Una delle principali iniziative intraprese per fornire ai giovani un'alternativa alla guerra di bande port alla formazione del St. Marks Football Club, che in seguito divenne il Manchester City Footbal Club. In conclusione il fenomeno degli Scuttlers non fu di orientamento criminale o criminoso, ma esprimeva soltanto il disagio sociale e psicologico dei giovani proletari di allora e una volta che si eliminarono molte delle cause che vi erano alla base le bande scomparvero del tutto. Nella Londra di inizio secolo invece, oltre alla presenza di bande giovanili simili agli Scuttlers, vi era opprimente clima di criminalit e violenza diffuse. Lasciando da parte l'ubriachezza, il furto era dilagante. I bambini erano impiegati come borseggiatori e per rubare carriole per le strade, le donne si impegnavano nei furti ai mercati e in tutta Londra scaltri truffatori, imbroglioni, "magsmen" o "bari", operavano in massa. Molti erano gli scassinatori, organizzati in bande, che rubavano nelle case, nei negozi e nei magazzini. La rapina, spesso brutale e violenta, era all'ordine del giorno, anche se esistevano tecniche pi soft. Un fazzoletto imbevuto di cloroformio era uno dei metodi pi diffusi per sottomettere qualcuno prima di derubarlo, oppure si premeva un cappello sul viso della vittima per facilitare il reato (questo trucco era chiamato "bonneting"). Un altro trucco era quello di attirare gli uomini fino alla riva del fiume, utilizzando prostitute come esche. I creduloni sarebbero poi stati picchiati e derubati senza testimoni e non poche vittime finirono, accoltellate, sul fondo del Tamigi. Le prostitute stesse correvano rischi enormi. Nessuno sa quante di loro sono state strangolate o picchiate o macellate (Jack lo Squartatore era ben lungi dall'essere il solo cattivo in circolazione e moltissime donne iniziavano a prostituirsi gi all'et di dodici anni). Nessuna donna rispettabile si sarebbe avventurata fuori casa dopo il tramonto, se avesse avuto possibilit di scelta. Anche se un poliziotto poteva apparire sulla scena del crimine, non di rado si beccava una spruzzata di acido nitrico in faccia e per questo molti di loro passavano oltre, facendo finta di non vedere. Gli indifesi: donne, vecchi e bambini erano particolarmente a rischio. Questi ultimi potevano essere aggrediti, trascinati in un vicolo, e spogliati di tutto quello che avevano, oppure rapiti a scopo di estorsione. Persino i cani potevano sparire nel nulla, in quanto le loro pelli erano molto richieste. Intorno alla met del secolo, a partire dal 1862, si diffusero sempre di pi i "garrotters" che strangolavano, non di rado a morte, gli incauti pedoni prendendoli da dietro, mentre loro complici gli spogliavano dei loro oggetti di valore. Questo brutale metodo di rapina caus vere e proprie ondate di panico. Le bande di teppisti di strada si presentarono in una nuova versione di rapina, assalendo vetturini e carrai per depredarli del loro carico, taglieggiando negozianti e commercianti, importunando i passanti, soprattutto se donne, o massacrandosi in una delle loro frequenti risse.

Les Apaches!
La rivoluzione industriale ebbe in Francia effetti simili a quelli che abbiamo visto in Inghilterra, con la nascita di numerosi quartieri-ghetto dove prevalevano miseria, malattie, alcolismo, prostituzione ed una sempre pi diffusa criminalit. Dopo la Semaine Sanglante (la settimana di sangue) durante la quale la Comune di Parigi venne violentemente rovesciata, le tensioni tra la classe operaia e quella borghese si aggravarono ulteriormente ed inizi a prevalere un clima di anarchia e illegalit. E' in questo contesto, che sono cresciuti i monelli di Victor Hugo in Les Miserables (I miserabili) ed il flagello che divenne noto come "L es Apaches". Ci sono diverse storie sull'origine del nome "Apache" con cui venivano chiamate le bande criminali di Parigi durante la Belle Epoque. In una si dice che sia iniziato con l'articolo di un giornale che parlava di una rissa nel quartiere di Montmartre, scrivendo: "...la furia di un violento litigio tra due uomini e una donna si alz alla ferocia dei selvaggi indiani Apache in battaglia". In un altra, in seguito alla scoperta di un uomo brutalmente torturato e ucciso nel Faubourg du Temple l'articolo fu intitolato: "Crimine commesso dagli Apaches di Belleville". In alternativa, in una terza possibilit, avvenne alla stazione di polizia di Belleville, dove, dopo aver ascoltato un giovane teppista chiamato "Terror" recitare la lunga lista di attentati commessi dalla sua banda, uno degli interrogatori, esasperato, a un certo punto esclam " voi vi comportate come gli Apaches!". Il giovane teppista, soddisfatto per il nome, rispose: "Si, siamo Apaches!". In seguito, le bande criminali di quel quartiere furono chiamate gli Apaches di Belleville e il nome si estese a tutte le bande criminali che operavano nei dintorni di Parigi. Al di l della sua origine, il termine "Apache" fu subito abbracciato con entusiasmo dagli stessi fuorilegge e adottato da polizia, giornali e dal pubblico in generale, nel descrivere i briganti che infestavano La Ville Lumire, i cui crimini squillavano quotidianamente attraverso i titoli dei giornali: " Gli Apaches Terrorizzano Parigi.", "Gang di assassini a Parigi.", "Sanguinosa esecuzione nel centro di Parigi".

Il tipico Apache era solitamente un magnaccia, un truffatore e un ladro, i cui capi banda venivano chiamati "' les Noctambules". Essi parlavano con un linguaggio particolare, un gergo da strada incomprensibile alle autorit o a qualsiasi potenziale vittima e possedevano un loro codice d'onore che imponeva, fra le altre cose, una durissima punizione a tutti i membri traditori. Gli Apaches erano identificabili dal loro abbigliamento preferito: un paio di stivali gialli, lucidi, con bottoni d'oro il cui numero indicava le persone uccise, una sciarpa colorata al collo, in cui il colore e i disegni indicavano a quale gruppo avevano giurato fedelt, un paio di pantaloni stretti al ginocchio e svasati sul fondo , chiamati Bnard e una maglietta a righe bianche e azzurre, da marinaio, che divenne ben presto il carattere pi distintivo della loro tenuta, tanto che le magliette di questo tipo venivano chiamate " magliette Apache".

Per les Apaches nessun crimine era troppo scandaloso, siano essi il furto e l'omicidio di un'anziana vedova, l'uccisione di un vetturino, l'aggressione agli agenti di polizia in pieno giorno o l'attacco a dei vigili del fuoco che avevano cercare di spegnere gli incendi dolosi da loro stessi accesi. Particolare eco ebbe allora una vera e propria battaglia urbana che si svolse in pieno centro di Parigi. Place de la Bastille stata teatro di una vera e propria battaglia campale tra loro e la polizia e supera qualsiasi cosa finora immaginata.. Cos inizi un articolo dell'epoca che prosegui: Tutto iniziato quando due bande opposte di Apache si sono scontrate e hanno dato inizio ad una battaglia campale con coltelli e revolver, nel corso del quale tre Apaches sono stati uccisi e sette feriti gravemente. I combattimenti si sono diffusi poi per le strade vicine e nei caff . Otto poliziotti, chiamati dai negozianti impauriti, hanno cercato di separarli. Allora, cosa che succede sempre in questi casi, i teppisti hanno subito dimenticato le loro diatribe personali per fare causa comune contro gli agenti di polizia. Da una dozzina di bar malfamati sono usciti rinforzi per gli Apache e ci stato riferito che ben presto pi di un centinaio di malfattori si un ai loro compagni in battaglia. Nel frattempo accorsero sul luogo tutte le pattuglie di polizia della zona e cos accaduto che per un'ora intera la Place de la Bastille, nel centro di Parigi, stato un campo di battaglia sanguinoso in cui la polizia stava soccombendo. La battaglia sarebbe finita con un trionfo dei duri, non essendoci altri agenti di rinforzo, ma all'ultimo momento arriv un insperato aiuto da parte di semplici passanti, soldati in licenza e vigili del fuoco che arrivarono in soccorso, rovesciando le sorti del combattimento. Degli otto poliziotti originali, sei sono stati portati al St. Antoine Hospital, con numerose ferite d'arma da fuoco e di coltello mentre nove Apaches feriti sono stati abbandonati dalle bande in fuga. . [Le Petit Journal Illustr.]

Sul fatto che les Apaches fossero avversari pericolosi ci sono pochi dubbi perch quando sono entrati battaglia erano in possesso di un vasto assortimento di armi uniche e letali: Combattono con pugni di ferro, chiamati" pugni americani ", con manganelli, bastoni piombati, bastoni animati e revolver. Ma la loro vera arma preferita un pugnale dalla punta lunga, sottile e tagliente chiamato" Zarin" o Surin, che viene utilizzato dando dei colpi a strappo". Oltre allo "Zarin", gli Apaches avevano un formidabile talento per trasformare oggetti comuni, come passalacci e sciarpe, in strumenti di violenza, e indossavano degli ingegnosi anelli chiodati chiamati "puncheur pine" (thorn puncher) che significa grosso modo "pugni spinati". La loro arma pi infame era per una pistola particolare nota come il 'Revolver Apache' o "Marguerite" (margherita nel loro gergo, in quanto si apriva come un fiore), che poteva funzionare come una pistola, un coltello o un tirapugni. Occasionalmente gli Apaches indossavano pure della armature e cio delle " maniche e braccialetti di bronzo, irti di punte acuminate, in modo che i poliziotti, nel semplice atto di cercare di bloccarli, potevano ferirsi gravemente alle mani."

La micidiale Marguerite, aperta e chiusa.

Vari anelli "da rissa" degli Apaches. A dx. Il micidiale Thorn Puncher

Quando erano disarmati, les Apaches erano solo un po' meno pericolosi, in quanto praticavano un loro sistema codificato di lotta di strada che si era sviluppato dalla S avatte e dalla Lutte Parisienne. La Savatte (con due ti nell'ortografia originale che significa "vecchio stivale") era il vecchio stile di combattimento dei bassifondi. Questo stile di lotta fu inventato per aggirare una legge francese, che dichiarava che i propri pugni dovevano essere considerati un'arma letale durante qualsiasi rissa. Per aggirare questa legge, si portavano duri colpi con le mani aperte e con i piedi, con schiaffi, manrovesci e dita negli occhi che presero il posto dei pugni. Come i loro "colleghi" inglesi, gli Apaches utilizzavano inoltre calci dati con la punta e i tacchi degli stivali, appositamente induriti con delle placche metalliche. Questo metodo segreto di lotta stato introdotto al resto del mondo dal famoso criminale (e in seguito criminologo!) Vidocq che lo studi nel 1797, mentre era in prigione a Bictre, in attesa del suo trasferimento alla colonia penale di Brest. La polizia di Parigi, esasperata dalle continue risse (spesso dall'esito mortale) tent di vietare la Savate (come adesso conosciuta) chiedendo e ottenendo una nuova legge in cui chiunque fosse stato sorpreso a combattere con le mani o i piedi in strada, sarebbe stato condannato all'immediato arruolamento nell'esercito con una ferma a lungo termine. Per aggirare la legge, ancora una volta, i ribaldi svilupparono la Lutte Parisienne che era una forma di attacco che utilizzava testate, gomitate, strangolamenti e la torsione delle articolazioni o degli arti, ma prevedeva anche prese alle orecchie e all'inguine per indurre il dolore o lesioni, evitando nel contempo di infrangere la legge. Nel repertorio di Les Apaches erano inoltre inclusi una serie di "sporchi trucchi", il pi noto dei quali fu il " Coup de Pre Franois" (il colpo di padre Francesco) che fu poi felicemente adottato dai loro "colleghi" inglesi che divennero tristemente noti come Garroters (Garrottatori) di cui abbiamo gia accennato. Per farci un'idea di questo metodo seguiamo l'interessante articolo apparso sul giornale " The French Scotland Yard: About the Paris Detective and his Work di Alder Anderson and H. de Noussanne; pubblicato sul The London Magazine, Volume 9, anno 1903. Il lettore ha mai sentito parlare del "colpo di padre Francesco?" Oppure, come si dice nel suo paese d'origine, le Coup du Pre Francois? Se ne ha o no sentito parlare, egli dovr fare una preghiera devota che questo trucco non gli sia mai dimostrato sulla sua persona! E' meglio lasciare nelle mani della Polizia il compito di scoprire esattamente che cos' il "colpo di padre Francesco" che resta uno dei metodi pi efficaci e noti importati da Parigi dai rappresentanti della "Londra teppista" per la neutralizzazione di un tardivo borghese, che porta con se una borsa pesante, un orologio d'oro, un gonfio portafogli od altre "sciocchezze" per le quali l'anima del teppista di ogni paese ha fame. Correttamente eseguito, il "colpo di padre Francesco" non poco artistico, e anche se doloroso per la vittima, si rivela raramente fatale. Ogni persona i cui passi lo portano nei vicoli di Parigi possono vedere i giovani interessanti della metropoli francese che utilizzano il fossato asciutto delle fortificazioni come un loro parco giochi, praticando questo trucco e altri tra di loro. Tutto ci che necessario per lo scopo un grande fazzoletto di seta. Un ex professore di quest'arte ha avuto la bont di descrivere per i lettori del Magazine di Londra il suo modus operandi. Sarebbe un peccato per i lettori non imparare il suo stile. Ecco, dunque, una trascrizione fedele, in lingua inglese, della sua lezione. "Prendete una robusta sciarpa di seta, che si deve indossare molto liberamente intorno al collo. Si dovrebbe avere (almeno) un complice, che ci segue ad una distanza di circa una dozzina di passi. Selezionare un viandante in ritardo di aspetto sostanzioso, e camminare nella stessa direzione in cui sta andando, e, meglio che si pu, camminare a livello con lui senza destare i suoi sospetti. Se la strada ben illuminata o si ha ragione di sospettare che qualcuno possa essere in osservazione, stare particolarmente attenti ad apparire del tutto indifferenti, sia per l'uomo che si sta seguendo che per l'eventuale marmittone. Prima o poi, si attraverser qualche oscuro vicolo deserto. Qui ci si deve organizzare per essere di pochi passi in anticipo. Ci si ferma in modo indifferente, come per accendere una sigaretta, mentre il nostro uomo si avvicina piano, e finalmente ci oltrepassa.

E quindi si deve rapidamente chiudere la partita, si afferra con una salda presa ciascuna estremit della sciarpa e la si fa oscillare sopra la nostra testa e sopra la testa del nostro uomo, in modo che gli vada sotto il mento. Nello stesso istante si compie mezzo giro in tondo, e ci si piegai leggermente in avanti, e cos facendo solleveremo il borghese da terra per il collo.

Egli mezzo soffocato e non ha tempo di pronunciare la minima esclamazione. Il complice, nel frattempo, si avvicinato e, mentre si mantiene una stretta costante della vittima, in una sola volta si esplorano tutte le tasche della vittima, soffocata e impotente. Se necessario, si pu dare al borghese un colpo alla testa per farlo stare zitto. L'intera operazione finita in pochi secondi. Raramente necessario uccidere la vittima, che pu essere lasciata cadere a terra priva di sensi. Non ci sono limiti alla fantasia nel "colpo di padre Francesco" e molto spesso il complice una procace "signora" che rendera facilmente meno vigile il borghese... Anche se non sono rari i casi in cui l'ingegnoso trucco viene applicato, in onore alle rivendicazioni delle nostre Suffragette, anche alle stesse signore, come possiamo vedere in questa rivista parigina.

A dispetto di tutte le loro precauzioni per, i devoti di padre Francesco sono occasionalmente colti in flagrante dai guardiani della legge. Quasi inesauribili nelle loro risorse criminali, i teppisti comunemente ricorrono al cosiddetto "trucco della testa", che consiste nel caricare il poliziotto con la testa abbassata. Un colpo cos, sferrato alla bocca dello stomaco, di solito quasi fatale. Per questo i poliziotti francesi sono stati accuratamente istruiti su come parare questa forma di attacco, effettuando un rapido passo laterale all'ultimo momento, seguito dall'abbattimento dell'aggressore con un pesante colpo alla nuca, mentre questi passa. Un'alternativa per il poliziotto di stare su una gamba sola e controllare la corsa della imminente "ariete" con il ginocchio sollevato, dando al tempo stesso al gaglioffo un duro colpo in testa, con il pugno.

Les Apaches praticavano anche una particolarissima danza, dove le attivit violente dei bassifondi parigini venivano ricreate in una specie di "swing street" dove, come riferito diversi testimoni, in alcuni casi i partecipanti venivano gravemente feriti o, peggio, e venivano abbandonati cadaveri nei vicoli o nei bar pi malfamati, dopo essere stati tempestati di colpi. Si trattava, in questi casi, di punizioni rituali per aver infranto il codice d'onore ed inoltre servivano da esempio per gli altri componenti della banda. Nei casi pi normali invece, stato teorizzato che questa danza era una specie di Capoeira parigino, un mezzo cio attraverso il quale i metodi e le tecniche di combattimento Apache potevano essere acquisite e simulate. Dopo una notte di baldoria nel mondo sotterraneo di Parigi, Max Dearly e Maurice Mouvet prepararono una propria versione de "le danse Apache", una sorta di tango violento, che mostrava un incontro in strada tra un protettore e una prostituta e che fu presentato al bel mondo al Maxim e al Moulin Rouge nel 1908, lanciando cos vera e propria "Moda Apache".

La classe operaia e piccolo borghese invece, che era costretta a subire giornalmente le angherie e i misfatti degli Apaches, era molto meno tollerante verso la "peste della citt", ma con solo 8.000 poliziotti contro un esercito di 30.000 Apaches, c'era ben poco da fare. La pressione dell'opinione pubblica e dei giornali, spinse il primo ministro, Georges Clemenceau, alla formazione di una speciale squadra d'intervento, preparata con le pi moderne tecniche investigative e nel combattimento corpo a corpo, le famose Les Brigades du Tigre, brigate mobili. Questo corpo d'elite fu il primo al mondo a praticare contro il crimine tutte le risorse della scienza moderna. Cos, oltre alla loro buona condizione fisica, "gli uomini della tigre", come vennero chiamati, poterono sfruttare tutti i pi recenti metodi di indagine e ricerca dei criminali quali, ad esempio, le carte antropometriche con impronte digitali ricavate dal lavoro di Alphonse Bertillon. Les Brigades du Tigre ebbero a disposizione anche il primo archivio centrale sulla criminalit organizzata, messo a punto da Clestin Hennion, pochi mesi prima della creazione delle brigate mobili. Purtroppo questi super-Flic erano troppo pochi e nonostante avessero ottenuto diversi brillanti successi, non poterono alleviare pi di tanto i saccheggi degli Apaches. Ben presto, i cittadini cominciarono ad arrangiarsi, formando le proprie Hooligan Hunter, cio delle pattuglie di volontari che cercavano di tenere a bada i selvaggi, mentre moltissimi si decisero ad imparare le varie arti di auto-difesa che in quel periodo conobbero una vera e propria et dell'oro. Alla fine per, non furono n la polizia n le timide riforme sociali ad eliminare radicalmente la piaga (come la definivano i giornali di allora) degli Hooligans e degli Apaches, ma nel 1914 finirono tutti in quel gigantesco tritacarne che fu la Prima Guerra Mondiale e ben pochi furono quelli che ritornarono a casa, perlomeno tutti interi.

La lotta delle Suffragette.


La modernizzazione e il benessere di cui godeva la borghesia di inizio secolo port, come conseguenza, una serie di rivendicazioni sociali fra le quali una delle pi importanti ed in linea con il nostro tempo fu quello dell'emancipazione della donna. Il movimento delle suffragette anticip di settant'anni le lotte dei movimenti femministi moderni e si proponeva come primo obiettivo di conquistare il diritto di voto per le donne, allora riservato ai soli uomini e da qui prese origine il nome (dalla parola "suffragio" che significa "dichiarazione della propria volont in procedimenti elettivi o deliberativi"; ma anche "voto").

Il movimento delle suffragette, come movimento nazionale volto a chiedere il suffragio femminile, vide la luce nel Regno Unito solo nel 1872. E' da questa data quindi che fu possibile parlare, a tutti gli effetti, di suffragette, perch solo allora ebbe vita un movimento nazionale per rivendicare il diritto di voto, ancora non riconosciuto, che port, nel 1897, alla formazione della Societ Nazionale per il suffragio femminile (National Union of Women's Suffrage). La fondatrice, Millicent Fawcett, cerc di convincere anche gli uomini ad aderire al movimento, perch erano i soli, in quel momento storico, che legalmente potessero concedere il diritto di voto, ma ebbe scarso successo. I progressi sul piano del riconoscimento sociale, in quel primo periodo, furono quindi molto limitati, e tale situazione si protrasse sino a circa il 1903.

Come abbiamo visto, sul piano economico e sociale il notevole e crescente benessere dovuto all'industrializzazione aveva cambiato radicalmente la vita delle donne. I movimenti femminili ripresero nuovo vigore quando Emmeline Pankhurst fond, nel 1903, l'Unione sociale e politica delle donne (Women's Social and Political Union - WSPU), con il preciso intento di far ottenere alle donne il diritto di voto politico, concesso solo agli uomini tranne che per le elezioni ai consigli municipali e per le elezioni di contea. Il movimento femminile aveva come scopo il raggiungimento di una parit rispetto agli uomini non solo dal punto di vista politico ma anche giuridico ed economico. Le donne volevano poter insegnare nelle scuole superiori, l'uguaglianza dei diritti civili, svolgere le stesse professioni degli uomini e soprattutto godere del diritto elettorale.

Le suffragette attuarono azioni dimostrative, incatenandosi a ringhiere, incendiando le cassette postali, rompendo finestre e cos via. Una suffragetta, Emily Davison, mor durante i disordini al Derby di Epsom del 1913, e le venne dedicata una edizione speciale del quotidiano The Suffragette. Inizialmente le reazioni al movimento furono ironiche e di "benevola tolleranza" ma in seguito, visto l'espandersi della protesta e il vertiginoso aumento numerico delle simpatizzanti, il Governo inglese decise di adottare la mano pesante, con arresti e cariche della polizia. Clamorosi furono i casi di alimentazione forzata delle prigioniere che avevano iniziato lo sciopero della fame, emulando Marion Dunlop, la prima suffragetta ad attuare tale forma di protesta, e questo sollev una reazione indignata di tutta la buona societ inglese, tanto che molti uomini aderirono al movimento o perlomeno ne sostennero le rivendicazioni. Completamente indifese di fronte alla violenza della polizia, le suffragette decisero di organizzarsi meglio e qui entr in gioco Edith Margaret Garrud.

Moglie di William Garrud, un istruttore di cultura fisica specializzato in ginnastica, boxe e wrestling. Edith Garrud si trasfer a Londra, dove William aveva trovato lavoro come formatore di cultura fisica per diverse universit. Nel 1899 i Garruds furono introdotti all'arte dello ju-jutsu da Edward William Barton-Wright, che oltre ad essere stato il primo insegnante di ju-jutsu in Europa, fu anche il fondatore dell'arte marziale eclettica chiamata Bartitsu. Cinque anni dopo, i Garrud divennero gli studenti della scuola di jujutsu istruttore Sadakazu Uyenishi, sita in Golden Square, Soho. Uyenishi era un ex istruttore del Bartitsu Club ed amico di Barton-Wright. Nel 1913, in risposta alla cosiddetta legge "del gatto e del topo" in cui le leaders delle Suffragette in sciopero della fame potevano essere rilasciate dal carcere e subito dopo ri-arrestate, il movimento delle suffragette cre una speciale unit di protezione, formata da 30 membri, tutte donne, denominata "la Guardia del Corpo". Edith Garrud divenne l'allenatore della guardia del corpo e insegn loro il Bartitsu e l'uso di clave come armi difensive. Le loro lezioni si svolgevano in un susseguirsi di luoghi segreti per evitare l'attenzione della polizia. La Guardia del Corpo combatt una serie di ben pubblicizzati combattimenti corpo a corpo con gli agenti di polizia che stavano tentando di arrestare i loro capi, combattimenti che vide ogni volta le donne vittoriose. In diverse occasioni la Guardia del Corpo fu anche in grado di organizzare con successo azioni di evasione e salvataggio, facendo uso di tattiche come il travestimento e l'uso di esche per confondere la polizia. La guardia del corpo f sciolta poco dopo l'inizio della Prima Guerra Mondiale, in quanto il leader del movimento, Emmeline Pankhurst, aveva deciso di sospendere le azioni suffragio militante per sostenere il Governo britannico durante la crisi, e quindi la protezione della Guardia del Corpo non era pi necessaria.

Pearson's Magazine - Marzo 1899. Introduzione dell'autore, il signor E.W. Burton-Wright.


Prima di procedere per dare ai miei lettori le indicazioni e le spiegazioni della tecnica di auto-difesa, forse non sar fuori luogo fare alcune osservazioni introduttive per quanto riguarda la concezione di auto-difesa, come generalmente inteso in altre nazioni. All'estero la gente non lotta per divertimento o diversivo, come spesso accade in Inghilterra o negli Stati Uniti. Tenendo a mente questo fatto, sar pi facile capire che quando gli stranieri iniziano a combattere riconoscono un solo obiettivo che quello di superare e sconfiggere i loro avversari, e ogni mezzo utilizzato e considerato giustificabile per raggiungere questo fine. Naturalmente, ci che costituisce l'onore in questo senso interamente una questione di prima formazione e di educazione. In questo paese siamo cresciuti con l'idea che non c' modo pi onorevole di risolvere una controversia che ricorrendo alle armi della natura, i pugni, e disprezziamo approfittare di un uomo quando a terra. Uno straniero (cos come uno qualsiasi dei nostri banditi o bulli) tuttavia, non esiter a utilizzare una sedia, o una bottiglia di birra, o un coltello, o qualsiasi cosa che gli arriva a portata di mano, e se non disponibile un'arma probabile che impiegherebbe qualsiasi altro espediente. per rispondere a eventualit di questo tipo, a cui deve far fronte una persona improvvisamente e in modo inaspettato, che ho introdotto un nuovo stile di auto-difesa, che pu essere terribilmente efficace nelle mani di un praticante veloce e sicuro di s. Uno dei suoi pi grandi vantaggi che il praticante non deve necessariamente essere un uomo forte od allenato, o anche un uomo particolarmente attivo al fine di paralizzare un avversario molto temibile, ed ugualmente applicabile a un uomo che ti attacca con un coltello , o con un bastone, o contro un pugile, infatti, pu essere considerata un metodo di autodifesa progettato per soddisfare ogni possibile tipo di attacco, sia armati che disarmati. Naturalmente non possibile in un breve articolo come questo far giustizia completa dell'argomento o di spiegare tutti i molteplici modi di affrontare un combattimento o di come eseguire degli attacchi, ma i principi che stanno alla base del metodo possono essere brevemente riassunti come segue: disturbare l'equilibrio del vostro aggressore, per sorprenderlo prima che abbia il tempo di ritrovare il suo equilibrio e usare la sua forza, se necessario, assoggettando le articolazioni di qualsiasi parte del suo corpo quali il collo, la spalla, il gomito, il polso, la schiena, il ginocchio, la caviglia, ecc, che non sono anatomicamente e meccanicamente in grado di resistere.

Le spiegazioni che seguono, con l'aiuto delle fotografie riprodotte, mostreranno ci che un uomo debole ma con una discreta conoscenza dei principi della leva e dell'equilibrio pu fare contro un uomo pi forte di lui, ma che non ha la stessa conoscenza. Alcune delle tecniche possono, forse, sembrare difficili ma se le istruzioni vengono seguite attentamente e le posizioni nelle fotografie pienamente comprese, sono sicuro che la pratica costante li render molto facili da eseguire. Si pu dire che sar impossibile ottenere l'aggressore nelle posizioni indicate, ma si deve tener presente che non si alla ricerca di un litigio o di attaccare, ma ci si sta semplicemente difendendo. E' del tutto inutile cercare di ottenere il vostro avversario in una posizione particolare, in quanto il sistema abbraccia ogni possibile eventualit, e la vostra difesa e il contrattacco devono essere interamente basati sulle tattiche del vostro avversario. Le illustrazioni mostrano come difendersi solo contro alcune delle forme pi comuni di attacco. Infine, non posso sottolineare mai abbastanza il fatto che queste tecniche possono essere eseguite senza procedere agli estremi. Se un poliziotto in possesso di un prigioniero in una certa posizione, non necessario per lui rompergli il braccio per dimostrare il suo potere, anche se potrebbe farlo se volesse. Quindi, in questi metodi di auto-difesa, quando l'avversario sar alla nostra merc grider "Basta!" molto tempo prima che si possa seriamente fargli del male. Qualcuno potrebbe obiettare alla mia affermazione che un uomo che ci attacca con un coltello o un'altra arma pu essere facilmente disattivato, mentre io non mostro come questo deve essere fatto in nessuna delle spiegazioni illustrate nelle pagine seguenti. Su richiesta del direttore - che ha ritenuto inopportuno dare grande pubblicit a queste tecniche, pericolose per chi non le ha apprese da un istruttore esperto - le ho volutamente omesse. Se qualche lettore di Pearson's Magazine ha il desiderio di essere ulteriormente iniziato alle tecniche pi sofisticate di questo metodo vorrei chiedergli di presentare domanda diretta a me. Vi , tuttavia, in un modo semplice ed efficace per contrastare un attacco con un coltello che vi spiegher.

Supponiamo che si deve passare attraverso una localit a tarda notte in cui vi probabilit di un attacco del genere, e non si vuole correre il rischio di infrangere la legge, portando con se una rivoltella. Procedete quindi in questa maniera: Portare il cappotto sulle spalle, senza passare le braccia attraverso le maniche, nello stile di un mantello militare, e con la mano destra pronto sulla tua spalla sinistra per usare il cappotto nel modo illustrato di seguito, nel caso dovesse sorgerne la necessit. Attenzione a camminare sempre in mezzo alla strada! Subito il vostro aggressore vi attacca, guardarlo in faccia, e aspettare fino a quando non si trova a una distanza di due o tre metri. Poi avvolgergli la testa e le braccia tirando le cappotto su di lui, con un ampio movimento circolare del braccio. Ci oscurer momentaneamente la sua visione, ma non la propria, e vi dar tutto il tempo per assestare il nostro attacco, che dovrebbe assumere la forma di un colpo da knock-out alla bocca dello stomaco, effettuato con la mano destra (fig.4).

Oppure, mentre ancora avvolto nelle pieghe del tuo cappotto, scivolare alle sue spalle, afferrarlo per la caviglia destra, e spingerlo sotto la scapola con la mano sinistra. Egli cadr molto violentemente in avanti e nel suo cercare di rompere la caduta e proteggersi la faccia dovr appoggiare le mani e cos facendo, involontariamente lascer cadere la sua arma. Egli si trover quindi disarmato e in una posizione in cui gli si pu spezzare immediatamente la gamba, se lo si desidera, o se non si desidera procedere agli estremi, lo si pu tenere premuto nella posizione indicata nel nella fig.6, fino all'arrivo della polizia.

Questo solo uno dei tanti modi possibili di affrontare una simile eventualit. Posso affermare che sono stato ripetutamente attaccato, durante un lungo soggiorno in Portogallo, da uomini con un coltello o con un bastone ferrato, e in tutti i casi sono riuscito a disattivare il mio avversario senza essermi fatto male, anche se non ho avuto nemmeno un bastone in mano con cui difendermi. Per darvi un'idea della portata di questa nuova arte di auto-difesa, posso affermare che comprende circa trecento diversi lanci, attacchi, contrattacchi e trucchi basati sull'equilibrio e sulla leva. Una selezione di questi saranno pubblicati sulle pagine di questa rivista, e poi io spero di portarli tutti insieme in forma di libro.

Note dell'Editore:
Il signor E.W. Barton-Wright, l'autore di questo articolo e del suo compagno che sar pubblicato il mese prossimo, ha appena introdotto nel nostro paese un sistema di auto-difesa che sembrerebbe rendere chi lo conosce praticamente inespugnabile contro tutte le forme di attacco, comunque pericolose e inaspettate possano essere. E' possibile, tuttavia, che dopo un esame delle tecniche che seguono, molti lettori esclameranno: Oh, questo tutto molto bello sulla carta, ma in pratica sar probabilmente tutto diverso! . Dobbiamo confessare che quando il signor Barton-Wright venne per la prima volta in questo ufficio con le sue credenziali (un uomo non molto alto e di bell'aspetto con molte indicazioni, per, di una forza inusuale) siamo stati un po 'scettici, ma alcune prove pratiche hanno presto dimostrato che eravamo in grave errore! Anche altri, hanno sorriso in un primo momento forti lottatori, ginnasti e atleti in genere - ma tutti questi, dopo aver incontrato il signor Barton-Wright e avendolo messo alla prova, alla fine, sono stati costretti ad ammettere che il suo sistema irresistibile. Le sue risorse straordinarie per soddisfare ogni tipo immaginabile di attacco sono state esemplificate in modo pi notevole in una performance che abbiamo avuto l'opportunit di assistere a un paio di settimane fa. In questa occasione, il signor Chipchase, campione dei dilettanti di Wrestling del Cumberland e del Westmoreland, ha fatto molti tentativi per superare la difesa del signor Barton-Wright, i quali non hanno avuto successo. A titolo di esperimento, al signor Chipchase stato permesso di prenderlo per una gamba per dimostrare che, con questo vantaggio, poteva ribaltarlo all'indietro. Ma, per quanto incredibile possa sembrare, il signor Barton-Wright, apparentemente senza il minimo sforzo, lanci a terra il suo avversario e contemporaneamente si stacc da lui. Successivamente il signor Barton-Wright si alz con entrambi i piedi uniti e permise al signor Chipchase di prenderlo per entrambe le caviglie. Nonostante questo handicap, per, il signor Barton-Wright riuscito a districarsi, gettando il suo avversario a terra istantaneamente. Poi si lasciato prendere da dietro, con le braccia distese al suo fianco, ma ancora una volta ha gettato facilmente il suo avversario a terra, facendolo cadere sulla schiena. Forse la sua impresa pi notevole stata quella di consentire al campione dilettante, di mettersi in piedi con la schiena rivolta a lui, e di prenderlo per il collo e la testa, facendo leva con la schiena per buttarlo proprio sopra la sua testa. Ma mentre era in aria il signor Barton-Wright ha colto signor Chipchase in qualche modo, che, a causa della velocit con cui stato eseguito era impossibile per l'occhio da seguire, e anche se apparentemente gettato, nel momento che giunse la terra, gett il suo avversario e si era inginocchiata su di lui! Molti altri colpi talentuosi, altrettanto straordinari e altrettanto conclusivi, sono state ancora effettuati anche in questa occasione, apparentemente senza sforzo da parte del signor Burton-Wright. Straordinario interesse in questa nuova arte di auto-difesa stato manifestato da parte dei pochi privilegiati che hanno gi avuto la possibilit di formarsi un'opinione circa la sua efficacia. Il colonnello G.W. Fox, per esempio, Assistente Generale del distretto York ed ex-ispettore di ginnastica dell'Esercito, scrive: Non ho alcuna esitazione a pronunciare che il sistema del signor Barton-Wright assolutamente buono in teoria, estremamente pratico e molto scientifico . Sono stato molto impressionato dal modo estremamente semplice ed elegante, in cui egli rompeva l'equilibrio del suo avversario per renderlo impotente. E anche se il signor Barton-Wright ha ripetutamente permesso al suo avversario di scegliere la propria presa, ottenendo cos il massimo vantaggio, questi non sembrava avere nessuna difficolt, e lanciava il suo avversario a terra istantaneamente. Sono abbastanza certo che se i nostri poliziotti potranno imparare alcuni dei suoi tiri e prese, potrebbero far fronte con successo contro ogni tipo di resistenza. . Il parere del signor Chipchase come un esperto non pu essere priva di interesse. Egli dice: Nonostante io sia un uomo molto pi pesante del signor Barton-Wright, il suo sistema di difesa e di ritorsione molto pi scientifico rispetto al mio stile, tanto che, quando ho lottato con lui, per quanto grande possa essere stata la mia determinazione a rimanere fermo sulle mie gambe per mantenere l'equilibrio, i miei sforzi sono sempre frustrati, e sono sempre stato ignominiosamente gettato a terra. La mera forza non ha alcuna possibilit di sostenere la scienza di questa nuova arte.. Il signor Chipchase raccomanda anche questo nuovo sistema di auto-difesa alla polizia, e con questa raccomandazione siamo tutti cordialmente d'accordo, infatti in atto, al momento attuale, l'adozione di misure per presentare il signor Barton-Wright al Commissario Capo di Scottland Yard.

Tecnica Nr.1: Un buon modo di condurre una persona fuori dalla stanza.
Ecco un ottimo metodo per costringere una persona indesiderata a lasciare la vostra stanza. Lo si trova particolarmente utile nel caso in cui lui potrebbe cercare di colpirvi.. Tenendo la gamba destra avanzata, si prende l'avversario per il polso sinistro con la mano sinistra, alzando la mano destra per proteggere il viso da un eventuale colpo. Tiratelo quindi verso di voi con il braccio sinistro, senza alterare la posizione delle gambe (foto a sin).

Poi girare sui vostri talloni, e passare il braccio destro sopra il suo braccio sinistro. Quindi si passa la mano destra sotto il suo avambraccio sinistro, poco sopra l'articolazione del gomito e bloccare il braccio avversario afferrando il proprio polso (foto a ds.). Infine, raddrizzando entrambe le braccia, si in grado di esercitare una tale influenza, e di gettare un tale sforzo sul suo gomito, che questo potrebbe rompersi se tentasse di resistere. Inoltre, se la leva esercitata in modo corretto, si scoprir che del tutto impossibile per l'avversario colpirci o reagire in alcun modo. Nel caso in cui qualcuno fosse ritroso di fare uso pratico di questo trucco, si pu aggiungere che la persona su cui lo sperimentiamo, se tentasse di resistere, sentirebbe un tale dolore che sarebbe costretto a sottomettersi docilmente molto prima di subire qualsiasi lesione grave. Non sar necessario imprimere al lettore l'importanza di sapere come qualsiasi visitatore indesiderato possa essere prontamente espulso da una stanza. Migliaia di casi si sono verificati in cui la conoscenza di questo metodo sarebbe stato di servizio inestimabile. Nessuno poteva resistere al trattamento che ho suggerito, come il lettore sar in grado di capirlo da solo, effettuando una prova su qualcuno dei suoi amici.

Tecnica Nr.2: Come atterrare, un aggressore che cerca di colpirvi in faccia.


Si tratta di una tecnica molto utile, che lo studente della nuova arte di auto-difesa, far bene a capire a fondo. Partiamo dal presupposto che il vostro aggressore inizia il suo attacco cercando di colpire in faccia. La prima cosa da fare la pi difficile, ma l'arte di farlo potrebbe presto essere acquisita, e il resto seguir facilmente. Supponiamo che il vostro aggressore colpisce con la sua mano destra. Dovete parare alzando il braccio sinistro, e ricevere il colpo sul vostro avambraccio. Poi, fate scivolare la mano sul braccio del vostro aggressore, e afferratelo per il polso. (foto 1 e 2).

Un movimento rapido e pulito della mano tutto ci che necessario, ma dovete assicurarvi di afferrare l'avversario al primo tentativo. Poi si fa un passo di lato con il piede sinistro (foto 3), colpite il vostro aggressore dietro l'orecchio con la mano destra (foto 4), e continuare il movimento, ponendo la vostra gamba destra dietro la sua gamba destra (foto 5).

Mantenere una presa sicura del suo polso destro con la mano sinistra, tiratelo verso di voi. Quindi premere sulla parte superiore del braccio avversario, con l'avambraccio destro, e appoggiandosi sul suo braccio destro con il peso del proprio corpo, lo si pu buttare a terra senza ulteriori problemi (foto 6).

Tecnica Nr.3: Come atterrare un aggressore che ti attacca da dietro e ti afferra le braccia.
Supponiamo di essere improvvisamente e inaspettatamente attaccati da dietro, in qualche luogo solitario, con una forte coppia di braccia che circondano il il nostro corpo, in modo che le nostre braccia siano immobilizzate lungo i fianchi. La posizione potrebbe apparire a prima vista come assolutamente impotente e si potrebbe supporre che se non siate stati in grado di liberarvi lottando e calciando, niente avrebbe potuto evitarvi di essere gettato sulla vostra schiena. Dopo l'esecuzione delle seguenti istruzioni, tuttavia, vi accorgerete che sar il vostro assalitore e non voi, che verr sdraiato sulla schiena nel giro di pochi secondi. Questa tecnica una prestazione particolarmente pulita, e in ogni modo soddisfacente per risolvere l'emergenza che ho descritto. In primo luogo, quando trova le braccia immobilizzate lungo i fianchi, piegarsi in avanti e forzare i gomiti verso l'esterno e verso l'alto, come nella seconda illustrazione. Farsi pi corti piegando le ginocchia, in modo da costringere, la presa dell'antagonista a scivolare sopra le vostre spalle (fig.2).

Poi, liberare le braccia. Ci sar fatto probabilmente senza alcuna difficolt, tuttavia, se il tuo avversario ci stringe cos saldamente che le braccia restano ancora immobilizzate, slanciare la testa all'indietro, colpendolo in faccia. Dopo questa manovra efficace il vostro avversario allenter sicuramente la presa, quindi prendere il suo polso destro con la nostra mano sinistra, e la spalla della sua giacca con la mano destra, lasciando cadere allo stesso tempo il vostro ginocchio destro, e tirandolo sopra la spalla destra, accompagnando il movimento con una rotazione del corpo sinistra a destra. Quindi proiettate il vostro avversario che cadr con un tonfo pesante sul dorso, davanti a voi.

Tecnica Nr.4: come atterrare un aggressore quando ti afferra per la cintura o tenta di afferrare la tasca del tuo cappotto.
(Si vedr che in questo caso il signor Barton-Wright l'aggressore) Per gettare sulla schiena, nello spazio di pochi secondi, un aggressore che vi prende per la vita, sono sufficienti cinque semplici movimenti. In primo luogo dobbiamo afferrargli il polso destro con la nostra mano sinistra, tenendo il palmo della mano girato verso l'esterno. In secondo luogo, si fa un passo di lato con il piede destro, dopo di che lo si colpisce con un manrovescio con il pugno destro (Uraken Uke). In quarto luogo, si posiziona il piede destro dietro il ginocchio destro, e infine si preme col la nostra destra sulla sua spalla destra e contemporaneamente, con la nostra mano sinistra, ruotiamo il suo polso destro verso l'esterno e le nostre anche nella stessa direzione, col risultato che egli sar gettato ignominiosamente sulla schiena.

Ecco un altro modo di difendersi, rovesciando un aggressore che tenta di prendervi per la tasca del cappotto. Supponiamo che egli esegua l'attacco con la mano destra. Con la mano sinistra afferrare saldamente il polso destro (con il palmo della mano verso l'esterno, come nel metodo precedente). Poi afferrargli la gola con la mano destra, costringendo il pollice nelle sue tonsille. Questo gli procurer un dolore intenso, e lo costringer a piegare la testa e il corpo all'indietro per cercare di liberarsi. In questa posizione egli in piedi e fuori dal suo equilibrio, ed abbiamo cos la possibilit di posizionare il piede destro dietro il suo ginocchio destro, per poi procedere a buttarlo come abbiamo visto prima.

Tecnica Nr. 5: Come liberarsi da una presa e rovesciare un aggressore che ti afferra per la falda del cappotto con la mano destra.
Il nostro aggressore ci afferra il cappotto con la mano destra, forse con l'intenzione di strapparci l'orologio con la sinistra. Noi desideriamo non solo frustrare il suo progetto, ma anche gettarlo sulla schiena con il minimo sforzo, in modo che egli non potr sfuggirci, cos da essere debitamente consegnato alla polizia. Vi accorgerete che il metodo seguente potr soddisfare le vostre esigenze: Subito egli ci afferra come abbiamo visto. Afferriamo dunque il suo polso destro con la mano sinistra, l'esterno della nostra mano deve essere rivolto verso l'alto, o sulla parte superiore, e il pollice sotto il suo polso. (Nell'allenamento di questa tecnica, come in molte altre che ho descritto, sar solo necessario far finta di sferrare il colpo, lo scopo del colpo sar non tanto quello di ferire il vostro aggressore, ma per indurlo a buttare indietro la testa per evitare il colpo. In questo modo egli perder involontariamente l'equilibrio)

Poi premere sulla parte superiore del suo braccio (che parte dalla spalla e termina al gomito) con la parte esterna del avambraccio come illustrato nella fotografia nr.4. Mentre si sta facendo questo, mantenere una stretta costante sul suo polso destro con la mano sinistra. Tirandolo verso di noi con la mano sinistra, e appoggiandosi sul braccio destro con il peso del nostro corpo, inducendolo a perdere l'equilibrio, e con questo vuol dire che sar facilmente gettato sulla schiena. Questa serie di movimenti deve, naturalmente, essere eseguita il pi velocemente ed ordinatamente possibile. L'effetto sar molto disastroso per l'assalitore che sar completamente alla nostra merc. [Nel nostro prossimo numero speriamo di dare un'ulteriore selezione di queste tecniche notevoli -. Ed. P.M.]

Pearson's Magazine - Aprile 1899. Introduzione dell'autore, il signor E.W. Burton-Wright.


I lettori del numero di marzo ricorderanno che ho descritto in esso alcuni dei 300 metodi di attacco e contrattacco che compongono la mia nuova arte di auto-difesa, a cui ho dato il nome di "Bartitsu". A beneficio dei nuovi lettori, sar bene precisare che il mio sistema stato concepito allo scopo di rendere una persona assolutamente sicura dal pericolo, contro qualsiasi metodo di attacco che sia utilizzato. Non destinato a prendere il posto della boxe, scherma, lotta, savate, o qualsiasi altra forma riconosciuta di attacco e difesa. Tuttavia, esso comprende tutti i migliori punti di questi metodi, e sar di inestimabile valore quando sorgeranno occasioni in cui n la boxe, n la lotta, n alcuna delle altre modalit note di autodifesa sono utili. Il sistema stato accuratamente e scientificamente pianificato e il suo principio pu essere riassunto in una solida conoscenza dei principi dell'equilibrio e della leva, applicati all'anatomia umana.

Tecnica Nr. 1: Come mettere alla porta un uomo fastidioso.


Nell'introdurre un'ulteriore selezione di queste tecniche, utile menzionare nuovamente il fatto che non ve n' una tra loro che qualsiasi persona di media forza non possa imparare ed eseguire. Alcune sono cos semplici che saranno subito capite e rapidamente eseguite solo dopo alcune prove. Altre invece richiedono una certa quantit di pratica prima di essere padroneggiate. Supponiamo, nel primo caso, che qualche persona indesiderata entri nella nostra stanza e che siate ansiosi di farlo ripartire senza indugio. Supponiamo inoltre che egli sia particolarmente insistente e che ne la persuasione ne altri metodi simili riescano ad allontanarlo. Pu anche darsi che sia un uomo pi grande di noi e per questo si pu esitare a spingerlo fuori dalla porta con il metodo comune. Con l'adozione del seguente piano il vostro indesiderato ospite sar subito allontanato senza ulteriori problemi: Afferrargli il polso destro con la mano destra, girando l'interno del suo braccio verso l'alto, come mostrato nella prima fotografia. Poi fare un passo verso di lui con il piede sinistro, passare il nostro braccio sinistro sotto il suo braccio in alto a destra (sopra il gomito, vicino all'ascella) ed aggrapparsi alla falda della sua giacca, in modo da sostenere il braccio sinistro ed evitare lo scivolamento della mano verso il basso. Ora esercitare una pressione verso il basso sul braccio la nostra vittima, e con la leva cos ottenuta possibile ridurlo all'obbedienza. Se tentasse di resisterci, egli si romperebbe il braccio all'altezza del gomito. In questa posizione non avremo la minima difficolt nel costringerlo ad uscire dalla stanza.

Tecnica Nr. 2: Uno dei molti modi di gettare a terra un uomo, senza esercitare forza, quando lo si afferra da dietro.
Afferrare l'uomo per il bavero della giacca, da dietro, e puntare il piede destro dietro il suo ginocchio. Tirare con la mano e premere con il piede, ed egli sar subito depositato sulla schiena! Senza rilasciare la presa sul suo collo, passare vostra mano destra intorno al suo collo, in modo da poter portare il vostro avambraccio sulla sua gola. Poi, afferrare la falda destra del suo cappotto con la mano sinistra, per evitare che il cappotto si muova, far gravare con tutto il peso, attraverso la trachea con il braccio destro, rendendolo cos incapace di resistere e - se necessario strozzarlo! n.d.t. : dopo aver afferrato il bavero con la destra ed aver iniziato la pressione col proprio piede destro dietro al ginocchio sinistro dell'avversario, come nella prima foto, afferrargli il bavero posteriore sinistro anche con la mano sinistra, mettendola a fianco della destra, e tirare a terra l'avversario con entrambe le mani. Una volta che questo a terra, lasciare la presa con la destra. In questo momento la nostra mano sinistra terr per il bavero l'avversario che sar appoggiato con la nuca sul nostro avambraccio sinistro. Rapidamente, mettere l'avambraccio destro sulla gola dell'avversario ed afferrargli il bavero sinistro, nella parte anteriore, come nella seconda foto, premendo poi il gomito destro verso il basso, appoggiandovi tutto il peso del corpo. NB: per evitare che l'avversario ci colpisca al volto con una delle due braccia, abbassarsi con la testa fino a toccargli il petto o la spalla sinistra, mantenendo sempre la pressione sulla gola.

Tecnica Nr. 3: Come tenere un uomo a terra in una posizione in cui incapace di muoversi.
Nel pi breve tempo possibile, afferrare il piede del vostro avversario. Poi, torcerlo elegantemente nel modo indicato nella prima figura, non troverete alcuna difficolt a girare l'avversario faccia a terra. Immediatamente dopo che questo stato fatto, rilasciare la presa di una mano, e posizionare l'avambraccio ermeticamente dietro il ginocchio, come mostrato nella fotografia No. 2. Poi, forzando il suo piede all'indietro, si pu svolgere una trazione tale che se il nostro avversario volesse ancora cercare di resistere, si potrebbe rompere sia il ginocchio che la caviglia. n.d.t. : nella sequenza sottostante si afferra col le mani il piede destro dell'avversario, e lo si torce in senso orario, ovvero verso la propria destra. Una volta che l'avversario girato faccia a terra, si posiziona l'avambraccio destro dietro al ginocchio destro dell'avversario e spinge il suo piede con la mano sinistra.

Tecnica Nr. 4: Come rovesciare un aggressore che ci attacca da dietro, e ci blocca le braccia.
Si potrebbe supporre che se un uomo stato attaccato alle spalle, ed il suo aggressore gli ha immobilizzato le braccia, sarebbe una questione difficile per lui liberarsi. Questo, tuttavia, non affatto il caso, e seguendo scrupolosamente le indicazioni riportate di seguito si vedr che un'impresa semplice per un uomo, non solo liberarsi quando attaccato nel modo descritto, ma anche per gettare il suo aggressore pesantemente al suolo senza esercitare una forza straordinaria. Alzare il piede destro, come mostrato nella seconda fotografia, e pestare pesantemente sul piede destro del vostro assalitore. Questo fa s che egli si tiri immediatamente indietro, in modo da tenersi fuori dalla portata da ulteriori pericoli. Afferrare quindi la gamba destra con la mano destra, nella posizione precisa indicata nella terza fotografia, ed esercitando una forte pressione con il pollice. Questo causer immediatamente un forte dolore all'avversario che istintivamente allenter la presa. Approfittate immediatamente di questa occasione per inserire il vostro braccio destro attorno al suo corpo, e la gamba destra dietro il ginocchio, come nella quarta foto. Poi si colpisce l'avversario dietro al ginocchio con la parte interna della gamba, e accompagnando il movimento con una rotazione del corpo da sinistra verso destra, indurlo a perdere l'equilibrio e gettarlo lo pesantemente sulla schiena. Quando un uomo vi attacca da dietro, e vi immobilizza le braccia, come mostrato nella prima foto, la sua intenzione sar probabilmente di tenervi in modo sicuro mentre un suo complice vi attaccher frontalmente. Con le braccia immobilizzate, le tasche e gli oggetti di valore sono cos in balia dei vostri assalitori. Ci sono, naturalmente, altri metodi di liberarsi di un avversario che attacca in questo modo; quello illustrato, tuttavia, il pi semplice ed efficace, e ha l'ulteriore vantaggio di non richiedere una forza particolare. E' anche il momento di spiegare perch il mio vis-a-vis, che figura nella maggior parte delle tecniche un giapponese, in costume tradizionale. E 'stato in Giappone che ho preso le idee per molti dei metodi di questa nuova arte di auto-difesa. I giapponesi sono stati a lungo famosi come lottatori e molti dei trucchi che impiegano per superare i loro avversari sono particolarmente ingegnosi.

Tecnica N 5: Come rovesciare un aggressore che ci afferra entrambi i polsi.


In questo caso, supponiamo che si sono improvvisamente attaccati in modo tale che entrambi i polsi sono imprigionati dal vostro aggressore. Il vantaggio , ovviamente, con lui ma, tuttavia, egli pu essere facilmente rovesciato se le seguenti tattiche vengono eseguite. Il nostro aggressore probabilmente ci affronter con il piede destro in avanti. A questo proposito si segue il suo esempio. Poi afferrare il suo polso sinistro con la mano sinistra, liberare il polso destro, spingendo il braccio improvvisamente verso il basso. Afferrare il polso destro del vostro avversario con la mano destra appena liberata, e, con uno strattone verso il basso, indurlo a liberare la presa del polso sinistro. Appena fatto questo, portare il suo braccio destro sopra l'avambraccio sinistro, in modo che la parte posteriore del gomito passi attraverso il centro del suo braccio sinistro. Seguire il movimento alzando il braccio sinistro, e piombando sul suo braccio destro. Il risultato sar istantaneo, e molto sorprendente per il nostro avversario che sar costretto a fare una capriola in aria, cadendo pesantemente sulla schiena. Sempre mantenendo la presa sui suoi polsi, ora lo avremo completamente alla nostra merc. Nel compiere questa impresa sui vostri amici, non necessario costringerli a eseguire una capriola dalla posizione mostrata nella figura n 2, ma immediatamente dopo aver incrociato le braccia dell'avversario, possibile applicare la leva, accucciandosi, per quanto possibile, in modo da toccare quasi terra. In questo modo si eviter al nostro amico di correre alcun rischio di farsi male, facendolo facilmente rotolare sulla schiena, senza alcuno sforzo, come abbiamo dimostrato nella terza ed ultima figura. Fare attenzione a non applicare questa leva di scatto, ma a poco a poco, altrimenti rischieremo di danneggiare involontariamente il braccio del nostro amico.

Tecnica Nr. 6: come liberarsi e rovesciare il nostro aggressore, quando siamo afferrati per le falde della giacca.
Quando un uomo ci afferra per le falde del cappotto, egli spesso dimentica o trascura il fatto che in questo metodo di attacco il suo volto indifeso. Il primo movimento sar, pertanto, di colpirlo (o se si pratica le gesta con un amico, si fa finta di colpirlo) in faccia con il pugno destro. Questo consiglio pu sembrare inutile. Non , tuttavia, spesso seguito e invece le maggiori probabilit sono che, in questi casi, si seguir il desiderio naturale e istintivo di liberarsi mettendo le mani sulle braccia dell'avversario e premendo su di esse, che un metodo di resistenza debole e inutile. Ricordate, quindi, che il vostro primo movimento dovrebbe essere quello di colpire il vostro aggressore in faccia con il pugno destro. Se questo non lo induce a lasciare la presa, proseguire nell'azione passando l'avambraccio destro tra le sue braccia tese, e portare il proprio avambraccio sul lato esterno del suo avambraccio destro. Quindi afferrare il polso destro con la mano sinistra, e con la leva cos ottenuto si pu facilmente forzare le sue braccia verso l'alto, e rompere la presa. Questo movimento di rottura della presa deve essere effettuato con rapidit e con uno scatto veloce se il vostro avversario un uomo forte con una presa potente. Dopo di che egli sar quindi in parte girato. Cogliete l'occasione per portarvi con la gamba sinistra dietro di lui, passandogli l'avambraccio sul petto, e afferrandogli la gamba destra, come mostrato nella terza foto, spingerlo all'indietro. Egli cadr subito sulla schiena e sar completamente alla nostra merc.

Tecnica Nr. 7: come liberarsi e rovesciare il nostro aggressore, quando ci afferra per la giacca ed inizia a scuoterci.
E 'molto umiliante essere scosso. Ed anche molto sgradevole. Ho visto una volta l'operazione eseguita su un uomo, e non dimenticher l'espressione indifesa e senza speranza sul suo volto. La sua testa sobbalzava violentemente avanti e indietro, e il suo corpo ondeggiava in ogni direzione, poi stato finalmente buttato a schiantarsi a terra. Un energico scuotimento una punizione molto reale e terribile, come coloro che sono stati cos sfortunati da aver sperimentato possono testimoniare. Ed un metodo di attacco che non affatto raro, essendo in particolare utilizzato a da uomini grandi e forti, che si vantano della loro forza e del loro peso, ed esitano a colpire un uomo in faccia, ma lo vogliono ugualmente umiliare. Un energico scuotimento riduce molto presto la vittima in uno stato di collasso completo. E' bene, quindi, sapere come abbattere un avversario che ci afferra per la giacca e tenta di scuoterci. Il metodo seguente sar trovato molto efficace: Appena siete stato afferrato, colpite il vostro aggressore, contemporaneamente con entrambe le mani, in faccia, e portare i gomiti gi molto forte sui suoi polsi. Questo ha l'effetto di rompere la presa dell'aggressore e gli fa scattare la testa leggermente in avanti e verso il basso, per un momento. Cogliere immediatamente l'occasione per prenderlo per la testa, mettendogli la mano destra dietro la testa, e il cavo della mano sinistra sotto il mento. Poi, facendo un passo verso di lui con il piede sinistro, e portando il piede destro dietro il suo piede sinistro (che agisce come una sorta di perno per consentire di trasmettere un movimento circolare o torsione al collo) lo si scagli pesantemente sulla schiena.

Tecnica Nr. 8: Uno dei tanti modi di difendersi, quando un uomo ci colpisce in faccia con il pugno destro.
Ho gi dimostrato un metodo di trattare con un aggressore quando tenta di colpirci in faccia. Ecco un piano alternativo, molto terribile in effetti. Quando si considerano i vantaggi di questa nuova arte di auto-difesa, si deve ricordare che ci sono momenti in cui nessun metodo troppo grave per essere adottato al fine di rovesciare un aggressore. Ma, naturalmente, il seguente metodo non dovrebbe essere portata alla sue estreme conseguenze se non in un caso molto critico. Parare il colpo con l'avambraccio destro. Far scivolare la mano sul braccio del vostro aggressore e prenderlo per il polso con pollice e l'indice, allo stesso tempo, tirandolo leggermente in avanti, e afferrandolo per il gomito con la mano sinistra.

Egli istintivamente tender a resistere quando lo stiamo tirando verso di noi con la mano destra. Vediamo quindi di sfruttare questo momento per invertire il movimento e piegargli il braccio all'indietro come mostrato nella figura 4.

Fare poi un passo avanti e posizionare la gamba destra dietro la sua gamba destra, e, spingendo il suo gomito destro in una direzione verso l'interno e verso l'alto, e la sua mano verso l'esterno e verso il basso, questo movimento torcente gli causer un tale dolore che egli sar obbligato a cadere all'indietro . Mantenendo la presa, lo si tiene a terra in questa posizione, e cos grande sar il nostro potere che se si volesse si potrebbe ora rompergli facilmente il braccio. Naturalmente, l'impresa stessa pu essere eseguita quando un uomo ci colpisce con la mano sinistra o un pugno sinistro. Si para il colpo con l'avambraccio sinistro, con la stessa mano si afferra il polso sinistro, e poi si procede a gettare a terra l'aggressore, come descritto in precedenza .

Tecnica Nr. 9: Uno dei tanti modi di liberarsi quando siamo stati afferrati alle spalle, per il colletto del cappotto.
Forse una delle pi comuni forme di attacco quello in cui un aggressore lascia passare la sua vittima, poi fa una corsa alle sue spalle, e lo afferra per il bavero del cappotto. Se siete stato attaccati in questo modo, si potrebbe supporre che la posizione vi ha reso del tutto impotenti, che il vantaggio sia tutto sul lato del nostro avversario, e che non si potranno usare le mani con grande effetto, e che probabilmente saremo gettati immediatamente a terra. Al fine di evitare questa disgrazia, necessario agire prontamente. Appena si stati afferrati per il colletto necessario voltarsi e affrontare il nostro aggressore, afferrandolo appena dietro il gomito con il pollice e l'indice della mano sinistra. Poi esercitare una pressione sull' osso divertente del nostro avversario (nervo ulnare) che si trova appena dietro il gomito. Questo far s che il vostro aggressore subisca un dolore insopportabile, e sar obbligato a rilasciare immediatamente la sua presa. Poi, senza lasciare la presa, gettare il suo braccio verso l'alto con la mano sinistra, fare un passo avanti con il piede destro, e posizionarlo dietro la sua gamba destra. Sar poi trovato una questione relativamente semplice prenderlo per la gola con la mano destra, e gettarlo sulla schiena.

Si pu sostenere che si tratta di una questione difficile trovare e comprimere l' osso divertente del nostro aggressore in un momento di pericolo, soprattutto se si indossa un cappotto pesante, attraverso la quale la pressione avrebbe poco effetto. Questo, senza dubbio, il caso, e sar necessaria un po 'di pratica prima che sia possibile posizionare immediatamente il pollice sul punto sensibile. Tuttavia, l'impresa non poi cos difficile come qualcuno che non ha mai fatto il tentativo potrebbe pensare. Qualora si trovi difficile liberarsi della presa dell'avversario nel modo descritto, un colpo secco al gomito, verso l'alto, avr comunque l'effetto desiderato. Appena l'aggressore rilascia la presa, dobbiamo per subito afferrargli il braccio col nostro sinistro e quindi il metodo di lancio pu essere continuato come sopra descritto.

Tecnica Nr. 10: Come rovesciare un avversario che ci afferra il braccio destro.
Le quattro piccole fotografie sottostanti, ci mostrano un metodo molto grazioso ed efficace per rovesciare un aggressore che ci afferra per il polso destro con entrambe le mani. Non appena il braccio preso, come mostrato nella prima fotografia si alzi la mano davanti al petto verso la spalla sinistra. Ma se il nostro avversario troppo pesante e forte, necessario fare un piccolo passo verso di lui con il piede destro e piegare le ginocchia in misura sufficiente a portare la nostra mano quasi a livello della nostra spalla sinistra (foto 2). Poi raddrizzare le ginocchia e ruotare di lato in senso antiorario. Si sentir subito che potremo rompere la sua presa quando vorremo. Subito, ruotare i piedi in modo tale da poter esercitare la forza nel modo pi proficuo nella direzione desiderata, vale a dire, in modo da poter facilmente squilibrare il nostro aggressore con un gesto del braccio. Ma prima di utilizzare la nostra forza, bene piegare le ginocchia, al fine di abbassare il nostro baricentro e rendere il nostro lavoro pi proficuo. Poi, con un vigoroso movimento del braccio, accompagnato dal sollevamento delle ginocchia, lo squilibreremo, posizionandoci in modo che la mano destra sia di fronte al suo volto. Di seguito, fare un lungo passo con il piede sinistro, portandosi alle sue spalle, ed afferrarlo per il mento con la mano destra, e nella parte posteriore della testa con la mano sinistra. Poi, portare all'indietro il piede sinistro, con un lungo passo all'indietro sulla nostra destra, conferiscono un movimento di circolare alla testa e al collo del vostro assalitore, gettandolo pesantemente sulla schiena.

Coloro che desiderano conoscere pi da vicino questo nuovo sistema dovrebbe scrivere direttamente all'autore, che intende in futuro, se tutto va bene, aprire una scuola per lo studio di questa nuova arte di difesa personale.

J. St. A. Jewell, "The Gymnasiums of London: Part X. -- Pierre Vigny's". Health and Strength, Maggio 1904, pagine 173-177.
Boxe, lo stile francese e quello inglese, la scherma, con la sciabola, il duello con la spada, il fioretto, o un bastone singolo, il wrestling, la moda del momento, il Ju jitsu e il combattimento con qualsiasi arma, da un pugno di ferro a un ombrellino parasole. Lui a casa in ognuna di queste discipline. Immaginate una figura alta, in piedi, vestita di una tunica aderente bianca, calzoni neri, di seta, al ginocchio, calzettoni neri e scarpe di tela bianche; la figura di un uomo nel fiore degli anni, con i capelli tagliati corti, ben pulito e rasato , tranne che per un paio di baffi scuri, gli occhi ben aperti, e una mascella che denota una forte volont. Mettetegli un sorriso sul volto, un luccichio negli occhi gentili e un bastone di Malacca dal pomo d'argento nelle mani, e si disporr di un ritratto di Pierre Vigny nella sua palestra col suo costume preferito, pronto a prendere in mano uno dei suoi numerosi allievi. Pierre Vigny francese di nascita e di educazione, dalla cima della testa fino ai tacchi degli stivali, eppure lui non soddisfa la concezione popolare di un figlio di La Belle France. Per noi, come nazione, il francese ancora come le nostre tradizioni ce lo hanno dipinto - una persona volubile, fantastica nel vestire, con manierismi esagerati, piena di emozione, un brillante vincitore, ma un ben povero perdente, un uomo a cui il successo assolutamente essenziale per la felicit, e che rompe terribilmente quando le avversit lo fanno cadere. Nessuna di queste caratteristiche si adatta l'uomo che ho appena ritratto, per il suo carttere sempre tranquillo e sottomesso, egli pu competere con la tenacia di un bulldog in una corsa in salita, e avere comunque la mente fredda e un sorriso perenne sul suo faccia. Per lo sportivo inglese questo lo rende subito degno di ammirazione, perch egli ama la "nobile arte" per lo sport in s, e anche se ha passato anni in tutti gli altri tipi di passatempi virili, i guanti tengono ancora il primo posto nei suoi affetti. All'et di dieci anni aveva gi acquisito una conoscenza molto profonda della Savate, della scherma e della boxe inglese, e desideroso di aumentare la sua conoscenza, pass da accademia a accademia, imparando tutto quello che poteva, abbandonandola per un'altra solo quando aveva raggiunto la piena conoscenza della precedente. Poi entr in quella fase della sua carriera che lo ha contrassegnato come un appassionato, la cui fase di pratica scolastica stata messo da parte per la brutale esperienza pratica. Pieno di fiducia nelle proprie capacit, come tecnica di auto-difesa, ha fatto escursioni notturne nei pi duri e malfamati quartieri di Parigi, Lione, Marsiglia, Napoli, Genova, con la consapevolezza che presto avrebbe avuto ampie opportunit di provare contro se stesso uomini che derubavano per sopravvivere, gente che avrebbe commesso una brutale aggressione a cinque franchi, e un omicidio per venti. Poi, frequent in molti locali malfamati dove imperano il bere e il gioco d'azzardo, e nei vicoli puzzolenti di quegli orridi quartieri ebbe modo di mettere in opera tutte quelle mosse brillanti con cui si dilettano ora molti del pubblico alla moda di Londra, e, come prova che era un allievo di istruttori buoni se ne sempre andato, in ogni caso, senza un graffio. Dei suoi molti assalitori, il meno si parla e meglio .

"Il bastone da passeggio come mezzo di autodifesa"


di Pierre Vigny, Health and Strength, luglio 1903, pagine 253-254.

Miss Sanders e Pierre Vigny

L'attuale moda in fatto di bastoni da passeggio quella di avere una sfera d'argento montata sulla canna di Malacca; tutti ne usano uno. Tutti sanno che la scelta di una canna di Malacca, non ha solo lo scopo di avere qualcosa da portare in mano, ma che questa bellissima canna , la pi aggiornata di tutti i bastoni, pu rendere un grande servizio come un mezzo di auto- difesa, perch pu diventare un'arma formidabile nelle mani di coloro che hanno imparato a usarla. Gli esercizio di bastone rientrano essenzialmente sotto la categoria della ginnastica, ma oltre allo sviluppo della forza muscolare si deve anche ricordare che questi esercizi rendono morbidi gli arti e danno a tutti l'agilit, l'eleganza e la grazia nei loro movimenti. Inoltre, con riferimento alla mia lunga esperienza come professore di esercizio fisico adattato all'auto-difesa, posso tranquillamente affermare che il bastone la pi perfetta arma di difesa, in quanto con esso nessuno pu essere ostacolato dalle proprie dimensioni, peso, o forza. Quando si scontrano due persone armate di bastone, si parificano le probabilit di successo. La boxe , senza dubbio - e lo dico con la massima enfasi - un esercizio salutare e da dei vantaggi ormai noti a tutti. D rapidit, agilit, forza e resistenza, senza l'aiuto di macchine e pesi, e fa anche in modo che un uomo acquisti fiducia in se stesso, cos da consentirgli di affrontare il pericolo senza paura. Ecco, allora, ho affermato alcuni dei suoi vantaggi reali, ma dobbiamo ammettere che essi perderebbero buona parte del loro valore qualora si dovesse incontrare un avversario pi grande e pi forte di noi. Eleganza e rapidit, lo ammetto, possono prendere spesso il posto delle dimensioni e della forza, ma si deve anche ammettere che la lunghezza delle braccia, delle gambe, il peso e la forza, danno dei vantaggi pi efficaci e di pi grande importanza. Pertanto, da quanto sopra esposto, si deve ammettere che un uomo pi piccolo e pi debole, qualunque sia la sua intelligenza e la forza relative, sar quasi sempre tenuto sotto controllo da un uomo pi grande e pi forte, anche se questi fosse meno intelligente e veloce. Con la canne tutta l'inferiorit scompare e affermo con la massima enfasi, dalla mia lunga esperienza e pratica che un uomo armato di un bastone, e che ha imparato ad usarlo, non teme un uomo pi grande e pi forte, anche se armato allo stesso modo. Dir di pi: se capisce perfettamente come usare il suo bastone come arma di difesa, pu reggere il confronto contro diversi avversari perch chi colpito da quest'arma, che acquista una forza enorme grazie ai suoi movimenti oscillanti, sar fuori combattimento definitivamente e non potr pi rialzarsi. Quindi il bastone l'arma pi perfetta per l'auto-difesa, ma per fare in modo che sia veramente efficace, deve possedere le qualit necessarie, che si riassumono in una sola parola: solidit. E 'per questo motivo che ho fatto costruire un bastone, appositamente sotto le mie indicazioni, che abbraccia tutte le qualit necessarie. Si tratta di una canna di Malacca di medie dimensioni, con montata una spessa sfera di metallo, e cos saldamente fissata alla canna che non possa staccarsi nemmeno con l'utilizzo pi ruvido. L'impugnatura di metallo di uno spessore tale che non verr intaccata, ma nonostante questo la canna molto bella ed elegante, ed stata cos apprezzata che si vedono sempre pi persone portarla con loro. Tutti arrivano

presto a capire che questo bellissimo bastone in realt la pi perfetta arma di difesa, che solleva completamente uno dal pericolo di portare un revolver e dalla sensazione di disgusto che si prova ad avere un pugnale. E' appena il caso di aggiungere che, come si impara l'uso della spada o del fioretto, cos si dovrebbe certamente imparare ad usare un bastone da passeggio, che sotto il mio sistema di istruzione pu essere imparato in dodici lezioni. Lo studio del mio sistema di difesa personale con il bastone non comporta un duro e fastidioso lavoro, la gente prende un grande piacere e interesse fin dalla prima lezione, e cos anche acquisisce rapidit, morbidezza, freschezza e fiducia di se. Ci sono diversi modi di utilizzo del bastone: 1 - Tenendo il bastone con l'impugnatura della mano, tutto il colpo viene fornito con un colpo oscillante. 2 - La mano sinistra pu essere usata altrettanto bene come la destra, facendo passare alternativamente il bastone da una mano all'altra. 3 - Il bastone pu essere tenuto anche alla fine della ghiera. 4 - Il bastone pu anche essere tenuto in entrambe le mani. I colpi sono diretti alla testa, al viso, al corpo, sulle mani e sulle gambe. Per colpire di punta, il bastone viene fatto scivolare attraverso le mani. L'estremit del bastone pu anche essere usata come una baionetta. Per eseguire un colpo efficace, necessario colpire evitando la risposta ed il contatto dei bastoni, perch se il tuo bastone viene a contatto con il bastone del tuo avversario prima di colpirlo, il colpo viene reso inutile, avendo perso tutta la sua forza. Se si colpiti, si dovrebbe tornare in guardia e non cercare di dare un altro colpo. E 'consentito prendere, ovvero catturare il bastone dell'avversario, e questa davvero una cosa eccellente da fare. Usando il bastone come mezzo di autodifesa per la strada, non si pu solo combattere un uomo altrettanto ben armato, ma anche diversi uomini allo stesso tempo, altrettanto bene armati come noi, il bastone viene fatto passare attraverso ogni possibile direzione intorno a voi con una rapidit meravigliosa, proteggendo cos ogni parte del proprio corpo e, allo stesso tempo, acquista forza enorme da parte dei suoi rapidi movimenti oscillanti per l'esecuzione di un colpo, di modo che nessuno pu resistergli.

Pearson's Magazine - Gennaio 1901.

Autodifesa con un bastone da passeggio.


I diversi metodi di difendersi con un bastone da passeggio o un ombrello quando si viene attaccati in condizioni di disparit.
A cura del sig. E.W. Barton-Wright

Introduzione. Si deve capire che la nuova arte di autodifesa con un bastone da passeggio, qui introdotto per la prima volta, differisce essenzialmente dal singolo bastone o della spada, per il fatto che un uomo pu essere un campione nell'uso della spada o bastone singolo, e tuttavia non essere assolutamente in grado di dare al bastone da passeggio un qualsiasi uso efficace come arma di difesa. La ragione semplice e sufficiente per tenere conto di questo che sia nel bastone singolo che nella spada un'estremit sempre occupata dall'elsa dell'arma mentre se si cerca di parare un colpo con un bastone da passeggio - che non ha elsa - nello stesso modo come si farebbe con una spada, il colpo scivolerebbe lungo il bastone fino ad arrivare alla mano, disabilitandola. Pertanto, al fine di rendere un bastone un mezzo reale di difesa, stato necessario escogitare un sistema che permetta di parare un colpo in modo tale da farlo scivolare via dalla mano anzich verso di essa, ed evitando il rischio di essere disarmato dopo essere stato colpito sulle dita. Dopo una quindicina di anni di duro lavoro, un tale sistema stato ideato da un Maestro d'Armi svizzero, il professor Pierre Vigny. Di recente stato da me assimilato nel mio sistema di auto-difesa chiamato "Bartitsu," ora insegnato alla mia Scuola d'Armi e cultura fisica al 67B, Shaftesbury Avenue, nel quartiere Soho di Londra. Nella tecnica di autodifesa con un bastone da passeggio, il bastone tenuto in mano con il pollice in sovrapposizione alle dita, e non, come nel bastone singolo o nella spada, con il pollice appoggiato sulla lama. Il bastone quindi manipolato con il polso - e non con le dita come nella spada - e i colpi sono dati facendo oscillare il corpo sui fianchi, - e non semplicemente lanciati dal gomito. In questo modo i colpi possono essere sferrati in modo formidabile, tanto che con un normale bastone di Malacca possibile staccare la vena giugulare di un uomo attraverso il bavero del suo cappotto!

Tecnica Nr. 1: La guardia sulla distanza. Come evitare qualsiasi rischio di essere colpiti sulle dita, braccia e corpo uscendo dal raggio di tiro del nostro avversario, ma allo stesso tempo tenerlo all'interno del raggio di tiro del nostro bastone.
La modalit di difesa che sto per descrivere l'ho chiamata la Guardia sulla distanza," per distinguerlo dalla "Guardia sulla resistenza". Si noter che in questo metodo di difesa l'uomo aggredito non tenta di proteggere un colpo alzando le mani per fermarlo, ma semplicemente cambiando il piede avanzato da sinistra a destra. In altre parole, il difensore passa dalla sua originaria posizione, nella quale il piede sinistro avanzato di fronte al destro, ad una posizione in cui il piede destro di fronte a quello sinistro. In tal modo, si evita di essere colpiti, rimanendo per con la certezza di essere in grado di colpire l'avversario. Quando si esegue la guardia sulla distanza, si prende la posizione di guardia arretrata. Vale a dire, vi sollevate con il piede sinistro in avanti, le ginocchia leggermente piegate, braccio destro tenuto sopra la testa, e il braccio sinistro buttato ben al di l di fronte a voi (foto 1). Dovrei dichiarare qui che questo non un atteggiamento molto facile da assumere, e che necessaria una certa quantit di formazione in cultura fisica prima di poter essere adottato con facilit, ma quando avete acquistato l'elasticit necessaria del corpo, questa una posizione molto sicura e affidabile. necessario prestare attenzione a mantenere la stessa distanza tra noi e il nostro avversario, originariamente presa, ritirandosi (prima il piede destro) man mano che egli avanza, ed avanzando (prima il piede sinistro), come lui si ritira. Poi giocare d'attesa, e invogliare l'avversario a colpirci il braccio o la testa esponendo uno dei due, in modo per da essere pronti a ritirarsi istantaneamente alla primo segno di pericolo. L'aggressore, invogliato dalla posizione apparentemente esposta del braccio sinistro, cercher di colpire questi bersagli ma, anticipando l'attacco, ritirarsi molto rapidamente, e ruotare il braccio all'indietro e verso l'alto. Questa rotazione verso l'alto del braccio far automaticamente ruotare il piede sinistro fin dietro il destro, portando la parte inferiore del corpo fuori dalla portata dell'avversario, e al tempo stesso conferir lo slancio iniziale per il braccio destro, aiutandoci a portare il bastone verso il basso molto rapidamente e pesantemente sulla testa del nostro avversario prima che abbia il tempo di recuperare il suo equilibrio, perso nel tentativo di colpirci.

Tecnica Nr. 2: Un altro modo per evitare di essere colpiti, uscendo fuori dalla portata del bastone dell'avversario.
E 'sempre vantaggioso cercare di invogliare l'avversario a un un colpo apparentemente certo, verso un bersaglio scoperto, mentre in realt stiamo preparando per lui un efficace contro colpo. Per indurre l'avversario a puntare un colpo alla testa si prende la stessa posizione di retroguardia, come descritto nella tecnica precedente, ma invece di esporre il braccio cos tanto, ci si spinge pi in avanti con la testa, lasciandola apparentemente del tutto incustodita. Il nostro aggressore, stupidamente accettar l'invito, e noi ci porteremo subito fuori pericolo facendo oscillare il piede sinistro dietro al destro. Questo movimento dar impulso ad un automatico contro-movimento al lato destro del busto, e ci aiuter a sferrare un colpo molto pesante sul polso dell'avversario che potr essere, quindi, facilmente spezzato.

Tecnica Nr. 3: Gioco di bastone a due mani Dove si mostra il modo migliore per gestire con due mani un bastone che troppo pesante per manipolarlo velocemente con una mano, quando siamo aggrediti da un uomo armato di bastone leggero.
Nel padroneggiare l'arte dell'auto-difesa con il bastone, importante imparare come si pu utilizzare al meglio la propria arma con due mani, altrimenti si potrebbe essere in un grave svantaggio avendo un bastone pesante che non si poteva usare liberamente con una mano, se attaccati da un uomo con un bastone pi leggero con il quale avrebbe potuto fare veloce, con una sola mano il gioco. I movimenti del nostro aggressore in questo caso sarebbe molto pi veloce dei nostri e in questo caso si sarebbe in grave difficolt , maneggiando un'arma pi pesante. La posizione preparatoria per effettuare un colpo a due mani alla testa dell'avversario una posizione di guardia in cui si tiene il bastone con entrambe le mani, in orizzontale, sopra la testa, con i pollici lontano dal volto, e le mani alle estremit del bastone. La bellezza di questa posizione sta nel fatto che l'avversario non sa quale estremit del bastone intendiamo utilizzare per colpirlo. Supponiamo che abbiate in mano il bastone con l'estremit pi pesante nella mano destra, e che si propongono di colpirlo con questa estremit. Il colpo fornito cos: si fa scorrere la mano destra, tranquillamente, fuori dalla estremit destra del bastone, e richiamarla nuovamente indietro, tenendo il bastone con il pollice sul lato pi vicino al viso. Poi, usando la mano sinistra come perno, si fa scorrere la mano destra fino a sinistra con un movimento circolare, consentendo cos un duro colpo laterale al volto dell'avversario. Se si desidera colpire l'avversario con l'estremit opposta del bastone - l'estremit pi leggera - si fa scivolare la mano sinistra l'estremit sinistra del bastone, riportarlo con il pollice sul lato pi vicino il tuo volto, e poi far scivolare la mano sinistra verso destra, per conferire un movimento circolare per il bastone come prima. Questa tecnica richiede di essere una persona molto morbida con le spalle, per poter far lavorare il bastone bene e con grazia usando ambedue le mani.

Tecnica Nr. 4: Come difendersi, senza correre alcun rischio di essere feriti, quando si porta in mano solo un piccolo bastone (o un ombrello), e siamo minacciati da un uomo con un bastone molto robusto.
Immaginate di camminare in una parte solitaria del paese, portando un bastone leggero o un ombrello, quando improvvisamente vi trovate davanti un malfattore con un bastone robusto, con il quale vi minaccia. E 'ovvio che in queste condizioni, se all'aggressore viene dato il tempo di assumere l'offensiva, egli non avrebbe alcuna difficolt ad abbattere la lieve guardia che potrebbe offrire il nostro bastone leggero (o ombrello), e finiremo ben presto abbattuti. Conoscendo questo inconveniente, e senza dargli il tempo di rendersene conto, si deve passare subito all'attacco. Si dovrebbe tirare un colpo di distrazione alla testa del nostro assalitore, tenendo la mano molto alta, al fine di costringerlo ad alzare la guardia. Contemporaneamente, si deve balzare in avanti, dalla posizione d'attacco mostrata nella seconda fotografia, alla posizione mostrata nella terza fotografia, e colpirlo con la mano aperta sul petto, e contemporaneamente arpionargli il piede destro col nostro piede destro, tirandolo in avanti, al fine di turbare il suo equilibrio, e togliendogli cos ogni possibilit di colpirci. Essendo ora l'aggressore in nostra merc, potremo colpirlo con un un pugno sulla faccia, in modo da renderlo privo di sensi o, naturalmente, potremo scaricargli addosso il nostro bastone, qualora questi fosse adatto allo scopo.

Tecnica Nr. 5: Un altro modo per difendersi quando il nostro avversario armato di un bastone robusto, e noi portiamo solo un ombrello o un bastone inaffidabile.
Nel caso in cui lo studente dell'arte di autodifesa con un bastone da passeggio trovi difficolt a padroneggiare il metodo precedente di difesa, ecco un'alternativa, altrettanto efficace, e, forse, un po' pi sicura per i principianti. Come prima, apprezzando l'inaffidabilit della vostra arma, si assume velocemente l'offensiva prima che l'avversario abbia il tempo di scoprire il vostro svantaggio. Cominciate le operazioni esattamente come descritte nel l'ultima tecnica, tirando un colpo alto, verso la testa del vostro aggressore, costringendolo ad alzare la guardia. Contemporaneamente si scatta nella posizione mostrata nella terza fotografia, cogliendo l'avversario appena sotto il gomito, in modo da disturbare completamente il suo equilibrio, e cos gli impedirgli di colpirci. ora possibile tirare un pesante colpo di mano destra, con il pugno, sul suo mento, o sul cuore, il che lo renderebbe privo di sensi. Un uomo esile che per attivo, e che a un tempo esegua bene questo movimento, potrebbe peraltro stravolgere l'equilibrio di un uomo due volte il suo peso e portarlo a terra in un secondo. Nel caso in cui si sta portando un bastone che potrebbe essere abbastanza forte per dare un colpo pesante, un altro metodo di attacco il seguente: Dopo aver disturbato l'equilibrio del vostro assalitore, afferrandolo per il gomito, indietreggiare subito, ritirando il piede sinistro con una rotazione indietro e a destra, e poi, tenendo la testa e il corpo lontano da ogni possibile pericolo, si tira un duro colpo con il bastone nel ginocchio il nostro assalitore. Quando si pratica questo trucco bene ricordare che un colpo secco sulla rotula molto pericoloso, e metterebbe del tutto fuori combattimento un uomo, se ben tirato. Si consiglia, pertanto, di non colpire troppo forte quando si mostra il trucco ad un amico.

Tecnica Nr. 6: Un modo molto sicuro per neutralizzare un pugile che tenta un affondo, quando siamo armati con un bastone.
Immaginate il caso di un uomo armato di un bastone utile essere attaccato da un pugile esperto. Uno dei metodi pi sicuri e pi affidabili di difesa contro i pugni di un pugile la seguente: L'uomo con il bastone affronta il pugile in posizione di guardia arretrata, vale a dire, con il piede sinistro e il braccio disteso, e il suo braccio destro a guardia la testa. Il suo braccio sinistro, libero di difendere il viso o il corpo, se, per caso, egli non dovesse sfuggire al colpo. Non appena il pugile apre il suo attacco con un colpo diretto sull'uomo con il bastone, salti questi ultimi con un solo movimento della gamba sinistra verso destra, piegandosi bene in avanti in posizione rannicchiata, in modo da evitare qualsiasi possibilit di essere colpiti. Poi, facendo perno sulla punta del piede destro, ruoti velocemente il corpo in movimento orario, che trasciner seco il piede sinistro. Questa vigorosa rotazione del corpo gli permetter di tirare un fendente di estrema potenza al ginocchio del pugile, che sar prontamente neutralizzato e portato a terra. Ma per amor di discussione, supponiamo che nella concitazione della lotta, noi manchiamo il colpo al ginocchio del pugile, e lo percuotiamo invece allo stinco, nel qual caso il pugile potrebbe essere ancora in grado di ingaggiar lotta. Recuperando rapidamente il suo equilibrio, il pugile ruota sulla punta del piede sinistro e facendo un passo verso destra con il piede destro, affronta il suo avversario, e tenta un altro colpo. Ma qui, nuovamente, l'uomo con il bastone anticipa la mossa del pugile affondando un colpo a baionetta verso il suo cuore prima che il colpo avverso possa arrivare. Il bastone ci d una portata pi lunga di quella del pugile, noi non corriamo alcun pericolo, mentre la forte spinta verso l'alto del bastone dovrebbe mettere completamente fuori combattimento l'avversario. Vorrei che il lettore arrivi a comprendere fino in fondo che in ogni forma di auto-difesa, la prima cosa e pi importante quello di avere un occhio allenato. Questo trucco dipende tutto dalla velocit dello sguardo nel giudicare il momento giusto per saltare di lato, in modo che il pugile non a conoscenza del fatto fino a quando non ci ha mancati e oltrepassati, ma allora ormai troppo tardi per lui per recuperare il suo svantaggio.

Tecnica Nr. 7: Un modo sicuro per per un uomo per neutralizzare un avversario, quando entrambi sono ugualmente ben armati di bastoni.
Supponendo che siamo attaccati da un uomo armato, come noi, con un robusto bastone, ecco un modo molto carino per disattivarlo. In piedi nella posizione di guardia anteriore, piede destro in avanti, le ginocchia piegate, il braccio destro esteso, si invita un attacco alla testa tenendo la guardia piuttosto bassa. Il nostro avversario accetta l'invito, e ci tira un colpo alla testa. Si para il colpo - una cosa facile, visto che aspettavamo proprio questo tipo di colpo! - e allo stesso tempo, saltando ben a destra del nostro avversario, ci si accovaccia e si esegue un largo e basso fendente all'altezza delle sue ginocchia, che lo porter immediatamente a terra. Tuttavia, se per caso questo risultato non fosse raggiunto, perch il colpo caduto sulla tibia dell'avversario, invece che sulle ginocchia, si avr ancora la migliore della situazione. Dal momento che ci troviamo sotto la sua guardia, il nostro avversario tira indietro il piede destro e si prepara a darci un fendente di rovescio al viso. Noi, per, sventeremo questo tentativo mantenendoci molto vicini a lui, togliendogli la distanza e frustrando il suo tentativo, e gli affonderemo un colpo a baionetta con la punta del bastone. Ho appositamente consigliato questo e il trucco di prima all'attenzione del lettore, sia esso signora o signore, essendo per entrambi molto semplice ed efficace. La parte pi difficile del trucco quella di imparare a fare in modo che l'avversario ci segua, e portarlo ad agire nel modo che noi desideriamo. Ma questo diventa molto semplice, con un po' di pratica.

Tecnica Nr. 8: uno dei pi sicuri piani di difesa per un uomo alto, che non ha molta fiducia nella sua rapidit e conoscenza del gioco di bastone, quando deve contrastare un avversario pi basso e pi competente.
Un uomo alto, lento. Mentre sta passando, viene attaccato da un rapido, avversario pi piccolo di lui. E' in grave svantaggio, in quanto l'uomo basso porta i suoi attacchi alla velocit della luce e nei posti pi inattesi, riducendo cos ogni possibile vantaggio che l'altro potrebbe ottenere dalla sua altezza . Date le circostanze, sarebbe opportuno per l'uomo alto, cercare di indurre il suo avversario per portare un colpo per il quale egli sar completamente pronto. La miglior soluzione sar quella di mettersi nella posizione di guardia arretrata, con il piede sinistro in avanti, il braccio sinistro esteso, e il braccio destro sopra la testa, come descritto in precedenza. Porta poi il braccio sinistro in avanti, come esca. In novantanove casi su cento l'esca si riveler irresistibile. Non appena, per, ha un uomo basso inizier a muovere il suo bastone, con l'intenzione di attaccare il braccio dell'uomo alto, questi deve anticiparlo con un passo avanti, al fine di spezzare la forza del colpo in arrivo, poi, bloccandogli il bastone, l'uomo alto scarichi il suo bastone sulla testa del suo avversario. Naturalmente, resta inteso che, se l'uomo alto ha in mano solo un bastone debole o ombrello, questi gli sarebbe utile solo per fare la finta necessaria per ottenere un'apertura, una volta che egli ha ottenuto il vantaggio mostrato nella foto n 2 , dovrebbe invece usare il pugno per colpire il suo avversario in faccia o sopra il cuore, al fine di disabilitarlo.

Tecnica Nr. 9: come difendersi con un bastone contro il calcio pi pericoloso di un Kick-Boxer esperto.
Lo studente dell'arte di autodifesa con un bastone da passeggio potrebbe pensare che non vale la pena, di studiare un metodo particolare di difendersi contro un attacco di un Savater o di un kick-boxer. Si potrebbe supporre che non ci sarebbero grandi difficolt a parare un calcio alto, a condizione di portare un grosso bastone in mano. Coloro che hanno visto savateurs al lavoro, tuttavia, ed visto la straordinaria rapidit dei calci che si piantano sui corpi dei loro avversari, capiscono che i calci tirati in maniera scientifica possono essere parati con certezza solamente da un metodo scientifico di difesa. Prendendo una posizione di guardia arretrata, con il braccio sinistro teso a scongiurare un calcio possibile alla parte bassa della schiena, all'anca, o sul fianco sinistro, descrivere tagli circolari da sinistra a destra verso il basso, con il tuo bastone. Il tuo avversario, in piedi fuori dalla portata, si prepara a fare ci che in boxe francese, o la savate, chiamato "chasse" - cio, dalla sua posizione originale, con il piede sinistro e il braccio sinistro teso, egli porta il piede destro dietro quello sinistro in modo da permettergli di avvicinarsi rapidamente e inclina il corpo all'indietro, per mantenere il corpo e la testa ben fuori pericolo. Poi, vedendo un'apertura, egli pone il suo tallone destro ben saldo a terra ed esegue un calcio verso il cuore. Anticipando il pericolo, si trasferisce tutto il peso del corpo dalla gamba sinistra a quella destra, che consente al momento critico di ritirare il piede molto rapidamente - al fine di evitare un calcio negli stinchi, in caso di una deviazione dell'attacco - e al tempo stesso aiuta a portare il vostro corpo fuori pericolo. Quindi portare il bastone pesantemente verso il basso, sulla caviglia nostro avversario col risultato quasi certo di romperla. Se si desidera difendersi da calci pi in basso sul corpo, si impiega esattamente lo stesso mezzo di difesa, ma in questo caso non necessario tenere il braccio cos in alto nel descrivere i tagli circolari, molto pi facile difendersi tenendolo pi basso. Lo scopo di descrivere tagli circolari con il bastone quello di facilitarci l'esecuzione del contrattacco, ma anche per scongiurare e deviare il calcio.

Tecnica Nr. 9: Un modo molto efficace per disattivare un uomo pi alto di noi, quando si molto distanti.
Per catturare l'attenzione del nostro avversario quando questi ad una distanza notevole, necessario esporre la testa, abbassando un po' la guardia, o tenendo la mano e il bastone spostati di lato, al fine di invitare un attacco a testa . necessario contare sulla nostra velocit proprio per proteggere la testa quando il colpo arriva. Appena il nostro avversario vedr l'apertura, egli sferrer un colpo diretto alla nostra testa. Proteggersi allora ricevendo il colpo sul nostro bastone, come si visto nella prima fotografia. Il polso destro ruota in senso antiorario, dall'interno verso l'esterno finch il dorso della mano rivolto verso l'avversario. Quindi, senza perdere tempo, scattare velocemente nella posizione successiva, proiettando il corpo in basso e in avanti e colpendo a baionetta il nostro aggressore sul cuore.

Tecnica Nr. 10: Esempio di una guardia molto graziosa e del relativo contro-colpo quando un aggressore tenta un colpo alla nostra testa con un bastone.
Quando un aggressore cerca di colpirvi alla testa con il suo bastone, si para ricevendo il colpo sul nostro bastone, portando la mano destra sul volto, e portando il braccio sul lato sinistro della testa, con il dorso della mano rivolto verso l'esterno, di fronte all'avversario. Il nostro bastone deve puntare leggermente verso il basso per evitare che il bastone dell'avversario scivoli lungo il nostro bastone, colpendoci sulle dita. Nello stesso momento fare un passo un po' verso il lato destro del nostro avversario con il piede destro, e descrivere col braccio un arco da destra a sinistra e indietro, fino ad arrivare con la mano di taglio verso il nostro viso, che dovrebbe essere sufficiente per impedirci di preoccuparsi ulteriormente.

Tecnica Nr. 11: Un esempio di guardia a due mani, in combinazione con ambi-destro.
In questo esempio l'uomo a sinistra nella foto si vede prendere la guardia a due mani, ma il suo aggressore si rifiuta di accettare l'invito a colpirlo al corpo, anche se questo esposto. Invece egli mira un colpo al polso sinistro , o al lato sinistro della testa. Su questo attacco l'uomo con due mani di guardia, al fine di evitare di essere colpito sulle dita, lascia andare l'estremit sinistra del suo bastone, e altalena la mano sinistra dietro di lui con un movimento che conferisce automaticamente il movimento iniziale per un colpo con la mano destra. Questo egli consegner attraverso il polso del suo avversario, che avrebbe in tal modo rompere, cos come l'aggressore in atto di colpire.

Tecnica Nr. 12: Un altro esempio di guardia a due mani, in combinazione con ambi-destro.
In questo esempio il difensore, come nel Nr. 11, invita un attacco al suo corpo custodendo la testa in modo esagerato, e quindi esponendo il suo corpo. Il suo avversario tenta immediatamente di sfruttare l'apertura colpendo il corpo esposto, il difensore sposta semplicemente il piede sinistro verso la sua destra, e cos si ritira a distanza notevole dal suo avversario. Quindi, rilasciando la sua presa sul bastone con la mano destra, porta il bastone pesantemente con la sua sinistra sul capo del suo assalitore, come si vede nella fotografia pi basso.

Nota conclusiva.
Con riferimento alla breve descrizione della scherma col bastone da passeggio e i diversi trucchi descritti in questo e nel numero precedente di Pearson Magazine, posso affermare che l'arte dell'auto-difesa con un bastone da passeggio particolarmente adatta alle condizioni in cui si attaccati da pi di una persona. Pu essere facilmente imparato sia dagli uomini che dalle donne, e una volta appreso ci consente di difendersi, in assoluta sicurezza, a fronte di un coltello, boxe, savate, ecc. I metodi pi pericolosi non sono stati indicati. Oltre ad essere utile e pratica, questa nuova arte di auto-difesa con un bastone da passeggio consigliata anche come un esercizio divertente e grazioso. E.W. Barton Wright.

Auto-difesa in bicicletta.

La bicicletta si stava diffondendo sempre di pi nelle classi borghesi e ben presto questo agile, economico e pulito mezzo meccanico divenne un fatto di costume. Le gite domenicali in campagna erano ormai diventate un rito irrinunciabile per tutta la borghesia europea, sia essa del continente che delle colonie, come si pu vedere nella foto qui sopra, ambientata in un villaggio del Sud Africa. Nemmeno i ciclisti per naturalmente - poterono dirsi al sicuro dalla criminalit e settimanalmente i giornali portano il resoconto di aggressioni e rapine avvenute ai danni di qualche pedalatore. Lo stesso Barton-Write rimase vittima di una tale aggressione, ma anche se riusci ad abbattere facilmente gli assalitori (come affermarono i testimoni) ne ebbe come conseguenza la frattura di una mano. Barboni, vagabondi, sfaccendati e briganti di professione infestavano i boschi, le piste ciclabili e le campagne, attendendo al varco gli incauti ciclisti che viaggiavano da soli, o peggio, di notte, per derubarli del denaro o della stessa bicicletta. Questo spron agli istruttori del Bartitsu Club a studiare degli speciali metodi di auto-difesa orientati a chi dovesse subire un'aggressione mentre va in bicicletta ed alcun di queste notevoli tecniche vennero presentate in un interessante articolo, fra il serio e il faceto, di Marcus Tinsdal pubblicato sul Pearson's Magazine. Vol XI, nr. 28 year 1900, intitolato appunto Self-Protection on a Cycle e che riportiamo integralmente. Osservando nel dettaglio le tecniche e i disegni di questo gustoso e piacevole articolo, non si potr fare a meno di notare una non troppo velata ironia, che traspare anche nel testo. Particolarmente cattiva e tipicamente english humor la parte che tratta del metodo da utilizzare per punire i ragazzini che, tirando il cappello fra i raggi delle ruote dei ciclisti, li facevano cadere. Nonostante il taglio ironico dell'articolo, le tecniche illustrate si sono dimostrate estremamente pratiche ed efficaci. I ragazzi del Bartitsu Club di Chicago le hanno provate dal vero, attrezzando l'aggressore con una pesante tuta di protezione ed affondando del tutto i colpi - cos da ottenere il massimo realismo - e i risultati sono stati, in alcuni casi, devastanti!

Auto-difesa in bicicletta.
Come si pu difendersi al meglio quando si viene attaccati dai briganti moderni, che mostra come si dovrebbe agire quando minacciati da un uomo a piedi, quando si inseguiti da un altro ciclista, e quando si viene attaccati in varie altre circostanze. Si mostrer, inoltre, come la bicicletta pu essere utilizzata come un'arma.
E 'un errore supporre che tutto il romanticismo delle strade notturne sia ormai tramontato. Nei bei vecchi tempi i banditi stavano in agguato, in attesa di un viaggiatore ritardatario o un po' ubriaco, su ogni strada solitaria di campagna, in ogni bosco, e su ogni tratto disabitato. Gli attuali attacchi di briganti ai ciclisti ricordano, almeno in parte, il fascino dei vecchi tempi ed ad essi che vanno le menti di coloro che leggono di queste rapine stradali sui giornali - anche se i ciclisti aggrediti non possono certo guardarli sotto questa romantica luce! Potrebbe sembrare, a prima vista, che un ciclista sia una facile preda per un brigante da strada, specialmente di notte, e che possa essere attaccato con pi certezza di successo rispetto a un cavaliere. In primo luogo, un ciclista di notte di solito rispetta le normative e porta una lampada montata sul manubrio. Cos si preannuncia la sua avanzata da molto lontano. Egli a cavallo di un destriero da cui pu essere abbattuto molto pi facilmente che se fosse su un alto e solido cavallo. Un bastone tra i raggi della sua ruota, uno scatto improvviso al manubrio, o un filo teso attraverso la sua strada e lui sar gettato a terra, inevitabilmente.

Come usare la bicicletta come scudo

D'altra parte, bisogna considerare i vantaggi del ciclista. Egli arriva in silenzio e passa rapidamente, come uno spirito. Un momento prima ed troppo presto, un attimo dopo ed gi troppo tardi per attaccare, e il brigante perder la sua preda. Il ciclista ha quindi buone possibilit di oltrepassare il brigante prima che quest'ultimo possa agire, e se si cavalca senza una luce si hanno molte probabilit di passare inosservati - a meno che, naturalmente, un' astuta trappola non sia stata preparata in anticipo.

Quando si minacciati da un uomo lungo il percorso, se si guida di punto in bianco verso di lui, deviando solo all'ultimo momento, lo si sorprender e potremo passare in sicurezza...

...Ma se si tenta di sfuggire passando semplicemente dall'altra parte della strada gli, si dar una buona possibilit di metterci un bastone tra i raggi della ruota. Supponendo anche che si tratta di una lotta, sia di giorno che di notte, il ciclista ha per se un'arma nella propria bicicletta, con cui si pu confondere l'attaccante in pi maniere di quanto si immagini. L'auto-difesa in bicicletta un'arte ricca di possibilit. Il ciclista che un abile pilota, che possiede coraggio e slancio, che ha imparato le regole elementari dell'auto-difesa in bicicletta, e che armato con una conoscenza di come usare la sua macchina come arma, pu star sicuro che sar in grado di difendersi perfettamente, quando attaccato, nella la maggior parte delle situazioni . Forse la pi comune occasione in cui un po' di conoscenza della tecnica di autodifesa in bicicletta sarebbe di grande utilit quando un pilota minacciato da un villico che gli blocca la strada. Una signora, ad esempio, in sella da sola su una strada di campagna, quando un barbone si avvicina improvvisamente ed assume un atteggiamento ostile, in piedi davanti a lei con le gambe divaricate e le braccia tese fuori, in modo da sbarragli efficacemente la strada.

Ora, questo il segreto per la rimozione del vagabondo, e per oltrepassarlo in sicurezza. La signora dovr scattare improvvisamente e, di punto in bianco, puntare al suo assalitore, per poi deviare all'ultimo momento. Certamente questo richiede nervi saldi, ma davvero semplice, e meravigliosamente efficace. Il vagabondo non potr superare l'istinto di protezione che lo far saltare da una parte, cos il ciclista, ovviamente all'ultimo momento, devier nella direzione opposta. Quasi ogni ciclista porta un'arma sulla sua macchina un'arma inaspettata che, in molte circostanze, pu utilizzare con grande effetto: une forte, lunga, pompa in metallo pesante che ci offre un'arma che pi comoda non si poteva desiderare. Il pilota che minacciato da un brigante provi a puntare la sua pompa in faccia all'aggressore, e rimarr sorpreso di quanto velocemente e precipitosamente l'aggressore salter indietro. Un colpo formidabile potrebbe essere consegnato alla faccia di un uomo con una pesante pompa, specialmente durante la guida ad alta velocit. Normalmente la pompa attaccata con delle molle alla barra superiore della macchina - o, nel caso di una macchina da signora, al manubrio ed cos a portata di mano in caso di emergenza, che pu essere staccata in un momento.

I moderni e pacifici cavalieri meccanici possono disporre di armi inaspettate e sorprendentemente efficaci. Spruzzare dell'acqua in faccia al brigante si riveler un ottimo espediente per sorprenderlo e distrarlo quel tanto che ci permetter di allontanarci in sicurezza. Mentre una robusta e pesante pompa in metallo ci permetter di portare duri colpi agli occasionali mariuoli. E' bene anche sapere come utilizzare la quantit di moto della bicicletta per atterrare efficacemente un avversario. Per dare un colpo durante la guida - per esempio, alla testa di un ragazzino birbante che indulge nella pericolosa pratica di gettare un berretto nei raggi della nostra ruota, e ha bisogno di una punizione - o alla testa di un aggressore adulto - necessario sterzare improvvisamente appena gli si arriva a fianco, inclinandoci verso di esso in modo da trasmettere la quantit di moto della macchina verso di nostro aggressore. Il colpo dovr essere basculante, dall'alto in basso, pesante e frontale, effettuato con la mano (con il pugno a martello) o con la vostra arma. Se il colpo sar assestato bene e a tempo - e si dovr tener conto dello shock del rinculo, altrimenti sarebbe disastroso esso non avr alcun effetto diverso da quello di rimettere la macchina di nuovo in posizione eretta, e ritroverete il vostro equilibrio con facilit, terminando la vostra cavalcata in trionfo. Un colpo in avanti, dal momento che acquisisce l'impulso della bicicletta, pu essere fornito con grande forza durante la guida veloce, al contrario di un colpo all'indietro che ridicolmente impotente. Ci sono occasioni in cui pi sicuro, in caso di attacco di un aggressore smontato, piuttosto che in bici, utilizzare il seguente metodo. Si deve dirigersi a tutta velocit verso l'avversario utilizzando la macchina stessa come un ariete. La ruota anteriore diverr un'arma formidabile, nelle mani del ciclista esperto. Anche in questo caso bisogner tener conto del rinculo che si avr al momento dell'urto.

Come usare la bicicletta come arma.

Vediamo un altro esempio calzante. Si sta percorrendo una strada di campagna, quando improvvisamente, si sorpresi da un uomo che appare di fronte a noi uscendo da una siepe, e cerca di prenderci la macchina. Non avete la possibilit di adottare la strategia di sorprenderlo con le precedenti strategie, eppure necessario agire sul momento se si vuole proteggersi. Il miglior piano questo: - Dare uno scatto ai pedali e spostare di scatto il peso all'indietro, tirando contemporaneamente il manubrio, e inducendo cos la nostra macchina a impennarsi sulla sua ruota posteriore. (Supponiamo che in questo caso non si del gentil sesso. possibile allora effettuare lo scatto all'indietro saltando a terra con l'aiuto di passo indietro, sbalzando dalla sella) Ora si faccia a faccia con il nostro aggressore, con la macchina impennata perpendicolarmente davanti a noi. Si pu mantenere la presa del manubrio con entrambe le mani, o appoggiare la mano destra sulla sella - in entrambi i casi si ha un perfetto controllo completo della macchina, e la si pu scagliare in avanti, a destra o a sinistra, come si desidera, a seconda di dove sar posizionato il vagabondo. Il vostro antagonista rimarr completamente sorpreso nel momento in cui la parte anteriore della vostra macchina si alzer verso di lui. Cogliendo questa opportunit, si deve scagliare con forza - la macchina verso l'aggressore, e questa proseguir la sua corsa sulla sua ruota posteriore, cos che la ruota anteriore e poi l'intera bicicletta gli arriveranno pesantemente addosso. Egli necessariamente barcoller all'indietro sotto il peso della macchina, offrendovi un'occasione d'oro per fare uso dei vostri pugni. Non sempre necessario, ovviamente, ricorrere a tali misure drastiche. E 'del tutto possibile che la sorpresa e la confusione con cui si cogliete il vostro aggressore quando la vostra macchina si solleva con la parte anteriore, vi permetta di fare un breve tratto a piedi velocemente - davanti a lui, e altrettanto velocemente rimontare in sella e andarsene. Oppure si pu attendere il suo attacco, con in mano la bicicletta con la ruota anteriore sollevata, e affrontare i colpi avversari con questa ruota, senza in realt lasciare la macchina e senza togliere le mani dal manubrio.

Ecco un altro modo in cui una bicicletta pu essere utilizzato sia come scudo che come arma. Siamo smontati e supponiamo di incontrare, a piedi, un attacco inaspettato. Si dovrebbe fare attenzione, in queste circostanze, a porre la nostra macchina tra noi e il nostro aggressore, tenendola per il manubrio. E' possibile inoltre sollevare la bicicletta e descrivere un mezzo semicerchio intorno a noi, con esattamente lo stesso movimento che si impiegherebbe se si stesse utilizzando una falce in un campo di fieno. In questo modo possibile mantenere il nostro aggressore a distanza, fino a quando passata la sorpresa - arriva il momento psicologico in cui si possiamo contrattaccare nella maniera pi proficua.

La bicicletta usata come scudo, e il vagabondo viene preso alla sprovvista!

Questo sar quando lui avanza su di noi, e sporge un piede, per prepararsi a colpirci. Nel momento in cui egli assume l'atteggiamento del pugile, quando sta per attaccare, fare un rapido movimento della macchina, che si tradurr in cattura la sua gamba tesa, come in una morsa, tra la ruota anteriore del ciclo e la barra inclinata del telaio. Questa presa si ottiene ruotando il manubrio, in primo luogo allontanandolo da noi, e poi, dopo un po' modificando la posizione della ruota, in modo da avvolgere il piede dell'antagonista, con un movimento rotatorio, tirando bruscamente verso di noi. Contemporaneamente si girer il manubrio con la mano in modo da esercitare una forte pressione con la parte posteriore della ruota anteriore contro la gamba del nostro aggressore. Questo gli procurer un dolore tale da renderlo impotente di farci del male. Bisogna ora solo piegarsi in avanti e tirargli un colpo sul petto con il pugno, turbando il suo equilibrio gi vacillante, e atterrandolo ignominiosamente sulla schiena. I vari movimenti con cui viene eseguito quest'esito felice della vicenda, dovrebbe essere fatto con una sola rapida, forte, scansione completa della bicicletta, e il pugno dovrebbe seguire quasi contemporaneamente, in modo che tutto sar finito in un momento, e non ci sar nulla che potr impedirci di rimontare in bicicletta e continuare allegramente la nostra gita. Un altro caso: supponiamo che di stare in piedi, faccia a faccia con un aggressore che si avvicinato vicino a noi, ed egli ci minaccia con i pugni. Noi teniamo in mano la bicicletta, una mano sul manubrio l'altra sulla sella. Per proteggere se stessi e contrattaccare nel migliore dei modi, tutto ci che dovete fare quello di dare alla vostra bicicletta una leggera spinta, in modo che cada addosso al nostro avversario, quindi, senza nessuna pausa, tirargli un pesante pugno al petto o al mento. Istintivamente, involontariamente, egli abbasser le mani per prendere la bicicletta e fare un passo indietro incautamente - cos ci offrir un'occasione d'oro per l'attacco. Questo piccolo trucco molto semplice, ma estremamente efficace quando un ciclista smontato si ritrova dover affrontare un furfante aggressivo che si avvicina ingiustificatamente vicino a noi, e il risultato non potr essere che positivo, perch nessuno pu fare un assalto efficace con una bicicletta che gli cade sulle gambe.

Non sempre, tuttavia, possibile affrontare un assalitore con tali scarsi rischi di un s come nel caso precedente. In casi di emergenza disperata a volte necessario agire disperatamente, e correre dei rischi disperati. Si supponga, per esempio, di guidare lungo una pista ciclabile, o uno stretto sentiero, quando improvvisamente un uomo ci sbarra la strada. Scansarlo o fuggire impossibile qui, dunque, la cosa migliore, secondo le circostanze, quella di guidare con coraggio fino ad arrivare a lato del nostro assalitore, saltare impavidamente dalla nostra macchina e gettarsi su di lui, buttandogli le braccia al collo, un ginocchio fra le gambe, e lasciando andare la bicicletta dove vuole. Ci si abbatter su di lui con uno slancio irresistibile, come se fossimo caduti dal cielo, e se non lo abbiamo sufficientemente danneggiato gettandolo al suolo, noi, almeno, gli saremo sopra. In seguito, dopo averlo trattato come ci pare, molto probabile che ritroveremo la bicicletta, incolume, sul lato della strada.

Guidare con coraggio fino ad arrivare a lato dell'assalitore, poi saltare impavidamente dalla nostra macchina, scagliandoci con impeto irresistibile sul nostro assalitore e facendolo rovinare al suolo. Gli ultimi tre o quattro metodi di difesa che ho descritto non sono affatto adatti per l'uso da parte di ciclisti donna, a meno che esse non siano particolarmente forti di mente e di corpo! Un mezzo semplice di difesa che pu essere altamente raccomandato per l'uso dei ciclisti lo spruzzatore d'acqua. Questa un'arma ingegnosa ed venduta in tutti i negozi di ciclismo. Realizzata a forma di pistola, ha un manico di caucci che trattiene l'acqua, e che, se premuto, spruzzer una doccia d'acqua per una distanza di 20 piedi o gi di l. Lo spruzzatore d'acqua garantito per fermare l'attacco di un cane feroce o di un uomo - e certamente il brigante che tentasse di avvicinarsi ad un ciclista donna, sarebbe accolto con una doccia di acqua fredda, ricevendo un duro colpo, che probabilmente lo costringerebbe ad un passo indietro abbastanza lungo da permettere alla sua preda di fuggire. Purtroppo, successo pi di una volta che i piloti donna hanno sofferto il fastidio di ciclisti un po' maniaci, che le hanno seguite lungo le strade solitarie, e hanno pedalato dietro di loro per lunghe distanze, non senza fare commenti. Un pilota donna pu per perseguire ad un rimedio molto semplice, con cui pu facilmente sconvolgere chiunque persista in questo sgradevole e sconveniente comportamento, che nel gergo ciclistico si chiama "appendersi" alla sua ruota posteriore. La dama-pilota, dapprima rallenter impercettibilmente la sua andatura, facendo avvicinare l'inseguitore poi, improvvisamente, azioner i freni con tutte le sue forze, in modo da permettere alla ruota anteriore della bicicletta del suo inseguitore di entrare in collisione con la propria ruota posteriore. Il risultato immediato sar che l'inseguitore sar gettato dalla sua macchina, e il pilota donna potr fuggire con uno scatto leggero, e difficilmente cadr. Qualsiasi persona che abbia fatto un incidente su una pista ciclabile o altrove, sa come sia istantaneo e disastroso il risultato del minimo contatto della propria ruota anteriore contro la ruota posteriore di un altro ciclista e di come sia, per contro, infinitesimale l'effetto sul ciclista davanti.

Quando siete inseguite da un pappagallo o da un borseggiatore...

Rallentate impercettibilmente, facendolo avvicinare il pi possibile, poi frenate improvvisamente, facendo finire la sua ruota anteriore contro la vostra ruota posteriore. Il risultato sar disastroso per lui.

Ripartite, poi, con un leggero scatto e salutate con grazia il pappagallo abbattuto!

A volte un ciclista ha bisogno di auto-protezione, non da un particolare aggressore, ma dalla sua stessa follia. Ecco un modo utile per un ciclista, che sta guidando senza freni e che vuole tirare su un tratto, per ottenere un grande potere di pedalata all'indietro. Fare una presa salda con una mano sulla sella dietro di noi, ed otterremo una tale influenza che si potr pedalare all'indietro con grande forza, e probabilmente diventer una questione facile il controllare la nostra ruota. Un altro eccelso metodo di frenare una macchina priva di freni: il pilota deve inserire la punta della scarpa nello spazio tra la parte superiore della sua ruota e la parte inferiore della barra montante anteriore, in modo che la suola prema, a pattino, sul pneumatico come un freno. Oppure si possono utilizzare entrambi i piedi per frenare, premendo con le suole delle scarpe su entrambi i lati del pneumatico, di fronte alle forcelle. Supponiamo che un ciclista stia correndo con la sua macchina lungo una ripida collina, e si accorga che una collisione con un muro, in fondo alla discesa, sia ormai inevitabile. Quando sar a pochi metri del muro, dovr togliere entrambe le mani dal manubrio, e tenerle estese il pi avanti possibile, di fronte a lui. Come la sua ruota anteriore si bloccher contro il muro, e lui sar buttato in avanti, le braccia assorbiranno il colpo, e gli proteggeranno la testa. Un altro suggerimento. Quando si va di notte, o nel traffico, accaduto che dei ciclisti sono stati travolti dalle loro macchine e si sono gravemente feriti urtando le stanghe di carri o carretti, sotto le quali le ruote anteriori erano sufficientemente basse da passare. Quando non c' tempo per tirare il freno, e una collisione di questo tipo inevitabile, il ciclista non pu fare nulla di meglio che mettere una mano davanti, il pi avanti possibile, sopra la ruota anteriore, e assorbire l'urto della collisione con la mano e col braccio.

A volte un ciclista ha bisogno di protezione dal braccio della legge, come quando si ritrova a molte miglia da casa, all'imbrunire, e senza una lampada. I questo caso la presenza di un marmittone lo farebbe incorrere in una salata sanzione. Molti e geniali sono i dispositivi che i ciclisti hanno adottato in tali occasioni di urgente necessit. Una lanterna cinese, se ottenibile, e un pezzo di candela salveranno la situazione, anche se non posso raccomandare l'idea di un uomo che ha raccolto tutte le lucciole che riusc a trovare sul ciglio della strada, e le port trionfalmente davanti a lui in un fazzoletto in luogo di una lampada! C' inoltre un metodo semplice e affidabile per superare le difficolt. Il ciclista ritardatario dovrebbe procurarsi una bottiglia - non ci dovrebbero essere grandi difficolt in questo, in un paese civile - e un pezzo di candela. Una bottiglia normale, di vetro bianco, con un lungo collo la migliore per questo scopo. Poi fare un buco nel fondo della bottiglia, rovesciarla e spingere la candela verso l'alto, lungo il collo della bottiglia. Una luce eccellente - anche se ha il potere di una sola candela - e il ciclista, tendendo la bottiglia davanti se, potr cavalcare con coraggio e senza paura di infrangere la legge. Finora i mezzi di auto-protezione da assalitori stradali che ho descritto hanno per lo pi richiesto una certa quantit di coraggio, o un pizzico di forza da parte del ciclista. A beneficio dei ciclisti deboli e timidi che a volte guidano con la paura dei briganti, ecco un semplice trucco con cui i progetti dei malfattori potranno essere confusi. Il ciclista che ha paura di una rapina dovr armarsi con una borsa vuota. Supponendo che il pilota cos armato sia

minacciata da un barbone, lungo suo percorso, che gli impone di consegnargli del denaro, egli dovr semplicemente gettare la borsa vuota verso il vagabondo, in modo che cada sul bordo della strada. Cos facendo, ovviamente, dovr far mostra di una grande di riluttanza. Il vagabondo si muover, naturalmente, verso il bordo della strada, a prendere la borsa, dandoci cos la possibilit di fuggire. Un ciclista gentiluomo e solidale, anche se timido, pedalando dopo il tramonto porter con se due borse: una per uso proprio, e l'altra ad uso e beneficio di altri gentiluomini stradali notturni.

Una fase dei test delle tecniche di auto-difesa in bicicletta, eseguiti dagli istruttori del Bartitsu Club di Chicago. Tutte le tecniche si sono rivelate semplici ed efficaci, e in alcuni casi addirittura devastanti!

Conclusioni.
Siamo giunti alla fine di questo nostro piccolo viaggio nel tempo, alla scoperta della nobile arte del Bartitsu. Ne abbiamo approfittato anche per dare uno sguardo in giro, tanto per farci un'idea del periodo, dei luoghi e del contesto storico, economico, politico e culturale dove quest'arte marziale si sviluppata ed ha prosperato, e infine ne abbiamo assaggiato alcune tecniche. Al momento in preparazione il secondo volume che affronter il Bartitsu da un punto di vista pi tecnico, anche se non mancheranno certo notizie, foto, curiosit ed eventi di quel periodo affascinante che fu la Belle Epoque.