Sei sulla pagina 1di 69

Richard Bach

Le Storie Dei Furetti Saper Perdere


Rangers Ferrets On The Range 2003

I furetti, la montagna e il mare


C'erano una volta due furetti che vivevano vicino a un sentiero di campagna. Il sentiero seguiva il cammino del sole: la montagna lo vedeva nascere e il mare tramontare. I due furetti erano amici ma, mentre lei si sentiva attratta dal mare, lui lo era dalla montagna. E nessuno dei due seppe resistere a un richiamo cos forte. Che tristezza disse lui che le nostre strade ci portino in direzioni opposte. E terribile aggiunse lei doverci separare. I due custodirono teneramente il proprio amore, ma ascoltarono il loro pi alto senso del bene e si incamminarono lungo il sentiero, ognuno per la propria strada. Dopo numerose avventure scoprirono che, dietro la montagna, il sentiero conduceva al mare e, oltre il mare, portava verso la montagna. Dall'altra parte della montagna e del mare, i due innamorati si incontrarono di nuovo e le loro strade si ricongiunsero, tornando a essere una sola. Il nostro pi alto senso del bene conosce ogni futuro possibile. Se sapremo ascoltarne i sussurri, scopriremo che il premio finale la nostra pi grande felicit. Antonius Furetto, Favole

Capitolo 1
Non ho mai visto una cowboy con il cappello blu... Cheyenne Jasmine era una furetta ancora molto giovane e, a dire il vero, lo era anche lui, che cercava di insegnarle a cavalcare i dolfini. La piccola dal mantello argentato si aggiust il cappello sulla fronte,
Richard Bach 1 2003 - Saper Perdere

accennando un sorriso. Tanto per cominciare, caro il mio Montgomery, non sono una cowboy, e faresti meglio a ficcartelo bene in testa. Invece di pensare al mio cappello, pensa a insegnarmi quello che sai! Vivevano con i rispettivi genitori in due ranch confinanti, alla fine della strada lungo il fiume, riparati a ovest dalle imponenti montagne di Sweetroot, a nord e a est dalle selvagge praterie del Montana. Prima e dopo la scuola, e quando non dovevano rendersi utili a casa, cavalcavano insieme. Ora Monty era tranquillamente seduto in sella a Boffin, il suo dolfino grigio. Con le zampe incrociate, appoggiate alla sommit della criniera, osservava l'incantevole amica. Se vuoi che salti, devi spostare il tuo peso all'indietro, Cheye. Per riuscire a saltare Starlet ha bisogno di alleggerire le zampe anteriori e di poter alzare il muso. Non vuole proprio saperne di saltare, Monty disse Cheyenne mogia in sella al proprio dolfino. Lentamente, gir attorno all'imperturbabile Boffin e si ferm accanto a lui. Mi spingo all'indietro, ma non c' niente da fare. Invece di saltare si ferma! Secondo te qual il problema, Cheye? Non vuole saltare. Questa bella! disse il suo istruttore. Ma se con me non si mai rifiutata! Come te lo spieghi? Si vede che le sei simpatico. Come a tutti i dolfini sbott avvilita la piccola Cheyenne. Non vuole saltare perch io non sono te. Brava, continua pure a fare la zuccona. Ti sar d'aiuto... replic tranquillo Monty. Ti far un'altra domanda: a cosa sta pensando? Ogni volta che non riesci a spiegarti il comportamento di un animale, chiediti: "A cosa sta pensando?". E come faccio? chiese Cheyenne, ansiosa di conoscere la risposta. Entra nella sua testa! Fai finta di essere Starlet. Prova adesso. Dunque, hai appena terminato la curva e vedi la staccionata; pensi: "Voglio saltare per Cheyenne!". Coraggio, prova. L'allieva rimase a lungo in silenzio, come in trance, mentre immaginava la scena. Non posso saltare disse alla fine. Benissimo. E perch non puoi saltare? Cheyenne ci riflett, la sua mente era un tutt'uno con quella del dolfno, e all'improvviso cap. Non sono abbastanza veloce! Cheyenne mi rallenta!
Richard Bach 2 2003 - Saper Perdere

L'istruttore sorrise. Interessante, non trovi? Credi che sia vero? Vuoi riprovare? Il mantello di Cheyenne era luminosissimo. La piccola abbass il capo verso il collo del dolfno e, con il cappello calato sulle orecchie, part al galoppo affrontando a tutta velocit la curva che portava alla staccionata. Il rimbombo degli zoccoli di Starlet fece tremare la terra, echeggiando per tutto il canyon in una nuvola di polvere. Monty la osservava. Vai Cheye disse sottovoce. La furetta dal mantello argentato lasci andare il proprio peso all'indietro sussurrando: Vola!. La coda come la scia di una cometa, Starlet si lanci nel cielo insieme a Cheyenne. Come in una scena al rallentatore, nel silenzio irreale di un momento in cui il tempo parve fermarsi, il dolfino vol sopra la staccionata. Nell'istante in cui atterr, la terra riprese a tremare e il rimbombo torn a echeggiare per la vallata. Rispondendo al comando di Cheyenne, Starlet gir bruscamente e, dopo aver compiuto un mezzo giro, si ferm accanto a Boffin sbuffando vigorosamente. Funziona! esclam l'allieva con gli occhi colmi di gioia. Il bell'istruttore annu. Non ci posso credere! esclam Cheyenne, ansimando per la felicit. Monty rimase ad ascoltare in silenzio. Sono entrata nella sua mente! Volevo saltare... e voleva saltare anche lei! Direi che andata proprio cos. Lo rifacciamo? Dipende. Pensi che Starlet ne abbia ancora voglia o che sia stanca? Il dolfino tese le orecchie in avanti e cominci ad agitare la criniera al vento. Gli occhi neri come la notte di Cheyenne si illuminarono di gioia. S, ne ha voglia! Forza allora, fallo... Ma non fece in tempo a finire la frase che l'amica era gi partita al galoppo. Montgomery si esercitava a guardare con le orecchie e il corpo, a occhi chiusi. La sent arrivare alla curva che portava alla staccionata. Dal rumore degli zoccoli cap che era un po' lenta.
Richard Bach 3 2003 - Saper Perdere

Cheyenne spron Starlet ad accelerare sul rettilineo, lasci andare il proprio corpo all'indietro e spicc il volo. Silenzio... uno... due... tre... e di nuovo il rumore degli zoccoli sulla terra, con il dolfno che rallentava per girare. Monty non stava pi nella pelliccia. Si chin in avanti e sussurr: Dai, Boffin, facciamogli vedere chi siamo. Alla staccionata pi alta!. Monty e Cheyenne erano inseparabili: insieme cavalcavano, esploravano, curiosavano tra la vegetazione della prateria e passavano ore e ore a osservare gli animali e le stelle. A volte, per poter cavalcare all'alba, si alzavano da tavola in fretta e furia, prima di aver finito la colazione, mentre i genitori li rincorrevano dicendo: Almeno finisci la tua spremuta!. Una volta, Zander, il fratello di Monty, guardandoli aveva commentato: Quei due sono fatti l'uno per l'altra. Diversi come l'acqua e la roccia, uguali come gli uccellini su un ramo!. Il cugino Furettone Jupe, assistendo alla scena, aveva annuito come per dire: Ben detto!. Secondo lui lo sapevano tutti, anche se nessuno lo diceva. Monty aveva un dono particolare con gli animali e aveva giurato a se stesso di trasmetterlo solo all'amica del cuore, e ci era quasi riuscito. Tuttavia, mentre a lui bastava aprire il palmo di una zampa perch vi si posasse una farfalla, Cheyenne doveva sforzarsi un po' di pi. Non sono buona come Monty, pensava Cheyenne. Non ho la sua pace interiore. Per insegnarle ad avere pazienza, Monty le cospargeva sementi sulla tesa del cappello, e le diceva di rimanere immobile fino a quando non fossero arrivati gli uccellini a fare colazione. Cos Cheyenne impar a essere paziente e prov una grandissima gioia nel sentire il loro impercettibile peso mentre si cibavano fiduciosi sul suo cappello. Cheyenne ci riflett e un giorno, mentre cavalcavano lungo Sable Canyon, gli disse: Monty, sento di poter contare su di te come su nessun altro al mondo. Non ci avevo mai pensato, ma ora capisco che sempre stato cos. Sei davvero importante per me. Era vero, Monty annu. Poi disse: Io ci sar sempre per te, Cheye. Per tutta la vita, qualsiasi cosa succeda. Se il grande amore di Monty erano gli spazi aperti, quello di Cheyenne erano gli spazi chiusi del... grande schermo. Ogni fine settimana, dopo
Richard Bach 4 2003 - Saper Perdere

l'escursione nella prateria, i due amici cavalcavano fino a Little Paw per accomodarsi sulle raffinate poltroncine di velluto rosso nella fila centrale del CineFur. Questo vi piacer, ragazzi disse Furetto Alexopoulos restituendo i biglietti strappati, attraverso lo sportello del botteghino novecentesco, arrivato via mare direttamente dall'isola di Chios. Furetto Heshsty un giovane regista, ma vedrete cosa riesce a fare con la luce. Osservate come la luce racconta la storia! Ben presto Cheyenne chiese ad Alexopoulos se avesse potuto dargli una zampa al cinema vendendo biglietti e pop-corn, cambiando le locandine e gli allestimenti e facendo le pulizie; insomma, qualsiasi cosa pur di scoprire come la magia riuscisse a passare dalla mente alle immagini. Non ti potr pagare molto rispose Alexopoulos ma vedrai i film gratis. Durante ogni proiezione, Cheyenne imparava qualcosa e pi imparava, pi comprendeva il valore di ogni pi piccolo, insignificante movimento grazie al quale un attore pu dare una svolta alla storia, semplicemente cambiando stato d'animo pur mantenendo un'espressione apparentemente identica. Alexopoulos rispondeva alle sue domande e la interrogava per metterla alla prova. Le fece vedere un'infinit di film e la segu da vicino, notando col passare del tempo enormi progressi che la rendevano sempre pi bella anche agli occhi degli altri. Riteneva che Cheyenne non fosse cos attraente solo per il suo aspetto fisico. Non solo questione di bellezza, diceva a se stesso; Cheyenne ha una sorta di... trasparenza. Ecco, trasparenza era la parola giusta. Dentro di s, la piccola furetta aveva la stessa magia che riusciva a catturare dallo schermo. A volte le lezioni erano durissime, a volte doveva recitare le scene senza parlare, da sola, in piedi e al buio in fondo alla sala. Una mattina, durante una proiezione, sbagli una battuta per tre volte di fila e, in preda allo sconforto, disse sottovoce a Alexopoulos: Non la imparer mai!. Non detto rispose Alexopoulos. E un lavoro che richiede molti sacrifci. Cheyenne guardava ancora i film insieme a Monty, prestando pi attenzione al volto dell'amico che allo schermo. Chiss cosa sta provando durante questa scena, si interrogava. Potr mai capire cosa prova?
Richard Bach 5 2003 - Saper Perdere

Gli attori trasferiscono la loro anima nella recitazione, pens, cos come Monty trasferisce la sua nei dolfini. Nel cinema, anima e tecnica hanno bisogno l'una dell'altra. Se una delle due viene a mancare, la storia non trasmette emozioni. Pi d'una volta, quando i due amici uscivano dal buio della sala per cavalcare fino a casa, il mantello di Cheyenne era bagnato di lacrime. Che film meraviglioso, Monty disse una volta Cheyenne, di ritorno verso casa dopo aver visto Viaggio disperato. Laura l'ha sempre amato, ma gliel'ha detto solo alla fine! Pensa quanto tempo ha passato il povero Stefan senza saperlo. Cavolo, ma perch non gliel'ha detto subito?! rispose Monty togliendosi il cappello e aggiustandosi il ciuffo con la zampa. Io gliel'avrei detto subito; almeno Stefan avrebbe fatto la propria scelta pi consapevolmente. Ma cosa dici, sciocchino?! replic Cheyenne avvicinandosi ancora di pi all'amico, mentre in sella a Starlet e Boffin andavano incontro al tramonto. Non potevo dirtelo, Stefan. Avrei voluto, ma non potevo. L'amore non tale se c' bisogno di chiederlo... Le parole di Cheyenne suonarono ancora pi dolci e profonde di quelle pronunciate dall'attrice. Non sembravano rivolte a uno Stefan lontano, ma a Monty, tanto vicino da poterlo toccare. Col passare del tempo, la passione di Cheyenne per il cinema cresceva. La piccola pensava che un attore, attraverso i suoi personaggi, mettesse in scena ogni volta una vita diversa, consentendo agli spettatori di vivere esperienze che, altrimenti, non avrebbero mai fatto. Mostrando cosa comporti prendere decisioni diverse a seconda delle circostanze, gli attori ci aiutano a diventare pi saggi e maturi. Chiss come ci si sente, si domandava, a possedere un dono del genere. Cheyenne riflett a lungo e, dopo molte chiacchierate con l'amico, un giorno prese la decisione. Vado a Hollywood gli disse davanti alla tovaglia a scacchi bianchi e rossi dove stavano per fare un picnic a base di sfiziosi ortaggi, noci e bacche appena raccolti. Una borraccia di acqua di montagna penzolava dal ramo di un pino. Nel prato attorno, le margherite azzurre sfiorate dal vento sembravano annuire in segno di approvazione. L'amico rimase in silenzio. E giusto cos, pens; la sua strada. Ha lavorato sodo e ha capacit e passione da vendere... poi cos bella. Non
Richard Bach 6 2003 - Saper Perdere

passer certo inosservata. Il signor Alexopoulos mi ha detto che fare l'attore un mestiere diffcile disse Monty. Non si esce quasi mai all'aria aperta: si comincia presto e si finisce tardi, sempre a ripetere le stesse scene. Non finirai per stancarti, Cheye, di un lavoro tutto sommato cos... banale? Non c' niente di male a fare cose banali, fino a quando non ci si sente banali disse citando una famosa frase. Monty, voglio fare qualcosa che possa cambiare la vita degli altri. E allora ben vengano l'alzarsi presto il mattino e le scene ripetute fino allo sfinimento. Poi guard l'amico, sicura che avrebbe capito. Devo provarci. Monty sent la sua vita scivolare via, allontanandosi nell'erba. Rimase a lungo in silenzio, prima di farle la domanda pi importante per un furetto: E l che ti porta il tuo pi alto senso del bene?. Mentre Cheyenne pensava alla risposta, le ombre si allungarono leggermente. A un certo punto si aggiust la tesa impolverata del cappello e disse: S. Grandi cambiamenti in vista comment Monty. Cheyenne annu. I due amici rimasero a guardarsi lungamente negli occhi. La sera prima della partenza di Cheyenne, nella sala cerimonie del villaggio si svolgeva la festa della mietitura. Monty e Cheyenne erano presenti con i genitori, in mezzo a una moltitudine di animali venuti dai paesi vicini. Anche Alexopoulos non era voluto mancare e, per una sera, il CineFur era rimasto chiuso. In quell'occasione, tutti sfoggiavano le sciarpe e i cappelli pi belli per danzare al ritmo delle chitarre e dei violini: musica allegra per una serata di festa. Figure sinuose dalle code leggiadre danzavano sottobraccio, girando in tondo, formando quadrati e disponendosi in fila sul pavimento coperto di foglie. Durante le danze, i due amici si videro, illuminati dalle rispettive stelle. Cheyenne portava il solito cappello blu, mentre Monty, per l'occasione, aveva dato una spolverata a quello marrone. Si presero sottobraccio senza staccare gli occhi l'uno dall'altra ma subito dovettero separarsi, rispettando le regole del ballo. Nell'aria, si sentiva gi il profumo dell'inverno, imminente come il cambiamento nelle loro vite. Dopo un po', Monty spar. Cheyenne se ne accorse e sgattaiol via dalla pista da ballo, infil la porta aperta e pass dalle luci della sala al buio della notte. Lo vide seduto sul marciapiede, appoggiato a un palo, che
Richard Bach 7 2003 - Saper Perdere

guardava le stelle. Dov' il mio bel cowboy? Ciao, Cheye. Volevo starmene un po' in pace. una bellissima festa. Monty annu. Dai lo stuzzic vieni a divertirti. Preferisco un po' di tranquillit. E cos'hai capito mentre ti godevi la tua tranquillit? Ci pens attentamente, poi decise di giocare la sua ultima carta. Ecco cosa ho capito. Il cowboy apr la zampa. Radiosa come la luce del sole, sul palmo apparve una margherita azzurra, colta quel pomeriggio nel prato dove avevano fatto un picnic. Oh... Non sono molto bravo per gli addii. Lo so. Il chiaro di luna illuminava il volto mortificato e i baffetti di Monty. Cheyenne rimase incantata a osservare quell'immagine, avrebbe voluto fissarla dentro di s per l'eternit. Il tempo scivolava dolcemente addosso a loro come una calda coperta che nessuno dei due voleva sollevare. Erano amici da cos tanto tempo, e avevano sempre dato per scontato che non si sarebbero mai separati. Alla fine Monty si alz e sciolse dal palo le redini di Boffn. Allora adesso ti aspetta una bella avventura in California... Chi lo sa. Comunque far del mio meglio. In quegli attimi, il tempo rallent, ma non si ferm. Guardando negli occhi Cheyenne, Monty sfior con la zampa la tesa del cappello. Era quello il suo silenzioso addio. Lei gli si avvicin e gli diede un bacio sulla guancia. Poi, sussurrando, gli disse: Addio, Monty.... Il cowboy salt in sella con un balzo e la piccola furetta lo guard sparire nel buio della notte. Il mattino seguente, Cheyenne Jasmine sal sul treno alla stazione di Little Paw, destinazione Hollywood. Biglietto di sola andata.

Capitolo 2
Richard Bach 8 2003 - Saper Perdere

Il treno non aveva ancora lasciato Little Paw, si vedeva ancora il tetto dell'auditorium del villaggio, quando Cheyenne cap di aver commesso il pi grande errore della sua vita. Con i baffetti schiacciati contro il finestrino, guardava l'unico luogo al mondo che poteva chiamare casa. Facile dire frasi come Hollywood, sto arrivando!, oppure Finch non provo non lo sapr mai. Ora l'ignoto non era pi una possibilit da cui si poteva sempre tornare indietro, ma l'unica certezza per il futuro. Cheyenne seguiva con lo sguardo le montagne di Sable Canyon che scorrevano lungo il finestrino. Chiss se, come ultima immagine da portare con s, cercava quella di un cowboy solitario in sella al suo dolfno che, sulla cima di un monte, osservavano il treno allontanarsi. A fatica, distolse lo sguardo da Little Paw, prima che il treno le oscurasse la visuale. Gli altri passeggeri nello scompartimento videro in lei un'adorabile furetta seduta composta, con le zampette conserte e la schiena diritta. Non si accorsero per che stava strenuamente lottando per la propria vita nel tempestoso mare del cambiamento. Chiss dove dormir stanotte, si chiese Cheyenne. Dove andr una volta arrivata a Hollywood? Chi incontrer e che lavoro far per sopravvivere? Non so neanche se riuscir mai a mettere zampa in uno studio o in un set cinematografico! La mia casa il Montana e i suoi abitanti; mamma, pap, Monty; la mia cameretta; Starlet e Boffn; i miei amici e i dolfini. E tutto questo... tutto questo si sta allontanando sempre di pi! Una lacrima le cadde sulla zampa. Come si pu essere cos stupidi?, pens. Mi mostrerebbe il biglietto, per cortesia? Cheyenne non colse lo sguardo tenero, da fratello maggiore, del controllore, dal momento che si gir dall'altra parte per asciugarsi le lacrime mentre gli porgeva il biglietto piegato in due: Little Paw-Denver; Denver-Hollywood. Cheyenne sent il rumore della macchinetta perforatrice e, quando il controllore le restitu il biglietto, vide che nel cartoncino c'era un foro a forma di cuore. A quel punto alz gli occhi attonita; il controllore si chin verso di lei e con dolcezza le disse: Non devi per forza sapere cosa ti aspetta, Cheyenne Jasmine. Il tuo pi alto senso del bene ti guida e non ti abbandoner mai. Cheyenne rimase ammutolita, con gli occhi sgranati.
Richard Bach 9 2003 - Saper Perdere

Il controllore si tocc il cappello in cenno di saluto e prosegu nell'altra carrozza. Biglietti, prego. Come faceva a sapere il suo nome? E come faceva a conoscere il suo futuro? Cheyenne, pi confusa che mai, cercava una spiegazione al misterioso evento, ma dovette accontentarsi del ritmico rumore delle rotaie, attutito dalle pareti della carrozza. Nel frattempo il Montana scorreva veloce oltre il finestrino. La giovane teneva il biglietto nella zampa. Attraversando il foro, un raggio di sole le disegn un cuore di luce sul mantello argentato. L'arrivo a Hollywood fu molto diverso da come lo aveva immaginato. Appena scesa dal treno, mentre era ancora sul marciapiede della stazione, vide uno splendido furetto che reggeva un cartello con la scritta ATTORE?. Stupita, Cheyenne si ferm a chiedere spiegazioni. Il furetto le rispose: Significa che se sei un'attrice ed la prima volta che vieni a Hollywood possiamo aiutarti. Hai bisogno di un appartamento, di un book fotografico, di sapere chi sta facendo un casting e dove ci sono dei provini? Siamo qui per questo. Ho bisogno di tutto l'aiuto possibile rispose con un sorriso Cheyenne. La Casa per Giovani Attori era una deliziosa palazzina molto accogliente, con stanze in stile antico, a due passi dal Wilshire Boulevard. Un tempo era appartenuta a Furetto Beastil, una leggenda del film muto, che l'aveva lasciata in eredit alle future generazioni di attori. Le pareti erano rivestite di pannelli scuri tappezzati con immagini di attori, caratteristi, commedianti, ballerini e controfigure. Al primo piano c'era la cucina dove gli ospiti si alternavano ai fornelli, preparando pranzi e cene per tutti. I coinquilini di Cheyenne, memori del loro primo arrivo a Hollywood, le riservarono una calorosa accoglienza, ripetendole continuamente frasi come: Ma quanto sei carina!; un piacere averti qui!; Vedrai che farai strada!. Tra di loro non c'era competizione: erano tutti sicuri di essere nati per recitare un ruolo che nessun altro avrebbe potuto interpretare. Cos si prestavano a vicenda cappelli e sciarpe per andare ai provini, a volte si preparavano per gli stessi ruoli, convinti che la parte sarebbe andata solo a chi era destinato ad averla.
Richard Bach 10 2003 - Saper Perdere

Cheyenne? disse, affascinata dal nome, Jerica, una minuta furetta color sabbia, che pass in rassegna la lista delle camere e gliene assegn una in cima alle scale. Solo film western? Spero proprio di no! Le scale erano coperte da un tappeto in stile liberty color muschio, mentre le pareti erano sfarzosamente decorate con motivi rossi e dorati che ricordavano il CineFur. Per carit, adoro il Far West, ma spero di cimentarmi anche in qualche genere pi moderno, che so, film drammatici, commedie, noir, film d'azione... Cheyenne proprio un bel nome. Ma fa molto film western. Comunque vedremo. Caso mai ti piacesse un altro nome o ce ne fosse uno che hai sempre sognato di avere, questo il momento giusto per dirlo. Prima ancora di aver terminato il book, Cheyenne sped a Monty una foto con dedica. Al mio cowboy, con affetto, tua Cheyenne. Trascorse molto tempo prima che tornasse a firmarsi con quel nome. Un giorno l'aspirante attrice si present al provino per una piccola parte ne La signora che parla, un film ambientato nel secolo scorso. Il ruolo era quello di un'impresaria teatrale che doveva recitare una sola battuta: Placidia, tocca a te. Jasmine ripeteva la frase in continuazione e le compagne di stanza le davano pareri e consigli. Placidia, tocca a te. La furetta decise che il tono non doveva essere freddo e autoritario, ma gentile e incoraggiante, come se da Placidia si aspettasse un dono. Al provino, la responsabile del casting la osserv con attenzione, facendole recitare la battuta una sola volta. Poi, impassibile, le allung un biglietto: Mercoled, ore sei, B. Quando la giovane attrice ringrazi, la responsabile stava gi scegliendo due piccoli gemelli tra quattro coppie di adorabili cuccioli. Jasmine si precipit a casa, spalancando la porta in vetro e noce massiccio della vecchia palazzina. Ce l'ho fatta! Ho avuto la parte! I compagni, felici per la notizia, la accerchiarono chiedendole di ripetere la battuta come al provino. Poi le spiegarono che ore sei significava alle sei del mattino e B era il secondo pi grande studio cinematografico della Silver Mask Studios. Mercoled mattina alle cinque e mezza, Jasmine si present, pettinata e spazzolata, allo studio B della Silver Mask con il suo biglietto d'ingresso.
Richard Bach 11 2003 - Saper Perdere

In bocca al lupo, signorina Jasmine le disse il guardiano salutandola mentre entrava negli Studios. Jasmine si infil nella porta insieme alle truccatrici. Tu devi essere Jasmine le disse sorridendo una di loro. La nuova arrivata fece segno di s, tremando forte come una foglia. Vieni con noi, tesoro. Ti prepareremo per andare in scena. Io sono Molly e loro sono Penta e Glorielle. E la mia prima volta davanti a una macchina da presa... Stai tranquilla la rincuor Glorielle. Il pavimento era coperto da grovigli di cavi neri e lo studio era diviso da mezzi sipari. Sui monitor apparivano le immagini di set vuoti, senza pubblico. Alzando lo sguardo, ci si perdeva in una foresta di luci e faretti fissati alle impalcature; la maggior parte su enormi ponteggi e treppiedi. Riuscir a imparare tutto? Questo luogo diventer casa mia? Le tre furette fecero accomodare Jasmine in sala trucco: specchi circondati da luci e ripiani stracolmi di matite, ombretti, pennellini e spugnette di ogni colore e forma. Poi cominciarono a osservarla da tutte le angolazioni. Che ne dici, Penta? chiese Molly. Che viso meraviglioso! Direi che un velo di fondotinta e un tocco di baf-liner sono pi che sufficienti. Ha tutte le carte in regola comment Glorielle. E adorabile. Anzi, anche qualcosa in pi... Penta ammirava incantata Jasmine, come fosse di fronte a una creatura fantastica. Alla fine scosse la testa. No, soltanto un po' di talco. Le altre truccatrici osservarono di nuovo la giovane attrice e annuirono in segno di approvazione. Niente fondotinta e baf-liner per l'incantevole furetta acqua e sapone dagli occhi neri; solo un velo di talco per evitare che il riflesso delle luci sul mantello sovraesponesse la pellicola. Per la prima volta nella sua vita, Jasmine sent la fresca fragranza delle nuvolette di talco sul suo corpo. Un giorno, pens Penta guardandola nello specchio, Hollywood sar sua. In un attimo, fu dichiarata perfetta e subito congedata. E adesso cos' quella faccia, tesoro? disse Molly. Le luci della ribalta stanno per accendersi; rilassati e pensa a divertirti! Il talco sembra funzionare, pens Jasmine sul set. Tutti gli occhi erano
Richard Bach 12 2003 - Saper Perdere

puntati su di lei. Intorno solo bisbigli. Guardate! Wow... C'erano l'aiutoregista, il cameraman, i tecnici del suono, gli addetti alla giraffa e al carrello, e gli elettricisti che, sulle impalcature, correvano avanti e indietro spostando cavi e riflettori. Tutti sapevano che sul set c'era qualcuno di nuovo e che si chiamava Jasmine. Finalmente arriv il regista, un tipo di poche parole dal mantello color caramello e il muso nero leggermente brizzolato. Attorno al collo, Furetto Heshsty portava il suo segno di riconoscimento: una sciarpa di seta consunta. Salut con un cenno del capo e, quando lo videro arrivare, tutti ammutolirono. Buongiorno a tutti. Oggi gireremo solo qualche scena. Ci sono obiezioni? Heshsty alz lo sguardo. Passando in rassegna i colleghi, si accorse di Jasmine, che restava in disparte rispetto al resto del gruppo. Ma rimase impassibile, non disse una parola. Mentre tutti lo osservavano guardare la nuova arrivata, il regista si ricord di salutarla e lo fece con il solito cenno del capo. Educatamente, la giovane ricambi. Anche a Jasmine era giunto all'orecchio che Heshsty stesse terminando una sceneggiatura segreta di cui si conosceva soltanto il titolo. A Hollywood si diceva che La prima luce sarebbe stata una trilogia, ma girava voce che i film fossero addirittura cinque. Alcuni erano certi che il primo episodio si intitolasse L'origine; secondo altri era invece Pianeta casa. Tutto il resto era mera speculazione. Il punto di vista di un giovane regista sulle origini della propria razza era il progetto pi top secret di tutta la storia della Silver Mask. Quella mattina Jasmine ascolt le indicazioni di Heshsty a venti zampe di distanza. Come avrete visto, i giornali stanno cominciando a parlare piuttosto bene de La signora che parla. Continuate cos. E continuate ad amare quella macchina da presa disse il regista sorridendo, senza togliere gli occhi dalla bozza finale della sceneggiatura. Poi si gir verso due attori che indossavano sciarpe e cappelli d'epoca. Millisa e Nolan, stamattina cominciate voi. Mantenete la meravigliosa tensione che avete in questo momento. Oggi giriamo la scena pi
Richard Bach 13 2003 - Saper Perdere

importante di Millisa, e quello che... In quel momento, Jasmine sent dall'alto un rumore, come di un colpo di frusta, e un sibilo che fendeva l'aria avvicinandosi sempre di pi, con la minacciosa forma di un riflettore che fin per schiantarsi al suolo in un'accecante esplosione di scintille, vetri e pezzi di lamiera a non pi di cinque zampe da lei. Corpo di mille roditori! grid Jasmine accovacciandosi con le zampe sulla testa per proteggersi. Il rumore del riflettore si era ormai affievolito e tutti si voltarono sbigottiti verso di lei, attirati dalla sua esclamazione. Nessuno si mosse. Signorina Jasmine disse imperterrito Heshsty questo il set di uno studio cinematografico. Siamo felici di averla qui con noi e non vediamo l'ora di lavorare insieme a lei. Tuttavia, se non le dispiace, saremmo lieti se potesse evitare di utilizzare questo genere di linguaggio sul luogo di lavoro. Jasmine si sent mortificata. Era il suo primo giorno sul set, e aveva imprecato! Avrebbe voluto chiedere scusa, ma i baffetti le tremavano troppo e le parole le si erano fermate in gola. Cos riusc soltanto ad annuire. Grazie disse il regista distogliendo lo sguardo da lei, ma dandole ancora un'ultima occhiata prima di tornare dalla protagonista. Allora, dicevamo che oggi gireremo la scena pi importante di Millisa... Il turno di Jasmine arriv solo verso mezzogiorno. Nel frattempo, impar velocemente osservando gli altri. Conosceva i suoi passi e li segu uno a uno, fermandosi di fronte alla protagonista, quasi ansiosa di pronunciare la battuta. Placidia, tocca a te. Silenzio. Subito dopo, Heshsty disse solo quattro parole: Stop. Okay. Grazie, Jasmine. Nessun suggerimento, nessuna correzione, nessun secondo ciak. Jasmine lasci lo studio senza neanche dare un'occhiata ai fotogrammi della sua scena, convinta che non avrebbe mai pi lavorato a Hollywood. Non riusciva a credere a cosa aveva fatto. Ho imprecato!, pens. Sul palcoscenico! Fu l'unica a non notare la propria espressivit durante le riprese, la luminosa vulnerabilit dei suoi occhi neri in quell'unico istante di recitazione. E fu anche l'unica a non accorgersi che, mentre si allontanava dal set, Heshsty la segu con lo sguardo fino a quando non fu uscita dalla
Richard Bach 14 2003 - Saper Perdere

sala. L'intensit di quell'attimo fu tale che, il giorno seguente, i giornali accostarono il nome del regista a quello della giovane attrice. La rivista Celebrity Ferrets titol in prima pagina: FURETTO HESHSTY SALVA LA VITA A UNA GIOVANE ATTRICE INDIFESA. Ancora pi dettagliatamente, nella pagina dedicata a Hollywood di Chiss c'era scritto: Elettricit pura negli studi della Silver Mask, quando Heshsty incontra per la prima volta la debuttante Jasmine, appena arrivata dal Texas.

Capitolo 3
Monty sentiva la mancanza di Cheyenne pi di quanto volesse ammettere. Tuttavia, i furetti non si lamentano e non cercano di far cambiare idea a chi ha preso una decisione. Cheyenne se n'era andata a ovest, mentre lui era rimasto a Little Paw. Si dedicava ai dolfini e cercava di comprenderne il linguaggio. Un giorno cap che i genitori di Boffin erano stati animali selvaggi, veloci come il vento. Monty, gli disse il dolfino, arrivato il momento. Ho bisogno di gareggiare! Per verificare di aver capito bene, il giovane cowboy non perse tempo, sciolse Boffin in un prato e lo cronometr sulle distanze di mille-mila e dieci-mille-mila zampe. I tempi del dolfino lo sbalordirono letteralmente. Per la gioia di Boffin, si iscrissero a tutte le gare dello Stato senza perderne neanche una e, in breve, tra i furetti cowboy del Montana non si parl d'altro che dell'imbattibile coppia. Un giorno l'animale nitr, si gir verso il compagno e gli disse, soltanto muovendo i baffi: Te l'avevo detto che potevo correre! Con i premi delle vittorie, Monty acquist la distesa del vecchio Donnola Gramp, vicino alle rive del Little Paw River. Restaur la capanna sul pino e vi aggiunse una baracca e una selleria. Senza l'aiuto di nessuno, ricostru il recinto e spian una parte di terreno per ricavarne una pista da corsa e un granaio. Una mattina all'alba, Monty era tutto indaffarato a issare con un paranco la trave portante del tetto. Serve una zampa? La furetta che aveva pronunciato quelle parole si era avvicinata cos
Richard Bach 15 2003 - Saper Perdere

silenziosamente che, per poco, Monty non lasci andare la fune dallo spavento. Il pesante tronco oscill pericolosamente sopra la sua testa. Monty si gir come meglio poteva reggendo la fune e, alla sua destra, vide una piccola furetta dal mantello color noce moscata, con delle screziature pi scure sul musetto. Grazie rispose a denti stretti, mentre risollevava la pesante trave uno zampimetro alla volta. Un attimo e sar subito da lei. Poi fece un gran respiro e riprese a tirare la fune. Sembra pesante disse la visitatrice. Gi. Per un attimo, Monty pens di fissare la fune e fermarsi a riposare, ma subito cambi idea: non avrebbe mai abbandonato l'impalcatura senza aver prima ultimato il lavoro. Posso aiutare? Monty sorrise, rimanendo aggrappato alla corda con le zampe tremanti, pensando che, anche se si fosse appesa alla fune con tutta la forza che aveva, la trave non si sarebbe mossa di uno zampimetro. S grugn. Fammi diventare pi forte! Pi forte quanto? A quel punto, Monty scoppi a ridere e la trave ricominci a precipitare. In quel frangente, il massimo che riusc a fare fu arrestare la caduta incastrando la fune in una bietta. La trave torn a oscillare minacciosamente sopra di lui. Monty si gir verso l'interlocutrice. Scusa?! Ti ho chiesto quanto pi forte vorresti diventare gli rispose pi seria che mai la piccola furetta. Be', abbastanza forte da riuscire a fare quello che sto cercando di fare. La sconosciuta annu convinta. Gli si avvicin di un altro passo, come per presentarsi, ma disse solo: Ecco fatto. Monty le diede la zampa. Piacere, Montgomery. Ma... "fatto" cosa? Io sono Kinnie, e adesso che ci siamo presentati, riprova a tirare la fune. Magari tra un attimo. E la trave portante, quella pi pesante. Con le altre sar pi semplice. Prova adesso. Monty si chiese il motivo di quell'insistenza. Poi ricord i suoi principi fondamentali: rispetto per i pi anziani, per i coetanei, per i pi giovani e per se stessi.
Richard Bach 16 2003 - Saper Perdere

Stranamente non riusciva a collocare la sua spregiudicata, piccola visitatrice in nessuna di quelle categorie. Kinnie sembrava allo stesso tempo saggia e giovane, estranea e intima. A ogni modo, fece come gli aveva chiesto. Appoggiato al paranco, fece un respiro profondo; poi, seguendo con le zampe la fune dall'alto al basso, la liber dalla bietta. La afferr saldamente, proprio come prima, ma questa volta non fatic particolarmente a reggere l'enorme peso. Abbastanza forte da riuscire a fare quello che sto cercando di fare era stata la sua richiesta, ed era stato accontentato. Chi era quella creatura? Senza compiere sforzi eccezionali, Monty recuperava la fune zampa dopo zampa, facendo salire lentamente la gigantesca trave. Ora la trave dondolava sopra le sedi dei pali di sostegno. Monty lasci andare lentamente la fune e un'estremit della trave si incastr perfettamente nella sua sede, mentre l'altra fece perno sul palo fino a quando fu in linea con l'altra sede. A quel punto, il giovane furetto lasci andare del tutto la fune e la trave si incastr con un gran botto. Ora a Monty non restava che assicurare la trave con qualche tassello. Bel granaio disse Kinnie. Grazie. Forse un po' pi grande del necessario. No, niente affatto. Vedrai che quest'inverno ti far comodo. Monty scrut la strana visitatrice in silenzio. Come faceva a sapere in anticipo cosa sarebbe successo durante l'inverno? Concluse che doveva trattarsi di un furetto filosofo. Animali rari, mistici e bizzarri, almeno stando a quello che si diceva in giro. Eccone uno qui davanti a me, pens. Benvenuta allora le disse. Grazie dell'invito. Non ricordo di averla invitata, pens Monty. Ma sono curioso e forse la curiosit vale come invito. Posso esprimere tre desideri? No, uno solo. Gli altri vengono di conseguenza. Voglio sapere. questo il tuo desiderio? Monty annu. Ecco fatto. Di nuovo quella frase, pens. Sembra l'incantesimo di uno stregone. Fatto cosa? Ho esaudito il tuo desiderio. Ora sai.
Richard Bach 17 2003 - Saper Perdere

Mah, a dir la verit mi sembra tutto uguale a prima. Infatti non cambiato nulla... ma tu sei diverso. Perch? Kinnie gli spieg come si fa con i cuccioli: Ti ho concesso di essere consapevole di quello che gi sai. Dimostramelo. Puoi vederlo da solo. Io ti faccio una domanda, e tu mi rispondi. La piccola furetta indietreggi leggermente nella foschia del mattino, allontanandosi come se avesse voluto diventare grande come una casa. Chi sono io, Montgomery? Non sono sicuro... Sbagliato. Tu sei sicuro. Ne sei assolutamente certo. Ma non hai il coraggio di ammettere ci che fuori dal comune disse sospirando. Ora ti concedo di essere coraggioso. Poi, pazientemente, gli ripet la domanda: Chi sono io, Montgomery?. Sei un furetto filosofo. Era cos difficile? Io sono, per usare le tue parole, un furetto filosofo. E dimmi, come fai a saperlo? Monty cerc la risposta dentro di s, poi disse soltanto: Lo so. Avrebbe capito? Kinnie sorrise per la risposta cos audace. E dal coraggio, pens, che nasce la saggezza. La creatura dal mantello color noce moscata si freg le zampe, felice di essere stata chiamata da Monty. C'erano ancora cos tante cose di cui parlare! Da dove vengo? La forza dell'abitudine suggeriva a Monty di rispondere: Non lo so, mentre la paura lo spingeva a fargli dire: Come faccio a saperlo?. Tuttavia, come ogni furetto, prima di fare una scelta Monty confrontava sempre le varie opzioni con il suo pi alto senso del bene, per cui aveva scelto di vivere nel Montana, frequentare Cheyenne, e persino lasciarla andare incontro al suo destino, proprio come lei aveva fatto con lui. Quella mattina, il suo pi alto senso del bene aveva sollevato una trave portante, e un giorno gli avrebbe dato la possibilit di insegnare agli altri cosa significa possedere un dono del genere. Tuttavia, anche nei momenti di maggiore difficolt, Monty aveva chiesto una guida e non la risoluzione dei propri problemi. Improvvisamente, l'illuminazione: Come faccio a rispondere se prima non
Richard Bach 18 2003 - Saper Perdere

chiedo? Sono un furetto filosofo ripet tranquilla Kinnie. Da dove vengo? O mio io pi elevato, domand in silenzio Monty, da dove vengono i furetti filosofi? La risposta non tard ad arrivare, senza bisogno di pensarci su. Ma certo! cos semplice: Non vieni da un luogo, ma da una inclinazione spirituale: l'inclinazione alla bont d'animo. Esatto. E puoi provenire anche tu da quell'inclinazione? S che posso rispose. Tutti possono. Ora facciamo un gioco. Tu sai che sono un furetto filosofo perch... disse facendogli cenno di completare la frase con le parole giuste. Perch non lascio... Vuole che lo dica con le sue parole invece che con le mie, pens perplesso Monty. ... niente al caso? Kinnie aggrott le sopracciglia. Impronte! Io non lascio impronte! Si sta spostando, disse tra s Monty. Vuole che verifichi. Monty appur che Kinnie aveva detto la verit. Sul pavimento impolverato del futuro granaio, la piccola creatura non aveva lasciato alcuna traccia. E io non lascio impronte perch... Monty accett fiducioso l'invito di Kinnie a essere coraggioso: ... perch vedo la tua immagine dentro di me e la proietto dove voglio. Tu non lasci impronte perch non appartieni al mio mondo reale, ma a quello interiore. Kinnie fece un cenno di assenso cos evidente da sembrare un inchino. Bravo! Non hai detto "al mondo reale" ma "al mio mondo reale"! Si spost leggermente e guard per terra. Certo, se volessi potrei lasciare anch'io le impronte... Nella testa di Monty il puzzle si stava ricomponendo velocemente. Sent le rivelazioni di Kinnie leggere e uniche come fiocchi di neve. In quel momento avrebbe saputo rispondere a qualsiasi domanda su di lei e su se stesso. Ma certo che avrebbe potuto lasciare le impronte, se solo lo avesse voluto! Che strano, pens. Di fronte ai grandi quesiti, i migliori maestri non rispondono mai Studia la filosofia o Prendi una laurea, ma Lo sai gi. La piccola furetta lesse negli occhi di Monty quello che lui stava
Richard Bach 19 2003 - Saper Perdere

pensando. E allora dov' la scuola per i furetti filosofi? All'angolo rispose Monty, sorridendo all'immagine di un'aula in mezzo alla foresta, con le tendine colorate alle finestre e il comignolo fumante. La scuola all'angolo tra il sentiero dove ci si pone una domanda e la strada dove ci si rende conto della risposta. Mi piaciuta la parte del "rendersi conto", Montgomery. Risposta esatta. E io sono la tua insegnante. Per niente! disse Monty ridendo. Io e te siamo uguali. In che senso? replic aggrottando di nuovo le sopracciglia e puntando i pugnetti sui fianchi. Intendi dire che io e te siamo simili, che ci assomigliamo? Non che io e te siamo proprio uguali, vero? E invece io e te siamo proprio uguali. Kinnie rimase a studiarlo in silenzio. Quando partono, pens, chi li ferma pi? E chi sarebbero gli altri furetti filosofi? Solo fino a qualche istante prima, Monty non avrebbe saputo cosa rispondere. Sono tutte quelle creature che si pongono delle domande e trovano da sole le risposte. Tutte le creature? Vorrai dire tutti i furetti. Oppure formiche filosofe, uomini filosofi, elefanti filosofi...? Ci che vero per gli elefanti lo anche per le formiche rispose Monty. Tutto d'un tratto, Kinnie gli and vicinissimo, alz lo sguardo e gli mise la zampa sulla spalla. Niente male, mio caro Montgomery. Ci hai messo un po', ma finalmente hai capito. Ora comincia il divertimento! Sembrava che Kinnie aspettasse quel rumore che giunse alle loro spalle. Sorrise, salut con la zampina e scomparve. Senza lasciare impronte. Lo scalpitio di zoccoli al trotto e il nitrito felice di un dolfno annunciarono una visita. Ooh! Ferma, Fulmine disse Jupe rallentando appena girato l'angolo del ranch. Mio cugino ha costruito una trave che regger per l'eternit, ma avr bisogno di aiuto per sollevarla. Il dolfno si ferm proprio accanto a Monty, che gli diede da sgranocchiare una zolletta di carota presa dalla cassetta degli attrezzi. Fulmine grad il regalo. Jupe alz lo sguardo e quando vide la trave perfettamente fissata gli si drizzarono i baffetti. Caspita! Buongiorno, cugino. Monty sollev leggermente la tesa del cappello. Jupe.
Richard Bach 20 2003 - Saper Perdere

Era appena arrivato, ma non riusciva a togliere gli occhi dalla trave. Hai fatto tutto da solo? Prima dell'alba?! No rispose Monty. Mi hanno aiutato. La conoscenza appena maturata gli sugger di fare attenzione: a volte meglio gestire con cautela il proprio sapere. Dentro di me viaggia veloce come la luce, pens, ma fuori meglio mostrare di compiere un passo alla volta. Cos, arrivata l'estate, Monty inaugur la sua scuola per furetti cowboy che, sebbene concepita soprattutto per i cuccioli, era aperta anche agli adulti. Quando era da solo si dedicava a porsi interrogativi sul suo io pi elevato e, col passare del tempo, si era reso conto che era vero ci che pensava da tempo: i furetti hanno dei poteri di cui non si rendono conto. Trascorreva il resto della giornata a insegnare a cavalcare e a capire il linguaggio dei dolfini. Per prima cosa diceva sempre all'inizio dei corsi, dopo aver radunato gli allievi intorno alla linea di partenza imparerete come si perde. E infatti gli allievi si allenavano assiduamente ad accettare le sconfitte con dignit, inventandosi i modi pi simpatici e bizzarri di festeggiare le vittorie altrui, pur senza rinunciare al gusto della sfida e a progettare strategie vincenti per le corse successive. Monty insegnava anche a chiedere consigli ai vincitori, e a farlo in modo cos sincero da ottenere sempre una risposta spontanea. Soltanto alla fine, insegnava come vincere. Gli insegnamenti pi importanti non erano quelli espliciti ma quelli nascosti dove gli allievi capivano che gli animali erano tutti uguali e imparavano a stabilire un contatto mentale con le altre creature, unendo le loro anime verso un unico, comune obiettivo. Nel frattempo, Monty cominci ad avere un pubblico di curiosi sempre pi nutrito e interessato. Cos decise di armarsi di microfono e registratore e di raccontare con la sua voce calma e profonda tutto quello che aveva imparato. La serie di nastri intitolata I segreti dei dolfini riscosse un grande successo anche tra i non addetti ai lavori. Ad appassionare gli ascoltatori erano le avventure, il senso dell'umorismo e la saggezza di Monty. Le sue storie conquistavano anche chi non aveva mai visto un dolfino. Lentamente, cominciarono ad arrivare lettere da tutto il mondo. Una in
Richard Bach 21 2003 - Saper Perdere

particolare arriv con il timbro postale di Loch Y'ar, in Scozia. Caro fratello scriveva Zander che meravigliosa scoperta! Ascoltare I segreti dei dolfini stata una rivelazione. Che lavoro originale e affascinante. Complimenti, Monty! Cambierai il modo di vedere i dolfini e gli animali in generale. Zander poi gli raccont alcune novit sulla sua attivit di zoologo all'estero. La grande novit che siamo riusciti a clonare una nuova razza di pecore in miniatura, grandi meno di un quarto rispetto al dolfno pi piccolo. Sono creature dolci e amorevoli e hanno la capacit di unire le loro menti come se fossero una sola. Sono intelligenti, premurose e riflessive. Sono una razza a pelo lungo, con dei colori che fanno invidia all'arcobaleno, da quelli pi brillanti alle tinte pastello! Per questo noi le chiamiamo pecore Arcobaleno. E vedessi come crescono velocemente! Abbiamo applicato i tuoi principi, provando ad ascoltarle. All'inizio eravamo stupiti, ma abbiamo scoperto che oltre a essere animali romantici hanno anche uno spiccato senso degli affari. Per farla breve, le pecore Arcobaleno sarebbero disposte a darci la lana, in cambio di un'accogliente sistemazione sulle alture del "Selvaggio West", come lo chiamano loro. Wyoming o Montana. Hanno bisogno di spazi aperti, condizioni climatiche ideali e panorami che stimolino la loro naturale inclinazione ad astrarre il pensiero e a fare un po' di movimento, ma solo a patto che siano sempre accompagnate da guide. Da sole non saprebbero cavarsela. Chiedono vitto e alloggio per duemila di loro, oltre che per alcuni furetti suonatori di cornamusa e tamburi a cui sono affezionate, perch nate e cresciute sotto i cieli delle Highlands. Il tuo lavoro ci ha pienamente convinti! Sei tu l'unico furetto in grado di dirigere un ranch di altissima qualit, che soddisfi le esigenze e i desideri di questa meravigliosa cultura. Ovviamente il ranch avr degli appositi spazi riservati alla tua scuola di cowboy e agli studi sui dolfni, a qualsiasi livello. Dopo alcune pagine di analisi finanziarie ed economiche, Zander concludeva: Caro Monty, sono sicuro che rimarrai incantato dal carattere e dalle qualit delle Arcobaleno. Spero che mi risponderai il prima possibile e che verrai a trovarci per discutere di persona la nostra e la loro offerta.
Richard Bach 22 2003 - Saper Perdere

Con affetto, Zander. Montgomery pos la lettera sulla scrivania del granaio, si gratt la testa pensieroso e si abbandon sulla sedia, dove chiuse gli occhi. Mio pi alto senso del bene, chiese in silenzio, cosa devo fare? Non sono un furetto d'affari ma un semplice cowboy che ama il Montana. Se accetto la proposta di Zander render migliore la vita di qualcuno o sar una delusione? E se non accetto porr fine alle speranze di chi ha fiducia in me o lo indirizzer verso una strada migliore? Qual la scelta che far il bene di tutti? Senza farsi attendere, il suo pi alto senso del bene rispose con quattro parole: Pensi che sar divertente?. L'angoscia aveva messo a dura prova Montgomery, ma non riusc a sopraffarlo del tutto. Il grande ranch fu costruito su un'area di mille megazampe di prateria, foresta, fiumi e montagna, nella natura selvaggia a nord-est di Little Paw, vicino al villaggio di Northstar. L'ingresso era segnalato da un imponente arco in legno di pino sopra la strada, a lettere bianche scolpite su fondo nero: ARCOBALENO VILLAGE CENTRO DI ADDESTRAMENTO COWBOY L'area brulicava di operai e in tutta la vallata echeggiavano i rumori di martelli e di seghe, lo stridore delle pietre che, una sopra l'altra, davano forma ai comignoli, gli scricchiolii e i tonfi dei rami d'albero con cui si costruivano le pareti, il tintinnio degli attrezzi da lavoro, il raschio dei mobili di legno sui pavimenti ad assi. Alla fine, l'Arcobaleno Village non era pi un plastico in un ufficio, ma una imponente costruzione ben visibile all'orizzonte. C'erano la zona per gli addetti ai lavori, le aree per l'addestramento dei giovani cowboy, le baracche, i granai, i recinti, le piste da corsa e la mensa. Pi lontano, in un luogo appartato, gruppi di casupole in legno per le pecore Arcobaleno, centri di meditazione, vasche da bagno con acqua calda, spazi per i picnic e torrette dove cornamuse e tamburi potevano salutare il tramonto. Ma la vera attrattiva per le piccole pecore, il sogno che le aveva spinte oltreoceano, era la natura incontaminata e selvaggia del Montana. Una volta Monty aveva sperato di condividere l'amore per la sua terra
Richard Bach 23 2003 - Saper Perdere

con una sola compagna, ma il destino gliel'aveva portata via. Ora l'avrebbe condiviso con migliaia di altre creature.

Capitolo 4
Improvvisamente si lev una vorticosa fiammata blu vicino al tavolo sette, dove erano seduti dodici furetti. I clienti degli altri tavoli si girarono a guardare. Erano tutte celebrit e commentavano tra di loro gli show che accompagnavano ogni portata. Lo chef Gerhardt-Grenoble inclin la sua omelette di mezzanotte flamb, facendo uscire dal fuoco una pioggia di minuscole stelle fatta di polvere di zafferano e coriandolo, prima di servirne a tutti una porzione ancora infuocata. Una leccornia irresistibile. Et voil disse. Bon apptit, mesdames et messieurs. Con un sorriso mesto, si inchin all'applauso dei colti ospiti e si allontan educatamente. Mentre se ne andava, rivolse un saluto a un tavolo occupato dai suoi pi cari amici che erano mischiati tra le celebrit. Nessuno si accorse che lo chef sembrava assente, come se dietro il sorriso stesse in realt dicendo addio. Dire che solo La Mer des Etoiles di Manhattan fosse il fiore all'occhiello di Gerhardt-Grenoble non era esatto. I suoi ristoranti erano tutti fiori all'occhiello nel mondo dell'alta cucina: Parigi, Beverly Hills, Tokyo, Buenos Aires e Nuku Hiva. I furetti dell'alta societ, famosi per la perspicacia e il buon gusto, giudicavano lo chef una star proprio come i suoi clienti. Meraviglioso disse sottovoce il cameriere al tavolo sette. Non credete anche voi che non sia un cuoco, ma un mago? Ogni mattina, prima dell'alba, in qualsiasi parte del mondo si trovasse, Gerhardt-Grenoble si infilava sciarpa e cappello e girava per i migliori mercati delle citt. Annusava e tastava la frutta e la verdura pi fresche, tra le rauche voci della folla alle prime ore del giorno. E cos stava facendo anche quel giorno a Manhattan, insieme al suo vecchio amico e socio, indicando ai venditori le cassette e gli scatoloni con il loro contenuto fresco di giornata da far recapitare al La Mer. Passavano da una bancarella all'altra, con le narici sempre all'erta in quel mare di fragranze. Hop, hop facevano alcuni furetti passandosi pesanti cassette di banane
Richard Bach 24 2003 - Saper Perdere

scaricate da un camion. Hop, hop! La belle cuisine disse in mezzo al baccano lo chef con garbato accento svizzero ci ha fatto compiere un lungo viaggio, Armond. Gi. Abbiamo cominciato insieme rispose l'amico e continueremo ancora per un bel pezzo. Annus un pomodoro che aveva il colore del tramonto e lo ripose, poi ne scelse uno da un'altra cassetta, lo annus e annu al venditore che lo stava guardando. Questi colse il cenno di assenso e annot sull'ordine il numero della cassetta. Te la caverai benissimo disse lo chef. Armond si gir verso l'amico, sollevando appena il capo. Cosa stai dicendo, Gren? Gerhardt-Grenoble estrasse da un taschino della giacca un ritaglio di giornale piegato in due e glielo pass senza dire una parola. Il socio lo apr e lesse: LA LANA PI SOFFICE DEL WEST, ARCOBALENO VILLAGE DI FURETTO MONTGOMERY: DOVE TROVARE LA MIGLIORE LANA DEL MONDO. Subito sotto c'erano una fotografia di Monty con in braccio un agnello e poche righe di testo interrotte dallo strappo, come se il lettore non fosse interessato al contenuto dell'articolo. Armond alz lo sguardo dal ritaglio, fissando allibito l'amico. Hai deciso di andartene? S. Ti ricordi il nostro accordo? Certo: ciascuno di noi libero di andarsene, per qualsiasi ragione... I La Mer di tutto il mondo sono tuoi. Ma Gren, sei all'apice del successo! E davvero ci che vuoi? Lo chef annu. Il venditore, notandolo, aggiunse all'ordine due dozzine di zucchine. Succeder anche a te, Armond. A un certo punto arriva il momento in cui la tecnica non basta pi. E di pi importante c' solo... che cosa c' di pi importante della tecnica? Il sentimento? Lo stile? Il quid? No. La semplicit. Ma certo, la semplicit. Per, scusa, proprio necessario sacrificare tutto quello che hai costruito fino a oggi? Dove hai intenzione di andare, Gren? Da... Armond si ferm un istante per dare un'occhiata al ritaglio di giornale ... Montgomery?
Richard Bach 25 2003 - Saper Perdere

Gren sorrise. Nel Montana. La tua fama ti preceder. No. Gerhardt-Grenoble stato visto per l'ultima volta... be', comincia a pensarci su, Armond, visto che sei stato tu l'ultimo ad averlo visto. Promettimi che non dirai a nessuno dove andr. Quando ritornerai? Goditi i La Mer. Un antico proverbio dei furetti dice: Una volta scalate certe vette, non si pu pi scendere ma necessario aprire le ali e spiccare il volo. I due amici erano tranquilli in mezzo agli bop, bop, al baccano e al trambusto del mercato. A un certo punto lo chef si gir verso il compagno, lo salut con un cenno del capo e scomparve tra la folla. D'altronde, pens Armond, i geni sono tutti un po' pazzi.

Capitolo 5
Uno... due... tre! Al tre, i piccoli cowboy schierati uno accanto all'altro lanciarono i loro lazo verso una fila di sagome in legno che, per assomigliare il pi possibile alle pecore Arcobaleno, erano state ricoperte di paglia a mo' di lana. Tutti gli allievi mancarono i bersagli, chi colpendo la sagoma col cappio, chi lanciando il cappio per terra. Per nulla contrariato, l'istruttore si strinse nelle spalle mentre i piccoli recuperavano le loro corde colorate, pronti ad ascoltarlo. GerhardtGrenoble assistette alla scena, scese dal taxi e respir a pieni polmoni l'aria estiva del Montana, con i suoi profumi di salvia, pino e fiori selvatici. Quando dico tre disse l'esperto istruttore il lazo deve andare sopra il collo della pecora, non su una roccia o su un cespuglio. Un giorno potrebbe capitare che al posto di una sagoma di legno ci sia una pecora smarrita sull'orlo di un burrone o di una scarpata, e il vostro lazo le salver la vita. Quindi bisogna esercitarsi, giusto? Per dare una dimostrazione della giusta esecuzione, il cowboy continu a indietreggiare. Gli allievi pensarono che da una distanza del genere sarebbe stato impossibile. Non cos lontano, Dakota! fece appena in tempo a gridare una piccola cowboy, prima di venire zittita dai compagni. Tenete il cappio ben distante dalla zampa, sopra la testa disse, facendo
Richard Bach 26 2003 - Saper Perdere

abilmente roteare il lazo azzurro in cielo e vedrete che quando lo lancerete andr pi lontano. Proprio... cos...! Lo chef trov l'ufficio del ranch. Sulla targhetta della porta c'era scritto: FURETTO MONTGOMERY. Buss. Avanti, aperta. Entrato, not che il proprietario, muso ampio e corpo armonioso, sembrava pi giovane rispetto alla fotografia del giornale. Era alla scrivania, chinato su un libro contabile. Alla stessa scrivania, spalle alla porta, stava seduta quella che aveva tutta l'aria di essere una furetta d'affari. Gerhardt-Grenoble non credette ai propri occhi. Sulla scrivania c'era la fotografia di Jasmine, con una dedica che faceva fatica a leggere. Monty alz lo sguardo dal libro contabile. Buongiorno. Cosa ci faceva la foto della sua celebre amica nel selvaggio Montana? Lo chef sgran ancora una volta gli occhi, poi si ricompose. Buongiorno. Dall'accento sembr pi uno svizzero che uno dell'Ovest. Possiamo aiutarla? Sono il vostro nuovo chef. Montgomery sorrise. Ah, bene, signor... Mi chiami pure Cookie. E non c' affatto bisogno che mi dia del lei. E molto gentile da parte tua, Cookie. Ti ringrazio, ma uno chef lo abbiamo gi. Benissimo. Avr bisogno di un aiutante. Monty rise di gusto e si pass una zampa sulla testa per lisciarsi il pelo. Bisogna vedere se Bud sar d'accordo... Cookie annu. Spiegami per quale motivo Bud dovrebbe impazzire dalla voglia di fare il tuo aiutante, dal momento che capocuoco sin dal primo giorno che abbiamo aperto il ranch. Certo, posso dimostrartelo! Monty si lisci i baffetti. Puoi dimostrarmelo... Sicuro! Monty sorrise di nuovo. E come? Cookie si strinse nelle spalle. Datemi tre uova. A quel punto la furetta d'affari si gir, divertita dalla risposta di Cookie. Aveva un incantevole musetto marrone scuro e due vispi occhi neri, attenti a tutto quello che aveva attorno.
Richard Bach 27 2003 - Saper Perdere

Lei Adrienne, il nostro direttore commerciale disse Monty posando una matita sul registro contabile a mo' di segnalibro. Credo che le uova non manchino. Chiediamo a Bud se ce ne pu lasciare qualcuna. Adrienne, ancora sorridente, gli porse la zampa.

Capitolo 6
Era l'alba e Monty cavalcava tranquillamente Ladyhawke, verso gli alti pascoli. Davanti a s, avvolto sul pomo della sella, il lazo di lana nera; dietro, le coperte arrotolate. A est il cielo era screziato da pennellate di luce silenziose nell'aria fredda e pungente. Il giovane cowboy fece un respiro profondo. Respirava la luce, la linfa dei pini, degli abeti e della salvia, e quella della terra e dell'erba mescolate al profumo cristallino del fiume e alla fragranza dei fiori selvatici accarezzati dalla brezza. Che meraviglia, pens. Non mi stancher mai di tutto questo. Mai. Respir ancora. Mentre si avvicinava al pascolo di mezzo, cominci a sentirne da lontano il profumo dell'erba. Poi fiut la presenza di Fragola, Cedro, Pesca, Mandarino, Mirtillo, Liquirizia e Albicocca. Fu proprio Albicocca ad andargli incontro, una pecora alta solo poche zampe, dal colore vivace come il frutto da cui prendeva il nome e dal profumo altrettanto invitante. Vediamo cosa vuole, Ladyhawke, pens Monty. Il dolfino si ferm senza bisogno di ordini o segnali. Il cowboy scese dalla sella e allung una zampa verso il piccolo esemplare clonato. Come va, Albicocca? Vi state divertendo, vero? La pecora avanz lentamente, rispondendogli brevemente col pensiero in lingua scozzese: Ci siamo perse, Monty!. Il furetto accarezz energicamente la pecora dietro le orecchie. E cos vi siete perse ancora, eh? Albicocca fece segno di s con il muso. <Avete frequentato le lezioni su come cavarvela all'aperto, no? "Orientamento e punti di riferimento" e "Leggere i sentieri". S... Direi che non siete state molto attente, eh? Come si fa a stare attente con quei fiori meravigliosi attorno al
Richard Bach 28 2003 - Saper Perdere

laghetto? Il rumore di piccoli animali trotterellanti, insieme ai rispettivi profumi, annunciarono l'arrivo delle coloratissime Limone, Prugna e Ciliegia. Con un bandana stretto attorno al collo e un cappello marrone, a cavallo di un dolfno pi piccolo di Ladyhawke, arriv anche il giovane cowboy che faceva da guida alle vivaci pecore. Buongiorno, signore disse. Ciao Budgeron. Come va con le tue Arcobaleno? Benissimo, signore. Tutte in piedi a vedere l'alba oggi. Tra un po' scendiamo ai pascoli bassi, poi si torna al ranch. Monty torn in sella. Tutte felici? Sembra di s. Stamattina salteremo un po' la corda, e poi... un bel tuffo nel fiume. Attento che non si prendano il raffreddore. Signors. Abbiamo asciugazampe e salviette in abbondanza nel carro. Se vogliono, possono correre fino al ranch. Tuttavia, conoscendole, preferiranno starsene al calduccio. Non credo che avremo molti corridori. Suppongo di no disse Monty sorridendo per il discorso da adulto dello zelante giovanotto. Furetto Budgeron era un cucciolo di citt che aveva provato a lanciarsi nell'avventura della prateria. Era nato con il dono della scrittura e una grande sensibilit nel giocare con le parole. Per perfezionarsi aveva solo bisogno di suggestioni e pratica. Stai prendendo appunti, Budgeron? Appunti, signore? II Montana. Il cielo, i fiumi, i discorsi che senti e le suggestioni che ne ricavi. Stai scrivendo tutto! Il giovane sollev il cappello sulla fronte e guard il cowboy. In effetti... s, signore. Lo sai chi sei, Budgeron? Questi guard l'orizzonte pensieroso, poi si gir di nuovo verso Monty. Ho dei sogni, signore... Non ti spaventa il lavoro duro? Il giovane scosse la testa. Forse Monty gli stava predicendo il futuro? Allora ci sono delle possibilit che i tuoi sogni si realizzino. Saranno le idee a condurti alla meta. Pi delle parole. Sei d'accordo? Non saprei, signore. Invece lo sai, Budgeron. Forse non ne sei consapevole, ma lo sai.
Richard Bach 29 2003 - Saper Perdere

Senza che il giovane sentisse impartire alcun comando, Lady-hawke cominci ad allontanarsi. Monty non si gir indietro. Il gregge si volt verso Budgeron come per chiedergli: E adesso dove siamo? Dove andiamo?. Il giovane cowboy scosse il capo e tast il lazo di lana rossa arrotolato, dono di Fragola. Conosco il mio futuro? E perch no? Se lo dice Monty! Da questa parte disse alle Arcobaleno, perse nella contemplazione del paesaggio. Mandarino, Albicocca... forza! Seguitemi. Fettuccine al sugo! Per cowboy grandi e piccini... fettuccine al sugo! Dal carro-ristorante giunse il tintinnio del triangolo metallico di Cookie. Era la fine della giornata, e i piccoli cowboy avevano appena radunato le pecore nel recinto, dove le attendeva una notte piuttosto fredda e una ciotola di avena accanto al loro giaciglio. L vicino, Jupe aveva terminato di scrivere. Infil il blocco degli appunti nella bisaccia, accanto a un classico della letteratura dalla copertina consumata: Noi Furetti di Avedoi Merek. In un istante arriv al carroristorante; scese dalla sella davanti a una pozza d'acqua e lasci che Fulmine si abbeverasse in pace. Ancora fettuccine al sugo? Jupe apprezzava il senso dell'umorismo di Cookie. Qualunque raffinatezza avesse preparato, sia che si trattasse di cucina tipica sia di piatti esotici, il menu del giorno recitava sempre la stessa cosa. Tutti i giorni non troppo spesso per le fettuccine al sugo! rispose lo chef. Poi, con meticolosit svizzera, gli fece una domanda per cercare di rifinire il proprio accento. Si dice tuti i giorni, con una t sola? Con due t, Cookie. Stai facendo progressi rispose Jupe con uno dei suoi rari sorrisi. Poi gli fece una domanda alla quale lo chef non rispondeva mai allo stesso modo: Ma almeno si pu sapere da dove vieni?. I primi cowboy cominciarono ad arrivare, e lo chef li serv con grande savoir-faire in piatti di alluminio. Dal Montana dell'Est rispose al corpulento furetto. Jupe scosse la testa, borbottando: S... forse Zurigo dell'Est. A ogni modo, pens che Cookie avesse tutto il diritto di tenere per s i propri segreti. Quella sera, le fettuccine al sugo erano un souffl a la Nigoise ai funghi pi leggero di una piuma, con contorno di verdure fresche alla griglia; il
Richard Bach 30 2003 - Saper Perdere

tutto, in un letto di riso selvatico. Da bere, acqua fresca di montagna alla spina, spillata direttamente da una botte sul carro-ristorante. In fuga dal freddo, i cowboy cominciarono a radunarsi a decine al carroristorante. Lasciati i dolfini liberi di pascolare, si raccontavano le avventure della giornata intorno alla tovaglia di percalle blu che Cookie aveva preparato vicino al fuoco. Con i piatti tra le zampe e i boccali per terra, interrompevano il tintinnio delle forchette con i loro apprezzamenti sulla cucina. Come ogni giorno, all'ora dei pasti, era un unico coro di Mmm, Eccezionale! e Complimenti, Cookie!. Quando il tramonto colorava di rosso la fine del giorno, i pi giovani si radunavano attorno al fuoco per ascoltare i racconti dei vecchi cowboy, alcuni dei quali erano persino veri. Furetto Dakota vigilava nella notte gelida in sella a Shadow, pronto a intervenire nel caso qualche pecora si fosse allontanata dirigendosi verso i burroni. Avrebbe cenato pi tardi. Dopo un'impegnativa giornata all'aria fredda della prateria, le Arcobaleno erano tutte addormentate tranne Violetta, che aveva l'abitudine di rimanere sveglia a lungo durante la notte, immersa nelle sue riflessioni. Cookie se ne stava tranquillo accanto alla credenza del carro. Ripensando al souffl, mise alla prova l'assistente Bud, chiedendogli se un pizzico di zafferano avrebbe potuto migliorare il piatto. La vita di Bud era cambiata negli ultimi tempi: la cucina una volta era il suo lavoro, ma ora era diventata la sua passione. Pi che lo zafferano... che ne diresti di una punta di cumino, chef? Cookie sorrise. Wow, qui c' della stoffa. Jupe prese dalla bisaccia il quaderno di poesie che scriveva a matita davanti alla luce del fuoco. Mentre con un orecchio ascoltava i racconti di Barclay, verso dopo verso componeva il suo poema epico; il giorno del matrimonio di Monty (qualora il cowboy si sarebbe sposato), avrebbe declamato alla sposa la storia del cugino scritta di prima zampa. Terminato il racconto L'ultimo leone nella contea delle grandi cascate, il vecchio Barclay not che i giovani si erano appassionati alla storia. Vedeva i loro respiri concitati prendere forma nel gelo della sera, mentre si voltavano a destra e a sinistra, terrorizzati dalla possibile presenza di qualche grosso gatto nascosto nel buio. In effetti, Barclay ammise che il racconto faceva un po' paura. Bene! Perch siamo qui, giovanotti? chiese, per ridar loro un po' di
Richard Bach 31 2003 - Saper Perdere

coraggio. Siamo qui per... AZIONE! gridarono i piccoli in coro. Siamo qui per... EMOZIONI! Siamo qui per... AVVENTURA SUGLI ALTIPIANI! E troverete disse il cowboy per terminare il rituale quello che state cercando. Barclay indic Jupe. Forza... chiedete disse. Finalmente l'aspirante cowboy Alla, guardando oltre il fuoco, disse con un filo di voce: Jupe, ti andrebbe di leggerci quello che hai scritto finora?. Lo scrittore alz lo sguardo dalle pagine del quaderno. Tutto? Se ti va... Preferirei di no. Uno dopo l'altro, anche gli altri cowboy Percifal, Bubba, Budgeron, Kayla e Strobe gli rifecero la stessa domanda: Dai, Jupe, ce lo leggi?. Con grande pazienza, Jupe rispose a ognuno di loro: No, grazie. Non sono cose per cuccioli. A quel punto, mentre Bud era impegnato a macinare semi di cumino, Cookie disse: Stasera Monty con le greggi a sud. Puoi leggere la tua storia, Jupe; non ne faranno parola con nessuno. Vero, piccoli?. Il corpulento cowboy alz lo sguardo dal quaderno per volgerlo sui piccoli allievi; socchiuse gli occhi e disse: Acqua in bocca? Mi promettete che a nessuno di voi sfuggir una sola parola della sorpresa che un giorno far a Monty?. I piccoli si guardarono l'un l'altro. Promesso disse a nome di tutti Strobe. E va bene... Per leggere meglio, Jupe fece scivolare lo scolorito bandana a fiori in modo che il nodo non gli penzolasse davanti agli occhi. Gir a ritroso le pagine consumate fino alla prima, guardando sospettoso il giovane pubblico. Sicuri di voler proprio ascoltare... I cuccioli annuirono convinti. I cowboy sorrisero sotto i baffi: la cosa che Jupe amava di pi al mondo era leggere i suoi versi ai piccoli. Cookie gli port la lanterna della cucina, che illuminava pi delle torce; allora il cowboy cominci a leggere la storia del cugino Monty. Ammise che in alcuni punti la trama era un po' romanzata, ma la maggior parte del poema corrispondeva a ci che aveva visto con i suoi occhi.
Richard Bach 32 2003 - Saper Perdere

Bevve un sorso d'acqua fresca e diede un ultimo sguardo ai piccoli cowboy, che annuirono impazienti di ascoltare la storia che aveva scritto. Cominci a leggere lentamente sotto il cielo stellato, con la sua voce profonda e segnata dal tempo proprio come lui. In lontananza, si sent il frullio d'ali di un uccello notturno. Monty nacque col mantello sferzato dal vento e negli occhi un che di selvaggio. Chi lo vide, dal primo momento cap che quel cucciolo sarebbe stato assai saggio. Jupe alz lo sguardo. Gli occhi e i baffetti del pubblico erano tutti per lui. Sua madre una musa, suo padre un cowboy; coi dolfini correva nella prateria, e comprese assai prima di noi, nel profondo del cuore, qual era la Via. Crebbe in sella e del lazo un mago divenne, insegnando agli altri l'arte diletta. Aveva un'allieva di nome Cheyenne: mai vista da Monty pi bella furetta. I piccoli rimasero di stucco. Monty era stato innamorato? Jupe si schiar la voce. Furon amici dal primo momento, boschi e ruscelli a far da cornice. Lui saggio e tra i prati contento; lei col sogno di fare l'attrice. Pensavan che nulla mai avrebbe potuto divider due cuori cos affezionati, ma un giorno il destino avrebbe voluto che provassero a vivere separati. Monty rest, come il cuor gli chiedeva; Cheyenne se ne and a far provini e audizioni. Lui diede se stesso a capir che sapeva, e lei a donar l'arte alle generazioni. Col nome Jasmine si propose alle scene, e noi tutti vedemmo in quegli occhi noi stessi, apprezzandone l'arte e volendole bene imparando da lei come fare progressi. I giovani cowboy si guardarono tra loro. Furetta Jasmine! Grazie a lei pi di un cucciolo apprese a volare e i sogni di molti furori realizzati. Jasmine seppe a ciascuno insegnare che infinito lo spirito col quale siam nati.
Richard Bach 33 2003 - Saper Perdere

Ma il prezzo per seguire il suo cuore e giungere infine a una fulgida gloria fu restare da sola con grande dolore: Monty mancava nella rosea sua storia. Santo cielo!, pensarono i piccoli. Monty e Jasmine! E che dir di colui che rest nella piana, sentendosi triste in un mondo pi scuro? Monty il furetto, con al collo il bandana, insegn la sua arte ai cowboy del futuro. Insegn a tener duro nelle asperit; ad avere tenacia e giammai disperare; aiutar chi ha bisogno con fiera lealt, e capire il confine tra osare e azzardare. Un giorno una busta arriv e in un baleno per Monty una nuova, esaltante missione. Le soffici pecore Arcobaleno avevano un'unica, grande ambizione: Viver quaggi nel Montana, del Selvaggio West scoprir la magia, dormir sotto il cielo che copre la piana, sfidar lampi e saette lungo la via. Avventura le greggi scozzesi cercavan, attirate dal fascino della natura. E in cambio la soffice lana donavan per goder d'una vita s libera e pura. Con Monty l'accordo fu siglato in un clima festoso di gioia pura. Il loro sogno d'un colpo avverato: vivere nella selvaggia natura. E arrivaron davvero, all'inizio d'estate, in un luogo ammantato di tranquillit, dai cowboy le pecore eran guidate, e serene godean d'ogni comodit. Ora le greggi son molto diverse ed erran pensando alla filosofa. Tra mille perigli rischian d'andar perse, seguendo l'istinto e smarrendo la via. Posson cadere dagli alti strapiombi, annegare nelle acque dei gelidi fiumi, nel deserto vagare simili a zombi, o sparir nelle grotte senza guida n lumi. Le pavide greggi del suolo scozzese volean l'avventura e allo stesso momento dall'abile cowboy volean esser difese, cos che ogni azion fosse divertimento. L'esperto Monty dovea garantire la lor sicurezza in forma di gioco; cowboy grandi e piccini potevano ambire a far due cose in una, e ci non poco: Sapevan che oltre agli accordi del vello firmavan con Monty l'inebriante magia di vivere seguendo dei cowboy il modello, mostrando
Richard Bach 34 2003 - Saper Perdere

alle greggi qual era la Via. All'improvviso, nel buio si ud un boato sordo in lontananza. Il nostro cowboy ha un dono speciale: conosce la lingua di ogni animale e sussurra alle greggi dolci parole... Jupe alz lo sguardo. Ora il boato sembrava pi vicino. Cookie e Bud guardarono verso nord, mentre le stoviglie di rame e acciaio nel carroristorante tremavano rumorosamente. Era un terremoto? Tutti si alzarono. I dolfni nitrivano nervosamente, cercando riparo nell'accampamento. Jupe lasci cadere il quaderno. un branco! Ora il suolo tremava senza sosta e il rumore era sempre pi forte. Sono le Arcobaleno? chiese Cookie. In branco? Fuggire era impossibile. L'enorme gregge usciva dalla notte come una mareggiata di soffice lana che sembrava demolire la piana in una tempesta di polvere. Ed era diretto proprio l. Nessuno di coloro che si erano presi cura di loro aveva pensato a quegli animali come a una forza della natura che, ora, arrivava lanciata inesorabilmente verso sud, in direzione del ranch. I cowboy si guardarono l'un l'altro attoniti, nella notte gelida. Sono impazzite? Ma se le amiamo cos tanto? Non ci possono annientare! Tutti, dal pi esperto al pi giovane, rimasero ad attendere fiduciosi l'arrivo del dirompente oceano di pecore che si avvicinava a gran velocit. A meno di dieci zampe dal carro-ristorante, un attimo prima che il branco invadesse l'accampamento calpestando rovinosamente i furetti, le pecore si fermarono. A condurle, Violetta, con il fiatone. Subito dietro di lei, Albicocca, Mirtillo, Limone, Pesca, Arancia e Ribes. Con l'impeto tipico degli animali, le pecore avevano riempito l'aria delle loro fragranze di fiori, frutta e spezie. La nuvola di polvere, che diversamente da loro non si era fermata, cominci a dipanarsi, lasciando intravedere di nuovo la luna. Jupe si fece avanti. Si pu sapere cosa sta succedendo? Quando vide che non otteneva risposta, pens subito a un incidente o a una disgrazia. Se Monty fosse stato l avrebbe capito immediatamente cosa era successo. Intanto le pecore ansimavano senza togliere lo sguardo dai furetti. All'improvviso, la massa multicolore si volt e part di scatto verso nord, ripercorrendo la strada appena fatta. Jupe chiam Fulmine con un fischio. Andiamo, ragazzi! disse salendo
Richard Bach 35 2003 - Saper Perdere

in sella. Vogliono che le seguiamo! In un baccano di fischi e grida, i cowboy salirono in groppa ai propri dolfni e si precipitarono all'inseguimento del branco. Ora le nuvole di polvere erano due. In una convulsa cavalcata al chiaro di luna, i dolfni galoppavano a tutta velocit su un terreno dissestato, saltando rocce e crepacci come non avrebbero mai osato fare alla luce del sole e schizzando acqua da tutte le parti mentre correvano lungo il letto dell'Old Creek. La concentrazione era cos alta che persino i piccoli cowboy sfrecciavano pi sicuri che mai nel buio della notte. In quel momento c'era un problema e il loro compito era risolverlo, non causarne un altro cadendo o smarrendosi. Jupe si infil a fatica nell'oceano di pecore, zigzagando e facendo attenzione a non calpestarle. Stanno andando verso i burroni!, pens tra s allarmato. Il gregge oltrepass a tutta velocit il prato-dormitorio, e si diresse alla scarpata retrostante. Dov' la sentinella del burrone? Che fine ha fatto Dakota? Monty era sparito e senza di lui... Oh! Arcobaleno! grid Jupe. Ferma! Ehi! C' il burrone! Stooop! Furono parole al vento: le pecore non accennarono nemmeno a rallentare. Jupe pens che fosse meglio portarsi in testa al gregge. Vai, Fulmine!, pens. Andiamo a fermare quelle davanti... Jupe non aveva considerato che se fosse riuscito ad arrivare davanti alle pecore, ma non a fermarle, lui e il suo dolfno sarebbero stati i primi a precipitare nel burrone. Ora era quasi arrivato in testa, dove vedeva Violetta correre all'impazzata. Troppo tardi. Il burrone era proprio l davanti, con le fauci spalancate. Aveva bisogno di qualche secondo in pi. In quel momento, Violetta e tutte le altre Arcobaleno si fermarono di colpo davanti al precipizio. Fulmine, che arrivava di gran carriera, riusc miracolosamente a rimanere in equilibrio sul ciglio, mentre i sassi e le pietre sotto gli zoccoli precipitavano nel vuoto. Jupe scese di sella. Violetta! Che succede, piccola? La pecora lo guard, ansimando per il fiatone. Poi si avvicin ancora un po' al dirupo guardando di sotto, nel buio, e si gir nuovamente verso Jupe. In quel momento arrivarono tutti gli altri furetti, e scesero in fretta dai loro dolfini.
Richard Bach 36 2003 - Saper Perdere

Violetta fece un altro passo avanti e, con lo sguardo, indic nuovamente il baratro. Jupe segu l'indicazione e not che sul ciglio la terra era liscia e smossa di recente. Ma l accanto, per terra, un lazo di lana blu scompariva nella scarpata. Dakota! Jupe si mise subito in azione, chiamando a gran voce i compagni pi vicini. Barclay! Strobe! Bubba! Il terreno ha ceduto, Dakota e Shadow sono precipitati! Servono delle corde per calarci. Alla, Budgeron, venite con me. Forza! Un attimo dopo, Jupe scomparve dietro la spaccatura del burrone, calandosi lungo il lazo fissato al dolfino di Barclay, seguito dalla giovane Alla. Scesero illuminati soltanto dalla luna, sotto una pioggia di sassi e zolle di terra, aggrappati ai lazo ben stretti sotto le loro ascelle. Appena toccarono terra, videro Shadow quasi completamente coperto di macerie e sabbia. Dakota giaceva immobile a poche zampe di distanza, riparato dal corpo del dolfino. Alla si precipit dal cowboy, gli tocc il capo e gli accost l'orecchio al petto. E ancora vivo, Jupe! Ha una ferita alla testa, terribilmente freddo ma il cuore batte ancora. Prendi il tuo bandana... disse Jupe, accorgendosi per che Alla se l'era gi sfilato dal collo e, dopo averlo piegato in due, l'aveva disteso con cura sulla ferita. Come sta Shadow? chiese la giovane. Jupe e Budgeron erano corsi a liberare dalle rocce il dolfino. Quando Shadow cominci a sentir diminuire il peso addosso a s, apr gli occhi e, respirando a fatica, allung il muso verso Dakota. Ce la far disse Jupe al dolfino. Proprio come te. Ora stai tranquillo mentre ti togliamo di dosso tutta questa roba... Il dolfino respir affannosamente e obbed al cowboy, rimanendo sdraiato. Dakota sollev il capo. Alla... Jupe. Il burrone... Shh disse Alla. Dopo. Ora stai tranquillo. Sto bene. Lo so, lo so. Ma adesso non ti muovere. Mentre gli levavano di dosso le pietre, il dolfino si gir, raccolse le zampe e si alz di scatto, scrollando la criniera da cui scese una nuvola di
Richard Bach 37 2003 - Saper Perdere

sassolini e polvere. Shadow! Aspetta... Il dolfino cerc di avvicinarsi al suo cowboy. Vacill, ma rimase in piedi; fece un gran respiro, sbuffando polvere dalle narici. Posso mettermi seduto? chiese Dakota portandosi la zampa alla testa per toccarsi la fasciatura. No rispose Alla ancora un minuto. Ora devi assolutamente restare fermo. Il cowboy sorrise di fronte alla giovane furetta che gli dava degli ordini e rimase immobile, mezzo congelato, ma felice di essere vivo. In cima al dirupo, Bubba aveva creato una specie di imbracatura da marinaio doppiando un lazo e, per aiutare la squadra di recupero, ne fece passare le estremit sopra la sella del suo dolfino, che puntava le zampe per rimanere in equilibrio. Senza i mezzi adeguati, sapeva che il recupero dei feriti non sarebbe stato agevole, ma il suo sistema artigianale sarebbe comunque servito a facilitare una risalita altrimenti impossibile. Prima dell'alba, il cowboy e il suo dolfino erano al sicuro, in un ambiente confortevole. Ancora infreddoliti, cercavano di riscaldarsi sotto le coperte accanto al fuoco dell'accampamento. Cookie cucin un brodo bollente di cereali e verdura per Dakota, mentre Bud diede a Shadow una scodella calda di avena e germogli di grano. Attorno all'accampamento erano radunate le pecore, rimaste fino alle prime luci dell'alba a vegliare sul loro guardiano e il suo dolfno. Dakota e Shadow non avevano ancora finito di tremare dal freddo quando, dal sentiero a sud, arriv un rumore di zoccoli. Non tard a farsi sentire una voce rassicurante: Salve a tutti. Come va?. Monty scese dalla sella e fece segno a Dakota e Shadow di stare tranquilli. Vide che la ferita del cowboy sanguinava ancora attraverso l'impeccabile fasciatura di Alla. Invece di analizzarla minuziosamente, Monty si inginocchi e rimase immobile, a occhi chiusi, per una trentina di secondi. Esiste solo la perfezione, pens. Perfetta espressione di una vita perfetta. Non si pu cambiare nulla perch non esiste un'altra verit. Poi si gir verso il dolfno e giunse alla stessa conclusione. Gli altri pensarono che Monty stesse cercando di risolvere il problema a occhi chiusi. Jupe lanci uno sguardo a Cookie, per vedere se si era accorto di quello
Richard Bach 38 2003 - Saper Perdere

che stava succedendo. Lo chef gli fece un cenno di intesa alzando le sopracciglia. Davvero interessante, pens annuendo lentamente: Montgomery ancora pi stupefacente di quanto non si dica in giro. Poi il grande cowboy si alz. Presto sarete pi in forma di prima disse. Ma come vi venuto in mente di mettervi a saltare i burroni? Non c'era modo di conoscere la risposta, ma lui la conosceva. Mentre Dakota cercava di rispondere, Violetta si fece largo tra la folla e si ferm accanto a Monty che annu e cominci ad accarezzarla con dolcezza. Mi sa che qui c' qualcuno che ci potrebbe spiegare qualcosa, vero Violetta? Magari qualcuno che, vagando di notte immerso nelle riflessioni sull'universo, non ha fatto attenzione a dove metteva le zampe... Mi dispiace, Monty disse Dakota. Mi sono accorto tardi che mi era scappata. Quando l'ho presa al lazo e l'ho tratta in salvo, era gi sull'orlo del burrone. Ho pensato che tutto fosse finito ma, mentre mi avvicinavo, improvvisamente ho sentito mancare il terreno sotto i miei piedi, e sono stato travolto da una cascata di rocce. Poi ricordo solo di essermi svegliato tutto impolverato, congelato e acciaccato, con Alla che mi teneva la testa e... disse sorridendo alla piccola cowboy ... mi comandava a bacchetta. La pecora Arcobaleno si avvicin a Dakota, accostando il muso a quello del ferito. Violetta mortificata disse Monty. Non si d pace per essere andata in quella direzione. Non devi scusarti proprio di niente, Violetta disse il cowboy dandole un buffetto dietro le orecchie. Stavamo tutti e due facendo il nostro lavoro, e tutti e due dovremmo fare attenzione a dove mettiamo le zampe! La soffice creatura guard Monty. Violetta apprezza il tuo animo generoso e ti ringrazia moltissimo per averle salvato la vita. Di niente rispose il cowboy. Se non fosse corsa all'accampamento a guidare i soccorsi, io e Shadow saremmo ancora l, ormai congelati. Dakota respir il delicato profumo della pecora e le disse: Ci siamo salvati la vita a vicenda, Violetta. E sempre un piacere. Pi tardi, le pecore si radunarono sul luogo dell'incidente, facendo attenzione a non oltrepassare la zona di sicurezza delimitata dalle corde
Richard Bach 39 2003 - Saper Perdere

disposte a terra dai cowboy. Mentre riflettevano, con il loro linguaggio silenzioso condividevano l'eccitante nottata appena trascorsa: pericolo e avventura sotto le stelle, proprio quello che si diceva del Selvaggio West. Questa s che vita! In quei momenti, i pensieri si rincorrevano in mutevoli immagini. Le piccole creature, felici che l'avventura di Violetta, Dakota e Shadow si fosse conclusa con un lieto fine, ripensavano all'orrore della terra che si apriva, alla corsa disperata alla ricerca di aiuto e al fragore degli zoccoli sulla sabbia e sulle rocce. Non avevano mai fatto una corsa del genere. E quel rumore! Davvero impressionante. Lontano dall'accampamento, Albicocca, in cima a una roccia, stava rivivendo quella meravigliosa, disperata cavalcata. Con il rumore del galoppo ancora nelle orecchie, cominci a battere gli zoccoli a ritmo. Il suono arriv fino ai compagni: clop-clop, cloppete cloppete cloppete... clop-clop, clop-pete cloppete cloppete... Le altre pecore provarono la stessa emozione e si portarono sulle rocce per unirsi alla danza di Albicocca, ritmando insieme a lei le prime due battute e lasciandole l'assolo nelle tre successive: CLOP-CLOP, cominciarono alcune Arcobaleno. Cloppete, cloppete, cloppete, fece Albicocca in assolo. CLOP-CLOP, continu un numero sempre maggiore di pecore. Cloppete, cloppete, cloppete. CLOP-CLOP! Le pecore, completamente rapite nella rievocazione, vedevano mentalmente la stessa scena e la sentivano attraverso il suolo. Poi, come loro solito, cominciarono a fare delle variazioni: Clo-clo-cloppete, cloppete-clop, ritm Albicocca. CLIPPETE-CLIPPETE-CLOP, CLOP-CLOP, risposero le Arcobaleno. Clo-clo-cloppete, cloppete-clop, clop-clop! CLAPPETE-CLAPPETE-CLOP, CLAPPETE-CLAPPETE-CLOP, CLOP-CLOP.! Cloppete-cloppete-cloppete-cloppete, cloppete-clop! Poi Albicocca e le altre cominciarono a battere insieme, alternandosi battuta dopo battuta: CLOPPETE clappete CLOP-PETE! Clappete-clappete CLOP!! Clappete CLOPPETE-CLOP-PETE! Cloppete CLOP! Cloppete-clappete CLOP! Clappete CLOPPETE-CLOPPETE-CLOP!!!
Richard Bach 40 2003 - Saper Perdere

Subito dopo l'ultima battuta, le Arcobaleno si bloccarono e rimasero ad ascoltare l'eco della loro danza tra i canyon. Dalle colline sembr arrivare un applauso. Quando le pecore alzarono lo sguardo, ne ebbero la conferma: lungo tutto il profilo delle cime, una schiera di cowboy grandi e piccini le applaudiva e incitava, scandendo a loro volta il ritmo della danza. I piccoli animali si guardarono l'un l'altro in silenzio, compiaciuti. Che divertimento! Se ci dividessimo per colori, pensarono, e ci disponessimo in quadrati, linee e angoli... Fu cos che da una scampata tragedia nacque il Montana ZuavaArcobaleno, Corpo di Marcia e Compagnia di Danza Scozzese. I burroni tormentavano Monty. Non tanto per la loro pericolosit, anche se avventurarsi nei territori selvaggi era estremamente rischioso, ma perch erano lo specchio di un tempo lontano che il cowboy aveva cercato invano di dimenticare. Quella sera Monty sal in sella a Ladyhawke e si allontan dall'accampamento alla volta di quei luoghi minacciosi, perso nei ricordi.

Capitolo 7
Il conducente aveva fermato la sua diligenza ed era sceso a ritirare la posta per Fort Laramie dalla buca delle lettere. Una busta gli scivol dalla zampa e volteggi luccicante nell'aria, andando a posarsi tra gli zoccoli delle simpatiche creature che tiravano la Cometa Rock Springs-Denver. Accecato dal bagliore, Rondo, il capo dei dolfini, nitr e indietreggi. In preda al panico, scatt a tutta velocit imitato subito dai compagni. La diligenza rischi di ribaltarsi e cominci la sua corsa senza conducente lungo il sentiero in mezzo al deserto, allontanandosi inesorabilmente in bala di sei dolfini terrorizzati. La Cometa scomparve a tutta velocit in una nuvola di polvere, sballottata a destra e a sinistra, tra il tintinnio delle briglie e il rumore dei grandi cerchi metallici sui sassi. Sbalzata dal divanetto di velluto all'interno, la bellissima furetta Dulcimer rimase senza fiato, ma non si fece prendere dal panico. Unica passeggera, nonch corriere di fiducia del governatore del Wyoming, conosceva il West come le sue tasche. Quei dolfini erano molto pi spaventati di lei, e avrebbero trascinato la diligenza probabilmente fino a
Richard Bach 41 2003 - Saper Perdere

quando non si fosse rovesciata e disintegrata. Dulcimer fece un salto per aprire lo sportello sul tetto. Dopo essere riuscita a scardinarlo, si arrampic tentando di uscire, in modo da agguantare le redini accanto al sedile del guidatore. La Cometa prese una cunetta e spicc letteralmente il volo, ripiombando al suolo con un fragoroso schianto che fece schizzare sassi, polvere e pezzi di legno da tutte le parti. Dulcimer, che nel frattempo era riuscita ad aggrapparsi al bracciolo di legno, si ritrov in un istante a zampe all'aria, sul pavimento della diligenza. La furetta si rialz immediatamente, con un rivolo di sangue che le scendeva dalla fronte. Ora la Cometa stava correndo in discesa, diretta inesorabilmente verso il burrone di Lara-mie Rim. Dulcimer non riusciva pi ad aprire lo sportello. Quando ce la fece, con una zampa afferr immediatamente il sedile e con l'altra le redini, e le tir con tutte le sue forze. Tenendosi aggrappata alla barra corrizampa, riusc a fatica a tirare la leva del freno. Nonostante lo stridore assordante e il fumo che usc dalle ruote, i dolfini, ansiosi di liberarsi del peso che stavano trascinando, continuarono la loro corsa disperata verso il precipizio. Sprezzante del pericolo, Dulcimer diede un colpo di redini e, con abile mossa, le fiss attorno al pomo della sella, tirando pi forte che poteva. tutto okay, ragazzi grid mentre la diligenza continuava a perdere pezzi e i dolfini facevano di tutto per disfarsene. Va tutto bene, state tranquilli! A quelle parole, i dolfini alzarono la testa voltandosi indietro per quel poco che il morso consentiva loro. Avevano rallentato leggermente, ma non bastava ancora: il precipizio era troppo vicino. Ooooh! Ferma, piccoli. E tutto okay. I dolfini ridussero ancora la velocit, passando dal galoppo al trotto e, infine, al passo, prima di fermarsi del tutto. Con i muscoli ancora vibranti, si girarono verso il conducente, mano a mano che Dulcimer lasciava andare le redini. L'affascinante furetta scese dalla diligenza e corse subito ad accarezzare il muso del capo dei dolfini, abbracciandolo al collo. A meno di cento zampe, il burrone. Come sta il mio dolfino preferito? Abbiamo fatto una bella corsetta, vero?
Richard Bach 42 2003 - Saper Perdere

Poi gli scompigli affettuosamente la criniera di seta, come se il tempo si fosse fermato. E in effetti, un attimo dopo, accadde proprio cos. STOP! Sei stata fantastica, Jasmine! Furetto Gemini abbass il megafono e si gir verso il cameraman appollaiato dietro la cinepresa, che indossava un cappellino da baseball nero girato al contrario con la scritta argentata Furetta Dulcimer. Il cameraman annu. Ho ripreso tutto, Gemini. Tremando come una foglia, il regista prese di nuovo il megafono. Sono terrorizzato disse all'attrice ma stato davvero spettacolare. Adrenalina pura. A Gemini non importava che Jasmine fosse cresciuta nel Montana e quindi sapesse cavalcare come un vero cowboy. Quella scena era davvero al limite e, per quanto importante, un film non valeva rischi inutili. Buona la prima, vero Streak? Direi di s. Il regista guard l'orologio, aggiustandoselo a causa del riflesso del sole. Pausa, signori. Riprenderemo con la scena novantuno. Accanto alla diligenza, Montgomery si stava sfilando l'imbracatura con la quale, durante la ripresa, era rimasto agganciato alla telecamera che riprendeva dal basso il capo dei dolfini. Il cowboy strizz l'occhio all'attrice. Mi hai quasi fatto venire un infarto, Cheyenne! Ancora un secondo e avrei ordinato a Rondo di fermarsi subito disse, dando un buffetto al dolfino e allungandogli una zolletta di carota. Jasmine sorrise. Ancora un secondo, e avrei sperato che lo facessi! rispose, toccandosi il rivolo di sangue finto sulla fronte. Sono stata una frana? Non potresti mai esserlo, Cheye. Credimi, il mondo molto pi ricco da quando sei un'attrice. Jasmine gli pos una zampa sulla spalla. Grazie per essere venuto. Senza di te non ce l'avrei mai fatta. Il cowboy annu. Te la sei cavata egregiamente. Non sono dovuto intervenire nemmeno una volta, ma stato bello lo stesso. La fama, pens Monty, non l'ha affatto cambiata. E non solo nei miei confronti. ancora la furetta della porta accanto, innamorata del cinema. L'addetto alla sceneggiatura si avvicin un po' imbarazzato e disse con garbo: Signorina Jasmine, stiamo per girare la scena numero novantuno.
Richard Bach 43 2003 - Saper Perdere

Mi sa che, quando ha tempo..., dovrebbe fare un salto al trucco. Quindi intendi adesso, vero Jessie? Jessie sorrise. Be', diciamo il prima possibile... Sto arrivando! disse Jasmine indugiando ancora un po'. Monty... S... Lo so che eravamo d'accordo di vederci stasera per cena... Monty stava sciogliendo il groviglio di redini per fissarle correttamente al corrizampa. Non preoccuparti, Cheye. Immagino che tu sia molto stanca. Facciamo pure un'altra volta. Oh, no! Volevo chiederti se ti andava che ci vedessimo un po' prima. Finora siamo stati sempre immersi nelle riprese e abbiamo ancora un sacco di cose da raccontarci. Monty era felice, gli si leggeva in volto. Dimmi tu quando. Stasera, terminate le riprese, vieni nella mia roulotte. Se ti va possiamo cenare l, cos avremo un po' pi di tempo per parlare. Non devi riposarti? Sei tu il mio riposo, Monty rispose prima di voltarsi e partire di corsa verso il trucco. L'aitante furetto si sent di nuovo come quel giovane che la notte scappava dalla finestra per cavalcare al chiaro di luna con l'amica del cuore. Monty torn dalla sua squadra di dolfini-acrobati. Ottimo lavoro, ragazzi. Monty distribu zollette di carota a tutti, poi prese Rondo per la cavezza e, lentamente, cominci ad avviarsi verso la roulotte. Siete proprio la miglior squadra di dolfini-acrobati di tutti i tempi, ammesso che ce ne sia stata un'altra... Dei veri professionisti disse strizzando l'occhio a Rondo. Per un attimo ho temuto di finire gi per il burrone! Il dolfino annu compiaciuto. Poi per diede un colpetto al cowboy, come per attirare la sua attenzione. Ma ti sembra giusto che il mio personaggio perda la ragione e fugga all'impazzata solo per un foglio di carta? Sul copione c scrtto che deve sembrare un pipistrello; a questo punto non valeva la pena che fosse davvero un grosso pipistrello? In quel caso me la sarei data a gambe davvero! Monty sorrise. Non lo scriviamo noi il copione. Noi ci limitiamo a recitarlo.
Richard Bach 44 2003 - Saper Perdere

Il dolfino sospir. Resti tra noi, ma non sono d'accordo... Resti tra noi, ma la penso anch'io come te... Monty chiam l'aiutoregista al megafono ti dispiace dare un'occhiata alla diligenza? Se sei d'accordo vorremmo rifare una scena con Lyndelle al posto di Jasmine: un primo piano sui dolfini; non c' bisogno di arrivare fino al precipizio. La diligenza a posto rispose Monty. La Cometa era stata costruita con dei rinforzi in acciaio, e di scene come quella avrebbe potuto girarne tranquillamente una decina senza aver bisogno di riparazioni. Tutti pronti per il primo piano? Avete trenta minuti. I dolfini annuirono in silenzio. Bene! disse Monty. Riportiamola sulla strada. I dolfini si arrampicarono lungo la salita rocciosa, trainando la diligenza vuota. Dopo pochi istanti, il capo dei dolfini diede un altro colpetto a Monty. Cosa c', Rondo? II dolfno scosse la testa. Se ti capita l'occasione... puoi parlare al regista del pipistrello? Sono sicuro che sar d'accordo: un pipistrello gigante bianco, mangiatore di dolfini. Altrimenti dovr fare i conti con gli spettatori! Chi l'ha mai visto un dolfno che scappa perch a qualcuno cade una lettera? Monty confort l'amico. Io lavoro qui come te. Ma ti prometto che ci prover. Poco dopo, il regista ascoltava Monty lisciandosi i baffi neri. Ottima idea, il tuo dolfino ha ragione. S, la cosa migliore. Nella versione finale del film, la lettera svolazzava al vento diventando un lugubre pipistrello grande quasi quanto lo stesso Rondo. Quando Furetta Dulcimer fu proiettato per la prima volta solo per un piccolo pubblico selezionato per testarne la reazione, gli spettatori rimasero ipnotizzati da Jasmine e, interpellati sulla scena della diligenza, non ebbero nulla da rimproverare ai dolfni. Monty la guardava nella luce soffusa della candela, lontano dalla polvere e dalla frenesia del set. La furetta indossava un foulard azzurro quasi trasparente e un medaglione d'argento a forma di cuore. Volevo dirti che sono davvero felice per te, Cheye disse alla fine. Sei bravissima... sono fiero di te. Grazie, Monty rispose Jasmine sorridendo al furetto maturo e sicuro
Richard Bach 45 2003 - Saper Perdere

di s che, in giovent, le aveva insegnato a cavalcare. Bel copione, vero? Monty la guard negli occhi scuri. Il copione non c'entra. Sai che ieri ho visto piangere la troupe? Ti hanno vista recitare e gli sono scese le lacrime dagli occhi. No, dico, la troupe! Faccio quello che ho sempre sognato di fare, anche se a volte dura. Sai, Monty, tutto ha un prezzo, ma... Cheyenne si interruppe, lasciando alla loro empatia il compito di terminare la frase. Sapeva che Monty non aveva bisogno di troppe parole per capire come si sentiva e cosa le mancava. Anche a lui mancava la stessa cosa e, capendo che l'amica era troppo triste per essere confortata, disse: Bel medaglione. Cheyenne si asciug una lacrima, ringraziandolo in silenzio per aver cambiato discorso. Vuoi vederlo? disse sfilandoselo dal collo e posandolo davanti all'amico. Forse meglio di no. Guarda che non morde! Aprilo. Monty fece scattare il fermaglio e il cuore d'argento si apr. Dentro c'era una margherita azzurra di montagna. Il cowboy rimase un attimo in silenzio, poi disse: Mi ricordo.... Era un altro argomento pericoloso. Cos, questa volta, fu lei a cambiare discorso. E il CineFur? E sempre l, a Little Paw. Alexopoulos non usa la tua conoscenza per farsi pubblicit, ma ci tiene a far sapere che Jasmine ha venduto biglietti in quello stesso botteghino, e che si seduta in quella poltroncina, in quell'altra e in quell'altra ancora... Ti vuole molto bene, Cheye. Anch'io gliene voglio. Gli devo molto. Quasi senza toccare cibo, quella sera parlarono dei giorni in cui giocavano insieme e delle lunghe cavalcate. Jasmine fu felice di scoprire che Sable Canyon era rimasto come una volta: i loro prati segreti, gli amici e cos via. Dai, Monty, raccontami l'evento che per te pi importante da quando... da quando ci conosciamo. Era l'incontro al laghetto, quando un gruppo di dolfini selvatici e il loro capobranco avevano compreso che Monty era in grado di capire il loro linguaggio.
Richard Bach 46 2003 - Saper Perdere

Ah, quel simpatico bestione! disse Monty scuotendo la testa. Dopo migliaia di supposizioni, indizio dopo indizio, avevo capito che il loro linguaggio non era fatto di parole, ma... Li avevo seguiti fino al laghetto di Button, in fondo al sentiero che parte dalla baracca di Johnny Polecat; fu allora che vidi il maschio Alpha, il capobranco, dire agli altri: "Il nostro amico furetto pensa di capire quello che diciamo!"'. Monty bevve un sorso d'acqua di montagna dal bicchiere sulla tavola. Poi si avvicin a me come se fossi stato uno di loro, e disse: "Se questo furetto riesce davvero a capire quello che dico, entrer nel laghetto fino a quando non gli rimarr fuori soltanto il muso. E solo se lo far, noi gli mostreremo quello che nessuno ha mai visto: ci disporremo in cerchio intorno al laghetto e gli faremo un inchino. Ma per adesso nessuno si muova; prima deve entrare in acqua". Al ricordo, gli occhi di Monty si illuminarono. Ti immagini, Cheye, ventiquattro dolfini selvaggi che si dispongono in cerchio per farti un inchino? Il maschio Alpha aveva detto proprio cos! Il cowboy interruppe il discorso per una spiegazione: Non comunicano a voce, ma attraverso dei piccoli movimenti. Si inclinano, scuotono la criniera, fanno dei segnali con le orecchie e le palpebre. Ma tutto nella loro mente. Jasmine guardava il vecchio amico, commossa pi dall'amore di Monty per gli animali, che dal racconto. Cos, per vedere quello spettacolo, cominciai a camminare nelle acque del laghetto. Cavolo... disse Monty ridendo era solo primavera e la neve stava cominciando a sciogliersi. Ma non hai idea di quanto fossi eccitato, Cheye! Stavo per dirgli: "Visto che ho capito?". Cos continuai ad avanzare nell'acqua gelida, fermandomi quando mi rimasero fuori solo il muso, i baffi e gli occhi. Avrei rischiato di morire assiderato, pur di assistere all'inchino dei dolfini. E sai cos'hanno fatto? Forza, prova a indovinare! Si sono disposti intorno al laghetto, uno accanto all'altro rispose incuriosita Jasmine. Monty scosse il capo, con un sorriso che le intener il cuore. Niente! Non hanno fatto un bel niente! Mi hanno guardato come si guarda un matto che entra in un lago ghiacciato! Neanche un piccolo inchino? Macch. Sapessi quanto freddo ho preso! Con i dolfni che mi nitrivano alle spalle per prendermi in giro.
Richard Bach 47 2003 - Saper Perdere

Piuttosto crudele da parte loro, non trovi? Monty fece un cenno con la zampa, a difesa dei dolfni. In fin dei conti non mi hanno costretto. E poi, come si fa a non amare un animale con il senso dell'umorismo? Poi, ancora assorto in quel felice ricordo, giocherell con il bicchiere. Quando, la volta successiva, li incontrai, il capobranco venne a scusarsi per lo scherzetto che per poco non mi aveva fatto venire la broncopolmonite. Ma aveva le orecchie in avanti e gli tremolava il naso, proprio come fanno i dolfni quando ridono. Il cowboy continu ancora per un po' a parlare dei suoi amati animali. Non disse mai a Jasmine di avere incorniciato la fotografia che lei gli aveva spedito dalla Casa per Giovani Attori e di averla sistemata sulla rozza scrivania del suo ufficio. Tanto meno si lasci sfuggire che parlava a quella fotografia tutti i giorni, per dirle che era ancora innamorato di lei. Anche Jasmine raccont a Monty le sue avventure, a partire da quando si ritrov sola in una citt sconosciuta, tra audizioni, studi sulla recitazione, gioie ma anche frustrazioni. Gli disse di quando fu scoperta come attrice, nonostante le fosse sfuggita un'imprecazione per la caduta di un riflettore, e di quanto fu fortunata al provino per la parte principale ne La prima luce. Non si tratta di fortuna, Cheyenne comment l'amico. Ci sono tanti giovani di belle speranze a Hollywood, ma non sono tanti quelli che... insomma, anche se ci sono abbastanza appoggi da cui iniziare, alla fine dura... Monty sollev il bicchiere davanti a s e fece un brindisi, guardandola negli occhi. All'attrice che "... nella telecamera magica!". Sono parole di Gemini; gliel'ho sentito dire ieri. Ha detto che lo sanno tutti: sei una delle pi grandi attrici della storia. "Lei non il suo personaggio, ma l'anima del suo personaggio!" Ha detto cos? Monty annu. Davvero... disse afferrando il bicchiere. Davvero un bel complimento. Poi cambi discorso, tornando a parlare del Montana. Trish e Zander che fine hanno fatto? Monty sorrise. Zander andato a vivere in Scozia. In Scozia?! Non ti ho ancora raccontato un sacco di cose. Zander ha clonato delle pecore chiamate "Arcobaleno". Ora ce ne sono migliaia, e vogliono tutte visitare il Selvaggio West. Quindi per un po' lavorer insieme a lui. Trish
Richard Bach 48 2003 - Saper Perdere

invece ha trovato un compagno e si sposata. E andata a vivere a West Palm Beach, dove continua a suonare l'arpa. Tiene concerti. Nakayama diventato un abilissimo contabile e ha una ditta tutta sua. Ricordo che Trish amava la musica e i numeri. Come Nakayama. Suona il flauto e, insieme, si divertono a risolvere equazioni di secondo grado. Improvvisamente Monty si batt la zampa sulla fronte. Sono diventato zio, Cheye! E nata la piccola Chloe. E la cucciola pi bella del mondo... Le parole di Monty sfumarono, mentre il cowboy si perdeva nel dolce ricordo dei giorni passati. Era la prima volta che si rendeva conto di quanto tempo era passato e quante cose erano accadute fino a quel momento. E cosa mi dici di Monty? Monty si ferm un istante a riflettere, ma decise di non voler inquietare Cheyenne confessandole i suoi veri sentimenti. Io sto bene. Probabilmente non vedr mai il mondo come state facendo tu, Zander, Trish e Nakayama. Ma non sento nemmeno il bisogno di farlo. Sono felice nel Montana. E casa mia, Cheye: i dolfni, i piccoli aspiranti cowboy, una moltitudine di pecore. Penso proprio di amare gli animali. Mentre parlava, si domand se, agli occhi dell'amica, potesse sembrare un fallito. Sa cosa vuole, pens Jasmine, un uomo di successo. Poi, arrossendo leggermente, gli chiese: C' qualcuno nella tua vita?. Vedendo che il cowboy continuava a osservare il bicchiere, pens che non avesse sentito la domanda. Poi Monty alz la testa e, guardandola dritta negli occhi, rispose: Be'... s. C' qualcuno. Jasmine accanton immediatamente i suoi propositi. Che bella notizia. Sono davvero felice per te, Monty. Grazie. Spero che anche nella tua vita ci sia qualcuno. Fin da quando la giovane furetta aveva cominciato a muovere i primi passi da star, con una piccola parte ne La signora che parla, la stampa scandalistica si era data parecchio da fare per scoprire chi fosse il suo fidanzato. Il nome di Jasmine era apparso pi volte, accostato a quelli del calibro di Heshsty e di un sacco di attori, nella rubrica Non una bella coppia? di Celebrity Ferrets. Una volta le era stata attribuita una relazione anche con il miliardario Stilton, soltanto perch i due si erano incrociati nello stesso aeroporto a Los Angeles. Jasmine pens alla risposta e disse: S, anche nella mia vita c' qualcuno.
Richard Bach 49 2003 - Saper Perdere

Se dovessi avere qualche problema con lui disse Monty digli che nel Montana hai come amico un furetto selvaggio che non aspetta altro che prendersi cura di te. Non credere a tutto quello che dicono i giornali rispose Jasmine. Appena trovano una pista da seguire, sono famosi per ricamarci sopra. Heshsty un caro amico e insieme lavoriamo molto bene. Un giorno o l'altro mi piacerebbe fartelo conoscere. Poi fece un sospiro e, con una punta di tristezza, concluse: Non ti preoccupare, col furetto di cui sono innamorata non c' nessun problema. Si lasciarono cos. Non c'era abbastanza tempo per dirsi tutto, ma non sarebbero bastati n un giorno n una settimana. Finita la cena, con la candela che si era quasi del tutto consumata, Monty si alz. Si fatto tardi. E meglio che vada. Uscirono insieme dalla roulotte, nella frescura della notte. Al chiaro di luna, la pelliccia d'argento di Jasmine sembrava bianca come la neve. Anche tu sei felice, Monty? Sei felice di essere un cowboy? Monty sorrise. Anche se a volte mi prendono in giro, mi piace parlare con i dolfini e badare alle pecore. Ci sono ancora tante cose da imparare che nessuno conosce... anche se probabilmente importano a pochi. Ma importano a me, e questo mi basta. Importano anche a me disse Jasmine abbracciandolo teneramente e baciandolo sulla guancia proprio come aveva fatto molti anni prima, a Little Paw, quando si erano detti addio per la prima volta. I due amici rimasero immobili in silenzio. Se le dicessi ora quello che provo, pens Monty, e lei mi rispondesse la stessa cosa, cosa ne sarebbe della sua carriera? Non dir niente che possa compromettere il suo futuro. Bene disse Monty. Buona notte, Cheyenne. Non sai quanto... S che lo so lo interruppe Jasmine, appoggiandogli il capo sulla spalla. Per dei lunghissimi istanti, pens che se gli avesse confessato i suoi sentimenti e avesse scoperto di essere ricambiata, forse gli avrebbe impedito di continuare a donare al mondo il suo talento. Mi manchi, Monty. Mi manca casa. Anche tu mi manchi, Cheye. Forse un giorno tornerai a casa. Non ora; forse dovr passare ancora un po' di tempo, ma... La frase di Monty le ricord che, in fin dei conti, era sempre una questione di scelte. A volte dimentico di avere una casa. Ma amo il mio lavoro.
Richard Bach 50 2003 - Saper Perdere

Il cowboy non disse nulla. Alla fine, Jasmine lo lasci andare. 'Notte, Monty. Grazie davvero... Mentre tornava verso la roulotte, si sforz di non voltarsi indietro. Sentiva la mancanza di Monty, del suo modo di essere e della loro complicit. Le mancava quella casa ritrovata nello spiraglio di luce di quell'incontro. Se solo le avesse fatto un cenno o avesse detto una parola, Jasmine sarebbe rimasta con lui per tutta la vita. Ma Monty non fece nulla. Lentamente, la porta della roulotte si chiuse. Il giorno seguente si chiuse definitivamente il capitolo di Furetta Dulcimer. Un elicottero privato venne a prendere Jasmine, a cui era stato assegnato il ruolo di protagonista in Lontano da casa. Il film, tratto dal magistrale romanzo di Furetto Taminder, parlava di una bellissima furetta, determinata a raggiungere il suo obiettivo: diventare una star. I giornali scrissero che il regista Heshsty aveva scelto lei perch avrebbe recitato la sua stessa vita, e gli spettatori avrebbero fatto la fila per scoprire la vita privata di Jasmine. Monty non si accorse di nulla. Intento a radunare i dolfni, diede soltanto un'occhiata all'elicottero mentre atterrava e, pochi minuti dopo, ripartiva inclinandosi in avanti e scomparendo verso est. Solo pi tardi, il regista lo inform che l'elicottero era venuto a portare via Jasmine.

Capitolo 8
Arcobaleno Village e centro di addestramento cowboy. Buongiorno, sono Sophia, posso esserle utile? Jupe scosse la testa. Ci mancavano solo i telefoni, pens. Si faceva vedere raramente in ufficio. In quel momento era l perch gli serviva un block-notes dove poter continuare a scrivere il suo poema. Era piuttosto scettico sul fatto che un ranch avesse bisogno di un ufficio e di un telefono. Anche se riconosceva che i tempi erano cambiati da quando lui e Monty erano due giovani cowboy, pensava che per vivere tra i canyon il telefono fosse inutile. Jupe ascolt suo malgrado il solito ritornello dell'affabile centralinista: Siamo spiacenti, ma non possibile acquistare la lana per telefono. Le pecore si riservano il diritto di autorizzare la vendita del loro prodotto previo incontro con lo stilista. Se desidera fissare un appuntamento, siamo
Richard Bach 51 2003 - Saper Perdere

a sua completa disposizione. L'unica difficolt potrebbe essere raggiungerci: l'aeroporto pi vicino si trova a Helena, nel Montana, e per il trasferimento fino al ranch ci vogliono un paio d'ore. Grazie per avere chiamato.... Rovistando nell'armadietto della cancelleria, il cowboy trov dei blocknotes rilegati in tela. Ne prese due e firm il modulo per il ritiro. Fuori si ferm un'automobile e ne scese una furetta che aveva l'aria di essere un pezzo grosso. Subito entr nel locale e si ferm al bancone, chiedendo: questo l'ufficio?. Sissignora rispose Sophia, alzandosi per andarle incontro. E nel posto giusto. Il telefono squill di nuovo. Jupe, ti dispiace rispondere? chiese garbatamente la giovane impiegata. Il cowboy, ormai con una zampa fuori dalla porta, rientr con i suoi due blocchi e si diresse verso il telefono, posizionato tra due vasetti di piantine di citt che, fuori dall'ufficio, avrebbero avuto vita dura. Ranch delle pecore. Dall'altra parte del ricevitore, una voce con leggero accento francese chiese: Parlo con l'Arcobaleno Village di Monty?. S. Ho chiamato la settimana scorsa e desideravo fissare un appuntamento. Venerd rispose Jupe. Era il giorno del grande show, e le pecore sarebbero state tutte belle spazzolate. Quindi ci possiamo incontrare per l'autorizzazione... S. Facciamo... alle tre? S. Comunque mi chiamo... l'interlocutore si ferm un attimo, capendo la situazione. Mi sa che non importante, vero? Bravo. Allora ci vediamo venerd alle tre. Jupe fece un cenno di assenso e riattacc il ricevitore. Poi lasci l'ufficio e si diresse verso il granaio.

Capitolo 9
Richard Bach 52 2003 - Saper Perdere

Budgeron si era svegliato molto presto ed era uscito nel recinto vuoto. Con il blocco appoggiato alla traversa di mezzo della staccionata, prendeva appunti al chiaro di luna, nelle fredde ore del mattino. Ho paura scrisse. Domani il gran giorno e guideremo da soli le pecore fino ai pascoli alti sulla Montagna del tuono. Le Arcobaleno non si rendono conto; per loro una gita... Poi si ferm un attimo a mordicchiare l'estremit della matita. Quello che mi spaventa di pi sono i burroni. Io e Strobe dobbiamo stare attenti a non farle avvicinare ai precipizi. Cookie mi dice di fare attenzione, perch ci sono dei tratti dove si fatica a seguire il sentiero. Bubba e Alla ci seguiranno; speriamo di non perderci... All'improvviso, il rumore di un fiammifero acceso alle sue spalle lo spavent a tal punto che, girandosi di scatto verso il granaio, gli cadde la matita. Ci siamo svegliati di buon'ora, eh? Illuminati dal fiammifero, apparvero il muso e i baffetti di Monty, impegnato ad accendere lo stoppino di una lanterna. L'alba era ancora lontana. Il saggio cowboy spense il fiammifero con un colpo secco e, dopo averlo lasciato raffreddare qualche secondo, lo infil nel nastro del cappello. Sissignore rispose Budgeron mentre si chinava a raccogliere la matita. Monty appese la lanterna a un chiodo sulla parete esterna del granaio e si appoggi contro la traversa superiore della staccionata, guardando il fantasma della montagna confondersi all'orizzonte, sotto la luna d'argento. Domani il gran giorno. S... Hai paura dei precipizi? Sissignore. Bene. Budgeron rimase senza parole, riflettendo su quella risposta. I pericoli che ingannano sono quelli che non temi continu Monty. La sorpresa ti mette nei guai. Poi il cowboy si gir, prese la lanterna e si incammin verso la sua abitazione nel ranch. Proprio il contrario di quando si scrive un romanzo, non trovi? Il giovane lo segu. Non saprei, signore. Un giorno lo saprai. I due continuarono a camminare in silenzio per
Richard Bach 53 2003 - Saper Perdere

un po'. Capisco subito se tra i miei allievi c' qualcuno che un giorno cambier il mondo. Dopo qualche istante di esitazione, Budgeron trov il coraggio per fargli una domanda: E come fa, signore?. Riconosco quelli che sanno cosa vogliono. Monty si diresse a passo lento verso la mensa. Maestro e allievo camminavano illuminati dalla sfera di luce dorata della lanterna. Ad esempio Bubba. Per passare l'estate in un ranch si portato la cassetta degli attrezzi. Sicuramente diventer un abile meccanico. Non so di quali macchine si occuper, ma se bisogner far funzionare un motore, lui sar il furetto giusto. Un giorno, da quel giovane cowboy dipenderanno delle vite. E allora perch venuto qui, signore? Un ranch di pecore non ha bisogno di macchine! E neanche di scrittori rispose Monty aprendo la porta dell'edificio, che cominciava a tingersi dei colori dell'alba. Tu e Bubba siete qui per la stessa ragione. Budgeron alz lo sguardo raggiante. Per dimostrare a noi stessi che ce la possiamo fare. Il padrone di casa fece strada fino a un'ala privata della mensa, con volte orientate a ovest e un piccolo sentiero piastrellato che culminava in un patio decorato da stucchi bianchi. Nella sala, uno accanto all'altro, c'erano vasi di piante, un tavolo, sedie e un camino con le braci che davano il giusto tepore all'ambiente. Monty offr una sedia al suo allievo e si accomod dall'altra parte del tavolo. Poi pos la lanterna sul pavimento. Non hai mai letto Il mare e le stelle di Furetto Taminder? gli chiese. Budgie rimase a bocca aperta. Come fa a sapere che adoro Furetto Taminder? Ma certo, Il mare e le stelle, Fuoco d'inverno e Lontano da casa. Sono i libri a cui devo tutto. A un certo punto smettono di essere dei fogli di carta stampata: le parole escono, si uniscono e danno vita a colori, luoghi, animali... C' un senso di avventura, come se il mondo reale scomparisse, e tu ti perdi fino alla fine e poi, quando ti svegli, ti rendi conto che tutto uscito da un libro. Capisce cosa intendo? Cos tutte le volte che vuoi rivivere quell'emozione ti basta riaprirlo. Ed un'esperienza unica al mondo, perch ogni libro diverso dagli altri! In una volta sola, Budgeron aveva parlato pi che in tutta l'estate. Monty lo ascoltava attentamente. Ti va se parliamo di scrittura?
Richard Bach 54 2003 - Saper Perdere

Il sole cominciava a spuntare dietro le montagne della Forca del diavolo. A un certo punto apparve Cookie, con un carrello-vivande di legno ben assortito e perfettamente levigato. Quella mattina rimase rispettosamente in silenzio, se si eccettua un veloce ammiccamento a Budgeron. Sulla lavagna della mensa, sotto la frase OGGI A COLAZIONE CON MONTY C'... lo chef aveva scritto col gesso BUDGERON. Cookie aveva appoggiato la padella di rame per le omelette nell'angolo meno rovente della griglia, per preparare due porzioni di oeufs l'orange, cucinate a fuoco lento in una sottilissima pastella da gustare arrotolata. Budgeron parlava concitatamente e Monty lo ascoltava senza perdere una virgola. Con l'abilit di un illusionista, Cookie prepar del riz espagnol flambz. mettere attorno alle omelette e ultim la decorazione dei piatti con del crescione d'acqua e una punta di salsa del Montana spalmata a mo' di cometa. Una colazione pi leggera di una piuma, per dare il buongiorno a un nuovo mattino. Grazie Cookie disse Monty. Grazie davvero aggiunse Budgeron. Il piccolo cowboy si sent un po' a disagio nel ruolo di protagonista della giornata, anche perch non poteva ridere e scherzare come al solito con lo chef sulle stranezze culinarie del mattino. Cookie accenn un inchino ai commensali e si conged senza spegnere le braci, spingendo silenziosamente il suo carrello verso l'uscita. Monty e Budgeron continuarono a parlare fino a quando, circa un'ora dopo, il ranch fu svegliato dal magico tintinnio del triangolo del cuoco. Il saggio cowboy si alz. Immagino che ti aspetti una giornata piuttosto intensa. Gi. Grazie infinite per la chiacchierata e per la colazione! Mentre si allontanava, il piccolo cowboy si sent chiamare. Ah, Budgeron, questo per te! Questi si gir e rimase stupito quando vide che Monty gli stava porgendo un libro. Prendilo. E tuo. Grazie, signore! Esamin il regalo solo una volta rientrato nella camerata, quando gli altri erano a colazione. Sulla copertina a lettere bianche sul fondo blu c'era scritto: Lontano da casa. Con le zampe tremanti, Budgeron apr il libro e not che nella pagina accanto a quella del titolo c'era una dedica scritta a penna in bella
Richard Bach 55 2003 - Saper Perdere

calligrafa: Giovane scrittore, ora che Monty ti ha donato questo libro io ti dono la mia torcia, in modo che tu possa accenderla con la tua fiamma e un giorno possa donarla a tua volta. In fondo alla dedica, c'era una firma impreziosita dagli svolazzi: Furetto Taminder.

Capitolo 10
Jasmine era seduta alla sedia della sala trucco, mentre lottava per non cedere alla stanchezza. Il marted precedente aveva terminato le riprese del kolossal Pheretima, girato in Venezuela; il mercoled era volata nel Sud della Francia per il festival del film di Boxxes; il gioved, dopo aver concesso una serie di interviste a giornalisti della tv e della carta stampata, aveva partecipato alla cerimonia di premiazione del College of Actors Awards, protrattasi fino al mattino successivo. Per la giornata di oggi aveva in programma un volo per una misteriosa destinazione con un vecchio amico. Si avvicin alla specchiera, prese tra le zampe una spazzola d'ebano e cominci a pettinarsi la pelliccia lasciando le estremit pi arruffate, secondo quello che ormai tutti riconoscevano come lo stile alla Jasmine. Infilati nella cornice dello specchio, sporgevano un vecchio biglietto del treno con un forellino a forma di cuore, e la fotografa di un giovane e aitante furetto con il bandana e il cappello da cowboy. Sul tavolino alle sue spalle, Jasmine aveva appoggiato due trofei, dei cubi di cristallo sostenuti da spirali d'argento. Leggere le iscrizioni nello specchio era praticamente impossibile. Di fronte ai cubi, erano stati appoggiati frettolosamente due Baffi d'oro, rappresentanti due furetti stilizzati in oro massiccio. Sul primo era stato inciso: MIGLIOR ATTRICE: FURETTA JASMINE; sull'altro, il premio pi ambito della serata: LA SCELTA DEI CUCCIOLI: FURETTA JASMINE. Tir fuori dall'armadio un foulard quasi trasparente, regalatole da Donatien, blu e argento, perfettamente intonato al medaglione. Un leggero tocco di baf-liner, un velo di cipria, ed era pronta con qualche minuto di anticipo. Jasmine non si era accorta che col tempo il suo viso era cambiato. Ora, oltre alla luminosa bellezza, emanava profonda saggezza.
Richard Bach 56 2003 - Saper Perdere

Accanto allo specchio, una grande finestra tonda incorniciava la spiaggia di Malibu, con l'oceano che si stendeva nitido all'orizzonte. Jasmine era rimasta a lungo lontana dai prati verdi e dalle alture del Montana; ora le mancavano il suono del fiume e quell'aria tersa. Afferr il medaglione e lo apr. Di nuovo il passato torn a farsi vivo attraverso l'immagine di quella margherita colta appena in tempo. Aveva risposto alla chiamata del palcoscenico, e non ne era affatto pentita. Ma a che prezzo! Vivere soli significa vivere senza intimit, e pu far male. Mi manca casa, pens. Da morire. E pensare che mi ritrovo addirittura a chiedermi se una casa ce l'ho ancora! Qualcuno buss alla porta. E arrivato monsieur Donatien. Grazie, Gwyneth. Jasmine non stette neanche a controllare l'orologio. Di sicuro erano le tredici in punto. Lo stilista aveva uno spiccato senso degli affari, dono che nasce innanzitutto dalla puntualit. L'attrice si alz e, seguendo la balconata, giunse in un luminoso salotto con pareti a vetro, mobili e tessuti pregiati, nonch una splendida vista sull'oceano. Al suo arrivo, un furetto dall'aspetto mondano, impeccabilmente vestito, si gir. Aveva appoggiato sul tavolo un pacco regalo color sabbia. Buongiorno, Jasmine disse con leggero accento francese. Complimenti ancora: prima i cubi di cristallo di Boxxes e ieri sera due Baffi d'oro! Tu es ma-gnifique... come sempre, del resto. Ciao, Donatien. Grazie. Non un gran momento? Ti vedo un po' gi di corda. Lo ero fino a qualche secondo fa rispose Jasmine sorridendo. Poi sei arrivato tu a illuminarmi la giornata. Sono felice di rallegrarti. Tutto merito del mio animo felice. Cambiamenti in vista, Jasmine? L'attrice pens che negli affari non si va da nessuna parte senza una buona dose di sensibilit. Ti racconter. Jasmine not il pacco sul tavolo, ma non chiese niente. Avevi promesso di venire con me senza fare domande disse lo stilista ma possiamo anche rimandare... L'attrice sorrise, scrollandosi di dosso la stanchezza. Niente domande. Quando si parte? Adesso rispose Donatien prendendo il pacco regalo. Per te. Grazie, sei un tesoro. Jasmine sciolse il nastro e sollev il coperchio.
Richard Bach 57 2003 - Saper Perdere

Dentro, sotto un velo di carta trasparente, c'era un cappello da cowboy. Nessun vero cowboy l'avrebbe mai indossato perch era blu come il cielo del Montana. Poi alz lo sguardo sbigottita. Come facevi a saperlo?!, pens. Dato che la star sembrava paralizzata, Donatien tolse il cappello dalla scatola e glielo appoggi sulla testa. Hmm... mugugn insoddisfatto, risistemando il cappello in modo diverso. Et voil! esclam raggiante. .C'est parfait!Jasmine, non dire niente. Lo stilista la fece girare verso lo specchio e gli bast vedere il suo sguardo per capire cosa provava. Non dire niente, lo so: ti ha tolto il fiato! Donatien e Jasmine arrivarono all'aeroporto Van Nuys a bordo di una limousine bianca e salirono la scaletta di un jet privato nero, con la scritta dorata Donatien sulla fusoliera. Nessuno seppe a cosa pensava Jasmine mentre sonnecchiava con il cappello da cowboy calato sugli occhi. Tuttavia qualche ipotesi fu fatta il giorno dopo dal giornale L'occhio di Cupido; del resto una coppia cos glamour non passava certo inosservata. Il pomeriggio stesso atterrarono all'aeroporto di Helena, dove ad attenderli c'era una limousine nera che part immediatamente verso sud. Mentre proseguivano il loro viaggio, Jasmine scopr di trovarsi al centro di una trama sempre pi ftta di coincidenze, ordita inconsapevolmente dallo stilista. Donatien le disse che, per la sua nuova collezione di sciarpe, voleva solo ed esclusivamente la lana delle pecore Arcobaleno che, per quanto incredibile fosse, si poteva acquistare in un unico posto. Per questo motivo, aveva preso un appuntamento per convincere le diffidenti pecore che le sue sciarpe sarebbero state degne della loro rara e coloratissima lana. Lo stilista le spieg che sarebbe stata una giornata fantastica: lui avrebbe firmato l'accordo e Jasmine avrebbe avuto l'opportunit di visitare i luoghi della sua giovent, di cui parlava cos spesso. L'attrice annu, ringraziando l'amico con un sorriso: Sei un angelo, Donatien. Lui non poteva sapere, e lei non se la sent di raccontargli tutto in quel momento. Se una coincidenza cos magica l'aveva portata l, forse il destino aveva in serbo qualche altra sorpresa. Forse la sua strada e quella di Monty si sarebbero ricongiunte!
Richard Bach 58 2003 - Saper Perdere

Il cuore le batteva forte. C' un ordine nel mondo, pens. Un ordine meraviglioso.

Capitolo 11
Di ritorno a casa in sella a Ladyhawke, Monty seguiva il letto del fiume che portava a Northstar, cittadina che ora si chiama Porta Arcobaleno. Lungo il percorso, c'era un cartello raffigurante la campagna selvaggia, dipinto da alcuni cuccioli con i colori delle pecore. Il cowboy procedeva lentamente, godendosi il panorama e ascoltando il ruscello, gli uccelli e il suo cuore. Tutto quello che ho desiderato, pens, tutto quello che ho sperato si realizzasse mi stato concesso. Sono un cowboy; ho sempre amato le montagne, l'aria aperta, il Montana e ho la fortuna di vivere qui. Ho amato i dolfini, ho voluto imparare il linguaggio degli animali e ci sono riuscito. Ho persino voluto realizzare i sogni delle pecorelle scozzesi e dei piccoli cowboy! Sorrise. Gli ho regalato azione, emozioni e avventura sugli altipiani! Le pecore si divertono un mondo e i cuccioli torneranno a casa pi forti, saggi e altruisti, consapevoli delle loro capacit. Era il mio obiettivo, e l'ho raggiunto. Inoltre, mi sono posto alcune domande su me stesso e ho trovato le risposte. Monty sollev il cappello e si diede una rapida pettinata con la zampa. Un'anima pu imparare un sacco di cose durante la vita, ma... Improvvisamente Ladyhawke sbuff e si ferm davanti a una piccola furetta apparsa dal nulla in mezzo al ruscello. Aveva il mantello color noce moscata, con delle screziature pi scure sul musetto, e sembrava alquanto divertita. Ciao, Monty. Serve aiuto? Il cowboy sorrise, indicando col capo le zampe della furetta che frangevano le acque del ruscello. Valgono come impronte? Diciamo di s... Allora, serve aiuto? Mi manca, Kinnie. Mi manca Cheyenne. Lei ... Lo so, lo so: lei ha il suo destino e io il mio, quando mi fermo a riflettere capisco che giusto cos. D'altronde l'abbiamo voluto noi. In fin dei conti, credo di aver fatto praticamente tutto quello che ritenevo fosse il
Richard Bach 59 2003 - Saper Perdere

mio compito e di aver seguito la mia vocazione. Forse l'ha fatto anche lei, o forse no. Ma a volte mi domando perch siamo nati a Little Paw, perch siamo cresciuti insieme e ci siamo voluti cos bene se, alla fine, il nostro destino ci voleva separati per il resto della vita? Monty si aggiust il cappello. Alla fine mi rispondo che una ragione ci deve essere, ma non sono sicuro di volerla conoscere. Non sar... Abbiamo fatto qualcosa di sbagliato o dobbiamo ancora fare qualcosa? Dimmi, Kinnie, c' una specie di progetto per noi, o non c' niente da sapere e dobbiamo continuare a essere tristi? Suppongo che se Cheyenne mi manca cos tanto, sono ben lontano dall'essere diventato un furetto filosofo. Pu darsi. La piccola creatura si sollev dall'acqua. Niente pi corrente che si frangeva contro le zampe; niente pi impronte. Come potrebbe darsi che tu senta la sua mancanza perch il tuo destino un altro. Forse questo segno indica che non hai ancora portato a termine il tuo compito. Puoi dirmi cosa succeder? Kinnie scosse il capo. Mi dispiace. Ti dir una legge dello spaziotempo: "Quello che succeder gi successo". E ti posso rivelare anche una legge della coscienza: "Il modo in cui percepisci la realt dipende da te". E ora stai per dirmi che bisogna essere pazzi per sentirsi tristi quando si circondati da ogni forma possibile di amore... No, lascio che sia tu a dirlo. Monty le sorrise. Sono stato io a chiamarti perch tu mi parlassi in questo modo? Kinnie continu a guardare i monti di Northstar all'orizzonte, come se non avesse sentito la domanda. Poi si gir verso il cowboy e fece segno di s col capo. Sei un bravo furetto, Monty. Hai imparato tanto e tutti ti vogliono molto bene. Ladyhawke rimase di stucco nel vedere che, dove fino a un istante prima c'era l'amica speciale del suo cavaliere, improvvisamente c'erano solo dei sassi bagnati dal torrente. Il dolfno scosse la testa per dire a Monty: Forse faresti meglio a darle retta!. Certo che le do retta, Lady disse tra s Monty. A volte mi ci vuole un
Richard Bach 60 2003 - Saper Perdere

po', ma poi ci arrivo anch'io. Il cowboy e il suo dolfno arrivarono nelle vicinanze della cittadina, lungo un sentiero di aghi di pino in mezzo al bosco. Tra gli alberi, ogni tanto si cominciava a intravedere qualche edifcio. Monty! Oggi il tuo gran giorno! La porta del bar non si era ancora chiusa alle spalle del cowboy, quando Quill propose un brindisi con un bicchiere d'acqua fresca. Gli altri si unirono subito all'invito: A Monty!. Non il mio gran giorno ribatt Monty ma il loro. Quelle pecore sono delle ballerine di tip-tap fenomenali! Non riescono a star ferme. Il Corpo di Marcia e Compagnia di Danza Scozzese del Montana ZuavaArcobaleno si erano preparati duramente negli ultimi mesi. Nessuna pecora passava pi il suo tempo a bighellonare; anche quelle che non avrebbero partecipato al grande show assistevano incantate alle prove delle compagne. Monty si sedette al bancone, dando le spalle all'uscita. Questa volta cosa prendi? Roxy non sapeva mai cosa gli avrebbe ordinato. A meno che non si sentisse particolarmente solo, il cowboy non prendeva mai la stessa cosa. Che ne dici di una bella fragola appena colta? Con piacere! C' poco da sentirsi soli, pens la proprietaria del locale, con l'atmosfera di festa che c' per il grande show! Grazie, Roxy Mi sembra di vederti un po' gi di morale gli disse servendogli la fragola divisa in quattro parti. Oh, no. Non ne avrei motivo. In quel momento, una limousine nera sfrecci davanti al bar. Attraverso i finestrini si intravidero le figure dei passeggeri. Eccone un'altra! comment Roxy sorridendo. Ma quando Monty si era girato per guardare, l'automobile era gi nascosta dalla polvere che aveva lasciato dietro di s. Siamo diventati famosi, ragazzi disse Roxy. Negli ultimi giorni non so quante ne siano passate di macchine come quella. Almeno una ventina. Vanno tutti al tuo ranch! Ci vanno per la lana rispose Monty. E non posso biasimarli; ditemi, avete mai visto una lana come quella? Certo, cara comment Quill ma devo ammettere che meravigliosa.
Richard Bach 61 2003 - Saper Perdere

Non vedo come si possa dire diversamente concluse Monty strizzando l'occhio. Jasmine propose a Donatien di incontrare da solo le Arcobaleno, ma lo stilista non ne volle sapere. Sono una rarit le disse. Quando ti capiter ancora un'occasione del genere? Ti prego, vieni. Alla fine l'attrice acconsent. Purtroppo non and tutto come Donatien aveva previsto. Le Arcobaleno riuscivano a pensare solo al grande show, ormai era questione di ore, e la presenza dello stilista le metteva a disagio. Temevano che la loro danza lo avrebbe annoiato tanto da essere malgiudicate. Pi ci riflettevano, pi le piccole creature pensavano di non autorizzare la vendita a Donatien. Almeno non quel giorno. Lo stilista avvert la loro esitazione e il loro disagio. Pensate, queste sciarpe sono state disegnate in modo che siano i colori a riscaldare e proteggere. Le pecore si scambiarono dei rapidi sguardi. Non oggi. Jasmine si alz dalla sedia in fondo alla stanza. Una volta, Monty le aveva detto che quando non capiva un animale doveva sempre chiedersi: A cosa sta pensando?. E a cosa stavano pensando le Arcobaleno in quel momento? Rispolverando la sua esperienza, Jasmine entr nella mente delle Arcobaleno, unendosi al loro disagio. Donatien non e soltanto uno stilista, ma un personaggio mondano. E se il nostro spettacolo non gli piacesse? E se il fatto di non piacergli influisse negativamente sulla qualit del suo lavoro con la nostra lana? Senza dire niente, l'attrice le port in un luogo mentale dove da un'ampia terrazza potevano godere di un meraviglioso panorama. Le pecore si scambiarono delle occhiate. Prima di lei, l'unico ad averle portate in un luogo del genere era stato Monty. Nella sua mente, Jasmine pens a una soluzione: corredare ogni sciarpa con una targhetta che raccontava la storia delle Arcobaleno, con tanto di fotografe ed elogi al Corpo di Marcia e Compagnia di Danza Scozzese del Montana Zuava-Arcobaleno. Forse in questo modo le pecore potevano far capire che erano qualcosa in pi della miglior lana del mondo. Il clima cominci a cambiare. Quindi Donatien ci riconoscerebbe anche come artiste?
Richard Bach 62 2003 - Saper Perdere

Jasmine annu. Se non avesse un'altissima concezione di voi, non sarebbe neanche venuto. E la targhetta... sarebbe a colori? Certo. Grazie. Okay, si fa. Sempre comunicando col pensiero, le Arcobaleno si organizzarono in fila indiana e trotterellarono per andare ad apporre il timbro AUTORIZZATO e siglare i documenti dell'accordo con le impronte delle loro zampette. Ma avevano ancora una domanda: Donatien avrebbe assistito volentieri alle prove generali dello spettacolo?. Jasmine rispose che ne sarebbe stato onorato. Rispetto e comprensione portano molto lontano nel mondo degli affari. L'attrice attravers da sola il prato che separava la sala conferenze dalla mensa vicino all'ufficio. La star Jasmine tutta sola, pens. Che strana sensazione passare da un luogo dove non puoi stare un attimo per conto tuo a uno dove non c' nessuno! Ma il bello del Montana era anche questo. Jasmine sent il profumo delle montagne, delle foreste e dei ruscelli. Era il profumo del suo passato, quello della piccola Cheyenne di Little Paw. Tast il medaglione al collo, immersa nei ricordi. Jasmine? Sentendo una voce familiare, l'attrice si ferm. Davanti alla porta della mensa, con una padella di rame nella zampa e il cappello da chef di traverso, c'era Gerhardt-Grenoble. Gren? Non ci posso credere! Jasmine corse ad abbracciare l'amico, facendogli cadere sonoramente per terra la padella. Ma cosa ti successo? Sei sparito! Armond non si lasciato sfuggire una parola; ha detto che te lo aveva promesso! La stanchezza era svanita di colpo. E cos sei finito nel Montana! continu. Questa casa mia, e tu sei qui... Poi indietreggi leggermente per vederlo dalla testa alle zampe. Adesso anche casa mia rispose lo chef. Ma non chiamarmi Gren. Qui, per tutti, sono Cookie. Cookie! disse ridendo. Ma... non eri felice al La Meri Lo chef diede un'occhiata verso l'ufficio, prese Jasmine per la zampa e la accompagn in cucina. Era un ambiente semplice, con stufe a legna, tavoli artigianali e pentole, padelle e utensili fatti a zampa. Intorno ai due vecchi
Richard Bach 63 2003 - Saper Perdere

amici, Bud e i suoi assistenti stavano preparando in tutta tranquillit il carro-ristorante per la grande serata. Sono stato felice a lungo, finch stata una sfida. Ma dopo che sei diventato il migliore e lo sei per tanto tempo, che stimoli hai? Ero una star, rilasciavo interviste ed ero sempre in viaggio. Alla fine mi ritrovavo sempre a dormire da solo in qualche stanza d'albergo. Che razza di vita stare da soli? Diventare il Numero Uno non il traguardo pi importante. Non l'avrei mai detto, Gr... ehm, Cookie. E invece lo sai, perch anche la tua vita cos. Lo chef tir gi da uno scaffale un'enorme ciotola per l'insalata e mise di fronte a Jasmine un piatto di foglie di lattuga. Poi prese dalla dispensa una bottiglia di olio extra-vergine di olive spremute a freddo e una di aceto balsamico, entrambi provenienti dall'Italia. Come faccio a farglielo capire?, pens. Lavati le zampe e asciugatele bene le disse. Prendi le foglie di lattuga e falle a pezzetti. Piccoli, mi raccomando. Osservando in silenzio l'amico cos sicuro di s, Jasmine si accorse che emanava un'aura di pace interiore che non aveva mai notato prima. Santo cielo, Jasmine! disse ridendo. Tu lo sai che razza di vita ! Cookie non aveva segreti! Ero uno chef famoso, una celebrit. E anche i miei amici erano delle celebrit. Come Jasmine, la grande star! Nel locale avevo una sua foto autografata, dove sorridevamo insieme. Ma lei non sapeva che Gerhardt era solo come un cane. E perch avrebbe dovuto saperlo? continu con un sorriso amaro. Non si pu vivere cos. Jasmine sminuzz la lattuga. Ci sei mancato. Non si pu vivere cos ripet Cookie. Poi si allung dietro lo scaffale delle spezie per prendere un mortaio ricavato dalla roccia dei monti di Northstar e vi mise dentro una foglia di salvia. Quella non vita, e tu lo sai benissimo Jasmine. A quel punto si gir verso le montagne a ovest, apr le zampe verso il cielo ed esclam: Questa vita!. Ma sei ancora solo, Cookie! Che differenza c' tra Beverly Hills, Manhattan o il Montana? Durante l'obiezione di Jasmine, lo chef aveva continuato a scuotere il capo. Non sei da solo? gli domand l'attrice. Cookie pest la salvia, aggiungendo un altro paio di foglie. E stato questo luogo a chiamarmi. E il primo giorno ho avuto subito la mia
Richard Bach 64 2003 - Saper Perdere

ricompensa: ho incontrato Adrienne. Te la presenter. Adrienne? Il direttore amministrativo della MusTelCo? Allora qui che venuta quando ha deciso di lasciare New York per cambiare vita? Cookie annu. E stato il suo pi alto senso del bene a guidarla, pens Jasmine. Complimenti, Cookie! Sono felice per te. E quando io potr essere felice per te? Nessuno mi conosce davvero. Sono in tanti ad amarmi, ma io non... Senza aver finito di sminuzzare la lattuga, si gir verso l'amico e ribad: Nessuno mi conosce davvero. Cheyenne ti conosce. La bella furetta lo guard negli occhi, sbigottita. Prima di riuscire a chiedergli come faceva a conoscere il nome di quando era giovane, fu presa di nuovo per la zampa dallo chef, che le disse: Ti faccio vedere una cosa. In cima a una stretta rampa di scale, Cookie apr una porta di legno. Dietro c'era un corridoio con il pavimento scuro di mattonelle spagnole, le pareti bianche e il soffitto sorretto da travi a vista. Dove...? Monty non c'. Devi vedere. E l'appartamento di Monty? E lui non in casa? Non giusto, Cookie. Riportami indietro! Lo chef si ferm. I furetti rispettano sempre la volont altrui. Jasmine, ascolta. Jasmine si ferm. I furetti ascoltano sempre quando qualcuno chiede di poter parlare. Sei stata invitata! Ma Monty ... Sei invitata dal giorno in cui hai lasciato Little Paw! Jasmine sent un brivido percorrerle la spina dorsale. Cren... Io non sono Gerhardt-Grenoble! E tu non sei Jasmine! Almeno non qui! sbott lo chef dimenando la coda a destra e a sinistra. Lascia che ti faccia vedere. Cookie si avvicin alla prima porta del corridoio. Ancora qualche istante e... Nella stanza deserta regnava il pi completo silenzio. Combattuta tra circospezione e curiosit, l'attrice si fece coraggio ed entr. Davanti a s, un luogo del suo passato. Non si trattava di una
Richard Bach 65 2003 - Saper Perdere

riproduzione, no, era la stessa, adorabile aria di casa di Little Paw. Nella stanza c'erano un caminetto e un accogliente divano con lo schienale in legno, su cui erano state intagliate le figure di due cuccioli in un prato di margherite. Jasmine not una rastrelliera per cappelli ricavata da un ramo di pino che gli sembrava familiare, pur non riuscendo a collocarlo con precisione nei suoi ricordi. Sulla parete era appesa una foto della giovane Cheyenne in sella al suo dolfino, scattata al guado superiore del torrente Big Paw, con il lago appena nascosto dalla foresta sullo sfondo. Si era dimenticata di quella fotografa. Jasmine camminava lentamente nella stanza. Da un appendiabiti sul muro scendeva un abito da picnic di percalle rosso. Sulla scrivania, due biglietti del cinema strappati, con la scritta Viaggio disp..., e una foto recente di Boffin e Starlet insieme, nel recinto dei suoi genitori. La mia piccola Starlet sussurr Jasmine. Ti dispiace se resto un minuto da sola? Pensi che a Monty darebbe fastidio? chiese a Cookie senza voltarsi a guardarlo. stato lui a dirmelo rispose lo chef uscendo. Non so se l'ha detto anche ad altri. Qui casa tua. Rimani pure quanto vuoi. Jasmine rimase in silenzio e non si gir verso l'amico che, dopo qualche istante, chiuse la porta. Si tolse il cappello e lo appese delicatamente al ramo di quell'albero cos familiare. Il mio pi vecchio amico, pens. Quanto tempo passato da quei giorni. Lui doveva restare; io partire. Jasmine si accovacci sul divano, davanti al camino. Finch non provo, non lo sapr mai... Ci aveva provato, e ci era riuscita, pagando fino alla fine il prezzo del successo. E ora... L'attrice chiuse i begli occhi, approfittando dell'assenza del suo carissimo Monty e di quel luogo cos simile a casa, per riposarsi. Monty rientr poco prima dell'inizio del grande show. Aveva fatto un sopralluogo e diretto i preparativi per l'evento da un'altura sopra la piana rocciosa scelta dalle Arcobaleno per l'esibizione: un palcoscenico chiuso su tre lati dalle montagne, con un'acustica perfetta. In fondo al corridoio, not che la porta della stanza di Cheyenne era chiusa.
Richard Bach 66 2003 - Saper Perdere

Il cowboy ebbe un fremito. Chi venuto? Quella porta sempre rimasta aperta. Forse Cookie? Monty apr la porta e vide che non c'era nessuno. O almeno cos sembrava. Improvvisamente, il suo cuore si ferm. Dal ramo di pino che aveva portato da Sable Canyon, pendeva un cappello da cowboy blu.

Capitolo 12
C'era tutta la citt; chi era arrivato in pick-up, chi in automobile, chi in groppa a un dolfino. Per assistere allo spettacolo delle Arcobaleno, gli spettatori, fieri delle loro amiche scozzesi che avevano scelto di vivere nel Montana, si erano arrampicati lungo il sentiero posteriore. L'ampio semicerchio di fronte alla parete rocciosa era gremito di pubblico. A ovest il sole cominciava a tramontare dietro il canyon, dove dieci furetti scozzesi - cinque cornamuse e cinque tamburi - erano schierati uno accanto all'altro in uniforme da parata: kilt, cappello e sciarpa. I suonatori di cornamusa cominciarono a muovere le dita sulle canne, nonostante avessero suonato centinaia di volte il loro repertorio di marce e danze. Quanta gente l sotto... Mancavano due minuti. Le pecore erano nascoste in un avvallamento dietro il palcoscenico, in attesa del loro momento. Agitate per il debutto, immaginavano tutte insieme di danzare a ritmo di marcia. Lungo la ripida parete rocciosa alle spalle del palcoscenico, un insolito spettacolo: quattro pick-up con le ruote anteriori bloccate e gli assali posteriori sollevati da un martinetto, a mo' di tribuna privata. La prima cornamusa fece un segno ai compagni, e i suonatori cominciarono a gonfiare i loro strumenti. All'inizio ne usc una specie di debole ronzio, che improvvisamente si trasform in un potente canto di aquile. La folla sotto rimase senza fiato e l'emozione aument quando, pochi istanti dopo, attaccarono anche i tamburi. Le cornamuse intonarono l'antica marcia Gli agnelli di Scozia sognano di volare. La melodia fece venire la pelle d'oca a tutti gli spettatori. Nel secondo pezzo parteciparono anche le pecore, che batterono gli zoccoli all'unisono, continuando a rimanere nascoste. Poi, dietro il palco, ecco un movimento: il pompon di un berretto scozzese, anzi, cinque, dieci, venti... da tutte le parti! Ora la scena era tutta per le zuave Arcobaleno.
Richard Bach 67 2003 - Saper Perdere

Il ritmo della musica aument gradualmente insieme al battito degli zoccoli delle pecore, schierate sul palco in base ai colori, pi sgargianti che mai per l'occasione. Dopo lo show, alcuni dissero che, per la loro performance, le Arcobaleno avevano utilizzato dei sotto-zoccoli d'acciaio; altri invece sostennero che il suono metallico fosse causato dal fondo di pietra. Fu un inizio strepitoso, che lasci il pubblico senza fiato. Le cornamuse suonavano a ritmi sempre pi vertiginosi e gli zoccoli delle Arcobaleno battevano all'unisono con l'effetto di un tuono. Quando cominciarono le variazioni sul tema a ritmo sincopato, la folla and letteralmente in delirio. Tempo rallentato; normale; allegro; acuti di cornamuse; veloce; doppio; triplo! Era un uragano di zoccoli, un gigantesco motore dalla forma danzante delle zuave e delle loro zampe, quasi invisibili per la velocit con cui seguivano il ritmo della marcia. All'improvviso, in un istante... Silenzio. Eco. Eco... La folla non riusc a trattenere la tensione ed esplose. Il fragore fu tale da lasciare di stucco anche molte Arcobaleno, sebbene distrutte dalla fatica. E cos ebbe inizio una serata indimenticabile. Dopo il Corpo di Marcia, fu il momento del tip-tap, accompagnato inizialmente dalle cornamuse e poi proseguito a cappella, in un uragano di ritmi. Nello stesso momento, quattro Arcobaleno si lanciarono in volo dalle pareti rocciose del palco, incrociandosi a mezz'aria. Poi sei, facendo delle capriole cos veloci che i loro colori divennero tutt'uno. Ma il culmine dello spettacolo fu alle ultime luci del tramonto: un centinaio di Arcobaleno, zuave e ballerine, sul palco in un unico, assordante ritmo di zoccoli luccicanti. Monty assistette allo spettacolo in sella a Ladyhawke dalla cima di un dirupo, estasiato come ogni altro spettatore. Finito lo show, nonostante il palco fosse ormai vuoto, il pubblico continuava ad applaudire e chiedeva a gran voce il bis. Che te ne pare, Cheye? Pensi che i nostri piccoli amici abbiano un futuro? Gli occhi di Cheyenne erano bagnati di lacrime. Sar l'emozione per lo spettacolo, pens l'attrice. Sono... fantastici, incredibili! Di prima classe, anzi, di primissima classe! A Hollywood non ho mai visto una cosa del
Richard Bach 68 2003 - Saper Perdere

genere. Be', allora perch non torni nel Montana? Cheyenne lo guard negli occhi e cap che Monty non scherzava affatto. Nell'oscurit, con gli applausi ancora in sottofondo, improvvisamente una luce: i quattro cowboy abbarbicati sulla montagna avevano acceso i fari dei loro pick-up, illuminando il palco. A quel punto, le cornamuse ricominciarono. Monty fece un cenno all'amica e accarezz la criniera di Ladyhawke. I loro due dolfni scesero il pendio e si allontanarono dal palco e dalla folla, dirigendosi a nord del ranch. La luna sta per sorgere proprio l, baby. Dietro i monti di Northstar. Ed quasi piena. Monty indic il punto esatto. L'alone cominciava gi a formarsi dietro le montagne. Cheyenne rise. Come mi hai chiamata? Baby? Be', che c'? Non ti piace come parlo, baby? domand il cowboy strizzandole l'occhio. I due cavalcarono fianco a fianco nella notte. Cheyenne si gir verso il compagno. Adoro il tuo modo di parlare, Monty. E solo che... ho vissuto per troppo tempo in un posto dove nessuno ti chiama "baby". Monty non replic. Cosa dici, Monty, la volta buona per acquistare un biglietto di sola andata con destinazione "casa"? Vuoi davvero il mio parere? disse sollevando il cappello per darsi una sistemata a un ciuffo con la zampa. Fai quello che pensi sia meglio per te. Se deciderai di salire su quel treno, credo che non ti volterai indietro rimpiangendo il passato. Anzi, penso proprio che se tornerai, Cheye, ricomincerai finalmente a guardare avanti. Cheyenne annu. Una volta scalate certe vette, pens, non si pu pi scendere ma necessario aprire le ali e spiccare il volo. Una volta tornata a casa, pensi che mi riabituer a quel "baby"? Garantito. Cheyenne rise felice, senza aggiungere niente. Insieme cavalcarono al chiaro di luna verso i monti di Northstar.

Richard Bach

69

2003 - Saper Perdere