Sei sulla pagina 1di 21

ARCANO MAGGIORE: Il Mago Mago Corpo-senza-lanima

Cera una vedova con una figlio che si chiamava Giuanin. A tredici anni voleva andarsene per il mondo a far fortuna. Gli disse sua madre: Cosa vuoi andare a fare per il mondo? Non vedi che sei ancora piccolo? Quando sarai capace di buttar gi quel pino che dietro casa nostra con un colpo di piede, allora partirai. Da quel giorno, tutte le mattine, appena alzato, Giuanin prendeva la rincorsa e saltava a pi pari contro il tronco del pino. Il pino non si spostava e lui cadeva in terra lungo e disteso. Si rialzava, si scrollava la terra di dosso, e si ritirava nel suo cantuccio. Finalmente un bel mattino salt contro lalbero con tutte le sue forze e lalbero sinchin, sinchin, le radici uscirono dalla terra e sabbatt sradicato. Giuanin corse

da sua madre, che venne a vedere, controll ben bene e disse: Ora, figlio mio, tu puoi andare dove vuoi. Giuanin la salut e si mise in marcia. Dopo giorni e giorni di cammino arriv a una citt. Il Re di quella citt aveva un cavallo che si chiamava Rondello, che nessuno era capace di cavalcare. Tutti quelli che ci provavano, nel primo momento pareva che ci riuscissero, poi li buttava tutti gi. Giuanin stette un po a vedere e saccorse che il cavallo si metteva paura della sua ombra. Allora, sofferse lui, di domare Rondello. Gli and vicino nella stalla, lo chiam, lo carezz, poi tutta un tratto gli salt in sella e lo port fuori tenendogli il muso contro il sole. Il cavallo non vedeva lombra e non si spaventava: Giuanin lo strinse coi ginocchi, tir la briglia e part al galoppo. Dopo un quarto dora era domato, ubbidiente come un agnellino; ma non si lasciava montare da nessun altro che da Giuanin. Da quel giorno il Re prese Giuanin al suo servizio, e gli voleva tanto bene che gli altri servitori cominciarono a rodersi dinvidia. E si misero a pensare come potevano sbarazzarsi di lui. Bisogna sapere che quel Re aveva una figlia e che questa figlia anni prima era stata rapita dal Mago Corpo-senza-lanima e nessuno ne sapeva pi niente. I servitori andarono a dire al Re che Giuanin sera vantato pubblicamente dandarla a liberare. Il Re lo mand a chiamare; Giuanin cascava dalla nuvole e gli disse che non ne sapeva niente. Ma il Re che al solo pensiero che si volesse scherzare su quellargomento perdeva il lume degli occhi, gli disse: O me al liberi, o ti faccio tagliare la testa! Giuani, visto che non cera modo di fargli intendere ragione, si fece dare una spada arrugginita che tenevano appesa al muro, sell Rondello e part. Traversando un bosco, vide un leone che gli fece cenno di fermarsi. Giuanin aveva un po paura del leone, ma gli rincresceva di fuggire, cos scese di sella e gli domand cosa voleva. Giuanin, disse il leone, vedi che siamo qui in quattro: io, un cane, unaquila e una formica: abbiamo questo asino morto da spartirci; tu hai la spada, fai le parti e assegnane una a ciascuno! Giuanin tagli la testa dellasino e la diede alla formica: Tieni: quasta ti servir da tana e dentro troverai da mangiare finch vorrai. Poi tagli le zampe e le diede al cane: Qui tu hai da rosicchiare finch vuoi!. Tagli fuori le budella e le diede allaquila: Questo cibo per te, e puoi anche portatelo in cima agli alberi dove ti riposerai!. Tutto il resto lo diede al leone che era il pi grosso dei quattro e gli spettava. Risal a cavallo e stava gi per ripartire quando si sent chiamare. Ahi pens non avr fatto le parti giuste! Ma il leone gli disse: Sei stato un buon giudice e ci hai servito bene. Cosa possiamo darti in segno di riconoscenza? Ecco una delle mie grinfie, quando te la metterai diventerai il leone pi feroce che ci sia al mondo. E il cane: Ecco uno dei miei baffi, quando lo metterai sotto il naso diventerai il cane pi veloce che si sia mai visto. E laquila: Ecco una penna delle mie ali; potrai diventare laquila pi grande e forte

che voli nel cielo. E la formica: E io, io ti do una delle mie bambine, e quando tu te la metterai diventerai una formichina cos piccina, cos piccina che non si potr vedere neanche con una lente. Giuanin prese tutti i regali, disse grazie ai quattro animali, e part. Alle virt di quei regali non sapeva ancora se crederci o non crederci, perch poteva darsi che lavessero preso in giro. Ma appena fu lontano dalla loro vista si ferm, e fece la prova. Divent leone cane aquila formica e poi formica aquila cane leone e poi aquila formica leone cane e poi cane formica leone aquila e fu sicuro che funzionava bene. Tutto contento riprese il cammino. Finito un bosco cera un lago e sul lago un castello. Era il castello del Mago Corposenza-lanima. Giuanin si trasform in aquila e vol sul davanzale di una finestra chiusa. Poi si trasform in formica e penetr nella stanza attraverso una fessura. Era una bella camera e sotto un baldacchino dormiva la figlia del Re. Giuanin, sempre formica, and a passeggiarle su una guancia finch si svegli. Allora Giuanin si tolse la zampina di formica e la figlia del Re si vide tutta un tratto un bel giovane vicino. Non aver paura! egli disse facendole cenno di tacere sono venuto a liberarti! Bisogna che ti fai dire dal Mago come si fa per ammazzarlo. Quando il Mago torn, Giuanin ridivent formica. La figlia del Re accolse il Mago con mille moine, lo fece sedere ai suoi piedi, gli fece posare la testa sulle sue ginocchia. E prese a digli: Mago mio caro, io so che tu sei un corpo senza lanima e quindi non puoi morire. Ma ho sempre paura che si scopra dove hai lanima e ti si riesca a uccidere, cos sto in pena. Allora il Mago le rispose: A te posso dirlo, tanto tu stai chiusa qui dentro e non mi puoi tradire. Per uccidermi ci vorrebbe un leone tanto forte da ammazzare il leone nero che nel bosco; ucciso il leone, dalla sua pancia uscir un cane nero cos veloce che per raggiungerlo ci vorrebbe il cane pi veloce del mondo. Ucciso il cane nero dal suo ventre uscir unaquila nera che non so quale aquila oserebbe sfidarla. Ma se anche laquila nera fosse uccisa, bisognerebbe portarle via dal ventre un uovo nero, e questo uovo rompermelo sulla fronte, perch la mia anima voli via e io resti morto. Ti pare facile? Ti pare il caso di stare in pena? Giuanin con le sue orecchiuzze da formichina stava a sentire tutto, e coi suoi cassettini usc dalla fessura e torn sul davanzale. L si cambi di nuovo in aquila e vol nel bosco. Nel bosco si cambi in leone e prese a girare tra le piante finch non trov il leone nero. Il leone nero gli savvent ma Giuanin era il leone pi forte del mondo e lo sbran. (Nel castello, il Mago si sent girar la testa.) Aperta la pancia del leone, ne saett fuori un cane nero velocissimo, ma Giuanin divent il cane pi veloce del mondo e lo raggiunse e rotolarono mordendosi finch il cane nero non rest a terra morto. (Nel castello, il Mago si dovette mettere a letto.) Aperta la pancia al cane, ne vol unaquila nera, ma Giuanin divent laquila pi grande del mondo e insieme presero a girare per il cielo lanciandosi beccate e colpi dartiglio, finch laquila nera non chiuse le ali e cadde a terra. (Nel castello, il Mago aveva una febbre da cavallo e stava rannicchiato sotto le coperte.)

Giuanin, tornato uomo, aperse la pancia allaquila e vi trov luovo nero. And al castello e lo diede alla figlia del Re tutta contenta. Ma come hai fatto? gli disse lei. Roba da niente, disse Giuanin, adesso tocca a te. La figlia del Re and in camera del Mago. Come stai? Ahi, povero me, qualcuno mha tradito Tho portato una tazza di brodo. Bevi. Il Mago si rizz a sedere sul letto e si chin per bere il brodo. Aspetta che ci rompo un uovo dentro, cos pi sostanzioso, e cos dicendo la figlia del Re gli ruppe luovo nero sulla fronte. Il Mago Corpo-senza-lanima rest l morto sul colpo. Giuanin ricondusse dal Re sua figlia. Tutti felici e contenti, e il Re gliela diede subito in sposa. Italo Calvino, Fiabe italiane, Einaudi

IL MAGO. Corrispondenze con Cabala, Alchimia e Chakras

E con fuoco nero su fuoco bianco Dal nulla nacquero i cieli e la terra. Da allora il fuoco arde nel cuore di ogni Adamo vestito damore o dodio. Da serafino o da serpente. Dice il vero e mente, cosi candidamente. Divora e purifica brucia, divampa, langue. Rosso come il sangue scorre nelle vene della terra. E la linfa del roveto ove arde il Nome. La lettera dell'alfabeto ebraico aleph significa soffio vitale, unit, stabilit, potere. La prima sephira sull'albero della vita Kether, la corona. L'essere umano racchiude infinite opportunit modellate da una volont che lotta puntando a livelli pi alti di evoluzione, per giungere all'obiettivo finale: ritornare all'Unit originaria. In questo progredire il mondo cambia.

L'immagine del Mago ci riporta all'idea dell'ermafrodita, autonomo e autogenerante. La sua posizione richiama la lettera aleph (le braccia sono disposte a rappresentare la forma di questa lettera, che per alcuni stata interpretata graficamente come la forma di un fallo e due testicoli) , l'Unit, l'integrazione e la connessione tra bene e male, sopra e sotto. Aleph assume con il Mago la forma della Totalit, il pensiero creativo del Pi Alto. E' rappresentato il principio dell'emanazione, il punto di partenza e contemporaneamente di ritorno. E' anche la rappresentazione di Adam Kadmon, il primo uomo in cui Dio ha soffiato il suo respiro divino. Tramite lui, dal punto di focalizzazione del suo pensiero, le forze creative hanno potuto concretizzarsi nel mondo temporale. La sua materialit rende ci possibile sul piano della manifestazione. Come matrice del mondo naturale deve riconoscere e comprendere le leggi divine e porre attenzione alla loro applicazione. Lui ha il suo mondo, ristretto e circondato dai limiti impostigli, perci come immagine di Dio lui ha il compito di rispettarne le leggi. Quando questo avviene i poli opposti dell'energia si completano nella loro complementariet e nella dualit raggiungono l'Unit. Quando le leggi sono disattese nascono i conflitti ed emerge l'opposizione.Quest'ultima costella l'oscurit , l'origine di tutte le esperienze fenomenologiche. Il Mago rappresenta le forze, che si manifestano nel ciclo del mondo delle apparenze: dispiegamento, limitazione, regressione. vita e morte. Egli il principio pensante, il respiro della vita che ravviva e dirige tutti i poteri ,eppure bloccato dagli stessi.Nel suo aspetto di ombra , rappresenta la distruzione causata dal non rispetto delle leggi universali. Il Mago la focalizzazione dello scopo, dalla molteplicit emerge il numero Uno. E' il punto nel centro, l'esistenza articolata connessa e organizzata partendo da quel punto centrale. Come il cuore , esso l'organo della conoscenza penetrante ed intuitiva che trascende ed illumina tutte le altre possibilit dell'anima. Viene attivato dal respiro e combinato con la scintilla dello Spirito diventa seme, sostanza immanente in tutte le forme psichiche ed intellettuali. Comprende qualit come la vitalit, l'intelligenza,...tutte quelle conoscenze che sono acquisite in vita , ma che perdurano oltre la morte. contiene reminiscenze innate, prontezza di reazione, immagini, tutto ci che rappresenta una reale continuit dell'individualit. Il seme scagliato nell'universo, il regno della forma attivato. Gli individui possono ora sperimentarsi come centri di vita. Il numero 1 emerge dall'innumerevole, punto immateriale. 1*1=1 1/1=1 Il numero 1 divisibile solo per se stesso. Il numero 1 rappresenta l'indivisibile e perci, centro eterno, unit che non pu essere concepita dagli uomini perch ogni cosa concepibile complessa e perci divisibile. E' il coincidere dell' assoluta libert e dell'assoluta determinazione nello stesso punto, l'identit dell'assoluta verit con un'esistenza incondizionabile ed inalterabile. E' anche identificazione nell'unit di intelletto e sensitivit, di lentezza e spontaneit della conoscenza umana.

Il Mago denota consapevolezza, vitalit, intuizione, attenzione ed simbolo del paterno. E' il contenitore di tutte le possibilit, di tutti gli archetipi. Pu anche rappresentare l'umanit, capace di influenzare l'ordine naturale delle cose. In pi il Mago rappresenta l'unit da cui ha origine l'azione, la Parola. E' l'umano, in quanto pi alta rappresentazione in un Universo relativo, ci che mette in connessione S ed Ego.

ASTROLOGICAMENTE PARLANDO... Tradizionalmente l'elemento aria stato attribuito al Mago perch l'aria associata alla lettera dell'alfabeto ebraico aleph. L'aria era vista come tramite tra Terra e cielo, anima o caldo respiro, "la sostanza molto sottile di Dio" e che porta nell'uomo l'entusiasmo, (inspirazione di Dio, von Franz). In genere si mette Il Mago in connessione con il pianeta Mercurio, sebbene altri lo colleghino all'elemento fuoco, al Sole, all'Ariete o al Leone. Mentre sia l'aria che Mercurio sembrano corrispondere in un certo senso all'energia della carta (l'aria perch simbolo del respiro divino e Mercurio per la sua

connessione sia con il Mercurio alchemico sia con Hermes, il messaggero degli dei), n il sole n i segni di fuoco prima menzionati sembrano farlo allo stesso modo.

CABALISTICAMENTE PARLANDO... La prima emanazione kether un aspetto esterno di Ain Sof. L'infinito diventa manifesto attraverso una contrazione (zimzum) in Kether, la prima sephira. L'albero cosmico cresce verso il basso a partire dalle sue radici attraverso questa prima sephira : da qui emanano successivamente tutte le altre sephirot, rivelando ciascuna uno scalino ulteriore del processo divino. PSICOLOGICAMENTE... questo primordiale nulla, dal quale emanano tutte le altre sephirot, pu essere interpretato come se tutto traesse origine dall'inconscio collettivo, una totalit completamente indifferenziata che appare in un'abbondanza di immagini e archetipi. (Hurwitz) ALCHEMICAMENTE...Al principio Uno, maschile e solo; da quell'Uno ha origine l'intera creazione. La formula chiave che esprime l'idea del convergere della prima e dell'ultima materia, che pervade l'essenza stessa dell'Alchimia dal suo inizio alla fine : Unus est lapis, una medicina, unum vasum, unum regimen, unaque dispositio". [JUNG: Mysterium coniunctionis - pg.205] In accordo con ci che afferma Jung, la prima materia nella sua vera apoteosi una luce sopra tutte le luci, un potere che contiene tutti i poteri delle regioni inferiori e superiori. Il centro, idea fondamentale nell'Alchimia, contiene il punto indivisibile che eterno ed indistruttibile, la sua controparte fisica l'oro, simbolo d'eternit. Il Mago personifica il pensiero che precede la nascita di un'idea., l'istante inconscio tra due momenti consci, la ricerca del tesoro che visibile ed invisibile al momento stesso. Intorno al Mago, principio maschile si estende l'elemento generativo femminile

dentro cui si pu differenziare l'elemento creativo, senza questa differenziazione l'eterno rimane non-manifesto. Il riconoscimento diventa possibile solo quando l'unit pu specchiarsi nella dualit.

L'attivit del Mago genera un'impercettibile vibrazione. E' il motore di tutto ci che si muove, del flusso di coscienza, del flusso di nutrimento. E' energia, suono/luce, volont focalizzata, paradosso. Ci mette a confronto con la realt duale di Dio, unit e molteplicit, luce ed oscurit,esistenza ed essenza. E' contemporaneamente il trascendente, dall'aspetto immutabile, rimanendo immobile in se stesso. Potere, espansione, eternit ma anche fase iniziale del dualismo di corpo/anima. In questa dualit di spirito e materia possiamo penetrare ed andare in profondit nel processo creativo, mutabile manifestazione di un processo ciclico; l'anima collega spirito e corpo; il luogo della consapevolezza emotiva e mentale, sottile e densa nello stesso momento; il corpo materiale, vita, coscienza; rappresenta i poteri creativi che usano il proprio tempo per espandersi e prendere forma.Il Mago fornisce la scintilla iniziale dell'unit fondamentale tra l'individuale e l'universale, l'effimero e l'eterno, il punto centrale e la circonferenza infinita, la goccia d'acqua che contiene l'Oceano. A livello personale, per Jung Il Mago rappresenta una figura paterna negativa, l'animus della Terribile Madre o la personificazione dell'acqua della Morte. Jung vede in quest'arcano una figura archetipica che esprime il non conosciuto , un sentire non attribuibile all'umano e tutti quegli attributi che non possono essere collegati alla personalit umana. Per Jung Il Mago rappresenta la personificazione di un'energia veramente potente, ambigua ed ambivalente, che possiede le chiavi del Paradiso perduto. L'energia emanata dal Mago pu essere identificata con l'immagine dello sciamano. L'energia emanata dal Mago affluisce al centro della personalit e promuove il passo successivo sulla strada della propria individuazione. Jung spinge a fare attenzione al pericolo associato con l'identificazione di chi si prende cura degli altri con questo archetipo. Pericolosa , in questo senso, la seduzione per l'analista che attirato verso un'identificazione inconscia con le forze archetipali, forze che chiamato ad evocare. Nella loro professione, sono tutti a rischio, come sottolinea Guggenbuhl-Craig nel suo Power in the Helping Professions, ma come junghiani, il pericolo aumenta, perch il lavoro nella sessione analitica costellato di materiale archetipale. Pi la gente si rivolge agli analisti Junghiani nella speranza di trovare una guida per la loro ricerca spirituale, maggiore deve essere per gli analisti la necessit di essere consapevoli di ogni non elaborato aspetto della loro psiche, che potrebbe rimanere imbrigliato nelle alte vette del proprio se ideale. Solo quando il terapeuta riesce a vedersi come un mero canale di trasmissione di energia guaritrice pu avvertire il pericolo di auto e altrui distruttivit in un' identificazione con l'archetipo dello sciamano. L'analista deve essere in grado di

emerger da un'esperienza nel mondo sciamanico, deve mantenere quest'esperienza nel temenos dello spazio terapeutico e lasciarsi tutto alle spalle finito l'intervento. L'abito sciamanico deve essere lasciato nell'armadio dello studio e l'analista deve recuperare il proprio ego prima di uscire dallo studio.

Il Mago indossa il cappello con il simbolo dell'infinito e tiene una bacchetta nella sua mano sollevata. Sul tavolo davanti a lui ci sono una coppa, una spada ed una moneta (4 simboli degli Arcani Minori:Bastoni, Coppe, Spade, Ori). Fuori dell'infinito appare questo punto di passaggio, dall'innumerabile appare l'1. Lao Tzu definisce questo come il pi misterioso degli eventi: la rivelazione del non creato. In realt qui noi ci troviamo davanti alla porta della rivelazione: al di l dell'inafferrabile, dell'informale, il primo essere con sembianze umane creato e da lui tutto prender forma.Le pietre per tutte le costruzioni vivono in potenza davanti a lui, la bacchetta simbolo del maschile, la coppa simbolo del femminile, la spada unione dei due aspetti ed il denaro, che la negazione dei due. Questi 4 simboli sono anche connessi con i 4 elementi, i 4 mondi e le 4 funzioni.

Il Bastone (la bacchetta) indica quintessenza, ritmo ciclico della natura, vento, legno, Evoca creazione, attivit, movimento verso un obiettivo preciso, comunicazione su livelli equivalenti o diversi. Pu significare impedimento, regole, tempo e spazio, morte e resurrezione. Attraverso questo simbolo ci ricordiamo che Dio ha ordinato ad Abramo di sacrificare il figlio, che poi lui sostituir con una capra. Attraverso la bacchetta che il Mago tiene verticale il fuoco sacrificale stato acceso attraverso un fulmine che percorre la bacchetta stessa.Non difficile associare questa immagine con il fulmine che inizia sull'albero della vita in Kether, la Corona (associata al Mago) , e discende attraverso tutte le sephirot fino a raggiungere Malkuth, il regno, ultima e decima sephira. La bacchetta tenuta nella mano sinistra sollevata verso l'alto a significare che Il Mago sa ed ha fatto esperienza dei principi eterni a cui tutto ci che nasce e muore sottoposto. E' connesso al cielo e al non manifesto. La baccchetta un simbolo di potere e comando, del principio maschile, della volont, dell'azione, della forza e della dignit. I due estremi di ciascun bastone indicano la presenza di una polarit e che tutte le dualit possono essere integrate in un'unit, che tutti gli opposti hanno un'origine in comune , equilibri e punti in comune. Il bastone pu anche essere visto come una lancia, una fiocina o un raggio, pu essere il bastone attorno a cui si attorcigliano i due serpenti di Asklepios. Pu diventare esso stesso un serpente, come successe quando Abramo colp il terreno con il suo bastone. Come serpente rappresenta la coscienza emergente, la trasmutazione, la rinascita, un simbolo del mondo ctonico, freddo e contemporaneamente ardente,conscio e primitivo.Per concludere il bastone indica che si in movimento, che si sta agendo, che l'energia con cui abbiamo a che fare diretta ed attiva, indica comando, radicamento,legge e disciplina, materia, spazio, tempo, morte e nuovo inizio, qui ed ora, connessione e separazione, protezione, concentrazione.

La coppa rappresenta il femminile, il contenitore,chi d forma,immaginazione, amore, bellezza, saggezza e giustizia. La coppa apertura della mente e dello spirito. Pu evocare l'immagine della coppa amara del sacrificio e della sofferenza.

La spada, che con l'elsa descrive una croce, simbolo dell'unione del femminile e del maschile, la riconciliazione degli opposti, il coraggio, l'entusiasmo, la passione e la trasformazione. la componente discriminante, il pensiero analitico, il linguaggio creativo, la capacit di scindere in pezzi.

Il denaro rappresenta la materia in cui sono incorporati i valori spirituali, la vita esteriore,la gente ed il potere di generare, il possesso di denaro, il commercio e la transazione. I denari portano a riflettere sui valori veri e falsi che portano a promuovere la vita o a distruggerla. Nell'essere oro e terra un altro simbolo di dualit compresa in un'unit, questa volta il riferimento simbolico alle due facce della moneta. Spinge all'adattamento alle condizioni di vita e indica l'intelletto, che come il denaro pu essere usato, moltiplicato, scambiato o falsificato. Il Mago ci riporta anche ad Hermes e Toth, dei dell'intelligenza e della magia e a mercurio, protettore dei mercanti e dei ladri. Il tavolo rappresenta un altare, un luogo per sacrifici. Le tre gambe visibili suggeriscono le tre dimensioni, le tre sephirot superne, mentre la quarta gamba invisibile pu suggerire la sephira invisibile Daat, la conoscenza. Psicologicamente possono rappresentare le tre funzioni consce, mentre la quarta pu evocare la funzione inferiore, trattenuta dall'inconscio. Possono essere anche considerate come le tre sostanze di base usate dagli alchimisti: zolfo, mercurio e sale (ardente principio solare, principio connettivo lunare e solido principio di terra).

Il fiore non aperto ai piedi del Mago denota il primo passo nell'iniziazione, corpo di luce, resurrezione. Indica un segreto trattenuto, amore, intossicazione, dimenticanza, assimilazione e trascendenza dei 4 elementi. Collegato a Mercurio ed alla quintessenza stessa, la cosa pi nobile che pu essere ricercata nella meditazione, il suo umore era

descritto come Mercuriale ed incombustibile, segno certo della sua natura incorruttibile ed eterna. In certi casi pu anche rappresentare la figura dell'adepto alchimista che di sua volont, si fa cosa sola con la sua pozione. Si dirige verso il sole per assorbire completamente la potenza dei suoi raggi. Simbolizza la creativit giocosa, la trascendenza,la totalit del s, la pressione verso l'autorealizzazione, l'unit/molteplicit, la liceit. I piedi del Mago formano un angolo retto, cos come i piedi dell'Innamorato, che in quel caso simbolizzano le decisioni fatidiche da prendere ai crocevia della vita. Qui sottolineano l'importanza dell'equilibrio tra pensiero corretto e azione corretta.

La complessa figura del Mago ci mette a confronto con la sua dualit. Le sue mani puntano una verso l'alto ed una verso il basso, ci mostra che lui uno che agisce, ma anche osserva. Deve essere consapevole delle sue azioni e deve riuscire a visualizzare le sue immagini. Come artigiano ci mostra che dobbiamo prendere la vita nelle nostre mani e provvedere a procurarci gli strumenti necessari. Il Mago un vasaio che crea un vaso con il suo tornio a partire da un grumo di argilla. Anche se questa sua realizzazione sulla terra, verso cui punta la sua mano destra non tutto. Oltre il mondo fenomenologico intesse la sua realizzazione:"Come in alto cos in basso."

Il simbolo di infinito del cappello significa la vittoria dello spirito eterno, l'Uno, l'inizio del ciclo vitale, la polarizzazione della luce iniziale. Dall'inizio l'umanit ha intuito che nessuna energia persa nel Tutto. Quest'intuizione sintetizzata nell'immagine dell'Uroboro, un serpente che si morde la coda. (Una leggenda ebrea racconta che il mondo finir quando il serpente liberer la coda.) In

questo serpente sono raccolti il mondo materiale, intellettuale e spirituale che sono necessari per la costruzione del cosmo. Le 4 zampe con cui rappresentato l'Uroboro simboleggiano i 4 elementi con cui Il Mago lavora.

Per concludere, Il Mago rappresenta l'energia vitale cosmica, infinito, unit chiusa e rotonda, interpenetrazione dei 4 elementi, vibrazione dell'etere, movimento, connessione, vento e legno, come quinto elemento della totalit, costante flusso di vita e coscienza, le possibilit di conoscenza dell'umanit, l'azione che mira alla non azione, l'evoluzione ciclica senza inizio n fine. Il Mago rappresenta l'integrazione tra micro e macrocosmo, la spirale come incremento di tensione, la riserva energetica, il paradiso spirituale che che il sole persegue nel suo corso, il cuore divino come nucleo di significato, fuoco spirituale che si esprime in luce e vuoto. Rappresenta la natura duale del principio maschile che si sviluppa nel tempo nella molteplicit delle individualit e degli istanti sfuggenti nella morte. (il processo della vita in regressione). Liberamente tradotto da Irene Gad "Tarot and Individuation"

TAROCCHI: Piccolo come il Puer, grande come il Mago...

"Innalzati oltre ogni altezza, discendi oltre ogni profondit; raccogli in te tutte le sensazioni delle cose create, dell'Acqua, del Fuoco, del Secco, dell'Umido. Pensa di essere simultaneamente dappertutto, in terra e mare e cielo; che tu non sii nato, che sia ancora embrione;giovane e vecchio, morto e oltre la morte. Comprendi tutto insieme, i tempi, i luoghi, le cose: le qualit e le quantit". Cos come Il Mago, che nei Tarocchi associato al numero 1, racchiude il tema archetipico degli inizi cos il Puer abbraccia la totalit dei primordi, giovanile avidit di esperienze. E' dotato di energia e vitalit che gli scorre addosso come argento vivo e che alimenta il suo temperamento mercuriale. Rappresenta la componente "eternamente giovanile" di ogni psiche umana, sempre pronta ad esplorare, curiosare, sperimentare, ricominciare ...senza disdegnare tratti mercuriali come la trasgressione e l'irriverenza, l'astuzia e la scaltrezza. L'archetipo del puer contiene in potenza la pienezza e e l'impulso fondamentale della personalit a realizzarsi come totalit. E' ancora una nullit ma anticipa la matura completezza del s. La ricchezza delle potenzialit ancora vuota di concretezza e le sollecitazioni sono ancora frenetiche e dispersive. Si alternano sentimenti contrastanti di potenza e impotenza dovuti al fatto che Il Mago sar una personalit piena e ricca in futuro, ma nel presente si percepisce misero come una nullit. Nel puer e nel Mago si collocano anche i tratti pi tipici del narcisismo: un'immagine dilatata e contemporaneamente squalificata del s, l'esibizione di talenti personali che talora scade in esibizionismo, la spontaneit dell'impulso vitale e il disperdersi nello spontaneismo, la leggerezzaa dell'atteggiamento ludico e l'inconsistenza del buontempone, la potenza del sogno e il crollo dell'illusione. Matto e puer attivano un'infaticabile tensione innovativa, un incessante accrescimento dell'individuo in evoluzione; Il Mago non solo un illusionista, ma anche un

operatore di prodigi, non solo puerile ma anche "mago" in senso letterale. Mago deriva dall'iraniano "magush" che significa grande e da cui derivano anche magnus e magno. Ha in s quindi la capacit di ingrandire, magnificare, rendere grande l'individuo inconscio delle origini. La bacchetta magica che tiene nella mano fa riferimento al pensiero magico e alle fantasie di onnipotenza del mago, ma anche al suo potere trasmutativo e ai salti metamorfici che egli prepara. Viene anche interpretata come caduceo mercuriale , verga attorno alla quale si avvolgono due serpenti con andamento simmetrico e opposto, che rievocano una ricomposizione possibile e auspicabile delle conflittualit, un'integrazione delle contraddizioni. E' anche la verga con cui Mos percosse la roccia e fece sgorgare l'acqua della vitalit, il bastone che il celebrante batte in terra facendo aprire le porte delle Cattedrali: immagine simbolica del potere di accedere alle risorse e alla vitalit dell'inconscio. Il Mago attiene anche al seme di irripetibile individualit che fa di ogni individuo una singolarit. Una delle allusioni pi forti dal punto di vista simbolico a questo nucleo dato dal cappello. Il cappello un equivalente simbolico dell'individuo: un tempo,infatti, una persona appoggiava il cappello per riservarsi un posto. Nell' arcano del Mago c' una vistosa accentuazione del cappello per indicare che gi presente un seme di unicit individuativa. Il Mago non coltiva la molteplicit delle manifestazioni, ma ricerca la realt ultima dell'essere in s: non insegue illusioni, ma sviluppa il disegno evolutivo, lavora alla magia del potenziale che diventa reale. Combina la vivacit del puer e la saggezza del senex, con cui orienta il cammino evolutivo dall'amore per la totalit al cammino verso la completezza, coltivando la pienezza individuale. "Conosci l'Uno, conoscerai il Tutto" Ramakrishna Liberamente tratto da Widmann "Gli arcani della vita"

I TAROCCHI I DUE INIZI 1. IL MAGO 11. LA FORZA

1. il numero della creazione,dell'inizio, dei primi impulsi, o la fonte di energia. Le persone il cui nome vibra con questo numero sono destinate ad aprire vie. Per la maggior parte della vita sono stati capi e pensatori lungo nuovi orientamenti, e sono di solito popolari in qualsiasi sfera sociale si muovano. Hanno un pensiero costruttivo e amano sempre fare qualcosa di nuovo e fuori dell'ordinario. Non seguono il cammino degli altri e in genere hanno il coraggio delle loro opinioni. In questo numero vi anche un livello inferiore. Coloro che rispondono a questo piano pi basso sono eccentrici, egoisti, alteri, autoritari e superbi.

L'11 il primo Numero Mastro e come tale molto esigente, una prova, una sfida per le vibrazioni che favoriscono le grandi decisioni. Domina sull'intelligenza dell'uomo e la governa. Infatti il numero delle grandi menti, dei creativi. Se ben gestito pu condurre al successo improvviso e al plauso delle masse. Ma bisogna sempre cercare di eliminare anche il pi piccolo errore, altrimenti altrettanto improvvisa sar la caduta. Gli antichi Ebrei consideravano l'11 come il numero di Lilith, quella forza femminile serpentina che indusse Eva alla disobbedienza e che a sua volta indusse Adamo a subirla. L'Arcano Maggiore 11, ovvero "La Forza" mostra quanto sia necessario possedere forza di volont, forza spirituale, coraggio, fermezza, per controllare la furia del Leone che, nella carta, la fanciulla cerca di dominare.

Il Mago intraprende un'opera spirituale, mentale e forse emozionale collegata ad un saper fare e al desiderio di raggiungere la conoscenza.

"...Io Il Mago mi colloco in questo crocevia di eternit ed infinito che chiamo presente. Sono fedele a tutto quello che sono: il mio corpo, la mia intelligenza, il mio cuore, la mia forza creatriva. Il mio tavolo color rosa carne ha le tre gambe saldamente piantate nel suolo, e io sono ancorato da qualche parte nella diversit e da quel punto agisco. Tra le infinite possibilit ne scelgo una, la mia moneta d'oro, punto di trazione che mi conduce alla totalit."

La Forza rappresenta la presa di contatto con le energie istintive e animalesche, con il femminile, la creativit, la libido, la voce dell'inconscio.

"...Lascio circolare nel mio corpo, dal basso verso l'alto come le onde di un oceano in tempesta, l'impulso sublime e feroce di cui il mondo ha bisogno...E' un caos incommensurabile che prende forma dentro di me. Nel mio grembo si uniscono un diavolo ed un angelo, formando un vortice. Come un albero distendo i rami verso il cielo ma nello stesso tempo affondo con Forza le radici nella terra..." Il Mago contribuisce all'Opera con il suo entusiasmo spirituale e con il desiderio di addentrarsi nei misteri dello Spirito. La Forza, invece, penetra profondamente dentro se stessa e nella materia e ne fa emergere le forze sessuali, creative e telluriche. Questi due aspetti si completano come le radici ed i rami di un albero. La pianta per crescere deve affondare nella terra per sostenersi e nutrirsi e deve innalzarsi verso il cielo per contattare la luce. La Forza senza il Mago rischia di cadere nella Passione o nella repressione estrema: non ha parole per esprimersi , nessuna struttura per dispiegarsi. Il Mago senza la Forza debole. Corre il rischio di diventare superficiale e instabile, condannato ad una concezione intellettuale di se stesso in cui il pensiero diventa un circolo vizioso che ignora la voce della profondit. Liberamente tratto da "La via dei Tarocchi" di Jodorowsky e Costa

NUMEROLOGIA E TAROCCHI: Cenni... 1


domenica, settembre 02, 2012Centro Benessere Dell'Amore0 commenti

Il Numero 1 riguarda il primo punto di contatto con l'esistere. Se consideriamo che prima dell'unit, c'era il NULLA (0) incominciamo a comprendere la grande rilevanza del NUMERO 1. Efficacemente, cambia il paesaggio. Quando incontriamo il NUMERO Uno nella nostra vita o nelle carte ci viene chiesto di riconoscere Cosa usare per fare iniziare la fiamma . In altre parole, siamo spindi a cercare cosa pu in qualche modo riaccendere la nostra vita. Questa analogia meglio illustrata attraverso alcune domande che possono porsi quando ci si confronta con il significato legato al simbolo 1: Qual il punto di partenza che pu far luce nella mia vita? Da dove devo partire per andare nella direzione desiderata? Dove si trova il punto di ingresso? Quella porta in cui poter entrare al fine di vedere con chiarezza e poter cambiare il mio paesaggio? In alternativa, il significato di 1 potrebbe essere anche quello di completamento. Come l'Alfa strettamente legata all'Omega, cos l'inizio di un'opera strettamente collegata al suo completamento. Mentre contempliamo il significato dell'1 siamo ancora immersi in parte nel completamento di qualcosa che si sta esaurendo, dobbiamo prendere coscienza che La Ruota della Fortuna sta voltando verso un nuovo inizio. Infine, e forse il pi importante significato del numero uno che ci ricorda di mettere a fuoco. E 'solo attraverso la concentrazione che siamo in grado di realizzare qualsiasi

cosa. Con unicit di mente, corpo e spirito non c' fine al nostro potenziale. In questa luce, siamo in grado di identificare il nostro obiettivo e focalizzare il nostro scopo principale (che, idealmente, potrebbe essere quella di facilitare la conoscenza di s e scoprire la propria essenza). Alcune parole legate al Numero 1: Volont Forza Guidare Unit Mettere a fuoco Azione Visione Chiarezza Iniziazione Scopo Ambizione Solidariet Restringimento Inizi Alcune immagini legate al Numero 1: Porta - Un modo, una via d'uscita Strada - Un percorso in una nuova direzione Persona che cammina- Un movimento in una direzione Freccia - Colpire il bersaglio mirato Spada - Per procurare una fesuura e vedere con chiarezza Costruire - Raggiungere altezze sempre maggiori Associazioni comuni al Numero Uno: Tarocchi: Il Mago, La Forza,Il Sole, Asso di Spade, Asso di Bastoni, Asso di Coppe, Asso di Denari Colori: Bianco e Rosso Lettere: A, J e S Cabala simbolo: Aleph Zodiacale: Nettuno, Urano, The Sun Personalit potenziale:Coloro che sono in sintonia con il numero uno sono determinati e ambiziosi, puntano a completare ci che hanno iniziato. La loro capacit di concentrazione incredibile, e possono concentrarsi anche in mezzo al caos che li circonda. Come persone sono generalmente obiettive e scaltre, in grado di prendere decisioni difficili con facilit. A volte queste persone sono testarde, ostinate e un po' egocentriche. Tuttavia, quando queste persone si trovano incamminate in un percorso o si sono poste un obiettivo costruttivo, essi eccellono. Quando esiste un obiettivo, questo adombra l'ego e il fatto di avere uno scopo mette il soggetto in sintonia con la vibrazione giusta dell'1 e lo guida quindi verso il successo.successo.