Sei sulla pagina 1di 2

Evandro Agazzi: La crisi della scienza: la svolta linguistica

www.filosofia.rai.it

La Citt del Pensiero Le puntate de Il Grillo Tommaso: il piacere di ragionare Il Cammino della Filosofia Aforismi Tv tematica Trasmissioni radiofoniche Articoli a stampa Lo Stato di Salute della Ragione nel Mondo Le interviste dell'EMSF I percorsi tematici Le biografie I brani antologici EMSF scuola Mappa
Copyright Rai Educational

Interviste Evandro Agazzi

La crisi della scienza: la svolta linguistica


8/11/1993

Documenti correlati

Evandro Agazzi pone in rilievo il significato e i limiti della cosiddetta svolta linguistica della filosofia contemporanea, paragonata, come atteggiamento teoretico, alla scoperta della soggettivit nella filosofia moderna. Infatti, come quest'ultima sfociata nell'idealismo, cos dopo la svolta linguistica, la filosofia della scienza rischia di chiudersi in una concezione che pone il linguaggio come un orizzonte intrascendibile. Si rischia cos di dimenticare che gli enunciati teorici della scienza hanno una componente di referenzialit che servono a stabilire la loro verit o la falsit immediata . Le proposizioni scientifiche, prosegue Agazzi, si distinguono da altri tipi di proposizioni in quanto sono riconducibili a quelli che Aristotele chiamava enunciati apofantici, suscettibili di essere veri o falsi e distinti dai comandi o dalle preghiere. Il fatto che abbiano una strutturazione sintattica o che abbiano un significato, non basta a misurarne la verit, che data dallo stato di cose che esse descrivono . Anche quelli che sembrano solo costrutti teorici (come le particelle elementari, i quark o gli elettroni) devono esistere per corrispondere alle proposizioni su di essi; potremmo qui parlare anche di un genere di esistenza come quello degli oggetti intenzionali, dei noemi di cui parla Husserl o dei sensi di Frege, ma tale esistenza, per Agazzi, pu essere sufficiente per gli oggetti matematici, mentre per le proposizioni scientifiche che implicano esperimenti di laboratorio occorrono ulteriori criteri di referenzialit . Agazzi condivide la tesi per cui esistono tanti tipi di realt quante sono le teorie scientifiche, intendendo la realt come un concetto analogo e non univoco, nel senso scolastico dei termini . Agazzi controbatte a chi sostiene che la scienza ci fornisce un sapere soltanto probabile, ribadendo che quello che in forse non il valore di verit degli asserti scientifici, bens la loro pretesa di avere una portata assoluta . Agazzi conclude sostenendo che la

http://www.emsf.rai.it/interviste/interviste.asp?d=220[20/12/2012 15:51:20]

Evandro Agazzi: La crisi della scienza: la svolta linguistica

scienza ci fornisce un sapere delimitato da un determinato campo di oggetti. Il conoscere scientifico procede in modo critico, per cui la stessa esperienza dell'errore ci convince della rivedibilit del sapere ma non certo del fatto che ci sbagliamo in ogni circostanza. quindi da escludere ogni conclusione scettica. Napoli, Vivarium, 8 novembre 1993 Biografia di Evandro Agazzi Interviste dello stesso autore La crisi della scienza: ancora possibile parlare di progresso? Partecipa al forum "I contemporanei"
Tutti i diritti riservati

http://www.emsf.rai.it/interviste/interviste.asp?d=220[20/12/2012 15:51:20]