Sei sulla pagina 1di 51

ACIREALE (CT) ITALY

PIANO DELLOFFERTA FORMATIVA


ANNO SCOLASTICO 2012 - 2013

LICEO SCIENTIFICO-LINGUISTICO STATALE ARCHIMEDE


C.P.S. CENTRO POLIFUNZIONALE DI SERVIZIO

Via L. Ariosto,37 95024 ACIREALE (CT) tel. 095 / 7633723 fax. 095 / 601378 Codice istituto: CTPS01000D e-mail: ctps01000d@istruzione.it PEC: liceoarchimede.ct.protocollo@postacertificata.gov.it web: www.liceoarchimede.it
Sez. associata: Aci Bonaccorsi c/o Istituto Suore Canossiane - tel/fax 095/7901365

La cultura lunico bene che, quando viene distribuito,


aumenta di valore
Hans Georg Gadamer

Indice
Linee-guida strategiche del liceo Dati generali sullIstituto Il contesto socio-economico, culturale e formativo della scuola Presentazione dellIstituto Interventi per il successo scolastico e per la promozione culturale Risorse interne alla scuola Organigramma dellIstituto Consiglio dIstituto Giunta esecutiva Organo di garanzia previsto dallo Statuto degli Studenti e delle Studentesse Aree di referenza ministeriali Organizzazione della sicurezza Finalit dellazione educativa Articolazioni collegiali e strategia curricolare Verifica e valutazione I.N.V.A.L.S.I. Interventi Didattici Educativi Integrativi (IDEI) Obbligo scolastico e formativo Educazione alla salute Monitoraggio e valutazione del POF Rapporti Scuola-Famiglia Attivit curricolare: Liceo Scientifico Tradizionale vecchio ordinamento Liceo Scientifico con il Piano Nazionale Informatica (P.N.I.) vecchio ordinamento Liceo Linguistico (c.m. 27/91) vecchio ordinamento Liceo Scientifico Bilingue (c.m. 198/92) (sez. C ) vecchio ordinamento Liceo Scientifico nuovo ordinamento classi prime e seconde (d.p.r. 15/03/2010 n89) Percorsi integrativi, di approfondimento e di ampliamento dei curricoli. 1. Progettualit orientativa e formativa trasversale in linea con le finalit generali del POF; Progettazione dipartimentale:
Dipartimento di matematica e fisica Dipartimento di scienze Dipartimento di lettere Dipartimento di storia e filosofia Dipartimento di lingue e letterature straniere

4 5 6 7 10 12 13 17 17 18 18 19 21 23 25 27 27 28 28 28 29 29 30 30 31 33 35 36 37
39 41 42 42 44

2. Progetti proposti dagli studenti 3. Formazione in servizio 4. Piano integrato degli interventi FSE e FESR Viaggi distruzione e visite guidate Elementi di supporto organizzativo e didattico Patto di Corresponsabilit 5 3

45 45 45 46 48 49

Linee-guida strategiche del Liceo


2012 2013
Il PIANO DELLOFFERTA FORMATIVA, previsto dal D.P.R. n. 275 /1999 predisposto e approvato dagli Organi collegiali di questo istituto, tenendo conto della realt socioculturale ed ambientale della scuola, degli obiettivi specifici degli indirizzi di studio e ispirandosi ai principi sanciti dalla Costituzione e dalla Dichiarazione internazionale dei diritti umani. Il Piano dellofferta formativa (P.O.F.), sintetizza e presenta la politica scolastica, lorganizzazione didattica (curriculare ed extracurriculare) e gestionale dellIstituto in responsabile autonomia, allinterno del proprio territorio, inserendosi nellambito dei nuovi regolamenti dei licei che delineano gli obblighi formativi. Nel solco della continuit con gli anni precedenti, la Mission del nostro Liceo consiste nella formazione e crescita degli alunni come persone e cittadini, consapevoli di s e delle proprie scelte, capaci di misurarsi con la complessa realt delle relazioni sociali e culturali della contemporaneit. La piena valorizzazione delle libert e delle potenzialit del singolo, pu infatti realizzarsi solo mediante lesplorazione della dimensione comunitaria dellesperienza umana che lorizzonte stesso della formazione culturale. La centralit della dimensione culturale, conferisce unitariet a tutto il processo formativo, permeabile alle peculiarit ed alle esigenze del territorio. Quindi formazione culturale come strumento di crescita, una vera e propria cassetta degli attrezzi per interpretare la vita. (Bruner) Tutto ci si realizza garantendo nellattivit didattica, i saperi specifici essenziali delle discipline, ( cio quelle conoscenze e abilit che costituiscono lasse dei saperi fondamentali di ogni processo di insegnamento-apprendimento), e privilegiando quelle iniziative culturali e formative atte a potenziare ed arricchire lunit del sapere come cultura. Seguendo, pertanto, le linee guida della matetica, la figura dell alunno assumer, un ruolo centrale, considerando prioritarie e strategiche le iniziative culturali volte ad assicurare agli alunni sempre pi elevati standard di insegnamento, in considerazione del fatto che la scuola non solo preparazione alla vita, essa stessa vita. (Dewey). In conseguenza, i percorsi formativi, i cui obiettivi e linee di azioni saranno finalizzati ad offrire opportunit critiche diversificate di apprendimento agli studenti, in risposta ai diversi bisogni formativi e culturali, diventano componenti strutturali e trasversali delle discipline, che privilegiano linnovazione e la ricerca come risorse di miglioramento delle strategie educative e delle modalit operative, e il monitoraggio e la valutazione come habitus professionale dellattivit dei docenti, al fine di garantire efficienza ed efficacia al processo formativo. In questa ottica il Liceo Archimede persegue mete educative attraverso la realizzazione di azioni progettuali a forte valenza formativa ed opera scelte didattiche fondate sui valori condivisi dellinterculturalit, della solidariet, della tutela dellambiente, delle pari opportunit e della legalit, che possano promuovere atteggiamenti di scambio e di apertura allaltro, di rispetto delle persone come valore e delle cose. 4

DATI GENERALI SULL ISTITUTO

Numero allievi : Numero classi : Sezioni ad indirizzo tradizionale:

1663 71 D, E, F, G, H, I, N, O, P, M (vecchio ordinamento per gli ultimi due anni) A-B (sede di Aci Bonaccorsi) (vecchio ordinamento per gli ultimi due anni) 3 A / B Piano Nazionale di Informatica (vecchio ordinamento) 2 bilinguismo C (vecchio ordinamento) 5 cinque classi linguistico (sezioni AL / BL) (vecchio ordinamento) 4 prime classi linguistico (sezioni AL / BL /CL / DL) (nuovo ordinamento) 2 seconde classi linguistico (sez. AL / BL) (nuovo ordinamento) 3 terze classi linguistico (sez. AL / BL / CL) (nuovo ordinamento) A, B, C, D, E, F, G, H, I (nuovo ordinamento) 123 4 2 3 10 8 20

Numero corsi sperimentali:

Numero corsi ad indirizzo scientifico:

Numero docenti: Numero funzioni strumentali: Numero collaboratori del Dirigente Scolastico: Numero docenti incaricati di supporto alla dirigenza nominati dal Collegio dei docenti: Numero assistenti amministrativi: Numero tecnici: Numero collaboratori scolastici:

CONTESTO SOCIO - ECONOMICO, CULTURALE E FORMATIVO DELLA SCUOLA


Il Liceo Archimede di Acireale ha un bacino di utenza di 1660 studenti mediamente dai quattordici ai diciannove anni, residenti per lo pi nel comprensorio acese, che consta di diversi centri urbani quali Acireale, Aci S. Antonio, Aci Bonaccorsi, Acicatena, Aciplatani, Aci S. Filippo, Acicastello, Acitrezza, e nella fascia pedemontana a sud-est dellEtna che comprende paesi come Nicolosi, Pedara, Trecastagni, Viagrande, Valverde, Zafferana, Milo, S. Venerina. .

Leconomia della zona principalmente legata al terziario, specie nel campo dei servizi e del pubblico impiego, mentre il commercio vanta diverse imprese di vendita sia al dettaglio che allingrosso. Di rilevante importanza il settore dellindustria turistica. Il territorio si caratterizza, infatti, per le sue bellezze paesaggistiche di tipo costiero e montano offrendo servizi turistici qualificati. La citt di Acireale tradizionalmente attiva sul piano culturale e la nostra scuola si inserisce in questo contesto promuovendo attivit di studio e di valorizzazione delle risorse ambientali, produttive ed umane del territorio e fornendo un particolare supporto formativo al mondo giovanile dellhinterland. Il nostro istituto potenzia lofferta culturale del territorio fornendo un servizio di biblioteca aperta al pubblico, in linea con la prestigiosa tradizione rappresentata dallantica biblioteca Zelantea di Acireale.

PRESENTAZIONE DELLISTITUTO
L istituto si colloca fra le istituzioni pubbliche pi antiche e di prestigio della zona. E stato fondato dal Comune di Acireale nel 1921, nei locali di via Ruggero Settimo; ha funzionato come scuola parificata di propriet comunale fino al 1961 quando stato riconosciuto istituto statale.

Nel 1981 si trasferito negli attuali locali di via L. Ariosto, 37 e nel 1989 si inaugurata la sezione maxisperimentale a indirizzo linguistico. Nel 2008 stata aperta una sezione associata con codice meccanografico proprio ad Aci Bonaccorsi Nellistituto sono presenti corsi ad indirizzo tradizionale quinquennio le seguenti sperimentazioni: 2. Bilinguismo (C.M. 198: Inglese e Francese) 3. Maxisperimentazione linguistica (C.M. 27/91). Tra gli altri eventi significativi della storia del liceo vanno ricordati: - la creazione di una Associazione Culturale Archimede, di cui fanno parte ex alunni e professori dello stesso Liceo; dal giugno del 2001, sul tetto della scuola, installato un osservatorio astronomico dotato di un potente telescopio in grado di raccogliere una quantit di luce circa 600 volte superiore a quella raccolta dallocchio umano. Moderne camere CCD e un secondo telescopio dedicato allo studio del sole completano una strumentazione di tutto rispetto; questo moderno laboratorio di astrofisica stato realizzato grazie al FESR B2 A conclusosi tra maggio e giugno 2012 7 e fino a completamento del

1. Piano Nazionale Informatica (PNI : Matematica e Fisica)

nellanno scolastico 2001-2002 stato inaugurato uno Sportello Multifunzionale per lOrientamento (EFAL) che consente agli alunni dellistituto di accedere a informazioni relative alle facolt universitarie sul territorio nazionale e sovrannazionale, alle scelte professionali e lavorative e alle offerte del territorio;
Lo sportello Multifunzionale EFAL

nellambito del progetto intitolato: Riqualificazione delle Aree a Verde e in collaborazione con la Provincia Regionale di Catania, stato realizzato, inoltre, un Giardino Didattico con 300 specialit di piante mediterranee e non;

Il Giardino Didattico

nel 2007 stata inaugurata la nuova sala-teatro intitolata al preside Giuseppe Bianca attrezzata per le videoconferenze e dotata di due schermi al plasma;

L'Aula Magna "G. Bianca" in occasione della giornata dell'accoglienza degli studenti delle classi prime

Il Dirigente Scolastico prof. Riccardo Biasco

il 20 giugno 2007 il Liceo Archimede ha conseguito la certificazione di qualit UNI EN ISO 9001:2008 per la progettazione ed erogazione di servizi di istruzione e formazione curriculari ed extracurriculari da parte dellIstituto di certificazione della qualit CERTIQUALITY di Milano (gruppo SINCERT), aderente allIQNET, riconosciuto in 36 Paesi europei ed extraeuropei. Nella.s. 2004-2005 listituto stato riconosciuto dal M.I.U.R. come Centro Polifunzionale di Servizio che opera, d'intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione, per la formazione dei docenti di ogni ordine e grado dellarea provinciale e per lattuazione, a livello nazionale e locale, di progetti formativi speciali.

Realizzato secondo uno standard avanzato, il Centro dotato di: o una biblioteca multimediale; o un laboratorio per lo sviluppo e laggiornamento di prodotti multimediali; o unaula per incontri con almeno una stazione di lavoro multimediale e un proiettore; o una sala per incontri e seminari; o un sistema di videoconferenza, un sistema di messaggistica e un software per la gestione di forum web/NewsGroup in grado di supportare iniziative di formazione o collaborazione in rete.

Sono state ampliate le risorse infrastrutturali con lacquisto di modernissime attrezzature informatiche, antenna parabolica, laboratori, lavagne interattiva multimediali (L.I.M.) e postazioni multimediali mobili, che consentono di adottare una didattica che si avvale del supporto delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione.

Le tecnologie informatiche vengono utilizzate per il rapporto con il territorio e le famiglie tramite il sito web della scuola e per la gestione della Biblioteca R. Livatino, il cui patrimonio librario di circa 16.000 volumi. Da giugno 2008 la Biblioteca della scuola aderisce al progetto proposto dalla Sovrintendenza per i BB.CC.AA. di Catania che mette in rete le pi importanti biblioteche della provincia. Lintero catalogo consultabile online sul sito http://opaccatania.ebiblio.it

Sono state stipulate convenzioni con vari enti (Provincia Regionale di Catania, Comune di Acireale, ASP n 3, Regione Siciliana, Universit di Catania, Enti di formazione professionale etc.) a testimonianza dellimpegno nella formazione qualificata in campo informatico e linguistico:

Local Academy della societ multinazionale informatica CISCO Systems;

Test Center autorizzato per gli esami di certificazione internazionale linguistica Trinity College, London.

Il Liceo accoglie le sempre pi numerose istanze degli studenti che scelgono di partecipare ad un programma di mobilit studentesca internazionale regolato dalla C.M. n 181 del 17/03/1997. La dimensione interculturale della formazione pu essere perseguita non solo attraverso lesperienza del periodo di studio allestero, compiuta dallo studente italiano, ma anche grazie allinserimento temporaneo di stud enti stranieri nelle classi. Questo tipo di di programma ha un alto valore formativo poich consente di sviluppare competenze specifiche e trasversali che concorrono alla crescita dello studente e possono avere una ricaduta positiva su tutta la classe.

La scuola si attiva per ottenere finanziamenti tramite progetti speciali del Ministero dellIstruzione, dellUnione Europea e da parte di Enti locali per lo sviluppo della so ciet dellinformazione, per larricchimento delle infrastrutture, per fornire servizi aperti al territorio e attuare misure dintegrazione tra il sistema di istruzione e formazione e il mondo del lavoro.

Interventi per il successo scolastico e per la promozione culturale


Tenendo conto dei risultati raggiunti negli ultimi anni di lavoro, degli obiettivi formativi trasversali del P.O.F., delle richieste dellutenza emerse dal monitoraggio del gradimento del servizio da parte dei genitori e degli studenti, del successo scolastico e dalle richieste esplicite emerse dal corpo docente nellambito degli Organi Collegiali, si individuano i seguenti impegni per lo sviluppo del progetto di Istituto al fine di assicurare un servizio quanto pi efficiente possibile: il monitoraggio e la valutazione dei processi di natura didattica; 10

il monitoraggio da parte dei coordinatori dei Consigli di Classe dei comportamenti scolastici degli allievi e limmediata segnalazione alle famiglie delle situazioni che presentano elementi di criticit; lintensificazione e la pianificazione dei rapporti con le famiglie; la formazione in servizio e laggiornamento dei docenti; lazione preventiva in accoglienza del biennio e del triennio per lacquisi zione dei prerequisiti (conoscenze e competenze di base) necessari alliter curricolare; lintensificazione delle azioni di sostegno e/o recupero rivolte agli alunni durante lanno scolastico; lampliamento dellintervento del Centro di Informazione e Consulenza per lascolto e lavvio a soluzione di problemi individuali e di gruppo; il servizio di counseling con docenti esperti ed in collaborazione con lo Sportello Multifunzionale per lOrientamento EFAL, ospitato nellIstituto, per attivit di rimotivazione per gli alunni in difficolt; il potenziamento delle dotazioni didattiche, multimediali e librarie.

Saranno attivati efficaci processi di Orientamento verso lUniversit, il mondo del lavoro e la Formazione Integrata Superiore attraverso: lincremento dei corsi di eccellenza per gli allievi con specifiche e spiccate attitudini, in collaborazione con Universit e/o Enti qualificati; la collaborazione con Centri di Formazione Professionale per ladempimento dellobbligo formativo; il servizio di counseling con docenti esperti ed in collaborazione con lo Sportello Multifunzionale per lOrientamento EFAL nellambito del progetto in rete Orientalfuturo; la valorizzazione della funzione trainante della Biblioteca Rosario Livatino, per la crescita culturale degli studenti e del personale della scuola, in sinergia ed in collegamento con il territorio; la valorizzazione dellOsservatorio Astronomico Archimede, con attivit di formazione e divulgazione per la scuola e per il territorio regionale, in collaborazione con gli astronomi dellOsservatorio Astrofisico di Catania.

11

Risorse interne alla scuola

La sede dotata di: 61 2 2 2 1 1 1 2 2 1 1 1 1 1 1 6 2 1 30 11 1 86 aule per le attivit ordinarie laboratorio multimediale linguistico laboratori multimediali informatici laboratori di disegno laboratorio di chimica e biologia laboratorio di fisica postazione di ricerca SeT (10 computer di cui 6 a disposizione dei laboratori di fisica e scienze e 4 mobili) palestre coperte adeguatamente attrezzate spazi esterni attrezzati per lattivit sportiva biblioteca informatizzata, con servizi di consultazione e di prestito libri aperta al pubblico sportello multifunzionale per lorientamento locale per il CIC e per le funzioni strumentali al piano dellofferta formativa videoteca aula magna/teatro per le riunioni collegiali e per attivit integrative di teatro e di musica, dotata di un sistema di videoconferenza interattiva sala dei professori locali per la presidenza e per gli uffici amministrativi locale per gli archivi cortile interno servizi igienici per gli alunni servizi igienici ascensore punti di accesso ad internet (cablaggio dellistituto).

La scuola dispone inoltre di attrezzature e materiali vari di tipo tecnico e scientifico, n 2 postazioni multimediali mobili, 17 L.I.M. e 9 notebook 12

La sede di Aci Bonaccorsi dotata di: 10 2 1 4+2 aule laboratori multimediali laboratorio di disegno servizi igenici

Organigramma dellIstituto
DIRIGENTE SCOLASTICO: DIRETTORE S.G.A: Prof. Biasco Riccardo Dr.ssa Torrisi Maria Grazia

COMPONENTI DELLO STAFF DI DIREZIONE:


Collaboratore vicario Prof. Scuderi Aldo 1) Funzioni vicarie e questioni generali. 2) Coordinamento Piano Attivit A.S. 2011-2012. 3) Organici Docenti e formazioni cattedre. 4) Gestione nomine docenti e rapporti con Ufficio Personale. 5) Gestione organico docenti (assenze, sostituzioni). 6) Ritardi e permessi uscite alunni. 7) Comunicati interni. 8) Gestione assemblee sindacali personale Istituto. 9) Gestione orario docenti. Collaboratore Prof.ssa Cariola Piera 1) Gestione assenze alunni e sostituzioni docenti. 2) Ritardi e permessi uscite alunni. 3) Comunicazioni interne. 4) Sostituzione Vicario Preside. 5) Gestione assenze docenti e sostituzioni. 6) Gestione verifiche dei verbali dei Consigli di classe. 7) Gestione Assemblee Istituto e di Classe 8) Gestione vigilanza alunni pausa di socializzazione. Collaboratore Prof. Mirabella Vincenzo 1) Responsabile Rete e Sito Istituto. 2) Coordinamento generale tecnologie didattiche. 3) Coordinamento e supporto informatico gestione Istituto. 4) Gestione Scrutini e comunicazioni impegni docenti altre scuole. 5) Responsabile dellorario scolastico 6) Ritardi e permessi uscite alunni. 7) Comunicati interni. Collaboratore Prof. Tosto Santo 1) Gestione verifiche, scrutini, corsi di recupero. 2) Gestione assenze e sostituzioni docenti. 3) Ritardi permessi ed uscite alunni. 4) Gestione Assemblee Istituto e di Classe. 5) Rapporti Scuola-Famiglia Alunni 6) Comunicati interni 7) Gestione vigilanza alunni.

13

8) Segretario del Collegio Docenti Responsabile sez. ass. Aci Bonaccorsi Prof.ssa Arcifa Rosaria 1) Sostituto Preside e Questioni generali. 2) Gestione orario docenti e sostituzioni. 3) Gestione assenze,ritardi e uscite alunni. 4) Rapporti Scuola-Famiglia. 5) Rapporti Uffici Sede Centrale. 6) Comunicati interni. Vice-responsabile sez. Associata Aci Bonaccorsi Prof.ssa Tomaselli Maria Grazia 1) Sostituisce la responsabile e ne integra le funzioni.

FUNZIONI STRUMENTALI
Lazione delle Funzioni strumentali svolta sempre di concerto tra le quattro aree, in accordo con il resto dello staff di direzione, ognuno con specifiche mansioni: Funzione strumentale Prof.ssa Rizzo Letizia Francesca Area 1 - Gestione del piano dellofferta formativa. a) b) c) d) e) Coordinamento delle attivit del P.O.F. Coordinamento della progettazione curricolare/extracurriculare Monitoraggio e valutazione delle attivit del P.O.F. monitoraggio dellautovalutazione dIstituto Coordinamento procedura I.N.V.A.L.S.I.

Funzione strumentale Prof. Di Legami Antonio Area 2 Predisporre materiali e percorsi di supporto allattivit dei docenti. a) Fornire ai nuovi docenti informazioni sulle finalit, sulla struttura organizzativa e sulle modalit operative dellistituzione scolastica. b) Supportare in itinere i docenti allutilizzo delle L.I.M . c) Produrre, raccogliere e riordinare il materiale prodotto nello svolgimento dellattivit educativa e didattica (archivio), promuovendone la digitalizzazione e obbedendo agli standard di qualit. d) Elaborare, sulla base delle esigenze formative emerse dai docenti, un piano di formazione per gli stessi. Funzione strumentale Prof.ssa Bonomo Claudia Area 3 Interventi e servizi per studenti. a) Coordinamento delle attivit extracurricolari: Coordinamento dei Coordinatori di Dipartimento Pubblicizzazione progetti agli studenti Predisposizione monitoraggio finale dei progetti Raccolta e informatizzazione del monitoraggio b) Coordinamento delle attivit di compensazione, integrazione e recupero. c) Progettazione dei Corsi di recupero e sostegno (IDEI) d) Orientamento Funzione strumentale Prof.ssa Mancari Anna Maria Area 4 Innovazione Ricerca - Qualit a) Rapporti con Enti certificatori di qualit. b) Cura della modulistica e della documentazione per una scuola di qualit. c) Responsabile attivit di C.P.S.

14

STAFF DI DIREZIONE
Preside Vice Preside Direttore S.G.A. Collaboratore Preside Collaboratore Preside Collaboratore Preside Responsabile Aci Bonaccorsi Funzione strumentale area 1 Funzione strumentale area 2 Funzione strumentale area 3 Funzione strumentale area 4 Biasco Riccardo Scuderi Aldo Torrisi Maria Grazia Cariola Piera Mirabella Vincenzo Tosto Santo Arcifa Rosaria Rizzo Letizia Francesca Di Legami Antonio Bonomo Claudia Mancari Anna Maria

COMITATO DI VALUTAZIONE
Membri: Prof.ssa Aleo Maria Assunta Prof.ssa Cariola Piera Prof.ssa Rizzo Letizia Francesca Prof.ssa Tosto Santo Membri supplenti: Prof.ssa Costarelli Rosanna Prof.ssa Lo Presti Felicia

COORDINATORI DEI DIPARTIMENTI


Presiede e coordina i lavori del dipartimento; convoca il dipartimento e ne stabilisce lordine del giorno; tiene i contatti con gli altri coordinatori di dipartimento e con lo staff di direzione. Coordina e calendarizza i progetti relativi alla propria area disciplinare di competenza; somministra il monitoraggio finale dei progetti extracurricolari relativi alla propria area disciplinare di competenza; tiene i rapporti con le Funzioni Strumentali

Dipartimenti
Materie/Dipartimento
Lettere Matematica e Fisica Storia e Filosofia Scienze - Chimica Disegno Storia dellArte Lingue Europee Educazione Fisica Religione

Coordinatore
Prof.ssa Prof. Prof.ssa Prof. Prof.ssa Prof.ssa Prof.ssa Prof.ssa Motta Agata Maccarrone Salvatore Sciuto Marinella Patti Giuseppe DAmbra Grazia Leonardi Vincenza Leotta Anna Ardita Maria Grazia

Direttori dei laboratori


Laboratorio
Laboratorio Linguistico Laboratorio Linguistico Multimediale Laboratorio di Fisica Laboratorio di Informatica 1 Laboratorio di Informatica 2 Laboratorio di Scienze Laboratorio di Disegno 1 Laboratorio di Disegno 2 Osservatorio astrofisico e laboratorio seT Impianti e attrezzature sportive Direttore della biblioteca Rosario Livatino Vice-responsabile Biblioteca R. Livatino

Direttore
Prof.ssa Prof.ssa Prof. Prof.ssa Prof. Prof.ssa Prof.ssa Prof. Prof. Prof. Prof.ssa Prof. Mendolia Carmela Mancari Anna Maria Maccarone Salvatore Aleo Maria Assunta Mirabella Vincenzo Anastasi Angela Campione Maria Pistar Antonino Russo Vincenzo Messina Stefano Pagano Maria Chiara Spina Santo Daniele

15

DOCENTI COORDINATORI E SEGRETARI DEI C.di C.


CLASSE 1 A/L 2 A/L 3 A/L 4 A/L 1 B/L 2 B/L 3 B/L 4 B/L 5 B/L 3C/l 1CL 1DL 1A 2A 5A 1B 2B 3B 4B 5B 1C 2C 3C 4C 5C 1D 2D 3D 4D 5D 1E 2E 3E 4E 5E 1F 2F 3F 4F 5F 1G 2G 3G 4G 5G 1H Coordinatore Leonardi Giovanna Costarelli Rosanna Tosto Santo Giordano Caterina Aquila Laura Mirabella Vincenzo Mangiagli Rosa Gulisano Giuseppa Indelicato Rossana Vasta Giuseppe Granieri Elisabetta Di Mauro Caterina Tosto Santo Aleo Maria Assunta Maccarrone Salvatore Santangelo Teresa Messina Giuseppe Giuffrida Danilo Lo Presti Felicia Fiorini Maria Mirone Luisa Ciancitto Antonio Messina Giuseppina Vespucci Teresa Maugeri Elisa Marino Loredana Di Legami Antonio Marchese Giuseppina Colonna Carolina La Pinta Silvana Mirabella Vincenzo Pennisi Roberto Motta Agata Madaudo Graziella Leonardi Maria Scuto Elisabetta Strano Antonina Aleo Lucia D'Anna Rosaria Anastasi Angela Pagano Maria Chiara Patti Giuseppe Zanghi Antonino Cariola Piera Zappal Rosa Scalia Giuseppina Segretario Pitronaci Maria Rapisarda Alfio Di Vita Diletta D'Ambra Cristina Papandrea Daniela Leonardi Vincenza Lo Faro Ignazia Messina Giuseppe Foti Rosario X Spagnolo Fulco Anita Giusto Daniela Consalvo Francesco Cosentino Antonino Sciuto Marinella Scudero Margherita Scuto Elisabetta DAmbra Cristina Rizzo Letizia Ardita Maria Grazia Pagano Maria Chiara Bus Annamaria Ciancitto Antonio Patan Ivana Serraggi Rosario Giordano Caterina Mendolia Carmela Patti Giuseppe Marchese Giuseppina Patan Giorgio Mancari Anna Vasta Giuseppe Anastasi Angela Campione Maria Pitt Giuseppina Strano Antonina Costarelli Rosanna Pitto Giuseppina Aleo Lucia Leonardi Giovanna Massimino Giovanna Zappal Rosa Spina Santo Scuderi Giovanna Messina Stefano Mangiagli Marco

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46

16

47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61

2H 3H 4H 5H 1I 2I 3I 4I 5I 2M 3M 4M 5M 5N 5P CLASSE 1AA 2AA 3AA 4AA 5AA 1BA 2BA 3BA 4BA 5BA

Mancari Anna Mangiagli Marcantonio Mauro Antonella Musumeci Valeria Palazzolo Sebastiana Caltabiano Gabriella La Ferla Maurizio Sciuto Marinella Leonardi Giovanna Aquila Laura Spina Santo Filogamo Caterina Bonomo Claudia Zanghi Antonino Strano Angela

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Moschetto Lidia Giunta Beatrice Zappal Mariagrazia Lizzio Paola Leotta Anna La Ferla Maurizio Urz Teresa Scavo Santo Di Vita Diletta Filogamo Caterina Bonomo Claudia Maccarrone Salvatore Russo Vincenzo Costanzo Angela Colamasi Daniela ACIBONACCORSI Coordinatore Segretario Arcifa Rosaria Mazzonello Lidia Tidona Giuseppa Sciacca Giacomo Tomaselli Maria Grazia Tidona Giuseppa Falco Marcello Astuto Annamaria Arcifa Rosaria Falco Marcello Barone Deborah Scandurra Francesco DArrigo Patrizia Tornatore Giovanni Tomaselli Maria Grazia Centorrino Domenico Schifano Vincenza Leotta Rosario Falco Marcello Y Filosofia

Consiglio dIstituto
Presidente: Privitera Giovanna - Vice presidente: Oliva Alessandro Componente di diritto: Componente docenti: D.S. prof. Riccardo Biasco Rizzo Letizia Francesca, Bonomo Claudia, Mancari Anna Maria, Cariola Pietra, Zanghi Antonino, Falco Marcello, Filogamo Caterina, Di Legami Antonio Hans Catalano Provvidenza, Salice Giovanni Raneri Rosario, Privitera Giovanna, Longhitano Biagio, Oliva Alessandro Ricciardi Antonino, Arcidicono Alberto, Marzullo Ylenia Andrea, Pennisi Mattia,

Componente ATA: Componente genitori:

Componente alunni:

17

Giunta esecutiva
Dirigente scolastico: prof. Riccardo Biasco

Direttore amministrativo: dr.ssa Maria Grazia Torrisi Componente ATA: Componente genitori: Componente docenti: Componente alunni: Catalano Provvidenza Raneri Rosario Rizzo Letizia Francesca Ricciardi Antonino

Organo di garanzia previsto dallo Statuto degli studenti e delle studentesse


Presidente: Componente genitori: Componente docenti: (suppl.) Componente alunni: Dirigente Scolastico pro tempore Longhitano Biagio Bonomo Claudia Di Legami Antonio Hans Oliva Simona Pia Grazia

AREE DI REFERENZA MINISTERIALI:


- Referente Dispersione Scolastica Prof.ssa Costarelli Rosanna - Referente Ambiente Prof.ssa Anastasi Angela - Referente Alunni H Prof.ssa Galeano L. - Referente DSA (disturbi specifici dellapprendimento) Prof.ssa Maugeri Elisa - Referente Pari Opportunit Prof.ssa Vespucci Teresa - Referente Legalit Prof.ssa Cariola Piera 18

- Referente Educazione Salute Prof.ssa Mauro Antonella - Referente Rapporti con Enti e Associazioni Esterne Prof.ssa Rizzo Letizia Francesca - Referente Educazione Stradale Prof. Tosto Santo

GRUPPO QUALITA Figure Strumentali: Prof.ssa Prof. Prof.ssa Prof.ssa Rizzo Letizia Francesca Area 1 Di Legami Antonio Area 2 Bonomo Claudia Area 3 Mancari Anna Maria - Area 4 - Referente

COMMISSIONE ELETTORALE Prof. Maccarrone Salvatore Prof. ssa Strano Antonietta Prof. Tosto Santo

Organizzazione della sicurezza


Responsabilit complessiva dellorganizzazione della sicurezza direttore generale RGS: Dirigente Scolastico prof. Riccardo Biasco Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Arch. Vincenzo Lauria Ass. Tec. Stefano Zerbo Prof. Vincenzo Mirabella Prof.ssa Maria Assunta Aleo Ass. Tec. Fresta Rosario Addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP)

Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) 19

Preposti -

Prof. Tosto Santo Prof. Scuderi Aldo Sede Centrale Prof.ssa Arcifa Rosaria Sede Associata Aci Bonaccorsi Prof.ssa Cariola Pietra

SQUADRA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE addetto Ass. Tec. Stefano Zerbo (attivazione segnale di allarme e disattivazione forniture energetiche) addetto Ass. Tec. addetto Ass. Tec. addetto Ass. Tec. addetto Ass. Tec. addetto Ass. Tec. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof.ssa addetto Sig. addetto Sig. addetto Sig.ra addetto Sig.ra addetto Sig.ra Giuseppe Riccardi Giovanni Salice Nicolosi Venera Agatia Libertino Casella Alfio Marcantonio Mangiagli Salvatore Maccarrone Antonio Ciancitto Stefano Messina Antonino Pistar Santo Tosto Antonino Zanghi Arcifa Rosaria (sede Aci Bonaccorsi) Salvatore Di Mulo Orazio Fisichella Rosa Coco Leone Venera (sede Aci Bonaccorsi) Quattrocchi Sebastiana (sede Aci Bonaccorsi)

SQUADRA PRIMO SOCCORSO assistente persone disabili Sig. assistente persone disabili Sig. addetto Sig.ra addetto Sig.ra addetto Sig.ra addetto Sig. addetto Sig.ra addetto Sig.ra addetto Sig.ra Salvatore Di Mulo Salvatore Giardina Rosa Coco Lucia DAnna Anna Maria Fichera Orazio Fisichella Mammino Sebastiana Grazia Pappalardo Erminia Patan 20

addetto Sig.ra addetto Sig. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof. addetto Prof.ssa addetto Sig.ra. addetto Sig.ra addetto Prof.ssa addetto Prof.ssa addetto Prof.ssa

Strano Agata Casella Alfio Messina Stefano Foti Rosario Mirabella Vincenzo Rizzo Letizia Francesca Leone Venera (sede Aci Bonaccorsi) Quattrocchi Sebastiana (sede Aci Bonaccorsi) Arcifa Rosaria (sede Aci Bonaccorsi) Cariolo Dionisia (sede Aci Bonaccorsi) Schifano Vincenza (sede Aci Bonaccorsi)

Finalit dellazione educativa


garantire i saperi specifici essenziali delle discipline integrare armonicamente lo sviluppo intellettuale e corporeo favorire un approccio alla conoscenza basato sul concetto di libert delle idee come bene di base sviluppare lautoconsapevolezza e lapproccio critico alla contemporaneit. favorire la metodologia della ricerca come habitus mentale utilizzare autonomamente metodi ed approcci ai saperi nella prospettiva dellapprendimento permanente conferire senso alla propria esistenza ed alla realt attingendo alla conoscenza come fonte consapevole di crescita personale e come stimolo per cercare e individuare consapevolmente le proprie potenzialit strutturare positive relazioni interpersonali ed efficaci strategie comunicative orientarsi nella ricerca della propria identit soggettiva e nel sociale combattere tutti gli atteggiamenti di discriminazione, di omert, di prevaricazione apprezzare il dibattito pluralistico e democratico, i concetti di pace e solidariet valorizzare la propria cultura aprendosi alle diversit e costruendo il senso dellappartenenza europea e mondiale sviluppare la cultura della legalit e delle pari opportunit, dellinterculturali t, della solidariet e della tutela dellambiente privilegiare iniziative culturali e formative atte a potenziare e arricchire lunit del sapere decodificare con senso critico la massa di informazioni provenienti dal mondo dei media (Internet TV ) perseguire la formazione e la crescita degli alunni come persone e cittadini

Nellarco del quinquennio tutte le aree disciplinari concorrono allacquisizione graduale delle seguenti conoscenze, competenze e capacit trasversali. 21

OBIETTIVI TRASVERSALI IN TERMINI DI CONOSCENZE, COMPETENZE, CAPACIT

Conoscenze: conoscenza dei contenuti essenziali e specifici delle discipline conoscenza della terminologia, conoscenza delle convenzioni, delle classificazioni e delle categorie conoscenza dei metodi e dei criteri conoscenza dei principi e delle leggi conoscenza delle teorie Competenze: comprendere e utilizzare il linguaggio tecnico appropriato in tutte le discipline avere capacit analitiche e sintetiche favorire le capacit di sintesi e di collegamento tra le varie discipline, stabilendo legami, analogie e differenze tra dati, fenomeni e fatti saper impostare problemi e proporre soluzioni saper gestire limpostazione e il controllo logico e formale di un argomento, organizzando il proprio pensiero in modo logico e sequenziale. Competenze comunicative: controllare i linguaggi e le modalit di comunicazione in diversi contesti comunicare, comprendere e interpretare informazioni orali, scritte, grafiche o iconiche Competenze conoscitive (costruzione e strutturazione delle conoscenze): collocare nel tempo e nello spazio le conoscenze , i dati e i fenomeni organizzare il proprio pensiero in modo logico e consequenziale esplicitare il proprio pensiero attraverso esemplificazioni e argomentazioni individuare regolarit e propriet in contesti diversi astrarre caratteristiche generali stabilire legami, analogie, differenze, correlazioni tra fatti, dati, termini, fenomeni comprendere e saper fare uso dei linguaggi specifici delle varie discipline accedere a informazioni diversamente veicolate, finalizzate e strutturate Competenze procedurali o metodologiche: uso di strumenti appropriati al compito sviluppo di un metodo di studio utilizzo della metodologia della ricerca nelle sue varie fasi

Capacit: Saper analizzare e sintetizzare Riconoscere analogie e differenze Formulare e verificare ipotesi Sviluppare la propria creativit Capacit di autodecondizionamento rispetto al mondo della pubblicit e capacit di sapersi difendere dai messaggi subliminali 22

Esaminare criticamente la realt Sviluppare capacit intuitive e logiche analizzare e sintetizzare registrare, ordinare, correlare e rielaborare i dati riconoscere analogie e differenze formulare e verificare ipotesi porre problemi e progettare possibili soluzioni formulare messaggi utilizzando forme di presentazione simbolica e non esaminare criticamente contesti, eventi e fenomeni sviluppare la propria creativit

Nellarea affettivo-relazionale si individuano i seguenti indicatori di qualit: Impegno (utilizzo delle proprie energie, senso di responsabilit, seriet e costanza, continuit, puntualit, rispetto delle consegne) Conoscenza di s (conoscersi nelle proprie potenzialit) Controllo emotivo (controllare e utilizzare le proprie energie, rispettare se stessi e gli altri) Collaborazione (con i docenti e gli adulti in genere e i compagni) Interazione (adeguarsi alle esigenze degli altri e stabilire relazioni produttive)

Articolazioni collegiali e strategia curricolare


Nelle sue articolazioni collegiali, il Liceo attua una strategia curricolare di tipo progettuale che, partendo dallaccertamento dei prerequisiti, prevede obiettivi verificabili e proporzionati ai bisogni e alle capacit dellalunno e include i contenuti, le attivit, i metodi, i mezzi, i tempi di attuazione, le modalit di verifica, i criteri di valutazione. Nel rispetto dei criteri generali indicati dal Collegio dei Docenti, i Dipartimenti graduano nellarco del quinquennio e del singolo anno scolastico le strutture concettuali della disciplina. I criteri per la scelta dei contenuti sono: 1. validit (in funzione degli obiettivi) 2. essenzialit (in funzione dei valori) 3. chiarezza (in funzione della comprensibilit) 4. significativit (in ordine a una seria formazione culturale e in funzione dei reali bisogni degli alunni) 5. interesse (in funzione della situazione psicologica dellalunno) 6. pluridisciplinarit e/o interdisciplinarit I Dipartimenti realizzano intese per la programmazione dellinsegnamento curricolare e per il recupero dei debiti formativi, per il sostegno e il potenziamento, al fine di armonizzare, per quanto possibile, i criteri di valutazione, producendo scale di misurazione, griglie e ogni altro strumento utile allattivit didattica del team. Essi possono articolarsi in sottocommissioni per agevolare lo svolgimento dei lavori. Inoltre, possono proporre iniziative dinnovazione contenutistica, metodologica e di formazione in servizio e attivit integrative ed extracurricolari. Concorrono allelaborazione di proge tti interdipartimentali, propongono strategie efficaci, si confrontano sulle metodologie e sulla scelta dei libri di testo e contribuiscono all elaborazione annuale del P.O.F. 23

La dimensione della ricerca prerogativa dei Dipartimenti per quanto concerne metodologie, saperi e altro. Si pone come particolarmente importante la ricerca del raccordo tra i curricoli dipartimentali e quelli delle facolt universitarie maggiormente prescelte dagli studenti. Ogni dipartimento sceglie liberamente un proprio coordinatore collaborato da un segretario. Dipartimenti disciplinari: Lettere Lingue europee Matematica e Fisica Scienze naturali, Chimica e Geografia Storia e Filosofia Disegno e Storia dellarte Educazione fisica Religione

I Consigli di classe E competenza dei Consigli di classe individuare reti concettuali allo scopo di superare il settorialismo disciplinare. Essi, nellambito delle linee generali, delle intese dei dipartimenti e della progettualit integrativa del POF provvedono a: individuare gli obiettivi formativi della classe verificarne la coerenza con gli obiettivi delle varie discipline individuare gli obiettivi cognitivi trasversali, sui quali progettare eventuali interventi di carattere inter o pluridisciplinare definire metodologie, strumenti, collegamenti con attivit complementari e/o opzionali, obiettivi minimi per la promozione alla classe successiva effettuare la verifica e valutazione sulla base di un linguaggio condiviso gestire gli interventi didattici educativi integrativi (IDEI).

Si riuniscono bimestralmente e nel mese di ottobre predispongono la programmazione. Per la.s. in corso, i piani di lavoro, a livello di Consiglio di classe e di singolo docente, saranno predisposti entro la fine di novembre. Ogni Consiglio di classe fa capo ad un coordinatore collaborato da un segretario. Allinterno del Consiglio di classe si programmano anche le visite guidate ed i viaggi di istruzione, le cui finalit socializzanti, motivazionali e cognitive, vengono incardinate negli obiettivi del curricolo della classe e concorrono alla formazione globale dellalunno coerentemente con le finalit esplicitate nel Piano dellOfferta Formativa. Il Consiglio di classe programma liniziativa e designa il docente accompagnatore che si occupa di quanto necessario per la realizzazione del viaggio e di fornire alla classe il materiale didattico utile per una adeguata preparazione. Inoltre, il docente organizzatore cura il rapporto con la presidenza ed il servizio amministrativo. Linsegnante si occupa di elaborare la programmazione educativo-didattica, sulla base delle indicazioni del Collegio dei docenti, del proprio Dipartimento e dellanalisi della situazione di partenza della classe. Accerta, inoltre, i prerequisiti degli allievi per avviare il 24

percorso formativo, individua i livelli di conoscenza, competenza e capacit da raggiungere, sceglie e organizza i contenuti idonei al raggiungimento degli obiettivi prefissati. Nellambito della libert di insegnamento, individua le metodologie didattiche pi idonee al raggiungimento degli obiettivi non escludendo il ricorso alla pluridisciplinarit, allinterdisciplinarit, al metodo maieutico, alla lezione frontale, alla lezione -dibattito, al lavoro di gruppo, al lavoro cooperativo, al metodo della ricerca, alle attivit integrative . Il processo di insegnamento-apprendimento potr essere favorito dalla organizzazione modulare del percorso che coniuga lordine e la struttura della disciplina con i bisogni formativi degli allievi. Linsegnante individua gli standard minimi indispensabili nella propria disciplina per la promozione alla classe successiva, articola i criteri di valutazione e predispone gli strumenti di verifica. Oltre allattivit di progettazione curricolare e di offerta aggiuntiva e alla gestione dei percorsi formativi, linsegnante adotta strategie per il recupero e sostegno e d il proprio contributo alla costituzione della scuola come comunit di ricerca e orientamento con unimpostazione riflessiva e critica al proprio insegnamento e alle esperienze di aggiornamento e autoformazione. Infine interagisce in chiave sistemica allinterno degli organi collegiali, condividendo responsabilit e attivandosi per il funzionamento della rete di relazioni sistemiche allinterno delle quali opera e interagisce. Lattivit dei Consigli di classe e dei docenti viene verificata, sia in itinere (verifica formativa) che quadrimestralmente e a chiusura danno scolastico (valutazione sommativa).

Verifica e valutazione
La verifica ha il duplice scopo di controllare il grado di apprendimento dellalunno e lefficacia dellazione didattica. Da un lato si confronta la situazione di partenza con quella di arrivo cui lalunno pervenuto, prendendo in esame tutti i fatto ri eventualmente emersi, i modi e i ritmi di apprendimento, la formazione generale raggiunta. Dallaltro lato, si effettua un controllo sulla validit degli obiettivi previsti e sulla adeguatezza dei contenuti e dei metodi prescelti. Quindi il risultato dellazione educativa e didattica scaturisce dallinsieme dei due predetti aspetti della verifica. Questa sar praticamente attuata attraverso varie tipologie di prove quali: interrogazione breve, interrogazione lunga, questionari, prove semistrutturate, problemi, libere espressioni, composizioni, produzione di diverse tipologie di testo, forme artistiche e creative; prove strutturate, esercizi . potranno scaturire dalla osservazione dei

Ulteriori elementi di valutazione comportamenti e degli atteggiamenti.

I risultati conseguiti dagli alunni andranno considerati, sia in rapporto alle conoscenze e competenze acquisite rispetto ai livelli di partenza e agli obiettivi prefissati, sia in rapporto al possesso dei requisiti fondamentali richiesti per proseguire nel corso degli studi.

Concorrono, pertanto, alla valutazione periodica e finale, oltre agli indicatori della sfera affettivo-relazionale, i seguenti fattori: partecipazione allattivit didattica 25

frequenza metodo di studio conoscenze dei contenuti sviluppo di competenze e capacit progresso rispetto ai livelli di partenza saldo dei debiti formativi e capacit di recupero

I momenti valutativi finali saranno scanditi, per la. s. 2012-2013, quadrimestralmente. La conoscenza puntuale da parte dellallievo dei criteri di valutazione adottati dal docente, da cui scaturisce il voto, contribuir al miglioramento della sua capacit di autovalutazione. Ogni prova di verifica sar valutata, in accordo con la docimologia ufficiale del sistema scolastico nazionale, con un voto da 1 a 10, secondo le griglie di valutazione elaborate dai Dipartimenti:

Definizione di criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di conoscenza e di abilit Griglia di osservazione e di valutazione
VARIABILI Grado di Attinenza alle Applicazione acquisizione richieste e delle dei contenuti coerenza conoscenze logica Possesso delle conoscenze Cogliere il significato, le implicazioni e le correlazioni Rigore del linguaggio Capacit di analisi Capacit di collegament o e sintesi Rielaborare i contenuti proposti. Gestire situazioni nuove. Non sa operare sintesi Creativit

Livelli Bassissimo Nessuna 1-2 conoscenza dei contenuti

Applicare le Esporre con Ridurre un conoscenze fluidit. Usare argomento in situazioni una alle sue unit note. terminologia logiche di Costruire appropriata. base. modelli. LAlunno Non applica le conoscenze in nessuna situazione Non sa esprimersi Non in grado di effettuare nessuna analisi

Elaborare percorsi personali.

Non sa rispondere alle richieste

Molto basso 3

Presenta conoscenze carenti

Risponde alle Applica i Si esprime in Non individua richieste contenuti con un linguaggio i concetti senza superficialit scorretto chiave e coglierne le analizza in implicazioni e modo errato commette errori

Sintetizza in modo errato e non sa collegare

Basso 4

Presenta una Commette Applica le Si esprime Effettua Opera sintesi conoscenza errori e coglie conoscenze con difficolt e analisi parziali parziali e non frammentaria con difficolt il in compiti manifesta e imprecise gestisce significato semplici, ma carenze situazioni commette linguistiche nuove errori Presenta una Commette Sa applicare Si esprime Effettua conoscenza qualche errore le con incertezza analisi parziali superficiale in situazioni conoscenze e commette semplici in compiti degli errori semplici ma Sintetizza in modo parziale e collega i concetti in

Medio basso 5

26

commette errori Medio 6 Presenta Interpreta conoscenze correttamente con contenuti imperfezioni semplici Presenta Interpreta conoscenze correttamente complete con informazioni qualche anche imperfezione complesse Applica le Espone con conoscenze qualche senza errori incertezza e in in compiti modo semplici semplice Applica le conoscenze anche in compiti complessi con pochi errori Applica le conoscenze anche in compiti complessi Si esprime in modo semplice ma corretto Effettua analisi corrette

modo impreciso Gestisce autonomame n-te semplici situazioni nuove Gestisce Opera semplici autonomame percorsi con n-te e qualche correttament imprecisione e i contenuti

Medio alto 7

Effettua analisi complete

Alto 8

Presenta conoscenze complete ed articolate

Interpreta un concetto cogliendo correlazioni

Si esprime con propriet linguistica

Effettua analisi complete e coerenti

Gestisce le Opera percorsi situazioni in in modo modo corretto autonomo, corretto e pressoch completo Gestisce le Opera percorsi situazioni in articolati e modo corretti autonomo, corretto e completo

Molto alto 9-10

Presenta conoscenze complete, ampliate, articolate

Coglie implicazioni e determina correttamente correlazioni

Applica i Si esprime in Effettua contenuti modo fluido analisi ottimizzando con un lessico complete e le procedure ricco e approfondite anche in appropriato compiti complessi

I.N.V.A.L.S.I.
Il nostro Istituto dallanno scolastico 2010-2011 ha aderito alle rilevazioni dellI.N.V.A.L.S.I. (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ) ed stata scelta come scuola campione. Adottando le indicazioni del MIUR e ritenendo imprescindibili rilevazioni periodiche e sistematiche degli apprendimenti al fine di una maggiore qualit dei servizi offerti anche per lanno scolastico 201 2-2013 il Liceo Archimede aderir al progetto I.N.V.A.L.S.I. Le rilevazioni periodiche degli apprendimenti che hanno come fine il progressivo miglioramento e larmonizzazione della qualit del sistema di istruzione, negli ultimi anni sono gradualmente entrate nella cultura e nella prassi delle scuole, a seguito della progressiva messa a regime che lINVALSI ha realizzato.

Interventi Didattici Educativi Integrativi ( IDEI )


Gli alunni che riportano carenze nelle varie discipline scolastiche hanno lobbligo di curare autonomamente la loro preparazione e di partecipare alle attivit di recupero che si svolgono allinizio dellanno scolastico programmate dalla scuola, salvo che i genitori si assumano la responsabilit, con dichiarazione scritta, di provvedere al recupero, fermo restando che saranno tenuti a svolgere la prova di verifica nei tempi e modi stabiliti . Le iniziative orientate al sostegno nel corso dellanno vengono attuate secondo una o pi delle seguenti formule a scelta dei docenti: 1. Recupero intracurricolare: Al termine di ogni unit didattica, secondo la necessit, si svolgono attivit di recupero e/o potenziamento (tutoraggio, gruppi di lavoro, etc.). La prima settimana di Dicembre e allinizio del secondo quadrimestre si prevede una pausa didattica per un totale di due 27

settimane, durante le quali viene data agli studenti la possibilit di recuperare le insufficienze, in presenza delle quali il docente tenuto, per il periodo in questione, a sospendere i programmi didattici e dedicarsi ai recuperi e/o ai potenziamenti. 2. Recupero e sostegno secondo modalit previste dalla flessibilit organizzativa e didattica ( art.4 D.P.R. 275/1999 ) Durante lorario curricolare si concorda con il docente di una classe parallela un modulo di recupero e/o potenziamento. Lattivit si svolge per classi aperte 3. Recupero e sostegno exracurricolare a. Sportello didattico: I docenti, data la disponibilit, tengono una lezione di recupero, su uno specifico argomento. La lezione si svolge in orario extracurricolare, a piccoli gruppi (3/5 alunni) sulle seguenti discipline: matematica, fisica e chimica per lindirizzo scientifico; le lingue per lindirizzo linguistico. b. Corsi di recupero: Secondo le indicazioni dipartimentali verranno individuati i saperi essenziali e le competenze sui quali tenere i corsi, che si terranno tra giugno e luglio. I gruppi saranno formati a prescindere dalla classe di appartenenza. c. Educazione tra pari (modalit sperimentale): Gli alunni eccellenti segnalati dai Consigli delle Classe delle quarte, terranno corsi di recupero a beneficio degli studenti delle prime, che riportino insufficienze, anchessi individuati dai rispettivi Consigli di Classe. Lintervento di recupero verr effettuato in orario pomeridiano (per un totale di 10 ore), con gruppi di non pi di 6/7 studenti, nel periodo che va da Ottobre a Novembre e interesser le seguenti discipline: matematica e fisica.

Obbligo scolastico e formativo


La scuola, mira a mantenere nel circuito scolastico e formativo gli studenti in difficolt, anche con il riorientamento e con la reversibilit delle scelte effettuate e lattivazione di moduli personalizzati (D.P.R 12/07/2000 n 275).

Educazione alla salute


La scuola offre lopportunit ad allievi ed insegnanti di attivit educative in collaborazione con i servizi socio-sanitari territoriali, le cui iniziative progettuali saranno esaminate ed adeguate alle concrete esigenze formative ed educative.

Monitoraggio e valutazione del POF


Il nostro Liceo, nello spirito dellAutonomia, si attiva per lacquisizione di strumenti e competenze nei processi di valutazione o di autovalutazione attinenti sia alle attivit del Piano dellOfferta Formativa e alla qualit del servizio che allefficacia dei percorsi di apprendimento. Il monitoraggio del POF raccoglie informazioni sul funzionamento della scuola nel suo complesso, attraverso azioni di rilevazione quantitativa e qualitativa. L'impianto di indagine utilizza strumenti diversificati (schede e questionari) elaborati dalle funzioni strumentali e dai coordinatori dei Dipartimenti, durante momenti di

28

formazione comune dedicati alla ricerca e sperimentazione. Genitori, alunni e docenti sono chiamati a collaborare per il monitoraggio del POF, compilando le apposite schede. Le Funzioni Strumentali incontrano periodicamente i referenti di progetti e i docenti per discutere e confrontare i risultati ed elaborano i dati raccolti. La responsabilit dell'andamento dell'indagine e della interpretazione dei risultati collegiale. I risultati vengono pubblicati in un Rapporto finale depositato in presidenza di cui possibile prendere visione. La verifica dellefficacia del percorso formativo verr monitorata attentamente, per consentire in itinere miglioramenti ed aggiustamenti nei Consigli di classe bimestrali, nel Collegio dei docenti e nel Consiglio di Istituto. Alla valutazione interna si aggiungono verifiche ispettive interne ed esterne miranti a verificare il mantenimento dei livelli standard previsti dalla certificazione di qualit.

Rapporti Scuola Famiglia


Il Consiglio di classe riceve collegialmente le famiglie per metterle in condizione di cogliere, in una visione di insieme, landamento del processo formativo del proprio figlio/a. Per la.s. in corso, sono previsti due incontri scuola-famiglia infraquadrimestrali. Per approfondimenti i docenti sono disponibili singolarmente, nella propria ora di ricevimento, previo appuntamento. I genitori possono consultare in tempo reale sul sito dellIstituto il quadro delle assenze e dei ritardi del figlio/a, le eventuali comunicazioni di carattere generale o riguardanti il proprio figlio/a tramite una password che assicura la riservatezza dell informazione e la tutela della privacy.

ATTIVITA CURRICOLARE

Laboratorio di chimica 29

Laboratorio di fisica

LICEO SCIENTIFICO TRADIZIONALE


Lidentit culturale del Liceo Scientifico tradizionale ripropone il legame fecondo tra scienza e tradizione umanistica del sapere. Tutte le discipline, a diversi livelli di rigore, tendono ad utilizzare metodo e procedure scientifiche in continuit con la funzione mediatrice svolta dalla lingua nella descrizione del reale. Linsieme delle Laboratorio disegno materie insegnate, i loro contenuti ed i metodi qualificano questo tipo di indirizzo con uno specifico orientamento verso lindagine analitica, lo sviluppo delle capacit logiche e le abilit intellettuali teorico-astratte, proiettandosi verso gli interessi del mondo contemporaneo. I corsi del liceo scientifico tradizionale sono concepiti per il proseguimento degli studi universitari, fornendo strumenti culturali avanzati per orientarsi autonomamente e consapevolmente nelle scelte future. Pur tuttavia per coloro che non proseguono gli studi universitari sono possibili impieghi nella carriera di concetto nellamministrazione pubblica e privata e nelle carriere militari. Il piano di studi, articolato in cinque anni, comprende unarea linguistico -letteraria, unarea matematico-scientifica e unarea storico-filosofica secondo il seguente monte ore settimanale:
MATERIE Religione Italiano Latino Lingua inglese Storia Geografia Filosofia Scienze nat., chim., geog. Fisica Matematica Disegno Ed. Fisica TOTALE IV 1 3 4 3 2 3 3 3 3 2 2 29 V 1 4 3 4 3 3 2 3 3 2 2 30 PROVE O S.O. S.O. S.O. O. O. O. O. O. S.O. Gr.O. Pr.*

Liceo Scientifico Tradizionale vecchio ordinamento

* Per le classi quinte le prove sono anche orali.

Liceo Scientifico con il Piano Nazionale Informatica di Matematica e Fisica (PNI) (Sezioni A-B)
Il piano di studi, articolato in cinque anni,

30

secondo il vecchio ordinamento, con riferimento alla sperimentazione P.N.I., ha introdotto modifiche rispetto al curricolo del corso tradizionale, introducendo lo studio della fisica fin dal I anno e aumentando le ore di matematica dal II anno in poi, in maniera tale che possano essere affrontati argomenti quali

la statistica, calcolo probabilistico, il calcolo matriciale e vettoriale, analisi numerica, oltre che lo studio di linguaggi di programmazione di base. Questi corsi hanno obiettivi generali formativi comuni al liceo scientifico tradizio- nale, e mirano, sia nellofferta curricolare che extracurricolare, allacquisizione di competenze informatiche di base e professionalizzanti quali strumenti che agevolano linserimento nel mondo del lavoro e il proseguimento degli studi in qualunque settore accademico. Comprende unarea linguistico-letteraria, unarea matematico-scientifica e unarea storicofilosofica secondo il seguente monte ore settimanale: Liceo Scientifico PNI vecchio ordinamento
MATERIE Religione Italiano Latino Lingua inglese Storia Filosofia Scienze naturali, chimica e geog. Fisica Matematica Disegno Ed. fisica TOTALE IV 1 3 4 3 2 3 3 3 5 2 2 31 V 1 4 3 4 3 3 2 3 5 2 2 32 PROVE O S.O. S.O. S.O. O. O. O. O. S.O. Gr.O. Pr.*

*Per le classi quinte le prove sono anche orali. OFFERTA INTEGRATIVA CARATTERIZZANTE I CORSI Triennio: Corsi per esperto in gestione reti, rivolti alleccellenza, in convenzione con CISCO system

Liceo Linguistico (C.M. 27/91) (Sezioni AL-BL) vecchio ordinamento


La specificit del Liceo Linguistico, rispetto allo scientifico, rappresentata dallo studio approfondito di tre lingue straniere. Ad esse si affiancano altri linguaggi che danno un contributo specifico allo sviluppo della comunicazione, interagendo con le lingue straniere. La dimensione formativa allargata a tutte le aree del sapere che concorrono unitariamente agli obiettivi linguistici primari del Liceo:

31

acquisizione conoscenza straniere

di

una

solida lingue

delle

formazione

multiculturale

dei

giovani attraverso la conoscenza della lingue, culture e civilt europee acquisizione della flessibilit

mentale necessaria per adeguarsi ai cambiamenti culturali, socioeconomici, scientifici e tecnologici di evoluzione. una societ europea in rapida e continua

Il liceo linguistico consente il proseguimento degli studi in ogni percorso accademico e fornisce i prerequisiti specifici per la frequenza delle facolt di lingue, accademie e scuole per interpreti e traduttori. Pur lizzante, non il essendo Liceo professionaoffre

linguistico

sbocchi lavorativi in ambito turistico commerciale e nel settore marketing e incoming. Il piano di studi, articolato in cinque anni, secondo il vecchio ordinamento, comprende unarea linguistico-letteraria, unarea storico-giuridico-filosofica e unarea matematicoscientifica secondo il seguente monte ore settimanale:

32

Liceo linguistico vecchio ordinamento

MATERIE Religione Ed.fisica Italiano Storia e geografia Storia Latino I Lingua europea II Lingua europea III Lingua europea Ed. Civ. Giur. Econ. Filosofia Matematica Fisica Biologia, chim., scienze della terra Scienze e geogr. Dis. e linguaggi art/ visivi Linguaggi art/ visivi e st. dellarte TOTALE

IV 1 2 4 2 3 4 4 5 3 3

V 1 2 4 3 2 4 4 5 3 3

2 2 35

2 2 35

PROVE O. Pr.* S.O. O. O. O. S.O. S.O. S.O. O. O. S.O. O. O. O. Gr.O. O.

* Per le classi quinte le prove sono anche orali

OFFERTA INTEGRATIVA CARATTERIZZANTE I CORSI: Classe 4 Certificazione esterna (francese, inglese, spagnolo) Viaggio studio Classe 5 Certificazione esterna (francese, inglese, tedesco, spagnolo) Viaggio studio o scambio culturale

Liceo Scientifico bilingue (c.m. 198/92) (sezione C) vecchio ordinamento


Pur mantenendo limpostazione del liceo scientifico tradizionale, i corsi bilingue hanno come finalit primaria la formazione di un cittadino europeo per il quale il plurilinguismo sia elemento di identit personale e condizione essenziale per lappartenenza alla societ conoscitiva.

33

Le scelte programmatiche privilegiano allinterno dei curricoli disciplinari lattenzione al rapporto arte-scienza e un approccio

graduale ai vari modelli di scrittura con attenzione ai vari tipi di linguaggio. In particolare epistolare giornalistico, letterario i , linguaggi informativo,

scientifico-tecnologico, artisticoteatrale, musicale) per

storico-filosofico, poetico, e

(narrativo,

cinematografico, vengono

figurativo

gradualmente

introdotti

sviluppare competenze trasversali con il concorso delle discipline sia umanistiche che scientifiche.

PIANO DELLE ATTIVIT INTEGRATIVE Classe 4: - Certificazione linguistica esterna (francese e inglese) Classe 5: - Certificazione linguistica esterna (francese e inglese)
Laboratori: dal 3 anno in poi laboratori di fisica

Il corso consente il proseguimento degli studi in ogni percorso accademico e fornisce i prerequisiti per la frequenza delle facolt scientifiche e di lingue, accademie e scuole per interpreti e traduttori. Inoltre pone delle basi per le facolt di scienze della comunicazione e pubbliche relazioni. Il piano di studi comprende unarea linguistico-letteraria, unarea matematico scientifica e unarea storico-filosofica secondo il seguente monte orario settimanale:

34

Liceo scientifico bilingue vecchio ordinamento MATERIE Religione Italiano Latino Lingua inglese Lingua francese Storia Geografia Filosofia Scienze nat., chim., geogr. Fisica Matematica Disegno Ed.fisica TOTALE
* Per le classi quinte le prove sono anche orali

IV 1 3 4 3 3 2 3 3 3 3 2 2 32

V 1 4 3 3 3 3 3 2 3 3 2 2 32

PROVE O. S.O. S.O. S.O. S.O. O. O. O. O. O. S.O. Gr.O. Pr.*

NUOVO ORDINAMENTO PRIME SECONDE E TERZE CLASSI D.P.R. 15 MARZO 2010, N. 89


LICEO SCIENTIFICO 1 e 2 ANNO Attivit e insegnamenti Orario settimanale obbligatori Religione cattolica 1 o Attivit alternative Italiano 4 Latino 3 Lingua inglese 3 Storia-Geografia 3 Storia / Filosofia / Scienze** 2 Fisica 2 Matematica * 5 Disegno e Storia dellarte 2 Scienze motorie e 2 sportive TOTALE 27 * Informatica al primo biennio ** Biologia, Chimica, Scienze della Terra 35 1 e 2 ANNO 3 anno 3 anno Orario annuale Orario settimanale Orario annuale 33 132 99 99 99 / / 66 66 165 66 66 891 1 4 3 3 / 2 3 3 3 4 2 2 30 33 132 99 99 / 66 99 99 99 132 66 66 990

LICEO LINGUISTICO 1 e 2 anno


Attivit e insegnamenti obbligatori Religione cattolica o Attivit alternative Italiano Latino Lingua e cultura straniera straniera 1* Lingua e cultura straniera straniera 2* Lingua e cultura straniera straniera 3* Storia-Geografia Storia Filosofia Scienze*** Fisica Matematica ** Storia dellarte Scienze motorie e sportive TOTALE Orario settimanale

1 e 2 anno
Orario annuale

3 anno
Orario settimanale

3 anno
Orario annuale

1 4 2 4 3 3 3 / / 2 / 3 / 2 27

33 132 66 132 99 99 99 / / 66 / 165 / 66 891

1 4 / 3 4 4 / 2 2 2 2 2 2 2 30

33 132 / 99 132 132 / 66 66 66 66 66 66 66 990

* Sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madrelingua ** Informatica al primo biennio *** Scienze della Terra N.B. Dal primo anno del secondo biennio previsto linsegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nellarea delle attivit e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nellarea degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato, tenuto conto delle richieste degli studenti e delle loro famiglie.

PERCORSI INTEGRATIVI, DI APPROFONDIMENTO E DI AMPLIAMENTO DEI CURRICOLI


Lazione orientativa e formativa della scuola basata su valori condivisi e perseguita nella didattica delle varie discipline si esprime anche attraverso una progettualit mirata che offre strumenti qualificati e diversificati per consentire ai giovani di riconoscere i propri talenti, acquisire competenze specifiche, affinare capacit di valutazione, di orientamento e di autonomia decisionale. Nellambito dellampliamento dellofferta formativa per lanno scolastico 2012-13 si distingue: 1. una progettualit orientativa e formativa trasversale in linea con le finalit generali del POF che include progetti di orientamento, di educazione ai valori della solidariet, interculturalit, pari opportunit, alla salute individuale e dellambiente, allaccoglienza, allintegrazione ed alla legalit

36

2. una progettualit che integra e potenzia i vari indirizzi di studio suddivisa per Dipartimenti 3. progetti in collaborazione con Associazioni ed Enti esterni 4. progetti per lobbligo formativo 5. progetti dintesa con luniversit e corsi di eccellenza La valutazione ai fini del credito formativo dei percorsi integrativi effettuati dagli alunni affidata al Consiglio di classe che, senza far ricorso ad automatismi, terr conto non della sola frequenza dellalunno, bens della valutazione finale del livello dei risultati conseguiti e/o di attestati rilasciati da enti esterni riconosciuti e accreditati.

Progettualit orientativa e formativa trasversale in linea con le finalit generali del POF
Sportello C.I.C. Referente: tutti i Dipartimenti Responsabile: Prof.ssa Antonella Mauro ed ASP Finalit: offrire ascolto e consulenza rispetto a problematiche individuali, familiari, affettive, relazionali e di apprendimento. Diffondere la conoscenza dei danni provocati dalluso e abuso di droghe per modificare i comportamenti a rischio. Destinatari: alunni, genitori Tempi: nel corso dellanno in orario curriculare Modalit di svolgimento: incontri individuali o per gruppo classe.

Pari opportunit Responsabile: prof.ssa T. Vespucci Finalit: promuovere la cultura e la consapevolezza in tema di pari opportunit; migliorare la relazione con laltro in unottica di genere. Destinatari:max 25 tra alunni e alunne provenienti dal triennio Tempi: 25 ore in orario extracurriculare. Novembre - Marzo Modalit di svolgimento: incontri extracurricolari

Progetto: Educare alla cultura della legalit Responsabile: prof.ssa P. Cariola Finalit: sensibilizzare gli alunni ai temi della legalit e della cittadinanza attiva. Destinatari: alunni di tutte le classi Tempi: 3 conferenze in or ario curriculare, 3 ore di preparazione agli incontri extracurriculare. Dicembre Maggio Modalit di svolgimento: conferenze, lettura della Costituzione e dibattito

Progetto: La parola violata Referente: tutti i Dipartimenti Responsabile: prof. Sergio Collura, tutor Prtof.ssa Mancari Finalit: promuovere lapproccio allopera teatrale Destinatari: 40 studenti provenienti dal triennio Tempi: in orario pomeridiano due incontri mensili di tre ore ciascuno. Da Novembre ad Aprile Attivit: lezione frontale, partecipata

37

Progetto Orientalfuturo Referente e responsabile: prof.ssa C. Bonomo Finalit: orientamento informativo e formativo per gli studenti in uscita Destinatari: alunni delle classi III, IV e V Tempi: nel corso dellanno in orario curriculare Modalit di svolgimento: incontri individuali o per gruppo classe

Progetto Orientamento in entrata Referente e responsabile: prof.ssa C. Bonomo Finalit: illustrare lofferta formativa della scuola Destinatari: studenti della Scuola media Tempi: Settembre - Gennaio Modalit di svolgimento: incontri di carattere informativo,presso le Scuole media del territorio, Salone dellOrientamento, progetto Scuole Aperte presso il Liceo Archimede di Acire ale, laboratori didattici.

Progetto: Idoneit per la guida del ciclomotore Referente e Responsabile: prof. S. Tosto Finalit: diffusione e potenziamento della sicurezza stradale e della cultura alla convivenza civile Destinatari: tutti gli allievi del Liceo dai 14 ai 17 anni Tempi: 4 moduli per un totale di 12 ore da svolgersi in orario extracurriculare presso il Liceo. NovembreAprile Modalit di svolgimento: di lezione frontale per ciascun corso. Esami finali

Progetto: Viaggi distruzione Referente: tutti i dipartimenti Responsabile: prof.sse Cariola, Lo Presti e DAnna Finalit: offrire agli studenti occasioni di arricchimento culturale e personale e di sviluppo interculturale Destinatari: tutti gli allievi del Liceo Tempi: prima met di Aprile Modalit di svolgimento: viaggi in Italia e allestero

Progetto: La scuola al teatro: Abbonamento al Teatro Stabile di Catania e al Teatro Bellini di Catania Referente: tutti i dipartimenti Responsabile: prof.ssa A. Strano Finalit: promuovere lapproccio allopera teatrale Destinatari: 24 allievi provenienti da tutte le classi Tempi: in orario pomeridiano nel corso dellanno scolastico Attivit: visione di spettacoli teatrali

Progetto: Moduli CLIL per le terze classi del liceo linguistico Referente: Dipartimento di lingue Responsabile: Prof.ssa Leonardi Vincenza Finalit: migliorare le competenze linguistiche. Destinatari: IIIAL, IIIBL, IIICL. Tempi: 10 ore per ogni classe (una a settimana) in compresenza con linsegnante di scienze. Modalit di svolgimento: testi, diagrammi, video, presentazioni in Powerpoint, fotocopie, LIM.

Progetto: Potenziamento Referente: tutti i dipartimenti Responsabile: la Presidenza

38

Finalit: potenziare le competenze degli studenti delle quinte classi, anche in vista dellesame di Stato Destinatari: le quinte classi Tempi: 20 ore per ogni Consiglio di Classe. Modalit di svolgimento: lezioni frontali e/o laboratoriali

Progetto: Recupero Referente: tutti i dipartimenti Responsabile: la Presidenza Finalit: recuperare le eventuali competenze non acquisite. Destinatari: tutte le classi Tempi: da Ottobre a Luglio. Modalit di svolgimento: recupero intracurricolare, recupero previsto dal D.P.R. 275/1999, recupero extra curricolare (sportello didattico, cori estivi di recupero e educazione tra pari)

Progettualit dipartimentale
Referente dei progetti il Dipartimento di matematica

Corso Networking Accademy Cisco per il conseguimento della certificazione CCNA-1 Responsabile: prof. S. Scavo Finalit: acquisire competenze di elevato livello di amministratore di rete, preparare professionisti in grado di rispondere alle richieste della global-economy e del mercato ITC Destinatari: 30 alunni (di cui 20 esterni e paganti, 5 interni e 5 provenienti dallIst. Tec. Ind. Fer raris) Tempi: Gennaio-Marzo (50 ore) Modalit di svolgimento: lezioni interattive, esami on line, laboratori, test

Corso Networking Accademy Cisco per il conseguimento della certificazione CCNA-2 Responsabile: prof. S. Scavo Finalit: acquisire competenze di elevato livello di amministratore di rete, preparare professionisti in grado di rispondere alle richieste della global-economy e del mercato ITC Destinatari: 30 alunni (di cui 15 interni e 15 provenienti dallIst. Tec. Ind. Ferraris ) Tempi: Gennaio-Marzo (50 ore) Modalit di svolgimento: lezioni interattive, esami on line, laboratori, test

Progetto: Olimpiadi di Matematica-Giochi di Archimede Responsabile: prof.ssa M. A. Aleo Finalit: Avvicinare i giovani alla cultura scientifica e presentare la Matematica in una forma divertente e accattivante, preparazione alla partecipazione ai concorsi nazionali ed internazionali di matematica Destinatari: I II III IV e V classi del Liceo Tempi: 30 ore in orario extracurriculare da Novembre a Febbraio Modalit di svolgimento: lezioni frontali ed interattive, didattica laboratoriale, lavori di gruppo e collegamento ad Internet.

Progetto Lauree Scientifiche- Matematica Responsabile: prof.ssa M. A. Aleo Finalit: migliorare la conoscenza e la percezione delle discipline scientifiche nella Scuola, favorire lallineamento e lottimizzazione dei percorsi formativi dalla scuola alluniversit e dare lopportunit agli studenti di conoscere problemi e temi rilevanti della Matematica Destinatari: docenti di matematica e le loro terze o quarte classi

39

Tempi: 1 fase: 10 ore in orario extracurriculare; 2 fase: 10 ore di laboratorio (curriculare o extracurriculare); a 3 fase: 3 ore in orario extracurriculare Modalit di svolgimento: didattica laboratoriale

Progetto: Olimpiadi di Fisica-Giochi di Anacleto Responsabile: prof.ssa Lo Presti Finalit: approfondire le conoscenze della disciplina in vista della partecipazione alle Olimpiadi di Fisica Destinatari: tutti gli studenti delle seconde classi Tempi: 26 ore in orario extracurricolare. Febbraio - Aprile Modalit di svolgimento: lezioni frontali, risoluzioni di problemi, esperienze laboratoriali

Progetto eccellenza di matematica Responsabile: prof.ssa Aleo Maria Assunta Finalit: approfondire la disciplina in rapporto alla prosecuzione degli studi universitari in ambito scientifico Destinatari: alunni del triennio delistituto Tempi: 70 ore da Gennaio ad Aprile, in orario extracurriculare Modalit di svolgimento: lezioni teoriche, partecipate, attivit di laboratorio e ricerca

Progetto: Kangourou della Matematica XII edizione Responsabile: prof. G. Vasta Finalit: partecipare alla gara internazionale, migliorare le capacit logiche e le competenze degli alunni nel settore matematico. Corsi per livelli: cadet, Junior, Student Destinatari: tutte le classi dellIstituto Tempi: 30 ore in orario extracurricolare, novembre - gennaio Modalit di svolgimento: didattica laboratoriale, partecipativa, esercizi di logica e di analisi Progetto A scuola di scacchi Responsabile: prof. Santo Spina Finalit: sviluppo del meccanismo di verifica a livello logico, della capacit dinamica di comprendere i cambiamenti di situazione e di modificare le proprie strategie dazione, accettazione delle regole ed integrazione socio-affettiva Destinatari: max 50 allievi di tutte le classi Tempi: 60 ore extracurricolari. Modalit di svolgimento: lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche

Progetto: Attivit di astronomia Responsabile: prof. V. Russo Finalit: sviluppare negli allievi la curiosit intellettuale e lamore per lo studi attraverso losservazione della natura. Potenziare la mentalit scientifica Destinatari: attivit aperta al territorio, alunni di tutte le classi del Liceo scientifico e linguistico. Tempi: corso di astronomia di base: 24 ore; la matematica della fisica: 10 ore; corso di Astronomia avanzata 1 : 20 ore; corso di Astronomia avanzata II: 20 ore; corso di Astronomia avanzata III: 26 ore; laboratorio di astronomia: 20 ore; Olimpiadi di Astronomia: 18 ore. In orario extracurriculare. Modalit di svolgimento: lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche (osservazione visuale ed al telescopio, conferenze.

Progetto: Dai concetti fondamentali alla crisi della fisica classica Responsabile: prof. S. Manciagli e prof. M. Mangiagli Finalit: approcciare lo studio della fisica in modo pi approfondito e critico Destinatari: alunni delle III, IV e V classi Tempi: 27 ore Modalit di svolgimento: lezioni frontali, attivit laboratoriali e visite guidate

40

Progetto: Conferenze sulla fisica moderna Responsabile: prof. S. Maccarrone Finalit: approfondire argomenti di fisica con modalit interessanti e piacevoli, per migliorare metodologie didattiche specifiche. Destinatari: alunni delle quinte classi Tempi: 3 conferenze di circa tre ore ciascuna Modalit di svolgimento: conferenze con utilizzo di materiale multimediale

Referente dei progetti il Dipartimento di scienze

Progetto: Il laboratorio nellinsegnamento delle scienze Responsabile: prof.sse Anastasi A. e Aleo L. Finalit: promuovere, attraverso lapproccio sperimentale, nuove conoscenze tecniche e interesse per la biologia Destinatari: alunni del triennio Tempi: 25 ore Modalit di svolgimento: lezioni frontali, attivit sperimentali e laboratoriali

Progetto: Conoscere il territorio Responsabile: prof.ssa Antonella Mauro Finalit: promuovere la conoscenza del patrimonio naturalistico del territorio etneo Destinatari: alunni delle V classi Tempi: 5 ore di coordinamento e organizzazione delle uscite; 7 uscite di circa 2/3 ore ciascuna. Modalit di svolgimento: curriculare e visite guidate

Progetto: Calamit naturali-mitigazione del rischio Responsabile: G. Patti Finalit: studiare i principali fenomeni naturali, i concetti di rischio-vulnerabilit e mitigazione rischi Destinatari: gli alunni delle classi V Tempi: 5 ore coordinamento, 12 ore di insegnamento extracurricolari, 8 ore di docenza di un esperto esterno. Dicembre-Maggio Attivit: attivit laboratoriali, visite guidate e lezioni frontali

Progetto: Olimpiadi delle Scienze naturali Responsabile: prof.ssa G. Patti prof.ssa A. Astuto Finalit: realizzare un confronto tra realt scolastiche di diversi indirizzi di studio in ambito regionale e nazionale; approfondire e migliorare le conoscenze in campo biologico e nel campo delle Scienze della Terra. Destinatari: alunni del biennio Tempi: 20 ore in orario extracurriculare Modalit di svolgimento: Lezioni frontali ed interattive, lavori di gruppo

Progetto: Giochi della Chimica Responsabile: prof. A. Mauro Finalit: realizzare un confronto tra realt scolastiche di diversi indirizzi di studio sia nellambito della stessa regione che di diverse regioni italiane, approfondire conoscenze e migliorare competenze in campo chimico Destinatari: alunni delle classi IV Tempi: 20 ore extracurriculari. Modalit di svolgimento: lezioni frontali ed esercitazioni utilizzando quesiti proposti nei giochi della chimica delle scorse edizioni.

41

Progetto Lauree Scientifiche-Chimica Responsabile: prof.ssa A. Mauro Finalit: fornire agli studenti unopportunit per approfondire e migliorare le competenze in campo chimico ed orientarli per la scelta di una facolt scientifica. Destinatari: alunni delle classi IV Tempi: 6 ore extracurriculari Marzo - Aprile Modalit di svolgimento: lezioni frontali, utilizzo di audiovisivi.

Referente dei progetti il Dipartimento di lettere

Interlinguismo culturale: leggiamo e scriviamo i geroglifici Responsabile: prof. Santo Spina Finalit: apprendere i fondamenti della lingua geroglifica egizia per sviluppare una maggiore consapevolezza filologica e linguistica e della cultura egizia in genere Destinatari: da25 a 30 allievi di tutte le classi Tempi: 30 ore extracurricolari Dicembre-Marzo Modalit di svolgimento: lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche

Progetto Dal testo alla scena Responsabile: prof.ssa L. Mirone Finalit: offrire agli studenti unopportunit di riconoscimento dei nuclei di conflittualit esistenziali insiti nel testo teatrale nonch unopportunit di incontro/confronto con se stessi e laltro da s Destinatari: max 18 studenti delle classi III, IV, V Tempi: 35 ore in orario extracurriculare Gennaio-Maggio Modalit di svolgimento: lezione frontale, giochi di scrittura creativa, esercizi di dizione, di movimento scenico, di espressione corporea, di improvvisazione.

Progetto La Sicilia attraverso il romanzo Responsabile: prof.ssa C. Pagano, prof.ssa A. Motta Finalit: valorizzare la biblioteca dIstituto attraverso una lettura critica, che consenta per esempio, di cogliere la peculiarit della cultura siciliana nel 900 Destinatari: alunni del triennio Tempi: 26 ore in orario extracurriculari Novembre - Maggio Modalit di svolgimento: lezione frontale, dibattito, proiezione di film.

Referente dei progetti di Dipartimento di storia e filosofia

Progetto Il valore della memoria Responsabile: prof.ssa Lizzio e prof.ssa Sciuto Finalit: far riflettere i ragazzi sulla funzione della memoria individuale e collettiva Destinatari: 30 studenti delle classi V Tempi: 16 ore di lezione extracurriculare, 2 incontri curriculari di 4 ore ciascuno, uno in occasione della giornata della memoria e uno il giorno del ricordo. Ottobre-Marzo Modalit di svolgimento: cooperative learning, visione di documenti video, lettura di romanzi, articoli di giornali dellepoca, stage nei luoghi della memoria.

Progetto: Linfinito, una sfida per il pensiero Responsabile: prof.sse G. Madaudo e P. Lizzio Finalit: condurre gli studenti, attraverso un percorso interdisciplinare, alla scoperta dei numeri irrazionali e allidea della divisibilit allinfinito Destinatari: max 50 alunni delle classi terze Tempi: 4 ore in orario extracurriculare. Ottobre - Aprile Modalit di svolgimento: lezione frontale, conferenza ed esperimenti mentali

42

Progetto: protocollo dintesa con lAssociazione etnea studi storico -filosofici Responsabile: prof.sse A. Motta, M.V. Sciuto Finalit: promuovere la formazione culturale e la conoscenza del dibattito storico-filosofico. Destinatari: studenti del triennio e docenti dellambito umanistico-letterario Tempi: 4 conferenze da tenersi da Ottobre ad Aprile Modalit di svolgimento: conferenze in orario extracurricolari

Referente dei progetti il Dipartimento di lingue e letterature straniere: Inglese Francese Spagnolo Tedesco

Progetto: Stage linguistico in Gran Bretagna( Broadstairs-Kent) Responsabile: prof.Santo Tosto Finalit: Potenziamento della lingua inglese attraverso il contatto diretto con la cultura, tradizione e modi di vita della societ inglese; Destinatari: studenti delle classi II AL, II BL Tempi: 1 settimana di soggiorno, Marzo Modalit di svolgimento: corso di lingua inglese presso la Kent School of English, visite guidate.

Progetto: Palchetto stage Responsabile: prof.ssa Mendolia Carmela Finalit: trasformare nello studente lamore per il teatro in strumento didattico Destinatari: studenti della V BL e della V M Tempi: 27 Novenbre presso teatro Metropolitan di Catania Modalit di svolgimento: lettura in classe del copione delle due opere che successivamente si andr a vedere in teatro, test di verifica.

Certificazione linguistica Trinity Trinity college di Londra (lingua inglese) Responsabile: esperti di madrelingua Finalit: Potenziare la conoscenza della lingua inglese e acquisire competenze certificate Destinatari: tutti gli studenti del Liceo tranne le prime classi dellindirizzo scientifico . Tempi: preparazione extracurriculare per i vari livelli Trinity. Modalit di svolgimento: Scelta del livello (grading), potenziamento linguistico, ampliamento del lessico. Metodo comunicativo, esercizi di lettura, scrittura e sintesi, simulazione desame.

Progetto: Percorso propedeutico al PET (Preliminary English Test) Responsabile: esperti di madrelingua Finalit: Potenziare la conoscenza della lingua inglese e acquisire competenze certificate da Cambridge ESOL Destinatari: max 50 studenti delle classi I, II e III Liceo scientifico e linguistico, in possesso di certificazione Cambridge KET o Trinity grade 5. Tempi: 20 ore per due gruppi di 25 studenti, pi due ore conclusive per il test (tot. 44 ore). Modalit di svolgimento: Metodo comunicativo, esercizi di lettura, scrittura e sintesi, simulazione desame.

Progetto Lettore di madrelingua inglese Responsabile: esperti di madrelingua Finalit: Potenziare la competenza comunicativa Destinatari:il primo biennio del Liceo scientifico. Tempi: 1 ora curriculare settimanale per 10 settimane Modalit di svolgimento: attivit di pair work, group work, role play, conversation one to one

43

Progetto: Thatre en langue franaise Responsabile: prof. Rosario Serraggi Sindone Finalit: Potenziamento della lingua inglese attraverso il contatto diretto con la cultura, tradizione e modi di vita della societ inglese; Destinatari: gli studenti del secondo, terzo e quarto anno del liceo linguistico e quelli con indirizzo bilingue, per un massimo di 20 alunni Tempi: 30 ore extracurriculari, da svolgersi tra Dicembre e Aprile Modalit di svolgimento: jeu de role, lavoro di gruppo, ascolto di storie e approccio ludico per apprendere le tecniche teatrali

Progetto: Scambio culturale con il Liceo di Lorient (Bretagna) Responsabile: prof. R. Serraggi Sindone Finalit: Potenziamento della lingua francese attraverso il contatto diretto con la cultura, tradizione e modi di vita della societ francese; Destinatari: studenti del corso linguistico e di quello con il bilinguismo Tempi: 1 settimana di soggiorno, da definirsi nel periodo da marzo alla prima settima di maggio Modalit di svolgimento: soggiorno di una settimana presso una famiglia francese.

Progetto: Stage linguistico in Francia Responsabile: prof. R. Serraggi Sindone Finalit: Potenziamento della lingua francese attraverso il contatto diretto con la cultura, tradizione e modi di vita della societ francese; Destinatari: studenti del terzo anno del liceo linguistico Tempi: 1 settimana di soggiorno; Marzo Modalit di svolgimento: soggiorno di una settimana presso una famiglia francese.

Certificazione linguistica D.E.L.F. Alliance franaise (Lingua francese) Responsabile: prof.ssa D. Giusto Finalit: Potenziamento della lingua francese ai fini della certificazione europea Destinatari: prime e seconde classi linguistico, terze quarte e quinte linguistico e bilinguismo Tempi: preparazione extracurriculare per i vari livelli.. Modalit di svolgimento: metodo comunicativo, esercizi di lettura, scrittura e sintesi, simulazione desame

Certificazione linguistica DELE (lingua spagnola) Responsabile: prof.ssa I. Lo Faro Finalit: Potenziamento della lingua spagnola ai fini della certificazione europea Destinatari: classe III AL, BL, CL e V BL Tempi: 50 ore extracurriculari, a partire da Novembre con cadenza settimanale; Modalit di svolgimento: metodo comunicativo, esercizi di lettura, scrittura e sintesi, simulazione desame

Progetto: Stage Universit di Valladolid Responsabile: prof.ssa I. N. Lo Faro Finalit: Potenziamento della lingua spagnola attraverso il contatto diretto con la cultura, tradizione e modi di vita della societ spagnola Destinatari: gli alunni delle classi IV AL e IV BL Tempi: 1 settimana tra marzo e aprile Modalit di svolgimento: lezioni frontali, laboratori, visite guidate

44

Certificazione linguistica Goethe Institut (lingua tedesca ) Responsabile: prof. Maria Pitronaci Finalit: Potenziamento della lingua tedesca ai fini della certificazione europea Destinatari: V BL per la certificazione livello B1; Tempi:30 ore extracurriculari Modalit di svolgimento:. metodo comunicativo, esercizi di lettura, scrittura e sintesi, simulazione desame

Progetto: Corso di lingua francese (Aci Bonaccorsi) Responsabile: prof.ssa Silvana Cavarra Finalit: Potenziamento delle competenze linguistiche in lingua francese Destinatari: 7 alunni della V BA Tempi: 40 ore da svolgere in coda alle lezioni nel corso dellanno scolastico Modalit di svolgimento: lezioni frontali

Progetti proposti dagli alunni


Giornata della creativit 2013 Referente: prof.ssa M. G. Ardita Responsabile: S. Oliva Finalit: coinvolgere tutti gli studenti a manifestare le proprie attitudini creative anche allinterno della scuola Destinatari: tutte le classi del Liceo Tempi: 05 Giugno 2013 Modalit di svolgimento: esibizioni di gruppi musicali dal vivo e ballerine di hip hop, context di writers, gare di calcio, pallavolo e basket, ping pong

Formazione in servizio
Corso di aggiornamento Certificazione delle competenze

Piano integrato degli interventi FSE e FESR In coerenza con la programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 P.O.N.: competenze per lo sviluppoe Ambienti per lapprendimento finanziati dal Fondo Sociale Europeo e secondo le indicazioni dei Dipartimenti e del Collegio dei Docenti, si messo a punto il piano integrato dei progetti relativi alla formazione in servizio dei docenti ed alle azioni per gli studenti. Lindagine ex-ante alla elaborazione del Piano per una diagnosi attenta dei punti critici che vanno migliorati per incrementare la qualit del servizio scolastico e muoversi nella direzione indicata dagli obiettivi fissati dal Consiglio Europeo di Lisbona, e dei punti forti che, invece, potrebbero essere sostegno per il raggiungimento degli stessi, ha coinvolto l'intero corpo docente e non docente, alunni e famiglie nei rispettivi compiti e funzioni. A seguito della compilazione della scheda di Autodiagnosi e dellanalisi dei punti di forza e di debolezza circa le infrastrutture, le apparecchiature informatiche e i bisogni formativi sia degli studenti che del corpo docente e ATA, il Collegio dei docenti aveva deliberato per le annualit 2011/2013, di presentare una proposta plurima relativa agli Obiettivi specifici per far fronte alle principali criticit rilevate nella scuola. 45

Pertanto nella corrente annualit in programma lattuazione d ei seguenti progetti:

CORSI PON DA ATTUARE ENTRO IL 15 11 2012 Obiettivo C-1 destinatari: studenti dellIstituto 1 corso intensivo di lingua inglese con soggiorno nel Regno Unito, in fase di realizzazione 1 corso intensivo di lingua francese con soggiorno in Francia, in fase di realizzazione CORSI PON DA ATTUARE ENTRO IL 30 06 2013 Obiettivo C-1 destinatari: studenti dellIstituto 1 corso di scienze, 1 corso di fisica, 2 corsi di matematica, 2 corsi di lingua inglese, 1 corso di lingua francese Obiettivo C-4 (gare disciplinari): destinatari: studenti dellIstituto 1 corso di giochi matematici, 1 corso di olimpiadi di scienze naturali CORSI PON DA ATTUARE ENTRO IL 31 12 2013 Obiettivo G-1 destinatari: adulti del territorio 1 corso CISCO Academy (in fase di realizzazione), 1 corso di lingua inglese CORSI PON DA ATTUARE ENTRO IL 31 12 2012 Obiettivo D-4 destinatari: personale della scuola del territorio 5 corsi di informatica di base, informatica avanzata e didattica con la LIM (in fase di realizzazione) CORSI PON DA ATTUARE ENTRO IL 31 03 2013 Obiettivo D-4 destinatari: personale della scuola del territorio 5 corsi di informatica di base, informatica avanzata e didattica con la LIM

VIAGGI DI ISTRUZIONE
I viaggi di istruzione costituiscono un momento importante allinterno del progetto formativo di Istituto e sono unoccasione privilegiata per lo sviluppo nei giovani della capacit di orientarsi nella complessit dei fenomeni culturali e sociali della contemporaneit. Nel Collegio Docenti del 08 settembre 2012 gli insegnanti si sono espressi favorevolmente affinch si realizzino viaggi distruzione, in conformit agli obiettivi didattico-educativi della programmazione trasversale. Le mete scelte dai Dipartimenti sono: Per il primo anno: Sicilia occidentale, Per il secondo anno: Sicilia occidentale, Napoli Bagnoli Per il terzo anno: Grecia, Umbria, Stage di lingue in Inghilterra. Per il quarto anno: Madrid,Torino-Ginevra Per il quinto anno: Torino_Ginevra, Polonia, Monaco 46

La scelta orientativa dei Dipartimenti e dei Consigli di classe sar sottoposta alla valutazione delle componenti dei genitori e degli studenti, per giungere ad una scelta condivisa.

VISITE GUIDATE
Le visite guidate di una giornata sono deliberate dal Consiglio di Classe e costituiscono parte integrante dellattivit didattica. La partecipazione degli studenti della classe alle visite, nel numero massimo di tre per ciascuna classe e con laccompagnamento di almeno un docente per classe, obbligatoria e richiede lautorizzazione dei genitori. Nellambito del progetto di Educazione Ambientale una particolare attenzione viene rivolta al Territorio Etneo nei suoi aspetti morfologici, geologici e chimici.

ELEMENTI DI SUPPORTO ORGANIZZATIVO E DIDATTICO


I genitori degli allievi, oltre che ricevere informazioni tramite il sito web e sulla casella riservata di posta elettronica, vengono ricevuti dai docenti una volta la settimana, in base allorario di ricevimento e previo appuntamento. Il Dirigente Scolastico riceve previo appuntamento. Lufficio di vice presidenza sempre a disposizione negli orari di servizio scolastico mattutino per informazioni, giustificazioni e autorizzazioni. La Segreteria riceve nei giorni di: luned e gioved dalle 8.30 alle 11.30; mercoled dalle 15.00 alle 17.00 (solo uff. didattica); sabato dalle 8.30 alle 10.30. IL marted ricevimento dalle ore 11.30 alle 12.30 per lutenza di Aci Bonaccorsi nella sede di Aci Bonaccorsi. Lapertura pomeridiana sospesa nei mesi di Dicembre, Luglio, Agosto e Settembre. La Biblio-mediateca multimediale possiede in atto circa 16.000 volumi. E dotata di un sistema di gestione del catalogo delle acquisizioni e del prestito, e di ambienti e postazioni multimediali (n5) per la consultazione di testi, CD Rom, videocassette e per la navigazione in internet. Si occupa di organizzare incontri con personalit della cultura e promuove ladozione di autori da parte dei Consigli di classe. Si propone di: istituire un archivio di documentazione scolastica che accolga il materiale prodotto da docenti e alunni nellambito di progetti e attivit particolari aderire al progetto Biblioteche nelle scuole. 47

aperta per la consultazione e il prestito secondo il seguente orario: PUBBLICO ALUNNI VACANZE CHIUSA : : : : dalle ore 8.15 alle ore 13.30 (dal luned al sabato) dalle ore 16.00 alle ore 18.00 (mercoled) aperta al pubblico e agli alunni tutti i giorni: dalle ore 9.00 alle 12.00 intero mese di agosto.

Biblioteca Rosario Livatino La scuola rende disponibili appositi spazi per: bacheca sindacale bacheca degli studenti bacheca dei genitori bacheca dei docenti

e rende ben visibili: la tabelle dellorario dei dipendenti lorganigramma degli uffici lorganico del personale docente e ATA gli albi distituto 48

Allatto delliscrizione al 1 anno le famiglie sono invitate a prendere visione e sottoscrivere il seguente Patto di Corresponsabilit:

PATTO DI CORRESPONSABILITA
Visto il D.M. n. 5843/A3 del 16 ottobre 2006 Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalit; Visti i D.P.R. n.249 del 24/6/1998 e D.P.R. n.235 del 21/11/2007 Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria; Visto il D.M. n.16 del 5 febbraio 2007 Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo; Visto il D.M. n.30 del 15 marzo 2007 Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante lattivit didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilit dei genitori e dei docenti; si stipula con la famiglia dellalunno il seguente patto educativo di corresponsabilit, con il quale gli insegnanti si impegnano a: fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralit delle idee, nel rispetto dellidentit di ciascuno studente; offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, garantendo un servizio didattico di qualit in un ambiente educativo sereno e favorendo il processo di formazione di ciascuno studente, nel rispetto dei suoi ritmi e tempi di apprendimento; offrire iniziative concrete per il recupero di situazioni di disagio e di svantaggio, al fine di favorire il successo formativo e combattere la dispersione scolastica, oltre a promuovere il merito e incentivare le situazioni di eccellenza; favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza e integrazione degli studenti stranieri, tutelandone la lingua e la cultura, anche attraverso la realizzazione di iniziative interculturali, stimolare riflessioni e attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della salute degli studenti; garantire la massima trasparenza nelle valutazioni e nelle comunicazioni mantenendo un costante rapporto con le famiglie, anche attraverso strumenti tecnologicamente avanzati, nel rispetto della privacy; effettuare il numero minimo di prove scritte, orali e di laboratorio, ove previste, secondo le decisioni assunte dal Collegio dei Docenti; correggere, consegnare e discutere i compiti scritti entro 15 giorni dal loro svolgimento e, comunque, prima della prova successiva; far rispettare le norme di comportamento previste dal Regolamento dIstituto. lo studente si impegna a prendere coscienza dei propri diritti-doveri rispettando la scuola intesa come insieme di persone, ambienti e attrezzature; rispettare i tempi programmati e concordati con i docenti per il raggiungimento del proprio curricolo, impegnandosi in modo responsabile nellesecuzione dei compiti richiesti; accettare, rispettare e aiutare gli altri e i diversi da s, impegnandosi a comprendere le ragioni dei loro comportamenti; riferire in famiglia le comunicazioni provenienti dalla scuola e dagli insegnanti; 49

prendere visione del Regolamento dIstituto. la famiglia si impegna a valorizzare listituzione scolastica, instaurando un positivo clima di dialogo, nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise, e un atteggiamento di reciproca collaborazione con i docenti; rispettare listituzione scolastica, favorendo una assidua frequenza dei propri figli alle lezioni, partecipando attivamente agli organi collegiali e controllando quotidianamente le comunicazioni provenienti dalla scuola; discutere, presentare e condividere con i propri figli il patto educativo sottoscritto con lIstituzione scolastica; rispondere direttamente delloperato del figlio nel caso in cui lo stesso arrechi danno ad altre persone o a strutture ed attrezzature scolastiche o, pi in generale, violi i doveri sanciti dal regolamento dIstituto e subisca, di conseguenza, lapplicazione di sanzioni. Per i danni a persone, arredi e strutture previsto il risarcimento pecuniario qualora si renda necessaria spesa per riparazioni o eventuali acquisti; a prendere visione del Regolamento dIstituto.
Il Genitore (o chi ne fa le veci) LAlunno Il Dirigente Scolastico

______________________

______________________

______________________

Per ogni altra norma organizzativa si rimanda al Regolamento dIstituto disponibile sul sito della scuola e disponibile nellufficio di Presidenza per chi ne voglia prendere visione.

Il piano dellofferta formativa e stato deliberato dal Collegio dei Docenti allunanimit in data 10 ottobre 2012 e approvato dal Consiglio dIstituto in data 12 ottobre 2012 Il Dirigente Scolastico (prof. Riccardo Biasco)

50

51

Potrebbero piacerti anche