Sei sulla pagina 1di 4

Provinciale Napoli

Roma, 19 Maggio 2009

Al Coordinatore del PD di Vico Equense


e p.c. Ai membri del Coordinamento del PD di Vico Equense
e p.c. Alle iscritte e agli iscritti del Partito Democratico di Vico Equense

Caro Morelli,

ho letto con grande interesse la nota che mi hai inviato, dopo che pure

avevo ricevuto da Funiciello una serie di elementi per la comprensione

puntuale di quanto sta accadendo nella tua città e nella sua comunità

democratica.

Non c’è dubbio alcuno che il PD di Vico Equense debba sentirsi

impegnato a sostenere nella competizione elettorale provinciale la lista del

partito. Il contributo decisivo che noi Democratici dobbiamo portare alla

vittoria di Gino Nicolais passa, infatti, solo per questa strada. Senza

un’affermazione netta del PD, la coalizione che sostiene Nicolais non ha

nessuna speranza di riuscire vittoriosa. È una considerazione tanto ovvia, da

risultare scontata.

Sono a conoscenza di talune inquietudini che in alcuni circoli ci stanno

distraendo dal realizzare un’efficace campagna elettorale. Il countdown è però


oramai cominciato: la data del voto si avvicina e tutte le energie sottratte a

conseguire il migliore risultato possibile per la lista del PD sono energie

sprecate. Non a caso parlo della lista del PD e non del candidato del tuo

collegio, Elio Coppola, che pure stimo molto come gli altri 44 candidati

democratici. Il sistema elettorale per le provinciali mette sì in evidenza nome e

cognome del candidato, ma soprattutto il simbolo del partito o della lista a cui

fa riferimento. Senza quel simbolo non c’è riferimento, dunque non c’è

candidatura. È di tutta evidenza che risulterebbe paradossale un disimpegno di

un dirigente politico del PD, come anche di un suo iscritto, nei confronti del

simbolo del suo partito. Paradossale e inaccettabile.

La lista del Presidente – cui auguro per il successo finale la migliore

fortuna – nasce in Provincia di Napoli, come altrove, per intercettare un voto

non direttamente riconducibile a quello dei partiti o delle liste della coalizione.

Qualora venisse utilizzata per redistribuire il consenso interno alla coalizione o

ad un solo suo partito, non avrebbe alcun senso di esistere. Servirebbe per una

conta interna drammaticamente infruttuosa ai fini del risultato finale. Gino

Nicolais non ha pensato e costruito la lista che porta il suo nome con questo

ultimo obiettivo, ma allo scopo di accrescere l’offerta potenziale elettorale della

sua coalizione e raccogliere più voti di quanti ne avrebbe raccolti se la lista del

Presidente non fosse stata presentata.

Il PD di Vico Equense, come i circoli degli altri comuni della Provincia e

dei quartieri della città, deve avere a cuore il buon esito del risultato

complessivo del partito, che si consegue con le migliori prestazioni possibili nei

singolo collegi elettorali. Questa è una regola elementare della politica e della

vita partitica stessa. Qualora lo riterresti utile, insieme al tuo Coordinamento

potreste provare ad indirizzare verso il candidato della lista del Presidente quei

consensi del civismo di centrodestra insoddisfatto, se non apertamente


contrariato, dalla candidatura di Cesaro. Quei voti, cioè, che in nessun modo

potrebbero confluire sul PD. Ma il nostro bacino elettorale nella città deve

assolutamente concorrere al successo del partito, a Vico Equense e in tutto il

collegio 27, propedeutico ed essenziale per la vittoria di Gino Nicolais e della

sua coalizione.

Non intendo entrare esplicitamente nel dibattito interno al

Coordinamento del circolo di Vico Equense, perché ho rispetto per tutti i suoi

singoli componenti e per l’autonomia loro e dell’organismo. Sono consapevole

che non occorre ricordare a te e loro stessi che questa autonomia si esercita – e

così si invera – solo all’interno delle regole statutarie proprie di ogni comunità

partitica. Regole che, per quanto ci riguarda, prevedono (cfr. Statuto nazionale

Art.2 comma 7/c) che i nostri iscritti abbiano il dovere di «favorire

l’ampliamento […] della partecipazione ai momenti aperti a tutti gli elettori»,

che nella fattispecie significa fare in modo che nelle competizioni elettorali il

partito consegua il migliore risultato possibile.

Spero di essere presto tra voi e auguro a te e a tutti i democratici di Vico

Equense una buona e prospera campagna elettorale.

Intanto vi saluto tutti con molta amicizia,

Enrico Morando
Commissario PD Napoli

Partito Democratico – Provinciale Napoli Via Toledo, 106 – 80132 Napoli


Tel. 0815525928 - 081/5525671 – 0815520302 – 081408177 fx 0814203276
www.pdnapoli.it - Mail segreteria@pdnapoli.it