Sei sulla pagina 1di 1

-MSGR - 04 FROSINONE - 37 - 01/06/13-N:

Frosinone
frosinone@ilmessaggero.it www.ilmessaggero.it Sabato 1 Giugno 2013
Redazione: Corso della Repubblica, 67 T 0775/211220-857192 F 0775/211181

METEO
Viterbo Rieti

Professione Lavoro sul Messaggero

ROMA Latina Frosinone

OGNI GIOVED LA VOSTRA CARRIERA PRENDE UNALTRA DIREZIONE

Lidea di Tassa Maxi evento del Gusto, coro di s da Provincia e ente camerale
Maggi a pag. 38

Anagni Fiamme accidentali alla Oxido, danni a un laboratorio


Carnevale a pag. 39

Valle del Sacco

Aeroporto, Retuvasa incalza LAsi ritiri la maxi variante


Dopo il no al progetto di mezzo Pd, gli ambientalisti chiedono che non venga cambiata la destinazione a 300 ettari di suolo agricolo

Buongiorno a pag. 38

Antitumorali, nuovo maxi furto


Blitz alla farmacia dellospedale di Sora, ignoti laltra notte si sono introdotti nei locali del deposito di medicinali del SS Trinit. I ladri laltra notte una volta introdottisi nella farmacia del nosocomio, da una prima ricostruzione degli investigatori, hanno diretto la propria attenzione verso le celle frigorifere che sono state violate con lo scopo di asportare alcuni specifici medicinali necessari alla cura di malattie tumorali, autoimmuni, invalidanti e citostatici oltre che per la cura della sclerosi multipla e delle artiti reumatoidi. Questo nuovo furto ricalca quello messo a segno nellospedale del capoluogo il 22 marzo scorso. Quella volta il colpo frutt, secondo gli investigatori, circa 200 mila euro in medicinali, stavolta sono stati sottratti farmaci per circa 100 mila euro. Un colpo a quanto pare studiato nei minimi particolari e realizzato con perizia: i farmaci rubati dai malviventi infatti erano arrivati solo da pochi giorni presso lospedale di Sora. Anche il Santissima Trinit non nuovo a tali raid. Solo un mese fa, ad aprile, proprio la farmacia del SS Trinit aveva subito un furto di medicinali del tutto simile a quello accaduto la scorsa notte. Sirolli a pag. 39

Il Pdl si ritrova in conclave congresso per ripartire `Torna in azione a Sora la banda che fa razzia di medicinali costosi, danno da 100 mila euro Svuotata la farmacia dellospedale, colpo fotocopia di quello messo a segno allo Spaziani POLITICA
Fiuggi

Rapinato tra tre persone in pieno giorno


Rapinato nel pieno centro di Fiuggi. E quanto ha denunciato ai carabinieri un uomo di mezzet, di circa 50 anni, che ha raccontato agli investigatori di essere stato avvicinato da tre persone che lo avrebbero minacciato e rapinato dei soldi che in quel momento aveva con s. Il tutto mentre passeggiava Lospedale di Sora per le vie del centro cittadino. Sarebbe accaduto nelle prime ore del pomeriggio di ieri. I tre individui sarebbero poi fuggiti con unauto di colore grigio. Sul caso sono in corso indagini dei carabinieri della Compagnia di Alatri, che stanno cercando di ricostruire la dinamica.

Il fidanzato la scaraventa dallauto


La ragazza non voleva prostituirsi Luomo stato arrestato dai carabinieri
VEROLI
Costringeva la sua fidanzata ad essere ripresa durante i rapporti sessuali e voleva anche farla prostituire. Almeno quanto ricostruito dai carabinieri di Veroli. Dopo l'ennesimo litigio, secondo gli accertamenti scaturito in seguito al rifiuto della ragazza alla richiesta di prostituirsi, lha picchiata e poi scaraventata fuori dalla sua auto in corsa. E accaduto a Veroli. Alla fine, dopo gli accertamenti, i militari della locale stazione hanno tratto in arresto un giovane muovendo nei suoi confronti le accuse di percosse, minacce e lesioni. La giovane, intanto, unitaliana, rimasta ferita ed stata giudicata guaribile dai sanitari in poco pi di due settimane. Il tutto avvenuto laltro ieri pomeriggio. Prima il litigio, culminato con la ragazza gettata fuori dallauto: allorigine del diverbio ci sarebbe stata lopposizione della donna alla proposta di prostituirsi che le avrebbe fatto il fidanzato. Una volta intervenuti i carabinieri, la ragazza ha poi trovato la forza di raccontare tutto agli stessi militari. Sentita dagli uomini dellArma della Compagnia di Alatri, ha riferito che la situazione andava avanti da circa un anno e che luomo lavrebbe costretta ad essere ripresa durante i rapporti sessuali. La donna, sempre stando alle verifiche delle forze dellordine, ha inoltre raccontato di non aver mai trovato il coraggio di denunciare quanto accadeva poich impaurita dalle presunte reiterate minacce di morte delluomo, anche con l'uso di unarma rivelatasi poi giocattolo (ma priva del tappo rosso), che avevano generato in lei timori per la propria incolumit e quella dei suoi familiari. Per luomo scattato larresto. I carabinieri coordinati dal capitano della Compagnia di Alatri Antonio Contente e dal maresciallo Giovanni Franzese, hanno sequestrato larma-giocattolo, rinvenuta durante una perquisizione domiciliare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cassino. In 400 hanno presentato unistanza in Tribunale

Erano mesi, se non anni, che gli esponenti delle varie correnti interne al Pdl provinciale non si ritrovavano tutte sotto lo stesso tetto. Ieri accaduto. Al Multisala Sisto erano in programma gli Stati Generali, organizzati dalla corrente che fa capo a Mario Abruzzese e Alfredo Pallone. All'invito hanno risposto tutti: dal vicecommissario europeo Antonio Tajani all'ex presidente della Provincia Antonello Iannarilli, dai candidati alle ultime elezioni fino ai sindaci, agli amministratori. Oggetto dell'incontro: ribadire la necessit di dar risposte a un territorio in crisi. Ma l'evento stato soprattutto occasione per guardarsi in faccia dopo il non lusinghiero risultato delle ultime elezioni. Da Abbruzzese e Pallone arrivata la proposta: congresso. Tajani si detto d'accordo purch sia anche occasione per lanciare idee e proposte per rispondere alle emergenze sociali come lavoro e occupazione. Del resto un congresso lo si invoca ormai da anni ma in provincia non se ne sono mai svolti. Ora

DOPO LA SFIDUCIA A IANNARILLI SI CERCA DI TROVARE UNA NUOVA GUIDA


per i tempi sembrano maturi anche perch di fatto sul territorio il partito non ha una classe dirigente (il commissario Iannarilli a marzo stato sfiduciato da met dei suoi e la querelle arrivata sul tavolo di Alfano). Nel frattempo la guerra interna continua imperterrita (terreno di scontro le ultime comunali) e la base sbanda perdendo pezzi (tanti sono passati con Fratelli D'Italia e altri partiti). I risultati della mancanza di una guida sono evidenti: basti solo pensare all'8% ottenuto dal Pdl nel comune pi grande al voto alle scorse comunali, Ferentino, che pure patria del commissario della Provincia Giuseppe Patrizi e paese d'origine dello stesso Tajani. O anche ai risultati dei singoli, come quello dell'ex consigliere provinciale Andrea Amata che ad Atina ha preso solo il 12% dei voti. Insomma darsi un apparato dirigente sembra non pi rinviabile: questo l'unico punto che accomuna tutte le correnti e questo rappresenta la base per la tregua armata in attesa della resa dei conti definitiva che arriver con il congresso. Dalla prossima settimana si inizia a lavorare per organizzarlo. De. Co.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Centinaia in fila per adottare i cuccioli


Hanno commosso mezza Italia i 36 cuccioli salvati dalla polizia stradale dalle grinfie del trafficante di animali. Gi in 400 hanno presentato unistanza alla polizia o in Tribunale per adottarli. Caramadre a pag. 40

LA GIOVANE HA VINTO LA PAURA DELLE MINACCE E HA DENUNCIATO AI CARABINIERI

Multiservizi, in 91 senza pi sussidi


IL CASO
Senza lavoro e senza cassa integrazione. Nell'incontro di ieri tra i funzionari regionali e le rappresentanze sindacali e di associazioni che stanno seguendo la vertenza Multiservizi di Frosinone, la Regione ha ratificato l'impegno di garantire la cassa integrazione fino al 30 giugno senza ulteriori proroghe. Dal primo luglio, quindi, scatta la mobilit e l'impegno delle parti a prendere in considerazione tutti questi lavoratori rimasti senza occupazione per eventuali ricollocazioni future. Dal prossimo mese, quindi, dei 151 lavoratori complessivi della ex Multiservizi, 91 si ritroveranno senza alcun sussidio, mentre altri 60 hanno aderito alle cooperative sociali ingaggiate dal Comune. Nella riunione di ieri si riparlato anche della terza soluzione, quella di istituire cos come proposto all'ultima riunione, una societ ex novo ma la Regione ha ribadito di non poterne far parte a livello economico ed il comune di Frosinone ha gi manifestato la propria contrariet ad una soluzione di questo tipo per assenza di fondi. Tra l'altro il comune di Frosinone gi al lavoro per realizzare il nuovo bando su scala europea per istituire, tra quattro mesi quando scadr il mandato alle coop, una nuova societ cui affidare i servizi esterni. Chi ha firmato per le cooperative avr la possibilit di confluire in questa nuova azienda per gli altri non ci saranno speranze n possibilit di riassunzioni. Il tavolo tecnico regionale - ha riferito Severo Lutrario dell'Unione sindacale di base - ci ha comunicato la notizia della fine della Cig. L'unica soluzione ancora in piedi quella del tavolo politico in Regione per la creazione della nuova societ che ha gi avuto l'assenso di Provincia e del Comune di Alatri. Il futuro ora nelle mani del sindaco di Frosinone. Abbiamo sollecitato un tavolo congiunto con enti e sindacati per dirimere definitivamente questa situazione. Ognuno poi si dovr assumere le proprie responsabilit. Gianpaolo Russo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Una pattuglia dei carabinieri