Sei sulla pagina 1di 4

Ventilazione

Ventilazione
FATTORE DI RISCHIO RISCHIO MISURE DI PROTEZIONE E PREVENZIONE

Mancato ricambio di aria Accumulo di sostanze pericolose Accumulo di polveri

Avvelenamento Intossicazione Silicosi Malattie polmonari Allergie

Dotare i laboratori ed i magazzini con frequenza di personale di aperture e superfici apribili in quantit idonea al tipo di attivit svolta (minimo il 6,3% di tutta la superficie utile dei locali se questa inferiore a m2 100 ed il 5% se tale superficie compresa tra 100 e 1000 m2) con comandi ad altezza duomo. Almeno il 50% della superficie finestrata apribile deve essere a parete e deve avere la soglia ad una quota non superiore alla met dellaltezza della parete netta. Nei luoghi di lavoro chiusi i lavoratori devono disporre di una quantit di aria salubre sufficiente. Se viene utilizzato un impianto di aerazione, esso deve essere sempre mantenuto funzionante. Ogni eventuale guasto allimpianto di aerazione deve essere segnalato da un sistema di controllo automatico. I sistemi di aerazione forzata devono essere periodicamente verificati e manutenzionati in maniera sistematica. Limpianto di aerazione forzata non pu essere utilizzato per la rimozione degli inquinanti dovuti alle specifiche lavorazioni; in tali casi devono essere previsti specifici impianti di aspirazione localizzata. Privilegiare il posizionamento a tetto degli aspiratori.

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Rischio-ventilazione%20ok.htm (1 di 2) [07/05/2003 14.22.29]

Ventilazione

Sbalzi termici Correnti di aria

Patologie da raffreddamento Nevralgie

Gli uffici ed i refettori devono avere una superficie apribile pari al 12,5% della superficie utile del locale. I servizi igienici devono essere forniti di finestra apribile allesterno della misura corrispondente al 12,5% della superficie del pavimento ed almeno di m2 0,6. Dotare i servizi igienici privi di aperture verso lesterno di aspirazione forzata che garantisca: 6 ricambi orari se funzionante di continuo 3 ricambi in un tempo massimo di 5 minuti per ogni utilizzazione dellambiente se a funzionamento discontinuo, a comando automatico temporizzato. Le prese daria esterna devono essere lontane da punti di emissione dellaria esausta e non interessate dalla presenza di sostanze pericolose. Posizionare le griglie di immissione di aria lontane da zone di passaggio e postazioni di lavoro e comunque in modo tale da non creare disagio al personale. Distribuire in pi griglie, per quanto possibile, laria da immettere nel locale allo scopo mantenere una buona velocit di immissione e una uniforme distribuzione.

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Rischio-ventilazione%20ok.htm (2 di 2) [07/05/2003 14.22.29]

Climatizzazione dei locali di lavoroClimatizzazione dei locali di lavoroCli...oroClimatizzazione dei locali di lavoroClimatizzazione dei locali di lavoro

Climatizzazione dei locali di lavoro

FATTORE DI RISCHIO

RISCHIO

SOLUZIONI

Presenza di impianti di condizionamento maldimensionati

Insufficiente aerazione dei locali Patologie di varia natura dovute ad inalazione di sostanze contaminanti o tossiche Patologie da raffreddamento

Realizzare sistemi di condizionamento che assicurino un ricambio di aria tale da consentire almeno 30 m3/ora per lavoratore. Posizionare le prese daria in posizioni non interessate da sostanze contaminati, tossiche, infiammabili

Posizionamento non corretto delle prese daria esterna

Posizionamento non corretto delle griglie di immissione Non corretta manutenzione delle apparecchiature di condizionamento

Posizionare le griglie di immissione dellaria condizionata evitando lesposizione dei lavoratori a correnti daria fredda. Prevedere un programma di manutenzione preventivo degli impianti di aria condizionata con particolare attenzione ai tempi di sostituzione dei filtri.

Inquinamento dei sistemi di ventilazione, umidificazione, raffreddamento da parte di germi, muffe e protozoi con le seguenti patologie: alveoliti ed altre forme

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Ris...atizzazione%20dei%20locali%20di%20lavoro%20ok.htm (1 di 2) [07/05/2003 14.22.33]

Climatizzazione dei locali di lavoroClimatizzazione dei locali di lavoroCli...oroClimatizzazione dei locali di lavoroClimatizzazione dei locali di lavoro

allergiche, asma, legionellosi.

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Ris...atizzazione%20dei%20locali%20di%20lavoro%20ok.htm (2 di 2) [07/05/2003 14.22.33]