Sei sulla pagina 1di 3

Esposizione ad agenti chimici

Esposizione ad agenti chimici

FATTORE DI RISCHIO

RISCHIO

SOLUZIONI

Manipolazione movimentazione e prelievo di sostanze pericolose

Fornire agli operatori opportuni dispositivi di protezione individuale (strettamente personali), dedotti dalle Per schede dei prodotti impiegati e verificarne il corretto utilizzo. contatto: 1. Dermatiti, Predisporre per i lavoratori addetti ad 2. Ustioni, attivit inquinanti appositi locali 3. Allergie, spogliatoi, (puliti, riscaldati, illuminati, 4. Azione dotati di sedie e appositi armadietti a caustica doppio scomparto per la totale Per separazione degli indumenti puliti da inalazione quelli di lavoro), lavandini e docce attigui provvisti dacqua calda e fredda. Per ingerimento: Lesposizione dei lavoratori alle sostanze nocive deve essere contenuta Intossicazione, entro i limiti di tolleranza prevista. Assorbimento Prevedere idonei sistemi daerazione dei locali di lavoro realizzando impianti organico, daerazione forzata l dove quella Danno naturale insufficiente. agli organi Vietare laccesso ai locali di lavoro ai interni non addetti. Predisporre idonei programmi di pulizia e manutenzione dei locali e degli impianti. Adottare, negli ambienti in cui possibile la formazione di polveri, tutti quei provvedimenti atti a diminuirne lo sviluppo e la propagazione. In particolare verificare lefficienza dei sistemi

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Rischio-esposizione%20ad%20agenti%20chimici%20ok.htm (1 di 3) [07/05/2003 14.22.15]

Esposizione ad agenti chimici

daspirazione localizzata adottando sistemi di raccolta ed eliminazione delle polveri tali da impedire che queste rientrino nellambiente di lavoro. Provvedere alla captazione ed evacuazione dellaria aspirata durante le fasi di: manipolazione e pesatura di coloranti organici in polvere fasi di volanatura in botte rasatura a secco smerigliatura e spazzolatura Tutti i contenitori di prodotti chimici devono essere aperti soltanto il tempo necessario al prelievo e devono essere muniti di coperchio a tenuta. Adeguare i locali e gli impianti dove si pu verificare la produzione di gas, vapori, fumi o odori molesti mediante installazione didonei impianti daerazione ubicati in prossimit della sorgente demissione. Programmazione della sorveglianza sanitaria nella periodicit prevista in conformit a quanto emerso dalla valutazione dei rischi. Verificare periodicamente lefficienza dei sistemi di captazione di sostanze volatili, e degli eventuali dispositivi di sicurezza ad essi collegati, relativi a: - aspirazione dacido solfidrico da operazioni di purga e piclaggio - aspirazione di cloro gassoso da operazioni di sbianca
http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Rischio-esposizione%20ad%20agenti%20chimici%20ok.htm (2 di 3) [07/05/2003 14.22.15]

Esposizione ad agenti chimici

- aspirazione su impianti di pigmentazione a spruzzo - aspirazione su impianti per impregno a rullo e velatrici ove siano utilizzati prodotti in solvente - aspirazione su piani di lavoro su cui effettuata la tamponatura manuale con impiego di prodotti in solvente - Eseguire la preparazione e pesatura delle miscele per rifinizione in locale apposito, dotato dareazione continua assicurata mediante mezzi idonei (aspiratori, opportuna superficie apribile dei serramenti, etc.) che consentano il costante rinnovo dellaria. Provvedere affinch il mancato funzionamento dellaspirazione dellaria nelle cabine di pigmentazione e spruzzo impedisca lavvio delloperazione di spruzzatura Apporre cartelli di divieto di fumare e consumare alimenti e bevande negli ambienti di lavoro verificando losservanza e predisponendo per le suddette operazioni appositi spazi.

http://www.ispesl.it/profili_di_rischio/Cuoio/Rischio-esposizione%20ad%20agenti%20chimici%20ok.htm (3 di 3) [07/05/2003 14.22.15]