Sei sulla pagina 1di 16

Unioni nite e numerabili di intervalli,

il volume degli insiemi aperti


In questa esposizione chiameremo brevemente intervallo
in R ogni insieme del tipo
_
a , b
_
=
_
x R; a x < b
_
dove a , b sono
numeri reali (ovviamente,
_
a , b
_
= a < b)
ed
in R
n
ogni insieme del tipo
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
dove a
j
, b
j
, 1 j n, sono
numeri reali.
Rimarchiamo che lintersezione di due intervalli
I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
e I

=
n

j=1
_
a
j

, b
j

_
`e pure un intervallo :
I I

=
n

j=1
_
max(a
j
, a
j

) , min(b
j
, b
j

)
_
.
Le estremit`a di I =
_
a , b
_
saranno indicati con a(I) = a e b(I) = b .
Se I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
e b
1
a
1
= ... = b
n
a
n
allora diremo che I `e un cubo.
Se I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
e le estremit`a a
j
e b
j
sono numeri razionali della forma
q
2
k
con q Z e k 0 intero allora diremo che I `e un intervallo diadico.
Il volume di I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
`e per denizione
v(I) =
n

j=1
(b
j
a
j
) .
Dimostriamo la seguente
Formula per il volume degli intervalli. Per ogni intervallo I R
n
vale
v(I) = lim
q
1
q
n
card
_
I
1
q
Z
n
_
. (*)
1
Dimostrazione. Useremo induzione rispetto alla dimensione n.
Per n = 1 :
Siano I =
_
a , b
_
e q 1 . Elenchiamo gli elementi di I
1
q
Z in ordine
crescente :
p
1
q
<
p
1
+ 1
q
< ... <
p
2
q
.
Allora
_
p
1
q
,
p
2
q
_
I
_
p
1
1
q
,
p
2
+ 1
q
_
e risulta
p
2
p
1
q
v(I)
p
2
p
1
q
+
2
q
cio`e
1
q
card
_
I
1
q
Z
_

1
q
v(I)
1
q
card
_
I
1
q
Z
_
+
1
q
.
Di conseguenza

v(I)
1
q
card
_
I
1
q
Z
_

1
q
e risulta (*) per n = 1 .
Il passo di induzione :
Supponiamo che n 2 e che (*) vale per n 1 al posto di n.
Sia ora I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
un qualsiasi intervallo n-dimensionale. Allora
I = I
1
I
2
con
I
1
=
_
a
1
, b
1
_
un intervallo in R e
I
2
=
n

j=2
_
a
j
, b
j
_
un intervallo (n 1)-dimensionale.
2
Per la prima parte della dimostrazione e per lipotesi di induzione abbiamo
v(I
1
) = lim
q
1
q
card
_
I
1

1
q
Z
_
,
v(I
2
) = lim
q
1
q
n1
card
_
I
2

1
q
Z
n1
_
,
perci`o
v(I) = v(I
1
) v(I
2
)
= lim
q
1
q
n
card
_
I
1

1
q
Z
_
card
_
I
2

1
q
Z
n1
_
= lim
q
1
q
n
card
_
_
I
1

1
q
Z
_

_
I
2

1
q
Z
n1
_
_
= lim
q
1
q
n
card
_
I
1
q
Z
n
_
.

Lemma 1. Se I R
n
`e un intervallo e
_
I
j
_
1jk
`e una famiglia nita
di intervalli in R
n
che ricoprono I allora
v(I)

1jk
v(I
j
) .
Dimostrazione usando la formula (*). Per ogni q 1 abbiamo
I
1
q
Z
n

_
1jk
_
I
j

1
q
Z
n
_
e quindi
card
_
I
1
q
Z
n
_

1jk
card
_
I
j

1
q
Z
n
_
.
Usando (*) risulta :
v(I) = lim
q
1
q
n
card
_
I
1
q
Z
n
_

1jk
lim
q
1
q
n
card
_
I
j

1
q
Z
n
_
=

1jk
v(I
j
) .
3
Dimostrazione usando partizioni prodotto. Poiche
I
_
1jk
I
j
I =
_
1jk
_
I I
j
_
,
possiamo assumere senza minore generalit`a che I =
_
1jk
I
j
.
Possiamo anche assumere che nessuno degli intervalli I , I
1
, ... , I
k
sia
vuoto, cio`e che, con
I =
n

p=1
_
a
p
, b
p
_
,
I
j
=
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
, 1 j k ,
abbiamo
a
p
< b
p
e a
(j)
p
< b
(j)
p
, 1 j k ,
per ogni 1 p n.
Mettiamo gli elementi di
_
1jk
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
, 1 p n
in ordine crescente :
x
(0)
p
< x
(1)
p
< ... < x
(mp)
p
.
Allora
x
(0)
p
= a
p
e x
(mp)
p
= b
p
, 1 p n
ed, indicando per ogni 0 < l
1
m
1
, ... , 0 < l
n
m
n
J
l
1
, ... ,ln
:=
_
x
(l
1
1)
1
, x
(l
1
)
1
_
...
_
x
(ln1)
n
, x
(ln)
n
_
,
abbiamo
I =
_
0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
J
l
1
, ... ,ln
,
I
j
=
_
a
(j)
1
<x
(l
1
)
1
b
(j)
1
.
.
.
a
(j)
n
<x
(ln)
n
b
(j)
n
J
l
1
, ... ,ln
=
_
J
l
1
, ... ,ln
I
j
J
l
1
, ... ,ln
, 1 j k ,
4
quindi
v(I) =

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
v(J
l
1
, ... ,ln
) ,
v(I
j
) =

J
l
1
, ... ,ln
I
j
v(J
l
1
, ... ,ln
) , 1 j k . (1)
Ora (1) implica

1jk
v(I
j
) =

1jk

J
l
1
, ... ,ln
I
j
v(J
l
1
, ... ,ln
)
=

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
card
_
1 j k ; J
l
1
, ... ,ln
I
j
_
v(J
l
1
, ... ,ln
) .
Poiche
v(I) =

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
v(J
l
1
, ... ,ln
) ,
per dimostrare la disuguaglianza v(I)

1jk
v(I
j
) basta vericare che
card
_
1 j k ; J
l
1
, ... ,ln
I
j
_
1
per ogni J
l
1
, ... ,ln
.
Ma
_
0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
J
l
1
, ... ,ln
= I =
_
1jk
I
j
implica che ogni J
l
1
, ... ,ln
interseca un I
j(l
1
, ... ,ln)
con 1 j(l
1
, ... , l
n
) k ed
allora
J
l
1
, ... ,ln
I
j(l
1
, ... ,ln)
:
5
Infatti, se esiste (x
1
, ... , x
n
) J
l
1
, ... ,ln
I
j(l
1
, ... ,ln)
allora abbiamo
max
_
x
(lp1)
p
, a
(j(l
1
, ... ,ln))
p
_
< min
_
x
(lp)
p
, b
(j(l
1
, ... ,ln))
p
_
, 1 p n.
Per ogni 1 p n risultano
a
(j(l
1
, ... ,ln))
p
< x
(lp)
p
=a
(j(l
1
, ... ,ln))
p
x
(lp1)
p
,
x
(lp1)
p
< b
(j(l
1
, ... ,ln))
p
=x
(lp)
p
b
(j(l
1
, ... ,ln))
p
e quindi
_
x
(lp1)
p
, x
(lp)
p
_

_
a
(j(l
1
, ... ,ln))
p
, b
(j(l
1
, ... ,ln))
p
_
.
Cosicche
J
l
1
, ... ,ln
=
_
x
(l
1
1)
1
, x
(l
1
)
1
_
...
_
x
(ln1)
n
, x
(ln)
n
_

_
a
(j(l
1
, ... ,ln))
1
, b
(j(l
1
, ... ,ln))
1
_
...
_
a
(j(l
1
, ... ,ln))
n
, b
(j(l
1
, ... ,ln))
n
_
= I
j(l
1
, ... ,ln)
.

Si potrebbe chiedere: perche dare la seconda dimostrazione di Lemma 1


quando la prima `e molto pi` u semplice e breve? La risposta `e che la seconda
dimostrazione funziona anche in un ambito pi` u generale. Infatti, se
g
j
: R R, 1 j n
sono funzioni crescenti, continue a sinistra, allora possiamo denire il volume
di Stieltjes di I =
n

j=1
_
a
j
, b
j
_
corrispondente a queste funzioni tramite
v
g
1
, ... ,gn
(I) =
n

j=1
_
g
j
(b
j
) g
j
(a
j
)
_
e la seconda dimostrazione di Lemma 1 funziona per dimostrare Lemma 1
anche per v
g
1
, ... ,gn
( ) al posto di v( ) .
Lemma 2. Se I R
n
`e un intervallo e
_
I
j
_
j1
`e una famiglia numerabile
di intervalli in R
n
che ricoprono I, allora
v(I)

j1
v(I
j
) .
6
Dimostrazione. Per

j1
v(I
j
) = + e per v(I) = 0 la disuguaglianza
a dimostrare `e banale, perci`o assumeremo nel seguito che

j1
v(I
j
) < + e
v(I) > 0 .
Siano
I =
n

p=1
_
a
p
, b
p
_
,
I
j
=
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
, j 1 .
Poiche I
_
j1
I
j
, per ogni 0 < < min
1pn
_
b
p
a
p
_
gli insiemi aperti
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
I
j
, j 1 .
ricoprono linsieme compatto
n

p=1
_
a
p
, b
p

I .
Perci`o esiste k 1 tale che
n

p=1
_
a
p
, b
p

p=1
_
a
p
, b
p

_
1jk
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_

_
1jk
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
e Lemma 1 implica che
n

p=1
_
b
p
a
p

_
= v
_
n

p=1
_
a
p
, b
p

_
_
v
_
_
1jk
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
_
=

1jk
n

p=1
_
b
(j)
p
a
(j)
p
+
_
.
7
Passando al limite per 0 si ottiene
v(I) = lim
0
n

p=1
_
b
p
a
p

_
lim
0

1jk
n

p=1
_
b
(j)
p
a
(j)
p
+
_
=

1jk
v(I
j
)

j1
v(I
j
) .

Lemma 3. Se I R
n
`e un intervallo e
_
I
j
_
1jk
`e una famiglia nita
di intervalli a due a due disgiunti in R
n
che sono contenuti in I, allora

1jk
v(I
j
) v(I) .
Dimostrazione usando la formula (*). Per ogni q 1 abbiamo
_
1jk
_
I
j

1
q
Z
n
_
I
1
q
Z
n
e, poiche gli insiemi I
j

1
q
Z
n
, 1 j k , sono a due a due disgiunti, risulta

1jk
card
_
I
j

1
q
Z
n
_
= card
_
_
1jk
_
I
j

1
q
Z
n
_
_
card
_
I
1
q
Z
n
_
.
Usando (*) concludiamo :

1jk
v(I
j
) =

1jk
lim
q
1
q
n
card
_
I
j

1
q
Z
n
_
lim
q
1
q
n
card
_
I
1
q
Z
n
_
= v(I) .
Dimostrazione usando partizioni prodotto. Possiamo supporre senza
minore generalit`a che nessuno degli intervalli I , I
1
, ... , I
k
sia vuoto, cio`e che,
con
8
I =
n

p=1
_
a
p
, b
p
_
,
I
j
=
n

p=1
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
, 1 j k ,
abbiamo
a
p
< b
p
e a
(j)
p
< b
(j)
p
, 1 j k ,
per ogni 1 p n.
Mettiamo gli elementi di
_
a
p
, b
b
_

_
1jk
_
a
(j)
p
, b
(j)
p
_
, 1 p n
in ordine crescente :
x
(0)
p
< x
(1)
p
< ... < x
(mp)
p
.
Allora
x
(0)
p
= a
p
e x
(mp)
p
= b
p
, 1 p n
ed, indicando per ogni 0 < l
1
m
1
, ... , 0 < l
n
m
n
J
l
1
, ... ,ln
:=
_
x
(l
1
1)
1
, x
(l
1
)
1
_
...
_
x
(ln1)
n
, x
(ln)
n
_
,
abbiamo
I =
_
0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
J
l
1
, ... ,ln
,
I
j
=
_
a
(j)
1
<x
(l
1
)
1
b
(j)
1
.
.
.
a
(j)
n
<x
(ln)
n
b
(j)
n
J
l
1
, ... ,ln
=
_
J
l
1
, ... ,ln
I
j
J
l
1
, ... ,ln
, 1 j k ,
quindi
v(I) =

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
v(J
l
1
, ... ,ln
) ,
9
v(I
j
) =

J
l
1
, ... ,ln
I
j
v(J
l
1
, ... ,ln
) , 1 j k . (2)
Ora (2) implica

1jk
v(I
j
) =

1jk

J
l
1
, ... ,ln
I
j
v(J
l
1
, ... ,ln
)
=

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
card
_
1 j k ; J
l
1
, ... ,ln
I
j
_
v(J
l
1
, ... ,ln
) .
Ma poiche gli intervalli I
j
, 1 j k , sono a due a due disgiunti,
card
_
1 j k ; J
l
1
, ... ,ln
I
j
_
= 0 oppure 1
e risulta

1jk
v(I
j
) =

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
card
_
1 j k ; J
l
1
, ... ,ln
I
j
_
v(J
l
1
, ... ,ln
)

0<l
1
m
1
.
.
.
0<lnmn
v(J
l
1
, ... ,ln
)
= v(I) .

Lemma 4. Se I R
n
`e un intervallo e
_
I
j
_
j1
`e una famiglia numerabile
di intervalli a due a due disgiunti in R
n
che sono contenuti in I, allora

j1
v(I
j
) v(I) .
Dimostrazione. Lemma 3 implica
k

j=1
v(I
j
) v(I) per ogni k 1
10
e risulta :

j1
v(I
j
) = lim
k
k

j=1
v(I
j
) v(I) .

Teorema sul volume di unioni numerabili di intervalli. Siano


_
I
j
_
j1
e
_
J
k
_
k1
famiglie numerabili di intervalli in R
n
e supponiamo che
_
k1
J
k

_
j1
I
j
,
J
k
, k 1 , sono a due a due disgiunti.
Allora

k1
v(J
k
)

j1
v(I
j
) .
Dimostrazione. Deniamo gli intervalli
I
kj
:= J
k
I
j
, k , j 1 .
Per Lemma 2
J
k
=
_
j1
I
kj
= v(J
k
)

j1
v(I
kj
) , k 1
e per Lemma 4
_
k1
I
kj
I
j
=

k1
v(I
kj
) v(I
j
) , j 1 ,
perci`o

k1
v(J
k
)

k1

j1
v(I
kj
) =

j1

k1
v(I
kj
)

j1
v(I
j
) .

Risulta subito che la somma dei volumi di una successione di intervalli a


due a due disgiunti dipende solo dallunione degli intervalli della successione.
In altre parole, se due successioni di intervalli a due a due disgiunti hanno la
stessa unione, allora hanno anche la stessa somma di volumi di intervalli :
11
Corollario. Siano
_
I
j
_
j1
e
_
J
k
_
k1
famiglie numerabili di intervalli in
R
n
e supponiamo che
_
k1
J
k
=
_
j1
I
j
,
J
k
, k 1 , sono a due a due disgiunti,
I
j
, j 1 , sono a due a due disgiunti.
Allora

k1
v(J
k
) =

j1
v(I
j
) .

Teorema sulla decomposizione di insiemi aperti in intervalli. Per


ogni insieme aperto U R
n
ed ogni > 0 esiste una successione
_
I
j
_
j1
di
cubi diadici a due a due disgiunti e di diametro < tale che
U =
_
j1
I
j
=
_
j1
I
j
.
Dimostrazione. Indichiamo per ogni intero k 1
J
k
:=
__
q
1
2
k
,
q
1
+ 1
2
k
_
...
_
q
n
2
k
,
q
n
+ 1
2
k
_
, q
1
, ... , q
n
Z
_
,
U
k
:=
_
I J
k
; I U
_
.
Gli intervalli appartenenti ad ogni J
k
(quindi anche gli intervalli appartenenti
ad ogni U
k
) sono cubi diadici a due a due disgiunti.
Ogni I J
k
`e unione di 2
n
cubi appartenenti a I J
k+1
: se
I =
_
q
1
2
k
,
q
1
+ 1
2
k
_
...
_
q
n
2
k
,
q
n
+ 1
2
k
_
allora
I =
_
2q
1
r
1
2q
1
+1
.
.
.
2qnrn2qn+1
_
r
1
2
k+1
,
r
1
+ 1
2
k+1
_
...
_
r
n
2
k+1
,
r
n
+ 1
2
k+1
_
.
12
Risulta
_
IU
1
I
_
IU
2
I ...
_
IU
k
I ... . (3)
Mostriamo ora che
U =
_
k1
_
IU
k
I : (4)
Linclusione `e ovvia.,
Sia adesso
_
x
1
, ... , x
n
_
U arbitrario. Poiche U `e aperto, esiste > 0
tale che
_
x
1
, x
1
+
_
...
_
x
n
, x
n
+
_
U .
Scelto un intero k 1 con
1
2
k
< , indichiamo, per ogni 1 j n,
con q
j
la parte intera di 2
k
x
j
, cio`e lintero denito dalla condizione
q
j
2
k
x
j
< q
j
+ 1
q
j
2
k
x
j
<
q
j
+ 1
2
k
.
Allora
I
(x
1
, ... ,xn)
:=
_
q
1
2
k
,
q
1
+ 1
2
k
_
...
_
q
n
2
k
,
q
n
+ 1
2
k
_
J
k
contiene
_
x
1
, ... , x
n
_
e risulter`a
_
x
1
, ... , x
n
_
I
(x
1
, ... ,xn)

_
k1
_
IU
k
I
se mostriamo che
I
(x
1
, ... ,xn)
=
_
q
1
2
k
,
q
1
+ 1
2
k
_
...
_
q
n
2
k
,
q
n
+ 1
2
k
_

_
x
1
, x
1
+
_
...
_
x
n
, x
n
+
_
,
cio`e che
x
j
<
q
j
2
k
x
j
<
q
j
2
k
+ e
q
j
+ 1
2
k
< x
j
+
q
j
2
k

_

1
2
k
_
< x
j
per ogni 1 j n. Ma x
j
<
q
j
+ 1
2
k
e
1
2
k
< implicano x
j
<
q
j
2
k
+ ,
mentre da
q
j
2
k
x
j
e
1
2
k
< risulta
q
j
2
k

_

1
2
k
_
< x
j
.
13
Sia k

1 un intero soddisfacente

n
k

< . Poiche il diametro (= il


diagonale) di ogno cubo appartenente a U
k
con k k

`e < , (3) e (4)


implicano
U =
_
kk
_
IU
k
I (5)
dove il diametro di ogni cubo appartenente a
_
kk
_
IU
k
I `e < .
Indichiamo per ogni k > 1
D
k
:=
_
I U
k
; I
_
JU
k1
J =
_
.
Allora
_
IU
k
I =
_
IU
k1
D
k
I , k > 1 : (6)
Linclusione risulta dal fatto che ogni I U
k1
`e lunione di 2
n
cubi
appartenenti a U
k
.
Sia ora I
o
U
k
arbitrario. Se I
o

_
JU
k1
J = allora I
o
D
k
e risulta
I
o

_
IU
k1
D
k
I .
Se invece I
o

_
JU
k1
J = allora esiste un J
o
U
k1
con I
o
J
o
= e
risulta
I
o
J
o

_
IU
k1
D
k
I :
Siano
I
o
=
_
q
1
2
k
,
q
1
+ 1
2
k
_
...
_
q
n
2
k
,
q
n
+ 1
2
k
_
,
J
o
=
_
r
1
2
k1
,
r
1
+ 1
2
k1
_
...
_
r
n
2
k1
,
r
n
+ 1
2
k1
_
=
_
2r
1
2
k
,
2r
1
+ 1
2
k
_
...
_
2r
n
2
k
,
2r
n
+ 2
2
k
_
e
_
x
1
, ... , x
n
_
I
o
J
o
.
14
Per ogni 1 j n, poiche
max
_
q
j
2
k
,
2r
j
2
k
_
x
j
< min
_
q
j
+ 1
2
k
,
2r
j
+ 2
2
k
_
e quindi
max
_
q
j
, 2r
j
_
< min
_
q
j
+ 1 , 2r
j
+ 2
_
,
abbiamo
2r
j
< q
j
+ 1 = 2r
j
q
j
=
r
j
2
k1
=
2r
j
2
k

q
j
2
k
e
q
j
< 2r
j
+ 2 = q
j
+ 1 2r
j
+ 2
=
q
j
+ 1
2
k

2r
j
+ 2
2
k
=
r
j
+ 1
2
k1
.
Risulta
_
q
j
2
k
,
q
j
+ 1
2
k
_

_
r
j
2
k1
,
r
j
+ 1
2
k1
_
, 1 j n
e di conseguenza I
o
J
o
.
Usando (6) si ottiene per induzione
_
IU
k
I =
_
IU
k
D
k+1
... D
k
I , k > k

dove i cubi appartenenti a U


k
D
k+1
... D
k
sono a due a due disgiunti.
Ora per (5) concludiamo che
I =
_
kk
_
IU
k
I =
_
IU
k
D
k+1
D
k+2
...
I
con i cubi appartenenti a U
k
D
k+1
D
k+2
... a due a due disgiunti.

Sia U R
n
un insieme aperto. Se
15
U =
_
j1
I
j
`e una decomposizione di U in intervalli a due a due disgiunti (possibile per
il teorema precedente) allora possiamo denire il volume di U tramite
v(U) :=

j1
v(I
k
) .
Per il Corollario del Teorema sul volume di unioni numerabili di
intervalli il valore v(U) ottenuto non dipende dalla scelta della decompo-
sizione.
Usando ora il Teorema sulla decomposizione di insiemi aperti in
intervalli ed il Teorema sul volume di unioni numerabili di intervalli
si pu`o facilmente vericare (esercizio!):
U V aperti in R
n
= v(U) v(V ) ;
U
j
aperto in R
n
per ogni j 1 = v
_
_
j1
U
j
_
=

j1
v(U
j
) ;
U
1
U
2
... aperti in R
n
= v
_
_
j1
U
j
_
= lim
j
v(U
j
) .
16