Sei sulla pagina 1di 7

Le apparizioni di Kibeho (1981/89)

LA STORIA DELLE APPARIZIONI


Agli inizi degli anni 80, a Kibeho in Rwanda, hanno inizio quelle che molti considerano le pi importanti apparizioni di Ges e della Madonna mai verificatesi nel continente africano. Gli eventi di Kibeho avranno per protagonisti sei ragazze e un ragazzo: Alphonsine Mumureke, Anathalie Mukamazimpaka, Marie-Claire Mukangango, Stephanie Mukamurenzi, Agnes Kamagaju, Vestine Salima e Emmanuel Segatashya.

Il Rwanda, nel cuore dell'Africa

Tre dei veggenti vivevano in un collegio condotto da suore in una zona molto povera del paese africano. Altri tre vivevano nella foresta. Il settimo veggente, Segatashya, un ragazzo pagano di Kibeho che pi tardi assunse il nome cristiano di Emmanuel, ebbe le apparizioni di Nostro Signore separatamente dagli altri. Ges insegn al ragazzo il Padre Nostro e lo istru ai fondamenti della Fede cristiana. Come per altre apparizioni dei giorni nostri, il messaggio fondamentale a Kibeho l'invito alla conversione, alla preghiera e al digiuno. Nei loro messaggi, Ges e la Vergine Maria, sottolineano l'importanza di amare il prossimo e di non sottovalutare il reale potere della preghiera, specialmente del Santo Rosario. In alcune visioni i ragazzi ebbero modo di vedere in anticipo avvenimenti che si sarebbero puntualmente realizzati di l a qualche anno nel pi spietato e sanguinoso olocausto della storia dell'Africa: la guerra del Rwanda. Michael H. Brown parlando di una di queste visioni nel suo libro "The Final Hour" afferma che i ragazzi videro un albero in fiamme, un fiume di sangue e molti cadaveri decapitati e abbandonati. In un altro suo libro "Trumpet of Gabriel", Brown riferisce di una visione durata otto ore nella quale i veggenti videro immagini terrificanti di persone che si uccidevano tra di loro, di corpi decapitati e gettati nel fiume. Tutti questi fatti si sono tristemente avverati appunto durante la guerra del Rwanda. Anche padre Ren Laurentin si occupato delle apparizioni di Kibeho in un suo libro. Ecco cosa scrive il celebre mariologo:

"...Il 19 agosto 1982 merita di essere riferito in modo del tutto speciale, dato il posto che occupa nella storia delle apparizioni di Kibeho. Quel giorno la Madonna apparve ai giovani, a turno, mostrandosi triste, contrariata, i veggenti dissero addirittura che era in collera, eppure era il giorno che sulla terra si festeggiava il suo trionfo in cielo. Alphonsine vide piangere la madre di Dio. I veggenti piansero, battendo i denti e tremando. Si lasciarono cadere pesantemente a corpo morto, pi d una volta durante le apparizioni che durarono ininterrottamente per pi di otto ore. I giovani vedevano immagini terrificanti, un fiume di sangue, persone che si uccidevano a vicenda, cadaveri abbandonati senza che alcuno li seppellisse, un albero tutto fuoco, un baratro spalancato, un mostro, teste mozzate. La folla presente quel giorno, circa 20.000 persone, conserva un'impressione di paura, di panico e di tristezza...".

I veggenti
Alphonsine Mumureke: nata nel 1965 in una famiglia cattolica. Secondo quanto lei stessa scrive nel suo diario, la sua prima apparizione ebbe luogo il 28 novembre 1981. Alphonsine si trovava nel refettorio della sua scuola quando improvvisamente sent dietro di s una voce che la chiamava: "Figlia mia!", era la Madre di Cristo. La Madonna era bellissima, era scalza, indossava una veste bianca senza cuciture e un velo bianco sulla testa. Le sue mani erano giunte sul petto e le dita puntavano al cielo. Alphonsine le chiese: "Chi sei?", la risposta fu: "Sono la Madre del Verbo". Durante questa estasi , come le dissero poi le compagne, la ragazza parlava diverse lingue: francese, inglese, la sua lingua madre (il kinyarwanda) ed altre a lei sconosciute. Le sue insegnanti e le compagne pensarono che Alphonsine stesse male, non potevano credere che avesse davvero visto la Madonna. Durante un'estasi le fecero una bruciatura sulla pelle di una mano ma lei non si accorse di niente e non si mosse minimamente. La Madonna in quel momento le disse: "Sai che ti stanno bruciando"? Alphonsine di scatto tir via la mano, ma era quella sbagliata! Alla fine le compagne si convinsero che Alphonsine non era affatto matta come pensavano ma che davvero aveva visto la Madonna. La notizia delle apparizioni si diffuse molto velocemente in tutto il Rwanda e attrasse a Kibeho imponenti folle di fedeli. Le apparizioni di Alphonsine sono state approvate dal vescovo.

Anathalie Mukamazimpaka

Anathalie Mukamazimpaka: nata nel 1965 in una famiglia cattolica. La Madonna le apparve la prima volta il 12 gennaio 1982. Le apparizioni di Anathalie sono state approvate dal vescovo. Marie-Claire Mukangango: nata nel 1961. Marie-Claire era considerata una ragazza indisciplinata e aveva dovuto ripetere un anno di scuola. Era una di quelle persone che sosteneva apertamente e con fermezza di non credere alle apparizioni. Alphonsine per lei era solo matta. La sua prima apparizione avvenne il 2 marzo 1982; le sue apparizioni durarono sei mesi. La Madonna scelse lei per esortare gli uomini a meditare sulle sofferenze di Nostro Signore e sul profondo dolore di Sua Madre. Le apparizioni di Marie-Claire sono state approvate dal vescovo.
2

Stephanie Mukamurenzi: nata nel 1968 ed ebbe le sue prime apparizioni all'et di 14 anni. Agnes Kamagaju: nata nel 1960. Le sue apparizioni durarono dal 1 agosto fino al 21 settembre 1982. Emmanuel Segatashya: nato nel 1967 nel villaggio di Rwamiko. I suoi genitori erano pagani. Non aveva mai frequentato la scuola e anche tutti gli altri componenti della sua famiglia erano analfabeti. Viveva in una zona molto isolata, non raggiunta neanche dai comuni mezzi di comunicazione (radio, televisione, ecc.). Segatashya non sapeva neanche come si faceva il segno della Croce n cosa significassero le croci attorno alla missione. Ebbe apparizioni sia di Ges che della Madonna. Ges stesso gli insegn come fare il segno della Croce, come pregare il Padre Nostro, l'Ave Maria e il Rosario. Segatashya venne battezzato nel 1983 e decise di prendere il nome di Emmanuel, come chiestogli da Ges. La gente si chiedeva con stupore da dove gli venisse la conoscenza del sacramento della Penitenza e del concetto di peccato. Vestine Salima: nata nel 1960 in una famiglia musulmana. Sua madre era cattolica ma pi tardi si era convertita all'Islam, la religione del marito. I genitori erano d'accordo sul fatto che Vestine dovesse studiare in una scuola cattolica, dove venne anche battezzata. Le sue apparizioni iniziarono nel luglio del 1980 nella sua casa. Inizialmente ne vennero a conoscenza solo sua sorella Teofista e i suoi genitori. La prima apparizione pubblica avvenne il 15 settembre 1982 mentre si trovava a scuola; l'ultima il 24 dicembre 1983. Vestine annot nel suo diario i contenuti delle apparizioni. Le prime apparizioni furono quelle di Ges, poi le apparve anche la Vergine Maria. I messaggi vennero diffusi in molte parrocchie del Rwanda col permesso del Vescovo Gahamany. Il 29 gennaio 1982 Vestine preg il Rosario con le braccia estese nel segno della Croce. Le sue braccia rimasero completamente immobili su quella posizione per circa mezz'ora. Marie-Claire rimase uccisa nella citt di Byumba nell'estate del 1994, assieme al marito. Emmanuel mor durante la fuga da Kigali. Vestine sarebbe invece morta a causa di una malattia cardiovascolare. Solo Anathalie, Agnes and Alphonsine riuscirono a sopravvivere agli orrori della guerra.

Una Lourdes nel cuore dell'Africa nera


La storia di Kibeho cominci alle 12,35 di un sabato, il 28 novembre 1981, in un Collegio gestito da Suore locali, frequentato da poco pi di un centinaio di ragazze della zona. Un Collegio rurale, povero, dove si imparava a diventare maestre oppure segretarie. Era diretto da tre Suore che fungevano anche da insegnanti. Gli altri insegnanti, una donna e cinque uomini, erano laici. Il complesso non era dotato di Cappella e, quindi, non vi era un clima religioso particolarmente sentito.

La Madonna di Kibeho

Quel giorno tutte le ragazze del Collegio erano nel refettorio. La prima del gruppo a "vedere" fu Alphonsine Mumureke, di sedici anni. Secondo quanto lei stessa scrive nel suo diario, stava servendo a tavola le sue compagne, quando ud una voce femminile che la chiamava:"Figlia mia, vieni qui". Si diresse verso il corridoio, accanto al refettorio, e l le apparve una donna di incomparabile bellezza. Era vestita di bianco, con un velo bianco sulla testa, che nascondeva i capelli, e che sembrava unito al resto del vestito, che non aveva cuciture. Era scalza e le sue mani erano giunte sul petto con le dita rivolte al cielo. La Madonna, come lei disse, non era proprio bianca (muzungu) quale si vede nei santini, ma neppure nera. Alphonsine affermer, nella sua testimonianza, di non riuscire a dire con esattezza di che colore fosse la sua pelle. Alphonsine le domand:"Chi sei?" e lei rispose, in lingua rwandese: "Io sono la Madre del Verbo". La Vergine apparsa a Kibeho,con la corona di sette "poste: tante quanti sono i "dolori"di Maria tradizionalmente numerati. La Signora a questo punto chiese ad Alphonsine di insegnare alle sue compagne a pregare perch esse non sapevano farlo o non lo facevano abbastanza, nonch a tenere in stima la devozione a Maria, loro Madre. L'apparizione dur circa un quarto d'ora. Alla fine, la Signora scomparve lentamente, alzandosi verso il cielo. Le compagne del Collegio li presenti avevano udito le parole di Alphonsine, ma non quelle della Signora. Pensarono subito ad un attacco di isteria o che fosse vittima di allucinazioni. Presto Alphonsine divenne il loro zimbello, sicch nelle successive visioni ella domand alla Vergine che apparisse anche a qualche altra ragazza, in modo che tutte potessero credere. E la Madonna l'accontent. La sera del 12 gennaio 1982, Maria apparve ad Anathalie Mukamazimpaka, che aveva allora 17 anni. Ma le ragazze del Collegio continuarono a non credere, finch due mesi pi tardi, il 2 marzo
4

1982, la Madonna apparve anche a Marie-Claire Mukangango, di 21 anni. Questa apparizione fu determinante, dal momento che Marie-Claire era la pi scettica e, data anche la sua maggiore et, esercitava una grande influenza sulle altre compagne del Collegio. Per lei Alphonsine era solo matta. Sosteneva con fermezza di non credere assolutamente alle apparizioni. Ma quando pure lei dovette ammettere di aver visto la Madonna, tutte le collegiali si arresero a tale evidenza. Da quel momento la notizia delle apparizioni si diffuse assai velocemente in tutto il Rwanda, attirando a Kibeho una folla sempre pi imponente di curiosi e di fedeli.

Un orribile fiume di sangue


Secondo il racconto delle veggenti, la Madonna apparsa a Kibeho come "Nyina wa Jambo"- in lingua locale: "Madre del Verbo" o "Madre di Dio" - vuole portare, non solo a Kibeho e alla terra africana, bens al mondo intero, il suo messaggio evangelico, il messaggio di suo Figlio Ges, che poi lo stesso di tutti i tempi e per tutti i luoghi: l'amore per Dio e per il prossimo, invitando tutti gli uomini alla conversione, alla penitenza e al digiuno. Il frutto di tutto ci sar lunit e la pace. Diversamente non ci potr essere che odio ed inimicizie.

Il massacro di Kibeho significativo, infatti, che in una delle apparizioni, e precisamente in quella del 19 agosto 1982, di fronte a oltre ventimila persone, i veggenti ebbero una spaventosa visione di quello che poi dodici anni pi tardi sarebbe accaduto nel loro paese, con il genocidio rwandese. Quel giorno la "Signora" apparve ai veggenti a turno. Il suo volto era triste, sembrava assai contrariata. Alphonsine, una del gruppo, disse che piangeva. E anche i veggenti cominciarono a piangere e a battere i denti dalla paura. Lapparizione fu eccezionalmente lunga, ebbe una durata complessiva di circa otto ore; e le immagini della visione furono tremende: "un fiume di sangue, persone che si uccidevano a vicenda, cadaveri abbandonati senza che nessuno si curasse di seppellirli, teste mozzate, un albero immerso nelle fiamme, un mostro spaventoso, un abisso spalancato". Fatti terrificanti che poi si sarebbero tristemente avverati allo scoppio della guerra civile fra le etnie degli Hutu e i Tutsi che avrebbero funestato anni dopo il Rwanda. Alcuni dei veggenti scomparvero proprio nei massacri del 1994. "Il sacrificio di migliaia di persone uccise nella vecchia chiesa e intorno ad essa ha ricordato il Cardinale Sepe, il giorno dellinaugurazione del Santuario mariano di Kibeho , grida con voce forte verso tutti noi e ci invita ad incamminarci su una nuova strada, sulla strada della pace, del perdono reciproco delle colpe 5

arrecate e sulla strada della riconciliazione. Il vero popolo di Dio non pu nutrire sentimenti di odio, di divisione, di vendette, di disprezzo, che sono estranei a Dio e al suo amore".

Universale messaggio di salvezza


Le apparizioni di Kibeho sono state considerate per molto tempo con scetticismo e sospetto. Una Commissione medica internazionale ha condotto a suo tempo accuratissimi esami sulla salute fisica e mentale di tutti i giovani veggenti coinvolti nelle apparizioni.

La Madonna di Kibeho

Altre tre ragazze (Stephanie Mukamurenzi, Agnes Kamagaju, Vestine Salima) ed un ragazzo, Emmanuel Segatashya, furono infatti coinvolti nel fenomeno delle apparizioni; ma soltanto i racconti delle prime tre veggenti (Alphonsine Mumureke, Anathalie Mukamazimpaka e Marie Claire Mukangango) sono stati ritenuti i pi convincenti. Il fatto per che le apparizioni ricevute dagli altri quattro ragazzi non siano state approvate non significa necessariamente che il Vescovo le ritenga false, ma soltanto che la Commissione diocesana non ha trovato in esse elementi sufficienti per qualificarle come sicuramente attendibili. La Santa Vergine apparsa a tre ragazze del luogo, ma i suoi messaggi si rivolgono a tutto il mondo. Disse infatti la Madonna a Marie-Claire: "Io mi rivelo dove voglio, quando voglio e a chi io voglio. Io non vengo soltanto per Kibeho, non soltanto per la diocesi di Butare, non soltanto per il Rwanda, non soltanto per l'Africa, ma per il mondo intero. Questo mondo sull'orlo di una catastrofe. Meditate sulle sofferenze di Nostro Signore Ges e sul profondo dolore di Sua Madre. Pregate il Rosario, specialmente i Misteri Dolorosi, per ricevere la grazia di pentirvi". Alla veggente Alphonsine, Maria disse:"Sono venuta per preparare la strada a mio Figlio, per il vostro bene, e voi non lo volete capire. Il tempo rimasto poco e voi siete distratti. Siete distratti dai beni effimeri di questo mondo. Ho visto molti dei miei figli perdersi e sono venuta per mostrargli la vera strada...".

Come per altre apparizioni mariane, il messaggio fondamentale di Kibeho linvito alla conversione, alla preghiera e al digiuno. Nei suoi accorati appelli, Maria sottolinea limportanza di amare il prossimo e di non sottovalutare il reale potere della preghiera, specialmente del Santo Rosario. Alphonsine ha detto::
"Se Maria sta venendo a Kibeho, per preparare il ritorno di suo Figlio. Il mondo si sta avvicinando alla fine. Il ritorno di Ges vicino. Ma la fine del mondo non una punizione. La Vergine Maria viene per avvisarci di prepararci per il ritorno di suo Figlio. Dobbiamo soffrire con Ges, pregare ed essere apostoli per preparare il suo ritorno".