Sei sulla pagina 1di 2

L'ingiunzione fiscale e le entrate locali.

Libro su Bilancio, Contabilità e Tributi dove L'Avvocato Nicola Ricciardi è coautore.

e Tributi dove L'Avvocato Nicola Ricciardi è coautore. 3. Formulario ex r.d. 639/1910 – Atto di

3. Formulario ex r.d. 639/1910 – Atto di pignoramento di crediti presso terzi e citazione davanti al Tribunale in funzione del Giudice della esecuzione

La società

e di Riscossione dei Tributi del Comune di

rappresentata dal

e domiciliato per la qualità in di via

PREMESSO

– che il

tributi vari e relativi accessori per la somma di euro

(diconsi euro

notificata a seguito di rituale atto di accertamento;

– che allo stato è debitore delle seguenti somme:

– importo ingiunto euro

– indennità di mora euro

– rimborso spese e diritti di esecuzione euro PREMESSO INOLTRE

che il TERZO

verso il CONTRIBUENTE predetto e che il CONCESSIONARIO istante, pertanto, intende procedere a pignoramento presso di Lui TERZO DEBITORE, fino a concorrenza del credito e delle spese

Concessionaria del Servizio di Accertamento

,

, nella sua qualità di nei locali dell’Ufficio

è debitore moroso al pagamento di imposte,

) come da ingiunzione n

del

risulta a sua volta DEBITORE,

successive, di tutte le somme che detiene e che per qualunque causa, rapporto o titolo, che deve o potrà dovere al CONTRIBUENTE MOROSO indicato; Ciò premesso e ritenuto, la CONCESSIONARIA istante CITA essi intimati, CONTRIBUENTE DEBITORE e TERZO PIGNORATO, come innanzi indicati, a comparire davanti al TRIBUNALE di

, col prosieguo per ivi

– il TERZO, rendere la prescritta dichiarazione di quantità, a norma dell’art. 547 del c.p.c.;

– ed ENTRAMBI sentire concludere, come sin da ora si conclude,

perché piaccia all’Ecc.mo FORMULARIO 326 TRIBUNALE ogni contraria istanza e deduzione reietta:

all’udienza del

, alle ore

1 – Assegnare in pagamento, al CONCESSIONARIO istante, le somme

dichiarate dal TERZO, fino a concorrenza del credito, come innanzi specificato, che si dichiara vero e reale ad ogni effetto di legge,

nonché le ulteriori somme scadute in corso di giudizio, oltre le spese del giudizio stesso, con la condanna del detto TERZO al relativo pagamento in favore della CONCESSIONARIA medesima.

2 – Dichiarare, sino alla concorrenza della somma attribuita, la CONCESSIONARIA surrogata in tutte le ragioni creditorie e garanzie ipotecarie vantate dal CONTRIBUENTE contro il TERZO, disponendo,

se del caso, che il Conservatore dei Registri Immobiliari di annoti la surroga a margine della iscrizione

del

pubblicata a favore del CONTRIBUENTE

MOROSO ed a margine di qualsiasi altra iscrizione ipotecaria, a garanzia del credito pignorato.

3 – In caso di contumacia del TERZO, fissare ampio termine per instaurare il giudizio di cognizione.

4 – Condannare i debitori al pagamento delle spese, diritti ed onorari del giudizio, da prelevarsi con privilegio dalle somme pignorate.

Li

La Concessionaria