Sei sulla pagina 1di 1

Draghi stato nominato alla guida della bce.

. Il curriculum quello del predestinat o: dai vertici della banca mondiale, al ministero del tesoro; uscito dal tesoro andato dritto dritto a Goldman Sachs per tornare alla guida della banca d italia e quindi a capo della bce. Draghi stato una pedina importante e determinante ne l processo di svendita dei gioielli di famiglia del 1992 e della pseudo moderniz zazione dei mercati finanziari con il Testo Unico della Finanza detto anche legge Draghi.In Italia chi serve cos bene il sistema sempre stato premiato,da Ciampi,a ll epoca governatore della banca d italia , che nel settembre 1992 diresse lo sf acelo delle riserve italiane - 48.000 miliardi di $ - per combattere una impropo nibile battaglia contro la speculazione di Soros& C nei confronti della lira, no minato successivamente superministro dell economia e poi presidente del consigli o per finire la carriera come presidente della repubblica, a Prodi che dopo aver traghettato l Italia nel titanic dell euro fu nominato presidente della commiss ione europea. Oggi, la nomina di Draghi (nomen omen) alla bce, prelude alla seco nda fase del lavoro sull Italia iniziato con il colpo di stato silenzioso del 19 92. Oggi ci ritroviamo con la politica che ha sventrato il paese svuotandolo dal l interno con trame occulte che vanno dalla P2 alla P4 sancendo l uso privato de lla cosa pubblica;un economia ormai morta che nell ultimo decennio cresciuta sol o dell 0,2 %; ; Il 70% degli italiani che praticamente analfabeta ;L epilogo st a per compiersi con l estremo sacrificio di un paese che nei prossimi anni ne ve dr delle belle almeno secondo il libretto di distruzioni e in mano a chi guida le d anze. Gli avvoltoi stanno stringendo il cappio finale e gli sciacalli sono pront i, l obiettivo sono i beni demaniali, il risparmio privato, ancora uno dei pi alt i al mondo e le riserve di oro anche loro tra le pi alte, sempre che esistano anc ora ovviamente. La comunit europea ha sancito dal prossimo anno la negoziazione d ei privati delle condizioni del debito pubblico degli stati.