Sei sulla pagina 1di 3

Teorema della divergenza e la formula di Stokes nello spazio

Il

teorema della divergenza nello spazio `e simile a quello nel piano

e

trasforma un integrale triplo in un integrale superficiale:

Teorema (Teorema della divergenza nello spazio). Sia D un dominio regolare di R 3 e sia

F (x, y, z) =F 1 (x, y, z) i+F 2 (x, y, z) j + F 3 (x, y, z) k

un campo vettoriale di classe C 1 (D). Allora, l’integrale su D della divergenza del campo F `e pari al flusso del campo uscente da D si ha

D divF (x, y, z) dxdydz = ∂D + F (x, y, z) ·n (x, y, z) dσ,

dove n `e il campo Rmale alla frontiera ∂D di D orientato verso l’esterno del dominio D.

E’ facile provare il teorema di Stokes che permette di trasfor- mare un integrale esteso ad una superficie regolare S in un inte- grale curvilineo esteso al bordo di S

Teorema (Formula di Stokes). Siano S una superficie rego- lare avente il contorno chiuso e regolare orientato γ + e V R 3 un dominio contenente la superficie S. Sia

F (x, y, z) =F 1 (x, y, z) i+F 2 (x, y, z) j + F 3 (x, y, z) k

un campo vettoriale di classe C 1 (V ), allora sussiste la seguente formula

γ

+ F · dr = S rotF · ndσ,

1

(1)

o, equivalentemente,

=

γ

S ∂F 3 ∂y

+

+ F 1 (x, y, z) dx + F 2 (x, y, z) dy + F 3 (x, y, z) dz = (2)

∂F 2 ∂x

∂F 2 ∂z

cos α + F ∂z 1

∂F 1 ∂y

cos γ

∂F 3 ∂x

cos β

dove la curva γ + `e percorsa nel verso corrispondente alla super- ficie orientata S + , cio`e un osservatore che si muove sulla curva C deve avere sempre a sinistra la faccia positiva della superficie considerata.

Definizione. L’integrale γ + F · dr `e detto circuitazione del campo vettoriale lungo la curva chiusa e regolare γ + .

Esempio. Calcolare l’integrale di superficie di seconda specie

S

yzdydz zxdzdx +

esteso alla superficie

S =

P

x

(x, y, z) :

= u cos v,

y = u sin v,

1

y 2 + z 2 dxdy

1 + x 2 +

z = v,

(u, v)

[0, 1] × [0, 2π] .

Essendo r (u, v) = u cos vi + u sin vj + vk, si ricava

e

r u = cos vi + sin vj

r v = u sin vi+u cos vj + k,

2

per cui E = 1, F = 0, G = 1+u 2 e = 1 + u 2 dudv. Pertanto, risulta

I

= S yzdydz zxdzdx +

1

1 + x 2 + y 2 + z 2 dxdy =

= D uv +

= 2π

u

v 2 dudv =

1 + u 2

+

uv +

dv 1

0

+ u 2 + v 2 du

u

1

0

2π
=

0

1

2 v + log 2 + v 2 log 1 + v 2 dv

= π

2

+ v

2

log 2 + v 2 log 1 + v 2

2π

0

2π

0

v

2

2 + v 2

v 2

v 2 dv

1 +

= π 2 + π log 1 +

4π 2 + 2 arctan π 2 arctan (2π) .

1

1 +

3