Sei sulla pagina 1di 5

VIRGINIA WOOLF 1882 1941 Nata da famiglia intellettuale, attratta da letture sin da bambina, perde madre e fratello durante

urante la sua giovinezza e soffre abusi sessuali e la depressione la perseguiter fino a portarla al suicidio nel 1941. Vive a Londra nel quartiere Bloomsbury, dove entra in contatto con circolo intellettuali che include Lytton, Clive Bell, Strachey, Roger Fry e sposa Leonard Woolf. Alto livello sperimentale personaggi suoi romanzi e loro innovazioni, fanno della Woolf una delle maggiori personalit del modernismo. Romanzi come To the Lighthouse, Mrs. Dalloway e The Waves, riguardano vite e esperienze donne. 1928 Virginia invitata come lettrice presso Newnham College e Girton College, unici colleges femminili dellepoca. Discussioni su temi donne e romanzo, espansi e rivisitati nel A ROOM OF ONES OWN, edito nel 1929, in cui si esplorano le contingenze storiche e contestuali del successo letterario.

Riassunto Nello scenario drammatico di The Room of Ones Own, Virginia Woolf invitata a leggere riguardo tema donna e romanzo. Avanza tesi che una donna deve avere denaro e una propria stanza per poter scrivere romanzi. Saggio composto come un racconto parzialmente romanzato del pensiero che la spinge ad adottare questa tesi. V. W. drammatizza il processo mentale nel personaggio di un narratore immaginario (chiamami Mary Beton, Mary Seton, Mary Charmichael o qualsiasi nome ti aggradi non ha importanza) che nella sua stessa posizione, lottando con lo stesso tema. Il narratore inizia la sua investigazione nellOxbridge College, dove riflette sulle differenti esperienze educative fra uomini e donne cos come su altre differenze materiali nelle loro vite. Ella, in seguito, trascorre una giornata nella British Library analizzando libri sullistruzione/cultura femminile, scritti da uomini e scritti in stati di rabbia. Volgendo lo sguardo sulla storia, ella trae ben poche informazioni a riguardo della vita quotidiana delle donne, perci decide di ricostruire la loro esistenza a livello immaginario. La figura di Judith Shakespeare viene generata come un esempio del tragico destino che una donna dallalto intelletto avrebbe dovuto affrontare in quelle circostanze. Alla luce di tutto ci, considera i successi delle pi grandi personalit femminili del secolo XIX e riflette sullimportanza della tradizione per unaspirante scrittrice. Segue uno studio sullo stato attuale della letteratura, condotto attraverso la lettura di uno degli autori contemporanei. Woolf chiude il saggio con unesortazione al suo pubblico di donne di riprendere la tradizione che gli era stata lasciata come eredit e promuoverla alle loro stesse figlie. Personaggi I surrogato romanzato dellautore il cui processo di riflessione sul tema donne e romanzo forma la sostanza del saggio. The Beadle un funzionario della security di Oxbridge che ricorda alla narratrice che solo compagni e scolari sono ammessi sul prato, le donne devono rimanere sulla ghiaia. Mary Seton studentessa del Fernham C college e amica della narratrice. Mary Beton la zia della narratrice, la cui eredit di 5000 punds annui garantisce alla sua nipote unindipendenza finanziaria. (Mary beton anche uno dei nomi che la Woolf assegna alla narratrice, la cui identit, ci dice, irrilevante). Judith Shakespeare limmaginata sorella di William Shakespeare, che soffre profondamente e infine si suicida poich non riesce a trovare un ambiente socialmente accettabile che accolga il suo genio. Mary Chamichael una romanziera immaginaria, contemporanea della narratrice del saggio di V. W. Nella suo primo romanzo, lei ha rotto la condanna, rotto la convenzione e per sempre cambiato il corso della scrittura femminile. Mr. A. un immaginario autore, la cui opera eclissata da una distorta consapevolezza di s e petulante auto assertivit.

Temi Importanza del denaro Per la narratrice del romanzo, il denaro lelemento primario. Giacch le donne non hanno potere, la loro creativit era stata soffocata sistematicamente nel tempo. La narratrice scrive, la libert intellettuale dipende dalle cose materiali. La poesia dipende dalla libert intellettuale. E le donne sono sempre state povere, non solo durante gli ultimi duecento anni, ma sin dallinizio dei tempi. Lei usa questa frase per spiegare il perch della scarsit di poesie di successo scritte da donne e crede che la scrittura di romanzi si presti pi facilmente a frequenti partenze e stop, e quindi le donne sarebbero pi adatte a scrivere romanzi che poesie: le donne sono pi soggette alle interruzioni poich spesso private di una loro propria stanza in cui scrivere. Senza denaro le donne rimarranno in secondo piano rispetto alla creativit della controparte maschile. La discrepanza finanziaria fra uomini e donne al tempo della Woolf port avanti il mito delle donne come scrittrici che non raggiungono il successo degli autori. Soggettivit della verit In A Room of Ones Own, la narratrice afferma che persino la storia soggettiva. Ci che egli cerca, altro non che lolio essenziale della verit, ma questo pare irraggiungibile, poich inesistente. La narratrice ci dice Quando un soggetto altamente controverso, non si pu sperare di dire la verit. Si pu solo mostrare come si giunti ad avere una data opinione. Disuguaglianza dei generi Per tutta lopera, la narratrice enfatizza il fatto che le donne vengano trattate disugualmente dagli uomini e che questo il motivo del loro minor impatto a livello di opere letterarie. Per dimostrare ci, la narratrice crea la figura di Judith Shakespeare, per mostrare la sistematica discriminazione della societ che far s che il fratello William raggiunga il successo, differentemente da Judith, nonostante i due si equivalgano a livello di talento. Judith si fidanza in giovane et; quando implora di non sposarsi, viene picchiata dal padre. Alla fine si suicider. Capitolo 1 V. W. invitata a leggere riguardo tema donna e romanzo. La sua tesi che una donna necessita denaro ed una propria stanza per poter scrivere. Questa tesi ha un ambito limitato, poich, ci dice, lascia il grande problema della vera natura della donna e della vera natura del romanzo irrisolto. Lautrice spera che le sue riflessioni possano fare luce su questi aspetti. Il saggio una spiegazione di come la Woolf sia attivata alla sua tesi. Per presentare tale tema, ci dice che si cimenter nello stile del racconto parzialmente romanzato. Dopo questa introduzione, il saggio pu aver inizio. La narratrice seduta sulla sponda del fiume allOxbridge College (ununiversit immaginaria, che si riferisce a Oxford e Cambridge) riflettendo sul tema delle donne e del romanzo. Rappresenta le sue contemplazioni metaforicamente in termini di pesca: pensieroho fatto scendere la sua lenza nel fiume della mente, in cui vaga ed attende lo strattone di unidea. Non appena avverte il morso, tuttavia, ella viene interrotta dallarrivo di Beadle, una guardia delluniversit che le impone di rispettare la regola secondo la quale alle donne non permesso camminare sul prato. Ella rapidamente ritorna sulla ghiaia, sottolineando come non avesse fatto del male a nessuno e avesse, invece, perso la sua idea. La narratrice si ricorda di un saggio scritto da Charles Lamb su Oxbridge ella cerca di vedere il manoscritto nella biblioteca, ma le verr detto che le donne sono ammesse nella biblioteca solo sotto accompagnamento di un compagno del college o da una lettera di accompagnamento. La narratrice vede luniversit come un tipo di laboratorio o museo e i suoi abitanti come strani esemplari che non trovano spazio nella vita normale. Rimane fuori, da sola, si sente esclusa. La narratrice riflette sulla storia delluniversit, pi specificatamente pensando ai materiali, lavoro e denaro sui quali era stata fondata e si manteneva. Il rumore dellorologio interrompe i suoi pensieri. Descrive i pasti elaborati che vengono serviti nel college, dove le grandi quantit di cibo e vino creano un senso di abbondanza ed ottimismo. La sua attenzione viene distratta dalla presenza di un gatto senza coda che appare bizzarro e fuori luogo in quei dintorni opulenti. La visione di questo gatto le da un senso di mancanza per ci che concerne latmosfera della colazione e della conversazione. Per rispondere a tale quesito di mancanza, la narratrice muove lo scenario ad uno simile pre-guerra. Specula sul cambio nel tipo di conversazioni che le persone avevano prima della Prima Guerra Mondiale, e il tipo di poesia che si faceva, ed osserva che un cambiamento drastico si era

verificato. Le vedute romantiche di un Tennyson o di una Rossetti non apparivano pi possibili in unera post-guerra; la differenza sta nel fatto che la poesia precedente celebrava il sentimento del poeta, mentre la nuova poesia esprimeva pensieri ed emozioni in maniera pi viscerale, escludendo i lettori dal rispondere ad esse. La narratrice descrive il pranzo a Fernham, che compara con quelli del passato. Le conversazioni sono ora superficiali anzich profonde e l narratrice si ritira nelle stanze della sua amica Mary Seton, con un vago sentimento di scontento. Parlano a riguardo delle scoperte delle donne del college, le quali implicarono ardui e spesso insoddisfacenti sforzi per aumentare sufficientemente il supporto finanziario e politico. Limmagine contrasta nettamente con la storia degli studenti maschi, sovvenzionati generosamente nel corso dei secoli. La narratrice si domanda perch le donne siano state sempre cos povere e fantastica su come sarebbe potuto essere se Mrs. Seton e sua madre e sua nonna avessero imparato il segreto di fare soldi e lasciarli in eredit per leducazione delle loro figlie. comunque forzata nellammettere che comunque anche questo avrebbe comportato un grande sacrificio. Il capitolo si conclude con le riflessioni sugli effetti della povert della mente, e in particolare leffetto della tradizione e la mancanza di tradizione sulla mente della scrittrice. Capitolo 2 La scenario cambia da Oxbridge a Londra, in cui la narratrice siede nel tentativo di scrivere a riguardo delle Donne e Romanzo. Analizza le domande alzate durante i giorni precedenti ad Oxbridge e decide di visitare il British Museum cos da estirpare tutto ci di personale in quelle impressioni e raggiungere lolio della verit. Guarda nel catalogo della biblioteca e rimane meravigliata dalla grande quantit di opere e dalla variet delle stesse. Controllando la M di male nota che non esiste il tema uomo. Dopo aver consultato alcuni libri, fa una pausa provando risentimento per una frase di un professore riguardo linferiorit fisica, mentale e morale delle donne. La narratrice conclude che, nonostante la grande mole e variet di opere, tutte sono state scritte con la rossa luce dellemozione e non nella bianca della verit. Alla base di tale opera sullinferiorit delle donne altro non vi che rabbia, ma da dove proviene questa rabbia? La narratrice decide di pranzare e conclude che se lautore dello studio sullinferiorit delle donne avesse agito non mosso dalle passioni, non si sarebbe infuriato. La narratrice intuisce una profonda motivazione e risponde sottolineando questo problema e decide che gli studenti sarebbero stati meno interessati nellinferiorit delle donne che nella preservazione ed autenticazione nel loro senso di superiorit maschile. Le donne erano servite come specchi per gli uomini, in questo senso, per secoli. La narratrice si interrompe poich deve pagare il servizio e coglie lopportunit di informarci che sua zia, Mary beton, le ha lasciato uneredit di 5000 pounds annui. Ricevette la lettera proprio nel momento in cui veniva garantito alle donne il diritto di voto, ed nota come leredit fosse di gran lunga pi importante nella determinazione della libert femminile. Leredit le diede sollievo non solo per il fatto che le concedeva pi tempo libero (altrimenti da impiegare nel lavoro), ma anche un carattere pi tollerante verso le ingiustizie degli uomini sulle donne, vedendo anchessi, in un certo qual modo, come vittime della loro educazione e cultura. Infine, la libert finanziaria le diede anche la libert di pensare sulle cose. Ritornando a casa, la narratrice si ritrova a pensare che quasi impossibile dire se i tipi di lavoro tradizionalmente svolti dalle donne valgano meno di quelli svolti dagli uomini. La domanda non pu trovare risposta. Entra in casa immaginando un futuro in cui non vi sar la divisione del lavoro basata sui sessi. Capitolo 3 La narratrice ritorna a casa delusa per non aver trovato lolio della verit dalle sue ricerche nella British Library. Si rivolge nuovamente alla storia, la quale, ella sostiene, registra non le opinioni, ma i fatti. Come punto di partenza sceglie di analizzare le vite delle donne durante il periodo elisabettiano, unepoca di grandi successi letterari, ma solo fra autori uomini. Cita la grandezza delle opere di Shakespeare, ancorate alla reale condizione di sofferenza dellessere umano. La storia mostra poche eccezioni riguardo ai diritti legali delle donne nel primo periodo moderno. Tale reticenza riguardo le donne e la loro totale mancanza di potere, contrastano in maniera discordante con la prevalenza di personaggi femminili complessi e forti dalla letteratura antica a quella recente. Introduce poi la figura di Judith Shakespeare, dotata dello stesso talento di William, ma privata delleducazione.

Nonostante sia la mela dellocchio di suo padre, la sua famiglia deve conformarsi alle regole sociali, le quali non lasciano spazio al talento della donna. Judith scrive segretamente, ma nasconde o brucia le sue opere per paura di rappresaglie. Si fidanza precocemente. Quando implora per il permesso di non sposarsi, viene picchiata dal padre. Dopo di ci ella fuggir. Cercher di recitare, ma verr rifiutata e ridicolizzata. Alla fine verr assoldata da un manager teatrale e messa incinta dallo stesso e si suicider. Questa come la vita di una donna dotata dello stesso genio di Shakespeare si sarebbe svolta a quel tempo. Tuttavia la narratrice continua affermando che non pensabile che alcuna donna al tempo di Shakespeare potesse avere il suo genio, poich esso non nasce dove vi il lavoro, la non educazione, la servile gente, eccetto rare volte. Qual lo stato mentale pi propizio per la creazione artistica? incredibilmente difficile produrre un lavoro di genio, e le circostanze generalmente sono contrarie allo stesso. La narratrice cita come ostacoli lindifferenza del mondo, la profusione delle distrazioni e le varie forme di scoraggiamento. Questo vale per tutti gli autori, m soprattutto per le autrici. Una donna non ha nemmeno una sua stanza, a meno che non abbia parenti molto ricchi. Essere costantemente accusate di inettitudine femminile ha fatto s che le donne interiorizzassero tale credenza, rimanendone segnate e particolarmente suscettibili allo scoraggiamento e vulnerabili alle opinioni altrui. Capitolo 4 Lincandescenza uno stato mentale che sarebbe stato semplicemente impossibile da raggiungere per una donna nel secolo XVI. La narratrice prosegue il suo racconto tracciando la graduale emersione delle scrittrici dal vuoto passato. Le prime furono le donne aristocratiche, donne che avevano le risorse per spendere il loro tempo nella scrittura e per fronteggiare la disapprovazione del pubblico. La narratrice si riferisce poi alla poesia di Lady Winchelsea, attorno al XVIII secolo. La sua opera, comunque, lontana dallessere incandescente. Ci parla poi delle scritture di Margaret Newcastle, che sarebbe potuta essere una poetessa o una scienziata, ma invece sprec la sua dote scrivendo sciocchezze. Sar con Aphra Behn che la narratrice identificher un punto di svolta: una donna appartenente alla classe media che far della scrittura il suo lavoro, in contrasto con le convenzioni di castit. Gli ultimi anni del secolo XVIII videro molte donne seguire il suo esempio, cos come Jane Austen e George Eliot. Perch furono tutte queste donne delle romanziere? Le figure pi importanti del XIX secolo, non avevano nessun tratto in comune. La narratrice ci offre molte ragioni per le quali le stesse possano essere state attratte dal romanzo. Per prima cosa, queste donne scrissero nello spazio condiviso dei salotti; forse il romanzo si prestava maggiormente a questo clima di distrazione che non invece la poesia. Secondo, senza alcuna forma di allenamento letterario, listruzione femminile del secolo XIX incentrata su lettura dei personaggi e comportamenti che sarebbero stati i loro principali elementi letterari. Emily Bronte sarebbe potuta essere una migliore poetessa drammatica; Eliot aveva una maggiore inclinazione per divenire una storica o una biografa. Tuttavia queste donne scrissero romanzi. Lintegrit, nella romanziere, la convinzione che egli dia al suo pubblico al verit. Questo ci che tiene uniti i romanzi e li rende eccitanti da leggere. un principio semplice, ma difficile da raggiungere. Nella maggior parte dei casi i romanzi falliscono nel loro intento. I narratori immaginano come il sesso del novellista influenzi la possibilit di raggiungere lintegrit artistica. Per Bronte ci accade sicuramente: abbandona il suo racconto, verso il quale si era totalmente dedicata, per perseguire qualche motivo di risentimento personale. Ricorda di aver sofferto per la mancanza di unadeguata esperienza. La sua immaginazione deviata dallindignazione. Non solo rabbia, ma ignoranza, paura e dolore sono ci che scaturisce dal caso Bronte e non solo. Only Jane Austen e Emily Bronte riescono a mantenere lintegrit pi che darsi alla critica, opposizione ed incomprensione. La mancanza di una tradizione letteraria , secondo la narratrice, lostacolo pi grande per queste scrittrici eroiche del secolo XIX. Le opere degli autori pi grandi non furono daiuto alle autrici e questo potrebbe rappresentare un altro motivo per cui le donne scelsero il romanzo poich pi materia pisoffice nelle loro mani. Capitolo 5 Ci si muove ora sugli scaffali degli autori contemporanei e la narratrice nota che le donne scrivono in misura uguale agli uomini e non solo romanzi. Nella visione di questo cambiamento, la narratrice introduce un romanzo di Mary Charmichael Lifes Adventure. il suo primo romanzo. Guardando a ci che tale autrice ha ereditato dalle donne del passato, decide che la prosa non buona come quella di

Jane Austen. Nonostante tutto, ben presto revisiona la sua opinione, notando come la scrittura della Charmichael non ha nulla in comune con la Austen. Il momento di innovazione cruciale per Mary Charmichael, giunge con le parole Chloe liked Olivia. La narratrice rimane sorpresa. Raramente nella letteratura appaiono relazioni di amicizia reale fra donne. La donna era una figura che intratteneva rapporti sociali con i soli uomini fino al secolo XIX. Le donne, inoltre, nel libro della Charmichael, hanno interessi e occupazioni fuori da casa. Chloe ed olivia lavorano isnieme in un laboratorio, un fatto che cambia fortemente il tipo di amicizia fra loro. La narratrice inizia a pensare che una transizione importante ha avuto luogo. Lesperienza reale e non registrata delle solitarie donne stata cos scarsamente gestita che la sua espressione allargher le risorse del linguaggio inglese. Mary Charmichael si trova dinanzi ad una difficile sfida, la narratrice ne a conoscenza. Lei non rappresenta il culmine dello sviluppo letterario che la Woolf ha in mente. Dovr imparare a raccontare non solo la verit sulle donne, ma anche, gentilmente e senza rancore, quelle poche verit andate perdute sugli uomini poich essi non possono vedere se stessi. Ma se Miss Charmichael non ha il genio di Austen o Eliot, la narratrice osserva, lei ha sicuramente vantaggi sconosciuti a loro. La sua scrittura non mostra rancore contro gli uomini, n risentimenti contro la situazione nella vita. In un altro centinaio di anni, lautrice conclude, questa Mary Charmichael sar una poetessa. Capitolo 6 La mattina seguente la narratrice si sveglia e fissa una Londra completamente indifferente verso il futuro del romanzo, la morte della poesia, o lo sviluppo da parte della donna media di uno stile di prosa completamente espressivo del suo pensiero. La visione di due persone che si incontrano, entrando in una carrozza, venendo trasportate nel flusso della citt le da lintuizione di unit e ritmo che erano stati assenti a causa dei pesanti pensieri degli ultimi due giorni. Uscendo fuori dalla sua innaturale modalit saggistica, la narratrice introduce una nuova teoria sullunificazione dei sessi, secondo la quale, cos come in quella androgena di Coleridge, in ogni mente vi sono elementi maschili e femminili. Lequilibrio armonioso di questi contraddistingue il genio. una teoria che non va a favore di nessun sesso. Nonostante ci, la narratrice vede nella sua et una forte consapevolezza del sesso, in cui lo straordinario desiderio maschile di affermazione individuale esemplificato nel romanzo di Mr. A, la virilit divenuta consapevolezza di s, in parte come risultato dello sviluppo dellautoconsapevolezza femminile vista come una minaccia. Questa anche la caratteristica dominante del fascismo. La narratrice torna sulla sua scrivania e guarda alla pagina intitolata Donne e Romanzo. fatale per chiunque scriva pensare al proprio sesso. V. W. Prende il ruolo di narratrice e inizia ad anticipare le obiezioni che il pubblico potrebbe sollevare riguardo ai personaggi fallimentari e deboli. Per prima cosa, la Woolf non ha fatto commento alcuno riguardo ai sessi degli scrittori e questo, ci spiega, proprio ci che un artista dovrebbe evitare. Qualcuno potrebbe obiettare ad un suo eccessivo materialismo, anzich riferirsi alla grandezza della mente, ma Woolf conferma che il solo denaro non fa il talento o la fama, ma ribadisce che esse dipendono in buona parte dai fattori materiali, poich la libert intellettuale dipende dalle cose materiali e la poesia dipende dalla libert intellettuale e giacch le donne non sono mai state ricche, esse non hanno mai avuto accesso alla libert intellettuale e, quindi, alla poesia.