Sei sulla pagina 1di 16

GAETANO

una vita per la libert

SALVEMINI

E-mail lattualita@yahoo.it

UNICO RIMEDIO: DEMO-SORTE-MERITO-CRAZIA


Per colpa degli arroganti oligarchi dei partiti la scena politica italiana diventata un letamaio. Una marea di politicanti di mestiere (incapaci di legiferare, ciarlatani e sanguisughe) ha fatto precipitare lItalia nel disastro economico e morale. Anzich rassegnare immediatamente le dimissioni dai loro incarichi (conquistati quasi sempre dopo ricatti incrociati e spocchiose prevaricazioni) si ostinano a tessere accordi segreti. Assetati di poltrone ben remunerate, hanno emanato la scandalosa legge del Porcellum, che ha distrutto la democrazia. Infischiandosi del chiaro esito di un referendum popolare (che aveva abolito il finanziamento statale ai partiti) hanno emanato la famigerata legge sui rimborsi elettorali. Nonostante la grave carenza di liquidit monetaria, hanno voluto che la pressione fiscale schiacciasse le imprese e le famiglie. Con cinica indifferenza verso milioni di pensionati, di disoccupati, di cassintegrati, di esodati restano abbarbicati a odiosi privilegi di casta. Ma, prima o poi, saranno costretti ad abbandonare la stanza dei bottoni e a trovare un lavoro (semprech abbiano imparato un mestiere). Da 60 anni blaterano (segue a pag. 2) Cosmo G. Sallustio Salvemini

INVITO AL DIALOGO SUL BLOG


Visitando il blog movimentosalvemini.blogspot.it potete documentarvi sulle proposte di riforma istituzionale avanzate dal Movimento Salvemini e potete esprimere le vostre opinioni. Un vivo ringraziamento alla Signora Marisa Annunziata per lallestimento e aggiornamento del blog che ha registrato finora circa 3.000 visualizzazioni.

GLI OLIGARCHI NON VOGLIONO LEZIONI SULLA COSTITUZIONE


Ha fatto scalpore la lettura della Costituzione nelle due Camere parlamentari da parte del movimento cinque stelle, certamente in un momento in cui tutta la politica, e con essa tutti gli apparati statali sono stati trasformati da anni di leggi neoliberiste, ritornare ad una costituzione, che per quanto partigiana ha uno stampo nazional-sociale, diventa duro e al limite del paradossale leggerla. I parlamentari di professione, quelli a cui la stessa costituzione gli da l'immunit, hanno perfino deriso questo evento, della serie, "non accettiamo lezioni di costituzionalit da un movimento fatto da un comico". Gli stessi, che per intenderci, l'hanno tolta dagli insegnamenti scolastici. In uno stato in cui oltre 40 anni di politiche neoliberiste, che prevedono una dissoluzione lenta, graduale ed inesorabile di ogni forma di presenza dello stato e con esso anche ogni sovranit, diventa difficile ritornare alla fonte prima del diritto di una nazione quale la carta costituzionale, al punto che fare la cosa pi naturale e giusta che un parlamento dovrebbe fare ossia legiferare tenendo presente sempre i principi costituzionali in mente per essere coerenti, diventa una cosa rivoluzionaria e ridicola. Quante volte gli inviati delle iene, hanno colto in fallo senatori e deputati che non sapevano nemmeno, quanti articoli ha la costituzione? Ora quella stessa classe politica non vuole lezioni sulla costituzione? La stessa corte costituzionale dovrebbe leggerla prima (segue a pag. 6) Giuseppe Turrisi

LE MANI SPORCHE SULLA SCUOLA


Il titolo fa riferimento ad un noto romanzo di J. P. Sartre per denunciare la cattiva coscienza e lazione rovinosa condotta dai Governi, i Ministri e i Sindacati che si sono succeduti al governo della Scuola dal 68 ad oggi. Al punto che perfino lex-Ministro Falcucci, cos odiata dai Sinstri e Sindacati (qualcuno ricorda?), appare a ritroso la meno deleteria nel disastro voluto e perseguito contro la Scuola in questo quarantennio. Uno dei peggiori, lex-PCI L. Berlinguer (divenuto lidolo dei grulli sessantottini per la pi strampalata frase mai pronunciata sulla Scuola: Il liceo classico ci ha rovinato), ha di fatto eliminato lo studio della storia dallIstruzione occultando nel nulla i secoli anteriori al Novecento e annullando perfino il Risorgimento,
(segue a pag. 2) Ferruccio Ciavatta

Solone, Clistene e Pericle. Questi sommi giuristi dellantica Grecia sono stati i primi nella Storia a fondare le Scienze politiche, gettando le fondamenta della democrazia autentica, fondata sul sorteggio di tutte le cariche istituzionali. Conferirono alla polis la dignit di Stato. Atene fu definita da Pericle la Scuola dellEllade perch produsse eccelsi ingegni:Anassagora, Socrate, Platone, Aristotele, Eschilo, Sofocle, Euripide, Aristofane, Erodoto, Tucidide, Fidia e tanti altri. Perch gli attuali politicanti italiani non ne seguono lesempio?

LETTERA APERTA AL DIRETTORE


Caro Cosmo, il tuo nome sinonimo di universo e tale il tuo modo di pensare. Spazi nel mondo con le tue idee. Sognatore e utopista, ecco le melense obiezioni rivolte ad un galantuomo che, denunciando la corrotta oligarchia, si destreggia da molti anni per realizzare un progetto che purifichi la societ. Sproni gli intellettuali affinch faccino capire ad un maledetta casa proprio non possono pi pagarlo e un mese, due e le cose non cambiano. I soldi sono sempre troppo pochi. E non se la sentono di chiedere aiuto. Patiscono in silenzio per orgoglio, per dignit, non si sfogano neppure con i nipoti, i pochi amici, che forse anche loro hanno difficolt a
(segue a pag. 2) Cristina Di Maio

In un sistema totalitario, il capo detta le leggi e il popolo suddito. La Storia piena di questi personaggi. In democrazia il popolo elegge i legislatori che hanno il compito di creare un clima sociale equilibrato e sereno. Spesso accade che questi signori, raggiunto il potere, dimenticano il loro compito e si prendono privilegi per arricchire il loro portafoglio. Ci sta avvenendo anche nellUnione Europea. Invece di dar vita ad una Federazione con unico governo centrale e unica costituzione, si
(segue a pag. 2) Antonio Marchetti

LA DITTATURA DEI BANCHIERI

QUANDO MUORE LA SPERANZA


Tutti hanno appreso con orrore del triplice suicidio di Civita Castellana, due coniugi anziani irreprensibili che vivevano in affitto in una modesta abitazione; lui 64 enne, qualche anno in pi o in meno, perde il lavoro di artigiano. Tirano avanti con la misera pensione di 600 euro al mese, con sacrifici continui, pensano al vitto la prima cosa per sopravvivere, alle bollette della luce, ma laffitto di quella

gregge di persone rassegnate che bisogna vivere con dignit. Uomini come te hanno fatto la Storia e non si sono lasciati imbavagliare. Ai tuoi denigratori va detto che lutopia evoluzione morale e sociale. Senza utopie si vive nella maleodorante palude. La proposta di realizzare la demosorte-merito-crazia degna di un geniale riformatore. Purtroppo non tutti possono comprendere fino in fondo il significato di tale proposta. Molti si lasciano abbindolare

da informazioni manipolate. San Tommaso dAquino diceva della fede: E unintuizione non dimostrabile ma percepibile e su questa si fonda il programma della nostra esistenza. Le tue proposte di riforma sono intuizioni idonee a purificare la nostra societ. Hai sempre creduto che la catarsi morale possibile. Ecco perch hai tutto il mio (anzi il nostro) appoggio. I dirigenti di centinaia di Associazioni
(segue a pag. 2) Florinda Battiloro

UNA DENUNCIA FORTE: DEMOCRAZIA DEGENERATA


Con questo poderoso e circostanziato volume Cosmo G. Sallustio Salvemini si colloca da protagonista nellmbito delle ricerche storiche sulle cause della degenerazione della democrazia, partendo dalla caduta del regime fascista, dalle illegalit del referendum del 2 giugno 1946, dallAssemblea costituente fino allattuale dittatura dei partiti. Lutilit di
(segue a pag. 6) Pasquale Chiaramida

NON HANNO LA VIRT DELLUMILT


Benjamin Franklin, da presidente degli Stati Uniti, oltre alla tempra del moralista, possedeva un grande senso pratico: noto che lott contro la schavit, sostenne la necessit di usare la moneta cartacea, invent il parafulmine. Nel suo noto libro Autobiografia fa lelenco delle 13 virt che un uomo dovrebbe praticare: temperanza, silenzio, ordine, risolutezza, frugalit laboriosit, giustizia, moderazione, sincerit, pulizia, serenit, castit e umilt. Noi, ovviamente, non pretendiamo dai nostri politici che siano frugali e casti. Ma se parlassero un p meno e lavorassero di pi ci sarebbe un gran giovamento per tutti. Lumilt una grande virt perch nessuno possiede la bacchetta magica per risolvere tutti i problemi. E invece molti politici italiani si rinfacciano accuse (con turpiloquio) offrendo un misero spettacolo. Il popolo chiede di essere governato non da vanitose primedonne, da clown e da presuntuosi. Nessuno possiede ricette miracolose. Ai nostri politicanti manca la virt dellascolto e dellumilt. Raffaele Cecconi

NAVE SENZA NOCCHIERO IN GRAN TEMPESTA


Direbbe ancora cos di questa povera Italia il sommo Poeta? Essendo questo un periodico mensile, al momento di scrivere non possiamo ancora sapere quali novit sortiranno dal cilindro e di Berlusconi e di Bersani, dopo il loro fatidico incontro, cos lungamente atteso dalla popolazione. Questo assurdo muro contro muro, che non pu avere alcuna giustificazione, di fronte alle impellenti necessit del Paese:ad una ecatombe di piccole e medie industrie che hanno chiuso e chiudono ogni giorno i battenti e, conseguentemente, ad un esercito di disoccupati (2.744.000, secondo la pi recente statistica), con le famiglie ridotte in miseria. Alcuni imprenditori si sono gi suicidati per la di(segue a pag. 4) Sergio Scalia

BUONE NOVIT IN POLITICA


Molti come me hanno sempre pensato che il ruolo di Presidente della Camera fosse che altro di natura istituzionale, una carica prestigiosa che non implica un gran da fare se non divertirsi a suonare una campanella... questo almeno quello che mi hanno indotta a credere gli
(segue a pag. 2) Maria Rosa Laria

...AL TIMONE DELLITALIA


Com noto il Presidente della Repubblica resta in carica sette anni. Vediamo, in sintesi, alcuni dei suoi compiti secondo il dettato costituzionale: l'art. 87, d al Presidente il comando delle Forze armate, di presiedere il Consiglio Superiore della Magistratura, di concedere la grazia e di commutare le pene. L'art. 88, gli consente di sciogliere le Camere. L'art. 90, gli riconosce il beneficio di essere non responsabile di atti compiuti durante lesercizio delle sue funzioni, tranne che nei casi di alto tradimento o attentato alla Costitu(segue a pag. 2) Lisa Biasci

MALTOLO: E IL TUMORE SI SUICIDA


stata scoperta una proteina che spinge le cellule tumorali ad autodistruggersi, il maltolo, che pu avere una funzione antitumorale aiutando a costruire classi di molecole che spingono al suicidio le cellule malate. A individuare lattivit anticancro di questa sostanza naturale contenuta nel malto, nella cicoria, nel cocco e nel caff, due team di ricerca dellUniversit degli Studi di Urbino Carlo Bo. La scoperta stata pubblicata sul British Journal of Cancer e sul Journal of Organic Chemistry. Mirco Fanelli e Vieri Fusi, due ricercatori precari dellUniversit di Urbino a capo dei gruppi di ricerca, hanno spiegato che il maltolo una molecola innocua, utilizzata a volte come additivo alimentare per il suo aroma e le sue propriet antiossidanti, ma se opportunamente modificata pu dare origine a nuove molecole con interessanti propriet biologiche, e pu portare al suicidio fino al 70% delle cellule maligne. Banalizzando, non uccidono il tumore ma lo inducono ad una sorte di (segue a pag. 2) Gabriella Di Luzio MESSAGGIO DAL CAPO REDATTORE PER LA LOMBARDIA Carissimo Cosmo, ho letto il tuo recente libro Democrazia degenerata. E estremamente ricco di storia ed informazioni puntuali sulla politica italiana, con significativi riferimenti che disvelano i perch della degenerazione. Consegner alcune copie anche ai miei colleghi dellUniversit di Trieste. Accludo un articolo sulla degenerazione della Scuola, che ha abbandonato la sua funzione pedagogica che - come sosteneva Gaetano Salvemini - lessenza della formazione del cittadino. Auguro grande successo al Maggio Uniacense. Cordialissimi saluti e un forte abbraccio. Ferruccio Ciavatta (Milano, 27.4.2013) Carissimo Ferruccio, mi conforta molto il constatare che intellettuali galantuomini del tuo calibro abbiano afferrato il profondo significato delle denunce sulla corruzione, tema costante dei miei libri. Il nostro programma di vita resta il motto Non mollare. Prima o poi tutte le canaglie che hanno rovinato lItalia verranno spazzate via. Ho fatto pubblicare il tuo pregevole articolo su questo numero. Sinceri auguri di buon lavoro.

VALORI ETERNI
In tempi attuali, dove la vita ciclostila quotidianameate le nostre usuali abitudini e scandisce inesonabilmente la monotonia di quanti vivono attorno allessere singolo spesso ci si accorge che questa esistenza terrena genera incomprensioni, spigolature noiose e atipiche di una societ che, pur sentendosi emancipata almeno culturalmente, non sa gesure quei valori che pi o meno luomo dovrebbe possedere. Una societ che si arrampica, sbirciando di qua e di l i sentimenti di una patologia comune quella della non curanza del prossimo e del trionfo del proprio Io.. - e nientaltro, senza minimamente estenare i propri perch
(segue a pag. 2) Stefano Di Martino

... E DICONO DI NON AVER PERSO


A distanza di quasi due millenni, come Cicerone, possiamo ripetere: Fino a quando, Catilina, abuserai della nostra pazienza?. Sembra quasi che il tempo non sia passato a giudicare dal triste teatrino messo in scena dai partiti. I leader storici sono stati spodestati dai tecnici e si sa come andata a finire. Alle ultime elezioni, rispetto alle precedenti, i maggiori partiti
(segue a pag. 2) Federica Iaolongo

CHE PAPA FRANCESCO PURIFICHI LA CHIESA !


Dopo una serie di scandali che da circa trentanni sono scoppiati allinterno del mondo cattolico, finalmente vediamo sulla cattedra di Pietro un Uomo illuminato dallo Spirito Santo. Il suo primo messaggio lanciato urbi et orbi stato: Voglio una Chiesa povera e per i poveri. gi molto, considerato che fin dallEditto di Milano, promulgato dallimperatore Costantino nel 313, la Chiesa
(segue a pag. 2) Rosanna Sinopoli

RILANCIO DELLA POLITICA MUSEALE


Precisiamo innanzi tutto che si deve considerare bene culturale non solo ci che produce sensazioni, emozioni e godimento estetico, ma anche ci che evoca le esperienze immagazzinate, ci che al di l dellimmediatamente descrivibile. Lopera darte, dunque un documento storico fondamentale. Da queste riflessioni nasce il patrimonio storico, artistico e naturale e su chi in sostanza deve ge(segue a pag. 2) Liliana Speranza

HAMEMUS IMBECILLI
Ormai noto ai pi, stata la voce del Card. Pierre Tauran, protodiacono, a pronunciare il fatidico Habemus Papam al mondo intero il nome ed il volto del nuovo Papa Jorge Mario Bergoglio come nuovo vescovo di Roma. A chi era presente in piazza San Pietro o in diretta Tv non sicuramente sfuggito il modo sofferto con cui il cardinale nei gesti e nella voce ha annunciato il nome. Purtroppo
(segue a pag. 2) Isacco Cicala

NESSUNO RECITA IL MEA CULPA


Questo paese, il Bel paese che tutti ci invidiano per le bellezze monumentali e paesaggistiche in crisi totale. Gli italiani hanno votato per il rinnovamento istituzionale. Per 120.000 voti ha vinto la coalizione di Bersani; per contestare la casta e i privilegi il popolo ha votato il Movimento 5 Stelle di Grillo. I politici per non si sono accordati per fare il Governo! In una confusione che degenera nel caos totale, il mondo ci guarda e ride. Chi non ce la fa pi ad andare avanti si uccide, vedi il caso di Civitanova Marche, dove due anziani si sono tolti la vita perch non potevano sopravvivere con 500 euro, se ne sono andati con dignit e insieme a loro anche il fratello della donna alla notizia si ucciso gettandosi in mare. vero che linteresse col(segue a pag. 2) Francesca Pagano

PRENDERE ESEMPIO DA CINCINNATO


Ormai intrisa di malaffare, clientelismo, truffe, corruzione, leggi ad personam, infiltrazioni mafiose, raccomandazioni, sprechi di denaro pubblico, vero e proprio menefreghismo nei confronti del popolo, la politica italiana di oggi ha ormai da tempo dimenticato il suo ruolo di amministratrice per il bene comune, che Aristotele le assegnava pi di 2300 anni fa. Ma non sono rari i politici che hanno bene in mente il ruolo della loro professione, ma sono solo poche voci contro un coro di colleghi in
(segue a pag. 4) Emiliano F. Caruso

I GIOVANI E LA SICUREZZA STRADALE


Nella sala teatro della Scuola Media StataleG. Rossini di Lunghezza si tenuto un interessante incontro sul tema della sicurezza stradale organizzato da Roma Lions Parioli. Promotore dellincontro il gen.e dellAereonautica Enzo Barresi. Era presente come illustre ospite il Presidente del Club Roma Lions Parioli, Dott. Brizi e il relatore stato lavv. Gianmarco Cesari, presidente dellAssociazione italiana Familiari Vittime della Strada (AIFVS). Lavv. Cesari entrato immediatamente nel vivo della questione raccontando la sua personale esperienza di essere scampato miracolosamente ad un grave incidente quando era un ragazzo e di essere rimasto per mesi immobilizzato in un letto dospedale con lincubo di non poter pi riacquistare luso delle gambe. Ad un auditorio molto attento ha spiegato il rischio che si (segue a pag. 2) Maria Rosa Nicastri

TUTELARE LA FAMIGLIA
Il fine di una societ quello di mantenersi in vita, ma, purtroppo, l'attuale societ costituita in modo tale che non riesce ad assicurarsi la sopravvivenza e quindi ad assicurarsi il futuro. Di ci colpevole la campagna di chi mira a sostituire la vera famiglia con altre unioni, che nulla hanno a che vedere con proMario Coletti spettive di speranza e futuro. La no- (segue a pag. 2)

LATTUALIT, pag. 2
(segue da pag. 1) Unico rimedio: demo-sorte-merito-crazia

N. 5. MAGGIO 2013
LIBERA UNIVERSIT INTERNAZIONALE SALVEMINI DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

di riforme e di cambiamento pur non avendo alcuna intenzione di attuarli. Il Movimento Salvemini da oltre 50 anni sta proponendo la revisione della Costituzione del 48: un orribile pateracchio, frutto di un vergognoso compromesso. Inserire i Patti (fascisti) del Laterano nellart. 7, ad esempio, una mostruosit giuridica al cospetto del mondo. Anche la carica (costosa e inutile) di senatore a vita andrebbe abolita. La Costituzione non un totem intoccabile. Va modificata perch ha favorito la nascita di una partitocrazia criminogena. Per eliminare questo sistema perverso c un solo rimedio pulito: inserire nella nuova Costituzione il principio greco-antico della demo-sorte-merito-crazia. Intelligenti pauca. Cosmo G. Sallustio Salvemini
(segue da pag. 1) Le mani sporche sulla scuola

Corso di prepapazione per aspiranti pubblicisti


diretto dal Sen. Prof. Cosmo G. SALLUSTIO SALVEMINI (P.M.S.P.)
Pu essere frequentata anche per corrispondenza.

Quote associative annuali: ordinaria euro 60,00; simpatizzante euro 100,00; benemerita euro 180,00; sostenitrice euro 280,00. Per aspiranti pubblicisti: euro 360,00. Versamento su c/c postale n. 56777006, intestato a Movimento Gaetano Salvemini, via Lorenzo il Magnifico 25, 00013. Fonte Nuova (Roma).

INFORMAZIONE AI SOCI

Tel. 06/2148536 - Cell 347.0333846


Il giornalismo non solo arte; anche passione vissuta con entusiasmo e con rettitudine morale. Il piombo, pi che loro, ha modificato la Storia. E pi che il piombo dei fucili, quello dei tipografi.

INVITO AI REDATTORI
in corso il rilascio e/o rinnovo delle Tessere-Stampa di questo Periodico. Coloro che ne sono gi in possesso sono invitati a contattare al pi presto il Direttore per far applicare il bollino 2013. Quota maggiorata in caso di ritardo .

la nostra origine quale Stato, con tante grazie di quella loro stolta costola politica che la Lega. Lacuto ha ridotto le poche note di studio della Storia dellultimo anno al solo Novecento, mirando evidentemente allalterco faziosizzato del secolo fascismo-antifacismo, con levidente occulto obiettivo di trasformare lo studio della Storia in strumento partitico, in agit-prop elettorale per il Potere. Un ministro mai uscito dal 68. Cosicch gli studenti vengono condotti ad Auschwitz con tanto di clamore e battage propagandistico, ma non capiscono nulla di storia-fattiuomini-politica perch mancano loro le basi storiche sia del Novecento sia soprattutto, dei fondamentali secoli precedenti (diventati una burletta). Ecco come la politica ha divorato lIstruzione. Ma oggi altri spettri si aggirano per la Scuola, ancor pi raffinati e subdoli, frutto del le menti pervicaci dei nuovi clerici politicantes. Hanno la faccia delle persone per bene, sono invisibili, espertissimi di movimentismo sessantottesco ed hanno un solo obiettivo: distruggere quel poco che di serio sopravvissuto, estendere i loro poteri di veto sullIstruzione e, se serve, chiamare a raccolta famiglie e masse studentesche incolte e stolte in una crociata comune contro i docenti scomodi, quelli seri, capaci e onesti che rifiutano di fare della Scuola un torbido sollazzo e mercificatoio politico. Mi riferisco alla sparata di tanti finti pedagoghi raccolta da un altro acuto Ministro sulla Scuola: Il professore deve saper stare in classe. Difficile trovare nel tempo uno sproloquio pi grande, umbratile e distruttivo sul fatto Scuola (tanto che fa il paio col liceo classico di Berlinguer). Ovvio chiedersi che significhi saper stare in classe. Bisogna saper ridere, divertire gli studenti Signor Ministro Dominiddio? O adeguarsi alle volont dei nullafacenti, alle gumisterie volatili dei gruppi? Bisogna saper fare il clown, il nazista o il frate? E in quali casi? O bisogna promuovere alla cieca, perch non colpa loro se la Scuola della modernit un vivente ciarpame di convenevoli, gite e futilit umane? Tutto fuorch lo studio? Bisogna svuotare lo studio di contenuti-moralitresponsabilit per assecondare gli interessi politici? E saper ben cumulare ignoranza ad ignoranza senza che il volgo se ne accorga, cosicch gli scolarizzati asini siano pi adatti, pi comodamente smerciabili in una societ finto salutista, ecologista, dei cannoni e delle guerre ultra-umanitarie? O saper uccidere il merito, Signor Ministro, perch impegno e responsabilit sono pericolosi stimoli al risveglio delle coscienze? Oltre al dirittismo predatorio e negligente, esiste qualche sparuto dovere? Qualche ministro ha dato lesame del saper stare in classe o al Ministero? Se visita una Scuola o incontra famiglie e studenti, sa stare? Ci per esemplificare in quale accozzaglia di parole e idee criminogene caduta lIstruzione Pubblica da quando stata gettata al macero, nel 62 e soprattutto dal 68, la Scuola del merito e dellimpegno: quella seria, culturale, formativa di Salvemini e Gentile del 1923. Ferruccio Ciavatta
(segue da pag. 1) La dittatura dei banchieri

AVVISO AGLI ASPIRANTI PUBBLICISTI


Regolamento: 1) versare la quota associativa annuale. 2) rileggere attentamente gli articoli prima di inviarli alla Direzione entro il 15 di ogni mese. 3) Gli articoli non devono superare le 25 righe dattiloscritte. 4) confrontare il testo originario dei propri articoli con quello poi pubblicato con le necessarie correzioni e abbreviazioni, al fine di non ripetere errori e prolissit negli articoli inviati successivamente. 5) pubblicare almeno 80 articoli in 24 mesi consecutivi. 6) fare tirocinio in Redazione nei turni da concordare con il Direttore. 7) rivolgersi al consulente Patrizio Alessandrini (via Monte Senario 14, Roma. Tel. 06.87195452) per far calcolare le ritenute dacconto da versare allAgenzia delle Entrate. 8) Conservare ogni copia del giornale per poter compilare lelenco degli 80 articoli da consegnare allOrdine. 9) Presentare allOrdine la domanda discrizione allAlbo firmata dal Direttore della testata. 10) Sono accettati solo testi dattiloscritti composti in RTF oppure WORD 4/5 e inviati per E-mail: lattualita@yahoo.it. Per avere conferma, chiamare Stefano al tel. 062148536 (ore 11-15).
(segue da pag. 1) ...al timone dellItalia

AVVISO AI COLLABORATORI: gli articoli che supereranno le 25 righe dattiloscritte non verranno presi in cosiderazione
(segue da pag. 1) Lettera aperta al Direttore

zione. Pu eleggere cinque senatori a vita con diritto di voto in Parlamento. Per l'art. 92, nomina il presidente del Consiglio. In virt dell'art. 126, pu sciogliere il Consiglio regionale e rimuovere il Presidente della Giunta. Pu inoltre nominare un terzo della Corte Costituzionale (art. 135). Napolitano assolver il suo compito sino al 15 maggio prossimo. Il Parlamento dovrebbe adoperarsi per avviare subito un governo esecutivo. La scelta del Presidente Napolitano stata condizionata da tre elementi. Il primo: le recenti elezioni politiche hanno espresso una forte domanda di cambiamento a tutti i livelli. Il secondo: il settennato di Giorgio Napolitano, anche a causa delle debolezze dei partiti e della carenza di leadership del sistema politico, ha fortemente accentuato il ruolo politico del Presidente della Repubblica, affermando un ruolo del Quirinale assai meno "notarile" di quello di un tempo. Il terzo: la complessit dell'attuale situazione politica italiana e la necessit di un Presidente che sappia muoversi con la necessaria abilit. Lisa Biasci
(segue da pag. 1) Buone novit in politica

aderenti allUniac (quasi tutti artisti) hanno fiducia in te. I tuoi 32 libri su materie umanistiche testimoniano il costante impegno riformatore per la difesa dei valori morali. Le tue coraggiose denunce della corruzione politica hanno messo a repentaglio la tua vita privata ma gli ostacoli e le minacce non ti hanno fatto arrendere. Anzi, hanno rafforzato il tuo anelito ad edificare una societ di galantuomini. Sei un missionario laico che ha fede nella Mano Invisibile. Sei lincrollabile punto di riferimento per quanti, in Italia e allestero, pubblicano le loro opinioni su LAttualit. I dirigenti dellUnione Culturale, da te fondata 14 anni fa, ti ringraziano per il tenace impegno riformatore, tipicamente salveminiano. LItalia un Paese squilibrato e dilaniato da sanguisughe. Ha bisogno di uomini come te. Non mollare. Mai. Florinda Battiloro Grazie di cuore per il sostegno morale assicuratomi. Fin dallinfanzia ho imparato da zio Gaetano che chi ha fede incrollabile nei valori morali viene, prima o poi, proclamato vincitore dal Tribunale della Storia. Dobbiamo amare lItalia a tal punto da impegnare tutte le nostre energie per liberarla dalle migliaia di sanguisughe che dilaniano milioni di onesti lavoratori. Gli arroganti e i prepotenti (veri nemici della democrazia) non riusciranno mai ad imbavagliarci.
(segue da pag. 1) Che Papa Francesco purifichi la Chiesa!

fatto il solito minestrone. Sono state emanate le leggi sul fagiolino, sulla lunghezza della banana, della zucchina, di quanti semi deve avere il pisello, senza un vero programma di sviluppo. La Banca Centrale Europea stampa e presta il denaro agli Stati membri che dovranno restituirlo con gli interessi, indebitandosi sempre di pi. Con il tempo questi banchieri si impossesseranno dei territori degli Stati. Mi domando: non sarebbe meglio che il denaro venga stampato dallo Stato? Stampando denaro per costruire le infrastrutture e case per i cittadini distribuirebbe moneta al popolo. Cos eliminerebbe la disoccupazione, aumenterebbe i consumi, metterebbe in moto leconomia. Signori politici, siamo arrivati al punto che molti cittadini onesti si uccidono per disperazione. Che cosa aspettate? Forse anche voi siete succubi di quei poteri economici gestiti da anime dannate? La politica deve servire a creare equilibrio sociale attraverso leggi atte a proteggere il principio di sopravvivenza, che si basa sulla produttivit. Le leggi che non rispettano questo principio sono inique. I governi trarrebbero notevoli entrate tassando i consumi e non le persone, attualmente strangolate da tasse insopportabili. Questa si chiama democrazia, altrimenti solo un monopolio mafioso e dittatura mascherata. Non dimentichiamo che la moneta un mezzo di scambio ma anche unidea basata sulla fiducia dello Stato che rappresenta. Mi venuta in mente una domanda: questi magnati delleconomia che hanno dato lanima al demonio, una volta acquisiti i territori e i capitali degli Stati, non svaluteranno la moneta? Cos facendo aumenterebbero il valore dei loro beni. Forse intendono ripristinare la schiavit dei secoli passati? Antonio Marchetti
(segue da pag. 1) Quando muore la speranza

ultimi che hanno scaldato quella poltrona... tutto questo prima di Laura Boldrini: la presidente che non ti aspetti. Dal 1998 al 2012 stata portavoce dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, ha voluto nei suoi due libri (Tutti indietro del 2010 e Solo le montagne non si incontrano mai. Raccontare parte di questa esperienza, descrivendo una Italia della solidariet e storie di tante persone che si mettono in gioco per aiutare i rifugiati. In meno di un mese Laura Boldrini si ridotta stipendio e benefit, ha sollecitato Monti sul rinvio della Tares, ha istituito una commissione sui debiti della Pubblica Amministrazione e propone di tagliare gli stipendi dei parlamentari a propone di aumentare le ore lavorative. stata lunica ad avere il coraggio di presentarsi a Civitanova Marche: stata contestata, insultata, tacciata di tutti i mali di una politica in cui non riesco a identificarla pienamente. Ma lei cera, ci ha messo la faccia. Laura Boldrini il vero tsunami di questo Parlamento, e non certo chi aveva promesso di cambiare il mondo ma ha saputo dire solo dei gran NO a tutto ci che poteva far uscire il Paese da questo momento di stallo politico istituzionale. Maria Rosa Laria
(segue da pag. 1) Nessuno recita in mea culpa

aveva accumulato immensi patrimoni (mobiliari e immobiliari) del tutto estranei agli insegnamenti di Ges Cristo. Adesso aspettiamo che il nuovo Papa lanci altri messaggi: abolire lo I.O.R. (banca definita opaca dallUnione Europea), ridurre allo stato laicale i cardinali, i vescovi e i preti colpevoli di pedofilia (denunciandoli alla Magistratura dei singoli Stati), selezionare rigorosamente gli aspiranti alla vita sacerdotale, annunciare e applicare il Vangelo senza artificiose interpretazioni che fanno comodo ai padroni di questo mondo. Se vuole, Papa Francesco ha il potere di epurare la santa Chiesa di Cristo dai tanti farisei che vi si sono annidati. Che la santissima Trinit gli infonda la forza necessaria per realizzare una svolta epocale. Rosanna Sinopoli
(segue da pag. 1) I giovani e la sicurezza stradale

lettivo deve prevalere, ma, a questo punto qual linteresse collettivo? La guerra tra partiti che si contendono le poltrone? Credo proprio di no. Questa politica rasenta lanarchia o la dittatura! Solo persone serie e dignitose avrebbero fatto il mea culpa. Il Presidente Napolitano ha nominato dieci saggi per sopperire alla vacatio legis. Speriamo che il Buon Dio metta un po di sale in zucca ai nostri rappresentanti. Francesca Pagano
(segue da pag. 1) Tutelare la famiglia

corre ogni volta che si cammina per strada o si conduce unauto o un ciclomotore perch neanche indossando il casco si salvi. Purtroppo oggigiorno ci sono cause esterne che inducono i giovani a trasgredire perch la pubblicit spinge la giovent a bere. Questa pubblicit indotta non altro che una violazione dei diritti umani. Quando ci si mette alla guida avendo bevuto, avviene unalterazione della distanza e si deve essere consapevoli di mettere in pericolo non solo la propria vita ma anche quella degli altri. Dopo i tumori, gli incidenti stradali rappresentano la seconda causa di morte; quindi punire pi severamente chi causa queste morti certamente una scelta condivisibile. Ogni ipotesi di guida azzardata omicidio stradale. La guida in stato di ebbrezza o sotto leffetto di sostanze, ha ricordato lavv. Cesari, causa il 40% degli incidenti. Molto efficaci i video mostrati agli studenti; le immagini hanno raccontato gli effetti tragici di alcuni incidenti stradali. Ci vorrebbero leggi pi severe. Ma forse pi che di nuove leggi c bisogno di pi seriet, cio di una nuova cultura sulla guida. Maria Rosa Nicastri
(segue da pag. 1) Habemus imbecilli

tirare avanti. Non se la sentono di andare a mangiare alla Caritas, troppa vergogna. Allora un giorno decidono con lucidit di farla finita, di impiccarsi insieme, senza lasciare un rigo, senza una lettera. Chi avrebbe capito il loro gesto? Nessuno. Simpiccano in silenzio, con dignit senza clamore, senza dare fastidio cos come avevano vissuto. In una societ dimmagini di ostentazione di capi firmati, in cui non si conosce il vicino della porta accanto, divenuta una vergogna essere poveri, seppure onesti. Si erano rivolti alle associazioni non profit, alle assistenti sociali? Forse s, forse no. Di certo avevano perso la speranza che la pensione sarebbe stata aumentata, che lui avrebbe trovato un lavoro, che il proprietario di casa avrebbe atteso ancora un po per laffitto, che il droghiere forse avrebbe fatto loro credito, non vedevano pi nessuna luce in fondo al tunnel. Il giorno dopo, il cognato, vittima di uno stato depressivo, abile nuotatore decide anche lui di farla finita e si suicida in mare. Che ne sanno i bersaniani, i berlusconiani, i montiani, di cosa significa avere fame, non poter pagare laffitto, essere esposti a pubblica derisione...? Sempre pi di frequente nei supermercati, vecchie coppie con la nota della spesa che girano e rigirano nelle loro mani ossute, dalle dita distorte dallartrosi e dalla fatica, il formaggio pi conveniente da comprare. I politicanti siedono al sicuro, nei loro palazzi, nel caldo della mura domestiche di propriet, pensando al prossimo incarico, alla prossima sfida elettorale, a biechi giochi di potere. Non fa notizia parlare di suicidio, si pu rischiare che altri emulino linsano gesto, e allora molti fingono di non vedere gli sguardi tristi persi nel vuoto, di giovani mamme senza lavoro, mortificate per non poter comprare alimenti per i loro figli. ora di lottare per un nuova politica delloccupazione, per un aumento delle pensioni sociali, per una maggiore solidariet a cominciare dal vicino di casa. Listinto di sopravvivenza deve essere pi forte della vergogna di chiedere aiuto, di confidarsi, non una colpa essere senza lavoro e mai, mai perdere la speranza che le cose cambieranno in meglio. Dopo il grigio viene sempre il sereno recita un proverbio popolare. Cristina Di Maio
(segue da pag. 1) ... e dicono di non aver perso

stra societ non in grado di mettere al mondo il numero necessario di figli per sostenersi e per continuare ad esistere. La conseguenza di ci fa riflettere la nostra societ o cambia in modo radicale la strada intrapresa o andr verso un progressivo declino. Nel VII Incontro Mondiale delle famiglie il Papa Benedetto XVI disse che la vocazione della famiglia non facile da vivere, soprattutto oggi per repentini e violenti cambiamenti sociali nei confronti della famiglia stessa che vive una crisi profonda ed , sovente, oggetto di attacchi e vittima di delegittimazione politica. Il Papa, ha dato una speranza affermando che le famiglie custodiscono l'amore, l'unica forza che pu veramente trasformare il mondo. Purtroppo in Italia la denatalit ha un'alta percentuale e ci rende la speranza e il futuro svuotati di ogni senso. I demografi da tanto tempo hanno lanciato l'allarme nel constatare il perdurare della crisi demografica, affinch i politici facciano qualcosa a favore delle famiglie. Se non si riducono le tasse e non si fa aumentare il salario, magari diminuendo i contributi sociali, le famiglie non possono permettersi di avere pi figli. Nel nostro Paese il tasso di fertilit inferiore ad 1,50, mentre dovrebbe essere superiore a 2. La denatalit conseguenza delle crescenti e perduranti difficolt delle famiglie, unitamente ad una certa cultura che si accanisce a promuovere disgregazione e disorientamento. Ci auguriamo che il nuovo Governo faccia approvare in Parlamento leggi che favoriscano la famiglia. Mario Coletti
(segue da pag. 1) Rilancio della politica museale

sono comparsi sul noto social network facebook alcuni gruppi deliranti che prendono in giro il modo di parlare e le movenze del Card. Tauran. Decine di gruppi sono sorti col nome di Il Tossico Che Ha Annunciato Il Papa. Inutile dire che hanno avuto un enorme seguito, i numeri rasentano le 50.000 unit di imbecilli. Non si vuole certo discutere sulla totale mancanza di buon gusto, visto che vi sono altri gruppi che non sono certo dei club per menti eccelse, ma in questo caso, si dovrebbe quantomeno riflettere sulla vita di una persona, il card. Tauran, affetto dal morbo di Parkinson. Queste "persone" non hanno fatto solo una facile ironia, ma hanno preso in giro tutti i malati di questo terribile male degenerativo offendendo il cardinale. Non ci voleva infatti molto a capire come stesse realmente il Card. Tauran e comunque l'educazione ed il rispetto sono valori che molti pretendono per se stessi ma non usano la stessa accortezza per gli altri, ma si s... la mamma dei cretini sempre incinta! Isacco Cicala
(segue da pag. 1) Valori eterni

hanno registrato una flessione di oltre dieci milioni di voti. Dicono di non aver perso. Scelta Civica sembra essere alla ricerca di un centro di gravit permanente. Il Movimento 5 Stelle vorrebbe attuare il passaggio da un governo dei partiti ad un Parlamento senza Governo, in quanto lAssemblea potrebbe legiferare anche in assenza del Presidente del Consiglio e dei ministri. Si avrebbe una maggiore forza negoziale con le Cancellerie estere, specie tedesca ed indiana, con una delegazione in massa di nostri parlamentari. A pensarci bene, converrebbe seguire gli incoraggiamenti di Papa Francesco a non essere tristi, a non avere sete di potere e denaro. Al di l del Tevere, qualcuno sta dimostrando di avere le idee chiare che non possono essere tradotte immediatamente in programmi politici, ma possono illuminare le menti di coloro che aspettano uno Spirito Santo laico. Fiorella Ialongo

stire i musei. Il nostro Paese uno dei maggiori contenitori di beni culturali ma non tra i primi paesi industrializzati per grado distruzione e per i consumi culturali dei propri cittadini. Abbiamo una notevole presenza di strutture museali, bibliotecarie, archivistiche, un ricco cartellone di manifestazioni e mostre nel campo dellarte, della musica, del folklore, ma pochi possono affermare che tutto questo crei un sistema, cio una rete di comunicazione , coinvolgimento consapevole e permanente dei cittadini al di l delle gite domenicali o del turismo estivo. Oggi, tuttavia, un grande progetto di trasformazione culturale, civile ed economica del Paese pu diventare pi facile con le tecnologie digitali, della multimedialit e dellinterattivit (e con la conseguente creativit) ed in particolare con reti via cavo territoriali. Ci pu essere effettuato con una politica culturale ed economica basata sulle risorse (sulle memorie) del nostro patrimonio storico, artistico e naturale; si mondializza la cultura e si globalizza leconomia e diventa automaticamente pi forte la ricerca delle radici nel particolarismo del territorio, ma anche dellidentit stessa del Paese. Le reti di musei capaci di utilizzare i patrimoni umanistici possono costituire uno strumento essenziale per una democrazia del sapere e per ridare ai giovani il senso delle propie radici: riconoscere il passato, vivere responsabilmente nel presente e progettare il futuro. Servono poche norme chiare, comprensibili a tutti, altrimenti si va dalla monumentale macchina di inefficienza burocratica dello Stato a quella delle Regioni e dei Comuni. possibile riattivare leconomia, realizzando le grandi opere, attraverso la riqualificazione urbana e la valorizzazione dei servizi sociali. Il museo territoriale multimediale uno strumento essenziale di tale progetto. Liliana Speranza

e rincorrendo un consumismo sfrenato e larrembaggio al potere. Tutto ci genera soltanto pigrizia e ci si dimentica della somiglianza con un Dio che ha creato luomo non per essere fine a se stesso, ma per farlo partecipare concretamente alla vita quotidiana, in mezzo ad altri esseri di qualsiasi specie, razza, colore della pelle. La fatua retorica che avanza vertiginosamente si porta dietro le altre anomalie che luomo moderno si procura volutamente. Cos facendo, distrugge lessenza di ogni verit, e con essa si provoca lo sgretolarnento di quei valori che diventano cos solo polvere sospinta dal vento, confondendosi con le cose inutili. Sono proprio queste che finiscono per dare una connotazione delluomo come punto oscuro del cosmo. Luomo, invece, ha bisoguo non solo di luce, ma di generare luce, di parlare, di lasciare un messaggio autentico. Dobbiamo lasciare in eredit quei valori eterni che non provengono dal singolo, direttamente da chi ci ha creato. Stefano Di Marino
(segue da pag. 1) Maltolo: e il tumore si suicida

autodistruzione prematura. Tutto partito dal Laboratorio di Patologia Molecolare PaoLa di Fano, un centro specializzato nello studio delle modificazioni epigenetiche nel cancro. La sperimentazione del malten e il maltonis, le due molecole inventate dai ricercatori, chiaramente ancora allinizio ma i risultati ottenuti in laboratorio aprono nuovi orizzonti. Due molecole rappresentative di questa classe di composti sono state sintetizzate e caratterizzate nella loro capacit di indurre alterazioni della cromatina e, quindi, di condurre le cellule a rispondere in termini biologici. Questa classe di composti ha propriet chimico-fisiche tali da raggiungere linterno della cellula ed esplicare le loro funzioni nel nucleo, dove risiede il nostro genoma (e dunque la cromatina). Fanelli e Fusi hanno dimostrato che alcuni modelli neoplastici (colture cellulari in vitro) sono sensibili ai trattamenti con le due molecole (denominate malten e maltonis). Ora la ricerca proseguir su modelli tumorali in vivo. Negli ultimi anni hanno spiegato Fusi e Fanelli la ricerca in campo oncologico sta affrontando lintera problematica attraverso una doppia strategia: da un lato cerca di comprendere a fondo le peculiarit molecolari alla base della patologia stessa e, dallaltro, prova a sviluppare nuove molecole come potenziali farmaci. Gabriella Di Luzio

N. 5. MAGGIO 2013

TEMATICHE INTERNAZIONALI

LATTUALIT, pag. 3

PARLAMENTO MONDIALE per la SICUREZZA e la PACE


Lord Presidente: Mons. Sen. Viktor Bus
(Notiziario a cura dellOn. Cav. Gianni Ianuale) Mons. Sen. Viktor Bus, Lord Presidente del Parlamento Mondiale e Membro del Consiglio delle Acque delle Nazioni Unite (con sede a Ginevra), ha riassunto la carica di Rettore dellAccademia Internazionale Giuseppe Pitr. Il nuovo presidente dellAccademia il Signor Giovanni Giampino. Palermo, 13 marzo 2013.

PIETRO IACONO, SCIENZIATO E FILANTROPO


Degna di lode lintenzione di Pietro Iacono di donare allumanit i risultati delle sue scoperte scientifiche. Ecco una sintetica panoramica: purificare il fumo delle ciminiere di tutte le fabbriche con il recupero del nerofumo (carbonio), eliminare la radioattivit del corpo umano, fermare il flagello del cancro, trasformare le scorie radioattive in piombo, trasformare luranio in piombo, usare lacqua per ricavare carburante, creare nuovi posti di lavoro. Questo geniale inventore ha ottenuto molti riconoscimenti tra i quali: Premio medaglia doro Eureka, Premio medaglia doro Camera di Commercio Europea, Medaglia Citt di Bruxelles. Senatore del Parlamento Mondiale per la Sicurezza e la Pace, membro del Club Unesco di Udine, membro Greepeace. Info: cell. 3387798731

COMUNICATO STAMPA

CE SEMPRE UN SUD
In Svizzera sono cominciati a comparire dei movimenti e dei manifesti contro gli immigrati sopratutti nel Canton Ticino che il Sud della Svizzera e che la parte che confina con l'Italia la quale subisce il pi alto tasso di lavoratori pendolari transfrontalieri. Si noti che quando la crisi morde, il popolo anzich capire le cause e le origini che l'hanno generata, spesso comincia a fare la guerra con se stesso, una guerra tra poveri. Questo movimento anti immigrati lamenta che gli italiani fanno lavori ad un salario pi basso di quello che invece sarebbe corrisposto se fosse uno svizzero a farlo. Una situazione che si ripete ogni volta che ci sono a confine due nazioni con modelli economici e sociali diversi, ma una storia che conosciamo bene anche in Italia con l'invasione straniera che subbiamo giornalmente dagli immigrati extraeuropei ed europei. La Svizzera ha un costo della vita decisamente pi alto dell'Italia, e parliamo di un confronto con il Nord ricco dell'Italia, eppure molti italiani tutti i giorni vanno a lavorare in Svizzera e poi tornano in Italia dove spendono meno. Chi ci guadagna in tutto questo? Alla mente viene subito la lotta operaia contro il padrone che pensa solo al maggior profitto. La Svizzera pur avendo uneconomia completamente diversa non immune dal pensiero unico imperante del neoliberismo che prevede il maggior profitto a prescindere, di conseguenza se un imprenditore pu aumentare il suo margine abbassando il costo della manodopera lo far sempre. C' un impianto ideologico sulleconomia globale che prevede competizione, profitto, ed interessi e tutto ci non fa altro che generare tante frontiere di Sud e Nord che scaturiscono da invitabili protezionismi che sono assolutamente giustificati in queste condizioni di mare mosso economico. La vera linea di demarcazione tra Sud e Nord purtroppo solo nella nostra testa, li il solo luogo geografico dove comincia ogni Sud ed ogni Nord. Giuseppe Turrisi

SAM PIVNIK, TESTIMONE DELLA SHOAH


Una volta si diceva Olocausto, in maiuscolo, quasi a volerne sottolineare latrocit, una parola che indica un sacrificio supremo rivolto a una divinit ( di origine greco-biblica, e significa bruciare tutto per mezzo del fuoco). Oggi gli ebrei preferiscono, giustamente, il termine ebraico Shoah (annientamento totale). Cambia letimo, insomma, ma rimane comunque il concetto di uno dei pi gravi crimini di massa della storia, che coinvolse, bene ricordarlo, non solo gli ebrei, che comunque subirono le perdite pi numerose, ma anche cristiani, musulmani, omosessuali, disabili, insomma tutti coloro che, in un modo o nellaltro, non rientravano nei folli piani di purezza voluti dal Terzo Reich. Ormai esistono migliaia di documentari, opere letterarie, romanzi e saggi dedicati alla Shoah, ma quasi tutti sono stati scritti a posteriori, spesso da studiosi, pur altamente qualificati, che ne hanno studiate le fonti in seconda o terza persona. Poche sono le testimonianze, soprattutto letterarie, di chi ha direttamente vissuto gli anni della Shoah in un campo di concentramento. Sam Pivnik uno di questi, ed sopravvissuto per narrare la sua storia. Nato nel 1926 a Bedzin, piccola citt della Polonia, Sam figlio di Lajb Pivnik, un sarto stimato e benvoluto dagli abitanti di Bedzin, ma nel giorno del suo tredicesimo compleanno (1 settembre 1939), vede la sua cittadina prima occupata, poi sottomessa e devastata dallinvasione nazista. Dopo essersi nascosti in condizioni disumane in un vano nascosto della loro casa, i Pivnik vengono deportati nel famigerato campo di Auschwitz-Birkenau (dal 1979 dichiarato patrimonio dellumanit). Appena giunti nel campo, i genitori di Sam, la sorella Chana e i fratelli Meir, Wolf e Josef vengono subito selezionati (termine che mandava direttamente alle camere a gas) e unaltra sorella, Handel, li seguir pochi giorni dopo. Si salveranno solamente Sam e lamato fratello maggiore Nathan. Da quel momento, e fino alla Liberazione del 1945, il giovanissimo Pivnik vive la Shoah in tutti i suoi lati peggiori, spesso sopravvivendo per pura tenacia e fortuna, e la sua esperienza coincide con il delicato passaggio dalladolescenza alla maturit. Saranno quindi la guerra e la Shoah a fare di Pivnik un uomo precoce. Dopo decenni di silenzio, la testimonianza di Sam (preziosa, insieme a quella di altri sopravvissuti) stata organizzata e curata dallo storico M. J. Trow, che vi ha riunito anche le interviste che Sam ha rilasciato tra il 2007 e il 2011 ai suoi amici Adrian Weale, scrittore e giornalista, e Philip Appleby, e lintero materiale ha preso forma in un libro scorrevole e interessante: Lultimo sopravvissuto. I ricordi di Sam Pivnik, oggi stimato antiquario, non cedono alla retorica o al vittimismo, anche se a volte si interroga sul perch di un simile crimine, la Shoah, e nemmeno risparmiano i particolari pi crudi. Ne risulta un romanzo storico prezioso, appassionante, arricchito da appendici e glossari, forse lultima testimonianza diretta di un episodio storico che troppe volte si tende a ignorare. Non ho mai potuto dimenticare dice ora Sam Pivnik Ma quello che voi leggerete una o due volte in questo libro, io lo rivivo ogni giorno e ogni notte della mia vita, Emiliano Federico Caruso

LA BRITISH LIBRARY CATALOGA LA STORIA DIGITALE


La British Library ha dato il via ad un gigantesco processo di catalogazione della memoria storica ai tempi di internet con lobbiettivo non solo di salvare i libri di carta come patrimonio dellumanit ma archiviare e catalogare come altre testimonianze di attivit culturale le pagine web registrate col dominio britannico ed addirittura i messaggi lasciati dagli utenti sui social network: tweet, aggiornamenti di stato su Facebook e le foto pubblicate su Pinterest e Instagram verranno custoditi gelosamente nel nuovo archivio digitale. I numeri del progetto? almeno un miliardo di pagine web, provenienti da almeno 5 milioni di siti, per un investimento di 3 milioni di sterline; cos la vetusta library di Londra, insieme alle sei biblioteche del Regno Unito ( la National Library of Scotland, la National Library of Wales, le Bodleian Libraries, la Cambridge University Library e la Trinity College Library di Dublino) archivieranno la storia, con la stessa cura che usano per i loro milioni di volumi. I tecnici delle biblioteche dovranno cercare quei documenti che meglio rappresentano un momento storico, un evento culturale, qualcosa, insomma che possa servire ai posteri per meglio capire, un giorno, come eravamo perch oggi la memoria storica passa sempre di pi per i bit delle pagine web. La prima catalogazione dovrebbe durare circa tre mesi, cui si aggiungeranno atri due per analizzare quanto raccolto, e questo lavoro verr ripetuto a scadenza annuale, trattandosi di una realt in continuo divenire. Presupposto fondamentale per lavvio del progetto stata la modifica alla legge sul deposito legale e sul copyright che obbligava le biblioteche a chiedere ogni volta lautorizzazione ai gestori di un determinato sito. Ora, la modifica a questa legge permetter invece di raccogliere liberamente le informazioni conservate su internet, e colmare il gap digitale ed informativo del 21esimo secolo. Cristina Canci

LABECONOMICS GIAPPONESE
Come le ricette di cucina, anche quelle economiche possono differire notevolmente nel mondo. Si prenda un identico piatto da servire: uscire dalla crisi. In Europa stato preparato con la Merkenomics, ossia il rigore fiscale e il pareggio di bilancio. In Giappone, invece, si sta perfezionando una ricetta tradizionale a cui stato dato un nome insolito: abenomics. Questo termine indica il maxi piano per leconomia del neo primo ministro Shinzo Abe. La particolarit di questo intervento consiste nel fatto che il Giappone ha un debito pubblico tra i pi elevati al mondo e, nonostante ci, il premier ha deciso un aumento della spesa pubblica e privata di circa 175 miliardi di euro in tecnologia avanzata, soprattutto energia ed ambiente; incentivi allinnovazione, allesportazione, alle piccole imprese; sostegno al welfare e addirittura un aumento delle spese militari. In altre parole, la rinuncia al contenimento del debito pubblico per dare la priorit alla crescita, ossia lopposto della strategia europea. Ne sta derivando un vivace dibattito poich la strategia nipponica ha buone possibilit di successo nel breve periodo, ma suscita forti perplessit sulle possibilit di finanziamento nel medio lungo. Una conseguenza dellabenomics che ci riguarda da vicino la svalutazione dello yen che render pi competitive le esportazioni giapponesi rispetto a quelle della Uem, aggravando il relativo disavanzo commerciale. Inoltre, la valuta nipponica ai minimi rispetto alleuro e al dollaro, accresce i rischi di una guerra delle valute di cui si iniziano ad avvertire le prime avvisaglie attraverso combattimenti a colpi di svalutazioni competitive tra monete. In questo quadro, continuare a cucinare uneuromomics usando come principali ingredienti le liberalizzazioni, la politica monetaria della Bce e un euro forte, pu equivalere a servire in futuro una pietanza molto insipida. Fiorella Ialongo

LA CINA SI STA AVVIANDO VERSO LA DEMOCRAZIA


ormai noto a tutti che la Cina comunista convertita al libero mercato, ma priva della democrazia. infatti governata da una casta che ha basato il successo economico sullo sfruttamento degli operai e contadini. Nel 18 Congresso del partito comunista cinese si provveduto al ricambio di vertici, infatti stato nominato Xi Jinping Primo Segretario del partito comunista e Presidente della Repubblica cinese, mentre Li Keqiang stato nominato Primo Ministro. Xi Jjnping figlio di Xi Zhongxun, che stato Vice Primo Ministro in prigione da ben 17 anni. All'et di 9 anni Xi Jinping perdette i privilegi della casta, cio abitazione, viveri, studi. All'et di 14 anni fu spedito in una Comune contadina per dedicarsi alla dura vita dei braccianti. Seppe conquistare le simpatie dei contadini, che lo vollero nominare Segretario del P.C.C. locale e gli aprirono le porte della nota Universit Tsinghua di Pechino, dove consegu il Diploma in chimica. Dopo la morte di Mao e il ritorno al potere di Deng Xiaoping venne riabilitato Xi Zhongxun, che fu nominato Governatore del Guangdong, e applic per primo la riforma del mercato. Piano piano raggiunse il vertice del potere politico. considerato uomo politico prudente. Si vocifera che critic il massacro di piazza Tienanmen, (1989). Sta cercando un compromesso per risolvere il problema Tibet. Si dice anche che sia amico di Hu Deping, il Capo di coloro che aspirano ad una Cina democratica. Hu Deping figlio dell'autore della cosiddetta primavera studentesca, Hu Yaobang. Il popolo cinese spera che Xi Jinping mantenga le promesse. La Cina nel 2014 diverr la prima Potenza economica mondiale, ha infatti il Pil in crescita. Mario Coletti

L'EUROPA SI LIBERI DEL PETROLIO


ben noto che gli Stati europei sono schiavi del petrolio, che costa caro, mentre potrebbe utilizzare nuove energie: il sole, il vento, l'acqua, ma anche il gas delle rocce, denominato shale-gas. Questo gas si ricava con particolari tecnologie, inventate dal texano George Mitchell. L'estrazione di questo gas sta avendo un grande sviluppo per l'approvvigionamento di tale energia per gli U.S.A. Gli Stati Uniti fino a pochi anni fa erano seriamente preoccupati della loro futura scarsit energetica, ma in questo periodo sono sereni, perch nei metanodotti, che attraversano tutti gli Stati, viaggia abbondante lo shale-gas. Poter avere questa nuova fonte di energia sottrae gli U.S.A ai condizionamenti dei Paesi petroliferi, infatti il prezzo del petrolio negli Stati Uniti sceso a 15 dollari al barile, mentre in Europa costa pi di 80 dollari. Questa nuova energia influenza beneficamente anche i costi di produzione dell'elettricit e del riscaldamento domestico. I politici europei sono a conoscenza di questi benefici di cui godono gli U.S.A.e sanno anche che in molti Paesi europei ci sono giacimenti dishale-gas, (l'Ucraina, la Polonia e la Germania), per gli europei hanno stipulato con i produttori di petrolio contratti ventennali o trentennali, e non possono utilizzare questo rivoluzionario mezzo energetico. Purtroppo per questo motivo tutti i Paesi europei sono costretti per molti anni ancora a pagare il gas quattro volte di pi rispetto agli americani. Ci auguriamo che gi da ora il Governo italiano cerchi d'individuare con personale competente quali sono le rocce, che un domani potranno essere sfruttate per ricavare il prezioso shale-gas. Mario Coletti

AMINA RISCHIA LA MORTE


Da giorni non si hanno pi notizie di Amina, l'attivista tunisina di Femen minacciata per avere pubblicato, sulla sua pagina di Facebook, alcune foto che la ritraggono a seno nudo. La sua pagina Facebook, dopo essere stata piratata da qualcuno che ha detto di chiamarsi al Angour, non pi stata aggiornata. Ci ha alimentato i timori di Femen, che ha lanciato l'allarme. Dopo la pubblicazione delle sue fotografie, la liceale stata bersaglio di minacce di morte da parte di presunti salafiti. Un noto predicatore integralista, Adel Almi, si spinto a dire che Amina, con il suo gesto, merita la lapidazione. La fondatrice del movimento Femen, Inna Shevchenko, conferma di non aver pi contatti da giorni con Amina: Il suo cellulare spento da tre giorni, il suo conto Facebook disattivato, cos come quello su Skype, ha detto al quotidiano francese Liberation. Abbiamo ricevuto messaggi nei quali indicato che sta con la sua famiglia e che sta bene, ma non conosciamo le persone che ce li hanno inviati. Con le sue foto voleva dare il suo sostegno a Femen, come tante donne nel mondo. Eravamo in contatto con lei da due settimane, desiderava lanciare Femen in Tunisia. Ma cos questa associazione tanto nominata? un movimento di protesta fondato in Ucraina nel 2008, diventato famoso nel mondo per la particolarit delle protestatrici di manifestare a seno nudo contro il turismo sessuale, il sessismo e altre discriminazioni sociali. Le donne Femen rivendicano inoltre una diversa immagine del loro Paese, lUcraina, agli occhi dellestero: non pi Paese meta di turismo sessuale, ma paese democratico. Una vera e propria rivoluzione femminista, che ha proseliti in tutto il mondo. La liceale tunisina rischia la morte per idee che dovrebbero essere da tempo legittimate dalla cultura mondiale. Erika Carpinella

IN ITALIA PI ABBANDONI SCOLASTICI


Secondo un rapporto dell'Eurostat il nostro Paese segue a fatica l'UE per quanto riguarda l'abbandono scolastico. Di fatto il tasso sembra essere calato in tutta Europa ma vede una controtendenza dell'Italia: Al 17,6 per cento nel 2012 la percentuale degli studenti che hanno lasciato gli studi contro il 12,8 europeo ci che si legge dai dati. Gli obbiettivi fissati per il 2020 stabilivano la soglia massima della percentuale a circa il 10 per cento con un aumento di laureati del 40 per cento. Il 2012 vede l'Europa incamminarsi sulla giusta via anche se non poche sono le differenze in ciascuno dei 27 Paesi. Nell'Unione europea il 36% di giovani tra i 30 ed i 34 anni ha concluso con successo il percorso universitario, il 2% in pi rispetto al 2010 e l'8% in pi rispetto al 2005, riferisce sempre Eurostat, ricordando che la strategia Europa 2020 prevede che quella percentuale salga al 40% di qui ai prossimi sette anni. Per ora la superano Gran Bretagna 47,1%, la Francia col 43,6% e la Spagna col 43,1%. La Polonia vicina col 39,1%, mentre la Germania al 31,9%. A guidare la classifica invece l'Irlanda con il 51,1% di laureati in quella fascia d'et. Per quanto riguarda il Belpaese la situazione poco confortante: nel 2012 appena il 21,7% di chi comincia l'universit ha completato gli studi e si laureato entro i 34 anni. Ci riuscito il 26,3% delle donne e solo il 17,2% degli uomini. Nonostante il leggero miglioramento rispetto al 2010 e al 2011 l'Italia viene superata, restando cos la peggiore in Europa, anche dalla Romania con il 21,8 % rispetto alla maglia nera ricevuta nel 2010 con il 18,1%: un risultato soddisfacente se consideriamo che il ciclo di istruzione terziaria viene conclusa in Europa dal 35,8%. Maddalena Barba

60 ANNI FA MORIVA STALIN


Tutti sanno che nell'Unione Sovietica vi fu un tiranno che si chiamava Josif Vissarionovic Dzhugasvili, detto Stalin, cio acciaio. Nella capitale georgiana Tiflis frequent il seminario ortodosso, dove impar la lingua greca antica, che gli permise di leggere Platone. Durante la sua permanenza quinquennale presso il suddetto seminario manifest il suo terribile carattere, il suo disprezzo per gli altri, il suo sfrenato desiderio di successo. Per tale carattere fu espulso da seminario. Stalin odiava tanto lo zar per cui fu attratto dall'estrema sinistra, legandosi alla frazione bolscevica della socialdemocrazia russa. A 23 anni fu condannato al carcere e inviato all'esilio in Siberia, era il 1902. Nel 1903 fugg dalla Siberia e spos Ekaterina Svanidze, da cui ebbe un primo figlio Yakov, che mor durante la seconda guerra mondiale in prigionia dei tedeschi. La sua seconda moglie, Nadia Allilueva, gli dette 2 figli :Basilio, morto alcolizzato, e Svetlana, che and in esilio in Occidente. La seconda moglie Nadia si suicider. Stalin riusc ad essere eletto nel Comitato Centrale del partito comunista dopo aver attirato l'attenzione di Lenin. Nell'ottobre del 1917 con un colpo di Stato di Lenin lo zar perse il potere e con la sua famiglia fu massacrato. In ritardo Lenin cap di essersi allevato in seno una serpe, perci in punto di morte redisse un testamento con cui consigli alle autorit di allontanare dal potere Stalin. Morto nel 1924 Lenin, inizi la lotta per la sua successione fra Stalin e Trotsky. Stalin ebbe la meglio, perch di volta in volta si alle con Kamenev e Zinoviev, che appartenevano al Centro, e con la Destra, cio con Bukarin. Trosky perse la lotta per il potere e fu espulso dall'URSS. Nel 1929 Stalin nazionalizz le terre per farne la colonia di sfruttamento dell'industria sovietica. Il risultato immediato caus una grande carestia con 5 milioni di morti fra i contadini. Nel Congresso del partito del 1934 la corrente staliniana vincitrice apparve divisa tra intransigenti e moderati. Questi moderati speravano in Kirov, Capo del partito a Leningrado, ma fu subito ucciso su mandato di Stalin. Iniziarono cos gli anni della dura repressione. Stalin fece uccidere o chiudere nei lager militari intellettuali, tecnici, comunisti ostili, gente comune. Delle vittime illustre segnaliamo i bolscevichi Kamenev, Zinoviev, Bucharin. Stalin govern il Paese tramite la polizia politica e non accettando alcuna opposizione. Nel 1939 venne firmato il Patto hitler-sovietico, che fu definito il Patto delle vergogne, lasci mano libera alla Germania nazista contro l'Occidente. Infatti fu invasa il 1 settembre del 1939 la Polonia e spartita fra tedeschi e sovietici. Inizi poi la seconda guerra mondiale e Hitler tenne fede al suddetto Patto fino al giugno del 1941, allorch attacc l'Urss. Stalin dapprima fu preso dal panico nel vedere la rapida avanzata dei nazisti sul territorio russo, po fece appello allo spirito nazionale russo chiamando i popoli sovietici fratelli e sorelle e non pi compagni e cittadini. I tedeschi arrivarono alle porte di Mosca, ma i russi con tanto eroismo e aiutati dal noto freddissimo inverno russo riuscirono a sconfiggere i tedeschi. Stalin mor il 5 marzo 1953, cio 60 anni fa. La salma di Stalin fu imbalsamata e messa accanto a quella di Lenin nel Mausoleo della Piazza Rossa. I lager si aprirono, Beria venne ucciso e Malenkov, delfino designato, fu messo in residenza coatta. Nei Congressi 20 e 22del partito Krusciov denunci tutti i delitti di Stalin e pertanto la sua salma venne espulsa dal suddetto Mausoleo. Dopo con una congiura di palazzo Krusciov perdette il potere e venne sostituito da Breshnev, che mand gli oppositori nelle cliniche psichiatriche. Dopo Kusciov va al potere un uomo democratico, Gorbaciov, e cade il muro di Berlino. Mario Coletti

ORIGINI STORICHE DEGLI ABORIGENI AUSTRALIANI


Fin dallorigine, questo il significato della parole inglese che fin dal XVII secolo identifica questa popolazione emarginata ormai nelle citt pi a nord dellAustralia. Tante le ipotesi sulla loro provenienza, si pensa che giunsero dallIndocina circa 50.000 anni fa, un popolo di cacciatori e raccoglitori con una profonda fede nella terra e nel Dreamtime: il tempo del sogno, ovvero lepoca in cui secondo loro nacque la terra. Il primo contatto con i colonizzatori europei avvenne nel XVIII secolo e da quel momento in poi avvenne la loro rapida discesa in uno spazio privo di diritti e di considerazione. Sfruttati come forza lavoro per i crescenti allevamenti dei loro colonizzatori, ricevevano un salario minimo vivendo in condizioni precarie che indebolivano anche il loro fisico, non abituatto ale malattie europee. Cos intorno al 1788 la popolazione si ridusse del 90% e nella met del XX secolo la situazione peggioro ulteriorment quando nacque lIstituto di Assistenza Sociale per i nativi. Questultimo cominci a separare i bambini dalle loro famiglie in base al colore della pelle, per farli crescere in famiglie di bianchi che garantivano loro unistruzione. Continuavano inoltre a non concedergli il diritto al voto, ottenuto solo successivamente nel 1967 a seguito di un referendum. Nonostante le scuse e i tentativi di riappacificazione delle attuali forze di governo, questa popolazione, nota anche per le sue forme di arte e di pittura rupestre, vive nel degrado pi totale. Ricevono dallo Stato un sussidio minimo settimanale con il quale poter mangiare, ma nonostante questo li troverete per strada, in condizioni igeniche, salutari e fisiche pessime, quasi sempre ubriachi e chiassosi, ma mai violenti. Persone che vivono sempre in gruppo e che la maggior parte di noi eviterebbe cambiando marciapiede se li incontrasse di notte. Eppure nessuno pi si domanda cosa pensano e cosa hanno dovuto subire, che storia c dietro quegli occhi neri, profondi e smarriti. A guardarli sembra come se non avessero ancora capito chi siamo tutti noi e che cosa vogliamo da loro e dalla loro terra, lunica cosa che si respira e un senso di colpa latente nella gente che cambia marciapiede e sa dentro di se, che in realt la terra che considerano propria, e la loro fin dallorigine. Francesca Lancia

LATTUALIT, pag. 4

TEMATICHE

ETICO-SOCIALI

N. 5. MAGGIO 2013

IL BRUTTO PASTICCIACCIO DEI MAR


Dopo la gloria della copertina della rivista Time, il premier dimissionario Mario Monti ha conosciuto la polvere diplomatica con il caso dei mar. diventato un brutto pasticciaccio molto pi di quello di via Merulana per come stato gestito. Come in una spy story si mescolano ragion di Stato, interessi economici e questioni personali. Manca, purtroppo, la suspence sostituita da tanta amarezza per Massimiliano Latorre, Salvatore Girone e in pi c la figuraccia dellItalia a livello internazionale. La trama sarebbe perfetta per uno sceneggiato televisivo. Linizio del ciak: luccisione di due pescatori indiani scambiati per pirati in acque internazionali, il primo colpo di scena: limbarcazione attracca a Kocki, in India. Il regista, furbescamente, non fa comprendere se larmatore a conservare buoni rapporti con le autorit indiane o se ai ministeri competenti sia sfuggita lopportunit di conservare, oltre alla ragion di Stato, un innegabile vantaggio politico e negoziale. La vicenda poi si complica perch i nostri diplomatici non riescono a districarsi nel labirinto delle viuzze del diritto indiano (complicato anche per gli avvocati di New Delhi). Non mancano, ovviamente, i nemici, politici che usano questa vicenda per combattere una faida interna tra fazioni contrarie ed affermare la forza dellIndia a livello internazionale. Dopo un susseguirsi di colpi di scena con presunte minacce di ritorsioni economiche, aerei non venduti a causa di presunta corruzione, imbarazzo del Governo in Parlamento. Questa storia rischia di diventare una saga pi lunga di quella di Herry Potter. Fiorella Ialongo

ADDIO A PIETRO MENNEA, IL CAMPIONE DEI 200


Se n andato in silenzio Pietro Mennea, straordinario atleta italiano, con la dignit ed una forza danimo che lo ha contraddistinto per una vita intera. morto, allet di 60 anni, in una clinica di Roma, dove era ricoverato per un tumore. Classe 1952, di Barletta, Mennea entrato nella storia dello sport per i successi collezionati nellatletica leggera: campione olimpico a Mosca 1980 e per 17 anni detentore del record del mondo dei 200 metri. Cominci la sua lunga carriera internazionale nel 1971, agli Europei, piazzandosi al sesto posto nei 200 e conquistando il bronzo assieme alla staffetta 4x100. L'anno dopo il debutto olimpico a Monaco di Baviera e la prima medaglia, un bronzo, nei 200 mentre nel '74, agli Europei di Roma, sal sul gradino pi alto del podio oltre a conquistare l'argento nei 100, alle spalle del sovietico Borzov. Dopo qualche anno di successi a Giochi del Mediterraneo e Universiadi (all'Olimpiade di Montreal chiuse senza medaglie), Mennea si rilanci a Praga, nel '78, centrando l'accoppiata europea 100-200. Ma il successo pi grande stato aver vinto i 200 in 19"72, nuovo record del mondo che resister per ben 17 anni, e la vincita delloro a Mosca, ai Giochi Olimpici, beffando per due centesimi Allan Wells. Ma il velocista pugliese non ha collezionato primi posti solo nello sport bens anche nella vita privata: scienze politiche, scienze motorie, giurisprudenza, lettere: queste le ben quattro lauree nel suo CV; eurodeputato dal '99 al 2004 e docente universitario all'Universit Gabriele d'Annunzio di Chieti-Pescara. Erika Carpinella

ROSA PARKS E I DIRITTI CIVILI


La storia umana non fatta solo di nomi che sono ora sui libri di storia e che molti di noi conoscono, nomi che spesso diventano sinonimi di unideale, ma fatta anche di persone comuni, modeste nellaspetto ma grandi nelle convinzioni, che con un piccolo ma importante gesto hanno saputo, spesso inconsciamente, modificare il corso della storia. Rosa Louise Parks fu una di questa persone. Nasce nel 1913 a Tuskegee, un comune dellAlabama, Stati Uniti, in un contesto storico e culturale ancora discriminatorio nei confronti della gente di colore, in cui sono in vigore le famigerate leggi razziali Jim Crow (dal personaggio di una vecchia ballata che derideva i neri damerica) costituite nel 1876. Questa vergogna di legge, in un paese che gi si definisce allavanguardia nei campi scientifici, militari e umani, pretende di separare i bianchi dai neri nei luoghi e sui mezzi pubblici, nei ristoranti, nei bar, persino nei bagni, insomma in quasi ogni aspetto del vivere sociale. Figlia dei metodisti James e Loena McCauley, Rosa si rivela coerente con le sue convinzioni fin da ragazza. Nel 1933 sposa infatti Raymond Parks, un attivissimo esponente del Movimento per i diritti civili, al quale Rosa stessa entrer in seguito, diventando segretaria locale della national Association for the Advancement of Colored People, e qualche anno inizia a studiare nella Highlander folk school, un centro dedicato alle uguaglianze razziali e ai diritti dei lavoratori. Il primo dicembre del 1955 Rosa, minuta, capelli raccolti, occhiali da vista e un aspetto mite che cela un carattere di ferro, entra nella storia. Sale su un bus, dove ovviamente vengono applicate le Jim Crow, e cerca un sedile dove accomodarsi, ma tutti i posti destinati ai neri, quelli nella parte posteriore del mezzo pubblico, sono occupati. Rosa stanca, sta rientrando dal lavoro ( sarta in un grande magazzino), decide di ignorare le Jim Crow e il razzismo, si siede in un posto pi avanti. Salgono alcuni bianchi, e subito il conducente, la cui ottusit ci ha persino tramandato il nome: James Blake, ordina alla Parks di cedere il posto ai nuovi arrivati e lei, che come sappiamo poco disponibile ai soprusi razziali, si rifiuta. Il conducente chiama due poliziotti, che arrestano la donna per condotta impropria e violazione delle leggi locali. Quasi subito la voce si diffonde, e si verificano alcune violente reazioni, e quella stessa notte alcune decine di importanti esponenti della locale comunit afro americana si riuniscono per decidere come reagire allepisodio, sono guidati da un tenace pastore protestante che entrer anche lui nella storia: Martin Luther King. Il giorno successivo viene organizzato un pacifico ma deciso boicottaggio dei mezzi pubblici, che resteranno fermi per pi di un anno. Uscita di prigione grazie a un avvocato (un bianco, sembra unironia, ma fu anche un segno che non tutti gli americani erano ottusi e razzisti) Rosa si adopera in ogni modo per far valere i diritti della gente di colore, diventa nota come colei che non si alz e la madre dei diritti civili, e il suo caso lanno successivo arriva alla Corte Suprema degli Stati Uniti, che decide allunanimit che le Jim Crow e le leggi razziali in genere sono contro la Costituzione Americana. Nulla di nuovo: nemmeno un secolo prima il presidente Abraham Lincoln ha perso la vita per far valere i diritti dei neri, diritti che dal 1900 hanno ripreso a perdere importanza. Rosa diventa in seguito il bersaglio di minacce di morte, e decide di trasferirsi nei primi anni 60 a Detroit, dove inizialmente lavora ancora come sarta, per poi diventare segretaria del Congresso John Conyers. Nel 1987, ormai avanti con gli anni ma ancora battagliera, fonda insieme a Elaine Eason Steele il Rosa and Raymond Parks Institute for self development, e nel 1999 riceve la medaglia doro del Congresso. Muore infine a Detroit il 24 ottobre del 2005, di serena vecchiaia. A lei sono ispirati anche dei film, il pi famoso dei quali La lunga strada verso casa, del regista Richard Pearce e con una (come sempre) bravissima Whoopi Goldberg. Di recente (il 27 febbraio 2013) le stata dedicata una statua, inaugurata da Obama, a Capitol Hill. In un solo momento ha detto il presidente riferendosi a Rosa con un semplice gesto ha contribuito a cambiare lamerica. Non una leader, quindi, ma unicona dei diritti civili, una figura semplice e forte, dalle convinzioni incrollabili, una piccola donna capace di ispirare un ideale. Emiliano Federico Caruso

LETTERA APERTA AI POLITICANTI DI MESTIERE


Egregi Onorevoli, sono nato a Candidoni (Reggio Calabria) il 15/06/1932. Con mia vergogna e rammarico, faccio parte di quella maggioranza di gente che per la seconda volta non andata a votare. Alcuni motivi li potete trovare nel mio libro "Per fortuna che ancora..." Qualcuno pu obiettare che si tratta di motivi personali ma posso assicurarvi che sono motivi sociali. Molta gente non ha la forza n la voglia di comporre una lettera e di spedirvela perch si sa che poi verr sistematicamente cestinata, come successo con le mie lettere. Voi siete bravi a cestinare le preoccupazioni e i pensieri della gente. I nostri gravi problemi economico-sociali sono stati causati da individui presuntuosi, arroganti, furbi, prepotenti. Detti problemi non si possono risolvere con elezioni, ribaltoni, ecc... Per quale motivo il popolo italiano spende un' enorme somma di denaro per mantenere un Parlamento bicamerale popolato da circa mille persone? Siete bravi a chiacchierare. Credo che la colpa di questa crisi istituzionale non sia interamente vostra ma anche di tutti coloro che per pigrizia mentale o per tornaconto personale continuano a sonnecchiare. Gilberto La Scala

TROPPI INCENDI IN ABITAZIONE


Sono veramente troppi gli incendi nelle nostre casa e non, come difenderci, con quali mezzi di estinzione, a chi rivolgersi? Queste le domande ricorrenti. Prima di tutto va fatta una giusta scelta di un agente estinguente che al caso potrebbe rivelarsi anche poco efficace. Scegliere un impianto o attrezzatura antincendio prevede una conoscenza appropriata che a volte neanche chi li vende ne conosce le caratteristiche tecniche da applicare e dei meccanismi di estinzione e della tecnologia disponibile, anche calcolare il rischio delle varie situazioni nelle attivit, soggette e non. Scegliere un giusto prodotto o sistema antincendio diventa un compito assai difficile, il rischio di acquistare un prodotto adeguato alle necessit pressoch difficile e a volte incomprensibile. Per scegliere correttamente un impianto o attrezzatura antincendio necessario conoscere gli agenti estinguenti, i meccanismi di estinzione, la nuova tecnologia e valutare il grado di rischio nelle varie situazioni. La valutazione del rischio deve essere realizzata per capire e valutare il materiale combustibile, dellambiente in cui ci si trova. Le caratteristiche dei vari combustibili deve essere valutata con riferimento alla natura del fuoco, alla quantit di combustibile, alla velocit di propagazione dellincendio e naturalmente al rischio di riaccensione. E necessario quindi valutare lambiente in cui ci si trovi, alla grandezza da proteggere, al suo dimensionamento, alla compartimentazione, alle vie di fuga, allareazione ed infine al numera delle persone presenti. Gli agenti estinguenti attualmente in commercio e pi usati sono il raffreddamento,la riduzione di concentrazione dellossigeno, linibizione chimica, la separazione fisica del combustibile dallossigeno. Gianfranco Pompeo Cicala Cell. 3334922379 - gianfranco.cicala@tin.it

FARE ATTENZIONE AL GAS RADON


Con riferimento alla problematica relativa alla presenza di gas radon nei luoghi di lavoro (situati ai piani interrati e/o seminterrati) ed alla connessa campagna di monitoraggio (rilevamento e quantificazione a mezzo di specifici dosimetri) da attuare presso gli stabili e Palazzi, nel seguito si riportano i criteri da adottati. Scelta dei locali da monitorare : per locali situati ai piani interrati e/oseminterrati sono da intendersi quei locali aventi piano di calpestio posto ad una quota inferiore ad un metro rispetto al piano esterno di riferimento; sono da prendere in considerazione solamente i locali destinati ad archivi/magazzini, i caveaux e altri ove vi una regolare frequentazione da parte di personale dello stabile; sono da escludere i locali destinati a centrali tecnologiche, i corridoi e i disimpegni, le scale ed i pianerottoli, i servizi igienici, i depositi di materiali per le pulizie, gli sgabuzzini, e quanto altro non significativo; per i grandi complessi immobiliari (ad esempio Palazzi) ove lestensione (superficie lorda calpestabile) rimane pressoch costante per tutti i piani interrati, si consiglia di ridurre progressivamente il numero di rilevamenti salendo di livello verso il piano terra. Si possono usare dosimetri che permettono nel tempo di rilevare la percentuale riscontrata. Gianfranco Pompeo Cicala

MERITO E REGOLE
Abbiamo votato il 25 febbraio e nessun governo si formato. il nostro male eterno: quello dello stallo, della stagnazione istituzionale, dellindecisione e dellincapacit realizzativa. Da noi, la politica del fare e bene merce rara. La politica tradizionale ha fatto poco e male e il risultato il sentimento di antipolitica che serpeggia tra i cittadini italiani e che li ha convinti ha votare Il M5S nellultima tornata elettorale. Berlusconi sa vendere bene il suo prodotto e chiedere il voto. Bersani ha vinto di poco e malamente e non ha convinto il Paese che sembrava con lui ai tempi delle primarie e sembra ormai destinato a lasciare il passo. Renzi, invoca il partito dei sindaci ed visto come il nuovo che avanza. vero che fare il sindaco pi complesso che guidare unazienda perch la politica purtroppo deve creare consenso. Ma se il politico nuovo fosse anche manager (almeno avesse studiato da manager) e bravo comunicatore, allora, forse potremmo essere sulla strada giusta. Larmata Grillo e Casaleggio, poi, non ci convincono: non passa un solo giorno che i nuovi deputati non facciano gaffes. Rispondano maldestri allinterlocutore di turno. Molti di loro avevano guadagnato il nostro consenso; noi tutti li stiamo ancora guardando con speranza e vogliamo credere che non stiamo perdendo tempo. La legislatura appena iniziata e il cammino non sappiamo quanto sia ancora lungo. Non vogliamo rimpiangere quei i vecchi peones della Casta che hanno disonorato in questi anni le istituzioni. Se il merito e le regole sono davvero la vostra stella cometa, potremmo andare finalmente nella giusta direzione. Lisa Biasci

LE PIAGHE DITALIA VISTE DA PETRARCA


Italia mia: ben che parlar sia indarno/ A le piaghe mortali/ Che nel bel corpo tuo s spesso io veggio... Cos scrive il Petrarca nell'inverno 1344-45 nella celebre Canzone all'Italia che egli vede, e parliamo di molti secoli fa, segnata da numerose piaghe.E le piaghe che noi vediamo, nel bel corpo italico di oggi, anche se in parte diverse, non sono meno numerose di quelle che Petrarca denunciava nell'Italia di ieri. Purtroppo, se guardiamo con occhio critico, sono piaghe che riguardano non solo il nostro Paese ma turbano e affliggono altre parti del mondo. Si tratta di piaghe che non si risolvono con leggi o formule magiche. Si possono usare farmaci in grado di curare infezioni. Per la Storia cova sempre eventi imprevedibili sotto la cenere come capita alla lava quando, dal buio della terra, fuoriesce impetuosa dal cratere dei vulcani. Cos le piaghe possono riprodursi al di l dei farmaci usati e non esistono mezzi radicali in grado di ridurne per sempre i danni. Certe piaghe infatti tendono a ripetersi e noi dobbiamo cercare di curarle sapendo che questo cmpito comporta costanza,volont e assiduit,ma senza aspettarci vittorie strepitose e definitive. Questo non significa essere scettici e pessimisti ma guardare alle vicende umane con occhi aperti e sano realismo. Raffaele Cecconi

SICUREZZA IN CANTIERE
il settore oggi pi a rischio da infortuni, ledilizia, sia eseguita dalle imprese esperte che fatta da presunti muratori fai da t. Gli infortuni sono la conseguenza di pratiche scorrette, irregolarit ricorrenti e visibili a tutti, anche da soggetti che dovrebbero sovraintendere ai lavori i quali, pur sapendo dove agire, lasciano correre. Quando andiamo in giro per la citt, vi consiglio di dare unocchiata sui tetti, b, ne vedrete di cose strane, antennisti, muratori che sostituiscono tegole, ecc. che camminano tranquillamente senza un minimi di sicurezza, del tipo corde ancorate o altri mezzi di protezione. In un progetto promosso congiuntamente da ISPESL, INAIL e coordinamento delle Regioni con lobbiettivo di costruire un sistema nazionale di sorveglianza degli infortuni sul lavoro sono stati indagati, nel Veneto, 185 casi mortali tra la fase sperimentale del progetto (2002-2004) e la fase monitoraggio permanente (2007). Come fattore di rischio pi frequente stato riscontrato unazione scorretta dallinfortunato. Il 30% dei casi mortali stata causata da una cosi detta pratica scorretta tollerata ricorrente. Unaltra scorrettezza la mancanza di formazione e addestramento, circa il 22%. Sono irregolarit ricorrenti e visibili a tutti che vengono soprattutto nei cantieri temporanei e mobili. Gianfranco Pompeo Cicala
(segue da pag. 1) Nave senza nocchiero in gran tempesta

SUIDICI DI STATO
Si susseguono i suicidi per la crisi imperante, il rischio che cominciamo a farci l'abitudine un po' come la fame nel mondo, s, sappiamo che c' ma alla fine poich accade lontano da me e non mi coinvolge direttamente, salvo un minuto di indignazione, tutto torna come prima. Lo Stato complice se non addirittura colpevole per molte ragioni, in quanto le scelte economiche operate sempre e solo in una direzione, ossia quella del rispetto dei mercati, ha determinato di fatto una cessione di sovranit insopportabile verso unEuropa fatta da multinazionali e banche che nulla hanno a che vedere con l'autodeterminazione dei popoli. Ancora ricordiamo non poco tempo fa da Monti e da Napolitano l'auspicio a cedere ancora quote di sovranit per il progetto europeo, ma questo progetto ad oggi sta per avere effetti disastrosi, altro che Nobel per la pace per non avere avuto pi conflitti interni tra nazioni europee. Oggi se non mutano le scelte si andr verso il conflitto civile e sociale. Se l'Europa non cambia la sua strategia di appoggiare gli usurai intenzionali, i suicidi non potranno che aumentare. I fallimenti delle imprese sono suicidi economici. In Europa non esiste una vera unit politica, ed il Parlamento europeo quasi una farsa, tutto viene deciso in seno alla Commissione fatta da nominati dalle plutocrazie. Per il cittadino europeo questa Europa fatta quasi esclusivamente per imporre il dominio dell'euromoneta come euro truffa, ormai solo un cappio al collo che si strige sempre di pi ed un cappio anche per i cittadini ed imprenditori che decidono di emigrare a miglior vita a causa della scientifica e voluta stretta monetaria. Il suicidio diventa l'ultima scelta di libert in uno Stato che permette una politica che difende solo i banchieri a scapito dei cittadini. Giuseppe Turrisi

I CRITERI DI QUALIFICAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA


stato pubblicato il 18 Marzo 2013 il comunicato del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali con il quale lo stesso dicastero ha reso noto lemanazione del Decreto interministeriale 6 Marzo 2013 relativo allindividuazione dei criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro. Il provvedimento ha stabilito innanzitutto il prerequisito relativo al livello di istruzione prevedendo almeno il possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado. Preso atto che il pre-requisito risulta essenziale, sono stati individuati, successivamente, sei criteri strutturati per aggregare e garantire la contemporanea presenza dei tre elementi minimi fondamentali individuati dalla commissione permanente come caratteristiche che devono essere possedute da un docente-formatore in materia di sicurezza salute sul lavoro: conoscenza adeguata - esperienza specifica - lidoneit capacit didatica. le aree tematiche individuate sono: normativa/ giuridica /organizzativa - rischi tecnici/ igienico-sanitari - relazioni/ comunicazione. Gianfranco Pompeo Cicala
(segue da pag. 1) Prendere esempio da Cincinnato

pieno delirio di onnipotenza. Ormai il politico italiano impegnato solamente nellarraffare tutto il possibile, nel violentare continuamente la Costituzione, nel modificare leggi a proprio vantaggio, nel divertirsi con fanciulle disperate, nellintrattenere relazioni con il crimine organizzato, che costituisce un serbatoio di voti per certi partiti (fino agli anni 50 in Sicilia bastava che il boss del paese, poco prima delle elezioni, si facesse semplicemente vedere in giro a braccetto con il suo pupillo politico, che subito i paesani avevano ben chiaro a chi dovessere dare il voto). La politica dellipocrisia, quindi, dovrebbe prendere esempio da quel Lucio Quinzio Cincinnato, che fu console e dittatore dal 460 al 439 a. C. Lo descrivevano come un contadino, un campagnolo, ma fu dotato di raro acume politico, venne richiamato durante lemergenza degli invasori barbari, mentre era occupato a lavorare la terra. Lucio, ben conscio che una sua prolungata assenza avrebbe danneggiato i suoi amati campi, part per amor di patria, respinse gli invasori, e subito torn ai suoi terreni, per tornare a essere un cittadino qualunque. Non pretese di scaldare una poltrona per tutta la vita, non si concesse una pensione doro, non modific le leggi per adattarle ai propri capricci. Dante Alighieri lo colloc nel Paradiso, e andrebbe preso come esempio da molti moderni dinosauri incapaci oggi persino di mettere insieme un governo che funzioni. LItalia una barca che potrebbe navigare benissimo, ma che sta ormai affondando, e il capitano (la classe politica) se l data a gambe da tempo. Emiliano F. Caruso

DIECI SAGGI PER PERDERE TEMPO, MA IL TEMPO NON DENARO?


Nonostante le evidenze e la confessione del senatore della lega Garavaglia su come sia salito il governo Mario Monti, quasi imposto dai commissari della BCE, molti italiani non solo non hanno compreso l'operazione gravissima sotto il profilo democratico, pari a un colpo di stato, ma sono pure riusciti a votarlo e farlo rieleggere. L'articolo 90 della Costituzione purtroppo esenta il Presidente della Repubblica da responsabilit nel suo operato, quindi di fatto si esercita una sorta di infallibilit papale che gli permette di fare delle cose che oltre ad essere contro la democrazia, che sarebbe il minimo, favoriscono il pensiero unico del neoliberismo facendo inginocchiare un intero Stato ai voleri dell'alta finanza che rimane soggiogata dal ricatto degli spread e dei mercati. Le elezioni hanno restituito uno stallo che ha praticamente messo tre forze politiche in una quasi parit che non ha prodotto la nascita de Governo. Tutto ci ha messo in difficolt il presidente Napolitano, nell'assegnare l'incarico definitivo. Certamente tutto questo teatrino una perdita di tempo, mentre alcuni imprenditori si suicidano ogni giorno. Giuseppe Turrisi

sperazione, strangolati da un fisco inesorabile. Abbiamo visto da ultimo questa tragedia per unintera famiglia a Civitanova Marche, che ha commosso tutta lItalia, suscitando, tra laltro, ferme censure da parte del Vescovo di Fermo, contro quelle istituzioni dormienti, che non sanno intervenire tempestivamente per prevenire queste sciagure, che avrebbero dovuto far riflettere seriamente chi dovrebbe comunque lidem de republica sentire, quale fondamento che natura pone al partito politico, pur nei diversi orientamenti (Marco Minghetti, I Partiti Politici e la ingerenza loro nella giustizia e lamministrazione, Ed. Zanichelli, Bologna, 1881). E, invece, finora, nessun operoso ravvedimento. Ancora a Porta a Porta del 9-10 aprile scorso, il giovane bersaniano Fassina, confrontandosi con il pidiellino Gasparri, dopo averci informato che nel tanto atteso colloquio di cui sopra, Bersani, in buona sostanza, ha nuovamente respinto al mittente, cio, al Cavaliere, ogni ipotesi di governissimo, o governo di larghe intese, come auspicato dal Presidente Napolitano, si vivacemente beccato con il Gasparri, ripristinando lormai anacronistica, quanto sterile, guerra ideologica tra comunisti e fascisti, che tanto male ha gi fatto al Paese. E non possiamo esimerci dal dire che, nonostante le nostre ferme censure allattuale partitocrazia dominante, dobbiamo dare atto al P.d.L. che il suo leader Silvio Berlusconi ha fatto tutto il possibile per formare quel governo di larghe intese auspicato da Napolitano. Il battagliero Sindaco di Firenze Matteo Renzi, che a Porta a Porta di gioved 11 aprile scorso ha detto, fuori dai denti, che o Bersani si decide a fare subito un governo, lo si chiami come si vuole, con Berlusconi, visto che si costatata linutilit dei tentativi fatti con il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, o si torna immediatamente al voto, unendosi cos alle non meno pressanti istanze del Presidente di Confindustria Squinzi, che pi volte ci ha avvertito che il tempo scaduto. Non resta che tentare, in extremis, la formazione di ungoverno balneare, prima che gli esasperati cives ad arma veniant, cio prendano le picche ed i forconi come ai tempi della presa della Bastiglia, di cui il 14 luglio ricorre lanniversario, ci che certamente non ci auguriamo, sperando sempre che prevalga il buon senso. Sergio Scalia

N. 5. MAGGIO 2013

INIZIATIVE CULTURALI

LATTUALIT, pag. 5

PATROCINIO MORALE DEL PARLAMENTO MONDIALE PER LA SICUREZZA E LA PACE, DEL MOVIMENTO GAETANO SALVEMINI, DELLUNIONE ITALIANA ASSOCIAZIONI CULTURALI, DEL PERIODICO LATTUALITA E DELLA SCUOLA DI GIORNALISMO

MAGGIO UNIACENSE - XVI Edizione - UNIRE GLI ARTISTI PER AFFRATELLARE I POPOLI
Presidente onorario: Giorgio Bosco. Presidente: Cosmo G. Sallustio Salvemini. Direttrice artistica: Liana Botticelli. Segretario: Leonardo Zonno. Presentatrice: Gabriella Di Luzio. Capo Ufficio Stampa: Antonio Bartalotta. PROGRAMMA DEGLI EVENTI CULTURALI - INGRESSO LIBERO (Eventuali diritti spettanti alla S.I.A.E. sono a cura e a carico dei singoli Artisti partecipanti)

prevista la partecipazione dellattrice Gabriella Di Luzio con le sue brillanti performance e dei poeti Paolo Pesci e Roberto Pozzi. 2 maggio Piazza Asti 5/a Roma, ore 17,30 Dr. Michele Iannelli, Medico Chirurgo, Specialista in Psicologia Clinica, Psicoterapeuta, Omeopata e Floriterapeuta: "Stress, ansia, depressione ed attacchi di panico: meccanismi e rimedi". 6 maggio, Circolo Ufficiali di Salerno (via San Benedetto), ore 18,00: serata musicale a cura del Dr. Vincenzo Pagliara.

Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtude e conoscenza. Dante Alighieri

LUnione Italiana tra le Associazioni Culturali non ha fini di lucro. Opera allo scopo di tutelare giuridicamente e valorizzare moralmente gli artisti, gli operatori culturali e sportivi, i volontari dellassistenza sociale e risolvere le problematiche relative alla donna, al minore e al disabile. Le Assocazioni aderenti non versano quote n contributi di alcun genere. Il Maggio Uniacense si svolge allinsegna della totale gratuit. Gli artisti si esibiscono gratis e il pubblico assiste alle manifestazioni con ingresso libero.

9 maggio - ore 10:00 Festa dellEuropa Torre del Greco - Aula Magna A. Bava del Liceo Classico G. De Bottis, Viale Campania n.40 Convegno: 2013. Anno europeo dei cittadini Saluti: Vincenzo Borriello, Dirigente scolastico del Liceo Classico G. de Bottis Gennaro Malinconico, Sindaco di Torre del Greco Introduce: Francesco Manca, Presidente dellassociazione culturale Prometeo Relatori: Giuseppe Blasi, Presidente dellU.C.S.I. (Unione Cattolica Stampa Italiana) Campania Mario Di Costanzo, Responsabile della Formazione socio-politica, Cosmo Giacomo Sallustio Salvemini, Direttore L'Attualit, Judith Jambor, Presidente dellassociazione culturale Maria DUngheria Regina di Napoli. 9 maggio Piazza Asti 5/a Roma, ore 17,30 Dr. Domenico Micarelli, Fisioterapista, Naturopata, Spec. in Osteopatia e Posturologia, Doc. presso Associazione Italiana Clinica e Terapia Olistica: "Naturopatia : la salute vien mangiando". 10 maggio, ore 16,30. Introduce il prof. Pier Luigi Lando coordinatore scientifico della societ int. di ecologia psico-sociale. Relatore prof. Bruno Del Rosso, Presidente della Societ Internazionale di Ecologia psico-sociale sul tema Iniziamo da una generazione. Interventi programmati e liberi modera la prof. Gigliola Corduas Presidente FNISM - Federazione Nazionale Insegnanti intermezzi del tenore Gilberto La Scala presso la sede sociale della Banca del Tempo, via Achille Campanile 65, Roma con i mezzi pubblici si giunge a via campanile dalla stazione metro laurentina (capolinea linea b) bus: 776 772 oppure, da piazza dellagricoltura. 779). 13 maggio, luned, Circolo Ufficiali di Salerno (via San Benedetto), ore 18,00: Poesie e musiche anni 40 a cura del Dr. Geppino Lauriello. 16 maggio Piazza Asti 5/a Roma, ore 17,30 Dr. Stefano Marzi, studioso ed esperto di problematiche biochimiche: Acque e cibi alcalini: fonte primaria di benessere 20 maggio, luned, Circolo Ufficiali di Salerno (via San Benedetto), ore 18,00: Prof. Francesco Salamina presenta un suo nuovo testo ed una performance di poesie. 23 maggio Piazza Asti 5/a Roma, ore 17,30 Vincenzo Rosario Falabella, Primario Psichiatra, Omeopata, Nutrizionista: Nutrigenetica e nutrigenomica 26 maggio, ore 12,00 Premiazione degli Artisti partecipanti; via Adriano I n. 129/c, Roma (nei pressi della chiesa S. Giuseppe allAurelio via Boccea). Conferenza del Prof Franco Libero Manco, Presidente dellAssociazione Vegetariana sul tema La grande rivoluzione personale e sociale del veganismo Declamazione poesie di Elena Andreoli pubblicate nel suo libro Itinerario di sogni. Info: tel. 066620020, cell. 3394934678. (dott. Liana Botticelli). prevista la partecipazione dei giornalisti-scrittori Luigi Necco e Pino Aprile sul tema Attualit della questione meridionale e del giornalista-scrittore . 27 maggio, ore 16,30. Conferenza di Cosmo G. Sallustio Salvemini sul tema Analisi storica delle cause che hanno fatto degenerare la democrazia, presso la sede sociale della Banca del Tempo, via Achille Campanile 65, Roma. prevista la partecipazione del giornalisti-scrittori Pino Aprile e Luigi Necco. 30 maggio Piazza Asti 5/a Roma, ore 17,30 Dr. Giuseppe Fariselli, gi Dirigente Medico dell'Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano: Prevenire e curare il cancro con le medicine naturali". 30 maggio, ore17,00:Auditorium della Banca dItalia, via del Mandrione 190, Roma. Recital del soprano Licia Falcone. Repertorio di brani tratti da opere liriche di Bellini, Verdi, Puccini, Cilea, Tosti. Al pianoforte il Maestro concertatore Hiroco Sato. Partecipazione straordinaria del soprano Marcella Croce de Grandis. Lo spettacolo sar intervallato da monologhi interpretati dallattore Vincenzo Sartini. 3 giugno, luned, Circolo Ufficiali di Salerno (via San Benedetto), ore 18,00: performance pianistica del Maestro Flavio Villani. 8 giugno, ore 17,30. LAssociazione culturale Nuova Era consegna il Premio Nazionale di Fotografia e Solidariet Vittorio Bachelet, ideato da Fabrizio Fratangeli nel 1980. Levento ha luogo presso la Sala-teatro della Chiesa Nostra Signora di Lourdes, via Accademia del Cimento (zona Tormarancia). Ospite donore: il fotografo Francesco Fantini.

LATTUALIT, pag. 6

LETTERATURA E ATTUALITA

,
N. 5. MAGGIO 2013

CELEBRATO IL 22 DE LATTUALITA
Domenica 24 in un famoso ristorante romano, stato celebrato con successo il 22 anniversario del periodico LAttualit. Tra le personalit presenti: il direttore del giornale prof Cosmo Sallustio Salvemini, il vice direttore editors dott Salvatore Veltri, lambasciatore prof Giorgio Bosco, la prof Flora Battiloro, la dott Liana Botticelli, la poetessa Elena Andreoli, la poetessa Francesca Pagano,i poeti dott Paolo Pesci e il dott Pozzi, le giornaliste dott Lucilla Petrelli, la dott Giovanna Gabbiai, la prof Aurora Simone, il presentatore-attore Angelo Blasetti ed altre Personalit del mondo della cultura e dellarte. Il prof Salvemini, dopo aver salutato gli ospiti presenti, ha evidenziato come il giornale LAttualit, dopo ventidue anni, possa ancora vantare lorgoglio di essere una pubblicazione competitiva e di successo, soprattutto grazie al prezioso apporto di artisti e giornalisti, tutto questo senza ricevere alcun contributo economico da parte dello Stato, e che pu vantarsi di essere letto in diversi Paesi dEuropa ed anche negli Stati Uniti dAmerica. bene evidenziare lapporto dato dallattore Angelo Blasetti che ha declamato alcune poesie delle poetesse Elena Andreoli, Liana Bonticelli, Francesca Pagano e Paolo Pesci. La poetessa Elena Andreoli si commossa quando Angelo Blasetti ha letto la sua poesia Nevicata a Roma, perch legata con molto affetto ad Angelo, in quanto da ben 35 anni sempre lui a declamare le sue poesie in altri incontri culturali. Bellissima anche la poesia della poetessa Francesca Pagano, scritta per commemorare la morte di Giovanni Paolo II. La poetessa Liana Bonticelli ha presentato una preziosa silloge delle sue poesie che ha offerto ai presenti. Aurora Simone Massimi

PROGRAMMA DELLA GITA IN CROAZIA DAL 20 AL 29 LUGLIO


(TRIESTE, PARENZO, ISOLA DI KRK, GROTTE DI POSTUMIA, LUBIANA, AQUILEIA) 20 luglio, partenza ore 7,30 da Piazza della Concordia, ore 7,45 piazza Casalbore, ore 8,00 piazza Filangieri. Arrivo in serata allHotel Imperial di Opatia, cena e pernottamento. 21 luglio, ore 8,00 colazione a buffet e partenza per Trieste, visita della citt, pranzo libero, nel pomeriggio visita al castello di Duino. Rientro in serata, cena e pernottamento. 22 luglio, ore 8,00 colazione e visita alla citt di Hum (Colmo), la pi piccola del mondo e il viale dei Glagoliti. Nel pomeriggio visita alla citt di Fiume. Rientro in serata, cena e pernottamento. 23 luglio, ore 8,00 colazione e partenza per le grotte di Postumia in Slovenia con guida e giro in trenino. Rientro nel pomeriggio, con serata libera, cena e pernottamento. 24 luglio, ore 8,00 colazione e partenza per lisola di Krk, visita ai vari quartieri di Omisalj e Veglia. Rientro in serata, cena e pernottamento. 25 luglio, ore 8,00 colazione e partenza per Parenzo (Porec), visita alla pi bella chiesa della Croazia. Nel pomeriggio visita alla citt di Pola e al suo anfiteatro. Rientro in serata, cena, musica dal vivo e pernottamento. 26 luglio, ore 8,00 colazione e partenza per la citt di Lubiana, visita al centro storico. Rientro nel pomeriggio, cena e pernottamento. 27 luglio, ore 8,00 colazione e partenza per Aquileia, visita alle antiche rovine di epoca romana. Spettacolo musicale in hotel, cena e pernottamento. 28 luglio, ore 8,00 colazione e giornata libera con partecipazione a sfilate depoca organizzate nella citt di Opatia. Cena in hotel, musica e pernottamento. 29 luglio, ore 7,30 colazione e partenza per Salerno, pranzo in un Ristorante alle porte di Firenze (compreso), arrivo in serata. Costo della gita: 650,00 in camera doppia, sovrapprezzo per la singola 150,00. Acconto: 200,00 da versare entro il 20 maggio e costume da bagno, in quanto lhotel ha una piscina di acqua di mare riscaldata ed situato sulla spiaggia. Per informazioni e prenotazioni: tel. 089405164 3382568771

EDITO-INEDITO
(a cura di Gianfederico Brocco)
* Salvatore Racioppi- L'Anticristo -Nuova impronta ed. In questo interessante saggio l'autore ci presenta le principali ipotesi storiche che sono state elaborate per individuare la figura dell'Anticristo, e i segni degli ultimi tempi. Come sottolineato dall'autore, al termine di tutta una serie di preziose citazioni, la dottrina cattolica lascia nelle mani di Dio il tempo e le esatte modalit di azione che saranno concesse al regno del Male, sottolineando la sconfitta definitiva che colpir l'Anticristo e i suoi seguaci. *Liana Botticelli - I Sogni dell'anima Scrittrice, pittrice, poetessa, creatrice di aforismi, Liana Botticelli presenta un saggio della sua creativit inesauribile in questo libro. Si sussuegono riproduzioni di sue opere figurative, che spaziano dalle impressioni gentili che ci giungono dal mondo naturale alla figura umana, alle decorazioni di cristalli, il tutto alternato a simpatica e immediata poesia, nata dal cuore, da un'emozione, come "Destino arnaro", o da un fatto che ha colpito la sua anima, come "Ai caduti somali". E poi aforismi che rivelano una saggezza di vita, gioiosa nella Fede e rivolta a incoraggiare il prossimo. La poetessa ci vuol dire che, malgrado tutto, se noi ci mettiarno in uno stato d'animo gioioso, la vita bella. RIVISTE RICEVUTE *Nuova Impronta, Direttore Filippo Chillemi, via dei Rutoli 12, Roma. *Foglio Notizie, Dir. Pasquale Chiaramida, Cas. Post. 185 , 72100 Brindisi. Tel. 0831-516115. * Brontolo, Direttore Nello Tortora, via Margotta 18 - 84100 - Salerno. *Il Symposiacus, dir. resp. Pantaleo Mastrodonato, via La Marina 51, 70052 Bisceglie (Bt) *Bacherontius, Dir. Marco Delpino. via Belvedere 5, 16038 S.Margherita Ligure (Genova) tel. 0185.286167. *Presenza, diretta da Luigi Pumpo, via Palma 89, 80040 Striano (Na). *Poeti nella Societ, presidente Pasquale Francischetti via F. Parrillo 7, 80146 Napoli cell 347-55.36.446, email: francischetti@libero.it. * Miscellanea, diretta da Michele Melillo, Parco Gardenia, villino 23, 84090 San Mango Piemonte (Salerno). *Verso il futuro, diretto da Nunzio Menna, via Scandone 16, Avellino, tel. 0825 38269. *Il Convivio, diretto da A. Manitta, via Pietramarina Verzella 66 95012 Castiglione di Sicilia. (Ct) *Fiorisce un Cenacolo, fondato da Carmine Manzi 84085, Mercato S. Severino (Sa). * Primo Piano, dir. resp Andrea Italiano, via Madonna del Lume 5 98057 Milazzo (Messina).

ACCADEMIA INTERNAZIONALE DARTE, CULTURA & SOCIET ALFONSO GRASSI


Manifestazione Artistico-Culturale-Solidale Poesia ed Arte Patrocinio - Regione Campania, Provincia di Salerno, Comune ed Assessorato P.I. di Salerno, Azienda Soggiorno e Turismo, Salerno; Comuni di: Pontecagnano Faiano; S. Cipriano Pic.; Cetara / Montoro Inferiore BANDO DI CONCORSO 9^ Ediz. Concorso Intern.Premio Alfonso Grassi - 2013 - Poesia ed Arte Contemporanea (Pittura, Scultura, Ceramica, Artigianato Artistico) - Cerimonia di Premiazione - 28 Giugno 2013, ore 17.30. La Sala dellEvento sar comunicata in tempo utile sul sito dellAccademia (www.accademiagrassi.it). REGOLAMENTO La 9^Edizione del Concorso Internazionale di Poesia & Arte Contemporanea Alfonso Grassi 2013, caratterizzata da due Sezioni e tre Tematiche ed implica la piena accettazione di tutte le regole espresse nel presente Regolamento; in primis, la Compilazione di una Scheda di Adesione, con una Quota di Partecipazione (contributo) di Euro 20/00. Agevolazioni per i Soci. N. B. -Il ricavato sar devoluto per il Progetto: Ampliamento Scuola Primaria A.Grassi -Ibamba Congo. Il versamento va effettuato su Carta PostePay, intestata al Presidente dellAccademia: Prof.ssa Raffaella Grassi - N: 4023 6006 3972 2596. Le Due Sezioni sono: 1) Poesia in: a) Lingua; oppure b) Vernacolo (si possono presentare sei poesie, non oltre trenta versi), in duplice copia (solo una copia va firmata, messa in una busta, con indirizzo, recapiti telefonici, e.mail). 2) Arte Contemporanea con le seguenti due Tipologie: a) Pittura; b) Scultura / Ceramica /Artigianato (si possono presentare due lavori appartenenti alla stessa tipologia). Le Tre Tematiche - per entrambe le Sezioni - sono: 1) La donna nell Arte (sia come artista che come modella); 2) I colori nellUniverso (terra, mare, cielo...); 3) Tema libero. N.B. - Si raccomanda - previa esclusione - di presentare solo lavori non premiati in precedenti concorsi indetti dallAccademia e realizzati personalmente (senza alcun ricorso alle varie strategie computerizzate o altro). Tutti i lavori dovranno essere spediti (o consegnati a mano dietro appuntamento telefonico - dalle ore 16.30 alle 19.30 - Recapiti: Tel. 089.333903 / Cell. 338.7581195) presso la Sede Legale dell Accademia, in Via Medaglie doro, 36 Salerno - C.A.P. 84132 (Uscita Tangenziale Pastena) e dovranno pervenire, improrogabilmente, entro il 15 Giugno 2013. Per ulteriori informazioni prendere contatti anche tramite e.mail: info@accademiagrassi.it. Si invita, inoltre, a consultare periodicamente il sito dellAccademia - per vari e/o ulteriori aggiornamenti.

IL BOTOX DELLA DEPRESSIONE


Sar giunto il momento in cui le star di Hollywood inizino a pentirsi dei loro trattamenti con botulino? In giro c' gi qualcuna, come Nicole Kidman, che ha abusato ed ora pentita. uno studio dell'Universit di Cardiff coordinato da Lewis a svelare l'alta probabilit di depressione in quelle persone che hanno scelto questi trattamenti. "L'espressione che abbiamo sul viso influenza il nostro umore. Sorridiamo perch siamo felici, ma il fatto stesso di sorridere e di muovere il viso ci regala buonumore - spiega Lewis -. Il botox blocca i movimenti del viso e le espressioni spontanee. Fra l'altro stato dimostrato che le persone che hanno fatto un lifting alla fronte assumono atteggiamenti completamente diversi rispetto al passato. Assumono un atteggiamento ingenuo,perch non possono pi sollevare le sopracciglia per la sorpresa e lo scetticismo". Qualche anno fa stato lo stesso Michael Lewis, psichiatra dell'Universit dove stata condotta la ricerca, a sostenere che l'uso del bodulino proprio perch non permette di aggrottare le ciglia rende le persone pi felici. A scontrarsi con l'ultima tesi dello psichiatra anche uno studio dell'Universit di Hannover e di Basilea. Il test durato 16 settimane su 30 persone malate di depressione. La somministrazione di farmaci ad hoc non avevano avuto effetto. Somministrando una met a iniezioni di botox nella fronte e l'altra met a una dose di placebo, durante la sesta settimana hanno dimostrato che chi ha ricevuto il botox ha migliorato il suo stato di benessere. Nel suo ultimo test Lewis ha seguito circa 25 donne che hanno combattuto col botox le zampe di gallina. Ognuna dopo due o quattro settimane dall'intervento aveva sintomi depressivi. Gli studiosi hanno rilevato che le signore che si erano sottoposte al lifting avevano pi del 50% di possibilit di ammalarsi rispetto a quelle che non lo avevano fatto. Charles Nduka, componente dellaBritish Association of Aesthetic Plastic Surgeons, ha seguito gli studi di Lewis e i suoi lavori sulle alterazioni della mimica facciale alle persone colpite da infarto o da gravi malattie, e ribadisce: "Permettere alle persone di tornare a sorridere come prima ha effetti positivi sul viso, per questo importante che la persona muova liberamente i muscoli del viso". Maddalena Barba

Sovraffollamento, condizioni igieniche precarie, personale sottorganico, detenuti con problemi di salute e tossicodipendenza: la situazione degli istituti penitenziari del nostro Paese sempre pi drammatica. Secondo i dati riportati dal rapporto nazionale sulle condizioni di detenzione Senza Dignit stilato dallAssociazione Antigone si parla addirittura di una media di 66.685 detenuti, a fronte di una capienza regolamentare di 46.795 posti. Sebbene let media si aggiri intono ai 35 anni, inoltre, pi della met soffre di qualche malattia, in particolare di disturbi psichici o dellapparato digerente, mentre dal 2000 ad oggi i suicidi sono stati 747, ovvero oltre un terzo del totale delle morti tra le persone private della libert. E le motivazioni sono differenti. Si va dalle nuove leggi che creano reato (per esempio droga e clandestinit) a una presenza sempre maggiore di immigrati che non trovano lavoro e finiscono nelle maglie della malavita, fino ad un uso eccessivo della custodia cautelare (4 persone su 10 nelle carceri italiane sono in attesa di giudizio) e alle condizioni delle strutture carcerarie stesse. Sempre pi scarse e fatiscenti. E non solo perch ogni cella ospita dai tre ai sei detenuti (poco pi di 3 metri quadrati a persona) ma soprattutto perch, spesso e volentieri, viene a mancare proprio ligiene e langolo cottura e i servizi finiscono per essere divisi da una semplice tendina. Mentre per mangiare bisogna fare i turni perch gli sgabelli non bastano per tutti, e lacqua calda e il riscaldamento sono un lusso che le nostre carceri non sembra possano permettersi. Ma non solo. Se vero che il lavoro nobilita luomo questa regola vale per tutti tranne che per i detenuti degli istituti penitenziari italiani dove lavora solo il 10 per cento, aumentando tra laltro del 70 per cento il tasso medio di recidiva. Il tutto mentre alcuni dirigenti e magistrati dellamministrazione di giustizia godono di benefici scandalosi di cui, in alcuni casi, continuano ad usufruire anche dopo aver lasciato lincarico. Dalle foresterie con jacuzzi in terrazzo agli appartamenti costosissimi nel centro di Roma con un canone di 6 euro al giorno, acqua, luce, gas e pulizie compresi. Dei due miliardi e 800 milioni di euro per lamministrazione penitenziaria, inoltre, l88 per cento destinato agli stipendi del personale, il 73 al vitto dei detenuti e il restante 5 per cento riservato ad altre necessit (benzina, vetture, divise, arredi e ristrutturazioni). Una vera e propria truffa che si ripete ogni giorno con nonchalance e che diventa ancora pi vergognosa se pensiamo che gli ospedali psichiatrici criminali (Odg) stanno per chiudere come deciso dal decreto svuota carcere ma che, ad oggi, le strutture che devono sostituirli esistono solo nelle buone intenzioni dei nostri politici. E allora la domanda sorge spontanea: dove andranno a finire i 1.200 detenuti degli Odg? In carcere? No, grazie! Federica Sciorilli Borrelli

CARCERE? NO, GRAZIE!

TRE TORRI DA SCOPRIRE


Simbolo di potere, ma anche importante mezzo di controllo, comunicazione ed anche di difesa. La pi famosa del territorio a sud di Roma una che non c': la Torre del Vajanico a partire dalla fine delle invasioni barbariche, quando i terreni ereditati pi o meno legittimamente dalla Chiesa, iniziarono a veder sorgere delle piccole torri di confine. Questo tipo di edificio inizi a caratterizzare il nostro territorio che ospito casali, chiese, cinte murari, ecc., adattandosi alle mutate condizioni fino a piegarsi per sempre alle armi da fuoco. La torre emblema di radicamento culturale. La Torre del Vajanico, colpita durante l'ultima guerra, stata demolita nei primi anni '60 per far posto ad una banca. L'ordine di costruirla fu dato da Papa Pio V nel 1567 al fine di arginare le scorrerie dei Saraceni. Fu iniziata dalla famiglia Maximi e finita dai Cesarini. Il progetto di Giacomo Della Porta. Edificata in un bosco di querce, deve al nome latino della ghianda, balanicus, la parola vaianico. Era alta 17 metri e alla sua base misurava i2,50 metri per lato. La torre pi importante invece Torre Maggiore. Alta 34 metri, con metri 7,10 per ogni lato, conserva intatte le sue linee essenziali, compreso un antemurale merlato con un ingresso a tutto sesto. Fu edificata nel XIII secolo dalla famiglia Savelli sui resti della domusculta S. Edistus. Sita tra la Laurentina ed Ardeatina era una torre di vedetta di grande rilevanza potendo controllare le vie di accesso a Roma da sud. Tor San Lorenzo sorge sul territorio omonimo ai limiti del Fosso del Diavolo, nel Comune di Ardea. Edificata nel 1570 per difendere il territorio dalle frequenti incursioni dei pirati, la si vuole disegnata da Michelangelo. Si conserva in ottime condizioni, insieme al lembo della duna costiera che la circonda, anche grazie alla recinzione degli attuali proprietari. P. M. F. Klum
(segue da pag. 1) Una denuncia forte: Democrazia degenerata

LA VOCE DELLE DONNE ITALIANE


Il Consiglio Direttivo del CNDI, riunitosi a Milano il 21 aprile 2013 esprime il proprio rammarico e la preoccupazione per la situazione di impasse politico che, dopo lesito sconcertante delle elezioni del 24-25 febbraio, ha bloccato dapprima la formazione di un nuovo governo e successivamente lelezione del nuovo Presidente della Repubblica nella contrapposizione di interessi corporativi e di veti incrociati sottolinea la gravit del clima di pesante antagonismo tra i partiti che si venuto a creare, lo scontro (spesso sguaiato) tra personalit politiche che suscita irritazione e inquietudine dei cittadini, il ricorso a un linguaggio scorretto e aggressivo che non favorisce il dialogo ma alimenta la contrapposizione rileva la difficolt di aprire spazi maggiori per le donne sia per quelle rappresentative del contesto sociale a partire dallesclusione dalla Commissione dei 10 saggi a conferma di una loro invisibilit ormai consolidata sia per le donne presenti nel contesto politico, con lo scarso appoggio ricevuto dalle possibili candidate alla Presidenza della Repubblica osserva come, in tale situazione, sia sempre pi necessario collegare lincremento della presenza femminile a una riforma della politica che investa non solo i meccanismi che regolano la rappresentanza politica, in particolare la riforma della legge elettorale, ma incida sulla qualit, sulla correttezza e sulla trasparenza dellagire politico che allorigine della crisi del nostro Paese indica una conferma di questo stato di cose nellelezione di Laura Boldrini alla Presidenza della Camera: in questo caso un approccio basato sulla qualit delle persone prevalso su criteri strettamente politici e ha favorito una nomina equilibrata dal punto di vista dellappartenenza di genere e tale da proporsi come punto di riferimento per le elettrici e per il complessivo movimento delle donne. E necessario che lagire politico riacquisti la sua dimensione di servizio, rifletta il pluralismo degli orientamenti ideali e valoriali del nostro Paese e sappia mediarli in un progetto politico condiviso senza scadere in una sterile contrapposizione e si affidi a persone che godano della fiducia dellelettorato. Solo cos sar possibile realizzare una democrazia paritaria che aiuti lItalia ad uscire dalle strettoie della crisi economica e sociale e rilanci la convivenza civile nellinteresse del Paese e nel rispetto delle persone. Pierluigi Lando

questo lavoro fuor di dubbio in quanto coglie gli aspetti di fondo dellampia ricerca fatta dallAutore sulla drammatica situazione in cui si trova lItalia. Emerge la rassegnazione di molta gente che, di fatto, favorisce la germinazione degli abusi. Questo libro evoca il vaso di Pandora che, dischiudendosi, diffuse i veleni di cui era pieno. Come rimedio, lAutore ripropone il modello greco-antico di democrazia: il sorteggio nellattribuzione delle cariche istituzionali che impedirebbe de facto et de jure ai politicanti di occupare le poltrone e di restarvi per decenni. Questo modello ha garantito per quasi due secoli lidentit tra governati e governanti. Gi nel 2007 lAutore aveva pubblicato il libro Dalla corrotta oligarchia alla demo-sorte-crazia ottenendo notevole consenso. Le analisi storiche sono effettuate secondo uno schema documentato. Da ogni pagina emerge lo stile (di vita e di pensiero) dellAutore. Per amor patrio dobbiamo augurarci che queste sensate proposte di riforma istituzionale vengano condivise dallopinione pubblica. Pasquale Chiaramida
(segue da pag. 1) Gli oligarchi non vogliono lezioni sulla Costituzione

Con linsediamento delle nuove Camere i parlamentari della scorsa legislatura perdono limmunit. E ce n un po per tutti i partiti. Si va da Nicola Cosentino e Sergio De Gregorio del Pdl fino allex esponente pugliese del Pd Alberto Tedesco (poi passato al Gruppo Misto), tutti gi raggiunti da provvedimenti cautelari respinti da Montecitorio o Palazzo Madama. A cominciare proprio da Cosentino, ex sottosegretario allEconomia dellultimo governo Berlusconi ed ex coordinatore del Pdl in Campania che, dopo essere stato salvato dalla Camera dei deputati nel gennaio 2012 con 309 voti favorevoli, e pur continuando a dichiararsi innocente, si consegnato spontaneamente alla casa circondariale napoletana accompagnato dal suo difensore di fiducia, Stefano Montone. A suo carico ci sono due provvedimenti di arresto emessi rispettivamente nel 2009 e nel 2011, luno per concorso esterno in associazione camorristica e laltro per corruzione e reimpiego illecito di capitali, tutti e due aggravati dallaver agito per agevolare il clan dei casalesi, e che per ora Cosentino sta scontando nel carcere di Secondigliano. Per quando riguarda Sergio De Gregorio, invece, finito al centro del caso sulla compravendita dei senatori del centrodestra per far cadere il governo Prodi, la Guardia di Finanza ha notificato unordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari che, lex senatore dellIdv e ormai anche ex del Pdl, sconter nella sua abitazione romana ai Parioli. Parlando dei reati a cui De Gregorio deve rispondere, si va dallassociazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dello Stato al trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori, fino alle accuse di emissioni e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e violazione della legge fallimentare per aver ottenuto indebitamente fondi statali per leditoria che in realt non gli erano dovuti. Lex piedillino Alberto Tedesco, imputato nel processo scaturito dalla principale inchiesta sul presunto malaffare nella gestione della sanit pugliese, stato infine sottoposto agli arresti domiciliari per associazione per delinquere, concussione, abuso dufficio, turbativa dasta, corruzione e falso. Due le ordinanze eseguite: una del tribunale del Riesame di Bari e laltra del gip del tribunale del capoluogo pugliese. E chiude la lista nera degli ex senatori corrotti e truffaldini un altro esponente del Pdl, il sindaco di Afragola Vincenzo Nespoli, accusato di concorso in bancarotta e riciclaggio nellambito di uninchiesta sul fallimento di una ditta di vigilanza e sulla distrazione di fondi verso alcune operazioni immobiliari di una societ riconducibile alla moglie, entrambe ordinanze agli arresti domiciliari. Ma, se uno dei due provvedimenti gi stato modificato in obbligo di dimora nel comune di Afragola, laltro ha i minuti contati. Salvatore Pane e Rosario Pagliuca, i suoi legali, hanno infatti presentato unistanza urgente per la revoca o lattenuazione della misura al Gip Paola Scadona. Federica Sciorilli Borrelli

BYE BYE IMMUNIT

UN APPLAUDITO CONCERTO LIRICO


Nel prestigioso Auditorium della Banca dItalia il giorno 25 marzo 2013 abbiamo assistito ad una esecuzione dellopera di Verdi La traviata senza precedenti presentata dalla prof.ssa Carmelina De Vito. Lallestimento scenico stato curato nei minimi dettagli per ognuno dei 4 atti dal maestro Rosalba Russo esimia docente della cattedra di arte scenica al Conservatorio di Santa Cecilia. Hanno partecipato giovani cantanti vincitori di concorsi dalle splendide voci, dalla perfetta dizione e dallappassionata recitazione e come maestro concertatore il grande e famoso pianista Rolando Nicolosi. Da puntualizzare il perfetto stile dei costumi: sontuosi gli abiti del soprano Marzia Iuculano nei rispettivi 4 atti e degli uomini, tutti in smoking. Interpreti: Violetta Valery Soprano Marzia Iuculano Flora Bervoix E Annina Mezzo Soprano Emanuela Della Torre Alfredo Germont Tenore Aleandro Mariani Giorgio Germont Baritono Daniele Terenzi Gastone Tenore Daniele Antonelli Barone Douphol Baritono Alberto Roccatani Marchese Dobigny Basso Bai Jaozhov Dott. Grenvil Basso Ehsan Zandaveh Maestro Concertatore Rolando Nicolosi. Carmelina De Vito

di valutare le leggi che esamina per "anticostituzionalit". Ci sarebbe da demolire una enorme parte dell'architettura giurisprudenziale anticostituzionale e ricominciare tutto da capo. La stessa costituzione ha la necessit di un aggiornamento, ma non come stato fatto dal governo Monti frutto di un Colpo di stato e come vorrebbero i neoliberisti con il "fiscal compact" messo in costituzione, ma esattamente nell'opposta direzione, ossia nessuno stato si deve indebitare con una banca privata, con l'aggiunta che tale articolo non pu essere oggetto di revisione. Giuseppe Turrisi

N. 5. MAGGIO 2013

LETTERATURA E VARIE

LATTUALIT, pag. 7

ANTON CECHOV, UN ILLUMINATO DI FINE OTTOCENTO


(ultima parte) Continua Incapace di trarre vantaggio dalla sua grande notoriet e nonostante i primi effetti della tubercolosi, parte per lisola di Sakalin, ai confini della Siberia. Ha constatato che tutto ci che c di terribile nella vita si deposita in qualche modo nelle carceri, e sullle carceri decide di indagare - Lisola dove i deportati conducono una vita drammatica - anticipa il sistema dei campi di concentramento che si vedranno nellEuropa del XX secolo. Dopo un soggiorno di tre mesi, pubblicher uno studio molto documentato - allo stesso tempo geografico, sociologico e psicologico - sulluniverso concentrazionario. La pubblicazione de Lisola di Sakalin, nel 1893, avr per conseguenza labrogazione delle punizioni corporali, oggetto della sua denuncia. Nel 1891, Cechov si reca sia in Francia, dove torner per farsi curare nel 1894 e nel 1897, sia in Italia. Nonostante il suo entusiasmo per Firenze e Venezia, ha nostalgia della Russia e della pianura moscovita; acquista, nel 1892, una propriet a Melikhovo, dove riunisce la sua famiglia. Lautore-medico si fa giardiniere. In una casetta che fa costruire lontano dalla residenza invasa da visitatori, scrive La camera n 6, Il Monaco nero, Racconti di uno sconosciuto ed Il gabbiano. Intensifica nel 1892 1893, in occasione di unepidemia di colera, la sua attivit medica, che esercita per lo pi gratuitamente, e matura il racconto terribile intitolato Mugichi (1897). La sua malattia non rallenta il suo impegno sociale: fa ancora costruire tre scuole e, nel 1899, dar lallarme allopinione pubblica sulla carestia che regna nelle regioni del Volga promuovendo una raccolta di fondi. Nel 1897, la tubercolosi peggiora, deve ammettere infine la sua malattia, vendere Melikhovo, lasciare i dintorni di Mosca per il clima pi secco della Crimea. Va a vivere a Yalta nel 1899, dove pianta un nuovo giardino. Nel maggio del 1901, sposa Olga Knipper, una giovane attrice dal teatro dArte che ha conosciuto tre anni prima in occasione del trionfo del Gabbiano a Mosca. Mentre lei lavora a Mosca, lui resta solo, esiliato in una regione che non ama; sa di essere spacciato, soffre, scrive. Dopo avere assistito al trionfo della sua ultima commedia, Il Giardino dei ciliegi, in cerca di una guarigione, viaggia in Germania con sua moglie. Muore in viaggio, nel luglio del 1904, a Badenweiler a quarantaquattro anni. Daisy Alessio

IL MOMENTO SBAGLIATO (racconto)


Gina e Sandra avevano deciso di incontrarsi e di fare quattro chiacchiere passeggiando. Erano amiche da molti anni. Essendo libere da impegni di lavoro e di famiglia erano ritornate nella loro citt natale. Parlando dei ricordi di giovent una delle due espresse il desiderio di rivedere un parente dellamica. Esaudendo il desiderio, propose di andare a salutarlo presso il suo ufficio, uno studio ben avviato. Dopo aver suonato, entrarono nellufficio. Sandra rimase sorpresa della fredda accoglienza. Di solito, in passato, quel parente la accoglieva festosamente. Ora, invece, sembrava confuso. Le due amiche notarono la presenza di una donna bruna che portava in braccio una bimba di pochi anni. Considerato che erano le prime ore del pomeriggio, questa donna non poteva essere una cliente. Dopo qualche chiacchiera di circostanza, le due amiche salutarono e andarono via. Non fecero commenti. Dopo qualche mese Sandra ricevette le confidenze della moglie del professionista, la quale raccont disperata che il marito aveva perso la testa per una straniera mettendo in crisi il suo matrimonio. Aveva preso una sbandata. Sandra cap che bussando allimprovviso alla porta di quellufficio aveva scelto, in buona fede, il momento sbagliato. Angela Libertini

I GRANDI DELLEDITORIA CONTRO LA CRISI


Il 24 e 25 maggio stato organizzato a Siena dall'Osservatorio permanente giovani-editori un convegno per discutere le possibili soluzioni anti-crisi. Alla base del discorso il coraggio di avere fiducia in un'editoria colpita dal difficile momento economico. L'importanza di puntare sull'indipendenza e la qualit di un giornalismo dotato di creativit e capacit di confronto con i media mondiali. Aprire le porte ai giovani lasciando il dibattito politico fuori. Punti importanti che la faranno da padrona al Borgo La Bagnaia. In Italia serve pi visione e pi coraggio, meno timori e paura, per questo abbiamo voluto coinvolgere leader internazionali in grado di dare una scossa, di scatenare con le loro idee stravolgenti quella scintilla che possa indicare al panorama italiano nuove prospettive e orizzonti possibili. Ecco perch ci saranno fra gli ospiti Jill Abramson, direttore del New York Times (prima donna nella storia a guidare il quotidiano), Robert Thomson, amministratore delegato di New news corporation che edita colossi delleditoria come il Wall Street Journal e il Times; il premio Pulitzer Peter Kann dibatter sul giornalismo di qualit e Mathias Doepfner, amministratore delegato di Alex Springer (societ a cui fa capo la Bild e Die Welt), che affronter il tema del business delleditoria digitale ha detto Andrea Ceccherini, presidente dellOsservatorio. Tra gli ospiti Italiani saranno presenti sul palco di Bagnaia anche imprenditori come John Elkann (Presidente de La Stampae della Fiat); Benito Benedini, neo presidente designato del Sole 24 Ore e lamministratore delegato di Rcs MediaGroup Pietro Scott Jovane. Si alterneranno anche i direttori di quotidiani come Ferruccio de Bortoli del Corriere della Sera; Mario Calabresi de La Stampa; Roberto Napoletano del Sole 24 Ore e Giovanni Morandi del Quotidiano Nazionale. Non mancheranno anche grandi banchieri come Giovanni Bazoli (Presidente di Intesa San Paolo); il presidente dellAcri Giuseppe Guzzetti; Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit e Alessandro Profumo, presidente di Banca Monte dei Paschi di Siena. Sono attesi interventi come quelli di Piergaetano Marchetti, presidente della Fondazione Corriere della Sera e del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura Cardinal Gianfranco Ravasi. A condurre i due giorni ci sar linedita coppia di giornalisti Daria Bignardi e Beppe Severgnini. Maddalena Barba

Si consiglia la lettura del libro di Indro Montanelli e Roberto Gervaso LItalia dei secoli doro (Editore Rizzoli 1971). NellAvvertenza gli Autori, tra laltro, scrivono: ...abbiamo preferito seguire le grandi linee dello sviluppo civile del nostro popolo, levoluzione del suo costume, del suo pensiero, della sua arte...Non abbiamo avuto di mira alcuna tesi preconcetta. Come al solito ci diranno che abbiamo esagerato limportanza di certi avvenimenti e personaggi a scapito di altri. E come al solito noi rispondiamo che non c libro di Storia che non si presti a queste critiche...La Controriforma lavvenimento che decise la nostra sorte di Nazione, cio che la fece abortire...

Si consiglia la lettura del libro di Norberto Bobbio Saggi sulla scienza politica in Italia (Ed. Universale Laterza 1977). illustrata la nota teoria dellalternanza delle lites (Pareto, Vailati, Mosca). Nella Prefazione Bobbio, tra laltro, scrive:...il vero durevole fondamento di ogni regime non sono n la forza n il consenso ma il consenso manipolato.

EVENTO CULTURALE
La Casa Editrice G.E.I. Gruppo Editoriale Idea Via Pietro Mascagni, 154 - 00199 Roma Sito: www.geiedit.com Email:geiedit@gmail.com info: 339.5392130 Nel mese di Maggio 2013, La Casa Editricepresenta il libro di narrativa Navigando nei ricordi... della Scrittrice Ida Di Nola DAntona Dopo il successo dei suoi precedenti libri di narrativa, Didi racconta - E fin quellestate - Il profumo della fantasia - Anna e Giacomo e Come per incanto, Ida Di Nola DAntona oggi esce alle stampe con Navigando nei Ricordi, un insieme di preziosi racconti con i quali rende omaggio ai due uomini che ha amato e ricorda con profonda nostalgia. Il libro dedicato al padre, Angelo Di Nola, onesto economista, a cui immagina di scrivere una lunga e bellissima lettera. Nasce questo interessante racconto formato da due parti ben distinte. La Scrittrice nella prima riferisce alcuni episodi vissuti, durante lultima guerra, da suo marito Oliviero DAntona Ufficiale dellEsercito Italiano; nella seconda racconta, con un velo di nostalgia, frammenti di ricordi ricchi di riflessioni e dinsegnamento il vissuto quotidiano nella sua amata Roma, citt ospitale e serena in un periodo in cui si viveva una vita dolce. Profonde sono alcune considerazioni sui sentimenti dingiustizia e corruzione ma anche di onest amicizia e amore. Gli avvenimenti narrati, alcuni divertenti e altri tristi, vengono esposti con linguaggio chiaro e sincero, sono documento di un tempo che f. QuestOpera ci racconta di unepoca lontana ma ricca di contemporaneit. Auguro alla valida e sensibile Scrittrice il meritato successo. Antonella Scelsa Capasso Torre di Caprara

NOTA CRITICA SUL LIBRO LA FORMA DEL DELIRIO (EDIZIONI CHIMERA) DI EMILIANO MARAMONTE (Lucera-Foggia)
Immaginazione-fantasia con efficienza di componimento allegorico indispensabile nellincastro breve di vicende che si alternano nella complicit di dialoghi chiari e fluidi, atti a filtrare la giusta misura del componimento letterario dagli approcci scientifici che per molti sembrano strani ed incomprensibili, ma che fanno capolino e divengono protagonisti di un sapere ignorato che fortunatamente allontana il comune collettivo intendere. Protagoniste le sensazioni dei personaggi dalle percezioni sensoriali che mettono in rapporto lintera percezione del corpo con la vicenda e relativa verifica delle reazioni metafisiche che sembrano alterate ma sono sfida al pensiero. Per lAutore narrativa al di l della forma mentis abitudinaria. Mariannina Sponzilli

A PROPOSITO DI CRITICA
Credo sia inutile spiegare a cosa serve la critica. Mentre pi utile soffermarsi brevemente sui modi in cui essa si esercitato. Devo dire che ogni tanto cerco di orientarmi leggendo qua e l saggi o articoli di giornale in cui si affrontano temi di critica letteraria, musicale, o in senso lato di critica d'arte. Ma la visione complessiva non molto entusiasmante. A volte trovo infatti troppa erudizione oppure troppo poca, scopro: affermazioni facili oppure superficiali. Noto in particolare come certi critici nei loro giudizi, spesso arzigogolati, sono dei veri acrobati dell'oscurit che navigano nel buio. Fanno magari grandi slalom di parole e di vuoti concetti senza ben sapere ci che vorrebbero esprimere. Oppure in certi casi credono di approfondire dei temi mentre riescono a malapena a formulare pensieri generici in grado solo di confondere le idee altrui poich di proprie non ne hanno. Quando le hanno sono spesso cos contorte che essi stessi non riuscirebbero a capirle e a spiegarle. E non mi si dia del giudice severo che vede solo il pelo nell'uovo pensando di vedere e di capire pi degli altri. Non assolutamente cos. Io mi aspetto soltanto dalla critica, come da ogni altra espressione umana, qualcosa che mi aiuti a comprendere, a capire meglio alcune cose, ad apprezazarle per quello che sono e per quello che valgono. Ma non per trovare abili parolai che, al posto di chiarire le cose, riescono soltanto a complicarle e a intorbidare le acque. Giovi in proposito ricordare fra altre l'opinione espressa da Albert Camus: "Chi scrive in modo chiaro ha dei lettori. Chi scrive in modo oscuro ha dei commentatori". Raffaele Cecconi

QUADERNI DEL CARCERE


Si consiglia la lettura del libro intitolato Gramsci, le sue idee nel nostro tempo, con prefazione di Gerardo Chiaromonte (Editrice lUnit, 1987) in cui, a pagina 99, pubblicato un articolo di Franco Ottolenghi intitolato Giornalismo. Eccolo riportato in sintesi.Lungo tutti i Quaderni del carcere, a partire dalle prime note (che risalgono al 1929) scorre il filo della riflessione di Antonio Gramsci sul giornalismo. Non un capitolo di sociologia delle professioni, anche se il rilievo sociologico dell'analisi gramsciana assai notevole...Che cosa preme soprattutto a Gramsci? Non solo di definire gli strumenti (giornali e riviste) pi adatti alla conquista di un consenso, alla diffusione di idee tra le grandi masse, a una sorta di educazione della nuova Italia, ma di portare a consapevolezza diffusa (facendone l'evento costruttivo di una nuova opinione pubblica) la notizia che in corso una grande trasformazione storica e culturale, che la storia nazionale si avvia ad avere nuovi protagonisti. Il quesito fondamentale al quale occorre rispondere concerne allora la natura, il ruolo, i caratteri e l'efficacia dei processi di comunicazione da mettere in campo, insomma la definizione di una strategia della comunicazione. Ci equivale al riconoscimento che quello della informazione, in primo luogo nella figura storica del giornale, sar un terreno nevralgico del conflitto moderno, oltre che una dimensione originale della democrazia, ben oltre la percezione propria della vecchia cultura socialista... Ecco perch Gramsci, quando riorganizza le note sul giornalismo disseminate nei Quaderni lo fa nei termini di un vero e proprio programma politico-editoriale. questo il senso della formula che egli adotta, quella, cio, del giornalismo integrale... A Gramsci interessa il lettore in tutta la sua concretezza e... come depositano di risorse intellettuali latenti...Modernit e utopia si stringono in questa impostazione che tende a proporsi come base o premessa di una vera e propria costellazione (o sistema) di iniziative editoriali...Sullo sfondo c' l'obiettivo della elaborazione nazionale unitaria di una coscienza collettiva, cio la formazione di una coscienza politica nazionale e moderna, alla quale si accinto il movimento operaio. Fuori da questi processi storici, avverte Gramsci, i gruppi intellettuali di vario tipo e anche i collettivi redazionali tendono a diventare conventicole di profeti disarmati o a scindersi secondo i movimenti incomposti e caotici che si determinano tra i diversi gruppi e strati di lettori. Paolo Macali

RAY BRADBURY, IL POETA DELLA FANTASCIENZA


Ogni genere letterario ha avuto i suoi innovatori. Edgar Allan Poe, e in seguito Howard Phillips Lovecraft, rinnovarono la letteratura horror, da decenni ormai ancorata ai soliti intrecci di fantasmi e castelli. William Gibson cre il Cyberpunk, affascinante genere futuristico-politico. A John R. R. Tolkien dobbiamo il Fantasy come lo conosciamo oggi: con maghi, elfi, nani e guerrieri. Isaac Asimov, Philip K. Dick e Arthur C. Clarke riscrissero lintero genere della fantascienza. Ma in questultimo campo il merito di aver portato uninedita vena di malinconia e poesia, con punte di macabro, spetta senza dubbio a una delle figure pi famose della letteratura fantascientifica: Ray Douglas Bradbury. Ray nacque a Waukegan, una piccola cittadina dellIllinois (Stati Uniti) il 22 agosto del 1920. Lambiente provinciale e le modeste origini dei genitori (padre elettricista e madre casalinga) influenzarono in parte il successivo stile narrativo dello scrittore. Trasferitosi in California in seguito alla Grande depressione nel 1934, il giovanissimo Ray inizi a scrivere racconti per alcune riviste locali, senza ancora avere un preciso genere letterario di riferimento. Fortemente appassionato in particolare della storica rivista Weird Tales, che gi da anni ospitava racconti di sconosciuti talenti, Bradbury ne assorbe lo stile e le tematiche, e a soli 19 anni fonda Futura fantasia, una sua piccola rivista dedicata al genere che pi ama. Il primo salto di qualit avvenne nel 1941, quando la rivista Super science stories pubblic il suo racconto Pendulum scritto insieme a Henry L. Hasse, giovane scrittore amico di Ray, e persino Weird Tales decise di pubblicare The candle, scritto da Bradbury e da un altro suo sincero amico: Henry Kuttner. A questi anni risalgono anche le sue amicizie con Ray Harryhausen e Forrest J. Ackerman, e la sua collaborazione con le riviste Thrilling wonder stories e Planet stories, e lo stile narrativo di Ray ormai abbastanza maturo e delineato da permettergli la stesura del suo racconto La scampagnata di un milione di anni, primo nucleo di quello che nel 1950 diventer il volume Cronache marziane, uno dei picchi pi alti della sua lunga carriera letteraria. Il giovane scrittore si concesse anche alcune variazioni sul tema del poliziesco, che vennero quasi ignorate da critica e pubblico (saranno ristampate soltanto negli anni 80), ma ad appena un anno di distanza da La scampagnata Bradbury scrisse il suo capolavoro: Fahrenheit 451, in Italia pubblicato anche come Gli anni della fenice. Considerato il suo romanzo migliore (nonostante Ray stesso si definisse poco portato per i racconti lunghi), Fahrenheit, il cui azzeccato titolo richiama la temperatura alla quale la carta brucia, venne adattato per il cinema da un altro genio artistico: il regista francese Francois Truffaut, che ne trasse una pellicola eccellente. Negli ultimi anni della sua vita Bradbury si dichiar contrario alla diffusione dei libri in formato digitale, e quasi controvoglia concesse la pubblicazione dellE-Book del solo Fahrenheit451. Il fascino esercitato da Ray Bradbury, e linfluenza che ha avuto sulla fantascienza, furono tali che gli scienziati della NASA, a meno di tre mesi di distanza dalla morte dello scrittore (avvenuta nella sua villa-ritiro il 5 giugno 2012) gli dedicarono una zona del pianeta Marte. Il suo stile fu sempre caratterizzato da una capacit poetica, immaginifica e romantica ancora oggi ineguagliata, ed stato senza dubbio lautore che pi di ogni altro ha dato dignit letteraria al genere fantascientifico. Emiliano Federico Caruso

ALTRI DUE GRANDI SI AGGIUNGONO AI MIEI CANTANTI IN PARADISO


A distanza di un sol giorno luno dallaltro ci hanno lasciato, sotto Pasqua, Enzo Jannacci e Franco Califano, per una tourne in Cielo. Che dire di questi due stravaganti ma soprattutto amati artisti? Il primo era medico chirurgo, specializzato in cardiologia, che ha continuato la professione, anche quando fu baciato dal successo, il secondo, pur avendo avuto (a suo dire) oltre un migliaio di donne, ha preferito vivere da solo con i suoi quaranta gatti. Quando sono partiti per questa loro ultima fantastica tourne, avrei voluto dir loro: Vengo anchio? ma sono certo che sarebbe intervenuto Jannacci per dirmi: No, tu no!. Ora son certo che sono felici ed in particolare Enzo perch avrebbe compiuto 78 anni mentre il Califfo, il 14 settembre, ne avrebbe compito 74. Franco, pur essendo concepito a Tripoli, nacque nel Cielo della capitale libica; potrei dire: Venuto dal Cielo e tornato in Cielo. Avrebbe voluto fosse scritta sulla sua tomba: Torner presto!. Ebbi il piacere di presentarlo pi di una volta in Concerti, Spettacoli e Feste di Piazza ma di conoscerlo pi intimamente nel 1989 al matrimonio di Diego Armando Maradona quando regalai ad entrambi una mia musicassetta incisa da me e Peppe Russo dal titolo 5 + 5 in cui, fra le cinque canzoni in francese vi era la mia Le vrai amour (la versione in francese di O vero ammore). Sebbene fosse dedicata ad una donna, per noi artisti,lunico nostro grande amore rimane sempre e soltanto la musica: Tutto il resto noia Gilbert Paraschiva

PROPOSTE EDITORIALI
Scrittori, poeti, saggisti (materie storico-filosofico-letterarie): inviate i vostri manoscritti al Comitato Editoriale del Movimento G. Salvemini. Se le vostre Opere verranno considerate idonee per le Edizioni Movimento G. Salvemini, riceverete una proposta editoriale con lindicazione del simbolico contributo-stampa a carico dellAutore. Volete pubblicare romanzi, poesie, saggi letterari, storici, sociologici, giuridici ed economici? Cell. 347.0333846.

CONCORSO NAZIONALE BRONTOLO


stato indetto il 17 Concorso nazionale Brontolo di Satira, Umorismo, Poesie, Pittura, Scultura e Foto. Inviare (meglio se su computer e con cd) disegni, foto, con breve curricolo entro il 30 giugno 2013 alla Redazione: via Margotta 18 - 84127 Salerno (tel. 089797917). E mail: brontolo8@libero.it (Direttore: Nello Tortora).

LATTUALIT, pag. 8

TEATRO E MEDICINA

N. 5. MAGGIO 2013

GENESI E PROFILASSI PSICHIATRICA DELLE ANSIOPATIE CASO MEZ: SI RICOMINCIA DA ZERO


(Sintesi del pregevole libretto edito dallAccademia Siciliana per le Scienze di Palermo). (Seconda parte) Nella casistica delle emozioni possiamo includere lansia, la paura o fobia, il dubbio, la tristezza, leuforia, laggressivit, la tumopatia, ossia la sofferenza dello spirito vitale, e la depressione. Spesso lansioso in preda ad una continua ed irrefrenabile tensione nervosa, che si pu manifestare con fenomeni di irrequietezza psicomotoria, instabilit emotiva, intolleranza, cambiamenti di umore, attesa dolorosa ed inquietitudine morale. Bisogna distinguere lansia dalla paura, perch questultima unemozione attuale, giustificata dallesperienza e riferita da fatti notori accertati. Invece, lansia ha un oggetto indeterminato e possiede qualcosa di pi soggettivo, quindi di pi intrinseco alla vita psichica dellindividuo. Ne consegue che lansia necessariamente legata alla condizione esistenziale delluomo, per i vari aspetti sconosciuti, indeterminabili ed imprevedibili della sua avventura vegetativa: pertanto, trattasi di una condizione interiore-spontanea e controllata dalla ragione presente nellIo predominante. Sotto un altro profilo medico, lansia patologica, denominata ansiopatia, pu degenerare in varie forme di gravi malattie mentali, come conseguenza del totale turbamento della personalit ed espressione logica di unimpotenza di quellIo non pi predominante, ma soccombente. Si assiste cos ad un conflitto nevrotico tra listintivit esigente e la realt, ossia tra listinto ed il SuperIo morale: in questi conflitti vengono determinati i meccanismi vari per la difesa dellIo, come la repressione, la rimozione, la negazione e la sublimazione, che a loro volta sono stravolti dallansia, costituendo cos le basi della sintomatologia clinica delle nevrosi. Con lansia nevrotica si apre un capitolo a parte nella profilassi psichiatrica dellansiopatia in genere. Infatti, il paziente, colpito da ansiopatia, accusa una serie di disturbi che vanno dal persistente senso di smisuratezza alla gesticolazione esagerata ed incontrollata, dalla mobilit ed irrequietezza degli occhi, allespressione tesa e fortemente preoccupata. Inoltre, segue uninfinita serie di disturbi neurovegetativi: affanno di respiro, palpitazioni, senso di oppressione e costrizione precordiale, angoscia latente, sudorazioni fredde ed improvvise, senso di soffocazione, gola chiusa, tremori, tachicardia, vampate di calore, vertigini, formicolio alle mani ed ai piedi, ronzio agli orecchi, nausea, senso di svuotamento nella testa, apparizione di mosche volanti o puntini neri volanti davanti agli occhi, mancamento generale con sintomi di perdita dei sensi. Tutti questi disturbi di natura vasomotoria sono generati dallansiopatia che, il pi delle volte, pu scatenare altri effetti psicogeni molto preoccupanti, come la depressione, langoscia incontrollata, gli attacchi di panico e le fobie. (continua) Victor Bus (Preside della Facolt di Psichiatria e Psicologia nella Wellington University) A pochi giorni dallomicidio di Alessandro Polizzi, il giovane perugino di 23 anni ucciso a colpi di pistola il 25 marzo scorso, a Perugia si torna a parlare del caso Meredith Kercher, la ragazza inglese trovata morta la notte del 1 novembre del 2007 in una villetta di via della Pergola. Amanda Knox e Raffaele Sollecito, condannati rispettivamente a 26 e 25 anni in primo grado e poi assolti in Appello, tornano ad essere infatti i due indagati numero uno. La decisione della Corte di Cassazione che, accolto il ricorso della procura generale di Perugia e della famiglia Kercher, costituita parte civile al processo, rimette tutto in gioco. Tutto a parte la condanna a tre anni inflitta alla studentessa di Seattle per il reato di calunnia (gi scontato) ai danni di Patrick Lumumba, il proprietario del locale dove lavorava da lei indicato come unico colpevole dellatroce delitto. Ma come andr rifatto il nuovo processo della Corte dAssise dAppello di Firenze? E, soprattutto, cosa succeder se i due ex fidanzatini dovessero uscirne condannati? Se sul processo bis, il cui inizio previsto per il prossimo settembre, si sa poco e niente e bisogner quindi attendere le motivazioni della Suprema Corte, quel che certo ha spiegato il pg Luigi Riello che il nuovo processo sar su tutto e poi ci sar un nuovo passaggio in Corte di Cassazione. Mentre, per quanto riguarda la possibile condanna di Amanda e Raffaele, ad oggi c ununica certezza. Tra due anni, quando la Corte dAssise di Appello di Firenze e la Cassazione si saranno pronunciate e Rudy Gaude avr scontato met della sua pena e sar libero, lunico a tornare in carcere in caso di condanna sar Raffaele Sollecito. Amanda Knox, rientrata a Seattle subito dopo lassoluzione, promette infatti che non metter mai pi piede in Italia e quindi la possibilit che eventualmente si consegni alla giustizia italiana spontaneamente si fa assai remota e improbabile. Lalternativa, tra laltro prevista dal trattato di estradizione Stati Uniti-Italia datato 1983, potrebbe essere appunto quella di richiederne la consegna da parte del governo statunitense che per, come hanno gi ampiamente spiegato i quotidiani americani in seguito alla notizia di annullamento dellassoluzione, non detto venga accettata. Non dimentichiamo infatti che negli Stati Uniti un imputato per reati penali non pu essere processato due volete per le stesse accuse e che quindi la legge italiana agli occhi degli americani appare non solo assurda ma addirittura imprevedibile e carnevalesca. Dal 30 aprile, intanto, nelle librerie statunitensi, disponibile Waiting to Be Heard (Aspettando di essere ascoltata) e, la Harper-Collins, la casa editrice produttrice del libro in cui Amanda racconta il dramma del processo visto con i suoi occhi e spiega il suo punto di vista nonch le ragioni della sua innocenza, ha confermato che il calendario sar rispettato, con tanto di interviste tv e giornalistiche. Federica Sciorilli Borrelli

LA MAFIA DIETRO ALLEOLICO


Ammontano ad oltre un miliardo e trecento milioni di euro i beni che la Direzione investigativa antimafia (Dia) ha confiscato al 57enne re delleolico Vito Nicastri. I sigilli sono stati posti su 43 tra societ e partecipazioni societarie legate al settore della produzione alternativa dellenergia elettrica, 98 beni immobili (ville, palazzine, terreni e magazzini), 7 beni mobili registrati (autovetture, motocicli ed imbarcazioni) e 66 cosiddette disponibilit finanziarie fra rapporti di conto corrente, polizze ramo vita, depositi titoli, carte di credito, carte prepagate e fondi di investimento. Nicastri dovr inoltre risiedere obbligatoriamente per almeno tre anni ad Alcamo, il paesino in provincia di Trapani dove ha la residenza e dove, ormai da lungo tempo, traeva profitti milionari dalla realizzazione e dalla vendita di parchi eolici/fotovoltaici. Una posizione di vertice quindi e che lex elettricista, stando a quanto finora stabilito dalle indagini condotte dalla Dia di Palermo e guidate dal colonnello Giuseppe DAgata, riuscito a guadagnarsi grazie alla contiguit consapevole e costante agli interessi della criminalit organizzata. In particolare con il boss latitante Matteo Messina Denaro, il dominus del Trapanese di cui tra laltro sembrerebbe che Nicastri fosse il prestanome di fiducia, ma anche con gli ndranghetisti di Plat Africo e San Luca e con i noti boss Salvatore e Sandro Lo Piccolo, entrambi in carcere nel Palermitano. A provarlo un pizzino ritrovato nel covo di Giardinello dove, il 5 novembre del 2007, vennero arrestati dalla polizia i Lo Piccolo: Nicastro di Alcamo cera scritto continuare con Scinardo (altro imprenditore delleolico). Escludere i fratelli Severino (imprenditori anche loro). Ok. Non solo. Vito Nicastri era gi risultato coinvolto nelloperazione di polizia Eolo, che ha svelato il coinvolgimento di Cosa Nostra nel lucroso affare della realizzazione delle centrali eoliche nella provincia di Trapani. Senza dimenticare i rapporti daffari che, stando sempre a quanto rilasciato dalla Dia, ha intrattenuto anche con societ estere, soprattutto lussemburghesi, danesi e spagnole. Ma perch le mafie (ricordiamo anche il sequestro del parco eolico dellIsola Capo Rizzuto dello scorso luglio) investono in parchi eolici/fotovoltaici? Le energie rinnovabili, cos come la finanza e in generale tutti i settori innovativi delleconomia, rappresentano il nuovo cavallo di battaglia della mafia che, stanca di sporcarsi le mani con il racket o la gestione del traffico della droga, ha deciso di puntare su un settore pi pulito e, soprattutto, pi redditizio (ogni megawatt prodotto venduto a circa 2 milioni euro). Basti pensare che in Italia, nonostante non ci sia molto vento, gli impianti eolici sono superiori a quelli presenti in nazioni a maggiore vocazione come quelle del nord Europa. E il grosso dei parchi eolici non a caso possibile trovarlo proprio tra il centro Italia, il meridione e le due isole. Federica Sciorilli Borrelli

LA PATENTE DEL LAVORATORE


Tra gli ultimi provvedimenti del Governo Monti vi la patente del lavoratore. Essa non abilita alla guida di un veicolo o ciclomotore per raggiungere lufficio o la fabbrica. In realt certifica le competenze apprese sul luogo di lavoro, nel tempo libero, nel volontariato e nel servizio civile. Sono una serie di saperi e di capacit che entrano a pieno titolo nel curriculum e forniscono un quadro pi completo della propria carriera lavorativa. Questo provvedimento recepisce una direttiva europea in materia. Il suo fine quello di riconoscere limpegno di coloro che si aggiornano per approfondire le proprie conoscenze ed abilit. A beneficiarne possono essere anche i molti giovani che non riescono a trovare lavoro e svolgono attivit in contesti a cui fino ad ora stata attribuita poca importanza. bene precisare che la legge stabilisce che gli apprendistati debbano rientrare in un Repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualifiche professionali operativo telematicamente. Il decreto legislativo, stabilisce anche i criteri ed i parametri minimi per il rilascio della certificazione valida a livello europeo. Fiorella Ialongo

LORECCHIO DI DIONISO
(a cura di Franco Vivona)
TEATRO PICCOLO ELISEO, ROMA: SERATA BECKETT Glauco Mauri e Roberto Sturno, ritornano a distanza di oltre ventanni, con un nuovo allestimento a esplorare la profondit del lavoro di Beckett: Far capire al pubblico che non Beckett difficile e complicato, ma difficile e complicata la vita. La vita che Beckett pur nella sua angoscia, ha saputo raccontarci con una sotterranea ma struggente piet. Questo vogliamo esprimere con il nostro spettacolo, questo il nostro desiderio. Beckett, premio Nobel per la letteratura, certamente un innovatore nella storia del Teatro. Con le sue opere ci ha mostrato un nuovo modo di interpretare il rapporto tra la vita e luomo: una visione grottesca che spesso sfocia in una disperata comicit. Vari momenti poetici ma lo stesso tema: luomo e la sua fatica del vivere. Ne Il Prologo Beckett stesso che ci parla, raccontato attraverso alcune sue dichiarazioni da Glauco Mauri e Roberto Sturno. Atto senza parole e Lultimo nastro di Krapp, due testi relativamente brevi al confronto di altri famosi capolavori, sono forse le opere che pi chiaramente esprimono alcuni aspetti del mondo di Beckett. Nello stupito, grottesco silenzio di Atto senza parole luomo beffato e ingannato dalla vita che sembra soccorrerlo, ma poi lo delude, trova la sua commovente dignit nel rifiuto e nella voluta solitudine. In atto si pu. Nellultimo nastro il vecchio Krapp ascolta una bobina che ha registrato tanti anni fa: la sera del suo 39 compleanno. Tanti, anni sono passati! Riaffiorano persone, visi ormai sbiaditi dal tempo, si riscoprono sentimenti e tra questi, ormai dimenticata, una storia damore, quando la felicit era forse ancora possibile ma il giovane Krapp non laveva saputa afferrare. La bobina finisce e Krapp rimane disperatamente solo nel buio della sua vecchia tana piena di bobine che raccontano la storia della sua vita ma che finiranno sempre col rimanere vuote, esautirate di ricordi. HELMUT NEWTON: DUECENTO IMMAGINI DI UN GRANDE FOTOGRAFO DEL XX SECOLO Dopo il Museum of Fine Arts di Houston e il Museum fr Fotografie di Berlino, il Palazzo delle Esposizioni di Roma accoglie fino al 21 luglio 2013, per la sua unica tappa italiana, la mostra White Women, Sleepless Nights, Big Nudes che presenta 200 immagini di Helmut Newton, uno dei fotografi pi importanti del XX secolo. Questo progetto, nato nel 2011 per impulso di June Newton, vedova del grande fotografo, raccoglie le immagini dei primi tre libri di Newton pubblicati alla fine degli anni 70, da cui deriva il titolo della mostra. Nel 1976, Helmut Newton un famosissimo fotografo di cinquantasei anni ma, decide di curare White Women, oggi considerato un volume leggendario, che riceve il prestigioso Kodak Photobook Award. Seguirono Sleepless Nights nel 1978 e, soprattutto, Big Nudes nel 1981 che rimangono tuttora gli unici volumi concepiti e curati da Helmut Newton e che la mostra romana riunisce esponendo 200 immagini ristampate sotto la supervisione della moglie June. In White Women Newton porta il nudo allinterno del mondo della moda, ottenendo immagini cos sorprendenti e provocanti che rivoluzionano lo stesso concetto di fotografia di moda e diventano testimonianza della trasformazione del ruolo della donna nella societ occidentale. Anche Sleepless Nights, uscito due anni dopo, incentrato sulle donne, sui loro corpi, sugli abiti ma, conduce a una visione che trasforma le immagini da foto di moda a ritratti, e da ritratti a reportage da scena del crimine. un volume a carattere pi retrospettivo che raccoglie in ununica pubblicazione i lavori realizzati da Newton per diversi magazine (Vogue, tra tutti) ed quello che definisce il suo stile rendendolo unicona della fashion photography. Le sue modelle vengono ritratte sistematicamente fuori dallo studio, in strada, spesso in atteggiamenti sensuali. Egli inaugura una nuova dimensione, quella delle gigantografie che entrano nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo. Il percorso espositivo permetter al visitatore di conoscere una storia diversa e pi segreta rispetto a quella pi diffusa. Nelle immagini di questa mostra, il fotografo stesso che definisce com e qual la storia raccontare al suo pubblico. Infatti, locchio di Newton ha la capacit di scandagliare una realt che, dietro alla suprema eleganza delle immagini, consente di intravedere unambiguit di fondo di cui erotismo e morte non sono che due aspetti della stessa ricerca di verit. Molte di queste immagini sono particolarmente significative da questo punto di vista: il ritratto di Andy Warhol colto nella stessa posizione di una statua della Madonna fotografata in una chiesa toscana, Nastassia Kinsky che abbraccia una bambola dalle sembianze di Marlene Dietrich, o la fotografia della donna al cimitero del Pre Lachaise di Parigi.

LO STATUTO DEI LAVORI


Ricordare pu essere coniugato con attualizzare, ovvero voler proseguire e concretizzare idee e progetti. questo, in sintesi, il senso di un progetto di legge sullo Statuto dei lavori. Esso stato depositato in Senato e presentato ad un convegno organizzato da Adapt in collaborazione con il ministero del Lavoro, nellanniversario dellassassinio di Marco Biagi. Il testo sostanzialmente identico a quello che il giuslavorista, ucciso dalle Br, ha scritto il 14 febbraio 2002. Le modifiche apportate sono state necessarie per una sua piena attuazione in sintonia con il suo Libro bianco e la legislazione vigente. Lobiettivo quello di redigere un testo composto da poche norme con cui si stabiliscono diritti universali ed inderogabili, inoltre, per favorire la diversit dei modi di lavorare, verrebbe conferita unampia delega alla contrattazione delle parti, sia collettiva, sia di prossimit, se certificata. Si introduce anche il concetto che limpresa andrebbe intesa come comunit e non come un luogo in cui una parte si avvantaggia a danno di unaltra. Questo progetto di legge si inserisce nella linea recentemente indicata dallOcse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) per le riforme. Soprattutto sul mercato del lavoro la produttivit troppo bassa ed necessaria pi flessibilit in entrata ed in uscita, spostando la tutela del lavoro dalla protezione del posto a quella del reddito. Fiorella Ialongo

DOMANDE CHE ATTENDONO RISPOSTE


Nel variegato e fantasioso panorama del dopo voto, si pu immaginare Beppe Grillo come Russell Crowe, il gladiatore allontanato e costretto allesilio che ritorna ed umilia limperatore illegittimo nellarena dove comanda il popolo? Si pu considerarlo sotto varie sfaccettature poich il terremoto elettorale che ha provocato apre una lunga serie di altre domande. Il Movimento 5 Stelle come intende realizzare concretamente una gestione politica senza quadri intermedi, specializzazioni settoriali? Quale sar il ruolo di Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo, leader intellettuale e megafono, privi di cariche formali elettive, nei rapporti con le altre forze politiche e nelle relazioni internazionali? In queste ipotesi, quale valore dovr essere attribuito ai membri M5S alla luce dellattacco di Beppe Grillo allart. 67 della Costituzione, procuratori con delega limitata o rappresentanti del popolo dotati della libert di coscienza? E reale democrazia quella esercitata nel web in cui una parte di cittadini ha difficolt di accesso? In riferimento a questi ultimi, come dovrebbe essere valutata la loro volont e chi dovrebbe interpretarla correttamente? A queste ed altre domande si potrebbe rispondere con le parole del grande maestro Mogol: Lo scopriremo solo vivendo, comunque adesso ho un po paura, spero tanto tu sia sincero.. Fiorella Ialongo

NELLO SPORT ERA MODELLO DI VITA


Si svolta presso lAuditorium del Palazzo delle Federazioni di viale Tiziano, 74 la conferenza stampa di presentazione nazionale del progetto Sport Modello di Vita, sostenuto da ANG Agenzia Nazionale per i Giovani e promosso da un raggruppamento di sei Federazioni Sportive Nazionali. In apertura si osservato un minuto di silenzio per ricordare Pietro Mennea, uno dei pi grandi interpreti dellatletica di tutti i tempi. Tanta stata la commozione da parte dei presenti, che dopo la visione del video hanno applaudito alla memoria di questo grande atleta, stata allestita la camera ardente presso il Salone dOnore del Coni. Hanno partecipato alla cerimonia il Presidente del CONI, Giovanni Malag, il Vice Presidente Generale del CONI, Franco Chimenti, i Presidenti e Segretari delle sei FSN coinvolte, il Direttore Generale di ANG, Paolo Di Caro e testimonial in rappresentanza delle discipline che hanno promosso liniziativa: Elisa Blanchi ed Elisa Santoni (Ginnastica), Andrea Minguzzi (Judo), Andrea Giani (Pallavolo), Agnese Allegrini (Badminton, unica atleta italiana ad aver partecipato ai Giochi in questa disciplina), Maximilian Benassi e Norma Murabito (Canoa Velocit), Daniele Malta (Hockey Prato), gli azzurri dellhockey Mattia Pretti e Telemaco Rossi, le gemelle Giulia ed Elisabetta Pacella e Aldana Lovagnini (Hockey Prato). A presentare il progetto stato il Segretario Generale FIH Fabio Pagliara, che ha spiegato che Sport Modello Di Vita un progetto biennale sostenuto da ANG Agenzia Nazionale per i Giovani e ideato e promosso da un raggruppamento di sei Federazioni Sportive Nazionali il quale punta a presentare unofferta differenziata, attraverso la realizzazione di percorsi sportivi multi-disciplinari. Unidea che coinvolger ragazzi dai dieci ai diciotto anni attraverso le scuole, le societ sportive e le piazze. Successivamente, c stato il saluto del Presidente della FSN capofila, la Federazione Italiana Hockey, Luca Di Mauro, che ha sottolineato che seppure questo un momento difficile per il paese, solo un buon gioco di squadra potr aiutare tutti a raggiungere gli obiettivi prefissati allinterno non solo di un contesto Nazionale ma anche Europeo. Un messaggio apprezzato stato anche quello del Vice Presidente Vicario del CONI, Franco Chimenti, che ha detto di puntare sui giovani sportivi in quanto rappresentano il futuro del nostro domani. Per questo motivo bisogna esortare i genitori a prendersi le proprie responsabilit soprattutto insegnando che non ci sono scorciatoie ai buoni risultati. Il Direttore Generale Paolo Di Caro, ha esortato a praticare pi sport ; perch lo sport aiuta la formazione dei giovani. Puntare sullo sport, permette alle istituzioni pubbliche di far risparmiare sulle grandi spese legate alla sanit. Il Presidente del CONI Giovanni Malag, ha ricordato, con parole commosse e sentite, lamico e il campione Pietro Mennea emblema di come lo sport pu essere un modello di vita e ha rivolto un plauso al progetto, che dimostra come sia possibile reperire risorse anche al di fuori dei tradizionali canoni di finanziamento. C stato poi lintervento di Emma Perelli, che ha consigliato di aggiungere al progetto la lotta alla povert e alla emarginazione che la giovent italiana sta vivendo. Attraverso il proprio messaggio, il Presidente FGI, Riccardo Agabio, ha esortato a un corretto stile di vita. Il Consigliere Federale della FIPAV, Luciano Cecchi, ha evidenziato come il ritorno di vecchi valori tra i giovani possa essere un modo per renderli partecipi. Il Presidente della FIBA Alberto Miglietta ha sottolineato limportanza della correttezza, mentre il Segretario Generale della FICK, Daniela Sebastiani, ha detto che lo sport (modello di vita) prima un dovere per la propria persona e, un esempio da poter trasmettere agli altri. Ultimo ma non di minor importanza, lintervento del segretario della FIJLKAM Domenico Falcone che ha detto che lo sport lo strumento privilegiato per la formazione della persona. Franco Vivona

NEI SOGNI: LINCONTRO CON UNA SCONOSCIUTA


Un enorme borsone, un tramezzino in mano appena sbocconcellato, un bicchier dacqua dolcemente posato sul tavolino. Pi in l, un gruppo ridente e rumoroso, pervaso da giovanile allegria, impegnato in un abbondante banchetto, allietato da eccitanti libagioni, celebra la conclusione di una cerimonia sportiva. Pi in basso, nelle acque spumose ed azzurre di una elegante piscina , alcuni allievi, adulti e pi giovani, eseguono in acqua esercizi vivaci, allenamenti e prove armoniose come deliziose movenze di danza, nel rispetto delle indicazioni di un solerte, aitante, istruttore, la cui voce, tonante e penetrante, sembra rimbalzare follemente tra le mura del pur ampio salone. Uno sguardo, due sedie che si avvicinano, due mani che si stringono. Mi chiama, rispondo: Cos lincontro, improvviso, Un camicione pi grande di lei, gettato su un paio di pantaloni grigi, i capelli corti e ritti, spettinati dallaria del phon, locchio quasi distratto ed assente, le spalle lievemente ricurve, sotto un immaginario fardello, greve e pesante per la sua esile figura. Un minuto, venti minuti, mezzora, due ore. Una parola, mille parole veloci, attente, piene di ansie, smanie, delusioni, una confessione, mille confessioni, il passato, loggi, il domani, feroci incertezze, il racconto di una vita. Quella sua aria graziosamente dimessa, quelle espressioni docili, arrendevoli, quei piccoli gesti di una mimica provocante e piacente, sono l con lei e parlano di lei. Una storia che credo di conoscere. Quella sensazione di sgomento, che parte da lontano, forse inevitabile, ma certo crudele e che cogli nel suo lento discorrere, le dona invece dolcezza, ed esprime la ricerca di affetti e di amorevoli comprensioni. Scopro la forza della sua personalit, il valore della sua sensibilit mi attrae. Nasce, prorompente ed inarrestabile, il desiderio di non alzarmi da quella sedia, per allontanare cos linevitabile addio. Il piacere di sentirla ancora vicino, di scoprire altri segreti, altri misteri, che si racchiudono nel suo cuore, bisognoso di passioni e di amorosi rapimenti. Traspare da lei il sogno di essere amata, protetta, guidata, desiderata, ma insieme noti un velo di tristezza e di malinconia, che le occupazioni di lavoro, di volontariato, lamicizia, talvolta fredda e casuale, di colleghi o colleghe, gli impegni nella scuola non possono cancellare e compensare. Uno sguardo attento nota in lei una immagine dura e sofferente, che sembra voglia recuperare un tempo andato, come se volesse fuggire da un passato, poi ancora non tanto lontano, che lattanaglia, la turba, la tormenta, quasi loffende. Sono forse i segni amari di un destino sino ad ora rigido e severo ? Nei suoi dubbi, nelle sue incertezze, nelle sue esitazioni, che non rifiuta, ma che invece sostiene, quale strumento rivolto alla ricerca di una futura solidit, avverti infine la voglia fremente di andare sempre in avanti, alla conquista di quello che certamente merita, ma che fino ad ora le stato negato. E il momento del saluto. Le bacio la mano con un delicato tocco delle mie labbra, ma desidero ardentemente baciare le sue. Torna infine la realt. Giovanni Iodice

N. 5 MAGGIO 2013

ARTI FIGURATIVE E ATTUALITA

,
LATTUALIT, pag. 9

MIART: FAME DARTE CONTRO LA CRISI


36.736 visitatori in tre giorni; 140 gallerie, di cui 55 provenienti da 15 Paesi stranieri, suddivise in 4 sezioni ( Established, Emergent, THENnow, Object) con 700 artisti internazionali; circa 3.000 opere esposte e 40 gallerie che hanno partecipato alla fiera internazionale darte moderna e contemporanea per la prima volta; tre premi assegnati, il Premio Rotary Club, Milano Brera per lArte Contemporanea e il Premio Emergent per i giovani artisti. Questi sono i numeri della diciottesima edizione della fiera internazionale darte moderna e contemporanea, diretta da Vincenzo de Bellis, MiArt 2013. Una nuova fiera, pi giovane e pi dinamica, in grado di parlare alla testa ed al cuore senza dimenticare per la pancia, MiArt la prova che in Italia c' una gran fame d'arte e il numeroso e appassionato pubblico dei visitatori e dei collezionisti. Gli addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo hanno toccato con mano un ricco men di opere letteralmente edibili: dal box di patatine fritte installato da Gabriele Picco alla banca del pane elaborata da Stefano Boccalini. Insomma, MiArt si riconfermata occasione doro sia per riflettere sulla continuit fra passato e presente sia per assaporare lalchimia che si crea tra arte contemporanea, galleristi, artisti, appassionati collezionisti ed il mercato, che con le sue regole e le sue bizze capace di impennarsi, sprofondare per poi risorgere e tenere persino in un momento di crisi come questo. Cristina Canci

PITTURA TELEPATICA DI PIETRO SARANDREA SU FACEBOOK


(Anche il virtuale ha unanima) Un giorno, trovandomi a chattare su Facebook con una mia nuova amica, la Sig.ra Isabella Patrizia Scillia; mi fa sapere che una mia collezionista e continuiamo a dialogare virtualmente. Le parlai delle mie performance di pittura telepatica e le proposi di fare un esperimento. Lei da casa sua al Lido di Roma, dopo un breve rilassamento si concentra su una foto a sua scelta, e io da casa mia a Capranica, mi metto in contatto telepatico e comincio a dipingere. Lemozione stata forte in quanto ci conoscevamo da poco tempo e solo virtualmente. Si sono incontrati i nostri pensieri e le anime che hanno dato luogo a questo straordinario avvenimento telepatico. La foto sulla quale la Sig. ra Isabella si era concentrata rappresenta un tramonto sul mare (foto 1), si nota nella parte centrale una siluette scura che in acqua, probabilmente di una donna, per il resto non si notano altri soggetti, io ho dipinto il tramonto sul mare con il sole molto pi grande e ho aggiunto altri elementi (foto 2), il personaggio che in acqua rappresentato nella parte centrale leggermente spostato sulla sinistra,dietro un muso di un lupetto che si trasforma in una mano ( un animale che piace tanto alla Sig. ra Isabella), una strada centrale, una nave; a Isabella piace anche viaggiare, un occhio in una medusa in basso a destra e in cielo alcune grandi stelle. Non voglio fare altri commenti su questo fantastico esperimento telepatico che ha lasciato a me e alla Sig. ra Isabella un ricordo emozionante, come dovrebbe essere larte in genere: trasmettere emozioni. Pietro Sarandrea

Fin. Giovanni Fratangeli della Guardia di Finanza. Eroe della battaglia di cefalonia - Corf 8 settembre 1943 Opera pittorica di Angelo Chiauzzi. Info: chiauzziangelo@hotmail.it Youtube: Chiauzzi Mario Contini, Paesaggio rurale (olio su tela) Per informazioni: Studio darte Tel. 0789.596127 Cell. 336.812356

Liana Botticelli, Bottiglia dai petali rosa

(dedicata allartista Pietro Sarandrea) Vortici inusitati dove le scolpite chimere/ si avvinghiano quasi a destreggiarsi/ tra aneliti e malinconie./ Arte che giunge alla nostra psiche come catarsi/ per ritrovare il volto primordiale dellesistenza/ nellinesorabile succedersi di acqua, fuoco, terra e aria./ Colmi i nostri occhi non di materialismo/ come in un caleidoscopio, riconoscono le emblematiche eccletticit del vivere/ e riscoprono il sublime nellimmenso. Florinda Battiloro (dedicata allartista Pietro Sarandrea) Goccia torna a goccia, mare al mare/ vento ai solchi per profetici raccolti./ Sui brillanti sentieri delluniverso/ i colori guidano le essenze/ e noi distratti dal drago e dai suoi poteri/ rifiutiamo di costruire un mondo fraterno/ per farci adescare dal potere,/ dal denaro,/ dal successo./ Infinitesimale individuo perso nel mondo senza via di uscita. Florinda Battiloro

VORTICI DI VITA

LAUDACE BONELLI. LAVVENTURA DEL FUMETTO ITALIANO


Dopo lo straordinario successo ottenuto in tutta Italia, nellallegra cornice delle sale di Palazzo Incontro, arriva anche a Roma - per la gioia di tutti gli appassionati del fumetto dautore - la mostra dal tema: LAudace Bonelli. LAvventura del Fumetto Italiano. Lesposizione, dedicata al mitico Sergio Bonelli, scomparso di recente, avr luogo dal 20 aprile al 9 giugno 2013 e ospiter, al suo interno, gli ultimi personaggi creati dalla Sergio Bonelli Editore, una retrospettiva su Alfredo Castelli, padre di Martin Mystre e unanteprima sulle nuove serie in uscita. Promossa dalla Provincia di Roma, nellambito del Progetto ABC-Arte, Bellezza, Cultura e organizzata da Napoli Comicon e Civita, la mostra offre dunque una panoramica a 360 gradi sulla Nona arte. Personaggi come Tex, Dylan Dog, Martin Mystre, solo per citarne alcuni, sono stati dei protagonisti leggendari, un caso, quello della industria del fumetto italiano, che non ha eguali al mondo e che conserva, proprio per il carattere familiare e nonostante la celebrit, una grande umilt. In mostra sono presenti oltre duecento tavole originali, divise in sezioni tematiche, disposte cronologicamente a partire dai primordi fino ad oggi, passando attraverso i personaggi principali, le firme prestigiose sia italiane che estere. Qui, il pubblico potr poi incontrare alcuni degli autori in mostra grazie ai dibattiti, alle proiezioni e alle sedute di autografi in programma. Inoltre, verr presentato anche un importante Catalogo, di prossima uscita, che raccoglie contributi critici inediti e immagini rare sulla storia del fumetto dautore. Maria Rita Salustri

SENSO UNICO

Per prenotare le copie del libro, pubblicato per celebrare il Cinquantennale del Movimento Salvemini, cell. 347.0333846

C.G.S. SALVEMINI, DEMOCRAZIA DEGENERATA


La corruzione politica pu essere sconfitta? Un quesito che lAutore si pone dopo un attento esame sul malaffare e sui vari scandali. La conclusione affermativa, ma solo a particolari condizioni. La disoccupazione falcia sempre pi la vita quotidiana. La politica cerca una nuova strada per uscire dal tunnel. La riconferma del Presidente Napolitano riapre la speranza per una nuova rinascita. In questo edificante contesto - si fa per dire - il saggio di C.G.Sallustio Salvemini dal titolo DEMOCRAZIA DEGENERATA appare pi che rappresentativo. Le sue verit, le giuste contestazioni e le sue future scelte politiche, costituiscono lunica speranza per un vero cambiamento. Il Saggio composto da piccoli flash racconta la storia Politica dallinstaurazione della Repubblica sino ai nostri giorni. Una rivisitazione del passato, documentata spesso nei dettagli, per illustrare ai lettori la reale conoscenza di personaggi, episodi e vicende umane, talvolta poco pubblicizzati, ma che hanno svolto un ruolo primario nella esistenza del nostro paese. Nella Prefazione lAmbasciatore Giorgio Bosco, riprende un pensiero di Aristolele sulle varie espressioni Politiche. La Monarchia, lAristocrazia e la Democrazia sarebbero anche accettabili se il potere venisse esercitato nellinteresse del Popolo. Ci per non avviene; pertanto la Monarchia degenera in tirannide, lAristocrazia in oligarchia e la Democrazia in demagogia. Giorgio Bosco conclude: il vero malessere, pi che addebitarlo al sistema, va ricercato in coloro che lo gestiscono attraverso la corruzione, la prevaricazione, labuso di potere per puri interessi personali, violando le stesse leggi che dovrebbero garantire. La chiave di lettura del saggio si fonda soprattutto sulla totale frantumazione delle Istituzioni, gestite da una politica assente o peggio interessata solo al miglior profitto che ha prodotto nel tempo la degenerazione dellintero sistema. Il saggio suddiviso in XX cap. con argomentazioni dai titoli interessanti: Questa Repubblica nata male; Come nasce il debito pubblico; Le Accise assurde della benzina; Sensali di voti. Vi poi unaltra parte interessante che si sofferma sulle varie stragi rimaste ancora insolute; il partito della Lega e le sue spinte secessionistiche; il sistema delle tangenti ed altre problematiche. Una particolare attenzione lautore la riserva alla Legge Elettorale definita Porcellum che come tutti sanno ha ritardato la formazione di un Governo per mancanza di maggioranza al Senato. Il saggio si chiude con un pensiero illuminante. Lautore si chiede se la corruzione politica possa essere distrutta. La risposta positiva, ma solo se la selezione dei candidati avvenisse attraverso il sorteggio e non attraverso elezioni. Non essendovi pi spese da sostenere per campagne elettorali chiunque potrebbe porre la sua candidatura. I programmi ai quali i candidati dovrebbero essere legati sarebbero effettuati in base alle reali esigenze del Paese e il sorteggio eviterebbe a monte ogni illegalit per la scalata al potere. Democrazia Degenerata un saggio che sembra voglia dire a tutti che un vero rinnovamento socio/economico pu realizzarsi soltanto sul ripristino di due principi essenziali: onest e capacit. Gaetano Salvemini, che ha dato origine al Movimento Salvemini, a suo tempo divise gli uomini in due categorie: galantuomini e canaglie. Il suo esilio volontario durante il Fascismo e le inevitabili sofferenze subite hanno rafforzato la selezione, di grande rilevanza, perch il potere non diventi facile preda delle canaglie! Leonardo Zonno

LA PRIMAVERA DEL BOTTICELLI


(seconda parte) Ma accanto a questo esiste anche un significato religioso: nella Genesi il vento inteso come materializzazione dello spirito di Dio nella creazione del Mondo, ed l'alito vitale che Dio trasmette a tutti gli esseri viventi. Nella versione greca del Nuovo testamento inoltre il vento equivale anche all'anima dell'uomo, creatura simile a Dio. Soffiando nelle narici dell'uomo Dio d vita a una creatura speciale, superiore a tutte le altre e quindi, secondo i neoplatonici, anch'essa "creativa" cio in grado di creare anche mediante lattivit artistiche. La fecondit fisica viene quindi paragonata alla fecondit intellettiva. La posizione dominante della Venere sottolinea l'importanza e la centralit di questa figura che, al di l dell'ascendenza puramente classica, rappresenta il tema rinascimentale dell'Humanitas, fondamentale nelle teorie di Marsilio Ficino, principale ideatore del Neoplatonismo. Secondo questa accezione, l'Humanitas, l'insieme delle attivit spirituali dell'uomo, nel quadro sta al centro, con la mano levata, come a dirigere tutto ci che accade e ad indicare le tre Grazie. Queste, per i rinascimentali neoplatonici rappresentano le Arti (le attivit dello spirito) e verso di loro scaglia la freccia anche Cupido, che rappresenta l'amore per queste attivit. Il riferimento alle arti piuttosto chiaro, la pittura ovviamente presente, l'architettura indicata dalla presenza dell'arco al centro, la scultura dalle figure scultoree, la musica, la danza e il canto dagli atteggiamenti e movenze dei personaggi oltre che dalla linea di contorno: mobilissima e "musicale", e colori: note chiare e luminose su fondo scuro, associate come una melodia (Continua) Daisy Alessio

ANDY WARHOL IN MOSTRA AL MUSEO DEL NOVECENTO DI MILANO


Le opere di Andy Warhol saranno in mostra dal 4 aprile fino all'8 settembre 2013 al Museo del Novecento di Milano dove verranno esposte alcune tra le pi note ed importanti stampe importanti dellartista americano, provenienti dalla collezione della Bank of America Merrill Lynch. Andy Warhol, capofigura del movimento artistico della Pop Art, nasce a Pittsburgh nel 1928 e cresce affamato d'arte. Nella sua vita infatti stato attore, scultore, pittore, regista e produttore cinematografico. Warhol mor a New York il 22 febbraio 1987. La mostra Andy Warhols Stardust, precedentemente allestita nelle sale della Dulwich Picture Gallery di Londra, presenta al pubblico una serie di stampe relative ai pi celebri soggetti di Andy Warhol; si parte da stampe come Campbells Soup, Sunset e Flowers, opere realizzate in gran parte dagli assistenti di Warhol poi supervisionate e rifinite dallartista che aveva sempre lultima parola, per passare alla galleria dei ritratti di Warhol: notissimi i volti di Mao Tze Tung, Marilyn Monroe e Che Guevara. Ad informare i visitatori di ci che ammireranno ci saranno brevi testi posizionati a fianco delle opere con nozioni, cenni storici e curiosit utili a comprendere meglio i lavori di Warhol. Secondo Rena De Sisto (International CSR e Global Arts & Culture Executive di Bank of America Merrill Lynch), questa mostra, unica e dinamica, raccoglie una splendida selezione della produzione artistica di Warhol, offrendo ai visitatori una visione approfondita dellopera di uno dei protagonisti della Pop Art. La realizzazione della mostra Andy Warhols Stardust continua De Sisto un capitolo estremamente gratificante del nostro programma Art in Our Communities e rafforza ulteriormente il nostro impegno verso le arti e la cultura in Italia, dove siamo orgogliosi di operare da pi di 50 anni. ORARI: Luned: dalle ore 14.30 alle ore 19.30; da marted a domenica: dalle ore 9.30 alle ore 19.30; gioved fino alle ore 22.30 Isacco Cicala

Il periodico LAttualit, essendo assolutamente libero da sudditanze di vario genere, un organo di stampa interamente autofinanziato

A norma dello Statuto sociale del Movimento Salvemini (16 ottobre 1962) il periodico LAttualit (cartaceo e on-line) super partes. Non pu essere, pertanto, uno strumento di propaganda a favore o contro determinati partiti politici ma un veicolo comunicativo messo a disposizione di chiunque voglia manifestare liberamente le proprie opinioni. Propone riforme istituzionali necessarie e urgenti per moralizzare la vita politica e per realizzare una democrazia sostanziale (modello greco-antico). Attualmente, com noto, la democrazia degenerata in lobby-pluto-crazia, gestita da oligarchi senza scrupoli morali, incapaci di realizzare il diritto al lavoro e la giustizia sociale.

LATTUALIT, pag. 10

CINEMA, TEATRO E MODA

N. 5 MAGGIO 2013

TRANCE: IL MONDO DELLIPNOSI


(Dalla nostra corrispondente da Los Angeles) Il poliedrico regista, produttore e sceneggiatore Danny Boyle, vincitore di un Academy Award per Slumdog Millionair, propone Trance, film thriller che sottolinea la capacit del regista di presentare storie interessanti e originali, evidenziate in molti dei suoi film tra i quali: Shallow Grave, 28 Days Later 127 Hours Transpotting. A Boyle, per la sua versatilit, stata affidata lapertura dei Giochi Olimpici a Londra. Il regista ha sviluppato in Trance un puzzle il cui continuo twist, ipnotizza non solo i personaggi del film in un triangolo emotivo, quanto lattenzione dello spettatore per scoprire dove conduce quel filo dArianna nel labirinto delle possibilit. La sceneggiatura di Trance era stata proposta in precedenza a Boyle dallo scrittore Joe Ahearne. Il regista al momento lo consider un progetto complicato, per cui lo scrittore lo propose con lo stesso titolo come lavoro televisivo nel 2001. Dopo anni Boyle si ricord del progetto facendolo riadattare per il grande schermo dallautore Joe Ahearne in collaborazione con Jhon Hodge . La sceneggiatura sviluppa una tematica provocatoria riguardante la fragilit della psiche umana. Nel rapporto tra sogno e realt, bench divisi da una sottile barriera, c comunicazione. Lipnosi la chiave conduttrice di tale comunicazione, in grado di estrapolare o rimuovere i segreti della memoria. Su questa problematica impostata la sceneggiatura del film. Simon, interpretato da James McAvov, lavora a Londra per una compagnia daste specializzata in dipinti darte. I sistemi di sicurezza allinterno delle sale sono tecnologicamente modernizzati atti a scoraggiare qualsiasi maleintenzionato. Simon, accordatosi con un gruppo di ladri specializzati, organizza il rapimento di un famoso dipinto mitologico messo allasta, Witches in Air datato 1798 del Goya. Il valore del quadro supera i venti milioni di dollari. Il furto avviene durante lasta del quadro. Simon seguito da due guardie, tiene il quadro protetto in una custodia per infilarlo in unapposita buca. Viene fermato da Franck (Vincent Cassel), il capobanda, che gli intima di consegnargli il quadro, Simon reagisce alla richiesta e viene colpito alla testa, mentre Franck scappa con la refurtiva. Al sicuro, Franck con il resto dei complici, scopre che la tela stata rimossa da Simon precedentemente. Simon, finito in ospedale in coma vigile, per il colpo subito, ha perso la memoria. Pur sotto tortura non ricorda minimamente come ricollegare i passaggi fatti con la tela del Goya. Lunica via duscita per tutti ricorrere ad una terapia dipnosi e tra nomi d ipnoterapisti, scelti a caso, Simon decide per Elisabeth (Rosario Dawson). Inizia cos un percorso contorto e pericoloso, gestito dalla terapista, per riportare a galla la verit dal processo di rimozione in atto nella mente di Simon. Franck e Simon, cadono nella trappola del sesso usata dalla terapista e messi uno contro laltro eliminano il resto della banda. Entrambi agiscono ignari dessere pedine per gli scopi incalcolabili della donna che li sta usando. Una storia intelligente e ben diretta sostenuta dai tre protagonisti, specialmente dallattraente e sexy Dawson, nel personaggio della terapista, autorevole e intrigante. Trance uno dei film pi interessanti tra le ultime produzioni in Hollywood. Maristella Santambrogio

IL CINEMA TAGLIA I PREZZI PER I GIOVANI


Prosegue fino al 28 maggio liniziativa rivolta ai giovani, che porta a soli 4 euro il costo del biglietto in ben 25 cinema della Capitale. Nel dettaglio: attiva nelle giornate di luned e di marted, si estende ai giovani fra i 18 e i 30 anni che potranno cos accedere alle proiezioni su ben 100 schermi di tutte le pellicole, escluse quelle in 3D. Il duplice obiettivo di questo progetto quindi quello di incrementare la fruizione di cinema in sala, a discapito della pirateria audiovisiva, e agevolare i giovani nellacquisto dei biglietti attraverso una riduzione dei costi. Le sale sono diffuse su tutta la citt per essere raggiunte da tutti i giovani ha spiegato lassessore Gianluigi De Palo nel presentare liniziativa Spesso cinema e teatro sono i primi tagli che, soprattutto gli under 30, alle prese con il contenimento del proprio budget, sono costretti a fare. Questo un modo per farli tornare al cinema e sostenere un settore importante per leconomia di tutto il Paese. "Un'iniziativa - ha aggiunto l'assessore - che completa tutta la serie di programmi che l'assessorato ha realizzato per dare ai giovani spazi ed occasioni sia per il tempo libero che per il lavoro. L'abbiamo finanziata con i Fondi per le politiche giovanili che dal 2006/2007 non venivano utilizzati". "Vogliamo riportare i giovani al cinema - aggiunge Giorgio Ferrero, presidente dell'Anec Lazio - e agevolarli nell'acquisto del biglietto". Anche Ferrero ha ricollegato l'iniziativa alle difficili circostanze economiche del Paese, sottolineando come i cinema della citt, provati dalla crisi, possono trovare, attraverso eventi come questi, per le quali ringrazio De Palo, le necessarie innovazioni per superare la crisi. Federica Iacovangelo

Gli accessori nella moda, rappresentano da sempre quel quid in piu che caratterizza il nostro abbigliamento e aiuta sicuramente a renderci piu sicuri del nostro aspetto. Gli occhiali rappresentano la ciliegina sulla torta, o meglio sulla faccia, di tutti coloro che prestano attenzione alle tendenze di ogni stagione. Per questa P/E 2013 continua a primeggiare uno stile retr rivisitato, che prende spunto dagli amati e mai dimenticati anni 60 e 70con un design rigorosamente tondo alla Johon Lenon, tartarugati o in colori sgargianti e con montature acetate o in metallo, il tutto abinato a lenti di ogni tonalita che offrono unampia gamma di scelta ai suoi amanti quattrocchi. Designers come Jill Sander e Acne hanno riproposto in passerella uno stile che vacilla tra quello hippy e rock, e perch no, anche un po intellettuale, e che soprattutto a distanza di anni continua a riscuotere un enorme successo. C poi chi come al solito si distacca per offrire qualcosa di nuovo o per lo meno diverso, come Prada, Cavalli e Anna Sui, che optano invece per montatute caratterizzate da cornici bizarre ed eccentriche che ingigantiscono le forme mescolando lironia ad un design cosi dettagliato che verrebbe da cosiderarlo egocentrico. Gli occhiali, anche se nascono con lutilit di proteggere e quasi nascondere quelli che sono lo specchio dellanima, riescono nella moda a valorizzare e caratterizzare sempre ogni lo stile. Ognuno scelga il suo insomma, ma non lasciatevi ingannare dalle foto in passerella, la scelta dellocchiale pericolosa, quindi ad ognuno il suo! Francesca Lancia

OCCHIO ALLOCCHIALE

SPETTACOLO EVER GREEN MASSIMO LOPEZ AL SISTINA CON VARIE- ET


Lo spettacoloVarie-et firmato da Massimo ed Alessandro Lopez, ha lasciato un segno indelebile nel cuore del pubblico romano. Un percorso artistico tra canto, musica, danza e comicit che rimanda a ricordi e suggestioni del passato. Il titolo Varie-et pu sembrare un gioco di parole, ma probabilmente gli autori hanno voluto indagare sullattuale pregio di questo genere di spettacolo, che utilizza diversi linguaggi ed espressioni artistiche, analizzando il rapporto con il pubblico appartenente a varie generazioni. Il risultato di questindagine ha condotto ad una conclusione: il talento, la creativit, la passione e lArte, non appartengono ad un momento storico, ma rappresentano un patrimonio collettivo da valorizzare e salvaguardare anche per le generazioni future... Cos come i classici della canzone melodica e jazz evocano sempre belle emozioni in chi li ascolta. Il Variet potrebbe sembrare qualcosa che appartiene al passato e quindi giunto al tramonto, ma in verit fa parte della nostra storia e del nostro DNA. Oggi pi che mai attuale, rappresenta un ponte tra passato, presente e futuro, si arricchisce di innovazioni, utilizza tecnologie e nuove modalit espressive e di comunicazione. Massimo Lopez ha affascinato e divertito il pubblico con grande energia e versatilit, cantando ed improvvisando scenette comiche esilaranti, a tratti quasi posseduto dai suoi personaggi. Frammenti di musical anni 50, le pi belle canzoni di Frank Synatra, classici della canzone melodica di Modugno, Patti Pravo ecc, egregiamente interpretati dallo stesso M. Lopez, dallottima orchestra Big Band Jazz Company e dai talentuosi ballerini Manuela Scravaglieri e Felice Lungo. Ricordiamo la valida presenza nel cast dellattore Alessio Schiavo. Uno spettacolo raffinato e di classe che riesce a divertire senza essere volgare, donando al pubblico momenti indimenticabili di alto valore artistico. Caterina Zonno

MODA E NON SOLO UN BEL FILM DI GIANCARLO GIANNINI


(a cura di Lucilla Petrelli)
LUCILLE, STYLE COACH! FASHION ARTE. Mai come in questo ultimo periodo la moda e larte si sono incontrate in un connubio di reciproca soddisfazione. Le Maison dellAlta Moda si sono messe in prima fila per salvare alcune opere del prezioso patrimonio italiano ed in alcuni casi anche estero. Lo scorso anno aveva cominciato Salvatore Ferragamo sostenendo la mostra del capolavoro di Leonardo da Vinci SantAnna, la Vergine e il Bambino con lagnellino esposto al Louvre di Parigi. Questanno Fendi for Fountains la Fondazione delle sorelle Fendi, si occuper del restauro salvataggio della Fontana di Trevi e del complesso delle Quattro Fontane allincrocio con via XX Settembre in Roma. La Maison romana come unico mecenate ha contribuito con svariati milioni di euro a reinverdire una delle fontane pi amate nel cinema italiano, come non ricordare la Dolce Vita di Fellini? Altri marchi del fashion si sono impegnati in questa opera di restauro come il gruppo Tods che ha gi stanziato 25 milioni di euro per lAnfiteatro Flavio, uno dei monumenti pi rappresentativi della citt eterna. Da Roma a Milano, dove nella citt meneghina gli stilisti Dolce e Gabbana si occuperanno di risistemare le sale degli Arazzi al primo piano di Palazzo Reale per creare un ambiente particolare dove consultare cataloghi e libri darte. il caso di dire che mai come in questo momento la moda si e si sta impegnando e che oltre il vestito c lago e il filo della riparazione dellarte. NUOVE FRAGRANZE. Non sar sfuggito al pubblico femminile il nuovo spot televisivo girato a New York da Peter Lindberh per il lancio del nuovo profumo maschile Gentlemen Only di Givenchy, con laffascinante attore Simon Baker che passeggia incurante della pioggia e allimprovviso apre lombrello per riparare una bella sconosciuta. Sono bastati poche inquadrature per mandare in visibilio le sue fans. E proprio lui il testimonial di questo profumo cortese unessenza classica erede del vecchio Gentleman del 1975, creato da Hubert de Givenchy, con note eleganti ,un mix di legni e incenso. Un profumo che sapientemente non passa mai di moda! NEWS. Primavera in arrivo senza farci sorprendere. Anche i nostri piedi si preparano alla bella stagione. Dal tacco 12, insopportabile da portare tutto il giorno, alla novit delle Pocket Shoes, le scarpe da borsetta. Flessibili, pratiche, si piegano, si arrotolano, diventano talmente piccole da infilarle in borsetta. Le pi amate sono quelle del brand londinese Butterfly Twists o le Cocorose London tipicamente da sera. E ancora le ballerine di Natkin Paris in morbida pelle vendute con la loro custodia-borsetta. Per chi vuole solo la comodit, c la Dr. Schooll che a prezzi very easy ha la soluzione in tanti colori e materiali. E finalmente per i nostri piedi sar veramente vacanza! LIBRI. Appuntamento in libreria, con volumi belli da sfogliare o con piccoli manuali rivelatori di segreti fashion. Dior Joaillerie e Jimmy Choo XV soddisfano in pieno questa voglia. Il primo per le bellissime fotografie dellarchivio di gioielli della Maison francese, il secondo per celebrare i 15 anni dei sandali pi in voga negli States.

Giancarlo Giannini torna al cinema con una pellicola dalle tinte noir Ti ho cercata in tutti i necrologi. Il grande attore e regista veste i panni di Nikita, un uomo tormentato e dal mestiere sui generis, ossia il becchino. Il film racconta di come costui, trovatosi coinvolto, spiacevolmente, in una partita a poker, vada incontro ad un destino davvero inaspettato. Per poter estinguere il suo debito di gioco, infatti, gli viene proposta la possibilit di una vera e propria caccia all'uomo. I suoi creditori hanno a disposizione venti minuti per trovarlo ed ucciderlo, mentre Nikita dovr cercare di mettersi in salvo, estinguendo cos il suo debito. Una volta sopravvissuto alla caccia, Nikita cade nel vortice del terrore e della follia, fino a che il suo unico desiderio continuare ad essere cacciato. A sovvertire ulteriormente il suo destino lincontro con Helena (Silvia De Santis), una bellissima donna, tra colpi di scena e suspence, fino all'ultimo minuto. Giancarlo Giannini racconta di aver avuto in mente questa storia da molto tempo e di trovare avvincente e provocatoria la storia legata al suo personaggio sofferto ed epico al tempo stesso. In merito ai luoghi e agli scenari, Giannini afferma che sono spazi avventurosi e insieme metafisici boschi e laghi carichi di nebbia, la neve, il deserto nei quali il protagonista pu trovare uno sfondo ideale alla sua catarsi. Esperienza che io stesso, anche se in circostanze diverse dalle sue, ho provato personalmente. La pellicola, che ha ricevuto anche il contributo del Mibac-Direzione Generale Cinema, uscir nelle sale italiane il 30 maggio. Maria Rita Salustri

FESTIVAL DEL FILM-CORTO A ROMA


tornato il Festival Internazionale del Film Corto dal tema: Tulipani di Seta Nera. Un sorriso diverso, presentato a Roma, presso la Casa del Cinema, dal 20 al 22 Aprile 2013. Il Festival di cinema breve, giunto alla sua VI edizione, su idea di Paola Tassone, realizzato dallAssociazione LUniversit Cerca Lavoro, presieduta da Ilaria Battistelli, ed intende dare voce alle varie diversit, promuovendo il lavoro di filmakers che sappiano mettere a fuoco, tramite le immagini, non il semplice racconto di una diversit, ma lessenza della diversit, sapendola sopratutto valorizzare. La conduzione della serata conclusiva stata affidata alla brava e bella conduttrice di Raiuno Veronica Maya e a Christian Floris, quest'ultimo ha condotto con Metis Di Meo anche le due giornate di proiezioni, mentre il Presidente del Festival stato Andrea Roncato. Molti gli ospiti provenienti dal mondo del cinema e dello spettacolo che hanno animato le giornate romane e che hanno contribuito a promuovere le venticinque opere finaliste ritenute di alto rilievo artistico e sociale. La manifestazione ha valorizzato soprattutto i giovani nelle due sezioni speciali dedicate allInfanzia come sentiero di naturalezza ed al Valore della Sicurezza sul Lavoro. Da una parte, quindi, si sottolineata l'importanza dellinfanzia, dallaltra, si scelto di dare rilevanza alla prevenzione e alla sicurezza sui posti di lavoro, aspetto basilare per il futuro dei lavoratori e dei datori di lavoro. Maria Rita Salustri

SNITCH-LINFILTRATO
Esce nelle sale italiane il 1 maggio lemozionante action-thriller di Ric Roman Waugh (Felon - Il Colpevole) Snitch-Linfiltrato. Il film vede la partecipazione di Dwayne Johnson nei panni di John Matthews, un padre che tenta di salvare il figlio diciottenne da uningiusta condanna al carcere. La storia coinvolgente raccontata dal film lo spunto per affrontare fatti di cronaca reali e di forte impatto sociale. Il ragazzo, infatti, viene condannato a scontare dieci anni in un carcere federale per avere semplicemente ricevuto un pacco da un amico che, a sua insaputa, contiene droga. Dal momento che l'unica possibilit di ridurre la sua pena mentire e produrre le prove contro altre persone, il ragazzo, che non conosce i veri responsabili, si rifiuta di incastrare degli innocenti. Pertanto, il padre chiede ed ottiene di infiltrarsi in un pericoloso giro di droga per smascherare, al posto del figlio, alcuni dei veri protagonisti del traffico di stupefacenti. Egli si trover cos coinvolto nelle gangs dei pericolosi narcos messicani e non mancheranno colpi di scena e sequenze ricche di suspence. La sceneggiatura basata su un articolo di Fronteline che svela casi in cui ad alcune persone stata offerta la possibilit di diventare degli informatori, infiltrandosi in prigione, in cambio di una diminuzione di pena. I produttori, il regista e tutti i filmakers che hanno lavorato a Snitch si aspettano che il film, in primis negli Stati Uniti, inneschi un dibattito pubblico sulla necessit di riformare alcune delle leggi in materia, poich sono tante le persone che pur non essendo n degli spacciatori n dei trafficanti vengono incarcerate per aver commesso degli sbagli di valutazione o si sono fidate di amici e/o conoscenti senza una colpa reale. Maria Rita Salustri

UNA GRANDE ATTRICE DI TEATRO


Gabriella Di Luzio (nella foto) da molti anni una firma del nostro Giornale. scrittrice di due preziosi libri, La morte ha bussato alla mia porta, mi sono barricata e non ho aperto e Rapsodia degli amori perduti. una bravissima presentatrice dotata di un carisma particolare. Ha dipinto moltissime tele, che sono andate a ruba, e non basta! Il 14 aprile mi sono recata con alcuni amici allantico teatro Petrolini a Testaccio, dove si presentava una commedia alquanto bizzarra e allegra C un morto in cantina. Lattenzione era proiettata sulla Medium, Carmela, interpretata dalla Di Luzio e dal fantasma Quagliarelli. Veramente bravi, insieme a tutta la compagnia degli attori. Il teatro era al completo. Tantissimi i giovani. Lunghi e calorosi applausi. Al Teatro Petrolini molte sono state le commedie interpretate dalla bravissima Di Luzio. Si esibita anche in altri Teatri romani e a Napoli, sua citt natia. Gabriella, sei veramente grande. I colleghi di questo giornale ti fanno i complimenti pi belli per le tue brillanti interpretazioni e per futuri successiteatrali. Liana Botticelli

IN NOME DEL PADRE


Roma - Serata unica quella del Teatro Golden dove il 15 aprile andato in scena In nome del padre (Storia di un figlio di). Di Augusto e Toni Fornari e di Marco Morandi, per la regia di Toni Fornari. Lo show teatrale un viaggio musicale, nella vita artistica e personale di Marco Morandi. Apre la scena con il volto nascosto e camuffato; vuole nascondersi Marco per non farsi riconoscere come Figlio di E da qui inizia a raccontare la sua vita, i ricordi di uninfanzia costantemente sotto i riflettori e della sua crescita personale e professionale alla ricerca continua di autonomia e di un senso di unicit rispetto al suo cognome. Una autonomia difficile da conquistare quando per tutti sei Il morandino e quando appena ti incontrano la prima domanda che ti rivolgono : Come sta tuo padre? O ancora Come essere figlio di Gianni Morandi?. Dunque dopo che per 40 anni ha cercato, senza riuscirci, di sfuggire a tutto questo, ha deciso di parlarne con uno show, un modo divertente ed ironico per esorcizzare la sua condizione. Il risultato uno spettacolo davvero emozionante e divertente, dove si alternano momenti seri a momenti di leggerezza. Nella sua storia e nei suoi ricordi, Marco porta in scena un momento dedicato a Rino Gaetano (da anni canta nella Rino Gaetano Band) con le sue canzoni ed i suoi oggetti personali, un monologo dedicato a Giorgio Gaber ed una canzone di Lucio Dalla. Marco Morandi non manca di interagire con il pubblico, di coinvolgerlo e di farlo cantare con lui. Insomma un artista completo Marco, molto bravo e maturo. Nel corso dello spettacolo si esibisce in diverse performance: passa dalla commedia alla prosa, alla musica e al suono del suo violino. Dotato certamente di grandi doti canore Marco riuscito a creare la sua strada ed il suo percorso con determinazione, impegno, molto studio e fatica. Una bella serata, tutto esaurito al teatro Golden, che non delude mai per gli spettacoli messi in programma. Alla fine dello spettacolo si rimane davvero soddisfatti, lieti di aver passato una serata divertente fatta di ricordi di un figlio che mostra gratitudine al padre e anche tanta grinta nel voler affermare la sua autonomia. E Marco davvero bravo, ...tutto suo padre potremmo dire! Marco Bartalotta

ENZO JANNACCI LASS


Il 29 marzo ha lasciato la sua amata Milano Vincenzo Jannacci, detto Enzo, che nasce nella citt della Madonnina il 3 giugno 1935 che non lascia neppure sul letto di morte. Enzo aveva 78 anni e da tempo era malato di cancro. Si spento attorno alla clinica Columbus di Milano, dove era ricoverato da alcuni giorni. Jannacci stato un grandissimo cantautore, cabarettista, attore e cardiologo italiano ma in primis milanese. Ha scritto canzoni di grande successo come Vengo anch'io/no tu no e testi sociali come La fotografia e Se me lo dicevi prima, ma stato soprattutto un artista poliedrico, capace di destreggiarsi tra scrittura impegnata e cabaret. Il nome di Enzo Jannacci rimarr scolpito nel cuore dei milanesi e della sua citt che ha davvero tanto amato. Se ne va un grande uomo che ricordava la vecchia Milano a chi l'aveva vissuta a suo tempo e faceva sognare anche i pi giovani con la Milano che non esiste pi, tra il Giambellino, Porta Lodovica e viale Monte Rosa, la Milano resa immortale nei film di Vittorio De Sica, ma anche da Mario Monicelli con Romanzo Popolare, quella Milano che Enzo Jannacci aveva tanto amato. Isacco Cicala

N. 5 MAGGIO 2013

LATTUALIT, pag. 11 con piacere e passione/ arte d'amare e del bacio./ E le labbra congiunte ribaciano/ il bacio per non farlo sfiorire. Anna Cardelli Marena PRIMO AMORE Avevo voglia.../ voglia di fuggire perch temevo.../ temevo di fare peccato peccato mortale./ E tu fuggito sei./ Primo amore/ nostalgia di purezza/ di aurore non godute./ Incomprensibile gioco d'amari intrighi/ distrugge l'universo! Antonietta De Angelis NON ERA AMORE Il tuo erotico amore era solo follia./ Mai nessun sentimento scatur dal tuo cuore,/ eri vuota nell'anima, come un'erba malefica/ ti infiltrasti nel cuore/ distruggendo nell'anima chi credeva all'amore,/ fu soltanto dolore,/ distruggendo la vita/ a quei miseri folli,/ che credevano in te. Liana Botticelli A ROMA MIA Sei bella come er sole a primavera,/ c'a mezzogiorno brilla/ sur Marcaurelio sopra ar Campidoio,/ e quer Cavallo Co superbia dice!! so qua/ e so e Re, che guarda er Vittoriano./ Trestevere er paese de Trilussa ndove/ Le poesie immortalava.a li poveri li legni ie/ Donava, li semi a li passeretti destinava./ Er romanesco lui se lo parlava. /Er Pincio testimone de li baci/ de tutti l'innamorati de st tera./ Er Tevere te serve pe corona,/ li sette colli poi nd li mettemo/ e li Castelli Co li laghi e fiori/ so come li giardini der paradiso/ San Pietro che te fa da gran Regina/ ndove li forestieri so li da tutto er monno/ e p questo ROMA mia te chiameno (CAPEMUNNO). Liana Botticelli VIVI Guardo il tuo profilo:/ vorrei scuotere la tua persona./ Mi fa rabbia il tuo essere passivo,/ l'espressione sempre uguale/ cupa, indecifrabile, amorfa./ Urla, gioisci, piangi./ Vivi. Leda Panzone Natale SENSAZIONI SPENTE Vanno le membra stanche verso la libert.../ Nel buio della tua anima/ scorgo volti nemici,/ turbinii appiattiti di sensazioni spente... Leda Panzone Natale IL VOLO DI UN GABBIANO Se questi giorni avessero un significato,/ potrei smettere di scrivere,/ fermare i1 corso delle ore per restare eternamente/ a pensare che insieme abbiamo un pegno d'amore./ Invece guardo un gabbiano che nel cielo,/ inverte il suo volo/ e non conosce stanchezza come la mia tristezza. Giannina Nardecchia Orsini NATURA Oh madre Meraviglia del mondo/ che saremmo mai noi senza dite;/ senza le tue essenze, i tuoi colori, /senza la fauna privi della flora;/ senza il mare privi degli oceani;/ io perduta ombra umana/ di fronte a te m'inchino/ chiedendoti perdono/ io sono tuo figlio: l'uomo. Francesca Pagano LA CONTADINA DI GIOVI Sul ballatoio largo, apposta per il tempo ciarliero,/ poggia la sporta piena appena mattina,/ l'ingenua bracciante di montagna./ Sui capelli di rossa stoppa/ come corona di regina,/ spunta attorcigliato e fiero il fazzoletto/ di pesante tela, a quadri bianchi e blu./ Furtiva scopre, vergognosa della sua mercanzia,/ il canto basso della cesta/ scura pregna di fumo di focolare. /Sotto gli occhi: sode albicocche lanuginose,/ prugne di pesante oro finto/ e poi ciliegie, uguali a confusi rubini./ Tra i naturali gioielli/ sbucano a sorpresa bianche margherite,/ rose rosa e rustici ranuncoli/ pi simili a cuori di carciofi./ Con mano nodosa e accorta la donna/ conserva la ricompensa del suo lavoro,/ nel fazzoletto avvolto e sacralmente stretto/ da un reggiseno scolorito e informe./ Infiocchettata, esco sull'uscio,/ ed il bacio sicuro, di mia madre,/ si confonde con l'odore di menta forte/ che il fascetto, destinato alla maestra, propaga. Maria Serritiello SOGNO Nei miei sogni/ astratti della notte/ una farfalla vola/ senza posa./ E nellinfinit/ del mio destino/ corre un treno/ altrove.../ Fa male al cuore./ Ma nellimmensit/ del firmamento/ grande lamore/ la gioia/ e anche il tormento./ Dun palpito/ un sorriso nella mente/ va la vita e sa.../ di realt. Vittorio Pesca LA ZUPPETTA La zuppetta der pan Drentro ar vino/ E' 'na benedizione/ Come 'na comunione./ Me fa sent felice/ Vicino a Dio./ Me ricorda mamma/ E puro pap mio./ Poi beatamente me addormo/ E sogno de vol in cima ar monno/ In dove nun c' dolore, sortanto/ Pace e Amore. Nadia Balduini O SIGNORE O Signore/ Con l'Arca di No/ Ci hai salvati e dicesti/ Mai pi Diluvio Universale./ Ma quanti disastri/ Quanta acqua a non finire/ Quante rovine.../ Perdono, sospiriamo/ Per il nostro agire/ Per il nostro disubbidire/ Per il male di vivere/ Nell'egoismo, nel furto/ Nei tormenti, nell'orrore/ Dei folli delitti./ Con la Tua Mano,/ La Tua Luce/ Proteggici o Signore Nadia Balduini PREZIOSO BAGAGLIO Al calar della sera,/ dopo laboriosa giornata,/ quando le nostre membra/ reclamano ristoro e riposo,/ soffermiamoci a riflettere/ sulle azioni compiute/ che, se buone,/ andranno ad impreziosire/ il bagaglio che porteremo con noi/ al momento di varcare la Grande Porta,/ spogli d'ogni bene terreno./ Su corde di cetra/ uniamo dunque gli anelli della fratellanza/ sotto lo sguardo del Creatore/ e riscopriamo d'esser Suoi figli./ Viviamo i nostri giorni/ nell'armonia che alimenta la pace dell'anima./ La Luce di Dio, radiosa,/ ci accompagner per l'eternit. Marcella Croce De Grandis PIOVE Cadono gocce di pioggia, / lautunno dellet / cerca fremiti di speranza / e una rabbia antica / batte le ali / dei palpiti del tempo. / Pensieri contorti / riempiono luniverso / dei ricordi., scorrono / tra oggetti amati / nel silenzio delle ore. / Una luce grigia / della luna, / vinta dalle gocce / della pioggia, / cerca una storia nuova, / dona lo sguardo / per raccontar la vita. / Giovanni Iodice SAN VALENTINO Dentro,/ l, c tanta fretta/ nel mio battito cardiaco,/ una grande passione./ Ma la poesia vive/ in questo labirinto/ con le parole deliziose/ e cioccolatini colorati./ In effetti cos facile da dire:/ I love you!/Un grande giorno di San Valentino! Teresinka Pereira Trad. per Giovanna Guzzardi LA SALITA Scala, strada, ascensore,/ una salita che dura una vita./ Quanti pensieri avvolgono la mente,/ quanto tempo spende la gente,/ passano i minuti, gli attimi fuggenti,/ e le parole che compongono i momenti/ mentre cammino sulla salita /insieme a te urlo viva la vita Mattia Viviano Gianluigi Arenella

LANGOLO DELLA POESIA


fede tanto potenziare./ A te unito con l'Ostia consacrata/ mi sento pi sicuro e felice/ e trascorro con gioia la giornata./ Con tanta fede Dio pregando/ gli acciacchi della vecchiaia/ si leniscono, il corpo sanando./ Tu, Dio, dell'Universo Creatore,/ crei nell'uomo un soffio di vita profondo/ e come un sole splendente in tutte le ore/ illumini chiunque a te si rivolge,/ fiducioso, pieno di fede e di speranza/ e tutto il suo spirito in te si coinvolge./ Rendimi degno di te, Signore,/ operando con fede, seriet e onest,/ cos del giorno liete saranno le ore. Mario Coletti A ELISA Oramai so diventato vecchio:/ Chiuso Frascati ebbona notte ar secchio!/ Ma dovemo di grazzie a mamma RAI,/ che in questa Itaja piena de guai,/ ci rigalato, a Uno MMATINA,/ una vera bellezza itajana:/ la bellissima Elisa Isoardi,/ dai granni, luminosi occhi majardi,/ che addorciscono i femminili sguardi/ e spesso se apreno ar soriso;/ bellissima, pi bella, a limproviso./ Ho detto che so diventato vecchio,/ ma ancora ci bon occhio,/ e la bellezza un dono der Zignore,/ a cui er poeta nun po che renne onore. Sergio Scalia ARZO ER BICCHIERE Questo er Paese de la Dea Cuccagna, /ndo regna un generale magna, magna./ A noi ce tocca de sta a la finestra/ e de magn la solita minestra,/ che ce cucina sta demograzzia:/ la mejo fregatura che ce sia./ Nun sar oggi, nun sar domani/ e mai se svejeranno lItajani;/ faranno sempre comme li montoni:/ a capocciate: muro contro muro,/ cus, de nun fa gnente sei sicuro!/ E a Pantalone, che sempre aspetta e spera,/ intanto noi je dimo: Bbona sera!/ C tempo ancora pe disse bbona notte,/ inzino a che le corde n se so rotte,/ de sta pra chitara un po stonata,/ pe cant la pi bella serenata,/ a le donne itajane, quelle sole/ che ce conzoleno da ste brutte sole./ E a sta demograzzia arzo er bicchiere,/ pe er zor Pagnotta, che fa er su mestiere,/ ch quello de pijacce per sedere. Sergio Scalia AD ALESSANDRO Messaggero di purezza e di innocenza, colorito come il sole, sei arrivato finalmente per diffondere nei nostri cuori commozione e grande gioia. Il tempo, complice del destino, per te ha iniziato il suo cammino sei dei nostri! Tu sei un caro pargoletto generato dall'amore che, libero e possente, sovrasta tempo e destino. Possa, allora, l'amore riscaldare il tuo cuore e rendere coraggioso lo spirito.... sicch il creato possa apparirti sempre luminoso. Il miracolo eterno della vita con te si rinnovato per divina norma e all'unisono intoniamo festoso inno alla vita. Grazie, Alessandro caro, del tuo avvento, tu sei la speranza del rinnovamento. Eri atteso dal tuo Germano, che ti ha preceduto, e compagno sar del tuo percorso. Accoglilo, con amore perch dono del Creatore. Malinconia e solitudine non sosteranno mai accanto a te, rimpianto non avrai dei tuoi trascorsi perch saranno vissuti insieme al caro Lorenzo. Crescerai e conoscerai la realt crudele, tu sappi dare uno scossone alle lusinghe, sii forte e giusto e troverai la luce che illuminer sempre il tuo cammino. Stefano Madonna BACIO Sfiorare lambire le tumide labbra/

PILLOLE DI POESIA
* Dai tuoi occhi verde mare escono lacrime struggenti;/ come cristalli si posano sul tuo viso./ il cuore sofferente che palpita, corre,/ corre come un treno./ Va in cerca della tua perduta felicit. * Come una libellula sfarfalli,/ saltelli sopra tappeti di prati in fiore/ fra petali profumati e papaveri rossi,/ come un dipinto di grandi pittori./ Stringi fra le mani la bianca margherita./ la sua bionda corolla sapr dirti se ti ama ancora. * Limmensit del cielo turchino/ circondato da un mantello di stelle dargento;/ vedo quel mondo divino, celestiale./ La luna appartata dietro una nuvola/ in sordina ci manda un suo raggio./ come un misterioso messaggio astrale. * La sincerit preziosa;/ pu dare al cuore la felicit./ Quando ti accarezza il cuore/ senti un mondo di vero amore./ Ti illudi, solo per un po./ Felice ti risponde No./ Con folle vento, ghignando se ne va/ la sospirata, inutile sincerit. Elena Andreoli Grasso

ALLIMBRUNIRE Cos come il buio avvolge la natura/ io copro d'amore le tue membra stanche/ le carezze avvolgono i tuoi pensieri/ densi di progetti./ Limbrunire attende un nuovo giorno/ pieno di promesse e tra serotini colori/ si compie la magia dellattesa/ serbando il desiderio/ di un vissuto migliore. Florinda Battiloro ARMONIE La tua chioma come sole verso di me/ i tuoi occhi cobalto nel mio mare/ la tua bocca come nuvola sul viso/ e le tue mani suonano una dolce armonia/ nel mistero della vita/ che si compie in questo incessante andare Florinda Battiloro PACE, GIUSTIZIA, LIBERT Sono le parole che tutti non facciamo che ripetere/ ma che nessuno ne conosce il vero sgnificato./ Sono le prime parole del lattante,/ le ripete poi ladolescente,/ ti asfissia con queste parole luomo duna certa et./ Le reclamizzano gli americani, i cinesi, i russi, gli inglesi,/ gente che giunta sulla luna e anche pi in l./ Pace, giustizia, libert?/ Mi sorge il dubbio che anche nella mente del lattante/ non c che un chiodo fisso: imperare nelluniverso. Gilberto La Scala VICINO A TE Sono tanto ricco vicino a te,/ sono tanto povero lontano da te./ Amore, pensiero, sonno, vita,/ tutto ho vicino a te,/ niente ho lontano da te./ A che serve il mio amore/ se non posso amare te?/ A che serve il mio pensiero/ se non posso pensare a te?/A che serve il mio sonno/ se non posso sognare te?/ A che serve la mia vita/ se non posso vivere vicino a te? Gilberto La Scala LA LETTERA DI MAMMA Torno bambino, / una lettera damore / giunta da lontano / porta labbraccio di mamma. / Il pudico candore / delle carezze delle sue mani / mi illude nel sogno, / bacia un mattino / dei miei duri ventanni. / Porta veli dazzurro, / il sapore del paese natio, / il dolce ricordo dei prati, / il piacere dei giochi passati. / Nella tenda sdrucita, / bucata dal ferro nemico / misera alcova al riposo, / giunge la lettera damore, / che porta labbraccio di mamma / a ridonar la speranza alla vita. Giovanni Iodice IL FREMITO DELLANIMA Freme, / le stagioni corrono / senza portare novit, / immersa nel tempo / lanima / prega limmortalit./ Parole nude / rotolano, sadagiano / nel nulla, come / le onde del mare / che increspano la riva. / Lattenzione spenta, / grigia nel passato, / si confonde con le siepi / del dolore, / spia incontrollata / del fremito dellanima./ Giovanni Iodice RENDIMI DEGNO DI TE ! Fa', Signore, che io sappia adorare/ il mistero della tua incarnazione/ e con tanta fede e tanto amore./ Fa' che io possa te ospitare/ nel mio sensibile cuore/ e la

IL DIO DENARO
l uomo il padrone del denaro? Oppure il denaro che ha catturato l'intera umanit? Non conosco la storia del denaro, tanto meno le sue origini, tuttavia la logica mi fa pensare che sia stato inventato per facilitare gli scambi commerciali. Purtroppo fin dai tempi remoti una piccola parte dellumanit (furba, ingorda, avida, prepotente) ha trasformato il denaro in demone assoluto. l'egoismo che sta distruggendo l'intera umanit. Il paradosso che sul nostro pianeta c' abbondanza di materie prime. Oggi si potrebbe lavorare solo per hobby e vivere in pace, perch il lavoro pesante viene svolto dalle macchine. Purtroppo i furbi, i parassiti, approffittando dell' ingenuit delle masse, se ne sono appropriati per il loro egoismo. Non si sono accorti che stiamo tutti soffocando nell'immondizia che ha inquinato cielo, terra e mare, senza calcolare le guerre con armi devastanti. Si fa credere alle masse popolari che tutto si fa nel loro interesse. Qual la causa di questo disastro se non il denaro? Gilberto La Scala

VIENI AMICO
Vieni...ti mostrer ci che amo di pi./ Ci che per me pi vivo e reale/ di qualsiasi altra cosa animata e inanimata./ Vieni... sentirai la dolcezza smuovere il tuo cuore,/ la luce appannare il tuo sguardo.../ Vieni... guarda, si fatto sera, ascolta.../ la natura sta accordando i suoi strumenti. sta sintonizzando le sue armonie./ Conosci forse qualcosa di piu bello del cielo,/ di una dolce serena serata d'autunno? /Sai qualche altro meraviglioso scrigno ove son contenute si tante belle cose? /Ove sono annotate le nostre pene,/ i nostri desii, le nostre passioni/ e le nostre illusioni?.../ Vieni, amico.../ alza gli occhi su questo meraviglioso cielo,/ mira queste stupende gemme, ricorda questi silenti tintinnii,/ vivi e godi il sublime incanto/ di ci che era che , e che sar... Pasquale Chiaramida

VIVERE IN UNA NUOVA COSCIENZA


Viviamo in un'epoca straordinaria anche se spesso siamo convinti del contrario. Da un lato la coscienza dell'individuo e della societa' sembra sgretolarsi sotto il peso di inquinamento, sconvolgimenti dei sistemi sociali, economici e politici, terrorismo individuale e governativo, indebolimento dei valori tradizionali e dei principi morali. Dall'altro lato, ci sono molte persone che si risvegliano, che cercano di conoscersi e di integrarsi e perseguono un risveglio spirituale. Stanno emergendo nuovi gruppi che rivalutano le tradizioni sacre, studiano antiche forme di meditazione e preghiera, riscoprono i rimedi naturali, sperimentano nuovi criteri nelle relazioni umane. Siamo all'alba di una nuova era, la tanto agognata Era dell'Acquario! L'uomo nuovo nel suo cammino evolutivo ha l'intuizione della sua vera natura e comincia a intravedere la realt dietro l'apparenza fenomenica. Cos si schiera coscientemente dalla parte delle forze evolutive e collabora con esse attraverso un sentimento spirituale. Come effetto di questa ricerca l'uomo sente nascere in se' il proposito di purificarsi e di autoformarsi. unautentica "iniziazione", una trasformazione psico-spirituale all'apertura, all'arricchimento e all'elevazione dell'elemento della coscienza. Riassumendo, la grande sfida del nostro tempo per ognuno di noi consiste nello sviluppo della nostra coscienza spirituale, per portare a compimento in totale consapevolezza la Creazione e diventare la "decima gerarchia". I nostro punto di vista sul lavoro, sugli sforzi, le aspirazioni, i sacrifici e le prove viene modificato poich Dio vive ed agisce in noi. Si passer cos da una religione di tipo esoterico che ha visto e cercato Dio all'esterno, ad una religione endoterica che cerca Dio nel profondo dell'essere. Questo cambiamento di prospettiva si associa con una riscoperta del misticismo e dell'ascetismo, in un contesto moderno. Marina Giudicissi

ARGUZIE POETICHE
TRA SATRAPI E SEGRETARI DAZIENDA
Visione puerile di donne e uomini in stile elementare/ per ignoranza industriale del global mondo/ e poca esperienza avuta nel guscio della giovinezza/ onde cauti, esitanti, timorosi, obbedienti allambientalismo opussiano/ ove si soccombe rapidamente per incapacit maggioritaria/ ove si sopravvive in gruppi esecutivi clientelari-assistenziali/ ove simpongono fraternamente ci che Dio, Cristo e Spirito santo/ ha sempre amato: il potere dellecclesia nei conventi e abbazie/ ove ha sempre comandato/ con confraternite assicurative e...alta finanza/ per mafie ecclesiastiche dallastrattismo numerico/ non pi mistero di schede/ notai, commercialisti, assicuratori/ tutti complici nella...mala fede./ Le feste imposte non hanno risolto le svalute monetarie;/ lo stesso gli scioperi. Mariannina Sponzilli (Autrice del pregevole libro Per le ricerche della complessit (Leopardi-Pavese), Ed. Montedit. E-mail: editrice@montedit.it).

ARCHIVIO STORICO
Dalle giornate convulse del delitto Matteotti alla diaspora degli intellettuali, dal carcere delle Murate e dallespatrio clandestino allesilio in Francia, in Inghilterra, negli Stati Uniti lautobiografia politica di un uomo di cultura negli anni neri dItalia, la storia e la cronaca, fitte di personaggi e di avvenimenti, di una irriducibile opposizione al fascismo Gaetano Salvemini (1873-1957) pubblic gi nella rivista genovese Itinerari alcune pagine di ricordi che costituirono il primo nucleo attorno al quale, attraverso successive rielaborazioni, presero corpo queste Memorie di un fuoruscito. (Edizioni Feltrinelli)

Gaetano Salvemini

RIFLESSIONI SULLA FEDE


La fede senza la religione zoppa./ La religione senza la scienza cieca. Albert Einstein ****************** Davvero chiamate morte tutto ci/ Nella luce vicina ma poi cos lontana/ Questa luce che nutre le nostre speranze, verso la stella alta sopra di noi/ Ognuno ha viaggiato con la mente/ Prima del corpo, lo spirito un tempo apparteneva alle stelle/ Lascia solo che questa luce hrilli profonda nel tuo cuore/ nei tuoi sogni su questa terra./ La morte e' un risveglio. Karl Scala (Protagonista di di un caso di pre- morte) ****************** Tutta la natura/ Procede per radiazioni/ Ogni albero/ Ogni fiore/ Ogni filo d'erba./ Sono espressioni/ Del divino/ Sulla Terra/ Sia fatta la Tua volont/ Ebbra di tanta bellezza. Marina Giudicissi Angelini

LATTUALIT, pag. 12

PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI

N. 5 MAGGIO 2013

Quanto cool il vino italiano! Peccato che si beva ormai soprattutto allestero. I produttori italiani vedono infatti nellexport, la continua crescita - siamo i primi a livello mondiale - lunica alternativa alla stagnazione delle vendite sul mercato domestico, penalizzato dalla crisi economica. Il consumo quotidiano di vino in Italia diminuisce costantemente, anche se con nuove tendenze, sempre pi legate ai ritmi della vita moderna: glamour e cultura ma soprattutto biologico. La lista di produttori che aderiscono a questa nuova filosofia sono in aumento e con ottimi risultati; un esempio fra i tanti arriva dal cuore della Franciacorta. Lazienda agricola Lantieri stata tra le prime realt a livello nazionale ad aderire al progetto Ita.Ca (Italian Wine Carbon Calculator), il primo calcolatore italiano, condiviso a livello internazionale, per misurare le emissioni di CO2 in atmosfera, realizzato dallo Studio Agronomico Sata e dalla Facolt di Agraria dellUniversit di Milano. E grazie a unanalisi dettagliata e costante che il bilancio delle emissioni continua a migliorare,valorizzando sempre pi lazienda a beneficio dellambiente. Attraverso il riutilizzo dellacqua piovana inserita nel programma aziendale di razionalizzazione delle risorse territoriali un chiaro esempio di come si possa sfruttare al meglio lambiente. Lazienda infatti si dotata di cisterne per la raccolta di acqua piovana che potr essere reimpiegata per alcune operazioni di lavaggio (pavimenti, alcuni macchinari, bottiglie esterne, etc.), e per i trattamenti antiparassitari, otre alla manutenzione dei giardini. Fabio Lantieri, titolare dellazienda agricola Lantieri de Paratico, ha spiegato che lo scopo principale della sua attivit preservare la biodiversit, cercando di garantire maggior sostenibilit, assumendo la responsabilit di salvaguardare un territorio incomparabile dal microclima unico, come la Franciacorta. Daisy Alessio

UN GRANDE VINITALY DA ESPORTARE PROGETTO: UFFICIO DA ABITARE PASQUINATE MODERNE


Al Salone internazionale del Mobile di Milano stato presentato il Progetto: ufficio da abitare, firmato da Jean Nouvel, architetto francese che ha realizzato progetti in tutto il mondo, tra cui lIstituto del Mondo Arabo, l'Opera di Lione, la Fondazione Cartier a Parigi, le Gallerie Lafayette a Berlino, la Torre Dentsu a Tokyo, la Torre Agbar a Barcelona. I visitatori del SaloneUfficio hanno trovato al centro del padiglione un monolito, misterioso e invitante, con quattro videoritratti di un regista, un filosofo, un artista e uno scrittore che hanno espresso i loro punti di vista sul mondo del lavoro. Seguiva un percorso libero dove scoprire cinque inedite situazioni di lavoro: un appartamento classico ristrutturato e arredato in chiave ultra moderna, con spazi a misura duomo in cui gli uffici risultano pi umani e piacevoli rispetto a quelli ripetitivi e standardizzati; una serie di uffici contigui disposti in maniera razionale e strutturata, con un ambiente di lavoro che si chiude o si apre sugli uffici adiacenti a seconda delle esigenze e dei desideri; un capannone, riconvertito in ufficio, con le sue potenzialit; uno scenario di piani e scaffali da accatastare e impilare che formano un vero paesaggio eterogeneo per forme e materiali. Spazi senza regole tradizionali, quindi, dove in primo piano viene messo piacere del vivere in un ambiente di lavoro confortevole, attraverso la ricerca di nuovi materiali e di nuove tecnologie efficienti e rispettose dellambiente. Un progetto per far abitare gli uffici come si abita la propria casa e la propria citt, perch oggi si abitano i luoghi dove si lavora tanto quanto quelli in cui si vive. Maria Rosa Laria

Risvegliare le coscienze per moralizzare la vita pubblica. Le lobby, pur potentissime, non riusciranno mai ad imbavagliarci. Non apparteniamo alla categoria degli yes men. Siamo salveminiani.

* Il trasformismo dei parlamentari, da oltre un secolo, una prassi perversa che ha fatto degenerare la democrazia italiana. Per calcoli opportunistici di bassa politica un bel numero di eletti dal popolo ha cambiato casacca. Lelenco lunghissimo. Comincia con Agostino Depretis e Giovanni Giolitti per giungere a Scilipoti, De Gregorio e Razzi. Ecco una sintetica panoramica delle onorevoli banderuole: Cicchitto (Psi,Psr, Forza Italia, Pdl), Alessandra Mussolini (Msi, An, Azione sociale, Pdl), Adornato (Pci, Pds, Alleanza democratica, Forza Italia, Pdl), Bindi (Dc, Ppi, Margherita, Pd), Dini (Rinnovamento italiano, Margherita, Pd, Liberaldemocratici), Tremonti (Psi, Alleanza democratica, Patto Segni, Forza Italia, Pdl), Rutelli (Radicali, Verdi, Democratici, Margherita, Pd, Api), Mastella (Dc, Ccd, Cdr, Udeur, Pdl). Per colpa di queste acrobazie esplosa lavversione alla partitocrazia ed cresciuto il fronte degli astensionisti-schede bianche-schede nulle. Auguriamo al Movimento Cinque Stelle di mantenersi incontaminato e di rafforzarsi a tal punto da mandare a casa i politicanti di mestiere e recidere i legami con il malaffare.

INVITO A VIVERE
(a cura di Stefano Madonna)

CONDANNATO PER LE SUE INTENZIONI


Ancora una volta ambientata in America una storia che fa discutere: un poliziotto 28enne, Gilberto Valle, che era solito pattugliare le strade intorno la Columbia University, stato condannato dalla Corte distrettuale di Manhattan dopo 12 giorni di udienze per aver progettato di rapire, torturare, cucinare e mangiare alcune donne, a partire da sua moglie. questo il primo caso di un uomo che viene condannato ancor prima di aver compiuto reato. A denunciare il 28enne poliziotto allFbi stata la moglie che ha trovato nel suo computer conversazioni raccapriccianti: Ho lacquolina in bocca mentre penso a quella donna, a come la manger. Pensavo di cucinarla a fuoco lento, di tenerla viva il pi possibile. Ho in mente di farle fare la fine di un bel tacchino. Ed ancora, in una sorta di macabro crescente: Ma quanto grande il tuo forno? Basta ripiegarle le gambe e ci entrer benissimo. Addirittura la moglie ha trovato alcune registrazioni del tutto inquietanti che luomo avrebbe fatto entrando di nascosto nelle case delle future vittime: Questa mi sembra facile da rapire, vive da sola. Larresto di Gilberto motivato dal fatto che tutto ci che ha scritto e registrato non rientra nelle fantasie perverse di un uomo, ma in un vero e proprio piano per uccidere qualcuno. La maggior parte dellopinione pubblica americana si schierata dalla parte degli inquirenti e dei giudici, puntando il dito contro luomo cannibale ma alcuni giornalisti hanno appoggiato le parole degli avvocati di difesa del poliziotto: Con questa condanna si manda in prigione un uomo solo per i suoi pensieri. Ok, daccordo pensieri orribili, ma sempre e solo pensieri. E in America non si processano le persone per questo. Ci vorrebbe pi attenzione, lopinione pubblica deve pensare che questo pu essere un precedente molto pericoloso per la libert in Rete. Erika Carpinella

ORIGINI STORICHE DELLINAIL


Nel sistema previdenziale italiano riveste un ruolo primario, accanto allINPS (di cui abbiamo gi illustrato le funzioni essenziali), lIstituto Nazionale per lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), su cui riteniamo utile soffermarci in diversi numeri di questa rubrica. La prima normativa in materia di tutela contro gli infortuni sul lavoro rappresentata dalla legge 17/3/1898 n. 80, che introduce la prima forma di assicurazione sociale nel nostro ordinamento. Tale legge imponeva ai datori di lavoro dellindustria lobbligo di assicurarsi per la responsabilit civile dei danni da infortuni sul lavoro occorsi ai loro operai e garantiva ai lavoratori una tutela risarcitoria non solo nel caso di colpa del datore di lavoro ma anche nellipotesi di infortuni dovuti a caso fortuito, forza maggiore o a colpa non grave del lavoratore. Con il D.L.Lgt. 23/8/1917 n. 1450 la tutela venne estesa ai lavoratori dellagricoltura e, con il R.D. 13/5/1929 n. 928 ad essa si affianc quella contro le malattie professionali, limitata in un primo momento al settore industriale e solo molto pi tardi estesa al settore agricolo (legge 31/3/1958 n.313). Il R.D. 23/3/1933 n. 264 ne affid la gestione ad un ente pubblico, lattuale Istituto Nazionale per lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), sorto in sostituzione della preesistente Cassa Nazionale Infortuni. Il carattere pubblicistico della tutela antinfortunistica venne ulteriormente accentuato con il Testo Unico approvato con il R.D. 17/8/1935 n. 1765, che introdusse il principio dellautomaticit delle prestazioni. Giacomo Bove (giacomo.bove@enpaia.it)

LA CORRUZIONE PRODUCE ANARCHIA


Osservando il flusso di eventi che configurano la realt corrente, mi sono imposto di concentrare la massima attenzione su quei fatti che offendono il buon senso, la morale, la giustizia e allontanano rinnovamento indispensabile per ottenere quella pace operosa che lunico modo per affacciarsi davvero alla civilt. Vorrei pervenire alla piena comprensione della causa prima che provoca il verificarsi, con allarmante frequenza, di episodi drammaticamente negativi vi assoluta necessit di un comportamento ispirato a criteri di onest e giustizia. Sovente mi rivolgono domande circa l'attuale situazione e l'evolversi di essa. Allo stato attuale sono dolente di dovere ammettere di non intravedere un qualsivoglia segnale che possa costituire incoraggiante premessa per il superamento della grave situazione di stallo che stiamo vivendo e che ci nega di godere una qualit di vita serena e soddisfacente alla quale legittimamente aspiriamo. Sono perplesso nell'apprendere dell'adozione di provvedimenti che non possono risultare efficaci correttivi e, pertanto, non offrono garanzia di sanatoria dei guasti che hanno arrecato e continuano ad arrecare danno in ogni settore. Vengono feriti quei valori fondamentali che identificano la dignit umana. Sono stati scalfiti in maniera preoccupante i pilastri di ogni comunit socio-giuridica esistente. La minaccia davvero molto seria perch, se non si adotta un nuovo comportamento ispirato a principi di onest di intenti, c' il rischio di un irreversibile decadimento morale. Anarchia e caos sarebbero le inevitabili conseguenze della corruzione che, a mio avviso, rappresentano la causa fondamentale del male che ci opprime e che dobbiamo contrastare con seriet e determinazione. Questo il monito che sento di dovere lanciare erga omnes perch mi insopportabile constatare la persistente antigiustizia e sofferenza di tutte le genti.

VINO E VINITALY NON CONOSCONO CRISI IL RAPPORTO ASSICURATIVO CON LINAIL


Dal 07 al 10 aprile 2013 si tenuta presso la Fiera di Verona la 47.ma edizione del Vinitaly, Salone Internazionale del Vino Italiano e dei Distillati. Era il 22 settembre 1967, quando presso il Palazzo della Gran Guardia di Verona, in pieno boom economico per il Paese, si tenne la prima rassegna del vino italiano, e da quel giorno la manifestazione si ripetuta ogni anno, espandendosi continuamente, in un crescendo di organizzazione da parte degli operatori e di apprezzamento da parte dei visitatori. La rassegna, oltre ad ospitare gli spazi espositivi dei produttori, raggruppati in padiglioni su base territoriale regionale, presso cui possibile degustare le migliori produzioni di ciascun operatore, si compone anche di workshop, buyers club ed aree espositive speciali volte alla promozione del Made in Italy ed al lancio sul mercato delle aziende emergenti. Allinterno del Vinitaly sono inoltre ospitate anche altre manifestazioni, quali: Sol & Agrifood Salone Internazionale dellOlio dOliva Extravergine di Qualit e Rassegna dellAgroalimentare di Qualit; Enolitech Salone Internazionale delle Tecniche per la Viticoltura, lEnologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie; oltre numerose altre iniziative enogastronomiche. Molto nutrita anche larea dedicata a convegni e manifestazioni volte a promuovere il vino italiano nel mondo. Particolare interesse e particolari riscontri di vendita continuano ad arrivare intorno al vino italiano dai mercati cos detti emergenti (Brasile, Russia, India, Cina Sud Africa), che oggi rappresentano sicuramente le economie pi in salute ed in crescita dellintero globo, ed a cui, ormai, tale definizione di emergenti va piuttosto stretta Basti pensare che in questa edizione stata ospitata una delegazione proveniente dalla Cina di n. 50 membri con a capo il Ministro del commercio estero del paese asiatico. Il Vinitaly davvero una rassegna espositiva che non conosce eguali, dove si pu vivere una continua ed al contempo irripetibile emozione E allora si capisce che il vino non solo agricoltura, non solo alimentazione, ma soprattutto storia e cultura di un paese unico al mondo. E probabilmente oggi pi che mai il vino rappresenta uno dei biglietti da visita che al meglio riesce a racchiudere i pregi dellItalia, soprattutto in un momento storico cos particolare e travagliato. Il vino italiano rappresenta pi che mai ricerca, sviluppo, identit ed unione. Desideriamo concludere la carrellata di emozioni che la Fiera riserva ai suoi visitatori con un ulteriore breve accenno ai numeri, poich davvero le cifre ed i successi del Vinitaly non sono semplici dati statistici, bens sensazioni tangibili di un fenomeno che varca positivamente i suoi stessi confini. Gli espositori delledizione 2013 sono stati ben 4.200 su unarea espositiva di ben 95.000 mq. E soprattutto le presenze dei visitatori hanno raggiunto quota 148.000 con un incremento del 6 % rispetto al 2012, nonostante il biglietto dingresso abbia un costo adeguato allofferta della rassegna. Questi numeri fanno davvero ben sperare, per un settore che rappresenta oltre ad unottima immagine per lItalia, anche unimportante voce dellattivo della nostra bilancia commerciale. Basti pensare che nel mondo intero, ogni dieci bottiglie di vino consumate, due sono state prodotte in Italia... Ci auguriamo davvero che nel futuro lAmministrazione pubblica sia sempre pi in grado di sostenere unattivit davvero unica per la nostra economia. Alessandro Massimi

ASSICURAZIONE PER LE MALATTIE PROFESSIONALI


Costituiscono loggetto dellassicurazione INAIL linfortunio sul lavoro e la malattia professionale. infortunio sul lavoro linfortunio che avviene per causa violenta - rapida, concentrata nel tempo - in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o una inabilit permanente al lavoro o una inabilit temporanea assoluta che comporti lastensione dal lavoro per pi di tre giorni. La malattia professionale si differenzia dallinfortunio per la natura del suo rapporto con il lavoro, in quanto contratta nellesercizio - protratto nel tempo - e a causa delle lavorazioni esercitate. Lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali unassicurazione sociale con funzione indennitaria: lindennizzo dovuto dallEnte assicuratore non pu mai superare limporto del danno sofferto dallassicurato.Una delle caratteristiche sostanziali che differenziano lassicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dalle assicurazioni private lautomaticit delle prestazioni. Per il principio di automaticit delle prestazioni, infatti, la tutela assicurativa comprende anche i casi in cui il datore di lavoro non abbia regolarmente versato il premio assicurativo. Nel caso dei lavoratori autonomi, che hanno la duplice veste di assicurante e di assicurato, il diritto resta sospeso - per le sole prestazioni economiche - fino al versamento del premio dovuto. Il principio di automaticit delle prestazioni non si applica agli infortuni in ambito domestico, per i quali il diritto alla rendita decorre dal giorno successivo alla data del pagamento del premio. Giacomo Bove

LINAIL, nella sua veste di ente pubblico non economico, tutela il lavoratore contro i danni fisici ed economici derivanti da infortuni e malattie causati dallattivit lavorativa e solleva il datore di lavoro dalla responsabilit civile conseguente al danno subito dai propri dipendenti e parasubordinati, salvo i casi in cui sia riconosciuta la sua responsabilit per non aver rispettato le norme di prevenzione e igiene sul lavoro. Allassicurazione presso lINAIL sono tenuti obbligatoriamente tutti i datori di lavoro che occupano lavoratori dipendenti e parasubordinati nelle attivit che la legge individua come rischiose. Gli artigiani, i pescatori autonomi e associati in cooperative e compagnie della piccola pesca ed i lavoratori autonomi dellagricoltura sono tenuti ad assicurare anche se stessi. La legge 3/12/1999 n. 493 ha introdotto lobbligo assicurativo anche per le casalinghe. Tutte le attivit lavorative sono divise in quattro gruppi, detti gestioni, cui corrispondono altrettante tariffe con diversi tassi di premio per ogni lavoro compreso nella specifica gestione tariffaria. Le gestioni sono: industria; artigianato; terziario; attivit varie. Sono tutelati dallINAIL tutti coloro che, addetti ad attivit rischiose, svolgono un lavoro comunque retribuito alle dipendenze di un datore di lavoro, compresi i sovrintendenti ai lavori, i soci di societ e cooperative, gli apprendisti, i parasubordinati, i dirigenti, gli sportivi. Sono esclusi gli impiegati, i quadri e i dirigenti agricoli, la cui tutela antinfortunistica gestita dallENPAIA. Sono altres tutelati dallINAIL gli artigiani, i pescatori autonomi e associati in cooperative e compagnie della piccola pesca ed i lavoratori autonomi dellagricoltura. La citata legge 493/1999 tutela chi, in et compresa fra i 18 ed i 65 anni, svolge in ambito domestico attivit, gratuita e non subordinata, per la cura del nucleo familiare. Giacomo Bove

INFORTUNI SUL LAVORO


Attualmente, la fondamentale disciplina dellassicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali contenuta nel Testo Unico approvato con il D.P.R. 30/6/1965 n. 1124, nel quale sono riunite tutte le norme che regolano lassicurazione in questione sia nel campo industriale sia in quello agricolo. Su tali disposizioni intervenuto il D.Lgs 23/2/2000 n. 38 con cui, fra laltro, stato esteso lobbligo assicurativo per nuove categorie di lavoratori quali i dirigenti, i lavoratori parasubordinati e gli sportivi; stato realizzato un nuovo sistema di classificazione tariffaria; la copertura dellassicurazione stata integrata con la tutela indennitaria del danno biologico e dellinfortunio in itinere; stato effettuato un riordino dellassicurazione infortuni in agricoltura; stato istituito il registro nazionale delle malattie causate dal lavoro o ad esso correlate; stato attribuito allINAIL il compito di esercitare anche attivit di consulenza in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Con il D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, aggiornato e modificato dal D. Lgs. 3/8/2009 n. 106, si sono ampliate le competenze dellINAIL in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Esso prevede la partecipazione dellINAIL al "Comitato per lindirizzo e la valutazione delle politiche attive e per il coordinamento nazionale delle attivit di vigilanza in materia di salute e sicurezza sul lavoro". Prevede anche listituzione del Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro, cui lINAIL partecipa garantendone la gestione tecnica ed informatica. Il D.L. 31/5/2010 n.78, convertito dalla legge 30/7/2010 n. 122, ha disposto la soppressione e lincorporazione nellINAIL dellISPESL (Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza sul lavoro) e dellIPSEMA (Istituto di previdenza per il settore marittimo), gettando cos le basi per la costituzione di un Polo nazionale per la salute e la sicurezza nel lavoro. Giacomo Bove

SINGOLARE AVVENTURA PER DUE UNIVERSITARI


Lo scorso 20 marzo, due ragazzi poco pi che ventenni sono divenuti inconsapevoli protagonisti di una particolare avventura. I due, dopo essere entrati allinterno di un circolo sportivo romano intorno alle 23.00, non sono stati notati dalla sicurezza del club, che li ha chiusi dentro. Dopo aver constatato lirreperibilit di qualsiasi associato al club, i due ragazzi G.L. e G.A. , per evitare di passare la notte allinterno del circolo, si sono rivolti a Carabinieri e Polizia Municipale. Le autorit, trattandosi di propriet privata, si sono trovati impossibilitati ad effettuare ogni genere di azione. Fortunatamente per i due, il guardiano notturno del club, dopo un paio dore, ha notato la loro presenza. Luigi Giorgi

SICILIA, TERRA MISTERIOSA


chiamata terra dOccidente. Trapani, Alcamo, Calatafini, Segesta, Campobello di Mazara, Castellammare del Golfo, Castelvetrano Selinunte, Erice, Mazara del Vallo, sono citt ricche di Storia, di tradizioni e di cultura. La loro natura incontaminata, con spiaggie, vigneti, uliveti ed una ricca gastronomia tipica del luogo. Lantica cittadina di Erice ha tre millenni di civilt. Era il pi fiorente santuario dedicato alla Dea della fecondit e dellamore. Le sue mura elico-uniche risalgono al VI e VIII secolo a.C. Chiamata Citt della scienza e della Pace per la presenza del Centro di Cultura scientifico Ettore Maiorana diretto dal Prof. Antonino Zichichi. Nella cittadina mediovale ci sono chiese e monasteri del XIII secolo. Anticamente le suore producevano stupendi tappeti, borse, ed altro, con stoffe multicolori. La cittadina si erge sopra il Monte Erice dove la luce del sole splende al profumo dei fiori. Liana Botticelli

N. 5 MAGGIO 2013

PROBLEMATICHE STORICHE E SOCIALI

LATTUALIT, pag. 13

NON C ROSA SENZA SPINE


Il sentimento dellamore uno dei grandi misteri dellesistenza umana. Sfugge ad ogni analisi razionale. Nasce e si sviluppa autonomamente, al di fuori e al di sopra della logica umana. inafferrabile. incontrollabile. Quante volte abbiamo sentito la frase Al cuore non si comanda? Lamore tra due umani pu essere fonte di gioia e di sofferenza, pu creare armonia e incomprensione, contemporaneamente. Lamore pu essere paragonato ad una rosa perch non pu germogliare senza spine. un sentimento che pu spiazzarci, specialmente quando siamo molto giovani, inesperti, impreparati. Pu donarci felicit e pu anche travolgerci come un uragano. Pu svilupparsi in armonico equilibrio ma pu anche trasformarsi in doloroso tormento. un sentimento difficile da gestire. Alcuni sono costretti ad accettare antipatici compromessi allo scopo di evitere scontri traumatici. C un solo modo per vivere lamore che produce felicit: accettarlo come una grazia concessa dal Creatore a tutti gli umani. Purtroppo, non tutti riescono a capire questa elementare verit. Gli incapaci di capire sono coloro che hanno un sasso al posto del cuore. Rosanna Sinopoli

ETRUSCANNING FA RIVIVERE IL PASSATO


La tecnologia fa ormai passi da gigante e a noi data la possibilit di fare un salto in un passato molto remoto. Come? Grazie al progetto europeo Etruscanning messo a punto da un team internazionale di cui fa parte lIstituto per le tecnologie applicate ai beni culturali del Consiglio nazionale delle ricerche italiano (Itabc-Cnr). La tecnologia 3D stata ancora una volta messa al servizio della storia, dellarcheologia e dellarte; infatti Etruscanning stata applicata alla celebre tomba Regolini Galassi, una cripta nobiliare a tumulo scoperta nella necropoli di Cerveteri nel 1836, ancora intatta, e divenuta molto famosa per il ricco patrimonio che custodiva sin dalla met del VII sec. a.C., e che stata ricostruita virtualmente nei Musei Vaticani. La tomba, finora visitabile su richiesta, sar dora in poi visitabile ed esplorabile virtualmente, dal pubblico del museo grazie allutilizzo di un modello di interazione basato sulluso di interfacce che rilevano i movimenti e i gesti del visitatore. A partire dai rilievi 3D con scanner laser, la tomba stata ricostruita filologicamente come appariva in et etrusca e tutti gli oggetti del corredo funerario ritrovati al suo interno sono stati ricostruiti in 3D, virtualmente restaurati e ricollocati nella loro presunta posizione originaria. Grazie a questa ricotruzione il visitatore potr avvicinarsi agli oggetti, toccarli, e muoversi allinterno dello spazio senza usare joystick, mouse, tastiere ma con il solo movimento del corpo, grazie ad un approccio percettivo motorio altamente innovativo, che potr avere un grande impatto nella fruizione museale e del patrimonio. Cristina Canci

PER NON DIMENTICARE


(a cura di Vincenzo Cal)

COME SUPERARE LA RECESSIONE ?


In streaming, sul suo blog, Beppe Grillo comment il successo morale di M5S alle elezioni con la promessa di non fare inciuci col Pd n col Pdl, insistendo a discutere di reddito di cittadinanza alla faccia di Bersani & Berlusconi che hanno portato il Paese, sempre a suo dire, alla catastrofe, e che andranno avanti 6/7 mesi ma a stretto controllo, perch restituire lItalia specialmente a Berlusconi sarebbe un crimine. Le parole del comico genovese, di chiusura speciale al Pd, (arrivando a ritenere Bersani come un morto che parla, che dovrebbe dimettersi) scatenarono per la reazione sul web della base di M5S con centinaia di commenti contrari, che invitarono a lavorare col Centrosinistra senza tornare al voto. Unelettrice lanci addirittura una petizione in cui si chiese espressamente dappoggiare Bersani, che raccolse 15mila firme in poche ore. Grillo twittando smuss lostilit verso Bersani dichiarando di essere propenso a votarlo alla luce di un provvedimento per labolizione dei contributi pubblici ai partiti. Nessuno pu ignorare il valore della governabilit: Un messaggio di stabilit andava lanciato da subito. Renzi ha sostenuto che non si esce vivi offrendo la Camera a Grillo & Berlusconi, e che bisogna rimettersi in sintonia con gli italiani invece di giocare al compro/baratto/vendo dei seggi grillini. Il ministero delleconomia segnala intanto diversi aspetti positivi. Sugli ndicatori di fiducia la situazione risulta peggiore delle previsioni in tutta Europa, lagenzia Fitch ha tagliato il rating dellItalia a BBB+, da A-, con outlook negativo. La recessione in atto una delle pi profonde in Europa, con il rischio che si possa prolungare, a scapito dello sforzo di risanamento del bilancio. Fitch prevede una contrazione del Pil nazionale dell1,8% per questanno, mentre il debito sale al 130%. Al nuovo Governo potranno essere richieste ulteriori iniezioni di capitale. Il sostegno esterno, per un aiuto potenziale, dal fondo monetario europeo Esm e dalla Bce, ridurrebbe laggravarsi di una crisi di liquidit statale. Serve una ripresa economica (e altre riforme strutturali che rafforzino la competitivit), per agevolare la ripresa occupazionale che, secondo il presidente Istat, Giovannini, soffre a causa dellincertezza elettorale.

VERSO LA COMPRENSIONE INIZIATICA DELL'ESPERIENZA IN PROSSIMIT DI MORTE


Il S non nasce mai n muore, essendo sempre stato. Non pu cessare di essere. Non nato, eterno, permanente, antico, non ucciso quando il corpo viene ucciso (Bhagavad- Gita). Negli anni recenti, nell'ambito scientifico, si assistito con particolare interesse allOrdine Concettuale in un set di disparate esperienze di tipo paranormale o mistico, tra cui si annoverano le esperienze in prossimit di morte. Gli studiosi piu' attenti tra cui Ring, Sabon e Moody negli Stati Uniti, Paola Giovetti in Italia, hanno raccolto una grande variet di testimonianze vissute da persone di et, ambiente sociale ed estrazione culturale diversi, la cui caratteristica quella di presentare una certa struttura di base. Da persona che stata protagonista di uno straordinario passaggio di morte e rinascita, vorrei dare il mio contributo allo studio di queste ormai divulgate esperienze sottolineando gli aspetti cognitivi e spirituali implicati nel processo di trasformazione che questa esperienza determina. La rivelazione di esistere oltre i confini della materia, di parecipare a una realt che non limitata da confini di tempo e di spazio e la cui essenza libera dalla paura della morte amplia i confini del proprio vissuto esistenziale producendo conseguenze di tipo affettivo, esistenziale e spirituale. un viaggio nello spazio trascendente, sviluppa i valori della conoscenza e dell'amore e naturalmene fa cadere attaccamenti, passioni e vanit. Valutando questi aspetti spirituali, vorrei aggiungere che in uno degli ultimi articoli di K. Ring, l'esperienza in prossimit di morte paragonata ad un viaggio sciamanico di iniziazione. La nostra l'epoca dell'anima cosciente, in cui ogni individuo dovr penetrare nei mondi spirituali in piena cognizione, spenta ormai l'antica epoca di chiaroveggenza spontanea. Ogni creatura parteciper cos al sorgere di un'epoca cristica e sar chiaro, per ognuno, il disegno divino e ci che realmente il Creato ha voluto per lui. Io, forse indegnamente, posso testimoniare sulla bellezza che accompagna la nostra morte, sulla presenza dell'essere di luce che ci attende alla fine del cammino, in una parola testimoniare ci che esiste al di l della soglia. Marina Giudicissi

LE VIE DEL FUORI SALONE SONO INFINITE


Salone del Mobile? Il bello il fuori: da anni, gli eventi del Fuori Salone che punteggiano la Milano Design Week sono tra i pi apprezzati dal pubblico meneghino e non. Mostre, concerti, performance, design-food, dj-set ma anche eventi per bambini, reading e laboratori, clima informale, presentazioni multi-lingue, wi-fi per tutti, happy hour a suon di musica: il Fuori Salone non un accessorio del Salone del Mobile, ne il complemento. Ben lo sanno i milanesi, il pubblico giovane di creativi e i tanti visitatori stranieri calati in citt che hanno ormai imparato a conoscere lanimo della Milano creativa, una Milano finestra sul mondo del design e citt, pi di ogni altra, della creativit, della qualit e del cambiamento. Le vie e gli eventi del Fuori Salone sono (pressoch) infinite: tra zona Brera, zona Tortona, fulcro per eccellenza e cuore pulsante del Fuori Salone, zona Ventura lex quartiere della Lambretta, dellInnocenti e della Faema e la neonata Porta Venezia in design, si snodano pi di 700 eventi tra cui Mi Gusto Tortona 2013. Qui, nel cuore pulsante del Fuorisalone, il vino e i cibi pi esclusivi si uniranno per diventare arte combinando laspetto della filiera agroalimentare di qualit con la creativit di cuochi di livello internazionale. Cristina Canci

BENVENUTO ALESSANDRO
I coniugi Ester e Luca Madonna, felici e commossi, annunciano la nascita del loro secondogenito Alessandro. Auguriamo al novello abitante del nostro pianeta un orizzonte libero e radioso, senza pene e senza affanni. Possa il cammino del suo tempo essere stagione serena, disseminata di successi e gioie in un mondo rinnovato e pi giusto. Stefano Madonna

ARCHIVIO STORICO
Pubblichiamo due pagine del libro di Enzo Tagliacozzo, pubblicato nel 1959 dalla casa editrice La Nuova Italia. Il capitolo intitolato:

DEPUTATO AL PARLAMENTO
Quando Salvemini entr in Parlamento (1919) la Camera era in grave crisi. Il governo Nitti aveva mantenuto una politica di stretta neutralit durante le elezioni del 1919, e la Camera da esse uscita rifletteva quindi lo stato danimo di profondo malcontento che esisteva nel Paese. Furono eletti 156 socialisti e 100 popolari, i quali avrebbero potuto mettere insieme una lieve maggioranza di 256 su 508 deputati, se non fossero stati gli uni contro gli altri. I rimanenti 7 seggi, in numero di 252, erano suddivisi fra vari gruppi minori: nazionalisti e liberali a destra; democratici, giolittiani, radicali, socialisti riforrnisti e combattenti al centro ed al centro-sinistra. I 156 socialisti costituivano il gruppo pi forte, ma i massimalisti erano assai pi numerosi dei riformistil e condannavano il partito ad una costante oppsizione. Il grosso dei deputati socialisti consideravano il Parlamento come unistituzione borghese da sabotare. Essi votavano contro ogni ministero, e ostacolavano il normale funzionamento della Camera interrompendo gli oratori, rovocando degli incidenti, quando non venivano alle mani coi deputati di estrema destra. Per formare un gabinetto, occorreva una coalizione fra popolari ed i gruppi di centro; ma il sospetto con cui i democratici ed i conservatori seguaci della tradizione laica del Risorgimento guardavano i predecessori degli odierni democristiaui, rendeva instabili le maggioranze parlamentari e causava frequenti crisi ministeriali. Durante gli anni di guerra le sessioni parlamentari erano state rare, ed il compito di amministrare il paese era stato lasciato quasi completamente ai ministri i quali governarono per mezzo dei decreti legge. Per girare lostacolo costituito dallostruzionismo dei socialsti, il Primo Ministro Nitti trov conveniente contiuare a servirsi di decreti legge. Quindi i problemi pi importanti non erano discussi colla dovuta calma, o non erano discussi affatto dal Parlamento, ed i deputati erano invitati a votare in gran fretta numerosi decreti che a volte non avevano avuto neanche il tempo di studiare. Nitti si assentava spesso da Roma per partecipare a conferenze internazionali, e durante quelle settimane il Parlamento restava chiuso. Se si eccettuano poche discussioni generali venivano affrontati alla rinfusa i pi diversi argomenti, il Parlamento funzionava roco e male. La situazione miglior nel luglio del 1920 quando and al potere Giolitti, ma torn a peggiorare sotto i suoi deboli successori. Prima ancora che Mussolini vibrasse il colpo mortale al Parlamento, questo era stato indebolito dalla prassi degli anni di guerra, ed era minato dal sostegno dellestrema destra nazionalista e lestrema sinistra socialista. Entrato in Parlamento dopo anni di lotte in cui aveva rischiato piu di una volta la vita per combattere i disonesti metodi elettorali di Giolitti, Salvemini dov presto convincersi che non vi era molta possibilit per lui d contribuire a quel lavoro di serie riforme a cui si era preparato con lunghi studi. Scopr con meraviglia che molti deputati non sinteressavano seriamente di politica, non avevano opinione proprie e si accontentavano per lo pi di ripetere gli argomenti trovati negli articoli di fondo del loro giornale...

LA COSTRUZIONE DEL PONTE: L'ANTAKARANA


Lessenza dello sviluppo spirituale la costruzione di un ponte fra l'anima e la personalita' in modo che si possa stahilire una comunicazione. In sanscrito questo ponte chiamato "Antakaranana" e viene descritto come un canale attraverso cui le energie dell'anima possono riversarsi con sempre maggior forza in quei vortici che esistono nel corpo, conosciuti con il nome di chakra. Nell'uomo medio solo il 5% dell'energia dell'anima a disposizione della Personalit, ma con la meditazione possibile creare una testa di ponte, nella quale poggiare l'Antakarana o scala di Giacobbe: quando l'anima in grado di fluizionare completamente nelle sue varie personalit, abbiamo quella che definata personalit infusa d'anima. La scienza dello sviluppo spirituale uno dei compiti pi difficili che l'uomo possa decidere di affrontare, infatti, per trovare il Paradiso, bisogna sviluppare le qualit del paradiso stesso. Per entrare nel dominio in cui esistono l'amore e la compassione, dobbiamo innanzitutto manifestare queste qualit in noi stessi. In altre parole dobbiamo imparare a coltivare abitudini e virt, in modo che entrino a far parte della nostra natura. Per questo motivo, negli insegnamenti di tutte le scuole esoteriche, lo sviluppo delle doti etiche e morali sempre stato un prerequisito fondamentale. Successivamente, al discepolo vengono affidati metodi e tecniche per accelerare il lento processo dell'evoluzione. Nel Raja Yoga, il classico sistema di meditazione descritto dagli yoga Sutra di Patanjeli, troviamo gli yama (le cinque astensioni) e i niyama (le cinque regole) che rappresentano il primo e il secondo degli otto mezzi che lo yogi ha a sua dispsposizione per raggiungere Samadhi, esplicando la supercoscenza. Il progresso spirituale viene registrato dal discepolo innanzitutto come aumento della sua capacit di organizzare la vita di tutti i giorni, come la crescita delle sue responsabilit nella cura della sua posizione nel piano del Logos planetario, come capacit di eliminazione, nella misura in cui lo scopo dell'Anima si pu esprimere, come aumento della consapevolezza, della comprensione e come espansione della coscienza della vita. Marina Giudicissi

ARCHIVIO STORICO
Nel frontespizio del libro di Michele Di Rienzo citata una osservazione fatta da Gaetano Salvemini sulle difficolt che il processo federativo europeo incontrava neglia anni 50: Lostacolo fondamentale e nelle nostre menti, non in una difficolt obiettiva. Ci troviamo qui di fronte non a un problema tecnico, ma a un problema morale o addirittura a un problema religioso... Siamo noi cittadini che dobbiamo risolvere il problema delle nostre coscienze. Gaetano Salvemini Il libro stato pubblicato nel 1978 dallUniversit Popolare Molfettese

PIETRO SARANDREA: ANCHE IL VIRTUALE HA UNANIMA


Nella foto accanto lArtista Pietro Sarandrea, geniale inventore della pittura telepatica, riceve le congratulazioni di alcuni critici darte nella Show Room di Frosinone (Via Monti Lepini, 158) dove ha registrato un grande successo con la Mostra Calda Termoquadri che ha avuto luogo dal 23 febbraio all11 marzo. Info: tel. 0775.898157 Cell. 335.6162835

LATTUALIT, pag. 14

EVENTI DI STORIA E DI ATTUALITA

,
N. 5 MAGGIO 2013

CARI ANIMALI DOMESTICI, QUANTO VI AMO


scoppiata la pet care mania: in Italia sei famiglie su dieci hanno un animale, non solo cani e gatti, ma anche rettili, roditori, volatili. Per essi il mercato sforna di continuo cibi, giocattoli, servizi di ogni genere alimentando un vero e proprio business del pets world (dallingl: il mondo degli animali). E cos non pi novit un localizzatore Gps o un guinzaglio smart, un grattatoio in legno istoriato, un collare di swarosky o il packaging in plastica riciclabile al posto della tradizionale e demod ciotola. Addirittura la tecnologia ed i cellulari touch screen super intelligenti hanno cavalcato londa della moda della pet care, proponendo le App con le nozioni base di un pronto soccorso veterinario o con i segreti di un buon addestramento, lapp del geo segnalatore delle aree cani situate nelle vicinanze, e quello del memo su cui tenere nota di quando il cane ha fatto i bisogni, ha mangiato e ha bevuto. Anche il web offre un contributo importante, proponendo molti siti ad hoc che dispensano consigli su alimentazione, allevamento, addestramento, cure per una buona longevit dellanimale. I business della pet care sono sostanzialmente tre: il cibo, la salute, gli accessori. LItalia il primo produttore di cibo per animali in Europa, a cui segue Gran Bretagna e Germania e lalimentazione del pet si fa sempre pi sofisticata, dalle diete speciali per combattere allergie e intolleranze ai prodotti gourmet. Ma quali sono gli accessori pi strani? Si va dalle scarpette all terrain idrorepellenti (che proteggono i cuscinetti delle zampe dei cani) alle bandane raffrescanti in cristalli di polimere riutilizzabile. Quando si dice lanimale domestico proprio un grande impegno. Erika Carpinella

PERCH GES NON HA DIFESO GLI ANIMALI ?


(Seconda parte) Mentre non riportato chiaramente che Ges in qualche circostanza abbia mangiato della carne, il pesce stato da Ges sicuramente consumato: - Avete qui qualcosa da mangiare? Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangi davanti a loro. (Lc:24, 41) Per se Dio fosse indifferente alla sofferenza e alla morte delle sue stesse creature la sua volont sarebbe a discapito della sua opera e questo contrasterebbe con lidea di una divinit giusta che crea gli esseri per loro vantaggio e imprime leggi che servono alla loro evoluzione. Molti sono gli episodi in cui il pesce rientra nella vita di Ges: - Gettate le reti dalla parte destra della barca e troverete, la gettarono e non potevano tirarla su per la gran quantit di pesci. (Gv 21, 4) - Appena scesi a terra videro un fuoco di brace con del pesce sopra e del pane: Portate un p del pesce che avete preso or ora. Allora Simon Pietro sal sulla barca e trasse a terra la rete piena di 135 grossi pesciGes disse loro: Venite a mangiareAllora Ges si avvicin, prese il pane e lo diede loro e cos pure il pesce. (Gv: 21, 9) La chiara indicazione che per Ges gli animali non sono che un bene di utilizzo a vantaggio delluomo viene dalla parabola del figliol prodico: - Ma il padre disse ai servi: Presto, portate il vestito pi bello, portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perch questo mio figlio era morto ed tornato in vita, era perduto ed stato ritrovato. (Lc: 15, 22) difficile dire che la reazione di Ges verso i venditori di animali a scopo sacrificale sia dovuta al rispetto per gli animali e non al Tempio trasformato in una sorta di mercato. - Trov nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e i cambiavalute seduti al banco. Fatta allora una sferza di cordicelle scacci tutti fuori dal tempio con le pecore e i buoi; gett a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesci i banchi e ai venditori di colombe disse: Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato. (Gv: 2,14) Se fosse vera questa seconda ipotesi Ges sarebbe forse il solo tra i grandi Illuminati a non aver avuto parole di amore e di rispetto delle creature non umane, il solo, tra questi, a non aver comandato di astenersi dal mangiare la loro carne. Ci si chiede: come possibile che Colui che fa fatto dellamore il suo vessillo Beati i misericordiosi perch troveranno misericordia. Beati i puri di cuore perch vedranno Dio. (Mtt 5,7) si lasci superare in misericordia da molti santi e profeti? Come possibile che il Figlio di Dio non manifesti compassione verso le sue stesse creature? Come possibile essere misericordiosi e puri di cuore se si indifferenti alla sorte crudele di tante creature innocenti? Terza ipotesi: Il popolo ebraico non era pronto per lestensione del messaggio damore agli animali. Questa terza ipotesi non trova per giustificazione sul piano filologico dal momento che altri grandi Iniziati (anche di altri popoli) prima della venuta di Ges avevano gi considerato la necessit dellamore e del rispetto anche per gli esseri non umani. Ma anche se il popolo ebraico non era pronto per un simile messaggio ci non toglie che forse era ugualmente opportuno porre il seme della nuova dimensione etica e, inoltre, considerando che il suo insegnamento doveva essere universale forse era giusto porre almeno le premesse. Quarta ipotesi: Gli animali non sono stati considerati da Ges perch oggettivamente privi di valore. Questa ipotesi stata superata da studi di etologia, zooantropologia, anatomia comparata, dalla realt quotidiana dei fatti che dimostrano chiaramente che le qualit cognitive ed emozionali non sono prerogative degli umani ma sono invece comuni, a differenti livelli, a tutti gli esseri senzienti. Cio lintelligenza, il sentimento o lanima sono realt presenti in ogni creatura e mai assenti del tutto. La prova concreta che gli animali come gli esseri umani sono capaci di provare dolore, angoscia, tristezza, gioia stata dimostrata anche da prove sperimentali. La convinzione che lessere umano abbia maggior valore dellanimale perch in possesso di unanima o perch dotato di facolt razionali non trova riscontro nella realt dei fatti dal momento che queste sono comuni a tutti i viventi. (continua) Franco Libero Manco (francolibero.manco@fastwebnet.it)

PROPOSTE EDITORIALI
Scrittori, poeti, saggisti (materie storico-filosoficoletterarie): inviate i vostri manoscritti al Comitato Editoriale del Movimento G. Salvemini. Se le vostre Opere verranno considerate idonee per le Edizioni Movimento G. Salvemini, riceverete una proposta editoriale con lindicazione del simbolico contributo-stampa a carico dellAutore. Volete pubblicare romanzi, poesie, saggi letterari, storici, sociologici, giuridici ed economici? Cell. 347.0333846.

ARCHIVIO STORICO
Pubblichiamo la prima pagina dellintroduzione scritta da Elisa Signori per il libro di Gaetano Salvemini e Angelo Tasca Il dovere di testimoniare (editore Bibliopolis, 1996). Educare al senso della realt, al bisogno dellazione concreta, al disgusto delle astrazioni, questo lintento dichiarato de LUnit, che Salvemini concep, sin dal primo numero, del 16 dicembre 1911, come una scuola e una guida per gli scontenti e per i rinnovatori di tutti i gruppi democratici1. I battenti di quella scuola erano spalancati ai giovani, fossero essi radicali o repubblicani, riformisti o rivoluzionari, perch dalle sue cattedre non si faceva distinzione fra luna e laltra sottospecie di ideali democratici, n si faceva questione di metodo, ma si volevano stimolare lettori e contraddittori a rinnovare profondamente la propria cultura politica, a uscire fuori dal circolo magico delle rispettive ideologie per misurarsi con chiarezza e rigore su alcuni problemi tra i pi gravi della vita del paese. Da quella scuola sarebbe potuto uscire un gruppo di uomini nuovi, di cui Salvemini tracciava un ideale ritratto di austera virtus: uomini capaci - scriveva nel commemorare un amico perduto - di resistere per tempo non breve alle minacce dei nemici, allabbandono degli amici, alle calunnie dei malvagi, allo scherno degli sciocchi, rimanendo fedeli al culto della verit e alla voce del dovere2. Che LUnit abbia funzionato, oltre che come movimento dopinione, anche e forse soprattutto come scuola, ossia come singolare strumento una forte influenza formativa sulle nuove leve della politica e della cultura italiane, ora un dato acquisito dalla riflessione storica sullultimo scorcio dellet giolittiana.
1 Gaetano Salvemini a Gugileimo Zagari, Molfetta, 3 novembre 1913, ora in G. Salvemini, Carteggio 1912-1914, a cura di E. Tagliacozzo, Laterza, Bari 1984, p. 380. 2 G.S., Francesco Papafava, ne LUnit, 6 aprile 1912, p. 66.

VOLETE INVESTIRE I RISPARMI CON BUONI RENDIMENTI ?

Il dott. Paolo Maria BONELLA


Promoter Finanziario a disposizione dei lettori del periodico LATTUALIT per fornire * Consulenze sul modo pi sicuro di investire i risparmi * Consigli sulla previdenza integrativa (Piani Pensione) Per maggiori informazioni telefonare ai seguenti numeri: 06/684341 - 06/68434360

UN GIOIELLO DELLA SANIT ITALIANA

OMAGGIO AI SOCI
A coloro che rinnoveranno la quota associativa a questo periodico verr offerto in omaggio uno dei seguenti libri di COSMO G. SALLUSTIO SALVEMINI * Democrazia degenarata. * Informazione manipolata dalle lobby. * Dalla corrotta oligarchia alla demo-sorte-merito-crazia. * Pace nel mondo, traguardo possibile. * Storia di moderne devianze della Giustizia. * Matrimonio o convivenza? * Stato e Chiesa - Storia dei concordati. * La questione cattolica - Privilegi concordatari. * Papato e Conclave, storia dei rapporti con il potere politico. * Il potere temporale del Papato. * Europa, problemi giuridici ed economici (sesta ediz. Giuffr). * Istituzioni di diritto civile. * Istituzioni di diritto pubblico. * Istituzioni di diritto commerciale. * Elementi di economia politica.

Casa di cura privata Villa Tiberia. Fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Ha sede in via Emilio Praga n. 26, Roma. Dispone di alte specializzazioni diagnostiche e terapeutiche in tutti i campi. Ha 150 posti- letto. Amb. privati 06.89260611. Uff. Conv. Assicurazioni 06.89260128. Fax Assicurazioni 06.89260816 Centralino 06.82098040

N. 5 MAGGIO 2013

PROBLEMATICHE RELIGIOSE E DI ATTUALITA

LO SPIRITO SANTO, GUIDA E SOSTEGNO DELLA CHIESA SE CRISTO SEMPRE CON NOI CHI SAR CONTRO DI NOI?
Quando nelle nostre assemblee professiamo la fede nella Terza Persona della SS. Trinit, lo Spirito Santo, rimaniamo convinti di una presenza operante, ma perplessi quanto alla sua visibilit. Una presenza che nello stesso tempo spirituale e personale. Parlare di persona, vuol dire parlare di relazione. Con chi? Con il Padre e il Figlio. Infatti adorato e glorificato, ma conserva anche una relazione unica con la Chiesa, popolo di Dio. Per la Chiesa di tutti i tempi lo Spirito il sostegno e la guida. Fermiamoci dunque su queste due missioni dello Spirito. Il termine sostenere, ci riporta subito allidea di qualcuno che fa di tutto per tenere su qualcuno o qualcosa. Lo Spirito con la Chiesa fa lo stesso. Il cammino di ogni battezzato va tenuto su. Limmagine dello Spirito come lacqua viva illuminante. quellacqua che assaporiamo desiderosi e che entra in noi, non solo per rinfrancare il corpo, ma anche lanima. E riprendiamo il cammino con entusiasmo, tanto che la vetta non ci sembra pi lontana. Nel cammino in montagna, per, come quello della nostra vita cristiana, bisogna servirsi di una guida per non perdersi. Ma chi ci guida? Ecco laltra missione dello Spirito: guidare i fedeli nel cammino. lui che guida la Chiesa di Cristo, ci ricorda con insistenza che la strada su cui bisogna sempre trattenersi quella della testimonianza. lo Spirito che nel libro degli Atti mette sulla strada Pietro per testimoniare Ges al pagano Cornelio (cfr. At. 12), o mette Filippo sulla strada delleunuco per spiegargli ci che stava leggendo (cfr. At. 8). lui che li sostiene nelle perplessit o nelle apparenze non sempre confortanti di una strada deserta. lui che sostiene ogni battezzato nel personale cammino di testimonianza della Resurrezione di Cristo e della sua salvezza. Lo Spirito il sostegno e la guida. lacqua e la bussola per ogni cammino che la Chiesa fa. Sta a noi mettere la volont di camminare, lalzarsi di buon mattino, la ricerca desiderosa della vetta pi bella che quella della santit. Siamo consapevoli che anche noi cristiani di oggi abbiamo le stesse paure della Chiesa primitiva, ma certi che il Signore con il dono del suo Spirito ha gi dissipato ogni paura per poter essere, una volta scesi a valle, testimoni per tutti coloro che vogliono intraprendere il cammino. Pier Luigi Lando Un giovane di ritorno da un pellegrinaggio raccont che era stato a Medjugorie e che voleva condividere qualcosa di importante: Sapeste che cosa ho visto? Cosa hai visto la Madonna?, gli si chiese. No, ho visto quelli che lhanno vista. Inutile dire che c una analogia con lesperienza della Resurrezione di Cristo che il Padre risuscit dai morti ma volle che apparisse non a tutto il popolo ma solo a coloro che avevano mangiato e bevuto con Lui. Gli altri, noi, avremmo dovuto credere dando fiducia a quelli che lo avevano visto. Noi siamo quelli che credono in Lui e che credono che vivo. Potrebbe essere vivo ma lontano, assente, cio seduto alla destra del Padre ad aspettarci alla fine per fare i conti. Invece no. La nostra fede cristiana ci assicura che non soltanto vivo ma anche presente. Ges si rende presente in tre modi: in immagine, in potenza e in persona. Ovviamente si tratta sempre di Lui, di una presenza senza sconti anche se in maniera diversa. La prima forma di presenza in Immagine. Ges era presente nellAgnello che veniva immolato nel tempio di Gerusalemme. QuellAgnello era limmagine di Cristo crocifisso. Tutto ci importante per capire il valore che la Chiesa d al Crocifisso e alle immagini dei santi, alla loro vita. Dio che si riconosce in essi e in essi si onora Dio. E quindi quale senso, quale scopo dare alla vita? Solo quando sapremo chi davvero siamo, riusciremo a cogliere i desideri profondi che abitano il nostro cuore; solo dopo aver scoperto il tesoro, avremo la forza di vendere tutto per conquistare quello che davvero vorremmo essere, quello che Dio, da sempre, voleva che ciascuno di noi fosse. La vita un gran dono di Dio e, come tutti i doni, non si pu sciupare. Perch s, Dio mi ha creato per essere felice. vero: soltanto quando si felici, si vive pienamente. Pertanto se Cristo con noi chi sar mai contro di noi? Pier Luigi Lando

,
LATTUALIT, pag. 15

SIGNIFICATO SPIRITUALE DELLA PASQUA


Il mandorlo in fiore annuncia larrivo della primavera. La Natura si risveglia dopo la gelida stagione invernale. la campagna si trasforma in un meraviglioso caleidoscopio di colori. Non un caso se proprio in questo periodo di tempo il mondo cristiano celebra la Pasqua, che significa passaggio dalla morte alla vita. La resurrezione del Cristo si inserisce nella vita di ogni essere umano per donare una nuova esistenza. Pasqua significa anche illuminazione dellanima per avviarla verso la salvezza eterna. Una luce pi intensa entra nei nostri cuori se noi, avvalendoci del libero arbitrio donatoci da Dio, decidiamo di accoglierla. E come se nascessimo a nuova vita. Beati coloro che lo capiscono e che vogliono diventare umili strumenti della divina Provvidenza per contribuire a edificare il Regno di Dio. Rosanna Sinopoli

DIALOGO ECUMENICO
a cura di Aurora Simone Massimi

UNA CELESTE BENEDIZIONE


Ogni volta che nasce un bambino (cio ogni giorno) si compie un miracolo per volont dellAltissimo. Ogni madre e ogni padre) dovrebbe accoglierlo con immensa gioia perch ha ricevuto la benedizione del cielo. La nascita di un bimbo il risultato di un grande atto di amore non solo tra un uomo e una donna ma tra Dio e i genitori. Questi ultimi sono strumenti di cui lEterno si avvale per perpetuare limperscrutabile disegno della Creazione. Ogni giorno, pertanto, migliaia di scintille divine danno vita agli embrioni umani. Negare questo sublime miracolo significa essere spiritualmente ciechi. Significa non vedere la grazia che lOnnipotente elargisce quotidianamente da milioni di anni. Non dobbiamo mai dimenticare che la grazia pi grande stata concessa duemila anni fa al genere umano quando Maria di Nazareth, prescelta dallo Spirito Santo, ha dato alla luce Ges Cristo, il Messia. Non nacque in una reggia ma in una umile stalla di Betlemme. Ci vuol dire che il Padre Celeste predilige i poveri (in denaro) ma ricchi nel cuore. Rosanna Sinopoli

LA RUBRICA DEL PADRE


a cura di Pierluigi Vignola
UNO DI NOI (Prima parte) La sera del 13 marzo, alle ore 20.06, dopo unora di attesa da quando il comignolo pi famoso del mondo ha emesso la sua fumata bianca, dalla loggia centrale della Basilica di San Pietro con una semplice frase: Fratelli e sorelle, buonasera! il Card. Bergoglio, Arcivescovo di Buenos Aires, con il nome di Francesco, divenuto Vescovo di Roma e Papa della Chiesa Cattolica, ha subito conquistato i cuori di tutti per la sua semplicit ed affabilit. Papa Francesco, che ha assunto il nome del poverello di Assisi, fin dallinizio del suo pontificato ha fatto capire di volere una Chiesa povera per i poveri ed ha, pertanto, continuato il suo ministero di semplice pastore a servizio del gregge che il Signore gli ha affidato. Lui che viene da una terra martoriata da anni di dittatura lui che ha combattuto i soprusi dei prepotenti verso i pi deboli, ha subito fatto breccia nei cuori di credenti e non credenti, conquistandosi il rispetto dei pi critici. Nato in una famiglia di origini piemontesi, il quarto dei cinque figli di Mario, (funzionario delle ferrovie salpato nel 1928 dal porto di Genova per cercare fortuna a Buenos Aires) e di Regina Maria Sivori, una casalinga la cui famiglia materna era originaria di Santa Giulia di Centaura (Genova). Laureato in chimica allUniversit di Buenos Aires, si mantenuto per un certo periodo facendo le pulizie in una fabbrica e poi facendo anche il buttafuori in un locale malfamato di Cordoba. amante del tango, del calcio ed ha avuto anche una fidanzata prima di intraprendere la vita ecclesiastica. Decide di entrare nel seminario di Villa Devoto e l11 marzo 1958 comincia il suo noviziato nella Compagnia di Ges, trascorrendo un periodo in Cile e tornando a Buenos Aires in seguito, per laurearsi in filosofia nel 1963. Riceve lordinazione presbiterale il 13 dicembre 1969, dopo 4 anni rettore della Facolt di teologia e filosofia a San Miguel. Nel 1986 si reca in Germania per un periodo di studio alla Philosophisch-Theologische Hochschule Sankt Georgen di Francoforte sul Meno. CONTRACCEZIONE DEMERGENZA (Parte Prima) La sentenza 8465/2001 con cui il TAR Lazio ha formalmente riconosciuto la contraccezione demergenza, bench elusiva (almeno in motivazione) dellaspetto pi saliente del problema, pu essere senzaltro apprezzata almeno come primo approccio al tema. La contraccezione demergenza allude a una metodica contraccettiva straordinaria nel senso che differita rispetto al momento fisiologico in cui normalmente agiscono le ordinarie pratiche contraccettive; per tale ragione, come meglio si vedr, non (vera) contraccezione se con tale espressione vuole pi correttamente riferire di pratiche (tecniche o farmacologiche) volte a impedire il concepimento Il giudice afferma che la legge 194/1978, nel regolamentare i casi di interruzione volontaria della gravidanza, non enuncia una puntuale nozione clinica dellinizio della gravidanza, e cio se tale momento inizia con la fecondazione dellovulo, ovvero con il suo annidamento nellutero materno, . Tanto parso sufficiente a fondare la libert duso dei farmaci incidenti nel periodo precedente lannidamento dellovulo bench successivo alla fecondazione. Nei rilievi del Tribunale lassenza di una norma puntuale non consente di dare alcun rilievo alla fecondazione dellovulo e il profilo della accertata illegittimit attiene, dunque, non i limiti di ammissibilit della contraccezione demergenza, che per i giudici del Tribunale (soltanto) nozione da contrapporre ai metodi ordinari di prevenzione della gravidanza, bens ad omissioni nella informazione sulleffetto terapeutico del farmaco. La sentenza affronta largomento in una prospettiva diversa dalle indicazioni fornite dai ricorrenti, i quali avrebbero preferito una pronuncia sulla legittimit della contraccezione demergenza e non soltanto un giudizio negativo sul tenore informativo del farmaco. Diversamente i giudici del TAR inquadrano il problema in termini di tutela del consumatore e dovere del produttore di dare una corretta informazione . Pertanto, il giudice annulla il decreto ministeriale di autorizzazione al commercio del farmaco imputato limitatamente alla parte in cui non si fa obbligo alla casa farmaceutica produttrice di specificare, con maggiore rigore, gli effetti terapeutici. Almeno per questo aspetto la scelta giurisprudenziale va senzaltro condivisa, pur se palesemente insufficiente allambizioso traguardo dei ricorrenti, per i quali ci che va discusso la stessa ammissibilit di unarea terapeutica definita come contraccezione demergenza.

PAPA FRANCESCO APRE ALLISLAM


"Uno dei titoli del vescovo di Roma Pontefice, cio colui che costruisce ponti, con Dio e tra gli uomini. Desidero proprio che il dialogo tra noi aiuti a costruire ponti fra tutti gli uomini, cos che ognuno possa trovare nell'altro non un nemico, non un concorrente, ma un fratello da accogliere ed abbracciare!" Con queste parole Papa Francesco si rivolto lo scorso 23 marzo, nella Sala Regia del Palazzo Apostolico, al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, rendendo subito evidente il suo impegno nel continuare l'opera del suo predecessore ovvero ricucire i rapporti tra i popoli e in particolare tra le diverse confessioni religiose, infatti nel costruire i ponti " fondamentale il ruolo della religione. Non si possono costruire ponti senza incontrare Dio, ignorando gli altri" e al tempo stesso "non si possono vivere legami veri con Dio, ignorando gli altri". Papa Francesco ha parlato di quanto gli stia a cuore questo suo compito, facendo riferimento anche alla sua storia personale, infatti ha detto :La mia famiglia di origini italiane; e cos in me sempre vivo questo dialogo tra luoghi e culture fra loro distanti, tra un capo del mondo e laltro, oggi sempre pi vicini, interdipendenti, bisognosi di incontrarsi e di creare spazi reali di autentica fraternit. Gi durante la nomina ad arcivescovo di Buenos Aires, avvenuta nel 1992, Bergoglio si era distinto per le sue capacit di dialogo inter-religioso, ed in particolare per la sua dedizione nel coltivare i rapporti con gli ebrei e gli islamici, testimoniata dallaffettuoso messaggio del rabino capo di Roma Riccardo Di Segni, dal volume scritto a quattro mani con il rabino Abraham Skorka Il cielo e la terra, dalla sua ricambiata simpatia per il Sultano e soprattutto dal suo gesto di lavare i piedi a due musulmani in occasione della Messa in coena Domini, il Gioved santo presso il carcere minorile di Casal del Marmo. Il discorso del Papa assume una grande importanza in un momento storico come questo, in cui il confronto tra le tre grandi religioni monoteistiche appare difficoltoso e quasi impossibile. Papa Francesco ha aperto le porte al dialogo religioso, coltivando quella speranza che ha esortato tutti a non farsi portare via.

LE DIMISSIONI DI BENEDETTO XVI


Si sa che Ges affid a S.Pietro la Chiesa facendolo divenire da pescatore di pesci a pescatore di uomini. La barca di Pietro come la barca-chiesa di Dio e, non vanno abbandonate. Tuttavia va tenuto presente che la Chiesa ha tanti problemi da risolvere e il Papa Benedetto XVI, vedendo scemare le sue forze fisiche e, quindi, considerando di non poter operare al massimo per il bene della Chiesa, ha preferito con un atto di coraggio e di umilt dimettersi in modo da fare affidare ad un altro Papa pi giovane e con energie il gravoso compito. Il Papa emerito Benedetto XVI nella sua ultima udienza ha ringraziato Dio, ma anche tutti i credenti, specialmente quelli che gli hanno inviato lettere e messaggi dopo aver saputo delle le sue dimissioni. Benedetto XVI Papa emerito nel senso che conserva la dignit di Papa e continuer a vestire di bianco, ma non indosser pi indumenti di color rosso, simbolo della Passione di Cristo. Non porter pi l'anello piscatorio, cio del Pescatore, quindi di Pietro, che stato distrutto quando ha lasciato il Vaticano la sera del 28 febbraio c.a. per raggiungere la Sede vaticana di Castelgandolfo. L'incontro dei due Papa, avvenuto il 23 marzo c.a., un incontro storico unico, mai verificatosi in questi 2000 anni della Chiesa cattolica. E' stato un evento storico commovente nel vedere i due Papi pregare insieme, colloquiare e abbracciati come due fratelli. Auguriamo a Benedetto XVI, Papa emerito, lunga vita e al nuovo Papa Francesco, italoargentino, di poter risolvere i vari e difficili problemi della Chiesa e di poter soprattutto realizzare l'unit di tutti i cristiani. Mario Coletti

1 CENTENARIO DELLA NASCITA DI PAPA LUCIANI


Il Vaticano a ricordo d e l l o sfortun a t o Papa Albino Luciani, con il nome di Giovanni Paolo I per soli 33 giorni, ha coniato una moneta d'argento da 5 euro. Papa Giovanni Paolo I nato il 17 ottobre del 1912 a Forno di Canale, nel Bellunese. Divenne sacerdote all'et di 23 anni e precisamente il 7 luglio 1935, il 15 dicembre 1958, dopo che era stato Vicedirettore del seminario gregoriano di Belluno, fu nominato Vescovo di Vittorio Veneto. Volle partecipare attivamente al Concilio Vaticano II, che inizi l'11 ottobre 1962 con il Papa Buono, cio Giovanni XXIII. In questa occasione emerse la sua figura nella Chiesa cattolica. Era stato Patriarca di Venezia nel periodo della contestazione e il 5 marzo 1973 fu nominato Cardinale da Papa Paolo VI. Part da Venezia per l'ultima volta per partecipare al Conclave dopo la morte del Papa Paolo VI e fu eletto Papa al secondo giorno di votazioni. Scelse quale nome Giovanni Paolo I, era il 26 agosto del 1978. Nei soli trentatre giorni di papato Albino Luciani fece arrivare le sue parole al cuore di tutti i fedeli, per questo tutta la gente credente lo dimenticher mai e lo ricorder con vivo piacere come il Papa del sorriso. Fu un Papa molto semplice, umano ed umile come ora l'attuale Papa Francesco, che ha emozionato tantissimi fedeli, che gi lo amano. Mario Coletti

VERSO UNA NUOVA ERA


Tutto ci che ci circonda non altro che la manifestazione di qualche tipo di energia. Anche ci che appare solido ai nostri sensi non altro che energia. Il calore, i suoni, i nostri pensieri, l'elettricit e tutto ci che ci circonda null'altro che energia manifestata in forme diverse. Questo fatto dimostrato anche dagli studi della fisica moderna: basta pensare che gli atomi sono in continua vibrazione per il moto degli elettroni attorno al nucleo. Secondo Einstein l'energia pu trasformarsi in pensiero e viceversa. Pertanto dovremmo considerare tutto ci che cade sotto i nostri sensi, compreso il nostro corpo, formato da un insieme di cariche energetiche in continuo movimento. Da qui parte la considerazione per cui onni problema che ci affligge, sia esso di natura fisica, emotiva o mentale, dovrebbe essere considerato come una disarmonia della distribuzione e della circolazione dell'energia vitale (chiamata prana dagli Ind). Se la lotta per l'esistenza la necessit primaria dellorganismo vivente, la perfezione la sua meta finale. Vale a dire, lo stimolo alla perfezione la principale forza motrice della vita. Un livello pi alto di coscienza permette di sentirsi parte del tutto che ci comprende (Dio) e si comprendere pienamente il detto biblico: in Lui siamo, viviamo e abbiamo il nostro essere. Le Upanishad (testi sacri Ind) testimoniano l'esperienza positiva del domare la mente e giungere allo stato di non pensiero. L'uomo immerso in un sogno pi o meno profondo dalla sua ignoranza e dai condizionamenti che essa produce: eppure dentro di noi alberga uno spirito incondizionato e incontaminato che con il risveglio si ridesta. Lo spirito non dipende dai condizionamenti: pertanto la risposta per sapere chi siamo e da dove veniamo dentro di noi, la piccola parte di Braman che c'e dentro ogni individuo. Sempre pi frequentemente, l'attuale e totalizzante tendenza alla desertificazione spirituale costringe l'uomo occidentale all'affannosa ricera di suggestioni compensatorie bilancianti la perdita di senso dell'esperienza quotidiana. Il consumismo trasforma il "regno dei fini" in un universo dei mezzi". Ha abolito la storia in un appiattimento dell'interiorit dissolta da un bombardamento mediatico che impedisce, di fatto, il raccoglimento. Marina Giudicissi

ARCHIVIO STORICO
In questo libretto pubblicato nel 1932 a Boston dalla Harward University, Gaetano Salvemini concludeva le proprio riflessioni con le seguenti parole: quei cattolici che intendono approvare ad ogni costo tutto quanto fa un Papa non posso ammettere che un Papa possa fare degli spropositi (salvo che sia morto un secolo e mezzo fa). Per giunta, essi trovano assai pericoloso, in momenti di grandi commozioni sociali, affermare che il Papa preferisce i regimi totalitari ai regimi democratici. Eppoi se ammettessero che il Vaticano, in cambio della sua cooperazione, ottenne da Mussolini favori non indifferenti, srebbero forzati a riconoscere che quei favori dovrebbero essere oggi riveduti, e almeno alcuni di essi (per esempio il Concordato del 1929) potrebbero essere annullati. Ecco perch essi debbono dimenticare che il Vaticano cooper con il regime fascista

LATTUALIT, pag. 16

N. 5 MAGGIO 2013

LATTUALIT Editore: Movimento G. Salvemini, fondato nel 1962


Direzione: Via Aquilonia 93 00177 Roma

Comitato dOnore del periodico LAttualit


Presieduto da Mons. Sen. Viktor Bus, Lord Presidente del Parlamento Mondiale per la Sicurezza e la Pace, a cui spetta il rango di Capo di Stato, a norma della Convenzione di Vienna del 1961.
Sen. Dott. Bruno Amoroso (P.M.S.P.): On. Alfredo Arpaia (Presidente Lega Italiana Diritti dellUomo); Prof. Andrea Bixio (Ordinario Sociologia, Univ. La Sapienza, Roma); Prof. Giorgio Bosco (Ambasciatore); Conte Prof. Fernando Crociani Baglioni; Prof. Claudio De Rose (Presidente Onorario Corte dei Conti); Prof. Francesca Ferragine (Psichiatra-Psicoterapeuta); On. Pietro Fratantaro (P.M.S.P.); Duca Riccardo Giordani, Duca di Willemburg; Prof. Pierluigi Lando (psicologo); On. Albano Laporta (P.M.S.P.), On dott. Giacomo Leopardi; Prof. Giuseppe Lembo (sociologo); Amm. Stefano Madonna; Sen. Col. Giancarlo Martini (P.M.S.P.); On. Pasquale Moncada (P.M.S.P.); Gen. Stefano Murace (Aeronautica Militare); Gen. Enrico Muzi (Guardia di Finanza); Gen. C. A. Rocco Panunzi; Comm. Dott. Rodolfo Ricottini (medico chirurgo); Prof. Tito Lucrezio Rizzo (Consigliere Capo Servizi del Quirinale); Prof. Natale Santucci (neurochirurgo); Comm. Giancarlo Serafini (presidente Lions Roma Palatinum); Gen. C. A. Bruno Simeone; Prof. Giulio Tarro (Scienziato, PhD-Md).

CAMPUS ESTIVI 2013


Ormai avviato il countdown per la fine della scuola, mamma e pap di oggi si trovano alle prese con la scelta del campo estivo, una vera necessit nel mondo doggi in cui i genitori sono solitamente entrambi lavoratori e che, se non ci fossero soluzioni pronte ad accogliere anche i pi piccoli, sarebbero preda della disperazione. Da sempre, in molte citt, sono attivi campus comunali e grest parrocchiali. Oggi per i genitori hanno a disposizione dei campus strutturati per tipologia, tra cui poter scegliere quello che pi si addice alle inclinazioni dei propri figli. Ecco quindi che si potr scegliere un campo creativo, con attivit artistiche, musicali e, perch no, anche circensi; un campo sportivo (e tra questi ce ne sono molti organizzati dalle societ sportive incluse Inter, Milano, Roma e Lazio) in cui i diversi sport fanno da protagonisti; campi linguistici in cui i propri bambini potranno dedicarsi pressoch interamente ad una lingua straniera; i campi didattici messi a diposizione da strutture museali, infine campi a contatto con la natura, a raccogliere la frutta, lavorare nellorto o prendersi cura degli animali. Il sito raccoglie molte delle offerte presenti su tutto il territorio italiano. Insomma, la scelta davvero varia, forse troppo, e pensandoci non posso che sorridere e ripensare alle sagge parole di una canzone Invece oltre la scuola cento cose devo far: inglese, pallavolo e perfino latin-dance. E a fine settimana non ne posso proprio pi, mi serve una ricarica per tirarmi su... Ed evviva le tagliatelle di nonna Pina! Maria Rosa Laria

Direttore responsabile Sen. Prof. C. G. S. Salvemini Parlamento Mondiale Sicurezza e Pace (cell. 347.0333846)
Responsabile del trattamento dati (d.lgs. 196/2003): Cosmo G. Sallustio Salvemini

Vice direttori: Florinda Battiloro, Adalgisa Biondi, Paolo Macali, Liliana Speranza, Gabriele Zaffiri
COMITATO DI REDAZIONE
Elena Andreoli, Antonio Bartalotta, Flora Battiloro, Lisa Biasci, Biagio Bonetti, Liana Botticelli, Gianfederico Brocco, Emiliano Caruso, Valentina Cerenza, Mario Coletti, Antonietta DelBue Prencipe, Nicoletta Di Bello, Gabriella Di Luzio, Michele Forte, Pietro Fratantaro, Luigi Giorgi, Andrea Lando, Pier Luigi Lando, Giovanni Maggi, Antonietta Mancuso, Alessandro Massimi, Mario Monica, Lucilla Petrelli, Simonetta Scafi, Aurora Simone Massimi, Liliana Speranza, Nico Valerio, Franco Vivona, Amelia Volpato, Leonardo Zonno.

FATTORIE DIDATTICHE
Una buona idea se si vuole passare una giornata nel verde sono le fattorie didattiche, che offrono percorsi di approfondimento della vita rurale con attivit educative attive, con spazi dedicati ai pi piccoli. La qualifica di fattoria didattica attribuita dallamministrazione regionale sulla base dellaccettazione da parte dellazienda agricola di alcuni standard definiti da una carta della qualit. In queste strutture gli agricoltori e le loro famiglie propongono molte occasioni per osservare e conoscere la realt agricola. Punto di incontro con studenti e le loro famiglie, nei percorsi pi strutturati gli ospiti vengono coinvolti nella realizzazione di un prodotto tipico o in altre attivit agricole, come la raccolta di prodotti ortofrutticoli: in fattoria infatti sono spesso attivi laboratori per la produzione dellolio, del pane e del vino, dei formaggi e dei salumi. Esistono inoltre diverse strutture in cui si pu passare un pomeriggio nel verde, con una semplice visita o partecipando ad attivit per le famiglie, per maggiori informazioni il sito propone lelenco delle Fattorie Didattiche presenti in Italia suddivise per regione e provincia. Maria Rosa Laria

IL NUOTO NON FA BENE FOOD DESIGN, IL CIBO CHE DIVENTA ARTE ALLA SCHIENA Negli ultimi anni si potuto vedere lo sviluppo ed il successo di una nuova
ormai da anni che sentiamo dire suo figlio ha un po' di scoliosi lo porti a fare nuoto che gli far bene. Stando ad uno studio dell'Istituto scientifico italiano colonna vertebrale (Isico) che sar presentato al congresso internazionale di Chicago a maggio, in alcuni casi l'attivit natatoria potrebbe peggiorare la situazione. "Il nuoto non cura la scoliosi, anzi in molti casi pu rivelarsi negativo e rischia di indurre il mal di schiena", afferma Fabio Zaina, fisiatra dell'Isico e uno degli autori della ricerca "Swimming is not a scoliosis treatment: a controlled cross-sectional survey", che in italiano vuol dire appunto che il nuoto non una terapia della scoliosi. Lo studio stato svolto su un gruppo di 112 nuotatori a livello agonistico (nuoto praticato 4-5 volte a settimana) e su un gruppo scolastico(composto da maschi e femmine) di 217 studenti di pari et, che pratica sport in modo amatoriale o non lo pratica affatto. In tutte e due i gruppi sono stati misurati i gibbi, la cifosi e la lordosi ed stato fornito ai ragazzi un questionario per segnalare la presenza di mal di schiena. Dai risultati si evinceva che i nuotatori, soprattutto le femmine, presentavano delle asimmetrie del tronco pi accentuate ed erano ipercifotici con conseguente frequenza di dorsi curvi e mal di schiena. "Dal punto di vista posturale, il nuoto induce a un collasso della schiena - spiega Zaina - e allena soprattutto la muscolatura degli arti, essendo praticato in scarico, non la schiena. Quando si parla di agonismo poi, con carichi di lavoro di ore, il nuoto induce il mal di schiena. Per chi ha la scoliosi arriviamo a sconsigliare il nuoto, decisamente. Non c' distinzione neanche tra i vari stili: la rana e il delfino possono aumentare il mal di schiena nei casi di spondilolistesi, nel caso cio in cui le vertebre scivolino una sull'altra. Quindi il nuoto non solo non terapeutico, ma a livello posturale si rivela anche dannoso. Se lo si pratica a livello amatoriale non crea problemi, ma come qualsiasi altro sport, praticato un paio di volte a settimana". Maddalena Barba

Capi Redattori Regionali


Lombardia: Ferruccio Ciavatta. Piemonte: Nino Nemo. Valle DAosta: Pietro Buttiglieri. Trentino-Alto Adige: G. Giordani, Lara Cavaliere. Friuli-Venezia Giulia: Pietro Jacono Veneto: Gilberto Antonioli. Liguria: Carmela De Nitto. Emilia Romagna: Vincenzo Scozzafave (Inviato speciale) Toscana: Silvia Renzi. Marche: Ivo Costamagna. Umbria: Cosimo Roberto Vento Lazio: Lucilla Petrelli, Antonio Bartalotta. Campania: Florinda Battiloro. Abruzzo: A. De Frassina, E. Vanni. Molise: Maria Cristina Bernardo. Puglia: Marianina Sponzilli. Basilicata: Pierluigi Vignola, Giovanni Di Lena. Calabria: Antonio Bartalotta, Michele Biafora. Sicilia: Albano Laporta, Pietro Fratantaro. Sardegna: G. Lutzu, V. Licari, M. Contini. REDAZIONI ESTERE Argentina: Pino Aprigliano Belgio: Francoise Vercruysse Bolivia: Emma Rosario Iman Canada: Giuseppe Cannizzaro Cina: Pietro Fiocchi Costarica: Olga Coll Croazia: Sania Mihalina Federazione Russa e C.S.I.: Pietro Fiocchi Francia: Maria Salamone Germania: Giancarlo Sordon Gran Bretagna: E. Caprarella, C. Di Massimo Olanda: Teresa Van Der Hallen, Tosca Poggialini Portogallo: Maria Rego Romania: Eugen Evu Serbia: Dubravka Stegnjaic Spagna: Maria Jos Vidal Vidal Slovacchia: Marina Hostacna Ucraina: Nataliya Kudryk Usa: Teresinka Pereira, Maristella Santambrogio
Fotocomposizione: Euroselect, via Aquilonia 93, Roma

FETTUCCINE ALLA MARCHIGIANA


Per preparare e gustare al meglio questo caratteristico piatto autoctono occorrono: 500 g di fettuccine di campo filone, 200 g di guanciale tagliato a piccoli pezzi, 30 g di olio, 10 g di strutto, 1 spicchio daglio, 1 peperoncino, 100 g di formaggio pecorino grattugiato, sale q.b. Dopo aver mondato tutti gli ingredienti, mettete in un tegame lolio, lo strutto, il guanciale, il peperoncino ed aggiustate di sale. Appena il guanciale comincia a dorarsi aggiungete la cipolla e laglio precedentemente mondati insieme, mescolare e togliere dal fuoco il soffritto appena inizia ad imbiondire. Cuocere le fettuccine in abbondante acqua bollente leggermente salata e scolare. Versarle in un piatto di portata possibilmente caldo, cospargendole di pecorino e poi unendo il soffritto. Vino in abbinamento: Esino rosso, dal colore rubino, profumo intenso, caratteristico del territorio, sapore morbido, gradevole al palato. Daisy Alessio

arte, o sarebbe meglio dire un mestiere, o perch no entrambe, il Food design. Potremo definirlo un binomio tra ristorazione e moda, o pi tecnicamente Progettazione del cibo cui lavorano insieme varie figure professionali come Chef, designers, grafici, e addetti al marketing, con il solo scopo di valorizzare il cibo e renderlo il pi desiderabile possible agli occhi dei consumatori. Chi e del mestiere ci tiene a precisare che il loro intervento rivolto solo alla forma e non alla sostanza, quindi anche le opere che sembrano pi bizarre non intaccano minimamente la qualit degli alimenti. Il food design pu essere applicato in diversi modi, dalla programmazione di architetture innovative dove poter gustare le pietanze, a campagne pubblicitarie che decontestualizzano i soggetti facendoli apparire quasi come oggetti di lusso che prendono vita propria. Ed oltre ad affiancarli a settori cosi diversi come lelettronica o la moda, il food design si propone anche di rendere al meglio la presentazione dei piatti nei ristoranti o ancora meglio di realizzare intere linee di prodotti ed utensili da cucina, cosi stilosi da ottenere lo stesso successo sul mercato di una marca di abbigliamento. In poche parole la dimostrazione vivente che tante menti, seppur specializzate in settori differenti riescano insieme a soddisfare le esigenze, i sogni ed i vizi di noi consumatori, con in pi la fortuna che queste cose alla fine ce le mangiamo anche, dopo averle acquistate naturalmente. Francesca Lancia

LA RUBRICA DELLA SALUTE


LA MENTA PIPERITA Cresce spontanea nei prati e nei boschi. Le sue propriet curative sono molte: stimolante della digestione, antisettica, antispasmodica; una buona tisana. Mettere le foglie secche, oppure un p di menta fresca, in 100 gr. di acqua bollente. Una tazza prima o dopo i pasti stimola lappetito e facilita la digestione; utile anche nei dolori di stomaco, nellinsonnia, e facilita leliminazione dei gas intestinali. Un liquore alla menta fantastico per lestate: mettere una manciata in 500 gr. di alcol a 90 gradi, lasciare macerare per 15 giorni, poi fare bollire 500 gr. di acqua e far sciogliere 300 gr. di zucchero, far raffreddare e unire il tutto, passando, con un colino,dove avrete messo del cotone idrofilo, versare in una bottiglia di un litro e avrete per tutta lestate un buon digestivo . FAGOTTINI DI PROSCIUTTO Fate delle fette lunghe di melanzane, infarinatele molto bene, con farina, mista a quella di semola , poi che verranno pi croccanti, quando avranno assorbito la farina e diventeranno umide, friggetele in olio extra vergine, unito a quello di semi di soia,fate asciugare su della carta,poi su ogni fetta di melanzana mettete una fetta di prosciutto e un pezzo di mozzarella, da formare un involtino, avvolgetelo, e al senso inverso mettete unaltra fetta di melanzana avvolgendo ancora a formare un quadrato, mettetelo in una terrina di vetro, poi, fare a parte del pomodoro pendolino frullato con molto basilico, un pizzico di sale. Con un filo di olio fate bollire la polpa, e quando avrete fatto scaldare al micro-onde, per sciogliere la mozzarella, coprite gli involtini con un cucchiaio. Liana Botticelli

I lettori del periodico LAttualit da molti anni vengono accolti con affettuosa cortesia dal celebre poeta Cosimo Roberto Vento, proprietario del prestigioso ristorante eugubino Il Turista.

Stampa: S T R press, via Carpi 19, Pomezia

Attivit editoriale di natura non commerciale (art. 4, D.P.R. 26/10/72, n 633 e successive modifiche)
Gli articoli firmati e le foto, inediti ed esenti da vincoli editoriali, esprimono le opinioni personali degli autori che ne assumono direttamente la responsabilit. La Direzione, in base agli spazi disponibili, si riserva la facolt di selezionare ed abbreviare gli articoli pervenuti. In linea di massima la collaborazione a titolo gratuito. prevista una retribuzione solo per i corrispondenti dallestero. Propriet letteraria riservata.

AVVISO UTILE PER FAMIGLIE E AZIENDE


* Ristrutturazione di appartamenti. * Manutenzione straordinaria di edifici. * Progetto e calcolo di strutture di nuova realizzazione. * Valutazione della vulnerabilit di strutture esistenti. * Progetto di impianti fotovoltaici (pannelli solari per produrre energia elettrica a basso costo, usufruendo di incentivi statali) * Certificazione energetica di edifici Per informazioni: Ing. Valentina Cerenza e-mail: vcerenza@unisa.it Cell. 393.5215165 - 333.7924017 Tel.-fax: 089.9780165

NUOVA ADDRESSROMA DUE srl


Ditta specializzata nelle spedizioni di giornali, riviste e stampe varie Via dellOmo, 49 00155 Roma Tel. 06.22.82.717 Fax 06.22.82.678 e-mail: addressroma@libero.it

Tiratura programmata: 100.000 copie

Qualit e cortesia al servizio della clientela, anche a domicilio.

UN DELIZIOSO

COFFEE-SURPRISE

06.60671253 388.0779879