Sei sulla pagina 1di 20

INDICE

1. INTRODUZIONE 2. NUOVI SEVIZI 3. DATI 3.1 SERVIZI SOCIALI 3.2 INTERVENTI EROGATI 4. SPOTRELLO ANAGRAFE E STATO CIVILE 4.1 INTERVENTI EROGATI 4.2 DATI 5. SPORTELLO MEDIAZIONE 6. SPORTELLO HOUSING ALLEGATO A : ELENCO RESIDENTI DETENUTI DI (MB) MAGGIO 2013 ALLEGATO B: ELENCO RESIDENTI DETENUTI NEL DISTRETTO DI CINISELLO BALSAMO: CINISELLO BALSAMO, CORMANO, CUSANO, BRESSO, MAGGIO 2013 ALLEGATO C: ELENCO COMUNI DI PROVENIENZA DEI DETENUTI ISCRITTI PRESSO IL CARCERE DI MONZA, VIA SANQUIRICO

SPORTELLO CARCERE del COMUNE di MONZA PRESSO la CASA CIRCONDARIALE di MONZA 1.INTRODUZIONE
Nell anno 2012 tutti i servizi attivi gestiti dal Comune di Monza, a partire dal 2003 sono stati unificati all interno di un unico ufficio denominato Sportello carcere. Lo sportello aperto dal Luned a Venerd dalle ore 9.00 alle ore 13.00; attualmente sono impiegati due operatori part-time del settore Servizi Sociali. Allo Sportello afferiscono : tre operatori del settore Sportello al cittadino (ingresso una volta al mese per lo sportello anagrafe), un operatore de Comune di Monza referente per le biblioteche del detentivo maschile e femminile, due agenti di Polizia Locale, un operatore part-time assunto dalla Coop. Soc. Monza 2000, referente dell housing sociale e i mediatori linguistici culturali della Coop. Il Mosaico. La necessit di istituire un unico sportello sorge dalla necessit di costituire un solo punto di accoglimento delle istanze, sia autonome da parte dei detenuti sia quelle provenienti dall area trattamentale del carcere e dagli altri servizi presenti in istituto, sia le richieste provenienti dagli uffici/servizi del territorio. Pur permanendo, all interno degli sportelli dedicati (anagrafe e stato civile, Polizia Locale, housing sociale, mediazione) una specificit di competenza legata agli interventi erogati, si provveduto ad incrementare la presenza, in termine di lavoro di equipe e di disbrigo delle pratiche amministrative, degli operatori afferenti all ufficio carcere. Ad Aprile 2013 stata fatta richiesta, da parte della responsabile dei Servizi Demografici, di delega in qualit di pubblici Ufficiali d anagrafe per gli operatori dei Servizi Sociali (Bonanomi e Fanzaga) al fine di snellire ulteriormente la mole di lavoro crescente, in particolar modo da parte del personale di Polizia Penitenziaria, all interno dello sportello carcere del Comune. La parte di competenza di servizio sociale, all interno dello sportello carcere, risulta essere prevalente e trasversale anche all interno degli sportelli specialistici del Comune di Monza; pertanto accade spesso che da richieste di interventi giunti a detti servizi vi sia la necessit di ipotizzare e valutare un intervento sociale in raccordo con i sevizi interni/esterni al carcere. Nel corso degli anni si sono succedute diverse progettazioni ex legge 8 (Progetto Sistema Accompagnamento Carcere, progetto Attivit lavorativa ed housing sociale, progetto sintesi) volte ad ampliare quelli che da sempre sono ritenuti i pilastri portanti del reinserimento socio lavorativo ossia la casa ed il lavoro. Il progetto Sintesi, finanziato dalla Regione Lombardia, ha avuto un ritardo nell avvio a causa della rimodulazione effettuata. Per quanto concerne il servizio di mediazione linguistico culturale, attivato nel Luglio 2009, con l ingresso settimanale di tre mediatori (arabo, latino americano, russo moldavo), ha subito un importante modifica divenendo un servizio unicamente a chiamata. Da Luglio 2012, infatti, i mediatori hanno fatto ingresso in carcere solo a fronte di una richiesta inoltrata allo sportello carcere. Il servizio di mediazione linguistico culturale ha ripreso avvio nel Novembre 2012.

2.NUOVI SERVIZI
Nel primo semestre 2012 si addivenuti a formalizzare di una modalit di collaborazione e raccordo con la Polizia Locale di Monza la quale, infatti, ha il compito di notificare atti amministrativi alla popolazione detenuta; stato pertanto stabilito che lo Sportello Carcere si incaricher di svolgere le opportune verifiche con l Ufficio Giudici Avvocati del carcere in merito all effettiva presenza dei reclusi oggetto di notifica. L ufficio Giudici Avvocati, successivamente, concorda il giorno per ricevere gli Agenti di P.L. e inoltre provvede a fornire lo spazio adeguato per evadere tali pratiche. Questa collaborazione consente un risparmio di tempo per gli agenti di P.L. e di velocizzare delle pratiche, soprattutto in caso di trasferimento/scarcerazione dei detenuti. Un altra importante collaborazione avvenuta in occasione delle scorse elezioni amministrative. Lo Sportello carcere ha recepito dall Ufficio Elettorale del Comune di Monza l elenco dei detenuti aventi diritto al voto e ha informato gli stessi della possibilit, successivamente ha provveduto a consegnare all Ufficio Matricola del carcere le tessere elettorali; durante i giorni di seggio gli operatori dello Sportello Carcere sono stati presenti per agevolare il diritto al voto dei detenuti.

SPORTELLO CARCERE
1 referente part-time

POLIZIA LOCALI
2 agenti P.L.

UFFICI DEMOGRAFICI SERVIZI SOCIALI


1 operatore part-time 3 operatori Anagrafe Stato Civile Elettorale Funerario

RACCORDO
Servizi interni carcere Servizi Sociali del territorio

PROGETTO SINTESI

HOUSING SOCIALE
1 operatore part-time

3.DATI
Nell anno 2012 lo Sportello Carcere ha accolto 313 detenuti, tale cifra indica solamente i detenuti visti ma non il numero degli interventi erogati a favore di ogni recluso. * * * * * 5 Polizia Locale; 10 Ufficio Elettorale; 71 Servizi Sociali; 137 Anagrafe e Stato Civile; 90 Mediazione linguistico culturale.

3.1 SERVIZI SOCIALI

COMUNE
ARCORE BOVISIO MASCIAGO BRONI (VA) BRUGHERIO CARNATE CAVENAGO BRIANZA CESANO MADERNO CINISELLO BALSAMO COLOGNO MONZESE CUSANO MILANINO DESIO GAMBOLO (PV) LECCO LENTATE SUL SEVESO LESMO MELEGNANO MILANO MONTEMARENZO (LC) MONZA MONZA c/o carcere NOVA MILANESE RONCELLO (MB) SAN LUCA (RC)
SENZA RESIDENZA

TOTALE
1 1 1 1 1 1 2 6 4 1 1 1 1 1 1 1 8 1 10 13 1 1 1
3

SEREGNO SESTO S.GIOVANNI TORINO TRABIA (PA) VARANO BORGHI (VA) VAREDO VELATE MILANESE

2 4 1 1 1 1 2

COMUNE DI UTENTE APPARTENENZA


A.J. B.S. B.A. C.C. D.C. C.M. G.N G.A. L.S. M.F. M.J. M.R. N.G. N.A. P.S. P.C. CUSANO MILANINO MONZA c/o carcere CINISELLO B. CINISELLO B. SEREGNO MONZA SESTO S.GIOVANNI SEREGNO VARANO (VA) MONZA CINISELLO B. LESMO SAN LUCA (RC) MONZA c/o carcere MONZA c/o carcere MONZA c/o carcere BORGHI

INTERVENTI EROGATI
DIMESSO poich rinuncia all intervento Aquasan da febbraio 2012, evasa richiesta alloggio popolare

INSERIMENTO APPARTAMENTO HOUSING SOCIALE prevista

RACCORDO SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI

In valutazione DIMESSO poich rinuncia all intervento LEGATORIA da Settembre 2011, inserimento in borsa lavoro c/o CDE Borsa lavoro fino a settembre 2012, assunzione ad Ottobre 2012 da Azienda Silingardi di Vedano Lavanderia del carcere, evasa richiesta di alloggio popolare Inserimento c/o laboratorio legatoria Luglio 2012, evasa richiesta di alloggio popolare prevista

SI SI Ingresso Settembre 2012

P.F. Q.M. R.V. S.A. S.P. S.R. S.R. S.V. H.L. T.A. Z.G. A.A. G.M. M.P. S.R. C.M. S.T. G.L. M.M. M.V.

CESANO MADERNO MONZA c/o carcere MILANO COLOGNO M.SE MILANO MONZA c/o carcere MILANO BOVISIO MASCIAGO MONZA MONZA NOVA MILANESE COLOGNO MONZESE RONCELLO (MB) ARCORE MONZA c/o carcere CINISELLO B. MONZA VELATE MILANESE DESIO MONZA

SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI

Non idoneo Effettuata valutazione

UTENTE N.A. S.P. C.I. M.M. M.S. V.M. D.A.G. B.F B.A.A. C.V. S.M. Y.S. S.S H.P. B.F. M.G. D.C.E T.I. L.G.D. L.L.G. V.V. A.R.M P.D.B F.M. M.B.H L.G. N.C. L.N. P.A. S.L. M.L.D. B.S. T.L. L.C.S C.A. D.C. G.L. S.R. C.M.

COMUNE DI APPARTENENZA VAREDO CARNATE SESTO S.GIOVANNI GAMBALO (PV) LENTATE SUL SEVESO MONZA c/o carcere SESTO S.GIOVANNI SENZA RESIDENZA SESTO S.GIOVANNI TORINO MELEGNANO SENZA RESIDENZA CESANO MADERNO MONZA BRUGHERIO CINISELLO BALSAMO MILANO MONZA MILANO COLOGNO MONZESE SENZA RESIDENZA COLOGNO MONZESE MONTEMARENZO(LC) MONZA c/o carcere MILANO MILANO MONZA CAVENAGO BRIANZA CINISELLO BALSAMO LECCO MILANO MONZA BRONI (VA) TRABIA (PV) MONZA c/o carcere MONZA c/o carcere VELATE MILANESE MONZA c/o carcere MONZA c/o carcere

INTERVENTI EROGATI Effettuata valutazione progetto sintesi Effettuata valutazione progetto sintesi Segnalazione progetto sintesi, non idoneo Segnalazione progetto sintesi, in attesa di responso del servizio inviante Effettuata valutazione Progetto Sintesi Segnalazione impropria al Progetto Sintesi, presa in carico Serv. Soc.

INSERIMENTO APPARTAMENTO HOUSING SOCIALE

RACCORDO SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI SI

Evasa richiesta di alloggio popolare Evasa richiesta di alloggio popolare Evasa richiesta di alloggio popolare

Evasa richiesta di alloggio popolare

3.2 INTERVENTI EROGATI


A.J. 6 colloqui con detenuto, test ASI, 6 incontri con operatori (UOC, Area Trattamentale c.c).Dimesso poich rinuncia all intervento. B.S. 15 colloqui con detenuto, test ASI, 5 incontri con operatori. Inserito c/o laboratorio Aquasan, previsto attuazione di progetto di reinserimento socio lavorativo con inserimento nell appartamento di housing alla scarcerazione. B.A. 2 incontri con operatori, raccordo con servizi sociali e Aler. C.A. 5 colloqui con detenuto, test ASI, 2 incontri con operatori, invio relazione sociale con valutazione al Comune di residenza. D.C. 2 incontri con operatori, raccordo e invio relazione sociale al Comune di residenza. C.M. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatori. Trasferito in altro carcere. G.N. 3 colloqui con detenuto,2 incontri con operatori. Raccordo con servizi interni al carcere. D.C. Straniero senza permesso di soggiorno, non idoneo. 2 colloqui. G.A. 3 colloqui con detenuto, in valutazione per raccordo con Comune di residenza. Scarcerato Ottobre 2012 L.S. 3 colloqui con detenuto, 2 con operatori, raccordo con Servizi Sociali di residenza, invio attestazione di presa in carico. Prevista accoglienza nell appartamento di Monza Ospitalit.l M.F. 10 colloqui con detenuto, 5 incontri con operatori, raccordo con Servizi Sociali. Scarcerato Settembre 2012. M.J. 1 colloquio con detenuto, 2 incontri con operatori, Verifica nucleo famigliare e figli minori a seguito 2012. M.R. 7 colloqui con detenuta, test ASI, 4 colloqui con operatori, invio relazione con valutazione per sviluppo ipotesi progetto di reinserimento socio lavorativo al Servizio Sociale di residenza. N.G. 6 incontri con operatori, raccordo con Uffici di Tutela Minori del Comune di residenza dei figli e con il Comune di Monza. N.A. 5 colloqui con detenuto, test ASI,4 incontri con operatori, effettuata valutazione per progetto di rinserimento socio lavorativo, inviata ipotesi progettuale. Il detenuto rifiuta percorso. P.S. 15 colloqui con detenuto, test ASI, 5 incontri con operatori, effettuata valutazione per sviluppo percorso di reinserimento socio lavorativo; inviata ipotesi progettuale. Inserimento in borsa lavoro presso CDE di Monza e inserimento in Appartamento di Housing sociale. P.C. 10 colloqui con detenuto, test ASI, 5 incontri con operatori, 4 incontri con referente aziendale. Effettuata valutazione per sviluppo percorso di reinserimento socio lavorativo; inviata ipotesi progettuale, approvata. Inserimento in azienda da Giugno 2012 in borsa lavoro, in art. 21 assunzione ad Ottobre 2012. Revocata segnalazione da parte dei servizi inviati per housing sociale. P.F. 1 colloquio con detenuto, 3 incontri con operatori. Inviata relazione al Sevizio Sociale del territorio Q.M. 7 colloqui con detenuto, test ASI, 5 incontri con operatori, effettuata valutazione per sviluppo percorso di reinserimento socio lavorativo; inviata ipotesi progettuale, approvata. Previsto inserimento in appartamento alla scarcerazione e attivazione borsa lavoro. R.V. 2 incontri con operatori, invio al Comune di residenza del parere preliminare all assunzione di spesa, non pervenuta risposta. Avvenuta scarcerazione. S.A. 30 colloqui con detenuto, test ASI, 7 incontri con operatori, 1 incontro con Assistente Sociale del Comune di residenza. Effettuata valutazione per percorso di reinserimento socio lavorativo, inviata al servizio Sociale di residenza, approvata. Inserimento nel laboratorio di Solaris in carcere nel Luglio 2012. S.P. 5 colloqui con detenuto, 3 incontri con operatori, inviata relazione al Servizio Sociale di competenza. Scarcerato Giugno 2012. S.R. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore, raccordo con Servizio Sociale di competenza. S.R. 4 colloqui con detenuta, test ASI, 3 incontri con operatori, effettuata valutazione per sviluppo percorso di reinserimento socio lavorativo, inviata relazione al Servizio Sociale di competenza. S.V 8 colloqui con detenuto, 7 incontri con operatori, raccordo e collaborazione mensile con ufficio tutela Minori del Comune di Residenza. H.L. 2 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatore, raccordo con Servizio Sociale di competenza. T.A. 2 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatore, raccordo con Servizio Sociale di competenza. Scarcerato a Marzo 2012. G.L. 2 colloqui con detenuto, raccordo con ufficio tributi del Comune di residenza.

A.A. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, raccordo con ufficio Tutela Minori del Comune di residenza. Z.G. 3 incontri con operatore, raccordo con invio comunicazione stato detentivo al Comune di residenza. Scarcerato Ottobre 2012. G.M. 3 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatori, raccordo con il Servizio Sociale di competenza. M.P. 1 colloquio con detenuto, un incontro con operatore, trasferito di carcere. S.R. 2 colloqui con detenuto, un incontro con operatore, raccordo con l Ufficio Alloggi del Comune di residenza. C.M. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, raccordo con l Ufficio Alloggi del Comune di residenza. S.T. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, no vi sono requisiti per sviluppo di un percorso di reinserimento socio lavorativo. M.M. 20 colloqui con il detenuto, 10 incontri con operatori, raccordo con servizio sociale di residenza. Trasferito in altro carcere a Settembre 2012, attualmente in carico. M.V. raccordo con servizi sociali di riferimento. N.A. 1 incontro con operatori, progetto sintesi, valutazione da avviare. S.P. 1 incontro con operatori, progetto sintesi, valutazione da avviare. C.L. 1 incontro con operatore, progetto sintesi, non idoneo alla presa in carico. M.M. 1 incontro con operatori, progetto sintesi. Valutazione da avviare. M.S. pervenuta segnalazione progetto sintesi. V.M. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, raccordo con servizi sociali. D.A.G. 3 colloqui con detenuto, raccordo con servizi sociali. B.F. 1 colloquio con detenuto, 2 incontri con operatore. B.A.A. 2 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatori. C.V. 3 colloqui con il detenuto, 2 incontri con operatore. S.M. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. Y.S. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. S.S. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. H.P. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. B.F. 1 colloquio con detenuto, raccordo con servizio sociale. M.G. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. D.C.E. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, evasa richiesta di alloggio popolare T.I. 3 colloqui con detenuto, raccordo con ufficio alloggi per evasione domanda casa popolare L.G.D. 3 colloqui con detenuto, evasa richiesta di alloggio popolare V.V. 2 colloqui con detenuto, senza residenza A.R.M. . 3 colloqui con detenuto, raccordo con servizi sociali di residenza. P.D.B. 4 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, raccordo con servizi sociali di residenza. F.M. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori. M.B.H. 1 colloquio con detenuto, 1 incontro con operatore. L.G. 2 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatore, evasa richiesta di alloggio popolare. N.C. 2 colloqui con detenuto, 1 incontro con operatore, evasa richiesta di alloggio popolare. L.N. 2 colloqui con operatori, raccordo con servizio sociale di residenza. P.A. 3 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatore, raccordo con servizio sociale di residenza. S.L. 1 colloquio con detenuto, raccordo con operatore. M.L.D. 3 colloqui con detenuto, 4 incontri con operatore, raccordo con servizio sociale di residenza. B.S. 4 colloqui con detenuto, 2 incontri con operatori, raccordo con servizio sociale di residenza, scarcerato Luglio 2012. T.L. 2 colloqui con il detenuto, 1 incontro con operatore, trasferimento in altro carcere Settembre 2012. L.C.S. 4 colloqui con detenuto, 3 incontri con operatori, scarcerato Dicembre 2012.

4. SPORTELLO ANAGRAFE E STATO CIVILE


Nell anno 2012 stato predisposto un modulo ad uso interno dello sportello anagrafe contenente le generalit dei reclusi che afferiscono al servizio; tale modulo stato introdotto, inoltre, per migliorare la rendicontazione degli interventi erogati. Lo Sportello Anagrafe ha accolto nell anno 2012 n 137 detenuti di cui n 82 detenuti italiani e n 55 detenuti stranieri. Si evidenzia l aumento delle richieste di informazioni/consulenza; ci sta a significare come a questo sportello venga riconosciuto un ruolo importante, da parte dei ristretti, di approfondimento e ascolto delle proprie problematiche e necessit. Le principali richieste hanno riguardato: informazioni e consulenza, iscrizioni anagrafiche, rilascio certificati anagrafici, rinnovi carte d identit, matrimoni e riconoscimenti filiazione naturale. Ulteriori richieste in aumento: autentiche di firma su atti di assenso per l espatrio di figli minori, informazioni riguardanti rilascio tessere sanitarie dopo iscrizioni anagrafiche, convivenze anagrafiche. Si riconferma l aumento delle richieste da parte dei cittadini italiani. Un approfondimento particolare merita l iscrizione per residenza presso il carcere. Alcuni detenuti non risultano iscritti in nessuno comune italiano in quanto cancellati per irreperibilit. Spesso, queste situazioni sono conseguenza della situazione giudiziaria dei detenuti: famiglie che li cancellano dal nucleo famigliare in quanto non pi residenti, persone che hanno fine pena lunghi e che pertanto non hanno pi una residenza da molto tempo. Pertanto, quando si parla di residenza anagrafica presso il carcere, bisogna tener conto anche di ulteriori aspetti come, ad esempio, quello del recupero sociale e riabilitativo dei soggetti ristretti nella struttura. Partendo da questa prospettiva, diventa quasi naturale parlare, allora, di residenza anagrafica degli stessi presso la struttura detentiva ove effettivamente dimorano. A tal proposito si ribadisce l importanza di mappare fin dall ingresso in istituto le residenze dei detenuti al fine di consentire lo sviluppo di percorsi di reinserimento, garantire la continuit di trattamento e di presa in carico da parte dei sevizi del territorio ed evitare, cos, la scarcerazione di soggetti senza residenza in alcun territorio; fenomeni di questo tipo purtroppo attualmente ancora avvengono. Si propone quindi, di poter verificare settimanalmente le residenze dei detenuti giunti in istituto; l ufficio carcere recepir dall Ufficio Matricola l elenco dei soggetti e ne restituir l informativa al medesimo ufficio. Si ormai consolidato con l Ufficio Matricola il monitoraggio dei detenuti iscritti presso l istituto. Il monitoraggio e lo scambio di informazioni tra ufficio Matricola e lo Sportello garantisce l aggiornamento dei dati, provvedendo, in caso di trasferimento dei detenuti in altre strutture, di attivare immediatamente le procedure d iscrizione presso il nuovo comune di destinazione. Si registra, inoltre un aumento di richieste da parte del personale di Polizia Penitenziaria e del personale civile della medesima amministrazione; dal 2013 anche codeste richieste verranno registrate e inserite all interno del report annuale.

4.1 INTERVENTI EROGATI Richiesta informazioni/consulenza : 41 ; Richiesta iscrizioni anagrafiche : 41 ; Richiesta certificazioni varie : 24 ; Richiesta verifica residenza :6 ; Richiesta matrimonio : 18 ; Richiesta carta identit : 44 ; Richiesta delega : 1 ; Richiesta riconoscimento filiazione naturale : 10 ; Richiesta d autentica di firma :2 ;

4.2 DATI
COMUNE DI RESIDENZA AICURZIO ASTI BELMONTE BERGAMO BOLLATE BOLOGNA BRESSO BRIOSCO BRUGHERIO CAPRIGLIA IRPINA CARNATE CASSANO DADDA CASIRATE D ADDA CASSINETTADI LUGAGNANO CESANO MADERNO CINISELLO BALSAMO COLICO (LC) COLOGNO M.SE CONCORREZZO CORMANO CORSICO LA SPEZIA LISSONE LOCRI MANTOVA MARIANO C MELZO MESSINA MILANO MONZA MOTTA VISCONTI NAPOLI NOVA MILANESE NUORO VARESE OPERA PADERNO DUGNANO PALERMO PERUGIA PONTIGLIO PRESEZZO REGGIO CALABRIA ROMA SEREGNO SESTO SAN GIOVANNI SILIANO SOLARO TREVISO TORINO VELATE MILANESE VERANO B.ZA VILLASANTA S.R. TOTALE ITALIANI 1 1 1 2 2 1 2 1 STRANIERI 1 1 UOMINI 1 1 2 2 2 1 1 2 1 2 1 1 1 2 10 1 2 2 1 2 1 3 1 1 2 1 1 20 13 1 3 1 1 1 1 1 3 1 1 1 1 2 1 3 1 1 2 1 1 19 132 DONNE

1 2 8 1

2 1 1 2 2 2 1

2 1 3 1

1 15 13 1 3 1 1 3 1

1 2 1 5 2

1 1 1

1 1 2 1 2 1 4 82

1 1 1 1 1 1 2 2 1 1 16 55

1 1 5

5. SPORTELLO MEDIAZIONE
L Associazione Mosaico Interculturale ha garantito, nel semestre Gennaio/Giugno, la presenza fissa di tre mediatori alla settimana: mediatore di lingua e cultura araba, latino americana e rumena/moldava/russa/francese. La mediazione viene effettuata nella sezione nuovi giunti e presso le sezione. Nel primo semestre 2012 sono ricorsi alla mediazione 86 detenuti. Oltre i colloqui infatti vengono anche realizzate traduzione di documenti, lettere, giornalino interno. Su specifica richiesta da parte dei servizi interni al carcere possibile permettere l ingresso di mediatori di altre aree linguistiche. Le mediatrici sono delle figure di supporto agli operatori del carcere: facilitano la comprensione e la conoscenza degli aspetti culturali e di relazione nonch la raccolta dati e di informazioni necessari per il primo colloquio, traducono i concetti linguistici e decodificano gli aspetti culturali/religiosi. Il servizio si rivela necessario alla popolazione detenuta che molto spesso non conosce le regole dell istituto penitenziario. Il servizio molto efficace presso l ufficio nuovi giunti e l area sanitaria. Nel secondo semestre a seguito della rimodulazione del Progetto Sintesi gli interventi erogati sono stati attivati unicamente su richiesta a chiamata dei servizi interni al carcere; tali interventi sono stati 4.

MEDIAZIONE
ARABA AMERICA LATINA RUMENA/RUSSA/FRANCESE ALBANESE

N. UTENTI
56 10 27 2 86

UOMINI
46 6 22 2 76

DONNE
1 4 5 10

TOTALE

6. SPORTELLO HOUSING
Lo sportello Housing nasce a Gennaio 2010 nell ambito del Macro-Progetto Accompagnamento al Lavoro e Housing Sociale (ex DGR95/02) e diventa effettivamente operativo a Luglio 2010. Il Servizio usufruisce di un parco abitativo costituito da circa 20 postazioni dislocate nei comuni di Monza, Brugherio, Arcore, Cornate D Adda, Sulbiate e Vimercate. Lobbiettivo di incanalare correttamente e specificatamente l emergenza abitativa che spesso accompagna il post-detenzione, un passaggio fondamentale per il successo di un progetto di reinserimento sociale. All interno dei progetti individualizzati di reinserimento dei detenuti, si pu verificare in concerto con gli Operatori riferenti l opportunit di concessione di permessi premiali da parte della magistratura di sorveglianza, a tal fine lo Sportello Housing offre anche l opportunit di fruire del permesso all interno degli appartamenti. L appartenenza al Macro-Progetto dei soggetti da inserire negli appartamenti dello Sportello Housing un punto fondamentale, poich significa avere avuto modo di approfondire e conoscere accuratamente le persone da inserire, elemento indispensabile per la continuit terapeutica. Il processo di attivazione dello Sportello prevede la segnalazione del caso da parte dell Area Educativa o dei Servizi interni. L Operatore dello Sportello successivamente ad una verifica con l educatore di riferimento, incontra il detenuto, (o ex detenuto) e avvia il percorso di inclusione sociale, mantenendo sempre un rapporto di costante raccordo con il Segnalante e di referenza e con l Equipe di lavoro che ha in carico la persona nel Macro-Progetto, tutto questo per un puntuale monitoraggio di tutte le sue fasi. Gli interlocutori dell Operatore dello Sportello Housing sono l Area Trattamentale, i Tecnici dei laboratori interni al carcere, il sert, l Ufficio Operativo Carcere e i Servizi Sociali del Territorio. La permanenza consentita negli appartamenti di 12 mesi complessivi (6 mesi + 6 mesi di proroga), questo sia per garantire il servizio ad un numero maggiore di utenti, sia per incentivare l autonomia. Alla persona viene fatto sottoscrivere all atto di ingresso un Patto di Buona Convivenza che regola la permanenza nella struttura. Oltre al monitoraggio e alla gestione dell appartamento l Operatore dell Housing collabora al progetto in ogni sua fase, infatti la sua funzione implica una azione sia interna che esterna al carcere; dapprima, come descritto, per la valutazione della presa in carico; successivamente per il mantenimento della relazione con il detenuto, non soltanto come vero mero controllore, ma come collaboratore attivo all interno del percorso riabilitativo e come primo mediatore tra il mondo dentro il carcere ed il territorio.

HOUSING MONZA SEGNALAZIONI: n 16 ACCOLTI: n 7 MONITORAGGIO: n9 RESPINTI: n 0

ALLEGATO A: ELENCO RESIDENTI DETENUTI DI MB MAGGIO 2013


I dati raccolti dall Ufficio matricola della Casa Circondariale prevengono dalle dichiarazioni rilasciate al momento dell arresto da parte dei detenuti. Anni di lavoro e sportello anagrafe dimostrano che spesso le dichiarazioni di residenza non coincidono con il dato reale. A tal proposito si ribadisce l importanza di mappare fin dall ingresso in istituto le residenze dei detenuti al fine di consentire lo sviluppo di percorsi di reinserimento, garantire la continuit di trattamento e di presa in carico da parte dei servizi del territorio ed evitare, cos, la scarcerazione di soggetti senza residenza in alcun territorio ; fenomeni di questo tipo purtroppo attualmente ancora avvengono. Agrate Brianza Alcuzio Albiate Arcore Barlassina Bellusco Bernareggio Besana in Brianza Biassoni Bovisio Masciago Briosco Brugherio Burago ci Malgora Camparada Carate Brianza Carnate Cavenago di Brianza Cesano Maderno Concorezzo Desio Giussano Lesmo Limbiate Lissone Macherio Meda Mezzago Misinto Monza Muggi Nova Milanese Ornago Seregno Seveso Sulbiate Triuggio Usmate Velate Varedo Verano Brianza Villasanta Vimercate

COMUNE

TOTALE
3 1 1 3 2 3 2 3 1 2 2 9 1 1 4 3 1 5 6 7 3 1 1 5 1 1 1 2 28 9 7 1 10 5 1 1 1 2 4 2 8

ALLEGATO B: ELENCO RESIDENTI DETENUTI DEL DISTRETTO DI CINISELLO BALSAMO: CINISELLO BALSAMO, CORMANO, CUSANO, BRESSO, MAGGIO 2013

Citt di residenza
Bresso Cinisello balsamo Cormano Cusano Milanino

Totale
3 39 2 3

ALLEGATO C: ELENCO COMUNI DI PROVENIENZA DEI DETENUTI ISCRITTI PRESSO IL CARCERE DI MONZA, VIA SANQUIRICO.
I dati riportati in tabella pervengono dai registri anagrafici del Comune di Monza, pertanto risultano essere dati certi; si ribadisce che i dati degli allegati A e B provengono dalle dichiarazioni rese dai detenuti al momento dell arresto. Le informazioni possono essere non rispondenti al dato reale. Dei 63 soggetti attualmente residenti in via Sanquirico 22 risultano scarcerati ma attualmente in possesso della residenza a Monza. Alcuni di questi sono in carico ai Servizi Sociali fruitori di interventi erogati in loro favore. I costi relativi agli interventi sono tutti a carico del Comune di Monza.

COMUNE
Boretto (RE) Briosco Brugherio Busnago Calolzio Corte (LC) Cesano Boscone Cesano Maderno Cinisello Balsamo Colico Cormano Corsico Irreperibili Lissone Luino (VA) Marocco Milano Monza Motta Visconti (MI) Muggi Peschiera Borromeo (MI) Portogallo Prevalle (BS) Romania Rosarno (RC) Saronno (VA) Senago (MI) Sesto San Giovanni Somma Lombardo (VA) Spagna Usmate Velate Varese Villanterio (PV)

TOTALE
1 1 1 1 1 1 4 1 1 1 18 2 1 1 6 1 1 2 1 1 1 3 1 1 1 3 1 1 1 1 1

TOTALE

63

Interessi correlati