Sei sulla pagina 1di 30

Canzoniere Scout

Reparto Mafeking Garbagnate 1

Fonti: Fuoco di campo (Luciano Ferraris - ECO) Tutti in cerchio (Luciano Ferraris - Elle Di Ci editrice) Canti di mezzanotte (Commissariati regionali lombardi A.S.C.I. e A.G.I.) Cantiamo attorno al fuoco (Libreria pavoniana -BS-) Canzoniere scout (ECO / Milano) Canti scout (ECO / Milano) http://it.scoutwiki.org Note di Branca - stage nazionale per capi sulla musica

un Reparto che canta un Reparto che cammina!

La Leggenda del Fuoco

SOL Splende il fuoco nel cerchio degli DO RE SOL esplorator Ascoltate la voce della amma dor RE SOL Rit. Sale al ciel amma leggera RE Del gran fuoco caldo e buon SOL Sotto i pini alla brughiera RE sale in alto e sale ancor... MISale in alto e sale ancor! LADO RE7 SOL Fuoco degli esplorator Ero un principe un giorno perdo e sleal e spargevo dintorno il dolore e il mal Dun gran mago lincanto tosto mi pun e nei tronchi del bosco mi rinchiuse un d Da quel giorno nei tronchi prigionier io son e costretto a soffrire freddo e solleon Nellardor della amma mi consumo qui e col ceppo che arde brucio anchio ogni d Dal tremendo supplizio convertito son e per luomo divento fuoco caldo e buon

Canzone cantata e ballata come apertura del fuoco di campo o di bivacco. uno dei tanti canti scritti da padre Jacques Sevin s.j., fondatore degli scouts de France e autore anche del Canto della promessa, Canto delladdio e Canto del tramonto.

Canto degli esploratori (al passo del guidon)


MI Al passo del guidon, SI fratello scout, tattende lavventura FA#SI tra il verde delle macchie e sotto il sol. MI Al passo del guidon, SI avanti ad esplorare la natura: FA#un nido, unerba, un or taspetta SI ed tutto per te. MI SI MI Rit. Apri locchio, fratello scout, SI tutto il mondo che intorno a te MI SI una cosa meravigliosa (bis) MI da scoprir A lato del sentier la pista ancor, fratel, non battuta, la bussola ti guida senza error. A lato del sentier il mondo tutta la terra sconosciuta ma certo c un amico che di l ti aspetter. Al fuoco del fal la gioia dei fratelli la pi pura: fa ununica gran tenda il vasto ciel. al fuoco del fal si sente ancor pi limpida e sicura la voce che ci vuole esplorator sul nostro onor.
Canto della tradizione scout ASCI (Associazione Scout Cattolici Italiani), che insieme allAGI (Associazione Guide Italiane), nel 1974 diedero vita all AGESCI.

Scouting for boys (Pronti a servire)

DO SOL LA- FA SOL Eravamo ragazzi ancora, con il tempo aperto davanti i giorni pi lunghi coi calzoni corti, a caccia di vento i semplici canti. La carta e la colla insieme, incrociare due canne pi forti, legate allo spago le nostre speranze, nei nostri aquiloni i sogni mai morti. Si alzano ora in alto, pi in alto di allora le danze, restare confusi il tempo ti afferra scommetter sul mondo ma senza arroganza. La testa nel cielo vero, ma il camminare ti entra da terra, ripronti a partire rischiare la strada, i ori pi veri non son quelli di serra. Rit. E va, pi in su pi in la, contro vento, lotta dura ma, tendi lo spago, e se sta a cuore a noi, non vana speranza, cambier, oltre la siepe va! E il potere allindifferenza, lindifferenza che al potere fa ladri, la terra ormai scossa dagli atomi pazzi, denaro trionfante schiaccia grida di madri. Ed ancora la grande corsa, per gli stupidi armati razzi, il rialzo e i protti, pi disoccupati e c sempre chi dice: state buoni ragazzi. E nascosta rassegnazione, dietro grandi progetti mancati, non pi il tempo di facili sogni, i nostri aquiloni hanno i li bloccati. Ma vediamo pi acuti e nuovi, riaforare i nostri bisogni, solidali ci chiama la citt delluomo, sporcarsi le mani in questo mare un segno. Rit.
Canto scout di recente composizione, il cui titolo riprende il nome del celebre libro di Baden-Powell Scouting for boys (traduzione italiana Scautismo per ragazzi). usanza diffusa far roteare durante il ritornello il Fazzolettone.

RE LA SI- SOL LA Ed ancora pi in alto vola, prende quota sorvola vallate, portato dai venti ma le idee le ha chiare di certe nubi si muore, di acque inquinate. Non cantare per evasione, canta solo se vuoi pensare, il ne nel mezzo come il grano nel seme, il progresso delluomo dobbiamo imparare. Meccanismi perversi fuori, meccanismi che dentro teme, avere sembrare ti prendono a fondo, cercare se stessi pi dura ma insieme ... e lottare per realizzare un amore che sia fecondo, via le porte blindate chiuse sugli egoismi, un uomo e una donna spalancati sul mondo. Rit. MI SI DO#- LA SI E spingendo di nuovo i passi, sulla strada senza fare rumore, non teme il vento, con la pioggia e col sole, gi e non ancora seguire lamore. E un tesoro nascosto cerca, nascosto gi nelle gole, paura che prende quando siamo vicini a chi in vita sua mai ha avuto parole. E lo scopri negli occhi vero, in quegli occhi tornati bambini, han saputo rischiare, lascia tutto se vuoi sulla sua strada andare scordare i suoi ni. Un aquilone nel vento chiama, tendi il lo, ora, puoi! Le scelte di oggi per un mondo che cambia, pronti a servire ancora scouting for boys! Rit. E va, pi in su pi in la, contro vento, lotta dura ma, tendi lo spago, e se sta a cuore a noi, non vana speranza, cambier, oltre la siepe va!

Canto del Tramonto (Signor fra le tende schierati)

RE LA Signor, fra le tende schierati per RE SILA salutar il d che muor, RE LA RE le note di canti accorati leviamo aTe SILA calde damor. RE LA SILA Ascolta Tu lumil preghiera che RE SOL LA daspro suol sode innalzar SISOL LA a Te cui mancava alla sera un tetto RE LA RE ancor per riposar. RE LA Rit. Chiedon sol tutti i nostri cuori SOL LA RE a Te sempre meglio servir. Genuetton qui nel pian SIMIi tuoi esploratori: SOL RE LA RE Tu dal ciel benedicili Signor. Del giorno che adesso nisce con grato cuor Ti ringraziam. Nel vincol che tutti ci unisce fratelli scout per Te noi siam. Signor, noi Ti vogliam seguire anche se aspro il sentier: con Te noi vogliamo salire, con Te nessun potr cader. Perdona se abbiamo mancato, ripara Tu ai nostri error, Signor, che dal cielo stellato vegli sui tuoi esplorator. Or mentre lombra intorno scende noi Ti sentiam tanto vicin: oh, resta con noi fra le tende no al ritorno del mattin.
Cantata quando la giornata volge al termine. Traduzione italiana di un celebre canto della tradizione scout francese, dal titolo Cantique des Patrouilles. Alla parola genuetton usanza genuettersi.

Alla Madonna degli scout (O vergine di luce)


RELA REViene la notte e distende LA7 il suo mantello di vel RE- DO FA ed il campo calmo e silente DO7 FA si raccoglie nel mister. LA7 SOL- LA7 Rit. O Vergine di luce, RELA stella dei nostri cuor, LA7 SOL- LA7 ascolta la preghiera, RELA7 REmadre degli esplorator. O Delle stelle Signora, volgi lo sguardo quaggi dove i tuoi gli, sotto le tende, ti ameranno sempre pi. O tu pi bianca che neve nel tuo mantel verginal con la tua dolcezza lieve ci proteggi conto ogni mal. Come le tende a noi care savvolgono sul partir cos avvolgici col tuo pregare quando saremo per morir.
Canto serale, conosciuto con vari nomi. Traduzione italiana di un celebre canto della tradizione scout francese, dal titolo Notre Dame des Eclaireurs.

Canto della promessa

RE LA Dinnanzi a voi mimpegno sul mio onor RE LA RE e voglio esserne degno per Te o Signor. SOL RE LA RE/RE7 Rit. La giusta e retta via mostrami Tu SOL RE LA RE e la Promessa mia accogli, o Ges. Fedele al Tuo volere sempre sar, di Patria il mio dovere adempir. Apostolo Tuo sono per il tuo amor, agli altri di me dono vo fare ognor. Leale alla mia legge sempre sar, se la Tua man mi regge io manterr.

Celebre canto scritto da padre Jacques Sevin s.j., fondatore degli scouts de France, su una melodia del XVIII secolo. Durante la canzone si resta sullattenti, e quando si canta il ritornello, tutti coloro che hanno fatto la Promessa fanno il saluto Scout.

Kamaludu
7

LA Kamaludu Kamaludu ludu MI Kamaludu uandaisii LA RE MI LA Kamaludu Kamaludu uandaisii Behbel ina Behbel ina ina Behbel ina uandaisii Behbel ina Behbel ina uandaisii Natouleja Natouleja leja Natouleja uandaisii Natouleja Natouleja uandaisii

Celebre canto di richiamo al fuoco di origine africana. Viene citato per la prima volta nel 1961 sulla rivista Lesploratore. Di recente sono state inventate altre versioni, come quella blues.

Faria faria oh

LA Per il mondo ha camminato, RE MI LA faria faria oh! LA Monti e mari ha gi varcato, RE MI LA faria faria oh! LA MI RE LA Ma gli dolce continuar RE MI LA rischi e incognite a sdar. LA FA#- RE MI LA Faria faria faria faria faria faria oh! (2 volte) Non gli pesa il borsellino, faria faria oh! Ma signor del suo destino, faria faria oh! Sempre lieto e pien dardor canta e va lesplorator. Faria faria faria faria faria faria oh! (2 volte) Col fagotto e col bastone, faria faria oh! Parte senza colazione, faria faria oh! Lunga strada far dovr molti amici trover. Faria faria faria faria faria faria oh! (2 volte) Parte e sogna cose belle, faria faria oh! Albe e ori, prati e stelle, faria faria oh! Quando Iddio lo chiamer sorridendo torner. Faria faria faria faria faria faria oh! (2 volte)

Canto scritto per gli scouts de France da pre Doncoeur su una musica tradizionale austriaca. Il titolo originale era La bohme.

Farewell
9

RE L sul fondo val un coniglio sta

LA Singing polly-wally-doodle all the day che ben presto in ciel se ne vuol volar RE Singing polly-wally-doodle all the day RE Rit. Farewell! Farewell! LA Farewell, my fairy fay! I am often to Louisiana, for to see my Sousy Anna, RE Singing polly wolly doodle all the day Quando in alto gi sulla nube l Singing... lapparecchio allor prende a dondolar Singing... Il coniglio allor tutto pien dardor Singing... prende lombrellon e con emozion Singing... Quasi a terra gi quando vede l Singing... scritto sul cartel Non si pu sostar Singing... Quando in terra ahim ha gi messo il pi Singing... un sever guardian vuol la coda in man Singing... Cos sta in prigion per la presunzion Singing... per voler volar sta senza mangiar Singing... A grasshopper sittin on a railroad track Singing... and pickin his teeth with a carpet-tack Singing...
Tratto dai canti del Scott Rover Crew, adattato da Kotick. Il ritornello tradotto in italiano signica: Addio! Addio! / Addio, mia dolce fata! / Me ne vado in Lousiana / per vedere la mia Susy Anna, / Cantando polly-wolly-doodle tutto il giorno.

Preghiera della sera (Al cader della giornata)

10

MI LA MI DO#- FA#- SI MI Al cader della giornata, noi leviamo i cuori a Te Tu lavevi a noi donata, bene spesa fu per Te LA MI SOL#- LA SI MI Te nel bosco e nel ruscello, Te nel monte e Te nel pian LA MI DO#- FA#- SI MI Te nel cuore del fratello, Te nel mio cercai damar. Se non sempre la mia mente in Te pura safss E talora stoltamente da Te lungi sattard Mio Signor ne son dolente, te ne chieggo, o Dio, merc Del mio meglio lietamente, io doman far per Te. I Tuoi cieli sembran prati, e le stelle tanti or Son bivacchi dei beati, stretti in cerchio al lor Signor Quante stelle, quante stelle, dimmi Tu la mia qual ? Non ambisco alla pi bella, basta sia vicino a Te.

Celebre canto di preghiera serale scritto da don Tarcisio Beltrame Quattrocchi, durante una notte di veglia, in occasione del San Giorgio del 1946 (il primo dopo lo scioglimento voluto dal fascismo). cantata sulle parole della canzone friulana Ai preat la biele stele.

Camminer
11

RE SIRit. Camminer, camminer SOL LA sulla Tua strada, Signor. RE SIDammi la mano, voglio restar SOL LA RE per sempre insieme a Te. RE SIQuando ero solo, solo e stanco del mondo, SOL LA quando non cera lAmor, RE SItante persone vidi intorno a me, SOL LA RE sentivo cantare cos. Io non capivo ma rimasi a sentire quando il Signore mi parl: Lui mi chiamava, chiamava anche me e la mia risposta salz. Or non importa se uno ride di me, lui certamente non sa del gran regalo che ebbi quel d che dissi al Signore cos. A volte sono triste, ma mi guardo intorno, scopro il mondo e lamor; son questi i doni che Lui fa a me felice ritorno a cantar.
Canto liturgico.

Symbolum 78 (E sono solo un uomo)

RE FA#SOL RE Io lo so, Signore, che vengo da lontano FA#SOL LA prima nel pensiero e poi nella Tua mano. RE LA SOL RE Io mi rendo conto che Tu sei la mia vita SOL MIMI7 LA e non mi sembra vero di pregarti cos. Padre di ogni uomo e non Ti ho visto mai Spirito di vita e nacqui da una donna, Figlio, mio fratello, e sono solo un uomo eppure io capisco che Tu sei verit. RE SOL LA RE7 E imparer a guardare tutto il mondo SOL LA RE RE7 con gli occhi trasparenti di un bambino SOL LA RE SI7 e insegner a chiamarti Padre Nostro MIMI7 LA ad ogni glio che diventa uomo. (2 volte) MILA RE Io lo so, Signore, che Tu mi sei vicino luce alla mia mente, guida al mio cammino, mano che sorregge, sguardo che perdona e non mi sembra vero che Tu esista cos. Dove nasce amore Tu sei la sorgente dove c una croce Tu sei la speranza, dove il tempo ha ne Tu sei la vita eterna e so che posso sempre contare su di Te. E accoglier la vita come un dono e avr il coraggio di morire anchio e incontro a Te verr col mio fratello che non si sente amato da nessuno.
Canto liturgico.

12

Accogli Signore i nostri doni


13

DO MIAccogli Signore i nostri doni LAMIin questo misterioso incontro FA DO MI- LAtra la nostra povert FA SOL DO SOL e la tua grandezza. Noi ti offriamo le cose che tu stesso ci hai dato e tu in cambio donaci donaci te stesso. Accogli Signore i nostri doni.

Canto liturgico.

Colore del sole

14

RE LA RE LA Colore del sole pi giallo delloro no RE LA MI MI7 la gioia che brilla negli occhi tuoi fratellino, colore di un ore il primo della mattina in te sorellina vedo rispecchiar, RE MI RE LA nel gioco che fai non sai ma gi stringi forte RE LA RE LA RE MI MI7 segreti che sempre avrai nelle mani in ogni tua sorte, nel canto che sai la voce tua chiara dice RE LA RE LA RE Famiglia felice oggi nel mondo poi LA MI MI7 RE LA su nel ciel per sempre sar... Colore del grano che presto avr dor splendore la verde tua tenda fra gli alberi esploratore, colore lontano di un prato che al cielo grida sorella mia guida con me scoprirai; dove il tuo sentiero si apre su un mondo ignoto che attende il tuo passo come di un cavaliere dato, dove il tuo pensiero dilata questa natura verso lavventura che ti far capire te stesso e amar il Signor... Colore rubino del sangue di un testimone il sangue che sgorga dal cuor tuo fratello rover, color vespertino di nubi sul suol raccolte lamore che scolta tu impari a donar, conosci quel bene che prima tu hai ricevuto sai che non potrai tenerlo per te neppure un minuto, conosci la gioia di spenderti in sacricio prometti servizio ad ogni fratello ovunque la strada ti porter.
Canto scout di recente composizione, il quale narra nelle tre strofe la vita scout in ogni branca, con i propri colori : giallo per Lupetti/Coccinelle, verde per Esploratori/Guide, rosso per Rover/Scolte.

15

Come la pioggia e la neve (Ogni mia Parola)


DO SOL DO SOL Come la pioggia e la neve DO FA SOL scendono gi dal cielo LASOL FA DO e non vi ritornano senza irrigare FA SOL FA SOL e far germogliare la terra. Cos ogni mia parola non ritorner a me senza operare quanto desidero, senza aver compiuto ci per cui lavevo mandata, ogni mia parola, ogni mia parola.

Canto liturgico. Il testo tratto dal Libro di Isaia 55,10-11.

la sera

16

RE LA la sera, il giorno muor, RE LA brillan le stelle doro, RE LA noi cantiamo al Signor RE uniti tutti in coro. RE SOL RE LA La preghiera LA MI7 LA portano gli angeli in ciel SI- LA RE SOL RE LA RE e dallalto scende la pace nei cuor.

Canto serale della tradizione ASCI. La melodia ispirata ad un brano di origine francese.

La luna splende
17

DO SOL DO SOL Tra la la la la... DO SOL DO Tra la la la la... DO REMILa luna splende il vento tace RE- SOL DO sale la amma arde la brace DO REMIdolce lincontro di questa sera SOL DO il nostro canto sia una preghiera. Tra la la la la... Tra la la la la...

Canto di richiamo al fuoco serale, di origine ASCI.

Eirene

18

RE RE7+ SOL LA Dolce cala la pace qui tra noi Il bosco dorme e da lass ancora Ascolti, nostra, la dolce preghiera: scendi notte, va via la paura Bianca Luna, la notte tingi tu, quante stelle risplendono lass. Dimmi, Dio, doman dove saremo: porteremo amor dove non c. Porta il vento la dolce preghiera, fa che giunga lontano questa sera che il risveglio sia pace ed un sorriso splenda il sole domani su ogni viso.

Canto di recente composizione, tramandato oralmente. Diffuso nei Cerchi (ambiente fantastico Bosco).

Canto del ricordo


19

DO FA SOL Quando tramonta il sol B.-P. tu torni fra noi, DO FA quando riette la amma le ombre di noi che cantiamo in cor. DO FA DO FA Tu torni B.P., tu torni fra noi DO MI- LASOL DO ci guardi non visto da un angolo dombra cantando con noi. E tu rivedi a sera i fuochi dei militar, rivedi i fuochi, le tende, i cavalli, le veglie, i deserti, il mar. Tu torni B.-P., tu torni a cantar; confuso nel vento si perde il tuo canto col nostro che va. Quando tramonta il sol B.-P., tu torni fra noi, Quando riette la amma le ombre di noi che cantiamo in cor. Tu torni B.-P., tu torni fra noi ritorni ogni sera cantando sulleco dei canti di allor.

Canto dedicato a Robert Baden-Powell (fondatore dello scoutismo). Faceva parte della tradizione ASCI, comparve per la prima volta nel 1957.

Questa sera

20

SOL7 DO RESOL DO SOL Questa sera, mentre i cieli si trapuntano di stelle. DO RESOL Questa sera, con le luci di citt. DO FA SOL DO Questa sera, si riaccendono anche i nostri cuor. This evning, dopo un giorno di fatiche e di lavoro. This evning, nalmente un po con te. This evning, apriremo ancora i nostri cuor. (sale in RE) Heute Abend, Tu lhai fatta per riunirci tutti insieme. Heute Abend, nel tepore di una casa. Heute Abend, un ritorno alla serenit. Esta tarde, Tu lhai fatta per offrire ad ogni uomo. Esta tarde, il ristoro ed il riposo. Esta tarde, che ad un nuovo giorno porter. (sale in MI) Dans e soir, a chi ancora sta cercando la Tua casa. Dans e soir, a chi geme nellattesa. Dans e soir, la speranza Tu riporterai. Questa sera, quando il sonno avvolger tutte le cose. Questa sera, tutto il mondo veglierai. Questa sera, coi Tuoi occhi pieni di bont.

Canto scout ispirato ad una melodia di origine tedesca.

Urrah!
21

MI LA SI7 MI Come cede il buio quando in ciel si leva il sol, MI LA FA# SI7 come cade londa quando il vento se ne va, MI LA SI7 MI cos la tristezza si dilegua allecheggiar SI7 MI di questa nostra canzon.

MI LA Rit. Urrah, urrah, pi forte su cantiam. MI FA# SI7 Urrah, urrah, la gioia noi portiam. MI LA SI7 MI Ilari spingiamo il nostro sguardo e il nostro cuor SI7 MI allorizzonte lontan. Se anche per lo scout pu esser triste la realt e il dolor talvolta pu alla porta sua picchiar non per questo allora il sorriso morir perch egli preparato. Come quella rana di cui parla Lord B.-P. che dal latte burro seppe fare l per l cos il vero scout vince ogni avversit lieto ridente alla vita. Se talor gli affanni graveranno i nostri cuor e crudeli inganni piomberanno nel dolor sempre in Dio dando vincerem le avversit e il canto ancor torner.
Tratto dai canti del Scott Rover Crew, composto da Volpe azzurra.

Canto delle squadriglie

22

MI La Squadriglia dei Leoni deve il pranzo cucinar: SI7 MI SI7 MI troppo cotti i maccheroni sembran colla da incollar. Rit. MI SI7 MI SI7 Ullai (ullai) ullao (ullao) ulla ila ila ila ilao la la la. MI SI7 MI Ullai (ullai) ullao (ullao) ulla ila ila ila ilao! La Squadriglia dei Serpenti un bel ponte costru, volle il Capo collaudarlo cadde in acqua e rest l. Il Reparto va in uscita su pei monti se ne andr, si far tanta salita ma poi si discender. Il Reparto nalmente va sui monti a campeggiar, camminando allegramente tutti vogliono cantar.

Canto della tradizione ASCI. usanza di alcuni Reparti personalizzare il testo adattandolo alle proprie Squadriglie.

Gingan gooli
23

RE Gingan gooli gooli gooli gooli watcha LA RE gingan goo gingan goo (2 v.) SOL RE LA Heyla, heyla Sheyla, heyla Sheyla RE7 heyla hoo SOL RE LA Heyla, heyla Sheyla, heyla Sheyla RE heyla hoo LA7 Shally wally, Shally wally RE um-p, um-p.. (Ad libitum)
Il tempo della canzone in 4/4.

Dividersi in due gruppi che andranno a formare le due differenti voci del coro. Un coro dar il tempo della canzone ripetendo oom-pa oom-pa oom-pa, un oom-pa per quarto. Contemporaneamente il secondo coro canter la strofa vera e propria, cio Gingan gooli. Quando avr terminato la strofa, tutte e due i cori cantano lintermezzo insieme e poi si scambiano i ruoli.

Canto di probabile origine statunitense, tratto da The scout song book. considerato un ban corale, quindi senza un bansista che lo gestisca (la parola ban deriva da ballo animato o dal francese). Si pu velocizzare, cantare con pi foga, urlare o cantare sotto voce.

Il canto degli italiani

24

Fratelli dItalia, lItalia s desta, dellelmo di Scipio s cinta la testa. Dov la Vittoria? Le porga la chioma, ch schiava di Roma Iddio la cre. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, lItalia chiam, s! Noi siamo da secoli, calpesti, derisi, Perch non siam popolo, perch siam divisi. Raccolgaci ununica bandiera, una speme: di fonderci insieme gi lora suon. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, lItalia chiam, s! Uniamoci, amiamoci, lUnione, e lamore Rivelano ai Popoli le vie del Signore; Giuriamo far libero Il suolo nato: uniti per Dio chi vincer ci pu? Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, lItalia chiam, s! DallAlpi a Sicilia, dovunque Legnano, ognuom di Ferruccio ha il core, ha la mano, i bimbi dItalia si chiaman Balilla, il suon dogni squilla i Vespri suon. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, lItalia chiam, s! Son giunchi che piegano, le spade vendute: gi lAquila dAustria le penne ha perdute. Il sangue dItalia, il sangue Polacco, bev, col cosacco, ma il cor le bruci. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, lItalia chiam, s!

linno nazionale italiano, scritto nel 1847 dal genovese Goffredo Mameli (ventenne: studente e patriota), poi musicato a Torino dal genovese Michele Novaro. Fu adottato come inno nazionale in via provvisoria il 12 ottobre 1946, ed tuttora in uso.

Canto delladdio
25

RE LA RE SOL lora delladdio, fratelli, lora di partir, RE LA SOL LA RE il canto si fa triste, ver, partire un po morir.

Rit. SOL RE LA SOL RE SOL Ma noi ci rivedremo ancor, ci rivedremo un d. RE LA SOL LA RE Arrivederci allor, fratelli, arrivederci, s. Formiamo una catena con le mani nelle man, uniamoci lun laltro prima di partir lontan. Iddio che tutto vede e sa ci voglia benedir, se un giorno ci ha riuniti qui, ci voglia un d riunir.

Cantato sulla musica della canzone scozzese Auld Lang Syne (in Italia conosciuta come Il valzer delle candele). usanza scout cantarlo alla ne di Campi o per salutare amici che si rivedranno dopo molto tempo.

Vocazione

26

DO SOL FA SOL DO FA DO SOL Era un giorno come tanti altri, e quel giorno Lui pass; DO SOL FA SOL DO FA DO MI era un uomo come tutti gli altri, e passando mi chiam. LAMIFA SOL Come lo sapesse che il mio nome era proprio quello DO SOL FA SOL DO FA DO SOL come mai vedesse proprio me nella sua vita non lo so; DO SOL FA SOL DO FA DO MI era un giorno come tanti altri e quel giorno mi chiam. Rit. LA- MI- FA SOL Tu Dio, che conosci il nome mio LA- MI- FA SOL fa che ascoltando la tua voce DO SOL FA SOL io ricordi dove porta la mia strada DO SOL FA DO FA DO SOL nella vita, allincontro con Te: DO SOL FA SOL DO FA DO SOL Era lalba triste e senza vita, e qualcuno mi chiam DO SOL FA SOL DO FA DO MI era un uomo come tanti altri, ma la voce, quella no. LAMIFA SOL Quante volte un uomo con il nome giusto mi ha chiamato, DO SOL FA SOL DO FA DO SOL una volta sola lho sentito pronunciare con amore DO SOL FA SOL DO FA DO MI era un uomo come nessun altro e quel giorno mi chiam.
Canto liturgico.

Padre nostro
27

LASOL Padre nostro tu che stai LAin chi ama verit... FA DO Ed il regno che Lui ci lasci FA DO resti sempre nei nostri cuor FA DO e lAmore che suo Figlio ci don, LASOL LAoh Signor, rimanga sempre in noi. SOL E nel pan dellunit, LAdacci la fraternit FA DO e dimentica il nostro mal FA DO che anche noi sappiamo perdonar FA e non permettere DO che cadiamo in tentazion, LASOL LAoh Signor, abbi piet del mondo.
Si recita il Padre nostro con il coro a bocca chiusa e poi si ripete la seconda strofa.

Conosciuta soprattutto nella sua versione originale in lingua spagnola Padre nuestro. cantata ulla melodia della canzone The Sound of Silence del duo Simon and Garfunkel, composta nel 1966.