Sei sulla pagina 1di 1

http://www.provincia.agrigento.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.

php/L/IT/IDPagina/3048

Rassegna stampa del 26 Febbraio 09


Gioved 26 Febbraio 2009 LA SICILIA TRA SVILUPPO E POLEMICHE Salvatore Moncada non combatte solo, con lui pure Terna Si fa elettrizzante la polemica a distanza tra la burocrazia della Regione Sicilia e l'imprenditore agrigentino Salvatore Moncada. Sul rilascio delle autorizzazioni per realizzare parchi eolici in Sicilia non c' infatti solo un esposto alla procura di Palermo ma, da ieri - come anticipato dal nostro giornale - anche una denuncia in questura. L'ha presentata proprio Tot Moncada, amministratore della 'Moncada Energy' dopo la replica tramite un'agenzia di stampa - del dirigente dell'assessorato regionale al Territorio Pietro Tolomeo. Moncada, carte alla mano, entrato in questura ed ha spiegato chi, secondo lui, lo ostacola e perch. Poi ha scritto una lettera al direttore di Terna, Gianni Vittorio Armani per informarlo che il suo gruppo ha presentato alle autorit competenti specifico esposto-denuncia nei confronti di Tolomeo per comportamento omissivo con contestuale richiesta di risarcimento danni. Poi Moncada ha chiesto a Terna di rappresentare formalmente la sua posizione ufficiale cos da dirimere ogni qualsiasi controversia. Il 5 marzo scorso, in un comunicato stampa congiunto, Terna, l'Anev (Associazione nazionale Energia del Vento) e l'Aper (Associazione per le energie rinnovabili) avevano affermato che lo sviluppo dell'eolico in Italia non limitato da motivi tecnici relativi alle connessioni degli impianti alla Rete di Trasmissione Nazionale sottolineando come Terna, in quanto gestore della rete, ha l'obbligo di connettere tutti i soggetti che ne facciano richiesta. Una posizione dunque nettamente favorevole a Moncada. Terna, dal canto suo ha ribadito che in nessuna parte del territorio nazionale, cos come in Sardegna e in Sicilia, esistono limitazioni alla potenza installabile per l'eolico, e che tale posizione Terna ha dichiarato in tutte le sedi. In una nota di ieri, ancora Terna ha affermato poi che occorre tuttavia ribadire che la crescita dell'eolico prevista nei prossimi anni rende quanto mai necessario accelerare lo sviluppo della rete, e che pertanto essenziale che le Amministrazioni nazionali e regionali rilascino quanto prima le autorizzazioni necessarie per la costruzione di nuovi elettrodotti. La vicenda promette altri colpi di scena.