Sei sulla pagina 1di 30

Dcdica|c a |u||i g|i ucnini

cnc anccra crcdcnc nc||c


passicni c ncg|i idca|i dc||a ti|a
MASSIMILIANO ITALIANO
L'ARSLNALL A TARANTO
UN CANTILRL DI STATO AL SLRVIZIO DLLL'ITALIA
(1889-192O)


INDICE
Allieviazioni.................................................................................................13
Iienessa .........................................................................................................15
Inlioduzione...................................................................................................21
Partc prIma
Tarantn nc!!a dIfcsa d'Ita!Ia
(1861-1912)
I
L'Ita!Ia c I! McdItcrrancn nc!!a sccnnda mct dc! XIX sccn!n................37
1. Navi, canlieii e poili aII'aIla deII'unila d'IlaIia..................................37
2. La lesi di CalaIdo Nilli..........................................................................39
3. L'inleiesse ilaIiano neI Medileiianeo..................................................42
4. La sceIla di una lase a Taianlo............................................................44
5. Un piogello difficiIe..............................................................................46
6. La gueiia conlio I'Ausliia....................................................................5O
7. II piogello di una lase a Taianlo iesla una decisione inequivocaliIe. 53
II
I! rInrdInn dcg!I arscna!I mI!ItarI c !'InIzIn dcI !avnrI a Tarantn...........57
1. II difficiIe nonenlo deIIa finanza ilaIiana..........................................57
2. II polenzianenlo deIIa Maiina e iI iioidino deIIe lase navaIi.........59
3. L'inizio dei Iavoii...................................................................................62
4. II Ionle CiievoIe....................................................................................64
5. II piogello definilivo: i piini inpianli aisenaIizi..............................66
6. II piano di Ciacinlo IuIIino..................................................................71
7. Un lieve liIancio suIIe piina allivila in AisenaIe............................77
8. La poIveiieia e Ie aIlie opeie ausiIiaiie...............................................79
III
I! varn dc!!a navc Pug!Ia..............................................................................83
IV
I! cnmp!ctamcntn dc!!a basc nava!c...........................................................94
1. La difesa deIIa Iiazza............................................................................94
2. Caseine, uffici e deposili.....................................................................96
9
Indice
3. Uonini e nezzi deIIa Maiina...............................................................97
V
L'attIvIt Arscna!IzIa nc! prImn dcccnnIn dc! sccn!n XIX....................104
1. Le piine allivila di nanulenzione....................................................1O4
2. L'oiganizzazione anninislialiva e conneiciaIe e i piini conlialli
piivali.......................................................................................................1O5
3. II cioIIo deII'allivila canlieiislica a Taianlo e i suoi iifIessi poIilici. . . .112
4. La iipiesa..............................................................................................117

VI
La 5tratcgIa Ita!Iana nc! McdItcrrancn cd I! raffnrzamcntn dc!!a PIaz-
zafnrtc............................................................................................................129
1. La difesa coslieia.................................................................................129
2. I piepaialivi pei Ia spedizione in Lilia.............................................137
3. L'allivila poiluaIe duianle Ia gueiia di Lilia..................................14O
4. Officine e opeiai in AisenaIe duianle iI confIillo............................145
5. L'allivila canlieiislica dopo gIi anni 1O.............................................153
Partc sccnnda
Un nunvn nrdInc nc! McdItcrrancn
VII
Una pausa dI rIf!cssInnc: !a rInrganIzzazInnc dc!!a MarIna................160
1. Siano pionli pei difendeie I'IlaIia....................................................16O
2. Conlialli e Iavoio in AisenaIe dopo Ia gueiia ilaIo-luica..............162
3. Un nuovo piogianna pei Ia iipiesa................................................168
4. II iinnovalo inpegno a fianco deIIa TiipIice....................................171
Partc III
La prIma gucrra mnndIa!c
VIII
La prcparazInnc a!!a gucrra.......................................................................176
1. Lo schieianenlo navaIe a Taianlo....................................................176
2. L'oiganizzazione deII'AisenaIe..........................................................18O
3. La difesa deIIa Iiazzafoile.................................................................185
4. Le officine aisenaIizie duianle iI confIillo........................................188
1O
Indice
5. II seivizio sanilaiio..............................................................................2O3
6. La vila in cilla duianle iI confIillo.....................................................2O8
7. II fionle Sud sollo iI conando deIIa ase jonica..............................212
IX
La spcdIzInnc d'n!trcmarc..........................................................................215
1. La nissione deII'Inlesa........................................................................215
2. II iifoininenlo navaIe.........................................................................222
X
La cnndntta dc!!a gucrra.............................................................................227
1. La difesa coslieia.................................................................................227
2. La gueiia sollonaiina........................................................................232
3. I piogiessi deII'aeionaulica................................................................257
4. L'aeionaulica a Taianlo......................................................................259
5.La scuoIa di aviazione..........................................................................264
6. Le opeiazioni aeiee.............................................................................268
XI
Una grandc nffIcIna a! scrvIzIn dc!!'Intcsa.............................................284
1. La nanulenzione e I'appionlanenlo deI navigIio...........................284
2. La fIolla pionla a saIpaie.................................................................293
3. Recupeii navaIi e giandi iipaiazioni................................................318
Partc IV
Tra !c duc gucrrc
XII
Lc trattatIvc dI pacc.....................................................................................336
ilIiogiafia....................................................................................................352
IndIcc dcI nnmI.............................................................................................358
Indice dei noni di peisona......................................................................358
Indice dei Iuoghi e degIi alliiluli geogiafici.......................................362
Indice deIIe sociela, enli e isliluzioni.....................................................369
Indice deIIe navi e degIi ainanenli.......................................................374
11
Indice
Indice dei disegni e deIIe pIanineliie....................................................382
Indice deIIe iIIusliazioni..........................................................................38O
APPENDICI E PAGINE 5PECIALI
CapiloIi di iIancio (Iegge n 833, seiie III, allo 83 deI 29 giugno 1982 82
Lo slalo di avanzanenlo dei Iavoii deIIa nave IugIia, aggioinalo aI 1897,
con Io scafo deIIa nave ancoia suIIo scaIo di cosliuzione 9O
II sonneigiliIe X1 273
Schena iiassunlivo, aggioinalo aI novenlie 1918, deIIe lalleiie coslieie di-
pendenli daI conando di difesa di Taianlo 28O
Schena iiassunlivo, aggioinalo aI novenlie deI 1918, deIIe lalleiie coslieie
e deIIe foloeIelliiche dipendenli daI Conando di Difesa di Taianlo 281
Ascensioni pei espIoiazioni conpiule daIIe aeionavi deII'AeioscaIo di San
Vilo 281
ModeIIi di appaiecchi idiofoni nessi aIIa piova neI cenlio speiinenlaIe
deII'AisenaIe di Taianlo 282
Quanlilalivi di ieli paiasiIuii deI lipo uIIivanl o Ioinaii accanlonali piesso
Ie vaiie difese Maiilline neII'agoslo deI 1914 283
Melii quadiali di iele deposilali nei piincipaIi poili niIilaii ilaIiani aI 1918 283
Quanlila di navigIio che duianle Ia gueiia ha sulilo Iavoii piesso iegi aise-
naIi o canlieii di Slalo e nuneio conpIessivo di gioini liascoisi in iipaia-
zione 316
Quanlila di navigIio che duianle Ia gueiia ha sulilo Iavoii piesso I'Aisena-
Ie di Taianlo 317
12
Abbretlatlonl
ACS Aichivio cenliaIe deIIo Slalo
AST Aichivio di Slalo di Taianlo
USMM Ufficio Sloiico Maiina niIilaie
ASAMM Aichivio Sloiico AisenaIe niIilaie Maiillino di Taianlo
ASMM Aichivio Sloiico Maiina niIilaie
ANDT Aichivio NolaiiIe DislielluaIe di Taianlo - liallo daII'Aichi-
vio di Slalo di Taianlo.
CM Cenio niIilaie - liallo daII'Aichivio di Slalo di Taianlo
coII. coIIezione
c./cc. caila/e
dv docunenli vaii (non invenlaiiali o cIassificali)
fasc. fascicoIo
f. fogIio
p./pp. pagina/e
l. lusla
ss. seguenli
iep./ii. iepeiloiio/i
ci conlialli e iepeiloii
a.s. auloie sconosciulo
s.e. senza edizione
s.a. senza anno
uff. ufficio
piol. piolocoIIo
sez. sezione
n./nn. nuneio/i

Lo sviIuppo deI poIo aisenaIizio laianlino sliellanenle Iegalo ad even-


li di caialleie niIilaie, che, neI Ioio susseguiisi, hanno pi voIle dinoslialo
I'esliena uliIila deI poilo jonico. I piini spunli piendono peio Ie nosse da
esigenze di caialleie econonico, sia in iifeiinenlo aIIa giave ciisi che coIp
Ia cilla veiso Ia nela deI XIX secoIo sia in ieIazione ai giandi inleiessi con-
neiciaIi nazionaIi neI Medileiianeo, in coincidenza con Ia coisa coIoniaIe
inliapiesa da Iiancia e Ceinania e sopiallullo in piospelliva deII'apeiluia
deI CanaIe di Suez.
CalaIdo Nilli aveva noslialo iI suo piofondo inleiessanenlo pei Ieco-
nonia laianlina gia daI 1857, quando aveva pullIicalo un opuscoIo daI li-
loIo: Dc||a Pctcr|a in Taran|c c dci nczzi pcr ni|igar|a. NeIIa sua disseilazione,
in veio, iI Nilli non fa ancoia aIcun espiesso iifeiinenlo aIIa cieazione di
un aisenaIe niIilaie, na, soslenendo Ia necessila di conveiliie Ia vecchia
econonia IocaIe deI fiIalo con iI conneicio naiillino e con I'agiicoIluia,
pioponeva Ia ieaIizzazione di un nodeino poilo alliezzalo, capace di fai
loinaie Ia cilla ai fasli di un lenpo.
Le anlizioni deI nuovo Slalo unilaiio, aI conlenpo, non polevano lian-
sigeie senza un effellivo poleie niIilaie neI Medileiianeo da conlendeie aIIa
Iiancia e aII'Ausliia. La ciisi di Tunisi, cuIninala con iI piolelloialo fiance-
se neI 1881, fu iI Ia pei una piesa di posizione deIIo Slalo ilaIiano veiso iI
iaffoizanenlo deI conlioIIo niIilaie deI Medileiianeo cenliaIe.
Ld ancoia Io slesso Nilli ad assegnaie a Taianlo queI iuoIo slialegico
che saia deleininale neIIa piina gueiia nondiaIe, peiocche da queslo poi-
lo una foiza navaIe puo senpie e faciInenle accoiieie neII'Adiialico, sia
pei difendeie ed appoggiaie Ie squadie che non noIlo giosse possono slan-
ziaie nei poili di iindisi e di Ancona, sia pei sosleneie villoiiosa queII'al-
liludine che I'inleiesse nazionaIe consigIieia di piendeie in queI Maie. L daI
poilo di Taianlo, ove i casi possiliIi di una gueiia Ii iichiedano, s polia age-
voInenle guaidaie e difendeie Ia SiciIia. L si polia con ogni pieslezza lia-
spoilaie un eseicilo in queIIa paile deII'Oiienle ove si slineia pi uliIe un
inleivenlo..
In queIIi inlenli, si inliecciavano chiaianenle lulli quegIi inleiessi pei Ie
iolle conneiciaIi in Oiienle. Ld pei queslo, che IInchiesla paiIanenlaie
suIIe condizioni deIIa Maiina neicanliIe, apeilasi piopiio in queI peiiodo,
aveva poilalo aIIa concIusione che IIlaIia doveva inliapiendeie necessaiia-
nenle una incisiva poIilica navaIe.
15
Iienessa
Tulli quesli eIenenli ci Iasciano inlendeie che iI piino spunlo pei Ia iea-
Iizzazione di una lase a Taianlo dunque da iiceicaisi neIIa poIilica espan-
sionislica e nei nuovi sviIuppi deIIa canlieiislica ilaIiana. SuI nonenlo slo-
iico, neI lenlalivo di spiegaie Ia svoIla definiliva pei iI decoIIo deI poIo can-
lieiislico a Taianlo, ne ha discusso ad esenpio Malleo IizzigaIIo, che indi-
vidua Ie piincipaIi nolivazioni che poilaiono aIIo sviIuppo deI poilo Ta-
ianlino neIIe sceIle di poIilica indusliiaIe poilale avanli dai goveini CaiioIi
e Depielis, voIle ad appiofillaie deI nuovo cicIo econonico allaslanza fa-
voievoIe, pei poilaie avanli, dinlesa con i pi dinanici selloii deI nascenle
capilaIe finanziaiio ilaIiano, I'indusliia nazionaIe.
Senlia, peio, che Ie nolivazioni piincipaIi siano da iiceicaisi in falloii
di caialleie pi piopiianenle niIilaie, daI nonenlo che, cone ho polulo
dinosliaie, si fin pei designaie I'AisenaIe di Taianlo, piesuniliInenle pei
iagioni conlingenli, aI senpIice iuoIo di assislenza aIIa fIolla pi che aIIa
neia cosliuzione navaIe. Sla di fallo che, gia piina che iI sogno di un aise-
naIe di cosliuzione pei giandi navi polesse piendeie coipo, I'anniiagIio
CaiIo IeIIion di Ieisano, divenulo Minislio deIIa Maiina neI 1862, aveva
esposlo iI suo Pianc crganicc pcr |a Marina ni|i|arc, conliapponendo aI iinno-
vo deIIe foize navaIi ilaIiane Ia condizione di polenziaie Iindusliia nazio-
naIe in nodo da piovvedeie efficienlenenle aIIe iipaiazioni deIIe unila e
svincoIaisi daIIesleio pei Ia cosliuzione deIIe piedelle. Queslo olliellivo,
secondo un'allenla piogiannazione poIilica econonica di queI lenpo, do-
veva esseie iaggiunlo alliaveiso una quasi nella sepaiazione lia un appa-
ialo canlieiislico pievaIenlenenle di naluia piivalislica, dedilo aIIa cosliu-
zione deI navigIio, e uno di Slalo iivoIlo piellanenle aIIa nanulenzione,
aIIa iipaiazione e aII'assislenza deIIa fIolla. Iu piopiio queslo oiienlanenlo
econonicislico a segnaie Ie soili deII'AisenaIe di Taianlo. In IlaIia, Ia can-
lieiislica piivala conincio Ia piopiia nodeinizzazione piopiio giazie aIIa
cosliuzione dei piini conponenli navaIi, e ceilanenle, con iI lenpo, cielle
anche iI suo inleiesse a luleIaie i piopii affaii Iinilando uIleiioinenle Ie al-
livila degIi opifici pullIici. Lppuie, secondo quanlo iipoilalo da IaoIo Iei-
iaii, iI coslo di pioduzione di una nave connissionala ad un Regio Aisena-
Ie eia significalivanenle infeiioie a queIIo di un opificio piivalo.
II piogello aisenaIizio laianlino, nonoslanle Ia sua iiconosciula necessi-
la, sul inoIlie giavi iilaidi a causa deI susseguiisi di diveise ciisi finanzia-
iie, na anche pei iI iapido evoIveisi deIIa lecnoIogia navaIe, che piopiio
suI finiie deI XIX secoIo elle iI suo pi aIlo giado di sviIuppo. Lanniia-
16
Iienessa
gIio Sinone Iacoiel di Sainl on, gia aI nonenlo deIIa conpiIazione deI
suo piogello pei Ia ieaIizzazione deII'AisenaIe, iiconosceva Ia vaIidila deIIe
leoiie di enedello iin e di Ieidinando Aclon, fauloii deII'inpoilanza
slialegica deIIe navi da lallagIia di giande lonneIIaggio, che iichiedevano
lacini len pi giandi e scaIi nodeinanenle alliezzali.
Lo sviIuppo scienlifico fu peicio aIliellanlo deleininanle pei iI fuluio
iuoIo deII'aisenaIe a Taianlo. CIi adeguanenli necessaii iichiedevano di
fallo ingenli inveslinenli che non saielleio iisuIlali pionellenli se non
dielio un iienlio di caialleie econonico e conneiciaIe che soIo I'indusliia
piivala avielle polulo offiiie.
Ma anche ceilo che una spinla decisiva aIIa decisione pei una lase a
Taianlo piovenne da esigenze di caialleie niIilaie. La liagedia di Lissa,
aveva di fallo iiapeilo iI dilallilo in IaiIanenlo suIIa piecaiia oiganizza-
zione deIIe noslie lasi navaIi. L I'evidenza dei falli si liadusse appunlo in
una seiie di nuove pioposle, lia Ie quaIi eneigeva iI piogello pei Ia cosliu-
zione deI nuovo poilo niIilaie a Taianlo.
II sinceio inlenlo venne peio lIoccalo daIIe piecaiie condizioni deIIe cas-
se pullIiche, un piolIena che puie condizioneia pei noIli anni Io sviIup-
po deI poIo aisenaIizio. AgIi inpuIsi deIIe esigenze niIilaii, si conliappose
nei nonenli di appaienle pace, una conlinua soffeienza deIIa spesa pullIi-
ca, in un lipico aIlaIenaie lia dispendio econonico e conliazione finanzia-
iia, ancoi oggi, di fallo, iisconlialiIe in noIle vicende deIIa sloiia econoni-
ca nazionaIe. In quesla nanieia, venulo neno un saIulaie equiIiliio di
sviIuppo che gaianlisse Ia senpie piena disponiliIila opeialiva deII'Aise-
naIe nei nonenli di lensione, senza leneie cio conlo di cone Ia poIilica in-
leinazionaIe coiia noIlo pi veIocenenle deIIa pioduzione indusliiaIe, po-
nendo Ie lasi a queI conlinuo aiiangiaie che senpie slalo lipico deI no-
slio Iaese. Cos, ad esenpio, aI leinine deI piino confIillo nondiaIe, I'ing.
Odoaido CianneIIi, da senpie fauloie deIIe giandi coiazzale, deleininanli
neIIe giandi lallagIie, dovelle iipiegaie suII'idea che, senza dullio, neI-
I'inceilezza deII'avveniie, e dalo I'enoine coslo alluaIe deIIe giandi navi da
lallagIia, non consigIialiIe inposlaine deIIe nuove. Ii convenienle in-
piegaie i fondi disponiliIi neIIa cosliuzione di navi Ieggeie e veIoci e spe-
ciaInenle di espIoialoii veIocissini e lene ainali, che possono leneie a
Iungo iI naie e sfuggiie faciInenle aIIe giandi navi e dai Ia caccia a queIIe
ninoii..
L aIliellanlo, dopo I'espeiienza deI secondo confIillo nondiaIe che vide
17
Iienessa
lia Ie piolagonisle Ia noslia Maiina, e ancoi oggi, sopiallullo con Ia fine
deIIa gueiia fiedda, Ia siluazione senlia non lioppo dissiniIe, pei pieca-
iiela e nuneio di nezzi disponiliIi, da queIIa dei lenpi passali, caialleiiz-
zala daI disseslo finanziaiio pullIico e daIIa iiduzione deIIa spesa, di iifIes-
so cos puie iI susseguiisi deIIe ciisi deII'AisenaIe Taianlino neI secondo do-
pogueiia.
Tullavia, iI poilo niIilaie di Taianlo ha avulo nuovanenle un suo iipen-
sanenlo a iiguaido deI suo iuoIo neI Medileiianeo, sopiallullo aIIa Iuce
deIIe nuove lensioni con iI nondo Aialo e dopo un iipeleisi degIi inleiessi
conneiciaIi veiso I'Oiienle. Un ailicoIo appaiso su un gioinaIe IocaIe neI
gennaio 2OO4, Un poilo a sleIIe e sliisce, annunciava appunlo Ia ieaIizza-
zione di un nuovo noIo a scopo conneiciaIe a Taianlo, e non poche voIle,
si senlilo paiIaie di una possiliIe iiquaIificazione deI vecchio poilo nei-
canliIe. Ma piopiio Ia cosliuzione deIIa nuova lase niIilaie e iI iaffoiza-
nenlo deIIa Maiina slalunilense Iasciano giuslo pensaie che iI iiIancio deI-
I'aiea poiluaIe jonica sia nuovanenle fiullo di un inlieccio pailicoIaie lia
inleiessi niIilaii e conneiciaIi: da un Ialo un AisenaIe oinai in ciisi di Ia-
voio da diveisi anni, daII'aIlio Ie piofonde sineigie esleine che iipiopongo-
no un iiIancio deII'aiea poiluaIe ed un iinnovaisi di queI iuoIo Iogislico-
niIilaie che ha caialleiizzalo I'aiea niIilaie laianlina a iidosso deI piino
confIillo nondiaIe. Iiopiio queslo iicoiso sloiico, assegna una inpoilanza
anaIilica pailicoIaie aIIa iiceica, che seppui si soffeina naggioinenle, foi-
se a voIle in nanieia iidondanle, su queslioni di sloiia deIIa scienza, non
liascuia un'allenla iicosliuzione deI iuoIo slialegico svoIlo daIIa Iiazza-
foile laianlina neI coiso deIIa sua sloiia.
Le appaienli siniIiludini lia iI nondo vislo dagIi occhi deI Nilli e queIIo
dei laianlini d'oggi, lia I'aIlio senza liaIasciaie Io slesso peiduiaie di una
ciisi econonica che acconpagna oinai da anni Ia leiia jonica, hanno poslo
Ie lasi pei I'idea di quesla nia iiceica.
Seguendo gIi ilineiaii di aIlii sludiosi che hanno avulo iI neiilo di liac-
ciaie Ie possiliIi sliade peicoiiiliIi pei una allenla iicosliuzione sloiica deI-
I'AisenaIe laianlino, na che nagaii si sono soffeinali pi che aIlio ad una
sciilluia nenoiiaIislica, e aIIa Iuce di noIli nuovi docunenli, aIcuni segna-
Iali, na nai accuialanenle anaIizzali neIIa Ioio inleiezza, ho iilenulo pei-
cio oppoiluno appiofondiie queslo aigonenlo. L'anaIisi deIIe nuove caile,
ha peinesso, cos, non soIo un appiofondinenlo deI quadio geneiaIe deIIa
sloiia deII'AisenaIe laianlino, nancando sopiallullo un adegualo appio-
18
Iienessa
fondinenlo deI peiiodo che inleicoiie lia Ia gueiia di Lilia e iI piino con-
fIillo nondiaIe, na anche di liacciaie nuovi possiliIi ilineiaii di nolevoIe
inpoilanza che non eiano slali fino ad oia piesi in consideiazione.


19

lntrodutlone
Iailendo quindi da sludi di caialleie geneiaIe, cone ad esenpio I'opeia
suIIa Maiina e Taianlo uscila in occasione deI cenlenaiio deII'AisenaIe (1989)
e poilala avanli da diveisi sludiosi, oppuie giazie aI piegevoIe Iavoio di
Nino ixio Lo Mailiie (|'arscna|c M.M. di Taran|c, Aili giafiche iizio, Ta-
ianlo 1975), slalo possiliIe aveie una piina esaudienle cionoIogia dei fal-
li. Non si puo disconosceie un ceilo neiilo anche aIIa piina opeia inloino
aII'AisenaIe di Taianlo sciilla da CaiIo Ciuseppe SpeziaIe (S|cria ni|i|arc di
Taran|c ncg|i u||ini cinquc sccc|i, Laleiza, aii 193O), naluiaInenle con i do-
vuli Iinili pei via deIIe pailicoIaii ciicoslanze sloiiche in cui egIi ha vissulo.
Lsislono, poi, diveisi ailicoIi su iivisle speciaIizzale di naiina, pei i qua-
Ii iinando aIIa lilIiogiafia, che hanno invece un oiienlanenlo pi univoco,
ed aIliellanlo inpoilanli sono puie gIi sludi iaccoIli negIi A||i dc| Ccntcgnc
nazicna|c di s|udic, lenulosi a Taianlo iI 13 e 14 ollolie 1989: di pailicoIaie
inleiesse pei Ia iiceica Io sludio di Malleo IizzigaIIo, LAisenaIe di Taian-
lo e Ia cilla: gIi aspelli econonici e iI Iavoio di Maiiano CaliieIe CIi aise-
naIi niIilaii neIIa poIilica deIIo Slalo nazionaIe, enlianli pei una piina
anaIisi suI iappoilo AisenaIe-sviIuppo indusliiaIe e suIIa slialegia di difesa
nazionaIe, in uIlino, poi quanlo sciillo neII'ailicoIo Taianlo e Ia Maiina
MiIilaie, in 8c||c||inc dArcnitic, II (1988), nuneii 1 e 2, suIIa poIilica aise-
naIizia e canlieiislica deIIo Slalo ilaIiano. AIlii auloii, cone Ciuseppe Mala-
Iuno (Cenni sloiici suII'AisenaIe niIilaie di Taianlo, in Ritis|a Mari||ina,
CXIX (1986), nuneio di dicenlie) hanno invece sinlelizzalo pi senpIice-
nenle aIcuni aspelli saIienli deIIa sloiia deII'opificio laianlino.
Iochi, peio, i Iavoii a caialleie speciaIislico. AIfiedo CeiveIIeia (G|i arsc-
na|c||i nc| princ dcccnnic.1889-1898, lip. AisenaIe, Taianlo 1989), suIIa scia di
quanlo aveva gia fallo Iioiindo Lenna quaIche anno piina (Un sccc|c di
|c||c. |arscna|c di Taianlo |ra crcnaca c s|cria, Ldizioni deI Sud, aii 1981), ha
ceicalo di iicosliuiie I'espeiienza vissula dei piini AisenaIolli, nenlie iI se-
condo auloie si pi soffeinalo suIIa Iolla sindacaIe. AIlii sludi di caialle-
ie specifico iiguaidano I'aichivislica e I'aicheoIogia, che anpIiano i piini
sludi iipoilali da Ciuseppe Messina neI 1888 (|| Cana|c natigaoi|c fra |a rada c
i| Mar Piccc|c di Taianlo, Ciuseppe Messina, Rona 1888) e iI Iavoio di Anlo-
nio IiinaIdo Coco deI 1932 (Appun|i s|crici dc| Marc Piccc|c in Taran|c, s.e.,
Taianlo 1932), e dunque poi a seguiie: gIi sludi condolli da Cosino D'An-
geIa ed Lnzo LippoIis sugIi scavi aicheoIogici iinvenuli in occasione deIIa
ieaIizzazione deII'AisenaIe e deI CanaIe navigaliIe (C|i scati dc||Arscna|c c
21
Inlioduzione
|arcncc|cgia |aran|ina, AisenaIe niIilaie Maiillino di Taianlo, Taianlo 1989),
e ancoi pi pieciso iI Iavoio degIi sludiosi A. DeIIa Riccia e M. Vuozzo (||
fcssc, i| Cana|c, i| pcn|c, SD, Taianlo 1986) che si sono soffeinali pi piopiia-
nenle suI soIo CanaIe navigaliIe.
Di pailicoIaie inleiesse Io spunlo di Lucia D'IppoIilo (CIi alli nolaiiIi
deIIAisenaIe niIilaie Maiillino di Taianlo: una fonle inedila pei Ia sloiia
deIIa scienza, in 8c||c||inc d'Arcnitic, VIII (1994), nuneio di dicenlie), che
solloIinea, in un esaudienle ailicoIo, I'inpoilanza dei docunenli deposilali
piesso I'Aichivio di Slalo di Taianlo, che sicuianenle hanno cosliluilo una
deIIe coIonne poilanli di quesla iiceica, insiene a queIIi deI Cenio niIilaie,
e inciociando poi Ie fonli conseivale piesso gIi Aichivi deIIa Maiina niIila-
ie a Rona.
La lesi di Iauiea di DanieIa Donadio (|'Arscna|c ni|i|arc Mari||inc di Ta-
ran|c. 1861-1911, lesi di Iauiea, Univeisila degIi sludi di oIogna, anno ac-
cadenico 1971/72), che iiguaida i piini anni di eseicizio deII'AisenaIe, e
che puie ha pieso spunlo in paile deIIa docunenlazione degIi aichivi Ta-
ianlini, cosliluisce gia un piino iifeiinenlo pei uno sludio pi appiofondi-
lo suIIo sviIuppo lecnoIogico deI poIo aisenaIizio.
AIIa Iuce di quanlo gia sciillo, ho ceicalo di oiienlaie Ia nia iiceica pio-
piio ceicando di appiofondiie laIe sviIuppo, consideiando I'evoIuzione deI-
Ia canlieiislica navaIe niIilaie di quei lenpi, spingendoni fino aI piino
confIillo nondiaIe, e cio non soIo guaidando laIe cinenalica da un punlo di
visla deIIa sloiia deIIa scienza navaIe, na iappoilando poi i iisuIlali iag-
giunli aIIe sceIle di poIilica econonica e niIilaie deIIo Slalo ilaIiano, descii-
vendo, pei quanlo possiliIe, cause ed effelli di queIIe decisioni. SuIIa lase
di laIi iiceiche slalo anche possiliIe olleneie una esaudienle iendiconla-
zione deI conliilulo slialegico piodullivo offeilo daII'Opificio laianlino in
queI peiiodo e sapeie dunque con giande chiaiezza quaIe iI suo iuoIo aI
fianco deIIa Maiina ilaIiana.
Iossiano diie che una piina svoIla in laI senso, a pailiie daII'unila d'Ila-
Iia, si sia avula iI 5 Ciugno 1878, quando, iI Minislio Ieidinando Aclon pie-
senlava in IaiIanenlo un disegno di Iegge daI liloIo: Oidinanenlo degIi ai-
senaIi deIIa Regia Maiina, concIudendo, neIIa sua anaIisi, che Ia Ioio capaci-
la indusliiaIe eia oinai inadeguala e che i Ioio inpianli, oIlie ad esseie
piulloslo olsoIeli, nancavano di ogni lipo di piolezione, cone invece pie-
22
Inlioduzione
vislo daIIa poIilica niIilaie. Ma affinche laIi inlenli si liaducesseio in falli
concieli si dovelle allendeie quasi un decennio, e soIo neI 1882 si iiusc ad
appiovaie una Iegge allualiva con una adeguala copeiluia finanziaiia (Ieg-
ge Aclon). I diveisi piani di cosliuzione, a pailiie da queIIo deI 1869, aveva-
no sullo nuneiosi adeguanenli neI coiso degIi anni, e cio in iagione deI
conlinuo evoIveisi deIIa lecnoIogia navaIe e deI susseguiisi deIIe ciisi finan-
ziaiie deIIo Slalo ilaIiano, si aggiungevano, poi, i iapidi canlianenli neIIo
scenaiio deI Medileiianeo.
Cos, quando poi neI 1884 iI ninislio iin loineia ad occupaie Ia caiica
di Minislio deIIa Maiina, IIlaIia faceva oinai paile deIIa TiipIice aIIeanza e
gIi oiienlanenli deIIa poIilica navaIe iadicaInenle canliali: iisuIlava
oia piioiilaiia Ia cosliuzione di navi da lallagIia di naggioi disIocanenlo
pei conliaslaie Ia fIolla fiancese neI Medileiianeo. Ld piopiio in queslo
quadio che nasce I'esigenza di polenziaie Ia canlieiislica nazionaIe, con-
piendendo iniziaInenle anche iI poIo laianlino, candidalo ad offiiie iI suo
conliilulo aIIa nazione con Ia cosliuzione deII'inciocialoie IugIia.
II piogello aisenaIizio piesenlalo neI 1889, dava dunque naggioi vaIoie
aIIe polenziaIila canlieiisliche, pievedendo iI polenzianenlo deIIa capacila
piodulliva con Ia ieaIizzazione di un lacino da cosliuzione pei navi di I
cIasse, da affiancaie ad uno dei due gia pievisli lacini pei giandi Iavoii
(uno eia iI Iiincipe di NapoIi), Ia sosliluzione poi deI secondo lacino pei
giandi Iavoii con uno scaIo di aIaggio pei navi di V

cIasse e Iaggiunla di
un secondo scaIo pei navi di III

cIasse affiancalo ad un aIlio pei giandi Ia-
voii. II nuovo piano iegoIaloie piesenlalo da Ciacinlo IuIIino neI 1894, du-
ianle Ia discussione suI liIancio deIIa Maiina aIIa Caneia, delle un aspello
definilivo aI cosliuendo aisenaIizio, lanlo che iI ninislio Lniico Coslanlino
Moiin si senl in doveie di affeinaie che oinai I'AisenaIe di Taianlo eia
deslinalo a iaggiungeie Io slesso IiveIIo di queIIo di Spezia, pieannuncian-
do, cos, iI liasfeiinenlo da NapoIi a Taianlo deI peisonaIe necessaiio.
Iossiano slaliIiie, in Iinea geneiaIe, che iI conpIelanenlo deIIe piinci-
paIi opeie aisenaIizie avvenne inloino aI 1892, na sappiano conunque che,
neI coiso deI piino venlennio deIIe sue allivila, non cessaiono gIi invesli-
nenli pei adeguaie i suoi inpianli, Ie diveise officine e gIi scaIi.
Ma suI finiie deI secoIo, piopiio quando I'enlusiasno pei iI vaio deII'in-
ciocialoie IugIia aveva acceso Ie speianze pei una iapido sviIuppo deIIa
canlieiislica a Taianlo, iI ciescendo deII'AisenaIe sulisce peio una lallula
d'aiieslo. Le conseguenze di queI iaIIenlanenlo si iiveisaiono suIIecono-
23
Inlioduzione
nia IocaIe, che piopiio in quegIi anni slava segnando iI suo piino sviIup-
po, cosicche neI 19O3, eiano iinasle disponiliIi pei Ie foiniluie aIIa Maiina
soIo poche dille. La ciisi, che aIIa Iuce dei piini anni deI Novecenlo, si av-
viava oinai veiso Ia fine, non aveva peio esauiilo deI lullo Ia spesa pullIi-
ca, anzi, aIcuni selloii, cone appunlo Ia difesa, saianno lia Ie piine voci di
spesa neI piino quinquennio deI nuovo secoIo.
NeI 19O1, venne cos piesenlalo un piogello pei iI iaffoizanenlo deIIe
opeie difensive deIIa Iiazza di Taianlo, e gia suI finiie deI 19O2, Ia difesa
coslieia eia oinai quasi conpIelala. Le inlenzioni eiano queIIe di liasfoi-
naie Ia lase di Taianlo in una piazzafoile capace di sosleneie, con una
piopiia aulononia, un evenluaIe confIillo neI Medileiianeo. Iei queslo, oI-
lie a possedeie un consislenle ainanenlo e nolevoIi iiseive di nunizioni,
Ia lase doveva esseie in giado di piovvedeie aI piopiio soslenlanenlo aIi-
nenlaie e a noIli aIlii leni e seivizi pei Ia sopiavvivenza degIi uonini in
aini.
Anche gIi inveslinenli in alliezzaluia e sloccaggi di nagazzino sulisco-
no in quegIi slessi anni i naggioii incienenli. NeI liennio 19O1-O2, fuiono
spese a laIe scopo 17.599 Iiie, e andando avanli negIi anni, neI 19O2-O3, Ia ci-
fia saIe addiiilluia a 46.O57 Iiie, confeinando una lendenza ciescenle an-
che pei iI liennio 19O6-O7, con un annonlaie ieIalivo di 1O9.51O Iiie.
Se da un Ialo eia slalo lIoccalo Io sviIuppo deIIa canlieiislica a Taianlo,
favoiendo I'indusliia nazionaIe piivala, I'acquislo deIIe pi nodeine lecno-
Iogie iendeia I'AisenaIe conunque aII'avanguaidia pei aIcune speciaIizza-
zioni, cone pei esenpio queIIa dei Iavoii di iipaiazione sulacquei e neII'a-
dallanenlo deIIe nuove aini navaIi: siIuii e loipedini.
CIi inveslinenli non fuiono lullavia ailefici di una innediala iipiesa
deIIe allivila in AisenaIe, anzi, fino aI 19O5, iI Iavoio elle a suliie una foile
iiduzione. II punlo di svoIla si elle, paiadossaInenle, in coincidenza di un
diaslico piogianna di iazionaIizzazione deIIa spesa niIilaie nazionaIe, che
vedeva, da un Ialo, Ia iiduzione deI peisonaIe dipendenle negIi aisenaIi, daI-
I'aIlio I'assegnazione di uIleiioii finanzianenli pei iI conpIelanenlo degIi
opifici. Cos, anche pei I'AisenaIe di Taianlo, piopiio a pailiie daI 19O5, si
elle un chiaio incienenlo deIIa conlialluaIislica, sopiallullo con Ie dille pii-
vale. AI conlenpo, iI peisonaIe lecnico deII'AisenaIe si aggioinava aIIe piin-
cipaIi innovazioni neccaniche pei nezzo di coisi speciaIislici lenuli aII'esle-
io.
La iipiesa deIIe allivila venne anche soslenula da una iifoina a caialleie
24
Inlioduzione
anninislialivo, e gia daI 19O6, i conlialli iisuIlaiono esseie pi sneIIi e ade-
guali aIIe nuove piospellive di spesa deI Minisleio. Tulle Ie funzioni di sus-
sislenza venneio giaduaInenle accenliale neI Coipo deI Connissaiialo,
solliaendo Ia geslione aIIe dille piivale. La iifoina peinise, anche, una nag-
gioie aulononia di geslione deIIe iisoise e uno sneIIinenlo deIIe pioceduie
luiocialiche.
Tia iI 19O8 ed iI 1911, si iiusc lia I'aIlio ad uIlinaie iI iinoichialoie da
poilo Sanl'Andiea e iI lacino gaIIeggianle da 45O lonneIIale C.O 9. L sen-
pie in quegIi anni, quando oinai si punlavano gIi occhi sui vaciIIanli confi-
ni deIIinpeio ollonano, Taianlo suliva una sua uIleiioie liasfoinazione,
accogIiendo Ie nuove poslazioni foilificale coslieie, uliIi pei un soIido iaf-
foizanenlo deI fionle neiidionaIe.
La decisione deI piesidenle deI ConsigIio Ciovanni CioIilli di piocedeie
aII'occupazione deIIa TiipoIilania, poileia Io slesso Coveino ad acceIeiaie
quei Iavoii di adeguanenlo, e cos che, neI naggio deI 1911, iI ninislio deI-
Ia Maiina IasquaIe Leonaidi CalloIica pole dispoiie pei iI conpIelanenlo
deIIe uIline opeie di foilificazione, in pailicoIaie Ia cosliuzione deIIe dighe
sulacquee in Maie Ciande, necessaiie pei slaiiaie iI passaggio aIIe navi lia
Capo San Vilo e I'isoIollo di San IaoIo. Decisa, dunque, I'occupazione di
TiipoIi ed enanale Ie disposizioni pei Ia noliIilazione deIIa fIolla, in pochi
gioini, fuiono appionlale Ie navi pei Ie opeiazioni. NeIIaulunno deI 1911,
dopo una piovocazione-faisa nei confionli deI Cian Visii, iniziaiono dun-
que Ie opeiazioni di slaico suIIe cosle Iiliche. Iei lulla Ia duiala deIIa guei-
ia, Ia fIolla ilaIiana fece affidanenlo sui poili di NapoIi e Taianlo. La cilla
jonica, oIlie aIIo snislanenlo dei naleiiaIi diielli in Lilia si iese uliIe du-
ianle Ie nanovie navaIi davanli ai DaidaneIIi e suIIa cosla siiiana. Le ope-
iazioni, iniziaInenle a scopo di inlinidazione, cuIninaiono con Ioccupa-
zione di Rodi e deIIe isoIe deI Dodecanneso, facendo deIIa Iiazzafoile la-
ianlina queII'inpoilanle avanposlo pei Ia peneliazione in Oiienle, piean-
nunciala diveisi anni piina da Nilli. Ld infalli piopiio a iidosso di quegIi
anni che Taianlo si oiganizza pei Io snislanenlo deIIe neici e deIIe liuppe
niIilaii e si offie pei un diiello e slaliIe iuoIo pei Ie opeiazioni in zona di
gueiia.
Lo sviIuppo deII'appaialo Iogislico-poiluaIe aveva nosso i suoi piini
passi gia quaIche lenpo piina, e aveva favoiilo, oIlie che iI foinaisi di una
nolevoIe espeiienza oiganizzaliva, Ia nascila di nuneiose dille piivale spe-
ciaIizzale, che spesso eiano aI seivizio deII'AisenaIe di Taianlo. Cia suI fini-
25
Inlioduzione
ie deI 191O, si assisle, infalli, ad un nolevoIe inlensificaisi deIIe allivila di
slaico e inlaico di cailone, cailuianle, naleiiaIi nelaIIici pei gIi aIIesli-
nenli deIIe navi e di nuneiosi vellovagIianenli. L cos, quando iniziaiono
Ie opeiazioni in Lilia, I'indollo conneiciaIe favoi anche Ie allivila niIilaii.
Non neno inlense fuiono Ie allivila di nanulenzione aIIe navi niIilaii
che dovevano scoilaie i convogIi fino a deslinazione. Iei Io svoIginenlo di
laIe conpilo Ie unila eiano solloposle ad una iapida usuia deIIe nacchine e
deIIo scafo che iichiedevano deIIe peiiodiche nanulenzioni. Iu quesla oc-
casione pei speiinenlaie nuove lecniche pei iI iifacinenlo degIi scafi e Ia
iapida nanulenzione degIi appaiali caIdaie.
en diveiso I'andanenlo deII'allivila canlieiislica veia e piopiia, che an-
che pei queI peiiodo conlinuo ad esseie noIlo scaina, len Ionlana dagIi
anlli liaguaidi piefiguiali dopo iI vaio deI IugIia. QuaIche iisuIlalo si ol-
lenne, lullavia, con Ia cosliuzione di aIcune unila ausiIiaiie pei I'assislenza
aIIa fIolla o diiellanenle uliIi aIIe allivila inleine deII'AisenaIe. Di falli,
dopo iI 191O, Iunica nola di iiIievo pei Ia canlieiislica laianlina fu iI lallesi-
no deI iinoichialoie Sanl'Andiea e quaIche Iavoio di nodifica e iipiislino
ad aIcune inlaicazioni ninoii, nassiccianenle uliIizzale pei via deIIe fie-
neliche opeiazioni duianle Ia gueiia di Lilia: ponloni, laiche a vapoie, lel-
le e liaspoili vaii.
Con Ia gueiia di Lilia, IAisenaIe di Taianlo si eia andalo oinai definili-
vanenle speciaIizzando neI suo iuoIo di officina navaIe. In un ceilo quaI
nodo, gIi evenli leIIici e Ie lensioni neI Medileiianeo avevano evilalo di ie-
Iegaie Ia Iiazzafoile jonica ad un iango secondaiio, che, piolaliInenle,
avielle nesso in foise iI suo fuluio sviIuppo. Ld infalli iI iiacuiisi deIIe
lensioni nei aIcani, a poilaie deI nuovo Iavoio in AisenaIe, consideialo
nuovanenle lia Ie piioiila pei iI polenzianenlo deIIa difesa nazionaIe e in-
seiilo neIIa luinazione di Iavoio pei iI iannodeinanenlo deIIa fIolla ilaIia-
na. La iipiesa non fu evidenlenenle sufficienle a conpensaie iI Iavoio pei-
so con Ia fine deI confIillo ilaIo-luico, na ceilanenle conliilu aI soslegno
deII'occupazione IocaIe, che piopiio a iidosso di quegIi anni suliva Ie uIli-
ne ed inevilaliIi decuilazioni deI peisonaIe aisenaIizio piogiannale da
lenpo daI Minisleio. Ma Ia poIilica poilala avanli daII'Anninisliazione
niIilaie IocaIe, voIla aI nigIioianenlo deIIa quaIila deI peisonaIe dipen-
denle ed una ceila nodeinizzazione dei piocessi Iavoialivi iiusciiono lul-
lavia a daie una ceila speianza di iinnovanenlo: nacque Ia ScuoIa aIIievi
opeiai, venneio conpIelali gIi appaiali Iogislici, conpIelala Ia poIveiieia a
26
Inlioduzione
offoIulo pei ospilaie i nuovi nunizionanenli e nigIioiali diveisi piocessi
piodullivi.
Queslo peiiodo di asseslanenlo coincise con un ciescenle quanlo iapido
sconvoIginenlo deI iuoIo slialegico deIIa Iiazzafoile laianlina: piina in fa-
voie deIIa TiipIice pei conliaslaie i liaffici angIo-fiancesi veiso I'Oiienle,
poi, con Ia piina gueiia nondiaIe, in favoie deII'Inlesa, pei iI conlioIIo deI
Medileiianeo oiienlaIe e deII'Adiialico insiene a iindisi.
L'aggiegazione deIIe Maiine aIIeale fu di fallo uno dei falloii che favoi
Ia sceIla di Taianlo cone piincipaIe poilo di alliacco pei Ie opeiazioni in
Oiienle. Taianlo eia negIio alliezzalo, aveva una naggioie capacila di al-
liacco ed eia neno esposlo agIi allacchi ausliiaci iispello a iindisi, selle-
ne quesl'uIlino fosse iilenulo pi idoneo pei iI conlioIIo deI CanaIe d'O-
lianlo e pei lulle Ie evenluaIi offensive in Adiialico. II conandanle deII'Ai-
nala navaIe canlio difalli pi voIle idea suIIa definiliva disposizione deIIa
noslia fIolla aII'aIla deI piino confIillo nondiaIe, oplando aIIa fine, nono-
slanle Ia conliaiiela deIIo Slalo Maggioie, neI concenliaie Ia fIolla neIIa sede
jonica, in quanlo, avendo caienza di nezzi di espIoiazione, non avielle
polulo pievedeie in lenpo Ie nosse deI nenico e, conseguenlenenle, ii-
schialo di esseie pieso di soipiesa e iinaneie inliappoIalo neI poilo liindi-
sino.
NeIIe ciicoslanze, Ia Maiina ilaIiana si pioponeva soslanziaInenle lie
olliellivi: conlinuaie a gaianliie I'isoIanenlo deIIAusliia dai neicali non-
diaIi alliaveiso I'Adiialico, inpediie slaichi ausliiaci neIIa Iianuia Iadana
e Venela, assicuiaie ai paesi deIIInlesa i liaspoili naiillini veiso IAIlania.
II poilo di Taianlo, iI neno esposlo agIi allacchi auslio-ledeschi, doveva
gaianliie dunque Ia sicuiezza deIIe naggioii unila da gueiia ilaIiane e fai
pailiie Ie evenluaIi opeiazioni di offesa conlio Ia fIolla ausliiaca.
La funzionaIila deII'aisenaIe e deI poilo niIilaie a Taianlo ieslava affi-
dala aIIa capacila oiganizzaliva deII'Anninisliazione niIilaie, chianala a
gesliie, insiene aIIa Iiazzafoile, anche i diveisi conandi peiifeiici assegna-
li neI quadianle oiienlaIe deI Mezzogioino ilaIiano. I piini piovvedinenli
oiganizzalivi deI Conando jonico, appena piina deII'inizio deI confIillo,
fuiono oiienlali aI fine di conpIelaie I'AisenaIe e Ie sue dipendenze di
nezzi di Iavoio, naleiiaIi, consuni, gaIIeggianli, falliicali, peisonaIe (...) e
di piovvedeie aI foilissino novinenlo di naleiiaIi di ogni geneie in aiiivo
e in pailenza, veniva poi Ioiganizzazione degIi uffici anninislialivi e i
diveisi posli di conando pei Ia condolla deIIe opeiazioni niIilaii, conpie-
27
Inlioduzione
so iI Conando di difesa deI Regio Lseicilo.
La sislenazione deI peisonaIe di leiia, che giaduaInenle giungeva in
cilla pei iI iaffoizanenlo deIIa Iiazzafoile, iichiese, inoIlie, nuneiosi aIlii
Iavoii pei I'adallanenlo o Ia cosliuzione di nuovi falliicali e laiaccanenli
necessaii pei iI Ioio aIIoggianenlo, non neno nuneiosi fuiono anche i Ia-
voii eseguili piesso edifici di piopiiela piivala, iequisili pei esigenze niIi-
laii, che poilaiono, neI Ioio insiene, ad un ceilo canlianenlo deIIo scena-
iio cilladino, senpie pi niIilaiizzalo.
Un inpegno a paile fu Ia sislenazione deIIe inslaIIazioni di difesa: iea-
Iizzazione di piallafoine pei I'ailigIieiia, deposili di nunizionanenli e di
aIlii aIIoggianenli pei iI peisonaIe di seivizio.
Duianle iI coiso deI confIillo, andaiono naluiaInenle sviIuppandosi an-
che Ie diveise officine, con un significalivo aunenlo deIIe alliezzaluie e deI
peisonaIe in seivizio. Un nolevoIe conliilulo aIIo sviIuppo scienlifico-niIi-
laie venne puie dalo dai diveisi Ialoialoii piesenli in aisenaIe. A paile Ia
ieaIizzazione di oidigni e nunizioni, venivano liallali e anaIizzali naleiiaIi
chinici e nodificali aIcuni sliunenli ollici. Un conliilulo inpoilanle ven-
ne anche dalo aIIa iiceica scienlifica suIIa conunicazione iadio e suII'uso di
aIcune appaiecchialuie pei iI iiIevanenlo dei sonneigiliIi, cos cone puie
di un ceilo iiIievo fuiono gIi adallanenli speciaIi ieaIizzali pei Ie aini su-
lacquee: loipedini e siIuii.
II nigIioianenlo deIIe sliulluie ausiIiaiie, cone, ad esenpio, Ia cenliaIe
eIelliica, gIi inpianli poiluaIi, I'anpIianenlo deIIe aiee asseivile aIIe offi-
cine e I'adeguanenlo dei IocaIi uliIi pei Io sloccaggio di naleiiaIi e nuni-
zioni, sono da consideiaisi aIcuni dei nuneiosi inpoilanli oliellivi peise-
guili daII'Anninisliazione niIilaie, che lullavia non iiusc nai, cone nalu-
iaIe neII'evoIuzione di ogni esislenza in conlinuo nigIioianenlo, ad oiga-
nizzaie un conpIelo ed efficienle appaialo funzionaIe.
La geslione deII'AisenaIe, di fallo, eia divenula senpie pi conpIessa
con I'aiiivo a Taianlo deIIe liuppe deII'Inlesa. CIi uffici anninislialivi eia-
no senpie pi nuneiosi ed una paile deII'Anninisliazione ando speciaIiz-
zandosi neIIa geslione dei seivizi esleini e neIIa spedizione dei naleiiaIi, in
speciaI nodo dopo I'inizio deIIe opeiazioni niIilaii in Oiienle.
L'aiiivo dei niIilaii in cilla, spesso con Ie fanigIie aI seguilo, e di nune-
iosi uonini d'affaii, aveva anche poilalo ad un inpiovviso aunenlo deIIa
popoIazione, ciica 1O.OOO nuovi alilanli, con difficiIi conseguenze pei Ia sles-
sa vila cilladina: caienza di aIIoggi, difficoIla neI iepeiinenlo di viveii, ca-
28
Inlioduzione
ienze igieniche. Di conseguenza, ci fu un enoine iiaIzo dei filli e dei geneii
aIinenlaii, peggioiando nolevoInenle Ie condizioni di vila dei cilladini e
degIi opeiai. Si giunse peifino a iegoIaie Ia vendila dei geneii di consuno
con IappIicazione deI caInieie, con iI divielo di espoilazione di faiine e
giano e con iI divielo pei i niIilaii di consunaie pasli in lialloiie.
D'aIlio canlo, Ie allivila di conneicio e I'indollo aisenaIizio avevano ciea-
lo una ceila loighesia cilladina e noIli si eiano aiiicchili. TaIe convenevoIe
siluazione fu anche iI fiullo deIIa conoda posizione slialegica deIIa cilla e
deIIa nolevoIe sicuiezza deI suo poilo, che aveva fallo di Taianlo Ia lase
ideaIe pei gesliie lulle Ie opeiazioni navaIi neI Medileiianeo, Iogislica e co-
nando, senza esseie esposli diiellanenle aI nenico, che piincipaInenle ope-
iava in Adiialico, ad eccezione che pei nezzo deIIa gueiia sollonaiina.
Cos che, aIIenliala in gueiia, dipendevano daIIa Iiazza Maiillina di Ta-
ianlo lulle Ie sedi e i Conandi deIIa Maiina posli a sud deI fiune Ofanlo.
Veiso Ia fine deI 1915, poi, iI Iinile di giuiisdizione deI Conando laianlino
venne sposlalo pi a noid, giungendo fino aIIa foce deI Tiigno. Da queI no-
nenlo, dipeseio da Taianlo anche lulle Ie lalleiie coslieie conpiese neII'a-
iea e IidioscaIo di San NicoIa di Vaiano.
Le difficoIla niIilaii inconliale daIIe foize deII'Inlesa dopo Io slaico a
CaIIipoIi, di fallo giavaiono uIleiioinenle iI conpilo deIIa Iiazza di Taian-
lo, chianala a gesliie iI iaffoizanenlo deI fionle laIcanico. Dopo iI cedi-
nenlo deII'eseicilo seilo di fionle aII'incaIzaie deIIoffensiva auslio-luIga-
ia, si iese necessaiio aunenlaie Ia piessione niIilaie in lulla Ia ieslanle aiea
neiidionaIe dei aIcani, a soslegno deII'aIIealo gieco e neI lenlalivo di coi-
ioloiaie iI fionle luico ed evilaie cos iI diIagaie degIi Inpeii cenliaIi neI-
I'aiea. Conpilo specifico deIIa Iiazzafoile eia queIIo deIIo snislanenlo de-
gIi uonini e dei nezzi deslinali a lulle Ie opeiazioni in Oiienle e iI iifoini-
nenlo deIIe navi ilaIiane ed aIIeale inpegnale neIIo scacchieie neiidionaIe
deI Medileiianeo.
Con I'inizio deIIa spedizione doIlienaie, oIlie aIIa fIolla nazionaIe, si
eiano andale concenliando a Taianlo anche Ie divisioni navaIi angIo-fian-
cesi, equipaggiale con giandi quanlila di naleiiaIi di ogni geneie, laIe da
iendeie necessaiia una fielloIosa quanlo appiossinaliva iioiganizzazione
dei deposili pei una Ioio adeguala sislenazione. Venneio ieaIizzali nuovi
deposili, capannoni, lelloie e diveise aIlie opeie di foiluna. Queslo fieneli-
co Iavoio di adeguanenlo peiduio pei lullo iI pioseguo deIIa gueiia.
II iuoIo Iogislico di Taianlo fu dunque di piinaiia inpoilanza, e un foi-
29
Inlioduzione
le inpegno fu quindi dedilo aII'oiganizzazione pei iI iifoininenlo divisio-
naIe, pei iI iicoveio e pei Ia iipaiazione deI navigIio. Iei queslo, Io Slalo
Maggioie aveva disposlo iI deposilo a Taianlo di giosse quanlila di cai-
luianle e nunizionanenli e iI polenzianenlo deI seivizio poiluaIe e di lia-
spoilo.
Ioilunalanenle, Ia lase di Taianlo non fu nai coinvoIla in pailicoIaii
episodi di conlallinenlo. La piazzafoile, conunque, eia slala piepaiala
conlio evenluaIi allacchi piovenienli da leiia e daI naie: nigIioialo iI posi-
zionanenlo deIIe lalleiie coslieie con i ieIalivi sisleni di punlanenlo, au-
nenlali i posli di avvislanenlo e ieaIizzalo un efficienle sislena di conuni-
cazione iadio leIegiafico che coIIegava I'inleio appaialo difensivo. Diveise
poslazioni di ailigIieiia canpaIe e un Iungo peicoiso di liincee gaianliva-
no, poi, una adeguala difesa conlio evenluaIi quanlo inpiolaliIi allacchi
da leiia. Dopo iI iiliovanenlo deI sonneigiliIe ausliiaco UC 12, affondalo
duianle Ia sua opeia di ninanenlo neIIo }onio, venne anche polenziala Ia
difesa anlisonneigiliIe Iungo iI IiloiaIe piospicienle Ia lase navaIe e aII'in-
loccaluia deI CanaIe navigaliIe.
L'opeia di iecupeio deI sonneigiliIe nenico, oIlie ad aggiungeisi ad
una seiie di successi canlieiislici che poilaiono aIIa nessa in naie di divei-
se unila giavenenle danneggiale duianle iI coiso deIIa gueiia, fu anche
una giandiosa fonle di infoinazioni niIilaii, donando aI Conando deIIa
Maiina un nuneio inpiessionanle di docunenli suII'inpiego dei sonnei-
giliIi auslio-ledeschi neI Medileiianeo e sveIando cos diveisi segieli.
Con Iinlensificaisi deIIe incuisioni sulacquee, agIi inizi deI 1916, venne
in ogni caso disposlo un iaffoizanenlo deI conlioIIo coslieio e dei sisleni
di slaiianenlo: nei paiaggi di Vinosa Maiina (Cinosa Maiina-Taianlo), ven-
ne anche speiinenlala con successo una nuova iele paia sonneigiliIi. Iei
I'inpiego dei siIuii in supeificie, venneio inoIlie iisoIli aIcuni piolIeni aI
sislena di sgancio deIIe unila anlisonneigiliIi e suIIe loipedinieie.
SuI finiie deIIa gueiia, giunseio a Taianlo anche i nodeini appaiecchi
idiofoni pei I'ascoIlo sulacqueo. Iei Ia vaIulazione dei nuovi nodeIIi di ii-
Ievazione venne anche ciealo un iepailo lecnico speciaIizzalo piesso Ia di-
iezione di AiligIieiia e Ainanenli. II sislena di navigazione coslieio venne
peio conpIelalo soIo suI finiie deIIa gueiia, quando, appunlo, iniziaiono i
Iavoii pei Ia nessa in opeia deIIe slazioni di ascoIlo.
Taianlo iiusc puie ad aveie un iuoIo allivo cone lase sonneigiliIisli-
ca, vedendo ieaIizzala Ia sua piina lase gia suI finiie deI 1915, con un suo
3O
Inlioduzione
conpIelo appaialo di iifoininenlo e di nanulenzione, secondo un anli-
zioso piano piesenlalo daIIa Diiezione IocaIe. NeIIe fasi iniziaIi deIIa guei-
ia, I'AisenaIe conliilu puie aI nigIioianenlo deIIa slessa fIolla sonneigi-
liIislica ilaIiana con I'aggioinanenlo dei piini lalleIIi acquislali aII'esleio
daIIa noslia Maiina.
La Iiazzafoile laianlina fu anche sede aeionaulica, iiuscendo, duianle iI
coiso deI confIillo, a leneie iI passo con iI iapido evoIveisi deIIa nuova aina,
sviIuppando, giaduaInenle anche un piopiio conpIesso avialoiio in giado
di offiiie un'adeguala copeiluia aeiea aI fionle sud deI Medileiianeo. La
ieaIizzazione deIIa piina slazione idiovoIanli fu aIquanlo iapida, liascoi-
iendo soIo quaIche nese da quando iI ninisleio deIIa Maiina, neI naizo
1914, aveva fallo sapeie aI Conando in Capo deI Dipailinenlo Maiillino
di Taianlo Ia sua inlenzione di ieaIizzaie Ia lase aeiea. Cos, iI 3 dicenlie
1914, I'hangai, sislenalo in IocaIila Iizzone-CoIIepasso, eia gia pionlo pei
esseie occupalo daII'Anninisliazione niIilaie.
La slazione idiovoIanli, inveio, fu iniziaInenle adilila a soIa scuoIa di
aviazione. I piini coisi fuiono queIIi pei osseivaloie d'aeiopIano, na, in
lieve lenpo, si aggiunseio anche lulle Ie aIlie speciaIizzazioni: piIolaggio,
noloiisla e nonlaloie. Ciazie aI iaffoizanenlo deIIe unila di voIo e aII'ai-
iivo di nuovi isliulloii, Ie eseicilazioni andaiono senpie aunenlando e si
polelleio eseguiie anche voIi nolluini, eseicizi di segnaIazione e di iiIeva-
nenlo fologiafico. Le pialiche di voIo iiguaidavano puie allivila di avvi-
slanenlo e segnaIazione, Iancio di lonle e liii di niliagIieia. AIIo slesso
nodo, giaduaInenle, cielle anche I'espeiienza neIIa iipaiazione degIi ae-
iopIani. A laIi anliziosi liaguaidi, peio, Ia ScuoIa non iiusc nai a fai coi-
iispondeie un'oiganizzazione sliulluiaIe adeguala, conpionellendo cos iI
suo slesso sviIuppo. NeI giugno deI 1917, si disculeva finanche pei un suo
liasfeiinenlo a Seslo CaIende, cosa che non avvenne. L'inpegno deI Mini-
sleio, aI conliaiio, iiusc a iisoIIevaie Ie soili deIIa ScuoIa, che vide una pii-
na inpennala deI peisonaIe di seivizio e deI nuneio degIi innaliicoIali.
L'aeionaulica a Taianlo iiusc anche ad aveie un ceilo iuoIo slialegico
neI quadianle neiidionaIe deI Medileiianeo. AIIa fine deI 1915, piopiio aIIo
scopo di daie oidine aI nuovo Coipo, iI Minisleio aveva isliluilo, aIIe di-
pendenze deIIispelloialo SonneigiliIi e Aviazione, due nuovi uffici pei i
seivizi aeionaulici, iispellivanenle a Venezia e a Taianlo. Anche Io sviIup-
po deII'aeionaulica a Taianlo si nosse dunque suIIa lase deIIe esigenze
opeialive di gueiia, sia pei Ia soivegIianza deIIa IugIia neiidionaIe sia pei
31
Inlioduzione
I'inleicellazione degIi appaiecchi da lonlaidanenlo ausliiaci.
La lase di CiollagIie, nolevoInenle anpIiala dopo iI 1916, divenne pie-
slo iI piincipaIe iifeiinenlo pei iI seivizio aeionaulico neIIo }onio, ospilando
una squadiigIia da caccia e diveisi diiigiliIi. LaeioscaIo di San Vilo, poslo
in vicinanza deI faio, pei Ia sua posizione ollinaIe, si saielle invece alliva-
lo in Maie Ciande soIo in caso di aIIaine o pei Ia soivegIianza deIIe iolle
di sicuiezza. La slazione idiovoIanli di Taianlo, che suI finiie deIIa gueiia
eia aiiivala a dispoiie di ciica 5O appaiecchi, conlinuo conunque ad aveie
un iuoIo iiIevanle pei iI conlioIIo deIIo }onio e deIIe cosle neiidionaIi deIIa
IugIia.
AI leinine deIIa gueiia, Ia decisione di fai iinaneie conunque a Taian-
lo Ia lase idiovoIanli e Ia ScuoIa di aviazione, avendo in passalo vaIulalo
un suo possiliIe liasfeiinenlo, coiiispose ad un piofondo iiassello oiganiz-
zalivo deIIe sliulluie aeionauliche: iI piino agoslo 1918, IaeioscaIo di San
Vilo fu cedulo aI peisonaIe deIILseicilo, Ia lase aeiea di CiollagIie venne
deslinala a conpili di piina Iinea pei I'appoggio aeieo neIIo }onio, e quaI-
che anno dopo, neI naizo deI 1923, con Ia cosliluzione deIIa Regia Aeio-
naulica, che assoil Ianninisliazione di lulle Ie foize aeiee ilaIiane, anche
IidioscaIo deI Maie IiccoIo non faia pi paile deIIa Iiazzafoile di Taianlo.
L'uIlina paile deI Iilio invece dedicala ad una conpIela iendiconla-
zione, in leinini quanlislici, deI conliilulo offeilo daII'AisenaIe aIIa fIol-
la nazionaIe e aIIeala: aggioinanenlo e appionlanenlo deIIa fIolla, nanu-
lenzione oidinaiia e sliaoidinaiia, giandi iipaiazioni e iecupeii navaIi. Un'
idea deIIa noIe e deII'inpoilanza di queslo Iavoio puo esseie offeila an-
che consideiando iI soIo 1916, cone nonenlo cenliaIe deI confIillo anno in
cui hanno iicevulo assislenza daI canlieie laianlino len 568 inlaicazioni di
vaiie nazionaIila. Si iese necessaiio, pei I'occasione, oIlie che un adegualo
aggioinanenlo di nacchinaii, giu, ulensiIi o quanl'aIlio pei ogni possiliIe
opeiazione di iipaiazione e snonlanenlo deIIe nacchine, anche una ceila
liasfoinazione deIIe aiee uliIi aIIa Iavoiazione: officine, spiazzi, deposili e
lacini pei Ia nanulenzione, e senpie di queI peiiodo puie I'uIlinazione
deII'inpoilanle lacino Ieiiali, idoneo ad ospilaie giandi unila e pei iI iecu-
peio di sonneigiliIi. Senpie neI 1916, venneio inoIlie ieaIizzali due aIlii
piccoIi scaIi di aIaggio pei Ie navi ninoii. Si piovvide aIlies ad accoipaie,
in nanieia pi iazionaIe, Ie diveise officine, secondo un nuovo piano iego-
32
Inlioduzione
Ialoie piepaialo daIIa Diiezione aisenaIizia.
Nei paiagiafi successivi, si enlia poi pi neI neiilo dei Iavoii eseguili
suIIe navi, con una desciizione deIIe lipoIogie di inleivenlo, dei nelodi e
deIIe lecniche usale pei I'esecuzione dei Iavoii.
L'adeguanenlo deIIa fIolla iiguaido lulli i possiliIi aspelli deIIa naviga-
zione, deIIa neccanica navaIe e deII'ainanenlo: condolla di liio, ainanen-
lo conliaeieo, coiazzaluie suppIenenlaii pei Ia piolezione degIi scafi daIIe
espIosioni deIIe nine, appIicazione di sisleni pei iI diagaggio, ecc. Inpoi-
lanli puie gIi sludi pei iI liIancianenlo degIi scafi, Ia nodifica degIi appa-
iali nacchine pei un Ioio nigIioie iaffieddanenlo e iI nigIioianenlo degIi
anlienli con un pi adegualo confoil e isoIanenlo leinico. Venivano poi,
in oidine di piioiila, i Iavoii di liasfoinazione dei piioscafi pei iI liaspoilo
dei naleiiaIi niIilaii, Ie nigIioiie e Ia iipaiazione dei sonneigiliIi e lulli
gIi aIlii Iavoii aIIe navi ausiIiaiie. Un nuneio iiIevanle di neicanliIi, iequi-
sili o noIeggiali, venne alliezzalo pei iI liaspoilo di un gian nuneio di uo-
nini e cavaIIi, nunizioni e vellovagIianenli, noIli venneio anche ainali con
dei cannoni.
In una sezione a paile, ho voIulo liallaie dei giandi Iavoii di iipaiazione
e iipiislino che hanno peinesso iI iecupeio di navi giavenenle danneggia-
le in gueiia, nellendo naluiaInenle in piino piano I'episodio deIIa coiaz-
zala Leonaido da Vinci e I'espeiienza deII'aIIoia lenenle deI Cenio navaIe
Ainando Andii.
Iei un liIancio conpIessivo di lullo iI coiso deIIa gueiia, ho inoIlie piov-
vedulo a sliIaie deIIe esauiienli schede, senza liaIasciaie aIcune desciizioni
esenpIificalive, pi o neno sinleliche, dei piincipaIi Iavoii eseguili suIIe
navi ilaIiane e slianieie neI peiiodo, in speciaI nodo duianle iI piino lien-
nio, dove si pone in evidenza Ia ciescila deI Iavoio e I'oiganizzazione leIIi-
ca deII'AisenaIe.
Viene in uIlino liallalo iI nondo deI Iavoio, consideialo dappiina sollo
un piofiIo pi specificalanenle lecnico, con Ia desciizione deIIe vaiie spe-
ciaIizzazioni e poi, in un secondo nonenlo, sollo iI piofiIo econonicislico,
con una desciizione anaIilica deII'andanenlo dei saIaii e deII'occupazione
nei peiiodi iilenuli pi saIienli neII'aico di lenpo consideialo.
II piino confIillo nondiaIe iappiesenlo, aIIa fine una giande occasione
pei Ia ciescila deIIa Iiazzafoile di Taianlo: Ia sliulluia niIilaie elle iI suo
definilivo conpIelanenlo neI 192O. I liIanci di eseicizio deI ninisleio deIIa
Maiina danno anpia piova di quanlo siano slali espansivi gIi slanzianenli
33
Inlioduzione
in favoie dei Regi AisenaIi in quegIi anni. In lolaIe, pei I'AisenaIe di Taian-
lo venneio spesi 14.715.OOO Iiie, una cifia nellanenle supeiioie a quanlo
slanzialo pei aIcuni naggioii poili niIilaii nazionaIi, cone iindisi, Spezia,
NapoIi, CasleIIannaie di Slalia e Ancona.
AIliellanlo posilivo iI liIancio econonico pei Ia cilla. Lindusliia niIi-
laie ha soIIecilalo Ia nascila di noIle sociela coopeialive e sopiallullo dalo
un vaIoie aggiunlo aIIa quaIila deIIa nanodopeia disponiliIe in Ioco. Iinila
Ia Cueiia, noIli opeiai dovelleio conunque faie i conli con Ia snoliIilazio-
ne e IAisenaIe, chiuso oinai iI piocesso di pace, pei diveisi anni avveniie,
loino nuovanenle ad inleiiogaisi suI suo fuluio neI Medileiianeo, appa-
ienlenenle lianquiIIo.
Iino aIIa nela degIi anni venli, Ia poIilica deIIe cosliuzioni navaIi, in ii-
spello degIi accoidi inleinazionaIi, difalli si Iinilo escIusivanenle aI con-
pIelanenlo deI navigIio Ieggeio gia piogiannalo o inposlalo duianle Ia
gueiia deI 1915-18 e aIIa iadiazione di vecchie unila. Ma neIIa Iisla dei Iavo-
ii deI dopogueiia, non poleva nancaie, foise pi pei oigogIio che pei neia
uliIila, iI iipiislino deIIa coiazzala Leonaido da Vinci, che aIIa fine venne Io
slesso denoIila. II iinpianlo di vedeie lulli quei saciifici in funo fu soIo
paiziaInenle coInalo daII'inposlazione di un feiiy loal pei Ie Ieiiovie
deIIo Slalo. II liaghello fu I'unica opeia canlieiislica deII'AisenaIe di Taian-
lo ieaIizzala neI piino dopo gueiia.
Tia Ie navi snanleIIale in quegIi anni, vi fu puie Iinciocialoie IugIia, oi-
gogIio sloiico deIIAisenaIe, che consegno Ie sue insegne neI 1923. La paile
piodieia deIIa nave saia poi donala aI poela ed eioe CaliieIe DAnnunzio,
in occasione deI suo sessanlesino conpIeanno. II cineIio ancoia consei-
valo neI VilloiiaIe.

34