Sei sulla pagina 1di 2

LA SOLIDARIETA COME ESPRESSIONE PIU NOBILE DELLA LIBERTA E DELLUGUAGLIANZA

13 Maggio 2013 - Sorrento (Massalubrense)


ore 9,30 Aula Magna dellIstituto Polispecialistico San Paolo (Via Roma 27) ore 19. 30 - Parrocchia di Massalubrense (Via SantAgata), gratuito e aperto al pubblico Interverranno:

Padre Giuseppe Berton


Missionario saveriano, fondatore del Family Homes Movement internazionale per il recupero di bambini soldato e di minori abbandonati in Sierra Leone

Giorgio Beltrami
Fondatore e segretario del Family Homes Movement italiano

Wilma Massucco
Regista de LA VITA NON PERDE VALORE ,Padre Berton e gli ex bambini soldato della Sierra Leone , Documentario che verr proiettato nel corso dellevento

Cesare Moreno
Maestro di strada, fondatore del Progetto Chance e del Progetto Evai, per il recupero di ragazzi sbandati delle aree pi degradate di Napoli

Presenzier alla manifestazione lArcivescovo di SorrentoCastellammare Sua Eccellenza Mons.Francesco Alfano.


Il Dirigente Scolastico Prof. Rosa Cirillo

LA SOLIDARIETA COME ESPRESSIONE

PIU NOBILE DELLA LIBERTA E DELLUGUAGLIANZA


Il concetto di solidariet unevoluzione di quello di libert e uguaglianza, infatti, non sufficiente avere il diritto a essere considerato uguale agli altri ma necessario applicare concretamente questo principio. Per fare ci, noi dobbiamo tendere al massimo obiettivo: dare le stesse opportunit a tutti, ai poveri come ai ricchi, ai neri come ai bianchi, alle donne come agli uomini. Questa la premessa concettuale da cui noi docenti siamo partiti e per la quale abbiamo lavorato in questi due anni: contribuire alla formazione dei nostri studenti e renderli cos cittadini consapevoli dei loro diritti come dei loro doveri. Laspetto della formazione dei giovani, curata nei primi cicli scolastici, viene quasi del tutto trascurata nella Scuola Superiore dove affidata esclusivamente alla buona volont e sensibilit di qualche docente, tant che unora di educazione alla cittadinanza non esiste. La crisi della famiglia con la conseguente caduta dei suoi valori portanti, da una parte, e lincessante martellamento dei mass-media che propongono modelli completamente fuorvianti dallaltra, rendono necessaria la presa di coscienza, da parte dei docenti e della scuola in generale, della necessit di occuparsi in modo sistematico della formazione dei futuri cittadini italiani. E per questo che, in questi due anni, abbiamo cercato di far acquisire agli alunni una conoscenza quanto pi ampia possibile delle varie problematiche esistenti nel nostro tempo e per le quali si pu esplicare unazione di solidariet. Per non rimanere fermi al solo ambito teorico, siamo passati alloperativit. E partita, quindi, ladozione a distanza di una classe di I elementare presso la Catholic Mission Archers Post - Kenya dove lavorano le suore missionarie Francescane, Ausiliarie Laiche, Missionarie, dellImmacolata (FALMI), e il sostegno al Family Homes Movement (FHM), progetto di Padre Berton per il recupero di ex bambini soldato e di minori abbandonati in Sierra Leone. La vicenda dei bambini soldato, degli indicibili traumi psicologici oltre che fisici, che subiscono ha molto colpito i ragazzi che con entusiasmo hanno dato il loro concreto contributo. E iniziato cos il rapporto epistolare con Padre Berton e con il dott. Beltrami, che da subito stato coinvolgente e ha fatto crescere il reciproco desiderio di conoscersi. La manifestazione del 13 maggio, alla quale parteciper anche il nostro Vescovo Mons. Francesco Alfano, presso la sede centrale di Sorrento del nostro Istituto, ha lo scopo di far comprendere agli alunni ancor pi il valore del loro gesto di solidariet. E importante che essi siano consapevoli di quanto poco, a volte, serva, per aiutare chi in difficolt. I docenti

Interessi correlati