Sei sulla pagina 1di 5

Annamaria De Simone http://annamaria75.altervista.

org

Traduzione dei carmi di Catullo in programma Traduzione mia Carme 51 LI. Come un dio Quello mi sembra pari a un dio, quello, se lecito, (mi sembra) superare gli dei, che sedendo di fronte continuamente ti guarda e ascolta sorridere dolcemente, cosa che a me, misero, toglie tutti i sensi: infatti appena ti vedo, Lesbia, non mi resta un filo di voce. Ma la lingua si blocca, sotto le membra una sottile fiamma si insinua, del loro stesso suono tintinnano le orecchie, gli occhi si coprono di duplice notte. Lozio, Catullo, ti nocivo: nellozio esulti e smani troppo: lozio ha distrutto re e citt un tempo felici.

LI. Ille mi par esse deo videtur Ille mi par esse deo videtur, ille, si fas est, superare divos, qui sedens adversus identidem te spectat et audit dulce ridentem, misero quod omnis eripit sensus mihi: nam simul te, Lesbia, aspexi, nihil est super mi <postmodo vocis>. Lingua sed torpet, tenuis sub artus flamma demanat, sonitu suopte tintinant aures, gemina et teguntur lumina nocte. Otium, Catulle, tibi molestum est: otio exsultas nimiumque gestis: otium et reges prius et beatas perdidit urbes.

V. Vivamus mea Lesbia atque amemus Vivamus mea Lesbia, atque amemus, rumoresque senum severiorum omnes unius aestimemus assis! soles occidere et redire possunt: nobis cum semel occidit brevis lux, nox est perpetua una dormienda. da mi basia mille, deinde centum, dein mille altera, dein secunda centum, deinde usque altera mille, deinde centum. dein, cum milia multa fecerimus, conturbabimus illa, ne sciamus, aut ne quis malus invidere possit, cum tantum sciat esse basiorum.

Carme 5 V. Viviamo e amiamoci Viviamo, mia Lesbia, e amiamoci, e i brontolii dei vecchi troppo severi valutiamoli tutti un soldo! I soli possono tramontare e risorgere: ma noi, una volta che la (nostra) breve luce tramonta, dobbiamo dormire ununica eterna notte. Dammi mille baci, poi cento, poi mille altri, poi ancora cento, poi di seguito altri mille, poi cento. Poi, quando ne avremo fatti molte migliaia, li mescoleremo, per non sapere [quanti sono], o perch nessun malvagio possa farci il malocchio, sapendo che sono cos tanti.

Carme 7 VII. Quot basiationes VII. Quanti baci Quaeris quot mihi basiationes Mi chiedi, Lesbia, quanti tuoi baci tuae, Lesbia, sint satis superque. mi siano sufficienti e di pi. quam magnus numerus Libyssae harenae Tanti quanti sono i granelli della sabbia laserpiciferis iacet Cyrenis africana oraclum Iovis inter aestuosi sparsa in Cirene ricca di silfio, et Batti veteris sacrum sepulcrum; tra loracolo dellinfuocato Giove aut quam sidera multa, cum tacet nox, e il sacro sepolcro dell'antico Batto; furtivos hominum vident amores: o quante sono le stelle, quando tace la tam te basia multa basiare notte,
1

Annamaria De Simone http://annamaria75.altervista.org

vesano satis et super Catullo est, quae nec pernumerare curiosi possint nec mala fascinare lingua.

che vedono i furtivi amori degli uomini: se tu mi dai tanti baci quanto questi, sufficiente e di pi per Catullo, pazzo di te; cos che i curiosi non possano contarli, n una lingua maligna maledirli.

Carme 109 CIX. Iucundum et perpetuum CIX. Felice ed eterno Iucundum, mea vita, mihi proponis Felice, vita mia, ed eterno mi prometti amorem che sar questo nostro amore. hunc nostrum inter nos perpetuumque Dei grandi, fate che possa promettere fore. veramente, di magni, facite ut vere promittere possit, e che dica questo sinceramente e col cuore, atque id sincere dicat et ex animo, cos che possiamo prolungare per tutta la vita ut liceat nobis tota perducere vita questo eterno patto di sacra amicizia. aeternum hoc sanctae foedus amicitiae.

LXX. Nulli se dicit mulier mea Nulli se dicit mulier mea nubere malle quam mihi, non si se Iuppiter ipse petat. dicit: sed mulier cupido quod dicit amanti, in vento et rapida scribere oportet aqua.

Carme 70 LXX. Promesse Con nessun altro la mia donna dice di voler fare lamore che con me, neanche se Giove in persona la volesse. Lo dice: ma quel che una donna dice al bramoso amante, bisogna scriverlo nel vento e nellacqua che scorre via.

Carme 87 LXXXVII. Nulla LXXXVII. Nessuna Nulla potest mulier tantum se dicere Nessuna donna pu dire di essere stata amata amatam tanto vere, quantum a me Lesbia amata mea sinceramente, quanto la mia Lesbia stata est. amata da me. nulla fides ullo fuit umquam foedere Nessuna fedelt fu mai tanto grande in alcun tanta, patto, quanta in amore tuo ex parte reperta quanto fu trovata nel mio amore per te. mea est.

Carme 72 LXXII. Dicebas quondam LXXII. Un tempo dicevi Dicebas quondam solum te nosse Un tempo dicevi di aver solo Catullo come amante, Catullum, Lesbia, e di non voler avere neppure Giove al posto Lesbia, nec prae me velle tenere Iovem. mio. dilexi tum te non tantum ut vulgus Allora ti amai non solo come la gente comune ama amicam, unamante, sed pater ut gnatos diligit et generos. ma come un padre ama i figli e i generi. nunc te cognovi: quare etsi impensius Ora ti ho conosciuto: perci, anche se brucio pi forte,
2

Annamaria De Simone http://annamaria75.altervista.org

uror, multo mi tamen es vilior et levior. qui potis est, inquis? quod amantem iniuria talis cogit amare magis, sed bene velle minus. LXXV. Huc est mens deducta Huc est mens deducta tua mea, Lesbia, culpa atque ita se officio perdidit ipsa suo, ut iam nec bene velle queat tibi, si optima fias, nec desistere amare, omnia si facias.

tuttavia mi sei molto pi vile e leggera. Come possibile, dici? Perch una tale offesa costringe un amante ad amare di pi, ma a voler bene di meno.

Carme 75 LXXV. A tal punto A tal punto il mio cuore si ridotto, Lesbia, per colpa tua e si rovinato da s con lesserti fedele, che ormai non potrebbe n volerti bene, se anche diventassi la donna migliore, n smettere di amarti, qualunque cosa tu faccia.

LXXXV. Odi et amo Odi et amo. quare id faciam, fortasse requiris. nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Carme 85 LXXXV. Odi et amo Odio e amo. Perch lo faccia, forse ti domandi. Non lo so: ma sento che avviene e mi torturo.

CVII. Si quicquam optigit umquam Si quicquam cupido optantique optigit umquam insperanti, hoc est gratum animo proprie. quare hoc est gratum nobis quoque carius auro quod te restituis, Lesbia, mi cupido. restituis cupido atque insperanti, ipsa refers te nobis. o lucem candidiore nota! quis me uno vivit felicior aut magis hac est optandus vita dicere quis poterit?

Carme 107 CVII. Lesbia tornata! Se una cosa capit mai a qualcuno che, pur sperandoci, ne era ardentemente desideroso, davvero una cosa gradita al cuore. Perci anche a me questo gradito, e pi caro delloro: che ti restituisci, Lesbia, a me, che ti volevo. Ti restituisci a me che ti volevo senza pi speranza, tu stessa ti ridai a me. Oh, giorno da ricordare! Chi pi felice di me solo? Che cosa si pu desiderare di pi della mia vita?

XCII. Lesbia mi dicit sempre male Lesbia mi dicit semper male nec tacet umquam de me: Lesbia me dispeream nisi amat. quo signo? quia sunt totidem mea: deprecor illam assidue, verum dispeream nisi amo.

Carme 92 XCII. Le maldicenze di Lesbia /2 Lesbia sparla sempre e non tace mai di me: che io crepi, se non mi ama. Che prova ne ho? E che ho gli stessi sintomi: la stramaledico continuamente, ma che io crepi se non la amo.

VIII. Miser Catulle Miser Catulle, desinas ineptire,

Carme 8 VIII. Misero Catullo, smetti di impazzire Misero Catullo, smetti di impazzire,
3

Annamaria De Simone http://annamaria75.altervista.org

et quod vides perisse perditum ducas. fulsere quondam candidi tibi soles, cum ventitabas quo puella ducebat amata nobis quantum amabitur nulla. ibi illa multa tum iocosa fiebant, quae tu volebas nec puella nolebat, fulsere vere candidi tibi soles. nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli, nec quae fugit sectare, nec miser vive, sed obstinata mente perfer, obdura. vale puella, iam Catullus obdurat, nec te requiret nec rogabit invitam. at tu dolebis, cum rogaberis nulla. scelesta, vae te, quae tibi manet vita? quis nunc te adibit? cui videberis bella? quem nunc amabis? cuius esse diceris? quem basiabis? cui labella mordebis? at tu, Catulle, destinatus obdura.

e ci che vedi esser perso consideralo perduto. Un tempo ti rifulsero candidi soli, quando solevi andare dove ti portava la ragazza amata da noi quanto nessuna lo sar. L avvenivano, allora, quei tanti giochi damore, che tu volevi e lei non disdegnava Davvero ti rifulsero candidi soli. Ora lei non vuole pi: e anche tu, pur incapace di dominarti, non volere, non inseguire chi fugge, non vivere infelice, ma sopporta con mente ostinata, resisti. Addio ragazza, ormai Catullo resiste, non ti cercher n ti vorr, se tu non lo vuoi pi. Ma tu soffrirai, quando non sarai pi cercata (da me). Sciagurata, guai a te, che vita ti rimane? Chi ti avviciner ora? A chi sembrerai bella? Chi amerai ora? Di chi si dir che sei? Chi bacerai? A chi morderai le labbra? Ma tu, Catullo, risoluto, resisti.

Carme 76 LXXVI. Si qua voluptas LXXVI. Preghiera Si qua recordanti benefacta priora voluptas Se qualche piacere c per un uomo che ricorda il est homini, cum se cogitat esse pium, bene nec sanctam violasse fidem, nec foedere nullo compiuto, quando pensa di essere leale, divum ad fallendos numine abusum e di non aver mai violato la santit della parola homines, data, n in alcun patto multa parata manent in longa aetate, Catulle, daver abusato della potenza degli dei per ex hoc ingrato gaudia amore tibi. ingannare la gente, nam quaecumque homines bene cuiquam aut molte gioie ti sono pronte, per lungo tempo, dicere possunt Catullo, da questo ingrato amore. aut facere, haec a te dictaque factaque sunt. Infatti qualunque cosa gli uomini possano dire o omnia quae ingratae perierunt credita menti. fare bene quare iam te cur amplius excrucies? per qualcuno, questa stata detta e fatta da te. quin tu animo offirmas atque istinc teque Ma tutte queste cose sono andate perdute, reducis, affidato a un animo ingrato. et dis invitis desinis esse miser? Perch dunque dovresti torturarti ancora, ormai? difficile est longum subito deponere amorem, Perch non ti fortifichi e ti distacchi di l, difficile est, verum hoc qua lubet efficias: e non smetti di essere misero, contro la volont una salus haec est. hoc est tibi pervincendum, degli dei? hoc facias, sive id non pote sive pote. E difficile deporre dun tratto un lungo amore, o di, si vestrum est misereri, aut si quibus difficile, ma cerca di farlo, ad ogni costo: umquam questa lunica salvezza. Ci devi riuscire, extremam iam ipsa in morte tulistis opem, questo devi fare, sia impossibile o possibile. me miserum aspicite et, si vitam puriter egi, O dei, se vostro dovere avere piet, o se mai eripite hanc pestem perniciemque mihi, avete offerto a qualcuno estremo aiuto in punto di quae mihi subrepens imos ut torpor in artus morte, expulit ex omni pectore laetitias. rivolgete lo sguardo a me misero e, se ho condotto non iam illud quaero, contra me ut diligat illa, una vita pura, aut, quod non potis est, esse pudica velit: togliete a me questa disgrazia e rovina, ipse valere opto et taetrum hunc deponere che insinuandosi in me come torpore nel fondo morbum. delle membra o di, reddite mi hoc pro pietate mea. ha cacciato ogni gioia dal mio petto. Non chiedo questo, che anche lei mi ami,
4

Annamaria De Simone http://annamaria75.altervista.org

o che voglia essere onesta, perch non possibile: sono io che desidero stare bene e deporre questa tetra malattia. O dei, concedetemelo per la mia lealt. LVIII. Caeli, Lesbia nostra Caeli, Lesbia nostra, Lesbia illa, illa Lesbia, quam Catullus unam plus quam se atque suos amavit omnes, nunc in quadriviis et angiportis glubit magnanimi Remi nepotes. Carme 58 LVIII. Celio, la mia Lesbia Celio, la mia Lesbia, quella Lesbia, quella Lesbia, s, che Catullo, lei sola, ha amato pi di se stesso e di tutti i suoi, ora negli incroci e nei vicoli scortica i nipoti del magnanimo Remo (tutti i romani).

Carme 11 XI. Furi et Aureli XI. Furio ed Aurelio Furi et Aureli, comites Catulli, Furio ed Aurelio, compagni di Catullo, sive in extremos penetrabit Indos, sia se penetrer tra gli ultimi Indi, litus ut longe resonante Eoa dove il lido battuto dall'onda tunditur unda, orientale risonante, sive in Hyrcanos Arabesve molles, sia tra gli Ircani o gli Arabi molli, seu Sagas sagittiferosve Parthos, sia tra i Saghi o i Parti armati di frecce, sive quae septemgeminus colorat sia tra le acque che colora aequora Nilus, il Nilo settiforme, sive trans altas gradietur Alpes, sia se entrer tra le alte Alpi, Caesaris visens monimenta magni, per vedere le tracce del grande Cesare, Gallicum Rhenum, horribilesque ultiil gallico Reno, e i mostruosi mosque Britannos, remoti Britanni, omnia haec, quaecumque feret voluntas tutte queste cose, quante ne porter la caelitum, temptare simul parati, volont pauca nuntiate meae puellae dei celesti, pronti ad affrontarle insieme, non bona dicta: annunciate alla mia ragazza queste poche cum suis vivat valeatque moechis, parole non buone: quos simul complexa tenet trecentos, Viva e sia felice coi suoi ganzi, nullum amans vere, sed identidem quei trecento che si tiene stretta tutti insieme, omnium non amandone davvero nessuno, ma ilia rumpens; ugualmente nec meum respectet, ut ante, amorem, rompendo i fianchi di tutti; qui illius culpa cecidit velut prati e non si aspetti, come prima, il mio amore, ultimi flos, praetereunte postquam che per sua colpa caduto come fiore tactus aratro est. al margine del prato, reciso al passaggio dellaratro.