Sei sulla pagina 1di 3

Storia e guida allascolto della Musica Lezione di marted 17 gennaio 2012 Lemancipazione della musica strumentale Testi Preludio

al corale Jan Pieterszoon Sweelinck (1562-1621) Es ist das Heil uns kommen her

Ricercari Girolamo Cavazzoni (1506-1577) Ricercare

Canzone Girolamo Frescobaldi (1583-1643) Canzon dopo la Pistola Fiori musicali, 1635

Pezzi su cantus firmus Girolamo Frescobaldi (1583-1643) Kyrie Fiori musicali, 1635

Toccate Matthias Weckmann (1619-1674) Toccata vel Praeludium Primi Toni

Danze e variazioni Anonimo Basse danse La Brosse Tripla Tourdion Edita da Pierre Attaignant, 1530 Anonimo Basse danse La Gatta Edita da Pierre Attaignant, 1530 Anonimo Basse danse La Magdalena Edita da Pierre Attaignant, 1530

Anonimo Passamezzo dItalye Reprise - Gaillarde Edita da Pierre Phalse, 1571

Girolamo Frescobaldi (1583-1643) Partite sopra Follia I Libro di Toccate, 1615-1637

Appendice Girolamo Diruta (1550-?) Avvertimento al prudente lettore da: Il Transilvano. Dialogo sopra il vero modo di sonar organi, et istromenti da penna del R. P. Girolamo Diruta perugino (Venezia 1593; II, Venezia 1609-10) Tutte larti e tutte le scienze che dallintelletto umano si comprendono, per disposizione della somma Providenza di Dio si riducono ad un principale intelligente e maestro desse, che per eccellenza da tutti inteso et onorato. Cos nella Filosofia, se si dice il Filosofo, subito inteso Aristotele. Nella medicina, quando si nomina il Medico, si comprende Ippocrate. Nella poetica tra latini, col nome di Poeta si onora Vergilio, e tra volgari Petrarca. Nelle sacre lettere, quando si f menzione del Profeta, intendiamo Davide, come nel dire lApostolo, sintende sempre 5. Paolo. Poich tutti questi, per essere eccellentissimi nel loro sapere, ritengono il nome della propria eccellenza: quel che avvenne anticamente nella facolt della musica, dandosi il titolo delleccellenza ad Orfeo et ad Anfione. E chiaramente veggiamo che si d oggi a gli istrumenti musicali, chiamandosi per eccellenza Organo quello che raccoglie in s tutti glaltri, cio la virt di tutti glaltri istrumenti, con li quali il valore della musica ne le voci e ne suoni soavemente si scopre. Onde lOr- gano cos chiamato Re de glistrumenti, ragionevolmente tenuto nelle Chiese sacre di Dio per rendere lode et onore a Sua Maest: con la medesima ragione la mano nel corpo umano detta Organo de glOrgani, cio istrumento che per operare si serve di tutti glistrumenti che appartengono alloperazione de lartificio. Nome per aventura non inteso da molti, che se credono che organo non voglia dire altro che quellistrumento musicale che susa nelle Chiese accompagnato da i sacri cori con le voci de cantori, perch nel Salmo Laudate Dominum in cordis et organo. Ma veramente, s come il Lauto, la Citara, la Lira, lArpicordo, el Clavocimbalo, tutti per se stessi si chiamano istrumenti, perch il sonatore glusa per mostrare la propria virt sua del cantare e del sonare, cos lOrgano, che per eccellenza cos chiamato, raccoglie in se stesso tutti gli istrumenti musicali, e tanto maggiormente de gli altri pi eccellente e pi nobile, quanto meglio rappresenta la voce umana, operandosi in esso il fiato e la mano. E le canne, di qual materia esse siano, rappresentano le fauci umane, per dove passa lo spirito a formare il suono e la voce, che quasi si pu sicuramente dire che lOrgano sia un Artifizioso Animale, che parli, suoni e canti con le mani e con larte delluomo; e che per tale cagione sia nel Tempio di Dio s bene fabricato, con diversi ornamenti, e solo operato ne sacri officii, per lodare con le voci e con i suoni lopere grandi e maravigliose di Sua Maest [. . .1 ho deliberato con laiuto di Sua Maest dare al mondo queste mie volontarie fatiche intorno alluso di questo illustre istrumento, accioch, s come egli capo e principale di tutti, cos in buon modo apparisca e chiaramente sintenda qual sia il vero uso di maneggiarlo, e quale la dolcezza e soavit che rendano in esso insieme bene uniti tutti gli altri instrumenti, per 2

rappresentare in Terra il soavissimo concento de Beati spiriti in Cielo, in lodare Iddio Benedetto (quel che nellOrgano di 5. Pietro di Perugia si mostra con un bel verso, dicendo Haec si contingunt Terris, quae gaudia Caelo? come se dicesse Se in Terra si gode di tale soave armonia, con tanto artificio procurata allorecchie umane, qual godimento e gioia debbe essere de cori Angelici e de Beati spiriti in Cielo?). E veramente questo meraviglioso instrumento che Organo per eccellenza chiamato, come corpo umano governato dallAnima, poich, come s detto, il primo aspetto desso grandemente diletta locchio, el suono che arriva allorecchie come parole che significano glaffetti del cuore, el sonatore invece di lingua, che con leggiadri movimenti della mano lo f soavemente sonare, e quasi con dolci maniere parlare. Di qui che ognun dovrebbe con ogni suo potere sforzarsi di procedere per li mezzi pi perfetti; percioch, facendo altrimenti, si potrebbe assimigliare la grandezza dun tale istrumento ad un uomo ben proporzionato in qualunque parte della persona sua, e che dipoi abbia una intricata e barbuziente lingua, che in tutto lo disaconci e guasti [...]