Sei sulla pagina 1di 4

No.

29/2002

Come rendere pi creativo il tuo ufficio (Breve decalogo ad uso dei manager)
di Giovanni Lucarelli
PROVINCIA DI ANCONA

Nellevoluzione degli studi sulla creativit un aspetto molto importante, che sta giustamente riscuotendo un interesse via via crescente, la variabile ambientale. Sempre pi attenzione viene dedicata, infatti, alle dinamiche di gruppo, alle modalit con cui gli individui si relazionano e al clima lavorativo in cui interagiscono.

Giovanni Lucarelli

Nellevoluzione degli studi sulla creativit un aspetto molto importante, che sta giustamente riscuotendo un interesse via via crescente, la variabile ambientale. Sempre pi attenzione viene dedicata, infatti, alle dinamiche di gruppo, alle modalit con cui gli individui si relazionano e al clima lavorativo in cui interagiscono. Numerose ricerche condotte mostrano che i gruppi originali, che si evidenziano per creativit ed innovazione, presentano una bassa conflittualit, unampia autonomia professionale, una spiccata capacit dimprovvisazione e una forte coesione tra i membri. Le persone che compongono tali gruppi, inoltre, mostrano curiosit intellettuale, interdisciplinariet, capacit organizzativa e collaborativa, propensione al rischio, stima e fiducia negli altri. Come rendere il clima lavorativo del nostro ufficio pi creativo? Pi di un lettore, tra i tanti che frequentano la nostra email, ci ha rivolto questa domanda chiedendo consigli pratici in merito; ben consci che non esistono ricette infallibili (vista la complessit del fenomeno), cogliamo, comunque, loccasione per fornire qualche utile suggerimento 1. Crederci Il primo irrinunciabile passo credere (e desiderare fortemente) che il proprio ufficio possa diventare un ambiente creativo e stimolante. Il leader, per primo, deve essere fermamente convinto che il proprio gruppo possa raggiungere leccellenza. 2. Rischiare Introdurre modalit innovative, passare da un modo di lavorare certo e determinato ad uno incerto e molteplice. Correre il rischio, soprattutto allinizio, di dedicare pi tempo e pi energie per la realizzazione di un progetto: risultati brillanti non si faranno attendere. Contemplare il rischio, inoltre, che venga accantonata la gerarchia e che i collaboratori (e non di rado le segretarie) suggeriscano ottime idee al manager. 3. Stimolare lumorismo Pu apparire fuorviante, ma, se in un ufficio i membri non si sentono liberi di ridere, non si sentiranno neanche liberi di proporre idee innovative Ridere, oltre ad essere unattivit naturale e piacevole, produce non pochi benefici: accelera il battito cardiaco e migliora la circolazione sanguigna, aumenta lapporto di ossigeno al cervello, facilita lapprendimento, la memorizzazione e la produzione di idee! Il buon manager, quindi, dovrebbe stimolare lumorismo del suo ufficio in tutti i modi possibili: vignette, giochi, battute, barzellette raccontate o, almeno, inviate quotidianamente per email.

ticonzero No. 29/2002

4. Stimolare la curiosit La curiosit un elemento indispensabile nel processo creativo. Bisogna, quindi, risvegliarla nei propri collaboratori, con quesiti del tipo: Perch questo lavoro viene svolto in tale maniera? e, soprattutto, In quale altro modo si potrebbe procedere?. Esortare ad osservare con attenzione tutto ci che abbiamo davanti agli occhi, esaminarne il funzionamento, coglierne i particolari, le piccole differenze. Alexander Fleming, durante i suoi studi sulle culture dei batteri, osserv che una di queste era stata distrutta dopo essere stata erroneamente esposta allaria: lapprofondimento di tale osservazione lo condusse a scoprire la penicillina! 5. Condividere proposte e idee Capita, non di rado, che nuove proposte emergano chiacchierando in libert, magari durante la pausa pranzo o in altri momenti conviviali, e che poi si perdano prima di giungere sul tavolo delle riunioni E necessario, allora, predisporre lavagne, aree intranet, newsgroup, newsletter in cui ognuno possa annotare, in qualsiasi momento, le nuove idee. Il responsabile dellufficio pu tenere d'occhio, cos, le proposte originali e riunire di tanto in tanto il gruppo per discuterne insieme. 6. Sessioni creative Organizzare, almeno mensilmente, sedute di pensiero creativo (come, ad esempio, il brainstorming), per risolvere problemi e/o sviluppare nuove idee. La pratica di queste sessioni stimola gli individui a pensare in modo innovativo, favorisce la produzione di alternative e, cosa non trascurabile, diverte il gruppo aumentandone la coesione e la collaborazione. 7. Accettare gli errori E molto difficile, il pi delle volte, distinguere subito unidea grandiosa da una insignificante; entrambe, infatti, appaiono decisamente diverse dal modo di pensare dellorganizzazione. Molti collaboratori sono restii a comunicare le loro idee ai superiori proprio per paura che vengano considerate sciocche. In un ufficio creativo necessario, invece, stimolare la comunicazione di tutte le proposte, comprese quelle potenzialmente banali o brillanti, eliminando il timore di spiacevoli conseguenze. 8. Riconoscimenti e gratificazioni Coloro che, con impegno e determinazione, introducono idee creative e soluzioni innovative devono essere gratificati! Va reso loro pubblico riconoscimento per il lavoro svolto e va premiato il loro apporto creativo con incentivi tangibili (aumenti, bonus, ecc.). Tale atteggiamento stimoler chi ha ottenuto il risultato a continuare la sua opera e i colleghi a seguirne lesempio. 9. Realizzare linnovazione

Giovanni Lucarelli

Assicurare ai collaboratori strumenti per monitorare lo sviluppo e limplementazione delle nuove idee. Nella maggior parte dei casi, infatti, anche se appare paradossale, ideare soluzioni innovative pi semplice che realizzarle. E necessario, quindi, predisporre appositi strumenti poich, introdurre elementi di novit allinterno di unorganizzazione, rappresenta, da sempre, una sfida. 10. Provare e riprovare La stragrande maggioranza (per non dire la totalit) di coloro che intraprendono con impegno, allegria e determinazione la strada della creativit ottiene risultati brillanti. Sono i primi a stupirsi di come anche il loro modesto gruppo riesca a generare soluzioni geniali, tanto inaspettate quanto efficaci. E possibile, certo, fare qualche adattamento, ma limportante provare Linvito, quindi, di sperimentare, con i tempi che si ritengono opportuni, lintroduzione di queste modalit di lavoro, un po insolite, nel proprio ufficio. Allinizio si incontreranno, forse, alcune difficolt ma, una volta avviato il processo, limpegno coraggiosamente profuso sar abbondantemente ricompensato.