Sei sulla pagina 1di 5

Capitolo 1: Il Ragtime e lo Stride piano

di Claudio Angeleri info@cdpm.it

I pianisti del periodo compreso tra il 1896 e i primi anni venti si esprimono con uno stilema inconfondibile realizzato con una destrezza di altissimo livello tecnico. Il carattere evasivo ed allegro del ragtime, sorto per risollevare gli animi dopo la ricostruzione del nuovo stato americano, non nasconde le sue origini dotte. Il ragtime infatti uno stile, a differenza dello stride piano, completamente scritto e composto secondo una struttura multitematica, solitamente AA BB A CC DD (Maple Leaf Rag). Gli esecutori, che solo in pochi casi sono anche compositori, vantano un'ottima lettura e variano le melodie originarie con sincopi, abbellimenti e accenti, anticipando di qualche anno le prime improvvisazioni jazz di Jelly Roll Morton (nato Ferdinand Lamothe, New Orleans, 20 ottobre 1890 - 10 luglio 1941) e dei pianisti di stride piano. Le melodie, suonate dalla mano destra, si incastrano ritmicamente con l'incedere regolare della sinistra e vengono spesso doppiate a terze o seste secondo un andamento ritmico generalmente non superiore all'ottavo. La mano sinistra procede solitamente a quarti, scanditi da fondamentale e accordo, quinta e accordo o bassi ad ottave come nell'esempio 1. Gli accordi sono solitamente triadi e settime variate dall'accordo diminuito con funzione di sospensione armonica.

Sul ragtime si sovrappone spesso un ballo concitato denominato cakewalk. Anche molti compositori europei sono influenzati dal ragtime come Brahms, Debussy (Golliwog cakewalk - 1908), Strawinsky (Ragtime per 11 strumenti - 1918, Piano rag music -1919). Inoltre, parte del jazz degli anni venti non altro che l'arrangiamento orchestrale di alcuni ragtime di cui mantiene la stessa struttura con l'aggiunta di brevi assoli strumentali. Il personaggio di spicco del ragtime senz'altro Scott Joplin (Bowie City, TX, 24 nov 1868 - New York, 1 apr 1917) che, oltre a brani pianistici, si cimenta anche in alcuni esperimenti operistici come A guest of honor del 1903 e la celebre Treemonisha in tre atti del 1911. Con la scomparsa di Joplin nel 1917 l'era del ragtime tramonta, aprendo le porte al jazz di Jelly Roll Morton a New Orleans e, successivamente, allo stride piano di James Price Johnson (New Brunswick, New Jersey, 1 feb 1894 - 17 nov 1955) a New York. Morton scrive molti ragtime per pianoforte, orchestrandoli per i suoi Red Hot Peppers che registrano anche i primi dischi di jazz nel periodo d'oro di Chicago. James P. Johnson letteralmente un caposcuola per molti pianisti, inclusi i primi, Fats Waller (Thomas "Fatz" Waller: New York, 21 mag 1904 - 15 dic 1943) e Duke Ellington (Edward Kennedy Ellington: Washington, 19 apr 1899, New York, 24 mag 1974), introducendo nel ragtime la componente nera del blues. Anche altri pianisti di periodi pi recenti sono stati influenzati da Johnson: tra essi ricordiamo Earl Hines, Bud Powell, Thelonious Monk e lo stesso McCoy Tyner. Nei primi anni venti fa la comparsa sulle scene di New York un altro fuoriclasse del pianoforte: Fats Waller, che, oltre alla maestria pianistica, mette in luce delle ottime doti di compositore e di cantante. Waller , inoltre, tra i primi ad usare con maestria l'organo Hammond.

Sebbene noto come trombettista, Leon "Bix" Beiderbecke (Davenport, 10 mar 1903 - 6 ago 1931) scrive molti pezzi per pianoforte tra cui il celebre In a mist . Bix lavora per molti anni a questo pezzo in cui emerge pienamente la sua cultura classica e l'uso sapiente di intervalli ed estensioni di accordi inusuali per quel periodo (none eccedenti, tredicesime). molto utile esercitarsi nella tecnica dello stride piano per acquisire indipendenza tra le due mani alternando fondamentale/accordo e quinta/accordo anche con voicings pi avanzati. La fondamentale al basso pu anche essere doppiata secondo uno stile stride pi avanzato (James P. Johnson utilizzava spesso solo le toniche). Applicando lo stride piano ai voicings di cat. A si suona la fondamentale in un'ottava esterna al voicing e la quinta all'interno. Nelle categorie B e C (voicings costruiti sulla sesta) si inverte la successione

Infine si applica lo stride piano al modo mix in tutte le tonalit.

In una progressione minore, realizzata con posizioni equivalenti, il movimento dei bassi quello riportato nell'Es. 5. Si noti che sia l'accordo semidiminuito che l'alterato alternano alla fondamentale la quinta diminuita.

Naturalmente gli esempi sono indicativi e possono essere variati con molte soluzioni.

Anche l'accordo diminuito alterna fondamentale e quinta diminuita.

Ecco l'applicazione dello stride piano con voicings avanzate ad un brano.