Sei sulla pagina 1di 236

Novit

SOLIDWORKS 2013

Contenuti
Note legali.........................................................................................................................ix 1 Benvenuti a SolidWorks 2013......................................................................................12
Caratteristiche salienti............................................................................................................................12 Principali miglioramenti..........................................................................................................................12 Per saperne di pi..................................................................................................................................14

2 Interfaccia utente .........................................................................................................15


Personalizzazione delle barre rapide.....................................................................................................15 Accesso semplificato alla Risoluzione dei problemi e agli Strumenti di amministrazione.....................16 FeatureManager....................................................................................................................................17 Preferiti del FeatureManager............................................................................................................17 Viste del FeatureManager................................................................................................................17 Sottocartelle nel FeatureManager....................................................................................................18 Scorrimento delle schede CommandManager......................................................................................19

3 Fondamentali di SolidWorks........................................................................................20
API (interfaccia di programmazione dell'applicazione)..........................................................................20 Controllo del promemoria di salvataggio...............................................................................................21 Documentazione....................................................................................................................................21 Navigazione nella guida in linea.......................................................................................................21 Tutorial sugli studi del movimento....................................................................................................21 Interfaccia utente dei tutorial SolidWorks ........................................................................................22 Equazioni...............................................................................................................................................22 Immissione diretta di equazioni .......................................................................................................22 Supporto migliorato per le unit di misura........................................................................................25 Modifica di viste.....................................................................................................................................26 Finestra di dialogo Orientamento ....................................................................................................26 Aggiornamento delle viste standard senza utilizzare la finestra di dialogo Orientamento...............29 Rotazione della vista........................................................................................................................29 Selettore viste ..................................................................................................................................31 Strumento Misura ..................................................................................................................................31 Misurazione in modalit Da punto a punto.......................................................................................32 Misurazione della distanza tra due cerchi........................................................................................33 Apertura di file - pulsanti Filtro rapido....................................................................................................34 Apertura degli assiemi di primo livello..............................................................................................34 Interoperabilit con le release precedenti .............................................................................................34 Ricerca di opzioni SolidWorks...............................................................................................................37 Selezione della versione di SolidWorks all'apertura di un file................................................................37

ii

Contenuti

Suoni di SolidWorks...............................................................................................................................37 Aggiunta di suoni agli eventi in SolidWorks......................................................................................38 Avvio di SolidWorks...............................................................................................................................38 Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate..........................38

4 Amministrazione...........................................................................................................39
Conversione di file al formato SolidWorks 2013....................................................................................39 Interoperabilit fra SolidWorks 2012 SP5 e SolidWorks 2013...............................................................39 Salvataggio e ripristino delle impostazioni utente..................................................................................39 Pannello di amministrazione CAD di SolidWorks .................................................................................40 Flusso di lavoro base nel pannello di amministrazione CAD...........................................................40

5 Installazione.................................................................................................................43
Installazione push e disinstallazione tramite l'Editor opzioni.................................................................43

6 Assiemi.........................................................................................................................44
Visualizzazione assieme........................................................................................................................44 Disponibilit di propriet aggiuntive..................................................................................................44 Colori per il comando Raggruppa identico.......................................................................................45 Qualit dell'immagine del componente.............................................................................................45 Esclusione di componenti nascosti..................................................................................................45 Importazione ed esportazione di impostazioni.................................................................................45 Interruzione contemporanea di tutti i riferimenti esterni.........................................................................46 Eliminazione di componenti dai sottoassiemi........................................................................................46 Componenti derivati...............................................................................................................................46 Inviluppi .................................................................................................................................................47 Creazione di un inviluppo da un componente..................................................................................47 Creazione di un inviluppo durante l'inserimento di un componente.................................................48 Modifica dell'aspetto dell'inviluppo...................................................................................................49 Nascondere e visualizzare i bordi....................................................................................................50 Trasformazione degli inviluppi in componenti normali......................................................................51 Altre modifiche relative agli inviluppi................................................................................................52 Pi viste esplose per configurazione ....................................................................................................53 Aggiunta di viste esplose multiple....................................................................................................53 Copia di viste esplose.......................................................................................................................54 Inserimento componenti.........................................................................................................................55 Profondit migliorata durante l'inserimento di componenti...............................................................55 Inserimento di pi componenti ........................................................................................................55 Rilevamento interferenze.......................................................................................................................58 Esclusione di componenti.................................................................................................................58 Filtro delle filettature cosmetiche......................................................................................................59 Grandi assiemi.......................................................................................................................................61 Revisione grandi progetti..................................................................................................................61 Gestione dei dati di configurazione..................................................................................................62 Saltare la ricostruzione dopo la modifica di componenti..................................................................62

iii

Contenuti

Configurazioni SpeedPak.................................................................................................................62 Propriet di massa negli assiemi...........................................................................................................62 Punto del centro di massa negli assiemi..........................................................................................62 Propriet di inerzia personalizzate negli assiemi.............................................................................64 Accoppiamenti nei sottoassiemi specchiati...........................................................................................64 Sostituzione dei componenti..................................................................................................................64 Selezione di sottoassiemi nell'area grafica............................................................................................64 Istantanee..............................................................................................................................................64 Istantanee in assiemi risolti..............................................................................................................64 Istantanee nei percorsi guidati.........................................................................................................65 Funzioni di assieme Taglio con sweep..................................................................................................65

7 CircuitWorks.................................................................................................................66
Importazione ed esportazione di funzioni di file ECAD .........................................................................66 Esplorazione di livelli, tracce, aree riempite e vie.............................................................................66

8 Configurazioni..............................................................................................................74
Tabelle dati............................................................................................................................................74 Configurazione di materiali in una tabella dati..................................................................................74 Convalida dei dati nelle tabelle di disegno.......................................................................................75 Selezione semplificata per stati di visualizzazione e configurazioni.................................................75 Gestione dei dati di configurazione........................................................................................................76 SpeedPak..............................................................................................................................................79 Disabilitazione del cerchio nell'area grafica dello SpeedPak ..........................................................79 Creazione di SpeedPak da un assieme padre ................................................................................79 PropertyManager SpeedPak............................................................................................................83 Aggiornamento di SpeedPak di sottoassieme da un assieme padre...............................................83 Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate..........................83

9 SolidWorks Costing......................................................................................................84
Conversione di fori trapanati semplici in tasche fresate........................................................................84 Parti multicorpo .....................................................................................................................................84 Panoramica dei modelli Costing per le parti multicorpo...................................................................85 Valutazione del costo di una parte multicorpo..................................................................................86 Valutazione del costo di un corpo in una parte multicorpo...............................................................87 Parti tornite ............................................................................................................................................87 Valutazione del costo di una parte tornita........................................................................................87 Interfaccia utente...................................................................................................................................90 Funzioni con volume..............................................................................................................................91 Calcolo del costo di una funzione con volume.................................................................................92

10 Disegni e dettagli........................................................................................................94
Bollature.................................................................................................................................................94 Funzionamento della funzionalit di bollatura sulle bollature esistenti.............................................94 Miglioramenti della bollatura automatica..........................................................................................98 Opzioni del campo Testo bollatura ..................................................................................................98
iv

Contenuti

Quote.....................................................................................................................................................99 Aggiunta di quote alle quote della linea di base...............................................................................99 Quote di tolleranza e di precisione importate parametriche con il modello ...................................100 Miglioramento delle frecce sulle quote radiali ...............................................................................101 Miglioramento del controllo delle linee di estensione e di quotatura..............................................102 Inserimento di quote con tolleranze...............................................................................................104 Quote con linee di associazione ISO per raggio e diametro..........................................................105 Miglioramenti alle linee di associazione piegate per raggio, diametro, smusso e didascalia foro............................................................................................................................................106 Centro di massa di riferimento nei disegni.....................................................................................107 Viste di disegno....................................................................................................................................108 Conversione di una vista di disegno in schizzo .............................................................................108 Viste esplose multiple.....................................................................................................................111 Nuovi tipi di bordi per le viste di ripetizioni piatte............................................................................111 Nuova interfaccia utente dello strumento Sezione ........................................................................112 Salvataggio di una vista di disegno come file DXF o DWG ...........................................................126 Supporto di disegni SpeedPak.......................................................................................................127 Livelli....................................................................................................................................................127 Tacche di centratura e linee di mezzeria assegnate a livelli..........................................................127 Miglioramento dell'accesso alla funzione dei livelli........................................................................127 Altre annotazioni..................................................................................................................................128 Opzione Visualizza nota dietro al foglio.........................................................................................128 Supporto di simboli delle spine di centraggio.................................................................................129 GTOL consente notazioni sotto il quadro di controllo della funzione.............................................129 Miglioramenti dei simboli di saldatura JIS......................................................................................130 Collegamento di propriet della distinta di taglio ad annotazioni...................................................131 Opzione di spaziatura interna per le annotazioni...........................................................................133 Fumetto di revisione ......................................................................................................................134 Miglioramenti delle note di piegatura di lamiera.............................................................................138 Annotazioni di SolidWorks eDrawings visibili in SolidWorks..........................................................138 Utilizzo della rotellina del mouse per lo zoom durante la modifica di un campo di testo...............138 Nomi personalizzati delle etichette della vista................................................................................138 Tabelle.................................................................................................................................................139 Copertura cella migliorata nelle tabelle SolidWorks.......................................................................139 Miglioramento del dimensionamento delle colonne delle tabelle...................................................139

11 eDrawings...............................................................................................................141
eDrawings e eDrawings Pro per iPad..................................................................................................141 Viste esplose........................................................................................................................................142 Salvataggio e invio di file in installazioni eDrawings a 64 bit...............................................................142 Visualizzazione stereografica..............................................................................................................142 Supporto delle versioni per Mac e PowerPC.......................................................................................142

12 SolidWorks Enterprise PDM.....................................................................................143


Strumento Amministrazione.................................................................................................................143

Contenuti

Notifiche di stato in ritardo .............................................................................................................143 Transizioni parallele dei flussi di lavoro .........................................................................................144 Elenco delle ultime funzionalit utilizzate.......................................................................................148 Aggiornamento dell'Editor flusso di lavoro ....................................................................................149 File Explorer e aggiunta SolidWorks....................................................................................................151 Miglioramenti alla scheda Distinta materiali...................................................................................151 Chiusura di file di SolidWorks al check-In......................................................................................152 Miglioramenti alle schede Contiene e Dove usato.........................................................................153 Evidenziazione di tutta la riga in Esplora Risorse..........................................................................153 Aggiornamento dell'Editor notifiche ...............................................................................................154 Impostazione della quantit per i riferimenti di file creati manualmente.........................................156 Finestra a comparsa con le informazioni sull'utente ......................................................................157 Variabili indipendenti dalla versione ..............................................................................................159 Collegamenti nell'elenco Preferenze di Esplora risorse.................................................................160

13 SolidWorks Flow Simulation.....................................................................................161


Modalit di confronto configurazione...................................................................................................161 Grafico di erosione...............................................................................................................................162 Algoritmo per la creazione di linee di flusso equidistanti su una superficie.........................................162 Albero funzioni migliorato.....................................................................................................................163 Gestione migliorata della geometria....................................................................................................163 Condensazione a bassa temperatura..................................................................................................164 Modalit Studio parametrico................................................................................................................165 Grafici eDrawings migliorati.................................................................................................................166

14 Importa/Esporta........................................................................................................167
Miglioramenti alle prestazioni di importazione.....................................................................................167

15 Visualizzazione modello...........................................................................................168
Immagini..............................................................................................................................................168 Aggiunta di aspetti..........................................................................................................................168 Copia e incolla di aspetti................................................................................................................169 Aspetti nuovi e migliorati.................................................................................................................169 Arrotondamento degli spigoli vivi in un aspetto..............................................................................170 Cambiamento di scala di aspetti a trama, finiture di superficie e decalcomanie............................170 PhotoView 360.....................................................................................................................................172 Finestra Rendering finale...............................................................................................................172 Opzioni di PhotoView 360..............................................................................................................173 Utilizzo di aspetti Modo in SolidWorks...........................................................................................173

16 Studi del movimento.................................................................................................175


Tutorial sugli studi del movimento.......................................................................................................175

17 Parti e funzioni.........................................................................................................176
Barra degli strumenti di selezione dei bordi disponibile per i raccordi.................................................176 Supporto migliorato per le estrusioni di attacco ..................................................................................177

vi

Contenuti

Creazione dell'estrusione di attacco...............................................................................................177 Supporto migliorato per le estrusioni sottili .........................................................................................180 Selezione di pi contorni per le estrusioni sottili.............................................................................181 Miglioramenti relativi all'inserimento di filettature cosmetiche.............................................................182 Miglioramenti di Part Reviewer............................................................................................................182 Evidenziazione di superfici o corpi correlati nelle parti multicorpo.......................................................183 Inserimento di fori di centraggio con la Creazione guidata fori............................................................183 Collegamento di un modello di defeature all'originale.........................................................................183 Propriet di massa nelle parti..............................................................................................................183 Propriet di inerzia personalizzate nelle parti.................................................................................183 Finestra di dialogo Propriet di massa...........................................................................................184 Punto nel centro di massa..............................................................................................................184 Modifica della geometria con lo strumento di intersezione .................................................................185 Creazione di geometria da solidi, superfici o piani.........................................................................186 Funzioni di libreria multicorpo..............................................................................................................191 Selezione delle condizioni di termine per le funzioni estruse..............................................................191 Mostra i corpi nascosti.........................................................................................................................191 Commutazione delle configurazioni semplificata.................................................................................191 Trasferimento di propriet personalizzate...........................................................................................191 Ripetizioni con quote variabili .............................................................................................................192 Variazione di spaziatura e quote di tutte le istanze........................................................................192 Modifica delle quote di una istanza................................................................................................193 Ripristino dello stato originale delle istanze...................................................................................193 Saldature..............................................................................................................................................194 Rettangoli di selezione ..................................................................................................................194 Creazione di rettangoli di selezione ..............................................................................................195

18 SolidWorks Plastics..................................................................................................197
Ottimizzazione della progettazione di parti in plastica e stampi a iniezione........................................197

19 Routing.....................................................................................................................198
Supporto dell'instradamento lungo la superficie esistente nello strumento di instradamento automatico......................................................................................................................................198 Creazione di disegni per percorsi di tubazioni flessibili.......................................................................198 Miglioramenti alla compenetrazione dei condotti.................................................................................199 Supporto migliorato dell'esportazione dei dati relativi a tubi e condotti...............................................199 Miglioramenti relativi ai percorsi appiattiti............................................................................................199 Miglioramenti per i percorsi con cavo a nastro ...................................................................................200 Aggiunta di pendenze a percorsi di condutture ..................................................................................200 Aggiunta di una pendenza..............................................................................................................201 Supporto di tubazioni nei file P&ID......................................................................................................202 Controllo di convalida per Instradamento guidato del componente.....................................................202

20 Lamiera....................................................................................................................203
Note di piegatura..................................................................................................................................203 Strumenti di formatura.........................................................................................................................204
vii

Contenuti

Parti multicorpo....................................................................................................................................205

21 SolidWorks Simulation.............................................................................................207
Travi.....................................................................................................................................................207 Contatto ..............................................................................................................................................208 Rilevamento automatico dei gruppi di contatto .............................................................................208 Rilevamento di facce d'interferenza...............................................................................................208 Bordi di shell per l'unione di travi....................................................................................................209 Meshing incrementale..........................................................................................................................209 Interfaccia............................................................................................................................................210 Messaggi di errore..........................................................................................................................210 Materiali negli studi progettuali ...........................................................................................................211 Valutazione progettuale di una manopola in base al materiale......................................................212 Risultati................................................................................................................................................214 Fattore di sicurezza per i corpi selezionati.....................................................................................214 Grafici basati sulle entit selezionate.............................................................................................215 Risultati shell..................................................................................................................................216 Memorizzazione dei risultati...........................................................................................................216 Sensori.................................................................................................................................................217 Definizione di un sensore transitorio..............................................................................................217 Creazione di sottomodelli ....................................................................................................................217 Principi per la creazione di sottomodelli.........................................................................................218 Creazione di uno studio su sottomodelli per un veicolo a pressione..............................................219

22 Tecniche di schizzo..................................................................................................222
Curve coniche .....................................................................................................................................222 Quote...................................................................................................................................................225

23 Sustainability............................................................................................................228
Impatto ambientale dei pezzi verniciati................................................................................................228 Esportazione delle impostazioni di uno studio di SolidWorks Sustainability........................................229 Impatto finanziario dei materiali selezionati ........................................................................................229 Visualizzazione dell'impatto finanziario..........................................................................................230 Utilizzo di Trova simile per ridurre i costi........................................................................................231 Assegnazione dell'impatto finanziario a un materiale personalizzato............................................231 Maggiore coerenza di calcolo..............................................................................................................232 Metodologia TRACI per la valutazione dell'impatto ............................................................................232 Unit utilizzate nella metodologia TRACI.......................................................................................233 Utilizzo di TRACI per valutare la sostenibilit.................................................................................235 Selezione delle unit nella finestra di dialogo Trova simile.................................................................235

24 SolidWorks Workgroup PDM...................................................................................236


Limitazione dell'esportazione in file con lo schema di revisione corrente............................................236 Gestione del servizio del vault.............................................................................................................236

viii

Note legali
1995-2012, Dassault Systmes SolidWorks Corporation, un'azienda del gruppo Dassault Systmes S.A. 175 Wyman Street, Waltham, Mass. 02451 USA. Tutti i diritti riservati. Le informazioni e il software ivi presentati sono soggetti a modifica senza preavviso e impegno da parte di Dassault Systmes SolidWorks Corporation (DS SolidWorks). Nessun materiale pu essere riprodotto o trasmesso sotto qualsiasi forma o attraverso qualsiasi mezzo, elettronico o meccanico, e per qualsiasi scopo senza il previo consenso scritto di DS SolidWorks. Il software descritto in questo documento fornito in base alla licenza e pu essere usato o copiato solo in ottemperanza dei termini della stessa. Ogni garanzia fornita da DS SolidWorks relativamente al software e alla documentazione stabilita nell'accordo di licenza e nessun'altra dichiarazione, esplicita o implicita in questo documento o nel suo contenuto dovr essere considerata o ritenuta una correzione o revisione di tale garanzia.

Notifiche brevetti
Il software CAD meccanico 3D SolidWorks protetto dai brevetti USA 5,815,154; 6,219,049; 6,219,055; 6,611,725; 6,844,877; 6,898,560; 6,906,712; 7,079,990; 7,477,262; 7,558,705; 7,571,079; 7,590,497; 7,643,027; 7,672,822; 7,688,318; 7,694,238; 7,853,940 e da brevetti stranieri (ad esempio, EP 1,116,190 B1 e JP 3,517,643). Il software eDrawings protetto dal brevetto U.S. 7,184,044; brevetto U.S. 7,502,027; e dal brevetto canadese 2,318,706. Altri brevetti USA e stranieri in corso di concessione.

Marchi commerciali e nomi di prodotto per i prodotti SolidWorks e Servizi


SolidWorks, 3D PartStream.NET, 3D ContentCentral, eDrawings, e il logo eDrawings sono marchi registrati e FeatureManager un marchio registrato in comune propriet di DS SolidWorks. CircuitWorks, FloXpress, PhotoWorks, TolAnalyst e XchangeWorks sono marchi commerciali di DS SolidWorks. FeatureWorks un marchio depositato di Geometric Ltd. SolidWorks 2013, SolidWorks Enterprise PDM, SolidWorks Workgroup PDM, SolidWorks Simulation, SolidWorks Flow Simulation, eDrawings, eDrawings Professional e SolidWorks Sustainability sono nomi di prodotti DS SolidWorks. Altre nomi di marca o di prodotto sono marchi commerciali o marchi depositati dei rispettivi titolari. SOFTWARE PER COMPUTER COMMERCIALE PROPRIET Il Software un "elemento commerciale" cos come da definizione dal documento 48 C.F.R. 2.101 (OCT 1995), composto da "software per computer commerciale" e "documentazione del software commerciale" come da definizione dal documento 48 C.F.R. 12.212 (SEPT 1995) e fornito al governo Statunitense (a) per acquisizione di o da parte di agenzie civili, compatibile con la direttiva stabilita nel documento 48 C.F.R. 12.212; o (b) per l'acquisizione di o da parte

ix

di unit del Dipartimento della Difesa, compatibile con le direttive stabilite nei documenti 48 C.F.R. 227.7202-1 (JUN 1995) e 227.7202-4 (JUN 1995). In caso di richiesta da parte di una qualsiasi agenzia del governo Statunitense di fornire il Software con diritti che eccedono quelli stabiliti sopra, notificare la DS SolidWorks dell'ambito della richiesta e la DS SolidWorks, a sua discrezione, accetter o meno tale richiesta entro cinque giorni lavorativi. Appaltatore/Produttore: Dassault Systmes SolidWorks Corporation, 175 Wyman Street, Waltham, Massachusetts 02451 USA.

Note di diritti di autore per i prodotti SolidWorks Standard, Premium, Professional ed Education
Porzioni di questo software 1986-2012 Siemens Product Lifecycle Management Software Inc. Tutti i diritti riservati. Questo lavoro contiene il seguente software di propriet di Siemens Industry Software Limited: D-Cubed 2D DCM 2012. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati. D-Cubed 3D DCM 2012. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati. D-Cubed PGM 2012. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati. D-Cubed CDM 2012. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati. D-Cubed AEM 2012. Siemens Industry Software Limited. Tutti i diritti riservati. Porzioni di questo software 1998-2012 Geometric Ltd. Porzioni di questo software 1996-2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati. Porzioni di questo software incorporano PhysX by NVIDIA 2006-2010. Porzioni di questo software 2001-2012 Luxology, LLC. Tutti i diritti riservati, brevetti in attesa di deposito. Porzioni di questo software 2007-2011 DriveWorks Ltd. Copyright 1984-2010 Adobe Systems Inc. e suoi concessori di licenza. Tutti i diritti riservati. Protetto dai brevetti USA 5.929.866, 5.943.063, 6.289.364, 6.563.502, 6.639.593, 6.754.382. Altri brevetti in corso di concessione. Adobe, il logo Adobe, Acrobat, il logo Adobe PDF, Distiller e Reader sono marchi depositati o marchi commerciali di Adobe Systems Inc. negli Stati Uniti e in altri paesi. Per ulteriori informazioni sul copyright DS SolidWorks, vedere ? > Informazioni su SolidWorks.

Note diritti di autore per i prodotti SolidWorks Simulation


Porzioni di questo software 2008 Solversoft Corporation. PCGLSS 1992-2010 Computational Applications and System Integration, Inc. Tutti i diritti riservati.

Note dei diritti di autore per il prodotto SolidWorks Enterprise PDM


Outside In Viewer Technology, 1992-2012 Oracle 2011, Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.

Note diritti di autore per i prodotti eDrawings


Porzioni di questo software 2000-2012 Tech Soft 3D. Porzioni di questo software 1995-1998 Jean-Loup Gailly and Mark Adler. Porzioni di questo software 1998-2001 3Dconnexion. Porzioni di questo software 1998-2012 Open Design Alliance. Tutti i diritti riservati. Porzioni di questo software 1995-2010 Spatial Corporation. Il software eDrawings per Windows si basa in parte sul lavoro del gruppo Independent JPEG Group. Porzioni di eDrawings per iPad copyright 1996-1999 Silicon Graphics Systems, Inc. Porzioni di eDrawings per iPad copyright 2003-2005 Apple Computer Inc.

xi

1 Benvenuti a SolidWorks 2013


Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Caratteristiche salienti Principali miglioramenti Per saperne di pi...

Caratteristiche salienti
SolidWorks 2013 comprende numerosi miglioramenti e potenziamenti dettati principalmente dalle richieste dei clienti. Questa release si concentrata sui temi seguenti: Capacit di progettazione pi potenti: possibile modellare e verificare geometrie complesse pi velocemente e con maggiore controllo. I nuovi strumenti aiutano a creare progetti efficaci ed economici per soddisfare gli obiettivi di progettazione. Immagine utilizzata su gentile concessione di Fender Musical Instruments Corporation Collaborazione pi efficace: i nuovi strumenti per l'interoperabilit tra release, la stima del costo di fabbricazione e la comunicazione tecnica consentono di ampliare la collaborazione allo sviluppo tecnico e alla realizzazione di prodotti. Prestazioni e produttivit migliorate: potente capacit di elaborazione per creare e simulare modelli e monitorare le funzionalit e le prestazioni di SolidWorks.

Principali miglioramenti
I principali miglioramenti di SolidWorks 2013 hanno potenziato i prodotti esistenti e aggiunto funzionalit innovative. Identificare il simbolo Nozioni fondamentali su SolidWorks ripetuto in questa guida per le seguenti aree: Strumento Misura a pagina 31 Finestra di dialogo Orientamento a pagina 26 Selettore viste a pagina 31

12

Benvenuti a SolidWorks 2013

Amministrazione Installazione Assiemi

Pannello di amministrazione CAD di SolidWorks a pagina 40 Interoperabilit con le release precedenti a pagina 34 Inviluppi a pagina 47 Pi viste esplose per configurazione a pagina 53 Inserimento di pi componenti a pagina 55

CircuitWorks Configurazioni

Importazione ed esportazione di funzioni di file ECAD a pagina 66 Disabilitazione del cerchio nell'area grafica dello SpeedPak a pagina 79 Creazione di SpeedPak da un assieme padre a pagina 79

SolidWorks Costing Disegni e dettagli

Parti tornite a pagina 87 Conversione di una vista di disegno in schizzo a pagina 108 Quote di tolleranza e di precisione importate parametriche con il modello a pagina 100 Fumetto di revisione a pagina 134 Nuova interfaccia utente dello strumento Sezione a pagina 112

SolidWorks Enterprise PDM

Notifiche di stato in ritardo a pagina 143 Aggiornamento dell'Editor notifiche a pagina 154 Transizioni parallele dei flussi di lavoro a pagina 144 Finestra a comparsa con le informazioni sull'utente a pagina 157 Variabili indipendenti dalla versione a pagina 159 Aggiornamento dell'Editor flusso di lavoro a pagina 149

Parti e funzioni

Rettangoli di selezione a pagina 194 Supporto migliorato per le estrusioni di attacco a pagina 177 Supporto migliorato per le estrusioni sottili a pagina 180 Modifica della geometria con lo strumento di intersezione a pagina 185 Ripetizioni con quote variabili a pagina 192

Instradamento

Aggiunta di pendenze a percorsi di condutture a pagina 200 Miglioramenti per i percorsi con cavo a nastro a pagina 200

Simulation

Meshing incrementale a pagina 209 Creazione di sottomodelli a pagina 217

13

Benvenuti a SolidWorks 2013

Schizzi Sustainability

Curve coniche a pagina 222 Metodologia TRACI per la valutazione dell'impatto a pagina 232

Tutte le funzioni sono disponibili in SolidWorks Standard, SolidWorks Professional e SolidWorks Premium a meno che non sia specificato altrimenti.

Per saperne di pi...


Utilizzare le risorse seguenti per approfondire SolidWorks: Novit in formato PDF e HTML Questa guida disponibile in formato PDF e HTML. Fare clic su: Help > Novit > PDF Help > Novit > HTML In SolidWorks fare clic sul simbolo per visualizzare la sezione di questo manuale che descrive un particolare miglioramento. Il simbolo appare accanto ai nuovi elementi di menu e ai titoli dei PropertyManager nuovi e modificati. Per attivare la guida Novit interattive fare clic su ? > Novit > Interattive. Esempi Nuove funzionalit Esempi Novit vengono aggiornati in concomitanza con una nuova release per offrire esempi su come utilizzare i principali potenziamenti in essa contenuti. Per aprire gli esempi sulle nuove funzionalit, fare clic su ? > Novit > Esempi Novit. Guida in linea Questa guida tratta nei dettagli i prodotti SolidWorks, compresa l'interfaccia utente e fornisce numerosi esempi illustrativi.

Novit interattive

Note di distribuzione Fornisce informazioni sulle modifiche dell'ultimo minuto ai prodotti.

14

2 Interfaccia utente
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Personalizzazione delle barre rapide Accesso semplificato alla Risoluzione dei problemi e agli Strumenti di amministrazione FeatureManager Scorrimento delle schede CommandManager

Personalizzazione delle barre rapide


La personalizzazione delle barre rapide stata migliorata. Le barre rapide vengono visualizzate premendo il tasto S dopo avere aperto una parte, un assieme, un disegno o uno schizzo. Per personalizzare una barra rapida: 1. Fare clic su Strumenti > Personalizza oppure fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra rapida e scegliere Personalizza. 2. Nella finestra di dialogo Personalizza, nella scheda Barre rapide, fare clic su una delle seguenti opzioni: Parte Assieme Disegno Schizzo Viene visualizzata la barra rapida. 3. Per Barra degli strumenti, selezionare un gruppo di comandi e trascinare i pulsanti desiderati nella barra rapida. Per rimuovere un pulsante da una barra rapida, trascinarlo nell'area grafica fino a quando non appare una X rossa.

15

Interfaccia utente

Accesso semplificato alla Risoluzione dei problemi e agli Strumenti di amministrazione


La Risoluzione dei problemi e gli Strumenti di amministrazione sono disponibili nella scheda Risorse SolidWorks del Task Pane in Strumenti SolidWorks.

In Strumenti SolidWorks sono disponibili gli strumenti seguenti: Property Tab Builder Apre Property Tab Builder, una utility da usare per creare un'interfaccia personalizzata per introdurre le propriet nei file SolidWorks. Le schede che si creano sono visualizzate nella scheda Propriet personalizzate del Task Pane. SolidWorks Rx analizza il sistema dell'utente, suggerisce possibili soluzioni e acquisisce i dati che possono aiutare il personale del supporto tecnico a diagnosticare il problema. Analizza le prestazioni del sistema, le confronta con quelle di altri utenti e consente di condividere il punteggio ottenuto. Confronta i risultati del Test di prestazioni SolidWorks con quelli di altri utenti. Questo strumento disponibile solo per i clienti abbonati. La Copia guidata impostazioni consente di salvare, ripristinare e propagare le impostazioni del sistema a utenti, computer o profili. inoltre possibile eseguire la Copia guidata impostazioni dal menu Strumenti. Vedere Salvataggio e ripristino delle impostazioni utente a pagina 39.

SolidWorks Rx

Test di benchmark prestazioni

Confronta punteggio personale

Copia guidata impostazioni

16

Interfaccia utente

FeatureManager
Preferiti del FeatureManager
possibile aggiungere funzioni, schizzi e geometria di riferimento di uso frequente alla cartella Preferenze del FeatureManager. Tramite la cartella Preferenze, possibile accedere con facilit agli elementi di una parte o di un assieme con un albero funzioni molto esteso. La cartella Preferenze pu essere utilizzata anche per mettere in evidenza le funzioni che altri membri del team devono esaminare in collaborazione. Per aggiungere un elemento alla cartella Preferenze, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento e scegliere Aggiungi alle preferenze. possibile scegliere se mostrare o nascondere la cartella Preferenze in Strumenti > Opzioni > FeatureManager. Per rimuovere una funzione dalla cartella Preferenze, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione e scegliere Rimuovi dalle preferenze. Se si fa clic con il pulsante destro del mouse su un elemento nella cartella Preferenze e si sceglie Elimina, l'elemento viene eliminato in modo permanente dalla parte o dall'assieme. Tutte le modifiche apportate a un elemento nella cartella Preferenze vengono apportate anche in tutte le posizioni in cui l'elemento appare nell'albero. Ad esempio, se si rinomina un elemento nelle Preferenze, tutte le altre istanze dell'elemento nell'albero di disegno del FeatureManager vengono visualizzate con il nuovo nome.

Viste del FeatureManager


Nei documenti di parte, possibile impostare il FeatureManager in modo che le funzioni vengano visualizzate nell'ordine in cui sono state create, anzich gerarchicamente. Fare clic con il pulsante destro del mouse nel FeatureManager e scegliere Visualizzazione albero > Mostra vista albero piatta. Nella Vista albero piatta, le curve e gli schizzi 2D e 3D non sono assorbiti nelle funzioni che fanno loro riferimento e vengono invece mostrati nell'ordine di creazione. La Vista albero piatta disponibile solo per le parti. Tutte le normali funzionalit del FeatureManager restano disponibili nella Vista albero piatta, ad eccezione delle cartelle create dall'utente. possibile riordinare le funzioni nella Vista albero piatta modificando l'intento di progettazione. Non tutti gli elementi sono non assorbiti nella Vista albero piatta. Le seguenti funzioni continuano ad assorbire elementi: Foro semplice Foro di Creazione guidata Estrusione di attacco Linguetta/Sede per guarnizione Scanalatura per ganci a snap
17

Interfaccia utente

Ventola Gancio a snap Funzione di lamiera Funzione di libreria Elemento strutturale di saldatura Blocco di schizzo

Nell'esempio seguente viene mostrata la stessa parte nella Vista normale e nella Vista albero piatta.

Vista normale: Gli elementi vengono Vista albero piatta: Gli elementi vengono visualizzati gerarchicamente, con gli schizzi visualizzati nell'ordine di creazione, ad assorbiti nelle funzioni. eccezione dei fori di Creazione guidata, che continuano ad assorbire gli schizzi.

Sottocartelle nel FeatureManager


Per le parti e gli assiemi, possibile creare sottocartelle nel FeatureManager. Per organizzare alberi di disegno FeatureManager complessi possibile utilizzare pi livelli di cartelle. Per creare una sottocartella, selezionare uno o pi elementi all'interno di una cartella, quindi fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Aggiungi alla nuova cartella. possibile trascinare nella sottocartella altri elementi da qualsiasi livello dell'albero. Come nelle versioni precedenti, il software impedisce le azioni che violano la relazione padre-figlio. Per espandere o comprimere una cartella e tutte le relative sottocartelle, fare clic con il pulsante destro del mouse e quindi scegliere Espandi tutto o Comprimi tutto. Per mantenere lo stato espanso o compresso di una sottocartella quando si espande o si comprime la cartella padre, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella padre e scegliere Espandi elemento o Comprimi elemento. Tutti i comandi che possono essere applicati alle cartelle possono essere applicati anche alle sottocartelle. Quando si applica un comando a una cartella, questo viene applicato

18

Interfaccia utente

anche alle sottocartelle della cartella. Se, ad esempio, si elimina una cartella, vengono eliminati anche tutti gli elementi di tale cartella, incluse le sottocartelle e gli elementi in esse contenuti.

Scorrimento delle schede CommandManager


Per scorrere le schede CommandManager, utilizzare Ctrl+PgSu e Ctrl+PgGi. Come nelle versioni precedenti, possibile modificare i tasti di scelta rapida facendo clic su Strumenti > Personalizza e quindi scegliendo la scheda Tastiera.

19

3 Fondamentali di SolidWorks
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: API (interfaccia di programmazione dell'applicazione) Controllo del promemoria di salvataggio Documentazione Equazioni Modifica di viste Strumento Misura Apertura di file - pulsanti Filtro rapido Interoperabilit con le release precedenti Ricerca di opzioni SolidWorks Selezione della versione di SolidWorks all'apertura di un file Suoni di SolidWorks Avvio di SolidWorks Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate

API (interfaccia di programmazione dell'applicazione)


SolidWorks 2013 comprende le seguenti funzionalit: Il linguaggio di programmazione Microsoft Visual Basic for Applications (VBA), uno dei linguaggi di programmazione disponibili per la registrazione, la modifica e l'esecuzione di macro in SolidWorks, stato aggiornato per supportare entrambi i tipi di dati a 32 e 64 bit. Gli assembly di interoperabilit primari SolidWorks creati con Microsoft .NET Framework: Versione 2.0 sono disponibili in install_dir\api\redist\CLR2 per l'uso con le macro SolidWorks VSTA (VB.NET e C#). Versione 4.0 sono disponibili in install_dir\api\redist. Entrambi SolidWorks Costing e SolidWorks Sustainability includono API. Altri importanti miglioramenti includono la possibilit di: Inserire cordoni di saldature cosmetiche e accedere a dati e cartelle delle relative funzioni. Ottenere i vettori di direzione dei punti di connessione. Ottenere o impostare la visualizzazione o meno del righello durante lo spostamento del manipolatore della freccia di trascinamento. Ottenere o impostare la modifica di direzione o meno del manipolatore della freccia di trascinamento unidirezionale quando supera la lunghezza = 0. Creare una funzione strumento di formatura con un punto di inserimento. Aggiungere quote di visualizzazione a una funzione macro.
20

Fondamentali di SolidWorks

Ottenere o impostare l'applicazione o meno dell'aspetto del materiale. Inserire annotazioni di revisione come fumetti nei disegni. Creare una curva conica nello schizzo attivo. Ottenere la direzione di una piegatura nella lamiera. Ottenere o impostare l'opzione di elaborazione in background e gestire eventi di elaborazione in background per i disegni. Gestire eventi di attivazione dei fogli di disegno. Nascondere le operazioni di annullamento. Specificare il tipo di numerazione e se mostrare o meno la distinta di taglio dettagliata nelle tabelle distinte materiali rientrate. Ottenere o impostare lo stato del FeatureManager mobile. Rendere virtuale un componente salvandolo in un assieme. Variare le singole istanze di ripetizioni di funzioni lineari e circolari. Ottenere il nome univoco di una vista di sezione. Ottenere o impostare il grado di trasparenza dei componenti non modificati negli assiemi aperti in modalit Revisione di grandi progetti. Creare una configurazione SpeedPak che include tutte le facce e una soglia specificata di parti o corpi per la configurazione attiva. Copiare gli aspetti negli appunti e applicarli a facce, funzioni, corpi, componenti e parti. Unire etichette di piegatura nei disegni di parti di lamiera. Ottenere o impostare il formato del testo delle note di piegatura nelle viste di disegno delle parti di lamiera. Posizionare la nota selezionata, sul formato foglio, dietro il foglio di disegno. Inserire una nota contenente tutte le propriet di un elemento della distinta di taglio di una parte di lamiera.

Consultare il documento SolidWorks 2013 API Help Release Notes per informazioni sugli aggiornamenti pi recenti.

Controllo del promemoria di salvataggio


possibile controllare la durata di visualizzazione della notifica di salvataggio. Fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Backup/Recupero e immettere un valore per Elimina automaticamente dopo n secondi in Salva la notifica.

Documentazione
Navigazione nella guida in linea
Il contenuto della guida in linea pi coerente nello stile e nella presentazione. I collegamenti per gli Argomenti correlati ora sono pi accessibili. Sono infatti riportati sul lato destro della pagina e restano in posizione e visibili quando si scorre il contenuto della guida in linea.

Tutorial sugli studi del movimento


Sono disponibili due nuovi tutorial sugli studi del movimento: Ridondanze nell'analisi del movimento e Movimento lungo un percorso.
21

Fondamentali di SolidWorks

Per accedere a un tutorial: 1. Fare clic su ? , > Tutorial SolidWorks. 2. Fare clic su Tutti i tutorial di SolidWorks e selezionare un tutorial dall'elenco.

Interfaccia utente dei tutorial SolidWorks


La pagina di accesso ai tutorial SolidWorks stato riprogettata per una maggiore facilit d'uso. La disposizione e il raggruppamento dei tutorial sono stati riorganizzati. Tutti i tutorial, compresi quelli di SolidWorks Simulation, sono disponibili in un'unica interfaccia. I collegamenti per passare da un tutorial all'altro sono sempre visibili nella sezione inferiore della pagina. Per aprire i tutorial SolidWorks, fare clic su ? > Tutorial SolidWorks.

Equazioni
Immissione diretta di equazioni
Per molte funzioni, possibile immettere e modificare le equazioni direttamente nei campi del PropertyManager che consentono digitazioni numeriche. possibile creare equazioni con variabili globali, funzioni e propriet di file senza accedere alla finestra di dialogo Equazioni, variabili globali e quote. La seguente tabella elenca dove possibile usare questa funzionalit:

22

Fondamentali di SolidWorks

Funzioni di parte Estrusione/base estrusa Taglio estruso Foro semplice Estrusione/base in rivoluzione Taglio con rivoluzione Raccordo Smusso Scala SHEll Nervatura Sformo Flangia di base Flangia del bordo Ripetizione lineare Ripetizione circolare Ripetizione guidata dalla curva Superficie estrusa Superficie con rivoluzione Raccordo delle superfici

Funzioni di assieme Taglio estruso Taglio con rivoluzione Raccordo Smusso Foro Ripetizione lineare Ripetizione circolare

Ad esempio, nel PropertyManager della funzione Estrusione/base estrusa, possibile immettere equazioni nei campi seguenti: Campi Profondit della Direzione 1 e della Direzione 2 Campi Sformo della Direzione 1 e della Direzione 2 Campi Spessore di una Funzione sottile con due tipi di direzione Campo Distanza di offset

Per creare un'equazione in un campo di input numerico, iniziare immettendo = (segno di uguale). Viene visualizzato un elenco a discesa contenente variabili globali, funzioni e propriet di file. I campi di input numerico che contengono equazioni possono visualizzare l'equazione stessa o il valore calcolato. possibile alternare tra l'equazione e il valore facendo clic sul pulsante Equazioni o Variabile globale visualizzato all'inizio del campo.

Non possibile modificare un valore calcolato quando visualizzato nel campo di input, ma possibile passare alla visualizzazione dell'equazione e quindi modificare o eliminare l'equazione. Le equazioni create o modificate nel PropertyManager, nella finestra di dialogo Equazioni o nella finestra di dialogo Modifica si riflettono in tutte le relative aree.
23

Fondamentali di SolidWorks

Incremento di valori con le frecce di selezione


Le frecce di selezione visualizzate alla fine di un campo di input numerico permettono di incrementare o decrementare rapidamente i valori nelle equazioni. Ad esempio, possibile utilizzare i tasti o le combinazioni di tasti seguenti: Fare clic sulla freccia su o gi per modificare il valore di 10 unit. Se ad esempio il valore 10,00 mm, fare clic sulla freccia Su per aumentarlo a 20,00 mm. Premere Alt+freccia su o Alt+freccia gi per modificare il valore di 1 unit. Se il valore 10,00 mm, premendo Alt+freccia su viene aumentato a 11,00 mm. Premere Ctrl+freccia su o Ctrl+freccia gi per modificare il valore di 100 unit. Se il valore 10,00 mm, premendo Ctrl+freccia su viene aumentato a 110,00 mm Le unit di Incrementi rettangolo di selezione possono variare a seconda delle impostazioni specificate in Opzioni del sistema.

Utilizzo di equazioni nel PropertyManager Smusso


possibile smussare i bordi di un modello utilizzando le equazioni. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\fundamentals\simple_frontplate.sldprt. 2. Nell'albero di disegno FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella Equazioni e scegliere Gestisci equazioni. Nella finestra di dialogo Equazioni sono visualizzate due variabili globali e tre equazioni. 3. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Equazioni. 4. Fare clic su Smusso (barra degli strumenti Funzioni) oppure scegliere Inserisci > Funzioni > Smusso. 5. Nel PropertyManager, in Parametri di smusso, procedere nel modo seguente: a) Nell'area grafica area selezionare i quattro bordi della faccia anteriore per Bordi e facce o Vertice .

b) In Distanza

creare una nuova variabile globale digitando =chamfer, quindi

fare clic nel campo di input. c) Modificare il valore da 10 mm a 6 mm.

24

Fondamentali di SolidWorks

d) In Angolo

digitare =. Selezionare Funzioni > sin() dal menu a comparsa. nel campo di input. . Fare clic su per alternare

Digitare sin(90)*10 e fare clic su

Nel campo verr visualizzato il pulsante Equazioni la visualizzazione tra equazione e valore.

6. Fare clic su

La variabile globale "chamfer" e l'equazione dell'angolo verranno visualizzate nella finestra di dialogo Equazioni. Per rimuovere una variabile globale o un'equazione dal PropertyManager, fare clic nel campo di input e premere il tasto Canc.

Supporto migliorato per le unit di misura


possibile specificare unit di misura per le variabili globali, nonch per valori ed equazioni che definiscono variabili globali. Le unit possono essere definite nelle finestre di dialogo Equazioni e Modifica per le quote, oltre che nei PropertyManager che supportano le equazioni. L'assegnazione di unit di misura nelle equazioni evita di modificare le equazioni quando si modifica la propriet di un documento relativa alle unit di misura. Consente inoltre di creare equazioni contenenti valori con unit di misura diverse.

Ad esempio, possibile creare una variabile globale di nome Lunghezza e definirla tramite la seguente equazione: =100in + 3mm + 5cm. Tale equazione include valori con tre unit di misura diverse. Se come unit di misura del documento sono specificati i pollici, il valore della variabile Lunghezza sar di 102,087 pollici. Se si imposta l'unit di misura del documento sui millimetri, il valore di Lunghezza diventer automaticamente 2593 mm. Non necessario modificare l'equazione e si ha la certezza che le dimensioni della parte rimarranno inalterate. Nelle finestre di dialogo Equazione e Modifica sono disponibili elenchi type-ahead che semplificano l'assegnazione di un'unit di misura valida a ogni valore di un'equazione.

25

Fondamentali di SolidWorks

Modifica di viste
Finestra di dialogo Orientamento
possibile creare viste personalizzate e salvarle in SolidWorks per riutilizzarle in altri documenti. anche possibile accedere alle istantanee nell'elenco viste personalizzate. La finestra di dialogo Orientamento ora dispone dello stesso gruppo di pulsanti per le viste standard della barra degli strumenti Vista con preavviso. Dalla finestra di dialogo Orientamento anche possibile accedere al Selettore viste Le Viste assonometriche sono visualizzate in un elenco a discesa. Fare clic su selezionare la vista isometrica, trimetrica o dimetrica. per .

Per attivare la finestra di dialogo Orientamento, premere la barra spaziatrice o fare clic su Orientamento della vista su Altre opzioni . (barra degli strumenti Vista con preavviso) e fare clic

Utilizzo della finestra di dialogo Orientamento e del Selettore viste


In questo esempio, si utilizzer la finestra di dialogo Orientamento e il Selettore viste per manipolare le viste, aggiornare le viste standard e salvare una vista personalizzata in SolidWorks. Utilizzare innanzitutto la finestra di dialogo Orientamento e il Selettore viste: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\fundamentals\RobotArm.sldprt. 2. Premere la barra di spazio o fare clic su Visualizza > Modifica > Orientamento. Viene visualizzata la finestra di dialogo Orientamento. 3. Fare clic su Selettore viste . Il Selettore viste viene attivato. Quando si passa con il cursore del mouse sui pulsanti della finestra di dialogo Orientamento, le facce corrispondenti vengono evidenziate dinamicamente nel Selettore viste. 4. Selezionare la vista posteriore nel Selettore viste o fare clic su Posteriore finestra di dialogo Orientamento. nella

26

Fondamentali di SolidWorks

La finestra di dialogo Orientamento si chiude e il modello ruota passando alla vista posteriore.

5. Premere Ctrl + Barra spaziatrice per attivare il Selettore viste. Selezionare una delle viste diagonali.

Aggiornamento delle viste standard


Per aggiornare le viste standard, possibile utilizzare la finestra di dialogo Orientamento.

27

Fondamentali di SolidWorks

1. Premere la barra spaziatrice. Fare clic su

per disattivare il Selettore viste.

Se il Selettore viste attivo, viene avviato automaticamente quando si apre la finestra di dialogo Orientamento. 2. Fare clic su per fissare la finestra di dialogo Orientamento.

3. Fare clic su Superiore . Il modello ruota passando alla vista superiore.

4. Fare clic su Aggiorna le viste standard . Il software invita a selezionare la vista standard a cui si desidera assegnare la vista corrente. 5. Fare clic su Frontale . 6. Fare clic su S nella finestra di dialogo di avvertimento. Le viste standard vengono aggiornate con la vista corrente impostata come vista frontale.

Salvataggio di una vista personalizzata in SolidWorks


possibile creare una vista personalizzata e salvarla in modo da renderla accessibile ad altri documenti. 1. Ruotare il modello nel modo illustrato.

2. Fare clic su Nuova vista . 3. Nella finestra di dialogo, denominare la vista Di scorcio e fare clic su OK. La vista viene visualizzata nella finestra di dialogo Orientamento. ora possibile alternare le viste standard e la vista personalizzata appena creata. 4. Passare il cursore del mouse su Di scorcio nella finestra di dialogo Orientamento. Vengono visualizzate le opzioni per salvare o eliminare la vista. Fare clic su Salva in SolidWorks. L'immagine viene visualizzata accanto a Di scorcio per indicare che disponibile in altri documenti SolidWorks.

28

Fondamentali di SolidWorks

5. Aprire il documento directoryl_installazione\samples\whatsnew\fundamentals\RobotLeg.sldprt

6. Nella finestra di dialogo Orientamento, fare clic su Viste salvate e quindi su Di scorcio. La vista Di scorcio viene aggiunta alla finestra di dialogo Orientamento e il modello ruota passando alla vista salvata.

Se si seleziona soltanto la casella di controllo e non il nome della vista, la vista Di scorcio viene aggiunta all'elenco delle viste salvate, ma i modelli non ruotano passando a tale vista.

Aggiornamento delle viste standard senza utilizzare la finestra di dialogo Orientamento


possibile aggiornare le viste standard senza aprire la finestra di dialogo Orientamento. Per aggiornare le viste standard: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area grafica e scegliere Imposta vista corrente come. Selezionare la vista desiderata dal menu. 2. Fare clic su S nella finestra di dialogo di avvertimento. Il pavimento della scenografia viene aggiornato automaticamente in modo da allinearsi con il piano della vista inferiore, aggiornando riflessi e ombre del pavimento Per default, il pavimento della scenografia viene allineato con il piano della vista inferiore. Per allineare il pavimento della scenografia in modo diverso, fare clic con il pulsante destro del mouse nella scenografia nel DisplayManager e scegliere Modifica scenografia. In Pavimento, selezionare un'opzione in Allinea pavimento con.

Rotazione della vista


possibile bloccare l'asse verticale rispetto alla vista frontale durante la rotazione della vista.

29

Fondamentali di SolidWorks

Questo impedisce al modello di inclinarsi rispetto al piano orizzontale per creare l'impressione che il modello si trovi su un pavimento. Fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area grafica e selezionare Ruota pavimento scenografia. L'asse verticale viene bloccato rispetto alla vista frontale. Se la vista frontale del modello non corrisponde all'asse verticale che si desidera ruotare, possibile cambiare vista frontale. Vedere Aggiornamento delle viste standard senza utilizzare la finestra di dialogo Orientamento a pagina 29. Ad esempio, in questa immagine raffigurata la vista frontale di un trattore giocattolo.

L'asse di rotazione verticale bloccato lungo l'asse Y e il pavimento parallelo all'asse X. Nell'immagine seguente, la freccia rossa tratteggiata indica l'asse di rotazione bloccato:

L'asse Y l'asse verticale di default. Tuttavia, se si aggiornano le viste standard, l'asse verticale potrebbe cambiare.

30

Fondamentali di SolidWorks

Selettore viste
possibili utilizzare il Selettore viste per visualizzare e selezionare le viste del modello nel contesto. Premere Ctrl + Barra spaziatrice o fare clic su Selettore viste dialogo Orientamento. nella finestra di

Il Selettore viste consente di visualizzare il modo in cui presenteranno le viste destra, sinistra, frontale, posteriore, superiore e isometrica del modello dopo la selezione. Il Selettore viste consente inoltre di selezionare viste standard e isometriche aggiuntive. Ad esempio, nell'immagine sottostante evidenziata la vista isometrica inferiore.

Dopo la selezione, il modello ruota passando alla vista isometrica inferiore.

Per un esempio di utilizzo del Selettore viste in Novit, vedere Utilizzo della finestra di dialogo Orientamento e del Selettore viste a pagina 26.

Strumento Misura
Sono stati apportati miglioramenti alla funzionalit e all'interfaccia utente dello strumento Misura.

31

Fondamentali di SolidWorks

Modalit da punto a punto


possibile misurare la distanza tra due punti del modello. Questa modalit supporta lo snap alle facce e ai bordi del modello, nonch ai punti intermedi, ai punti di quadranti e alle intersezioni.

Misurazioni arco/cerchio
possibile creare misurazioni con condizioni dell'arco personalizzate. Ad esempio, si pu misurare la distanza dal centro di un arco o cerchio al bordo esterno di un altro. Usare i menu a discesa sulle didascalie di misura nell'area grafica per alternare tra le distanze dal centro, massima, minima e personalizzata.

Ultime impostazioni usate


Lo strumento Misura conserva le impostazioni dell'ultima volta che stato usato.

Cronologia
Fare clic su Cronologia corrente di SolidWorks. per vedere le misurazioni effettuate durante la sessione

Interfaccia utente
L'icona stata sostituita dall'icona dalla misurazione corrente. XYZ relativamente a per indicare la possibilit di creare un sensore

non appare se vi un solo sistema di coordinate.

Misurazione in modalit Da punto a punto


possibile utilizzare la modalit Da punto a punto per confrontare la distanza tra due facce su posizioni diverse nel modello. 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\fundamentals\clip.sldprt.

2. Fare clic su Misura

(barra Strumenti) o su Strumenti > Misura. .

3. Nella finestra di dialogo Misura, fare clic su Da punto a punto

32

Fondamentali di SolidWorks

4. Selezionare un punto vicino al centro di una delle facce piatte della presa e quindi un punto vicino al centro dell'altra faccia piatta, ruotando il modello se necessario. La misurazione viene visualizzata nell'area grafica e nella finestra di dialogo Misura.

5. Fare clic nell'area grafica per cancellare la misurazione corrente. 6. Selezionare il punto intermedio del bordo superiore della faccia piatta della presa e quindi il punto intermedio del bordo opposto. Quando si passa con il cursore del mouse su un bordo, viene visualizzato il punto intermedio consentendone quindi la selezione analogamente a quanto avviene in uno schizzo. La misurazione viene visualizzata nell'area grafica e nella finestra di dialogo Misura.

7. Fare clic nell'area grafica per cancellare la misurazione corrente. 8. Fare clic su Da punto a punto per uscire dalla modalit Da punto a punto.

Misurazione della distanza tra due cerchi


possibile misurare la distanza tra due cerchi utilizzando le distanze massima, minima e personalizzata. 1. Con la finestra di dialogo Misura ancora aperta, ruotare il modello in modo da poter vedere la faccia inferiore. 2. Fare clic sui bordi dei due fori. La misurazione viene visualizzata nell'area grafica e nella finestra di dialogo Misura.

33

Fondamentali di SolidWorks

3. Fare clic sulla freccia gi della didascalia della misura nell'area grafica per alternare i valori tra interasse, distanza massima e minima. 4. Per impostare una condizione dell'arco personalizzata, fare clic su Arco/Cerchio nello strumento Misura e quindi su Distanza personalizzata . Impostare i valori seguenti: a) In Prima condizione dell'arco, selezionare Distanza minima. b) In Seconda condizione dell'arco, selezionare Centra distanza. 5. Fare clic su Cronologia misurazioni durante questa sessione di SolidWorks. 6. Chiudere lo strumento Misura. per visualizzare tutte le misurazioni eseguite

Apertura di file - pulsanti Filtro rapido


I pulsanti Filtro rapido disponibili nella finestra di dialogo Apri consentono di accedere pi rapidamente ai tipi di file SolidWorks utilizzati pi di frequente. Fare clic sui pulsanti Filtro rapido in qualsiasi combinazione per visualizzare il tipi di file desiderato. Ad esempio, fare clic su Filtra parti per visualizzare solo le parti. Per e quindi su Filtra assiemi

visualizzare le parti e gli assiemi, fare clic su Filtra parti .

Apertura degli assiemi di primo livello


Se una cartella contiene assiemi e sottoassiemi, possibile utilizzare un pulsante di filtro rapido per visualizzare solo gli assiemi di primo livello. Per visualizzare solo gli assiemi di primo livello, fare clic su Filtra assiemi di livello superiore . Se nella cartella presente un elevato numero di file, l'operazione potrebbe richiedere del tempo.

Interoperabilit con le release precedenti


possibile aprire parti e assiemi SolidWorks 2013 con SolidWorks 2012 Service Pack 5. A partire da SolidWorks 2012 in poi, possibile aprire file di release successive nel Service Pack 5 della release precedente. Ad esempio, in SolidWorks 2013 Service Pack 5 sar possibile aprire file SolidWorks 2014. L'interoperabilit supportata solo tra release consecutive. Ad esempio, non sar possibile aprire file SolidWorks 2014 in SolidWorks 2012 Service Pack 5.

34

Fondamentali di SolidWorks

Se aperti nella release precedente, i file di release successive vengono visualizzati in modalit di sola lettura. Tuttavia, una volta effettuato l'aggiornamento alla release successiva di SolidWorks, i dati del FeatureManager diventeranno disponibili. I file SolidWorks 2013 presentano funzionalit ridotte in SolidWorks 2012 Service Pack 5. Se aperti in SolidWorks 2012 Service Pack 5, i file SolidWorks 2013 non disporranno di gran parte dei dati del FeatureManager. Con un documento SolidWorks 2013 aperto in SolidWorks 2012 Service Pack 5, non sar possibile eseguire azioni per le quali sono necessari dati del FeatureManager. La seguente tabella riepiloga le azioni che possono e non possono essere eseguite in SolidWorks 2012 Service Pack 5:

35

Fondamentali di SolidWorks

Parti e assiemi:

Assiemi:

Disegni: possibile creare disegni di parti e assiemi SolidWorks 2013 in SolidWorks 2012 con alcune limitazioni. Non possibile: Inserisci elementi del modello. Accedere a dati del FeatureManager quali le distinte di taglio per saldature e i cordoni di saldatura. Non possibile aprire disegni 2013 in SolidWorks 2012 Service Pack 5.

Con una parte o un assieme possibile utilizzare parti e SolidWorks 2013 aperto in sottoassiemi SolidWorks SolidWorks 2012 possibile: 2013 in un assieme SolidWorks 2012. In un Visualizzare le assieme SolidWorks 2012 configurazioni. possibile: Utilizzare lo strumento Accoppiare il componente Misura. o il sottoassieme Visualizzare le propriet di SolidWorks 2013 a massa e le propriet componenti SolidWorks personalizzate. 2012 o SolidWorks 2013. Visualizzare i materiali. Aggiungere una distinta Non possibile modificare materiali che include parti o assiemi SolidWorks componenti SolidWorks 2013 in SolidWorks 2012. 2012 e SolidWorks 2013. Sospendere e riattivare componenti SolidWorks 2013. Creare un disegno dell'assieme SolidWorks 2012 che include componenti sia SolidWorks 2012 sia SolidWorks 2013. Utilizzare il rilevamento di interferenze quando si accoppiano parti SolidWorks 2013 e SolidWorks 2012. Eseguire ripetizioni e specchiature da SolidWorks 2013. Visualizzare e fare riferimento a piani e origini di default della parte o del sottoassieme SolidWorks 2013. Non possibile modificare accoppiamenti o componenti nel sottoassieme SolidWorks 2013.

In SolidWorks 2013, necessario ricostruire e salvare i dati per ogni configurazione che deve essere disponibile in SolidWorks 2012 Service Pack 5. Vedere Gestione dei dati di configurazione a pagina 76.

36

Fondamentali di SolidWorks

Ricerca di opzioni SolidWorks


possibile cercare le opzioni e le impostazioni selezionando Strumenti > Opzioni. Nella finestra di dialogo Opzioni immettere un termine nella casella Ricerca e selezionare un risultato. possibile cercare sia le opzioni del sistema che le opzioni del documento. Quando si digita la stringa di ricerca, i risultati di ricerca vengono visualizzati in modo dinamico. Facendo clic su un risultato di ricerca si verr indirizzati alla pagina Opzioni appropriata. I risultati di ricerca vengono evidenziati nella finestra di dialogo Opzioni, a meno che non siano visualizzati in un menu a discesa. La ricerca potrebbe non essere visualizzata nella pagina Opzioni a causa del tipo di modello attualmente aperto o delle impostazioni correnti.

Selezione della versione di SolidWorks all'apertura di un file


Se si apre un file di SolidWorks in Esplora risorse su un computer in cui sono presenti pi versioni di SolidWorks, viene visualizzata una finestra di dialogo che chiede di selezionare la versione da utilizzare. La finestra di dialogo Versioni multiple visualizza massimo tre versioni di SolidWorks, riportando solo quelle pi recenti. Ad esempio, se sono installate le versioni di SolidWorks dalla 2009 alla 2013, si potr scegliere di aprire un file solo con la versione 2011, 2012 o 2013. Se si usa una stessa versione per aprire tutti i file di SolidWorks corrispondente a quella selezionata, sopprimere la comparsa di questa finestra di dialogo selezionando Non visualizzare pi questo messaggio. Si pu ripristinare l'apertura dei file con l'ultima versione di SolidWorks utilizzata per salvarli selezionando Strumenti > Opzioni di sistema > File Explorer e facendo clic su Ripristina associazioni file. Questa opzione potrebbe essere utile, ad esempio, se sul computer erano installate SolidWorks 2012 SPO4 e la versione beta di SolidWorks 2013, e disinstallando quest'ultima in un momento successivo. Per ripristinare le associazioni dei file, avviare SolidWorks con Esegui come amministratore. Questi passaggi possono variare in funzione del sistema operativo utilizzato. Per informazioni su Esegui come amministratore, consultare la Knowledge Base Microsoft.

Suoni di SolidWorks
possibile aggiungere suoni agli eventi del programma SolidWorks utilizzando la finestra di dialogo Suoni di Windows. possibile aggiungere suoni ai seguenti eventi di SolidWorks: Completamento di un'animazione Rilevamento di una collisione Completamento di uno scenario di studio progettuale Rilevamento di un'interferenza Corretto completamento di una mesh Errore di una mesh Completamento dell'apertura di un file

37

Fondamentali di SolidWorks

Completamento di una ricostruzione Errore di una ricostruzione Completamento di un rendering Avviso di un sensore

Aggiunta di suoni agli eventi in SolidWorks


Per assegnare suoni agli eventi in SolidWorks: 1. Fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Generale e selezionare Attiva suoni per eventi SolidWorks. 2. Fare clic su Configura suoni. Viene visualizzata la finestra di dialogo Suoni. 3. Scorrere fino alla parte inferiore della casella Eventi. In SolidWorks selezionare l'evento a cui si desidera aggiungere un suono. 4. Selezionare un suono dall'elenco a discesa Suoni. 5. Fare clic su OK.

Avvio di SolidWorks
possibile annullare l'avvio di SolidWorks in caso di avvio accidentale. I messaggi che compaiono nella schermata di benvenuto indicano l'avanzamento dell'avvio.

Avvio rapido SolidWorks


Per avviarsi pi velocemente, all'avvio del computer SolidWorks inizia a caricare i componenti in background. Per disattivare l'avvio rapido di SolidWorks, in Windows fare clic su Start > Avvio. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Avvio rapido SolidWorks e fare clic su Elimina. Vedere la Guida in linea di SolidWorks:Avvio rapido SolidWorks.

Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate


Il trasferimento di propriet personalizzate durante l'inserimento di una parte configurata in un'altra parte stato migliorato. Vedere Trasferimento di propriet personalizzate a pagina 191.

38

4 Amministrazione
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Conversione di file al formato SolidWorks 2013 Interoperabilit fra SolidWorks 2012 SP5 e SolidWorks 2013 Salvataggio e ripristino delle impostazioni utente Pannello di amministrazione CAD di SolidWorks

Conversione di file al formato SolidWorks 2013


L'apertura di un documento SolidWorks creato con una versione precedente potrebbe richiedere tempi pi lunghi rispetto al solito. Dopo avere aperto e salvato un file, le aperture successive avvengono normalmente. SolidWorks Task Scheduler consente di convertire pi file da una versione precedente al formato SolidWorks 2013. Nel menu Start di Windows, selezionare Tutti i programmi > SolidWorks 2013 > Strumenti di SolidWorks > SolidWorks Task Scheduler. In Task Scheduler: Fare clic su Converti file e selezionare i file o le cartelle da convertire. Per i file in un vault di SolidWorks Workgroup PDM, utilizzare Converti i file di Workgroup PDM. Se i file sono contenuti in un vault di SolidWorks Enterprise PDM, servirsi dell'utilit fornita con Enterprise PDM. Una volta convertiti nel formato SolidWorks 2013, i file non possono pi essere aperti nelle precedenti versioni di SolidWorks, con l'eccezione di SolidWorks 2012 Service Pack 5. Per ulteriori informazioni, vedere Interoperabilit con le release precedenti a pagina 34.

Interoperabilit fra SolidWorks 2012 SP5 e SolidWorks 2013


Se si dispone di SolidWorks 2012 Service Pack 5 possibile aprire pezzi e assiemi creati con SolidWorks 2013. I file vengono tuttavia aperti in modalit di sola lettura e non tutti i dati dell'albero di disegno FeatureManager sono disponibili. Per ulteriori informazioni, vedere Interoperabilit con le release precedenti a pagina 34.

Salvataggio e ripristino delle impostazioni utente


Tramite il menu Strumenti possibile salvare e ripristinare tasti di scelta rapida, menu e barre degli strumenti personalizzati, nonch le opzioni del sistema. Quando si seleziona
39

Amministrazione

Strumenti > Salvare/Ripristina impostazioni, viene avviata la procedura Copia guidata impostazioni in una modalit speciale che permette al software SolidWorks di rimanere in funzione anche durante il salvataggio e il ripristino delle impostazioni correnti.

Pannello di amministrazione CAD di SolidWorks


CAD Admin Dashboard consente di monitorare le prestazioni, lo stato dell'hardware e le modifiche apportate alle impostazioni delle Opzioni del sistema SolidWorks per ogni utente SolidWorks all'interno dell'azienda. Se si dispone di un contratto di abbonamento per SolidWorks, possibile accedere al pannello tramite il Portale clienti SolidWorks. Per accedere al pannello di amministrazione CAD di SolidWorks : collegarsi al Portale clienti SolidWorks, selezionare la propria lingua ed effettuare l'accesso.

Dashboard principale

Barra degli strumenti dashboard

Alcuni aggiornamenti al pannello di amministrazione CAD di SolidWorks potrebbero non essere contenuti in questa documentazione.

Flusso di lavoro base nel pannello di amministrazione CAD


In questo esempio viene esaminato un flusso di lavoro di base per la supervisione dell'utilizzo del software SolidWorks in rete.

40

Amministrazione

Accesso al pannello di amministrazione CAD


I clienti abbonati possono accedere al pannello di amministrazione CAD dal Portale clienti SolidWorks. Per accedere al pannello di amministrazione CAD: 1. Aprire il Portale clienti SolidWorks in un browser, selezionare la propria lingua ed effettuare l'accesso. 2. In Collegamenti rapidi fare clic su Pannello di amministrazione CAD. 3. Leggere il contratto e fare clic su Accetto. Se non si accettano le condizioni, non possibile accedere al pannello di amministrazione CAD.

Valutazione delle opzioni del sistema


possibile confrontare i computer della rete con le opzioni di sistema di SolidWorks selezionate come riferimento. possibile impostare un riferimento di rete per le seguenti opzioni di sistema di SolidWorks: Prestazione Assiemi Riferimenti esterni Modelli di default Posizioni dei file Creazione guidata fori Messaggi nascosti

La opzioni di sistema dei singoli account della rete vengono confrontate con quelle dell'account di riferimento selezionato.

Assegnazione di un riferimento per le opzioni del sistema


Il pannello di amministrazione CAD confronta le opzioni di sistema degli utenti di SolidWorks della rete con quelle di un computer di riferimento. Per impostare il computer di riferimento per le opzioni del sistema nel pannello di amministrazione CAD: 1. Selezionare una riga per l'account del computer di destinazione dal pannello CAD Admin Dashboard principale. 2. All'estremit destra della riga dell'account, fare clic su Set System Options Baseline to this Account . La linea base definita dalle opzioni del sistema in uso sul computer dell'account selezionato quando stato selezionato l'account.

Visualizzazione di informazioni sul computer


Nella colonna Informazioni computer del pannello di amministrazione CAD sono disponibili informazioni sui computer della rete che eseguono SolidWorks.

41

Amministrazione

Per visualizzare informazioni dettagliate su uno specifico account della rete, selezionare l'account nella colonna Informazioni computer. Se le informazioni sul computer indicano un problema, per migliorare le prestazioni del sistema possibile aggiornare i driver grafici, espandere la memoria o aumentare lo spazio disponibile sul disco rigido, in base alle informazioni visualizzate. Per conoscere l'elenco dei driver supportati, visitare il sito http://www.solidworks.com/sw/support/videocardtesting.html. Per visualizzare informazioni sul computer per gli utenti di SolidWorks della rete, nel pannello di amministrazione CAD: 1. Scorrere le informazioni generali sul computer per i propri account nella colonna Informazioni computer. Sono disponibili i tipi di informazioni seguenti: Driver non supportato Memoria bassa Indica che il driver della scheda grafica non supportato. Per visualizzare ulteriori informazioni sul driver della scheda grafica, possibile selezionare l'account. Indica che il computer associato all'account non dispone di memoria sufficiente. possibile selezionare l'account per visualizzare lo spazio disponibile nel disco rigido, nella colonna Spazio disponibile sul disco rigido, e la RAM disponibile, nella colonna RAM.

2. Selezionando un account, possibile visualizzare ulteriori informazioni sul computer. a) Selezionare la riga relativa a un account. b) Nella sezione Details selezionare la scheda Machine Details. Verranno visualizzati i dettagli relativi al computer dell'account, ad esempio CPU, spazio libero su disco e le informazioni sulla scheda grafica. 3. Se le informazioni sono disponibili, fare doppio clic sulla riga dell'account nella colonna History relativa ai dettagli del computer. Nella finestra di dialogo Hardware and Software History verranno visualizzate le informazioni relative alla versione del software SolidWorks installato e gli aggiornamenti della scheda grafica disponibili.

42

5 Installazione
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Installazione push e disinstallazione tramite l'Editor opzioni

Installazione push e disinstallazione tramite l'Editor opzioni


L'Editor opzioni immagine amministrativa fornisce un metodo push per la distribuzione del software SolidWorks in modalit remota ai client Windows Vista e Windows 7, per gli utenti che non dispongono di privilegi amministrativi. La nuova pagina Distribuisci automaticamente consente agli amministratori di selezionare i sistemi per l'installazione, l'aggiornamento o la disinstallazione del software SolidWorks. Le operazioni possono essere pianificate per una data e ora specifiche. possibile effettuare anche disinstallazioni personalizzate. Lo stato di ogni distribuzione richiesta viene registrato e visualizzato come In attesa, Riuscita o Non riuscita. Le operazioni di installazione vengono eseguite automaticamente nei computer di destinazione e completate dall'Utilit di pianificazione Microsoft in ogni sistema, senza richiedere alcun intervento da parte dell'utente. possibile utilizzare questo metodo solo se il computer che fornisce l'immagine amministrativa e i computer client di destinazione appartengono allo stesso dominio di Microsoft Active Directory.

43

6 Assiemi
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Visualizzazione assieme Interruzione contemporanea di tutti i riferimenti esterni Eliminazione di componenti dai sottoassiemi Componenti derivati Inviluppi Pi viste esplose per configurazione Inserimento componenti Rilevamento interferenze Grandi assiemi Propriet di massa negli assiemi Accoppiamenti nei sottoassiemi specchiati Sostituzione dei componenti Selezione di sottoassiemi nell'area grafica Istantanee Funzioni di assieme Taglio con sweep

Visualizzazione assieme
Disponibilit di propriet aggiuntive
Nuove propriet predefinite aggiuntive sono disponibili per la selezione. Nuove modalit di visualizzazione sono disponibili per il raggruppamento e la dissociazione dei componenti nell'elenco. possibile selezionare le propriet dei componenti seguenti dall'elenco a discesa nella finestra di dialogo Colonna personalizzata. Convertita alla versione corrente Esclusa dalla distinta materiali (specifica dell'istanza) Riferimenti esterni Sottoassiemi specifici (specifica dell'istanza) Totalmente accoppiato (specifica dell'istanza)

stata aggiunta una nuova modalit di visualizzazione: / Vista raggruppata/dissociata Raggruppa pi istanze di un componente in una singola riga dell'elenco. La Vista raggruppata utile quando presente un elenco di valori di propriet identici per ogni istanza del componente.

Vista raggruppata

44

Assiemi

Vista dissociata

Elenca singolarmente ogni istanza di un componente. La Vista dissociata utile quando presente un elenco di valori per le propriet specifiche dell'istanza, ad esempio Totalmente accoppiato, che pu risultare diversa per istanze del componente differenti.

Per default, le propriet specifiche dell'istanza vengono visualizzate nella Vista dissociata e le propriet non specifiche dell'istanza vengono visualizzate nella Vista raggruppata. Nelle versioni precedenti le propriet specifiche dell'istanza non erano disponibili e tutte le propriet venivano visualizzate in quella che ora viene denominata Vista raggruppata.

Colori per il comando Raggruppa identico


Per una visualizzazione pi coerente e prevedibile, sono disponibili sei colori predefiniti per l'utilizzo con il comando Raggruppa identico. Se sono necessari pi di sei colori, viene effettuata un'assegnazione di colori casuale per i colori aggiuntivi. Inoltre, quando si disattivano e riattivano i colori, questi vengono mantenuti. Nelle versioni precedenti, venivano assegnati nuovi colori casuali. Per modificare i colori predefiniti, fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Colori. In Impostazioni dello schema colori selezionare Numero visualizzazione assieme, quindi fare clic su Modifica.

Qualit dell'immagine del componente


possibile verificare i componenti che presentano una qualit dell'immagine che potrebbe rallentare le prestazioni grafiche degli assiemi di grandi dimensioni. La propriet Grafica-Triangoli indica il numero di triangoli di tessellazione utilizzati per visualizzare un componente. Per un determinato componente, se si aumenta l'impostazione relativa alla qualit dell'immagine, il numero dei triangoli aumenta e le prestazioni rallentano. Se le prestazioni grafiche per un assieme di grandi dimensioni sono lente, possibile ordinare i componenti in base alla propriet Grafica-Triangoli. Provare quindi a nascondere i componenti con un numero di triangoli elevato.

Esclusione di componenti nascosti


Durante il salvataggio di un elenco di componenti in un file esterno, possibile specificare di escludere i componenti nascosti dall'elenco. Nella scheda Visualizzazione assieme, fare clic sulla freccia a destra delle intestazioni di colonna e fare clic su Salva con nome. Nella finestra di dialogo Salva con nome selezionare Escludi componenti nascosti.

Importazione ed esportazione di impostazioni


possibile importare ed esportare le impostazioni di visualizzazione degli assiemi al fine di trasferire la configurazione da un assieme a un altro. In Visualizzazione assieme fare clic sulla freccia a destra delle intestazioni di colonna e fare clic su Salva stile per esportare le impostazioni correnti o su Carica stile per importare le impostazioni salvate. Le impostazioni vengono salvate in un foglio di calcolo Excel. Le impostazioni supportate includono:

45

Assiemi

Numero di colonne Propriet selezionate nelle colonne Ordinamento Colori Barre dei valori Modalit parte o modalit assieme Unit

Interruzione contemporanea di tutti i riferimenti esterni


possibile bloccare o interrompere contemporaneamente tutti i riferimenti esterni nell'intera gerarchia dell'assieme o in un determinato sottoassieme all'interno della gerarchia. Nelle versioni precedenti, era necessario individuare e selezionare singolarmente ogni componente. Facoltativamente, quando vengono interrotti i riferimenti possibile scegliere di sostituire le relazioni degli schizzi interrotte con relazioni fisse. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un assieme di primo livello o su un sottoassieme alla volta e scegliere Elenca riferimenti esterni.

Eliminazione di componenti dai sottoassiemi


Quando in un assieme si seleziona un componente appartenente a un sottoassieme e si fa clic su Elimina, viene eliminato solo il componente selezionato. Nelle versioni precedenti veniva eliminata l'intera gerarchia del sottoassieme a cui apparteneva il componente.

Componenti derivati
Durante la specchiatura dei componenti o la creazione di componenti derivati possibile includere elementi quali propriet di personalizzazione, schizzi e quote dei modelli dal componente di serie. Ad esempio, quando si esegue la specchiatura di un componente e si crea una versione speculare, una nuova pagina di PropertyManager consente di selezionare gli elementi da copiare dal componente di serie per la versione opposta. possibile selezionare qualsiasi elemento tra quelli indicati di seguito: Corpi solidi Corpi di superficie Assi Piani Filettature cosmetiche Schizzi assorbiti Schizzi non assorbiti Propriet personalizzate Sistemi di coordinate Quote del modello Dati della creazione guidata fori

46

Assiemi

Inviluppi
Ora possibile creare inviluppi dai sottoassiemi. I miglioramenti apportati al flusso di lavoro includono la designazione dei componenti come inviluppi al momento dell'inserimento negli assiemi, nonch la possibilit di cambiare in qualsiasi momento i componenti degli inviluppi. Le nuove opzioni consentono di modificare la visibilit degli inviluppi e caricare inviluppi come elementi leggeri o di sola lettura.

Creazione di un inviluppo da un componente


possibile modificare i componenti a o dagli inviluppi in qualsiasi momento. possibile creare un inviluppo da qualsiasi componente all'interno della gerarchia dell'assieme. 1. Aprire directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\printer\printer_bottom.sldasm. Il componente case_bottom gi un inviluppo, come indicato da e dal colore blu trasparente del componente nell'area grafica. nel FeatureManager

Rendere ora jack_12 un inviluppo. jack_12 un componente del sottoassieme board_A2. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su jack_12 nell'area grafica o nel FeatureManager e scegliere Propriet del componente .

3. Nell'angolo inferiore destro della finestra di dialogo, selezionare Inviluppo. Verr selezionata anche l'opzione Escludi dalla distinta materiali poich gli inviluppi non sono mai inclusi nella distinta materiali.

47

Assiemi

4. Fare clic su OK. Nell'area grafica, il componente assume un colore blu trasparente. Nel FeatureManager in corrispondenza di jack_12 indica che il componente un inviluppo.

Creazione di un inviluppo durante l'inserimento di un componente


possibile creare inviluppi dai sottoassiemi. I componenti possono essere indicati come inviluppi durante l'inserimento negli assiemi. 1. Fare clic su Inserisci componenti (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Inserisci > Componente > Parte/assieme esistente. 2. Nel PropertyManager, in corrispondenza di Opzioni selezionare Inviluppo. 3. In Parte/Assieme da inserire fare clic su Sfoglia. 4. Nella finestra di dialogo Apri passare a directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\printer\connector_and_bracket.sldasm e fare clic su Apri. 5. Fare clic per posizionare il sottoassieme nell'area grafica come illustrato.

Accoppiare l'inviluppo al telaio. Per agevolare l'accoppiamento, ai modelli sono gi stati aggiunti i sistemi di coordinate. 6. Fare clic su Visualizza > Sistemi di coordinate.

48

Assiemi

7. Fare clic su Accoppiamento Inserisci > Accoppiamento. 8. Nel PropertyManager: a) Per Entit da accoppiare grafica.

(barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare

, selezionare i due sistemi di coordinate nell'area

b) In Accoppiamenti standard selezionare Coincidente e Allinea assi. c) Fare clic due volte su . L'inviluppo del sottoassieme viene accoppiato al telaio.

9. Fare clic su Visualizza > Sistemi di coordinate per nascondere i sistemi di coordinate.

Modifica dell'aspetto dell'inviluppo


In Opzioni del sistema possibile modificare il colore e la trasparenza degli inviluppi. 1. Fare clic su Opzioni (barra degli strumenti Standard) oppure selezionare Strumenti > Opzioni. 2. Nella scheda Opzioni del sistema fare clic su Colori. 3. In Impostazioni schema di colore selezionare Componenti inviluppo. 4. Fare clic su Modifica e selezionare un altro colore, ad esempio , e fare clic su OK. 5. Nella parte inferiore della finestra di dialogo, selezionare Opaco per Inviluppi.

49

Assiemi

6. Fare clic su OK. 7. Tutti gli inviluppi nell'area grafica cambiano colore e diventano opachi.

8. Per ripristinare le impostazioni di default, ripetere i passaggi da 1 a 6 tranne: In colore, selezionare dalla prima riga (Rosso = 128, Verde = 255, Blu = 255). In Inviluppi selezionare Semitrasparente.

Nascondere e visualizzare i bordi.


possibile nascondere e visualizzare contemporaneamente tutti gli inviluppi. 1. Nel FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse su nome dell'assieme nella parte superiore dell'albero e scegliere Nascondi tutti gli inviluppi. Tutti gli inviluppi dell'assieme vengono nascosti.

2. Per visualizzare gli inviluppi, fare di nuovo clic con il pulsante destro del mouse sul nome dell'assieme e scegliere Mostra tutti gli inviluppi. Tutti gli inviluppi vengono visualizzati.

50

Assiemi

possibile fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi sottoassieme dell'albero e scegliere Nascondi tutti gli inviluppi o Mostra tutti gli inviluppi per nascondere o visualizzare tutti gli inviluppi all'interno del sottoassieme.

Trasformazione degli inviluppi in componenti normali


possibile trasformare i componenti degli inviluppi in componenti normali. 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su case_bottom nell'area grafica o nel FeatureManager e scegliere Propriet del componente .

2. Nell'angolo inferiore destro della finestra di dialogo, deselezionare Inviluppo. Viene deselezionata anche l'opzione Escludi dalla distinta materiali. 3. Fare clic su OK. Il componente non pi un inviluppo. Nel FeatureManager viene sostituito da per indicare che il componente un componente normale dell'assieme. Nell'area grafica, il componente non presenta pi il colore blu trasparente.

51

Assiemi

Altre modifiche relative agli inviluppi


Il prefisso Inviluppo non pi utilizzato nei nomi dei componenti degli inviluppi. La voce di menu Inserisci > inviluppo non pi disponibile. L'elenco degli inviluppi non pi visualizzato in ConfigurationManager. Gli inviluppi non vengono pi visualizzati quando si utilizza l'opzione Mostra con dipendenze. Se si copia, specchia o ripete un inviluppo, il nuovo componente generato sar anch'esso un inviluppo.

Strumenti di selezione avanzati per gli inviluppi


Gli strumenti di selezione avanzati utilizzati dagli inviluppi per selezionare, visualizzare o nascondere altri componenti sono disponibili nel FeatureManager e nell'area grafica. Nelle versioni precedenti erano disponibili facendo clic con il pulsante destro del mouse su un inviluppo in ConfigurationManager. Gli strumenti di selezione avanzati sono disponibili solo per gli inviluppi costituiti da parti e solo nell'assieme di primo livello. Non sono disponibili per gli inviluppi costituiti da sottoassiemi e per gli inviluppi all'interno dei sottoassiemi. Per selezionare, visualizzare o nascondere mediante gli inviluppi: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un inviluppo. 2. Fare clic su Inviluppo, quindi selezionare una delle opzioni seguenti: Opzione Selezionare uso inviluppo Descrizione Consente di selezionare i componenti per le operazioni di modifica in base alla loro posizione rispetto ad un componente dell'inviluppo. Consente di specificare i criteri di selezione per nascondere o mostrare i componenti dell'assieme relativi alla loro posizione rispetto al componente di un inviluppo.

Mostra/nascondi usando l'inviluppo

52

Assiemi

Pi viste esplose per configurazione


In assiemi e parti multicorpo possibile creare pi viste esplose per ogni configurazione. Per copiare e incollare le viste esplose possibile utilizzare i tasti di scelta rapida.

Aggiunta di viste esplose multiple


A una configurazione possibile aggiungere pi di una vista esplosa. 1. Aprire directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\castor\castor_901.sldasm.

2. Nel ConfigurationManager , espandere cfg_1 per visualizzare che gi presente una vista esplosa. Aggiungere un'altra vista esplosa a cfg_1. 3. Fare clic su Inserisci > Vista esplosa oppure fare clic con il pulsante destro del mouse su cfg_1 e scegliere Nuova vista esplosa. 4. Nell'area grafica o nel FeatureManager mobile selezionare i componenti seguenti: wheel_105<1> axle_support_102<1> bushing_103<1> Nel PropertyManager i componenti vengono visualizzati in Componenti del passo di esplosione . Apparir una terna nell'area grafica.

5. Nel PropertyManager, in Opzioni selezionare Spaziatura automatica dei componenti dopo il trascinamento per impostare automaticamente la spaziatura del gruppo di componenti lungo l'asse al termine del trascinamento. 6. Nell'area grafica trascinare il braccio rosso della triade e rilasciarlo come mostrato:

53

Assiemi

Viene automaticamente applicata la spaziatura per la ruota, il supporto dell'asse e la bronzina come mostrato di seguito:

7. Fare clic su

Nel ConfigurationManager, la vista ExplView2 8. Fare doppio clic su ExplView2

viene visualizzata sotto cfg_1.

per comprimerla.

Copia di viste esplose


possibile copiare le viste esplose da una configurazione e incollarle in altre. 1. In cfg_1, premere Ctrl e selezionare le due viste esplose. 2. Premere Ctrl + C. 3. Fare clic una volta su cfg_2 per selezionarla senza attivarla. 4. Premere Ctrl + V. L'icona della configurazione passa da contiene viste esplose. a per indicare che la configurazione ora per espanderla.

5. Fare doppio clic su cfg_2 per attivarla e fare clic su Nell'elenco sono presenti le due viste esplose.

A ogni vista esplosa dell'assieme deve essere assegnato un nome univoco.

54

Assiemi

6. Fare doppio clic su Copia di ExplView2 La vista esplosa viene espansa.

Inserimento componenti
Profondit migliorata durante l'inserimento di componenti
Quando si inseriscono i componenti, questi vengono ora posizionati a una profondit pi ragionevole rispetto ai componenti o alle geometrie vicine. Nelle versioni precedenti i componenti sembravano vicini nel piano della vista ma in realt si trovavano a profondit differenti, fuoriuscendo dalla vista durante la rotazione dell'assieme.

Inserimento di pi componenti
Nel PropertyManager Inserisci componenti possibile selezionare pi componenti alla volta e inserirli singolarmente in successione senza tornare al PropertyManager. inoltre possibile fare doppio clic sull'origine dell'assieme per inserire contemporaneamente tutti i componenti selezionati, posizionando ogni componente rispetto all'origine.

Inserimento componenti multipli nell'origine


possibile inserire contemporaneamente pi componenti nell'origine di un'assieme. 1. Aprire un nuovo assieme. 2. Se l'origine non visibile nell'area grafica, fare clic su Visualizza > Origini per visualizzarla. 3. Nel PropertyManager, in Parte/Assieme da inserire, fare clic su Sfoglia e passare a directory_installazione\samples\whatsnew\assemblies\mill\. 4. Nella finestra di dialogo, premere Ctrl e selezionare le parti seguenti: knee_2013.sldprt saddle_2013.sldprt Entrambi gli elementi vengono visualizzati in Nome file. 5. Fare clic su Apri. Nel PropertyManager entrambe le parti sono selezionate in Apri documenti. Nell'area grafica un'anteprima di knee_2013 collegata al puntatore.

55

Assiemi

Se l'anteprima non viene visualizzata, nel PropertyManager fare clic su Opzioni e quindi su Anteprima grafica. 6. Fare doppio clic sull'origine dell'assieme. PropertyManager viene chiuso. Entrambe le parti vengono inserite nell'origine dell'assieme. L'origine di ogni parte coincidente con l'origine dell'assieme e i piani di ogni parte sono allineati con i piani dell'assieme. Nel FeatureManager, (f) in corrispondenza di ogni parte indica che entrambe le parti sono fisse.

7. Fare clic su Visualizza > Origini per disattivare l'origine.

Inserimento di componenti in successione


possibile selezionare pi componenti e fare clic in successione per collocarli in diverse posizioni nell'assieme. 1. Fare clic su Inserisci componenti (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Inserisci > Componente > Parte/assieme esistente. 2. Nel PropertyManager, in Parte/Assieme da inserire, fare clic su Sfoglia. 3. Nella finestra di dialogo, premere Ctrl e selezionare le parti seguenti: bracket_2013.sldprt head_2013.sldprt scale_2013.sldprt table_2013.sldprt

4. Fare clic su Apri. Nel PropertyManager tutte e quattro le parti sono selezionate in Apri documenti. Nell'area grafica un'anteprima di bracket_2013 collegata al puntatore.

56

Assiemi

5. Fare clic per posizionare la staffa approssimativamente nel modo illustrato.

Nel PropertyManager la staffa non pi visualizzata nell'elenco. Nell'area grafica un'anteprima di head_2013 collegata al puntatore.

6. Fare clic in successione per posizionare la testa, la scala e la tabella come illustrato.

PropertyManager viene chiuso. Ogni componente viene inserito nel punto in cui si fatto clic per posizionarlo.

Inserimento di istanze multiple di componenti multipli


possibile inserire pi istanze di vari componenti senza chiudere PropertyManager. 1. Fare clic su Inserisci componenti (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Inserisci > Componente > Parte/assieme esistente. 2. Nel PropertyManager, in Parte/Assieme da inserire, fare clic su Sfoglia. 3. Nella finestra di dialogo, premere Ctrl e selezionare le parti seguenti: clamp_2013.sldprt pillar_2013.sldprt pin_2013.sldprt 4. Fare clic su Apri. Nel PropertyManager tutte e tre le parti sono selezionate in Apri documenti. Nell'area grafica un'anteprima di clamp_2013 collegata al puntatore.

57

Assiemi

5. Nella parte superiore del PropertyManager fare clic su per bloccare PropertyManager in modo che rimanga aperto dopo aver posizionato le prime istanze delle parti. 6. Fare doppio clic come illustrato.

Un'istanza di ognuna delle tre parti viene posizionata dove si fatto doppio clic.

7. Sbloccare il PropertyManager in modo che venga chiuso dopo aver posizionato le istanze successive delle parti. 8. Fare doppio clic come illustrato.

Un'altra istanza di ognuna delle tre parti viene posizionata nel punto in cui si fatto doppio clic. PropertyManager viene chiuso.

Rilevamento interferenze
possibile escludere componenti selezionati dal rilevamento delle interferenze. possibile filtrare componenti con filettature cosmetiche corrispondenti nei risultati del rilevamento delle interferenze e inserirli in una cartella separata.

Esclusione di componenti
Esclusione di componenti nascosti
possibile escludere le interferenze che coinvolgono componenti nascosti. 1. Fare clic su Rilevamento interferenze (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Strumenti > Rilevamento interferenze. 2. Nel PropertyManager, in Opzioni selezionare Ignora corpi/componenti nascosti. Quando si fa clic su Calcola, le interferenze che interessano componenti nascosti, anche quelli nascosti dal comando Isola, vengono ignorate.
58

Assiemi

Come nelle versioni precedenti, quando l'opzione era denominata Ignora corpi nascosti, vengono ignorate anche le interferenze tra i corpi nascosti di una parte multicorpo e altri componenti.

Esclusione di componenti selezionati


possibile escludere i componenti selezionati dai risultati del Rilevamento interferenze. Facoltativamente, possibile specificare di ricordare i componenti da escludere da una sessione all'altra. 1. Fare clic su Rilevamento interferenze (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Strumenti > Rilevamento interferenze. 2. Nel PropertyManager selezionare Componenti esclusi. 3. Nell'area grafica o nel FeatureManager mobile, selezionare i componenti da escludere. 4. Opzioni disponibili: Nascondi componenti esclusi Nasconde i componenti selezionati fino alla chiusura dalla vista del PropertyManager. Ricorda componenti esclusi Salva l'elenco dei componenti affinch siano automaticamente selezionati all'apertura successiva del PropertyManager.

Filtro delle filettature cosmetiche


possibile filtrare componenti con filettature cosmetiche corrispondenti nei risultati del rilevamento delle interferenze e inserirli in una cartella separata. Le interferenze dovute e filettature non corrispondenti e non allineate o ad altri tipi di geometria interferente vengono ugualmente indicate come interferenze. Fare clic su Rilevamento interferenze (barra degli strumenti Assieme) oppure selezionare Strumenti > Rilevamento interferenze. Nel PropertyManager, in Opzioni selezionare Crea cartella filettature cosmetiche corrispondenti. Quando si fa clic su Calcola, le interferenze dovute a filettature cosmetiche con corrispondenza corretta vengono filtrate dai risultati principali e visualizzate nella cartella Filettature cosmetiche corrispondenti. Le interferenze non spostate in tale cartella derivano da altri problemi e devono essere esaminate.

Esempio 1: Filettature cosmetiche corrispondenti


In questo assieme le filettature cosmetiche dell'albero e il foro sono identiche (ad esempio, foro M10 x 1,5 e albero M10 x 1,5). Di conseguenza, l'interferenza viene ignorata (spostata nella cartella Filettature cosmetiche corrispondenti).

59

Assiemi

Esempio 2: Specifica della filettatura non corrispondente


Se le parti mostrate nell'esempio 1 presentano filettature con passo non corrispondente (ad esempio, foro M10 x 1,5 e albero M10 x 1,25), vengono contrassegnate come interferenti.

Esempio 3: Componenti filettati non allineati


Se i componenti filettati non sono allineati, vengono contrassegnati come interferenti anche se le filettature cosmetiche sono corrispondenti.

Esempio 4: Altre geometrie interferenti


In questo esempio, le filettature cosmetiche presentano specifiche di filettatura corrispondenti, ma il foro filettato per l'intera lunghezza attraverso la piastra, mentre l'albero filettato solo per parte della lunghezza del bullone. Vengono contrassegnati come interferenti. Componenti separati:

Assemblati:

60

Assiemi

Grandi assiemi
Revisione grandi progetti
Nella modalit Revisione grandi progetti sono disponibili nuovi comandi e opzioni che garantiscono un maggiore controllo sugli aggiornamenti.

Aggiornamenti durante l'apertura di un assieme


Una nuova opzione del sistema consente stabilire se controllare o meno se nei componenti sono presenti grafici aggiornati ed eventualmente se aggiornarli all'apertura di un assieme in modalit Revisione di grandi progetti. Nelle versioni precedenti i componenti venivano sempre controllati e aggiornati. Ora, il comportamento di default di non controllare e aggiornare. Per tornare al comportamento precedente, fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Assiemi e selezionare Controlla e aggiorna automaticamente tutti i componenti.

Aggiornamenti dopo l'apertura di un assieme


Il comando esistente Aggiornamento LDR stato rinominato in Aggiorna componenti connessi. Due nuovi comandi consentono di aggiornare l'intero assieme o i componenti selezionati. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome dell'assieme nel FeatureManager e scegliere una delle opzioni seguenti: Aggiorna componenti connessi (in precedenza denominata Aggiornamento LDR). Aggiorna i dati grafici di tutti i componenti dipendenti che diventano non aggiornati a seguito delle modifiche apportate ai relativi componenti padre. Aggiorna i dati grafici dell'intero modello.

Aggiorna grafica modello

Fare clic con il pulsante destro del mouse su un componente e scegliere: Aggiorna grafica componente Aggiorna i dati grafici del componente selezionato.

61

Assiemi

Gestione dei dati di configurazione


Per i modelli di parti e di assiemi contenenti configurazioni, sono disponibili nuove opzioni per la gestione delle dimensioni dei file e dei tempi necessari per il salvataggio. possibile specificare e identificare le configurazioni che devono essere sempre aggiornate. possibile eliminare i dati delle configurazioni memorizzati nella cache ogni volta che si salva il modello. In SolidWorks 2013, necessario ricostruire e salvare i dati per ogni configurazione che deve essere disponibile in SolidWorks 2012 Service Pack 5. Vedere Interoperabilit con le release precedenti a pagina 34. Vedere Gestione dei dati di configurazione a pagina 76.

Saltare la ricostruzione dopo la modifica di componenti


disponibile una nuova opzione del sistema che consente di saltare la fase di ricostruzione degli assiemi di grandi dimensioni dopo la modifica di un componente in una finestra separata. Come nelle versioni precedenti, quando si torna alla finestra dell'assieme dopo aver modificato un componente in una finestra separata, viene visualizzato un messaggio che chiede se si desidera ricostruire l'assieme. Se stata selezionata la nuova opzione e l'assieme si trova in Modalit grandi assiemi, il messaggio non viene pi visualizzato, l'assieme non viene ricostruito e viene visualizzato un triangolo di avviso giallo su Ricostruisci aggiornato. (barra degli strumenti Standard) che indica che l'assieme non

Per impostare l'opzione, selezionare Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Assiemi. In Modalit grandi assiemi, selezionare Non ricostruire durante il passaggio alla finestra di assemblaggio. Come nelle versioni precedenti, nel messaggio della ricostruzione possibile scegliere di non visualizzare pi il messaggio e fare clic su S per procedere alla ricostruzione. Successivamente, ogni volta che si torna alla finestra dell'assieme verr eseguita la ricostruzione senza che venga visualizzato alcun messaggio, indipendentemente dalle dimensioni dell'assieme. Ora, quando si seleziona questa nuova opzione, per gli assiemi in Modalit grandi assiemi la ricostruzione automatica viene saltata.

Configurazioni SpeedPak
possibile creare e aggiornare configurazioni di SpeedPak di sottoassiemi da un assieme padre. possibile disabilitare il cerchio nell'area grafica dello SpeedPak. Vedere SpeedPak a pagina 79.

Propriet di massa negli assiemi


Punto del centro di massa negli assiemi
possibile aggiungere un punto del Centro di massa a un assieme.

62

Assiemi

La posizione del punto del centro di massa viene aggiornata quando cambia il centro di massa del modello. Ad esempio, la posizione del punto del centro di massa viene aggiornata ogni volta che si aggiungono, modificano o eliminano componenti o funzioni degli assiemi. Il punto del centro di massa risulta utile quando si progettano assiemi che richiedono una massa bilanciata, ad esempio per evitare un eccesso di vibrazioni. possibile impostare l'accoppiamento dei punti dei centri di massa dei componenti di un assieme con accoppiamenti di distanza, coincidenti e concentrici. Non possibile impostare l'accoppiamento con il punto del centro di massa dell'assieme stesso. Fare clic su Centro di massa (barra degli strumenti Geometria di riferimento) oppure selezionare Inserisci > Geometria di riferimento > Centro di massa. Nell'area grafica, in corrispondenza del centro di massa del modello viene visualizzato il simbolo . Nel FeatureManager il centro di massa sotto l'origine . viene visualizzato immediatamente

Se si aggiungono i punti del centro di massa nei file dei componenti, i punti vengono visualizzati nell'assieme padre: Sottoassieme Parte

In questo assieme, ad esempio, indica il centro della massa dell'assieme e i centri delle masse di tre parti dei componenti:

indica

Per ulteriori informazioni sui punti del centro di massa, vedere Punto nel centro di massa a pagina 184 e Centro di massa di riferimento nei disegni a pagina 107.

63

Assiemi

Propriet di inerzia personalizzate negli assiemi


possibile sovrascrivere le propriet dei momenti di inerzia per un assieme o per i relativi componenti. L'aggiunta di propriet di inerzia personalizzate a un componente consente di visualizzare l'effetto del componente sull'inerzia e sulla massa complessive della struttura. Se, ad esempio, si dispone di modelli semplificati dei componenti acquistati, possibile aggiungere manualmente a tali componenti le informazioni precise relative al momento di inerzia, affinch l'intera massa dell'assieme sia rappresentata correttamente. 1. Nel FeatureManager selezionare l'assieme di primo livello o un componente. 2. Fare clic su Propriet di massa (barra Strumenti) oppure selezionare Strumenti > Propriet di massa. 3. Nella finestra di dialogo Propriet di massa fare clic su Sovrascrivi propriet di massa. 4. Nella finestra di dialogo Sovrascrivi propriet di massa selezionare Sovrascrivi momenti di inerzia, quindi selezionare le opzioni e immettere i valori.

Accoppiamenti nei sottoassiemi specchiati


Quando si crea una versione opposta durante la specchiatura di un sottoassieme, vengono specchiati anche tutti gli accoppiamenti standard del sottoassieme. Nelle versioni precedenti, gli accoppiamenti standard del sottoassieme accoppiati ai piani o all'origine di default del sottoassieme non venivano creati.

Sostituzione dei componenti


Il comando Sostituisci componente consente di sostituire un componente con un altro componente dello stesso tipo e con lo stesso nome ma proveniente da una cartella diversa.

Selezione di sottoassiemi nell'area grafica


Quando si seleziona un sottoassieme facendo clic con il pulsante destro del mouse nell'area grafica e si sceglie Seleziona sottoassieme, viene automaticamente visualizzata la barra degli strumenti del contesto per il sottoassieme. Nelle versioni precedenti, era necessario fare clic un'altra volta per visualizzare la barra degli strumenti del contesto. La barra degli strumenti del contesto contiene inoltre l'opzione Apri assieme consente di aprire il sottoassieme selezionato. che

Istantanee
Istantanee in assiemi risolti
Le istantanee sono disponibili negli assiemi completamente risolti e negli assiemi leggeri. In precedenza, le istantanee erano disponibili solo in modalit Revisione di grandi progetti. Le istantanee negli assiemi risolti e leggeri funzionano esattamente come nella modalit Revisione di grandi progetti e dispongono di funzionalit quali registrazione dell'orientamento della vista dell'assieme, registrazione dello stato nascondi/mostra dei componenti e aggiunta di commenti. Le istantanee possono essere visualizzate in Revisione
64

Assiemi

di grandi progetti sia nelle modalit Risolto e Leggero, indipendentemente dalla modalit in cui sono state create. Se viene visualizzata un'istantanea in modalit risolto o a peso leggero, viene anche visualizzata la barra degli strumenti a comparsa Visualizza istantanee. Fare clic su Chiudi istantanea nella barra degli strumenti a comparsa per tornare allo stato di visualizzazione attivo prima della visualizzazione dell'istantanea.

Istantanee nei percorsi guidati


Nei percorsi guidati possibile acquisire istantanee. Quando si acquisisce un'istantanea dall'interno di un percorso guidato attivo, oltre all'orientamento della vista dell'assieme e allo stato nascondi/mostra dei componenti, viene registrato anche l'angolo della videocamera. Quando si attiva un'istantanea creata all'interno di un percorso guidato, il percorso guidato si apre automaticamente.

Funzioni di assieme Taglio con sweep


possibile creare funzioni di taglio con sweep dei profili negli assiemi. Cos come con altre funzioni di assieme, possibile propagare le funzioni di taglio con sweep alle parti interessate. Non possibile creare funzioni di taglio con sweep dei solidi negli assiemi. Durante la creazione di un Taglio con sweep come una funzione di assieme: Per il Profilo Per Percorso , lo schizzo selezionato deve trovarsi nel primo livello dell'assieme. e Curve guida , possibile selezionare le opzioni seguenti:

Schizzi o curve nel primo livello dell'assieme. Bordi dei componenti in qualsiasi livello dell'assieme. possibile creare ripetizioni di funzioni di assieme Taglio con sweep. Le ripetizioni lineari, circolari, guidate da tabelle e guidate da schizzi sono supportate. Fare clic su Funzioni di assieme su Taglio con sweep > Sweep. (scheda Assieme in CommandManager) e quindi

oppure selezionare Inserisci > Funzione di assieme > Taglio

65

7 CircuitWorks
Disponibile con SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Importazione ed esportazione di funzioni di file ECAD

Importazione ed esportazione di funzioni di file ECAD


possibile importare livelli, tracce, fori di qualsiasi forma, aree riempite, vie e pad da file ECAD al software CircuitWorks. inoltre possibile integrare queste funzioni in un assieme di SolidWorks da CircuitWorks. Non tutti i tipi di file ECAD supportano tutte le funzioni di questo tipo e non possibile riesportare tracce, aree riempite, vie o pad da SolidWorks a CircuitWorks.

Esplorazione di livelli, tracce, aree riempite e vie


In questo esempio vengono esaminate alcune delle nuove funzioni di CircuitWorks per i modelli ECAD che includono livelli, tracce, aree riempite e vie. Vengono effettuate le seguenti operazioni: Esplorazione dei livelli, le tracce, i pad, le vie e le aree riempite del modello PADS. Visualizzazione delle propriet dei livelli. Verifica dello spessore della scheda. Modifica delle propriet e applicazione di filtri alle vie. Creazione del modello in SolidWorks. Riesportare il modello in CircuitWorks. Esplorazione delle opzioni di modellazione dei livelli conduttori.

Apertura ed esplorazione del file PADS in CircuitWorks


Aprire innanzitutto il file ECAD PADS nel software CircuitWorks, quindi esplorarne i livelli, le tracce, le vie, i pad e le aree riempite. Per seguire l'esempio, necessario aggiungere CircuitWorks.

66

CircuitWorks

1. In SolidWorks fare clic su CircuitWorks > Apri il file ECAD , quindi cercare e selezionare il file install_dir\CircuitWorksFull\Esempi\Pads\preview.asc.

2. Nell'albero di CircuitWorks espandere aree riempite e selezionare la seconda area riempita HP83515280. L'area riempita selezionata viene visualizzata nella finestra di anteprima.

3. Nell'albero di CircuitWorks selezionare Pad . I pad verranno visualizzati nell'anteprima del file ECAD.

inoltre possibile visualizzare i singoli pad selezionati nell'albero. 4. Nell'albero di CircuitWorks selezionare Tracce .

Le tracce verranno visualizzate nell'anteprima del file ECAD. inoltre possibile visualizzare le singole tracce selezionate nell'albero.

67

CircuitWorks

5. Fare clic sulla scheda Anteprima, selezionare Vista inferiore (barra degli strumenti Anteprima), quindi selezionare di nuovo Tracce nell'albero di CircuitWorks.

6. Fare clic su Vista superiore alla scheda Strumenti.

(barra degli strumenti Anteprima), quindi passare .

7. Nell'albero di CircuitWorks selezionare Vie

Le vie verranno visualizzate nell'anteprima del file ECAD.

Visualizzazione delle propriet dei livelli


A questo punto possibile visualizzare lo spessore e i tipi di livelli. possibile visualizzare le propriet di qualsiasi entit nell'albero di CircuitWorks facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'entit e scegliendo Propriet. 1. Nell'albero di CircuitWorks espandere Livelli . o conduttive .

I livelli elencati si distinguono per le propriet dielettriche

I livelli delle schede di circuiti stampati sono impilati uno sopra l'altro, a partire dal primo livello nella parte inferiore della scheda. Lo spessore della scheda determinato dalla distanza tra il primo e l'ultimo livello. I livelli possono avere altezze diverse. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un livello conduttore e scegliere Propriet. Le propriet visualizzate includono: Altezza iniziale Altezza finale Specifica l'altezza della parte inferiore del livello rispetto alla parte inferiore della scheda. Specifica l'altezza della parte superiore del livello rispetto alla parte inferiore della scheda. L'altezza finale di un livello corrisponde all'altezza iniziale di quello successivo.

68

CircuitWorks

Spessore

Specifica lo spessore del livello.

3. Selezionare altri livelli per visualizzarne le propriet. 4. Nell'albero di CircuitWorks fare clic su Contorni scheda. Viene visualizzata la finestra Propriet scheda. Lo spessore della scheda, 0,7870 mm, dato dalla somma degli spessori dei livelli.

Modifica di propriet e filtraggio delle vie


Ora possibile modificare la posizione e il diametro di una via, filtrare una via e creare il modello in SolidWorks. 1. Nell'albero di CircuitWorks espandere e selezionare Vie . La scheda include 37 vie, tre delle quali attraversano il componente U2.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla prima via STANDARDVIA_EXAMPLE e scegliere Propriet. Verr visualizzato il riquadro Propriet via.

3. Per Diametro vie immettere 1.0 e fare clic su

. .

4. Ripetere i passaggi 2 e 3 per le altre due vie STANDARDVIA_EXAMPLE

69

CircuitWorks

5. Nel menu del comando Filtro della scheda Strumenti fare clic su Vie Verr visualizzato il riquadro Filtri vie. 6. Selezionare Maggiore di e immettere 0,99.

Le tre vie con diametro di 1.0 mm vengono escluse dal filtro e risultano sospese nell'albero di CircuitWorks.

Creazione del modello in SolidWorks


A questo punto necessario creare il modello in SolidWorks e osservare come vengono esportate le funzioni. Prima di continuare chiudere tutti i modelli eventualmente aperti in SolidWorks. 1. In CircuitWorks fare clic su SolidWorks > Costruisci modello (scheda Strumenti), quindi fare clic su Costruisci nella finestra di dialogo CircuitWorks.

Quando viene visualizzato il modello di SolidWorks, le tracce, i livelli, le vie, i pad e le aree riempite vengono inclusi nel FeatureManager. 2. Nel FeatureManager espandere il componente previewpcb<1> ed esaminare le funzioni per i file ECAD, come i livelli dielettrici e conduttori, i fori, le aree non consentite e le vie del modello di SolidWorks.

70

CircuitWorks

a) Ruotare il modello.

b) Nel modello ruotato selezionare il terzo livello conduttore.

71

CircuitWorks

c) Selezionare il primo livello dielettrico.

d) Selezionare PTH, i fori rivestiti.

e) Selezionare le vie.

72

CircuitWorks

f) Ingrandire l'area delle vie filtrate, che non compaiono nel modello.

3. In SolidWorks salvare il modello con il nome My_previewpcb.sldasm. 4. In SolidWorks fare clic su CircuitWorks > Esporta in CircuitWorks .

Il modello ECAD esportato non include vie, aree riempite o pad, perch CircuitWorks non esporta tali funzioni. 5. Chiudere il modello in SolidWorks.

Creazione dei soli livelli conduttori superiore e inferiore


Per risparmiare tempo, possibile configurare CircuitWorks in modo da modellare solo i livelli conduttori superiore e inferiore in SolidWorks. Per modellare solo i livelli conduttori superiore e inferiore durante la creazione in SolidWorks: 1. In SolidWorks fare clic su CircuitWorks > Opzioni CircuitWorks . 2. Nella finestra di dialogo fare clic su Importazione SolidWorks quindi, per Modellazione livello conduttore, selezionare Solo livelli superiore e inferiore (pi veloce). 3. Fare clic su OK.

Ricostruzione del file PADS


Occorre quindi costruire il file PADS per verificare che nell'albero vengano visualizzati solo i livelli superiore e inferiore. 1. In CircuitWorks selezionare previewpcb.asc, ovvero il file PADS ECAD originale. 2. In CircuitWorks fare clic su SolidWorks > Costruisci modello (scheda Strumenti) quindi, nella finestra di dialogo, fare clic su Costruisci. 3. Quando viene chiesto se si desidera sovrascrivere il modello del componente fare clic su S. 4. Nel FeatureManager, espandere il componente previewpcb<1>. Vengono elencati solo i due livelli conduttori esterni. 5. Chiudere il modello di SolidWorks senza salvarlo. 6. Chiudere il modello di CircuitWorks senza salvarlo.

73

8 Configurazioni
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Tabelle dati Gestione dei dati di configurazione SpeedPak Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate

Tabelle dati
Configurazione di materiali in una tabella dati
disponibile un parametro della tabella dati per la configurazione dei materiali. L'intestazione di colonna adotta la seguente sintassi: Per una parte: Per una parte in una parte multicorpo: $LIBRARY:MATERIAL@nome_parte $LIBRARY:MATERIAL@nome_corpo@nome_parte

$LIBRARY corrisponde al nome della libreria disponibile nel primo livello dell'albero nella finestra di dialogo Materiale. Esempi: Materiali SolidWorks, Materiali DIN SolidWorks, Materiali personalizzati. MATERIAL corrisponde al nome del materiale come definito nella finestra di dialogo Materiale. Esempi: Acciaio al carbonio semplice, AISI 304, lega 1060. Per inserire un materiale, procedere in uno dei modi seguenti: Digitare manualmente le informazioni. Fare clic in una cella e selezionarlo da un elenco a discesa di Preferenze. Se una cella lasciata vuota, erediter il materiale corrente al momento della creazione della configurazione. Esempio:

74

Configurazioni

Convalida dei dati nelle tabelle di disegno


Nelle tabelle di disegno stata incorporata la convalida dei dati. Per determinati parametri, quando si seleziona una cella nella tabella di disegno possibile scegliere un valore da un elenco a discesa di selezioni valide. Se si digita un valore non valido, viene visualizzato un messaggio di errore che invita l'utente a immettere un valore valido selezionandolo dall'elenco a discesa. Esempi: Per lo stato di eliminazione delle funzioni ($STATE@nome_funzione ), i valori disponibili nell'elenco a discesa sono: SOSPESO RIATTIVA S U

Per la posizione fissa o a virgola mobile ($FIXED@nome_componente ), i valori disponibili nell'elenco a discesa sono: S NO S N

Selezione semplificata per stati di visualizzazione e configurazioni


In una tabella di disegno, per accedere all'elenco a discesa degli stati di visualizzazione o delle configurazioni dei componenti, fare clic in una cella del corpo della tabella per visualizzare i parametri $DISPLAYSTATE o $CONFIGURATION@componente<istanza>. Nelle versioni precedenti era necessario fare clic con il pulsante destro del mouse.

75

Configurazioni

Gestione dei dati di configurazione


Per i modelli di parti e di assiemi contenenti configurazioni, sono disponibili nuove opzioni per la gestione delle dimensioni dei file e dei tempi necessari per il salvataggio. possibile specificare e identificare le configurazioni che devono essere sempre aggiornate. possibile eliminare i dati delle configurazioni memorizzati nella cache ogni volta che si salva il modello. Come nelle versioni precedenti: Se una configurazione non mai stata attivata (ad esempio una definita in una tabella dati), solo i dati essenziali che definiscono la configurazione vengono trasportati nel modello. Quando si attiva una configurazione per la prima volta, viene generata la definizione completa dei dati del modello di configurazione. Questo set di dati completo aggiornato e salvato ogni volta che si salva il documento. Per impostazione predefinita, una volta generato, il set completo di dati rimane disponibile ogni volta che si apre il modello. Avere a disposizione questo set di dati completo per una configurazione consente di risparmiare molto tempo quando si passa da questa configurazione a un'altra. Tuttavia, per ogni configurazione che si attiva, la dimensione del file del modello aumenta, come anche il tempo richiesto per ricostruire e salvare il file. Novit in questa versione: nel ConfigurationManager: Un segno di spunta indica una configurazione per la quale disponibile un set di dati completo e aggiornato. Una lineetta indica una configurazione per la quale non disponibile o non aggiornato un set di dati completo. possibile aggiungere a una o pi configurazioni il contrassegno Ricostruzione/salvataggio per generare set di dati completi senza dover attivare singolarmente ogni configurazione. Questa funzionalit pu essere utile per generare contemporaneamente dati per pi configurazioni. Questi set di dati completi sono ricostruiti e salvati ogni volta che si salva il documento. possibile eliminare i set di dati completi per configurazioni specifiche o per tutte le configurazioni (eccetto quella attiva), manualmente o automaticamente, per ridurre la dimensione del file e i tempi di salvataggio. Rimarranno solo di dati di definizione essenziali. In SolidWorks 2013, deve esistere un set di dati completo per ogni configurazione che deve essere disponibile in SolidWorks 2012 Service Pack 5. Vedere Interoperabilit con le release precedenti a pagina 34.

Generazione dei dati di configurazione


Per generare i set di dati completi per una o pi configurazioni senza attivare ogni configurazione individualmente, effettuare una delle seguenti operazioni. In ConfigurationManager, fare clic con il pulsante destro del mouse su una o pi configurazioni e scegliere Aggiungi contrassegno ricostruzione/salvataggio. Nella parte superiore dell'albero di disegno di ConfigurationManager o FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del modello, scegliere Contrassegno ricostruzione/salvataggio e fare clic su una delle opzioni seguenti:

76

Configurazioni

Aggiungi contrassegno per questa configurazione

Contrassegna la configurazione attiva in modo che il rispettivo set di dati completo venga generato la prossima volta che si salva il documento. Successivamente, i dati sono ricostruiti e salvati ogni volta che si salva il documento. Contrassegna tutte le configurazioni in modo che il rispettivo set di dati completo venga generato la prossima volta che si salva il documento. Successivamente, i dati sono ricostruiti e salvati ogni volta che si salva il documento. Apre la finestra di dialogo Ricostruisci e salva le impostazioni in cui possibile selezionare le configurazioni da contrassegnare in modo che il rispettivo set di dati completo venga generato la prossima volta che si salva il documento. Successivamente, i dati sono ricostruiti e salvati ogni volta che si salva il documento. Inoltre, il contrassegno Ricostruzione/salvataggio viene rimosso da tutte le altre configurazioni e le icone cambiano in o (a seconda dello stato corrente dei dati di configurazione).

Aggiungi contrassegno per tutte le configurazioni

Aggiungi contrassegno per configurazioni specifiche

Rimuovi contrassegno ed elimina dati Rimuove il contrassegno per tutte le configurazioni Ricostruzione/salvataggio da tutte le configurazioni, inclusa la configurazione attiva ed elimina i dati per tutte le configurazioni tranne che per quella attiva.

A lato delle configurazioni di ConfigurationManager vengono visualizzate le icone seguenti:

77

Configurazioni

Configurazione attiva

Configurazioni inattive

Descrizione Indica una configurazione per la quale disponibile un set di dati completo e aggiornato. Contrassegno salvataggio/ricostruzione. Indica una configurazione per la quale il rispettivo set di dati completo verr generato la prossima volta che si salva il documento. Successivamente, i dati sono ricostruiti e salvati ogni volta che si salva il documento. Per annullare il contrassegno di una configurazione, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Rimuovi contrassegno ricostruzione/salvataggio. L'icona cambia in o (a seconda dello stato corrente dei dati di configurazione). Indica una configurazione per la quale non disponibile o non aggiornato un set di dati completo.

Eliminazione dei dati di configurazione


Per ridurre le dimensioni dei file e i tempi necessari per il salvataggio, possibile eliminare i dati di configurazione memorizzati nella cache per le configurazioni inattive. Per eliminare manualmente i dati: Nella parte superiore dell'albero di disegno di ConfigurationManager o FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del modello, scegliere Contrassegno ricostruzione/salvataggio e fare clic su Rimuovi contrassegno ed elimina dati per tutte le configurazioni. Per eliminare automaticamente i dati ogni volta che si salva il documento: Fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Prestazione e selezionare Elimina dati di configurazione dalla cache.
78

Configurazioni

Ogni volta che si salva il documento: Se l'opzione di eliminazione selezionata: I dati vengono eliminati per tutte le configurazioni inattive contrassegnate con o . I dati vengono salvati solo per la configurazione attiva ( o ) e le configurazioni inattive contrassegnate come . Se l'opzione di eliminazione non selezionata: I dati vengono ricostruiti e salvati per tutte le configurazioni contrassegnate con , , o . I dati vengono eliminati per tutte le configurazioni contrassegnate con .

SpeedPak
possibile creare e aggiornare configurazioni di SpeedPak di sottoassiemi da un assieme padre. possibile disabilitare il cerchio nell'area grafica dello SpeedPak.

Disabilitazione del cerchio nell'area grafica dello SpeedPak


possibile disabilitare il cerchio nell'area grafica dello SpeedPak, di modo che la geometria nell'area attorno al puntatore rimanga visibile anche se non selezionabile. Quando il cerchio nell'area grafica attivo, nell'area che circonda il puntatore visibile solo la geometria selezionabile. Quando il cerchio nell'area grafica non attivo, tutta la geometria presente nell'area che circonda il puntatore visibile. Se il puntatore si trova sopra un'entit non selezionabile dello SpeedPak, assume laspetto .

Per abilitare o disabilitare il cerchio nell'area grafica dello SpeedPak, effettuare una delle operazioni seguenti: Fare clic su Strumenti > Opzioni > Visualizzazione/selezione e selezionare o deselezionare Visualizza cerchio grafica SpeedPak. Premere Alt+S. Per ulteriori informazioni sulla disabilitazione del cerchio nell'area grafica dello SpeedPak, vedere l'esempio in Creazione di SpeedPak da un assieme padre a pagina 79.

Creazione di SpeedPak da un assieme padre


possibile creare configurazioni SpeedPak per i sottoassiemi di un assieme padre. possibile scegliere di includere solo la grafica oppure includere facce, bordi e punti accoppiati come geometria risolta. Selezionare uno o pi sottoassiemi in un assieme. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Opzioni SpeedPak, quindi fare clic su uno dei comandi seguenti:

79

Configurazioni

Crea SpeedPak accoppiato

Include facce, bordi e punti accoppiati come geometria risolta, permettendo all'utente di creare altri accoppiamenti con tali entit. Le entit incluse come geometria risolta possono essere costituite da entit del sottoassieme associate ad altri componenti dell'assieme padre aperto o all'assieme padre aperto stesso. Consente di visualizzare la grafica del sottoassieme ma non include geometria risolta, per fornire prestazioni superiori.

Crea SpeedPak grafico

Viene creata una configurazione SpeedPak per la configurazione attiva del sottoassieme. Se il sottoassieme di primo livello, la configurazione SpeedPak diventa la configurazione attiva utilizzata dall'assieme padre. I miglioramenti prestazionali sono osservabili soprattutto con assiemi molto grandi e complessi. Poich l'assieme utilizzato nell'esempio seguente piccolo e semplice, l'aumento di prestazioni non rilevante.

Creazione di uno SpeedPak contenente solo grafica


possibile creare uno SpeedPak contenente solo grafica per un sottoassieme direttamente dall'assieme padre. 1. Aprire directory_installazione\samples\whatsnew\configurations\overender.sldasm.

2. Nel FeatureManager fare clic con il pulsante destro sul lifter del sottoassieme e scegliere Opzioni SpeedPak > Crea SpeedPak grafico. Viene creata una configurazione SpeedPak per la configurazione attiva del lifter. Nel FeatureManager, l'icona utilizzata nell'assieme. indica che la configurazione dello SpeedPak viene

80

Configurazioni

3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul lifter e scegliere Isola. Nell'area grafica tutti i componenti vengono nascosti tranne il lifter.

4. Spostare il puntatore sul sottoassieme. Si noti che nulla visibile nell'area intorno al puntatore, per indicare che non sono presenti entit selezionabili.

5. Nella barra degli strumenti popup Isola, Esci da Isola.

Creazione di uno SpeedPak accoppiato


possibile creare uno SpeedPak contenente facce, bordi e punti accoppiati come geometrie risolte direttamente dall'assieme padre. 1. Nel FeatureManager fare clic con il pulsante destro sullo slider del sottoassieme e scegliere Opzioni SpeedPak > Crea SpeedPak accoppiato. Viene creata una configurazione SpeedPak per la configurazione attiva del dispositivo di scorrimento. Nel FeatureManager, l'icona SpeedPak viene utilizzata nell'assieme. indica che la configurazione dello

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sullo slider e scegliere Isola. Nell'area grafica tutti i componenti vengono nascosti tranne lo slider.

81

Configurazioni

3. Spostare il puntatore sul sottoassieme. Si noti che pi entit sono visibili nell'area intorno al puntatore. Queste entit sono accoppiate ad altri componenti nell'assieme padre o all'assieme padre stesso ed possibile selezionarle per creare altri accoppiamenti.

4. Nella barra degli strumenti popup Isola, Esci da Isola.

Disabilitazione del cerchio grafica SpeedPak


possibile disabilitare il cerchio nell'area grafica dello SpeedPak, di modo che la geometria nell'area attorno al puntatore rimanga visibile anche se non selezionabile. 1. Premere il tasto Alt + S. Ora, quando si sposta il puntatore su un'entit SpeedPak non selezionabile, il puntatore assume l'aspetto , ma l'entit rimane visibile.

82

Configurazioni

2. Premere di nuovo Alt + S. Il cerchio grafica SpeedPak viene nuovamente visualizzato. Nell'area intorno al puntatore, le entit non selezionabili non sono visibili.

inoltre possibile fare clic su Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Visualizzazione/Selezione e selezionare o deselezionare Visualizza cerchio grafica SpeedPak per attivare o disattivare il cerchio grafica.

PropertyManager SpeedPak
Nel PropertyManager SpeedPak, in Attiva inclusione rapida il dispositivo di scorrimento Facce da includere stato rimosso. Il dispositivo di scorrimento Facce da includere non pi necessario poich rispetto alle versioni precedenti sono stati introdotti miglioramenti delle prestazioni per le operazioni di creazione, modifica e apertura di SpeedPak contenenti pi corpi.

Aggiornamento di SpeedPak di sottoassieme da un assieme padre


possibile aggiornare sottoassiemi di SpeedPak a partire dall'assieme padre. possibile selezionare e aggiornare uno o pi sottoassiemi di SpeedPak. A tale scopo fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Aggiorna SpeedPak. Per aggiornare tutti i sottoassiemi SpeedPak, possibile fare clic su Aggiorna SpeedPak (barra degli strumenti Assiemi) oppure fare clic con il pulsante destro del mouse sull'assieme di primo livello nel FeatureManager e scegliere Aggiorna tutti gli SpeedPak. L'aggiornamento di sottoassiemi SpeedPak pu richiedere molto tempo, a seconda del numero e della complessit degli SpeedPak non aggiornati nell'assieme padre.

Trasferimento delle propriet personalizzate quando si inseriscono parti configurate


Il trasferimento di propriet personalizzate durante l'inserimento di una parte configurata in un'altra parte stato migliorato. Vedere Trasferimento di propriet personalizzate a pagina 191.

83

9 SolidWorks Costing
Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Conversione di fori trapanati semplici in tasche fresate Parti multicorpo Parti tornite Interfaccia utente Funzioni con volume

Conversione di fori trapanati semplici in tasche fresate


possibile convertire fori semplici in tasche fresate circolari e riconvertire le tasche circolari in fori. Quando si convertono tasche fresate circolari in fori trapanati, nel modello di lavorazione necessario definire un diametro di foratura che corrisponda al diametro del foro o che sia al massimo il 10% pi piccolo del diametro della tasca circolare. Non possibile convertire fori che richiedono fori filettati o lamati. Per i fori trapanati semplici, nel CostingManager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione e selezionare Passa a Fresatura. In tal modo l'operazione di trapanatura verr convertita in operazione di fresatura. anche possibile trascinare la funzione foro semplice sulla cartella Operazioni di fresatura . Per le tasche fresate circolari convertite da fori trapanati, nel CostingManager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione e selezionare Passa a Trapanatura. In tal modo l'operazione di fresatura verr convertita in operazione di trapanatura. anche possibile trascinare la funzione tasca fresata circolare sulla cartella Operazioni di foratura .

Parti multicorpo
SolidWorks Costing consente di calcolare il costo di fabbricazione di parti multicorpo. Quando si applica Costing a parti multicorpo possibile selezionare un modello principale che controlla le operazioni di Costing a livello di parte. Il modello principale fa riferimento ad altri due modelli, uno per i corpi in lamiera e l'altro per i corpi lavorati. Il software riconosce automaticamente i corpi in lamiera. Per i corpi lavorati o personalizzati, possibile specificare il tipo di corpo nel Task Pane di Costing. Lo strumento Costing non calcola il costo dei corpi personalizzati. L'utente inserisce il costo di un corpo personalizzato nel Task Pane di Costing.

84

SolidWorks Costing

Per migliorare le prestazioni anche possibile passare dall'ambiente di Costing multicorpo all'ambiente di Costing per un corpo singolo. L'utente deve assegnare un costo personalizzato ai corpi di saldatura in una parte multicorpo.

Panoramica dei modelli Costing per le parti multicorpo


Quando una parte multicorpo include corpi in lamiera e corpi lavorati, lo strumento Costing fa riferimento a modelli separati per ogni tipo di corpo. In questa procedura, sono visualizzati i modelli per una parte multicorpo nell'editor modelli di Costing. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\costing\multibody.sldprt. Apparir una parte multicorpo. La parte include corpi lavorati, in lamiera e torniti.

2. Fare clic su Costing (barra degli strumenti Strumenti) oppure selezionare Strumenti > Costing. 3. Nel Task Pane di Costing: a) In Modelli Costing, nel Modello principale, selezionare multibodytemplate_default(metric). Il modello principale definisce le operazioni a livello di parte. Quando si seleziona il modello metrico principale di default, i modelli metrici di default per i corpi in lamiera e lavorati sono assegnati al modello principale nell'editor modelli di Costing. L'area dei messaggi del Task Pane di Costing verde per indicare che possibile iniziare la stima del costo. b) Fare clic su Avvia editor modelli. Sul nodo Generale dell'editor modelli di Costing, possibile visualizzare il Modello di lamiera e il Modello di lavorazione associati al modello principale. 4. Accanto al Modello di lamiera, fare clic su Visualizza. Apparir una scheda Lamiera, con i dati di costo associati alle parti in lamiera. possibile ripetere questo passo per il modello di lavorazione. 5. Chiudere l'editor modelli di Costing. Lasciare aperti la parte e il Task Pane di Costing per la procedura successiva.

85

SolidWorks Costing

Valutazione del costo di una parte multicorpo


In questa procedura, verr eseguita la funzione Costing per determinare il costo di fabbricazione di una parte in lamiera. 1. Nel Task Pane di Costing, esaminare l'Elenco corpi. Nell'elenco sono presenti quattro corpi. Questi corpi possono essere visualizzati nell'albero di disegno FeatureManager. Il tipo di corpo determina il modello di Costing a cui viene fatto riferimento per la stima del costo. Costing riconosce automaticamente i corpi in lamiera. necessario assegnare il tipo di corpo agli altri tipi di corpi nella parte. 2. Selezionare il tipo di corpo per ogni corpo nella parte: a) Nel Task Pane di Costing, in Elenco corpi, selezionare Taglio-Estrusione4. Il corpo selezionato evidenziato nell'area grafica.

Per Tipo di corpo automaticamente selezionato Lamiera. I materiali del corpo sono gi assegnati. b) Nel Task Pane di Costing, in Elenco corpi, selezionare Foro lamato per bullone a testa esagonale M6 e per Tipo di corpo selezionare Lavorazione a macchina. I materiali del corpo sono gi assegnati. c) Nel Task Pane di Costing, in Elenco corpi, selezionare Smusso 2 e per Tipo di corpo selezionare Lavorazione a macchina. I materiali del corpo sono gi assegnati. d) Inserire direttamente il costo di Costo effettivo corpo: 1. Nel Task Pane di Costing, in Elenco corpi, selezionare Costo effettivo corpo. 2. Per Tipo di corpo selezionare Personalizzato e per Costo personalizzato inserire 10. Lo strumento Costing non calcola il costo dei corpi personalizzati. Di conseguenza, l'utente inserisce il costo del corpo, ma non dei materiali. Dopo aver assegnato il tipo di corpo a ogni corpo della parte, nell'area dei messaggi verde viene indicato che possibile avviare la stima del costo. Per escludere il costo di uno o pi corpi prima del calcolo dei costi, selezionare i corpi e fare clic su Escludi. 3. Fare clic su Avvia stima dei costi. Il CostingManager visualizza i corpi con i relativi tipi e materiali nelle cartelle appropriate. Se si esclude un corpo dal calcolo dei costi, apparir nella cartella Nessun

86

SolidWorks Costing

costo assegnato . I corpi esclusi sono nascosti nell'area grafica. La cartella Impostazione contiene i costi di impostazione a livello di parte, non a livello di corpo. La cartella Operazioni personalizzate a livello di parte. Il costo di impostazione viene derivato dal tempo di impostazione specificato nel modello. 4. Nel CostingManager, espandere Corpi di lamiera. L'elenco contiene la parte in lamiera Taglio-Estrusione4. Espandendo Taglio-Estrusione4 possibile visualizzare il costo stimato del corpo e il modello applicato alla stima del costo. 5. Lasciare aperti la parte e il Task Pane di Costing per la procedura successiva.

Valutazione del costo di un corpo in una parte multicorpo


Quando si applica Costing a parti multicorpo possibile eseguire una stima del costo di un corpo, anzich dell'intera parte. 1. Nel CostingManager, fare doppio clic sul corpo Smusso 2.

Tutti gli altri corpi sono nascosti e il CostingManager e il Task Pane mostrano solo le informazioni sui costi del corpo smusso. 2. Nel CostingManager, fare clic su Torna a Ambiente multicorpo . La parte multicorpo apparir nell'area grafica e tutti i corpi appariranno nel CostingManager. 3. Chiudere la parte: a) Chiudere il Task Pane di Costing. b) Selezionare File > Salva con nome. c) Nella finestra di dialogo Salva con nome, selezionare Salva senza i dati Costing e fare clic su Salva.

Parti tornite
SolidWorks Costing consente di calcolare il costo di fabbricazione di parti tornite.

Valutazione del costo di una parte tornita


La fabbricazione di parti cilindriche richiede la tornitura. In questa procedura, verr eseguita la funzione Costing per determinare il costo di fabbricazione di una parte tornita. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\costing\turned.sldprt.

87

SolidWorks Costing

Apparir una parte cilindrica. 2. Fare clic su Costing (barra degli strumenti Strumenti) oppure selezionare Strumenti > Costing. 3. Nel Task Pane di Costing: a) In Modello a macchina, selezionare machiningtemplate_default(englishstandard). b) In Materiale, selezionare Acciaio per Classe e Acciaio al carbonio semplice per Nome. 4. In Stock Body, nella sezione Tipo, selezionare Cilindro. 5. In Costo stimato per parte, selezionare Fare clic per aggiornare. Lo strumento Costing elimina il costo di fabbricazione utilizzando le informazioni sul materiale nella parte. Il Task Pane di Costing visualizza il Costo stimato per parte. Il CostingManager nell'albero di disegno FeatureManager visualizza le operazioni rilevate che sono necessarie per fabbricare la parte.

88

SolidWorks Costing

Operazione Impostazione

Descrizione Vi sono quattro operazioni di impostazione per questa parte. Due delle operazioni sono obbligatorie per tutte le parti tornite. Quando si fabbrica una parte tornita, un'estremit della parte si trova nel mandrino, mentre l'altra viene lavorata a macchina. La sezione della parte all'interno del mandrino non pu essere lavorata a macchina finch la parte non viene capovolta. Contiene l'operazione di impostazione per fabbricare l'Intaglio 1 . Contiene l'operazione di impostazione per fabbricare il Foro 1 . Contiene le operazioni di impostazione necessarie per fabbricare la parte: Scanalatura Scanalatura del diametro esteriore. Il materiale OD 1 viene rimosso dalle facce esterne. Il rapporto tra la lunghezza (L) del materiale da rimuovere e la profondit (D) del materiale da rimuovere L: D o L/D. Scanalatura Scanalatura del diametro interno. Il materiale viene ID 1 rimosso dalle facce esterne. Il rapporto tra la lunghezza (L) del materiale da rimuovere e la profondit (D) del materiale da rimuovere L: D o L/D. Tornitura OD 2 Tornitura del diametro esterno. Il materiale viene rimosso dalle facce esterne di un solo lato della parte.

Operazione di impostazione 1 Operazione di impostazione 2 Operazione di impostazione 3

89

SolidWorks Costing

Operazione Operazione di impostazione 4

Descrizione Contiene ulteriori operazioni di impostazione necessarie per fabbricare la parte: Tornitura ID 1 Tornitura OD 1 Tornitura del diametro interno. Il materiale viene rimosso dalle facce esterne. Tornitura del diametro esterno. Il materiale viene rimosso dalle facce esterne dell'altro lato della parte.

Operazioni di fresatura

Asola 1

Il materiale viene rimosso dalla faccia.

Operazioni di tornitura

Scanalatura ID 1 Scanalatura OD 1 Tornitura OD 1 Tornitura ID 1 Tornitura OD 2

Operazioni di foratura Foro 1

Il materiale viene trapanato dalla faccia e quindi filettato.

6. Chiudere la parte: a) Chiudere il Task Pane di Costing. b) Selezionare File > Salva con nome. c) Nella finestra di dialogo Salva con nome, selezionare Salva senza i dati Costing e fare clic su Salva.

Interfaccia utente
Comando di menu e pulsante sulla barra degli strumenti Costing
possibile eseguire lo strumento Costing per parti in lamiera o lavorate con lo stesso comando. Non pi necessario scegliere tra gli strumenti Costing per le parti in lamiera o per le parti lavorate. Fare clic su Costing > Costing. (barra degli strumenti Strumenti) oppure selezionare Strumenti

90

SolidWorks Costing

CostingManager
possibile trascinare gli elementi su altre posizioni valide nel CostingManager. Ad esempio, possibile trascinare una ripetizione fori sulla cartella Nessun costo assegnato . anche possibile effettuare operazioni di trascinamento tra cartelle Impostazione . inoltre possibile selezionare pi elementi (Ctrl + selezione oppure Maiusc + selezione) nel CostingManager per applicare un'opzione comune agli elementi selezionati. Ad esempio, possibile selezionare contemporaneamente due operazioni di impostazione e applicare lo stesso valore di sovrascrittura costo a entrambe. possibile dissociare funzioni di libreria su corpi in lamiera. Se occorre fabbricare una funzione di libreria con una macchina al laser o a idrogetto, possibile dissociare la funzione di libreria in modo che lo strumento Costing possa calcolare il costo in base alla lunghezza da tagliare anzich in base ai tratti. Nell'albero di disegno FeatureManager, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione di libreria e selezionare Dissocia funzione di libreria. La funzione di libreria verr convertita in percorsi di taglio per la valutazione con lo strumento Costing. possibile spostare gli elementi tra varie cartelle Impostazione . Questa funzione utile quando si dispone di macchine in grado di fabbricare le parti con un numero inferiore di impostazioni. Ad esempio, quando si inizia la valutazione dei costi di fabbricazione di una parte lavorata, lo strumento Costing potrebbe creare due operazioni di impostazione perch sono presenti caratteristiche di lavorazione a macchina su due facce laterali della parte. Tuttavia, si potrebbe disporre di una macchina in grado di fabbricare entrambe le caratteristiche senza cambiare impostazione. In tal caso, possibile trasferire le caratteristiche da Operazione di impostazione 2 a Operazione di impostazione 1 per ridurre il costo eliminando Operazione di impostazione 2 . possibile utilizzare la tastiera per spostarsi all'interno del CostingManager. Quando si fa clic con il pulsante destro del mouse su una cartella nel CostingManager, possibile utilizzare il comando Espandi tutto o Comprimi tutto.

Modelli Costing
Sul nodo Macchina dell'editor modelli di Costing per un modello di lavorazione, possibile specificare i tipi di macchina trapano, fresa e tornio. Sul nodo Generale dell'editor modelli di Costing per un modello di lavorazione, possibile impostare i valori che concorrono alla determinazione del costo, incluso il Tempo di impostazione, ossia la quantit di tempo impiegata per impostare la tornitura della parte.

Funzioni con volume


Quando si applica lo strumento Costing a una parte che viene lavorata da un tipo di inventario blocco o cilindro, il software calcola la differenza tra il materiale inventario e la parte effettiva, escludendo le caratteristiche lavorate come fori e tasche. Questa differenza crea funzioni con volume che contribuiscono al costo della parte come conseguenza delle operazioni di fresatura necessarie. Alle funzioni con volume si deve il costo di lavorazione di una parte creata da un blocco o un cilindro. Il costo della parte lavorata include: Il costo dello stock body Il costo della lavorazione di un volume di materiale dallo stock body
91

SolidWorks Costing

Il volume di materiale estratto dallo stock body per produrre la parte definisce le funzioni con volume.

Lo strumento Costing calcola il contributo delle funzioni con volume al costo totale di lavorazione della parte. Dopo la stima del costo, le funzioni Volume appaiono nel CostingManager nella cartella Operazioni di fresatura . possibile cambiare lo strumento utilizzato per creare una funzione volume per regolare il costo. possibile fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione Volume e cambiare lo strumento per modificare il calcolo del costo. anche possibile visualizzare una funzione con volume nella cartella Nessun costo assegnato .

Calcolo del costo di una funzione con volume


In questo esempio verr calcolato il costo di una funzione con volume. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\costing\volume.sldprt.

2. Fare clic su Costing (barra degli strumenti Strumenti) oppure selezionare Strumenti > Costing. 3. Nel Task Pane Costing, in Modello di lavorazione, selezionare machiningtemplate_default(metric). 4. Per Classe, selezionare Acciaio e Acciaio al carbonio semplice per Nome. L'applicazione Costing stima il costo di fabbricazione.

92

SolidWorks Costing

5. Nel CostingManager espandere Operazioni di fresatura . 6. Espandere la funzione Volume 1. 7. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Fresatura superfici piatte e selezionare Fresatura superfici piatte (Fresatura) > 15,00 mm. Il cambio di utensile determina un aumento del costo della funzione con volume e la stima del costo del pezzo viene aggiornata nel Task Pane di Costing. 8. Chiudere la parte: a) Chiudere il Task Pane di Costing. b) Selezionare File > Salva con nome. c) Nella finestra di dialogo Salva con nome fare clic su Salva senza i dati Costing e fare clic su Salva.

93

10 Disegni e dettagli
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Bollature Quote Viste di disegno Livelli Altre annotazioni Tabelle

Bollature
Funzionamento della funzionalit di bollatura sulle bollature esistenti
possibile utilizzare le funzioni di bollatura automatica nelle viste di disegno con bollature esistenti. Pur essendo ancora necessaria una distinta materiali, non necessario creare le bollature esistenti con la bollatura automatica.

Aggiornamento delle bollature create con l'annotazione Bollatura automatica


Per aggiornare le bollature esistenti con Bollatura automatica: 1. In una vista di disegno contenente una distinta materiali e bollature con Numero articolo come relativo testo, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Bollatura automatica. Questo esempio mostra le bollature automatiche inserite.

94

Disegni e dettagli

2. Nel PropertyManager di Bollatura automatica, in Modifica bollature: a) Selezionare Sostituisci bollature per eliminare tutte le bollature con Numero articolo come relativo testo e inserire le bollature come specificato dal PropertyManager di Bollatura automatica. b) Selezionare Nuova sequenza bollature esistenti per modificare l'ordine delle bollature esistenti. 3. Se si seleziona Sostituisci bollature, possibile specificare i parametri di bollatura automatica. In questo esempio, in Impostazioni bollature, Stile impostato su nessuno e Testo bollatura su Nome file.

4. Se si seleziona Nuova sequenza bollature esistenti, possibile modificare solo i parametri in Numeri articolo, che includono Inizio e Incremento, nonch specificare l'opzione Segui ordine di assieme o Ordine sequenziale. In questo esempio, Inizio impostato su 1, Incremento impostato su 1 e l'opzione Ordine sequenziale selezionata.

95

Disegni e dettagli

5. Fare clic su

Per ordinare le bollature in modo sequenziale, il disegno deve contenere una distinta materiali.

Riordinamento in modo sequenziale delle bollature create con l'annotazione Bollatura


Per riordinare in modo sequenziale le bollature create con l'annotazione Bollatura: 1. In una vista di disegno contenente bollature create con Bollatura, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Bollatura automatica. Questo esempio contiene 4 bollature con Numeri articolo e 2 bollature con Numero parte (Distinta materiali).

2. Nel PropertyManager di Bollatura automatica, in Modifica bollature:

96

Disegni e dettagli

Selezionare Sostituisci bollature per eliminare tutte le bollature con Numero articolo come relativo testo e inserire le bollature come specificato dal PropertyManager di Bollatura automatica. Selezionare Nuova sequenza bollature esistenti per modificare l'ordine delle bollature esistenti. 3. Se si seleziona Sostituisci bollature, possibile specificare i parametri di bollatura automatica. In questo esempio, in Impostazioni bollature, Stile impostato su Quadrato e Testo bollatura su Quantit. Le bollature con Numero articolo vengono rimosse, quelle con altro Testo bollatura restano e vengono inserite tutte le bollature automatiche.

4. Se si seleziona Nuova sequenza bollature esistenti, possibile modificare solo i parametri in Numeri articolo, che includono Inizio e Incremento, nonch specificare l'opzione Segui ordine di assieme o Ordine sequenziale. In questo esempio, Inizio impostato su 1 e Incremento impostato su 1.

5. Fare clic su

97

Disegni e dettagli

Per ordinare le bollature in modo sequenziale, il disegno deve contenere una distinta materiali.

Miglioramenti della bollatura automatica


I miglioramenti della bollatura automatica consentono di posizionare meglio frecce e bollature con un minor lavoro di modifica successiva. I miglioramenti del posizionamento delle bollature automatiche includono: Per istanze multiple della stessa parte, le bollature sono rivolte verso l'istanza pi vicina. Quando selezionata l'opzione Bordi in Layout delle bollature del PropertyManager di Bollature automatiche: Le frecce non sono pi rivolte verso i vertici. Le frecce non sono pi rivolte verso i bordi laterali distanti di un modello, a meno che non ci sia un'altra soluzione. Quando selezionata l'opzione Facce in Layout delle bollature del PropertyManager di Bollature automatiche: I punti di attacco non appaiono pi sulle superfici pi di scorcio. I punti di attacco non appaiono pi accanto ai bordi del modello, se possibile. I punti di attacco non appaiono pi su porzioni di una superficie nascoste dalla geometria, se possibile.

Opzioni del campo Testo bollatura


Quando si creano o si modificano bollature, nel campo Testo bollatura sono ora disponibili due nuove opzioni, ovvero Numero parte (Distinta materiali) e Nome file.

Inserimento di bollature con numeri di parte


Per inserire bollature con numeri di parte dalla distinta materiali: 1. In un disegno, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Bollatura. Viene visualizzato il PropertyManager di Bollatura. 2. In Impostazioni bollature, fare clic su Testo bollatura e quindi su Numero parte (Distinta materiali). 3. Impostare le opzioni. 4. Fare clic nellarea grafica per posizionare la bollatura. 5. Continuare ad aggiungere le bollature e al termine fare clic su .

98

Disegni e dettagli

Per inserire bollature con il nome del file, seguire la stessa procedura e fare clic su Nome file anzich su Numero parte (Distinta materiali) in Testo bollatura.

Selezionando Nome file viene visualizzato il nome del file senza l'estensione.

Quote
Aggiunta di quote alle quote della linea di base
possibile aggiungere nuove quote alle quote della linea di base. Le quote delle linee di base possono essere sistemate in modo automatico utilizzando Quote di auto sistemazione nella tavolozza delle quote.

Aggiunta di quote alle quote della linea di base esistenti


Per aggiungere nuove quote a un gruppo esistente di quote della linea di base:

99

Disegni e dettagli

1. Fare clic on il pulsante destro del mouse su una delle quote della linea di base esistenti e scegliere Aggiungi a linea di base. Il cursore assume l'aspetto e viene attivato lo strumento Linea base.

2. Fare clic sui nuovi elementi della vista del disegno da aggiungere alle quote della linea di base. Quando si aggiungono nuovi elementi alla linea di base, il gruppo di quote della linea di base si riordina per accogliere le quote aggiuntive. Per specificare la spaziatura nelle quote della linea di base, utilizzare Strumenti > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento fare clic su Quote e in Distanze offset impostare la spaziatura.

Sistemazione automatica delle quote della linea di base


Per sistemare automaticamente le quote della linea di base: 1. Selezionare le quote della linea di base. 2. Quando viene visualizzato il pulsante di attivazione della tavolozza delle quote spostare il puntatore su di esso per visualizzare la tavolozza delle quote. 3. Nella tavolozza delle quote, fare clic su Quote di auto sistemazione . ,

Quote di tolleranza e di precisione importate parametriche con il modello


possibile rendere parametriche con il modello le impostazioni relative alla precisione di quote e valori di tolleranza importati. Un cambiamento della precisione nel modello o nel disegno comporter la modifica della precisione in entrambe le posizioni.

Collegamento della precisione di tolleranza e unit al modello


Per collegare la precisione di tolleranza e unit di quote importate in un disegno al modello: 1. Nel disegno, selezionare la quota. 2. Nel PropertyManager di Quota, in Tolleranza/Precisione, selezionare Collega precisioni a modello. 3. Fare clic su .

Quando si seleziona per la prima volta Collega precisioni a modello nel PropertyManager, viene utilizzata la precisione definita nel modello. Eventuali modifiche successive alla precisione di tolleranza e unit apportate nel modello o nel disegno comporteranno la modifica della precisione in entrambe le posizioni.

100

Disegni e dettagli

Impostazione di un default per collegare la precisione di tolleranza e unit al modello


Per collegare per default la precisione di tolleranza e unit al modello: 1. fare clic su Strumenti, > Opzioni. 2. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Quote. 3. In Precisione primaria, selezionare Collega precisioni a modello per collegare la precisione di tolleranza e unit primaria. 4. In Precisione duplice, selezionare Collega precisioni a modello per collegare la precisione di tolleranza e unit secondaria. 5. Fare clic su OK.

Miglioramento delle frecce sulle quote radiali


disponibile una nuova opzione che consente di impostare la direzione delle frecce di tipo Intelligente in modo da coincidere automaticamente con la posizione del testo della quota. Versioni precedenti SolidWorks 2013

Se il testo della quota esterno all'arco dettagliato, la freccia viene visualizzata all'esterno dell'arco e rivolta verso il centro dell'arco. Se il testo della quota interno all'arco dettagliato, la freccia viene visualizzata all'interno dell'arco e rivolta in direzione opposta al centro dell'arco. Laddove possibile, la punta della freccia si attacca all'arco. Gli archi di estensione appaiono solo se la punta della freccia non pu essere attaccata all'arco.

Attacco di frecce di tipo intelligente agli archi


Per attaccare a un arco frecce di tipo intelligente non rivolte verso il testo della quota: 1. fare clic su Strumenti, > Opzioni. 2. Nella scheda Propriet del documento, espandere Quote e fare clic su Raggio. 3. In Posizionamento delle frecce, selezionare Frecce intelligenti attaccate agli archi e non rivolte verso la quota. 4. Fare clic su OK.

101

Disegni e dettagli

Miglioramento del controllo delle linee di estensione e di quotatura


Nelle quote lineari e radiali, possibile interrompere separatamente le linee di estensione e di quotatura intorno ad altri elementi di quotatura. Linee di interruzione non selezionate

Linee di interruzione selezionate per entrambe le opzioni

Nelle quote lineari e radiali, possibile controllare gli elementi di una quota da interrompere intorno ad altri elementi di quotatura. Nella scheda Linee di associazione del rispettivo PropertyManager, in Linee di interruzione: Selezionare Interrompi linee di estensione per interrompere le linee di estensione intorno alle linee di quotatura e altre linee di estensione. Selezionare Interrompi linea di estensione per interrompere la linea di quotatura intorno alle linee di quotatura e altre linee di estensione. In Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Quote, l'opzione Interrompi solo intorno alle frecce della quota limita comunque le interruzioni solo intorno alle frecce della quota quando si seleziona una delle opzioni precedenti.

102

Disegni e dettagli

Interruzione solo intorno alle linee di estensione

Interruzione delle linee di estensione e delle linee di quotatura

Interruzione solo delle linee di quotatura

103

Disegni e dettagli

Interruzione solo intorno alle frecce della quota

Inserimento di quote con tolleranze


Quando si inseriscono elementi del modello, possibile importare specificamente le quote con tolleranze dal modello. ora possibile inserire in un disegno solo le quote con tolleranze. Tutte le quote:

Solo le quote con tolleranze:

104

Disegni e dettagli

Inserimento di quote con tolleranze


Per inserire solo quote con tolleranze: 1. In un disegno, fare clic su Inserisci > Elementi del modello. 2. Nel PropertyManager di Elementi modello, nella sezione Quote, deselezionare Contrassegnato per disegni 3. Impostare le opzioni. 4. Fare clic su . e fare clic su Quote con tolleranza .

Quote con linee di associazione ISO per raggio e diametro


In tutti gli standard internazionali e ISO, le quote con linee di associazione per raggio e diametro vengono allegate al quadro di controllo della funzione di quotatura e tolleranza di forma anzich al testo della quota. Le linee di associazione piegate vengono allineate con il centro del quadro di controllo della funzione sul lato della freccia, inclusi i simboli di quadri compositi e multipli.

105

Disegni e dettagli

In precedenza, le linee di associazione piegate venivano attaccate al testo della quota. Per fini legacy, le quote esistenti restano nello stesso in cui in cui sono state originariamente posizionate.

Per aggiornare le quote al nuovo stile: 1. 2. 3. 4. fare clic su Strumenti, > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Quote. Selezionare Applica regole aggiornate. Fare clic su OK.

Una volta applicate le regole aggiornate, l'opzione Applica regole aggiornate non potr pi essere selezionata e tutte le quote esistenti nel disegno passeranno al comportamento di visualizzazione conforme allo standard ISO.

Miglioramenti alle linee di associazione piegate per raggio, diametro, smusso e didascalia foro
Le spalle delle quote con linee di associazione piegate per raggio, diametro, smusso e didascalia foro vengono visualizzate in modo coerente, in allineamento con la riga appropriata del testo della quota. Le piegature si estendono fino a raggiungere la fine di una riga di testo quando la linea di associazione si trova sul lato opposto all'allineamento della didascalia.

Quote con linee di associazione piegate e allineamento


Le spalle delle linee di associazione piegate per raggio, diametro, smusso e didascalia foro vengono visualizzate in modo coerente, in allineamento con la riga appropriata del testo della quota. Le linee di associazione sui lati sinistro e destro impostate su Allineamento superiore vengono centrate alla riga superiore del testo della quota. Le linee di associazione sui lati sinistro e destro impostate su Allineamento inferiore vengono centrate alla riga inferiore del testo della quota.

106

Disegni e dettagli

Le linee di associazione sui lati sinistro e destro allegate a testo della quota con Allinea a sinistra mantengono uno spazio coerente tra la spalla e il testo. Per allineare verticalmente la spalla della linea di associazione piegata con la riga di testo appropriata, fare clic su Opzioni > Propriet del documento > Quote e selezionare Applica regole aggiornate. Se non si seleziona questa opzione, l'allineamento verticale delle spalle delle linee di associazione piegate rimane inalterato.

Spalle delle linee di associazione piegate


Una nuova opzione di default consente alle spalle delle quote con linee di associazione piegate di raggiungere la fine della riga del testo della quota. In precedenza, quando una freccia si trovava sul lato opposto dell'allineamento (a sinistra o a destra), la spalla si interrompeva sul punto pi vicino alla piegatura. Questa opzione estende la spalla fino a raggiungere la riga del testo allineato (superiore o inferiore). Per impostare l'opzione di default, fare clic su Opzioni > Propriet del documento > Quote e in Linee di associazione piegate selezionare Estendi al testo.

Centro di massa di riferimento nei disegni


Nei disegni, il centro di massa un'entit selezionabile a cui possibile fare riferimento per la creazione di quote. In un disegno possibile creare quote di riferimento tra punti del centro di massa ed entit geometriche quali punti e bordi.

107

Disegni e dettagli

Inserimento di un centro di massa in un disegno


La parte o l'assieme deve includere un centro di massa. Per inserire un centro di massa: 1. In un disegno, fare clic su Inserisci > Elementi del modello. 2. Nel PropertyManager di Elementi del modello, in Geometria di riferimento fare clic su Centro di massa .

3. Fare clic su . possibile creare quote tra punti del centro di massa ed entit geometriche utilizzando uno dei metodi di quotatura. Per visualizzare il centro di massa in un disegno, fare clic su Visualizza > Centro di massa.

Viste di disegno
Conversione di una vista di disegno in schizzo
Tramite il menu di scelta rapida, possibile convertire una vista di disegno in entit di schizzo o in un blocco di entit di schizzo. In una vista di disegno, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Converti vista in schizzo. Nel PropertyManager di Converti vista in schizzo sono disponibili le seguenti opzioni:

108

Disegni e dettagli

Sostituisci Sostituisce la vista di disegno con entit di schizzo 2D equivalenti. vista con schizzo

Vista di disegno originale.

Entit di schizzo 2D equivalenti

109

Disegni e dettagli

Sostituisci Sostituisce la vista di disegno con entit di schizzo 2D equivalenti vista con raggruppate in un blocco. blocco

Vista di disegno originale.

Blocco con entit di schizzo 2D equivalenti

Inserisci come blocco

Crea un blocco separato costituito da entit di schizzo 2D equivalenti che possibile sistemare in qualsiasi posizione nel disegno.

110

Disegni e dettagli

In questo esempio, il blocco di destra viene aggiunto alla vista di disegno anzich sostituire la vista di disegno di sinistra.

Viste esplose multiple


I disegni possono contenere pi viste esplose per ogni configurazione. Se un assieme o una parte multicorpo contiene pi viste esplose, ora possibile includerle nel disegno utilizzando una nuova selezione tramite l'elenco a discesa all'interno delle propriet della vista del disegno.

Inclusione di viste esplose multiple in un disegno


Per includere pi viste esplose in un disegno: 1. Creare il disegno di un assieme o di una parte multicorpo che contiene viste esplose multiple. 2. In una vista del disegno, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Propriet. 3. In Informazioni sulla configurazione, selezionare Mostra in stato esploso. 4. Selezionare una vista esplosa dall'elenco a discesa. 5. Fare clic su OK. 6. Selezionare un'altra vista del disegno, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Propriet. 7. In Informazioni sulla configurazione, selezionare Mostra in stato esploso. 8. Selezionare un'altra vista esplosa dall'elenco a discesa. 9. Fare clic su OK.

Nuovi tipi di bordi per le viste di ripetizioni piatte


Nelle viste di disegno di ripetizioni piatte, possibile specificare due nuovi tipi di bordi, ovvero Piega in alto, ripetizione piatta e Piega in basso, ripetizione piatta. Con Piega in alto, ripetizione piatta viene utilizzata per default una linea continua sottile, mentre con Piega in basso, ripetizione piatta viene utilizzata per default una linea tratteggiata sottile. Questi nuovi tipi di bordi vengono utilizzati dalle nuove ripetizioni piatte.

111

Disegni e dettagli

Per accedere o modificare i tipi di bordo, fare clic su Strumenti > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Carattere della linea e in Tipo di bordo fare clic su Piega in alto, ripetizione piatta o Piega in basso, ripetizione piatta.

Nuova interfaccia utente dello strumento Sezione


Utilizzare la modalit di schizzo migliorata delle viste in sezione con la nuova interfaccia utente dello strumento Sezione per creare viste in sezione e viste in sezione allineata. La nuova interfaccia consente di creare viste in sezione, viste in sezione allineata e viste in semisezione in un disegno. La singola interfaccia supporta gli standard basati su ISO e ASME. Nella modalit Modifica schizzo per le viste in sezione create in SolidWorks 2013, le linee definite Per costruzione in un PropertyManager sono considerate sfalsamenti e vengono ignorate nella vista in sezione inserita. Questo facilita la creazione di viste in sezione conformi ai requisiti ASME, ISO e di altri standard. Le viste in sezione create in SolidWorks 2012 e versioni precedenti mantengono l'aspetto precedente. Se necessario creare queste linee di costruzione ignorate da viste in sezione create in versioni di SolidWorks precedenti, occorre ricrearle in SolidWorks 2013. Ci assicura che i disegni non vengano modificati automaticamente senza che l'utente lo desideri.

Inserimento di una vista in sezione o mezza sezione


Per inserire una vista in sezione o mezza sezione, in un disegno fare clic su Vista in sezione Sezione. (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno >

Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione o Mezza sezione. Sezione Selezionare la linea di taglio:

Verticale

Orizzontale

Ausiliaria

Allineato

possibile utilizzare Tab per spostarsi tra le Linee di taglio in Sezione o Mezza sezione. Dopo aver selezionato e posizionato la linea di taglio nella vista del disegno, viene visualizzata la finestra a comparsa Vista in sezione.

112

Disegni e dettagli

Utilizzare la finestra a comparsa Vista in sezione per aggiungere offset alla vista in sezione. Selezione Funzione Passaggi aggiuntivi

Aggiungi offset arco Selezionare il primo punto dell'arco sulla linea di taglio, quindi il secondo punto. Aggiungi offset singolo Selezionare il primo punto dell'offset sulla linea di taglio, quindi il secondo punto.

Aggiungi offset tacca Selezionare sulla linea di taglio il primo punto della tacca, il secondo punto per la larghezza della tacca, quindi il terzo punto per la profondit della tacca. Torna indietro

OK (aggiunge la vista)

Annulla (annulla la vista)

Se si seleziona Avvio automatico vista sezione nel PropertyManager di Vista in sezione, la finestra a comparsa Vista in sezione non apparir, consentendo di visualizzare immediatamente l'anteprima e di posizionare la vista in sezione nel disegno. possibile aggiungere pi offset a una vista in sezione. L'offset a tacca pu essere applicato a qualsiasi segmento della linea di taglio. L'offset singolo e l'offset ad arco possono essere applicati solo a uno dei segmenti della linea di taglio. La linea di taglio fa riferimento alla geometria del disegno. Mezza sezione Selezionare il tipo di mezza sezione:

113

Disegni e dettagli

Parte superiore a destra

Parte superiore a sinistra

Parte inferiore a destra

Parte inferiore a sinistra

Parte sinistra in basso

Parte destra in basso

Parte sinistra in alto

Parte destra in alto

Il vertice fa riferimento alla geometria del disegno.

Inserimento di una vista in sezione verticale


Per inserire una vista in sezione verticale: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview1.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, selezionare Avvio automatico vista sezione se non gi selezionato.

5. Fare clic su Verticale fare clic.

e spostare la linea di taglio nella posizione mostrata e

114

Disegni e dettagli

Se viene visualizzata la finestra di dialogo Vista in sezione, fare clic su OK. 6. Trascinare l'anteprima sulla destra e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Inserimento di una vista in sezione ausiliaria


Per inserire una vista in sezione ausiliaria: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview2.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, selezionare Avvio automatico vista sezione se non gi selezionato.

5. Fare clic su Ausiliaria mostrata e fare clic.

, spostare la linea di taglio e il puntatore nella posizione

6. Spostare il puntatore della linea di taglio.

nella posizione mostrata e fare clic per impostare l'angolo

115

Disegni e dettagli

Se viene visualizzata la finestra di dialogo Vista in sezione, fare clic su OK. 7. Trascinare l'anteprima sulla sinistra e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Inserimento di una vista in sezione con un offset ad arco


Per inserire una vista in sezione con un offset ad arco: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview3.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, deselezionare Avvio automatico vista sezione. In questo modo viene eliminato l'inserimento automatico della vista in sezione ed possibile aggiungere altri offset alla vista.

5. Fare clic su Orizzontale e fare clic per posizionarla.

e spostare la linea di taglio nella posizione mostrata

116

Disegni e dettagli

Viene visualizzata la finestra a comparsa Vista in sezione.

6. Fare clic su

per aggiungere un offset ad arco. nella posizione mostrata e fare clic per selezionare il primo

7. Spostare il puntatore punto dell'arco.

Questo punto deve trovarsi sulla linea di taglio. 8. Spostare il puntatore nella posizione mostrata e fare clic per selezionare il secondo punto dell'arco.

117

Disegni e dettagli

9. Fare clic su per chiudere la finestra a comparsa Vista in sezione. 10. Trascinare l'anteprima nella posizione mostrata e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Inserimento di una vista in sezione con un offset singolo


Per inserire una vista in sezione con un offset singolo: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview4.slddrw.

118

Disegni e dettagli

2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, deselezionare Avvio automatico vista sezione. In questo modo viene eliminato l'inserimento automatico della vista in sezione ed possibile aggiungere altri offset alla vista.

5. Fare clic su Verticale fare clic per posizionarla.

e spostare la linea di taglio nella posizione mostrata e

Viene visualizzata la finestra a comparsa Vista in sezione.

6. Fare clic su

per aggiungere un offset singolo. nella posizione mostrata e fare clic per selezionare il primo

7. Spostare il puntatore punto dell'offset.

119

Disegni e dettagli

8. Spostare il puntatore nella posizione mostrata e fare clic per selezionare il secondo punto dell'offset.

9. Fare clic su per chiudere la finestra a comparsa Vista in sezione. 10. Trascinare l'anteprima nella posizione mostrata e fare clic per posizionare la vista in sezione.

120

Disegni e dettagli

Inserimento di una vista in sezione con un offset a tacca


Per inserire una vista in sezione con un offset a tacca: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview4.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, deselezionare Avvio automatico vista sezione. In questo modo viene eliminato l'inserimento automatico della vista in sezione ed possibile aggiungere altri offset alla vista.

5. Fare clic su Orizzontale e fare clic per posizionarla.

, spostare la linea di taglio nella posizione mostrata

Viene visualizzata la finestra a comparsa Vista in sezione.

121

Disegni e dettagli

6. Fare clic su

per aggiungere un offset a tacca. nella posizione mostrata e fare clic per selezionare il primo

7. Spostare il puntatore punto della tacca.

Questo punto deve trovarsi sulla linea di taglio. 8. Spostare il puntatore nella posizione mostrata e fare clic per selezionare la larghezza della tacca.

Questo punto deve trovarsi sulla linea di taglio. 9. Spostare il puntatore nella posizione mostrata e fare clic per selezionare la profondit della tacca. Viene visualizzata la finestra a comparsa Vista in sezione.

122

Disegni e dettagli

A questo punto, possibile aggiungere altri offset alla vista.

10. Fare clic su per chiudere la finestra a comparsa Vista in sezione. 11. Trascinare l'anteprima nella posizione mostrata e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Inserimento di una vista in mezza sezione


Per creare una vista in mezza sezione: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview3.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Mezza sezione.

123

Disegni e dettagli

4. In Mezza sezione, fare clic su Parte superiore a destra 5. Spostare il puntatore

nella posizione mostrata e fare clic per posizionarlo.

6. Trascinare l'anteprima sulla destra e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Inserimento di una vista in sezione allineata


Per creare una vista in sezione allineata: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview2.slddrw. 2. Fare clic su Vista in sezione (barra degli strumenti Disegno) o su Inserisci > Vista del disegno > Sezione. 3. Nel PropertyManager di Vista in sezione, fare clic su Sezione. 4. In Linea di taglio, selezionare Avvio automatico vista sezione se non gi selezionato.

5. Fare clic su Allineata mostrata e fare clic.

e spostare il vertice della linea di taglio nella posizione

124

Disegni e dettagli

6. Spostare la parte iniziale della prima linea di taglio nella posizione mostrata e fare clic.

7. Spostare la parte iniziale della seconda linea di taglio nella posizione mostrata e fare clic.

125

Disegni e dettagli

Se viene visualizzata la finestra di dialogo Vista in sezione, fare clic su OK. 8. Trascinare l'anteprima sulla destra e fare clic per posizionare la vista in sezione.

Salvataggio di una vista di disegno come file DXF o DWG


possibile salvare una vista di disegno come file DXF o DWG direttamente dal PropertyManager di Vista del disegno. DWG il formato file nativo per il software AutoCAD di Autodesk ed un marchio di Autodesk, Inc.

Salvataggio di una vista di disegno dal PropertyManager


Per salvare una vista di disegno come file .dxf o .dwg dal PropertyManager di Vista del disegno: 1. Selezionare una vista di disegno. 2. Nel PropertyManager di Vista del disegno, espandere Salva vista con nome. 3. Trascinare il manipolatore per impostare l'origine nel file. 4. Fare clic su Salva vista come DXF/DWG . 5. Nella finestra di dialogo Salva con nome: a) Immettere un nome per il file. b) Selezionare Dxf o Dwg come tipo di file. c) Immettere una descrizione e impostare le opzioni. d) Selezionare o deselezionare Esporta solo geometria del modello. Con questa opzione le altre annotazioni di schizzo associate alla vista selezionata verranno ignorate. e) Fare clic su Salva.

126

Disegni e dettagli

Supporto di disegni SpeedPak


I disegni SpeedPak supportano le viste in sezione. possibile definire quote e annotazioni (solo corpi inclusi).

Livelli
Tacche di centratura e linee di mezzeria assegnate a livelli
Quando si utilizza l'opzione Per Standard come livello di disegno, possibile assegnare livelli di default a tacche di centratura e linee di mezzeria nei disegni. fare clic su Strumenti, > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Linee di mezzeria/Tacche di centratura. Utilizzare Livello linea di mezzeria per impostare il livello per gli elementi creati con lo strumento Linea di mezzeria. Utilizzare Livello tacca di centratura per impostare il livello per gli elementi creati con lo strumento Tacca di centratura, incluse le estensioni lineari e circolari tra tacche di centratura.

Miglioramento dell'accesso alla funzione dei livelli


L'accesso alla funzione di assegnazione dei livelli pu essere effettuato dalle barre degli strumenti e dal CommandManager. inoltre possibile assegnare un collegamento rapido alla funzione Cambia livello. possibile aggiungere la funzionalit dei livelli alle barre degli strumenti (inclusa la barra dei collegamenti), al CommandManager e ai tasti di scelta rapida. L'accesso ai livelli disponibile anche facendo clic con il pulsante destro del mouse in un disegno.

Cambiamento del livello di un documento


Per cambiare il livello di un documento: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul disegno, ma non su un elemento del disegno. 2. Nel menu di scelta rapida, fare clic su Cambia livello . 3. Quando viene visualizzata la finestra di dialogo, spostare il puntatore su di essa per attivarla.

4. Nella finestra di dialogo, fare clic sulla freccia e quindi su un livello.

Cambiamento del livello di un elemento del disegno


Per cambiare il livello di un elemento del disegno: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'elemento, ad esempio su un'annotazione.

127

Disegni e dettagli

2. Nel menu di scelta rapida, fare clic su Cambia livello . 3. Quando viene visualizzata la finestra di dialogo, spostare il puntatore su di essa per attivarla. 4. Nella finestra di dialogo, fare clic sulla freccia e quindi su un livello. Se si selezionano pi elementi del disegno, possibile cambiare contemporaneamente il livello di tutti gli elementi.

Altre annotazioni
Opzione Visualizza nota dietro al foglio
possibile impostare le note nel formato foglio in modo che vengano visualizzate sempre al di sotto degli oggetti del foglio di disegno, consentendo quindi di collocare nel formato foglio annotazioni che possono fungere da watermark.

Selezionato

Opzione deselezionata

Questa opzione visualizza la nota sul formato foglio dietro agli oggetti di disegno.

128

Disegni e dettagli

Invio di una nota sul retro


Per visualizzare una nota dietro al foglio di disegno: Nel formato del foglio di disegno, fare clic con il pulsante destro del mouse su una nota esistente e scegliere Visualizza nota dietro al foglio.

Supporto di simboli delle spine di centraggio


disponibile una nuova opzione del documento per la creazione automatica di tutti i simboli delle spine di centraggio durante la creazione di una vista. inoltre possibile inserire automaticamente tutti i simboli delle spine di centraggio in una vista di disegno dopo la sua creazione.

Inserimento automatico dei simboli delle spine di centraggio


Per inserire automaticamente i simboli delle spine di centraggio dopo la creazione di una vista: 1. In un disegno, fare clic su Simbolo spina di centraggio (barra degli strumenti Annotazione) o su Annotazioni > Simbolo spina di centraggio. 2. Nel PropertyManager di Simbolo spina di centraggio, in Inserimento automatico, selezionare Per tutti i fori di centraggio. 3. Impostare le opzioni. 4. Selezionare una o pi viste del disegno. 5. Fare clic su per inserire i simboli delle spine di centraggio.

Impostazione delle propriet del documento per i simboli delle spine di centraggio
Per impostare le propriet del documento per la creazione automatica di tutti i simboli delle spine di centraggio durante la creazione di una vista: 1. In un disegno, fare clic su Strumenti > Opzioni. 2. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Dettagli. 3. In Inserimento automatico in creazione vista, selezionare: Simboli centraggio -parte Simboli centraggio -assieme 4. Fare clic su OK.

GTOL consente notazioni sotto il quadro di controllo della funzione


Nella tolleranza di forma, possibile aggiungere testo come OVUNQUE o LIMITE sotto il quadro di controllo della funzione senza utilizzare il PropertyManager. Quando si inserisce un simbolo di tolleranza di forma, nella finestra di dialogo Propriet, in Sotto la cornice possibile immettere un testo che verr inserito sotto il quadro di controllo della funzione.

129

Disegni e dettagli

Inserimento di testo sotto il quadro di controllo della funzione


Per inserire testo: 1. In un disegno, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Tolleranza di forma. 2. Nella finestra di dialogo Propriet: a) Impostare i parametri. b) In Sotto la cornice, immettere il testo che deve essere visualizzato sotto il quadro di controllo della funzione. 3. Fare clic su OK.

Miglioramenti dei simboli di saldatura JIS


Sono disponibili miglioramenti per la creazione di simboli di saldatura conformi allo standard JIS Z 3021.

Nuovi simboli di saldatura


Sono disponibili i seguenti nuovi simboli di saldatura: Flangia singola Punti JIS (elettrodo piatto) Placcatura (2009) Placcatura (2010)

V svasata Smusso svasato

Il simbolo della saldatura di testa a V stato aggiornato in modo da corrispondere allo standard JIS con un angolo di 90 gradi tra le due linee.

Metodo di finitura
L'opzione Metodo di finitura ora disponibile nella scheda Simbolo di saldatura JIS della finestra di dialogo Propriet con le seguenti opzioni: Nessuno
130

Disegni e dettagli

C - Chipping G - Grinding M - Machining F - Unspecified

Altri miglioramenti dei simboli di saldatura JIS


Dimensione del testo I simboli di saldatura sono dimensionati per il carattere a 13 del simbolo punti. Nella scheda Simbolo di saldatura JIS della finestra di dialogo Propriet, se si seleziona Interno, l'Apertura radice appare ora all'interno del simbolo di saldatura con una dimensione pi appropriata. Ogni altro testo viene visualizzato nella posizione e nella dimensione appropriate per la dimensione del simbolo di saldatura e gli standard JIS. Posizione dell'angolo La posizione dell'Angolo scanalatura viene ora visualizzata di scanalatura all'esterno del simbolo di saldatura nel caso in cui sia selezionata l'opzione Interno o non sia specificata Apertura radice. Libreria Simboli di saldatura JIS Simboli JIS e ANSI La libreria Simboli di saldatura JIS ora l'impostazione di default quando si creano nuovi simboli di saldatura. Gli elementi dei simboli Contorno e Metodo di finitura uguali in ANSI e JIS vengono ora mappati in modo appropriato quando si passa dallo standard di disegno ANSI a quello JIS e viceversa.

Collegamento di propriet della distinta di taglio ad annotazioni


possibile collegare propriet della distinta di taglio ad annotazioni quali note, bollature, colonne di tabelle BOM e viste di ripetizioni piatte di lamiere.

Collegamento di una propriet della distinta di taglio a una bollatura


Per collegare una propriet della distinta di taglio a una bollatura: 1. In un disegno con propriet della distinta di taglio, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Bollatura. 2. Allegare la bollatura a una faccia o a un bordo. 3. Nel PropertyManager di Bollatura, in Impostazioni bollature, in Testo bollatura selezionare Propriet distinta di taglio. 4. Fare clic sulla freccia gi e selezionare una delle propriet della distinta di taglio. 5. Trascinare la nota in una posizione. 6. Nel PropertyManager di Bollatura, fare clic su .

131

Disegni e dettagli

Collegamento di una propriet della distinta di taglio a una colonna della tabella Distinta materiali
Per collegare una propriet della distinta di taglio a una colonna della tabella Distinta materiali: 1. 2. 3. 4. Nella tabella Distinta materiali, selezionare la colonna. Nella barra degli strumenti a comparsa, fare clic su Propriet colonna. In Tipo di colonna, selezionare PROPRIET DISTINTA DI TAGLIO. In Nome propriet, selezionare una propriet della distinta di taglio da collegare alla colonna. 5. Fare clic su un punto all'esterno della tabella Distinta materiali.

Collegamento di una propriet della distinta di taglio a una nota


Per collegare una propriet della distinta di taglio a una nota: 1. In un disegno con propriet della distinta di taglio, fare clic su Inserisci > Annotazioni > Nota. 2. Allegare la nota a una faccia o a un bordo di un corpo. 3. Nel PropertyManager di Nota, in Formato di testo, fare clic su Collega alla propriet . 4. Nella finestra di dialogo Collega alla propriet: a) Selezionare Componente al quale allegata l'annotazione. b) Selezionare Propriet distinta di taglio. c) Fare clic sulla freccia gi e selezionare una propriet della distinta di taglio. d) Fare clic su OK. 5. Trascinare la nota in una posizione.

132

Disegni e dettagli

6. Nel PropertyManager di Nota, fare clic su

Modifica delle propriet della distinta di taglio per una vista di ripetizione piatta di lamiera
Per modificare le propriet della distinta di taglio per una vista di ripetizione piatta: 1. Per inserire le propriet della distinta di taglio per una vista di ripetizione piatta: a) In una vista di ripetizione piatta, fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Annotazioni > Propriet distinta di taglio. b) Trascinare l'elenco Propriet distinta di taglio e fare clic per posizionarlo. 2. Fare doppio clic su un'annotazione per selezionarla. 3. Modificare il testo. 4. Fare clic esternamente alla casella di modifica per uscire dalla modalit di modifica.

Opzione di spaziatura interna per le annotazioni


Spaziatura interna una nuova opzione di aderenza dei margini per le note e le bollature, che consente di specificare una distanza tra il margine e il testo o la nota selezionata. Con la spaziatura interna, possibile specificare la distanza tra il margine e il testo o la nota selezionata. In questo esempio viene mostrata una nota con: Aderenza e senza spaziatura interna Aderenza e spaziatura interna di 0,5 pollici

133

Disegni e dettagli

L'opzione Definita dall'utente comunque disponibile per consentire l'impostazione di una dimensione del margine statica. Ad esempio, se si desidera che un gruppo di note sia sempre in caselle da 1 pollice, in Propriet del documento possibile impostare il valore come Casella per Stile del margine, Dimensione personalizzata per Dimensione del margine e 1 pollice per Definita dall'utente. Quando successivamente si aggiungono note, verranno posizionate per default in caselle con dimensione fissa di 1 pollice. Se si modifica l'opzione Dimensione del margine impostandola su Aderenza, sar possibile regolare lo spazio tra il testo e il margine con Contorno.

Aggiunta di un contorno a una nota


Per aggiungere un contorno a una nota: 1. Selezionare una nota con un margine. 2. Nel PropertyManager di Nota, in Margine, selezionare Aderenza per Dimensione. 3. In Contorno, immettere un valore per il contorno. 4. Fare clic su .

Fumetto di revisione
Il fumetto di revisione un nuovo tipo di annotazione che consente di creare forme simili a un fumetto in un disegno. Utilizzare i fumetti di revisione per richiamare l'attenzione su modifiche apportate alla geometria. possibile inserirli nelle viste di disegno o nel foglio di disegno.

134

Disegni e dettagli

Forme dei fumetti di revisione


Forma Retta&ngolo Ellisse Poligono irregolare A mano libera &Icona

Inserimento di un fumetto di revisione rettangolare


Per inserire un fumetto di revisione rettangolare: 1. Aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview3.slddrw. 2. Nella vista del disegno, fare clic su Fumetto revisione (barra degli strumenti Annotazione) o su Inserisci > Annotazioni > Fumetto revisione. Il puntatore assume l'aspetto .

3. Nel PropertyManager di Fumetto revisione, in Forma del fumetto selezionare Rettangolo . 4. Nella vista del disegno: a) Fare clic per impostare il primo punto del fumetto di revisione. b) Trascinare e fare clic per impostare il punto finale del fumetto di revisione. 5. Fare clic su .

135

Disegni e dettagli

Per ridimensionare un fumetto di revisione rettangolare, selezionarlo e trascinare un quadratino di ridimensionamento di un angolo. possibile ridimensionare i fumetti rettangolari ed ellittici e cambiare la forma di quelli a poligono irregolare. Non possibile ridimensionare o cambiare la forma dei fumetti a mano libera. Per ruotare qualsiasi tipo di fumetto, utilizzare lo strumento Rotazione schizzo.

Inserimento di un fumetto di revisione a mano libera


Per inserire un fumetto di revisione a mano libera: 1. Se non gi aperto, aprire directoryl_installazione\samples\whatsnew\drawings\sectionview3.slddrw. 2. Nella vista del disegno, fare clic su Fumetto revisione (barra degli strumenti Annotazione) o su Inserisci > Annotazioni > Fumetto revisione. 3. Nel PropertyManager di Fumetto revisione, in Forma del fumetto selezionare Mano libera . 4. Nella vista del disegno: a) Fare clic per impostare il primo punto del fumetto di revisione. b) Trascinare una forma a mano libera e fare clic per impostare il punto finale del fumetto di revisione. Se si fa clic a distanza dal primo punto, lo strumento chiude automaticamente il fumetto.

5. Fare clic su

136

Disegni e dettagli

Lasciare aperto questo disegno con il fumetto di revisione per il prossimo esercizio.

Aggiunta di una nota a un fumetto di revisione


Per aggiungere una nota al fumetto di revisione rettangolare: 1. Nella vista del disegno, fare clic su Nota (barra degli strumenti Annotazione) o su Inserisci > Annotazioni > Nota. 2. Nel PropertyManager di Nota, in Linea di associazione selezionare Senza linea di associazione . 3. Nella vista del disegno: a) Fare clic per posizionare la nota. b) Digitare una nota. c) Nel PropertyManager di Nota, fare clic su .

4. Trascinare la nota nel fumetto di revisione. 5. Selezionare la nota e il fumetto di revisione. 6. Fare clic su Strumenti > Allinea > Gruppo > Raggruppa.

137

Disegni e dettagli

La nota e il fumetto di revisione vengono raggruppati e possono essere spostati insieme in una nuova posizione.

Impostazione delle opzioni dei fumetti di revisione


Per impostare le opzioni dei fumetti di revisione: 1. fare clic su Strumenti, > Opzioni. 2. Nella scheda Propriet del documento, espandere Annotazioni e fare clic su Fumetti revisione. 3. Impostare le opzioni. 4. Fare clic su OK.

Miglioramenti delle note di piegatura di lamiera


Sono disponibili funzionalit di maggior controllo delle note di piegatura, tra cui visualizzazione degli angoli complementari, supplementari e entrambi, unione di note per piegature collineari in un'unica nota, personalizzazioni e modifica della precisione delle note di piegatura di ripetizioni piatte. Per ulteriori informazioni, vedere Note di piegatura a pagina 203.

Annotazioni di SolidWorks eDrawings visibili in SolidWorks


Le annotazioni sui disegni in SolidWorks eDrawings sono visibili in SolidWorks. Quando un disegno contiene annotazioni create in SolidWorks eDrawings, tali annotazioni appaiono nel disegno SolidWorks e nel FeatureManager di SolidWorks viene visualizzato Annotazioni eDrawings. In Annotazioni eDrawings vengono riportati i singoli commenti in modo da consentirne la visualizzazione o lo zoom.

Utilizzo della rotellina del mouse per lo zoom durante la modifica di un campo di testo
possibile utilizzare la rotellina del mouse per eseguire lo zoom dinamico durante la modifica dei campi di testo delle annotazioni in un disegno. In un disegno, fare doppio clic su una nota, una bollatura, una sezione o una lettera o un'etichetta della vista di dettaglio e ruotare la rotellina del mouse per eseguire lo zoom avanti o indietro del testo.

Nomi personalizzati delle etichette della vista


possibile creare nomi personalizzati per le etichette della vista in Propriet del documento. Le etichette della vista non sono pi limitate a SEZIONE, VISTA, AUSILIARIA o DETTAGLIO.

138

Disegni e dettagli

Creazione di un'etichetta della vista personalizzata


Per creare un'etichetta della vista personalizzata: 1. In un disegno, fare clic su Opzioni (barra degli strumenti Standard) o su Strumenti > Opzioni. 2. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Etichette della vista > Ausiliaria. 3. In Opzioni etichetta, deselezionare Per standard. 4. In Nome e Scala, digitare le etichette della vista. 5. Fare clic su OK. Quando si crea una vista ausiliaria, nel disegno verranno visualizzate le etichette personalizzate. Per creare etichette della vista personalizzate per gli altri tipi di viste, fare clic su Dettaglio, Sezione o su Ortografico in Etichette della vista e seguire la stessa procedura.

Tabelle
Copertura cella migliorata nelle tabelle SolidWorks
La copertura cella verticale minima di default di 1 mm in tutti modelli di tabella SolidWorks. comunque possibile modificare la copertura cella verticale utilizzando la barra degli strumenti Tabella e selezionando o immettendo un valore per Copertura cella verticale.

Per impostare i valori di default per la copertura cella verticale e orizzontale per ogni nuova tabella, fare clic su Strumenti > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Tabelle. In Copertura cella, specificare i valori per Copertura orizzontale e Copertura verticale.

Miglioramento del dimensionamento delle colonne delle tabelle


Per consentire di ridimensionare rapidamente le colonne in base al testo, sono disponibili opzioni aggiuntive simili a quelle dei fogli di calcolo.

139

Disegni e dettagli

Se ora si fa doppio clic sul bordo destro di una cella: La colonna si espande in modo che la riga di testo pi lunga di qualsiasi cella della determinata colonna sia su una riga singola. L'altezza della cella cambia per adattarsi al testo con la nuova formattazione.

140

11 eDrawings
eDrawings Professional disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: eDrawings e eDrawings Pro per iPad Viste esplose Salvataggio e invio di file in installazioni eDrawings a 64 bit Visualizzazione stereografica Supporto delle versioni per Mac e PowerPC

eDrawings e eDrawings Pro per iPad


eDrawings e eDrawings Pro sono disponibili nelle versioni per iPad. possibile scaricarle dall'App Store .
SM

Con eDrawings per iPad possibile: Eseguire la panoramica, modificare lo zoom e ruotare modelli 2D e 3D. Applicare animazioni ed esplodere modelli 3D. Visualizzare e applicare animazioni a disegni di SolidWorks o AutoCAD. Oltre a tutte le funzioni presenti nella versione originale di eDrawings per iPad, eDrawings Pro consente anche di eseguire misurazioni, aggiungere annotazioni e inserire sezioni trasversali nei modelli. Per ulteriori informazioni visitare l'App Store: eDrawings per iPad eDrawings Pro per iPad

141

eDrawings

Viste esplose
eDrawings supporta pi viste esplose per ogni configurazione. Vedere Pi viste esplose per configurazione a pagina 53.

Salvataggio e invio di file in installazioni eDrawings a 64 bit


possibile salvare e inviare file in installazioni eDrawings a 64 bit. Quando si usa il comando Salva con nome oppure Invia come per creare un file .exe oppure un file .zip da eDrawings x64, un messaggio nella finestra di dialogo informa l'utente che il file sar eseguibile solo in sistemi 64 bit. Se si usa il comando Salva con nome oppure Invia come e nel computer installata anche la versione di eDrawings 32 bit, possibile impostare Tipo file come File eseguibili eDrawings 32 bit (*.exe) oppure come File Zip eDrawings 32 bit (*.zip). Se si usa il comando Invia come e nel computer installata anche la versione di eDrawings 32 bit, nella finestra di dialogo Invia come sono presenti le opzioni per l'invio dei file .exe oppure .zip in formato 32 bit.

Visualizzazione stereografica
eDrawings supporta la visualizzazione stereografica dei modelli. Prima di aprire un file di eDrawings, nella scheda Annotazione fare clic su Opzioni

oppure scegliere Strumenti > Opzioni. Nella scheda Generale, in Prestazioni selezionare Visualizzazione stereo 3D (attivare prima di aprire un file in eDrawings). Per utilizzare la visualizzazione stereografica, necessario disporre di un monitor e di una scheda grafica supportati e utilizzare occhiali 3D. La visualizzazione stereografica disponibile solo in eDrawings e non invece disponibile nel software SolidWorks.

Supporto delle versioni per Mac e PowerPC


eDrawings supportato in Mac OS X 10.7. L'applicazione non pi supportata in Mac OS X 10.4, Mac OS X 10.5 e PowerPC.

142

12 SolidWorks Enterprise PDM


Disponibile come prodotto acquistabile separatamente che pu essere usato con SolidWorks Standard, SolidWorks Professional o SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Strumento Amministrazione File Explorer e aggiunta SolidWorks

Strumento Amministrazione
Notifiche di stato in ritardo
possibile creare notifiche da attivare quando un file rimane in uno stato specifico per un determinato periodo di tempo. Quando si crea una notifica di stato in ritardo, inoltre possibile specificare un valore di reinvio per creare notifiche ripetute. possibile create una notifica di stato in ritardo da: Editor flusso di lavoro nello strumento Amministrazione Editor notifiche, dopo avere effettuato l'accesso a un vault in Esplora

risorse

Creazione di notifiche di stato in ritardo nell'Editor flusso di lavoro


possibile utilizzare l'Editor flusso di lavoro dello strumento Amministrazione per creare notifiche di stato in ritardo per le cartelle. 1. Nello strumento Amministrazione espandere Flussi di lavoro e fare doppio clic su un flusso di lavoro per aprirlo nell'Editor flusso di lavoro. 2. Fare clic su uno stato per aprire la finestra di dialogo Propriet di stato. 3. Nella scheda Notifiche fare clic su Aggiungi notifica cartella. 4. Nella finestra di dialogo Seleziona cartella selezionare la cartella per cui si desidera creare la notifica e fare clic su OK. 5. Nella finestra di dialogo Notifica cartella: a) Per Tipo selezionare Stato in ritardo. b) Per Attiva dopo specificare il numero di giorni per cui la cartella pu rimanere in tale stato prima che venga attivata la notifica. c) Per Reinvia ogni specificare un intervallo di reinvio. 6. Nella scheda Destinatari fare clic su Aggiungi destinatari.

143

SolidWorks Enterprise PDM

7. Nella finestra di dialogo Aggiungi destinatari selezionare gli utenti o i gruppi che devono ricevere la notifica, quindi fare clic su OK. possibile digitare una sottostringa nel campo Filtro per nascondere i destinatari il cui nome non contiene tale sottostringa. 8. Fare clic su OK per completare la notifica e chiudere la finestra di dialogo Propriet di stato. 9. Fare clic su Salva per salvare la modifica al flusso di lavoro.

Quando la notifica attivata, i destinatari specificati ricevono nella Posta in arrivo un messaggio per ogni file nella cartella che soddisfa i requisiti di Stato in ritardo. Queste notifiche contengono collegamenti ai file.

Creazione di notifiche di stato in ritardo da Esplora risorse


Per creare notifiche di stato in ritardo per i file necessario aprire l'Editor notifiche da Esplora risorse. 1. 2. 3. 4. In Esplora risorse eseguire l'accesso al vault. Fare clic su Strumenti > Notifica > Notifiche personali. Nell'Editor notifiche fare clic su Aggiungi notifica file. Nella finestra di dialogo Cerca file accedere al percorso dei file per cui si desidera aggiungere la notifica e fare clic su Apri. 5. Nella finestra di dialogo Notifica file: a) Per Tipo selezionare Stato in ritardo. b) Nella scheda Propriet notifica selezionare Flusso di lavoro e Stato. c) Per Attiva dopo specificare il numero di giorni per cui il file pu rimanere in tale stato prima che venga attivata la notifica. d) Per Reinvia ogni specificare un intervallo di reinvio. e) Fare clic su OK. 6. NellEditor notifiche fare clic su OK. Quando la notifica attivata, l'utente riceve nella Posta in arrivo un messaggio con un collegamento al documento.

Transizioni parallele dei flussi di lavoro


Quando si crea o si modifica una transizione di un flusso di lavoro, per il tipo di transizione possibile selezionare Parallela. In questo caso, possibile cambiare lo stato di un file solo se la transizione viene eseguita da pi utenti. Per creare transizioni parallele necessario utilizzare l'Editor flusso di lavoro dello strumento Amministrazione. Quando si seleziona il tipo di transizione Parallela viene automaticamente aggiunta la scheda Ruolo, che consente di specificare gli utenti e i gruppi che possono approvare la transizione, nonch il numero di approvazioni necessario per cambiare lo stato di un file. Se vengono utilizzate le transizioni parallele, quando un utente fa clic con il pulsante destro del mouse su un file e seleziona Cambia stato vengono visualizzati il numero di transizioni gi approvate dagli altri utenti e il numero totale di approvazioni necessario per cambiare lo stato del file.

144

SolidWorks Enterprise PDM

In questo esempio, Necessaria modifica una transizione parallela:

dove: 0 il numero degli utenti che hanno gi approvato la transizione. 2 il numero delle approvazioni necessarie per completare il cambio di stato. Se il cambio di stato non ancora avvenuto perch non ancora stato raggiunto il numero di approvazioni necessario, gli utenti che hanno gi approvato la transizione possono revocare la propria approvazione. Quando l'utente seleziona Cambia stato, disponibile l'opzione Revoca.

Creazione di una transizione parallela


1. Nello strumento Amministrazione espandere Flussi di lavoro e fare doppio clic su un flusso di lavoro per aprirlo nell'Editor flusso di lavoro. 2. Fare clic su una transizione per aprire la relativa finestra di dialogo Propriet di transizione. 3. Per Tipo selezionare Parallela. Alla finestra di dialogo viene aggiunta la scheda Ruoli. 4. Nella scheda Ruoli fare clic su Aggiungi ruolo. Se nel flusso di lavoro sono gi stati definiti alcuni ruoli, possibile espandere il pulsante Aggiungi ruolo per selezionare i ruoli desiderati dall'elenco dei ruoli esistenti. 5. Nella finestra di dialogo Aggiungi ruolo: a) Digitare un nomeper il ruolo. b) Nel campo Utenti richiesti specificare il numero degli utenti con il ruolo selezionato che devono eseguire la transizione parallela affinch lo stato del file venga modificato. c) Fare clic su Aggiungi membro. 6. Nella finestra di dialogo Aggiungi membro: a) Selezionare gli utenti o gruppi da aggiungere al ruolo. possibile digitare una sottostringa nel campo Filtro per visualizzare solo gli utenti o gruppi il cui nome contiene tale sottostringa. b) Fare clic su OK. 7. Fare nuovamente clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Aggiungi ruolo. 8. Nella scheda Permessi:

145

SolidWorks Enterprise PDM

a) Nella colonna Nome, selezionare gli utenti e i gruppi aggiunti ai ruoli creati dal punto 5 al punto 7. b) Nella colonna sinistra, selezionare Permetti. 9. Facoltativamente, aggiungere una notifica alla transizione. Tale notifica pu essere utilizzata per informare gli utenti che devono approvare la transizione parallela. a) Nella scheda Notifica fare clic su Aggiungi notifica cartella. b) Selezionare la cartella a cui si riferisce la notifica, quindi fare clic su OK. c) Nella finestra di dialogo Notifiche cartella fare clic su Aggiungi destinatari nella scheda Destinatari. d) Nella finestra di dialogo Aggiungi destinatari selezionare gli utenti o i gruppi che devono ricevere la notifica, quindi fare clic su OK. e) Facoltativamente, se si desidera consentire agli utenti che eseguono la transizione parallela di scegliere i destinatari della notifica, nella scheda Notifica selezionare la casella di controllo Dinamica per i destinatari. 10. Fare clic su OK per completare la transizione e chiudere la finestra di dialogo Propriet di transizione. 11. Fare clic su Salva per salvare la modifica al flusso di lavoro.

Modifica dello stato tramite una transizione parallela


Se stata creata una transizione parallela, per modificare effettivamente lo stato di un file necessario che la transizione venga eseguita da pi utenti. Di seguito viene descritta la procedura seguita da due utenti per richiedere la modifica di un file utilizzando una transizione parallela per modificarne lo stato. 1. L'utente A fornisce la prima approvazione: a) Effettua l'accesso al vault. b) Accede al file per cui desidera richiedere la modifica e lo seleziona. c) Fa clic su Modifica > Cambia stato > Necessaria modifica. Nella transizione Necessaria modifica viene indicato il numero di utenti che devono eseguire la transizione. Quando viene visualizzata la finestra di dialogo Effettua transizione, la colonna Risultato indica che dopo la prima esecuzione la transizione deve essere effettuata anche da un altro utente, affinch lo stato venga modificato.

146

SolidWorks Enterprise PDM

d) Verificare che la casella Cambia stato sia selezionata. e) Immettere un Commento. Tale commento verr visualizzato nella cronologia del file e in una colonna Cronologia che verr aggiunta quando la transizione verr eseguita da altri utenti. f) Se per la transizione sono abilitate le notifiche dinamiche, immettere un valore in Commento di notifica e selezionare gli utenti da avvisare. g) Fare clic su OK. Nell'elenco dei file, la colonna Stato indica che lo stato del file non stato modificato. 2. Dopo essere stato informato dall'Utente A che necessaria la sua approvazione, l'Utente B fornisce la seconda approvazione: a) Effettua l'accesso al vault. b) Accede al file per cui desidera richiedere la modifica e lo seleziona. c) Fa clic su Modifica > Cambia stato > Necessaria modifica. La transizione Necessaria modifica ora indica che la transizione stata eseguita da un utente, ma per modificare lo stato del file deve essere eseguita da due utenti. Quando viene visualizzata la finestra di dialogo Effettua transizione nella colonna Risultati non presente alcuna nota, perch se l'Utente B approva la transizione viene raggiunto il numero di approvazioni necessario. Nella parte inferiore della finestra di dialogo, il campo Cronologia mostra i commenti inseriti dall'Utente A.

147

SolidWorks Enterprise PDM

d) Verificare che la casella Cambia stato sia selezionata. e) Immettere un Commento. f) Se per la transizione sono abilitate le notifiche dinamiche, immettere un valore in Commento di notifica e selezionare gli utenti da avvisare. g) Fare clic su OK. Nell'elenco dei file, la colonna Stato indica che lo stato del file cambiato.

Elenco delle ultime funzionalit utilizzate


L'Elenco delle Ultime funzionalit utilizzate visualizzato nel pannello a destra dello strumento Amministrazione SolidWorks Enterprise PDM. Consente di accedere rapidamente alle ultime dieci funzioni di amministrazione utilizzate.

L'elenco delle Ultime funzionalit utilizzate viene salvato alla chiusura dello strumento Amministrazione. Quando si riapre lo strumento possibile visualizzare la cronologia del lavoro svolto nella sessione precedente. Per rimuovere tutti gli elementi attualmente inclusi nell'elenco, fare clic su Cancella. Anche l'Editor scheda contiene un elenco delle Ultime funzionalit utilizzate, che mostra le schede modificate di recente.

148

SolidWorks Enterprise PDM

Aggiornamento dell'Editor flusso di lavoro


L'interfaccia utente dell'Editor flusso di lavoro stata aggiornata al fine di semplificare la navigazione nei flussi di lavoro di grandi dimensioni. L'aspetto e il layout dello stato del flusso di lavoro e degli oggetti di transizione sono stati semplificati. Editor flusso di lavoro in Enterprise PDM 2012

Editor flusso di lavoro in Enterprise PDM 2013

Controlli di zoom
I nuovi controlli della barra degli strumenti semplificano l'utilizzo dei flussi di lavoro complessi. possibile utilizzare lo zoom indietro per vedere il grafico dell'intero flusso di lavoro oppure applicare lo zoom avanti per modificare sezioni specifiche.

149

SolidWorks Enterprise PDM

Zoom area Effettua lo zoom sull'area selezionata del flusso di lavoro. Zoom dinamico Consente di eseguire lo zoom avanti e indietro tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse e trascinando il mouse verso l'alto o verso il basso oppure utilizzando la rotellina.

Zoom Visualizza l'intero flusso di lavoro nello spazio disponibile. ottimizzato Dimensione Visualizza il flusso di lavoro con la dimensione originale (100%). effettiva

Semplificazione dell'interfaccia utente


L'aspetto degli oggetti di transizione stato semplificato. Una combinazione di colori e icone consente di distinguere pi agevolmente i vari tipi di transizione e identificare le impostazioni di transizione. Transizione normale Gli utenti eseguono la transizione per modificare lo stato dei file. Transizione automatica Tutti i file nello stato di origine passano automaticamente per questa transizione.

Transizione parallela Affinch sia possibile modificare lo stato di un (nuova funzione) file, necessario che quest'ultimo venga promosso da un numero specificato di utenti tramite una transizione. Transizione normale con notifiche impostate

Transizione normale con autenticazione impostata

Anche gli oggetti di stato sono stati semplificati. Ora le icone nell'angolo inferiore destro vengono utilizzate per identificare le propriet degli oggetti di stato anzich per iniziare le modifiche. (ad esempio: Stato ini&ziale

Ignora permessi negli stati precedenti

Nuove finestre di dialogo delle propriet


Per aprire sia la finestra di dialogo di stato che la finestra di dialogo di transizione, necessario fare clic sugli oggetti nella mappa del flusso di lavoro.
150

SolidWorks Enterprise PDM

Alle finestre di dialogo sono state aggiunte schede che consentono di accedere a tutte le impostazioni in modo pi semplice e coerente. Sia la finestra di dialogo di stato che la finestra di dialogo di transizione includono: La scheda Permessi, che sostituisce il Task Pane dei permessi delle versioni precedenti di Enterprise PDM. La scheda Notifiche, che consente di accedere alla finestra di dialogo Notifiche cartella dell'Editor notifiche riprogettato. La scheda Numeri di revisione, che sostituisce la sezione Comando Incrementa revisione della finestra di dialogo delle propriet di stato e l'opzione Cambia contatori di revisione della finestra di dialogo delle propriet di transizione. Le finestre di dialogo delle propriet di transizione includono anche le schede Condizioni e Azioni.

File Explorer e aggiunta SolidWorks


Miglioramenti alla scheda Distinta materiali
L'area della barra degli strumenti della scheda Distinta materiali in Esplora risorse stata aggiornata. I controlli sono pi facili da utilizzare e occupano meno spazio sullo schermo. Le funzionalit della scheda Distinta materiali sono rimaste invariate.

Riorganizzazione della barra degli strumenti Distinta materiali


I controlli esistenti sono stati riorganizzati in quattro sezioni.

151

SolidWorks Enterprise PDM

Se le dimensioni della finestra non consentono la visualizzazione di tutti i controlli alcune sezioni vengono compresse sotto forma di pulsanti mobili, come necessario. Se si fa clic su uno di questi pulsanti vengono visualizzati i controlli della sezione corrispondente.

Confronto tra distinte materiali


La nuova interfaccia utente Distinta materiali semplifica il confronto di pi distinte materiali. Anzich essere visualizzate in una finestra di dialogo, quando si fa clic su Confronta le sezioni dell'interfaccia utente Distinta materiali vengono riordinate.

La sezione di sinistra mostra la distinta materiali, la versione e la configurazione di origine del confronto. Nella sezione centrale possibile selezionare la distinta materiali, la versione e la configurazione da confrontare. Nella sezione dei comandi, a destra, il pulsante Confronto viene sostituito dal pulsante Chiudi confronto.

Chiusura di file di SolidWorks al check-In


Se si modifica uno o pi file e se ne effettua il check-in da SolidWorks, possibile specificare che si desidera chiudere i file in Enterprise PDM al termine dell'operazione di check-in, anzich ricaricarli.

152

SolidWorks Enterprise PDM

In questo modo possibile migliorare le prestazioni, perch ricaricare i file richiede molto tempo. Per chiudere i file dopo il check-in dall'aggiunta SolidWorks Enterprise PDM: 1. Nel Task Pane di SolidWorks Enterprise PDM fare clic sul file con il pulsante destro del mouse e scegliere Check in. 2. Nella finestra di dialogo Check in, espandere il comando Ricarica file dopo il check-in sulla barra degli strumenti e fare clic su Chiudi file dopo il check-in. 3. Terminata la selezione delle impostazioni relative al check-in fare clic su Check in. SolidWorks esegue il check-in dei file e li chiude.

Miglioramenti alle schede Contiene e Dove usato


Le aree delle schede Contiene e Dove usato nella barra degli strumenti di Esplora risorse sono state aggiornate per semplificare l'utilizzo degli strumenti e ridurre la quantit di spazio occupato sullo schermo. I controlli esistenti in entrambe le schede sono stati riorganizzati in tre sezioni.

La sezione relativa all'origine consente di selezionare la versione e la configurazione del file da visualizzare. La sezione relativa alle opzioni controlla la visualizzazione dei risultati. La sezione relativa ai comandi contiene i pulsanti di azione. Se si riducono le dimensioni della finestra, le sezioni vengono compresse in pulsanti mobili. Se si fa clic su uno di questi pulsanti vengono visualizzati i controlli della sezione corrispondente. Nella sezione relativa ai comandi sono disponibili tre nuovi pulsanti che si attivano quando si seleziona un file dall'elenco nella parte inferiore della scheda. Apri Propriet Cerca... Apre il file selezionato nell'albero dell'applicazione associata. Visualizza la finestra di dialogo delle propriet per il file selezionato nell'albero. Apre una nuova finestra di Esplora risorse e cerca il file selezionato nell'albero.

Evidenziazione di tutta la riga in Esplora Risorse


Quando si seleziona un file in Esplora Risorse o in Strumento di ricerca (compresa la ricerca integrata), viene evidenziata la riga intera, in modo da facilitare la lettura dei dati di colonna associati al file.

153

SolidWorks Enterprise PDM

Nelle versioni precedenti, veniva evidenziato solo il nome del file.

Aggiornamento dell'Editor notifiche


L'interfaccia utente dell'Editor notifiche stata aggiornata al fine di semplificare la creazione e la modifica delle notifiche. Le nuove finestre di dialogo Notifica file e Notifica cartella consentono di selezionare i tipi di notifica e specificare le opzioni di notifica. Gli amministratori che creano notifiche per le transizioni dei flussi di lavoro possono utilizzare la finestra di dialogo Notifiche cartella anche per aggiungere notifiche a stati e transizioni.

Creazione di notifiche di file da Esplora risorse


Per creare notifiche a livello di file necessario utilizzare Esplora risorse. Per creare notifiche di file senza aprire l'Editor notifiche: 1. Selezionare i file per cui si desidera inviare le notifiche. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere Notifica > Me stesso quando. Viene visualizzata la finestra di dialogo Notifica file

. 3. Per Tipo selezionare il tipo di notifica da creare. Nella scheda vengono visualizzati i controlli appropriati al tipo di notifica e un messaggio informativo che illustra l'effetto della notifica. 4. Impostare gli altri controlli, quindi fare clic su OK. Viene visualizzato l'Editor notifiche, che contiene una notifica distinta per ciascuno dei file selezionati. 5. Fare clic su OK.

154

SolidWorks Enterprise PDM

Creazione di notifiche di cartella dall'Editor flusso di lavoro


Gli amministratori possono accedere alla finestra di dialogo Notifiche cartella mentre modificano lo stato o le propriet di transizione di un flusso di lavoro nello strumento Amministrazione. Per creare una notifica per una transizione di un flusso di lavoro: 1. Nell'Editor flusso di lavoro fare clic su una transizione per aprire la relativa finestra di dialogo Propriet. 2. Nella scheda Notifiche fare clic su Aggiungi notifica cartella. 3. Nella finestra di dialogo Seleziona cartella selezionare la cartella per cui si desidera creare la notifica, quindi fare clic su OK. Viene visualizzata la finestra di dialogo Notifiche cartella. Per le notifiche di transizione, i campi Tipo, Stato origine, Stato destinazione e Cambio di stato sono di sola lettura. Tali propriet sono infatti determinate dalla transizione che si sta modificando. Per le notifiche di stato questi campi possono essere modificati. 4. Se appropriato, selezionare una o entrambe le opzioni seguenti per limitare l'invio della notifica a utenti specifici: Solo all'autore del file Solo all'ultimo utente che ha cambiato lo stato 5. Nella scheda Destinatari fare clic su Aggiungi destinatari. 6. Nella finestra di dialogo Aggiungi destinatari: a) Selezionare gli utenti o i gruppi che dovranno ricevere la notifica. Se si seleziona un intero gruppo, verranno automaticamente selezionati tutti i membri del gruppo. Digitare una stringa nel campo Filtro per visualizzare solo gli utenti e i gruppi il cui nome contiene la stringa specificata. b) Fare clic su OK. 7. Nella finestra di dialogo Notifiche cartella, per consentire la scelta dei destinatari della notifica solo a specifici utenti che eseguono la transizione, selezionare gli utenti e selezionare la casella in Selezione dinamica. L'opzione Selezione dinamica non disponibile per le notifiche di cartella create dalla finestra di dialogo Propriet di stato. 8. Fare clic due volte su OK. 9. Fare clic su Salva per salvare la modifica al flusso di lavoro.

Visualizzazione delle notifiche create dall'utente


In Esplora risorse l'utente pu utilizzare l'Editor notifiche per visualizzare le notifiche che ha creato. possibile rimuovere le notifiche che non si utilizzano pi, modificare notifiche esistenti o aggiungere nuove notifiche per file e cartelle.

155

SolidWorks Enterprise PDM

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un file del vault e scegliere Notifica > Notifiche personali. Verr visualizzato l'Editor notifiche.

indica le notifiche create dall'utente. indica le notifiche create da un amministratore utilizzando l'Editor flusso di lavoro. 2. Per attivare una notifica, selezionare la casella corrispondente in Attivata. 3. Per aggiungere una notifica, fare clic su Aggiungi notifica cartella o su Aggiungi notifica file. 4. Per rimuovere o modificare una notifica creata dall'utente, selezionarla e fare clic sul controllo appropriato. Non possibile rimuovere o modificare notifiche create da un amministratore. Se si seleziona una notifica identificata dall'icona , il controllo Rimuovi notifica rimane inattivo. Il controllo Editor notifiche viene sostituito da Visualizza notifica. Utilizzare tale controllo per visualizzare i dettagli della notifica.

Impostazione della quantit per i riferimenti di file creati manualmente


Quando si creano manualmente riferimenti di file tramite il comando Incolla come riferimento, possibile specificare una quantit per i file di riferimento, che viene quindi visualizzata nella distinta materiali del file. Se si esegue il check-out del file, possibile modificare la quantit tramite il comando Modifica riferimenti di file definiti dall'utente. Le modifiche influiranno sulle versioni future del file, ma non su quelle esistenti. Per specificare una quantit per un file di riferimento durante la creazione del riferimento: 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file da utilizzare come riferimento e scegliere Copia. 2. Eseguire il check-out del file che deve contenere il riferimento, fare clic su di esso con il pulsante destro del mouse e scegliere Incolla come riferimento. 3. Nella finestra di dialogo Crea riferimenti file specificare un valore nella colonna Quantit, quindi fare clic su OK. 4. Eseguire il check-in del file con il riferimento.

156

SolidWorks Enterprise PDM

Quando il file che contiene il riferimento viene visualizzato nella scheda Distinta materiali, viene mostrata anche la quantit. Per modificare la quantit di un file di riferimento: 1. Eseguire il check-out del file che contiene il riferimento. 2. Con il file selezionato, fare clic sulla scheda Contiene. 3. Fare clic su Modifica riferimenti definiti dall'utente . 4. Nella finestra di dialogo Modifica riferimenti definiti dall'utente modificare il valore nella colonna Quantit, quindi fare clic su OK.

Finestra a comparsa con le informazioni sull'utente


Quando si sposta il mouse sopra il nome di un utente nell'interfaccia di SolidWorks Enterprise PDM viene visualizzata una finestra a comparsa, in cui sono disponibili informazioni sull'utente e collegamenti che consentono di comunicare con altri utenti dell'azienda. Per visualizzare la finestra con le informazioni sull'utente possibile spostare il mouse sul nome dell'utente nella colonna Autore check-out nelle aree seguenti: Elenco di file del vault in Esplora risorse, incluse le schede Contiene e Dove usato Task Pane Enterprise PDM di SolidWorks Finestre di dialogo quali Check-in, Check-out e Leggi Nella finestra di dialogo Cronologia possibile visualizzare le informazioni sull'utente spostando il mouse sulla colonna Utente o sul campo Utente per un evento selezionato. La finestra di informazioni sull'utente visualizzata contiene collegamenti all'editor e-mail di Enterprise PDM, oltre che a Microsoft Office Communicator o Microsoft Lync e alle funzioni VoIP (Voice over IP) abilitate per Microsoft, se tali prodotti sono installati. Sono disponibili anche altri dettagli aggiunti dagli utenti ai propri profili, come immagini, numeri di telefono, collegamenti Web e informazioni sulla presenza.

Aggiunta di dati alla finestra a comparsa con informazioni sull'utente


Se si dispone dei permessi per l'amministrazione degli utenti, possibile aggiungere dati ai profili degli utenti che verranno visualizzati nella finestra a comparsa con le informazioni sull'utente. 1. Aprire lo strumento Amministrazione. 2. Espandere Utenti e fare doppio clic sul nome dell'utente di cui si desidera modificare il profilo. 3. Nel pannello a destra della finestra di dialogo Propriet dell'utente: a) Per visualizzare numeri di telefono nella finestra dell'utente, immettere i numeri nei campi Telefono e Cellulare. b) Per aggiungere collegamenti a siti Web, digitare gli URL nei campi Indirizzo. possibile aggiungere fino a quattro indirizzi Web. Il campo Descrizione comandi viene compilato automaticamente. c) Per aggiungere una nota, digitare il testo nel campo Nota presenza. 4. Per aggiungere un'immagine:

157

SolidWorks Enterprise PDM

a) Nel pannello a sinistra fare clic su Cerca immagine . b) Accedere al percorso dell'immagine e fare clic su Apri. 5. Fare clic su OK.

Visualizzazione di una finestra a comparsa con informazioni sull'utente


Le finestre a comparsa con le informazioni sugli utenti sono disponibili in Esplora risorse e nelle viste di SolidWorks di un vault di Enterprise PDM. Per visualizzare le finestre a comparsa con le informazioni sugli utenti in Esplora risorse: 1. Accedere a un vault di Enterprise PDM per cui stato eseguito il check-out dei file. 2. Spostare il mouse sul nome di un utente nella colonna Autore check-out. Viene visualizzata una finestra che contiene informazioni sull'utente che ha effettuato il check-out del file.

A seconda della quantit di informazioni aggiunta alle propriet dell'utente e della configurazione della rete, nella scheda vengono visualizzate le seguenti informazioni specifiche dell'utente: Nome di accesso e nome completo dell'utente Data e ora di accesso dell'utente Numero di file di cui l'utente ha effettuato il check-out Note dell'utente Numero di telefono dell'ufficio dell'utente Numero di cellulare dell'utente Invio di e-mail all'utente Invio di messaggi di Microsoft Office Communicator o Microsoft Lync all'utente Avvio di una conversazione con l'utente tramite le funzioni VoIP (Voice over IP) abilitate per Microsoft Siti Web inclusi nelle propriet dell'utente

3. Per fissare la scheda in modo che rimanga visualizzata, fare clic su 4. Per chiudere una scheda fissata, fare clic su .

158

SolidWorks Enterprise PDM

Variabili indipendenti dalla versione


possibile aggiornare le variabili di un file senza eseguire il check-out del file e incrementarne la versione al momento del check-in. In questo modo possibile aggiornare variabili che cambiano nel tempo, come il costo, senza modificare direttamente il file. inoltre possibile modificare la variabile anche quando il file si trova il uno stato per cui l'utente non autorizzato a eseguire il check-out. Se si aggiornano le variabili indipendenti dalla versione di un file in check-out o durante la transizione flusso di lavoro, viene creata una nuova versione del file. Per usare una transizione del flusso di lavoro per aggiornare dati di variabili indipendenti dalla versione senza creare una nuova versione del file, creare una serie di script Dispatch da eseguire dopo la transizione allo stato di destinazione.

Attivazione dell'aggiornamento delle variabili indipendenti dalla versione


Gli amministratori autorizzati ad aggiornare le variabili e ad amministrare gli utenti possono utilizzare lo strumento Amministrazione per consentire agli utenti di aggiornare le variabili senza creare nuove versioni dei file. 1. Per configurare una variabile in modo che risulti indipendente dalla versione: a) Nello strumento Amministrazione espandere Variabili e fare doppio clic sulla variabile. b) Nella finestra di dialogo Modifica variabile fare clic su Indipendente dalla versione. c) In Aggiorna versioni effettuare una delle operazioni seguenti: Selezionare Tutte le versioni per applicare l'aggiornamento della configurazione della variabile a tutte le versioni e revisioni del file. Selezionare Ultima versione per applicare l'aggiornamento solo all'ultima versione del file. d) Fare clic su OK. 2. Per concedere a un utente il permesso di aggiornare variabili indipendenti dalla versione: a) Espandere Utenti e fare doppio clic sull'utente. b) Nella finestra di dialogo Propriet dell'utente fare clic su Permessi cartella. c) Nella scheda Permessi cartella selezionare una cartella. Per assegnare il permesso per l'intero vault, selezionare il vault. d) In Permessi cartella fare clic su Modifica dati variabile indipendente dalla versione. e) Fare clic su Permessi di stato. f) Selezionare un flusso di lavoro e uno stato di flusso di lavoro. g) In Permessi fare clic su Modifica dati variabile indipendente dalla versione. h) Fare clic su OK.

159

SolidWorks Enterprise PDM

Aggiornamento di variabili indipendenti dalla versione


Gli utenti autorizzati a modificare i dati delle variabili indipendenti dalla versione possono eseguire tale operazione nella scheda dati di un file oppure aggiornando le schede dati dei file di una cartella. 1. Per modificare una variabile indipendente dalla versione per una scheda dati: a) Senza eseguire il check out, selezionare un file e fare clic sulla scheda Scheda dati. I campi della scheda dati che contengono variabili indipendenti dalla versione possono essere modificati. Tutti gli altri campi sono disabilitati. b) Correggere le variabili modificabili e fare clic su .

2. Per modificare una variabile indipendente dalla versione per una cartella e propagare il valore ai file in tale cartella: a) Selezionare la cartella e fare clic sulla scheda Scheda dati. b) Nella scheda Modifica valori modificare la variabile indipendente dalla versione e fare clic su . c) Fare clic su Modifica > Aggiorna > Valori nei file. d) Nel primo passaggio della procedura guidata Aggiornamento delle schede dati file fare clic su Variabili indipendenti dalla versione, quindi fare clic su Avanti. e) Completare i passaggi 2 e 3. f) Nel passaggio 4, selezionare la variabile indipendente dalla versione nella sezione Aggiorna dell'elenco delle variabili, quindi fare clic su Avanti. g) Completare i passaggi 5 e 6. h) Quando l'aggiornamento viene confermato fare clic su OK.

Collegamenti nell'elenco Preferenze di Esplora risorse


Quando si crea una nuova vista del vault locale, Enterprise PDM inserisce una collegamento alla vista del vault nell'elenco Preferenze visualizzato nella parte superiore del riquadro di navigazione di Esplora risorse. Questo semplifica l'apertura della vista del vault locale, anche quando si trova in una sottodirectory.

160

13 SolidWorks Flow Simulation


SolidWorks Flow Simulation disponibile come prodotto acquistabile separatamente che pu essere usato con SolidWorks Standard, SolidWorks Professional o SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Modalit di confronto configurazione Grafico di erosione Algoritmo per la creazione di linee di flusso equidistanti su una superficie Albero funzioni migliorato Gestione migliorata della geometria Condensazione a bassa temperatura Modalit Studio parametrico Grafici eDrawings migliorati

Modalit di confronto configurazione


Gli strumenti della Modalit di confronto configurazione semplificano il confronto della configurazione e dei risultati dell'analisi di flusso del fluido. Questi risultati possono essere utilizzati per migliorare efficacemente i progetti. Gli strumenti della Modalit di confronto configurazione (disponibili nella scheda Confronto configurazione) consentono di confrontare: Dati di input di progetti diversi Risultati di vari progetti con configurazioni diverse Viene utilizzato un widget per visualizzare i dati delle diverse configurazioni in modalit 3D. Sono disponibili funzionalit per il confronto grafico e numerico.

161

SolidWorks Flow Simulation

Grafico di erosione
Quando si utilizza la funzione Studio particelle, il grafico di erosione consente di rappresentare visivamente la distribuzione del tasso di accumulo dell'erosione sulla superficie. Ci risulta particolarmente utile per i flussi a due fasi nelle interazioni tra particella e parete. Oltre ai parametri integrali per l'erosione e l'accumulo delle particelle, in SolidWorks Flow Simulation 2013 sono stati introdotti parametri di erosione e accumulo locali, che consentono di eseguire valutazioni quantitative e qualitative dettagliate dei flussi a due fasi, soprattutto negli studi di interazione tra particelle e parete.

Algoritmo per la creazione di linee di flusso equidistanti su una superficie


L'algoritmo per la creazione di linee di flusso equidistanti su una superficie utilizza un'innovativa tecnologia basata su GPU per eseguire il rendering di linee di flusso equidistanti su una superficie in modalit interattiva in tempo reale, assicurando una distribuzione ottimale delle linee di flusso su una determinata superficie. Il nuovo algoritmo permette di visualizzare i risultati pi chiaramente, poich la distribuzione delle linee di flusso viene aggiornata in tempo reale durante la manipolazione del modello, anche quando si ingrandisce un'area specifica. Le linee di flusso vengono calcolate su un campo vettoriale arbitrario specificato come parametro (velocit, flusso di calore e cos via). possibile visualizzare le linee di flusso in aggiunta alle traiettorie del flusso e ai grafici vettoriali. Il driver della scheda grafica deve supportare OpenGL 3.3. Se necessario, aggiornare il driver.

162

SolidWorks Flow Simulation

Albero funzioni migliorato


In SolidWorks Flow Simulation 2013 stata migliorata la visibilit delle configurazioni geometriche e di flusso. Le configurazioni di flusso sono disponibili nell'albero di analisi Flow Simulation, sotto le rispettive configurazioni SolidWorks associate. Accanto a ciascuna configurazione di flusso presente l'icona .

Gestione migliorata della geometria


disponibile un nuovo gruppo di strumenti che consente di gestire in modo pi flessibile le geometrie complesse per la creazione di modelli fluidi o la definizione delle condizioni al contorno. Le nuove funzionalit consentono di risparmiare tempo durante la preparazione della geometria del modello per l'analisi dei flussi fluidi.

Modalit senza fluido

Consente di gestire in modo pi efficace ed efficiente i modelli molto grandi o complessi, per risparmiare tempo durante la definizione della simulazione del flusso del fluido. Attivare questa modalit per definire le condizioni al contorno anche se il modello del fluido non stato definito.

163

SolidWorks Flow Simulation

Browser perdite Disponibile nella funzione Crea coperture. Consente di individuare fori o giochi di spostamento nel modello, visualizzando il percorso da una faccia interna a una faccia esterna del componente.

Dividi componente in facce Replica condizione alle istanze dello stesso componente Verifica geometria Risoluzione risultati

Applica la condizione al contorno definita per la superficie a tutte le facce del componente selezionato. Copia una condizione del flusso (fonte di calore, materiale, finalit di progettazione e cos via) applicata a una parte alle altre istanze di tale parte presenti nell'assieme.

L'opzione Verifica geometria del PropertyManager stata riprogettata in modo da essere sempre visibile. Determina la precisione della soluzione specificando condizioni e impostazioni della mesh per il completamento del calcolo. Per le impostazioni della mesh locale viene specificato un livello massimo di nove, anzich di sette, per ottenere una mesh pi fine e una risoluzione pi precisa della simulazione. Il limite massimo di 1000 celle base in ogni direzione per la definizione dei controlli della mesh stato rimosso. Per i modelli pi grandi o complessi, possibile definire una mesh pi fine.

Impostazioni di mesh

Condensazione a bassa temperatura


La capacit di modellazione della condensazione stata estesa a temperature inferiori a -70 C. In questo modo possibile simulare il comportamento di vapore o umidit anche in condizioni estreme. Ad esempio, nel caso del passaggio di un gas all'interno di un sistema di tubazioni, la capacit di modellazione della condensazione a bassa temperatura consente di rappresentare visivamente i punti in cui la condensa pu costituire un problema in base alla temperatura della tubazione.

164

SolidWorks Flow Simulation

Modalit Studio parametrico


La modalit Studio parametrico consente ai progettisti di eseguire automaticamente pi test di flusso del fluido e quindi analizzare i risultati per determinare la soluzione ottimale. In questa modalit la valutazione degli scenari di progettazione pi semplice e intuitiva. Per creare uno studio parametrico, fare clic sulla barra degli strumenti Studio parametrico oppure fare clic con il pulsante destro del mouse su una condizione al contorno e scegliere Studio parametrico. Il nuovo studio parametrico consente ai progettisti di affrontare una vasta gamma di problemi. La nuova interfaccia semplice da usare consente di: Impostare una variabile di input come condizione al contorno (dati di input), una quota del modello, o accoppiamento, e un parametro per la tabella dati. Impostare i parametri di output come obiettivi dello studio. Visualizzare un rapporto di confronto degli obiettivi esportabile in Excel.

165

SolidWorks Flow Simulation

Grafici eDrawings migliorati


I risultati grafici da Flow Simulation salvati come file eDrawings sono stati migliorati in modo da mostrare la legenda dei grafici.

166

14 Importa/Esporta
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Miglioramenti alle prestazioni di importazione

Miglioramenti alle prestazioni di importazione


SolidWorks non salva pi temporaneamente i file di pezzi nel computer locale durante l'importazione di file IGES o di assiemi di Pro/Engineer o Creo. Quando si importano assiemi di Pro/Engineer o Creo, i pezzi di SolidWorks vengono salvati nel computer locale solo se si seleziona l'opzione di importazione Usa importazione di funzioni per tutte le parti.

167

15 Visualizzazione modello
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Immagini PhotoView 360

Immagini
Aggiunta di aspetti
Quando si aggiunge un nuovo aspetto a un modello, viene visualizzata la tavolozza Destinazione aspetto, che consente di aggiungere l'aspetto al livello di faccia, funzione, corpo, parte o componente. ora possibile fissare la tavolozza, in modo da poter aggiungere o incollare aspetti con rapidit.

Se si fissa la tavolozza Destinazione aspetto, il flusso di lavoro cambia leggermente. Con la tavolozza Destinazione aspetto fissata, fare clic sul livello a cui si desidera aggiungere l'aspetto prima di aggiungere o incollare l'aspetto. Fare clic su Filtro aspetti per cambiare tutte le istanze di un aspetto con un altro. Ad esempio, nell'immagine seguente a ciascuna gamba stato applicato l'aspetto di plastica smaltata verde:

Per cambiare tutte le istanze di plastica smaltata verde in plastica smaltata blu, trascinare plastica smaltata blu dalla scheda Aspetti, scenografie e decalcomanie del Task Pane su qualsiasi istanza di plastica smaltata verde nell'area grafica. Quando viene visualizzata la tavolozza Destinazione aspetto, fare clic su Filtro aspetti .

168

Visualizzazione modello

Copia e incolla di aspetti


possibile copiare un aspetto da un'entit e incollarlo in un'altra. Gli aspetti incollati mantengono tutte le personalizzazioni eseguite nel PropertyManager di Modifica aspetto. Per copiare e incollare un aspetto: 1. Selezionare una delle seguenti opzioni: Selezionare l'aspetto nel DisplayManager o nel modello e premere Ctrl + Maiusc + C oppure fare clic su PhotoView 360 > Copia aspetto. Selezionare l'aspetto nel modello e fare clic su Copia aspetto nel menu contestuale. Fare clic con il pulsante destro del mouse nel DisplayManager e scegliere Copia aspetto nel menu contestuale.

2. Fare clic sulla faccia, la funzione, il corpo o la parte a cui si desidera aggiungere l'aspetto ed effettuare una delle seguenti operazioni: Fare clic su PhotoView 360 > Incolla aspetto. Nel menu contestuale, fare clic su Incolla aspetto Premere Ctrl + Maiusc + V. Viene visualizzata la tavolozza Destinazione aspetto. 3. Nella tavolozza Destinazione aspetto, fare clic su Faccia , Funzione , Corpo .

, Parte o Filtro aspetti per incollare l'aspetto al livello desiderato. Quando si passa con il cursore del mouse sui pulsanti della tavolozza, nell'area grafica viene visualizzata un'anteprima. possibile copiare e incollare pi aspetti con maggiore facilit con la tavolozza Destinazione aspetto fissata. Se la tavolozza Destinazione aspetto fissata, selezionare il livello a cui si desidera aggiungere l'aspetto prima di incollare l'aspetto.

Aspetti nuovi e migliorati


In SolidWorks 2013 sono disponibili molti nuovi aspetti, tra cui materiali liquidi, plastici e organici come cere e marmi traslucidi. Inoltre, i metalli spazzolati mostrano ora riflessi dipendenti dalla direzione (anisotropici), che riproducono un aspetto pi realistico.

169

Visualizzazione modello

Per ottenere i migliori risultati, si consiglia di sperimentare i nuovi materiali in pi contesti diversi. Fattori come illuminazione, riflessi e spessore del modello influiscono sull'aspetto.

Arrotondamento degli spigoli vivi in un aspetto


possibile impostare un aspetto per arrotondare gli spigoli vivi del modello quando si esegue il rendering con PhotoView 360. L'arrotondamento degli spigoli vivi in un aspetto non interessa la geometria del modello. Per usare l'opzione Bordi condivisi arrotondati, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'aspetto nel DisplayManager, quindi fare clic su Modifica aspetto. Nel PropertyManager, all'interno della scheda Illuminazione, selezionare Bordi condivisi arrotondati e impostare un valore per il raggio. L'immagine seguente mostra una ruota alla quale applicato un aspetto in plastica smaltata gialla.

L'immagine seguente mostra la stessa ruota e l'aspetto, con l'opzione Bordi condivisi arrotondati attivata e il raggio impostato su 3 mm.

Cambiamento di scala di aspetti a trama, finiture di superficie e decalcomanie


ora possibile utilizzare una scala di default per gli aspetti a trama, le finiture di superficie e le decalcomanie. In precedenza il software adattava automaticamente la scala di trame, finiture di superficie e decalcomanie alle dimensioni del modello. Per utilizzare una scala di default anzich adattare la scala degli aspetti alle dimensioni del modello, fare clic su Strumenti >

170

Visualizzazione modello

Opzioni > Propriet del documento > Visualizzazione modello e deselezionare Adatta automaticamente la scala di trame, finiture di superficie e decalcomanie alla dimensione del modello. La scala di default di trame, finiture di superficie e decalcomanie SolidWorks simula la scala reale. Ad esempio, nella seguente immagine l'aspetto a trama stato adattato alle dimensioni del modello, creando una diversa scala della trama su ogni corpo a cui applicato:

Nell'immagine seguente, lo stesso aspetto utilizza invece una scala di default:

Creazione di un aspetto personalizzato con una scala di default


Per creare un aspetto personalizzato con una scala di default: 1. Aprire un modello con un aspetto a trama o applicare un aspetto a trama a un modello. 2. Fare clic su Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Visualizzazione modello. 3. Deselezionare Adatta automaticamente la scala di trame, finiture di superficie e decalcomanie alla dimensione del modello e fare clic su OK. 4. Nel DisplayManager, fare clic su Visualizza aspetti . 5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'aspetto per il quale si desidera impostare una scala di default e scegliere Modifica aspetto . Viene visualizzato il PropertyManager di Aspetti. 6. Fare clic su Avanzato. 7. Nella scheda Mappatura, in Dimensione/Orientamento, definire l'altezza, la larghezza, e la rotazione se applicabile. 8. Nella scheda Colore/Immagine, in Aspetto, fare clic su Salva aspetto.

171

Visualizzazione modello

9. Nella finestra di dialogo Salva, immettere un nome per il file e fare clic su Salva. 10. Fare clic su .

PhotoView 360
Finestra Rendering finale
La finestra Rendering finale stata migliorata per consentire una maggiore manipolazione dell'immagine con rendering finale. Nella finestra Rendering finale possibile regolare aspetti quali saturazione del colore, luminosit ed effetto splendente. Grazie alla funzionalit di confronto, due rendering possono essere messi a confronto l'uno accanto all'altro o tramite la lente di ingrandimento. La finestra Rendering finale contiene tre schede: Elaborazione immagine Confronto e opzioni Statistiche

Elaborazione immagine
PhotoView 360 crea immagini con elevato range dinamico. Queste immagini di alta qualit includono aree chiare e scure estreme, che consentono un pi alto livello di manipolazione e modifica. Nella scheda di elaborazione immagine possibile monitorare i canali relativi a intensit, saturazione e colore. anche possibile eseguire regolazioni per i livelli di bianco, grigio e nero, oltre che per l'effetto splendente, la mappatura della tonalit, la saturazione e il valore gamma. Utilizzare l'opzione Colorazione per aggiungere una tinta di colore all'immagine. Tutte le regolazioni sono non distruttive, il che significa che sempre possibile tornare all'immagine originale.

Confronto e opzioni
Nella scheda Confronto e opzioni possibile mettere a confronto due immagini utilizzando i tre metodi seguenti: A comparsa Spotlight Affiancato Le due immagini vengono sovrapposte e quella superiore scompare rivelando l'altra. Le due immagini vengono sovrapposte e il cursore si trasforma in un riflettore che rivela l'immagine inferiore. Visualizza le due immagini complete disposte l'una a fianco all'altra o in verticale.

Statistiche
Il pannello Statistiche fornisce informazioni statistiche correlate al rendering della scenografia. Tali informazioni includono: Tempo trascorso e tempo residuo approssimato per i rendering in corso.

172

Visualizzazione modello

Tempo di rendering totale, utilizzo della memoria e numero di poligoni per i rendering completati. Vedere la Guida in linea di SolidWorks:Finestra Rendering finale.

Opzioni di PhotoView 360


Rendering rete
Per accelerare i tempi di rendering, i clienti di servizi di abbonamento SolidWorks possono condividere il lavoro di rendering in PhotoView 360 tra pi computer. Tramite PhotoView 360 Network Render Client, possibile avviare rendering finali nel computer coordinatore, utilizzando la potenza di elaborazione dei computer client. Per eseguire il rendering in rete, innanzitutto necessario installare PhotoView 360 Network Render Client nei computer client. Non occorre installare SolidWorks nei computer client. Una volta installato PhotoView 360 Network Render Client, gli utenti possono specificare quando i loro computer sono disponibili per il rendering in rete. Per eseguire il rendering in rete, PhotoView 360 Network Render Client deve essere in esecuzione nei computer client. Nel computer coordinatore, per attivare il rendering in rete, fare clic su PhotoView 360 > Opzioni e selezionare Rendering rete.

Riflessi e rifrazioni
possibile utilizzare Opzioni PhotoView per impostare il numero di riflessi e rifrazioni che appaiono nella finestra PhotoView 360 Rendering finale. Ad esempio, quando due oggetti riflettenti sono l'uno di fronte all'altro, possibile impostare il numero di riflessi che si moltiplicano e appaiono scomparendo in lontananza. Inoltre, se la luce attraversa pi superfici trasparenti, possibile impostare il numero di rifrazioni in modo che gli oggetti dietro le superfici trasparenti siano visibili. necessario un riflesso (o una rifrazione) per ogni faccia successiva che viene riflessa o rifratta dalla luce. Impostazione del numero di riflessi e rifrazioni Per impostare un numero specifico di riflessi e rifrazioni: 1. Fare clic su PhotoView 360 > Opzioni. 2. Nel PropertyManager, in Qualit del rendering, selezionare Impostazioni di rendering personalizzate. 3. Impostare il numero di riflessi e rifrazioni. Un numero maggiore di riflessi e rifrazioni aumenta il tempo di rendering.

Utilizzo di aspetti Modo in SolidWorks


Gli utenti di Modo possono utilizzare file di aspetti Luxology in SolidWorks. Dopo aver applicato l'aspetto Luxology, necessario salvarlo come aspetto personalizzato.

173

Visualizzazione modello

I clienti abbonati SolidWorks hanno ora la possibilit di accedere al sito Web di Luxology tramite il Portale clienti. Quando si utilizzano aspetti Luxology, le funzionalit di modifica disponibili sono limitate. L'effetto completo dell'aspetto pu essere visualizzato solo in fase di rendering con PhotoView 360 e non nella grafica RealView e SolidWorks OpenGL.

174

16 Studi del movimento


Disponibile con SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Tutorial sugli studi del movimento

Tutorial sugli studi del movimento


Sono disponibili due nuovi tutorial sugli studi del movimento: Ridondanze nell'analisi del movimento e Movimento lungo un percorso. Per accedere a un tutorial: 1. Fare clic su ? , > Tutorial SolidWorks. 2. Fare clic su Tutti i tutorial di SolidWorks e selezionare un tutorial dall'elenco.

175

17 Parti e funzioni
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Barra degli strumenti di selezione dei bordi disponibile per i raccordi Supporto migliorato per le estrusioni di attacco Supporto migliorato per le estrusioni sottili Miglioramenti relativi all'inserimento di filettature cosmetiche Miglioramenti di Part Reviewer Evidenziazione di superfici o corpi correlati nelle parti multicorpo Inserimento di fori di centraggio con la Creazione guidata fori Collegamento di un modello di defeature all'originale Propriet di massa nelle parti Modifica della geometria con lo strumento di intersezione Funzioni di libreria multicorpo Selezione delle condizioni di termine per le funzioni estruse Mostra i corpi nascosti Commutazione delle configurazioni semplificata Trasferimento di propriet personalizzate Ripetizioni con quote variabili Saldature

Barra degli strumenti di selezione dei bordi disponibile per i raccordi


Quando si aggiungono o si modificano manualmente raccordi con raggio costante o variabile, disponibile una barra degli strumenti a comparsa che consente di selezionare pi bordi o raccordi. Si tratta della stessa barra degli strumenti utilizzata con FilletXpert.

176

Parti e funzioni

Supporto migliorato per le estrusioni di attacco


disponibile un maggior numero di opzioni per la creazione di estrusioni di attacco. possibile creare estrusioni di attacco hardware che consentono di utilizzare fissaggi per unire due parti in plastica. Per le estrusioni di attacco hardware sono disponibili sia propriet relative alla testa, sia propriet relative alla filettatura, che possono includere un gioco o un passo per semplificare l'accoppiamento con un'altra estrusione. Per un'estrusione hardware possibile specificare nove parametri che, oltre all'altezza e al diametro dell'estrusione, includono anche l'altezza e il diametro del passo dell'estrusione, l'angolo di sformo dell'estrusione, il diametro del foro, il diametro e la profondit della lamatura interna e l'angolo di sformo del foro interno. Se si accoppiano due estrusioni, possibile specificare una distanza o un gioco nel piano di accoppiamento. inoltre possibile specificare un vettore di direzione per un'estrusione di attacco creata su una superficie planare. Le estrusioni supportano anche un nuovo profilo dell'aletta, che consente una progettazione pi economica. possibile specificare il numero di alette, nonch i valori di lunghezza, larghezza e altezza delle alette, l'angolo di sformo, la distanza tra lo smusso e il bordo dell'aletta, nonch l'angolo dello smusso dell'aletta. Per creare un'estrusione minuteria, fare clic su Inserisci > Funzioni di fissaggio > Estrusione di attacco, quindi fare clic su Estrusione minuteria in Tipo estrusione.

Creazione dell'estrusione di attacco


Questo esempio composto da due operazioni: Aggiunta delle porzioni della testa e della filettatura di un'estrusione minuteria a un modello.

Aggiunta della porzione della testa


Per questa operazione necessario selezionare una faccia per posizionare la porzione della testa dell'estrusione. Per default viene utilizzata un'estrusione minuteria di tipo testa con quattro alette. 1. Aprire il modello install_dir\samples\whatsnew\parts\mount_boss.sldprt.
177

Parti e funzioni

2. Fare clic su Inserisci > Funzioni di fissaggio > Estrusione di attacco. Verr visualizzato il PropertyManager Estrusione di attacco. 3. Nell'area grafica selezionare la base di Shell 2.

La porzione della testa dell'estrusione minuteria verr automaticamente visualizzata sulla faccia. Le quattro alette vengono equamente distanziate sull'estrusione.

4. In Estrusione fare clic su Seleziona faccia di accoppiamento e selezionare la faccia che contiene il bordo dello shell in cui si incontreranno le due estrusioni.

5. Ruotare il modello per confrontare l'altezza dell'estrusione. In Estrusione possibile impostare il gioco per l'altezza dell'estrusione e regolare le misure utilizzando le frecce di selezione. 6. Fare clic su .

Nell'albero di disegno FeatureManager verr visualizzata l'Estrusione di attacco1.

178

Parti e funzioni

Aggiunta della porzione filettata


A questo punto possibile aggiungere la porzione filettata dell'estrusione e allinearla alla porzione della testa. 1. Nell'area grafica ruotare il modello sull'altro lato. 2. Fare clic su Inserisci > Funzioni di fissaggio > Estrusione di attacco. Verr visualizzato il PropertyManager Estrusione di attacco. 3. In Posizione selezionare quanto segue nell'area grafica: a) Per Faccia , selezionare la base di Shell 1.

b) Per Direzione, selezionare la faccia che contiene il bordo di Shell 1.

c) Per Bordo circolare di attacco1.

, selezionare il bordo della faccia inferiore di Estrusione

Queste impostazioni semplificano l'allineamento del filetto con la porzione della testa. 4. In Tipo estrusione selezionare Filettatura .

179

Parti e funzioni

5. In Estrusione fare clic su Seleziona faccia di accoppiamento nuovo la faccia che contiene il bordo dello shell.

e selezionare di

6. Ruotare il modello per confrontare l'altezza dell'estrusione. In Estrusione, possibile impostare il gioco per l'altezza dell'estrusione e regolare le misure utilizzando le frecce di selezione. 7. Fare clic su .

L'Estrusione di attacco2 viene visualizzata nell'albero di disegno FeatureManager. possibile ruotare il modello per verificare l'allineamento delle estrusioni.

Supporto migliorato per le estrusioni sottili


Le funzioni di estrusione supportano la presenza di pi contorni aperti per le estrusioni sottili. Per creare un'estrusione sottile possibile selezionare un elemento da una serie di profili aperti o chiusi in uno schizzo. Il miglioramento comprende: Supporto per questo nuovo comportamento nelle estrusioni e nelle estrusioni con taglio. Funzionalit 3D istantanea per la modifica delle estrusioni con pi contorni aperti. Funzionalit di anteprima completa per le estrusioni con pi contorni aperti.

180

Parti e funzioni

Selezione di pi contorni per le estrusioni sottili


In questo esempio verranno selezionati i contorni di uno schizzo per creare funzioni sottili in un modello.

1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\parts\thin_extrude.sldprt. 2. Fare clic su Estrusione/base estrusa (barra degli strumenti Funzioni). 3. Nell'albero di disegno mobile FeatureManager selezionare Schizzo9. Schizzo9 viene visualizzato in Contorni selezionati nel PropertyManager. 4. In Funzione sottile digitare 1.00 mm per Spessore .

5. Nel PropertyManager fare clic su Contorni selezionati. 6. Nell'area grafica selezionare le sei linee di schizzo dell'anello.

Le linee di schizzo vengono elencate in Contorni selezionati.

181

Parti e funzioni

7. Trascinare la maniglia fino a 30 mm nell'area grafica per regolare la profondit del piano di schizzo.

8. Fare clic su . Le alette vengono aggiunte al modello.

Miglioramenti relativi all'inserimento di filettature cosmetiche


Con l'opzione Inizia da faccia/piano necessario selezionare una faccia o un piano e specificare la profondit della filettatura. Ci valido sia per le nuove filettature cosmetiche che per quelle preesistenti modificate. Nelle versioni precedenti, quando si inseriscono filettature cosmetiche la quota di partenza viene dedotta dal bordo selezionato.

Miglioramenti di Part Reviewer


Per usare Part Reviewer, fare clic su Strumenti > Part Reviewer. Non pi necessario abilitare Part Reviewer come componente aggiuntivo. I miglioramenti di Part Reviewer consentono di: Visualizzare tutte le informazioni concernenti schizzo e relazioni. Sfogliare tra gli schizzi, quando una funzione dotata di pi di uno schizzo. Visualizzare schizzi di costruzione. In precedenza ignorava le funzioni relative al solo schizzo. Mostrare le sole funzioni con commenti. Modificare i nomi delle funzioni e dei commenti direttamente nel Task Pane. Nascondere le funzioni all'interno di una parte.

182

Parti e funzioni

Evidenziazione di superfici o corpi correlati nelle parti multicorpo


Se in una parte multicorpo si seleziona un corpo o una superficie nell'area grafica, l'elemento corrispondente viene evidenziato nella cartella Distinta di taglio, Corpi solidi o Corpi di superficie , insieme al nome della funzione nell'albero di disegno FeatureManager. L'evidenziazione aiuta a identificare i corpi e le superfici selezionati, soprattutto quando si utilizzano distinte di taglio e saldatura con molti elementi. Anche se la superficie o il corpo appare evidenziato nelle cartelle, non viene selezionato.

Inserimento di fori di centraggio con la Creazione guidata fori


La Creazione guidata fori consente di inserire fori di centraggio standard. I fori di centraggio vengono utilizzati per allineare i componenti negli assiemi. possibile scegliere uno dei diametri standard disponibili oppure assegnare diametri personalizzati adatti allo scopo. Per inserire un foro di centraggio: 1. Fare clic su Creazione guidata fori (barra degli strumenti Funzioni). 2. Nella scheda Tipo del PropertyManager: a) In Tipo di foro fare clic su Foro . b) In Tipo selezionare Centraggio. c) Impostare le opzioni rimanenti come necessario. 3. Fare clic su .

Collegamento di un modello di defeature all'originale


possibile collegare un modello di defeature al modello originale. Con questa opzione, le modifiche apportate all'originale vengono automaticamente applicate al modello di defeature. Per collegare un modello di defeature al modello originale, nell'area Risultati del PropertyManager Defeature selezionare Salva il modello come file distinto e fare clic su Collega a originale.

Propriet di massa nelle parti


Propriet di inerzia personalizzate nelle parti
possibile sostituire le propriet dei momenti di inerzia per le parti. L'aggiunta di propriet di inerzia personalizzate a una parte consente di visualizzare l'effetto della parte sull'inerzia e sulla massa complessive dell'assieme in cui vengono utilizzate. Se, ad esempio, si dispone di modelli semplificati dei componenti acquistati,

183

Parti e funzioni

possibile aggiungere manualmente a tali componenti le informazioni precise relative al momento di inerzia, affinch l'intera massa dell'assieme sia rappresentata correttamente.

Finestra di dialogo Propriet di massa


La finestra di dialogo Propriet di massa stata ottimizzata per migliorare il flusso di lavoro e chiarire le opzioni. Di seguito sono illustrate alcune modifiche: L'opzione Propriet di massa assegnate stata sostituita dal pulsante Sovrascrivi propriet di massa. Quando si fa clic su Sovrascrivi propriet di massa, viene visualizzata la nuova finestra di dialogo Sovrascrivi propriet di massa. Come nelle versioni precedenti, possibile sovrascrivere i valori per la massa e il centro di massa. Ora anche possibile sovrascrivere i valori per i momenti di inerzia. Per gli assiemi, se uno o pi componenti presentano propriet di massa che sono state sostituite, i componenti vengono elencati nella parte inferiore della finestra di dialogo Propriet di massa. L'opzione Risultato sistema di coordinate stata sostituita dall'opzione Segnala valori coordinate relativi a. I contenuti dell'elenco a discesa sono rimasti invariati. I pulsanti Stampa e Copia sono stati spostati nella parte inferiore della finestra di dialogo ed stato aggiunto un pulsante ?. L'opzione Mostra risultato sistema di coordinate nell'angolo della finestra stata spostata nella finestra di dialogo Opzioni Propriet di massa/sezione. Fare clic su Opzioni nella finestra di dialogo Propriet di massa.

Punto nel centro di massa


possibile aggiungere un punto nel centro di massa di parti, assiemi e disegni. Per aggiungere un centro di massa necessario fare clic su Centro di massa (barra degli strumenti Geometria di riferimento) oppure scegliere Inserisci > Geometria di riferimento > Centro di massa. Nell'area grafica, in corrispondenza del centro di massa del modello viene visualizzato il simbolo . Nell'albero di disegno FeatureManager il centro di massa immediatamente sotto l'origine . viene visualizzato

Se si modifica il centro di massa del modello, la posizione del punto del centro di massa viene aggiornata. La posizione del punto del centro di massa viene aggiornata ad esempio quando si aggiungono, si spostano o si eliminano funzioni in una parte.

Il punto del centro di massa pu essere sospeso e riattivato a livello di configurazione.

184

Parti e funzioni

possibile misurare distanze e aggiungere quote di riferimento tra il punto del centro di massa ed entit quali vertici, bordi e facce. Non possibile creare quote guida dal punto del centro di massa. tuttavia possibile creare un punto di riferimento del centro di massa e utilizzarlo per definire le quote guida. Il punto di riferimento del centro di massa un punto di riferimento creato in corrispondenza del centro di massa corrente della parte. Mantiene le coordinate assegnate al momento della creazione anche se in seguito il punto del centro di massa viene spostato a causa delle modifiche apportate alla geometria della parte. Per creare un punto di riferimento centro di massa: Fare clic con il pulsante destro del mouse su Centro di massa nell'albero di disegno FeatureManager e selezionare Punto di riferimento centro di massa . Vedere anche Punto del centro di massa negli assiemi a pagina 62 e Centro di massa di riferimento nei disegni a pagina 107.

Modifica della geometria con lo strumento di intersezione


Lo strumento di intersezione consente di intersecare solidi, superfici e piani per modificare la geometria esistente o per creare nuova geometria. Ad esempio, possibile aggiungere geometria di superficie aperta a un solido, rimuovere materiale da un modello oppure creare geometria da una cavit racchiusa. inoltre possibile unire pi solidi definiti con lo strumento di intersezione oppure chiudere alcune superfici per definire volumi chiusi.

185

Parti e funzioni

Superficie aperta e corpo solido

Le due met di uno stampo

La superficie aperta definisce i dettagli che La cavit vuota racchiusa dai due corpi possibile aggiungere al corpo con lo strumento dello stampo definisce un corpo che pu di intersezione. essere creato con lo strumento di intersezione.

Lo strumento di intersezione consente di rimuovere la geometria non necessaria.

Con lo strumento di intersezione possibile rimuovere i corpi dello stampo e creare un solido dalla cavit vuota.

Per creare geometria da solidi, superfici o piani in una parte: 1. Fare clic su Intersecare (barra degli strumenti Funzioni) oppure scegliere Inserisci > Funzioni > Intersecare. 2. Selezionare solidi, superfici o piani. 3. Fare clic su Intersecare. 4. Individuare le regioni da escludere e fare clic su OK.

Creazione di geometria da solidi, superfici o piani


In questi esempi viene eseguita l'intersezione di un corpo di superficie con un corpo solido per aggiungere dettagli al corpo solido, quindi viene creato un corpo solido da uno stampo riempiendo la cavit e rimuovendo i corpi dello stampo.

186

Parti e funzioni

Intersezione tra corpi di superficie e corpi solidi

Creazione di un pezzo da uno stampo

Aggiunta di dettagli di superficie a un corpo


In questo esempio si effettua l'intersezione di un corpo di superficie con un corpo solido piatto, per visualizzare i dettagli del corpo solido. innanzitutto necessario aprire il modello ed esaminare i dettagli della superficie da aggiungere al corpo solido. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\surfaces\intake_cover.sldprt. Il modello include due entit da intersecare, ovvero un corpo di superficie e un corpo solido.

Oltre a essere coincidenti, la superficie separata e i corpi solidi si intersecano, poich la superficie non piatta. 2. Nel FeatureManager fare clic su Corpi solidi(1), quindi fare clic su Nascondi visualizzare il corpo di superficie. per

3. Nel FeatureManager fare clic su Corpi solidi(1), quindi fare clic su Mostra

187

Parti e funzioni

Intersezione dei corpi e rimozione delle regioni


A questo punto possibile utilizzare il comando Intersecare per intersecare la superficie e i corpi solidi, in modo da rimuovere le regioni non necessarie per il progetto. 1. Nel FeatureManager selezionare i corpi da intersecare: a) Espandere la cartella Corpi di superficie e selezionare il corpo di superficie Rivoluzione-Superficie1. b) Espandere la cartella Corpi solidi e selezionare il corpo solido RipetizioneCircolare1. 2. Fare clic su Intersecare (barra degli strumenti Funzioni) oppure scegliere Inserisci > Funzioni > Intersecare. Nel PropertyManager sono selezionate Rivoluzione-Superficie1 e RipetizioneCircolare1. 3. Nel PropertyManager, fare clic su Intersecare.

Le funzioni che possibile rimuovere vengono visualizzate nell'elenco Regioni da escludere. 4. Selezionare Regione 1, Regione 3 e Regione 5. Le regioni selezionate non vengono incluse come geometria aggiunta. Rimuovendo le regioni 3 e 5 si esclude il foro centrale dal corpo risultante. Rimuovendo la regione 1 si esclude l'anello interno del materiale durante la creazione della scanalatura esterna.

5. Nel PropertyManager, in Opzioni selezionare Consuma superfici per rimuovere il corpo di superficie del FeatureManager quando si fa clic su .

188

Parti e funzioni

6. Fare clic su

7. Salvare la parte con il nome my_intake_cover.sldprt.

Creazione di un corpo solido dalla cavit di uno stampo


Si apre quindi uno stampo e, con lo strumento di intersezione, si creano tre regioni dai corpi superiore e inferiore, ovvero le regioni superiore, inferiore e la cavit. Occorre quindi rimuovere le regioni superiore e inferiore dello stampo per creare un corpo solido dalla cavit riempita. 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\surfaces\Mold_to_part.sldprt. La parte costituita dai due corpi solidi di uno stampo.

2. Nel FeatureManager fare clic su Sposta/Copia corpo1, quindi fare clic su Sospendi per chiudere lo stampo. Affinch sia possibile applicare lo strumento di intersezione per creare un solido da una cavit, quest'ultima deve essere racchiusa dai corpi selezionati. Alla chiusura dello stampo, i relativi corpi racchiudono la cavit.

189

Parti e funzioni

3. Espandere Corpi solidi(2) nel FeatureManager, quindi selezionare Dividi1[1] e RipetizioneCir1.

4. Nel PropertyManager, fare clic su Intersecare.

Le funzioni che possibile rimuovere vengono visualizzate nell'elenco Regioni da escludere. 5. Selezionare Regione 1 e Regione 3. Rimuovendo le regioni 1 e 3, si escludono i corpi dello stampo e si mantiene la cavit.

6. Fare clic su

Si ottiene cos un modello solido della cavit dello stampo. 7. Salvare la parte con il nome my_Mold_to_part.sldprt.

190

Parti e funzioni

Funzioni di libreria multicorpo


possibile creare funzioni di libreria da parti multicorpo. Nelle versioni precedenti non possibile creare funzioni di libreria da parti multicorpo.

Selezione delle condizioni di termine per le funzioni estruse


Facendo clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi di una funzione estrusa possibile modificare la condizioni di termine tramite il menu di scelta rapida. possibile fare clic in uno spazio vuoto, sulla geometria o sulla maniglia. Il menu di scelta rapida contiene tutte le opzioni disponibili per Direzione 1 e Direzione 2 ed disponibile per le seguenti funzioni: Estrusione/base estrusa Estrusione/base in rivoluzione Taglio estruso Taglio con rivoluzione Superficie estrusa Superficie con rivoluzione Flangia di base su lamiera

Nelle versioni precedenti possibile abilitare solo Direzione 2 dal PropertyManager. Inoltre, se sono abilitate entrambe le direzioni, necessario fare clic con il pulsante destro del mouse sulla maniglia appropriata per impostare la condizione di termine per tale direzione.

Mostra i corpi nascosti


possibile mostrare e nascondere i corpi nascosti e visibili delle parti multicorpo. Questo comando analogo al comando Mostra componenti nascosti per gli assiemi.

Commutazione delle configurazioni semplificata


La visualizzazione di una nuova configurazione in una parte ora pi veloce, se la configurazione in memoria. Una configurazione in memoria solo se stata visualizzata nella sessione corrente o salvata con la nuova funzionalit Gestisci configurazioni. Per ulteriori informazioni, vedere Gestione dei dati di configurazione a pagina 76.

Trasferimento di propriet personalizzate


Il trasferimento di propriet personalizzate durante l'inserimento di una parte configurata in un'altra parte stato migliorato. Quando si inserisce una parte configurata in una parte padre, le propriet specifiche della configurazione vengono ora trasferite correttamente. Quando si inserisce una parte configurata a corpo singolo in una parte di saldatura, le propriet personalizzate e specifiche della configurazione vengono propagate alla parte di saldatura come propriet della distinta di taglio.

191

Parti e funzioni

Ripetizioni con quote variabili


L'opzione Variante da modificare dei PropertyManager Ripetizione lineare e Ripetizione circolare consente di modificare le quote e le posizioni delle varianti di una ripetizione di funzione. possibile modificare le quote di una serie di varianti in modo che ogni variante risulti pi grande o pi piccola della precedente. inoltre possibile modificare le quote di una singola variante di una ripetizione e cambiare la posizione della variante rispetto alla funzione di testa della ripetizione. Per le ripetizioni lineari possibile modificare la spaziatura tra le colonne e tra le righe. Per le ripetizioni circolari possibile disporre le varianti in modo da avvicinarle o allontanarle.

Variazione di spaziatura e quote di tutte le istanze


La funzione testa di serie in questa ripetizione un'estrusione taglio con un raccordo. In questa attivit si utilizza l'opzione Istanze da variare per variare spaziatura e quote di tutte le istanze della ripetizione. 1. Aprire il modello install_dir\samples\whatsnew\parts\simple_plate.sldprt.

2. Nell'albero di disegno FeatureManager selezionare RipetizioneLin e fare clic con il pulsante destro del mouse su Modifica funzione .

Viene visualizzato il PropertyManager di Ripetizione lineare. 3. Nel PropertyManager, fare clic su Istanze da variare. 4. Nellarea grafica fare clic sulle quote altezza (8) e larghezza (6) della funzione testa di serie.

La finestra Istanze da variare compila una tabella con le quote e i valori. 5. In Incrementi direzione 1: a) Impostare la Spaziatura su 5 mm. b) Per la quota Altezza, impostare Incremento su 10 mm. 6. Fare clic su .

La spaziatura tra tutte le istanze aumenter di 5 mm.

192

Parti e funzioni

L'altezza di tutte le istanze aumenter di 10 mm rispetto all'istanza precedente. Poich, ad esempio, l'altezza dell'istanza testa di serie 8 mm, l'altezza delle istanze successive aumenta a 18 mm, 28 mm, 38 mm e 48 mm.

Modifica delle quote di una istanza


possibile modificare quote e posizione di una istanza della ripetizione. 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, selezionare RipetizioneLin e fare clic con il pulsante destro del mouse su Modifica funzione . 2. Sull'ultima istanza della riga: a) Posizionare il puntatore sul contrassegno dell'istanza. b) Fare clic con il pulsante sinistro del mouse e selezionare Modifica istanza. Una didascalia nell'area grafica elenca l'istanza in formato gruppo (5,1). Se si seleziona Salta istanza, l'istanza viene rimossa dalla ripetizione. 3. Nella didascalia Istanza (5,1), sostituire la quota Larghezza immettendo 12 mm.

Per modificare i valori di quote e spaziatura, posizionare il cursore sul contrassegno dell'istanza, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Modifica istanza modificata. 4. Fare clic su .

La larghezza dell'istanza modificata raddoppia.

Ripristino dello stato originale delle istanze


possibile ripristinare lo stato originale di un'istanza modificata utilizzando la finestra Istanze modificate nel PropertyManager. 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, selezionare RipetizioneLin e fare clic con il pulsante destro del mouse su Modifica funzione .
193

Parti e funzioni

2. Nella finestra di dialogo Istanze modificate fare clic con il pulsante destro del mouse sull'istanza (5,1) e selezionare Elimina. possibile rimuovere tutte le modifiche facendo clic con il pulsante destro del mouse nella finestra Istanze modificate e selezionando Azzera selezioni. 3. Fare clic su .

Saldature
Rettangoli di selezione
possibile creare un rettangolo di selezione per qualsiasi elemento di una distinta di taglio, indipendentemente dal tipo di solido o dai corpi in lamiera nell'elemento della distinta di taglio. Il rettangolo di selezione rappresentato da uno schizzo in 3D ed basato, di default, sul piano X-Y. Prendendo in considerazione l'orientamento del rettangolo di selezione, il rettangolo di selezione il rettangolo pi piccolo in grado di contenere il corpo.

Vantaggi dei rettangoli di selezione: Le quote generali del rettangolo di selezione sono indicate nella finestra di dialogo Propriet Distinta di taglio e pertanto si possono usare in distinte materiali, distinte di taglio o in altre annotazioni. Un rettangolo di selezione consente di determinare lunghezza, larghezza e altezza dello stock body e aiuta quindi a calcolare lo spazio necessario per la confezione del prodotto. Con le saldature, non pi necessario rilevare la dimensione delle piastre manualmente.

Orientamento del rettangolo di selezione


L'orientamento di un rettangolo di selezione basato su uno degli elementi seguenti: Il piano X-Y (default) Un piano o una faccia planare preselezionato A questi orientamenti fanno eccezione i fazzoletti di rinforzo delle saldature e le estremit chiuse: Per i fazzoletti di rinforzo, il piano di orientamento del rettangolo di selezione parallelo alle facce dei fazzoletti di rinforzo. Per le estremit chiuse, il piano di orientamento del rettangolo di selezione parallelo alle facce planari che chiudono.
194

Parti e funzioni

Per i membri strutturali lineari, il piano di orientamento del rettangolo di selezione perpendicolare alla linea dello schizzo che definisce il membro. Quando si creano rettangoli di selezione per diversi elementi della distinta di taglio, i rettangoli possono avere orientamenti differenti a seconda delle eccezioni individuali. Quando si aggiorna una distinta di taglio, viene usato l'orientamento esistente. Quando si modifica una distinta di taglio o un elemento di una distinta di taglio, viene utilizzato l'orientamento esistente a meno che non si selezioni un piano.

Lavorare con i rettangoli di selezione


Per creare un rettangolo di selezione: 1. Nell'albero di disegno FeatureManager, aggiornare la Distinta di taglio . 2. Fare clic con il pulsante destro su Distinta di taglio o su un Elemento di distinta di taglio e selezionare Crea rettangolo di selezione. Fare clic con il pulsante destro su Distinta di taglio o su un Elemento di distinta di taglio che contiene gi un rettangolo di selezione e selezionare Modifica rettangolo di selezione per cambiare il piano di orientamento o la faccia nel PropertyManager. Fare clic con il pulsante destro su Distinta di taglio o su un Elemento di distinta di taglio e selezionare Elimina rettangolo di selezione.

Per modificare un rettangolo di selezione:

Per eliminare un rettangolo di selezione:

Non possibile modificare lo schizzo 3D.

Creazione di rettangoli di selezione


Per creare un rettangolo di selezione: 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\parts\weldment.sldprt.

195

Parti e funzioni

2. Nel FeatureManager: a) Fare clic con il pulsante destro del mouse su Distinta di taglio(41) e selezionare Crea rettangolo di selezione. Verranno creati rettangoli di selezione, che risultano nascosti nell'area grafica, per ogni elemento della distinta di taglio nel modello. b) Espandere Distinta di taglio (41) c) In Elemento di distinta di taglio8 di distinta di taglio8 . , selezionare Distinta di taglio_Elemento . .

e quindi Mostra

d) Fare nuovamente clic su Distinta di taglio_Elemento di distinta di taglio8 Il rettangolo di selezione appare intorno alla flangia.

e) Fare clic con il pulsante destro del mouse su Elemento di distinta di taglio12 e selezionare Propriet. La finestra di dialogo Propriet Distinta di taglio visualizza lo Spessore rettangolo di selezione 3D, la Larghezza rettangolo di selezione 3D, la Lunghezza rettangolo di selezione 3D e il Volume rettangolo di selezione 3D. Se si crea un disegno, questi valori appaiono nella distinta materiali. f) Fare clic su OK.

196

18 SolidWorks Plastics
SolidWorks Plastics Professional e SolidWorks Plastics Premium sono disponibili come prodotti acquistabili separatamente e utilizzabili con SolidWorks Standard, SolidWorks Professional o SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Ottimizzazione della progettazione di parti in plastica e stampi a iniezione

Ottimizzazione della progettazione di parti in plastica e stampi a iniezione


Durante la progettazione di parti in plastica possibile utilizzare SolidWorks Plastics Professional per ottimizzare lo spessore delle pareti e la qualit delle parti stampate. possibile analizzare i sistemi di alimentazione dello stampo a iniezione, nonch ottimizzare dimensioni e layout dello stampo con SolidWorks Plastics Premium, riducendo o eliminando la probabilit che si renda necessario un rifacimento.

Per ulteriori informazioni, vedere http://www.solidworks.com/sw/products/plastics-injection-molding.htm.

197

19 Routing
Disponibile con SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Supporto dell'instradamento lungo la superficie esistente nello strumento di instradamento automatico Creazione di disegni per percorsi di tubazioni flessibili Miglioramenti alla compenetrazione dei condotti Supporto migliorato dell'esportazione dei dati relativi a tubi e condotti Miglioramenti relativi ai percorsi appiattiti Miglioramenti per i percorsi con cavo a nastro Aggiunta di pendenze a percorsi di condutture Supporto di tubazioni nei file P&ID Controllo di convalida per Instradamento guidato del componente

Supporto dell'instradamento lungo la superficie esistente nello strumento di instradamento automatico


Lo strumento di instradamento automatico include un'opzione che consente di creare un percorso basato sulla geometria esistente. Per eseguire l'instradamento lungo la geometria, specificare un punto iniziale, una o pi facce planari e un punto finale nel PropertyManager Instradamento automatico. Quando si esegue l'instradamento automatico, viene creato un percorso parallelo alle facce, dal punto iniziale al punto finale. possibile specificare la distanza tra il percorso e ogni singola faccia planare, per semplificare la creazione di un percorso che mantiene una distanza specifica dalle pareti e dalle altre superfici planari. inoltre possibile specificare se il percorso deve includere una copertura per le quote e se utilizzare o meno una quota di mezzeria.

Creazione di disegni per percorsi di tubazioni flessibili


Per creare un disegno per un assieme con tubazioni flessibili possibile procedere come per la creazione del disegno di un condotto. I disegni dei condotti possono includere giunzioni, tubazioni, quote e una distinta materiali in una vista isometrica. inoltre possibile creare disegni di percorsi di tubazioni contenenti spool. Per creare il disegno di un percorso di tubazioni, fare clic su Disegno tubo (barra degli strumenti Tubazioni flessibili) oppure scegliere Instradamento > Tubazioni flessibili > Disegno tubo.

198

Routing

Miglioramenti alla compenetrazione dei condotti


Il flusso di lavoro per la compenetrazione dei condotti stato migliorato. Quando si aggiunge una compenetrazione di condotti, la funzionalit di instradamento crea una funzione di estrusione con taglio e imposta Offset dalla superficie anzich Fino alla superficie comecondizione di termine. Viene selezionata la superficie esterna del condotto e l'offset dato dallo spessore di quest'ultimo. possibile eliminare una compenetrazione facendo clic con il pulsante destro del mouse su Rimuovi penetrazione. La compenetrazione viene rimossa definitivamente. Se si elimina un condotto compenetrato dall'albero di disegno di FeatureManager, il punto di compenetrazione viene mantenuto nella funzione del percorso. Quando si esce dal percorso, la compenetrazione viene aggiornata automaticamente. inoltre possibile sostituire una compenetrazione di condotti con una giunzione, trascinando la giunzione nel punto di compenetrazione. In questo modo viene aggiunto un punto di divisione nel segmento del percorso per allineare la giunzione al segmento del percorso.

Supporto migliorato dell'esportazione dei dati relativi a tubi e condotti


possibile esportare un maggior numero di tipi di componenti di instradamento in un file PCF e importarli in applicazioni ISOGEN, sotto forma di dati per coperture, supporti e punti centrali delle giunzioni. Per esportare i dati, nell'albero di disegno FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse su un assieme di instradamento e selezionare Esporta dati di tubi/condotti.

Miglioramenti relativi ai percorsi appiattiti


I miglioramenti relativi ai percorsi elettrici appiattiti consentono di realizzare disegni di cablaggi appiattiti dall'aspetto pi chiaro e completo. Sono stati apportati miglioramenti alle annotazioni e ai dettagli dei fili nei disegni appiattiti. In questo modo possibile ottenere cablaggi appiattiti con un layout pi chiaro, senza sovrapposizioni, posizionamento dei connettori, creazione di ventagli per i connettori con pi prese, supporto dei coprigiunti e una gestione pi efficace ed efficiente dei percorsi disconnessi nei cablaggi appiattiti. Nei disegni le tabelle connettori vengono allegate alla vista di disegno e i connettori vengono evidenziati quando si selezionano le tabelle connettori. I miglioramenti apportati alla modifica dei percorsi appiattiti semplificano la manipolazione dei segmenti a ventaglio. Per i percorsi appiattiti di tipo annotazione e produzione, il PropertyManager Modifica percorso appiattito include un'opzione che consente di specificare l'angolo per il posizionamento di un intero segmento a ventaglio rispetto al segmento base. inoltre possibile specificare la distanza fra i singoli segmenti a ventaglio. Tali opzioni consentono di rimuovere le sovrapposizioni tra i connettori e adattare la progettazione alle dimensioni di una scheda, per i percorsi appiattiti destinati alla produzione.

199

Routing

Miglioramenti per i percorsi con cavo a nastro


I miglioramenti relativi ai percorsi con cavo a nastro semplificano la creazione dei percorsi di instradamento. Come avviene anche per le altre funzionalit di instradamento, quando si creano e si modificano percorsi con cavi a nastro sono disponibili gli strumenti di schizzo. Per utilizzare gli strumenti di schizzo, aprire l'assieme del percorso con cavo a nastro e fare clic con il pulsante destro del mouse nell'area grafica. possibile aggiungere o eliminare sia segmenti che quote.

Vengono inoltre aggiunte maniglie al percorso di instradamento, per consentire di controllare la piegatura e la torsione dei cavi a nastro.

Nelle versioni precedenti gli strumenti di schizzo non vengono abilitati quando di modificano percorsi con cavo a nastro, mentre in Instradamento automatico tali strumenti sono disponibili solo con funzionalit limitate.

Aggiunta di pendenze a percorsi di condutture


La funzione di instradamento fornisce supporto completo per l'aggiunta di pendenze ai segmenti dei percorsi di condutture solide. Per definire una pendenza necessario specificare il piano di gravit, il punto iniziale, nonch la direzione e il valore della pendenza. La pendenza diviene una propriet del segmento di percorso.

200

Routing

Se un'estremit del percorso del condotto fissa, i segmenti verticali del percorso vengono accorciati o allungati per adattarli al segmento inclinato. Se l'altra estremit del percorso del condotto non fissa, l'intero percorso, incluse le giunzioni, viene adattato spostandolo verso l'alto o verso il basso.

Aggiunta di una pendenza


Per aggiungere una pendenza al percorso di un condotto: 1. Aprire un assieme di instradamento e fare clic su Condotti > Modifica istradamento (barra degli strumenti Instradamento). 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'entit di schizzo, nel punto in cui si desidera aggiungere la pendenza, e selezionare Aggiungi pendenza Verr visualizzato il PropertyManager Pendenza condotto. 3. Selezionare ilpiano di gravit. Il segmento del condotto deve trovarsi su tale piano. 4. Selezionare unpunto di partenza. Il punto di partenza deve essere un punto fisso utilizzabile per ruotare il segmento del condotto e creare la pendenza. 5. Nel PropertyManager immettere l'angolo di rotazione dellapendenza, espresso come rapporto. 6. Fare clic su . .

La pendenza verr aggiunta al segmento di condotto. possibile modificare la pendenza selezionando il segmento di percorso e facendo clic con il pulsante destro del mouse su Modifica pendenza . Per rimuovere la pendenza, fare clic con il pulsante destro del mouse sul segmento e selezionare Rimuovi pendenza materiali. . possibile annotare pendenze anche in disegni e distinte

201

Routing

Supporto di tubazioni nei file P&ID


possibile importare dati per i sistemi di tubazioni da un P&ID (Piping and Instrumentation Diagram). L'importazione dei sistemi di tubazioni analoga all'importazione dei sistemi di condutture. inoltre possibile combinare raccordi di condotti e tubazioni nello stesso file.

Controllo di convalida per Instradamento guidato del componente


La procedura Instradamento guidato del componente di Routing Library Manager consente di convalidare le tabelle dati. La finestra di dialogo Controlla tabelle dati convalida le voci delle tabelle dati personalizzate e visualizza un feedback.

202

20 Lamiera
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Note di piegatura Strumenti di formatura Parti multicorpo

Note di piegatura
L'utente ha un maggiore controllo sul testo e la visualizzazione per le note di piegatura nei disegni. Questa opzione disponibile soltanto nella vista ripetizione piatta di una parte di lamiera. Nel PropertyManager di Vista di disegno possibile: Mostrare o nascondere le note di piegatura Impostare la direzione di piegatura, il raggio di piegatura, l'ordine di piegatura e il limite di tolleranza piegatura Modificare il testo, anche rimuovendo la R del parametro raggio di piegatura Visualizzare angoli di piegatura complementari e supplementari

In un disegno con una vista di ripetizione piatta di una parte in lamiera, selezionare la vista di disegno. Impostare le opzioni nel PropertyManager della Vista di disegno in Note di piegatura. anche possibile:

203

Lamiera

Controllare la precisione delle note di piegatura per ogni vista di disegno. Fare clic su Opzioni (barra degli strumenti Standard) oppure su Strumenti > Opzioni. Nella scheda Propriet del documento, fare clic su Tabelle, quindi fare clic su Piegatura. Impostare le opzioni per Precisione. Unire e disunire le note di piegatura collineari. Per unire le note di piegatura in un'unica nota, selezionare pi note, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare Unisci note di piegatura. Per disunire le note di piegatura, fare clic con il pulsante destro del mouse su una nota unita e selezionare Disunisci note di piegatura. Utilizzare le nuove opzioni per le note di piegatura come colonne di tabelle di piegatura. In una tabella di piegatura, fare doppio clic su un'intestazione di colonna e selezionare una colonna come ANGOLO COMPLEMENTARE, ORDINE DI PIEGATURA o LIMITE DI TOLLERANZA PIEGATURA.

Strumenti di formatura
Quote per gli angoli di rotazione
Se si imposta un angolo di rotazione per uno strumento di formatura nel PropertyManager, sar possibile modificare l'angolo nel PropertyManager o durante la modifica dello schizzo di un profilo. L'angolo orientato rispetto all'asse X dello schizzo del profilo.

Punti di inserimento
possibile impostare un punto di inserimento per gli strumenti di forma. Il punto di inserimento aiuta a identificare l'esatta posizione dello strumento di formatura nella parte di destinazione. In una parte, fare clic su Strumento di formatura nella barra degli strumenti Lamiera oppure selezionare Inserisci Lamiera Strumento di formatura. Nel PropertyManager, impostare le opzioni nella scheda Tipo, quindi selezionare la scheda Punto di inserimento. Usare gli strumenti per le quote e le relazioni per definire il punto di inserimento.

204

Lamiera

Parti multicorpo
Struttura dell'albero di disegno FeatureManager
La struttura dell'albero di disegno FeatureManager per le parti di lamiera multicorpo stata modificata. In SolidWorks 2013 sono presenti due cartelle padre separate, ovvero Lamiera e Ripetizione piatta , che contengono i corpi di lamiera e le ripetizioni piatte associate.

SolidWorks 2013

SolidWorks 2012

Se si crea un nuovo corpo di lamiera da un corpo di lamiera esistente, nella cartella padre Lamiera dell'albero di disegno FeatureManager sar presente una sola funzione Lamiera . Se ad esempio si ripete un corpo di lamiera in modo da ottenere tre corpi di lamiera al posto di uno, i parametri di lamiera dei corpi saranno controllati da un solo nodo di funzione Lamiera, che corrisponde ai tre corpi risultanti.

Corpo ripetuto in SolidWorks 2013

Corpo ripetuto in SolidWorks 2012

Se si associano due corpi esistenti in modo da creare un solo corpo di lamiera, nella cartella padre Lamiera dell'albero di disegno FeatureManager saranno presenti due funzioni Lamiera . Anche se presente un solo corpo, il secondo corpo mantiene i propri parametri di lamiera. La funzione Lamiera corrispondente al primo corpo controlla sia la geometria del primo corpo, sia la nuova geometria della funzione eventualmente aggiunta al corpo combinato. La funzione Lamiera corrispondente al secondo corpo apparir rientrata sotto la funzione Lamiera corrispondente al primo corpo

205

Lamiera

e controller solo la geometria (spessore e raggio di piegatura) del secondo corpo.

Tabelle spessori
consentita una sola tabella spessori per parte di lamiera multicorpo. La tabella spessori determinata dal primo corpo di lamiera creato nella parte. Per controllare le impostazioni della tabella spessori, nell'albero di disegno FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella padre Lamiera , quindi fare clic su Modifica funzione . Nel PropertyManager impostare le opzioni in Spessori lamiera. Ogni corpo della parte pu presentare uno spessore diverso dai valori presenti nella tabella.

Opzioni
Quando sono visualizzate le propriet della lamiera, se si seleziona Strumenti > Opzioni > Propriet del documento > Lamiera l'opzione Crea ripetizioni multiple piatte quando una funzione crea corpi di lamiera multipli viene applicata alle parti create prima di SolidWorks 2013. In SolidWorks 2013, ogni corpo in una parte di lamiera multicorpo presenta una propria ripetizione piatta.

Parametri di lamiera padre


Tutti i corpi di una parte di lamiera multicorpo ereditano i valori relativi a raggio di piegatura e spessore dalla cartella padre Lamiera. I valori ereditati possono essere ignorati. Tali impostazioni non influiscono sui valori specificati per il limite di tolleranza piegatura e lo scarico automatico. I valori nella cartella padre Lamiera sono determinati dal primo corpo di lamiera creato nella parte. Nell'albero di disegno FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse sulla funzione Lamiera(n) sotto la cartella padre, quindi scegliere Modifica funzione .

Nella sezione Parametri di piegatura del PropertyManager selezionare o deselezionare Ignora parametri di default.

206

21 SolidWorks Simulation
SolidWorks Simulation Professional e SolidWorks Simulation Premium sono disponibili come prodotti acquistabili separatamente che possono essere usati con SolidWorks Standard, SolidWorks Professional o SolidWorks Premium. SolidWorks Premium contiene le funzionalit di simulazione per l'analisi lineare statica e del movimento. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Travi Contatto Meshing incrementale Interfaccia Materiali negli studi progettuali Risultati Sensori Creazione di sottomodelli

Travi
possibile visualizzare le forze e i momenti di reazione in corrispondenza dei giunti con trave caratterizzati da traslazioni e rotazioni fisse. Nel PropertyManager Forza di reazione, in Selezione fare clic sul giunto della trave per cui si desidera visualizzare le forze di reazione.

207

SolidWorks Simulation

Contatto
I miglioramenti apportati alle definizioni di contatto includono la rimozione del limite relativo al numero di gruppi di contatto negli studi statici, non lineari e di test di caduta, il rilevamento pi efficace delle coppie di contatto tra spline di superficie e facce a contatto, il rilevamento delle facce d'interferenza e l'unione dei bordi di shell alle travi.

Rilevamento automatico dei gruppi di contatto


Lo strumento di rilevamento automatico dei gruppi di contatto stato migliorato in modo da consentire il rilevamento delle spline di superficie a contatto con facce planari o cilindriche. L'opzione Trova il bordo con shell - coppie di facce del solido/con shell (strumento di rilevamento automatico dei gruppi di contatto) stata migliorata in modo da rilevare i gruppi di contatto tra corpi solidi e corpi shell che intersecano superfici spline.

Rilevamento di facce d'interferenza


Nella finestra di dialogo Trova gruppi di contatto sono elencate le coppie d'interferenza per facce shell e facce solide, al fine di semplificarne il rilevamento. 1. Nel PropertyManager Gruppi di contatto, in Contatto selezionare Trova automaticamente i gruppi di contatto. 2. In Opzioni selezionare Trova il bordo con shell - coppie di facce del solido/con shell. 3. In Componenti selezionare i corpi per cui si desidera rilevare i gruppi di contatto. 4. Fare clic su Trova gruppi di contatto. Se viene rilevata un'interferenza, le coppie d'interferenza vengono elencate in Facce interferenti. Selezionare un gruppo d'interferenza per evidenziarne le facce interferenti nell'area grafica.

208

SolidWorks Simulation

Bordi di shell per l'unione di travi


L'unione fra una trave e i bordi di uno shell appartenente a corpi di superficie o di lamiera, comunemente utilizzati per simulare le piastre dei fazzoletti di rinforzo per la connessione delle travi, supportata tramite definizioni di gruppi di contatto manuali. Questa funzionalit disponibile per gli studi statici, di frequenza, del carico di punta e di dinamica lineare. Per creare un contatto di unione tra il bordo di uno shell e una trave, selezionare Unito nella sezione Tipo del PropertyManager Gruppi di contatto. Per Gruppo 1 fare clic su Travi e selezionare la trave nell'area grafica. Per Facce, bordi per Gruppo 2 selezionare il bordo dello shell.

Meshing incrementale
Il meshing incrementale consente di affinare in modo pi flessibile le mesh dei singoli componenti di un assieme molto grande. Ripetendo il meshing solo per i corpi solidi o shell selezionati, anzich per l'intero assieme, possibile risparmiare tempo di elaborazione. Tramite il meshing incrementale possibile creare la mesh per i singoli componenti, anzich per l'intero assieme. Se prima di eseguire lo studio era stata creata la mesh per

209

SolidWorks Simulation

alcuni corpi di un assieme, ma non per tutti, la nuova mesh verr creata solo per i corpi che ne sono privi. Se il meshing di alcuni componenti non riesce, possibile ripetere l'operazione solo per tali componenti. La mesh esistente per gli altri componenti rimane inalterata. Per i corpi privi di mesh, fare clic con il pulsante destro del mouse sui corpi selezionati e scegliere Crea mesh. Applicare le impostazioni della mesh nel PropertyManager Controllo mesh. I corpi a cui non stato possibile applicare una mesh sono contrassegnati con un'icona rossa nell'albero dello studio .

Per i corpi dotati di mesh, fare clic con il pulsante destro del mouse sui corpi selezionati e scegliere Ricrea mesh. Le impostazioni di controllo della nuova mesh sostituiscono quelle della mesh esistente. Il meshing incrementale non disponibile per travi e studi di semplificazione 2D.

Interfaccia
I miglioramenti dell'interfaccia utente comprendono: Personalizzazione delle cartelle nella cartella Connessioni. Per organizzare meglio le funzioni nella cartella Connessioni, disponibile una cartella Connettori. La cartella Connettori simile alle cartelle Gruppi di contatto e Contatti del componente. Utilizzo migliorato del tasto Tab e dei menu di scelta rapida. possibile utilizzare il tasto Tab per spostarsi tra le voci dei PropertyManager. La combinazione Maiusc + Tab funziona in modo simile, ma in ordine inverso. Nei PropertyManager con pi caselle di selezione, quando si fa clic con il pulsante destro del mouse nell'area grafica per eseguire una selezione, viene visualizzato il puntatore di avanzamento che consente di avanzare tra le selezioni del PropertyManager direttamente dall'area grafica. Maggiore flessibilit nel trattamento di corpi quali solidi o travi. Se si seleziona un gruppo di travi o di corpi solidi nell'albero di studio di Simulation, possibile scegliere: Tratta i corpi selezionati come travi Tratta i corpi selezionati come solidi Messaggi di errore collegati alla geometria

Messaggi di errore
Collegando i messaggi di errore del solutore alla geometria, possibile risolvere pi facilmente gli eventuali errori nella configurazione dello studio di Simulation. I messaggi di errore vengono visualizzati nella finestra di dialogo Che succede? accanto alla funzione dello studio in cui stato rilevato l'errore. Quando il solutore identifica un errore in una funzione, contrassegna con un'icona di avviso la funzione nell'albero dello studio e aggiunge un messaggio del solutore. Per gli errori relativi alla formulazione della mesh, il solutore evidenzia l'elemento o il nodo della mesh nell'area grafica.
210

SolidWorks Simulation

Materiali negli studi progettuali


Il nuovo parametro Materiali studio progettuale consente di utilizzare il materiale di una parte o componente di un corpo in uno studio progettuale. Questa funzionalit permette di valutare una vasta gamma di opzioni di progettazione, nonch di ottimizzare il progetto corrente, definendo un parametro che consente di applicare ai corpi materiali diversi, specificati come variabili dello studio progettuale. Questa funzionalit disponibile in SolidWorks Professional e versioni superiori per l'impostazione di risultati di Simulazione come obiettivi nello studio di progetto. Per definire un materiale come variabile in uno studio progettuale: 1. Creare uno studio di progetto. 2. Fare clic su Inserisci > Studio progettuale > Parametri oppure fare clic sulla scheda Studio progettuale e, in Variabili, selezionare Aggiungi parametro. 3. Nella finestra di dialogo Parametri, in Nome, digitare il nome del parametro. 4. In Categoria selezionare Materiale. 5. In Riferimenti selezionare i corpi per cui tale materiale deve essere impostato come variabile in uno studio progettuale. Le righe evidenziate in verde contengono i corpi a cui assegnato il parametro di materiale. 6. Fare clic su Applica, quindi su OK. In Collegato viene visualizzato un asterisco sono collegati al parametro di materiale. per indicare che i corpi selezionati

7. Passare alla scheda Vista tabella per definire gli scenari di progettazione. 8. Per ogni scenario fare clic sulla cella Seleziona materiale nella riga del parametro di materiale. 9. Selezionare un materiale dalla libreria dei materiali di SolidWorks o da una libreria di materiali personalizzati, quindi fare clic su Applica. Il materiale selezionato viene applicato ai corpi collegati al parametro di materiale.

211

SolidWorks Simulation

In un determinato scenario possibile assegnare un solo materiale a ogni corpo. Se i parametri sono definiti in modo da assegnare due materiali allo stesso corpo, in ogni scenario verr applicato solo il primo materiale assegnato. I materiali dei corpi shell compositi non possono essere impostati come variabili negli studi progettuali.

Valutazione progettuale di una manopola in base al materiale


Vengono presentati tre scenari progettuali per una parte di manopola, variando la definizione del materiale per ogni scenario. necessario creare una variabile di progetto basata sulla definizione del materiale e assegnare una definizione di materiale diversa per ogni scenario progettuale.

Per aprire il modello, accedere a install_dir\samples\whatsnew\DesignStudies\knob.sldprt. Ricordare che le funzioni dello studio pronto: Applicano una coppia alla manopola. Impediscono la torsione della faccia cilindrica interna. Impediscono lo spostamento della manopola in direzione assiale. Le funzioni dello studio progettuale: Definiscono le quote del modello come parametri, ovvero Cut_Diameter, Cyl_Ht e Cut_Depth. Impostano due vincoli, ovvero a) FOS maggiore di 2.0 e b) monitoraggio della massa. Impostano gli scenari progettuali con i valori specificati per le tre variabili di progetto.

Definizione del materiale come variabile di progetto


necessario definire un parametro di materiale e aggiungerlo come variabile allo studio progettuale. 1. Aprire lo studio progettuale. 2. Nella scheda Vista tabelle, espandere Variabili e selezionare Aggiungi parametro. Nella finestra di dialogo Parametri: a) In Nome immettere un nome per il parametro, ad esempio mat.

212

SolidWorks Simulation

b) In Categoria selezionare Materiale. Il corpo singolo della manopola elencato in Riferimenti con una casella di controllo. Per le parti multicorpo o i documenti di assieme, tutti i corpi sono elencati in Riferimenti. Selezionare i corpi di cui si desidera assegnare il materiale come variabile di progetto. c) Fare clic su Applica. L'asterisco sotto Collegato indica che la definizione del materiale del corpo ora collegata al parametro di materiale. d) Fare clic su OK.

Selezione di materiali per scenari di progettazione


necessario assegnare tre materiali diversi per gli scenari di progettazione della manopola. 1. Nella scheda Vista tabella, in Scenario 1 fare clic su Seleziona materiale. 2. Nella libreria dei materiali SolidWorks, in Plastica selezionare Acrilico (impatto medio-alto). 3. Fare clic su Applica. 4. In Scenario 2 fare clic su Seleziona materiale. In Altri non metalli selezionare C (grafite). 5. Fare clic su Applica. 6. Per Scenario 3 in Altri non metalli applicare Ceramica Porcellana. 7. Chiudere la finestra di dialogo Materiale.

Esecuzione di scenari di progettazione


1. Fare clic su Esegui. A ogni iterazione il programma richiama lo studio statico Pronto e restituisce i valori. 2. Passare alla Vista risultati.

213

SolidWorks Simulation

3. Selezionare Scenario 1. L'elemento viene evidenziato in rosso perch il valore minimo di FOS minore di 2.

L'acrilico non costituisce una scelta ottimale per questo modello specifico. In uno studio progettuale di ottimizzazione inoltre possibile utilizzare i materiali come variabili di progetto.

Risultati
I miglioramenti alla visualizzazione dei risultati includono la possibilit di visualizzare grafici e fattori di sicurezza per le entit selezionate, una rappresentazione pi realistica dei risultati relativi ai corpi shell e opzioni per la selezione dei risultati da memorizzare.

Fattore di sicurezza per i corpi selezionati


Dopo l'esecuzione di uno studio statico possibile limitare la visualizzazione dei grafici del fattore di sicurezza ai soli corpi selezionati. Nel PropertyManager Fattore di sicurezza fare clic su corpi selezionati. Selezionare uno o pi corpi per cui visualizzare la distribuzione del fattore di sicurezza o le regioni al di sotto del fattore di sicurezza. I risultati vengono visualizzati solo per i corpi selezionati.

214

SolidWorks Simulation

Grafici basati sulle entit selezionate


disponibile una nuova opzione per la visualizzazione dei risultati che consente di mostrare solo i risultati (sollecitazione, spostamento e deformazione) relativi alle entit selezionate. In un PropertyManager Grafico di sollecitazione, Grafico di spostamento o Grafico di deformazione, selezionare Mostra grafico solo per le entit selezionate in Opzioni avanzate. possibile selezionare le facce o i corpi per cui visualizzare i risultati.

215

SolidWorks Simulation

Risultati shell
possibile visualizzare la mesh e i risultati degli shell utilizzando una rappresentazione 3D dei corpi shell. disponibile una nuova opzione che consente di visualizzare lo spessore degli shell nei grafici dei risultati (sollecitazione, spostamento e deformazione) e quindi visualizzare la mesh. Per visualizzare i risultati in una rappresentazione 3D dei corpi shell, nel PropertyManager Grafico di sollecitazione, Grafico di spostamento o Grafico di deformazione, selezionare Rendering spessore in 3D (pi lento) in Opzioni avanzate. Lo spessore dello shell visualizzato nei grafici il valore definito nel PropertyManager Definizione di shell. L'orientamento dello spessore visualizzato in relazione alla superficie centrale dello shell, come specificato dal valore di offset (PropertyManager Definizione di shell). Per i grafici di sollecitazione vengono mostrati i risultati delle facce superiore e inferiore dello shell. I risultati vengono interpolati linearmente per tutto lo spessore dello shell. Quando si sondano i grafici di sollecitazione, vengono visualizzati i risultati per le facce sia superiore che inferiore dello shell.

Memorizzazione dei risultati


possibile controllare la quantit di dati memorizzati nel file dei risultati della simulazione, al fine di ridurre la dimensione del file e aumentare la velocit di caricamento, soprattutto per l'analisi transitoria. I miglioramenti alla memorizzazione dei risultati includono: Possibilit di non memorizzare i risultati di deformazione e sollecitazione nel file dei risultati (*.CWR) per gli studi statici. Nel PropertyManager Opzioni risultati deselezionare Sollecitazioni e deformazioni e Numero da salvare nel file. Solo i risultati relativi allo spostamento e alla forza del corpo vengono calcolati e memorizzati nel file dei risultati. Per default il solutore calcola e memorizza tutti i risultati. Possibilit di salvare solo i risultati dei passi selezionati della soluzione per gli studi termici transitori. Nel PropertyManager Opzioni risultati selezionare Per i punti di soluzione specificati. Impostare il primo e l'ultimo passo della soluzione e specificare l'incremento per l'insieme di passi di soluzione desiderati.
216

SolidWorks Simulation

comunque possibile salvare i risultati per tutti i passi di soluzione per i vertici e i punti di riferimento memorizzati nei sensori, in Ubicazioni per grafici.

Sensori
disponibile un nuovo sensore che tiene traccia dei risultati degli studi transitori (non lineari, dinamici, test di caduta e termici transitori). Dopo l'esecuzione di uno studio transitorio possibile rappresentare graficamente i valori memorizzati dal sensore in funzione dell'intervallo di tempo o dei passi di soluzione per le varie frequenze. Questa funzionalit disponibile in SolidWorks Simulation Professional e versioni superiori.

Definizione di un sensore transitorio


Con un sensore transitorio possibile tenere traccia dei risultati della simulazione per l'intero modello, o per le entit selezionate nel modello, durante tutti i passi di soluzione di uno studio transitorio. Dopo avere eseguito lo studio possibile elencare e rappresentare graficamente i dati memorizzati dal sensore transitorio. 1. Creare uno studio transitorio (non lineare, dinamico, termico transitorio o test di caduta) 2. Nel FeatureManager fare clic con il pulsante destro del mouse su Sensori scegliere Aggiungi sensore. 3. Nel PropertyManager: e

a) In Tipo di sensore selezionare Dati di simulazione. b) In Quantit dati selezionare la quantit di risultati di cui tenere traccia con il sensore. c) In Propriet selezionare un Criterio Transitorio. . Per Criterio di fase selezionare

d) Fare clic su . In Sensori viene creata l'icona di un nuovo sensore. Per visualizzare i dati memorizzati in un sensore transitorio, fare clic con il pulsante destro del mouse sul'icona del sensore in Sensori e scegliere Elenco.

Per visualizzare grafici 2D dei risultati memorizzati nei sensori transitori, fare clic con il pulsante destro del mouse sul'icona del sensore in Sensori e scegliere Grafico.

Creazione di sottomodelli
Per gli studi caratterizzati da una grande quantit di corpi, la nuova funzione per la creazione di sottomodelli consente di migliorare i risultati nelle aree critiche senza rieseguire l'analisi per l'intero modello. Se si affina la mesh per una porzione selezionata del modello e si ripete l'analisi solo per il sottomodello, possibile risparmiare tempo di elaborazione. Questa funzionalit disponibile in SolidWorks Simulation Professional e versioni superiori.

217

SolidWorks Simulation

Dopo avere eseguito l'analisi con una mesh relativamente grossolana, possibile definire un sottomodello formato da un gruppo di corpi per cui le sollecitazioni potrebbero non essere state calcolate accuratamente a causa di spigoli vivi o disuniformit a livello di geometria o di carico. La mesh dei corpi all'interno del sottomodello stata affinata ed possibile ripetere la simulazione per migliorare i risultati solo sul sottomodello, senza ricalcolarli per le altre parti del modello. possibile eseguire uno studio su sottomodelli solo da uno studio padre idoneo. Sono idonei per gli studi su sottomodelli solo gli studi padre che soddisfano le condizioni seguenti: Lo studio deve essere di tipo statico o non lineare, esteso a pi corpi e non essere esso stesso uno studio su sottomodelli. Lo studio padre non pu essere uno studio di semplificazione 2D. I corpi selezionati che formano il sottomodello non devono includere contatti di tipo Senza compenetrazione con corpi non selezionati, che danno luogo a una pressione di contatto oltre il limite del taglio. I corpi selezionati che formano il sottomodello non devono presentare connettori in comune con corpi non selezionati.

Modello padre non idoneo per la creazione di sottomodelli. Tutti i corpi sono connessi con bulloni.

Principi per la creazione di sottomodelli


La creazione dei sottomodelli basata sul principio di St. Venant, secondo il quale le sollecitazioni ragionevolmente distanti da un carico applicato a un contorno non subiscono modifiche significative se il carico viene sostituito da un carico staticamente equivalente. La distribuzione della sollecitazione e della deformazione viene alterata solo vicino alle regioni di applicazione del carico. possibile tagliare una porzione del modello ed eseguire l'analisi solo sulla porzione selezionata, purch gli spostamenti siano specificati correttamente sui contorni del taglio. Se gli spostamenti ai contorni del taglio vengono calcolati in modo preciso alla prima esecuzione, possono essere utilizzati come condizioni al contorno per l'esecuzione del sottomodello. Il contorno del taglio del sottomodello non pu attraversare un contatto di unione definito tramite giunti trave a trave o giunti bordo a shell. I contorni del sottomodello devono essere sufficientemente lontani dalle aree di concentrazione della sollecitazione.
218

SolidWorks Simulation

Creazione di uno studio su sottomodelli per un veicolo a pressione


Viene creato uno studio su sottomodelli basato sull'analisi statica di un veicolo a pressione. Lo studio su sottomodelli creato contiene solo il telaio di supporto del modello del veicolo a pressione. Occorre quindi affinare la mesh solida del telaio di supporto ed eseguire di nuovo l'analisi per aumentare la precisione dei risultati.

Per aprire il modello, accedere a install_dir\samples\whatsnew\creazione di sottomodelli\pressure_vessel.sldprt. Le funzioni dello studio Pressione-Iniziale: Applicano una pressione di 100 psi sulle facce interne del serbatoio. Definiscono una massa distribuita di 700 lbs (per il gas liquefatto) all'interno del serbatoio. Applicano un carico di gravit. Applicano quattro controlli mesh.

Creazione di uno studio su sottomodelli


Viene creato uno studio su sottomodelli che contiene solo i corpi del telaio di supporto. 1. Eseguire lo studio Pressione-Iniziale con le impostazioni di default della mesh. 2. Al termine dell'analisi fare clic con il pulsante destro del mouse su Pressione-Iniziale, quindi scegliere Crea studio su sottomodelli.

219

SolidWorks Simulation

3. Dall'elenco dei corpi da includere nel sottomodello, selezionare le quattro gambe di supporto e le quattro piastre, per un totale di otto corpi.

4. Fare clic su . Viene creato lo studio Sottomodello-1. Il campo di spostamento dello studio padre viene trasferito nel sottomodello, in corrispondenza del contorno del taglio.

Mesh del sottomodello ed esecuzione dello studio


possibile perfezionare la mesh dei corpi solidi per migliorare la precisione dei risultati per il sottomodello. Si applica una mesh solida fine al sottomodello utilizzando lo schema di mesh basato sulla curvatura, che crea automaticamente un maggior numero di elementi nelle aree con curvatura superiore.

220

SolidWorks Simulation

1. Nello studio Sottomodello-1 fare clic con il pulsante destro del mouse su Mesh e scegliere Crea mesh. 2. In Densit della mesh spostare il dispositivo di scorrimento su Fine. 3. In Parametri della mesh selezionare Mesh basata su curvatura. 4. In Opzioni selezionare Esegui (risolvi) analisi. 5. Fare clic su .

Visualizzazione dei risultati per il sottomodello


Dopo l'esecuzione di uno studio su sottomodelli, possibile scegliere di rappresentare graficamente solo i risultati per i sottomodelli. Nello studio su sottomodelli aprire il grafico della sollecitazione von Mises per il sottomodello.

Per confrontare i risultati del sottomodello con quelli dello studio padre, attivare lo studio Pressione-Iniziale e tracciare il grafico dei risultati desiderati.

221

22 Tecniche di schizzo
Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Curve coniche Quote

Curve coniche
Lo strumento Conica consente di tracciare curve coniche utilizzando i punti finali e il valore Rho. A seconda del valore Rho, la curva pu essere ellittica, parabolica o iperbolica. Nelle versioni precedenti del software SolidWorks era possibile tracciare ellissi e parabole. Tuttavia, non era possibile tracciare ellissi o parabole in base ai punti finali e pertanto era difficile renderle tangenti alla geometria esistente. Le curve coniche possono fare riferimento a uno schizzo o a una geometria del modello esistente oppure possono essere entit indipendenti. possibile quotare la curva con una quota di guida e la quota risultante mostrer il valore Rho. L'entit conica include anche un valore per il raggio di curvatura.

222

Tecniche di schizzo

Schizzo di una curva conica che fa riferimento a una geometria esistente

Anteprima dello schizzo con rivoluzione

Modello finito

Per creare le curve coniche: 1. Aprire la parte install_dir\samples\whatsnew\sketching\conic.sldprt.

Il modello contiene un arco e una spline di schizzo. 2. Fare clic su Conica (barra degli strumenti Schizzo) oppure su Strumenti > Entit di schizzo > Conica. Il puntatore assume l'aspetto .

223

Tecniche di schizzo

3. Nell'area grafica, fare clic sul primo punto finale della curva conica nel modo illustrato.

4. Trascinare il cursore a destra in modo che sia tangente all'arco.

Poich il punto finale associato allo schizzo dell'arco esistente, viene visualizzata una linea di riferimento gialla tangente allo schizzo. 5. Fare clic sul secondo punto finale nel modo illustrato.

6. Trascinare il cursore in alto.

Viene visualizzata una linea di riferimento gialla tangente allo schizzo della spline.

224

Tecniche di schizzo

7. Trascinare il cursore fino all'intersezione tra le due linee di riferimento gialle.

possibile effettuare lo snap sull'intersezione di entrambe le linee di riferimento per scegliere il vertice superiore della curva conica. 8. Fare clic sull'intersezione di entrambe le linee di riferimento per impostare il vertice superiore della curva conica. Selezionando l'intersezione di entrambe le linee di riferimento si avr la certezza che la curva conica sia tangente a entrambi i punti finali. 9. Trascinare il cursore a sinistra fino a ottenere il valore Rho 0,75.

Mentre si sposta il cursore, il valore Rho della curva conica cambia. 10. Fare clic per impostare il valore Rho su 0,75.

Vengono visualizzati i punti di riferimento per la spalla e il vertice superiore della curva. Tra la curva e gli schizzi originali vengono create relazioni tangenti.

Quote
ora possibile aggiungere automaticamente quote alle entit di schizzo se si immette il valore di una quota mentre si disegna l'entit nell'area grafica. In precedenza, era necessario scegliere di aggiungere le quote prima di creare lo schizzo dell'entit.

225

Tecniche di schizzo

Selezionare Strumenti > Opzioni > Opzioni del sistema > Schizzo. Selezionare Attiva input numerico su schermo in creazione entit e Crea quota solo quando viene immesso un valore e fare clic su OK. Le asole non sono supportate. Per aggiungere le quote alle entit di schizzo: 1. Fare clic su Opzioni (barra degli strumenti Standard) oppure su Strumenti > Opzioni. 2. Nella scheda Opzioni del sistema, fare clic su Schizzo. 3. Selezionare Attiva input numerico su schermo in creazione entit e Crea quota solo quando viene immesso un valore e fare clic su OK. 4. Aprire un nuovo schizzo e fare clic su un'entit di schizzo, ad esempio Rettangolo angolare . 5. Trascinare tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse mentre si disegna il rettangolo. Non rilasciare il pulsante del mouse. Rilasciando il pulsante del mouse si esce dalla modalit di input. 6. Digitare un valore per la quota dell'altezza e premere Invio.

7. Digitare un valore per la quota della larghezza e premere Invio.

226

Tecniche di schizzo

8. Rilasciare il pulsante del mouse. Il rettangolo ora quotato.

227

23 Sustainability
Disponibile come prodotto acquistabile separatamente che pu essere usato con SolidWorks Standard, SolidWorks Professional o SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Impatto ambientale dei pezzi verniciati Esportazione delle impostazioni di uno studio di SolidWorks Sustainability Impatto finanziario dei materiali selezionati Maggiore coerenza di calcolo Metodologia TRACI per la valutazione dell'impatto Selezione delle unit nella finestra di dialogo Trova simile.

Impatto ambientale dei pezzi verniciati


Per i pezzi verniciati, l'area della superficie del pezzo viene utilizzata per determinare la quantit di vernice necessaria e l'impatto ambientale della verniciatura.

Utilizzando l'elenco a discesa Opzioni vernice nella sezione Fabbricazione del Task Pane di Sustainability, possibile specificare se il pezzo utilizza: Nessuna vernice Vernice a base acqua Vernice a base solvente Quando si aggiunge o si cambia l'impostazione relativa alla vernice, la modifica viene visualizzata immediatamente. Per la maggior parte dei pezzi l'aggiunta di vernice determina una variazione relativamente limitata dell'impatto ambientale.

228

Sustainability

Esportazione delle impostazioni di uno studio di SolidWorks Sustainability


possibile espandere l'analisi della valutazione del ciclo di vita (LCA, Life Cycle Assessment) dei propri prodotti salvando le impostazioni di uno studio di SolidWorks Sustainability nel software GaBiper la valutazione del ciclo di vita (prodotto da PE INTERNATIONAL). Per salvare le impostazioni: 1. Nella parte inferiore della sezione Impatto ambientale del Task Pane di Sustainability, fare clic su Salva con nome . 2. Nella finestra di dialogo Output Sustainability, in Tipo file selezionare File di input GaBi. Per default, nei campi Nome file e Salva file in vengono visualizzati il nome e il percorso della parte o dell'assieme per cui viene eseguito lo studio di Sustainability. 3. facoltativamente possibile modificare il nome del filee il percorso di salvataggio. Non aggiungere un'estensione al nome del file. Il file viene automaticamente salvato con l'estensione corretta (.xml). 4. Fare clic su OK. La finestra di dialogo Output Sustainability consente inoltre di: Generare rapporti di Sustainability. Esportare in un foglio di calcolo le impostazioni e i risultati di uno studio di SolidWorks Sustainability, per consentire di condividere tali informazioni senza condividere il modello.

Impatto finanziario dei materiali selezionati


possibile stimare l'impatto finanziario relativo dei materiali selezionati in base all'impatto finanziario per unit di massa associato a ogni materiale. L'impatto finanziario del materiale dato dal prodotto della massa delle parti nel modello per la propriet di impatto finanziario di ogni materiale della parte. Nel database dei materiali di SolidWorks sono disponibili i valori di default per l'impatto finanziario. Quando si selezionano i materiali nel database, l'impatto finanziario della combinazione scelta viene visualizzato nella sezione Impatto ambientale del Task Pane di Sustainability. Nella finestra di dialogo Trova materiale simile possibile utilizzare il valore dell'impatto finanziario come categoria di ricerca per individuare i materiali che soddisfano i requisiti fisici e ambientali desiderati ma con un impatto inferiore sui costi. Se si utilizzano materiali personalizzati, possibile utilizzare la propriet di impatto finanziario per assegnare i valori desiderati per l'impatto finanziario dei materiali. L'impatto finanziario del materiale in Sustainability non correlato a SolidWorks Costing.

229

Sustainability

Visualizzazione dell'impatto finanziario

Per visualizzare l'impatto finanziario del materiale di un'unica parte: 1. Aprire una parte e fare clic su Strumenti > Sustainability. 2. Nella sezione Materiale del Task Pane di Sustainability selezionare la classee ilnome di un materiale. 3. Fare clic su Imposta materiale. 4. Espandere la tabella Impatto ambientale. L'impatto finanziario del materiale viene visualizzato nella parte inferiore della tabella.

La prima volta che si seleziona un materiale per la parte, non disponibile alcun impatto finanziario precedente da confrontare. Pu essere visualizzato solo l'impatto finanziario corrente. 5. Nella sezione Materiale scegliere un materiale diverso per la parte e fare clic su Imposta materiale. Poich ora sono presenti due valori da confrontare, in SolidWorks Sustainability viene visualizzata la percentuale di aumento o riduzione del costo.

6. Per visualizzare i costi effettivi, spostare il mouse sulle barre che mostrano la variazione dell'impatto finanziario.

230

Sustainability

Utilizzo di Trova simile per ridurre i costi


Per confrontare l'impatto finanziario dei materiali possibile utilizzare la finestra di dialogo Trova simile. Questo metodo consente di trovare materiali con un costo inferiore assicurando al tempo stesso il rispetto di altri requisiti, come l'elasticit o la resistenza alla trazione. Per trovare materiali con impatto finanziario inferiore: 1. Nell'area grafica selezionare la parte di cui si desidera ridurre il costo. 2. Nella sezione Materiale del Task Pane di Sustainability fare clic su Trova simile. 3. Nella finestra di dialogo Trova materiale simile impostare le condizioni e i valori necessari per le altre propriet del materiale. 4. Per Impatto finanziario selezionare (minore di). 5. Sul lato destro della finestra di dialogo Trova materiale simile fare clic su Trova simile. Nella met superiore della finestra di dialogo viene visualizzato un elenco di risultati. 6. Nell'elenco di risultati fare clic sull'intestazione della colonna Impatto finanziario del materiale per ordinare i materiali in base all'impatto finanziario. 7. Nell'elenco ordinato fare clic su un materiale che presenta un costo inferiore ma soddisfa comunque gli altri requisiti. La sezione Impatto ambientale viene aggiornata per mostrare un confronto tra l'impatto finanziario e ambientale del materiale originale e quello del nuovo materiale selezionato.

8. Ripetere il passaggio 7 finch non si identifica un sostituto appropriato per il materiale originale. 9. Fare clic su Accetta. La finestra di dialogo Trova materiale simile viene chiusa e il materiale selezionato sostituisce quello originale nella sezione Materiale del Task Pane di Sustainability. Quando si calcolano i risultati dello studio, la differenza di costo influisce sull'impatto finanziario totale.

Assegnazione dell'impatto finanziario a un materiale personalizzato


Se si utilizza un materiale personalizzato non definito nel database di SolidWorks, possibile aggiungere l'impatto finanziario alle propriet del materiale. inoltre possibile personalizzare un materiale di SolidWorks, se il costo di tale materiale diverso da quello di default. Per aggiungere una propriet di impatto finanziario a un materiale personalizzato esistente:

231

Sustainability

1. Nel FeatureManager espandere il componente per cui si desidera calcolare l'impatto finanziario. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su e scegliere Modifica materiale. 3. Nella finestra di dialogo Materiale espandere Materiali personalizzati e selezionare il materiale di cui si desidera specificare l'impatto finanziario. 4. Nel riquadro a destra fare clic su Aggiungi nella scheda Personalizza. 5. In Nome propriet digitare Impatto finanziario. Anche se per le propriet non viene fatta distinzione tra maiuscole e minuscole, necessario utilizzare l'espressione "Impatto finanziario". 6. Per Valore digitare un numero positivo che rappresenta il costo del materiale. Esempi: 35, 63.67 Non consentito utilizzare lettere, simboli e segni di punteggiatura diversi da "." o ",". L'Editor del materiale non visualizza alcun errore, ma in SolidWorks Sustainability l'impatto finanziario non viene letto nella sezione del Task Pane relativa all'impatto finanziario del materiale e viene visualizzata una descrizione comandi per segnalare la mancanza di tali informazioni. 7. Per Unit digitare valuta/misura. Il valore di default per Unit relativo ai materiali presenti nel database USD/kg, ovvero dollari statunitensi per chilogrammo. 8. Fare clic su Applica, quindi su Chiudi. Quando si assegna il materiale a una parte, il valore specificato viene utilizzato per calcolare l'impatto finanziario di tale materiale.

Maggiore coerenza di calcolo


Sono disponibili algoritmi pi avanzati e un modello di inventario del ciclo di vita pi robusto e flessibile, che consentono di aumentare la precisione dei calcoli di sostenibilit.

Metodologia TRACI per la valutazione dell'impatto


possibile visualizzare i risultati di SolidWorks Sustainability determinati utilizzando la metodologia di valutazione dell'impatto TRACI (Tool for the Reduction and Assessment of Chemical and Other Environmental Impacts, Strumento per la riduzione e il consolidamento dellimpatto ambientale e chimico). Sono disponibili due metodologie di valutazione dell'impatto: CML Questa metodologia stata sviluppata dal centro delle scienze ambientali (CML, Centre for Milieukunde, Leiden) dell'Universit di Leiden, nei Paesi Bassi. La metodologia CML basata sulle condizioni della regione europea. Per gli studi LCA al di fuori del Nord America, la metodologia CML costituisce l'insieme di indicatori ambientali maggiormente utilizzato per la valutazione dei ciclo di vita (LCA). TRACI

232

Sustainability

Questa metodologia stata sviluppata dall'agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti. La metodologia TRACI basata sulle condizioni locali degli Stati Uniti e pu essere utilizzata per creare modelli precisi per gli studi LCA nel Nord America. Un elenco a discesa nella parte inferiore della sezione Impatto ambientale del Task Pane di Sustainability indica se per il calcolo dei risultati verr utilizzata la metodologia TRACI o la metodologia CML. Utilizzare questo controllo per modificare la metodologia di valutazione dell'impatto.

Unit utilizzate nella metodologia TRACI


Rispetto alla metodologia CML utilizzata in SolidWorks Sustainability, la metodologia TRACI utilizza valori diversi per l'acidificazione dell'aria e l'eutrofizzazione dell'acqua.

233

Sustainability

Categoria danno Acidificazione dell'aria

Unit mol H+ e

Definizione Concentrazione molare equivalente degli ioni di idrogeno. Nota anche come pH di una soluzione, ovvero misura del livello di acidit o basicit della soluzione. m o l Indica le moli, un'unit del sistema internazionale che indica una quantit di sostanza uguale a quella contenente un numero di unit elementari pari a quella degli atomi presenti in 0,012 kg di carbonio 12. H + Indica gli ioni di idrogeno e Indicatore di equivalenza. Sebbene esistano molte sostanze che contribuiscono all'acidit dell'aria, alla quantit di ogni sostanza acidificante nell'aria viene applicato un fattore di scala per consentire di specificare un singolo valore.

Eutrofizzazione dell'acqua

kg N e

Quantit equivalente di azoto dissolto in acqua, misurata in chilogrammi. L'eutrofizzazione dell'acqua dovuta all'aggiunta di sostanze naturali o artificiali, come nitrati e fosfati, tramite fertilizzanti o acque di scolo. TRACI somma queste sostanze applicando il fattore di equivalenza con l'azoto per fornire una misura dell'eutrofizzazione dell'acqua.

234

Sustainability

Utilizzo di TRACI per valutare la sostenibilit


Per valutare uno studio utilizzando la metodologia TRACI: 1. Immettere i valori di input per Materiale, Fabbricazione, Uso, Trasporto e Fine vita. 2. Espandere la tabella Impatto ambientale e fare clic su Aria. Osservare i valori correnti. 3. Nella parte inferiore del Task Pane di Sustainability espandere l'elenco a discesa accanto al pulsante Home e selezionare TRACI. I risultati vengono ricalcolati. I valori sono diversi perch CML e TRACI utilizzano unit di misura diverse. 4. Fare clic su Salva con nome . 5. Nella finestra di dialogo Output Sustainability verificare che per Tipo file sia selezionato Rapporto, quindi fare clic su OK. Se sono aperti altri documenti di Microsoft Word, non sar possibile generare il rapporto. Il rapporto di Sustainability viene aperto in Microsoft Word. Nella sezione Impatto ambientale del rapporto specificato che per il calcolo dell'impatto stata utilizzata la metodologia di valutazione TRACI. Per i valori visualizzati in questa sezione del rapporto e nella sezione Impatto ambientale del componente vengono utilizzate le unit di misura di TRACI.

Selezione delle unit nella finestra di dialogo Trova simile.


possibile modificare le unit visualizzate per le propriet dei materiali nella finestra di dialogo Trova simile. Sono disponibili le stesse opzioni che vengono visualizzate quando si modifica un materiale utilizzando l'Editor materiali di SolidWorks. 1. Nella sezione Materiale del Task Pane di Sustainability fare clic su Trova simile. 2. Nella finestra di dialogo Trova materiale simile, sul lato destro della sezione Impatto ambientale espandere l'elenco a discesa Unit e selezionare una delle opzioni seguenti: SI -N/m^2 (Pa) Anglosassone (IPS) Metrico (MKS) SI -N/mn^2 (MPa) Le modifiche vengono visualizzate nelle intestazioni delle finestre di dialogo e nell'elenco dei materiali che viene visualizzato quando di avvia una ricerca di materiali simili. Pollici, libbre, secondi Metri, chilogrammi, secondi

235

24 SolidWorks Workgroup PDM


Disponibile in SolidWorks Professional e SolidWorks Premium. Questo capitolo comprende i seguenti argomenti: Limitazione dell'esportazione in file con lo schema di revisione corrente Gestione del servizio del vault

Limitazione dell'esportazione in file con lo schema di revisione corrente


Quando si esportano documenti di Workgroup PDM, lo strumento di esportazione consente di scegliere se esportare solo i documenti con lo schema di revisione corrente. Questo semplifica la migrazione del vault ad altri prodotti PDM. Quando si seleziona l'opzione Esporta solo documenti nello schema di revisione corrente, i file che non utilizzano lo schema di revisione corrente vengono ignorati. Lo strumento di esportazione visualizza un elenco dei file le cui revisioni non corrispondono allo schema corrente, verificando anche progetto, data, numero di revisione e dimensione del file. Se si desidera esportare anche i file che utilizzano uno schema di revisione non aggiornato, possibile selezionarli per includerli nell'esportazione.

Gestione del servizio del vault


possibile gestire il servizio Workgroup PDM del vault senza aprire Microsoft Management Console. Se quando si accede allo strumento VaultAdmin il servizio del vault viene arrestato, nella finestra di dialogo SolidWorks Workgroup PDM 2013 VaultAdmin - Accesso viene visualizzato il pulsante Avvia servizio. Fare clic su tale pulsante per avviare il servizio. Se non si avvia il servizio, all'apertura dello strumento VaultAdmin sar possibile accedere solo alla scheda Gestione vault. La scheda Gestione vault contiene controlli che consentono di: Avviare o arrestare il servizio del vault Specificare una nuova directory del vault Attivare o disattivare la convalida Ricostruire il vault Visualizzare informazioni sull'uso della memoria del vault, nonch sulle dimensioni e sulla durata del log del vault

236