Sei sulla pagina 1di 87

MARINO FRESCHI. STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA. ENCICLOPEDIA TASCABILE IL SAPERE. NEWTON. INDICE. Le origini, il Medioevo e la Riforma.

Le origini: il limes quale destino tedesco. Letteratura pagana e cristiana. L'et cortese. I mistici. Umanesimo e Riforma. Il Barocco. Pietismo e Illuminismo. L'et di Goethe. I romantici. L'Ottocento. Il Novecento. Il primo Novecento in Germania. La letteratura austriaca del fin-de-sicle e del primo Novecento. Praga. La letteratura tedesca dopo il '45. La letteratura della DDR. La letteratura austriaca del secondo Novecento. 1. Le origini il Medioevo e la Riforma. LE ORIGINI: IL LIMES QUALE DESTINO TEDESCO. La letteratura tedesca affonda le sue radici nel mondo delle antichit germaniche. I germani facevano originariamente parte della comunit linguistica e culturale indoeuropea e avevano occupato, durante il lento e graduale passaggio dal nomadismo alla fase stanziale, nell'Europa centrale e settentrionale quel vasto territorio delimitato dal Reno, dal Danubio, dalla Vistola, dai mari nordici e dalle Alpi. Premuti da altri popoli - tra cui gli slavi e poi gli unni - si spostarono verso Occidente e verso Meridione, insidiando il sistema di difesa dell'Impero romano che, dopo una erosione secolare, venne travolto dalla calata dei barbari o - per usare la definizione della storiografia tedesca - dalla migrazione dei popoli. Il contatto con Roma fu di duplice segno: da una parte i germani erano gli invasori vittoriosi che occuparono ampie zone dell'impero, mutandone le caratteristiche culturali, creando i regni romano-barbarici, da cui sorsero le nazioni dell'Europa moderna. D'altro canto i germani subivano il profondo fascino della grandezza civile, culturale e spirituale di Roma. Carlo Magno, il pi prestigioso sovrano della monarchia franca, volle

restaurare nell'800 I'impero, ancorandolo alla nuova fede cristiana. E fu proprio il re dei franchi che per motivi di potenza ed equilibrio politico promosse la cristianizzazione forzata, ottenuta con la violenza esercitata sulle trib sassoni, le pi caparbiamente riottose ad adeguarsi all'egemonia franca. Per attuare siffatto disegno Carlo e i suoi successori si basarono sul potere intimidatorio delle armi, nonch sull'apostolato dei monaci irlandesi, i quali misero in atto una puntuale operazione di sradicamento delle antiche tradizioni religiose. Il processo di cristianizzazione venne pi facilmente accettato da quelle comunit che per secoli erano state a contatto con la romanit. L'impero aveva operato la prima spaccatura dell'unit culturale delle trib germaniche con il limes, con la romanizzazione cio della Renania e delle zone alpine. E il limes divenne un confine di cultura e di colture (si pensi alla coltivazione delle vigne) che scorre ancora oggi all'interno della Germania. Le province al di sopra del limes alimentarono un irrisolto risentimento antiromano, anticattolico e infine antioccidentale. La storia tedesca nasce con una duplice divisione che Sl npercuote in tuttl gli ambiti culturali, facendo della Germania il paese plU difficilmente unificabile tra le nazioni europee, come dimostra l'esistenza dell'Austria, nazione di lingua tedesca compattamente cattolica, e della Svizzera tedesca, la cui conformazione geografica a influito a creare una ben precisa specificit anche culturale. L'estirpazione delle tradizioni ha prodotto un sottofondo cupo e oscuro: I'antico paganesimo si scav i suoi canali di trasmissione nel folc ore, nell'immenso patrimonio delle favole, leggende, canzoni popolari - Lieder -, che, negati o marginalizzati per secoli, riaffiorarono, a mo di fenomeno carsico, nei secoli fino a quella tragica riapparizione ei simboli neopagani nell'immaginario nazionalsocialista. LETTERATURA PAGANA E CRISTIANA. Dell'antico patrimonio pagano si conservarono schegge preziose come gli scongiun magici, scoperti nel 1841, nella biblioteca capitolare di Merseburg, trascritti nel x secolo - probabilmente da un monaco- sulla pagina di un codice latino. Tali fonmule magiche trasmettono un'emozionante esperienza della cultura pagana ancora pervasa da un sentimento di unit cosmica che legava l'uomo alla natura. Un'altra reliquia di quel mondo, cos drasticamente tramontato, lo Hildebrandslied (11 canto di Ildebrando): l'unico poema eroico germanico che ci stato tramandato. La trascrizione, che ci pervenuta all'inizio dell'Ottocento, presumibilmente opera dei monaci di Fulda, uno dei grandi centri monastici della Germania. Il carme incentrato su un evento tragico, legato all'ethos guerriero dei germani e all'immenso esodo verso Sud; le gesta narrate riguardano le lotte tra i goti di Teodorico e gli eruli di Odoacre. Ai primi fedele il vecchio Ildebrando, che per decenni in esilio non ha potuto conoscere suo fi-

glio Adubrando, seguace di Odoacre. Il loro incontro corrisponde alI adempimento della dura legge germanica dell'onore, che coinvolge in un duello inevitabile l'anziano guerriero contro il figlio, appena ricoComincia a diffondersi in Genmania un cristianesimo autoctono fondato su una evangelizzazione non pi dipendente da missionari bensi irradiata dai grandi monasteri come quello di San Gallo e di Fulda, dove Sl approntarono traduzioni di preghiere e testi religiosi Questi lavori sono spesso interlineari per rendere comprensibile la lettera del testo senza altre pretese letterarie. Ci spiega come agli esordi la lingua tedesca venisse utilizzata strumentalmente e costretta a LE ORIGINI, IL MEDIOEVO E LA RIFORMA 11

piegarsi alle strutture morfologiche e sintattiche del latino, che rest per secoli la lingua colta per eccellenza. Nell'epoca carolingia collochiamo un poema eroico dedicato a Cristo, Heliand (Salvatore), cantato quale potentissima figura regale per seimila versi allitterati - ossia con la peculiare reiterazione nel verso stesso di gruppi consonantici omofoni. Nel convento alsaziano di Weissenburg operava il monaco Otfried, che intorno all'870 su un modello latino riscrive nell'Evangelienbuch (Libro dei Vangeli) il Nuovo Testamento in settemila versi doppi a rima interna. L'autore si concede libert liriche, trasportato dall'entusiasmo di una materia evocata per fini didascalici, ma presentata al pubblico colto dei monaci delle province gi romanizzate e cristianizzale. Ricordiamo, inoltre, un breve frammento, di circa cento versi, detto: Muspilli, che risale all'830 circa, in cui affiora in una straordinaria e suggestiva commistione di sentimenti cristiani e ataviche attese pagane il tema apocalittico della fine del mondo e del Giudizio Universale. Siamo alle prese con il massimo degli eventi, affrontato con una lingua dalle audaci, imprevedibili metafore, che segna tuttavia il ruolo subordinato della forma poetica a contatto con una deriva epocale che travalica ogni comprensione e ogni compiacimento letterario. Un tratto di gravit e di seriet contrassegna tra le altre letterature quella tedesca, nella sua vocazione (potremmo dirla dantesca per awicinarci a siffatta sensibilit) di confrontarsi con i problemi ultimi della vita umana. Parallelamente all'evangelizzazione, promossa dalle traduzioni delle preghiere, sorge una vigorosa letteratura cristiana in latino che si tramand per secoli rappresentando una delle pi ricche testimonianze del perdurare di una produzione letteraria in una lingua dotta. La cultura conventuale comincia a estendersi geograficamente verso Settentrione e anche tra le donne si assiste a un proliferare di voca-

zioni e la vita nei conventi si presta a dilatarsi verso ambiti di cultura devota. in questi ambienti che vive la prima poetessa Hrosvita von Gandersheim, una monaca sassone che, sulla scia dei modelli latini della commedia di Terenzio, compose tra il 960 e 970 alcuni brevi drammi di edificazione cristiana incentrati sulla lotta e il superamento della hybris, della boria individuale. Hrosvita inaugura la tradizione di scrittura femminile che dapprima nei conventi e poi nella societ cortese e borghese giunge fino ai nostri giorni, costituendo una componente essenziale nella letteratura tedesca. Un altro elemento specifico rappresentato dal romanzo di formazione, owero dal Bildungsroman, che narra le vicende awenturose di un protagonista, inserite in una prospettiva di evoluzione morale e di 12 s~loRIADELlALE ERATuRATEDEscA sviluppo spirituale all'interno di una concezione del mondo dinamica e ottimista che prevede il miglioramento e la salvez~a del singolo. I Intorno al 1050 incontriamo il primo esperimento di tale genere. Si tratta del Ruodlieb di autore anonimo, composto nel convento bavarese di Tegernsee: un poema in esametri latini rimati che a mo' di romanzo d'awentura descrive le gesta di un giovane cavaliere alla ricerca di gloria e ricchezze. Veniamo anche in contatto per la prima volta con un mondo nuovo: quello cortese-cavaOeresco che legittima le vicissitudini mondane se finalizzate verso un traguardo spirituale. L'ET CRTESE Il primo autentico poeta dell'et cavalleresca Harbnann von Aue che scrisse tra il 1170 e 1210. Sono in parte gli anni del grande tentativo di Federico Barbarossa di restaurare la potenza imperiale lo honor imperii. E la scrittura di von Aue risente di un clima politico di prestigio e di radicata convinzione nella missione storica e spirituale della cavalleria cristiano-germanica. La lingua rirdette una maturit poetica e una freschezza nell'espressione e nella struttura metaforica. Il poema pi strabiliante e inquietante G~goruls, che narra di un duplice incesto: Gregorius, nato dall'amore colpevole tra fratello e sorella, sposa sua madre. Venuto a conoscenza della tremenda verit cerca di espiare con una condotta di ascesi durissima quale eremita su una roccia. In odore di santit viene eletto papa e assolve in incognito la madre che a lui si confessa. Questa intrigante vicenda ha ispirato uno degli ultimi racconti di Thomas Mann, Der Erwa-hlte (L'eletto 1951), mostrando la vivacit di un tema, che affonda le radici nella leggenda archetipica raffigurata dall'Edipo sofocleo. Ma il poema pi intimamente cristiano Deranne Heu~rich (n povero Enrico), che narra di un pellegrinaggio che si rivela un itinerario di perfezione spirituale. Il protagonista malato di lebbra si reca a Salerno, allora famosa sede della Schola, il pi celebre centro medico-tera-

peutico dell'Alto Medioevo. La guarigione pu essere ottenuta attraverso il sangue, donato volontariamente, di una fanciulla. Di fronte all'offerta d'amore, nel protagonista avviene la resipiscenza: prima della terribile operazione Heinrich rifiuta il sacrificio del~a giovane contadinella pronta a dare il suo sangue per amore. Avendo riconosciuta la volont divina, il protagonista guarisce e sposa l'amata giovane, infrangendo la rigida separazione sociale in nome di un sublime principio spirituale e sentimentale. Contemporaneamente, tra il 1170 e 1220, scriveva un altro cavaliere Wolfram von Eschenbach, che - si tramanda - non conosceva il latino. A Wolfram la cavalleria europea deve il suo poema pi impegnativo: il Parzival, che rappresenta l'acme sublime della cavalleria spiriLE ORIGINI, IL MEDIOEVO E LA RIFORMA 13

tuale. Nell'opera s'intreccia la nuova religiosit cristiana - quella ispirata dalla cavalleria templaria, dalle crociate e da Bernardo di Clairvaux - con le precedenti tradizioni pagane, legate al ciclo bretone di re Art, del mago Merlino e dei cavalieri della Tavola Rotonda, ma soprattutto al mistero sacrale del Graal, che il simbolo precristiano e universale di una pienezza luminosa di perfetta spiritualit, che affonda le sue radici nella via guerriera della realizzazione spirituale. Probabilmente sono gi attive in Wolfram suggestioni islamiche, mutuate dalle crociate e dai templari, specie in riferimento alla giustificazione divina della guerra santa. La questione del Graal presenta cospicui elementi cristiani, intesi ad awicinare l'orgogliosa cavalleria germanica al concetto della caritas cristiana. Parzival comprende il Graal solo ponendo rettamente la domanda legata alla malattia del re Amfortas, anche se la questione del Graal rimanda alla missione di restaurare l'auctoritas spirituale dell'impero, ormai malato, indebolito e privo del prestigio procuratogli da Federico Barbarossa. Il Parzival stato giustamente considerato il modello compiuto del Bildungsroman: il cavaliere traversa le pi straordinarie vicissitudini per approdare infine alla realizzazione spirituale che legittima metafisicamente la sua azione awenturosa, innalzandola in un'aura sacra, circonfusa di misterioso fascino spirituale. Quasi contemporaneo al Parzival, l'altro grande poema della letteratura tedesca medievale: il Tristan di Gottfried von StraBburg. L'autore si colloca in un contesto gi socialmente pi avanzato, aperto alla nascente civilt borghese e disponibile a una concezione cortese pi ambiguamente inquieta, dove all'architrave morale del sacramentum fidelitatis, dell'impegno di fedelt che lega al principe il cavaliere, si contrappone, ancorch ricorrendo (col filtro d'amore) all'artificio della magia, I'amour-passion del singolo. Si profila, cos, una delle prioritarie rivendicazioni dell'individualismo: quella dei diritti all'amore emancipato dai vincoli di classe, di gerarchia e d'interesse.

Il Parzival, con il suo universo di awenture intese a purificare e perfezionare il protagonista, e il Tristan con l'attenzione all'amore quale destino umano che travalica e infrange ogni norma sociale e ogni precetto morale costituiscono le due principali esperienze poetiche del Medioevo, statuendo i modelli archetipali per l'ulteriore sviluppo della letteratura tedesca. Entrambi i poemi sono fortemente debitori a precedenti opere romanze, nonch alla materia bretone, cos intensamente rivivificata all'interno del mondo cavalleresco. Ci non toglie tuttavia che Wolfram e Gottfried possano essere considerati, per l'originale autonomia dei loro poemi, gli iniziatori di una ricca tradizione che giunge, ancora vitalissima, fino ai nostri giorni, continuamente rivisitata e variata da musicisti come Wagner e da scrittori alla stregua di Thomas Mann. 14 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA Se il Parzival e il Tristan raccolgono un retaggio mitologico per aggiornarlo e riproporlo all'attualit letteraria del loro tempo, il terzo grandioso poema di quei decenni - siamo intorno al 1200 - il Nibelungenlied, che una gigantesca opera di rammemorazione e di conservazione del patrimonio mitico e leggendario collettivo prima dell'oblio delle estreme saghe pagane germaniche, ancorch inserite in un contesto superficiale cristiano. La saga del tesoro, dell'eroe, della lotta vittoriosa sul drago, dell'immortalit per mezzo del bagno nel sangue del drago, della conquista magica della donna e del lento affiorare della maestosa e devastatrice potenza del destino che trascina nella morte l'intera schiatta eroica dei Nibelunghi con il suo re e con i nobili cavalieri, guidati dal tremendo e impassibile Hagen, ultimo esponente della fedelt fino e oltre la vita, tutti questi motivi appartengono alla tradizione nordico-germanica. Motivi mitologici, incardinati nell'incandescente magma del folclore universale, si intrecciano con memorie storiche, con l'oscura rimembranza della fine apocalittica dei regni germanici, travolti dalle nuove ondate dei barbari, nella fattispecie dagli unni di Attila. Accanto a queste grandi prove epiche si espande nelle corti tedesche, sulla scia dei modelli e dei canoni poetici francesi, la poesia d'amore legata al mondo cortese, all'etica della fedelt al signore e della devozione per la castellana, secondo i prototipi sperimentati da trovatori e trovieri. La dinamicit di questa poesia procurata dalla dialettica attuata ad arte con l'aspirazione del poeta-amante verso una forma d'amore sublime e catartico: la Minne, che d il nome a questa produzione, nota come il Minnesang (canto d'amore). Il testo impostato per avere un leggiadro accompagnamento musicale, che obbliga la versificazione al rispetto di rigorose scansioni. Il testo, ricco di metafore, sostanziato da una tensione sublimante e da una manierata e garbata umiliazione del poeta-amante. Il primo Minnesanger (cantore d'amore), d'origine austriaca della nobile stirpe dei Kurenberger,

ci viene tramandato con questo nome, il Kurenberger, che scrive verso il 1160 ed ancora molto attratto dai piaceri d'amore e dal compimento del desiderio. Il pi originale poeta di questa esperienza lirica, diffusa principalmente nell'et sveva nel Meridione alpino, stato il poeta tirolese Walther von der Vogelweide, nato a Bolzano verso il 1170 e morto a Wurzburg verso il 1230. Egli ha al suo attivo una ricca produzione di ~ieder (canti) e Spruche (componimenti), alcuni dei quali prendono le mosse da temi politici inerenti la Germania o la Palestina, meta dei crociati, oppure questioni religiose come il culto mariano, celebrato con ardite metafore amorose. Una meditazione costante e struggente quella elegiaca dello scorrere del tempo, dello scivolar via dei giorni, rammemorati in poesie suggestive. I toni, accordati a una intensa LE ORIGINI, IL MEDIOEVO E LA RIFORMA 15

malinconia e accorata nostalgia per l'esperienza spirituale della caducit, sono anche il sintomo di quella incipiente, ma gi inarrestabile crisi del mondo feudale e il sorgere della nuova societ borghese. I MISTICI L'egemonia della chiesa esaltata dalla stupenda miriade di duomi, conventi, di opere d'arte di tutti i generi, dagli affreschi ai quadri, dalle sculture in pietra a quelle in legno, dalla poesia alla musica, ma , al contempo, minacciata da uno sfaldamento interiore, dalla diffusa bassa tenuta morale degli ecclesiastici e da una pratica teologica che si allontana con la scolastica tomistica dall'afflato pi genuinamente religioso. E furono proprio i mistici che contribuirono a un chiarimento radicale e irreversibile dell'esperienza religiosa, ponendo le basi per la devozione moderna. Incontriamo di nuovo una donna, Mechthild von Magdeburg, che visse dal 1207 al 1283 circa e scrisse un diario interiore dell'anima Dasflie~3ende r icht der Gottheit (La luce fluente della divinit), che raccoglie rivelazioni, con suggestive visioni celestiali, narrate con ingenue metafore amorose. Il pi grande mistico tedesco fu il domenicano Meister Eckhart Maestro Eccardo, vissuto dal 1260 circa al 1327, che in un'ampia opera latina, ma anche in numerose prediche, sermoni e brevi trattati in tedesco testimonia della sublime intuizione teologica dell'unit tra creatura e creatore. Eckhart, trovatosi alle prese con una lingua ancora poco raffinata ed elaborata, poco usata nella trattatistica astratta e metafisica, s'impegna in una felice opera di arricchimento linguistico coniando una nuova terminologia mistico-filosofica, che divenne, almeno in parte, patrimonio lessicale comune. E accanto a questa intuizione linguistica, Eckhart affronta i problemi cruciali dell'itinerario cristiano, soffermandosi su una approfondita meditazione della

teologia negativa, mediata da quella apofatica dello Pseudo-Dionigi, da cui Eckhart trae la dottrina del distacco, una variazione del silenzio mistico dell'Areopagita, che coglie uno dei vertici dell'esperienza spirituale, stabilendo in tal modo un pericoloso contrasto con la dottrina cattolica della salvazione. La superba dimensione metafisica della meditazione mistica di Eckhart (di cui alcune posizioni furono condannate dalla chiesa) ispir l'insegnamento e le prediche di discepoli, due dei quali si profilarono per l'arditezza delle loro opere: Heinrich Seuse (1293-1366), autore di un Buchlein der ewigen Weisheit (Libretto della sapienza eterna), in cui il misticismo accentua l'esperienza individuale, esaltando il momento soggettivo paradossalmente nel continuo richiamo all'importanza dell'umiliazione, della mortificazione di un io protervamente robusto. L'altro discepolo di Eckhart che si distinse per le sue prediche tedeSTORIA DELLA LETI'ERATURA TEDESCA sche e per i suoi sermoni Johannes Tauler, che visse tra il 1300 circa e il 1361, segnalandosi per l'intensit oratoria e per la coerenza nella rigorosa scelta monastica vissuta in antitesi con la dimensione naturale del mondo e dell'esistenza. Si racconta che Taulero, anche lui monaco domenicano, si coprisse gli occhi col cappuccio per non lasciarsi distrarre nelle sue preghiere dalla rigogliosa natura primaverile: un atteggiamento fortemente in contrasto con la nuova spiritualit francescana, che gi presagiva l'umanesimo. UMANESIMO E RIFORMA Gradualmente con la diffusione dei nuovi valori borghesi si posero le premesse per un allentamento della rigida contrapposizione cristiana. Uno dei primi centri della cultura aperta alle nuove suggestioni umanistiche, provenienti dall'Italia, stata Praga, scelta quale sede imperiale da Carlo Iv del Lussemburgo, imperatore dal 1346 al 1378, il cui cancelliere Johannes ~on Neumarkt (1310 ca.-1380) si adoper a organizzare un'amministrazione efficiente, circondandosi di collaboratori da tutte le terre dell'impero, che contribuirono a creare una lingua tedesca sovraregionale. La corte si dimostr ospitale con Petrarca e con Cola di Rienzo, dando prova di un vivace interesse per la discussione culturale e letteraria in Italia. E nella regione boema visse Johann von Tepl (1350 ca.-1415), che all'inizio del 1400 scrive la sua opera di edificazione e consolazione religiosa DerAckermann aus Bohmen (Il villano di Boemia), in cui un vedovo litiga con la morte, che gli ha strappato innanzi tempo la sposa. La disputa, ostinatamente portata avanti dall'uomo, viene risolta di fronte al tribunale di Dio che emette un giudizio equanime, in cui si dichiarano legittime le argomentazioni dell'uomo, cui si riconosce l'onore delle armi. Anche se alla morte spetta il dominio sul corpo,

l'anima salva. E l'uomo ha potuto awicinare, con il nuovo sentimento della dignit umana, l'istanza metafisica suprema. ormai il tempo per la Germania del cambiamento: si profila una diversa civilt urbana, legata alle forti corporazioni delle arti e dei mestieri che proteggono e che spesso si fanno promotrici di creazioni artistiche, consegnate a canoni rigorosi, stabiliti dalle lunghe tradizioni dei maestri cantori delle varie gilde, che danno luogo, appunto, alMeistersang (canto dei maestri). Questo genere artistico, che univa poesia, musica e canto, si espande nelle libere citt tedesche, dove opera una borghesia agiata, numerosa e consapevole come ad Augusta, Norimberga e Strasburgo. A Norimberga viveva Hans Sachs (1494-1576), celebre compositore di innumerevoli farse teatrali e di cantate di tema religioso e profano. Lo sfacelo del feudalesimo comport una tensione acutissima con i LE ORIGINIIL MEDIOEVO E LA RIFORMA 17

contadini che si ribellavano e insorgevano vieppi violentemente ed estesamente, rifacendosi a un'improbabile, ma fortunatissima ideologia di ritorno alle origini ugualitarie e comunistiche del cristianesimo primitivo. L'agitazione sociale corse parallela al frantumarsi dell'ecumene cristiana, egemonizzata dalla chiesa romana, che non manteneva pi intatta la propria carismatica credibilit. All'interno della chiesa, negli ambienti agostiniani e in generale in quelli pi sensibili alla pratica evangelica si mossero le radicali critiche a Roma finch all'inizio del Cinquecento awenne il grande scisma luterano. Il monaco agostiniano Martin Luther (1483-1546) affisse a Wittenberg il 31 ottobre 1517 le sue 95 tesi contro il domenicano lohann Tetzel, incaricato del commercio delle indulgenze. Il contrasto si acutizz su tutti i fronti, da quello teologico a quello sociale. Il nucleo squisitamente teologico consisteva in una ripresa delle argomentazioni, gi sostenute dai mistici e da pensatori eretici, contro la prassi sacramentale della chiesa. Alla formula romana E~ra eccles~a ru~l~a sal~s, Lutero contrappose Sola scriptura, affermando il primato della Bibbia, della fede e della Grazia sull'interpretazione fornita dalla auao ritas papale. Ci spacc l'Europa e in particolare la Germania, do~e la lotta ai papisti rinfocol il risentimento antiromano, mai estinto~ specie nei territori al di sopra del limes. Le conseguenze dello scisma luterano furono immense per la formazione del mondo moderno e soprattutto della Germania. La fondamentale priorit dell'accesso del credente alla Sacra Scrittura comport che Lutero si impegnasse per decenni in un'opera titanica di profonda intelligenza spirituale e linguistica, culminata nella traduzione dell'Antico e del Nuovo Testamento, nella composizione di trattati in tedesco e di stupendi inni religiosi. Lutero l'artefice principale della lingua tedesca moderna. La tecnica della sua traduzione esemplare: si tratta della scelta di

una lingua sovraregionale, ancorata ai dialetti della Germania centrale. Inoltre Lutero teorizza l'uso concreto, icastico e popolare della lingua. In un suo trattato sui princpi della traduzione invita lo studioso ad ascoltare la lingua della gente semplice, delle donne e dei fanciulli al mercato. La Riforma luterana pose fine all'esile stagione dell umanesimo tedesco, quello proposto a Basilea da Erasmo (1469-1536) e a Heidelberg da Johannes Reuchlin (1455-1522), studioso di ebraico e di Cabala. Lo studio dell'ebraico aveva un sapore non solo erudito: era indispensabile per un contatto diretto con la Sacra Scrittura, diffidando della tradizione chiesastica. La spaccatura della societ tedesca in cattolici e protestanti, in partigiani dell'imperatore e in quelli dei principi riformati, in cavalieri e contadini in rivolta provoc per un lunghissimo periodo lotte atroci, senza quartiere e senza piet che nonostante le tregue e i numerosi 18 STORIA DELLA LETTERATURA TEDr~scA tentativi di pacifica composizione sfociarono nell'immane carneficina dei contadini in armi, scannati dagli eserciti benedetti dal papa e giustificati da Lutero. La cruenta repressione dei contadini non fu che l'esordio delle successive guerre intestine, combattute con accanita ferocia, culminate nella guerra dei Trent'anni (1618-1648), la pi efferata devastazione di vite e di beni che mai si svolse in terra tedesca prima della seconda guerra mondiale. La crisi del castello, dell'economia castrense produsse un esubero di mano d'opera, non pi utilizzata dalla aristocrazia impoverita, n assorbita dalle citt in rapida decadenza a causa del protrarsi delle lotte interne. La Germania - come altri paesi dell'Europa occidentale - fu percorsa da torme numerose di pezzenti, diseredati, questuanti, sbandati che spesso si trasformavano in banditi. il mondo dell'awenturiero, che fa nascere un genere diffusissimo di letteratura preceduto in Germania da una variante dotta particolarmente grottesca: quella della Namnliteratur, letteratura della follia, che generalmente conservatrice e ostile al cambiamento. Il principale esponente di questa critica corrosiva e paradossale stato Sebastian Brant (1457 o 1458-1521) con il suo Narrenschiff(La nave dei folli) del 1494, che fustiga 112 tipi di pazzia sociale, pronunciando la sua invettiva in toni grotteschi da una amarissima prospettiva, segnata dal pessimismo misoneista per la societ alla deriva. Il genereassumecon l'Elogiodellafollia diErasmonel 1511 untonoironico e colto contro la corruzione ecclesiastica. Accanto alla riprovazione del folle, owero dell'uomo mondano, si delinea la condanna di un altro tipo umano: lo scienziato, il ricercatore, che lottava per l'autonomia della coscienza e che aveva trovato in tutta Europa e anche in Germania esponenti fascinosi, spesso malfamati ad arte per aver tentato di individuare un libero campo all'in-

dagine, affrancato dalle teologie contrapposte dei cattolici e dei riformati. Il pi emblematico di questi liberi ricercatori stato Paracelso (14931541), medico, mago e umanista, cui si deve un impulso innovatore nella ricerca medica, nonch l'audace utilizzazione del tedesco per le lezioni universitarie e per i trattati scientifici. La magia godeva ancora di uno statuto coincidente con quello dell'indagine terapeutica e conoscitiva. Tuttavia il mago umanista risultava il bersaglio preferito della cultura cristiana in ripresa e l'attacco in letteratura aggreg le figure tradizionali della condanna cristiana delle pratiche occulte nella celebre Histona von D. Johann Fausten (Storia del Dottor Johann Faust) del 1587, che alludeva allo stesso Paracelso o a un mago della Svevia. Il Volksbuch (libro popolare) di Faust una abilissima utilizzazione da parte dei riformati della nuova tecnologia tipografica. Il genere I L BAROCCO 19

del Volksbuch, scritto raccogliendo elementi del folclore e del patrimonio delle leggende e dei miti, si diffuse per la sua fortunatissima formula di libro popolare di facile comprensione divulgativa e di una veste relativamente accessibile. Per quanto riguarda il Faust l'autore propagand la tesi concettuale radicata nella polemica cristiana contro il mago scienziato e contro la libera ricerca individuale. noto che il Faust ebbe un successo strepitoso, varc la Manica, sedusse Christopher Marlowe (1564-1593) che se ne ispir per The Tragical History of DoctorFaustus, giustamente famosa, composta secondo alcuni studiosi addirittura nel 1588, a pochi mesi dalla pubblicazione dell'originale tedesco. Attori girovaghi inglesi reintrodussero la materia faustiana in Germania che venne continuamente riproposta e rivisitata, ancorch in formule vieppi stereotipate, fino a divenire una rappresentazione tipica del repertorio del teatro delle marionette. A un tale spettacolo assistette il giovanissimo Goethe che ne rest cos impressionato da riproporlo nel suo immortale poema. La velocit della diffusione dei Volksbucher, dei libri popolari, si spiega con l'introduzione della stampa, che rivoluzion la cultura europea. Del resto la centrale importanza assunta per i protestanti dalla Bibbia ne imponeva una larghissima diffusione, resa possibile solo grazie alla nuova tecnica, che contribu in modo determinante alla universalizzazione della cultura. IL n Barocco Tra il Cinque e il Seicento la Germania appare per sempre spaccata dalle contrapposizioni confessionali. L'impero era molto decaduto e con l'imperatore Rodolfo II d'Asburgo (1552-1612), che visse rinchiu-

so nel castello di Praga, dedicandosi all'antiquariato e all'occultismo, l'autorit centrale era ormai assente dalla scena della politica europea. Intanto la parte cattolica, dopo il Concilio di Trento e la fondazione e diffusione della Compagnia di Ges, si riorganizzava, progettando una vasta opera di ricattolicizzazione dell'Europa centrale con ampi successi nelle terre d'Asburgo, nonch in Polonia. La resistenza luterana all'invadenza cattolica, sostenuta dai gesuiti, provoc la guerra dei Trent'anni, che immiser ogni attivit culturale e intellettuale e anche la letteratura risent di tali contrasti. I gesuiti, che assunsero la direzione dei principali istituti educativi, utilizzarono a scopi didattici e di edificazione devota il teatro, giungendo in alcuni casi a ragguardevoli esiti artistici come quelli raggiunti dai gesuiti Nicola Avancini (1611-1686), Jakob Balde (1604-1668) e soprattutto da Jakob Bidermann (1578-1638), il cui capolavoro Cenodoxus del 1602 ripropone il topos dell'intellettuale che si danna per il suo orgoglio di ricercatore. Le lotte religiose avevano egemonizzato la vita politica, sociale e culturale della Germania; ai pochi intellettuali, che tentarono di reagire, si pose il compito di ripartire dalle fondamenta, dallo stabilire le regole della convivenza civile, come pure della civilt letteraria, che doveva essere adeguata ai livelli di raffinatezza raggiunti negli altri paesi europei. Il principale scrittore del primo Seicento, Martin Opitz (1597-1639), entrato di diritto nella cultura letteraria tedesca per il suo trattato Buch von der deutschen Poeterey (Libro dell'arte poetica tedesca) del 1624, fortemente normativo, ispirato dal desiderio di semplificare, almeno culturalmente, la confusione spirituale che frastornava gli intellettuali tedeschi. Viene fondata una serie di accademie poetiche, mutuate dai precedenti modelli italiani. Alle pi note accademie - quella di Weimar, fondata nel 1617, e quella di Norimberga del 1644 - si affiancarono le consorelle di Amburgo, Konigsberg e altre minori. Erano istituzioni, protette da principi o mecenati, consacrate ai dibattiti letterari, mentre in Germania divampava la guerra. Furono occasioni d'incontro fra esponenti di classi sociali diverse e anche di confessioni differenti, prefigurando cos le logge massoniche settecentesche. Le accademie furono dei laboratori di tolleranza culturale, rare oasi di progettualit intellettuale in un paese sconvolto dalla violenza. Favorirono una fitta rete di contatti e scambi culturali che rappresent, con mezzi esigui, l'unica proposta unitaria in Germania. Le accademie furono attente soprattutto al rispetto dell'uso del tedesco e al contenimento dell'utilizzazione delle altre lingue nella produzione letteraria e culturale, anche se, date le condizioni storiche, la loro importanza nella promozione di un'attivit poetica creativa fu limitata. Eppure il secolo del Barocco fu ricco di poeti autentici che problematizzarono il tema della caducit della vita, della vanit del mondo, del raccoglimento mi-

stico. La mistica ancora una volta riaffiora potentemente sulla scena dell'attivit culturale con figure suggestive e straordinarie come il ciabattino slesiano di Gorlitz Jakob Bohme (1575-1624), che stato un autore prolifico, un visionario ispirato e insieme uno scrittore dalle metafore suggestive e grandiose con una straordinaria ricchezza linguistica capace di una imprevedibile abilit combinatoria. La sua opera, spesso riedita dai suoi discepoli, circolata in tutta l'Europa mistica, lasciando tracce indelebili nel pensiero e nella letteratura tedesca. Nitide risonanze si percepiscono ancora in Hegel e in Holderlin come in ogni autore, di formazione protestante, attratto dall'esperienza mistica. Si ricollega spiritualmente a lui Johannes Schemer ( 1624-1677), noto col nome di Angelus Silesius, l'angelo slesiano, che fu uno dei prinILBAROCCO 21

cipali poeti barocchi d'ispirazione religiosa e metafisica. Convertitosi al cattolicesimo, profess un cristianesimo a tinte esoteriche. Lo scrittore approfond una raffigurazione poetica, ordita su una sottile trama intellettuale, costellata da una penetrante aforistica. Il suo capolavoro Der cherubinische Wandersmann (Il pellegrino cherubico), ripubblicato in una stesura ampliata nel 1674, un paradossale dialogo interiore tra l'uomo e la divinit; il poeta pone al centro della sua scrittura la provocatoria tesi della necessit per Dio della creazione e della conseguente interdipendenza tra l'uomo e Dio. Un poeta, anche lui slesiano, ma privo di siffatte vertigini mistiche, Andreas Grgphius (1616-1664), famoso anche come drammaturgo; vittima delle lotte tra gli eserciti contrapposti, fu autore di sonetti di struggente bellezza, persuasivamente incentrati sulla fuggevolezza dell'ora e della vita, alla ricerca di un approdo spirituale sollevato religiosamente dall'indigenza del mondo. Sebbene oggi si sia universalmente rivalutato il Gryphius poeta, la sua fama resta legata soprattutto alla sua notevole produzione drammaturgica, connotata principalmente da tragedie d'ispirazione classica o cristiana, talvolta perfino di bruciante attualit come prova la tragedia Ermordete Majes~at Oder Carolus Stuardus, Konig von England (Sua Maest assassinata o Carlo Stuart, re d'Inghilterra), pubblicata nel 1657. Il dramma intendeva celebrare la fermezza morale mostrata dal re inglese nel momento dell'esecuzione capitale. Walter Benjamin, uno dei pi acuti critici letterari del Novecento, ha osservato nel suo saggio sul dramma barocco l'incidenza della storia nel teatro del Seicento e l'opera di Gryphius conferma sostanzialmente la sua tesi. Certo, la manipolazione dell'autore inserisce momenti fortemente creativi nelle vicissitudini, tramandate dalle fonti storiche.

Lo stoicismo cristiano, professato da Gryphius, si ammorbidisce nei lavori d'intrattenimento ludico, nelle commedie come Absurda Comica, Oder Herr Peter Squentz Schimpff-Spiel (Absurda Comica owero Messere P.S., farsa) del 1658, che una riscrittura del teatro nel teatro, nella fattispecie si tratta di una esilarante e graffiante parodia della dabbenaggine e dell'ignoranza di attori girovaghi, capitati in un raffinato ambiente di corte. L'altro tema, popolare in una Germania ancora memore delle gesta soldatesche, raffigurato nella commedia Horribilicribrifax, Oder Wehlende Liebhaber (H. o la scelta degli innamorati) del 1663 che prende le mosse dal Milesgloriosus plautino, variandone il tema del reduce vanaglorioso. Il teatro tragico dello slesiano si muove nel solco della concezione barocca dell'incostanza, della Wahn, dell'illusione, della follia di ogni impresa umana se scevra da un fondamento religioso o da un traguardo sacro. L'altro esponente del teatro slesiano Daniel Casper von Lohen22 STORIA DELLA LETrEr~ATURA TEDESCA stein (1635-1683). Uomo di mondo, abile diplomatico, nobilitato dagli Asburgo per i suoi servizi di mediatore, Lohenstein, pur fedele alla struttura drammatica di Glyphius, un autore attento ai modelli del Classicismo francese e incline a subire il fascino sociale di Versailles. I suoi drammi diventano occasioni di sfarzosa rappresentazione del mondo di corte. L'argomento esotico delle sue tragedie turche Ibrahim Bassa del 1650 e Ibrahirn Sultan del 1673, come pure quelle aromane, tra cui il suo capolavoro Cleopatra del 1661, sono azioni teatrali che mettono in scena la realt politica del suo tempo: lo scrittore pensa sempre a risultare gradito alla dinastia di Vienna. I drammi orientaleggianti erano una testimonianza della curiosit esotica che dipingeva il nemico ereditario di Casa d'Austria con colori truci e insieme intriganti. La Slesia era la provincia - allora ancora asburgica e spaccata dai contrasti confessionali ed etnici - pi ricca di autentiche personalit poetiche. Il pi autorevole compositore di lirica epigrammatica il gesuita slesiano Friedrich von Logau (1604-1655), la cui arguzia intellettuale sedusse ancora un illuminista come Lessing che nel 1759 cur un'ampissima scelta di epigrammi di Logau. Un altro poeta slesiano, che ha contribuito all'affermazione del marinismo e del concettismo, mutuato dal barocco spagnolo, Christian Hofmann von Hofmannswaldau (1617-1679). Perfettamente a suo agio nei mondi costruiti dai lirici secenteschi, Hofmannswaldau il testimone della circolazione europea della civilt letteraria barocca, cui contribuisce con opere di gusto prettamente classicheggiante: gli Heldenbriefe (Epistole eroiche) del 1673, ma anche con valide prove di traduzioni, tra cui la diffusissima versione del Pastor Fido. Lo scrittore (come in precedenza lo stesso Opitz) aveva indicato un fulgido

esempio della lirica tedesca in tempi cos oscuri nell'opera lirica di Paul Fleming (1609-1640). Questi uno scrittore dalla genuina vena lirica che arricchisce nell'esperienza marinista, pur recuperando la lezione del petrarchismo cinquecentesco, che si colora di nuove tonalit espressive attinte al Volkslied (canto popolare) e soprattutto alla recente, eppure gi robusta tradizione luterana del Kirchenlied (inno ecclesiale). L'intreccio della poesia sacra e di quella profana celebra nella lirica di Fleming il pi alto trionfo secentesco, statuendo un esempio letterario, che diventa obbligatorio per il secolo. Questi intellettuali, cos sensibili alla meditazione sulla caducit della vita e cos convinti della missione ultraterrena dell'uomo, erano tuttavia animati da vaste e vivaci curiosit politiche, sociali e scientifiche. In quei tempi perigliosi Fleming affront awenturosi viaggi diplomatici con l'amico Adam Olearius a Mosca nel 1633-34 e successivamente in Persia. A queste spedizioni risalgono descrizioni di viaggio ancora intrise di fascinazione per contrade cos esoticamente remote: IL BAROCCO 23

l'autore compone anche liriche dettate dalla nostalgia per la casa lontana, creando in tal modo quella peculiare dialettica tra awentura esotica e struggente desiderio di tornare in patria. L'ideale di completezza della personalit per Fleming comprendeva, oltre alla sfera politisch, anche quella della pi squisita introspezione, come dimostrano la poesiaAn Sich (A s) e numerose altre liriche (soprattutto in forma di sonetti, che nel Seicento incontrano una cospicua fortuna), dando prova di una freschezza e di una spigliatezza linguistiche, addestrate dai Volkslieder. Anche in campo cattolico ci si era posto il problema di come arricchire le funzioni liturgiche con una liederistica ecclesiale in grado, se non di competere con quella luterana, almeno di tenerle degnamente testa. Un prolifico autore di cantate sacre stato il padre gesuita Friedrich Spee von Langenfeld (1591-1635), impegnato nella lotta contro la feroce prassi persecutoria negli sbrigativi processi alle streghe. Spee prese posizione pubblica con il coraggioso trattato Cautio Criminalis seu De Processibus contra Sagas Liber del 1631 (tradotto in tedesco nel 1649), per cui si busc una grave ferita in un attentato. Durante la lunga convalescenza si rivel la sua inclinazione poetica, culminata nella raccolta - edita postuma nel 1649 - Trutz NachtigaU (L'anti-usignolo), che da intendersi non come la negazione della poesia, emblematizzata dalla tradizionale allegoria dell'uccello canoro, bens come una lirica cos riuscita da far impallidire il ricordo della precedente. Inoltre essendo di argomento sacro, la poesia di Spee avrebbe sostituito quella profana. Siamo all'interno del retaggio, ancora sostanzioso, della corrente lirica che ha nel biblico Cantico dei Canhci la sua suprema e originaria fonte d'ispirazione e che riscatta da

ogni scolasticismo la maniera secentesca di lirica religiosa. Nella ricca gara di emulazione - questa, s, foriera di commoventi prove devote - di canti sacri un posto autorevole spetta alla produzione di Kirchenlieder di Paul Gerhard (1607-1676), uno dei pochi poeti, la cui fama valic i confini della Germania, come pure i limiti della sua epoca. Per i romantici Gerhard il fautore di un canto individuale, di una stupenda effusione del sentimento religioso del singolo. La sua raccolta pi cospicua fu pubblicata nel 1667 col titolo Geistliche Andachten (Devozioni spirituali). Ancor oggi colpisce la levit espressiva, la semplicit dell'immagine che non ha perso la sua originaria freschezza, mentre il discorso lirico incastonato in una rigorosa cornice sacra, che non umilia la poesia, ma anzi l'innalza verso i vertici metafisici dell'esperienza umana. Accanto alla lirica sacra, al teatro pedagogico gesuitico o a quello edificante di Gryphius e Lohenstein, la cultura letteraria tedesca del Seicento riserva un ampio spazio al romanzo, a lungo occupato dalle traduzioni dei modelli inglesi, spagnoli, francesi. I generi pi amati 24 STORIA DELLA LET rERATuRA TEDESCA erano quello aulico, pastorale, arcadico, ma anche la narrazione picaresaL La materia incandescente della guerra confessionale si fece impetuosamente strada nella prosa tedesca; dapprima nella Adriatische Rbsanu(Rosemund adriatica) del 1645 di Philipp von Zesen (16191689), in ali si tematizzava il difficile e contrastato amore tra un cavaliere tedesco luterano e una bella veneziana, vittima per l'autore delreccessiva intolleranza cattolica. La diversit confessionale forniva una corn~ce drammatiaunente realistica all'amore dei due giovani. Zesen era un intellettuale impegnato nei principali problemi della sua epoca Trasferitosi nella hbera citt di Amburgo, vi aveva fondato nel 1642 la TAGalossenschaft (Compagnia d'ispirazione tedesca), che era un'accademia letteraria che si proponeva la promozione della hngua tedesca con la lotta all'esuberanza secentesca dei prestiti stranieri. Zesen tent anche una riforma ortografica, dimostrando una sensibilit per la questione anche formale della lingua, che era, in quel tempo, la modalit per operare fattivamente alla conservanone e difesa dell'identit nazionale. Lo S~n, che un genere amato fino all'Illuminismo, presente in una variante esotica e fantasiosa, che conobbe una durevole fortuna ancora nella seconda met del Settecento. Si tratta del romanzoDieAs~heBanise (L'asiatica Banise), apparso nel 1689, di HeiZigler (1663-1696). Il rilievo storico letterario del romanzo consiste in un orientalismo immaginario, in un'India favob6a, apprezzato ancora da Goethe. L'altra variante dello Staatsroman era il romanzo utopico, mutuato dal celebre hbro di Tommaso Moro e successivamente dalla Citt del

Solc di Campanella (apparsa a Francoforte nel 1623). A Johaon Vak~A~e (1586-1654), un intellettuale luterano svevo con interessi esoteria,viene attribuito uno dei libri pi curiosi dell'ermetismo C~yrr~J~Hochzeit ChristianiRosencreutz. Anno 1459 (Le nozze chimiche di CRAnno 1459), edito nel 1616, a poca distanza dai manifesti che diffusero in Europa la fama della fratellanza esoterica dei Rosac~ce, adepti di un misterioso ordine iniziatico, che con l'aiuto della terapia magica e dell'alchimia proponeva una visione spirituale altemativa a quella delle confessioni cristiane in lotta. n romanzo in chiave simbohca svelava la leggenda del mitico fondatore della catena occulta La vastahzione secentesca di romanzi non lascerebbe che un'esiguatraccia stori~culturale se non fosse stata rafforzata da un autentico capolavoro: DerAbc~olhSirnplicissirnus Teutsch (L'awenturoso Simpl~no, in tedesco) di Hans Jskob Christoph von Gn n(1621 O 1622-1676). Con questo romanzo, cui seguirono altri scritti .~sunpliciani, l'autore eWe un successo immenso, per esIL BAROCCO 25

sere poi trascurato nell'et illuministica e venire riscoperto dai romantici che nella vena awenturosa, paradossale e grottesca del protagonista Simplicissimus riconobbero un precursore della loro ironia e malinconia. La critica recente, confermando l'attribuzione del romanzo al genere picaresco, ha rettificato l'ipotesi che si trattasse dell'opera di un autore ingenuo e incolto: Simplicissimus il protagonista non il suo autore che a tale semplicit perviene attraverso una raffi-, nata distillazione dalla cultura erudita della sua epoca. L'altra interpretazione, assai ridimensionata, quella che considera il romanzo un importante anello nella preziosa tradizione letteraria del romanzo di formazione. La struttura narrativa, articolata in stazioni, drammatiche e awenturose, non giustifica una lettura unitaria del personaggio, n lascia intrawedere un progetto pedagogico. Ci nonostante ci troviamo di fronte a una interpretazione - quella del Bildungsroman che, sebbene discutibile, ha sollecitato e orientato i lettori, dirigendone la comprensione e suscitando suggestioni culturali che fanno parte della storia della recezione dell'opera. Il romanzo, denso, icastico, concreto, linguisticamente ridondante e creativo, l'epopea drammatica, spregiudicata, ma anche malinconica, rassegnata e infine devota del povero popolo tedesco, sballottato angariato, oppresso durante la guerra dei Trent'anni da tutti gli eserciti d'Europa in nome di questioni teologiche, in realt per solidi motivi di potere. Il popolo era in balia dell'arbitrio di truppe, che non erano altro che bande armate di poveracci interessati solo alla soprawivenza, alla rapina e al saccheggio. Piuttosto che un'evoluzione il personaggio Simplicio traversa le cruente e grottesche vicissitudini del-

la guerra con l'unica speranza di soprawivere, inorridito da tanta efferata violenza e volgarit, che del resto (quando non ne vittima) contribuisce a incrementare. L'alternanza delle situazioni tra lo scenario di un mondo terribile, feroce e avido, e il desiderio elegiaco di ritirarsi nei boschi, nel pi fitto della foresta per garantire con la sicurezza fisica anche la pace dell'anima. Ma in Germania - e nell'Europa del tempo - non esisteva pi un bosco cos folto da consentire questa franchigia, sicch il protagonista abbandona il mondo. Anche lui come altri eroi secenteschi lancia il suo accorato <~Ade, Welt, Addio, mondo. A marinai olandesi che incontrano esterrefatti Simplicio nelle nuove vesti di eremita, lui assicura di non avere alcuna intenzione di lasciare quell'isola nella terra australe, agli antipodi del mondo conosciuto e abitato da violenze e soprusi, da corti avide e armate tremende. Lo scrittore che segna il passaggio alla nuova sensibilit settecentesca il poeta Johann Christian Gunther ( 1695-1723), che, con la malleveria dello stesso Goethe, viene considerato il primo poeta animato da una sensibilit lirica moderna, owero caratterizzata da una pronunciata coscienza soggettiva, vissuta quale deriva precaria dell'esse26 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA re. La vita di Gunther offre gi elementi tipici dello scrittore bohmien, sradicato, in rotta con la famiglia e la societ, angustiato da un sentimento d'indigenza, che si tramuta in un senso di inadeguatezza e insufficienza, che ispira una poesia malinconica e ironica. Recentemente la sua lirica stata letta in collegamento con la cultura della sua et: la questione religiosa preoccup profondamente il poeta, ponendo cospicui limiti alla sua apertura all'Illuminismo. La sua tragicit sconfina dalle vicende di un dramma umano per elevarsi a cifra emblematica di un dissidio religioso che sigilla la cultura secentesca, mentre i suoi dubbi sulla validit della ragione preannunciano la stessa crisi finale dell'Illuminismo. IIL Pietismo e Illumin smo A proposito della drammatica concezione di vita di Gunther, Goethe annot come la miseria tedesca soffocasse ogni capacit creativa. La miseria tedesca fu un'espressione messa in voga da Heine e ripresa da Marx per indicare quell'insieme di pesanti condizionamenti politici ed economici che relegavano la Germania tra i paesi socialmente pi regrediti con una struttura statale inefficiente, spezzettata e frazionata in una miriade di entit autonome, ma incapaci di essere realmente indipendenti. L'unica realt che gradualmente rappresent un modello statale radicalmente innovativo con una moderna organizzazione centralizzata dell'amministrazione e dell'esercito era la Prussia, che si innalz ad alternativa protestante agli Asburgo che non ammodernarono l'organizzazione dei loro stati. Si approfondiva cos

lo storico divario tra il Nord luterano e il Sud cattolico e feudale. Chi non aveva un reale ruolo politico era - oltre le classi lavorative dell'agricoltura, dell'artigianato e delle prime manifatture industriali - la borghesia, che in Germania aveva un ruolo rigorosamente confinato nella sfera economica, salvo alcune rare eccezioni rappresentate dalle libere citt - come quelle anseatiche, Francoforte e poche altre - e dai cantoni elvetici, che gi godevano di indipendenza politica, con forme statali fondate sul potere del patriziato. All'interno della borghesia un posto particolare spettava al Bildungsburgertum, alla borghesia colta e istruita, ambiguamente sospesa tra l'autorevolezza e il disprezzo per le condizioni economiche, spesso modestissime. A essa si ricollega un fenomeno tipicamente protestante: il pastore e la sua famiglia. Il pastore appartiene al ceto colto con la funzione spirituale di mantenere viva la fede nel messaggio della Riforma e insieme con l'incarico sociale di mediare e garantire il consenso verso il sovrano, suo diretto datore di lavoro, in quanto capo della chiesa territoriale. Molti scrittori sono o pastori o figli di ecclesiastici protestanti. Il figlio del pastore si trova all'interno di quel proPIE~SMOEILLUMINISMO 27

cesso - dal '700 sempre pi accelerato - di secolarizzazione dei contenuti tradizionali della cultura religiosa, assorbita tra le quattro pareti domestiche della modesta casa paterna. Nei figli dei pastori, da Lessing a Nietzsche fino a Benn e Durrenmatt si notano delle costanti: un altissimo senso della lingua, appresa dai testi sacri luterani, e una forte consapevolezza del problema morale e della missione spirituale dell'uomo insieme con l'intuizione di vivere in un'epoca non pi saldamente ancorata alla fede dei padri, ma traversata da una crisi dei valori, provocata dall'Illuminismo. La borghesia colta, alquanto marginalizzata, si conquist un suo spazio nell'interiorit, cui gi l'orientava la tradizione teologica luterana, che venne ripresa e approfondita in questa concentrazione nella sfera della cultura filosofica, artistica, musicale e poetica, nonch nella prassi quotidiana, incentrata sulla pietas, cio sull'esperienza di intensa devozione. Il vero organizzatore del movimento pietista fu l'alsaziano Philipp Jakob Spener ( 1635-1705), autore nel 1675 dei Pia Desideria, mentre appartiene alla generazione successiva August Hermann Francke (1663-1727), che tradusse la religiosit pietistica in un programma pedagogico, accettato e diffuso nella Germania luterana. Il pietista con la sua cultura dell'anima e l'esibizione di un cristianesimo sempre professato, almeno a parole, provoc una polemica vivace e anche violentemente ostile. Lo stesso termine Pietist divenne una designazione ironica per indicare un atteggiamento ipocrita piuttosto che realmente cristiano. Accanto al Pietismo ufficiale si muoveva tutta una serie di ricercato-

ri, pensatori e animatori di piccole comunit spirituali che si ponevano sulla scia della tradizione mistica ai margini della societ e della cultura ufficiali, influenzandole con i loro ideali di emancipazione interiore e con la pratica di tolleranza. Tra questi pensatori isolati ricordiamo Gottfried Arnold (1666-1714), autore di una formidabile storiografia alternativa della spiritualit cristiana con l'opera Unparteiische Kirchen- und Ketzergeschichte (Storia imparziale delle chiese e degli eretici) del 1699-1700, letta ancora ai tempi di Goethe, che frequent questi ambienti, lasciandosi pervadere profondamente da questa cultura di misticismo pietistico. Un altro esponente d'illuminata energia organizzativa fu il conte Nikolaus Ludwig von Zinzendorf (1700-1760), che nei suoi possedimenti di Herrnhut nel 1722 ospit la prima congregazione di pietisti, esuli dai territori asburgici, seguaci del protestantesimo ceco, riuniti nella comunit dei Fratelli Moravi. A Herrnhut nasce un esperimento globale, pedagogico, culturale, ma anche economico e missionario, che seppe produrre una vasta letteratura dell'interiorit. Era quella incentrata sul culto del cuore, che assurgeva a metafora sacra della nuova soggettivit. L'introspezione attraverso diari o lettere-confessioni ai fratelli in Cristo era una prassi 28 STORLDELLA LETTERATURA TEDESCA continuamente sollecitata, che cre le premesse religiose della nuova spiritualit dell'et di Goethe. Mentre nei paesi occidentali si propagava la cultura dei lumi, in Germania il crescente diffondersi dell'Illuminismo va di pari passo con la forte e radicata esperienza pietista. Il profondo rinnovamento della filosofia, che viene proposto da Gottfried Wilhelm Leibnitz ( 16461716), affermato e imposto dal suo efficientissimo discepolo Christian Wolff (1679-1754), come pure autonomamente da Christian Thomasius (1655-1728), pensatore originale, attratto dal pragmatismo piuttosto che da un rigoroso e normativo razionalismo, contribuisce a una rifondazione dell'intera cultura tedesca e delle sue istituzioni pedagogiche. L'Illuminismo tedesco, a differenza da quello delle altre nazioni occidentali, ha un prevalente carattere accademico e istituzionale, con una salda preparazione erudita e una attenzione al rigore e alla divulgazione colta, ma anche con un rigido conformismo, che salvo rari casi, come quello di Lessing - risulta eccessivamente coinvolto nel giustificare l'assolutismo dinastico, che, a sua volta, protegge e sostiene materialmente i professori illuministi. Il carattere pedante di siffatta cultura stato ironicamente raffigurato, nel 1759, dal personaggio di Pangloss nel Candide di Voltaire. Per intuire la specificit pi feconda della ricca civilt letteraria del Settecento tedesco non si deve mai disgiungere il peculiare rapporto di attrazione e di repulsione che intercorre tra i grandi protagonisti del secolo: il Pietismo e l'Illuminismo, nemici giurati in tutto, il primo teso verso il primato della devozione fino a scadere nella bigotteria e nell'ipocrisia,

l'altro pronto a sostenere le tematiche della raison, della ragione, dello sviluppo scientifico, ma spesso impantanandosi in uno- scolasticismo capzioso, che giustificava ogni cosa se ben accetta al principe. Uno dei primi scrittori, che curiosamente oscillava tra la prosa galante e quella pietista, Johann Gottfried Schnabel (1692-1750). Il romanziere approd a una scrittura libertina, dopo aver composto nel 1731 un romanzo pietista Wunderliche Fata einiger Seefahrer (Straordinari destini di alcuni naviganti). Il libro, noto nella sua riesumazione romantica a opera di Tieck col titolo di Insel Felsenbug, si inserisce nel fortunato genere delle robinsonate, di quei racconti d'awentura e di viaggio, sorti sulla scia dell'immenso successo del Robinson Crusoe, che Defoe scrisse nel 1719. Si parla di un viaggio e di un naufragio su un'isola australe, ancora disabitata. Gli unici naufraghi sono una giovane coppia e un capitano francese, che si rivela degno del suo clich di uomo malvagio, dissoluto libertino, rapidamente eliminato per consentire ai due bravi giovani di fondare una famiglia, anzi un'intera comunit arricchita di figli e di qualche altro naufrago, spedito dalla provvidenza per evitare peccaminosi rapporti incestuosi. Da robinsonata il romanzo si trasforma in utopia della piccola comunit pietistica, PlEllSMO E ILLUM~NISMO 29

orante e laboriosa: gli stessi naufraghi risultano essere degli eleffi per volont superiore. La lontana patria australe tiene a battesimo un linguaggio letterario semplice, trasparente, che scorre lievemente con effeffi gradevoli nella raffigurazione credibile di una comunit di uomini nuovi: la Germania e l'Europa sono - come nel Simplicissimus - il mondo alla rovescia, vecchio e decrepito, corrotto. E in questa critica gli illuministi trovano punti di contatto con i pietisti. Colui che aveva spianato la strada al wolfflsmo - inteso quale variante accademica e autorizzata dell'Illuminismo leibniziano - nella civilt letteraria tedesca stato Johann Christian Gottsched (1700 1766). Grande erudito, infaticabile organizzatore di cultura, curatore di riviste, contribu in maniera decisiva a riformare la poetica, purificandola dalla ridondanza secentesca e omologandola ai criteri del Classi~noancese, mutuato da Boileau e da Fnlon. L'attivit di Gottsched,~eceptor Germaniae, si ampli verso il teatro, ancora appannaggio del mecenatismo di corte o legato alle istituzioni ecclesiastiche. Era oggettivamente difficile riformare o fondare un teatro senza un pubblico, senza una societ letteraria che si riconoscesse nell'esperienza teatrale. Gottsched s'impegna in questa impresa appoggiandosi completamente all'esempio francese, invocando anche per la Germania una drammaturgia simile a quella francese. In ci venne insistentemente criticato, come pure fu disapprovata da Lessing l'espulsione dalle scene di quei personaggi popolareschi che pur ravvivava-

no l'azione teatrale, radicandola nella realt sociale tedesca. Abbiamo avvicinato alcune delle questioni pi assiduamente discusse per tutto il secolo: l'istaurazione di un teatro tedesco, di cui si occuparono gli scrittori illuministi e il problema dell'imitazione dei francesi, che all'interno del dibattito culturale tedesco suscitava violente polemiche. Francesi erano le maniere affettate dei cortigiani, francese era il modello dell'assolutismo. La Francia era ammirata, ma anche guardata con diffidenza dai circoli luterani e da quelli radicali, n si dimenticava che francesi erano le truppe che avevano occupato territori dell'impero. La reazione fu suggerita da argomenti che sconfinavano dall'ambito meramente letterario. Quando si parlava della priorit dei modelli francesi o di quelli inglesi non s'intendeva riferirsi solo a gusti o atteggiamenti estetici: orientarsi verso Parigi o Londra era una scelta di campo anche politica. I pi feroci awersari della maniera e della moda francesi sono stati gli Sturmer, che, adoravano Rousseau e tenevano in gran conto Diderot. Gottsched fu l'animatore di un movimento letterario che rapidamente lo sorpass e che prese l'abitudine di criticarlo aspramente e ingenerosamente. La polemica contro la supremazia francese si allarg anche alla rivalutazione dei modelli inglesi e soprattutto di Shakespea30 STORLDELLA LETTERATURA TEDESCA re, di cui si ammirava l'ardito realismo insieme con la grandiosit fantastica. Due autorevoli inteUettuali svizzeri Jalu~b Bodmer (1698-1783) e Johann Jakob Breilinger (1701-1776), replicarono vigorosamente alle tesi di Gottsched, aprendo la poetica illuministica - fino allora rigidamente ancorata a un razionalismo normativo e intellettualistico a una interpretazione attenta alla funzione della fantasia. I dibattiti venivano corroborati con numerosi esempi letterari, che fecero dei due svizzeri eminenti filologi ed editori di testi medievali. Sia Gottsched sia gli svizzeri ricorsero allo strumento di dibattito intellettuale, privilegiato dagli illuministi, della rivista. A modello furono prese le riviste morali inglesi, mai uguagliate. Le tedesche conducevano un'esistenza precaria, che tuttavia testimoniava del graduale formarsi di un pubblico colto, coinvolto nei grandi dibattiti dell'epoca. Ci in cui tutti si trovarono d'accordo fu nel fornire maggior decoro espressivo al tedesco in un'et, in cui in Germania la cultura ufficiale preferiva ancora il latino o il francese. Quella convergenza d'intenti, sostenuta da altri intellettuali - tra cui il lessicografo Johann Christoph Adelung (1732-1806) - sort l'effetto sperato di creare definitivamente una lingua colta, pronta a divenire lo strumento linguistico per le ardite produzioni letterarie e filosofiche dell'ultimo Settecento, la vera et d'oro della cultura tedesca di tutte le epoche. La sensibilit poetica della nuova era dei lumi in Germania si annuncia con una rigogliosa fioritura di lirica della natura quale testimonianza di un nuovo rapporto armonioso con l'ambiente; tra i princi-

pali poeti di questa corrente c' l'amburghese Barthold Heinrich Brockes (1680-1747), infaticabile traduttore e soprattutto autore di un'antologia poetica Irdisches Vergnugen in Gott, bestehend in physikalischen und rnoralischen Gedichten (Godimento terreno in Dio, consistente in poesie d'argomento fisico e morale). In una prospettiva analoga di ottimistica accettazione del creato si colloca lo scienziato e letterato svizzero Albrecht von Haller (17081777) col suo poemettoDieAlpen (Le Alpi), composto nel 1729 in seguito a un suo soggiorno in montagna. Nel Settecento la cultura tedesca ancora immersa in un paesaggio agricolo con immense foreste e grandi fiumi e vaste pianure. Ci favorisce un contatto con una natura presente e frequentata, che si rispecchia - per mezzo del nuovo sentimento mondano diffuso dall'Illuminismo - nella lirica della natura. Sorta sulla scia di una innovativa concezione religiosa della fisico-teologia, questa poesia trapassa nella Empfindsamkeit e nello Sturm und Drang per proseguire col Romanticismo e il realismo fino al nostro secolo. Certi atteggiamenti verdi nella cultura politica e nella diffusa sensibilit collettiva della Germania attuale si spiegano pi facilmente tenendo conto di questa robusta tradizione letteraria, incentrata sulla natura. Plr~lsMo E ILLuMlNlSMO 31

Parallela alla Naturlyrik awiene la ripresa settecentesca, all'interno della poesia rococ, dei modelli anacreontici che, al di l dell'operazione erudita, si giustifica in quanto contribuisce alla rivalutazione dei piaceri mondani nella loro semplicit conviviale e amorosa. E una vena di spensieratezza, pi apparente che sostanziale. Non si pu parlare di una corrente libertina, gli anacreontici sono eruditi lettori dei classici come Friedrich von Hagedorn (1708-1754) e Wilhelm Ludwig Gleim (1719-1803), convinto assertore dell'eudemonismo greco. Nel corso del secolo la cultura illuministica guadagna terreno e si estende anche oltre le aule universitarie, conquistando simpatie e aderenti, come pure una nuova generazione di autori satirici, polemisti acuti e spiriti voltairiani, come GottliebWilhelm Rabener (1714-1771) e soprattutto Georg Christoph Lichtenberg (1742-1799), scienziato, illustre matematico e raffinato conoscitore degli uomini e delle istituzioni. La sua cultura era sostanzialmente permeata da quella inglese, verso cui era orientata l'universit di Gottinga, di recente fondazione, a differenza dell'ateneo di Lipsia, dominato da Gottsched e dalla sua scuola. Lichtenberg si dedic alla stesura di una sorta di diario intellettuale, uno zibaldone, pubblicato postumo, che riflette una coscienza critica scettica e arguta. La figura principale dell'Illuminismo tedesco Gotthold Ephraim Lessing (1729-1781). Figlio di un pastore protestante, condusse una vita intensa e fortemente antiaccademica. Non concluse i suoi studi,

rifiut di studiare teologia, motivando il suo diniego in una lettera al padre che anche un manifesto della nuova cultura laica, ancorch pervaso di rispetto e ammirazione per la tradizione. Da autentico poligrafo si interess gi negli anni giovanili di critica letteraria, di teatro, di estetica owero di quelle nuove forme della civilt intellettuale dove la nuova societ borghese confermava la sua identit culturale. Lessing fu un intellettuale che tent di essere libero e indipendente senza riuscirci totalmente. Fu costretto ad accettare diversi compromessi, tra cui uno assai bizzarro: fu segretario di un generale prussiano durante la guerra dei Sette anni. Cerc di sostenere - ma senza duraturo successo - con la sua attivit critica il nuovo teatro stabile di Amburgo e dovette infine assumere un impiego a Wolfenbuttel presso la biblioteca del duca di Braunschweig. Tedesco della sua epoca, Lessing aveva la sensibilit e l'intelligenza di comprendere le ragioni degli altri e ci gli riusc specialmente col teatro. Gi i suoi primi drammi - sui pietisti, gli ebrei e i libertini mostrano tutta la novit della coscienza illuministica. Lessing supera gli schemi e le dichiarazioni formali per cogliere l'essenza di un atteggiamento culturale. A lui illuminista interessa la prassi dell'uomo assai pi delle idee professate poich dall'azione sorge la vera coscienza. Il razionalista laico spezza una lancia a favore del pietista perch 32 STORlA DELLA LEl~ERATURA TEDESCA ne sa apprezzare l'autenticit morale e la buona fede al di l delle differenze d'opinione. Ancora pi netta la coraggiosa difesa filosemita nel breve dramma Dieluden (Gli ebrei) del 1749 e tale tema percorre tutta la sua opera ed opportuno riflettere che il pi grande illuminista tedesco si sia decisamente schierato a favore degli ebrei, coltivando l'amicizia con il filosofo israelita Moses Mendelssohn (1729-1786). Illuministica fu anche la sua adesione alla massoneria intesa come ordine laico della tolleranza confessionale e sociale, ancorch rispettoso del problema del mistero e dell'esperienza religiosa, disancorata da un'ortodossia autoritaria. Intellettuale di vastissime letture, dominava la tradizione classica, ma anche la letteratura tedesca, come pure quella francese e inglese. La sua cultura aveva un tratto di erudizione antiquaria e di poderosa preparazione teologica, che caratterizzava la seriet dei suoi interventi, numerosi e qualificati. In questa ampia e varia produzione si ricorda la brillante trattazione esteticaLaokoon del 1766 che una colta e vivace riflessione sui generi estetici della poesia e delle arti figurative. Ma il Lessing ancora vivo quello teatrale. Il suo primo trionfo stato il dramma sentimentale Miss Sara Sampson del 1755, ispirato da The London Merchant del 1731 di George Lillo (1693-1739), che un omaggio al gusto lacrimevole dell'epoca e insieme un riconoscimento delle nuove virt della borghesia commerciale contrapposta ai corrotti esponenti dell'aristocrazia, ormai priva di una missione stori-

ca e di una giustificazione morale. Ci troviamo confrontati con la storia di seduzione della giovane ingenua e fiduciosa Sara, che si offre allo sciagurato e dissoluto Mellefont. Il dramma segna il superamento storico della fase libertina dell'Illuminismo, impegnato - in Germania pi che altrove attraverso lo strenuo raffronto dialettico con il Pietismo - ad attingere una nuova coscienza rigorosamente morale. Lo scontro interno tra gli stati tedeschi fornisce lo spunto per quella che viene considerata la pi divertente e vivida commedia tedesca, la Minna von Barnhelm del 1767, in cui con levit e grazia mozartiana Lessing trasfigura i contrasti tra sassoni e prussiani - esacerbati dalla guerra dei Sette anni - in una garbata favola a sfondo realistico. La stessa critica ai metodi di rapina praticati dalle armate - nella fattispecie quelle di Federico II di Prussia (1712-1786) - si stempera in un improbabile lieto fine favorito da un inverosimile rawedimento del sovrano. Ci che era immerso in una soffusa atmosfera di aggraziata ironia rococ precipita nel 1772 in tragedia nell'Emilia Galot, crudo atto di accusa delle pratiche illegittime e dei soprusi dell'assolutismo. A Wolfenbuttel Lessing aveva rinunciato alla libera attivit, ma non all'indomita missione intellettuale. Lo scrittore trasfer l'azione della violenza da parte di un principe nei confronti di una giovane in un ipotePIETISMO E ILLUMINISMO 33

tico staterello italiano. Lo sfondo meridionale autorizzava lo sconfinamento della fantasia verso situazioni oscure e peccaminose. La novit nel dramma che Emilia, la protagonista, non pi l'eroina cristiana o stoica del dramma barocco. Emilia gi una donna moderna che avverte il fascino dell'attrazione, che sente la lusinga di risvegliare il desiderio e che, per questa rivoluzionaria consapevolezza della propria fisicit, sceglie la morte quale unico esito ammissibile per salvaguardare la sua moralit che ormai il fondamento irrinunciabile della nuova coscienza soggettiva. Lessing deve ricorrere ancora a uno spostamento spaziale per mettere in scena il suo ultimo lavoro: Na~han der Weise (Nathan il saggio) del 1779. Con il teatro l'autore risponde a una provocazione. Coinvolto in una aspra polemica con gli ambienti conservatori e ortodossi della chiesa luterana, gli viene impedito di proseguire la disputa con ulteriori pubblicazioni di critica teologica. Si affida dunque al suo collaudato strumento: la scena, scrivendo il dramma che il capolavoro dell'llluminismo in Germania e uno dei pi riusciti della moderna drammaturgia tedesca. L'azione si svolge in una Gerusalemme da favola dove s'incontrano i rappresentanti delle tre religioni. Il lavoro intende dimostrare la centralit della tolleranza e il primato dell'azione sulla teoria, riconfermando l'impostazione gi proposta dallo scrittore. La perfezione formale sorregge una storia leggera che scioglie con

grazia settecentesca i nodi ingarbugliati di tensioni e violenze che si placano in una cornice filadelfica e filantropica. L'altro elemento lessinghiano che di nuovo affiora potentemente il filosemitismo, che abbiamo gi incontrato, insieme con una coraggiosa critica al cristianesimo intollerante e aggressivo - rappresentato nel dramma da un giovane crociato tedesco alquanto bellicoso e, almeno all'inizio, ottusamente intransigente. In scritti contemporanei d'argomento massonico e filosofico - come negli aforismi della Erziehung des Menschengeschlechts (L'educazione del genere umano) balena una forte aspirazione utopica che fa appello al mito esoterico della metempsicosi per awalorare l'ipotesi che sulla terra che l'uomo giunge alla perfezione nel corso degli eoni. In Lessing troviamo riunite in una sintesi straordinaria le varie componenti dell'Illuminismo tedesco con la sua privilegiata attenzione per la teologia e l'esperienza pietistica, reinterpretate in chiave dell'utopia illuministica. Un altro autore che pure presenta una cultura razionalista con una nostalgia pietistica Christian Fiirchtegott Gellert (1715-1769), scrittore di favole e di garbate commedie, ma soprattutto di un romanzo che sa ancora mantenere il fascino narrativo originario. Si tratta di una biografia immaginaria: Das Leben der schwedischen Grdfin von G* (La vita della contessa svedese von G*) del 1747. L'ambiente settecentesco, i rapporti tra la contessa, la protagonista, e i suoi due mariti sono calati in un garbato gioco sociale pensabile solo nelle soffuse atmosfere sentimentaleggianti del tempo. Il primo marito, un nobile, dato per disperso, torna dopo anni di assenza, durante cui la giovane si di nuovo unita in matrimonio. Riconosciuti i diritti del legittimo sposo, il secondo decide di allontanarsi, ma viene trattenuto con amicizia. Si forma quel casto, ma non completamente innocente triangolo del Pietismo sorretto dalla virt filadelfica che sapeva sublimare situazioni morbose, inondandole di una luce filantropica. Tra Pietismo, cui aderisce da giovane, e i'Illuminismo della maturit oscilla anche Christoph Martin Wieland (1733-1813), autore dall'elegante ironia settecentesca. Scrittore longevo e proficuo, sostenuto da una alta concezione della letteratura, mutuata dalla classicit, fu in un secolo di figure titaniche un personaggio equilibrato, volutamente appartatosi. Pur tuttavia seppe guadagnarsi un ruolo culturale coi suoi numerosi libri e con la celebre rivista Der Teutsche Merkur (Il Mercurio tedesco), che, pubblicata dal 1773 al 1810, stato il principale organo della cultura letteraria dell'ultimo Settecento tedesco. Simile ad altri scrittori della sua epoca, Wieland, maestro di raffinatezza stilistica, si era formato sugli autori classici e sui francesi e gli inglesi. Era un efficace e solerte traduttore che arricch la cultura tedesca con fedeli traduzioni dei drammi di Shakespeare. Con lui nasce il romanzo d'educazione nell'accezione moderna del termine con l'opera Die Geschichte des Agathon (La storia di Agathon) del 1766, che la narrazione delle traversie educative di un giovane greco che apprende

il fondamentale insegnamento illuministico: dal soggettivismo fantastico e sentimentaleggiante (ancora vincolato alla soglia pietistica) il protagonista incontra l'oggettivit mondana, misurarandosi con la realt per divenire un utile membro della societ. Chi ha pi contribuito all'orientamento classicista della civilt letteraria tedesca stato lo studioso di archeologia e filologia Johann Joachim Winckelmann (1717-1768), che inaugura quell' ininterrotto pellegrinaggio di intellettuali tedeschi che videro in Roma e nella Grecia la loro patria spirituale, I'humus in cui sprofondavano le loro radici. Era una ricerca, quella aperta da Winckelmann, tutt'altro che museale. Egli traeva dall'antica cultura modelli morali e suggestioni estetiche, rivitalizzate insieme a quell'ideale repubblicano e stoico con cui il Settecento amava riconoscersi nella classicit. Il filone pietistico, a contatto con le dinamiche culturali della secolarizzazione, messe in atto dall'Illuminismo, si svilupp nella cultura sentimentale, nellaEmpfindsamkeit. Fliedrich Gottlieb Klopstock (17241803) ne fu il rappresentante riconosciuto gi in giovent con la composizione delle Oden (Odi) - la prima del 1747 - che raggiungono i vertici espressivi della lirica tedesca dell'epoca, innovandola radicalmente attraverso un atteggiamento di venerazione per la natura. Una natura che non pi arcadica, pastorale o quella dei parchi di gusto rococ, bens una natura - come affiora nella celebre ode sul Lago di Zurigo Der Zurcher See del 1750 - che ha acquisito gli attributi della stessa divinit, o almeno della Mutter Natur, di madre natura, quale esperienza estatica, prossima all'epifania panteistica del sacro dello Sturrn und Drang. Ancora all'interno di una tradizione religiosa, nutrita del modello miltoniano del Paradise Lost (in anni in cui la cultura tedesca era ancora tributaria di Parigi) sorge l'ambizioso poema di KlopstockDerMessias. E;in Heldengedicht (Messiade. Un poema eroico), che cominci ad apparire nel 1748 per terminare assai stancamente nel 1773. Eppure quelle prime tre cantiche, pubblicate sulla rivista Bremer Beitrage, fecero scalpore: la poesia tornava a cantare in tedesco. La giovent ne rest commossa e su quelle cantiche si form il gusto sentimentale del secolo fino ad approdare al Romanticismo. Fu questa letteratura della sentimentalit che fece balenare la soggettivit sturmeriana, ponendo in crisi l'esperienza illuministica, gi scossa dalla scrittura rivoluzionaria di Rousseau. IV. L et di Goethe L'attacco pi radicale alla corrente razionalistica fu sferrato da intellettuali di formazione luterana che avevano profondamente ripensato la loro cultura, aprendola alla suggestione della modernit, accentuando l'intuizione irrazionalistica di una missione spirituale dell'uomo che si realizza nella storia dei popoli e delle culture, seguendo gli oscuri piani della provvidenza. Johann Georg Hamann (1730-1788)

detto il Mago del Nord, fu l'ispiratore, dal pensiero enigmatico e confuso, di quel vasto movimento di critica all'Illuminismo razionalista, ma anche di riflessione polemica verso le strutture e le concezioni teologiche del luteranesimo. La lingua di Hamann ispirata, criptica, oscura; la sua struttura concettuale traversata da paradossi, allusioni, provocazioni intellettuali e fulminanti illuminazioni, nonch da un apparato metaforico saldamente radicato nella letteratura biblica e teologica oltre che classica. Il contributo dell'ampia produzione rapsodica di Hamann stato fecondo per la riconsiderazione del linguaggio quale facolt misteriosa e privilegiata della spiritualit umana, fraintesa dal materialismo illuministico. Siffatta meditazione stata proseguita, sviluppata e divulgata da un altro tedesco baltico, Johann Gottfried Herder (1744-1803). Anche lui di rigorosa formazione luterana divenne pastore dopo gli studi compiuti a Konigsberg dove ebbe come maestro Immanuel Kant (17241806), da cui mutu l'apertura alla cultura europea, nonch elementi di critica all'Illuminismo, che lui accentu in chiave irrazionalistica. Estendendo i suoi interventi alla riflessione letteraria, Herder si af36 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA krm quale intellettuale vivace e acuto, che pose al centro della sua riflessione il nodo cruciale dell'interazione tra immagine, sentimento, raffigurazione e storia. La critica letteraria si arricch di contributi mutuati dalla filosofia del linguaggio, nonch dalla filosofia della storia, la cui intuizione - sollecitata dallo studio di Vico - stata il pi significativo esito culturale di Herder. Il linguaggio, come pure la cultura sono processi che non possono essere spiegati con proposizioni teologiche o metafisiche. Lo stesso materialismo di certi ambienti illuministici era solo la rigida trasposizione di una spiegazione metastorica dell'universo linguistico e culturale. I saggi, scrini in uno stile antiaccademico, suggestivo ed entusiastico, sulla storia e suU'origine del linguaggio sono i capisaldi intellettuali del rifiuto deUe spiegazioni iUuministiche, astratte, distaccate dalla concretezza individuale, chiuse aUa comprensione del reale accadimento storico culturale. Per Herder l'individualit, storicamente data, subordinata all'attivit linguistica che crea l'anima, nominandola. Una siffatta prospettiva recupera ed esalta la soggettivit quale luogo privilegiato e misterioso deUa creativit attraverso l'interpretazione della genialit deU'uomo. Rivaluta inoltre le origini popolari di una cultura con una attenzione sco nosciuta agli illuministi che vedevano nella tradizione - religiosa o letteraria - solo gli oscuri esordi di una consapevolezza intellettuale. Per lo scrittore sono i momenti aurorali della cultura, come pure delle manifestazioni etniche e nazionali, quelli maggiormente rivelatori deU' originalit geniale e creativa. L'autenticit si coglie neUo stadio primitivo di un evento. Ci comporta una rivalutazione dei canti popolari, deUe favole, delle leggende, dei primi poemi, tra cui un posto

privilegiato riservato alla Sacra Scrittura, considerata il pi anbco documento poetico dell'umanit. Fu Herder il pensatore che mise in crisi definitivamente il wolffismo accademico, seducendo la nuova generazione, cui additava la dignit del genio germanico, testimoniato daU'arte medievale, nonch la missione di riedificare la cultura tedesca, depurandola dagli inquinamenti francesi (con le grandiose eccezioni di Rousseau e Diderot). Un episodio biografico rappresent il corto circuito di queUa rivoluzione letteraria tedesca che fu, secondo una celebre definizione di Goethe, lo Sturm und Drang (Tempesta e impeto). Per un fastidioso disturbo agli occhi che lo costrinse all'immobilit e aU'oscurit Herder trascorse un lungo periodo a Strasburgo nei mesi in cui un giovane francofortese concludeva i suoi studi accademici di diritto, bench fosse cos interessato alla poesia da frequentare, dall'aprile aU'agosto 1770, con entusiasmo Herder convalescente. Il giovane studente era JohannWolli ang Goethe (28-8-1749/22-3-1832), il pi grande e il pi rappresentativo poeta tedesco di tutti i tempi. Per Goethe fu il risveglio definitivo deUa sua vocazione poetica. Aveva gi dato considereL'ETDIGOETHE 37

voli prove in componimenti elegantemente rococ di ispirazione anacreontica o moraleggiante, ma l'incontro fu determinante nel convogliare e unificare le sue straordinarie energie interiori verso la letteratura, intesa quale missione spirituale, quale via di realizzazione e di conoscenza, che subentr a una nostalgia mistica e pietistica, palesataglisi - alcuni mesi prima - durante una misteriosa e gravissima malattia (si temette per la sua vita), da cui fu salvato da uno strano dottore dedito oltre che a Esculapio anche a Ermes, nume esoterico dell'alchimia. La poesia sturmeriana divenne la corrente egemone nella letteratura tedesca del tempo, cui contribuirono alcuni giovani riunitisi, nei primi anni Settanta, intorno a Goethe a Strasburgo e poi a Francoforte. Il pi coerente e originale esponente stato Jakob Michael Reinhold Lenz (1751-1792), autore di due indimenticabili capolavori drammatici: DerHofrneister (Il precettore privato) del 1774 e Die Soldaten (I soldati) del 1776. Questi drammi dimostrano l'interesse di quei giovani autori per il teatro quale luogo pubblico di denuncia urlata della miseria tedesca. Ma questi lavori sono anche l'occasione di raffigurare irrisolti conflitti generazionali, familiari che in quel peculiare momento storico - ci awiciniamo alla Rivoluzione francese - sono pervasi da una carica rivoluzionaria, che prese la via della letteratura invece che quella dell'insurrezione politica. Emblematico lo Hofrneister che narra l'impossibilit sociale per un giovane intellettuale povero della borghesia colta di sposare una nobile. A lui si offre solo la regressione: sposa una contadina dopo essersi evirato. Tra le possibili

interpretazioni una si impone immediatamente: l'impotenza cui si relega la borghesia tedesca incapace di instaurare un rapporto creativo con le classi popolari. Era, quella sturmeriana, una rivoluzione parziale, confinata nell'ambito letterario. Eppure in siffatto contesto la sua portata fu immensa, come dimostra l'opera pi significativa e artisticamente perfetta del movimento: Die Leiden des jungen Werthers (I dolori del giovane Werther) del 1774 che si afferm come il primo successo mondiale della letteratura tedesca. Col Werther la letteratura tedesca diventa maggiorenne e da seguace dei modelli stranieri si trasforma in quella cui si ispirarono le altre letterature per decenni. Il romanzo influenz profondamente Leopardi e Foscolo. L'amore infelice s'inserisce nella storia di una soggettivit esaltata, che si celebra nella morbosa universalizzazione della propria interiorit spinta fino al dialogo con un principio sacrale che la proiezione della soggettivit. L'opera ispirata dal panteismo spinoziano e dalla poetica del genio del preromanticismo inglese, da cui mutuato il culto ossianico per una poesia falsamente ritenuta arcaica. Werther un eroe del suo tempo, un giovane sensibile e geniale, vittima di un ordinamento sociale rigido e soprattutto di una esasperazione soggettivistica che tende a porsi quale unica totalit possibile, scontrandosi con la realt oggettiva. La scrittura rivoluzionaria per la sua immediatezza coinvolgente e appassionata: non si era mai scritto cos in Germania. Goethe trae la linfa vitale del suo linguaggio potentemente emotivo da una consolidata acquisizione della tradizione luterana e pietistica; in tal modo la lingua del Werther duplicemente originale perch innovativa e insieme perch torna alle origini del principale documento culturale della Germania. Ci che nel Werther comunicato nei registri della narrazione realistica e della introspezione psicologica settecentesca, si sublima nei grandi inni del periodo sturmeriano, emblemi superbi della titanica tensione del giovane poeta, che in queste composizioni si rif ai modelli classici - Prometeo e Ganimede - quali figure archetipiche della nuova sensibilit soggettiva. Eppure la rivoluzione gradatamente rientr negli argini dell'ordine rappresentato per Goethe dalla sua libera scelta di trasferirsi il 7 novembre 1775 a Weimar quale precettore di Karl August (1757-1828), duca di Sassonia-Weimar, che negli anni precedenti era stato affidato alle cure pedagogiche di Wieland. Il sovrano con il consiglio del suo precettore (che divenne una specie di factotum del ducato) trasform quell'insignificante cittadina nel centro luminoso di una civilt all'insegna della Humanitat, dell'ideale pi completo della dignit dell'uomo operosamente inserito nella comunit in armonia con la propria epoca e rispettoso del proprio genio - daimon - profondo. A Weimar, in cui rimase per tutta la vita, Goethe ebbe modo di occuparsi dell'amministrazione della cosa pubblica come ministro con ampie responsabilit. Gli anni di governo lo maturarono, insegnandogli

i limiti e le possibilit dell'azione individuale. Da questa intensa esperienza che rischiava di esaurire le sue forze interiori Goethe si emancip nel lungo soggiorno italiano dal 1786 al 1788, rientrando a Weimar determinato a concentrarsi nell'attivit culturale, nello studio scientifico e specialmente nella letteratura. In consonanza con le poesie sulla nuova concezione classica della forma il valore creativo del limite (in antitesi con l'esaltazione entusiastica e irrefrenabile del sentimento e del genio sturmeriani) viene affermato nei drammi ideati nel primo periodo weimariano e rielaborati o conclusi in Italia: Iphigenie auf Tauris (Ifigenia in Tauride) del 1788, Egmont, pure terminato a Roma nel 1788 e Torquato Tasso del 1789. All'interno di una riconsiderazione della convivenza umana e civile si assiste a una rivalutazione della cultura settecentesca anche quale reazione di segno decisamente conservatore verso la Rivoluzione francese, il regime giacobino, il Terrore, l'affarismo termidoriano e pi in generale la violenza e la volgarit dell'astrazione egualitaria e libertaria, contraddetta da una prassi che riproponeva anche brutalmente l'ordinamento classista negato in teoria. In siffatto contesto Goethe valut positivamente lo stesso Napoleone quale garante di un ordine sorto dalla Rivoluzione, ma anche dal compromesso con l'ancien rgime. Il poeta intuiva nell'irresistibile risveglio nazionalistico tedesco, quale reazione all'invasione francese, la mobilitazione di quel risentimento teutonico, antioccidentale, che, pur di colpire la Francia - il nemico secolare -, si sarebbe abbattto anche contro i valori umanistici della civilt europea. Il pensiero politico e culturale di Goethe fu settecentescamente ispirato dalla prudenza e dal conservatorismo illuminato, mentre la sua produzione letteraria pi matura avanzava nei misteriosi meandri delle regioni sconosciute dell'interiorit e delle passioni. Per tutta la vita Goethe lavor a due progetti di opere che complet in vecchiaia. La prima il gruppo di romanzi attorno alla figura di Wilhelm Meister. Vi una prima stesura, pubblicata postuma, nota quale Wilhelm Meisters theatralische Sendung (La missione teatrale di Wilhelm Meister), che lo impegn dal 1777, in un periodo ancora contiguo all'esperienza sturmeriana. Nel nome del protagonista Wilhelm Meister (Gugliemo Maestro) riecheggia quello dell'idolo degli anni giovanili (mai smentito in seguito): William Shakespeare. E un giovane borghese che, innamorato del teatro, abbandona la sua operosa cerchia mercantile per l'irresistibile vocazione per le scene. Il romanzo offre una prospettiva felicemente realistica della vita teatrale dell'epoca. La prosecuzione del lavoro, sollecitata da Friedrich Schiller e ripresa dopo il 1794, si concluse nel 1796. Alle peripezie dei guitti e allo stupore del giovane protagonista si aggiunge una cornice e un finale serissimi, quasi rituali. Appare nella Societ della Torre - la trasfigurazione della massoneria settecentesca - un deus ex machina che

dirige e controlla i vagabondaggi del giovane, intervenendo nei momenti cruciali per sostenerlo e orientarlo verso una maturazione psichica e spirituale. Siffatta formazione viene colta attraverso l'esperienza e le necessarie stazioni di un lungo errare. Ormai le vicende del giovane sono introdotte nella griglia del Bildungsroman: i Wilhelm Meisters Lehrjahre (Gli anni di noviziato di Wilhelm Meister) costituiscono il pi celebre e convincente romanzo di formazione tedesco, anche se i romantici intuirono una giustapposizione di elementi eterogenei. All'awentura dei guitti si sovrappone la storia iniziatica e quella fantastica dei personaggi romantici di Mignon e dell'arpista, figure stupende del paradosso poetico completamente estranee all'estetica classica. Ma Goethe resta poeta anche per la ricchezza del suo repertorio fantastico, che sconfina dai limiti della sua poetica. Nel 1829 Goethe pubblica la seconda parte del romanzo Wilhelm Meisters Wanderjahre (Gli anni di pellegrinaggio di Wilhelm Meister), in cui il protagonista - ricalcando un'antica pratica dell'iniziazione corporativa intraprende un viaggio, che segno di ulteriore maturazione, di ampiamento di coscienza e conoscenze, nonch occasione narrativa giocata spregiudicatamente per introdurre nell'opera novelle, disquisizioni e massime aforistiche. Si prefigura la crisi del romanzo, compattamente saldato a un protagonista, realizzando l'apertura della forma narrativa al saggio e alla digressione. Da una costola del Meister, lo scrittore trasse, sviluppandolo autonomamente, un romanzo sulla crisi del matrimonio: Die Wahlverwandtschaften (Le affinit elettive) del 1809. Partendo da un'ipotesi scientifica della chimica, Goethe l'estende all'intreccio psicologico. La sottile analisi di sentimenti contemplata e descritta con uno sguardo distaccato, penetrante e malinconicamente conciliato con il tempestoso universo della passione, come pure con quel dirompente movimento romantico, che Goethe non accett mai a livello teorico, acquisendone tuttavia il gusto per le suggestive atmosfere interiori e simboliche. Un'altra grandiosa figura accompagn Goethe per tutta la vita: quella di Faust. Come nel Meister anche per questa tragedia si pone la questione dell'unit della scrittura che si protratta dagli anni giovanili fino a pochi mesi prima della morte del poeta. Si potrebbe parlare di una materia faustiana, variamente affrontata con prospettive autonome, ancorch collegate dalla figura storico-mitica di Faust. La prima stesura - mai pubblicata dal poeta, bens ritrovata dopo decenni tra le carte di una sua conoscente - viene chiamata dell'Urfaust (Faust originario), cui l'autore lavor tra il 1773 e la partenza per Weimar in pieno periodo sturmeriano ed quella pi vicina al Volksbuch; la poesia goethiana legata ai grandi monologhi del protagonista - lo scienziato mago, il titano, con cui il giovane sturmeriano idealmente s'identificava. Sono inni grandiosi dello spirito esaltato che vive molto poco illuministicamente - la cultura come una mortificazione della ricca e sensuale personalit umana. Alla scienza si contrappone

l'esperienza vissuta, il viaggio, l'awentura, l'apertura all'altro e dunque l'amore. Il poema fu messo da parte per lunghi anni per riaffiorare durante il soggiorno romano, quasi a contrasto con la mite natura del Sud. Al frammento pubblicato nel 1790, che ampia e riprende l'Urfaust, Goethe fece seguire solo nel 1808 la pubblicazione di Faust. Der Tragodie erster Teil (Faust. Prima parte della tragedia). All'intuizione pantragica giovanile, al titanismo sturmeriano si sostituisce gradatamente un'azione - raffigurata in una Germania cinquecentesca - pi complessa, che lavora all'evento tragico per enucleare una dialettica che si apre a una prospettiva non pi limitata dall'esaltazione soggettivistica. La tragedia diventa poema, la teatralit si tramuta in narrazione, in cui assume una funzione poeticamente e concettualmente centrale il dialogo tra Faust e Mephistopheles, il suo demone, ora innalzato a deuteragonista del mago, mentre l'Urfausl era incentrato nella tragedia, commovente e trascinante, di Gretchen, l'infelice amante di Faust. Laddove alla tragedia subentra la sequenza di scene cariche - se non perfino sovraccariche - di emblemi didascalici, allegorici ed eruditi nella seconda parte (conclusa nel 1831) che descrive il viaggio di Faust nel gran mondo e nella tradizione classica. Come il Meister, anche il poema di Faust tende alla proliferazione ridondante di stilemi manieristici, che creano una situazione di opera aperta. La corte imperiale, la scoperta - esiziale per l'antico ordine - della diabolica moneta cartacea e inoltre la sublime discesa di Faust nel regno della Madri (che accosta il poema alle analoghe scene dell'Odissea, dell'Eneide e della Divina Cornmedia), nonch l'unione d i Faust, il germano, l'esponente della modernit attivistica, con Elena, intramontabile metafora della bellezza classica, perfetta nella sua statica imperturbabilit, sono le tappe cruciali della peregrinazione faustiana. Ma a differenza di Meister, a Faust - in quanto figura mitica - concesso un esito altamente suggestivo nel rifiuto della magia all'apparire funereo della Sorge, della Cura che abbatte anche l'uomo superiore. Accettando la sua umanit, il suo destino, Faust trascende la tragedia, attingendo una maturit spirituale, - irnmersa in una prospettiva utopica di solidariet umana - che lo eleva a simbolo della nuova epoca moderna. l'individuo che supera la tentazione della potenza per riacquisire quella naturalit che la condizione umana. La cornice del poema (non si pu pi parlare di scena teatrale) consente a Goethe un finale mistico suggestivo che allude a uno sbocco sacrale fondato su una concezione radicalmente tellurica e immanentistica. Goethe fu autore di numerose opere poetiche (tra cui celebri odi e ballate), ma anche scientifiche e saggistiche che contribuirono a consolidare il classicismo, che trov in un altro scrittore, Friedrich Schiller (Marbach 1759 - Weimar 1805), il suo pi convinto assertore teorico. Anche lui, come Goethe, approd alla nuova esperienza poetica ed estetica dopo una turbolenta e sofferta giovinezza. Schiller prove-

niva da una famiglia modesta, la sua educazione awenne all'interno dei collegi militari voluti dal duca Karl Eugen. Su ordine del sovrano studi medicina, ma non si adatt a lungo alla rigida e ottusa disciplina, n all'arbitraria normativa del principe. Fuggito dal ducato, cominciarono anni di traversie economiche e di grande precariet, cui posero fine la chiamata a Weimar, l'insegnamento universitario nella vicina Jena, una generosa borsa di studio di principi mecenati e il riconoscimento del puWlico colto. Le tribolazioni e gli stenti giovanili segnarono per sempre la sua vita, il suo carattere, minando la sua salute e provocando una morte precoce. L'opera schilleriana percorsa da un'immane volont di affermazione che riproduce e sublima il suo 42 STORIA DELLA LETI ERATURA TEDESCA percorso esistenziale. Il tema della sua scrittura la raffigurazione poetica e drammatica dell'indomito tentativo dell'uomo di sollevarsi sulla contingenza e sulla necessit per attingere la provincia estetica dell'ideale. Il suo teatro - che presenta le sue opere pi note e artisticamente pi riuscite -, la sua poesia, la sua narrativa e la sua vasta produzione di saggistica storica e filosofica racchiudono un nucleo coerente d'impegno e di determinazione morale che si fonda, a sua volta, su una prospettiva utopica, mutuata dalla secolarizzazione dell'entusiasmo pietistico. La capacit linguistica del tedesco ha raggiunto con Schiller una perfezione, una completezza, un'autentica classicit espressiva. Dagli inizi solitari, in cui Schiller percorre con un decennio di ritardo lo scompiglio culturale e formale dello Sturtn und Drang, lo scrittore approda a una pienezza stilistica, che non abbandon pi. Schiller stato uno storico, un filosofo, un organizzatore culturale, per mezzo di una infaticabile opera di iniziative letterarie con la fondazione di riviste. Ma stato principalmente l'autore di teatro che seppe intuire la complessit della macchina scenica e la centralit dei dialoghi. Gi nella prima tragedia Die Rauber (I masnadieri) del 1781 riusc a creare una forte intensit drammatica con una azione dialogica rapida e incalzante. La storia del conflitto tra fratelli e il disconoscimento del figlio meritevole da parte del padre sturmeriana. Eppure l'adesione di Schiller alla rivolta giovanile collegata a un'impetuosit e a una vocazione di ribellismo generazionale che non elimina un tema profondamente schilleriano: quello del rapporto con la legge. Per l'autore il protagonista di questo dramma, come pure quelli di altri suoi lavori, attinge la libert aderendo alla legge, accettandola quale istanza interiore superiore alla stessa vita. Il ribellismo affascina nei toni violenti e spregiudicati, ma subordinato al riconoscimento del primato spirituale della legge. Siffatta accettazione trascina il protagonista verso il suo destino tragico. Lo scontro interiore il rispecchiamento di una societ ingiusta e allo spettatore dell'epoca non sfuggiva la brutalit della protesta, ma nemmeno l'arbitrio assolutistico che la scatenava.

Un dramma successivo Kabale und Liebe (Amore e raggiri) del 1784, originariamente intitolatoLuise Millerin (titolo mantenuto dall'opera di Verdi, grande ammiratore della drammaturgia di Schiller, di cui music anche I masnadieri e il Don Carlos), si svolge nella Germania del tempo. L'ambientazione realistica d luogo a una scissione tipicamente tedesca tra il mondo politico dell'aristocrazia e quello intimo e morale della piccola borghesia pervasa dai valori pietistici. Il dramma una violenta denuncia dell'assolutismo: il sovrano vende i suoi sudditi quali soldati oltre oceano per mantenere la sua amante. Eppure la rivolta si curva verso l'interno secondo la geometria luterana dei sentimenti che non consente alla protesta di rovesciare l'ordine poliL'ET Dl GOETHE 43

tico, ancorch ingiusto, ma impone l'obbedienza con pietistica Gelassenheit, con cristiana rassegnazione. Teatralmente il suo capolavoro Don Carlos del 1787 commosse profondamente la cultura liberale del secolo scorso. Il testo schilleriano pervaso dall'idealit filadelfica della Humanitat massonica - un monumento poetico ai nobili sentimenti della libert, dell'amicizia, della lealt. L'esortazione del personaggio centrale - il Marchese di Posa a Filippo Il di Spagna: Concedete la libert di pensiero! divenne la commossa parola d'ordine del liberalesimo e nel 1787 risonava quale invito estremo a un compromesso storico ancora possibile tra gli esponenti illuminati del potere assolutistico e i nuovi ceti emergenti alla vigilia dello scoppio rivoluzionario. A leggerli bene, gli scritti schilleriani esigono, kantianamente, la libert morale e filosofica, quella della ricerca scientifica e intellettuale, non quella politica e sociale. La legge interiore, quale kantiana istanza suprema, viene originalmente elaborata da Schiller con la suggestiva proposta di una mediazione estetica tra natura sensibile e necessaria e realizzazione etica, da attuare attraverso la contemplazione e l'esercizio artistico. Il decennio di collaborazione con Goethe fu quello dei grandi saggi filosofici, come pure della trilogia del Wallenstein (1796-1799) e dell'ultimo dramma completato, il Wllhelm Tell del 1804. Entrambi i drammi si iscrivono nella solidissima cultura storica, che stempera l'ardore straripante della scrittura teatrale dei primi lavori. La storia europea, in quel decennio a cavallo tra i due secoli, conobbe trasformazioni radicali sul piano politico con l'entrata in scena delle masse, ma anche dell'eroe di origini oscure, che insegue il potere fidando solo sul proprio genio e sulla fortuna. Il Wallenstein propone in chiave tragica il disastro interiore dell'uomo di potere che non conosce n freno n misura, mentre TeU, interpretato come un dramma di libert nazionale contro gli invasori, intuisce il carattere conservatore del popolo contadino, che non ammette che siano infrante le autonomie tradizionali, ma che non conosce n aspira alla libert quale principio astrat-

to dell'organizzazione statale. Le poesie schilleriane sono esperimenti concettuali, che illuminano la convinta cultura classica dell'autore. Ebbero un tale successo scolastico da essere trasformati poi in oggetti parodistici, bench una libera lettura dei testi riservi sorprese per l'elegante costruzione stilistica. Accanto a un sapore antiquario, a un gusto polveroso vi si scopre l'agile movimento di una lirica intellettuale, dominata e insieme slanciata verso utopici orizzonti o ripiegata in una intrigante malinconia. Di Schiller conviene ricordare ancora Der Verbrecher aus verlorener Ehre (Il bandito dall'onore perduto) del 1786, che uno dei racconti meglio riusciti della letteratura tedesca. una novella, d'ambiente realistico, di rara intensit epica, concentrata intorno alla figura del 44 STORIA DELLA LETI-ERATURA TEDESCA protagonista, che, sprofondato nel crimine e nella dissoluzione, in cui si era lasciato andare per il disprezzo con cui era stato trattato, sa trovare la via della redenzione laica nell'accettazione della legge - e della punizione, che per lui la morte - attraverso un semplice atto di amore filadelfico, di comprensione e di fiducia nella sua umanit. La poetica schilleriana, fondata sull'utopia e sullaHumanitat, pose per la prima volta nella storia - il Classicismo di Weimar al centro del dibattito letterario europeo. E siffatto primato venne consolidato dalla successiva generazione romantica, mentre appartiene ancora alla cultura settecentesca il Gottinger Hain (Il boschetto di Gottinga, da una poesia del loro caposcuola), il gruppo dei discepoli di Klopstock, che, partendo da posizioni pietistiche, si mossero gradatamente verso un sentimentalismo elegiaco. La frangia giacobina e illuminata (sorta da una scheggia politicizzata della massoneria) ebbe una scarsissima influenza all'interno deOa cultura tedesca: le iniziali simpatie filorivoluzionarie si tramutarono nel giro di un paio d'anni in una risoluta condanna deOa violenza giacobina e deOa prepotenza degli invasori francesi. Pi interessanti furono alcuni singoli scrittori che con le loro opere autobiografiche fecero meglio comprendere l'itinerario dal Pietismo aO'introspezione e aOa psicologia moderna. Tra costoro particolarmente significativa l'autobiografia di lohann Heinnch Jung, detto Jung-Sfflling (1740-1817), che era un povero studente aiutato da Goethe negli anni universitari. La Stille, la quiete, il silenzio, la stasi dell'essere, era il traguardo mistico della via interiore pietista che traspare nel nome stesso dell'autore. Un'altra scrittura che dal Pietismo crea un arco di congiunzione verso la soggettivit moderna l'Anton Reiser (1785-90, in quattro volumi) di Karl Philipp Montz (175~1793), che conobbe Goethe a Roma, aderendo aO'estetica classicistica. Queste autobiografie romanzate testimoniano di una nostalgia religiosa che rendeva doloroso il distacco dal sacro. L'esperienza devota non aveva esaurito quello struggente sentimento per la precariet e l'insufficienza dellavita, che aveva trovato nel Wertherla sua cifra em-

blematica ben presto imitata. Tra le variazioni pi originali si contano i romanzi di Friedrich HeinrichJacobi (1743-1819),unfilosofoche prese posizione per un sentimento deOa vita, fondato sulla fede e suO'intuizione di una realt spirituale che trascende ogni astrazione e critica filosofica. Jacobi fu al centro di una arroventata polemica dopo la morte di Lessing, sostenendo lo spinozismo segreto del grande illuminista. Fu Jacobi a coniare la parola nichilismo per indicare, con orrore, la soglia di crisi, cui stava approdando la cultura razionalistica europea. Svevo come Schiller era anche Friedrich Holderlin (1770-1843) considerato tra i pi grandi lirici deOa modernit. Le sue radici affondano nell' humus della cultura pietistica del protestantesimo svevo. E il cristianesimo - un cristianesimo mistico e insieme messianico - si L'EIDIGOETHE 45

unisce, in una straordinaria e irripetibile simbiosi, con una lacerante ed esaltata nostalgia delle origini classiche greche. In Holderlin le due matrici della modernit, il cristianesimo e la grecit, affiorano quali vene auree di un filone prezioso che sfocia in una sintesi unica che lo spirito sublime, utopico ed entusiasta (nella sua accezione mistica) deOa modernit. La sua fu una vita di grandi incontri. Durante gli anni di studio nel collegio protestante di Tubinga gli furono condiscepoli Hegel e Schelling e insieme festeggiarono, nel loro puro idealismo giovanile, la Rivoluzione francese. A Francoforte nelle sembianze di una giovane donna Susette Gontard, i cui figli gli erano stati affidati, gli apparve Diotima, la figura classica dell'amore. Un amore impossibile cui tent di sfuggire, assumendo un incarico di precettore a BordeauLasci la citt francese nel 1802, tornando in Germania ormai turbato e stremato dalle fatiche di un viaggio compiuto a piedi. Gradatamente il poeta, che si era prefisso di attingere con la visionariet della sua lirica la spiritualit deOa nuova epoca, sprofond in un ottenebramento mentale, trascorrendo dal 1807 i lunghi anni che ancora visse sotto la tutela del falegname Zimmer nella torre di Tubinga. Autore di grandi inni classici e cristiani, Holderlin tenta di intuire i presagi della prossima epifania degli antichi di. Forte delle due tradizioni dell'Occidente, il poeta si proponeva di pronunciare il nuovo messaggio spirituale per la Germania e per il mondo intero. Holderlin istituisce un intenso dialogo tra il mito della Grecia e la sua visione della Germania, che da terra della sera, d'Occidente, diventa la terra fecondata dall'antico spirito che risorge nell'utopia aurorale e nella rapinosa visione del ritorno degli di. Anche nel frammento del romanzo Hyperion oder der Eremit in Griechenland (Iperione o l'eremita in Grecia) del 1797-99 Holderlin lega Grecia e Germania in una strabiliante operazione di attualizzazione: il protagonista partecipa all'insurrezione degli elleni contro i dominatori turchi, awenuta alcuni anni prima. Le alteme vicende della lotta

costringono l'eroe ad abbandonare i combattimenti degenerati nella violenza e a rifugiarsi in Germania nel cordoglio per la morte dell'amata Diotima. Tomato in Grecia assume la missione di guida spirituale che ha sublimato la lotta irredentista per seguire la chiamata divina. Questo possente frammento narrativo, cosparso di squarci lirici, illustra una tensione fommativa che avvicina l'opera al genere del Bildungsroman. I grandi inni passano dall'iniziale influenza della poesia concettuale di Schiller, che appoggi gli esordi di Holderlin, per giungere a una liricit libera, che ricalca antiche fomme di strofe per lanciarsi in nuove strutture compositive. Lo scrittore si confront anche con il dramma con Tod des Empedokles (La morte di Empedocle) del 1798-99. Anche questo frammento teatrale, simile al Faust, considerato un poema, immerso nell'incandescenza di una scrittura che riecheggia l'esal46 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA tazione pindarica per l'intensit poetica che mette in ombra la sua teatralit. Ci sono varie interpretazioni del filosofo che si lascia morire nel cratere dell'Etna: il fallimento personale, il disastro politico ma infine la sublime accettazione del sacrificio quale azione vicaria di catarsi per tutto il popolo. Si ripete l'idea dell'immolazione cristica dell'eroe filosofo che si eleva alla santit. il canto supremo della palingenesi, della rinascita, dell'oblio necessario per realizzare la memoria che la tradizione ci ha trasmesso. Nell'intensit profetica e utopica della sua poesia lo scrittore assume una posizione autonoma tra le grandi correnti del Classicismo e del Romanticismo. La sua prassi poetica lo conduce a trascendere ogni collocazione e del resto le categorie letterarie sono strumenti per awicinarsi meglio a comprendere le opere e non gabbie in cui rinchiudere gli autori. Ci vero anche per altri due scrittori di questo periodo (che i critici usano chiamare l'et di Goethe): Jean Paul e Heinrich von Kleist. Il vero nome del primo Johann Paul Friedrich Richter (1763-1825). Di umili origini, suo padre era un povero maestro di scuola e pastore evangelico. Anche Jean Paul (che francesizz il nome in onore del suo idolo Rousseau) si form nell'atmosfera di religiosit pietistica, vissuta nell'epoca dei rivoluzionari cambiamenti sociali, politici e anche culturali. Infaticabile narratore di quel mondo di interiorit e di utopia, affidava la sua vena creativa alle intriganti prospettive dell'ironia, della parodia, del paradosso e insieme a un delicatissimo, struggente sentimentalismo. I suoi racconti, di ambientazione realistica, sono bizzarri viluppi di storie che si intrecciano, si annodano l'una nell'altra inseguendo liberamente diverse idealit con l'incoerenza dell'artista che vive in un tempo che non consente ricette ideologiche, n soluzioni astratte di marca illuministica. L'arte di Jean Paul alimentata sostanzialmente dall'idillio pietistico e piccolo-borghese, provinciale che improwisamente si rovescia in una satira feroce che non risparmia alcun valore stratificato, mettendo in dubbio la stessa verit rive-

lata con un'abissale intuizione del carattere nichilistico dell'et modema. La sua frequentazione pietistica, i suoi interessi teologici e pedagogici lo awicinano a Herder a Weimar negli anni in cui Goethe era troppo schierato con la poetica classica per rappresentare per il giovane scrittore un valido punto di riferimento. La sua opera vastissima, composta da romanzi, novelle, trattati pedagogici molto apprezzati, che rivelano la sua assidua riflessione rousseauiana e illuministica. Tra i numerosi romanzi ricordiamo Hesperus (1795), che narra una traversia nel mondo dissoluto delle corti fino all'intuizione di un approdo nell'idillio campestre ancora intatto, materiato di operosa onest borghese con nitide simpatie repubblicane. In un successivo romanzo Titan del 1800-1803 Jean Paul affronta un Bildungsroman, con coinvolgimenti politici, ma soprattutto (come suggerisce il titolo), istiL'ET DIGOETHE 47

tuendo un confronto con quella sfrenatezza individualistica, con quella smisuratezza sentimentale, mutuata da una esasperata interpretazione della cultura romantica. La poetica di Jean Paul tenta una via diversa di mediazione tra l'estremo, statuario oggettivismo classico e l'esaltazione soggettivistica romantica. L'ultimo dei grandi romanzi jeanpauliani Flegeljahre (Anni acerbi) del 1804, storia di un insanabile contrasto, di una spaccatura, che non consente pi alcuna ricomposizione, n la possibilit di una nuova sintesi. Il romanzo una scorribanda nel caotico caleidoscopio della Germania alla vigilia del crollo e dell'inderogabile rinnovamento sollecitato dall'invasione francese, dall'abrogazione - per decreto di Napoleone - del Sacro Romano Impero, ridotto a una farsa e a un fantasma politico. Jean Paul l'osservatore che guarda stupito, inorridito e incuriosito i movimenti vorticosi dell'epocale trasfommazione che si sta attuando e che cerca di rievocare dalla sua prospettiva nelle numerose novelle, tra cui Das Leben des Quintus Fixlein (La vita di Quintus Fixlein) del 1796, che narra in toni pungentemente satirici, ma insieme trasognati, la misera e rassegnata esistenza di un maestro di scuola e teologo che sopporta lo squallore della sua vita con innocente idealismo, sospeso tra l'irresponsabilit, la carenza di senso della realt accanto a una straordinaria capacit di adesione e di reinterpretazione della quotidianit. Un altro idillio ai limiti del paradosso e della parodia Siebenkas del 1796 che racconta le fortunate vicende di un uomo che, creduto morto, inizia una seconda vita, fittizia come la sua presunta morte. La stemminata produzione narrativa di Jean Paul segna l'affiorare di un universo provinciale, gotico, che costituiva ancora il cuore della Gemmania, del paese che non aveva trovato l' equilibrio, aristocratico ed eroico, del Classicismo, n si era abbandonata al sogno mistico e fantastico del Romanticismo. Nei suoi racconti si apre una ferita che non guarisce se non in una improbabile e appena allusa soluzione re-

ligiosa e utopica, corrosa dallo scetticismo illuministico, ormai radicato nella cultura tedesca. Ci che in Jean Paul contenuto nell'ironia, nella satira, nella parodia e nell'idillio volge verso una curvatura tragica nell'opera di Heinrich Kleist (1777-1811), che si distingue dai vari raggruppamenti per la sua orgogliosa solitudine di Junker. Kleist appartiene a una nobile famiglia prussiana; la carriera, cui destinato, quella militare, alla quale si sottrae per seguire la sua vocazione letteraria e pi profondamente il suo infelice, tragico destino che lo condusse al suicidio. Una reazione intellettualmente, ma anche moralmente devastante fu rappresentata dall'incontro con il criticismo kantiano, con quella riflessione che impediva ogni ulteriore speculazione metafisica, riservando (ma non senza una incertezza scettica) alla sola esperienza etica la possibilit di intuire la trascendenza. Questa crisi ci fa comprendere 4STORIADELIAI~ITERATURATEDESCA | I RMANTIcl la specificit tutta tedesca del percorso tragico di questo autore, che si lascia cos profondamente coinvolgere da una meditazione filosofica. L'esaltazione intellettuale lo aveva portato ad aderire a un rousseauianesimo, che Kleist cerco perfino di praticare, ritirandosi a vivere da contadino secondo natu~L Le esigenze dei tempi imponevano ben altre prese di posizione. L'astro di Napoleone lo sedusse, ma infine il tracotante imperialismo francese verso la Prussia lo trasform in uno degli intelletluali pi impegnati nella mobilitazione delle coscienze contro l'invasione napoleonica Kant, Rousseau, Napoleone, la libert interiore, la natura, l'indipendenza: eooo i grandi temi che lo coinvolsero emotivamente e culturalmente. Nella sua drammaturgia e nei suoi racconti Kleist raffiguro il caranere tragico, con cui sperimentava la sua epoca. La ripresa del mito diAm~on (Anfitrione) nell'omonima oommedia del 1807 soDecita l'autore a riflettere sul problema della consistenza dell'identit personale, messa in discussione dall'epifania del sacro (Giove che sonO le sembianze del marito ama Alcmena). In ultima istanza la di~nnit viene accettata perch si umanizza. Resta il sospetto, tunavia, che solo una umanit, rafforzata dal numinoso, riesca ancora ad essere amata. La garbata parodia, moliriana, del motivo classico apre uno squarcio su un fondale tragico. E che il rapporto amoroso sia peroorso daD'esperienza annientatrice della violenza, Kleist lo raffigura nella successiva tragedia Penthesilea del 1808: il giuoco del camuffamento (oos tipioo neDa drammaturgia kleistiana), che aveva reso posslbile l'amore ambiguo diAlcmena, potrebbe conciliare AchiDe oon Penk:sh sua ama~icl amata, che, per, rifiutando l'inganno, precipita inesorabilmente nella barbarie e nella tragedia. Lo scrinore si confionta nel teatro oon il motivo della mistificazione del mascheramento, dell'oscuramento della coscienza e della realt, come avviene nel suo dramma pi maturo e stilisticamente compiuto:

Prinz Friedrich wnorrburg (Il Principe Friedrich von Homburg) del 1808, in cui la solida tramatura della ooscienza viene scompaginata dall'irruzione onirica, che oonfonde i piani percettivi, rendendo incerta la questione della responsabilit morale. A causa di un improvviso mancamento, di una strana assenza della ooscienza, il principe trascura di eseguire gli ordini durante la battaglia di Fehrbellin, che per questo felice disguido viene vinta trionfalmente. Ma invece degli allori lo anende la pi dura punizione. Il principe si sente ingiustamente condannato, ma gradatamente matura in lui la consapevolezza morale della sua colpa, oon l'interiore aocenazione socratica della legge Viene infine graziato dalla magnanimit del sovrano. Alla tragedia succede il dramma con lieto fine. Il tema del primato della legge si ormai reso trasparente allo scrittore che gli si avvicinato nel 1808 in una delle pi garbate e rare commedie tedesche Der zerbrochene Krug (La brocca rotta), felicemente riuscita come la Minna lessinghiana. Un giudice viene smascherato quale indegno rappresentante della giustizia, che lui cerca di piegare ai suoi turpi fini. Ancora una volta il lieto fine si armonizza con i buoni sentimenti. Nello stesso anno l'autore scrive il suo dramma di esasperazione nazionalistica: Die Hermannsschlacht (La Battaglia di Arminio), che rievoca la grande vittoria dell'eroe germanico sui legionari di Augusto. I riferimenti erano chiari ed eloquenti: i romani erano i francesi che i tedeschi, se uniti, avrebbero scacciato dalla loro sacra terra. Erano tempi di profonda amarezza, ma anche di eventi grandiosi e terribili che si riflettono nella concezione tragica dello scrittore, che con la sua narrativa d alla letteratura tedesca alcuni dei racconti pi riusciti. La storia di M~chael Kohlhaas nell'omonima novella del 1810 uno dei vertici della prosa europea: a un indomito mercante di cavalli viene fatto un torto. Invece di ricevere giustizia, viene umiliato. La sua reazione tremenda, feroce e sproporzionata. Diventa un crudele bandito, che solo il riconoscimento, tardivo, dei suoi diritti calpestati fa tornare nell'alveo della legge che per lui ormai si presenta come pena capitale. Nella ribellione, nel farsi giustizia e nel lento ravvedimento Kohlhaas percorre con energia, passione e tormento un cammino esistenziale tragico e insieme illuminato dalla comprensione e dalla matura accettazione interiore della legge. E il tema schilleriano dei Rauber e del racconto Der Verbrecher aus verlorener Ehre, che Kleist innalza a una potenza raffigurativa di perfetto equilibrio stilistico. v. I romantici Si stava creando, con l'infittirsi della produzione artistica, una nuova sensibilit culturale che alla fine degli anni Novanta trov espressione

negli scritti di giovani studenti dell'Universit di Jena - cittadina prossima a Weimar, da cui dipendeva, dove insegnarono Schiller e Fichte, come pure brevemente Schelling e Hegel. Il pi poeticamente dotato del gruppo - che venne poi chiamato (dapprima sprezzantemente) romantico - era Friedrich von Hardenberg, universalmente noto come Novalis (1772-1801); il pi prolifico era Ludwig Tieck (1773-1853), il teorico Friedrich Schlegel (1772-1829), mentre il fratello maggiore AugustWilhelm Schlegel (1767-1845) fu un abile mediatore culturale con un grande talento come traduttore. Essi collaborarono alla rivista Athenaum (1798-1800), dove misero a fuoco la loro proposta culturale, veramente incendiaria nei confronti dei loro maestri, Goethe e Schiller, con cui intrattennero una delle polemiche pi preziose ed elevate della storia letteraria. Da quei fascicoli part il pi originale 50 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA movimento artistico tedesco: il Romanticismo, che si diffuse velocemente in tutte le altre letterature europee. Con gli anni si precis il programma romantico che intendeva rivalutare la tradizione delle letterature nazionali, puntando a una reinterpretazione positiva del Medioevo e della antichit. I romantici, influenzati da Herder, erano convinti fautori della poesia popolare, esaltata quale creazione spontanea di una mitica anima popolare. Il culto delle origini anche barbariche e del Medioevo era indirizzato polemicamente contro il primato illuministico del progresso scientifico, se unilateralmente imposto quale unico sbocco dell'attivit intellettuale e artistica. Contestavano anche l'artificiosit e il carattere repressivo della societ settecentesca e ancor pi di quella industriale, che si stava organizzando, nonch della cultura razionalista. Proponevano-i valori dell'antichit originaria e del mito della natura primordiale, cui l'uomo modemo poteva ricollegarsi con l'entusiasmo della poesia o almeno con la malinconica consapevolezza di essere tagliato fuori da quella aurorale esperienza di natura e poesia. Nel 1796 Schiller aveva teorizzato in un saggio esemplare la scissione epocale tra la poesia ingenua e sentimentale, dove il primo termine sta per l'antichit e il secondo indica la poesia modema. L'impossibilit di accedere a una poesia naturale alla base dell'ironia romantica: il poeta romantico nel momento in cui intuisce la grandiosit della poesia quale epifania del sacro percepisce parimenti di trovarsi relegato in un'altra esperienza culturale: quella della definitiva, irreversibile separatezza dal carattere ingenuo della creazione poetica naturale, che tuttavia continua a risuonare nell'universo e nell'anima. Ancorch dimidiato e dilacerato, e pur lontano dalla naturale e spontanea pienezza poetica degli antichi, il poeta romantico resta poeta, tentando di reinserirsi, col sentimento soggettivo nella comunicazione poetica universale, attraverso un movimento di progressivo awicinamento che rende la poesia sempre un frammento lanciato verso la

totalit, non pi attingibile quale stato dell'essere, ma solo intuibile quale nostalgia dell'essere. La parola-chiave di questa dolorosa e pur soave tensione la Sehnsucht, lo struggimento per un ideale, per una patria e una casa perduta, per una perfezione irraggiungibile, ma non obliata, poich vive nell'intuizione e per contrasto nella prosaicit dell'epoca modema. La poesia trascende il suo stato tecnico, artigianale per assurgere a esperienza spirituale; la via riservata all'uomo modemo per approssimarsi alla propria vocazione pi autentica, pi profonda, per restaurare la dignit originaria del linguaggio. Sui problemi della nuova poetica i romantici discussero in un seminario lo statuto teorico della nuova estetica e Friedrich Schlegel pubblic i protocolli di quella storica sessione di lavoro poetologico nel Gesprach uberdiePoesie (Dialogo sulla poesia) nel 1800, in cui affiora I ROMANTICI questo nuovo e originale metodo di elaborazione collettiva del programma letterario che gi preannuncia, nella modemit dell'iniziativa, i successivi manifesti delle avanguardie. Il Gesprach uno dei primi documenti che unisce il fare poesia con il pensare la poesia, accentuando cos la specificit romantica. Chi per primo aveva meditata su questo tenue sentimento di assenza e insieme di oscura reminiscenza del sacro valore dell'arte era stato un giovane scrittore, Wilhelm Heinrich Wackenroder (1773-1798). Poco prima di morire, scrisse in collaborazione con l'amico Tieck, le Herzensergiessungen eines kunstliebenden Klosterbruders (Effusioni del cuore di un monaco conventuale amante dell'arte) del 1797, che una lode esaltata dell'arte tedesca del Cinquecento e di quella italiana. L'arte si sostituisce invisibilmente alla devozione religiosa, confessionale, assorbendo il senso del sacro. Per l'autore era l'arte che pi compiutamente rispecchiava la travolgente sentimentalit cristiana degli artisti che, sorretti dalla fede nel divino e nel bello spirituale, erano stati capaci di creare siffatta perfezione. Fu Tieck che fece conoscere il libro al circolo di Jena. D'allora la pittura sacra e il Medioevo sono le pi frequentate metafore degli scrittori romantici, come dimostra il principale romanzo di Novalis Heinrich von Ofterdingen del 1802. Si tratta di un ampio frammento. In una ambientazione magico-iniziatica e poetico-mistica il valore del mondo e della vita si smaterializza in una delicatissima trama metaforica e favolistica. una narrazione di percorsi interiori e gi il viaggio si palesa quale metafora di trasmutazione e insieme di inquietudine, di fuga e di poetico ritrovamento, confemmato anche nell'altro frammento narrativo I discepoli di Sais. E all'opera l'ironia romantica, che sospinge verso l'assoluto per intuire che l'assoluto qui e ora, nella pace, nella natura, eppure questa semplicit preclusa all'intellettuale dei nuovi tempi, all'uomo modemo del calcolo, della politica, dell'economia, della fredda luce razio-

nale, che abbaglia lo sguardo verso l'esperienza mitica. L'altra sublime metafora Novalis la racchiude nel suo ciclo d i Hymne an die Nacht (Inni alla notte). La notte l'esperienza pi prossima alla morte e la morte il transito alla rinascita. La notte la madre, il grembo oscuro dell'origine; la notte la negazione dell'abbagliamento illuministico. Il cordoglio per la perdita della giovane amata conduce il poeta a immergersi nelle tenebre con disperazione per percepire l'altra dimensione dell'essere quale fondamento invisibile, oscuro, che nessuna luce pu individuare, traversare, separare e nessuna investigazione dimostrare. quell'unio mystica che da Meister Eckhart a Bohme, da Angelus Silesius ai pietisti veniva perseguita in ambienti appartati, radicati nella cultura religiosa tedesca. Se Novalis l'esponente spiritualmente e poeticamente pi autentico che raggiunge i vertici della lirica dell'interiorit, Friedrich Schle52 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA gel il teorico del movimento che mette in moto una rivisitazione delle prospettive culturali illuministiche, operando un rovesciamento della precedente impostazione critica. Il suo romanzo Lucinde del 1799 una prosa che si apre intenzionalmente alla riflessione mitologica che Schlegel affronta in tutta la sua opera con l'impegno e la consapevolezza di scoprire nuovi orizzonti critici. Il paradosso della sua peripezia intellettuale racchiuso nella serrata polemica antilluministica. In nome di quella battaglia approd sorprendentemente al cattolicesimo, maturando un'opzione politica decisamente reazionaria, apprezzata da Mettemich, che lo volle suo consigliere a Vienna. Il pi produttivo tra i romantici fu Ludwig Tieck, che nella sua lunga esistenza ebbe l'occasione di aderire a modalit letterarie e a esperienze poetiche disparate. Dagli esordi ancora illuministici la sua originalit si manifest nella prima stagione romantica. I suoi racconti e romanzi: Der blonde Eckbert (Il biondo Eckbert) del 1797, Franz Sternbalds Wanderungen (Peregrinazioni di Franz Sternbald) del 1798 e DerRunenberg (Il monte delle rune) del 1804 sono le testimonianze di una letteratura sprofondata nel mistero, nel gusto gotico e magico, in una percezione della precariet, della disintegrazione del senso solido del mondo che viene travolto dagli inquietanti percorsi del sogno, del presagio, del segreto che awolge ogni vita. In queste opere Tieck affronta il problema interiore della giustificazione e origine dell'arte. Segni astrologici, premonizioni, agnizioni, incontri fatali sono gli ingredienti di queste trame del destino. E il destino il riconoscimento che l'uomo un essere pi profondo e perturbato e perturbante di quanto si creda e di quanto lui stesso creda di s. La rassicurazione illuministica corrosa da questa genealogia tragica. Gradatamente Tieck si distacc dalla scrittura e dalla concezione del mondo romantiche, evitando di indugiare nei moduli stereotipati, in cui stava degradando quella esperienza poetica. La tarda produzione di Tieck ap-

proda gi a una attenta e precisa raffigurazione stilistica che annuncia la sensibilit realistica. Della sua vastissima opera la traccia pi famosa rappresentata dalla delicata e ambigua rivisitazione di favole celebri quali RitterBlaubart (Cavaliere Barbabl) e Dergestiefelte Kater (Il gatto con gli stivali), in cui l'ingenuit perduta si alterna ai registri ironici romantici in un gioco artistico raffinato. L'intensit teoretica e utopica del Romanticismo di Jena - o primo Romanticismo - dovrebbe suggerire un'estrema cautela nell'uso di categorie letterarie: proprio l'ironia romantica sollecita di parlare, piuttosto che di un movimento unitario, di un insieme di testi e di scrittori che in certi anni della loro attivit si identificano con una temperie poetica romantica. Questa prudenza utile anche per introdurre il cosiddetto secondo Romanticismo, o Romaticismo di Heidelbergdalla citt universitaria in cui per un breve periodo vissero e collaboraI ROMANTICI 53

rono Clemens Brentano (1778 1842) e Acbi n von Arnim (1781-1831). Sulla scia di una convinta rivalutazione in chiave romantica della poesia popolare i due scrittori curarono nel 180~1808 la pubblicazione di una antologia poetica Des Knaben Wurulertlom (Il corno magico del fanciullo). Brentano era una personalit ombrosa, complessa, colma di contraddizioni e fragilit morbose, che attravers una profonda crisi conclusasi nell'adesione a un cattolicesimo mistico. In realt soffr per la frammentazione del fondamento culturale della modernit, tentando disperatamente un anacronistico approdo a forme religiose del passato, vivendo tale ricerca, da uomo della modernit, nell'accezione estetica dell'esperienza. Il suo amico e cognato Arnim (che aveva sposato la sorella Bettina Brentano, anche lei scrittrice e personaggio dei salotti alla moda) stato uno straordinario autore di romanzi e racconti, tra cui un piccolo capolavoroDerlnvalideaufdem FortRatonneau (L'invalido folle di Fort Ratonneau) del 1818 che conserva l'intrigante immediatezza di una sottile analisi psicologica: un caso di follia si svela quale esempio di violenza da parte della societ, incurante della disperazione dell'individuo. Non il registro della denuncia sociale quello che interessa l'aristocratico Arnim, bens la raffigurazione della crudelt della macchina statale moderna. Questi scrittori si spostarono anche a Berlino dove Arnim accentu la sua scelta nazionalistica, gi cospicuamente presente nella teoria romantica, assumendo perfino toni marcatamente e pericolosamente antisemiti. Uno scrittore che pure aveva il volto girato nostalgicamente verso il passato stato il conte slesiano Joseph von Eichendorff (1788-1857), cui si devono alcuni dei pi struggenti Lieder della malinconia romantica dei boschi, di remote acque silvane e di lontani, irrecuperabili

amori tra giovani cavalieri e soavi fanciulle. Eichendorff stato anche l'autore di un perfetto romanzo romantico, un capolavoro di liricit, in cui la lingua tedesca si piega al canto dolce, accorato e speranzoso dell'anima:Aus dem Leben eules Taugenichts (DaOa vita di un fannullone) del 1826, che si svolge in un'ltalia non pi orrorosa, ma gentile terra di armoniosi paesaggi in cui un'anima semplice - ironicamente disegnata - si dischiude al trionfo della poesia e dell'amore. Il perdigiorno diventa la risposta romantica all'ideale illuministico del commerciante, del suddito operoso e attento al suo tornaconto a maggior gloria del benessere economico e quindi morale della societ. La fase eroica dell'accumulazione del capitale significava un intenso sfruttamento: la libert del fannuOone, innamorato di fiori, foglie, alberi, fiumi e dei dolci occhi della fanciuOa, che il destino gli fa incontrare, da intendere come critica a un sistema sociale concentrato nell'economia, quale valore supremo. 54 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA La critica al denaro trovava anche altre frontiere come quella mitologica, raffigurata in un piccolo capolavoro romantico: la novella Undine di Friedrich de la Motte Fouqu (1777-1843), che affronta l'antichissimo tema dell'amore fatale di un essere soprannaturale con un uomo. Nella lotta ingaggiata dai romantici per salvare la poesia, il bello e l'anima, un posto eminente spetta a un celebre racconto di un altro scrittore di origine francese Adalbert von Chamisso (1781-1838), che nel 1814 pubblic la novella Peter Schlemihls wundersame Geschichte (La storia meravigliosa di Peter Schlemihl). Il protagonista, venduta l'ombra al diavolo per avidit, si rawede e accetta con rassegnazione un destino di solitudine, alleviata dallo studio e dalle cure filantropiche. Siamo in piena celebrazione del genere favolistico che trov, nel secondo Romanticismo, nella famosa coppia dei fratelli Jakob (17851863) e Wilhelm (1786-1859) Grimm coloro che dedicarono la loro vita allo studio storico delle antichit gerrnaniche, con contributi fondamentali per la genesi della filologia germanica attraverso la compilazione del monumentale dizionario storico della lingua tedesca un'opera colossale, portata a termine solo di recente -, nonch con la stesura di una grammatica storica e di raccolte di leggende e saghe germaniche. L'opera pi celebre la collezione dei Kinder- und Hausmarchen (Fiabe per bambini e per la famiglia) del 1812-15, che il libro tedesco ancor oggi pi diffuso e famoso nel mondo. Chi seppe raccogliere tutte le fila di una sensibilit aperta all'irrazionale, alla magia, al mistero, al paranormale, agli enigmi inquietanti della ruota della vita, ai sogni ingenui, alle catarsi palingenetiche, ai trai vestimenti, ai camuffamenti, alle trasmutazioni fantastiche, alle trasfigurazioni alchemiche, stato Ernst Theodor Amadeus Hoffmann (1775-1822). Giurista, funzionario, ma soprattutto musicista, compositore, disegnatore e autore notturno, Hoffmann introduce la fram-

mentazione caleidoscopica dell'io empirico. Raffigurando le contrastanti anime che si annidano inquiete in una sola personalit, individua gli strati ancestrali, le complessit ataviche che si rendono autonome in particolari crisi violente o in straordinari momenti di esaltazione e di cordoglio. La separatezza della personalit in Hoffmann anticipa la teoria psicoanalitica della schizofrenia (Freud fu un suo attento lettore) e per altri versi rappresenta la versione moderna dell'introspezione mistica, dei tradizionali dialoghi che si inscenavano nel palcoscenico interiore. Dergoldene Topf (Il vaso d'oro) del 1814, Klein Zaches, genannt Zinnober (Il piccolo Zaccheo, detto Cinabro) del 1819, Prinzessin Brambilla (La Principessa Brambilla) del 1821 sono variazioni del tema fantasmagorico della metamorfosizzazione del perso- naggio, della crisi radicale di ogni identit, del trionfo della mutabilit delle forme, quale redenzione e perdizione della misteriosa sostanza dell'anima, ben diversa per lo scrittore dalla personalit illuministica I ROMANTICI 55

dell'io cosciente, precaria scorza di abissali, misteriosissime latenze. Con Hoffmann i demoni notturni salgono nelle sedi della letteratura, prendendovi fissa dirnora come dimostrano i racconti surrealisti, espressionistici, nonch le inquietanti fantasie ka~iane. Ogni genealogia della scrittura fantastica ha origine dalla narrazione, sfrenata e insieme equilibratissima, di Hoffmann. Nelle sue prose la figura dell'artista, da genio sacro diventa mago ed esorcista. Trascinato nel vortice della marginalizzazione sociale, il poeta definitivamente l'outsider della realt quotidiana e insieme il vero cittadino della metropoli animica, che l'altra parte notturna della citt moderna, che funge da palcoscenico per le sue storie realistiche e insieme fantastiche. L'aspra parodia antilluministica conduce al cuore della nuova sensibilit romantica, direttamente nella provincia onirica della raffigurazione artistica, perfettamente dominata da Hoffmann. La spaccatura tra i due mondi, tra le due citt, tra le due anime della personalit il contributo pi originale dell'opera hoffmanniana che ha suggestionato i lettori, ma anche gli scrittori, non solo tedeschi. La sua fortuna, francese e russa, testimonia la modernit della sua scrittura insieme all'interesse con cui la letteratura europea seguiva la produzione tedesca. L'unico, autentico scrittore di teatro romantico stato Zacharias Werner (1768-1823), una personalit complessa e contraddittoria. Discepolo di Kant, massone con tendenze mistiche, funzionario prussiano, si convert infine al cattolicesimo, divenne sacerdote e apprezzato predicatore a Vienna. La sua drammaturgia rispecchia questi contrasti, dando luogo a raffigurazioni violente oppure pregne di un morboso misticismo sensuale. Il vero successo teatrale Werner lo raggiunse nel 1815conildrammadiunattoDer24 Februar(Il24febbraio), che inaugur un particolare genere teatrale: il dramma del destino, che, molto

romanticamente, dimostra l'inanit dell'orgoglio razionalistico delI'homo faber. Una presenza sovrannaturale guida le sorti umane, distruggendole nel momento meno previsto con una violenza che non consente resistenze. Una nicchia all'interno della grande costruzione romantica riservata ai narratori meridionali e ai poeti della Svevia, tra cui si distingue la vivace produzione, in parte dialettale e fortemente radicata nell'esperienza della sua terra, di Johann Peter Hebel (1760-1826), un precursore delle nuove tendenze di rivalutazione della scrittura genuinamente popolare. Tedesco delle province alemanne del Sud-ovest, seppe trasformare il colorito locale, il particolarismo e un certo provincialismo, nonch il suo luteranesimo praticato come teologo, pastore e insegnante in una scrittura icastica, attratta dal mistero religioso, dal sovrannaturale e dalla delicatezza con cui il segreto si intreccia con le umane vicissitudini dei semplici. l'autore di un famoso calendario, in cui riunisce saggezza popolare, massime di edificazione in56 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA sieme a racconti che ripropongono motivi della narrativa cinquecentesca e barocca con una adesione alla comunit contadina, che Hebel awerte minacciata nei suoi valori larici. Il principale esponente dei romantici svevi Ludwig Uhland (17871862), che assunse posizioni di liberalismo moderato e di equilibrata analisi critica della sua epoca. Tuttavia il suo significato per la poesia tedesca legato a una cospicua produzione lirica. Le sue ballate e i suoi Lieder rivisitano, con tenue malinconia, il passato medievale, proponendo una conciliazione tra nostalgia romantica e modernit. Le simpatie liberali annunciano una nuova atmosfera culturale. VL L'Ottocento Chi contribu al definitivo superamento della et di Goethe, nella consapevolezza di un passaggio epocale dall'epoca dell'arte classicoromantica a quella dell'economia e della politica stato Heinrich Heine (1797-1852), a lungo considerato, con Schiller, il pi grande poeta tedesco. La sua opera godette di un'immensa popolarit in Germania e all'estero fino a tutto il primo Novecento. Nato a Dusseldorf, nella piccola borghesia ebraica, fu uno dei primi scrittori ebrei di lingua tedesca, che profitt della legislazione a favore dell'emancipazione degli israeliti, emanata durante l'occupazione napoleonica della Renania. Tent invano la carriera commerciale, ebbe modo di prendere diretta visione dei meccanismi della societ mercantile, dei traffici intemazionali, della complessit delle operazioni finanziarie. La mondanizzazione di Heine si comp a Berlino, frequentando i salotti letterari e accettando di convertirsiprofor~na al protestantesimo. Ma una conversione non mai una mera fommalit e

per Heine paradossalmente quell'atto fu il primo movimento di traumatico riawicinamento a quel giudaismo, che aveva tentato di scrollarsi di dosso con tutte le anacronistiche tradizioni tedesche, esaltate dal Romanticismo, che fu la sua prima cultura letteraria. Nel suo immaginario poetico questa divaricazione venne metaforizzata dal pino settentrionale e dalla palma del Levante. Il contrasto segnala una sensibilit attenta alle contraddizioni culturali: Heine tematizza, vivendola dall'interno con intima partecipazione, l'eclissi dell'esperienza romantica. Il testo romantico si era ridotto a una stereotipata banalizzazione sentimentaleggiante. Nella sua poesia rivive, rifunzionalizzata, l'ironia romantica: la liricit assoluta sottoposta a un processo di corrosione intema. Di sentimenti liberali, con simpatie democratiche, vicino ai circoli socialisti dei saintsimoniani, durante il definitivo esilio a Parigi, frequent anche Marx. Heine visse con creativa contraddittoriet le vicende politiche della sua epoca. Scettico e ironico, incapace di sottoL'OTTOCENTO 57

mettersi al nuovo clima repressivo e bigotto instauratosi nella Germania della Santa Alleanza, voluta da Metternich, Heine ripara in Francia, entra in profonda sintonia con gli ambienti intellettuali laici e radicali, eppure una struggente nostalgia gli fa apparire la Germania, cos retriva, quale terra amata, grembo materno ancora gravido di autentica poeticit. Il progresso delle coscienze, della tecnica, della scienza viene auspicato da Heine, intellettuale moderno, e insieme temuto da Heine, estremo discepolo romantico. In questa spaccatura si coglie gi una sensibilit che preannuncia il decadentismo europeo nella consapevolezza di vivere un'epoca, in cui la poesia un valore irrecuperabile e in cui il poeta il precario testimone di una cultura letteraria per sempre tramontata e condannata dalla civilt dell'economia totale. La nuova letteratura ilfeuilleton, l'intervento giornalistico, il pezzo, l'elzeviro consegnato all'effimera pubblicazione quotidiana. una scrittura animata dalla coscienza civile, ma intrisa di malinconia per quel mondo di privilegi anacronistici e ingiusti nell'intuizione che anche la poesia un privilegio. Il Buch derLieder (Libro dei canti) del 1827, una delle raccolte poetiche pi amate nell'Ottocento, fu frainteso quale opera romantica poich l'autore non volle insistere sulle allusioni parodistiche, disseminate nel testo, verso la poesia sveva. L'illusione romantica, magistralmente evocata, subisce, nella tecnica heiniana, una brutale disillusione nel finale, che capovolge il sentimentalismo nostalgico in una dissacrante sobriet realistica. Dal 1826 al 1831 apparvero i famosi Reisebilder (Immagini di viaggio), fra le prose tedesche pi irriverenti e caustiche. Nell'esilio parigino Heine esercit una funzione di mediatore culturale spiegando ai francesi le vicende culturali della Ger-

mania e infommando i tedeschi sugli awenimenti parigini. Questi saggi, apparsi talvolta sui giornali e poi raccolti in volume, sono brillanti esercitazioni critiche che non hanno perso l'originaria piacevolezza e il pungente sarcasmo. Negli ultimi anni della sua vita fu costretto da una grave infemmit a non abbandonare pi il letto; nel 1851 apparve la sua ultima raccolta poetica Romanzero, che segna un ritorno verso l'interiorit, una rammemorazione ebraica e una meditazione sulla sofferenza in toni di rassegnata disperazione per la crudelt della sorte. In quelle ballate e liriche non si riconosce pi l'antico polemista, il critico beffardo, temuto per le sue aspre stroncature. Tra le vittime delle sue frecciate vi era Ludwig B~rne (1786-1837), accusato di velleitarismo radicale. Costui era pure di origine ebraica e aveva goduto della legislazione liberale dei francesi. Con la Restaurazione fu uno dei numerosi intellettuali emigrati a Parigi, dove continu la sua opera di giomalista politico-culturale. Raccolse i suoi contributi in diversi volumi, tra cui i Briefe aus Paris (Lettere da Parigi) del 1833-34 d'ispirazione democratica, violentemente ostile alla Germania della Santa 58 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA Alleanza, polemizzando can gli scrittori tedeschi che si stavano awicinando pericolosamente a una ideologia di esasperato nazionalismo, rompendo l'equivoca solidariet tra liberali e nazionalisti che si era composta durante le guerre di liberazione antinapoleoniche. Ora per la Germania la via liberale e quella nazionalista si stavano dividendo con incalcolabili conseguenze per tutta l'Europa. Il dibattito culturale in Gemnania si stava politicizzando, assumendo posizione di estrema intransigenza anche a causa dell'intervento poliziesco della censura. In siffatto conflitto politico-culturale alcuni autori d'ispirazione liberale furono identificati pretestuosamente quale gruppo sowersivo Junges Deutschland (Giovane Germania) sulla scia della mazziniana Giovane Italia. Nel 1835 la dieta tedesca aveva emesso un divieto di pubblicazione contro questi scrittori ritenuti pericolosi cospiratori. Un'altra definizione quella di Vorrndrz per indicare quegli intellettuali che con i loro scritti prepararono la rivoluzione del marzo 1848. In realt non ci fu mai un'associazione organizzata. Si pu parlare di un clima culturale di diffuse simpatie liberali con aspirazione da parte della borghesia emancipata per una riforma costituzionale all'interno delle istituzioni monarchiche. Lo scrittore liberale pi rappresentativo Karl Gutzkow (1811-1878), che nel 1835 pubblic - provocando un caso letterario e un autentico scandalo - il romanzo Wal~, die Zweiflerin (Wally, la scettica), in cui prendeva posizione a favore dell'emancipazione femminile per una morale libera, non pi ipocrita e repressiva, e contro la rivelazione cristiana, per cui fu anche messo in galera. Gutzkow stato anche autore di teatro. Il suo dramma pi noto, Uriel Acosta, del 1846 si confronta, sulla scia dei lavori teatrali di Lessing

con la questione dell'emancipazione ebraica da una prospettiva favorevole all'assimilazione. Dopo il fallimento della Rivoluzione del '48, Gutzkow scrisse un colossale romanzo Die Ritter vom Geiste (I cavalieri dello spirito, 1850). La storia sostanziata dalle vicissitudini di una lite illuminata che combatte con alterne vicende l'oscurantismo delle coscienze. Il valore dell'opera nella proposta teorica: l'autore vuole passare dal romanzo scandito dalla successione temporale a quello della contemporaneit e delle azioni che si svolgono in parallelo, influenzato dal m~odello francese di E. Sue e da quello tedesco attuato da Immermann. E una specie di precursore nobile delle attuali telenovelas. Il vero scrittore radicalmente innovatore, che scompagina la drammaturgia della et di Goethe stato Georg Buchner (1813-1837), su cui Gutzkow aveva richiamato, ma invano, l'attenzione del pubblico colto. Morto giovane, Buchner, che si considerava soprattutto uno scienziato con simpatie democratiche, ha lasciato i due drammi pi importanti del teatro tedesco dell'Ottocento (se non consideriamo L'Ol~)CENIo 59

Wagner): Dantons Tod (La morte di Danton) del 1835 e il Woyzeck (1836-37). Il suo teatro venne scoperto solo a fine secolo; i naturalisti prima e poi soprattutto gli espressionisti videro in quella drammaturgia spregiudicata, dissacrante fino al nichilismo, volutamente e violentemente demistificatrice in chiave antischilleriana e antihegeliana una delle principali esperienze che precorsero il dramma novecentesco. Dantons Tod - pubblicato solo nel 1850 - tenta di superare perfino la poetica della tendenza, - dell'impegno politico -, professata dalla cultura liberale, a favore di un asserito realismo storico. L'autore ricorre copiosamente alle fonti, operando una specie di strabiliante collage di citazioni, eppure la scelta, la collocazione, gli stessi tagli rivelano una intelligenza teatrale sveglia e attenta agli effetti scenici, alla serrata ritmicit dello spettacolo. Al di l dei tanti destini tragici per l'autore la storia, senza volto e senza direzione, s'impone come l'ultima, suprema e cieca istanza, svelando un occulto anelito metafisico affiorante dall'abissale intuizione nichilistica del suo dramma. L'altro lavoro teatrale Woyzeck mette in scena un universo scardinato e insulso di una umanit mortificata, offesa, violentata, che non ha pi alcun ricordo di quella dignit, semplice e operosa, che ancora pochi anni prima veniva esaltata dai classici e dai romantici. Lo scrittore getta un crudele sguardo nell'emarginazione sociale, nel mondo del crimine, dove non vige pi alcun ordine n giustizia n senso. Woyzeck un senza classe del Lumpenproletariat, del sottoproletariato che ha perso la stessa coordinazione logico-linguistica. Ai margini della comunicazione sussiste solo la regressione mimetica e associativa. In questa tragedia il personaggio da essere umano sprofonda nell'automatismo del-

la marionetta, in un autismo di straordinaria e tremenda attualit. Negli stessi anni la disintegrazione del teatro classico-romantico veniva confermata dalla drammaturgia titanica di Christian Grabbe (1801-1836), che trasforma il gesto superomistico, la posa eroica in fragilit grottesca, che misura l'irreversibile crisi dell'idealismo dei personaggi schilleriani. Il suo teatro apparentemente fondato sull'essenza titanica, in realt si rivela basato sulla patologia, sull'assenza di qualsiasi progetto prowidenziale, di qualsiasi missione universale. La storia un enigma senza soluzione. Sullo sfondo appare inquietante il nichilismo quale spiegazione plausibile dell'assurdit del mondo. Il ricorso al grottesco introduce la scrittura di Grabbe in un orizzonte realistico; la stessa lingua si rivitalizzata con l'innesto dell'espressivit popolare. Ma il Realismo non redime l'azione scenica, non illumina il personaggio, ma ne mostra meglio le contraddizioni, l'intima e irreparabile Zerrissenheit, la dilacerazione, che rende mutilato l'essere umano raffigurato e che sigilla la crisi definitiva dello Streben, della tensione verso l'assoluto dell'uomo faustiano, come pure ridicolizza la Sehnsucht romantica. 60 STORlA DELIA LEl'rERATURA TEDESCA La Zerrissenheit quella particolare esperienza sentimentale e psicologica che caratterizza l'uomo postromantico, connotando la cultura dell'et Biedermeier, che prende il nome da un personaggio di una raccolta di poesie, pubblicata sulla rivista Fliegende Blatter (Fogli volanti) di Monaco a partire dal 1855. Era una defil~izione per un atteggiamento esistenziale e culturale di allontanamento da ogni coinvolgimento politico. Il distacco dalla storia si era sedimentato con la delusione in seguito al mancato mantenimento delle promesse di liberalizzare le istituzioni statali da parte dei sovrani dopo la caduta di Napoleone e il trionfo della Restaurazione. IlBiedermeiernon critica, leale e legittimista, nutre vaghe simpatie liberali, ma non si vuole impegnare nella lotta, dimostra il suo dissenso ritirandosi nella sfera privata, nella quiete filistea, nella pace domestica, nel benessere del focolare. Eppure un senso cosmico di smarrimento dei valori ferisce malinconicamente il suo orizzonte spirituale. Chi ha pi finemente raccontato siffatta esperienza del mondo stato Karl Leberecht Immermann (1796-1840). Autore di teatro e poeta, Immermann raggiunge la sua maturit espressiva con il romanzo Die Epigonen (Gli epigoni) del 1836 che diventa l'emblema di tutta un'et che ha la coscienza di essere priva di carica creativa, che awerte la scissione intima come fenomeno culturale. Ilmanzo, strutturato quale nuovo Meister, non convince come Bildw~r~man, restando nella categoria dello Zeitroman, di un racconto d'epoca. Nena sregolatezza della materia narrata, l'autore ammassa gli ingredienti pi disparati, dall'esotismo alla visionariet utopico mistica, dalla critica alla moda a brani di pura prosa d'arte, giungendo a raffigurare modelli di produzione industria-

le (tra i primi in tedesco) per approdare a una consolazione - sconsolatamente anacronistica - di ritiro nell'idilliaco mondo contadino. Siffatto motivo toma nella paradossale rivisitazione letteraria di una celebre figura settecentesca nel romanzo pi famoso di Immermann: Munchhausen, eine Ges~hichte inAr~besken (Munchhausen, una storia arabescata) del 183~39, in cui alla satira sociale apparentemente disimpegnata, condotta con raffmata ironia si contrappone a mo' d'isola utopica un idinio contadino. un autentico libro nel libro, estraibile e pubblicabile autonomamente (come awenuto). il pi compiuto annuncio di un genere narrativo cui destinata una strepitosa fortuna: il romanzo strapaesano, la Dorfgeschichte, la novella paesana, quale componente principale dellaH~r(letteratura della patria, della terra natale), che esalta la civilt contadina ormai insidiata dalla societ industriale capitalista. Verso la fine del secolo la Heirnatliteratur trapassa da un pungente realismo campagnolo a trasfigurazione di una realt, a una sorta di cosmesi retroattiva di una societ tutt'altro che elegiaca. L'accentuazione dell'idillio paesano venne intesa in chiave non solo anticapitalista, ma anche antisocialista e L'OTTOCENTO 61

perfino antioperaia e antisemita e sempre nettamente antimoderna. Sulla scia della Dorfgeschichte si collocano numerosissimi autori minori, ma talvolta di ragguardevole spessore narrativo come Berthold Auerbach, un intellettuale ebreo, il cui vero nome era Moses Baruch (1812-1882), autore di quattro volumi di SchwarzwdlderDorfgeschichten (Novelle campagnole della Foresta Nera) e successivamente l'austriaco Peter Rosegger (1843-1918). Il principale esponente di questa corrente stato uno scrittore svizzero dalle rocciose capacit raffigurative: Jeremias Gonhelf (pseudonimo di Albert Bitzius, 1797-1854). Pastore protestante e pedagogo, s'impegn per la cura spirituale della sua comunit, assumendo una posizione di conservatorismo illuminato, con una tensione morale che sostiene le sue minacciose novelle ambientate nella campagna svizzero-tedesca. La comunit descritta senza infingimenti, senza illusioni, ma con l'intransigenza della spiritualit luterana e su uno sfondo inquietantemente simbolico. Un altro aspetto della cultura della Zerrissenheit, accanto al rifugio nella narrativa campagnola, l'esotismo, la fuga in moduli stilistici e in paesaggi artistici diversi, in cui poter trovare un appagamento alla inquietudine malinconica. L'Italia, quale patria d'elezione, e il preziosismo di una poesia ritmata sulla metrica araba sono le coordinate culturali dell'esotismo di August von Platen (1796-1835), che noto da noi perch alcune sue ballate, 11 pellegrino davanti al conl~ento di S. Giusto e La tomba del Busento, furono tradotte da Carducci, che rendeva cos omaggio al gusto storicizzante del raffinato poeta tedesco.

Un autorevole esponente del Biedermeier, erede del Romanticismo svevo, Eduard Morike (1804-1875). Anche lui svevo, studi teologia e per alcuni anni cur una parrocchia luterana. La sua fu una vita ritirata, priva di episodi straordinari, di grandi viaggi, di incontri, eppure nella sottile trama del tempo seppe conoscere e raffigurare il coerente dolore per un amore infelice, che lo inquietava e traversava la sua intera esistenza. La sua lirica prese le mosse dalla sofferenza e da un'ardente nostalgia sentimentale per sublimarsi gradatamente e aprirsi a una catartica malinconia e insieme trasfigurante contemplazione della stupenda terra sveva, che trov in Morike l'interprete pi sensibile nelle felici evocazioni di boschi, fiumi, valli, aurore e tramonti e canti notturni. Morike scrisse una delle pi fortunate novelle tedesche Mozart auf derReise nach Prag (In viaggio per Praga) del 1855, in cui l'autore demistifica la ricezione ottocentesca di un Mozart, sostanziato di serenit e leggerezza roroc, per accennare all'abisso tragico di dolore, in cui sorge la sua musica. Laddove il Biederrneier conosce la sua espressione pi intensa in Austria, che gi nell'Ottocento comincia ad assumere quella sua peculiare fisionomia culturale da proporre la separazione della specifica storia letteraria austriaca 62 STORIA DELLA LETrERATuRA TEDESCA da quella tedesca. Per l'Ottocento la particolarit austriaca ancora saldamente intrecciata con le sorti e gli sviluppi dell'intera letteratura di lingua tedesca, pur presentando connotati caratteristici determinati dalle condizioni storico-politiche dell'impero asburgico. In Austria la letteratura tedesca non ebbe nel Settecento una funzione cos importante come in Germania. La cultura era egemonizzata dalla musica e dai poeti e artisti italiani. Mozart segna l'acme dell'arte settecentesca in Austria, ma molti dei libretti sono di Lorenzo Da Ponte (17491838).ppure proprio con Die Entfuhrung aus dem Serail (11 ratto del serraglio) e con la Zauberflote (Il flauto magico) si consolida l'uso del tedesco. Queste due opere di Mozart partecipano del fortunato genere viennese dello Zauberstuck, del dramma magico e del Volksstuck, del dramma popolare, riservato ai ceti popolani e in realt amato anche dagli altri ambienti sociali. Con il giuseppinismo l'Austria consolida la sua cultura laica, incrementando l'uso del tedesco: l'assenza di una tradizione religiosa, legata - come quella luterana - alla lingua tedesca, aveva rallentato lo svillupo letterario austriaco, che prende le mosse, nel primo Ottocento, dalla fiorente cultura teatrale, fondata sul particolare intreccio di dramma magico e popolare, con Ferdinand Raimund (1790-1836). In un teatro pervaso di colorito viennese, di dialetto e folclore Raimund utilizza abilmente l'immaginario popolare per riaffermare la tradizione barocca della presenza spettacolare, fantastica del sovrannaturale sulla scena. Il suo successore Johann Nepomuk Nestroy (1801-1862), anche lui attore efficacissimo regista e impresario, prosegue la tradizione del teatro magico, ma gi

manipolandolo dall'interno e creando una sottile atmosfera di ironico scetticismo per l'intervento, vieppi dubbio, di forze misteriose in scena. La Zauber~lote suggestion la fantasia infantile del principale scrittore austriaco dell'Ottocento, Franz Grillparzer (1791-1872). Il suo teatro pu essere descritto come un'immensa raffigurazione mitologica i suoi drammi si organizzano intorno a due punti focali: la mitologia classica e quella ispanico-asburgica. La lingua quella del Classicismo weimarianO che in funzione epigonale acquista una sua irreale trasparenza da laboratorio, cos come le sue poesie, nelle modulazioni goethiane, assumono l'aspetto fantasmagorico di una estraniante e intrigante pianta di serra. Trasferendo nella tragedia l'incidenza mitologica sul moderno, Grillparzer opera una scelta ardita perch sospesa sul limite dell'agiografia o della parodia, che vengono esorcizzate da una estrema capacit figurale e da un' intensa coloritura poetica. I personaggi perdono la polverosit museale, con cui la tradizione accademica ed erudita li aveva ricoperti, per riacquistare una nobilt espressiva che la verifica dell'efficacia teatrale, nonch della passionalit, della convinzione con cui l'autore ha saputo evocarli, inL'OlTOCENTO 63

fondendo loro la sostanza culturale classica, per lui ancora viva. Nei drammi traspare - pi evidente in quelli storici- la convinzione di Grillparzer che solo l'immobilismo, il non intervento, siano l'unica salvezza per la Mitteleuropa, mentre l'attivismo imperialistico avrebbe segnato la fine dello stato sovrannazionale. Questa impostazione storico-politica si riflette nei suoi drammi, che, pervasi da questo coinvolgimento profondo, non sono una scialba rivisitazione antiquaria n una rassegna in costumi di cartapesta. La storia interpretata, con pessimismo nella circolazione di problemi e interrogativi, che non tramontano (e l'attuale crisi della Mitteleuropa ce lo conferma). Grillparzer stato autore di uno stupendo racconto, Der arme Spielmann (Il povero suonatore), scritto nel fatidico 1848, ispirato da una tensione metafisica che percorre la novella attraverso una analisi psicologica, che sconfina nel grottesco, nel patetico per elevarsi alla trascendenza. Adalbert Stifter (1805-1868) l'altro grande scrittore austriaco che trasform tutta la sua straordinaria prosa in una raffigurazione dell'immobilit, o almeno della tensione verso la stasi quale unica difesa dal demoniaco e quale estrema fedelt alla tradizione e alla religiosit, nonch ai ritmi immutabili e cosmici della natura. Nelle sue numerose novelle e nei suoi due romanzi, Stifter sperimenta una scrittura, fondata sulla reiterazione (che torna a connotare la narrativa austriaca di Thomas Bernhard), nel tentativo di arrestare il tempo, di dare scacco alla storia, di rallentarne la corsa distruttiva verso il nichilismo.

La natura alpina, la foresta, i ghiacciai, ma perfino il deserto (nell'esotica novella ebraica Abdias) sono i silenziosi protagonisti di una prosa composta, raffrenata, percorsa da fremiti repressi, da passioni rimosse, da violenze soffocate, dall'angoscia metafisica per l'irreversibile avanzata disintegratrice del caos che avrebbe travolto con l'impero ogni traccia di Humanitat e compromesso irreparabilmente gli equilibri naturali. A Vienna visse in quegli anni anche Friedrich Hebbel (1813-1863), d'origine settentrionale, che trov nella capitale austriaca le condizioni favorevoli per il suo lavoro drammaturgico. A differenza degli scrittori asburgici - Grillparzer e Stifter-, Hebbel raffigura la tragica grandezza dell'individuo che contrasta il corso della storia, restandone distrutto, ma non vinto, n rassegnato o conciliato. La tragicit hebbeliana si celebra dunque non in un esito positivo della situazione drammatica, bens nella sublimit del linguaggio. Hebbel si distingue dal Realismo della letteratura del suo tempo, cui contrappone la sua vi~ sione tragica dell'universo, raffigurata in drammi mitologici che tematizzano il transito dal mito alla storia. Prima di morire, nel 1862 Hebbel riscosse un enorme successo con la rappresentazione della trilogia Die Nibelungen (I nibelunghi). Contemporaneo di Wagner, anch`e 64 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA Hebbel awert il richiamo del mito nordico-germanico che incontrava il favore di un pubblico vieppi orgoglioso delle sue antiche tradizioni eroiche. Per lui la mitologia non un momento necessario, come per Wagner, di rivisitazione di archetipi dormienti nell'anima collettiva, bens il paradigma per mettere in scena una situazione drammatica esemplare, che trascende la formulazione mitologica per essere riscontrata anche nella societ moderna, come dimostra il suo unico dramma borghese Maria Magdalena del 1844. Perfezione linguistica e titanismo tragico sono gli elementi di una visione che fa dell'uomo la misura di tutte le cose, ben diversamente dalla trasfigurante Hurnanitat della concezione schilleriana. Hebbel autore di diari, che accanto alla discussione di abbozi e progetti sono anche un dialogo interiore (molto apprezzato da Kafka, che scrisse anche lui straordinari diari) sulla propria vocazione artistica e sul senso della scrittura nella sua vita. Verso met Ottocento si assiste a una ripresa dell'interesse per la mitologia nordica. Il rinascente nazionalismo sollecitava una riassunzione delle pi remote origini culturali della cultura tedesca. Chi in maniera suggestiva fece rivivere questa mitologia fu Richard Wagner (1813-1883), musicista celebre, che nella sua concezione estetica inseguiva l'ideale del Gesamtkunst~verk, dell'opera d'arte totale, del WortTon-Drama, del dramma musicale e poetico. Coerentemente a questi princpi, sviluppati in un'ampia saggistica, Wagner scrisse i suoi libretti in versi, contribuendo con le sue celebri messinscena al teatro

di Bayreuth - da lui voluto, progettato e realizzato - e soprattutto con la sua musica unaussprechlich, inesprimibile, poich ispirata dall'immediatezza intuitiva, dall'emotivit inconscia, alla pi vistosa manifestazione collettiva della vita culturale del nuovo Reich tedesco. A differenza della sua musica radicalmente innovativa, la scrittura di Wagner si inserisce nella tradizione tardo-romantica, con un linguaggio sostanzialmente allineato a registri aulici, mentre la scenografia e la regia wagneriane sono sostenute da una energia creativa con sicuri effetti drammatici. La mitologia nordica dalle scene travas nell'immaginario della comunit nazionale, preparandola sia ai successivi esperimenti simbolisti sia a quel rinascimento nordico che divenne una delle componenti pi popolari dell'ideologia e della letteratura volkisch, nazionalpopolare e fin per essere strumentalizzata dai manipolatori della propaganda nazionalsocialista. Le pi celebri esperienze della cultura dell'Ottocento tedesco non sono da ricercare nella letteratura, bens nella musica di Wagner, ma anche di Brahms o nella filosofia, intesa in senso lato, di Arthur Schopenhauer (1788-1860), Karl Marx (1818-1883) e Friedrich Nietzsche (1844-1900). Tutti e tre non possono essere considerati filosofi nell'accezione accademica del termine; non questa la sede per addentrarsi LOTTOCENTO 65

nelle loro concezioni, tuttavia occorre accennare che la loro infuenza sulla cultura, la societ e la mentalit dei tedeschi fu enorme anche perch le loro opere sono scritte in una lingua non tecnicistica, bens suggestiva e, specie quella di Nietzsche, di grandiosa espressivit poetica Un altrofilosofo esercit una notevole influenza sugli scrittori: Ludwig Feuerbach (1804-1872), che svilupp in senso anticristiano e materialistico la sua critica all'hegelismo. A lui si ricollega esplicitamente Gott~ied Keller (1819-1890), il principale scrittore svizzero, che soggiorn a Monaco, tentando di diventare un pittore. Successivamente and a Heidelberg, dove frequent le lezioni di Feuerbach, che lo allontanarono definitivamente dalla fede. Tornato a Zurigo, ricopr un'importante carica nell'amministrazione cantonale per dedicarsi dal 1876 esclusivamente alla letteratura. il pi coerente rappresentante del Realismo tedesco. Il suo capolavoro, Dergrune Heinri~h (Enrico il verde) un romanzo di formazione, di cui esistono due stesure; la prima del 1854 termina col suicidio, scritta in terza persona, la definitiva del 1879, redatta in prima persona, propone una conciliazione finale. La prima, fortemente drammatica, la raffigurazione dello smarrimento di un giovane, della sua incapacit di emanciparsi da un solipsismo esasperato. La descrizione realista, costruita su un~attenta osservazione d'icastica intensit. La tragedia awalora l'autenticit di un racconto tirato sul filo di un'aspra conflittualit tra l'immaturit sog-

gettivistica e la societ. La seconda stesura, che lascia intrawedere una conciliazione, pervasa da una graffiante ironia, che fa maturare lentamente il protagonista verso una comprensione della vita aperta alla solidariet sociale. Keller un autore che ha al suo att~vo altri romanzi e raccolte di novelle, come Die Leute von Seldla (La gente di S.) legate alla comunit svizzera, che presentava una spiccata fisionomia par~icolaristica con problemi precipui. Keller li individua in un ecces sivo attaccamento alla propriet, che dall'avidit contadina verso la roba si trasforma in calcolo capitalistico, che non rispetta pi i valori della personalit e della convivenza. Con Gotthelf e Keller Conrad Ferdinand Meyff (1825 1898) il terzo notevole scrittore svizzero dell'Ottocento. Nato in una agiata fami~ia patrizia, si sente attratto verso le nuove tendenze letterarie delle rafEiguIazioni e dei grandi affreschi storici, in cui la ridondanza rappresentativa gi il preannuncio del decadentismo, che aveva trovato nell'accademismo pittorico di Hans Maka~t (1840-1884) le sue fascinose celebrazioni. La scrittura evocativa delle novelle di Meyer sostanziata da una commistione di retorica storica, avvincente esotismo e introspezione morbosa. Con lui torna d'attualit l'Italia rinascimentale con quell'aura di intrighi machiavellici e di sensualismo meridionale. 66 STORIA DELIA LETrERATURA TEDESCA La letteratura quale ricerca di conoscenza o riflessione e confessione, raffigurazione poetica sopravvive in provincia, lontana dai grandi centri urbani in selvaggio sviluppo industriale. Il genere della Dorfgesc~uchte ispira due solitari scrittori provinciali del secondo Ottocento, esponenti del Realismo poetico, provinciale e paesano, detto anche difensivo per accennare a quel suo carattere di riservatezza e di attenzione a un mondo al tramonto. Si tratta dei settentrionali Theodor Storm (1817-1888) e di Wilhelm Raabe (1831-1910). Storm, la cui patria fu dominata a lungo dai danesi, si rifugi in Prussia per tornare nella sua Husum solo dopo l'annessione alla Confederazione Germanica. Questa collocazione geografica esprime la sua perifericit, ossia la sua lontananza da un centro, da un nucleo socialmente vitale: lo scrittore si sente messo da parte in una esistenza ai margini della storia. Storm stato un grande lirico, un poeta nostalgico che anche nella sua prosa, raffinata e accurata, trasfonde un sottile sentimento di malinconia, di sofferenza, di perdita di una totalit che per lui l'antica comunit contadina, ma anche la fiducia nei valori illuministici. Storm appartiene per la sua formazione alla cultura tendenzialmente progressista, favorevole all'impegno della grande personalit in lotta contro l'apatia, l'ottusit e i pregiudizi. Uno dei suoi pi riusciti racconti Der Schimmelreiter (L'uomo dal cavallo bianco) del 1888 una specie di saga nordica dei nostri giorni, in cui il personaggio volitivo si scontra con l'inerzia della comunit. Ma questo dis-

sidio costellato da suggestioni magiche, che scardinano la coerenza della concezione positivista dell'impostazione, rendendo il racconto ambiguamente sospeso tra il mondo del progresso tecnico-scientifico e il richiamo verso coinvolgenti atmosfere soprannaturali. Questa inconsueta convivenza di elementi disparati e contraddittori si realizza in uno scenario sociale quasi immobile, in cui il movimento, pur fondato su una progettualit illuministica, reso possibile solo attraverso la mobilitazione di energie interiori, di un inquietante ricorso al demonismo delle forze psichiche. E cos la periferia stormiana si trasforma in un posto di confine tra due antropologie culturali, raffigurate da una scrittura fortemente evocativa. Sempre dalla provincia scrive un altro esponente del Realismo difensivo, Wilhelm Raabe (1831-1910), la cui scrittura richiama la prosa barocca o quella ridondante di Jean Paul, animata dal gusto sottile della satira, dell'ironia, della descrizione minuta, puntuale, che apparentemente si smarrisce per sconfinare nel sarcasmo. Il tedesco di Raabe esprime il retaggio gotico e luterano delle cittadine, chiuse e rinserrate in se stesse. Il primo romanzo, Die Chronik der Sperlingsgasse (La cronaca del Vicolo del Passero) del 1856 la narrazione corale dei destini di personaggi strampalati, tipici esponenti di una provincia Biedermeier, vicina all'estinzione. A causa delle demolizioni per la riIL NOVECENTO . 67

strutturazione urbanistica la citt diventa il simbolo della devastazione di un antico paesaggio interiore, corroso dagli atavismi che impediscono una rinascita e una emancipazione delle energie represse e raffrenate in un ordine anacronistico, che ha pure una sua residuale carica d'umanit. Chi si pone originalmente al confine del Realismo Theodor Fontane (1819-1898). La narrativa pi significativa Fontane la scrive dopo i 60 anni. Precedentemente aveva lavorato a lungo per i giornali come inviato. I suoi romanzi rappresentano una grande novit letteraria: la citt, Berlino, capitale del nuovo Reich, la metropoli industriale, con i suoi aristocratici, giovani ufficialetti, borghesi arricchiti troppo in fretta, esponenti della piccola borghesia colta e povera e infine la classe operaia con le sue donne generose, spregiudicate, libere, sentimentali. I romanzi sono affreschi sociali stupendi e brillanti, mai appesantiti da considerazioni sociologiche inutili. Il mondo va verso la societ industriale, i personaggi proletari riscuotono l'ammirata simpatia dell'autore, ma per quegli enigmatici percorsi dell'accensione artistica sono gli ufficialetti, gli Junker, i nobili della Marca prussiana, quelli che vivono pi intensamente nella narrativa fontaniana, che innovativa nello stile dialogico. La citt relazioni sociali che si traducono in conversazioni annoiate, scintillanti, patetiche, ciniche, idealiste, ironiche, drammatiche. Il personaggio vive in ci che dice, nel

modo come lo dice o nell'omissione, ma tutto gira attorno all'asse portante del dialogo. I suoi romanzi fanno parte della pi matura e riuscita letteratura tedesca moderna e l'autore crea degli autentici capolavori, tra i quali primeggia Effi Briest del 1895, che la storia triste di un adulterio o pi esattamente dell'ottusit di un rapporto matrimoniale imposto, piuttosto che scelto. Il racconto anche la narrazione della maturazione spirituale di una giovane donna che sa comprendere la sua sorte con quella dignit che non dei perdenti, ma di chi soffre per l'inerzia dei condizionamenti sociali. Nel 1899, postumo, stato pubblicato un altro capolavoro di Fontane DerStechlin (Il Signore di S.), che pi meditato, pi raffigurato che dialogato e che si svolge in parte lontano da Berlino nella Marca, in un paesaggio gi anacronistico intorno al vecchio conte prussiano, che ha saputo conservarsi fedele ai valori della comunit. Vll. Il Novecento IL PRIMO NOVECENTO IN GERMANIA Con Fontane nella letteratura tedesca si consolida il romanzo sociale con una particolare attenzione al paesaggio metropolitano. Ed con il Naturalismo che la citt viene tematizzata quale soggetto preci68 STORIA DELLA LE'ITERATURA TEDESCA puo della letteratura moderna. Il Naturalismo, che sorge in Francia e si diffonde in Germania anche attraverso il grande successo del teatro di Ibsen, si fonda su una concezione rigorosamente positivista, aperta al darwinismo sociale, alla teoria dell'ereditariet e del primato dell'ambiente sul libero arbitrio, nonch attenta alle condizioni di duro sfruttamento del proletariato. Siffatte tematiche vengono dibattute in riviste e antologie da gruppi d'intellettuali attivi a Monaco e a Berlino. La discussione collettiva anche un nuovo elemento nella cultura letteraria tedesca; l'intervento su giornali e periodici, nonch la fondazione di imprese teatrali sono le caratteristiche innovative di questo movimento d'avanguardia che dette scandalo nella societ autoritaria, ancora provinciale e conservatrice della Germania bismarckiana e guglielmina, dove comunque agiva la potente organizzazione politica e sindacale della classe operaia, con cui, almeno nella fase iniziale, simpatizzarono i giovani scrittori. A differenza del Realismo il Naturalismo tedesco si vive come un movimento d'arte sperimentale che ha nello schizzo narrativo Papa Hamlet il primo significativo e consapevole documento ad opera di Arno Holz (1863-1929) e Johannes Schlaf (1862-1941), che lo pubblicarono con lo pseudonimo scandinavo di Bjarne P. Holmsen. la narrazione dello squallido fallimento di un attore alcolizzato. Nel divario tra il raffinato protagonista di drammi shakespeariani e la sua

miseria e brutalit quotidiana affiorano l'ipocrisia e l'inutilit della grande cultura umanistica, ridotta a orpello di una disfatta. L'incidenza di questa prosa nei diversi registri linguistici utilizzati, tra cui lo spregiudicato e rivoluzionario uso della lingua, logora e misera, di una quotidianit che anche cos dimostra la sua irrecuperabilit. Nel 1890 i due autori proposero una nuova opera comune conDie Familie Selicke (La famiglia Selicke); si tratta di una scena familiare: la sera di Natale con lo stravolgimento e il rovesciamento nella brutalit di ogni aspettativa idilliaca. Domina la violenza con l'alcolismo e con la crudelt del padre-padrone. Solo nei personaggi femminili traspare una capacit di sacrificio che getta una tenue luce di nobilt in un ambiente di degradazione. La lingua diviene il protocollo di uno sfacelo morale che non giunge nemmeno alla propria espressione, che resta mutilata e regredita talvolta a suoni inarticolati. L'unica luce la speranza, illusoria, di abbandonare l'inferno della citt per tornare nella campagna. L'inurbamento forzato la via di perdizione cui non si prospettano pi alternative. L'unico grande scrittore (sottovalutato in Italia), che esord nella temperie naturalistica per proseguire verso altre esperienze stato lo slesiano Gerhart Hauptmann (1862-1946), che nel 1889 mise in scena il dramma VorSonnenaufgang (Prima dell'alba) che suscit violente reazioni. Siamo di nuovo alle prese con un dramma familiare di terribile ILNOVECENTO 69

degrado, causato dalla disintegrazione dei valori larici provocata dall'avidit di denaro. Una operosa famiglia viene disgregata e ridotta allo squallore morale senza possibilit di redenzione, poich l'abiezione da fenomeno etico si trasforma in dato genetico ereditario. Le altre opere del periodo naturalistico sono variazioni sul tema dell'impossibilit di riscatto di ambienti irrecuperabilmente tarati. La lingua la grande novit per l'icasticit, l'immediatezza, raggiunte con il ricorso al dialetto slesiano - come nel dramma storico Die Weber (I tessitori) - o al gergo berlinese. Le storie sono vicende strappacuore di aspra ferocia sociale senza che sorga mai una luce, una speranza. Lo studio delle tare ereditarie e in genere delle deviazioni psicopatologiche porta Hauptmann a interessarsi alle manifestazioni paranormali, spiritiche e del misticismo popolare e contadino, interpretate nella prospettiva della psichiatria positivista quali fenomeni di follia isterica. Lo scrittore approfondisce questi suoi interessi verso l'irruzione del misticismo nella psiche in successivi romanzi in bilico tra una concezione materialista e una diversa inquietudine spirituale che gi si emancipa dal positivismo. Si giunge alla svolta di Hauptmann verso un neoclassicismo paganeggiante, ampiamente attestato nella cultura dell'epoca da un diffuso gusto, che potremo accostare al dannunzianesimo per l'analogo paradossale awicinamento delle estre-

me propaggini del sensualismo naturalistico alla poetica simbolista. La contaminazione, artisticamente produttiva, di temi naturalistici, di denuncia sociale e di una suggestione verso la simbolizzazione configura l'opera di FrankWedekind (1864-1918), drammaturgo di successo, che pose l'eros al centro del suo teatro. Nel 1891 con Fruhlings Erwachen (Risveglio di primavera) scrisse una delle pi dolorose tragedie sulla repressione degli adolescenti e sull'autoritarismo oppressivo del sistema scolastico guglielmino (un tema comune nella letteratura di fine secolo). Utilizz un linguaggio animato da una vigorosa protesta civile, intensificata dalla rivolta nietzschiana e da suggestioni simboliste, che appar ancora pi nitidamente nelle successive opere dei drammi di Lulu, ossia Erdgeist (Spirito della terra) del 1895 e Die Buchse von Pandora (Il vaso di Pandora) del 1902, incentrate sulla travolgente forza dell'eros femminile in sintonia con la corrente intellettuale del vitalismo irrazionalista che sottendeva la corrente artistica delloJugendstil quale trionfo sublimato, ancorch precario ed effimero delle pulsionalit. Il pi deciso critico del Naturalismo in Germania stato il poeta Stefan George (1868-1933), che gi negli anni Novanta, dopo un soggiorno parigino a contatto con i simbolisti francesi (tra cui Mallarm), propose una poetica fondata sull'assoluto primato della forma in nome della posie pure. Oltre che poeta George fu uno dei pi influenti e autorevoli organizzatori culturali, fondando una rivista, una 70 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA casa editrice e animando un circolo di discepoli. Si sent investito dalla sublime missione di proteggere e affermare l'arte, giungendo a forme di culto che sconfinavano in nuove regole dell'ortografia, della punteggiatura e perfino del modo di vestire. George incentra nietzschianamente la sua opera sulla tematizzazione dell'opera d'arte. Quale celebrazione della forma, la sua poesia scaturisce da una singolare commistione di meditazione poetologica e contemplazione simbolica della realt oggettiva, attingendo una espressivit raffigurativa di rara trasparenza, restaurando una scrittura poetica classica icasticamente intensa. La sua poesia la nominazione, semplice, immediata, del creato che assume una nuova vita pi vera attraverso la rammemorazione e la designazione lirica. In maniera autonoma anche il romanziere Robert Walser (18781956) legato al superamento del Naturalismo. La scrittura di questo autore svizzero, che visse appartato e per lunghi anni in case di cura, volutamente dimessa quale specifica operazione letteraria, apparentemente realistica, ma sostanzialmente traversata dalla frammentazione della percezione oggettiva del mondo dei valori. In questa opera di destrutturazione del reale pur nel mantenimento della sua rappresantazione stato awicinato a Kafka. I suoi raeeonti sono romanzi di formazione eapovolti, in cui i protagonisti pereorrono, in un'estatica

dimenticanza di s, il sentiero dell'insensatezza e della dissociazione di ogni progettualit esistenziale. La Monaco di fine secolo quella particolarmente vivaee dei eireoli naturalistiei e della bohme, di Wedekind e del Cenaeolo di George, di Lou Salom e del giovane Rilke, delle grandi riviste satirieo-letterarie, tra eui il Simplicissimus, noneh dei fratelli Heinrieh e Thomas Mann. Thomas Mann (1875-1955) il pi rappresentativo serittore tedeseo del Novecento. Consapevole di questa sua celebrit si sent investito della missione di indicare alla Germania il cammino da percorrere, anche se gli sueeesse di mutare rotta. Insignito nel 1929 del premio Nobel, frequent gli ambienti internazionali della cultura e della politica. Aveva gi raggiunto la celebrit nel 1901 con il romanzo Buddenbrooks. Verfall einerFamilie (I Buddenbrook. Decadenza di una famiglia) che riunisce sinfonicamente i motivi ispiratori della sua esistenza e della sua opera: la severa atmosfera baltica, la rigida tradizione familiare di operosi commercianti di Lubecca, l'esotismo rappresentato a vari livelli dalla seduzione dell'arte e in specie della musica wagneriana, una perfetta padronanza dei registri realistici e naturalistici, la coscienza pessimistica dell'aporia insanabile tra vita e arte, tra etica e felicit. Mann awerte, dapprima nella sua stessa esistenza, la diversit quale ferita che non si rimargina che alla radiee della sua sofferenza, della sua solitudine, ma anche della sua inesauribile proILNOVECENTO 71

duzione artistiea. un attento lettore di Storm e di Fontane, mentre da Sehopenhauer e Nietzsehe attinge quella eoneezione della deeadenza e del primato dell'estetica, che la sua sensibilit artistica trov suggellata dalla musica di Wagner. Il primo decennio del secolo quello delle sue creazioni pi felici che tematizzano la sua diversit artistiea, psicologica. Ne M903 scrive la novella Tonio Kroger che la raffigurazione metaforica della sua voeazione eon allusioni alla sua diversit omoerotiea, ma anche con la eonferma della sua eroiea fedelt all'ethos luterano del lavoro e alla vita semplice e borghese in aperta polemica con la bohme decadentistica in voga a Monaco. Mann vive la deeadenza non come esibizione esistenziale (si vest sempre con la gran cura dell'esponente dell'alta borghesia), bens come destino della sua epoca. Nel 1912 scrive il suo racconto pi famoso Der Tod in Venedig (La morte a Venezia), in cui la morte l'esito di quel ferale dissidio interiore tra etica prussiana, federiciana, luterana, rigorosamente germanica, e nostalgia d'amore, di esotismo, di arte, di musica, di trasgressione. La contraddizione paradossalmente si rieompone negli anni di guerra, in cui Mann scrive un immenso saggio Betrachtungen eines Unpolitischen (Considerazioni di un impolitico), pubblicato nel 1918, a favore della Germania e del conflitto

per cui la Kultur- owero lo stile, la disciplina, l'aristocrazia, l'arte, la forma, la musica tedeschi - rappresentata dal Reich, mentre l'economia, la democrazia, la tecnica, il progresso materiale, l'omologazione egualitaria e massificata sono la Zivilisation, volgare prerogativa dell'Occidente e della civilt moderna. Viene resuscitata - con l'intelligenza dell'artista autentico, amante dei paradossi concettuali e ispirato dal provocatorio gusto nietzschiano - l'atavica spaccatura tra la Germania e l'Occidente, ricostruendo un metaforico limes spirituale, alla cui erezione in quell'epoca contribuirono diversi scrittori, tra cui Oswald Spengler (1880-1936) con Der Untergang des Abendlandes (Il tramonto dell'Occidente, 1918-22), che teorizza con un impianto positivistico, ma con uno slancio intellettuale nietzschiano, la morfologia delle diversit culturali. Nella stesura delle Betrachtungen ha agito una contrapposizione esemplare per la spaccatura della cultura e della politica tedesche con le posizioni pacifiste, democratiche, filofrancesi del fratello Heinrich, i cui toni polemici avevano ferito Thomas. Ma al di l delle motivazioni personali l'opera ha assunto un'ampiezza di perlustrazione intellettuale da diventare la summa del pensiero conservatore di questo secolo. Dopo la disfatta della Germania Thomas Mann aderisce alla nuova repubblica, solennemente proclamata a Weimar. Mann era un intellettuale borghese troppo raffinato per non awertire un profondo disagio e una indomabile sofferenza verso la demagogia dei nazisti, verso la brutale violenza, plebea e popolana, delle squadre hitle72 STORLA DELLA LEI'I`ERATURA lEDESCA riane. La grande trasposizione letteraria di queste contraddizioni tra hberalesimo iilluminista e oscurantismo reazionario, tra laicismo e concezione totalitaria si attua nello Zauberberg (La Montagna incantata) del 1924. Questo secondo grande romanzo manniano un raocontosaggio che anticipa la tendenza di Musil e di Broch. Il romanzo di s~ ciet-con la tecnica dei dialoghi serrati e brillanti, appresa da Fontane, suo grande maestro - approfondito da squarci meditativi e concettuali che scardinano la forma del romanzo realista e naturalista, ancora mantenuta nei Buddenbrooks. Negli aoni del nazismo e dell'emigrazione, che Mann trascorse in Francia e poi negli UsA, divenendo cittadino americano, si confront - in polemica oon l'ideologia nordico-aria del razzismo nazista - con la mitolog~a blblica nella tetralogiaJoseph und seine Br~der (Giuseppe e i suoi fratelli, 1933-43), in cui elabora una cospicua e disparata variet di motivi, tra cui la rifiessione sugli archetipi proposta da Carl Gustav Jun (1875-1961) e dallo studioso delle religioni Karl Kern~i (18971973). Nei racconti vi una sorta di antologia enciclopedica con meditazioni sulla mitologia, antropologia, filologia, esegesi biblica e trasposizioni molto trasparenti a favore del New Deal rooseveltiano. L'esilio, la lontananza forzata dalla Germania induoono Mann a una

rivisitazione della Germania guglielmina, ancora cos gotica, anacronistica, misoneista, come affiora suggestivamente nostalgica nel Dokz~Faush s del 1947, che racconta la vita di Adrian Leverl~hn, un oompositore, che, ossessionato dalla sua missione creatrioe, stringe un patto ool demonio pur di concepire un'opera musicale innovativa, i cui pr~nc~pi sono quelli ideati dalla dodecafonia di Arnold Scb~ b(187~1951), che si risent per il plagio perpetrato nel romanzo delle sue teorie sulla musica atonale. Il nudeo pi genuino del racconto nella stupenda e coraggiosa variazione del tema germanico del Faust e nella memorabile rievocazione della Monaco del primo Novecento. L'atmosfera decadente, sensuale, bohmienne della Monaco a cavallo tra i due secoli quella che circola anche nella produzione giovanile, dannunziaoa, di Heinrich Mann (1871-1950), che spian a Thomas, il fratello minore, la via della letteratura, da lui imboccata per primo scontrandosi duramente col padre commerciante. Gli esordi di Heinrich Mann, che soggiorn a lungo in Italia, sono sotto il segno del decadentismo europeo, con una spasmodica ricerca linguistica. Pi note sono le sue successive critiche impietose alla Germaoia guglielmina, al filisteismo autoritario e vigliacco, ammantato sotto la mascherata imperialista e militarista, come traspare sarcasticamente dal suo romanzoPr~fe~sor Unrat del 1905, celebre per il film del 1930 L'an~lo azurrv di Joseph von Sternberg. Nel racconto l'autore critica ferocemente il sistema scolastico guglielmino, le ipocrisie e i tab IL NOVECENTO 73

moralistici che opprimevano la vita di una piccola citt tedesca. La polemica all'autoritarismo si intensifica nel suo maggior successo: Der Untertan (Il suddito). Composto tra il 1912 e 1914 cominci ad apparire a puntate su una rivista, che allo scoppio della guerra sospese, indignata, la pubblicazione di quell'aspra satira all'imperialismo prussiano, in cui si ironizza sulla stessa figura del Kaiser. Successivamente Heinrich Mann si awicin alla cultura francese, componendo, ormai in esilio a causa del nazismo, romanzi storici sulla figura di Enrico IV, il monarca laico, tollerante, ostile al dogmatismo e perci vittima del fanatismo confessionale. Per Heinrich Mann la letteratura (che in giovent aveva cos sfrenatamente coltivato da una prospettiva decadentistica) era al servizio della causa antinazista e la sua produzione, ancorch in toni idealistici, fu l'espressione del radicalismo democratico tedesco. Un altro autore che abbandon la Germania, gi con la prima guerra mondiale per le sue convinzioni pacifiste, Hermann Hesse (18771962), il pi letto scrittore del secolo. Come numerosi altri intellettuali, anche lui nasce in una famiglia pietista. I suoi parenti erano stati missionari in India, influenzando la spiritualit dello scrittore. Come

i Mann, anche Hesse ebbe una adolescenza inquieta in contrasto con l'autoritarismo familiare e soprattutto della scuola, che abbandon presto. Autodidatta di vaste e disparate letture, il giovane scrittore tematizz la ribellione adolescenziale. La sua lingua, piana, semplice, deriva direttamente dal Romanticismo di Eichendorff, Arnim e Brentano, nonch dallo schietto Realismo di Keller e dalla malinconica linea sveva di Uhland e Morike. La natura, gli artigiani, la piccola citt, la gente modesta sono gli elementi immediatamente raffigurati nella sua opera. In giovent si trasfer in Svizzera, che aveva eletto a sua patria, negli anni del primo conflitto mondiale travers una crisi esistenziale drammatica, da cui si trasse fuori per mezzo della terapia analitiea junghiana, dalla quale mutu feeondissimi spunti per la sua produzione successiva, incentrata sul diagramma junghiano di uno smarrimento, di una oscura vacillante peregrinazione e di una illuminazione finale. Nel 1919 la soluzione della crisi si rispecchi nel romanzo Demian, che trapassa da Bildungsroman a romanzo d'iniziazione, legata a un sapere intuitivo e alla realizzazione profonda del proprio s. La leggenda di questa peripezia illuminativa la materia del suo racconto pi celebre del 1922 Siddharta che diventato una sorta di vademecum della giovent del secondo Novecento da quando fu adottato, quale guida spirituale, dalla generazione americana dei figli dei fiori. Tra le due guerre compose Der Steppenwolf (Il lupo della steppa, 1927) che il romanzo in cui Hesse raffigura la crisi del nichilismo con il suo superamento. una critica implaeabile alla societ borghese e alla omologazione massificante in nome di una sensibilit 74 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA naturale e naturistica, libertaria e anarchica, che non ammette le mutilazioni, a cui il sistema competitivo capitalistico sottopone la personalit, specie se aperta all'altruismo, al sogno, alla sentimentalit, ma anche a una impetuosa, irrefrenabile pulsionalit. Nel 1930 Hesse scrisse un ampio romanzo storico di ambientazione medievale in cui il contrasto tra razionalismo e istintualit, tra efficienza e trasognatezza, tra mondanit e ascetismo mistico raffigurato da una coppia di amici Narzi,und Goldmund (Narciso e Boccadoro), che animano il racconto con le loro peregrinazioni e solitudini, con le loro tensioni, i loro eonfronti, emulazioni e la loro finale aceettazione e maturazione. Durante la guerra Hesse si ciment eon il suo romanzo pi impegnativo e ambizioso Das Glasperlenspiel (Il gioeo delle perle di vetro) del 1943 che un raeeonto utopieo in cui la eomunit futura di Castalia assomiglia a una eerchia conventuale medievale senza alcun tratto fantascientifico. Al di l dellafiction e dell'artificio letterario la questione della maturazione spirituale che sta a cuore all'autore. La storia quella di una vittoria interiore eon la seoperta semplice del gesto generoso, del sacrificio oscuro e insieme risolutivo, che la traceia che nell'uomo si risvegliata la coscienza di una vita pi vera di quella

dell'io empirico, storieamente determinato. Agli antipodi dell'esperienza intimistica di attualizzazione romantica e verde di Hesse, si colloea l'opera di Bertolt Brecht (1898-1956), il principale drammaturgo tedesco del Novecento e senza dubbio uno dei protagonisti intellettuali della cultura tedesca dagli anni Venti. Il suo esordio in teatro eontemporaneo al massimo suceesso dell'Espressionismo. I suoi primi drammi -Baal del 1920 e Trommeln in derNacht (Tamburi di notte) del 1922 - sono nettamente scaturiti dalla drammaturgia urlata e violenta di quella temperie letteraria, ma l'idea dei drammi se ne distacca aeeennando a una sobriet e a un disincanto scettico e caustico che lascia presagire lo sboeeo politico della sua opera successiva. Brecht aderisce allo schieramento marxista rivoluzionario, cui rest fedele durante l'era staliniana. La Berlino dei roaring twenties ha in lui e nel suo teatro epico una delle pi vivaci manifestazioni. Il teatro epico - secondo l'innovativa drammaturgia brechtiana - il definitivo superamento del teatro tradizionale, basato sull'identificazione aristotelica dello spettatore con lo spettacolo. Brecht accentua l'estraneamento dello spettatore, creando un distacco critico emotivo per favorire la presa di coscienza dei processi di sfruttamento. Aeeanto alla concezione politicizzata e classista, il suo teatro offriva una grande variet di storie e casi umani, oppure rivisitazioni di drammi storici che sapevano incantare il pubblico per la loro arguzia, modernit dell'impostazione seenica. Si parla ormai molto di plagio, di opere scritte per lui dai suoi eollaboratori; sar difficile appurare la realt dei fatti, ma - pur ammettendo che si debba parlaILNOVECENTO 75

re in qualche caso pi eorrettamente della ditta Brecht che del solo autore -, resta tuttavia un'unit di stile e di ideologia inconfondibile che rende originale questa esperienza drammaturgiea. Tra le due guerre i drammi pi riuseiti sono Im Dichcht der Stadte (Nella giungla delle citt) del 1923 e poi riscritta nel 1927, sullo squallore del dopoguerra infestato dalla miseria e da lotte intestine e soprattutto Dreigroschenoper (L'opera da tre soldi) del 1928 eon le musiche di Kurt Weill (1900-1950), che un abilissimo remake della settecentesca Beggar's Opera di John Gay, con alcuni dei songs pi famosi della sua intera produzione e che indica come Brecht sia uno straordinario adattatore di precedenti drammi, filtrati nella sensibilit culturale contemporanea e ai quali conferiva una curvatura unitaria, una carica provocatoria e dissacratoria che sapeva trasformare generi teatrali disparati come la rivista, la mascherata, il cabaret in una suggestiva fantasmagoria scenica. Il progetto brechtiano di un teatro didattico, critico e non culinario, paradossalmente naufraga di fronte alla eccezionale bravura del drammaturgo, che crea situazioni teatrali coinvolgenti. L'aggravarsi della crisi sociale e politica nella Repubblica di Weimar

(1918-1933), il tracollo dei partiti di sinistra, ferocemente divisi, l'ascesa di Hitler, l'awento del Terzo Reich (1933-1945), l'esilio in America, raggiunta via Mosca (dove si guard bene di restare) maturarono il suo teatro dapprima con la fase dei Lehrstucke, dei drammi didattici, quali esempi scenici dello sfruttamento e della possibile resistenza, e infine con i grandi drammi storici: Mutter Courage und ihre Kinder (Madre Coraggio e i suoi figli), scritto nel 1939, rappresentata nel 1941, e con le musiche di P. Dessau (1894-1979) nel 1946, Das Leben des Galilei (La vita di Galilei), messo in scena nel 1943 e in una nuova versione nel 1957. Il primo dramma, mutuato dagli scritti simpliciani di Grimmelshausen, un'invettiva contro la guerra e i suoi orrori raffigurata dalla parte di chi crede ingenuamente di trarne profitto; il secondo il dissidio tra la scienza e la consapevolezza materialista di vivere una sola vita e di godersela. Un altro suo lavoro che ha ottenuto il riconoscimento universale la parabola cinese Dergute Mensch von Sezuan (L'anima buona di Sezuan), scritto tra il 1938 e 1941, messo in scena con le musiche di Dessau nel 1948. La metafora cinese una delle pi poetiche nella produzione anche lirica e saggistica di Brecht, che autore di numerose poesie, tra le pi toccanti della lirica tedesca novecentesca. La sua una scrittura poetica diretta, con il tono della semplice annotazione immediata, della confessione di un intellettuale in un'et di atroci crudelt. Brecht anche un efficace diarista e un saggista pi aperto al confronto ideologico di quanto non lo sia stato come drammaturgo. Nel secondo dopoguerra scelse di trasferirsi nella DDR, nella Repubblica Democratica Tedesca (194976 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA 1989) a dirigere il Berliner Ensemble, che con lui diventato una delle pi affermate compagnie teatrali. Gli esordi di Brecht sono awenuti mentre la scena tedesca era dominata dall'Espressionismo, che stata la pi nota avanguardia tedesca. Partendo dalle esperienze pittoriche del gruppo Die Brucke di Dresda, questo movimento si estende anche alla letteratura con caratteristiche di rottura con la cultura ufficiale, accusata di accademismo. Siamo nel clima dissacratorio della contestazione globale del primo Novecento verso il mondo gi awertito come tramontato, anacronistico. I bersagli preferiti sono la tradizione, le teorie materialiste, il Naturalismo, le strutture del potere, l'autoritarismo statale e quello dell'opposizione socialdemocratica e sindacale. La ribellione sconfina dall'ambito artistico per invadere territori completamente nuovi: espressionistica la tematizzazione letteraria della rivolta dei figli contro i padri, gridata con un patetismo adolescenziale, brutale e insieme disarmante. Con l'Espressionismo si assiste all'irruzione della psicoanalisi - nella prima vulgata fortemente positivista - in letteratura, come pure del pensiero utopico, anarchico, pacifista e insieme rivoluzionario. Nella rivolta espressionista si configura anche il rifiu-

to della massificazione capitalista, dell'omologazione della civilt industriale in nome di una liberazione nietzschiana dell'individuo o di una palingenesi mistica. L'Espressionismo un movimento iconoclasta della nuova generazione, i suoi esponenti sono giovani che esibiscono atteggiamenti radicali e arrabbiati, ostili allo sfruttamento e al militarismo. Le vie d'uscita dal ristagno culturale, denunciato dagli espressionisti, sono la protesta conclamata e gridata o il ripiegamento mistico in uno spiritualismo cosmico. L'Espressionismo un movimento che caratterizza l'atmosfera artistica tedesca dal 1910 al 1920 circa e che viene profondamente provato dall'esperienza bellica, che ne radicalizza le componenti protestatarie. A livello di scrittura la ricerca di un'espressione che non sia manieristica e non riproduca la realt o l'impressione soggettiva, ma che sia invece alternativa alla effettualit naturalistica, in sintonia con la lingua dell'anima, con l'urlo dell'interiorit martoriata e mutilata dall'ingiustizia sociale e familiare e dal sistema di produzione industriale. Nell'Espressionismo affiora una nostalgia di rigenerazione, di rousseauiana bont primigenia dell'uomo, di destrutturazione dell'imponente gabbia di acciaio della cultura. Gli espressionisti pi coerenti e militanti si riconobbero in alcuni locali di Berlino e di Monaco, nonch in riviste come DieAktion, Der Sturm (La tempesta, con chiaro riferimento alla prima avanguardia tedesca: lo Sturm und Drang), Die weissen Blatter (I fogli bianchi), come pure in antologie, tra le quali la pi famosa, Menschheitsdammerung (Tramonto dell'umanit), edita da Kurt Pinthus nel 1919, in cui gi nel titolo presente uno dei moIL NOVECENIo 77

tivi ricorrenti dell'Espressionismo: il sentimento apocalittiao, rmtuizione, che si esprimeva in un urlo confuso, patetico fino al g~ttcsco~ di essere giunti alla fine catastrofica di un ciclo, confermatadallo scop pio della prima guerra mondiale. I principali esponenti del movimento furono dei giovani, spesso isl} lati, come Georg Heym (1887-1912), affogato a 24 anni, pattinando sul ghiaccio. Heym un poeta autentico che sa trasfondere in allucinazioni e metafore catastrofiche la demonia della metropoli, di uoa Berlino devastata da giganteschi stabilimenti industria4 inter~retati quali prefigurazioni di una architettura infernale. Un altro poeta lirico morto giovanissimo l'alsaziano En~t Sl dler (188~1914), caduto nelle prime settimane al fronte. La sua poesa, dopo esordi sulla scia ieratica di George, esalt, nietzschianamente l~es dionisiaca. Nell'Espressionismo cospicuo per presenze e qualit il contnbuto di giovani autori ebrei che awertivano la terribile cogenza dell~au~ rit paterna e religiosa, contro cui si levava la loro disperata protesta Una scrittrice ebrea, radicata nell'Espressionismo quale es.perienza

onirica di libert lirica, Else Lasker-~.chuler (1869-1945), che a~e~a sposato Herwarth Walden, l'editore dier Stur~r~, amica di Benn (che la defi~nla pi grande poetessa che la Germania abbia mai a~uto~. di Trakl e del pittore Franz Marc (188~1916). La sua produzione si apre in maniera originale all'esotismo ebraico e orientale e propone un fimtasmagorico policromismo, cui delega metafore che risalgono alla sles sa tradizione ebraica, rivisitata con spregiudicate interpretazi~ni attualiizzanti. Tra i pi genuini poeti sorti nella temperie espressionista, bench in realt formatosi nella solitudine di una aspra sofferenza interiore c~ l'austriaco Georg Trakl (1887-1914), suicidatosi al fronte per rorrore delle atrocit di guerra. La sua lirica rivela spunti cromatici e s~listici di evidente ascendenza barocca. La stessa ansia apocalittica e palingenetica si mescola a un oscuro senso di colpa che lo awKina pi a Ka~a che alla poesia urlata degli espressionisti. La sua liri~, pi rispettosa della tradizione formale, raggiunge intensit lalli~ache sanno esprimere l'angosciosa solitudine e l'estrema indigenza di un'anima che non attende pi alcun soccorso, ma che non rinuncia al so~ di tenui, delicati fanciulli annunciatori di una salvezza destinata a una umanit che sarebbe dovuta ancora sorgere. Un altro poeta fortemente sperimentatore di nuove soluzioni ling,uistiche August Stramm (1874-1915), caduto, anche luiin guerra, che infrange volutamente ogni perimetrazione grammaticale e sintattica, corrodendo e stravolgendo la stessa solidit lessicale per app~ dare a esperimenti di poesia concreta nell'organiz~azione visiva del testo poetico. 78 STORIA DELLA LETrERATURA TEDESCA Un itinerario, particolarmente contraddittorio e insieme emblematico, quello percorso da Johannes R Becher (1891-1958), una ribelle natura individualista, che soffr il contrasto con l'autoritarismo paterno. Il suo successivo sviluppo lo port a disciplinare la sua protesta, aderendo al partito comunista, a emigrare nell'Unione Sovietica di Stalin. La sua fedelt venne ricompensata nella DDR con la carica di ministro della Cultura. Becher pass dalla rivolta linguistica al formalismo classicistico per celebrare le realizzazioni del regime. L'Espressionismo conobbe un intenso approccio con il teatro, rivoluzionando le messinscene naturalistiche e quelle tradizionali. Con autoriassaidotaticomeGeorgKaiser (1878-1945) edErnstToller (1893]939) l'urlo espressiOnista sal sul palcoscenico in rappresentazioni segnate da una tensione sperimentale, in cui i personaggi perdevano la loro individualit per affiorare quali figure dell'inconscio, quali modelli di atteggiamenti generali, emblemi di comportamenti che trascendevano la specificit realistica, la psicologia convenzionale per assurgere a forme categoriali. Lo scrittore che pi originalmente prende le mosse dalla crisi espres-

sionista per restare coerente a quella intuizione lirica di rottura e di urgenza di forma Gottfried Benn (1886-1956). Figlio di un pastore protestante, attento conoscitore della tradizione luterana, ma di formazione scientifica, esercit per tutta la vita la professione di medico, che gli ispir icastiche metafore sulla caducit del corpo e sull'ideologia vitalistica, legata alla fisicit. Nel 1912 pubblica un ciclo di poesie Morgue, che riceve il titolo dall'obitorio parigino e che la pi radicale contestazione della concezione convenzionale della bellezza, della bella rappresentazione. Il rifiuto giovanile prosegue per cogliere il senso che ancora riservatO all'arte nella modernit e che va ricercato al di l di ogni contenuto o ideologia, bens nella forma purificata, quale unico valore che nietzschianamente soprawive al crollo di tutti i valori, al tramonto della stessa pretesa umana di esperire la verit. Vicino alla riflessione heideggeriana, Benn si confronta con il nucleo spirituale della modernit, riconosciuto nel nichilismo, per proporne - in saggi lucidissimi - una realizzazione e un superamento attraverso l'esperienza della forma. Viene cos attinto l'estremo e pi conseguente esito della crisi del Naturalismo come pure di ogni concezione umanistica dell'arte, di ogni poetica extraletteraria. La prossimit alla rocciosa meditazione filosofica di Martin Heidegger (1889-1976), Benn la condivide con Ernst Junger (1895), uno dei pi inquietanti e radicali pensatori e scrittori del secolo. Volontario di guerra, awenturierO, leader della cultura nazionalrivoluzionaria, ideologo della Rivoluzione Conservatrice, scienziato, studioso di insetti, naturalista, collezionista, autore di diari, saggi, romanzi, Junger uno dei pi prolifici e opero. si intellettuali del Novecento. Accanto ILNOVECENTO 79

alla diaristica Junger autore di uno dei pi raffinati romanzi simbolici del secolo:Aufden Marrnorklippen (Sulle scogliere di marmo) del 1939, un racconto criptico di guerra con le forze scatenate del totalitarismo. L'unica salvezza nell'emigrazione, che si presta a varie interpretazioni, tra cui il ritorno alla vera patria, battendo il sentiero tedesco dell'interiorit. Gli scritti pi originali sono quelli degli anni Venti e Trenta quando con le memorie di guerra e le prospettive per la civilt futura tratteggiate nel saggio DerArbeiter (L'operaio) del 1932 Junger aveva contribuito all'affermazione di una corrente letteraria antiespressionistica con la Neue Sachlichkeit, la nuova oggettivit, che rivalutava il Realismo, l'oggettivismo, il funzionalismo nelle arti - si pensi all'architettura e al design delBauhaus a Dresda di Walter Gropius ( 1883-1970). un movimento che tende perfino a emarginare, o comunque a ridurre al minimo l'intervento dell'autore, considerato quale costruttore di storie di vita, quale reporter di cronache reali. L'opera principale BerlinAlexanderplatz del 1929 diAlfredDoblin (1878-1957). un

romanzo che nella sua complessit e originalit travalica la mera appartenenza a una determinata corrente, anche se certe tecniche utilizzate come il collage da articoli di giornali, listino in borsa ecc. rendono bene la nuova svolta impersonale, cronachistica. In questo clima letterario la Germania viene sommersa da una marea di memorialistica di reduci e di romanzi di guerra, che si pongono come obiettivi rapporti dal fronte. Il pi famoso - accanto ai libri di guerra di Junger, che esaltavano il conflitto tra uomo e materiali - Im Westen nichts Neues (Nulla di nuovo sul fronte occidentale) del 1928 di Erich Maria Remarque (pseudonimo di Erich Paul Remark, 1898-1970), che stato uno dei romanzi pi noti con la sua appassionata denuncia della guerra espressa pateticamente da un esponente di quei giovani che, abbandonati i banchi di liceo per arruolarsi volontari nell'agosto '14, scoprirono l'atroce realt della guerra, delle mutilazioni, della morte. Il reportage sulla miseria negli anni della crisi economica la sostanza di un altro best-seller tedesco del tempo Kleiner Mann, was nrm ? (E adesso, pover'uomo?) del 1932, di Hans Fallada (pseudonimo di Rudolf Ditzen, 1893-1947), che narra in uno stile solo apparentemente distaccato, ma in realt intriso di sentimentalismo piccolo-borghese, le tristi vicissitudini di un disoccupato negli anni della grande depressione economica. L'atteggiamento di rassegnazione e di mortificazione sostanzialmente impolitica culmin durante il nazismo nella Innere Emigration, nella Emigrazione Interna, quale letteratura del riflusso, del rifugio nella propria intimit, quale escapismo nella novella storica o quale rifiuto della massificazione che si era gi annunciato alla fine degli 80 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA anni Venti quando alcuni scrittori - tra cui Gunter Eich (1907-1972), Peter Huchel (1903-1981), Wolfgang Koeppen (1906) - si radunarono intorno al periodicoDieKolonne di Dresda per prendere le distanze dall'omologazione totalitaria. Per essi, che ebbero un ruolo determinante nella letteratura del secondo Novecento, la poesia era l'altrove, l'alternativa interiore, l'altra parte della modernit. Ben diversa fu l'impostazione letteraria di chi con l'ascesa di Hitler al potere prese la via dell'esilio. Il 1933 segna per l'intera comunit tedesca una nuova spaccatura epocale d'incalcolabile, tragica portata, che pose fine a quella straordinaria occasione storica di riacquisire l'egemonia artistico-intellettuale (come era awenuto alla fme del Settecento) per mezzo di un nuovo rinascimento, fondato sulla simbiosi spirituale ebraico-tedesca, vanificata dalla sciagurata politica antisemita nazista. L'Exilliteratur, la letteratura dell'esilio diventato un capitolo della letteratura tedesca del Novecento cui parteciparono migliaia di scrittori e saggisti, tra cui - oltre ai ricordati - Walter Benjamin (1892-1940), Kurt Tucholsly (1890-1935), Ernst Weiss (1884-

1940), Stefan Zweig (1881-1942) e Ernst Toller, che si suicidarono nel timore della vittoria nazista. Le opere scritte nell'esilio tematizzano la protesta, il dolore, la disperazione e la speranza, le vicissitudini, le miserie quotidiane, il problema ebraico e il comportamento passivo, acquiescente o la resistenza al regime. Tra questi autori si segnala Lion Feuchhvanger (18841958), che con Die Geschwister Oppenheim (I fratelli Oppenheim) del 1933 fornisce il primo romanzo sul nazismo. Klaus Mann (1906-1949) - il figlio di Thomas Mann - scrive il primo romanzo organico sull'emigrazione conDer Vulkan. Roman unterEmigranten (Ilvulcano. Romanzo tra emigranti) del 1939, che una fosca rappresentazione pessimistica delle lotte e delle faziosit tra i fuorusciti. Un romanzo sulle vicende quotidiane dei profughi in attesa del mitico visto per gli USA Transit (Visto di transito) del 1944 di Anna Seghers, che ha composto anche un coinvolgente racconto sul clima di diffusa ostilit e resistenza passiva al regime nazista all'interno della Germania con Das siebte Kreuz (La settima croce) del 1942, in cui si narra la solidariet su cui pu contare un evaso da un lager nazista. LA LETTERATURA AUSTRIACA DEL FIN-DE-SICLE E DEL PRIMO NOVECENTO Verso la fine del secolo intorno allo scrittore e critico Hermann Bahr (1863-1934) - che da iniziale esaltatore del Naturalismo ne divenne un awersario accanito in nome di una tendenza neoromantica -, nel caff viennese Griensteidl si riun un circolo di scrittori detto dello Jung-Wien (Giovane Vienna), che era la principale espressione letteraria dell'Impressionismo floreale, delloJungendstiL I viennesi, maeIL NOVECENTO 81

stri della scrittura impressionistica, coniarono il termine d i Nerl~enkunst, arte nervosa nell'accezione ampia che questa parola assumeva nella raffinata cultura della decadenza viennese anche per mezzo della trionfale affermazione della psicoanalisi di Sigmund Freud (1856-1939). Arthur Schnitzler (1862-1931) e Hugo von Hofmannsthal (1874-1929) sono i principali esponenti di questa corrente letteraria. L'opera di Schnitzler ha conosciuto un crescente successo soprattutto per i suoi racconti, intessuti da una straordinaria capacit evocativa di atmosfere decadentistiche e di una coinvolgente analisi introspettiva. Tra le novelle pi riuscite si segnala Leutnant Gustl (Sottotenente Gustl) del 1900 che introduce il monologo interiore nella narrativa tedesca. Freud parl di Schnitzler - anche lui medico ed ebreo come di un sosia per l'attenzione che l'autore riservava all'oscuro e intrigante mondo pulsionale, che affiora con piena maturit espressiva soprattutto nella tarda produzione dello scrittore come in Traumnovelle (Doppio sogno) del 1925 che racconta le awenture oniriche di

una coppia in crisi, e nel 1931 (pOCO prima di morire) in Flucht in die Finsternis (Fuga nelle tenebre) che lo sprofondamento della coscienza quale esito estremo di una dissociazione, che assurge a simbolo della frammentazione dell'uomo nella modernit. Diverso il percorso dell'altro impressionista viennese Hofmannsthal che da una precoce poesia - formalmente cos perfetta da aver incantato perfino un poeta intransigente come Stefan George -, sostanziata da un lirismo esangue ed estenuato, vero trionfo della lingua poetica, giunge proprio col nuovo secolo a una radicale crisi alla soglia del silenzio mistico come testimonia Ein Brief (Una lettera) del 1902: si tratta di una epistola immaginaria scritta da Lord Chandos al filosofo Bacone in cui confessa l'impossibilit di scrivere con una lingua che non coglie pi il mistico legame tra parola e oggetto. Il decadentismo per un processo di autocombustione non pi capace di afferrare il mondo, scivolando in un abisso di irrealt. Hofmannsthal cerca di uscirne aggrappandosi disperatamente allo stile della sua tradizione asburgica, rinnovando la grande stagione dell'opera in collaborazione con Richard Strauss (1864-1949) e ricollegandosi alla matrice ispano-barocca con il dramma Der Turrn (La torre, 1926) o alla suggestione di estrema raffinatezza e di esoterica allusivit con il frammento del romanzveneziano Andreas oder die Vereinigten (Andrea o i riuniti), pubblicato postumo. La sua scrittura trova ancora l'armoniosa e sublime felicit dell'esposizione formalmente compiuta in un atteggiamento inattuale di critica verso l'imbarbarimento progressivo della civilt in balia della brutalit dei nuovi nazionalismi etnici, che avevano distrutto con l'impero un patrimonio culturale necessario alla spiritualit umana. Il separatismo letterario austriaco svela la sua segreta vena asburgi82 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA ca, la sua nostalgia per quel mondo di ieri nelle opere di alcuni intellettuali ebrei, che si trovano uniti nella malinconica rammemorazione di una civilt regolata dalla tolleranza: si tratta di Stefan Zweig, autore di memorie storiche di grande successo e di splendide novelle, fondate su una straordinaria analisi introspettiva dei personaggi, nonch di un toccante libro di ricordi, che diventato il simbolo di un'et, Die Welt von gestern (Il mondo di ieri). Ebreo della Galizia asburgica Joseph Roth (1884-1939), autore di romanzi asburgici dall'affascinante impianto tradizionale, velati di struggente nostalgia per un passato pi umano, ironicamente rievocato. Un altro grande intellettuale che ha dominato la scena letteraria viennese stato Karl Kraus (1874-1936), anche lui di origine ebraica, strenuo difensore della lingua tedesca quale estremo baluardo di uno stile e di una tradizione che nel rispetto della forma trovava la sua legittimazione e maturazione interiore. Chi traspose la questione della crisi di un mondo con ironia brillante

e sarcastica, nel tentativo titanico di venirne a capo con la scrittura, Robert Musil (1880-1942), autore di uno dei pi riusciti romanzi sull'adolescenza, la repressione scolastica, la violenza giovanile Die Verwirrungen des Zoglings Torless (I turbamenti del giovane Torless) del 1906; il racconto di una crisi esistenziale profonda. Il giovane vive un sisma intellettuale ed emotivo di immensa vastit da cui esce con la prospettiva, l'unica ancora possibile, di trovare il proprio s. E su questa possibilit Musil scrisse per tutto il resto della vita in Der Mann ohne Eigenschaften (L'uomo senza qualit), un poderoso frammento, una gigantesca ricerca al bivio tra saggismo efiction, tra riflessione e narrativa (tra l'anima e l'esattezza, per usare l'espressione di Musil), che rappresenta la summa del pensiero e della sensibilit culturale e psicologica del primo Novecento. E un altro romanzo viennese sulla crisi dell'epoca e sulla possibilit precaria di uscirne Die Blendung (Auto da f, 1935) di Elias Canetti (1905-1994). L'autore, ebreo sefardita, ma viennese d'elezione e di cultura, narra del rogo finale di una biblioteca e del suo maniacale proprietario: una parabola grottesca dell'ultima fase della crisi della cultura umanistica che non sapeva affrontare i demoni scatenati che stavano per incendiare l'Europa; scegliendo il registro del sarcasmo e della parodia, il racconto co!pisce al fondo della sensibilit, smascheL rando ogni ipocrisia e patebsmo. L'intuizione austriaca di questa disfatta viene confermata nelle opere di Hermann Broch (1886-1951), industriale di origine ebraica, assiduo studioso del pensiero scientifico e mistico, convinto assertore con Musil della nuova forma del romanzo quale mediazione tra fantasia e meditazione filosofica e mistica. Il suo capolavoro il romanzo Der Tod des Vergil (La morte di Virgilio) del 1945, in cui Broch descrive le IL NOVECENTO 83

angosce, le allucinazioni, le visioni nell'agonia del poeta romano e del suo irrisolto conflitto con il potere. L'opera, che culmina nel dialogo tra il poeta e Augusto, la prova superba della riflessione sulla demonia della politica da parte di Virgilio morente che pu meditare sulla soglia tra vita e morte.

Su questa soglia si situa l'interrogazione alla morte che percorre, con vanazioni e progressiva maturazione l'opera di Rainer Maria Rilke (1875-1926), il poeta tedesco pi famoso del Novecento. Con lui si apre anche uno straordinario capitolo della letteratura tedesca: quello di Praga, citt asburgica fino al 1918, capitale della Boemia e del popolo ceco, che non si era mai completamente conciliato con la Casa d'Austria, ritenuta responsabile dell'umiliante fine dell'indipendenza boema. Dalla seconda met dell'800 la borghesia e il proletariato

ceco - incrementato dall'inurbamento dei contadini che abbandonavano la campagna - imposero ai governi di Vienna concessioni e riconoscimenti vieppi ampi per la stragrande maggioranza ceca di Praga. La autorevole minoranza tedesca era formata da esponenti dell'ufficialit, da alti funzionari asburgici, dalla borghesia intellettuale e accademica, nonch da una cospicua comunit ebraica, che contava numerosi commercianti, imprenditori, ma anche intellettuali e scrittori, che riuscirono a conservare un clima di relativa tolleranza nella citt. Rilke apparteneva a una famiglia tedesca e fu profondamente influenzato dall'atmosfera suggestiva della citt, nonch dalla cultura decadentistica e stranamente incline a un gusto occultistico, alimentato dalle continue rievocazioni delle tradizioni magiche della Praga cinquecentesca del Rabbi Low, il leggendario creatore del Golem, dell'imperatore Rodolfo II, astrologo ed ermetista, e dei suoi alchimisti ammassati nella Viuzza dell'Oro. Rilke si sent condizionato negativamente da questa fantasmagoria spiritica, cui era intimamente predisposto. Per liberarsene fugg a Monaco, dove conobbe Lou Salom, scrittrice, intellettuale, amica di Nietzsche e una delle prime donne psicoanaliste, che lo introdusse nella cultura europea del tempo, sollecitandolo a viaggiare in Italia e organizzando con lui due soggiorni in Russia. La sua vita diviene una lenta catarsi dall'occultismo e dal sentimentalismo ridondante della cultura praghese verso approdi formali sollevati dalla caoticit vitalistica, che ancora pervade l'opera sua pi famosa Die Weise von Liebe und Tod des Cornets Christoph Rilke (Canzone d'amore e di morte dell'alfiere Christoph Rilke) del 1899. Questo poemetto, awincente, sul tono della ballata, una tipica produzione neoromantica con il convenzionale omaggio al gusto stori84 S'l'ORIA DELLA LE'ITERATURA TEDESCA cizzante e agli incontri fatali. Mentre la Russia esalta il misticismo e il senso di comunit e di terrestrit del poeta, l'esperienza francese, il lun~o soggiorno con lo scultore Rodin, di cui segretario, che affina la sua capacit simbolica come dimostra la poetica del Ding-Gedicht, della poesa oggetto in cui balena con immediatezza e precisione la figura e~rocata Sono esercizi di maestria che Rilke riproduce anche nel suo romanzo liricoDieAu.~eichnungen des Malte Laurids Brigge (I quaderni di Malte Laurids Brigge, 1911), che un caleidoscopio di frammenti dirita parigina, staccati, isolati a mo' di impressioni di una terrifica realt oppure di preziose schegge di una rammemorazione di nordici casteUi di severe atmosfere scandinave, mentre non esiste pi 17unit del romanzo. Il libro per Rilke una stazione di transito ~erso h nuova liricit, queUa intuita nell'inverno del 1911 sugli spalti del CasteUo di Duino, che anima Die Duineser Elegien (Le elegie di l~uino) completate dai Soneffe an Orpheus (Sonetti a Orfeo). Le opere furono ult~mate nel 1923 dopo il trauma della guerra e il croUo de-

gli imperi centrali, la rivoluzione bolscevica, la fine della vecchia Europa signorile, aristocraticamente colta. La poesia di Rilke oltrepassa ha sua storicit Le Elegie sono tra i vertici della moderna lirica occid~ntale: le esperienze deU'uomo, gli oggetti della mano, deUa contcmpla~;one assumono una luminosit intensa, metafisica, che trascende h quotidianit per fissarsi nella ardita metafora deU'angelo, del messaggio poetico. O~tre Rillce a Praga nato anche Franz Kafka (1883-1924), considerato da ak uni critici il pi grande scrittore del secolo. Radicato con sofferenza neUa citt, neUa Praga dei tre popoli - ceco, tedesco ed ebraico- dei crudeli contrasti etnici e delle fascinose tradizioni magiche, Kaflca esprime h sua angoscia di vivere in una societ borghese, fondata suilalori deU'utile e dell'economia, deUa concorrenza spielata, ma anche in un impero votato allo sfacelo e in una comunit ssnata dal successo finanziario, ma anche dalle incipienti discriminaz~oni e pe~zioni. Un osalro presentimento deUa fine di un'epoca canune a tutti questi scrittori e la scrittura il loro rifugio, la loro 1~, h loro disperazione. Lo sgretolamento, ancora invisibile, deUa soQet ebraico-praghese si riversa nell'incapacit da parte di Kaflca di aderire ailalori convenzionali della sua comunit. L'unica possl~t di espressione - non certo di salvezza - la letteratura, ma l'arte viene v~ssuta come altemativa aUa vita borghese, a queUa legge che il padre ha saputo utilizzare per la sua ascesa sociale. La legge del pa~re borgbese incarna per Kafka la metafora dell'altra Legge, queUa del Padre divino, e lui figlio incapace di proseguire la carriera bor~se, awerte rinadeguatezza a ricollegarsi alla tradizione ebraica da cui si sente separato e insieme attratto. La scrittura la sua vocaz~one, ha sua gius~tificazione, la sua volutt ascetica, ma anche ratILNOVECENTO 85

tivit che si scontra con la legge borghese e talmudica che prescrive all'ebreo e al cittadino di fondare una famiglia, avere figli, vivere operosamente nella comunit, in mezzo al popolo, luogo epifanico della divinit. In quanto scrittore Kafka attratto dalla solitudine, da una cupa, severa e notturna disciplina. La consacrazione alla letteratura vissuta come un duplice sacrilegio, come un peccato luciferino di superbia, come una colpa che schiaccia l'individuo che awerte in s, perfino attraverso l'istinto e le pulsioni originarie, il richiamo della Legge. Paradossalmente l'ascetismo, richiesto dall'arte, la trasgressione del comandamento divino e borghese nell'epoca della separatezza. I romanzi, che l'autore voleva bruciare, vennero pubblicati postumi dall'amico Max Brod (1884-1968), anche lui ebreo praghese, romanziere prolifico e saggista. Der Verschollene (Il disperso, noto con il titolo di BrodAmerika, 1927, ma risale al 1911-12), DerProze,(Il processo, 1914-15, pubblicato nel 1925), Das Schlo/3 (Il castello, 1922

edito nel 1926) sono percorsi dall'invadente motivo della colpa senza l'indicazione di una reale trasgressione. L'unica violazione della legge sta proprio nell'omissione e in questa omissione, in questa incapacit - raffigurata in un personaggio, ma in realt metafora biografica e insieme epocale dell'uomo moderno - di aderire alla Legge della comunit e dunque, ebraicamente, della divinit, si compie il destino tragico dei personaggi di Kafka, rappresentati con ineguagliata sinteticit e icastica, realistica precisione. Dal primo grande racconto Das Urteil (La condanna 1912) a quello suo pi famoso Die Verwandlung (La metamorfosi, pure del 1912) Kafka si confronta con situazioni al limite della rappresentabilit, con scene oniriche di stupefacente nitore figurativo. La sua lingua il tedesco pi puro, trasparente che sia mai stato scritto in questo secolo. La cristallinit dell'espressione, la precisione delle immagini, l'eccezionale cura del particolare, l'amore del dettaglio connotano una scrittura unica, irripetibile, che ha saputo cogliere l'irreversibile tragicit della situazione spirituale dell'uomo occidentale di questa epoca distante dalla legge, dal significato, dall'essere, da Dio o dalla giustizia sociale. Le tante proposte di interpretazione s'integrano tutte reciprocamente senza scalfire il segreto della figura kafkiana. La divaricazione tra vita e significato, misurata da questa letteratura, ormai incolmabile, pu essere solo raffigurata e in ci si nasconde, forse l'ultima chance per la modernit, quella adombrata dalla scrittura di Kafka, che abbraccia anche, allo stesso livello di coinvolgimento e di inquietante interrogazione, i suoi Diari e le sue numerose lettere, specie quelle alla fidanzata Felice Bauer e successivamente all'amica Milena Jesensk. La scrittura di Kafka, analogamente a quella di Rilke, raggiunge la classicit moderna senza mai concedere nulla al gusto orrorifico, 86 STORIA DELLA LETTERATURA TEDESCA occultistico oppure sentimentaleggiante e patetico dei praghesi. Gustav Meyrink (1868-1932), viennese di nascita, visse a lungo a Praga dove si ambienta il pi tipico romanzo occulto Der Golem (Il Golem) del 1915, in cui la periodica apparizione fantastica del misterioso automa awisa dell'irruzione di forze distruttive. Il patetismo sentimentale, con una attenta sensibilit alle analisi psicologiche, anima la narrativa di Franz Werfel ( 1890-1945), che si era rapidamente integrato nella atmosfera letteraria di Vienna, dove si era trasferito, sposando Alma Mahler, per emigrare insieme negli USA all'annessione nazista dell'Austria. Con Die 40 Tage des Musa Dagh (I 40 giorni del Mussa Dagh) del 1934 compose la pi calzante metafora della persecuzione degli ebre letta in chiave antimodernista: il distacco dalla tradizione scatena i!- moni della violenza e dello sfacelo morale e spirituale dell'individuo e della comunit. Pure lui ebreo praghese, trasferitosi a Vienna - e riparato all'awento del nazismo in Palestina - Leo Pe-

rutz (1884-1957), autore di inquietanti e awincenti romanzi fantastici e di una stupenda rievocazione narrativa della Praga del Rabbi Low, Nachts unter der steinemen Brucke (Di notte sotto il ponte di pietra). LA LETTERATURA TEDESCA DOPO IL '45 Il '45 significa per la letteratura tedesca l'ora .ero, owero il taglio del bosco, metafora per indicare il rifiuto d;a tradizione (le radici del germanico bosco da estirpare), la volont e la disperazione di cominciare un nuovo ciclo. Per alcuni, come Eich e Koeppen, era solo la tremenda conferma del carattere totalitario della civilt industriale, la poesia aveva la missione di nominare, di redigere l'inventario (Inventur il titolo di una famosa lirica di Eich) delle cose per riappropriarsi con semplicit, sobriet del mondo. Il pi esemplare scrittore dell'ora zero stato un giovane reduce Wolfgang Borchert (1921-1947), arrabbiato contro l'universo iniquo, ingiusto che denuncia nel suo dramma DrauJ3en vorder Tur (Fuori davanti la porta) del 1947 (trasmesso l'anno prima come radiodramma, un genere fortunatissimo in quei decenni). La nuova generazione che tornava moralmente e materialmente distrutta dal fronte si identificava nell'aspra, disperata protesta lanciata contro lo stesso Dio, con il pathos espressionista dell'urlo contro la colpevole societ dei padri. La dura polemica contro il passato nazista rappresent il tema principale della cultura letteraria di quegli anni, mobilitando una letteratura impegnata a ricordare ai tedeschi le loro tremende responsabilit. Alcuni scrittori si riunirono nel 1947 nel Gruppo '47, che univa la scelta ideologica con una spregiudicata volont sperimentale. Al gruppo aderirono i principali autori del dopoguerra, tra cui Heinrich IL NOVECENTO 87

Boll (1917-1985), l'autore tedesco pi popolare, che nel 1972 ricevette il premio Nobel come simbolo di riconciliazione con la letteratura tedesca. Boll era un cattolico intransigente, antimilitarista, pacifista, radicalmente democratico. Tutta la sua narrativa incentrata sui temi civili della denuncia, della protesta e della liberazione, della lotta contro il nuovo sistema tedesco-occidentale, che sotto la facciata-i~berale nascondeva, secondo l'autore, una vocazione autoritaria, come dimostra Billiard um halbzehn (Biliardo alle 9 e mezzo) il suo romanzo pi impegnativo. Boll uno scrittore che, appresa dagli americani la tecnica della short story, la domina perfettamente per fissare in poche sequenze narrative episodi drammatici di guerra o della restaurazione adenaueriana. La polemica contro la restaurazione dell'antico ordine sotto nuove spoglie, pi accettabili al consorzio internazionale, il tema della nar-

rativa di Martin Walser (1927), che utilizza la dissociazione dei materiali epici per cogliere la frantumazione della societ consumistica tedesco-occidentale, rievocata, dal 1960 al 1973, nella trilogia intorno al protagonista Anselm Kristlein: Halbzeit (Dopo l'intervallo), Das Einhorn (L'unicorno) e Der Sturz (La caduta), che un affresco dell'ipocrisia piccolo-borghese, nella cedevolezza ai compromessi da parte dei nuovi tedeschi occidentali. Negli ultimi anni Walser si awicinato a un neopatriottismo, con Uber Deutschland reden (Parlare sulla Germania), del 1988 che ha scatenato una vivace polemica da sinistra. Un altro grande scrittore, critico inesorabile della compromissoriet tedesco-occidentale, Hans Magnus Enzensberger (1929). La sua poesia una delle voci pi ascoltate della nuova lirica sperimentale, fortemente legata a un messaggio ideologico, da cui solo negli ultimi anni si distaccata per recuperare un libero spazio di liricit, senza mai abbandonare i temi dell'analisi civile, che si confrontata con Die gro,~e Wanderung (La grande migrazione) del 1992 col drammatico problema degli emigranti e del furore xenofobo, nonch nel 1993 con il degrado delle metropoli in balia alla brutalit e alla violenza con il saggioAnsichten aufden Burgerkrieg (Prospettive sulla guerra civile). L'altro grande scrittore-ideologo, impegnato politicamente al punto da concentrarsi vieppi nella politica, Gunter Grass (1927), che nel 1959 con Die Blechtrommel (Il tamburo di latta) ha scritto il romanzo pi esemplare della nuova letteratura, riattualizzando la narrazione barocca e picaresca, facendo saltare tutti gli snodi della narrativa realistica, riconquistando alla prosa i territori fecondi della sperimentazione fantastica e inseguendo sempre coerentemente una intenzionalit puntata contro il militarismo tedesco, rievocato con una immaginifica ridondanza, che trapassa dal grottesco alla parodia, attingendo effetti narrativi di sorprendente novit. Il problema del rapporto col passato nazista dominante in un altro 88 SToRIADELLALETrERATuRATEDEscA scrittore della stessa generazione, Siegfried Lenz (1926), autore prolifico, il cui nome legato soprattutto a Deutschstunde (Ora di tedesco) del 1968; la prospettiva narrativa sviluppata in una tensione di ricostruzione del passato, fin nei dettagli che assumono alla luce della memoria poetica un valore simbolico. Diversa la vicenda esistenziale e letteraria di Peter Weiss (19161982). Ebreo nato nei sobborghi di Berlino, emigra gi nel 1934 per trasferirsi stabilmente dal 1939 a Stoccolma. Per anni si dedic alla grafica e alla pittura; cominci a pubblicare dal 1960 con esordi attenti allo sperimentalismo e alle suggestioni surrealiste per imboccare nel 1961 con la commovente e compostissima rievocazioneAbschied von den Eltern (Congedo dai genitori) e nel 1962 con Fluchtpunkt (Punto di fuga) un percorso letterario segnato dalla rammemorazione, scandita da una maturazione freudiana delle immagini. Dal 1975 al 1981

lavora a un vastissimo e ambizioso romanzo di formazione in tre volumi Die Asthetik desderstandes (L'estetica della resistenza) che, in una struttura narrativa completamente aperta, narra la peripezia di un operaio antinazista che intuisce nella percezione estetica il superamento della chiusura economicistica. L'importanza di Weiss legata soprattutto al suo dramma storicopolitico sulla Rivoluzione francese noto come il Marat-Sade del 1964, in cui l'autore si confronta, per mezzo di un abile e fortunato artificio, con le due posizioni del materialismo illuministico, che incarnano la divaricazione del processo rivoluzionario, o almeno la rottura con la tradizione: da una parte il primato della politica rappresentato da Marat, cui si contrappone l'egemonia del piacere sostenuta dal marchese de Sade. La discussione resta irrisolta, anche se la simpatia dell'autore per la scelta politica. In quegli anni in Germania si stava sperimentando il teatro documentario - fondato, cio, su documentazioni storiche inoppugnabili -, che spesso assumeva la struttura del processo, come con Die Errnittlung (L'istruttoria) del 1965 di Weiss, basata sugli atti del processo di Francoforte ai responsabili del lager di Auschwitz. Anche Enzensberger con Das Verhor von Habana (L'interrogatorio dell'Avana) ripropone il processo ai partecipanti allo sbarco per rovesciare il regime di Castro a Cuba. Era stato Rolf Hochhuth (1931) a portare nel 1963 al successo il dramma documentario, che rispondeva a esigenze di sobriet e di oggettivit, con Der Stellvertreter (Il vicario), che suscit un grave scandalo con la provocatoria tesi che Pio xll, papa Pacelli, si sarebbe reso complice con il silenzio suo e della chiesa dello sterminio degli ebrei. Il valore estetico di questi drammi stato ridimensionato, mentre risulta pi netta l'intenzionalit ideologica di denuncia che si intravede dietro la dichiarata pretesa di oggettivit. Il teatro dopo Brecht ha avuto in due scrittori svizzeri gli autori pi ILNOV~CENrO 89

interessanti: Maxisch (1911-1991) e Friedrich DuTTenmatt (19211990). Entrambi sono stati anche romanzieri con una cospicua produzione in prosa. Probabilmente l'opera pi originale di Frisch il romanzo StiMerdel 1954, che narra un problema di identit, di perdita di identit, della sua graduale riassunzione: questa vicenda assurge a metafora della crisi interiore dell'uomo contemporaneo, che si riflette negli stessi esiti pi avanzati delle scienze, dalla psicoanalisi alla teoria della relativit. Anche gli altri racconti di Frisch si confrontano con la questione dell'identit smarrita che si coagula in raffigurazioni inquietanti narrate con una lingua trasparente, volutamente sobria, oggettiva. L'incertezza sul fondamento ontologico dell'identit, ma anche dei modelli di comportamento, si awerte anche nel teatro come dimostra il suo lavoro pi fortunato Biederrnannnd die Brand-

stifter (Biedermann e gli incendiari) del 1957 (rielaborato da un radiodramma del 1955). Gli incendiari, che il signor Biedermann si rifiuta di riconoscere, sono la metafora, negata, ma non per questo compresa e superata, delle forze della distruzione interiore e civile all'opera, che agiscono con la complicit e la vilt del borghese o della coscienza a seconda della chiave di interpretazione - sociologica o psicoanalitica - con cui si vuole leggere il dramma. Frisch stato anche un prolifico e vivace autore di diari che sono preziosi documenti di decenni di vita culturale e intellettuale. Il massimo drammaturgo del dopoguerra Durrenmatt, figlio di un pastore, animato da una intransigenza luterana e dal pessimismo teologico per cui il mondo insalvabile. La Svizzera diventa il bersaglio preferito della sua satira e delle sue grottesche parodie, che non risparmiano il perbenismo elvetico, sostanziato di ipocrisia e di dispombilit al compromesso come risulta dal suo dramma pi noto Der Besuch deraken Dame (La visita della vecchia signora) del 1956. Gullen, la piccola e decaduta citt svizzera, in cui si consuma la grottesca vendetta, raffigura la comfederazione elvetica, ma anche una metafora per la societ contemporanea dedita al profitto a qualunque costo, cos come la vecchia signora un personaggio che adombra il principio sovrumano del giustiziere demoniaco piuttosto che della giustizia. Questa ipostasi ricorre ambiguamente nelle sue opere teatrali, come pure nelle sue prose - perfette storie poliziesche che si possono interpretare come paradigmi teologici della punizione divina in terra. L'autore che meglio riassume le incertezze e le ambiguit della nuova Germania Botho Stn (1944), autore teatrale di successo e scrittore di prose e romanzi sperimentali come Der Junge Mann (Il giovane) del 19a4, un abile e liberissimo Bildungsroman, che riecheggia il Meister, con una sorprendente rivalutazione della specificit tedesca. La prosa di StrauB d voce a una nostalgia collettiva di protezione. che ha nel grembo materno la sua metafora universale. Ma questa 90 SloRIA DEL.,A LETTERATURA TEDESCA rassicurazione regressiva nell'atavico viene contraddeKa dalla glacialit della societ consumistica. Quando tutto perduto resta la lingua quale nuova dimora, una dimora unitaria per tutti i tedeschi. Tale tensione stata approfondita in ulteriori interventi successivi al crollo del muro di Berlino del 1989. n suo recente libro di prose Wohnen Dammem Lugen (Dimore, crepuscolo, menzogna) del 1994 conferma la funzione unificante, abitativa della lingua. LA LETTERATURA DELLA DDR Nella Germania Orientale - la zona occupata dai sovietici ed eretta nel 1949 a Repubbliea Demoeratiea Tedesea - si sostenne una ideale eontinuit eon la tradizione illuministiea, umanistiea, liberale e soeia-

lista, rappresentata dagli scrittori ehe dall'esilio seeglievano di tornare nella DDR. E in realt in molti operarono questa seelta sperando di contribuire alla creazione di uno stato tedeseo democratieo e soeialista. La delusione fu coeente, aleuni ripararono all'Ovest, altri si adeguarono, eontinuando a sperare. La vita letteraria della DDR stata all'inizio caratterizzata dall'attivit degli emigranti, tra cui Brecht e Anna Seghers. Solo gradatamente spuntarono le opere di una nuova generazione, segnata dalla guerra e dalla costruzione del nuovo sistema, con cui tentarono entusiasticamente di collaborare finch non dovettero riconoscere l'irreversibile carattere totalitario del regime. Il rapporto letteratura-politica, letteratura-dissenso traversa la storia di quei quarant'anni di intensa, appassionata vita letteraria. Tra i pi autentici poeti si distingue Johannes Bobrowski (1917-1965)con una lirica e una narrativa traversata da una ferita aperta rappresentata dalla sua origine di tedesco della Masuria, territorio di eolonizzazione germanica in cui i tedeschi erano i dominatori spietati. Questa eredit pesa come una colpa inespiabile sul poeta che la tematizza nelle sue opere. Uno serittore che si protende verso la nuova societ socialista Heiner Muller ( 1929)cresciuto alla scuola del Berliner Ensemble, da cui ha preso le distanze per passare da una drammaturgia della retorica antifascista a un teatro che si fosse posto ereativamente di fronte alle contraddizioni della soeiet della Repubblica. Costretto al silenzio, si era ritirato in una manipolazione dei materiali mitologiei, ereando suggestive maechine teatrali. Nella disintegrazione della trama, fa balenare, a mo' di paradigmatiche sequenze mitologiche l'essenza brutale e seducente del potere. Un altro autore del dissenso interno che si eonfrontato con il teatro, ma anche con la narrativa Volker Braun (1939), di origine operaia. Formatosi grazie alle possibilit eulturali fornite dalla Repubblica, coneentra la sua attenzione letteraria a raffigurare nei drammi e nei romanzi l'anaeronistiea e tremenda soprawivenza all'interno di un sistema di produzione collettivistico di modi di comportamento capitalistici, fondati sull'interesse e il tornaconto personali, su una spietata eompetitivit individuale. La eontraddizione nella cultura della DDR doveva esplodere clamorosamente nel 1976 con l'espulsione di Wolf Biermann (1936), uno dei rari autentici scrittori socialisti, che nel 1953 aveva scelto la Germania Orientale, che cominci a criticare aspramente per la mancanza di libero dibattito interno. Con la sua poesia, accompagnata dalla musiea, diventato uno dei pi noti chansonniers tedeschi. Molti scrittori espressero la loro solidariet e numerosi abbandonarono definitivamente l'ingrata patria. Tra costoro Gunter Kunert (nato a Berlino nel 1929 da madre ebrea); poeta dal linguaggio sobrio e disincantato alla Brecht, approfondisce il suo distacco dall'invadenza tecnologica attraverso una scrittura densamente metaforica, visiva, che contrappone la spontaneit del linguaggio quotidiano a quello ufficiale della

societ amministrata, che gli suggerisce un pungente scetticismo. Negli anni Cinquanta la DDR aveva tentato di riprodurre esperienze sovietiche attraverso il Bitterfelder Weg (la via di Bitterfeld), un programma rigidamente ideologico per cui gli scrittori dovevano entrare in fabbrica e gli operai descrivere letterariamente il loro lavoro. Nel 1961 Christa Reinig (1926) scrive un romanzoAnkunft im Alltag (Approdo nella quotidianit), che rovescia tale impostazione, scoprendo la realt semplice che circonda lo scrittore al di l di ogni imposizione ideologiea. Tale riflusso nel privato venne immediatamente interpretato eome una critica alla politica culturale del regime, che costrinse C. Reinig a riparare a Ovest. Della quotidianit, della semplicit ritrovata, della natura scrive Sarah Kirsch ( 1935)anehe lei riparata dopo il 1976 a Ovest: per lei l'idillio, beneh preeario e devastato, era ancora il luogo privilegiato dell'esperienza lirica e questa sua poesia della magia della natura era una cifrata polemica per raggiungere la lievit elegiaca che ha profondamente infuenzato i poeti della recente corrente della Neue Subjektivitat (Nuova soggettivit) nella Germania occidentale. La principale scrittrice della DDR Christa Wolf (1929). Scrittrice di grande respiro narrativo e con solide letture e preparazione, allieva di Anna Seghers, ma successivamente aperta al lirismo femminile della Bachmann, la Wolf autrice di Dergeteilte Himmel (Il cielo diviso) del 1963, che divenne il romanzo in cui si riconosceva una generazione, quella che aveva vent'anni alla costruzione del muro e dovette scegliere dove stare. La Wolf scelse la DDR, assumendo una posizione di dissenso. Il suo romanzo pi impegnato, Kindheitsmuster (Trama d'infanzia) del 1976, una sincera ricerca della colpa tedesca delle motivazioni della violenza, dell'autoritarismo tedesco con una interrogante rammemorazione del paesaggio interiore e poetico dell'infanzia, cosparso di mutilazioni, ma anche di simboli preziosi di genuina liricit. Il romanzo mitologico Kassandra del 1983 una presa di posizione a favore della pace minacciata e della sorte della donna, emarginata e discriminata dall'aggressivo sistema del potere maschile. Un altro autore che ha intrattenuto un dissenso dialettico, interlocutorio con il regime stato Christoph Hein (1944), che nel 1989 tent con la Wolf di salvare l'autonomia dell'esperimento socialista della DDR. I suoi romanzi tematizzano, con una suggestiva scrittura narrativa, I'isolamento, approntando modelli di resistenza individuale quale garanzia d'invulnerabilit psicologica, per altro sempre precaria. L'autore che ha pi profondamente elaborato l'esperienza storica della continuit del totalitarismo dal Terzo Reich al regime stalinista stato Uwe Johnson (1934-1984)autore di romanzi d'importanza epocale per la letteratura tedesca pi recente, come Mutma,~ungen uber Jakob (Congetture su Jakob), pubblicato nel 1959 a Ovest dove era riparato. la storia di un destino intertedesco, di una trama di incer-

tezza che accresce il sentimento di assoluto spaesamento spirituale in cui gettata una generazione con una pesante eredit di colpa e con nessuna prospettiva. La sua opera pi impegnativa la tetralogiaJahrestage.Aus dem Leben von Gesine Cresspahl (Anniversari. Dalla vita di Gesine Cresspahl), scritto dal 1970 al 1983un grande esperimento narrativo che utilizza i pi disparati artifici letterari (con il ricorso ai collage dai giornali) per ricostruire la microstoria di un anno della vita della protagonista. LA LETTERATURA AUSTRIACA DEL SECONDO NOVECENTO. Se la prima Repubblica austriaca (1918-38) era stata imposta dai vincitori contro la volont del popolo, la seconda Repubblica, sorta dalla sconfitta nazista, ha trovato un ampio consenso, risvegliando il sentimento di continuit con la grande tradizione culturale di Casa d'Austria. Durante il Terzo Reich i principali scrittori erano emigrati; solo un autentico poeta Josef Weinheber (1892-1945) aveva aderito al nazismo; si suicid all'entrata delle truppe sovietiche in Austria. La sua lirica ha un tratto profondamente tragico nel tentativo, anacronistico, di ripristinare un linguaggio dassico. Paradossalmente la sua poesia pi efficace quella minore, legata a una freschissima immersione nel dialetto viennese, nella quotidianit popolare. Anche per l'Austria il '45 non stato vissuto come l'anno zero, bens come il riaffiorare della pi autenticacultura austriaca, anche se il confronto con il nazismo segn l'opera del pi grande poeta di questo tempo: Paul Celan (pseudonimo di Paul Antschel, 1920-1970)culturalmente legato all'Austria: ebreo nato a Czernowitz in Bucovina, I'ultima citt universitaria asburgica. La sua esistenza definitivamente sconvolta dalla tragedia della persecuzione, dello sterminio della sua famiglia e della sua comunit da parte di brutali assassini, che parlavano la lingua della sua poesia. Il suo tedesco perde di consistenza; la logica crolla e fa affiorare simboli atroci e atavici di sofferenza, colta in visioni allucinanti, pervase di significati biblici, mutuati dalla cabala e dal chassidismo. La sua lirica, che aveva preso le mosse da Rilke, si trasforma nella poesia pi enigmatica e criptica che sia mai stata scritta in tedesco, avvicinandosi a quella di un'altra poetessa di origine ebraica Nelly Sachs (1891-1970)CUi fu legato da una profonda amicizia. Il traumatico rapporto con il passato (nella consapevolezza emblematica che Hitler era austriaco) sostanzia l'opera di Ingeborg Bachmann (1931-1973)nata a Klagenfurt e morta drammaticamente a Roma, eletta a sua seconda patria in una sorta di esilio culturale. La sua poesia e i suoi racconti sono momenti di una strenua ricerca di autenticit verso la vita, che possa riscattare l'essere umano dalla sua sudditanza verso il totalitarismo e il compiaciuto uso della violenza per la poetessa caratteristico della brutalit maschile. Thomas Bernhard (1931-1989)il principale narratore di lingua te-

desca del secondo 900, lascia un esperimento letterario - nei romanzi, racconti e nei drammi - in cui con una straordinaria, ostinata coerenza tende a sceverare i contenuti fragili dell'azione attraverso la prassi stilistica della reiterazione stifteriana. La recursivit assume una funzione di sospensione per incrementare la tensione e insieme per rendere assurda ogni aspettativa di un evento che non si verifica poich tutto si gi compiuto, ogni possibilit stata sprecata e non resta che il grottesco inventario della rovina. Sull'estrema soglia delI'esperienza appare la scrittura quale coercizione, quale rito effimero di liberazione che deve essere sempre reiterato. Questa tragicit dei percorsi labirintici dei suoi romanzi approda alla rammemorazione, a una precisa, maniacale rievocazione dell'infanzia quale luogo della prima violenza subita e della mutilazione originaria. L'altro romanziere austriaco famoso nei nostri giorni il prolifico PeterHandke (1942), che d il meglio di s nella rivisitazione di quella dimensione paesana, tramandataci dalla Dorfgeschichte, che una provincia letteraria umiliata dalla brutalit e dall'ottusit. Il racconto che parte dalla degradazione degli emarginati, degli asociali della provincia, devastata dall'irruzione consumistica, uno dei filoni narrativi pi cospicui nella recente narrativa austriaca come confermano i provocatori romanzi antipornografici di ElfriedeJelinek (1946) o quelli segnati da una cupa aggressivit di Franz Innerhofer (1944), come pure dello scrittore sudtirolese Joseph Zoderer (1935), che con il romanzo Die Walsche (L'italiana) ha raffigurato l'aggressivit dei comportamenti sociali dietro l'idilliaca patina dei paesaggi alpini. La scrittura di Handke conosce ulteriori perlustrazioni nelle province rarefatte della lingua letteraria. ancora una volta la classicit austriaca di Stifter che sostiene i suoi esperimenti tesi a contemplare e rinominare gli oggetti in un archivio di significati ravvivati dalla prassi poetica. Un universo sostanziato di elementi letterari e culturali la remota deriva di una scrittura raffinata, costruita con materiali tradizionali spregiudicatamente assemblati da Christoph Ransmayr (1954) nello strabiliantepastiche postmoderno Die letzte Welt (Il mondo estremo) del 1988, in cui l'antichit si contamina con la tecnologia pi avanzata in una caoticit di segni, rumori, interventi e interpolazioni destinati con il loro accatastamento ad approdare alla complessit inteTpretativa del nostro tempo. Se Ransmayr illustra i pi remoti sviluppi di una civilt aggrovigliata di contraddizioni, dalla perifeTia austriaca un'altra stoTia stata narrata da Robert Schneider (1961) in Schlafes Bruder (Fratello del sonno, 1992, in italiano: Le voci del mondo, 1994), in cui Canetti ravvisava la rinascita della letteratura tedesca. un romanzo romantico: con questa scrittura sentimentale, paradossale e ironica il Romanticismo tedesco si reincaTna in un racconto apparentemente fuorilel tempo e della storia e che lotta col tempo e la storia per Titrovare la parola

e l'ascolto, in un dialogo con le esperieTIze fondanti della letteratura: l'amore e la morte. FINE.