Sei sulla pagina 1di 10

Le poesie di Pasquale Creazzo

LI VERI OPPORTUNISTI
Nci s l'opportunisti p natura, Cuntenti tutti senza vucch'amra; Tutti li leggi accettan'a bon'ura... Di cnnari o farna, s crisra. Tra la gnuranza e la vigliaccaria Si mbrdanu e nun sannu mai pecch; Di capizza tirti a la campa, Abbscianu la testa e dinnu: s...

Ma poi nci s l'opportunisti veri Chi cangianu culuri p dinri: Di chisti (malanova mu li peri) Cui noi li ncppa...s'havi di guardri.

P cchisti, non c' credu e nn parttu, Si jttanu, undi nce di profittri: Trdinu a Crstu nChiesa e ad ogni stu Jocandulu c carti di pezzari!...

Di li difetti, nc c l'havi tutti, E chisti s li grandi farabutti!,

E se nsiami su menzi ntilligenti, S li cchi pernicisi dilinquenti!...

Dio mu ndi scanza, di sti mulinari!... Se Cristu ncruci tornara appilri,

C Juda accordarianu lu parttu, E c la spnza nci darrianu actu...

I veri opportunisti ) Ci sono opportunisti per natura, / Contenti tutti senza bocc'amara; / Tutte le leggi accettano senza fiatare... / Di cenere o farina, sono setaccio. // Tra l'ignoranza e la vigliaccheria / Si assoggettano e no sanno mai perch; / Tirati per la cavezza alla radura, / Abbassano la testa e dicono, s... / Ma poi ci sono gli opportunisti veri / che mutano pelle per danaro: / Di questi (che la cattiva notizia li faccia perire) / Chi di noi li incrocia meglio se ne guardi. // Per costoro non esiste n credo partito, / Si butano, ovunque c' da profittare: / Tradiscono Cristo in chiesa e in ogni luogo, / Giocandoselo con carte da cenciaiolo!... // Di difetti, c' chi li ha tutti, / E questi sono i grandi farabutti!, / E se nonsiamai sono per met intelligenti, / Sono i pi perniciosi delinquenti!...// Dio ci guardi da questi cervi volanti (mugnai)!... / Se cristo i croce tornasse a lamentarsi, // Con Giuda si metterebbero d'accordo, / E con la spugna gli darebbero aceto...

ARSURA

E quantu, quantu gui ntra sta m vita! Diquand'escia la raku penita! Fui condanntu comu la munta: Posa no ndppi mai, mija jornta!

Jocata storta fu la m partita, Di chija ceca Sorti, disgraziata... Orfanu, stranitu, senza mta, Mbatta sempri sdarrpi a la m strata!

Cumu chiji a lu limbi cundanntu, Non trovu jazzu mai ntra nniu stu... Di paci o di riposu s assittu.

L'urtimi jorna, armnu, ndisturbtu, Vorra nu passu mpci ) di Rimitu ) Ntra nna tna di voscu, disultu;

E j, ) Morti;... ) vorra mu ti combitu, mu ti sbruffju: frr...l'urtimu kjtu!...

Arsura ) E quanti, quanti guai in questa mia vita! / Da quando sono nato la trascino piena di pene! / Fui condaannato come la moneta: / Non ho mai posa, mia giornata! // Giocata sbagliata fu la mia partita, / Di quella cieca Sorte, disgraziata... / Orfano, straniato, senza meta, / Mi sono imbattuto sempre in dirupi lungo il mio cammino! // Come quelli condannati al limbo, / Non trovo mai giaciglio in nessun posto!... / Di pace o di riposo sono assetato. // Gli ultimi giorni, almeno, indisturbato, / Vorrei trascorrerli in pace ) da Eremita ) / In una tana di bosco, desolato; // E l, ) Morte; ... ) vorrei invitarti, / E grugnirti: frr...l'ultimo fiato!

LA CIMICIA
Fti, cchi ca fetssi lu pitsu... vi mpsta mu stuppti vcca e nsu: ) se mzzeca vi fci nu persu, se schitta, di nosa veni lu scsu!...

Mla vidta ch'avi!... schiffsa: ) chitta, e c testa vscia, sta riprsa m'arrcchia, e quandu poi ) sta porcarsa ) silenziu senti, crri tsa tsa,

e gra undi nc' prppa mu l'annsa; e non risptta schitta o frsca spsa!... E arriva ntra l'arcchia mu fa csa, sta fcci di rruffina scrianzsa!

S'aggrppa ntra li crni, e lggia sca, fin'a chi s'nchia quantu na vissica; ma quandu cedi poi, nc' la marca: ) Pri c vi passru c l'ardca!...

E avgghia pemmu sni la chitrra, m'azzppi l'unghij finu ntra la srra; la cardaca non pssa, e sgrra e sgrra... senti rfrscu se lu sngu sbrra!

Ed civli pre, la brignla;... jarra cercandu li ltti di gla... snti lu kjvru frscu di lenzla,

undi la mgghiu crni dormi e scila.

Ntra Marzu ha mu si fa la medicIna di morti e non mu dssa vta sana: Acqua gugghita e potss'alcalna, mu nci struggti l'ova ntra la tana.

Facitinclla puru na passta d'oghiu petrogliu mu mri arraggita!

La cimicia ) Puzzi, pi puzzolente della puzzola... / vi impesta se non tappate bocca e naso: ) / se morde vi fa un buco, / se schiatta, per la nausea viene il vomito!... // Che brutto aspetto ha!... schifosa: ) / grassa, con la testa piatta, quest'afflitta / mi allerta le orecchie, e quando poi ) questa porcacciona ) / avverte il silenzio corre dritta dritta, / e gira dove c' polpa per annusare; / e non rispetta zitella o giovane sposa!... / Ed entra nell'orecchia e mette casa, / questa faccia di ruffiana scostumata! // Si aggrappa alle carni, e leggermente succhia, / fino a che si riempie quanto una vescica; / ma quando poi smette, resta la poltiglia: ) Sembra vi sia passata l'ortica!... // E hai voglia di suonare la chitarra, / conficca le unghie in profondo nella carne; / il pizzicore non passa, e lacera e lacera... / sente refrigerio se il sangue sgorga! // Ed civile anche, la giovinetta (pomposa);... / si muove cercando i letti di gala,... / gode dell'odore fresco delle lenzuola, / dove la miglior carne dorme e sciala. // In Marzo bisogna fare la medicina / di morte per non lasciare vita sana: / Acqua bollita e potassio alcalino, / per distruggerle le uova nella tana. // Fatele anche una passata / d'olio di petrolio per farla morire arrabbiata.

TOMBE
Pasquale Creazzo 1923

A san Dimitri, ntra la scrpa chi fici lu casceri, Io vranchijava jendu a labbuzzni: A tempi antichi avia li mei penseri. Guardandu strci rrtti c mattni. Per ogni tantu, nterra mi ngrugnva. Mu smcciu corchi pezzu, chi scegghjiva, E destru destru, scnzu lappartva, Parlandu sulu; c nuju sentiva, Parlava c li Greci e li Romani, C genti Osca o puro c lAusni; Parlava c lArcichi e Cristini; C rrazza Bruzia e puru c li coni Parlava c li strci e li mattni, E nci dica: C sapi quali mni, Migghira danni arrtu ntegulni Vi frabicru, nvi nvi e sni; E c amarizza e tennara funzoni Vi msaru p jzzu a crni Omni ! Quantu bellzzi, quanagenti bni, Di tempi religiusi e di pagni Posru ntra chisturni di mattuni, Ntra cchsti garri rrutti p sti chini ? Quantu rispettu avanu li perzni Di lomu mrtu a tempi di pagni ! M scssanu li terri c zappni E rrppinu tambta li cristini ! Istranu lossa, ammenza sti tifni, Di lomu, comu fssaru di cni !

E ncennu li Spettri e lIntendenti, Mu srvanu lantchi monumnti ! Quantu contrstu tra lanticht E la moderna nostra civirt ! Cus parlandu, mpedi o a labbuzzni, Fisstu mpundu di li m pensri, Quandu, ntrestta, supannu sentri Sentu muzzuliri dd perzni: -Don Pascalnu pcciu, hannu ragni; Vci cogghindu pezza di mattni ! Mi voti, nci arrida, malluntannza E dissi: Oh! Quant bella la gnurnza!

Nel fondo San Demetrio degli eredi Galluzzo per altro scasso di vigna, altro macello nellanno 1923! Quando accompagnato da mia figlia Alba mi recai sul luogo il macello delle reliquie era anche avvenuto. Sparsi sul terreno spianato per le piantagioni delle viti, e fra mucchi di rottami appartati: pezzi di sarcofaghi ossa e teschi umani, rottami minuti di vasi in diverse forme; scola minestra con alla base lappoggio, lacrimarii ed altro. Per il ricordo storico del luogo, mi accontentai di raccattare i meno minuscoli di quei frammenti. Il colono Macr Domenico fu Saverio, li presente, mi rifer che in un sarcofago di creta si era trovato un grosso piede di statua ed un cuore di tufo. Me lindic fra un cumulo di pietre esumate dagli dagli scavi. Il piede era invece un arma preistorica in pietra levigata. Laltro era veramente un tufo a forma di cuore. Luno e laltro erano anche rotti in pi parti. Certamente erano stati collocati nel sarcofago, quali simboli di una precedente civilt. Alcuni contadini che spiavano la mia raccolta, da un fondo sovrastante mi presero per pazzo, donde la mia poesia folkloristica.