Sei sulla pagina 1di 53

N0PHA

EuP0PEA
Pag|ra l
u|l E| lS0 10211:2008
u|l
R|produz|ore v|elala. Tull| | d|r|ll| soro r|serval|. |essura parle de| preserle docurerlo
puo essere r|prodolla o d|llusa cor ur rezzo qua|s|as|, lolocop|e, r|crol||r o a|lro, serza
|| corserso scr|llo de||'u|l.
WWW.ur|.cor
uN|
Ente Naz|ona|e |ta||ano
d| un|f|caz|one
V|a Sarr|o, 2
2013/ V||aro, lla||a
uN| EN |$0
10211
Lu0Ll0 2008
Pont| term|c| |n ed|||z|a
F|uss| term|c| e temperature superf|c|a||
6a|co|| dettag||at|
T|erra| or|dges |r ou||d|rg corslrucl|or
leal l|oWs ard surlace lerperalures
0ela||ed ca|cu|al|ors
La norma definisce le specifiche dei modelli geometrici 3-D e 2-D
di un ponte termico, ai fini del calcolo numerico di:
- flussi termici, ai fini di determinare le dispersioni termiche totali
di un edificio o di una sua parte;
- temperature minime superficiali, ai fini di valutare il rischio di
condensazione superficiale.
La norma include i limiti del modello geometrico e le sue suddivisioni,
le condizioni limite ed i valori termici associati da utilizzare.
TE$T0 |N0LE$E E |TAL|AN0
La presente norma la versione ufficiale in lingua inglese e italiana
della norma europea EN ISO 10211 (edizione dicembre 2007).
La presente norma sostituisce la UNI EN ISO 10211-1:1998 e la
UNI EN ISO 10211-2:2003.
ICS 91.120.10
Versione bilingue
dellaprile 2010
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

This European Standard was approved by CEN on


CEN members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving
this European Standard the status of a national standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references
concerning such national standards may be obtained on application to the CEN Management Centre or to any CEN member.
This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language made by
translation under the responsibility of a CEN member into its own language and notified to the CEN Management Centre has
the same status as the official versions.
CEN members are the national standards bodies of Austria, Belgium, Bulgaria, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia,
Finland, France, Germany, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Italy, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Malta, Netherlands,
Norway, Poland, Portugal, Romania, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.
u|l Pag|ra lll
u|l E| lS0 10211:2008
EUROPEAN COMMITTEE FOR STANDARDIZATION
COMIT EUROPEN DE NORMALISATION
EUROPISCHES KOMITEE FR NORMUNG
Management Centre: rue de Stassart, 36 B-1050 Brussels
EUROPEAN STANDARD
NORME EUROPENNE
EUROPISCHE NORM
2007 CEN All rights of exploitation in any form and by any means reserved worldwide
for CEN national Members.
English version
EN ISO 10211
December 2007
Supersedes
EN ISO 10211-1:1995,
EN ISO 10211-2:2001
lCS 91.120.10
T|erra| or|dges |r ou||d|rg corslrucl|or - leal l|oWs ard surlace lerperalures -
0ela||ed ca|cu|al|ors (lS0 10211:200/)
Porls l|err|ques dars |es ol|rerls - F|ux l|err|ques el
lerpralures superl|c|e||es - Ca|cu|s dla|||s
(lS0 10211:200/)
wrreorc|er |r loc|oau - wrreslrre urd
0oerl|c|erlerperalurer - 0ela||||erle 6erec|rurger
(lS0 10211:200/)
7 December 2007.
Ref. No. EN ISO 10211:2007: E
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

|N0|6E
u|l Pag|ra V
u|l E| lS0 10211:2008
PPEHE$$A 2
|NTP00uZ|0NE 4
1 $60P0 E 6AHP0 0| APPL|6AZ|0NE 4
2 P|FEP|HENT| N0PHAT|V| 4
3 TEPH|N|, 0EF|N|Z|0N|, $|H0L|, uN|TA 0| H|$uPA E PE0|6| o
3.1 Terr|r| e del|r|z|or|................................................................................................................................. o
l|gura 1 Vode||o georelr|co 3-0 cor c|rque e|ererl| |alera|| 3-0 ed ur e|ererlo cerlra|e 3-0........... 10
l|gura 2 Sez|or| lrasversa|| deg|| e|ererl| |alera|| 3-0 |r ur rode||o georelr|co 3-0 lrallalo
core rode||| georelr|c| 2-0 ................................................................................................................ 12
l|gura 3 Eserp|o d| ur rode||o georelr|co 3-0 |r cu| soro ev|derz|al| | p|ar| coslrull|v| ................ 14
l|gura 4 Eserp|o d| ur porle lerr|co d| r|rore |rporlarza c|e da or|g|re ad ur l|usso lerr|co
lr|d|rers|ora|e 3-0, |rcorporalo |r uro slralo quas| orogereo .............................................. 14
3.2 S|roo|| e ur|la d| r|sura.................................................................................................................... 1o
3.3 Ped|c| ............................................................................................................................................................ 1o
4 PP|N6|P| 1o
5 H00ELL0 0ELLA 60$TPuZ|0NE E0|L|Z|A 18
5.1 S|sler| de||e d|rers|or|..................................................................................................................... 18
5.2 Rego|e per |a del|r|z|ore de| rode||o......................................................................................... 18
l|gura 5 P|ar| d| s|rrelr|a c|e possoro essere ul|||zzal| core p|ar| d| lag||o...................................... 20
l|gura o Vode||o georelr|co 3-0 corlererle due porl| lerr|c|.................................................................. 20
l|gura / Pos|z|ore de| p|ar| d| lag||o ad a|rero c
r|r
da||'e|ererlo cerlra|e |r ur rode||o
georelr|co 2-0 .......................................................................................................................................... 22
l|gura 8 Eserp|o d| ura coslruz|ore cor porl| lerr|c| ||rear| co||ocal| a d|slarze l|sse, l
w
, |r cu|
soro |||uslral| | p|ar| d| s|rrelr|a c|e possoro essere ul|||zzal| core p|ar| d| lag||o.............. 22
prospello 1 Pos|z|ore de| p|ar| d| lag||o re| lerrero.............................................................................................. 24
l|gura 9 l||uslraz|ore d| p|ar| d| lag||o per || rode||o georelr|co 3-0 c|e |rc|ude || lerrero............. 2o
l|gura 10 l||uslraz|ore d| p|ar| d| lag||o per || rode||o georelr|co 2-0 c|e |rc|ude || lerrero............. 2o
5.3 Cord|z|or| per serp||l|care || rode||o georelr|co .............................................................. 28
l|gura 11 Vod|l|ca de||a pos|z|ore de||a superl|c|e |rlerra o eslerra ......................................................... 30
l|gura 12 0uallro poss|o|||la per r|pos|z|orare |'|rlerlacc|a lra lre o|occ|| d| raler|a|e |r lurz|ore
de| rapporlo lra |e |oro cordull|v|la lerr|c|e, .............................................................................. 32
prospello 2 Cord|z|or| spec|l|c|e per |rc|udere porl| lerr|c| ||rear| o purlua|| |r uro slralo quas|
orogereo ................................................................................................................................................... 3o
l|gura 13 Cord|z|or| spec|l|c|e per |rc|udere porl| lerr|c| ||rear| e purlua|| |r uro slralo quas|
orogereo, per | grupp| de| prospello 2 ............................................................................................ 38
0AT| |N|Z|AL| 40
o.1 0erera||la................................................................................................................................................... 40
o.2 Cordull|v|la lerr|c|e de| raler|a|| ............................................................................................... 42
o.3 Res|slerze superl|c|a|| ........................................................................................................................ 42
o.4 Terperalure ||r|le................................................................................................................................ 42
prospello 3 Terperalure ||r|le .................................................................................................................................... 42
o.5 Cordull|v|la lerr|ca deg|| slral| quas| orogere| .................................................................. 42
o.o Cordull|v|la lerr|ca equ|va|erle de||e |rlercaped|r| d'ar|a............................................. 42
o./ 0elerr|raz|ore de||a lerperalura |r ura slarza ad|acerle ror r|sca|dala.......... 44
I HET000 0| 6AL60L0 44
/.1 So|uz|ore lecr|ca................................................................................................................................... 44
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra Vll
u|l E| lS0 10211:2008
/.2 Rego|e d| ca|co|o.................................................................................................................................... 44
8 0ETEPH|NAZ|0NE 0E| 60EFF|6|ENT| 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60 E
0ELLE P0PTATE TEPH|6hE 0A 6AL60L| 3-0 4o
8.1 0ue lerperalure ||r|le, rode||o ror sudd|v|so.................................................................... 4o
8.2 0ue lerperalure ||r|le, rode||o sudd|v|so.............................................................................. 4o
l|gura 14 lrvo|ucro ed|||z|o sudd|v|so |r rode||| georelr|c| 3-0, 2-0 e 1-0 ............................................. 4o
8.3 P|u d| due lerperalure ||r|le........................................................................................................... 48
9 6AL60L| uT|L|ZZAN00 LE TPA$H|TTANZE TEPH|6hE L|NEAP| E
PuNTuAL| 0A 6AL60L| 3-0 48
9.1 Ca|co|o de| coell|c|erle d| accopp|arerlo lerr|co ............................................................. 48
9.2 Ca|co|o de||e lrasr|llarze lerr|c|e ||rear| e purlua||........................................................ 50
10 0ETEPH|NAZ|0NE 0EL 60EFF|6|ENTE 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60,
0ELLA P0PTATA TEPH|6A E 0ELLA TPA$H|TTANZA TEPH|6A
L|NEAPE 0TTENuT| 0A 6AL60L| 2-0 50
10.1 0ue lerperalure ||r|le........................................................................................................................ 50
10.2 P|u d| due lerperalure ||r|le........................................................................................................... 50
10.3 0elerr|raz|ore de||a lrasr|llarza lerr|ca ||reare ............................................................. 52
10.4 0elerr|raz|ore de||a lrasr|llarza lerr|ca ||reare per g|urz|or| parele/pav|rerlo....... 52
l|gura 15 Vode||o per || ca|co|o de||a lrasr|llarza lerr|ca ||reare de||a g|urz|ore parele/pav|rerlo........... 54
l|gura 1o Vode||o per || secordo ca|co|o rurer|co da ul|||zzare per |'opz|ore 6 ................................... 54
10.5 0elerr|raz|ore de| coell|c|erle d| scaro|o lerr|co per|od|co per pav|rerl|
corlrolerra ................................................................................................................................................. 5o
11 0ETEPH|NAZ|0NE 0ELLA TEHPEPATuPA $uLLA $uPEPF|6|E |NTEPNA 5o
11.1 0elerr|raz|ore de||a lerperalura su||a superl|c|e |rlerra ollerula da ca|co|| 3-0......... 5o
11.2 0elerr|raz|ore de||a lerperalura su||a superl|c|e |rlerra ollerula da ca|co|| 2-0......... 58
12 0AT| 0| |N0PE$$0 E 0| u$6|TA o0
12.1 0al| d| |rgresso ....................................................................................................................................... o0
12.2 0al| d| usc|la............................................................................................................................................. o0
APPEN0|6E A VAL|0AZ|0NE 0E| HET00| 0| 6AL60L0 o4
(rorral|va)
l|gura A.1 Caso d| r|ler|rerlo d| prova 1: corlrorlo cor |a so|uz|ore ara||l|ca........................................ o4
l|gura A.2 Caso d| r|ler|rerlo d| prova 2: scaro|o lerr|co o|d|rers|ora|e.............................................. oo
prospello A.1 0escr|z|ore de| rode||o per || caso 2 ................................................................................................. oo
prospello A.2 R|su|lal| de||a lerperalura per || caso 2............................................................................................. o8
l|gura A.3 Caso d| r|ler|rerlo d| prova 3: rode||o georelr|co lr|d|rers|ora|e........................................ o8
prospello A.3 0escr|z|ore de| rode||o per || caso 3 ................................................................................................. /0
prospello A.4 R|su|lal| de||a lerperalura per || caso 3............................................................................................. /2
prospello A.5 Coell|c|erl| d| accopp|arerlo lerr|co per || caso 3....................................................................... /2
prospello A.o 0escr|z|ore de| rode||o per || caso 4 ................................................................................................. /4
prospello A./ So|uz|ore rurer|ca per || caso 4 ......................................................................................................... /4
l|gura A.4 Caso d| r|ler|rerlo d| prova 4: oarra d'acc|a|o c|e perelra uro slralo |so|arle .................. /4
APPEN0|6E E$EHP| 0| 0ETEPH|NAZ|0NE 0ELLA TPA$H|TTANZA TEPH|6A
(|rlorral|va) L|NEAPE E PuNTuALE /8
l|gura 6.1 Caso 1: corporerle ed|||z|o 3-0 c|e separa due aro|erl|........................................................ 80
l|gura 6.2 Caso 2: corporerle ed|||z|o 3-0 c|e separa lre aro|erl| .......................................................... 82
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra lX
u|l E| lS0 10211:2008
APPEN0|6E 6 0ETEPH|NAZ|0NE 0E| VAL0P| 0EL 60EFF|6|ENTE 0| A660PP|AHENT0
(|rlorral|va) TEPH|60 E 0EL FATT0PE 0| P0N0EPAZ|0NE 0ELLA TEHPEPATuPA
PEP P|u 0| 0uE TEHPEPATuPE L|H|TE 84
prospello C.1 Sc|era per || ca|co|o de| va|or| d| L, re| caso d| r lerperalure a| ||r|le ............................... 84
prospello C.2 Sc|era d| preserlaz|ore de| va|or| d| L, re| caso d| r lerperalure a| ||r|le........................ 8o
prospello C.3 Sc|era per || ca|co|o de| va|or| , re| caso d| r lerperalure ||r|le......................................... 8o
prospello C.4 Sc|era d| preserlaz|ore de| va|or| d| re| caso d| r lerperalure ||r|le ............................. 8o
l|gura C.1 Rappreserlaz|ore sc|eral|ca de| pav|rerlo su |rlercaped|re ............................................... 90
prospello C.5 Cord|z|or| d| rode||az|ore..................................................................................................................... 90
|L|00PAF|A 94
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 2
u|l E| lS0 10211:2008
PPEHE$$A
Il presente documento (EN ISO 10211:2007) stato elaborato dal Comitato Tecnico
ISO/TC 163 "Prestazioni termiche e consumi di energia nell'ambiente costruito", in
collaborazione con il CEN/TC 89 "Prestazioni termiche degli edifici e dei componenti
edilizi" la cui segreteria affidata al SIS.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o
mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notifica di adozione, entro giugno
2008, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro giugno 2008.
Si richiama l'attenzione sulla possibilit che alcuni degli elementi del presente documento
possono essere soggetti a diritti di brevetto. Il CEN (e/o il CENELEC) non deve(devono)
essere ritenuto(i) responsabile(i) di alcuni o tutti tali dirittti di brevetto.
Il presente documento sostituisce la EN 10211-1:1995, EN ISO 10211-2:2001.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei
seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio,
Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda,
Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia,
Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna,
Svezia, Svizzera e Ungheria.
N0T|F|6A 0| A00Z|0NE
Il testo della ISO 10211:2007 stato approvato dal CEN come EN ISO 10211:2007
senza alcuna modifica.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 4
u|l E| lS0 10211:2008
|NTP00uZ|0NE
I ponti termici, generalmente localizzati in corrispondenza delle giunzioni tra gli elementi
edilizi o dove la composizione della struttura edilizia si modifica, producono due effetti
rispetto a quelle prive di ponti:
a) una modifica della portata termica, e
b) una modifica della temperatura interna superficiale.
I procedimenti per il calcolo dei flussi termici e delle temperature superficiali, bench
siano simili tra di loro, non sono identici.
Generalmente la presenza di ponti termici determina flussi termici tridimensionali o
bidimensionali, che possono essere determinati con precisione utilizzando metodi
numerici di calcolo dettagliati, come quelli descritti nella presente norma internazionale.
In molte applicazioni i calcoli numerici, basati sulla rappresentazione bidimensionale dei
flussi termici, forniscono risultati di accuratezza adeguata, particolarmente quando
lelemento costruttivo uniforme in una direzione.
Una discussione degli altri metodi per determinare gli effetti dei ponti termici fornita nella
ISO 14683.
La ISO 10211 stata pubblicata originariamente in due parti, che affrontano
separatamente calcoli tridimensionali e bidimensionali.
1 $60P0 E 6AHP0 0| APPL|6AZ|0NE
La presente norma internazionale definisce le specifiche di un modello geometrico
tridimensionale e bidimensionale di un ponte termico per il calcolo numerico di:
- flussi termici, per valutare le dispersioni termiche totali di un edificio o di una sua
parte;
- temperature minime superficiali per valutare il rischio di condensazione superficiale.
Queste specifiche comprendono la definizione dei limiti geometrici e le suddivisioni del
modello, le condizioni termiche al contorno, i valori termici e le relazioni da utilizzare.
La presente norma internazionale si basa sui seguenti presupposti:
- tutte le propriet fisiche sono indipendenti dalla temperatura;
- non ci sono sorgenti di calore allinterno dellelemento edilizio.
La presente norma internazionale pu essere utilizzata anche per ricavare le trasmittanze
termiche lineari e puntuali ed i fattori di temperatura superficiale.
2 P|FEP|HENT| N0PHAT|V|
I documenti richiamati di seguito sono indispensabili per lapplicazione del presente
documento. Per quanto riguarda i riferimenti datati, si applica esclusivamente ledizione
citata. Per i riferimenti non datati vale lultima edizione del documento a cui si fa
riferimento (compresi gli aggiornamenti).
ISO 6946 Building components and building elements - Thermal resistance
and thermal transmittance - Calculation method
ISO 7345 Thermal insulation - Physical quantities and definitions
ISO 13370:2007 Thermal performance of buildings - Heat transfer via the ground -
Calculation methods
ISO 13788 Hygrothermal performance of building components and building
elements - Internal surface temperature to avoid critical surface
humidity and interstitial condensation - Calculation methods
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra o
u|l E| lS0 10211:2008
3 TEPH|N|, 0EF|N|Z|0N|, $|H0L|, uN|TA 0| H|$uPA E PE0|6|
3.1 Term|n| e def|n|z|on|
Ai fini del presente documento si applicano i termini e le definizioni di cui alla ISO 7345 e
i termini e le definizioni seguenti:
3.1.1 ponte term|co: Parte dell'involucro edilizio dove la resistenza termica, altrove uniforme,
cambia in modo significativo per effetto della compenetrazione totale o parziale di
materiali con conduttivit termica diversa nellinvolucro edilizio, e/o della variazione dello
spessore della costruzione, e/o delle differenze tra le aree interna ed esterna, come
avviene per esempio in corrispondenza delle giunzioni tra parete, pavimento e soffitto.
3.1.2 ponte term|co ||neare: Ponte termico con una sezione trasversale uniforme lungo uno dei
tre assi ortogonali.
3.1.3 ponte term|co puntua|e: Ponte termico localizzato la cui influenza pu essere
rappresentata mediante una trasmittanza termica puntuale.
3.1.4 mode||o geometr|co tr|d|mens|ona|e, mode||o geometr|co 3-0: Modello geometrico desunto
dai piani architettonici tale che, per ciascuno degli assi ortogonali, la sezione trasversale,
perpendicolare a quella dellasse, varia entro il limite del modello.
Vedere figura 1.
3.1.5 e|emento |atera|e tr|d|mens|ona|e, e|emento |atera|e 3-0: Parte di un modello geometrico
3-D che, quando preso in esame separatamente, pu essere rappresentata con un
modello geometrico 2-D.
Vedere figure 1 e 2.
3.1. e|emento centra|e tr|d|mens|ona|e, e|emento centra|e 3-0: Parte di un modello geometrico
3-D che non appartiene a un elemento laterale 3-D.
Vedere figura 1.
|ola ur e|ererlo cerlra|e e rappreserlalo red|arle ur rode||o georelr|co 3-0.
3.1.I mode||o geometr|co b|d|mens|ona|e, mode||o geometr|co 2-0: Modello geometrico desunto
dai disegni architettonici tale che, per uno degli assi ortogonali, la sezione trasversale
perpendicolare a quellasse, non si modifica entro i limiti del modello.
Vedere figura 2.
|ola ur rode||o georelr|co 2-0 s| ul|||zza per | ca|co|| o|d|rers|ora||.
3.1.8 e|emento |atera|e b|d|mens|ona|e, e|emento |atera|e 2-0: Parte di un modello geometrico
2-D che, quando preso in esame separatamente, consiste in piani, strati di materiali
paralleli.
3.1.9 e|emento centra|e b|d|mens|ona|e, e|emento centra|e 2-0: Parte di un modello geometrico
2-D che non un elemento laterale 2-D.
3.1.10 p|an| costrutt|v|: Piani che in un modello 3-D o 2-D separano materiali differenti, e/o il
modello geometrico dal resto della costruzione, e/o gli elementi laterali dallelemento
centrale.
Vedere figura 3.
3.1.11 p|an| d| tag||o: Piani costruttivi che sono un limite del modello geometrico 3-D o 2-D,
separandolo dal resto della costruzione.
Vedere figura 3.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 8
u|l E| lS0 10211:2008
3.1.12 p|an| aus|||ar|: Piani che in aggiunta ai piani costruttivi, dividono il modello geometrico in
un numero di celle.
3.1.13 strato quas|-omogeneo: Strato costituito da due o pi materiali di conduttivit termica
differente, ma che pu essere considerato come uno strato omogeneo con una
conduttivit termica equivalente.
Vedere figura 4.
3.1.14 fattore d| temperatura su||a superf|c|e |nterna: Differenza tra la temperatura della superficie
interna e temperatura esterna divise per la differenza delle temperature interna ed
esterna, calcolata con una resistenza superficiale interna R
si
.
3.1.15 fattore d| ponderaz|one de||a temperatura: Fattore di ponderazione che specifica linfluenza
relativa delle temperature degli ambienti termici differenti, sulla temperatura superficiale,
nel punto considerato.
3.1.1 temperatura ||m|te esterna: Temperatura dellaria esterna, nellipotesi che la temperatura
dellaria sia uguale alla temperatura radiante vista dalla superficie.
3.1.1I temperatura ||m|te |nterna: Temperatura operante, considerata ai fini della presente norma
internazionale come valore medio aritmetico della temperatura dellaria interna e della
temperatura media radiante di tutte le superfici che delimitano lambiente interno.
3.1.18 coeff|c|ente d| accopp|amento term|co: Portata termica per differenza di temperatura tra i
due ambienti, che sono termicamente collegati mediante la costruzione considerata.
3.1.19 trasm|ttanza term|ca ||neare: Portata termica in regime stazionario diviso per la lunghezza
e la differenza di temperatura tra gli ambienti posti a ciascun lato del ponte termico.
|ola La lrasr|llarza lerr|ca ||reare e ura grardezza c|e descr|ve |'|rl|uerza de| porle lerr|co ||reare su| l|usso
lerr|co lola|e.
3.1.20 trasm|ttanza term|ca puntua|e: Portata termica in regime stazionario diviso per la
differenza di temperatura tra gli ambienti posti a ciascun lato del ponte termico.
|ola La lrasr|llarza lerr|ca purlua|e e ura grardezza c|e descr|ve |'|rl|uerza de| porle lerr|co purlua|e su|
l|usso lerr|co lola|e.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 10
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 1 Hode||o geometr|co 3-0 con c|nque e|ement| |atera|| 3-0 ed un e|emento centra|e 3-0
Legenda
F1, F2, F3, F4, F5 Elementi laterali 3-D
C Elemento centrale 3-D
Nota Gli elementi laterali 3-D hanno sezioni laterali costanti perpendicolari ad almeno uno degli
assi; lelemento centrale 3-D la parte rimanente.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 12
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 2 $ez|on| trasversa|| deg|| e|ement| |atera|| 3-0 |n un mode||o geometr|co 3-0 trattato come mode|||
geometr|c| 2-0
Legenda
F2, F3, F4, F5 Elementi laterali 3-D
C Elemento centrale 3-D
Nota Gli elementi da F2 a F5 si riferiscono alla figura 1.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 14
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 3 Esemp|o d| un mode||o geometr|co 3-0 |n cu| sono ev|denz|at| | p|an| costrutt|v|
Legenda
C
x
Piani costruttivi perpendicolari allasse x
C
y
Piani costruttivi perpendicolari allasse y
C
z
Piani costruttivi perpendicolari allasse z
Nota I piani di taglio sono indicati con le frecce di dimensione maggiore; i piani che separano gli
elementi laterali dallelemento centrale sono indicati con un simbolo racchiuso in un cerchio.
l|gura 4 Esemp|o d| un ponte term|co d| m|nore |mportanza che da or|g|ne ad un f|usso term|co
tr|d|mens|ona|e 3-0, |ncorporato |n uno strato quas| omogeneo
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 1o
u|l E| lS0 10211:2008
3.2 $|mbo|| e un|ta d| m|sura
3.3 Ped|c|
4 PP|N6|P|
In una costruzione edilizia il calcolo della distribuzione della temperatura all'interno e del
flusso termico che l'attraversa pu essere sviluppato solamente se sono noti i dettagli
costruttivi e le condizioni al contorno. A tal fine il modello geometrico suddiviso in un
numero di celle di materiale adiacenti, ciascuna con una conduttivit termica uniforme. I
criteri che devono essere soddisfatti per definire il modello, sono indicati nel punto 5.
Nel punto 6 sono fornite le istruzioni per la determinazione dei valori di conduttivit
termica e delle condizioni al contorno.
S|roo|o 0rardezza ur|la d| r|sura
A Area r
2
8' 0|rers|ore caraller|sl|ca de| pav|rerlo r
b Larg|ezza r
c Spessore r
f
Rs|
Fallore d| lerperalura su||a superl|c|e |rlerra -
Fallore d| porderaz|ore de||a lerperalura -
h A|lezza r
L
20
Coell|c|erle d| accopp|arerlo lerr|co ollerulo da ur ca|co|o o|d|rers|ora|e w/(r K)
L
30
Coell|c|erle d| accopp|arerlo lerr|co ollerulo da ur ca|co|o lr|d|rers|ora|e w/K
l Lurg|ezza r
q Vassa vo|ur|ca de||a porlala lerr|ca w/r
2
F Res|slerza lerr|ca r
2
K/w
F
se
Res|slerza superl|c|a|e eslerra r
2
K/w
F
s|
Res|slerza superl|c|a|e |rlerra r
2
K/w
T Terperalura lerrod|rar|ca K
L Trasr|llarza lerr|ca w/(r
2
K)
V Vo|ure r
3
W Spessore de||a parele r
Porlala lerr|ca w
Cordull|v|la lerr|ca w/(r K)
Terperalura Ce|s|us C
0|llererza d| lerperalura K
Trasr|llarza lerr|ca purlua|e w/K
Trasr|llarza lerr|ca ||reare w/(r K)
Ped|ce 0el|r|z|ore
e Eslerro
| lrlerro
r|r V|r|ro
s Superl|c|e
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 18
u|l E| lS0 10211:2008
La distribuzione della temperatura determinata o attraverso un calcolo iterativo o
attraverso una tecnica di soluzione diretta, a partire dal quale determinata per
interpolazione la distribuzione di temperatura all'interno delle celle del materiale. Le
regole di calcolo ed il metodo per determinare la distribuzione di temperatura sono
descritti nel punto 7.
I risultati dei calcoli possono essere utilizzati per determinare le trasmittanze termiche
lineari, le trasmittanze termiche puntuali e le temperature interne superficiali. Le equazioni
per il calcolo sono descritte nei punti 9, 10 e 11.
Le procedure specifiche per i telai delle finestre sono fornite dalla ISO 10077-2.
5 H00ELL0 0ELLA 60$TPuZ|0NE E0|L|Z|A
5.1 $|stem| de||e d|mens|on|
Le lunghezze possono essere misurate utilizzando le dimensioni interne, le dimensioni
totali interne o le dimensioni esterne, a condizione che lo stesso sistema sia utilizzato in
modo uniforme per tutte le parti delledificio.
|ola Per u|ler|or| |rlorraz|or| su| s|sler| d| d|rers|ore, vedere lS0 13/89.
5.2 Pego|e per |a def|n|z|one de| mode||o
5.2.1 0enera||ta
Non solitamente possibile modellare un intero edificio utilizzando un modello
geometrico singolo. Nella maggior parte dei casi si pu suddividere l'edificio in pi parti,
includendo, se necessario, anche una porzione di terreno sotto le fondamenta, utilizzando
i piani di taglio. La suddivisione deve essere eseguita in modo tale che, per evitare che ci
siano differenze tra i risultati del calcolo dell'edificio preso nella sua interezza e quelli di
ognuna delle parti. Tale suddivisione in pi modelli geometrici si ottiene scegliendo in
modo opportuno i piani di taglio.
5.2.2 P|an| d| tag||o de| mode||o geometr|co 3-0 per || ca|co|o de| f|usso term|co tota|e e|o de||a
temperatura superf|c|a|e
Il modello geometrico costituito dall(dagli) elemento(i) centrale(i), dagli elementi laterali
e, qualora lo si ritenga necessario, dal terreno. Il modello geometrico delimitato dai piani
di taglio.
I piani di taglio devono essere posizionati come segue:
- in corrispondenza di un piano di simmetria se questo dista meno di d
min
dallelemento centrale (vedere figura 5);
- ad almeno d
min
dallelemento centrale se non c piano di simmetria pi vicino
(vedere figura 6);
- nel terreno, in conformit al punto 5.2.4,
dove d
min
il valore maggiore tra 1 m e tre volte lo spessore dellelemento laterale
considerato.
Un modello geometrico pu contenere pi di un ponte termico. In questi casi, i piani di
taglio necessitano di essere collocati ad almeno d
min
da ciascun ponte termico, o
necessitano di essere collocati in corrispondenza di un piano di simmetria (vedere
figura 6).
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 20
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 5 P|an| d| s|mmetr|a che possono essere ut|||zzat| come p|an| d| tag||o
Legenda
a Le frecce indicano i piani di simmetria
Dimensioni in millimetri
l|gura o Hode||o geometr|co 3-0 contenente due pont| term|c|
Legenda
1 1 000 mm o in corrispondenza di un piano di simmetria
A Ponte termico in corrispondenza dellangolo della stanza interna
B Ponte termico intorno alla finestra sulla parete esterna
Nota Il ponte termico B non soddisfa la condizione di essere ad almeno d
min
(= 1 m) da un piano di
taglio [figura 6a)]. Si ovvia al problema estendendo il modello nelle due direzioni [figura 6b)].
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 22
u|l E| lS0 10211:2008
5.2.3 P|an| d| tag||o per un mode||o geometr|co 2-0
Le stesse regole come fornite nel punto 5.2.2 si applicano al modello geometrico 2-D. La
figura 7 e la figura 8 ne mostrano degli esempi. Nella figura 8, limmagine sulla destra pu
essere utilizzata se il ponte termico simmetrico.
l|gura / Pos|z|one de| p|an| d| tag||o ad a|meno
m|n
da||'e|emento centra|e |n un mode||o geometr|co 2-0
Legenda
d
min
Spessore minimo
l|gura 8 Esemp|o d| una costruz|one con pont| term|c| ||near| co||ocat| a d|stanze f|sse,
w
, |n cu| sono
|||ustrat| | p|an| d| s|mmetr|a che possono essere ut|||zzat| come p|an| d| tag||o
Legenda
d
min
Spessore minimo
l
W
Distanza fissa
5.2.4 P|an| d| tag||o ne| terreno
Dove il calcolo coinvolge lo scambio termico attraverso il terreno (fondazioni, pavimento
controterra, piani interrati), i piani di taglio nel terreno devono essere posizionati come
indicato nel prospetto 1.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 24
u|l E| lS0 10211:2008
prospello 1 Pos|z|one de| p|an| d| tag||o ne| terreno
Per calcoli bidimensionali, presente un piano di simmetria verticale nel centro del
pavimento (in modo che met delledificio sia modellato). Per calcoli tridimensionali su di
un edificio rettangolare, sono considerati limiti adiabatici verticali nel terreno in
corrispondenza delle mezzerie trasversali delle dimensioni del pavimento in ogni
direzione (in modo che un quarto delledificio sia modellato). Per edifici non rettangolari,
necessario modellare lintero edificio (unitamente al terreno lungo ogni lato delledificio), o
convertire il problema in un problema bidimensionale prendendo in considerazione un
edificio di lunghezza infinita e di larghezza pari alla dimensione caratteristica del
pavimento, B (vedere ISO 13370).
Esempio:
Per il pavimento illustrato in figura 9, B = bc/(b + c)
Tutti i piani di taglio devono essere limiti adiabatici.
5.2.5 F|usso term|co per|od|co attraverso || terreno
Criteri simili a quelli di cui al punto 5.2.4 si applicano ai calcoli numerici in funzione del
tempo per la determinazione del coefficiente di scambio termico periodico (come definito
nella ISO 13370), ad eccezione dei piani di taglio adiabatici che possono essere
considerati in una posizione pari a due volte la profondit di penetrazione periodica
misurata dal bordo del pavimento in ogni direzione (se queste dimensioni sono minori di
quelle specificate nel punto 5.2.4). Per ulteriori dettagli, vedere punto 10.5.
5.2. Pego|az|on| a||e d|mens|on|
Sono ammesse regolazioni e modifiche alle dimensioni del modello geometrico rispetto
alla realt fisica, se ci non ha influenza significativa sui risultati del calcolo; questa ipotesi
valida se le condizioni del punto 5.3.2 sono soddisfatte.
0|rez|ore 0|slarza l|ro a||'e|ererlo cerlra|e
0o|ell|vo de| ca|co|o
Terperalura superl|c|a|e F|usso lerr|co e lerperalure
superl|c|a||
a)
0|slarza or|zzorla|e l|ro a| p|aro verl|ca|e, a||'|rlerro de||'ed|l|c|o A|rero lre vo|le |o spessore de||a
parele
0,5 d|rers|ore de| pav|rerlo
o)
0|slarza or|zzorla|e l|ro a| p|aro verl|ca|e, a||'eslerro de||'ed|l|c|o A|rero lre vo|le |o spessore de||a
parele
2,5 |arg|ezza de| pav|rerlo
c) d)
0|slarza verl|ca|e l|ro a| p|aro or|zzorla|e sollo || ||ve||o de| lerrero A|rero 3 r 2,5 |arg|ezza de| pav|rerlo
c)
0|slarza verl|ca|e l|ro a| p|aro or|zzorla|e sollo || ||ve||o de| lerrero (s|
app||ca so|arerle se || ||ve||o de| pav|rerlo preso |r cors|deraz|ore e
co||ocalo a p|u d| 2 r sollo || ||ve||o de| lerrero)
A|rero 1 r 2,5 |arg|ezza de| pav|rerlo
c)
a) Vedere l|gure 9 e 10.
o) lr ur rode||o georelr|co 3-0, |e d|rers|or| de| pav|rerlo (|urg|ezza e |arg|ezza) a||'|rlerro de||'ed|l|c|o devoro essere cors|derale
separalarerle |r ogr| d|rez|ore (vedere l|gura 9).
c) lr ur rode||o georelr|co 3-0, |a d|slarza a||'eslerro de||'ed|l|c|o e a| d| sollo de| lerrero deve oasars| su||a d|rers|ore r|rore (|arg|ezza) de|
pav|rerlo (vedere l|gura 9).
d) Se | p|ar| d| s|rrelr|a verl|ca|| soro rol|, per eserp|o core r|su|lalo d| ed|l|c| ad|acerl|, possoro essere ul|||zzal| core p|ar| d| lag||o.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 2o
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 9 |||ustraz|one d| p|an| d| tag||o per || mode||o geometr|co 3-0 che |nc|ude || terreno
Legenda
b, c Dimensioni del pavimento
Nota Le dimensioni del pavimento sono b c, con c > b.
l|gura 10 |||ustraz|one d| p|an| d| tag||o per || mode||o geometr|co 2-0 che |nc|ude || terreno
Legenda
b Larghezza del pavimento
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 28
u|l E| lS0 10211:2008
5.2.I P|an| aus|||ar|
Il numero dei piani ausiliari nel modello deve essere tale che almeno uno dei seguenti
criteri sia rispettato:
- raddoppiando il numero di suddivisioni, il flusso termico calcolato che lo attraversa
non differisce pi dell1%, o
- raddoppiando il numero di suddivisioni il fattore di temperatura sulla superficie
interna, f
Rsi
non differisce pi di 0,005.
|ola 1 l requ|s|l| per |a va||daz|ore de| relod| d| ca|co|o soro lorr|l| re| purlo A.2.
|ola 2 ura sudd|v|s|ore sodd|slacerle de| rode||o georelr|co e so||larerle ollerula |r rodo c|e |e sudd|v|s|or|
s|aro p|u p|cco|e |r ogr| e|ererlo cerlra|e, e a||rerlardo gradua|rerle |e sudd|v|s|or| |r corr|sporderza de|
p|ar| d| lag||o.
5.2.8 $trat| e mater|a|| quas| omogene|
In un modello geometrico consentito sostituire pi materiali di differente conduttivit
termica con un solo materiale di conduttivit termica equivalente, se sono soddisfatte le
condizioni del punto 5.3.3.
|ola Eserp| soro | g|url| |r ruralura, g|| e|ererl| d| g|urz|ore re||e |rlercaped|r| lerr|carerle |so|ale, |e v|l| re|
||sle||| d| |egro, |e lego|e e |e solloslarl| |rlercaped|r| e ||sle||alure.
5.3 6ond|z|on| per semp||f|care || mode||o geometr|co
5.3.1 0enera||ta
I risultati di un calcolo ottenuti con un modello geometrico privo di semplificazioni, deve
avere precedenza rispetto a quelli ottenuti con un modello geometrico che contiene
semplificazioni.
|ola 0ueslo e |rporlarle quardo | r|su|lal| d| ur ca|co|o soro v|c|r| ad ur va|ore r|c||eslo.
Possono essere effettuate le regolazioni delle dimensioni descritte nel punto 5.3.2.
5.3.2 6ond|z|on| per rego|are |e d|mens|on| a| f|ne d| semp||f|care || mode||o geometr|co
Si possono regolare solamente le dimensioni dei materiali con conduttivit termica minore
di 3 W/(m K), come descritto di seguito.
a) Modifica della posizione della superficie di un blocco di materiale adiacente alla
superficie interna o esterna del modello geometrico (vedere figura 11): per quanto
riguarda la posizione delle superfici che non sono piane, la regolazione locale
perpendicolarmente alla posizione media della superficie interna o esterna d
c
non
deve essere maggiore di
d
c
= R
c
(1)
dove:
R
c
uguale a 0,03 m
2
K/W;
la conduttivit termica del materiale in questione.
Esempio:
Superfici inclinate, spigoli arrotondati e profili delle superfici come le tegole.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 30
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 11 Hod|f|ca de||a pos|z|one de||a superf|c|e |nterna o esterna
Legenda
1 Presa a muro
d
c
Regolamento locale perpendicolarmente alla posizione media delle superfici interna o
esterna
b) Modifica dellinterfaccia di due zone di materiale diverso:
- il riposizionamento dellinterfaccia deve essere effettuato nella direzione
perpendicolare a quella della superficie interna;
- il riposizionamento dellinterfaccia deve essere tale da sostituire il materiale con
la conduttivit termica pi bassa con il materiale con la conduttivit termica pi
elevata (vedere figura 12).
Esempio:
Cavit per nastri sigillanti, giunti prefabbricati, blocchi di regolazione, prese a muro,
superfici inclinate e altri dettagli di collegamento.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 32
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 12 0uattro poss|b|||ta per r|pos|z|onare |'|nterfacc|a tra tre b|occh| d| mater|a|e |n funz|one de| rapporto
tra |e |oro condutt|v|ta term|che,
c) Esclusione degli strati sottili:
- si pu evitare di includere gli strati non metallici che hanno spessore non
maggiore di 1 mm;
- si pu evitare di includere strati metallici sottili se accertato che hanno un
effetto trascurabile sullo scambio termico.
Esempio:
Membrane sottili che resistono al passaggio dellumidit, del vapore dacqua o del vento.
d) Esclusione dei componenti fissati alla superficie esterna: si pu evitare di includere
i componenti delledificio che sono fissati alla superficie esterna (cio fissati in punti
discreti).
Esempio:
Grondaie ed i relativi condotti di scarico.
5.3.3 6ond|z|on| per ut|||zzare strat| d| mater|a|| quas| omogene| a| f|ne d| semp||f|care || mode||o
geometr|co
5.3.3.1 Tull| | ca|co||
Per potere includere ponti termici puntuali e lineari con scarsa influenza termica in uno
strato quasi-omogeneo, si applicano in tutti i casi le condizioni seguenti:
- gli strati di materiale in questione sono collocati in una parte della costruzione la
quale, dopo la semplificazione, diventa un elemento laterale;
- la conduttivit termica dello strato quasi omogeneo, dopo la semplificazione, non
maggiore di oltre 1,5 volte la pi piccola conduttivit termica dei materiali presenti
nello strato prima della semplificazione.
Coro|raz|ore Serp||l|caz|or|
6|occo d| raler|a|e Cordull|v|la lerr|ca a o c d
1
1 1
>
2 1
>
3 1
<
3 1
<
2
2
2
3
3 3
>
2 3
>
2 3
<
2
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 34
u|l E| lS0 10211:2008
5.3.3.2 Ca|co|| esegu|l| per ollerere | coell|c|erl| d| accopp|arerlo lerr|co L
30
e L
20

La conduttivit termica efficace dello strato quasi omogeneo, , deve essere calcolata in
conformit allequazione (2) o (3)
(2)
(3)
dove:
d lo spessore dello strato termicamente non omogeneo;
A larea del componente edilizio;
l
tb
la lunghezza del ponte termico lineare;
L
3D
il coefficiente di accoppiamento termico del componente edilizio, determinato con
un calcolo 3-D;
L
2D
il coefficiente di accoppiamento termico del componente edilizio, determinato con
un calcolo 2-D;
d
j
sono gli spessori di ogni strato omogeneo che costituisce lelemento da costruzione;
j
sono le conduttivit termiche di questi strati omogenei.
|ola L'ul|||zzo de||e equaz|or| (2) o (3) e appropr|alo se c| soro ro|l| porl| lerr|c| ra poco |rl|uerl| (e|ererl| d|
g|urz|ore, | g|url| |r ruralura, | o|occ|| loral|, ecc.). l| ca|co|o de| coell|c|erle d| accopp|arerlo lerr|co puo
essere ||r|lalo a ur'area d| oase c|e e rappreserlal|va de||o slralo ror orogereo. Per eserp|o ura parele
cor |rlercaped|re c|e |a quallro e|ererl| d| g|urz|ore a| relro quadralo, puo essere rappreserlala cor
ur'area d| oase d| 0,25 r
2
cor ur so|o e|ererlo d| g|urz|ore.
5.3.3.3 Ca|co|| esegu|l| per ollerere |a lerperalura superl|c|a|e |rlerra o |a lrasr|llarza lerr|ca ||reare, ,
o purlua|e
Vedere il punto 9 per i calcoli che utilizzano le trasmittanze termiche lineari e puntuali
ottenute da calcoli 3-D.
La conduttivit termica efficace dello strato quasi omogeneo, , pu essere calcolata
come
(4)
dove:
1

n
sono le conduttivit termiche dei materiali che costituiscono il componente
edilizio;
A
1
A
n
sono le aree dei materiali che costituiscono il componente edilizio, misurate nel
piano dello strato,
a condizione che:
- i ponti termici nello strato considerato si trovino approssimativamente ad angolo
retto con le superfici interna o esterna delle costruzioni e attraversino lo strato in tutto
il suo spessore;
- la resistenza termica delle costruzioni (da superficie a superficie) dopo la
semplificazione sia almeno di 1,5 (m
2
K)/W;
- siano soddisfatte le condizioni di almeno uno dei gruppi specificati nel prospetto 2
(vedere figura 13).
'
d
A
L
3D
-------- R
si
R
se

d
j
j
----
------------------------------------------------------- =
'
d
l
tb
L
2D
-------- R
si
R
se

d
j
j
----
------------------------------------------------------- =
'
A
1 1
. A
n n
+ + ( )
A
1
. A
n
+ + ( )
------------------------------------------------- =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 3o
u|l E| lS0 10211:2008
prospello 2 6ond|z|on| spec|f|che per |nc|udere pont| term|c| ||near| o puntua|| |n uno strato quas| omogeneo
0ruppo
a)
lo
o)
w/(r K)
A
lo
c)
r
2
F
o
e)
r
2
K/w
F
l,|
l)
r
2
K/w
|
g)
w/(r K)
c
|

|)
r
1 1,5 0,05 l
lo
d)
0,5 - - -
2 >3 30 10
-o
0,5 - - -
3 >3 30 10
-o
>0,5 0,5 - -
4 >3 30 10
-o
>0,5 <0,5 0,5 0,1
|ola 1 l| gruppo 1 corprerde | porl| lerr|c| ||rear|. Eserp| soro | g|url| re||a ruralura, | r|rlorz| d| soslegro d| |egro re||e |rlercaped|r| d'ar|a o re||e
|rlercaped|r| |so|ale d| spessore r|rore.
|ola 2 l| gruppo 2 corprerde queg|| e|ererl| core | co||egarerl| lra |e parel| |r quarlo |rl|ss| re||a ruralura, re| ca|ceslruzzo o co||ocal| re||e
|rlercaped|r|, core | c||od| e |e v|l| reg|| slral| d| raler|a|e o |e slr|sce d| raler|a|| cor |a res|slerza lerr|ca rass|ra |rd|cala.
|ola 3 l grupp| 3 e 4 corprerdoro queg|| e|ererl| core g|| |rr|g|d|rerl| de||e |rlercaped|r|, re| caso |r cu| ess| perelraro |r uro slralo d| |so|arle c|e |a
res|slerza lerr|ca ragg|ore d| que||a prev|sla per || gruppo 2.
La parle p|u |rlerra de||a parele deve qu|rd| avere propr|ela lerr|c|e la|| da ||r|lare |'|rl|uerza de| porle lerr|co su||a lerperalura superl|c|a|e
|rlerra. 0ueslo puo succedere per eserp|o se |a parle verso |'|rlerro |a res|slerza lerr|ca sull|c|erle (gruppo 3) oppure quardo |a cordull|v|la
lerr|ca de||a parle verso |'|rlerro la si c|e || l|usso lerr|co allraverso |'|rlercaped|re s|a adegualarerle d|slr|ou|lo su||a superl|c|e |rlerra; |a
ragg|or parle deg|| slral| |rlerr| d| ruralura o d| ca|ceslruzzo soro eserp| de| gruppo 4.
a) Vedere l|gura 13.
o)
tb
e |a cordull|v|la lerr|ca de| porle lerr|co da |rcorporare re||o slralo quas| orogereo.
c) A
lo
e |'area de||a sez|ore lrasversa|e de| porle lerr|co.
d) l
lo
e |a |urg|ezza de| porle lerr|co ||reare.
e) F
0
e |a res|slerza lerr|ca de||o slralo serza || porle lerr|co purlua|e.
l)

F
l,|
e |a res|slerza lerr|ca corp|ess|va deg|| slral| corpres| lra |o slralo quas| orogereo cors|deralo e |a superl|c|e |rlerra.
g)
i
e |a cordull|v|la lerr|ca de||o slralo d| raler|a|e, corpreso lra |o slralo quas| orogereo cors|deralo e |a superl|c|e |rlerra, c|e |a || va|ore p|u
a|lo d|
i
per c
|.
|) c
|
e |o spessore de| redes|ro slralo.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 38
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 13 6ond|z|on| spec|f|che per |nc|udere pont| term|c| ||near| e puntua|| |n uno strato quas| omogeneo, per
| grupp| de| prospetto 2
Legenda
a) Gruppo 1
b) Gruppo 2
c) Gruppo 3
d) Gruppo 4
Per la legenda dei simboli vedere prospetto 2.
a)
b)
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 40
u|l E| lS0 10211:2008
c)
d)
0AT| |N|Z|AL|
.1 0enera||ta
Utilizzare i valori come descritti nel presente punto a meno che valori non normalizzati
siano giustificati per una situazione percicolare.
|ola Va|or| ror rorra||zzal| possoro essere g|usl|l|cal| da cord|z|or| |oca|| (per eserp|o d|slr|ouz|or| d|
lerperalura slao|||le re| lerrero) o per propr|ela spec|l|c|e de| raler|a|| (per eserp|o |'ellello d| ur
r|vesl|rerlo a oassa er|ss|v|la su||a res|slerza superl|c|a|e).
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 42
u|l E| lS0 10211:2008
.2 6ondutt|v|ta term|che de| mater|a||
I valori di progetto delle conduttivit termiche dei materiali da costruzione e prodotti,
dovrebbero essere calcolati in conformit alla ISO 10456 o ricavati da valori tabulati come
nella ISO 10456.
La conduttivit termica del terreno pu essere presa uguale a 2,0 W/(m K).
|ola Va|or| d|vers| de||a cordull|v|la lerr|ca de| lerrero possoro essere ul|||zzal|, se soro d|spor|o||| |rlorraz|or|
su||e cord|z|or| de| suo|o |oca|| (vedere lS0 133/0).
.3 Pes|stenze superf|c|a||
Per il calcolo delle portate termiche, le resistenze superficiali devono essere in conformit
alla ISO 6946 in funzione della direzione del flusso termico. Tuttavia si pu utilizzare il
valore di R
si
corrispondente al flusso termico orizzontale per tutte le superfici quando
a) la direzione del flusso termico incerta o con possibilit di variazioni, o
b) lintero edificio stato modellato con un singolo calcolo.
Per il calcolo delle temperature superficiali interne effettuato per la valutazione del rischio
di condensazione, le resistenze superficiali devono essere in conformit alla ISO 13788.
.4 Temperature ||m|te
Nel prospetto 3 sono riportati i valori di temperatura limite da utilizzare.
prospello 3 Temperature ||m|te
.5 6ondutt|v|ta term|ca deg|| strat| quas| omogene|
La conduttivit termica degli strati quasi omogenei deve essere calcolata in conformit
alle equazioni (2), (3) e (4).
. 6ondutt|v|ta term|ca equ|va|ente de||e |ntercaped|n| d'ar|a
Unintercapedine daria deve essere considerata come un materiale omogeneo
conduttivo, con una conduttivit termica
g
.
Se la resistenza termica di uno strato daria o di unintercapedine nota, la sua resistenza
termica equivalente,
g
, ottenuta da
(5)
dove:
d
g
lo spessore dello strato daria;
R
g
la resistenza termica nella direzione principale del flusso termico.
Le resistenze termiche degli strati daria e delle intercapedini delimitate da materiali
opachi devono essere calcolate secondo la ISO 6946.
Per quanto riguarda la resistenza termica degli strati daria compresi tra due o pi
superfici vetrate, vedere EN 673. Informazioni sul modo in cui trattare le intercapedini nei
telai delle finestre sono fornite dalla ISO 10077-2.
Le intercapedini con dimensioni maggiori di 0,5 m lungo uno qualsiasi degli assi
ortogonali, devono essere trattate come stanze (vedere punto 6.7).
Pos|z|ore Terperalure ||r|le
lrlerra Terperalura ||r|le |rlerra
lrlerra |r slarze ror r|sca|dale Vedere purlo o./
Eslerra Terperalura ||r|le eslerra
Terrero (p|aro d| lag||o or|zzorla|e) A||a d|slarza sollo || ||ve||o de| lerrero lorr|la re| prospello 1:
cord|z|or| d| ad|aoal|c|la a| corlorro
g
d
g
R
g
------ =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 44
u|l E| lS0 10211:2008
.I 0eterm|naz|one de||a temperatura |n una stanza ad|acente non r|sca|data
Se sono disponibili informazioni sufficienti, la temperatura di un ambiente adiacente non
riscaldato pu essere calcolata in conformit alla ISO 13789.
Se la temperatura di un ambiente adiacente e non riscaldato non nota e non la si pu
calcolare in conformit alla ISO 13789, perch mancano le informazioni necessarie, non
possibile calcolare i flussi termici e le temperature superficiali interne. Tuttavia
possibile calcolare e fornire tutti i coefficienti di accoppiamento termico ed i fattori di
ponderazione delle temperature cos come presentati in conformit allappendice C.
I HET000 0| 6AL60L0
I.1 $o|uz|one tecn|ca
Il modello geometrico suddiviso in un numero di celle, ciascuna con un punto
caratteristico (chiamato nodo). Se si applicano le leggi di conservazione dell'energia
(div q = 0) e di Fourier (q = - grad ) e tenendo in considerazione le opportune condizioni
al contorno, si ottiene un sistema di equazioni che funzione delle temperature dei nodi.
Dalla soluzione di questo sistema sia che venga utilizzata la tecnica di soluzione diretta o
un metodo iterativo, fornisce le temperature dei nodi dalle quali pu essere determinato il
campo di temperatura. Dalla distribuzione di temperatura si calcolano quindi i flussi
termici, utilizzando la legge di Fourier.
I metodi di calcolo devono essere verificati in conformit ai requisiti dellappendice A.
I.2 Pego|e d| ca|co|o
I.2.1 F|uss| term|c| tra |e ce||e d| mater|a|| e |'amb|ente ad|acente
La massa volumica della portata termica q, nella direzione perpendicolare allinterfaccia
tra una cella materiale e lambiente circostante, deve soddisfare
(6)
dove:
la temperatura di riferimento, interna o esterna;
s
la temperatura superficiale, interna o esterna;
R
s
la resistenza superficiale, interna o esterna.
I.2.2 F|uss| term|c| |n corr|spondenza de| p|an| d| tag||o
I piani di taglio devono essere adiabatici (cio attraversati da un flusso termico nullo).
I.2.3 $o|uz|one de||e equaz|on|
Le equazioni devono essere risolte in conformit ai requisiti forniti nel punto A.2.
I.2.4 6a|co|o de||a d|str|buz|one de||a temperatura
La distribuzione di temperatura all'interno di ogni cella materiale, deve essere calcolata
per interpolazione tra le temperature dei nodi.
|ola E sull|c|erle |'|rlerpo|az|ore ||reare.
q
s
( )
R
s
------------------- =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 4o
u|l E| lS0 10211:2008
8 0ETEPH|NAZ|0NE 0E| 60EFF|6|ENT| 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60 E 0ELLE
P0PTATE TEPH|6hE 0A 6AL60L| 3-0
8.1 0ue temperature ||m|te, mode||o non sudd|v|so
Se ci sono solo due ambienti con due temperature differenti (per esempio una interna ed
una esterna) e se tutta la stanza o l'edificio sono calcolati con un solo modello 3-D, il
coefficiente di accoppiamento termico totale L
3D,1,2
pu essere ottenuto dalla portata
termica totale della stanza o dell'edificio come segue.
(7)
8.2 0ue temperature ||m|te, mode||o sudd|v|so
Se la stanza o l'edificio sono stati suddivisi in pi parti (vedere figura 14), il valore totale
L
3Di,j
si calcola con lequazione (8):
(8)
dove:
L
3D,n(i,j)
il coefficiente di accoppiamento termico ottenuto con un calcolo 3-D per la parte
n-esima della stanza o delledificio;
L
2D,m(i,j)
il coefficiente di accoppiamento termico ottenuto con un calcolo 2-D per la parte
m-esima della stanza o delledificio;
l
m
la lunghezza sulla quale si applica il valore L
2D,m(i,j)
;
U
k(i,j)
la trasmittanza termica ottenuta con un calcolo 1-D per la parte k-esima della
stanza o delledificio;
A
k
larea sulla quale si applica il valore di U
k
;
N
n
il numero totale di parti 3-D;
N
m
il numero totale di parti 2-D;
N
k
il numero totale di parti 1-D
|ola |e||'equaz|ore (8), A
|
e r|rore de||'area de||a superl|c|e lola|e de||'|rvo|ucro perc| a|cure superl|c| soro
|rc|use reg|| e|ererl| 2-0 e 3-0.
l|gura 14 |nvo|ucro ed|||z|o sudd|v|so |n mode||| geometr|c| 3-0, 2-0 e 1-0
L
3D,1,2 1 2
( ) =
L
3D,i,j
U
k(i,j)
A
k
L
2D,m,(i,j)
l
m
L
3D,n,(i,j)
n 1 =
N
n
+
m 1 =
N
m
+
k 1 =
N
k
=
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra ll
u|l E| lS0 10211:2008
Le rorre u|l soro e|aoorale cercardo d| lerere corlo de| purl| d| v|sla d| lulle |e parl|
|rleressale e d| corc|||are ogr| aspello corl||llua|e, per rappreserlare || rea|e slalo
de||'arle de||a raler|a ed || recessar|o grado d| corserso.
C||urque r|leresse, a segu|lo de||'app||caz|ore d| quesla rorra, d| poler lorr|re sug-
ger|rerl| per ur suo r|g||orarerlo o per ur suo adeguarerlo ad uro slalo de||'arle
|r evo|uz|ore e pregalo d| |rv|are | propr| corlr|oul| a||'u|l, Erle |az|ora|e lla||aro d|
ur|l|caz|ore, c|e || lerra |r cors|deraz|ore per |'everlua|e rev|s|ore de||a rorra slessa.
Le rorre u|l soro rev|s|orale, quardo recessar|o, cor |a puoo||caz|ore d| ruove ed|z|or| o
d| agg|orrarerl|.
E |rporlarle perlarlo c|e g|| ul|||zzalor| de||e slesse s| accerl|ro d| essere |r possesso
de||'u|l|ra ed|z|ore e deg|| everlua|| agg|orrarerl|.
S| |rv|laro |ro|lre g|| ul|||zzalor| a ver|l|care |'es|slerza d| rorre u|l corr|sporderl| a||e
rorre E| o lS0 ove c|lale re| r|ler|rerl| rorral|v|.
PPEHE$$A NAZ|0NALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua inglese e italiana,
della norma europea EN ISO 10211 (edizione dicembre 2007), che
assume cos lo status di norma nazionale italiana.
La presente norma stata elaborata sotto la competenza dellente
federato allUNI
CTI - Comitato Termotecnico Italiano
La presente norma stata ratificata dal Presidente dellUNI ed
entrata a far parte del corpo normativo nazionale il 10 luglio 2008.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 48
u|l E| lS0 10211:2008
8.3 P| d| due temperature ||m|te
La portata termica
i,j
che va dall'ambiente i all'ambiente j, che gli termicamente
collegato, fornita da
(9)
La portata termica totale di una stanza o di un edificio pu essere calcolata secondo i
principi specificati nel punto 4. La portata termica da/a un ambiente a temperatura
i
, pu
essere calcolata come
(10)
dove:
L
3Di,j
sono i coefficienti di accoppiamento tra una stanza e le stanze adiacenti o tra la
stanza e gli ambienti esterni;
j
sono le temperature delle stanze adiacenti o degli ambienti esterni.
La portata termica totale da/a un edificio pu essere calcolata con
(11)
dove:
i
sono le temperature delle stanze interne;
j
sono le temperature degli ambienti esterni;
L
3Di,j
sono i corrispondenti coefficienti di accoppiamento.
|ola |e| purlo C.1 e lorr|lo ur relodo per ca|co|are | coell|c|erl| d| accopp|arerlo lerr|co.
9 6AL60L| uT|L|ZZAN00 LE TPA$H|TTANZE TEPH|6hE L|NEAP| E PuNTuAL| 0A
6AL60L| 3-0
9.1 6a|co|o de| coeff|c|ente d| accopp|amento term|co
La relazione tra L
3D,i,j
e le trasmittanze termiche fornita da
(12)
dove:
U
k(i,j)
la trasmittanza termica della k-esima parte della stanza o delledificio;
A
k
larea a cui si applica il valore di U
k(i,j)
;
m(i,j)
la trasmittanza termica lineare della m-esima parte della stanza o delledificio;
l
m
la lunghezza a cui si applica il valore
m(i,j)
;
n(i,j)
la trasmittanza termica puntuale della n-esima parte della stanza o delledificio;
N
k
il numero delle trasmittanze termiche;
N
m
il numero delle trasmittanze termiche lineari;
N
n
il numero delle trasmittanze termiche puntuali.
|ola 1 |e||'equaz|ore (12), A
|
e ugua|e a||'area superl|c|a|e lola|e de||'|rvo|ucro ed|||z|o.
|ola 2 L
30|,j
e equ|va|erle a| coell|c|erle d| scaro|o lerr|co, F, ul|||zzalo re||e a|lre rorre.
i,j
L
3D,i,j i j
( ) =
L
3D,i,j i j
( ) [ ]
j
=
L
3D,i,j i j
( ) [ ]
j i
=
L
3D,i,j
U
k(i,j)
A
k m,(i,j)
l
m n,(i,j)
n 1 =
N
n
+
m 1 =
N
m
+
k 1 =
N
k
=
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 50
u|l E| lS0 10211:2008
9.2 6a|co|o de||e trasm|ttanze term|che ||near| e puntua||
I valori di sono determinati da
(13)
dove:
L
2D
il coefficiente di accoppiamento termico ottenuto con un calcolo 2-D del
componente edilizio che separa i due ambienti considerati;
U
j
la trasmittanza termica dello j-esimo componente 1-D che separa i due ambienti
considerati;
l
j
la lunghezza a cui si applica il valore di U
j
.
I valori di sono determinati da
(14)
dove:
L
3D
il coefficiente di accoppiamento termico, ottenuto con un calcolo 3-D del
componente edilizio 3-D che separa i due ambienti considerati;
U
i
la trasmittanza termica dello i-esimo componente 1-D che separa i due ambienti
considerati;
A
i
larea a cui si applica il valore di U
i
;
j
sono le trasmittanze termiche lineari calcolate con lequazione (18);
l
j
la lunghezza a cui si applica il valore
j
;
N
j
il numero di componenti 2-D;
N
i
il numero di componenti 1-D.
Quando si calcolano i valori di e necessario specificare quali dimensioni (per
esempio interne o esterne) sono utilizzate, in quanto per diversi tipi di ponti termici i valori
di e dipendono da questa scelta.
|ola L'apperd|ce 6 lorr|sce eserp| per || ca|co|o de| va|or| d| e .
10 0ETEPH|NAZ|0NE 0EL 60EFF|6|ENTE 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60, 0ELLA
P0PTATA TEPH|6A E 0ELLA TPA$H|TTANZA TEPH|6A L|NEAPE 0TTENuT| 0A
6AL60L| 2-0
10.1 0ue temperature ||m|te
La portata termica riferita alla lunghezza in metri,
l
, del ponte termico lineare
dallambiente interno, caratterizzato dal pedice "i", allambiente esterno, caratterizzato dal
pedice "e", fornito da
(15)
dove L
2D
il coefficiente di accoppiamento termico ottenuto da un calcolo 2-D del
componente che separa i due ambienti considerati.
10.2 P| d| due temperature ||m|te
La portata termica,
i,j
, dallambiente i allambiente j, che ne termicamente connesso,
fornita da
(16)
L
2D
U
j
l
j

j 1 =
N
j
=
L
3D
U
i
A
i

i 1 =
N
i
j
l
j

j 1 =
N
j
=
l
L
2D i e
( ) =
i,j
L
2D,i,j i j
( ) =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 52
u|l E| lS0 10211:2008
Per pi di due ambienti con differenti temperature (per esempio differenti temperature
interne o differenti temperature esterne), la portata termica totale da/a la stanza o
ledificio pu essere calcolata da
(17)
dove L
2D,i,j
sono i coefficienti di accoppiamento tra ogni coppia di ambienti.
10.3 0eterm|naz|one de||a trasm|ttanza term|ca ||neare
La trasmittanza termica considerata del ponte termico lineare che separa i due ambienti
considerati, , fornita da
(18)
dove:
U
j
la trasmittanza termica del j-esimo componente 1-D che separa i due ambienti
considerati;
l
j
la lunghezza del modello geometrico 2-D a cui si applica il valore U
i
;
N
j
il numero di componenti 1-D.
Quando si determina il valore della trasmittanza termica lineare, necessario specificare
quali dimensioni (per esempio interne o esterne) sono utilizzate, in quanto per diversi tipi
di ponti termici il valore della trasmittanza termica lineare dipende da questa scelta.
10.4 0eterm|naz|one de||a trasm|ttanza term|ca ||neare per g|unz|on| parete|pav|mento
10.4.1 Possono essere utilizzati calcoli numerici che utilizzano modelli geometrici bidimensionali
per determinare valori di trasmittanza termica lineare per le giunzioni parete/pavimento.
Modellare lintero dettaglio, includendo la met della larghezza del pavimento o 4 m (il
valore minore tra i due), e la sezione della parete fino allaltezza h
W
e calcolare L
2D
come
la portata termica riferita alla differenza di temperatura e alla lunghezza del perimetro. h
W
deve essere la minima distanza dalla giunzione al piano di taglio in conformit ai criteri nel
punto 5.2.3 e h
f
deve essere laltezza della parte superiore della soletta del pavimento
sopra il livello del terreno (vedere figura 15). Le dimensioni del modello al di fuori
delledificio e sotto il terreno si estendono fino a 2,5 volte la larghezza del pavimento o
20 m (il valore minore tra i due). Vedere anche il punto 5.2.4.
Se il calcolo effettuato utilizzando una larghezza del pavimento di 4 m (cio B = 8 m), il
risultato pu essere utilizzato per ogni pavimento di dimensioni maggiori (B > 8 m).
10.4.2 Opzione A Calcolare poi la trasmittanza termica del pavimento, U
g
, utilizzando la
procedura semplificata nella ISO 13370, utilizzando lo stesso valore per B e includendo
ogni isolamento uniforme della soletta del pavimento. Calcolare
g
con lequazione (19)
utilizzando le dimensioni interne, e con lequazione (20) utilizzando le dimensioni esterne.
(19)
(20)
dove U
W
la trasmittanza termica della parete sopra il terreno, cos come modellato con
il calcolo numerico.
|ola L'opz|ore A e adalla |r parl|co|are se |a procedura serp||l|cala re||a lS0 133/0 deve essere ul|||zzala per ||
ca|co|o de||o scaro|o lerr|co allraverso || lerrero per ogr| d|rers|ore de| pav|rerlo.
L
2D,i,j i j
( ) [ ]
i j <
=
L
2D
U
j
l
j
j 1 =
N
j
=
g
L
2D
h
W
U
W
0,5 B' U
g
=
g
L
2D
h
W
h
f
+ ( )U
W
0,5 B' w + ( )U
g
=
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 54
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 15 Hode||o per || ca|co|o de||a trasm|ttanza term|ca ||neare de||a g|unz|one parete|pav|mento
Legenda
1 Limite adiabatico
2 0,5 B o 4 m
h
f
Altezza della parte superiore del pavimento sopra il livello del terreno
h
W
Distanza minima dalla giunzione al piano di taglio (vedere punto 5.2.3)
l
W
Distanza fissa
Nota Le dimensioni del modello si estendono fino a 2,5 B o fino a 20 m allesterno delledificio
e al di sotto del terreno.
10.4.3 Opzione B Alternativamente sostituire tutti i materiali al di sotto del terreno con terra (ma
mantenendo tutto lisolamento del pavimento uniforme) e rimuovere la parete sia sotto il
livello del terreno sia fuori dal terreno (vedere figura 16). Utilizzare limiti adiabaticit dove
la parete si trovava precedentemente in contatto con la soletta del pavimento o con il
terreno. Ottenere L
2D,a
mediante un secondo calcolo numerico sul dettaglio riveduto.
Quindi
(21)
|ola Per ur eserp|o d| core soro lrallal| | pav|rerl| sospes| vedere purlo C.5.
l|gura 1o Hode||o per || secondo ca|co|o numer|co da ut|||zzare per |'opz|one
Legenda
1 Limite adiabatico
2 0,5 B o 4 m
g
L
2D
h
W
U
W
L
2D,a
=
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 5o
u|l E| lS0 10211:2008
10.5 0eterm|naz|one de| coeff|c|ente d| scamb|o term|co per|od|co per pav|ment| controterra
Il modello geometrico del punto 10.4 pu essere utilizzato con un metodo di calcolo
numerico funzione del tempo per determinare sia
g
sia il coefficiente di scambio termico
periodico esterno, H
pe
. La dimensione del passo temporale dovrebbe essere tale da
assicurare un calcolo stabile. Determinare il flusso termico medio totale attraverso le
superfici interne in W/m per ciascun mese dellanno. Il calcolo deve essere eseguito fino
a che il flusso termico attraverso le superfici interne nel mese di dicembre dellultimo anno
si discosta meno dell1% dal flusso termico calcolato nel dicembre dellanno precedente.
Questo pu solitamente essere ottenuto calcolando almeno 10 anni.
La temperatura interna mantenuta ad un valore costante,
i
, e la temperatura esterna,
al tempo t, in C,
e
(t) rappresentata da
(22)
dove:
la temperatura esterna media annuale, in C;
lampiezza delle variazioni della temperatura esterna media mensile, in K;
t il tempo, espresso in mesi (t = 0 allinizio di gennaio);
il tempo, espresso in mesi, in corrispondenza del quale si verifica la temperatura
minima esterna.
Per ulteriori informazioni, incluse le propriet del terreno, vedere ISO 13370.
Per ogni mese, ottenere il flusso termico, q
m
, aggiuntivo rispetto a quello calcolato
attraverso U
W
e U
g
:
(23)
dove q
C,m
il flusso termico medio attraverso le superfici interne nel mese m, cos come
ottenuto dai risultati dei calcoli numerici. Quindi
(24)
e
(25)
dove:
P il perimetro esposto del pavimento;
q
max
il valore massimo di q
m
;
q
min
il valore minimo di q
m
.
|ola F
pe
ca|co|alo ul|||zzardo |'equaz|ore (25) |rc|ude
g
.
11 0ETEPH|NAZ|0NE 0ELLA TEHPEPATuPA $uLLA $uPEPF|6|E |NTEPNA
11.1 0eterm|naz|one de||a temperatura su||a superf|c|e |nterna ottenuta da ca|co|| 3-0
11.1.1 0ue temperature ||m|te
Se ci sono solo due ambienti coinvolti ed il terreno non fa parte del modello geometrico,
le temperature superficiali si possono esprimere in forma adimensionale in conformit
allequazione (26):
e
t ( )
e

e
2
t
12
---------- cos =
e

e
q
m
q
c,m
h
W
U
W e e,m
( ) 0,5B' U
g i e
( ) =
g
q
m
m 1 =
12
12
i e
( )
---------------------------- =
H
pe
P
q
max
q
min

e
--------------------------- =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 58
u|l E| lS0 10211:2008
(26)
dove:
f
Rsi
(x,y,z) il fattore di temperatura sulla superficie interna nel punto (x,y,z);
si
(x,y,z) la temperatura superficiale interna nel punto (x,y,z);
i
la temperatura interna;
e
la temperatura esterna.
Il fattore di temperatura deve essere calcolato con un errore minore di 0,005.
11.1.2 P| d| due temperature ||m|te
Se ci sono pi di due temperature limite deve essere utilizzato il fattore di ponderazione
della temperatura, g. I fattori di ponderazione della temperatura consentono di calcolare la
temperatura in ogni punto della superficie interna, con coordinate (x, y, z), come funzione
lineare di qualunque insieme di temperature limite.
|ola 1 Se || rode||o georelr|co corprerde aro|erl| |rlerr| cor lerperalure d|verse, soro co|rvo|le a|rero lre
lerperalure ||r|le.
La temperatura superficiale nei punti (x, y, z), nel j-esimo ambiente utilizzando i fattori di
ponderazione, fornita da
(27)
con
(28)
|ola 2 |e| purlo C.3 e r|porlalo ur relodo per ca|co|are | lallor| d| porderaz|ore.
La temperatura superficiale interna
si
in un punto ben definito, si calcola inserendo
nellequazione (27) i valori calcolati di g
j,i
e le temperature effettive limite
i
.
|ola 3 0erera|rerle |rleressa lare quesla va|ulaz|ore re| purlo c|e |a |a lerperalura superl|c|a|e p|u oassa. La
pos|z|ore d| queslo purlo puo var|are se |e lerperalure ||r|le caro|aro.
11.2 0eterm|naz|one de||a temperatura su||a superf|c|e |nterna ottenuta da ca|co|| 2-0
11.2.1 0ue temperature ||m|te
Quando ci sono solo due ambienti coinvolti, le temperature superficiali si possono
esprimere in forma adimensionale in conformit allequazione (29)
(29)
dove:
f
Rsi
(x,y) il fattore di temperatura sulla superficie interna nel punto (x,y);
si
(x,y) la temperatura superficiale interna nel punto (x,y);
i
la temperatura interna;
e
la temperatura esterna.
Il fattore di temperatura deve essere calcolato con un errore minore di 0,005.
11.2.2 Tre temperature ||m|te
Se ci sono tre temperature limite coinvolte, deve essere utilizzato il fattore di
ponderazione della temperatura, g. I fattori di ponderazione della temperatura
consentono di calcolare la temperatura in ogni punto della superficie interna, con
coordinate (x, y), come funzione lineare di qualunque insieme di temperature limite.
Le temperature superficiali nei punti (x, y), nel j-esimo ambiente sono date da
(30)
f
Rsi
x y z , , ( )
si
x y z , , ( )
e

i e
( )
-------------------------------------- =
j
x y z , , ( ) g
j,1
x y z , , ( )
1
g
j,2
x y z , , ( )
2
. g
j,n
x y z , , ( )
n
+ + + =
g
j,1
x y z , , ( ) g
j,2
x y z , , ( ) . g
j,n
x y z , , ( ) + + + 1 =
f
Rsi
x y , ( )
si
x y , ( )
e

i e
( )
-------------------------------- =
j
x y , ( ) g
j,1
x y , ( )
1
g
j,2
x y , ( )
2
g
j,3
x y , ( )
3
+ + =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra o0
u|l E| lS0 10211:2008
con
(31)
|ola l lallor| d| porderaz|ore re||a pos|z|ore d| |rleresse possoro essere ca|co|al| |r corlorr|la a||'apperd|ce C.
La pos|z|ore d| |rleresse e gerera|rerle || purlo c|e |a |a lerperalura superl|c|a|e |rlerra p|u oassa. La
pos|z|ore puo var|are se |e lerperalure ||r|le caro|aro.
La temperatura superficiale interna
si
nel punto di interesse si calcola inserendo
nellequazione (30) i valori calcolati di g
j,1
, g
j,2
e g
j,3
e le temperature effettive limite
1
,
2
e
3
.
12 0AT| 0| |N0PE$$0 E 0| u$6|TA
12.1 0at| d| |ngresso
Il resoconto di calcolo deve contenere le informazioni seguenti:
a) descrizione della struttura:
- disegni costruttivi completi di dimensioni e materiali;
- per un edificio gi terminato, qualsiasi modifica nota alla costruzione e/o
misurazioni fisiche e dettagli rilevati dalle ispezioni;
- altre osservazioni pertinenti.
b) descrizione del modello geometrico:
- il modello geometrico 2-D o 3-D con dimensioni;
- i dati di ingresso con l'indicazione della posizione dei piani costruttivi e dei piani
ausiliari e unitamente alle conduttivit termiche dei diversi materiali;
- le temperature limite utilizzate;
- se necessario, calcolo della temperatura limite in unarea adiacente quando
appropriato;
- le resistenze superficiali e le aree a cui si riferiscono;
- tutte le regolazioni dimensionali effettuate in conformit al punto 5.3.2;
- tutti gli strati quasi omogenei e le conduttivit termiche calcolate in conformit al
punto 5.3.3;
- tutti i valori non normalizzati utilizzati e le relative giustificazioni per lo
scostamento dai valori normalizzati (vedere punto 6.1).
12.2 0at| d| usc|ta
12.2.1 0enera||ta
I seguenti risultati di calcolo devono essere riportati come valori che sono indipendenti
dalle temperature limite:
- coefficienti di accoppiamento termico, L
3D
o L
2D
, tra due stanze adiacenti che si
scambiano flusso termico attraverso i componenti dell'involucro edilizio;
|ola 1 ur eserp|o e lorr|lo re| prospello C.2.
- se appropriato, la trasmittanza termica lineare, , del ponte termico lineare,
specificando se sono state utilizzate le dimensioni interne o le dimensioni esterne;
- fattore di temperatura, f
Rsi
, valutato nei punti di temperatura minima di ognuno degli
ambienti coinvolti (inclusa la posizione di ognuno di questi punti); se si utilizzano pi
di due temperature limite, devono essere riportati i fattori di ponderazione delle
temperature.
|ola 2 ur eserp|o d| core r|porlare | lallor| d| porderaz|ore de||e lerperalure e |||uslralo re| prospello C.4.
Tutti i valori di uscita devono essere riportati con almeno tre cifre significative.
g
j,1
x y , ( ) g
j,2
x y , ( ) g +
j,3
x y , ( ) + 1 =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra o2
u|l E| lS0 10211:2008
12.2.2 6a|co|o de||a trasm|ss|one term|ca ut|||zzando | coeff|c|ent| d| accopp|amento term|co
La trasmissione termica tra lambiente i e lambiente j si calcola con lequazione (10) se ci
sono pi di due temperature limite, con lequazione (9) se ci sono due temperature limite
o con lequazione (15) per un modello geometrico 2-D.
12.2.3 6a|co|o de||e temperature superf|c|a|| ut|||zzando | fattor| d| ponderaz|one
La temperatura minima sulla superficie interna che si affaccia sullambiente j fornita
dallequazione (27) per un modello geometrico 3-D o dallequazione (30) per un modello
geometrico 2-D.
12.2.4 0at| d| usc|ta agg|unt|v|
Per un insieme specifico di temperature limite, devono essere forniti i seguenti valori
aggiuntivi:
- le portate termiche, in watt al metro (per casi 2-D) o in watt (per casi 3-D), per ogni
coppia di stanze coinvolte nel calcolo;
- temperature minime superficiali in gradi celsius e posizione dei punti con
temperatura di superficie minima in ogni ambiente coinvolto nel calcolo.
12.2.5 $t|ma de||'errore
Le procedure numeriche forniscono soluzioni approssimate che convergono alla
soluzione analitica, se esistente. Al fine di valutare laffidabilit dei risultati dovrebbe
essere stimato lerrore residuo, come di seguito descritto.
- Al fine di stimare gli errori dovuti ad un insufficiente numero di celle, deve/devono
essere effettuato/i uno/dei calcolo/i aggiuntivo/i in conformit al punto A.2. Deve
essere specificata la differenza tra i risultati dei due calcoli.
- Al fine di stimare gli errori che derivano dalla soluzione numerica del sistema di
equazioni, la somma dei flussi termici (positivo e negativo) deve essere fornita su
tutti i limiti del componente edilizio, divisi per il flusso termico totale.
|ola l| purlo A.2 spec|l|ca c|e queslo quoz|erle deve essere r|rore d| 0,0001.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra o4
u|l E| lS0 10211:2008
APPEN0|6E A VAL|0AZ|0NE 0E| HET00| 0| 6AL60L0
(rorral|va)
A.1 6as| d| prova d| r|fer|mento
A.1.1 0enera||ta
Affinch un metodo possa essere classificato come un metodo di elevata precisione,
tridimensionale e in regime stazionario, deve fornire risultati corrispondenti a quelli dei
casi di riferimento di prova 1, 2, 3 e 4, rappresentati rispettivamente nelle figure A.1, A.2,
A.3 e A.4.
Affinch un metodo possa essere classificato come un metodo di elevata precisione,
bidimensionale e in regime stazionario, deve fornire risultati corrispondenti a quelli dei
casi di riferimento di prova 1 e 2, rappresentati rispettivamente nelle figure A.1 e A.2.
A.1.2 6aso 1
possibile calcolare analiticamente lo scambio termico nella met di una colonna di
sezione quadrata le cui temperature superficiali siano note, come illustrato in figura A.1.
Nella medesima figura riportata la soluzione analitica nei 28 punti di una griglia
equidistante. La differenza tra le temperature calcolate con il metodo da validare e le
temperature elencate non deve essere maggiore di 0,1 C.
l|gura A.1 6aso d| r|fer|mento d| prova 1: confronto con |a so|uz|one ana||t|ca
So|uz|ore ara||l|ca a| rod| de||a gr|g||a (C)
9,/ 13,4 14,/ 15,1
5,3 8,o 10,3 10,8
3,2 5,o /,0 /,5
2,0 3,o 4,/ 5,0
1,3 2,3 3,0 3,2
0,/ 1,4 1,8 1,9
0,3 0,o 0,8 0,9
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra oo
u|l E| lS0 10211:2008
A.1.3 6aso 2
A.1.3.1 0escr|z|one de| mode||o per || caso 2
riportato un esempio di scambio termico bidimensionale nella figura A.2 e nei prospetti
A.1 e A.2.
l|gura A.2 6aso d| r|fer|mento d| prova 2: scamb|o term|co b|d|mens|ona|e
Legenda
1 Calcestruzzo
2 Legno
3 Isolamento
4 Alluminio
prospello A.1 0escr|z|one de| mode||o per || caso 2
0|rers|or|
rr
Cordull|v|la lerr|ca
w/(r K)
Cord|z|or| a| corlorro
A6 = 500 1: 1,15 A6: 0 C cor F
se
= 0,0o r
2
K/w
AC = o 2: 0,12 l|: 20 C cor F
s|
= 0,11 r
2
K/w
C0 = 15 3: 0,029
CF = 5 4: 230
EV = 40
0J = 1,5
lV = 1,5
F0 - KJ = 1,5
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra o8
u|l E| lS0 10211:2008
A.1.3.2 $o|uz|one numer|ca per || caso 2
prospello A.2 P|su|tat| de||a temperatura per || caso 2
La differenza tra le temperature calcolate con il metodo da validare e le temperature
elencate, non deve essere maggiore di 0,1 C . La differenza tra il flusso termico calcolato
con il metodo da validare ed il flusso termico elencato non deve essere maggiore di
0,1 W/m.
A.1.4 6aso 3
A.1.4.1 0escr|z|one de| mode||o per || caso 3
Nella figura A.3 e nei prospetti A.3, A.4 e A.5 riportato un esempio di scambio termico
tridimensionale.
l|gura A.3 6aso d| r|fer|mento d| prova 3: mode||o geometr|co tr|d|mens|ona|e
Legenda
a) Prospettiva
b) Sezione orizzontale
c) Sezione verticale
a)
Terperalura C
A: /,1 6: 0,8
C: /,9 0: o,3 E: 0,8
F: 1o,4 0: 1o,3
l: 1o,8 l: 18,3
Porlala lerr|ca lola|e: 9,5 w/r
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra /0
u|l E| lS0 10211:2008
b)
c)
Nota Y e V sono angoli tridimensionali.
prospello A.3 0escr|z|one de| mode||o per || caso 3
0|rers|or|
rr
Cordull|v|la lerr|ca
w/(r K)
Cord|z|or| a| corlorro
A6 = 1 300 1: 0,/ : 20 C cor F
s|
= 0,20 r
2
K/w
60 = l| = 100 2: 0,04 : 15 C cor F
s|
= 0,20 r
2
K/w
0E = lJ = 50 3: 1,0 : 0 C cor F
se
= 0,05 r
2
K/w
EF = JK = 150 4: 2,5 : ad|aoal|co
FL = KL = 1 000 5: 1,0
C0 = 1 150
0l = o00
VP = ST = 1 000
0R = 50
RS = 150
|0 = 950
0P = o00
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra /2
u|l E| lS0 10211:2008
A.1.4.2 $o|uz|one numer|ca per || caso 3: fattor| d| temperatura superf|c|a||
prospello A.4 P|su|tat| de||a temperatura per || caso 3
Le temperature superficiali minime negli ambienti e sono agli angoli di entrambi gli
ambienti interni
(A.1)
(A.2)
(A.3)
La differenza tra la minima temperatura della superficie interna di entrambi gli ambienti
calcolati con il metodo da validare e le temperature elencate non deve essere maggiore di
0,1 C.
A.1.4.3 $o|uz|one numer|ca per || caso 3: f|uss| term|c|
prospello A.5 6oeff|c|ent| d| accopp|amento term|co per || caso 3
Il flusso termico tra coppie di ambienti calcolato come segue:
- per e :
(A.4)
- per e :
(A.5)
- per e :
(A.6)
Il flusso termico dallambiente interno allambiente esterno calcolato come segue:
(A.7)
Il bilancio del flusso termico per gli ambienti e calcolato come segue:
(A.8)
(A.9)
La differenza tra il flusso termico calcolato con il metodo da validare ed il flusso termico
elencato non deve essere maggiore dell1%.
Aro|erle Fallor| d| lerperalura

1,000 0,000 0,000
0,3/8 0,399 0,223
0,331 0,214 0,455
Aro|erle Coell|c|erl| d| accopp|arerlo lerr|co
w/K
- 1,/81 1,o24
1,/81 - 2,094
1,o24 2,094 -
min
g g + g + =
,min
0,378 0 0,223 + 15 0,399 20 + 11,32 C = =
,min
0,331 0 0,455 + 15 0,214 20 + 11,11 C = =
,
L
, ,
1,624 15 0 ( ) 24,36 W = = =
,
L
, ,
2,094 20 15 ( ) 10,47 W = = =
,
L
, ,
1,781 20 0 ( ) 35,62 W = = =
, ,
+ 24,36 35,62 + 58,98 W = =
, ,
+ 24,36 10,47 + 34,83 W = =
, ,
+ 35,62 10,47 25,15 W = =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra /4
u|l E| lS0 10211:2008
A.1.5 6aso 4
Il caso 4 un ponte termico tridimensionale che consiste in una barra dacciaio che
penetra in uno strato isolante come mostrato in figura A.4 e nei prospetti A.6 e A.7.
La differenza tra le minime temperature della superficie interna calcolata con il metodo da
validare e la temperatura elencata non deve essere maggiore di 0,005 C. La differenza
tra il flusso termico calcolato con il metodo da validare ed il flusso termico elencato non
deve essere maggiore dell1%.
prospello A.o 0escr|z|one de| mode||o per || caso 4
prospello A./ $o|uz|one numer|ca per || caso 4
l|gura A.4 6aso d| r|fer|mento d| prova 4: barra d'acc|a|o che penetra uno strato |so|ante
Legenda
1 Parte superiore
2 Vista dallalto
3 Piani di taglio adiabatici
4 Superficie esterna
5 Superficie interna
6 Barra dacciaio
7 Isolante
Dimensioni in millimetri
0|rers|or|
rr
Cordull|v|la lerr|ca
w/(r K)
Cord|z|or| a| corlorro
lso|arle: 1 000 1 000 200 lso|arle: 0,1 w/(r K) lrlerro: 1 C cor F
s|
= 0,10 r
2
K/w
6arra d'acc|a|o: o00 100 50 6arra d'acc|a|o: 50 w/(r K) Eslerro: 0 C cor F
se
= 0,10 r
2
K/w
P|ar| d| lag||o: ad|aoal|c|
F|usso lerr|co 0,540 w
Terperalura superl|c|a|e rass|ra su| |alo eslerro 0,805 C
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra /o
u|l E| lS0 10211:2008
A.2 6ons|deraz|on| genera|| e requ|s|t| per |a va||daz|one de| metod| d| ca|co|o
I metodi di calcolo di elevata precisione sono conosciuti come metodi numerici (per
esempio metodo degli elementi finiti, metodo delle differenze finite, metodo del bilancio
termico). Questi metodi numerici richiedono una suddivisione delloggetto considerato. Il
metodo consiste in un insieme di regole per costruire un sistema di equazioni il cui
numero proporzionale al numero di suddivisioni. Il sistema risolto sia con metodi diretti
sia con metodi iterativi. Dalla soluzione del sistema generalmente espressa in termini di
temperature in alcuni punti delloggetto considerato, si pu ottenere (per interpolazione) la
temperatura in ogni altro punto; si possono ottenere inoltre i flussi termici attraverso
superfici opportunamente identificate.
Il metodo numerico da validare deve soddisfare i requisiti seguenti:
a) Il metodo deve fornire le temperature ed i flussi termici.
b) Il grado di suddivisione delloggetto (cio il numero di celle, nodi) non un "metodo
definito" ma "definito dallutilizzatore", anche se in pratica il grado di suddivisione
"limitato dalla macchina". Ne consegue che nei casi di riferimento il metodo da
validare deve consentire di calcolare le temperature ed i flussi termici in posizioni
diverse da quelle indicate.
c) Allaumentare del numero di suddivisioni la soluzione del metodo da validare deve
convergere alla soluzione analitica, se una soluzione esiste (per esempio il Caso di
riferimento di prova 1).
|ola A||'aurerlare de| rurero d| sudd|v|s|or| |a so|uz|ore corverge. l| rurero d| sudd|v|s|or| recessar|o per
ollerere ura ouora accuralezza d|perde da| proo|era esar|ralo e da||a so|uz|ore lecr|ca. S| prevede c|e
|'errore assura |a lorra / N
/3
dove e soro coslarl| per ur delerr|ralo proo|era e N e || rurero lola|e
d| rod| re| rode||o.
d) Il numero di suddivisioni deve essere determinato come segue: la somma dei valori
assoluti di tutti i flussi termici che entrano nell'oggetto considerato calcolata due
volte, per n nodi (o celle) e per 2n nodi (o celle). La differenza tra questi due risultati
non deve essere maggiore dell1%. Se ci non succede occorre aumentare il
numero di suddivisioni fino a che il criterio non soddisfatto.
e) Se la tecnica di soluzione adottata iterativa, le iterazioni devono proseguire finch
la somma di tutti i flussi termici (positivo e negativo) entranti nell'oggetto, divisa per
la met della somma dei valori assoluti di tutti questi flussi termici, minore di
0,0001.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra /8
u|l E| lS0 10211:2008
APPEN0|6E E$EHP| 0| 0ETEPH|NAZ|0NE 0ELLA TPA$H|TTANZA TEPH|6A L|NEAPE E
(|rlorral|va) PuNTuALE
.1 0enera||ta
Nella presente appendice sono considerate due tipiche configurazioni di componenti
edilizi:
- Caso 1 con due ambienti separati;
- Caso 2 con tre ambienti separati.
Per ognuno di questi casi sono riportate le specifiche equazioni da utilizzare per calcolare
e .
Le figure B.1 e B.2 illustrano le lunghezze per le dimensioni interne. Se sono state
utilizzate le dimensioni esterne, si applicano le stesse formule con le lunghezze misurate
lungo le superfici esterne dei componenti.
.2 6aso 1
Un componente edilizio 3-D separa i due ambienti R
1
ed R
0
. Le equazioni contenute in
figura B.1, sono utilizzate per calcolare i valori di e .
.3 6aso 2
Un componente edilizio 3-D separa tre ambienti. Si considerano i due ambienti R
1
ed R
0
.
Le equazioni contenute in figura B.2, sono utilizzate per calcolare i valori di e .
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 80
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 6.1 6aso 1: componente ed|||z|o 3-0 che separa due amb|ent|
Dimensioni in millimetri
Nota Per una spiegazione dei simboli, vedere punto 3.2.
z
L
2D,x,y
U
x,z
l
x
U
y,z
l
y
=
x
L
2D,y,z
U
x,y
l
y
U
x,z
l
z
=
y
L
2D,x,z
U
x,y
l
y
U
y,z
l
z
=
L
3D
L
2D,x,y
l
x
L
2D,y,z
l
z
L
2D,x,z
l
y
U
x,y
A
x,y
U
x,z
A
x,z
U
x,z
A
x,z
+ + + =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 82
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura 6.2 6aso 2: componente ed|||z|o 3-0 che separa tre amb|ent|
Dimensioni in millimetri
Nota Per una spiegazione dei simboli, vedere punto 3.2.
z
L
2D,x,y
U
x,z
l
x
U
y,z
l
y
=
y
L
2D,x,z
U
y,z
l
z
=
x
L
2D,y,z
U
x,z
l
z
=
L
3D
L
2D,x,y
l
z
L
2D,y,z
l
x
L
2D,x,z
l
y
U
y,z
A
y,z
U
x,z
A
x,z
U
x,y
A
x,y
+ + + =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 84
u|l E| lS0 10211:2008
APPEN0|6E 6 0ETEPH|NAZ|0NE 0E| VAL0P| 0EL 60EFF|6|ENTE 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60
(|rlorral|va) E 0EL FATT0PE 0| P0N0EPAZ|0NE 0ELLA TEHPEPATuPA PEP P|u 0| 0uE
TEHPEPATuPE L|H|TE
6.1 0eterm|naz|one de| coeff|c|ent| d| accopp|amento term|co,
In un modello con n temperature limite, sono presenti fino a n (n - 1)/2 differenti separati
coefficienti di accoppiamento. I coefficienti sono ricavati dai calcoli intrapresi assegnando
le temperature limite ad ogni ambiente come mostrato nel prospetto C.1. Il numero totale
dei calcoli necessari uguale al numero degli ambienti connessi direttamente luno
allaltro, che in pratica pu essere minore di n (n - 1)/2. Il risultato di ogni calcolo una
somma dei valori di L, che fornisce un sistema di equazioni simultanee che sono infine
risolte per ottenere i singoli coefficienti di accoppiamento termico.
|ola Le d|llererze d| lerperalura d| 1 K soro |||uslrale re| prospello C.1 a| l|re d| lorr|re |o sc|era d| ca|co|o. 0gr|
va|ore ul||e d|verso da zero puo essere ul|||zzalo per || preserle ca|co|o. E cors|g||ao||e c|e |e propr|ela
d|perderl| da||a lerperalura s|aro va|ulale |r r|ler|rerlo a||e lerperalure |rlerre ed eslerre c|e s|
prevedoro re||a pral|ca.
prospello C.1 $chema per || ca|co|o de| va|or| d| , ne| caso d| temperature a| ||m|te
6.2 PE$060NT0 0E| 60EFF|6|ENT| 0| A660PP|AHENT0 TEPH|60,
Nel caso di ponti termici, ha interesse solamente il calcolo dei coefficienti di
accoppiamento termico, L
i,j
, per ogni coppia di ambienti termicamente connessi al
componente edilizio considerato. Ci consente di ridurre il numero di ambienti coinvolti.
I coefficienti di accoppiamento termico L
i,j
dovrebbero essere forniti nella forma del
prospetto C.2. Per ognuno dei due ambienti che non termicamente connesso allaltro, L
dovrebbe assumere valore 0.
|ola 1 P|u d| lre aro|erl| soro eccez|ora||.
|urero de| ca|co|o Terperalure ||r|le, C R|su|lalo de| ca|co|o
1 2 | r
1 1 0 0 0
2 0 1 0 0
i 0 0 1 0
r 0 0 0 1
r 1 1 1 0 0

r 2 1 0 1 0

L
1,k
k 1
L
2,k
k 2
L
i,k
k i
L
n,k
k n
L
1,k
k 1,2
L
2,k
k 1,2
L
1,k
k 1,i
L
i,k
k 1,i
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 8o
u|l E| lS0 10211:2008
prospello C.2 $chema d| presentaz|one de| va|or| d| , ne| caso d| temperature a| ||m|te
|ola 2 Lo sc|era e s|rrelr|co, cor L
|,j
= L
j,|
.
Linsieme dei valori R
si
, utilizzati nel calcolo dei valori L, dovrebbe essere registrato,
unitamente ad un disegno che illustra a quale area superficiale interna si applica ogni
valore R
si
.
6.3 0eterm|naz|one de| fattor| d| ponderaz|one de||a temperatura,
In un modello con n temperature limite, i fattori di ponderazione si possono calcolare
ripetendo (n - 1) volte il calcolo della temperatura nei punti scelti; in ogni calcolo
successivo si pongono uguali a 0 C tutte le temperature limite, tranne una temperatura
limite, che si pone invece uguale ad 1 C, secondo lo schema del prospetto C.3.
prospello C.3 $chema per || ca|co|o de| va|or| , ne| caso d| temperature ||m|te
Dopo (n - 1) calcoli di g
n
risulta dallequazione (28).
6.4 Pesoconto de| fattor| d| ponderaz|one de||a temperatura,
I fattori di ponderazione della temperatura calcolati, per un componente edilizio con n
ambienti coinvolti, nei punti dove la temperatura pi bassa, dovrebbero essere forniti in
conformit al prospetto C.4.
prospello C.4 $chema d| presentaz|one de| va|or| d| ne| caso d| temperature ||m|te
|ola |e| caso |r cu| g|| aro|erl| c|e |rlerag|scoro da| purlo d| v|sla lerr|co s|aro lre, gerera|rerle |rleressa |a
lerperalura superl|c|a|e r|r|ra d| due slarze. C|o s|gr|l|ca c|e, |o sc|era de| prospello C.3, e app||calo due
vo|le cor ur lola|e d| quallro ca|co|| a| l|re d| ollerere | va|or| de| prospello C.4.
Linsieme dei valori R
si
, utilizzati nel calcolo dei valori g, dovrebbe essere registrato,
unitamente ad uno schema che illustra a quale area superficiale interna si applica ogni
valore R
si
.
|urero de||'aro|erle 1 2 i r
1 - L
1,2
L
1,|
L
1,r
2 L
2,1
- L
2,|
L
2,r
i L
|,1
L
|,2
- L
|,r
r L
r,1
L
r,2
L
r,|
-
|urero de| ca|co|o Terperalure ||r|le, C Fallor| d| porderaz|ore
1 2 | r
1 1 0 0 0
1
2 0 1 0 0
2
| 0 0 1 0
|
r - 1 0 0 0 1
r-1
|urero de||'aro|erle 1 2 i r
1
1,1

1,2

1,|

1,r
2
2,1

2,2

2,|

2,r
i
|,1

|,2

|,|

|,r
r
r,1

r,2

r,|

r,r
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 88
u|l E| lS0 10211:2008
6.5 Esemp|o
6.5.1 6a|co|o de| mode||o geometr|co
Lesempio illustra un calcolo 2-D per un pavimento su intercapedine. Vi sono tre
temperature limite: lambiente interno,
i
, lambiente esterno,
e
, e lintercapedine,
u
(vedere figura C.1).
La temperatura dellintercapedine dipende dalle temperature interna ed esterna, nonch
dalle propriet termiche della costruzione. Per questultimo motivo, non conosciuta a
priori.
I coefficienti di accoppiamento termico sono:
- L
ie
: coefficiente di accoppiamento termico tra lambiente interno e lambiente
esterno;
- L
iu
: coefficiente di accoppiamento termico tra lambiente interno e lintercapedine;
- L
ue
: coefficiente di accoppiamento termico tra lintercapedine e lambiente esterno.
|ola 1 L
ue
|rc|ude || l|usso lerr|co allraverso || lerrero. Per |e d|rers|or| de| lerrero, vedere purlo 5.2.4.
Lintercapedine ventilata dallesterno. Se la ventilazione non inclusa nel modello
numerico, L
ue
divisa nelle due componenti:
L
ue
= L
ue,c
+ L
ue,v
(C.1)
dove:
L
ue,c
il coefficiente di accoppiamento termico per la conduzione termica attraverso le
pareti dellintercapedine e attraverso il terreno;
L
ue,v
rappresenta lo scambio termico attribuibile al ricambio daria tra lintercapedine e
lambiente esterno.
|ola 2 Tulle |e |rlercaped|r| d'ar|a ror verl||ale soro |rc|use re| rode||o rurer|co (ul|||zzardo ura cordull|v|la
lerr|ca equ|va|erle).
I singoli coefficienti di accoppiamento termico sono ottenuti seguendo lo schema nel
punto C.1. Lo stesso modello geometrico calcolato tre volte con diverse condizioni al
contorno, come mostrato nel prospetto C.5. il flusso termico totale. Ci sono due
possibilit, come descritto di seguito.
a) I calcoli della modellazione non tengono conto del ricambio daria. Il codice di calcolo
tiene conto della sola conduzione di calore e la ventilazione considerata
separatamente.
b) I modelli di calcolo tengono conto del ricambio daria. Il codice di calcolo tiene conto
della ventilazione dellintercapedine, fissata ad una portata appropriata alle modalit
di ventilazione (vedere appendice E della ISO 13370:2007). In questo caso non
necessario considerare separatamente le trasmissioni e componenti di ventilazione
di L
ue
.
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 90
u|l E| lS0 10211:2008
l|gura C.1 Pappresentaz|one schemat|ca de| pav|mento su |ntercaped|ne
Legenda
1 Ambiente interno,
i
2 Ambiente esterno,
e
3 Intercapedine,
u
4 Terreno
B Dimensione caratteristica del pavimento
h
W
Distanza minima tra la giunzione e il piano di taglio
L
ie
Coefficiente di accoppiamento termico tra lambiente interno e lambiente esterno
L
iu
Coefficiente di accoppiamento termico tra lambiente interno e lintercapedine
L
ue
Coefficiente di accoppiamento termico tra lintercapedine e lambiente esterno
prospello C.5 6ond|z|on| d| mode||az|one
Dai risultati dei calcoli della modellazione, i coefficienti di accoppiamento termico di
interesse si ottengono risolvendo le equazioni simultanee, conducendo a
L
iu
= 0,5 (L
1
- L
2
+ L
3
) (C.2)
L
ie
= 0,5 (L
1
+ L
2
- L
3
) (C.3)
L
ue,c
= 0,5 (L
2
+ L
3
- L
1
) [se la modellazione non include il ricambio daria] (C.4)
L
ue
= 0,5 (L
2
+ L
3
- L
1
) [se la modellazione include il ricambio daria] (C.5)
|urero de| ca|co|o
|
C
e
C
u
C
R|su|lalo de| ca|co|o
Se | ca|co|| de||a rode||az|ore ror
lergoro corlo de| r|caro|o d'ar|a
Se | ca|co|| de||a rode||az|ore lergoro
corlo de| r|caro|o d'ar|a
1 1 0 0 L
1
= L
|e
L
|u
L
1
= L
|e
L
|u
2 0 1 0 L
2
= L
|e
L
ue,c
L
2
= L
|e
L
ue
3 0 0 1 L
3
= L
|u
L
ue,c
L
3
= L
|u
L
ue
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS

u|l Pag|ra 92
u|l E| lS0 10211:2008
6.5.2 P|camb|o d'ar|a per vent||az|one non |nc|uso ne| mode||o
Se il ricambio daria per ventilazione tra lintercapedine e lambiente esterno non incluso
allinterno del modello, il termine relativo alla ventilazione L
ue,v
calcolato utilizzando
lequazione (C.6)
(C.6)
dove:
la massa volumica dellaria;
c
p
il calore specifico dellaria a pressione costante;
la portata termica volumetrica riferita alla lunghezza del perimetro (vedere
appendice E della ISO 13370:2007).
L
ue
infine ottenuto utilizzando lequazione (C.1).
Il flusso termico totale dallinterno verso lesterno
(C.7)
conducendo a
(C.8)
In generale
(C.9)
dove L
2D
il coefficiente di accoppiamento termico dallinterno allesterno, di modo che
(C.10)
La trasmittanza termica lineare per la giunzione parete/pavimento si ottiene in conformit
al punto 10.4:
(C.11)
6.5.3 P|camb|o d'ar|a per vent||az|one |nc|uso ne| mode||o
In questo caso,
u
non assegnato. Il calcolo numerico eseguito una volta con le
temperature limite
i
e
e
fornendo L
2D
e
g
si ottiene dallequazione (C.11).
|ola 0ueslo puo porlare a r|su|lal| s|gr|l|cal|varerle d|llererl|, da| rorerlo c|e |'|rlercaped|re e rode||ala core
ur so||do cor ura cordull|v|la lerr|ca equ|va|erle |rvece c|e core ur s|rgo|o rodo.
L
ue,v
c
p
V

=
V

L
iu i u
( ) L
ie i e
( ) + =
L
iu
L
ue
L
iu
L
ue
+
--------------------- L
ie
+
i u
( ) =
L
2D i e
( ) =
L
2D
L
iu
L
ue
L
iu
L
ue
+
--------------------- L
ie
+ =
g
L
2D
h
w
U
w
0,5 B' U =
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS
u|l Pag|ra 94
u|l E| lS0 10211:2008
|L|00PAF|A
[1] ISO 10077-2 Thermal performance of windows, doors and shutters -
Calculation of thermal transmittance - Part 2: Numerical method
for frames
[2] ISO 10456 Building materials and products - Hygrothermal properties -
Tabulated design values and procedures for determining declared
and design thermal values
[3] ISO 13789 Thermal performance of buildings - Transmission and ventilation
heat transfer coefficients - Calculation method
[4] ISO 14683 Thermal bridges in building construction - Linear thermal
transmittance - Simplified methods and default values
[5] EN 673 Glass in building - Determination of thermal transmittance (U
value) - Calculation method
Copyright Ente Nazionale taliano di Unificazione
Provided by HS under license with UN Licensee=University of Florence (5972936) /5935522010
Not for Resale, 12/29/2010 02:50:56 MSTSta! No reproduction or networking permitted without license from HS