Sei sulla pagina 1di 12

4

soltanto una scintilla nel cielo, una strega crudele chiamata Guerra simpadron delle nostre terre, allevando i temibili uccelli di ferro che si divertivano a distruggere le abitazioni in una partita di tiro al bersaglio. Persino i ponti non riuscivano a scamparla. Ce nera uno di legno che univa un paesino di campagna tagliato perfettamente a met da un lungo canale. La Guerra lo prese di mira diverse volte, tuttavia gli abitanti non si stancavano mai di ricostruirlo, sempre pi solido, e gli uccelli di ferro dovettero rassegnarsi a lasciarlo in pace. Almeno per un po tuon quella strega crudele.

empo fa, quando io e voi lettori eravamo

Ora, infatti, la serenit di quel paesino, incorniciato da sconfinati campi di mais, sembrava garantita da un periodo di quiete.

Accanto al ponte, al di qua del canale, vivevano il signor Tanino e la moglie Teresa con le loro quattro bestie. A dir la verit non erano esattamente quattro, un modo simpatico per spiegare che non avevano molti animali rispetto al signor Giannantonio, proprietario di una grande fattoria centenaria dallaltra parte del canale.

Il signor Tanino aveva ereditato dal nonno una semplice casa, una piccola stalla, un campo di mais, un orto pieno di verdure con alcuni alberi da frutto e un laghetto che muoveva la ruota di un minuscolo mulino. Insieme alla moglie dedicava tutta la giornata al lavoro della terra e alla cura degli animali: un toro, due galli ben separati, tre mucche, quattro vitellini, cinque gatti, sei oche, sette conigli, otto topi ormai addomesticati, nove pulcini, dieci galline e undici no, un mulo!

Non confondetelo con un ciuco, un asino comune per capirci; il mulo tuttaltro: ha un pap cavallo e una mamma asina, mentre il ciuco ha entrambi i genitori asini. Dove eravamo rimasti? S, a un mulo che Tanino aveva comprato alla fiera del bestiame, lasciandosi convincere che portasse sacchi pesanti meglio di un carretto e facesse la guardia meglio di un cane. Infatti un cane mancava in quella piccola propriet e, dopo la scomparsa di Enrico Quarto, nessuno aveva mai preso il suo posto.

12

Ma facciamo un passo indietro. La fiera del bestiame si teneva in citt ogni anno. Era un appuntamento immancabile per Tanino, che vi si recava con la moglie per cercare mangimi in offerta e ammirare gli animali in mostra dei grandi allevatori. Tra i quali si distingueva il signor Giannantonio. Tanino aveva sempre desiderato, fin da bambino, di partecipare come allevatore a quellimportante manifestazione. Quando la visit per la prima volta a sei anni, accompagnato dal nonno, ne fu ammaliato e inizi a sognare. Nonno, da grande trasformer la tua stalla in una fattoria gigantesca.

13

Ma i sogni non sempre esaudiscono tutti i nostri desideri, a volte per ci accontentano un poco per non deluderci. Fatto sta che le quattro bestie nella stalla di Tanino erano il premio di consolazione per la sua tenacia e, per quanto riguarda la fiera, dovette accontentarsi di visitarla da semplice spettatore. Negli ultimi anni la fiera del bestiame fu completamente ricoperta da immensi capannoni di metallo, per evitare che la Guerra si innervosisse alla vista di un gran via vai di gente e per leccessivo odore di letame. Tanino e Teresa passeggiavano mano nella mano, partivano dal padiglione numero 1 degli attrezzi da lavoro e, senza perdere neppure un angolo, arrivavano sul far del tramonto al padiglione numero 40 delle sementi per campi. Il tempo lo trascorrevano soprattutto alla premiazione delle migliori mucche da 14

latte, agghindate come modelle, che sfilavano accanto ai ricchi proprietari sotto gli occhi stupefatti dei visitatori. Mentre i due contadini si stavano recando nel padiglione numero 21 dei conigli, lattenzione di Teresa fu catturata da un uomo e una donna seduti accanto a un casotto di legno, uno alla destra e laltra alla sinistra. Sopra cera la scritta Trich e Berlch. Nel dialetto di quei territori significava pi o meno poco o niente, in poche parole: Fermati, questo un affare!

15

Alla fiera non vi era niente che costasse poco, anche il mangime dei polli richiedeva molte giornate di lavoro. E allora cosa vendevano quei due? Tanino e Teresa non riuscirono a resistere e si avvicinarono incuriositi. Lomino si alz di scatto: Cara, apri il casotto ai signori! La donna tir fuori una chiave dal grembiule, apr il lucchetto arrugginito e spalanc una porticina cigolante. Dentro, in fondo nel buio, respirava unombra. Tanino, sono galline? domand Teresa. Mah, non vedo bene, c qualcosa sotto la paglia rispose il marito, che pensava gi a una fregatura. Galline? intervenne la voce squillante del venditore. Signori, guardate bene. Vi servono gli occhiali? un mulo speciale, non come tutti gli altri muli. Porta sacchi pesanti meglio di un carretto e fa la guardia meglio di un cane da guardia. 16

Ma non finisce qui! Questa solo unanteprima.

Acquista

Gli

di

in libreria, nel sito della casa editrice, nei bookshop on line o durante le presentazioni. ALTA LEGGIBILIT: per la realizzazione del libro sono stati utilizzati accorgimenti linguistici e tecnici che rendono la lettura pi facile per tutti.

Visita il sito

WWW.MIRKOMONTINI.IT
curiosit, giochi, sorprese e lalbum da colorare ti aspettano!