P. 1
Cerâmica Tradicional

Cerâmica Tradicional

|Views: 21|Likes:
Published by Miguel Vieira

More info:

Published by: Miguel Vieira on Feb 23, 2013
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOCX, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

12/25/2013

pdf

text

original

Cerâmica Tradicional

Escrito por Tellus grupo

Quinta-feira, 8 de outubro, 2009 12:17

Cerâmica Tradicional
O termo "cerâmica tradicional" indica que os produtos derivados de matérias-primas inorgânicas, frio e consolidada pela queima. Essas cerâmicas são utilizadas por um longo tempo e, portanto, consideradas "tradicionais". Eles são feitos de matérias-primas são muito comuns na natureza em que as argilas, juntamente com outros silicatos, desempenham um papel decisivo. O personagem foi criado pela composição química de cerâmica como os elementos estão presentes na natureza é tanto metálicos e não metálicos dando origem a fortes laços principal responsável pela dureza e fragilidade. Muitas vezes têm estruturas desordenadas e, portanto, não tem uma picada de uma fusão, mas uma série de amaciamento. Um resfriado não tem plasticidade e não pode ser formado como os metais. A estabilidade química das cerâmicas é excepcional. Na prática, é inexistente, devido à resistência à corrosão, à temperatura ambiente. A classificação dos tradicionais produtos cerâmicos utilizados na construção, é com base no escopo: elementos para pisos, paredes, telhados (tijolo); transporte de fluidos e descargas (tubos de grés); saneamento equipamentos (de saúde); pisos e paredes (azulejos). Esta classificação pode ser complementado com outras subdivisões, dependendo de outros parâmetros, tais como: estrutura porosa ou compacta; o estado da superfície, vitrificados ou não; suporte, branco ou colorido. A diferença entre esses produtos e texturizados tecido compacto poroso é devido à temperatura. No primeiro caso, o cozimento ocorre em temperatura relativamente baixa de modo a obter um material resistente, mas porosa. Na segunda queima é empurrada para provocar a formação de um grupo homogéneo, não porosa.

      

Tecnologia de Fabricação: geral
  
Para a fabricação das tradicionais matérias-primas cerâmicas são necessárias que podem executar a função: plastificante; estruturais; fluxo.

plastificante Função
As cerâmicas são moldadas à matéria-prima, a partir de misturas com teor de água diferente, dependendo do método de formação aprovada. A mistura com o objectivo de viabilidade, deve ter uma certa plasticidade, uma condição que é por isso que a pressão aplicada a ele pode deformar sem ruptura e, por outro lado, armazenar a forma adquirida, mesmo após a remoção da pressão. A plasticidade, que foi adquirida na presença da água é perdida após a secagem. É irreversível após o aquecimento a 500-600 ° C. As matérias-primas, materiais plásticos para a excelência, são as argilas (silicatos hidratados de Al, Ca, Mg, etc) .. Sua plasticidade é uma conseqüência da estrutura mineralógica muito fina (inferior a 4 mm), ea morfologia das partículas coloidais e fenômenos que caracterizam o sistema de água com argila.

função estrutural
A queima de secagem e são acompanhadas por fenômenos físicos e químicos (abordagem das partículas, formação de fase fundida) que estão associados com variações de tamanho, incluindo levantamentos. Essas cepas, se excessiva, ameaçando a integridade dos artefatos. Além disso, o risco associado à excessiva plasticidade da mistura: quanto maior plasticidade, menor é o esforço para ser aplicada para a deformação, mas aumenta o perigo de que a obra-prima é deformado sob seu próprio peso. Para combater estes efeitos, usando a adição de "smagranti", que se destina a ser um esqueleto rígido. O smagranti, em geral. são areia de sílica ou argila moída assada (calcinada).

função do fluxo
Para alcançar as propriedades desejadas mecânica, é essencial que durante o cozimento para formar uma fase líquida, que vai para preencher os poros deixados pela água ou durante a secagem, ou produzidos pela liberação de compostos gasosos. A diminuição da porosidade é maior quanto maior a quantidade de fase líquida formada. Durante o resfriamento, as formas líquidas de um vidro que forma a matriz do produto compacto. As matérias-primas são os fluxos de carbonato de cálcio, feldspato (silico-aluminato de K e Na), óxido de ferro, fosfatos.

ciclo tecnológico
Preparação de massa
Os diferentes produtos de cerâmica são feitos com procedimentos muito semelhantes. Um diagrama do trabalho que é o seguinte. de Licitações), de matérias-primas e sua caracterização. A escolha de matérias-primas devem ter em conta: a argila para tijolos e telhas podem conter uma quantidade significativa de compostos de ferro e carbonato de cálcio, se uniformemente distribuídos, as argilas para os melhores produtos são "cozinhados branco" e, portanto, de, contêm impurezas de baixo teor de ferro e outros corantes b) Atmosferizzazione de material argiloso. Às vezes, o barro, imediatamente após a escavação é exposta às intempéries por longos períodos. A alternância de congelamento e descongelamento e frio e calor, resultando em uma desintegração mecânica das partículas, resultando em maior plasticidade. Há também alterações químicas, tais como as relativas aos compostos oxidáveis. c) de britagem e moagem. Operação antes da moagem e trituração que garante o melhor desempenho das usinas. cominuição fina é realizada tanto seco e molhado. A fim de evitar a poluição do ferro metálico, por trituração, o material para porcelana branca e cerâmica são moídos em moinhos revestidos com placas de pedras de porcelana ou sílica e moagem do mesmo material. d Screening). O material de rastreio é destinado a eliminar as partículas não é suficiente para corpos estranhos. e) dosagem e mistura. As matérias-primas, terra, são medidos, misturados e homogeneizados para obter

massa para ser submetido a moldagem, secagem e cozedura. Moldura
  
Os métodos de moldagem podem ser classificados em termos do teor de água da mistura de partida, os vários métodos diferentes níveis de pressão para deformar em forma. A fim de aumentar o teor de água da massa, os métodos são os seguintes: prensagem; extrusão; casting.

as reformas e colocar em íntimo contato da mistura de grânulos. Ao variar a composição da expansão. eles chegam a um derretimento repentino. a combustão de substâncias orgânicas e separação dos sulfetos. ou seja. Consequentemente. dada a alta fluidez comunicado fases de óxido de cálcio resultante da fusão. Se. A pasta é fornecido com um dispositivo Pulsor (cilindro de hélice. cozinhados no pedaço. há o inconveniente de fissuras. de uma forma controlada. com conseqüente flacidez e queda da peça. por vezes ventilado para melhorar a sua coerência .Pressionando A prensagem é a compactação do pó. em contrapartida. Revestimentos Eles são divididos em duas categorias: deslizamentos e revestimentos vidrados. o produto confere dureza e densidade. spray. Secagem O processo de secagem é projetado para remover a água formados a partir de pedaços de massa. com o resultado da obtenção de um compacto com as propriedades mecânicas suficientes para resistir aos esforços que a peça terá que se submeter posterior processamento (manipulação. nas técnicas tradicionais de fundição. o comportamento do revestimento. Para obter densidade uniforme na peça acabada. parcialmente secas. o revestimento durante o resfriamento. Estes mesma massa. Numa primeira fase. uma fase vítrea.pela passagem através de uma câmara de vácuo . As janelas têm uma composição diferente (por exemplo. Prensagem isostática é realizado como resultado da pressão exercida sobre o material de todas as direções. etc . A peça. mais fácil de limpar. Em temperaturas acima de 1000 ° C. O revestimento pode ser aplicado em diferentes fases de produção: peça em estado bruto. a forma do artefato a ser realizado. ). As janelas são os revestimentos de superfície capaz de ocluir os poros e faz a superfície de objetos lisos e brilhantes. esmaltes opacos. A aplicação do revestimento pode ser feita com técnicas diferentes: Mergulho. a fim de torná-la impermeável e não absorvente. devido à decomposição destes compostos. As duas fases com diferentes volumes específicos. telhas etc. Até 600 ° C.) O deslizamento é composto por uma camada de argila branca. Os revestimentos são feitos de fusíveis vítreo de vidro de diferentes composições e eles são divididos. Ele forma um produto com resistência mecânica e resistência química.       Até 200 ° C: a remoção da água higroscópica. como no concurso de porcelana ou de barro para equipamentos médicos. Moldagem A massa está lançando uma suspensão aquosa com teor de água variando entre I130 e 40%. incorporando menos fusíveis. em um processo contínuo e que possam ser cortados em pedaços de tamanho desejado. como em porcelana dura. No segundo. mais forte e mais durável. O molde. Esmaltes são aplicados revestimentos na superfície das peças. faiança e cerâmica. Assuma o perfil deste vazamento. deve ser retirado e está pronto para a secagem e queima subseqüente. As peças são formadas pela circulação de ar seco. A cozinha é de aquecimento e resfriamento das peças secas. cerâmica). em moldes especiais.ou seja. especialmente durante o resfriamento. o coeficiente de expansão da cobertura é maior do que o da pasta. De 600 a 800 ° C: o colapso da estrutura dos minerais de argila e da liberação das suas águas.. A partir de 900 ° C: reação da sílica e alumina com outros componentes da massa e da formação de alumina-sílica. .e instou contra uma abertura de secção predeterminado (rede). Na 573 ° C: a transformação de sílica (SiO. esteticamente bonita (tanto quanto a cor. A secagem faz com que uma abordagem progressiva das partículas da massa. etc aplicação polonês. No caso de produtos a partir de matérias-primas contendo carbono (alguns tipos de tijolos e telhas). que se separou do molde como resultado da retirada. volatilização. Nestas condições. simples e barata. promove a consistência de pasta.no tijolo. Esta partículas. óxido bórico e feldspato). menos do que o macarrão. Esses produtos geralmente não são cobertos. Cozinhar Acendimento é a operação pode causar uma mudança fundamental no produto bruto. a massa é mais poroso com porosidade aberta grande. Por volta de 900 ° C: decomposição de carbonatos com a liberação de CO2. então. que podem levar à ruptura do edifício. de modo a salvaguardar a integridade ea regularidade da forma e tamanho das peças. no posterior resfriamento. deve ser feita com uma pasta contendo água em quantidades que variam entre 15 e 20%. a sílica-alumina começam a amolecer e derreter. Este processo de formação. Além das mudanças permanentes. cozinhar também é acompanhada por uma modificação temporária do sólido. o que leva à luminosidade. de acordo com a diferente composição da pasta. Extrusão O artigo formado por extrusão. você tem a difusão de água líquida à superfície da peça. os produtos obtidos a partir de misturas que contêm carbonatos devem ser cozidos a temperaturas inferiores a 1050 ° C. ou pistões). é coberta com tinta. permitindo uma expansão do produto do coeficiente mais próximo ao da massa cerâmica. Se o coeficiente de expansão do revestimento é. resultando em compactação e encolhimento. há o inconveniente do chip. óxido de chumbo. O componente extrudados ainda podem ser enformadas por moldagem (telhas). por sua vez. cobrindo o efeito e que. argila. para os feridos. nas vitrines das lojas (pintura) e esmaltes. ele rasga. decoração. A mistura. uma estrutura porosa. por sua vez. Esta transformação é reversível no resfriamento a transformação oposta afeta o quartzo / 3 restantes . quando aquecido a uma temperatura acima de 1050-1100 ° C. a água evapora da superfície da peça. O desenvolvimento destas reações. brilho. bem como em "salga" de grés. é colocado em um porosa. capilar maior parte do líquido. que a alta temperatura não foi combinado . A remoção de água ocorre em duas etapas distintas. chamada chorume. há uma pequena quantidade de fase líquida e subseqüente presença no produto final. A partir de 300-350 ° C: eliminação zeólita de água. O deforma a pressão aplicada. como nos produtos de textura porosa (faiança. As tintas são transparentes. em terracota. é utilizado para a produção de objetos grandes. estão listados abaixo. geralmente de gesso. O deslizamento é projetado para esconder a cor avermelhada do macarrão cozido e dar mais valor ao produto. ladrilhos. de fato. porosidade tende a aumentar em torno de 800-900 ° C. como a expansão-contração.        Produtos textura porosa Pertencem a este grupo de tijolos. O tijolo Esta rubrica inclui uma série de materiais de construção como tijolos e tijolos ocos. por parte submetido a um primeiro tratamento térmico. quartzo / 3. Essas características dão ao corpo cerâmico propriedades físicas e mecânicas. As transformações físicas e químicas que ocorrem durante o intervalo. dando origem à formação. com umidade de 5-7%. dependendo da matéria-prima utilizada afeta a microestrutura do produto disparou. são de difícil obtenção por prensagem.) que está na forma de quartzo.

etc bagaço exausto. muito compacto e quase vitrificado. A sua percentagem de perfuração varia entre 15 e 45%. seja solo. dependendo do teor de umidade da massa. Reforçado de alvenaria e blocos de terra Em paredes estruturais. A relação entre o buraco é entre i160 e 65%. Tijolos maciços Eles são assim chamados elementos sem furos ou com menos de 15% do total para a extrusão. frisos. são os melhores.5-25 x 12 x 25 x 25 x 35 cm. Na fabricação de tijolos de argila pode ser utilizada não muito puro. em comparação a 15 MPa a 100 MPa e um tufo de muitas pedras usadas na construção. outro também. chegando a 5% °. e. baixo ponto de fusão. esferas de poliestireno. queimando dentro da massa. Brick tendo alvenaria sem carga Elementos que empregam tipo de tijolo de luz que pode ser erguido em dois furos verticais e horizontais (paralelas à infra-estrutura).). eles tomam nomes diferentes: Português. deixando pequenos vazios que aumentam o isolamento térmico. para paredes de recurso vertical transparente feito esteticamente atraente. aumentando a velocidade de instalação.        Os tijolos. pavimentação etc. enquanto cozinha. Tijolos e blocos semisolid iluminada Os tijolos e blocos também podem ser produzidos em alvenaria leve semi-sólido. Pontos Fortes: boa comida. parede de tijolo. vermelho escuro. Desta forma. localizados em zonas sísmicas. misturada com quaisquer acréscimos. Marselha. 10% da resistência à compressão. são chamados de blocos: o seu tamanho é variável. secagem é feita através da recuperação do calor dos fornos de cozimento. a construção em zonas sísmicas não têm sido relatadas. A queima de tijolos nem sempre é uniforme. A queima de tijolos é realizada a temperaturas entre 900 e 1050 ° C. ou resfriado rapidamente. principalmente vermelho porosidade. parte da carga pode ser mal passada. Elementos para coberturas (telhas e tijolos) Na Itália. pirita. e blocos de tijolo de alívio. em geral. Esta forma de exploração é o mais difundido. também são utilizados para apoiar a casca. Sua produção requer o uso de argilas selecionadas. Durante a construção que se limitam a regular rejuntamento de juntas de argamassa entre elemento eo elemento. quer por adição de corantes. há duas categorias de produtos para coberturas: as telhas curvas (ou telhas) e telhado de telha simples. o que por si só. com a possível inclusão de material de isolamento térmico.5 x 12 x 25 cm. em seguida. antes da formação. a alvenaria de blocos de carga são usados semi-sólido. De acordo com o nível de desempenho desejado de protecção acústica e térmica. uma elevada percentagem de elementos de perfuração. principalmente paralelepípedo. materiais combustíveis. Em edifícios. com a pintura. A tecnologia de fabricação é simples. Tijolo de carga Constituintes das paredes são de tijolos de carga. Elementos para estruturas horizontais (pisos) Eles servem como forma de paralelepípedo praticamente destinados a serem colocados em um lugar furos horizontais. Como a produção desses blocos é um pouco "mais caros e exigem instalações especiais.além de ser equipado com buracos interposição adequado de equipamentos verticais e horizontais . Tijolo ou semi Freqüentemente. A força de tensão é muito menor. para que os tijolos assumem nomes e características diferentes: Albasi: amarelo. Os tijolos da construção vai empregar os seguintes tipos: tijolo ou alvenaria de carga e não azulejos e telhas. Eles podem ser divididos em várias categorias: os itens a serem jogados fora em sótãos trabalhar com cofragem para vigas de piso feito de (concreto armado ou tijolos com reforço de metal. etc. médio e fragilidade. finamente divididas (serragem. você tem impacto sonoro. Produzido tanto argila normal e leve. . a altura é de cerca de 25 centímetros. com disposições especiais da semana. undercooked claro para a maior parte. tamanho e consistência ao longo do tempo de manutenção das características de desempenho. constituído por uma laje de concreto armado com barras ou fios de protensão. principalmente se realizado não em fornos modernos demais. leva a maior resistência do tijolo inteiro do que pedra. A resistência à compressão é entre 20-50 MPa e pode chegar a 70 MPa. Esses materiais. Luz para blocos e pisos de todos os trabalhos de construção em superfícies horizontais ou ligeiramente inclinadas. obtido pela mistura da argila massa. para ser moldada em formas regulares.) Laje pré-painéis. que variam em tamanho de 5. Os tijolos têm a vantagem sobre os escombros. de acordo com sua forma. como um "Lego". por causa de rachaduras. esses elementos podem ser reunidos em uma única ou dupla camada. Eles podem ser usados para paredes estruturais ou em ambientes gabinete simples. Exclusão de barro contendo os restos de gesso. O tamanho. Além dos diferentes tipos de produtos de tijolo à vista são peças especiais para cordas e colunas. eles são muito porosos e frágeis. Os tijolos e elementos especiais são a face visível "acabamento" da alvenaria de tijolo comum. Os blocos são colocados no lugar para secar. raramente. A mesma família também inclui os "tiras" e "sombra". a argamassa adere ao mal.é moído em aviões perfurado faces. Após a extrusão. as cores que vão do amarelo ao vermelho ao castanho escuro. carvão. é um material comumente utilizado. De vez em quando você executar um fluxo de argamassa ao longo da perfuração vertical. barras de reforço são inseridas verticalmente e horizontalmente.5 decímetros cúbicos. é o tipo de junção entre o elemento eo elemento. Elementos são definidos como tijolos vazados. Eles também podem ser facilmente raio ou colaborando com a estrutura. são 5. cornijas. que formam o piso de um edifício. com diferentes metodologias. Em produtos como a área total dos furos varia de 45 até 70-75% do total para a extrusão. com a área dos furos entre 60 e 75%. cujo volume ultrapassa 5. Com o percentual de perfuração de até 55% podem também ser usados com suporte de carga. undercooked pálida. de modo que o apoio entre a peça ea outra é completamente contínuo. certifiquese o pedido requerido. bem como a forma. Os elementos de maior porte. protecção termogrometrica. A argila. sulfatos. muitas vezes. escolhidas para dar ao produto uma cor uniforme. para tijolos maciços. as telhas para a resistência ao intemperismo é confiada à sobreposição simples dos elementos de uma série de bloqueio da telha simples e assenta em três lados . Você pode obter diversos tipos de cores e mistura de diferentes qualidades de argila. Usado em estruturas horizontais (pisos). os passos. que são decorrentes de "florescimento" (manchas brancas na superfície do produto final) e nódulos de carbonato de cálcio. em uso. blocos sólidos e elementos. Além do chão com os elementos descritos são utilizados painéis pré-fabricados. isolamento de som. Roma A diferença entre as duas categorias. O tijolo e pisos de concreto oferecer resistência ao fogo. sua aplicação é muito mais fácil. projetado para ser construído com os furos perpendiculares à infra-estrutura. junto com as pedras. Tijolo em pó As paredes feitas de tijolos e blocos comuns são acabado com gesso no exterior e. Portanto. a divisão das instalações é feita com blocos referidos como "partições". óxidos metálicos principalmente à mistura. cafetões: amarelo. Eles são chamados de blocos de alvenaria que estão armados e têm orifícios adequados para acomodar os ferros. Um tipo interessante de bloqueio . A visão deixa de fora a alvenaria de tijolos com o tamanho ea cor original. vermelho brilhante. com pinos. Ferriol ou Ferrigni: cozido. enquanto que a espessura e comprimento variando de 12 a 40 cm e 20 a 50 cm.

daquelas usadas para tijolos e cerâmica.São telhas também produziu e azulejos em várias cores. caulim e feldspato. Este china tem uma composição semelhante ao anterior e os artefatos são feitos por meio do derrame a massa moldes de gesso liso. ornamentos. manchas devido às impurezas contidas na massa. Também são consideradas as tolerâncias nivelamento das faces. Si presenta compatto e di colore rosso cupo. Olaria e manter forte Pertencem a este grupo de produtos e massas massa porosa parcialmente vitrificado. O caso de exposição cobertura é feita por imersão da peça em tinta e em seguida. Il prodotto è sonoro all'urto e non è scalfito da una punta di acciaio. O último. O artefato conhecido como faiança ordinária é um mosaico. Feldspática tipo de porcelana. você começa a massa gresificazione e fusão da tinta. L ' atitude eflorescência. entre 1230 e 1320 ° C. Louças sanitárias. A cerâmica é distinta da última a ser coberta com um revestimento constituído de uma janela de vidro ou de esmalte branco ou colorido. Porcelana Classic. apoiadas em vigas ou paredes. O TAVELLONE são utilizados tanto para a tomada de estruturas horizontais. scoppiature devido ao número de grãos de óxido de cálcio. Dependendo da composição da mistura de partida. As telhas têm uma forma semelhante. é realizado a temperaturas em torno de 950 ° C: o segundo. Si distinguono diversi tipi di grès. 1) Aparência: O número eo tipo de fissuração (superfície. O segundo define os limites da passagem de água do all'inferiore face superior em uma parte. etc recipientes. No caso em que a cerâmica é usada para a produção de recipientes para líquidos devem ser impermeabilizados com um revestimento (verniz ou esmalte). como clássico. 4 comportamento) sob a ação de agentes atmosféricos: consideramos duas características especiais: não congelamento dos itens colocados em trabalhar fora e impermeabilização e telhas. Entre os produtos de cerâmica para fins sanitários. não necessitando de uma camada de esmalte opaco. Estes últimos são usados para "giz" target TAVELLONE. em "covers" de paredes verticais e as medidas de isolamento térmico (como o telhado e pilares de concreto armado freios para evitar pontes térmicas). anitari. 5) a gravidade da porosidade e específicos: A porosidade do tijolo é importante como um meio de equilibrar a umidade dentro dos quartos. No grupo de porcelana feldspática incluindo porcelana são clássicos. o vítreo-china é uma porcelana porcelana clássica mais barato. ambas as estruturas verticais de interline ou partições. sob condições definidas de tempo e foliar. No entanto. mas são mais finos (4-6 cm) e um comprimento máximo entre 40-50 cm. mas sempre em branco. Esse tipo de produção é cada vez mais amplamente utilizado em restauração e renovação. in genere non smaltato. também conhecido como porcelanas opacas são disparados em 1200-1300 ° C São mais fortes e valiosas para manter e cerâmica são também utilizadas no fabrico de azulejos e equipamentos. mas não tão bem utilizada na produção da porcelana clássica. Característica destes produtos é o revestimento. despediu-se concluir da vitrificação. Grès per edilizia. a fim de adquirir força suficiente para manuseio. largura de cerca de 25 cm e um comprimento de 5-20 cm e muito mais. A louça sanitária é mais difundida do que a obtida com um único cozinhar massa e pintar. deformação devido à temperatura de queima excessiva. coberto com gesso em um ou dois por todos os lados mais a fim de obter uma superfície plana. Por esta razão. em particular. O primeiro diz respeito à resistência ao frio (manutenção da integridade e resistência mecânica após repetidos ciclos de congelamento e descongelamento). 6 aderência) da argamassa. Requisitos do produto Os requisitos de negócio dos tijolos estão listadas abaixo. telhas e TAVELLONE. com espessura entre 6 e 8 cm. mas cozidos em temperatura mais baixa. Para a sua produção utilizando matérias-primas de boa qualidade. resultando na presença de uma fase vítrea em quantidade de 40-50%. Estes estão intimamente relacionados com a composição de matérias-primas e da temperatura atingida durante o cozimento. Faiança (louça de barro ou comum) A cerâmica é feita a partir de argilas comuns da mesma natureza. Eles estabelecem limites mínimo e máximo para a porosidade. de fato. As telhas são conhecidos como terracota. pias. A porcelana clássico é produzido a partir de matérias-primas com um elevado grau de pureza. chamado pela primeira vez. Os azulejos são usados em forros. faiança são unglazed.    Grés A faiança é um produto praticamente sem porosidade. fosfato e batatas fritas. Terracota Para a produção de cerâmica são usados argila semelhantes aos utilizados no fabrico dos tijolos. 3) Tolerâncias dimensionais: A precisão absoluta nas dimensões das peças de argila. Em alguns casos. È utilizzato. as tolerâncias são definidas as dimensões lineares dos vários produtos a fim de permitir um bom ajuste no local. Si prepara a partire da argille ricche di ossidi di ferro cotte tra 1000 e 1200 °C. As telhas são revestidas sobre o mercado no formato clássico de 15 x 15. com alta resistência química e resistência ao choque térmico. vento e chuva para dar cobertura. Dentro do edifício são usos significativos de porcelana feldspática. É usado na fabricação de azulejos para interiores e assim por diante. capilares) O número. apresentou-a na cozinha entre 1380 e 1420 ° C. tamanho e posições do escalonamento das bordas e faces das peças cortadas. sem necessidade de reboco adicionais. As terracotas são usados para objetos decorativos. tipos e "envelhecido". que é artificial. ou seja. Saúde da China do vítreochina. O artigo é então seco e cozido a 900 ° C. porcelana para distingui-lo frito. que são utilizados para o revestimento interior rústico. com mecânicas de forjamento ou fundição formas. Louças Sanitárias. A cerâmica pode ser dividido de acordo com o concurso e uma forte resistência a arranhões e características mecânicas. A cerâmica é acionado para levar cerca de 1100 ° C e são usados no fabrico de azulejos e louças sanitárias de baixo custo. profundidade. coberto com um verniz. Este é também conhecido como China porcelana dura. pois consiste em uma massa compacta. O artigo é formado por mão na roda. A decoração desses produtos é realizada após o primeiro disparo. O artigo é então revestido com uma camada de janela e submetido a uma segunda queima. A cor dos objetos depende da quantidade de óxido de ferro presentes na base de argila. cole produtos Compact Pertencem a este grupo de produtos de massa ou vitrificados sinterizado. China Eles são os melhores cerâmicas produzidas utilizando misturas de quartzo. ou mais ainda. o porcelanato pode ser dividido em porcelana feldspática. para a vitrificação do revestimento é realizado a uma temperatura ligeiramente inferior (cerca de 920 ° C). quebrar com facilidade e não são recomendados para o aspecto de higiene Olaria forte. faiança são cobertos com uma fina camada de deslizamento. é impossível. aspecto típico de barro é a lacuna que é a formação de pequenas fissuras na camada de tinta. este é o mais utilizado. água fechado e assim por diante. per piastrelle di pavimentazioni di locali industriali o di servizio. É usado para lavatórios. A estas temperaturas. que é chamado cedo por causa do menor dureza do esmalte e menos refratário. mesmo em relação à absorção de água. Azulejos e TAVELLONE Os elementos são TAVELLONE perfurada. como porcelanato. dado que o aspecto de tempo e ação do sol. . China disparou em altas temperaturas sem a janela de revestimento é chamado de Biscuit e é usado na fabricação de estatuetas. esmaltes. O biscoito. Os defeitos mais comuns de porcelana são: rachaduras devido ao trabalho feito com ferramentas defeituosas. O fabrico de faiança tem pelo menos dois disparos. 2) Resistência mecânica: É definida pelos valores da resistência à tração. compressão (determinado na direção de extrusão) ou flexão de peças inteiras ou peças. As telhas são caracterizados por boas propriedades mecânicas (resistência à compressão 200-300 MPa).

È preparato con materie prime selezionate e cotte a 1280 °C circa. Il restauro del calcestruzzo Escrito por Tellus grupo Il gesso Escrito por Tellus grupo Mercoledì 07 Ottobre 2009 11:03 Lunedì 05 Ottobre 2009 10:51 Il restauro del calcestruzzo Prima di intraprendere qualsiasi riparazione delle strutture in calcestruzzo. da una patina. Formatura La formatura è effettuata per colaggio. Si ottiene così il tipo 1evigato". Cuidados com a Saúde Gli apparecchi sanitari in ceramica sono fabbricati in:    vitreous-china (o porcellana sanitaria). Questo tipo di grès è molto resistente all'azione di quasi tutti gli agenti chimici. ad eccezione del clinker e del cottoforte. miscele di argille e feldspati additivati con coloranti. la verifica dell'integrità strutturale. Indagini Le tecniche d'ispezione devono riguardare: 1. Recente¬mente si è imposta anche una monocottura porosa (a supporto colorato) per rivestimento. È facile da pulire anche nelle versioni con superficie lavorata. La composizione chimica dello smalto varia in funzione dell'applicazione alla quale è destinato. l'applicazione dello smalto e la sua cottura. è ricoperto da ingobbio greificato e/o vetrina bianca o colorata. La salatura consiste nella vaporizzazione in forno di cloruro di sodio (sale da cucina). scuole. Clinker Il clinker è un prodotto vetrificato completamente sinterizzato. Il clinker trova impiego nella fabbricazione di mattoni e di mattonelle per pavimentazione (di marciapiedi. Esistono tipi di prodotto diversi per materie prime. esistono vari tipi di gesso. rame) allo scopo di accoppiare alle elevate caratteristiche meccaniche e di formabilità del metallo. in forni rapidi. e successiva macinazione. Sono cotte a 1280 °C circa. utilizzate per il rivestimento di pavimenti e pareti. Questa conferisce una maggiore impermeabilità e brillantezza superficiale. il fire-clay e il fine fire-clay sono utilizzati per produrre articoli di dimensioni maggiori. ai 1200-1250 °C del grès porcellanato. fire-clay (o grès porcellanato). È il materiale ideale per la pavimentazione di ristoranti. Cottura. Ha piccola porosità e minima conduzione termica. colorato e/o decorato ecc. recipienti. . superficie (smaltata. vasche da bagno ecc. per la maggior parte dei prodotti. Il gesso Il gesso utilizzato come legante aereo è il prodotto ottenuto dalla cottura di una roccia di composizione CaSO4 • 2H20. mediante un sistema detto di salatura. è un prodotto con massa bianca compatta a grana fine (non superiore a 74 µm) avente un assorbimento di acqua non superiore allo 0. è un prodotto a massa porosa con grana medio-fine (non superiore a 0. al fine di evitare formazione di incrinature. è ricoperto da ingobbio greificato e/o vetrina bianca o colorata. piastre. è essenziale scoprire la causa o le cause del deterioramento. Prima che la cottura si completi. nel settore dei sanitari la denominazione "grès porcellanato" corrisponde a un prodotto poroso. dà luogo. Lo scopo non è solo quello di documentarne i tipi e l'entità. rubinetti. le particolari capacità di resistenza agli agenti chimici e all'usura proprie dei prodotti ceramici. dotato di lucentezza a specchio. fine fire-clay (o grès fine porcellanato). I prodotti assumono un caratteristico colore rosso. ai 10501100 °C della monocottura rossa. Tutti i tipi di piastrelle sono formati mediante pressatura. lo smalto deve garantire che i coefficienti di dilatazione e di contrazione termici siano uguali a quelli del metallo da smaltare. ai 1150-1200 °C della monocottura chiara. è un prodotto a massa porosa di grana medio-grossa (non superiore a 1. Secondo il materiale di partenza. a 1300 °C circa. Come alternativa ai tradizionali processi manuali esistono impianti di colaggio automatico. affinché le superfici risultino del tutto lisce.5 mm) avente un assorbimento di acqua non superiore al 13%. la scagliola. Le temperature variano dai 1000-1050 °C per i prodotti porosi. Smalti ceramici Gli smalti ceramici sono prodotti che trovano impiego come materiale protettivo di superfici metalliche (acciaio. Appartengono a questo gruppo le piastrelle per pavimenti note con il termine monocottura. Le monocotture sono materiali per pavimento resistenti alle abrasioni e al calpestio. Si ottiene da argille refrattarie cotte a 1200 °C circa. Sono idonei all'impiego nelle condutture per fognature e per liquidi ad azione corrosiva. con struttura uniforme e omogenea. il grès è ricoperto. Le serie di sanitari destinati al bagno sono fabbricati quasi esclusivamente in vitreous-china. la localizzazione dei ferri di armatura e di eventuali fessurazioni. in dipendenza della finezza di macinazione e della tensione di vapore dell'acqua. Il grès porcellanato è un materiale duro. il gesso da modellatori. centri commerciali. alluminio. nei diversi paesi. tecnologia di fabbricazione. il gesso alabastro ecc. resistente agli agenti chimici.5 mm) avente un assorbimento di acqua non superiore al 9%. Produzione e idratazione Nella produzione dei leganti a base di solfato di calcio si utilizza la pietra di gesso che. Il grès porcellanato può essere sottoposto industrialmente alla levigatura. colore. ghisa. quindi buone proprietà termoisolanti. atre denominazioni le quali costituiscono un diverso sistema di classificazione. Nei processi tradizionali è effettuata a pressione atmosferica in stampi di gesso. di officine. Di colore grigio chiaro o avorio è utilizzato per tubazioni. antigelivo e impermeabile. mattoni. È effettuata. Queste si ottengono cuocendo. per coperture soggette a elevati carichi oa usura o all'azione di agenti chimici) e. A differenza di quanto riportato per le piastrelle ceramiche. Azulejo Le piastrelle ceramiche sono lastre sottili. Si prepara a partire da argille con elevate quantità di ossidi di ferro. inoltre. detta "monoporosa". aeroporti.5%.Grès per fognature. Fabricação Formatura. Nei rapporti commerciali sono tuttora in uso e radicate. Attualmente si utilizza anche il solfato di calcio proveniente dalla desolforazione dei fumi di centrali elettriche termiche. resistente sia alle aggressioni chimiche (acidi e oli) sia alle sollecitazioni fisiche (urti e graffi). serpentine.). I vapori reagiscono in superficie con i costituenti della pasta formando una vetrina silico-alcalina. la qualità e la composizione del calcestruzzo e la stima dei valori di resistenza meccanica. le condizioni di cottura e la sua granulometria. allo scopo di conferire loro caratteristiche e prestazioni di tipo tecnico ed estetico. piastrelle per ambienti molto aggressivi. La smaltatura è utilizzata per la produzione di molti oggetti di uso quotidiano quali elettrodomestici. per il rivestimento esterno di fabbricati. I prodotti così ottenuti presentano elevata resistenza agli acidi e maggiore durezza. I cicli di cottura variano dai 30 ai 70 minuti. sottoposta a cottura. La smaltatura prevede la preparazione del metallo di base. Grès antiacido o chimico. quali: il gesso di Parigi. Infatti. 2. Diversi sono i formati. ossia rivestita con un sottile strato vetroso. ma anche di investigare sulla causa o le cause di tale deterioramento e fornire un rimedio appropriato per prevenirlo o limitarlo. è ricoperto da vetrina bianca o colorata.

è funzione della finezza di macinazione e della percentuale di acqua aggiunta. La presa della pasta di gesso è molto rapida. localizzare i ferri di armatura. infatti. Stato di conservazione delle armature La corrosione dei ferri di armatura nel calcestruzzo è il sintomo di degrado più frequente che si osserva nelle strutture in calcestruzzo. anche se la fenolftaleina non visualizza il calcestruzzo parzialmente carbonatato. La miscelazione deve avvenire con la massima rapidità per evitare perturbazione nella struttura di cristallizzazione del biidrato in via di formazione. la presenza di fessure dislocate in corrispondenza di determinati ferri di armatura. la determinazione della profondità di carbonatazione. Queste prove in genere sono riportate come "prove superficiali". con un effetto endotermico. per esempio con pH compreso tra 9 e 11. l'acqua di impasto è sempre in eccesso rispetto alla quantità stechiometrica. forma CaSO4. Uno spessore di gesso di 10 mm assicura una protezione per 30 minuti a 800 °C mentre uno di 30 mm una protezione per 40 minuti a 1100 °C. di ciascuno dei quali si conoscono almeno due fasi.10 a 0. Quando le barre dei ferri di armatura iniziano a corrodersi. Caratteristiche e utilizzi Per rendere l'impasto di gesso plastico e lavorabile ed esser posto agevolmente in opera. 4. Il gesso presenta buona resistenza all'incendio e non propaga la fiamma. per cui le sue capacità adesive non sono alte. Per questo motivo. fintanto che sono presenti la fase biidrata e la emidrata. L'indurimento del gesso avviene con aumento di volume di circa l'1%. 3. lungo strutture casserate. anche per evitarli durante il prelevamento di carote o durante l'esame con ultrasuoni. la velocità delle onde ultrasoniche può essere usata per stimare la resistenza. Determinazione della profondità di carbonatazione La determinazione sperimentale dello strato carbonatato si può effettuare. intorno a 450-500 °C. Lo sviluppo superficiale della fase cristallina CaSO4 • H2O. cioè quasi il 25% in peso. In ambienti con bassa-media umidità relativa la stabilità del gesso è eccellente. La quantità di acqua ha notevole importanza ai fini della resistenza meccanica poiché rappresenta il fattore che. A partire da 60 °C perde acqua di costituzione. poiché la resistenza dell'intero calcestruzzo è valutata da prove eseguite sulla "corteccia" del calcestruzzo stesso.3. i cavi di precompressione. l'errore che si compie nell'individuazione del fronte di carbonatazione è modesto perché il passaggio da pH superiore a 12 a pH inferiore a 9 avviene nello spazio di alcuni millimetri. tuttavia. In alcuni paesi le norme di vigilanza antincendio. pilastri ecc. La formazione di CaSO4 • 2H20. in presenza di acqua.5. stabiliscono gli spessori del rivestimento in gesso delle strutture in relazione ai tempi di intervento dei servizi antincendio. a emidrato (CaSO4 1/2 H2O) o anidrite (CaSO4). a partire sia dall'emidrato e sia dall'anidrite.87 W/m2 °C) ea quello dei laterizi ordinari (1 = 0. Essa è rallentata con l'aggiunta di additivi diversi. È importante registrare quante più informazioni possibili poiché queste possono essere utilizzate per spiegare alcuni fenomeni. La prova si basa sul fatto che la velocità degli ultrasuoni nel calcestruzzo dipende sia dalla densità sia dalle proprietà elastiche del materiale. ben presto satura la soluzione e perciò precipita. Le zone a pH superiore a 9 assumono la colorazione violacea. Il suo valore. con nuova precipitazione di CaSO4 • 2H2O. le legature ecc. La conduttività termica è bassa: il valore K varia con la porosità (cioè con il rapporto acqua /gesso) da 0. influisce sulla porosità della pasta indurita. Varie tecniche d'ispezione sono utilizzate per ricercare la corrosione dell'acciaio nel calcestruzzo. Quest'ultimo. I vari prodotti ottenuti dalla cottura della pietra di gesso hanno tendenza a ritrasformarsi. La misurazione della velocità è anche influenzata dai difetti nel calcestruzzo. sotto forma di un intreccio minutissimo di particelle che si ancorano sulle superfici come un feltro. D'altra parte. può essere il sintomo di una fessurazione indotta dal ritiro plastico per assenza di stagionatura umida subito dopo la finitura del pavimento. invece in ambienti molto umidi o quando è usato per Determinazione della resistenza meccanica con sclerometro L'utilizzo dello sclerometro di Schmidt permette di determinare la resistenza meccanica del calcestruzzo in situ senza eseguire carotaggi. molto meno solubile. una struttura ricoperta con uno strato di gesso rimane protetta dall'azione del fuoco per un certo tempo. nella fase stabile CaSO4 • 2H20. Il tempo necessario per raggiungere il massimo delle resistenze meccaniche può estendersi fino a circa un mese. In funzione del tempo. e miglioramento della coesione e adesione. per le costruzioni metalliche. La resistenza a compressione è bassa. ma i risultati della corrosione dei ferri di armatura sono la fessurazione e la frattura del calcestruzzo. Per esempio. il gesso legante alcune volte è utilizzato in pasta. all'aumentare del grado igroscopico del manufatto indurito. il prodotto di cottura manifesta azione legante. Poiché il modulo elastico è legato alla resistenza del calcestruzzo. Il problema del fuoco è molto sentito nel campo delle costruzioni in acciaio poiché. Prove in situ Esame visivo L'esame visivo è il primo passo. Tuttavia. La quantità di acqua d'impasto dipende dalla finezza e dalla forma delle particelle solide. La resistenza meccanica è influenzata dal tempo di miscelazione dell'impasto e dal grado di umidità del manufatto indurito. ed è variabile tra 5 e 15 MPa. La formazione di CaSO4 • 2H20 avviene con sviluppo di calore. anche se in forma minuta. Quindi. spruzzando sulla superficie di fresca frattura del calcestruzzo una soluzione alcolica di fenolftaleina. avviene con un meccanismo di successive soluzioni e precipitazioni. permettendo di "fissare" legno. in modo molto semplice. Prove in laboratorio Determinazione della resistenza meccanica del calcestruzzo su carote . L'azione legante è dovuta alla formazione in situ della fase solida. il motivo degli alti livelli di cloruri nel calcestruzzo. La diminuzione di resistenza meccanica. inoltre. L'acqua. sono di valido aiuto nel decidere dove è opportuno prendere le carote. La soluzione rimane in tal modo insatura rispetto all'emidrato e all'anidrite e quindi è in grado di scioglierne ancora. Di solito nella preparazione della pasta di gesso la quantità di acqua e di polvere di gesso è nel rapporto 1:1. più di ogni altro. Poi. a scapito delle resistenze meccaniche. la temperatura rimane bloccata intorno ai 120 °C. queste prove non distruttive e superficiali presentano notevoli vantaggi:   sono semplici e veloci da eseguire. è un legante aereo. non si nota perdita di resistenza.). tipica della fenolftaleina in ambiente basico. non è molto elevato. l'accertamento delle condizioni dei ferri di armatura. La presenza di fessure. ossia senza aggiunte di aggregati.6 W/m2 °C). Per questo motivo l'acqua calda rallenta il tempo di presa. per l'ottenimento di calchi. scende a livelli non compatibili con la stabilità delle strutture. 2H20. in eccesso. Questa non si conserva. metallo ecc. può indicare che esse sono comparse per effetto del ritiro igrometrico a causa di un'eccessiva quantità di acqua nell'impasto del calcestruzzo. ma non sulle strutture casserate (travi. nello stesso tempo. In effetti. Magnetometria Le analisi con il covermeter possono avere tre finalità: 1. 2. all'aumentare della temperatura. Ciò comporta fedeltà di riproduzione. Determinazione della velocità delle onde ultrasoniche La determinazione della velocità delle onde ultrasoniche è descritta in dettaglio in numerose norme nazionali. poi sempre più lentamente. Le prove più utilizzate in situ sono quelle di rilevamento del potenziale di semicella e la prova di resistività del calcestruzzo (UNI 9535 e UNI 10174). determinare lo spessore minimo del copriferro e le sue variazioni. Questi valori sono inferiori a quello del calcestruzzo (K = 0.16 W/m2 °C. a contatto con l'acqua o se è presente un alto grado di umidità: il gesso. è provocata dalla presenza dell'acqua che agisce da solvente. di forma irregolare e magari localizzate sulle pavimentazioni. Il processo così prosegue. cristallina. La velocità di presa è rallentata anche dall'aumento del rapporto acqua/gesso ma. la resistenza dell'acciaio diminuisce e. incrementando il volume dei pori. le resistenze meccaniche aumentano nei primi giorni. scioglie l'emidrato e l'anidrite e. A seguito di questa trasformazione. la cui entità dipende dallo spessore dello strato. determinare il diametro dei ferri di armatura e l'intraferro. in questo caso.

di solito. Il gesso è utilizzato sotto forma di malte per intonaci interni. che indurisce solo all'aria e la calce idraulica. . per evitare discrepanze di materiale rispetto ai materiali utilizzati a suo tempo. I requisiti delle resine sono: non essere dannose per la salute. pura o in soluzione) capace. La resistenza del legante gesso all'acqua si consegue con diversi metodi. si presenta invece più problematica per quanto riguarda l'affidabilità del restauro eseguito. si hanno effetti dirompenti sul cemento. funzionando come supporto per la successiva applicazione di pittura murale e di carta da parati. cioè essere rimovibili nel caso di danneggiamento o degradazione per riportare il sistema nelle condizioni preesistenti l'intervento. una volta indurita. determinare la resistenza del calcestruzzo per l'analisi strutturale. Le resine poliestere sono soggette a una reazione molto rapida e. La soluzione che si origina è di natura acida e attacca i metalli quali l'acciaio. Al e Zn oppure. Macinato sottile dopo la cottura. cosicché il prodotto può  essere impiegato come malta semi fluida. durabilità anche in presenza di pioggia. subiscono un elevato ritiro. Ciò consente l'ottenimento di pannelli utilizzati anche nella prefabbricazione. in quanto. resiste al contatto con l'acqua stessa. oltre a impregnare le superfici. Materiali per la riparazione Nella maggior parte dei casi. o malte. mentre quello destinato alla rasatura ha una presa solo di poco ritardata. che i metodi analitici possono dare valori: 1. durante la sua essiccazione. Fibre di vetro. polivinilformaldeide e di poliuretano espanso contribuiscono in misura maggiore alle caratteristiche di isolamento termico e acustico. a causa della bassa tensione superficiale. fly ash. o producendo mattoni forati. Tra queste ultime si ricordano le aceto-viniliche e le furaniche le quali. Nella pratica. reversibilità. Le calci aeree possono essere magre o grasse. critica sempre che sia aggiunta una quantità minima soglia. in ogni caso. indagare eventuali deterioramenti nella struttura a causa di attacchi chimici. Calce viva magnesiaca in zolle: (ossido di calcio e di magnesio in rapporti variabili). Calce idrata o calce spenta: può derivare anche dalla calce viva magnesiaca e allora sarà una calce idrata magnesiaca. stimare la riserva di resistenza del calcestruzzo (resistenza potenziale): 2. Calce viva in zolle: (ossido di calcio). il gesso è molto adatto per stucchi o decorazioni che. o di composti a base siliconica. L'induritore è un liquido la cui quantità deve essere misurata con esattezza per trasformare lo sciroppo base in resina. cioè tra il calcestruzzo fresco e la superficie della vecchia struttura. attribuito al ritiro. ove non sia necessario sollecitarlo a carichi eccessivi.sempre che gli aggregati siano insolubili in acido. Determinazione del contenuto di cemento e del rapporto acqua-cemento Le metodologie di prova sono descritte in dettaglio in alcune norme.fiore di calce. dereminare la qualità del calcestruzzo. raggi solari. Sono presenti sempre altri componenti quali carbonato di magnesio. consiste nell'effettuare il restauro con calcestruzzi. sabbia. Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Ottobre 2009 10:54      Calce aerea e calce idraulica Escrito por Tellus grupo Venerdì 02 Ottobre 2009 11:04 Calce aerea e calce idraulica Esistono diversi tipi del legante calce: la calce aerea.  La reversibilità è un aspetto negativo nell'utilizzo delle resine. Grassello. di cellulosa e di cotone aumentano la resistenza a trazione. La reazione è favorita dalla presenza di un catalizzatore. Benché siano stati fatti progressi nello sviluppo di formulazioni tolleranti piccoli eccessi di ogni componente. di fluosilicati di Mg.4-0. Ciò dà la possibilità di adattare il  contenuto di filler al lavoro da eseguire. Il gesso è impiegato per leggeri tramezzi divisori. L'operazione di sostituzione. Malte a base di resine Un caso limite. con lo scopo di migliorare l'adesione e di ritardare la presa. secondo le applicazioni. si distinguono diverse tipologie di prodotti. L'utilizzo di schiume di polistirene. loppa espansa. perché tutti i componenti della reazione di curing sono contenuti nella resina liquida.  Le resine epossidiche induriscono per aggiunta di un induritore. costituente fondamentale delle rocce calcaree. La pasta di cemento è in tal caso sostituita da una fase liquida (per esempio resina epossidica o poliestere. Le resine poliestere hanno il vantaggio della semplicità. di bagnare bene la superficie del calcestruzzo asciutto e di indurire per aumento di viscosità secondo i canoni di un buon adesivo. Un eccesso di ogni componente può portare a una resina indurita più soffice e più debole. Il tutto macinato in polvere fine. è da temere una sua incipiente dissoluzione. È da tenere presente. contengono anche calce. Calce idraulica classica: è consigliata per lavori di restauro del patrimonio artistico e di edifici del recente passato. con un contenuto di idrossido di calcio e di magnesio superiore al 91%. di resine sintetiche. Materiali leggeri sono: segatura del legno. con prove condotte su quattro campioni indipendenti. per esempio in padiglioni per esposizioni temporanee. compatibilità con il substrato originale. 2. con contenuto di cemento nella gamma di 250-500 kg/m3 e rapporti a/c nell'intervallo 0. 3.8. fuoco ecc. in altri termini esclusione di reazioni chimiche indesiderate tra le resine e il calcestruzzo. destinati anche alla preparazione di pannelli dotati di leggerezza e adatti per l'isolamento termico e acustico. infine. È anche adoperato in costruzioni precarie. anche sotto forma di vapore. Calci aeree Le calci aeree sono il prodotto della cottura. che per piccoli restauri costituisce una valida alternativa ai metodi illustrati. in genere. a una temperatura di 900-1000 °C. 4. durante questa reazione. in unione alla capacità di offrire una barriera alle fiamme. I polimeri di più ampio utilizzo sono i poliesteri e gli epossidici. del carbonato di calcio. con un'approssimazione di ± 0. Si distingue in: . che crea uno scorrimento differenziato tra il getto vecchio e il nuovo. a base di resina anziché di cemento. che indurisce anche sott'acqua e. paglia. ottenuti o rivestendo con la sua malta reti metalliche. Il ruolo del gesso è importante per la regolazione dell'igrometria degli ambienti chiusi. Uno dei più diffusi è l'applicazione sulla superficie di cere. riescono a impartire anche una migliore resistenza meccanica. il restauro consiste in una semplice asportazione delle parti deteriorate (o ammalorate) seguita da una sostituzione con malta o nuovo calcestruzzo.Le carote sono prelevate per uno o più dei seguenti motivi: 1. malta intonacabile o miscela densa per iniezioni. non rilasciare prodotti secondari. argilla e composti del ferro. trattandosi di polimeri reticolati e non più modificabili  dopo la posa in opera. . allo stato fuso o sciolte in solventi. È sconsigliabile fissare o legare pannelli di gesso con cemento in quanto se tali pannelli vengono in contatto con acqua.calce idrata da costruzione con un contenuto di idrossido di calcio e di magnesio superiore all'82%. polvere di marmo e adesivi vari. il piombo e lo zinco. UV. che è realizzabile con estrema facilità dal punto di vista tecnico. in quanto è capace di cedere acqua in atmosfere asciutte e di assorbirne in atmosfere umide (effetto zeolite). Il motivo è. l'induritore è un filler che contiene un catalizzatore in polvere che avvia la reazione. con approssimazione di 40-60 kg/ml per il dosaggio del cemento nel calcestruzzo indurito. Il gesso destinato alla preparazione d'intonaci ha una velocità di presa leggermente ritardata. La quantità di filler catalizzante da aggiungere non è. sono asportabili solo per degradazione termica a temperature molto elevate (oltre 300 °C). La formabilità del gesso facilita l'ottenimento di impasti con aggiunte di materiali di natura diversa. Il problema per questo tipo di interventi è l'adesione tra il nuovo riporto. per effetto del liquido non reagito. Un getto di calcestruzzo eseguito su di un getto preesistente non aderisce e tende a distaccarsi. Calce idraulica commerciale o cementino: miscela costituita dal 1015% di cemento portland e dall'85-90% di calcare. è necessario che questi due componenti siano l'esterno. in dipendenza dei materiali di .15 del rapporto a/c originale su calcestruzzo non deteriorato e non carbonatato.

Affinché la calce idrata possa manifestare le proprietà leganti. In entrambe. Invece è rischioso quando è accessibile solo una limitata lunghezza della barra. come osservato in precedenza. Le malte di poliestere sono utilizzate per piccoli lavori e sono impiegate per riparare spigoli rotti e danni locali. Se i ferri di armatura messi a nudo sono arrugginiti. la reazione di polimerizzazione degli epossidici avviene con un basso sviluppo di calore e. può essere applicata in strati successivi. e la susseguente formazione di carbonato. in cui il grassello è ricoperto da sabbia per ridurre il contatto con l'aria. la calce ha la funzione di migliorare la "scorrevolezza" dell'impasto. cioè è tale che l'aggregato presenta solo un piccolo volume di vuoti. L'acqua è assorbita dalla massa che si gonfia e si screpola. L'eccessivo costo di questa operazione può essere evitato solo nel caso di strati di ruggine leggeri. è sensibile all'acqua ed è richiesto l'impiego di un rivestimento di gomma clorurata (caucciù) prima di rimettere il calcestruzzo. il calcestruzzo deve essere rimosso intorno all'intera circonferenza della barra e questo processo di rimozione deve continuare almeno 50 mm lungo la barra oltre l'estensione della corrosione. nei cosiddetti idratatori. La scarsa resistenza delle malte è imputabile alla ridotta penetrazione della carbonatazione. Lo spegnimento si conclude con una stagionatura della massa in apposite vasche. Si ottiene spegnendo la calce viva in stabilimento con una quantità stechiometrica di acqua. Anche se la composizione della malta è corretta. di gradini delle scale e in altri simili applicazioni. la resistenza meccanica a compressione del manufatto indurito è soltanto di 0. La reazione delle resine epossidiche causa una leggera riduzione di volume allo stato liquido. l'anidride carbonica e. la ruggine sarà convertita per reazione con la pasta . Come accennato. sono usate per riparazioni più ampie rispetto alle malte poliestere. Di maggiore importanza. da 1 volume di grassello e 3 volumi di sabbia o di 1. Le malte epossidiche. si trasforma in una massa bianca. La necessità di rimuovere la ruggine è spesso messa sotto accusa quando non vi sono cloruri coinvolti. a causa della solubilità dell'idrossido. la malta epossidica può essere applicata su zone molto ampie. ma una volta avvenuta la gelazione non vi è un ulteriore ritiro. si suddividono nell'elenco sotto riportato. Notevole è la loro tensione di trazione e flessione che sono rispettivamente circa 4 e 6 volte  superiori a quella dei calcestruzzi di cemento portland. impartiscono alla pasta plasticità e una caratteristica untuosità al tatto. Nel caso in cui l'idratazione sia incompleta. Sull'entità di questa hanno notevole influenza le condizioni ambientali. per la loro piccolissima dimensione. Se vi è uno spesso deposito di ruggine. Sui nuovi ferri di armatura la patina molto fine di ruggine è convertita in una pellicola di ossido passivante per reazione con la pasta cementizia alcalina. Questo conferisce loro un ottimo comportamento anche sotto severe condizioni di impatto e di abrasione e il loro uso è raccomandato in riparazioni di spigoli. È una dispersione in acqua di cristalli di idrossido di calcio. se utilizzate in spessori maggiori. prodotto da tali vernici. prodotti dal sollevamento e dal distacco della malta sovrastante il granulo che si è idratato in ritardo. Grassello. i laterizi o la pietra. Il grado di carbonatazione è in stretta relazione con la granulometria della sabbia: se la sabbia è bene assortita. Questo sistema dà una buona protezione quando l'intera barra è ricoperta. l'impasto assume l'aspetto di una poltiglia lattiginosa (latte di calce) che. la pasta cementizia del nuovo calcestruzzo o della malta non saranno capaci di convertire la ruggine interamente e non si svilupperà il film passivante sull'acciaio. Oltre a unire il calcestruzzo ea ripristinare l'integrità strutturale. I formulati di resina possono essere usati come stucco per riempire lesioni. prima della messa in opera. Nei climi freddi. partenza e della insufficiente o troppo spinta cottura. Si impiega perciò sempre in malta sia per lavori di intonaci sia per legare pietre da costruzione. La carbonatazione penetra con difficoltà in profondità e il processo di indurimento è molto lento. occorre che essa sia posta in opera in strati molto sottili e dispersa in una ragguardevole quantità di sabbia. sebbene debba essere sempre considerato l'effetto della massa sullo sviluppo di calore. In genere è necessario rimuovere i prodotti di corrosione dell'acciaio prima di ricostruire il calcestruzzo.5 parti in peso d'idrato in polvere per 10 parti di sabbia.5 MPa. si preferisce impiegare miscele più ricche di cemento in modo che. L'utilizzo nelle riparazioni del calcestruzzo riguarda in misura maggiore le malte. i più comuni in commercio non sono adatti nella riparazione del calcestruzzo perché la copertura di fosfato. è provocato dalla carbonatazione degli idrossidi ad opera dell'anidride carbonica dell'aria. noti come bottaccioli o calcinaroli. Se deve essere incassato nel calcestruzzo non vi è alcun problema poiché. in genere. Tale sistema era usato soprattutto nel passato. sono tipici degli intonaci realizzati con calce non perfettamente spenta. l'indurimento è scadente. per il loro basso ritiro. Sono costituiti da piccoli crateri nell'intonaco. in funzione dello stato di avanzamento nella produzione. Questi difetti. Nella costruzione di murature è necessario saturare con acqua. Calce idrata in polvere. per evitare l'eccessiva tensione dovuta alla contrazione termica. per impedire che sia sottratta acqua alla malta per capillarità. Quando l'acqua assorbita è sufficiente per il completo spegnimento. avanza in profondità con difficoltà. ai fini pratici. cemento portland e sabbia. C'è una grande differenza. Se la corrosione inizia oltre la zona rivestita. In alternativa. Per essere utilizzata come legante deve essere "spenta". Il prodotto dell'indurimento è costituito da carbonato di calcio e da carbonato basico di magnesio. Altri trasformatori della ruggine sono a base di tannino. sono le malte ternarie costituite da calce. sabbia o da calce. ossia idratata per aggiunta di un eccesso di acqua. provocando rigonfiamenti localizzati. A differenza dei poliesteri. usando trasformatori chimici di ruggine.7-1. costituendo il mezzo cementante del prodotto indurito. di conseguenza la carbonatazione. di conseguenza. gesso. Questi materiali presentano una resistenza a compressione dell'ordine di 50-100 N/mm2 . L'acciaio pulito e umido incomincerà ad arrugginire entro poche ore se non è ben protetto.usati nelle loro proporzioni corrette. il rivestimento con resine epossidiche a base zinco dà una pellicola che contiene più del 95% di zinco metallico. La calce è detta grassa quando dà una massa molto plastica la quale rende le malte più lavorabili e più omogenee. Nella malta il grado di carbonatazione è maggiore e il ritiro è molto ridotto in quanto gli elementi lapidei si contrastano mutuamente. la ruggine può progredire lungo la barra sotto il rivestimento epossidico. nel caso che questa sia porosa. evitando la penetrazione di acqua o di altri agenti aggressivi. come può accadere nel caso in cui il film passivante è stato distrutto e la corrosione ha reso necessario la riparazione. plastica e untuosa. Dal velo liquido che riveste i granuli. La questione sorge perché l'acciaio arrugginito è usato nelle nuove costruzioni. rispetto alla malta cementizia. La sabbiatura è la via più efficace per pulire l'acciaio. è essenziale rimuovere i prodotti della corrosione prima di iniziare il lavoro di riparazione. Calce viva in zolle. Le malte di calce e sabbia sono composte. Il vantaggio. Quando l'ambiente è molto secco o molto ventilato. Questi prodotti. Tuttavia. Si ottiene spegnendo la calce viva in un eccesso di acqua o aggiungendo acqua all'idrato in polvere. Essi sono dotati di buon potere di aderenza sia verso gli elementi lapidei sia tra loro. essa continua quando il materiale è in opera. una trascurabile contrazione termica al  raffreddamento. contenente un pigmento anticorrosivo come il cromato di zinco. le norme distinguono la calce idrata da costruzione dal fiore di calce. Un approccio alla protezione dei ferri di armatura è l'uso delle coperture con resina epossidica. L'indurimento dell'impasto avviene perché la fase acquosa si satura in idrossido di calcio. Questi. Per conservare la malta umida non si può bagnare il manufatto dall'esterno. al di sotto di 5°C o quando si prevedono abbassamenti bruschi di temperatura. se la calce è di tipo dolomitico. di giunti di pavimentazione. è la maggiore velocità di indurimento. L'esotermicità della reazione permette di ottenere un prodotto finale consistente in una massa secca polverulenta. o la temperatura esterna è troppo elevata. nei quali il legante è costituito da calce idrata o dal grassello. la resina iniettata sigilla le crepe. Trattamenti per i ferri arrugginiti La maggior parte dei lavori di riparazione del calcestruzzo riguarda il ripristino del calcestruzzo armato in seguito all'arrugginimento dei ferri d'armatura. si separano i cristalli di carbonato neo-formati. Quando sono usate per spessori fino a 5 mm. Togliere la ruggine con una spazzola metallica è errato poiché essa incide solo superficialmente la ruggine dando l'impressione ingannevole di una superficie metallica lucida. lasciata raffreddare e sedimentare.  Azione legante L'indurimento degli impasti. Tecniche di riparazione Quando la corrosione dell'acciaio è avvenuta. apparendo i più idonei. raggiungendo una temperatura di oltre 100 °C.

infatti. hanno poca resistenza agli alcali e sono usate solo con primer alcali-resistenti. La via più semplice consiste in una verniciatura effettuata con ricoprenti o sigillanti. mattone o prefabbricato. I silani hanno molecole piccole che penetrano in profondità nel calcestruzzo (2-3 mm). nel caso di silicati. acrilici. hanno tempi di presa più rapidi. in altri termini al crescere della quantità di silice e allumina. La reazione non è spontanea e avviene dopo alcuni giorni. Per la presenza di prodotti in grado di reagire con l'acqua. I materiali più importanti di questa classe sono basati su composti siliconici3. Poiché il comportamento idraulico aumenta con il contenuto di C2S e di alluminati. Pertanto. poliesteri. preferite a esse. Si può ricorrere a trattamenti della superficie de¬stinati a impedire. I ricoprenti sono costituiti da una pellicola di 100-300 µm. Le calci idrauliche sono ottenute per cottura a 900-1000 °C di miscele di calcari argillosi. butadienici e polietilenici. gel di CSH e. per il fluorosilicato. cioè con un indice di idraulicità prossimo a 0. Queste "pseudo" calci idrauliche sono più plastiche e scorrevoli. La protezione dura per tutto il periodo in cui lo strato protettivo si mantiene perfettamente integro e aderente alla superficie del calcestruzzo. Impermeabilização Questi trattamenti sono effettuati con materiali idrofobi che ricoprono il calcestruzzo e impediscono la penetrazione di acqua (per esempio quella piovana). che agisce da barriera al passaggio dell'acqua o alla diffusione dell'anidride carbonica. possono avere una sufficiente penetrazione da essere considerate turapori per indurimento in seguito a reazione chimica con il substrato. Parte del C2S si ritrova sotto forma di polvere fine. se l'acciaio deve ricevere un trattamento protettivo (rivestimento epossidico ricco in zinco) questo è più efficace sull'acciaio lucente e pulito. sebbene siano anche usati ricoprenti più spessi. resistenza a compressione a tempi brevi più elevata rispetto alle calci idrauliche classiche. Infatti. La calce magnesiaca. Il tempo di inizio presa è minore di 4 giorni. già alle brevi stagionature. le sue malte cioè possono venire in contatto con l'acqua. per rivestimenti e per malte di sottofondo quando l'ambiente non è aggressivo. sotto il nome di calce idraulica (cementino). l'ossido di magnesio si produce nel forno prima dell'ossido di calcio (per la più bassa temperatura di decomposizione del carbonato di magnesio rispetto a quello di calcio) e. monomeri della resina siliconica.cementizia alcalina. D'altra parte. in presenza di umidità. che possono essere usati non diluiti o diluiti in etanolo. l'insolubile fluorosilicato di calcio. in quantità stechiometricamente controllata. La presa è lenta e ciò rappresenta un inconveniente. o ritardare. prevedibili in ambienti aggressivi come. detta grappier. esse sono usate nel trattamento di murature e il loro comportamento è simile a quello delle resine di silicone. Si possono preparare anche calci idrauliche pozzolaniche o di altoforno. La funzione di questi trattamenti è sempre quella di prevenire il contatto con l'ambiente esterno. Se. Il silicone può legarsi chimicamente al substrato cementizio.5. La resina siliconica è disciolta in un solvente organico che. per esempio. anche prodotti che sono ottenuti adulterando il cemento portland con una notevole quantità di calcare macinato a finezza di cemento e con aggiunte di additivi plastificanti-aeranti. l'azione degli agenti aggressivi. a fine cottura della calce. Turapori Questi prodotti penetrano nel calcestruzzo e otturano i pori. con contenimento dei costi della manodopera. Le calci idrauliche danno malte grasse e plastiche. nella calce idraulica sono presenti prodotti capaci di indurire e di resistere all'azione dilavante dell'acqua. per cui sono. essi non potrebbero poi esplicare le loro caratteristiche idrauliche in fase di impiego. Nei ricoprenti colorati sono utilizzati pigmenti vari. dopo aver allontanato questa frazione. il prodotto rimanente è spento con acqua. oltre all'ossido o all'idrossido di calcio. Invece. I ricoprenti e sigillanti usati per il calcestruzzo includono copolimeri epossidici. Nel ricoprente può essere miscelato un filler affinché sia applicabile con maggior spessore o per migliorare la resistenza all'abrasione. essendo costituito da sostanze volatili. in genere. variabile in genere tra 0. Sono anche utilizzati trattamenti idrorepellenti basati su soluzioni di stearati in alcool etilico. come le resine epossidiche o acriliche. un attacco distruttivo. vinilici. Il vantaggio di questi composti è che sono meno volatili dei silani monomerici. senza disciogliersi. le aree urbane o industriali. Infatti. è utilizzata più spesso di quella calcica: essendo più scorrevole permette una più rapida lavorazione. Calci idrauliche La calce idraulica possiede discrete proprietà idrauliche. in seguito un'eventuale infiltrazione o condensa di acqua tra calcestruzzo e strato protettivo può trasformare la protezione stessa in un danno piuttosto che in un vantaggio. la calce idraulica è valutata per mezzo dell'indice di idraulicità i. deposita la resina idrorepellente sulle pareti dei pori del calcestruzzo. Viceversa.5. Con le malte di calce. il silano applicato evapora facilmente. con l'evaporazione. di spessore limitato. Un'importante caratteristica dei ricoprenti per calcestruzzo è che l'integrità della pellicola non deve essere distrutta dall'alcalinità del substrato di calcestruzzo. anche il silicato e l'alluminato di calcio fossero idratati durante lo spegnimento. in modo da trasformare la CaO in calce idrata. è unita alla frazione separata in precedenza: il tutto costituisce la calce idraulica. in particolare con l'acqua o il suo vapore. laddove disponibile. i valori della resistenza a compressione dopo 28 giorni sono 5-10 MPa. reagiscono con l'umidità presente nei pori per formare la resina di silicone.1 e 0. facili da mettere in opera. Simili trattamenti possono essere effettuati anche su strutture nuove al fine di prevenire fin dall'inizio forme di degrado. da applicare in due o più strati. C2S e alluminati. Dopo lo spegnimento. In genere 4-5 ore sono considerate come il tempo massimo che deve trascorrere tra la sabbiatura e l'applicazione del rivestimento. . Si trovano in commercio. Gli esempi più comuni di questo gruppo sono i silicati ei fluorosilicati liquidi che reagiscono con l'idrossido di calcio nel calcestruzzo per formare. Questi materiali penetrano leggermente nei pori del calcestruzzo. dell'allumina e dell'ossido di ferro rispetto a quelle della calce e della magnesia. Il prodotto ottenuto contiene: CaO. lo spegnimento della calce idraulica è eseguito aggiungendo solo la quantità di acqua necessaria a trasformare l'ossido nel corrispondente idrossido di calcio. bituminose e oleoresinose come olio di lino. poliuretanici. Per una calce eminentemente idraulica. esso sarà leggermente stracotto e si idraterà un poco più lentamente dell'ossido di calcio. chimicamente legata al substrato. Per alcuni materiali la chiusura dei pori è un prodotto della reazione tra il penetrante ei composti già presenti nel calcestruzzo. Un'altra possibilità consiste nel trattare la superficie del calcestruzzo con impermeabilizzanti e turapori in modo che non sia più bagnabile dall'acqua. da parte del gesso. si raggiungano buone resistenze meccaniche. Ricoprenti e sigillanti Questi formano sulla superficie del calcestruzzo un film continuo. vernici alchidiche. Sono utilizzate per opere che sopportano carichi non eccessivi. e definito come rapporto fra le percentuali in peso della silice. Trattamenti superficiali Se lo stato di degrado è solo incipiente. sabbia e cemento si può collegare ogni tipo di pietra. nella stagione calda il contenuto di calce deve essere aumentato per rallentare la velocità di indurimento. privo di fori. per esempio. Alcuni sigillanti. la miscela. Come le resine di silicone. Le malte diventano impermeabili a tempi lunghi per stagionatura in ambienti umidi o quando sono immerse in acqua. Pitture a base di olio. Queste sono miscele polverulenti di pozzolana o di loppa di altoforno basica granulata con ossido di calcio. Gli oligo-silossani si formano per polimerizzazione del silano monomerico con la formazione di lunghe catene. può essere preferibile tentare di difendere la struttura dal procedere dell'aggressione piuttosto che ricostruire le parti ammalorate. I silani. a eccezione dei manufatti di gesso i quali sono incompatibili con il cemento che subisce.

molto era dovuto all'esperienza dell'addetto alla preparazione. nel panorama delle offerte attuali. per la maggiore resistenza meccanica. secondo i principi della produzione industriale. i cataloghi e le schede tecniche dei diversi prodotti riportano sempre le quantità di acqua da aggiungere e le temperature massime e minime oltre le quali se ne sconsiglia l'applicazione. fibrorinforzate. Per la maggiore area superficiale offerta dagli aggregati. più fine. aggregati e acqua. Le malte sono sempre addittivate. Malte idrauliche. con aggregati leggeri. direttamente preparata in cantiere mediante lavorazione manuale in cui. In entrambi i casi. linoleum). le malte devono avere un contenuto di legante. di qualità standard. le malte in opera possono essere danneggiate se non sono previste le influenze delle condizioni ambientali (temperatura e umidità relativa) in cui avviene l'indurimento. effettuato in cantiere. invece. mentre una malta con poca acqua d'impasto è di difficile lavorazione. Una malta cementizia può avere un contenuto di cemento sino a 700 kg/m3. calce aerea più pozzolana più sabbia. aggregati fini. Un eccesso di acqua d'impasto genera una malta soggetta a ritiro e penalizzazione delle caratteristiche di resistenza. malte cementizie per la posa di rivestimenti flessibili (moquette. Essa si differenzia dai calcestruzzi per la sola assenza della componente granulometrica di maggior pezzatura. per ottenere un prodotto di buone caratteristiche.Malte e premiscelati cementizi Escrito por Tellus grupo Martedì 06 Ottobre 2009 11:09 Malte e premiscelati cementizi Si definisce malta cementizia la miscela di leganti inorganici. Per le malte premiscelate e confezionate in sacchi. Soprattutto. a priori. ognuno con la sua nicchia d'impiego ottimale. è il dosaggio dell'acqua. pompabile. ma sempre inferiori a quelle a base di cemento). Tutte queste malte si trovano in commercio anche nelle varietà ad alta adesione. cementi più sabbia. con prevalenza di malte costituite da calce aerea e calce idraulica. Malte per murature: possono essere impiegate tutte le malte elencate in precedenza. termoisolanti. acqua ed eventuali additivi organici e/o inorganici. tenendo presente che la granulometria della sabbia deve essere. Tuttavia. costituite da calce idrata o gesso più sabbia. Per muri sollecitati sono preferite le malte a base di calce idraulica rispetto a quelle a base di calce aerea. in generale. Le tecnologie di preparazione delle malte offrono elevate garanzie per quanto attiene le caratteristiche prestazionali. costituite da: calce idraulica più sabbia (queste malte presentano caratteristiche di resistenza meccanica superiori a quelle delle malte aeree. in proporzioni tali da conferire alla miscela adeguate caratteristiche. con asciugatura rapida. Malte bastarde o composite. Dall'iniziale miscela di leganti (calce aerea e/o idraulica). l'operazione cruciale che influisce sul livello prestazionale. maggiore. poi.     . malte composite. allo scopo di modificarne alcune proprietà allo stato fresco e/o allo stato indurito. si è giunti alle attuali confezioni premiscelate in stabilimento. Per questo motivo. in genere. sono ancora le tecniche di lavorazione in cantiere. Tipos   È possibile individuare. si è passati da un prodotto a bassa specializzazione e vasto spettro di applicazione a una famiglia di semilavorati. nella composizione è necessario tenere in considerazione le compatibilità dei diversi leganti impiegati. costituite da sabbia e due o più leganti allo scopo di combinare i vantaggi di ciascuno di essi. Malte per intonaci: si possono utilizzare tutti i tipi di malte sopra descritte. decisive per la qualità finale dei manufatti. varie tipologie di malte: Malte aeree. rispetto al calcestruzzo. Si utilizzano. Queste ultime sono pronte all'uso con la sola aggiunta dell'acqua d'impasto e garantite. Malte per sottofondi: per pavimenti realizzabili con elementi rigidi (piastrelle) si usano. Il campo di utilizzo delle malte si può schematizzare nel seguente elenco. tixotropiche.

 Malte speciali: a ritiro controllato. con conseguenti fenomeni di presenza di superfici bagnate e di eccesso di umidità all'interno. anticorrosive. il che è soddisfacente rispetto all'impermeabilizzazione delle strutture. è il rinzaffo (detto anche intonaco rustico): esso forma la struttura portante in aderenza alla muratura ed è regolarizzato. Il secondo strato è la stabilitura. Malte per intonaci L'intonaco è uno strato di rivestimento protettivo delle murature. scambierà poca aria con l'ambiente esterno. mantiene flessibilità per sopportare bene le forti escursioni termiche. Per evitare questi inconvenienti. o arricciatura o intonaco civile. oltre alla funzione protettiva. legarsi a questa. Intonaco a base di calce aerea In un edificio. L'intonaco di finitura. quindi. caratteristica legata alla porosità della malta. Ne deriva la capacità di costituire un polmone igrometrico che è determinante per lo scambio di vapore ed aria con l'esterno. per creare un ambiente sano e confortevole. dal punto di vista dell'abitabilità. però. in questo tipo di intonaco è opportuno che il dosaggio di cemento diminuisca progressivamente nell'applicazione dei diversi strati. in ogni caso. è sostituito da una soluzione "aggrappante" costituita da polimeri dispersi in acqua. è costituito da malte a base di leganti polimerici. non fessurarsi in conseguenza del ritiro. per favorire la penetrazione dell'anidride carbonica in profondità. Esso. Quindi il materiale che costituisce la tamponatura delle varie sezioni abitabili dell'edificio deve essere traspirante. assume talvolta una funzione estetica. si condenserà sulle pareti. Non raggiungendo poi gli elevati valori di modulo elastico caratteristici dei cementi. è dotata di un'elevata plasticità che le è conferita dalla presenza della calce al suo interno. all'interno degli ambienti. il rapporto volumetrico fra aggregato e legante può oscillare tra valori che vanno da 2 a 3 parti di aggregato a 1 parte di legante. a contatto con la muratura. opporsi al passaggio dell'acqua. aderire alla struttura senza produrre l'effetto slump (crollo) e. il vapore che è prodotto dalle persone. L'ultimo strato (colla) ha la funzione di proteggere l'intonaco e renderlo gradevole. il più delle volte. Esso ha la funzione di rifinire l'opera e permettere l'applicazione di uno strato protettivo. Tali superfici di finitura conferiscono all'intonaco una protezione compatta. ma permettendo alla parete la necessaria traspirazione dall'interno all'esterno. presentano una notevole porosità. La calce idraulica. Intonaco a base di calce idraulica Le malte a base di calci idrauliche. Il primo strato. Questa compattezza influisce. è necessario che i valori di umidità e di qualità dell'aria al suo interno siano contenuti entro determinati valori. L'intonaco è costituito da una malta che forma un rivestimento compatto e sottile sulla muratura. non riescono a evaporare verso l'esterno. inoltre. a differenza del cemento. il principio che la pasta di calce (legante più acqua) deve riempire solo in parte i vuoti della sabbia che si formano durante il costipamento. espansive. L'intonaco deve assolvere alcune funzioni:     allo stato fresco. che si possono accumulare nello strato di fondo del rivestimento. Un intonaco a completa base cementizia ha una scarsa traspirabilità e. L'aria. dopo indurimento. senza essere del tutto impermeabile. a presa rapida. Intonaco a base cementizia Questo tipo di intonaco presenta una notevole resistenza ed una bassa porosità. con conseguenti . negativamente sul comportamento dell'intero rivestimento in quanto l'acqua e l'umidità. a differenza delle malte a base di cemento. Esse sono sempre a base cementizia con aggiunta di specifici additivi. risulterà in breve tempo "viziata". con conseguente impermeabilità al vapore. ma non completamente rifinito. Per la composizione di una malta da intonaco a base di calce. dall'interno verso l'esterno. Per evitare rischi di fessurazioni. Vale. se non ha la possibilità di scaricarsi all'esterno. Talvolta. Un intonaco a calce possiede una porosità ben superiore a quella di un intonaco cementizio. è necessario che tutto l'edificio abbia la possibilità di "respirare" e di interagire con l'ambiente esterno. Inoltre. essere resistente per far fronte al degrado in genere.

offrono altre caratteristiche quali. In genere. sarebbero compromessi già prima di iniziare la propria vita di servizio. l'impermeabilizzazione. Un altro tipo di malta composta è ottenuto aggiungendo una piccola quantità di calce idrata alla malta cementizia. sono indicati per proteggere un edificio dall'azione del fuoco. Per limitare l'apertura delle fessure. silice fossile e leganti idraulici. per esempio. mentre per l'arriccio. La finitura. L'armatura non svolge funzioni statiche ma solo di "cucitura" delle fessure stesse. additivi aeranti e aggregati. è possibile fare riscorso a prodotti innovativi come fibre o reti in polipropilene.rigonfiamenti e rotture del rivestimento. Prodotti antifessurativi Gli intonaci sono soggetti a fessurazione dovuta al ritiro in fase plastica delle miscele fresche. in ogni caso. calce idraulica e cemento. quella di incrementare la resistenza al fuoco intrinseca degli elementi. e quindi di ampliare le funzioni dell'intonaco. Intonaci macroporosi La presenza di acqua all'interno e all'esterno della costruzione costituisce uno dei fattori scatenanti di molte patologie di degrado. Va tenuto presente. ha portato verso la produzione d'intonaci pronti all'uso che. Un'altra miscela è costituita da calce idrata. L'umidità negli edifici. Intonaco con malta bastarda L'intonaco a base di sola calce presenta bassa resistenza meccanica. così come la durabilità. insieme ad additivi polimerici ea leganti cementizi. di fibre minerali come la lana di roccia. Le resistenze meccaniche che si sviluppano. si inseriscono negli intonaci. tempi di indurimento piuttosto lunghi. della tenuta al fuoco (E). invece. l'impermeabilità all'acqua e la traspirabilità dipendono dalla quantità e qualità dei leganti idraulici presenti. oppure di perle di polistirene espanso. per esempio.     Intonaci termoisolanti e/o fonoassorbenti Tali intonaci sono composti da leganti aerei o idraulici. Si tratta. permettendo di soddisfare i criteri:    della stabilità al fuoco (R). composti da silicoalluminati. Questi garantiscono all'intonaco una struttura microporosa capace di soddisfare i requisiti richiesti. Le malte più comuni sono quelle ottenute aggiungendo alla calce idraulica una quantità variabile di cemento al fine di migliorarne la resistenza meccanica. l'ignifugazione. soprattutto. a un volume di legante idraulico sono mescolati 2-3 parti di calce grassa. l'isolamento termico. L'obiettivo da perseguire è quello di evitare che le fessurazioni interessino l'intero spessore dei manufatti. da aggregati leggeri quali perle espanse di polistirolo e/o aggregati naturali espansi. armature in forma di reti. esistono appositi prodotti di rivestimento. oltre a svolgere le abituali funzioni di rivestimento e protezione. Per il rinzaffo spesso si adopera una malta mista di calce idraulica e di grassello. Questi. Intonaci ignifughi Gli intonaci ignifughi. oltre che da una sabbia naturale. Un efficace prodotto antifessurazione intercetta la fessura non appena si comincia a formare. è eseguita con una malta di solo grassello. Questi ultimi sono costituiti. Questi inconvenienti possono essere eliminati o attenuati con l'aggiunta moderata di leganti idraulici. che la presenza di acqua . Questa combinazione rende la malta più lavorabile e meno soggetta al ritiro e alle fessurazioni. al fine di ottenere una malta adatta agli intonaci esterni. in corrispondenza della superficie del manufatto. così come nei massetti di posa dei pavimenti. infatti. di materiali espansi naturali come la perlite e la vermiculite. La funzione del rivestimento protettivo antincendio è. mescolati nelle proporzioni di 1:1. dell'isolamento termico (I). Accanto alla soluzione tradizionale rappresentata dalle reti metalliche annegate nelle miscele. essi contengono materiali che rallentano la propagazione del calore dell'incendio verso il supporto. La necessità di soddisfare esigenze sempre crescenti. Per la protezione completa delle strutture dell'edificio dalle fiamme.

Fattori naturali come la pioggia o l'umidità atmosferica. infatti.     L'umidità di risalita capillare La costruzione entra in contatto diretto e costante con il terreno attraverso le strutture di fondazione. Alcune versioni sono formulate con prodotti elastomerici che garantiscono alla malta notevole flessibilità in opera.acqua residua nei materiali di costruzione dei paramenti murari (laterizi). sfuggono a qualsiasi forma di controllo totale. grazie all'elevata porosità. non può impedire l'ingresso dell'acqua piovana nella muratura. il degrado dei materiali per effetto delle pressioni generate dal congelamento dell'acqua all'interno dei pori del laterizio e dell'intonaco. Il risanamento delle murature interessate da questo degrado deve prevedere l'incremento dell'evaporazione dell'acqua dalle murature verso l'ambiente esterno e l'eliminazione o la riduzione del flusso di acqua che risale dal terreno. l'esfoliazione e distacchi superficiali degli intonaci dalla muratura per effetto della cristallizzazione di sali provenienti dal terreno o dalle zone più interne del muro. L'impiego degli intonaci macroporosi da una parte consente un facile smaltimento dell'umidità di risalita ma. L'impiego di intonaci macroporosi consente di facilitare. soprattutto. Si ottiene. La malta è costituita da cemento. tra i più diffusi troviamo: il degrado causato dall'incompatibilità chimica dei materiali della muratura che in assenza di acqua potrebbero coesistere senza generare reazioni chimiche distruttive. tra il liquido in esso contenuto e le pareti del capillare stesso. ma mai del tutto eliminata. a presa e indurimento rapido. aggregati e additivo superfluidificante. Il prodotto svolge azione anticorrosiva sui ferri e di strato di aggrappaggio. Non si elimina la risalita capillare di acqua nella muratura (soluzione possibile con la realizzazione di vespai o intercapedini oppure con barriere chimiche). L'umidità può scatenare un'ampia gamma di fenomeni.cattiva impermeabilizzazione di terrazzi e coperture. inibitori di corrosione. Le cause della presenza di umidità negli edifici possono essere suddivise in due principali gruppi: cause endogene . . fognature. resine e . Il fenomeno fisico della capillarità ha origine dalle forze di adesione che si stabiliscono in un "tubicino". nei periodi di stagione calda e secca. L'altezza massima di risalita capillare dipende dalla dimensione dei pori del materiale con cui è realizzata la muratura. Malte per utilizzi diversi Malta a ritiro controllato Malta idraulica composta di cemento.scarsa manutenzione di pluviali. condutture. dunque. Possono essere fibrorinforzate. a comportamento tixotropico. di dimensioni ridotte (capillare). cause esogene . per i successivi trattamenti nel ripristino volumetrico. . grazie al fenomeno di risalita capillare. serbatoi.pioggia che può penetrare all'interno degli edifici sospinta sulle pareti dalla forza del vento. solo se essa è situata in zo¬ne caratterizzate da un clima in cui le giornate asciutte e ventilate prevalgono su quelle umide e piovose. ma si favorisce lo smaltimento dell'umidità. .vapore acqueo atmosferico che può condensare sulla superficie o all'interno della muratura. l'acqua penetra nelle strutture di elevazione con un percorso che procede dal basso verso l'alto. per il fenomeno della risalita capillare. Attraverso queste ultime. . per la formazione di massetti sia galleggianti sia aderenti. Nelle diverse versioni trova utilizzo:    per rappezzi e rifacimenti corticali di superfici in calcestruzzo degradate. nell'edificio può essere controllata e contenuta. Malta anticorrosiva dei ferri di armatura Si utilizza nella ristrutturazione di calcestruzzi ammalorati. dall'altra. un beneficio in termini di deumidificazione della muratura. sul preesistente calcestruzzo. Queste cause difficilmente si presentano da sole. l'evaporazione dell'umidità dal muro verso l'ambiente esterno. Talvolta è presente anche un agente espansivo. per regolarizzare superfici di calcestruzzo.acqua nel terreno che può infiltrarsi nelle murature interrate oppure essere assorbita nei muri.

gallerie e sottopassi. Nella versione autolivellante è utilizzabile per la finitura di massetti orizzontali e la successiva posa di pavimenti. Sono caratterizzati da tempi di presa molto brevi e prestazioni iniziali elevate. Al di là delle differenze che possono contraddistinguere i diversi prodotti oggi in commercio. il componente principale è il legante composto da miscele di cemento portland e cemento alluminoso. Il componente che conferisce alla malta l'espansione è l'agente espansivo. con aggiunta di agente espansivo e di superfluidificante. Si tratta. cementi e polimeri sintetici. additivi riduttori di acqua e additivi idrofughi. Malta impermeabilizzante Malta costituita da cemento. Malta a rapidissimo indurimento È a base cementizia. in alternativa a esplosivi. Essa è utilizzata per impermeabilizzare superfici in calcestruzzo. la rasatura turapori del calcestruzzo per la successiva applicazione di verniciature o rivestimenti. con pressioni di spinta fino a 800 kg/cml. aggregati fini. nella maggior parte dei casi. È anche utilizzata per eseguire. pietra o muratura. ghiaietta. la regolarizzazione di superfici di getti di calcestruzzo o pannelli di elementi prefabbricati con imperfezioni. Il massetto è posto in opera a una temperatura di 180-220 °C nello spessore di 2-3 cm. Malta espansiva Malta idraulica tradizionale. mediante iniezione. murature. già nell'arco di poche decine di minuti. contro l'acqua in pressione sia positiva sia negativa. macchine utensili. la malta è stesa a pennello su tutti gli elementi metallici. Questa malta non può essere sostituita da un tradizionale prodotto antiruggine che ridurrebbe l'adesione tra barre e calcestruzzo. strutture metalliche prefabbricate. Nella versione tixotropica è utilizzata per fissaggi rapidi su superfici verticali. per demolire o tagliare rocce e calcestruzzi. sabbia e filler. Malta a presa rapida Sono oggi disponibili sul mercato malte a presa rapida o mediorapida. L'utilizzo delle malte a presa rapida va dal fissaggio di elementi metallici agli interventi di ripristino.additivi. Consentono di lavorare in condizioni di assoluta sicurezza e precisione di taglio. È utilizzata per tamponare perdite di acqua. Malta espansiva per tagli di rocce e calcestruzzi Trattasi di malta molto espansiva da utilizzarsi. l'impermeabilizzazione di vasche e canali con limitata pressione idraulica positiva. Questa malta consente di realizzare conglomerati capaci di compensare sia il ritiro plastico sia il ritiro idraulico. . riempimenti di cavità. In molti casi si tratta di additivi polifunzionali o di miscele studiate per ottenere particolari prestazioni in termini di impermeabilità all'acqua. utilizzata per ancoraggi nel calcestruzzo di macchinari. anche in pressione. Questi massetti a base di asfalto presentano impermeabilità all'acqua e al vapore e buone caratteristiche isolanti. di formulati a base di solfoalluminati o di calce o magnesia stracotta o di polveri metalliche. pannelli isolanti). in scantinati. mono o bicomponente. con aggiunte di alcali che accelerano la presa e l'indurimento. Nella versione elastica è indicata per proteggere il calcestruzzo con rivestimenti di elevata flessibilità. presente in percentuali variabili. Esse consentono: l'incollaggio di elementi non strutturali (piastrelle. Nella versione tixotropica per l'utilizzo su pareti verticali o inclinate. il rivestimento di protezione del calcestruzzo non armato contro aggressioni di lieve entità (atmosfere marine e industriali). costituita da aggregati a granulometria fine. compattezza finale. rocce. Malta per incollaggio o per rivestimenti sottili      Malta adesiva. Malta di asfalto per massetti Si tratta di una massa applicata a caldo costituita da bitume. Per favorire un'applicazione uniforme sui ferri. adesività al supporto. resistenza agli agenti chimici. porosità o zone erose o deteriorate di piccola profondità. fessure in calcestruzzo.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->