Sei sulla pagina 1di 67

VALUTE E SCENARIO

dott. Giovanni Cuniberti


Docente a contratto Facolt Economia Torino Analista Finanziario Indipendente

STUDIO G2C www.studiog2c.it EMAIL: g.cuniberti@g2c.it

E VIETATA LA RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DELLA PRESENTE PUBBLICAZIONE SENZA LA PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE DELLAUTORE

COME OPERARE SUI CAMBI


MERCATO FOREX MERCATO DEI FUTURES SULLE VALUTE USA CHICAGO MERCANTILE EXCHANGE http://www.cmegroup.com/

FOREX
La parola Forex deriva da FoReign Exchange ed indica il mercato internazionale dove vengono scambiate le valute. Il Forex un mercato che non ha una sede precisa, Over the Counter (OTC) ossia basato su scambi bilaterali dove i contraenti stabiliscono i termini del contratto. Tale contratto prevede che si stabilisca il valore di una valuta nei confronti di unaltra, si stabilisca ossia il tasso di cambio. I prezzi, o tassi di cambio, distribuiti nei circuiti internazionali informativi sono indicativi, non operativi, non esistono regolamentazioni, quantit o scadenze prestabilite.

FOREX
Il Forex un variegato insieme di entit che operano in valuta, un insieme che include banche internazionali, banche centrali, compagnie commerciali, intermediari e investitori di varia natura. Passano attraverso il Foreign Exchange Market i pagamenti per attivit di import/export, i pagamenti per la compravendita di strumenti finanziari,cos come le attivit di tipo speculativo e quelle legate alla neutralizzazione del rischiofinanziario per investimenti internazionali.

Vantaggi del Forex


Liquidit Comodit di accesso da diverse banche Leva (spesso molto alta) Non ci sono costi di commissioni, si paga spread

Svantaggi del Forex


Non sempre eseguito trasparente Presenza di siti che promettono di realizzare grossi guadagni sul Forex con investimenti bassissimi, suggerimenti spesso sbagliati, sedi legali in paesi non ben identificati SE FALLISC EIL BROKER..non ho nulla in mano.

Futures
Ci sono solo vantaggi: Mercato regolamentato e trasparente Possibilit di essere possessori di un contratto Possibilit di realizzare lANALISI dei VOLUMI Tipi diversi di futures con controvalori normali o ridotti - Presenza della leva grazie ai margini di negoziazione.

Sito CME

Cos un book di negoziazione:

Book di negoziazione sul future

Book di negoziazione sul FOREX

Ordine al meglio o market


Ordine Al Meglio: la proposta di negoziazione senza limite di prezzo rappresenta l'unico tipo di ordine incondizionato che l'operatore pu inviare al mercato; in tal caso l'ordine viene immediatamente eseguito alle migliori condizioni presenti sul lato opposto del book di negoziazione. Questi ordini sono abbinati immediatamente con gli ordini di segno opposto senza rimanere nel book.

Ordine limite o limit


Ordine Limite: mediante le proposte di negoziazione con limite di prezzo gli operatori dichiarano il prezzo massimo al quale sono disposti ad acquistare un determinato cross oppure il prezzo minimo al quale sono disposti a venderlo. In tal caso l'ordine viene eseguito soltanto se sul lato opposto del mercato presente una o pi proposte di negoziazione a un prezzo non peggiore rispetto aquello indicato come limite. Gli ordini con limite di prezzo apportano liquidit al mercato in quanto laproposta di negoziazione rimane esposta sino alla sua esecuzione ocancellazione. Tale liquidit, nel caso specifico del Forex, non visibile sulbook.

Analizzare i mercati e le valute: quale approccio?


ANALISI INTEGRATA: metodologia creata da Cesano-Cuniberti dello Studio G2C ANALISI TECNICA DI BASE O AVANZATA PER OPERATIVA DI TRADING DI BREVE PERIODO

Analisi Integrata
Cosa lAnalisi Integrata? Analisi Macroeconomica Analisi Fondamentale Analisi Tecnica Analisi dei Volumi ANALISI INTEGRATA

16

Perch lAnalisi Integrata?


Gli scenari economici sono complessi Le diverse metodologie sono integrabili Pi variabili attendibili considero, pi ho possibilit di successo Un portafoglio (no trading) deve essere gestito con ottiche di medio/lungo periodo Permette di avere uno sguardo sul futuro e sulla pi probabile evoluzione degli scenari e dei mercati

17

ANALISI MACROECONOMICA
Studia l evoluzione delle principali variabili economiche aggregate in cui si riflette lo stato di salute del sistema economico e le conseguenze sui mercati finanziari della loro evoluzione. L obiettivo principale la costruzione di scenari di medio-lungo termine in grado di interpretare i movimenti pi ampi dei mercati.

ANALISI FONDAMENTALE
Analizza linsieme dei dati di bilancio, le prospettiva di crescita e lambito in cui opera la societ col fine di delineare la pi probabile evoluzione del titolo/societ

ANALISI TECNICA
Studio dell'andamento dei prezzi dei mercati finanziari nel tempo, allo scopo di prevederne le tendenze future, mediante principalmente metodi grafici e statistici

ANALISI DEI VOLUMI


Studio dellandamento dei volumi negoziati sui mercati regolamentati con particolare focus su azioni e futures attraverso luso degli Istogrammi prezzo-volume e delle barre a volume costante.

CONFRONTO

A. Fondamentale
Indaga le cause della valutazione dei titoli Cerca di confrontare il prezzo con il reale valore del sottostante -

A. Tecnica
Prescinde dalle generano i prezzi cause che

Studia i prezzi come effetto dellinterazione tra domanda e offerta Considera la pluralit di operatori sul mercato con diversi obiettivi e orizzonti temporali

Il prezzo direttamente collegato alla capacit di generare utili nel futuro

Utilizza i dati di bilancio, quelli relativi al mercato di riferimento ed i dati macroeconomici

Utilizza solo i dati ufficiali di borsa: prezzi e volumi principalmente

22

Gli scenari economici sono complessi


Il panorama macroeconomico funziona per aree Oggi vediamo modelli di sviluppo economico differenti dal passato: Emergenti USA Area Euro

Ghepardo

Gazzella

Pachiderma
23

Le metodologie sono integrabili


Esistono due possibili approcci: 1approccio: conflitto (al meglio disinteresse) - Analisi Macro - Analisi Fondamentale - Analisi Tecnica e Volumi

24

Le metodologie sono integrabili


Esistono due possibili approcci: 2approccio: integrazione - Analisi Macro - Analisi Fondamentale - Analisi Tecnica e Volumi

25

ANALISI TECNICA

Cos lanalisi tecnica

E una disciplina il cui obiettivo identificare regolarit nelle serie temporali dei prezzi, estraendo pattern non lineari da dati caratterizzati da elevato noise.
- Non una disciplina scientifica - E uno strumento di analisi interpretazione e di

27

Ambito di applicabilit

1) 2) 3)

Lanalisi tecnica si applica principalmente ai mercati finanziari ed ha lobiettivo di: Supportare lidentificazione degli scenari e dei cicli economici Supportare le scelte di Asset Allocation Implementare strategie di trading di breve, medio e lungo periodo che si dividono in: - Discrezionali - Automatiche

28

Il prezzo Domanda Eccedenza Offerta

Prezzo

Peq Carenza Qeq

Equilibrio

Quantit Il prezzo di una attivit finanziaria esprime un consensus degli agenti sul mercato sulle loro aspettative

29

Analisi Tecnica

L analisi tecnica si basa sul concetto che i prezzi scontino tutte la variabili. Il vero valore aggiunto nasce dal fatto di capire quando non cos; lobiettivo quello di lavorare sulle inefficienze di mercato. Lanalisi tecnica, presa da sola, non sempre sufficiente. Nasce cos la necessit di integrare lanalisi tecnica con altre tipologie di Analisi (Macroeconomica, Fondamentale e dei Volumi)

30

CICLO ECONOMICO E DI BORSA


prezzo bond scende

salgono prezzi bonds salgono azioni materie prime salgono materie prime scendono

Aspettativa consumi rallenta GDP negativo tassi ai minimi consumi ai minimi curva rendim normale Aspettat consumi sale Pr industr sale curva rendim si irripidisce Pr industr piatta, tassi salgono curva rendim si appiattisce sul top

Aspett. consumi ferma Pr industr cade tassi al top curva rendim piatta o invertita

Ciclo Economico in 4 stadi IL CICLO ECONOMICO PUO ESSERE DIVISO IN 4 FASI:


RECESSIONE - Periodo caratterizzato da GDP negativo da una discesa dei tassi di interesse e da un crollo dei consumi. Si giunge ad un livello di crisi da cui solitamente parte una ripresa che porter benefici principalmente ai settori Ciclici come Industriali, Chimici (due trimestri di Pil negativo, non ufficiale si vede anche prima) RIPRESA - Periodo caratterizzato da un ripresa dei consumi, della produzione industriale e da aspettative di crescita generalizzate. Continua la crescita del settore industriale a cui si unisce la ripresa dei Basic Material e dellEnergy. ESPANSIONE Vi una rapida crescita dei tassi di interesse per frenare linflazione spinta dal picco dei consumi. Le aspettative di crescita dei consumi iniziano a vacillare cos come le aspettative sulla produzione industriale. In questa fase ci si sposta verso settori non ciclici e altri altri pi difensivi come lhealthcare RALLENTAMENTO - Inizia linversione del ciclo economico. Le aspettative sui consumi sono al minimo. I tassi sono ancora alti e penalizzano la congiuntura. La curva tende ad appiattirsi o ad invertirsi. In questa fase vengono favoriti settori difensivi come il Food&Beverage e le Utility.

E SUI CAMBI?
IN UN CONTENTO DI RIALZO DEI MERCATI AZIONARI VIENE PREMIATO LEURO, IN CASO DI DISCESA DEI MERCATI AZIONARI VIENE PRIVILEGIATO IL DOLLARO CONSIDERATA MONETA RIFUGIO ALTRA MONETA MOLTO IMPORTANTE LO YEN? (VEDREMO SUCCESSIVAMENTE)

Lanalisi tecnica aiuta a capire in quale fase del ciclo siamo.

Cosa ci Aspettiamo? In che fase del ciclo siamo?

34

LAnalisi tecnica aiuta a capire in quale fase del ciclo siamo.

In che fase del ciclo siamo? Siamo in un trend rialzista. E probabile che il ciclo sia in espansione Cosa ci aspettiamo? 1) Prosegue lespansione 2) C un rallentamento che apre le porta ad una recessione Quale supporto ci fornisce lanalisi tecnica? Inserisco due semplici medie mobili Traccio una trend line

35

LAnalisi tecnica auita a capire in quale fase del ciclo siamo.

36

LAnalisi tecnica auita a capire in quale fase del ciclo siamo.

37

LAnalisi tecnica aiuta a capire in quale fase del ciclo siamo.

38

Situazione a novembre

Situazione a novembre

121 anni di analisi tecnica 1986 1984 1978 1955 1942 1938 1932 1926 1922 1903 1884
J.Murphy: Technical analysis of the future markets. G.Lane : Lanes stochastics W.Wilder : New concepts in technical trading systems, (RSI) H.Neilly : The art of contrary thinking W.D.Gann : How to make profits in commodities. C.Collins, R.N.Elliot : The wave principle R. Rhea : Dow Theory N. D. Kondratieff : I cicli economici maggiori W.P.Hamilton: The stock market barometer. S.A. Nelson: The ABC of stock speculation. Charles Dow introduce la prima media mobile nello studio di un mercato azionario

42

103 anni di storia della teoria della finanza 1973 1973 1965 1964 1958 1952 1944 1936 1900
43

Fischer Black & Myron Scholes: The Pricing of Option Contracts and Corporate Liabilities Robert Merton: Theory of Rational Option Pricing Paul Samuelson: Proof that Properly Anticipated Prices Fluctuate Randomly. William Sharpe: Capital Asset Prices: A Theory of Market Equilibrium under Conditions of Risk. Franco Modigliani & Merton Miller: The Cost of Capital, Corporation Finance and the Theory of Investments Harry Markowitz: Portfolio Selection. Lavori di matematici Levy, John von Neumann & Oskar Morgenstern: Cramr, Theory of Games and Economic Behaviour. Wiener, Kolmogorov, John Maynard Keynes: The general Theory of Employement, interest and money. Doblin, Khinchine, Feller, Louis Bachelier: Theorie de la Speculation. It.

Le origini
In origine, con questo termine si indicava lo studio dei prezzi utilizzando il grafico come strumento primario Le origini della disciplina evoluta dei giorni nostri poggiano sulla cosiddetta teoria di Dow, sviluppata ai primi dei novecento da Charles Dow Teoria di Dow, principi:
la natura trending dei prezzi i prezzi scontano tutta linformazione disponibile i principi di conferma e divergenza i volumi rispecchiano i cambiamenti nei prezzi supporti e resistenze

Il contributo di Charles Dow allanalisi tecnica dei giorni nostri non pu essere trascurato: metodo di analisi dei mercati finanziari completamente nuovo

44

Le ipotesi dellanalisi tecnica


Il mercato sconta ogni cosa ed il prezzo ne la sintesi
il prezzo riflette ogni cosa il mercato conosce di quel titolo e quindi seguire landamento nel tempo del prezzo tutto quanto occorre per sapere come va e dove andr

I prezzi si muovono secondo precise tendenze


i prezzi seguono dei movimenti in cui si possono riconoscere delle precise tendenze; le tendenze proseguono per inerzia fino a quando non si presenta uninversione

Il passato si ripete
il comportamento del mercato ciclico con il ritorno periodico di figure che ricalcano andamenti gi visti nel passato, di fatto sostanzialmente legati alla psicologia degli investitori

45

La teoria di Dow

Pubblicata su articoli del Wall Street Journal tra il 1900 e il 1902; nel 1932 Robert Rhea raccoglie la Dow Theory in maniera piu organica E la base di molti degli attuali sviluppi dellanalisi tecnica Ha lobiettivo di individuare i cambiamenti delle tendenze principali dei mercati azionari

46

La teoria di Dow in sintesi

I prezzi scontano tutto: sono leffetto congiunto di tutti gli operatori che nel loro complesso posseggono tutta linformazione disponibile Il mercato si muove seguendo 3 tipi di trend: primario secondario e di breve periodo La relazione tra prezzi e volumi: questi ultimi generalmente crescono nelle fasi espansive e decrescono nei declini

47

La teoria di Dow in sintesi

Tendenze, massimi e minimi: i rialzi sono segnalati da massimi crescenti mentre i ribassi da massimi e minimi decrescenti Principio di conferma: utilizzare diversi indici azionari/indicatori che devono andare nella stessa direzione per segnalare una tendenza Il trend rimane in atto finch non ci sono segnali di inversione: il mercato si muove seguendo dei trend che rimangono validi fino al sopraggiungere di segnali in senso opposto

48

Obiettivo dellanalisi tecnica

possibile individuare nelle serie storiche dei prezzi forme geometriche significative e andamenti di tipo statistico, differenziandoli dalle componenti puramente casuali, al fine di stabilire regolarit e similitudini per ipotizzare la direzione dellandamento futuro dei prezzi

49

Limiti dellanalisi tecnica mancanza di una teoria formale il passato non sempre si ripete nello stesso modo perch cambiano le variabili indicatori, forme e tecniche si sono dimostrati validi in contesti specifici ed in momenti specifici lanalisi tecnica come supporto al trading discrezionale ad un alto livello di conoscenza lotta contro la psicologia personale che ha un ruolo fondamentale nella scelta dellinvestimento. caso del Cigno nero

50

Evoluzione dellAnalisi Tecnica


1) Lobiettivo diventa allora quello di creare algoritmi descrittivi di forme e selezionarli per ottimizzare specifiche funzioni obiettivo dando origine a tecniche di trading automatiche dette TRADING SYSTEM che eliminano gli aspetti emozionali (eliminazione della soggettivit e componenti psicologiche) 2) Sviluppare metodologia che vanno ad INTEGRARE lanalisi tecnica come lANALISI DEI VOLUMI, in modo da studiare i flussi di denaro e capire in quale direzioni le mani forti stanno indirizzando il mercato
51

LE VARIABILI DELLANALISI TECNICA

I PREZZI
- Rappresentano il valore che il mercato attribuisce al bene o al gruppo di beni e attivit legati ad un titolo o indice - Nelle rappresentazioni grafiche si distinguono il massimo, il minimo, lapertura e la chiusura - Il massimo e il minimo sono riferiti al time frame utilizzato; possono riferirsi a 5 minuti di contrattazione come ad un mese. Analogamente lapertura e la chiusura (il primo e lultimo dato dellintervallo)

52

LE VARIABILI DELLANALISI TECNICA

I VOLUMI

- Il volume il numero di compravendite effettuate nellunit di tempo - I volumi vengono rappresentati con delle barre verticali poste generalmente alla base dei grafici su una scala separata - Lopen interest, utilizzato solo per i derivati, rappresenta il numero di contratti aperti (un contratto aperto significa una posizione long + una short)

53

COSA INFLUISCE SULLANALISI TECNICA

Le tipologie di operatori

MANI FORTI: ci sono i grandi investitori che comprendono tutti gli operatori che muovono ingenti capitali (grandi banche) MANI INTERMEDIE: trader con ingenti capitali, Sim, Sgr ecc.. MANI DEBOLI: piccoli trader e retail

Loperativit di queste categorie cambia a seconda dellorizzonte temporale: lungo, medio, breve termine e intraday

54

I FONDAMENTI DELLANALISI TECNICA


GRAFICO Time scale: Lineare o Semi-Log I PREZZI SULLASSE DELLE ORDINATE HANNO LA STESSA SCALA Utilizzato per analizzare trend di breve periodo I PREZZI SULLASSE DELLE ORDINATE HANNO SCALA LOGARITMICA QUINDI BASATA SULLE VARIAZIONI PERCENTUALI Utilizzato per analizzare trend di lungo periodo

Lineare

Semi-Log

55

FTSE MIB INDEX Scala Lineare

56

FTSE MIB INDEX Scala Logaritmica

57

I campi di prezzo

Lanalisi tecnica basata quasi interamente sullanalisi di prezzo e volume


Open il primo prezzo del periodo di osservazione High il prezzo maggiore registrato nel periodo Low il prezzo minore registrato nel periodo Close lultimo prezzo registrato nel periodo Volume il numero di contratti o azioni scambiati nel periodo. LAT ipotizza una importante relazione tra i prezzi e il volume. Open Interest il numero totale di contratti aperti (non esercitati, chiusi o expired) sul mercato per un future o per le opzioni Bid denaro, quanto il mercato disposto a pagare per avere una security Ask - lettera, quanto il mercato disposto a ricevere per consegnare una security

58

DOVE TROVIAMO LE INFORMAZIONI SUL PREZZO

1) SUI GRAFICI..

2) Sul BOOK

59

Book Verticale

TIPI DI GRAFICI Grafico a linea

La singola linea rappresenta il prezzo di chiusura dellattivit finanziaria rilevato in ogni giorno di contrattazione o nel time frame scelto.

61

Grafico a barre Bar Charts

Ogni barra rappresenta su di un unico grafico i prezzi OHLC. Sono tra i grafici pi usati.

High Close (on the right of the bar)

Open (on the left of the bar) Low

62

Grafico a barre

63

Candlestick

The highest price (upper shadow)

The opening or closing price, whichever is greater

The center section (real body) is filled in if the close is lower then the open. Otherwise, it is left empty.

The opening or closing price, whichever is less The lowest price (lower shadow)

64

Candlestick - Le candele giapponesi sono costituite da rettangoli verticali colorati in maniera diversa a seconda della direzione del movimento giornaliero

minimo massimo

Corpo nero quando lapertura pi alta della chiusura Corpo bianco quando lapertura pi bassa della chiusura

65

Candlestick

66

Time Frame

La scala del tempo di un grafico pu essere: 1) Intraday: scelgo i minuti di durata (ad es: 1 minuti, 15 minuti ecc..) 2) Daily: viene rappresenta la singola giornata di negoziazione 3) Weekly: viene rappresentata la settimana 4) Monthly: viene rappresentato il mese I principi base dellAnalisi Tecnica valgono su qualunque time frame La scelta del miglior time frame legata al tipo di trend ricercato e al tipo di operativit che si vuol impostare. LA NUOVA EVOLUZIONE DELLANALISI TECNICA E ESCLUDERE IL FATTORE TEMPO CON GRAFICI A VOLUME O SUL TICK (li vedremo dopo)

67