Sei sulla pagina 1di 1

Come Tradurre Una Versione Di Latino

1. Prima di aprire il dizionario consigliabile leggere due o tre volte il brano, per avere
un'idea dell'insieme, isolando con tratti di matita le singole proposizioni e sforzandosi di comprendere meglio possibile il senso e la struttura sintattica che caratterizza il testo (discorso diretto o indiretto; proposizioni finali, consecutive, relative, interrogative) 2. Sottolineare i verbi. Ogni proposizione (frase) di cui composto un periodo ha il suo verbo: ci sono quindi tante frasi quanti verbi. Il verbo trasmette molte informazioni sul soggetto e sui complementi che regge: quindi importante individuarlo come prima cosa. Cerchiare le congiunzioni coordinanti (che introducono proposizioni coordinate: ad es. et, atque, -que, sed), le subordinanti (che introducono subordinate: ad es. ut, quod, cum ) e i pronomi e gli avverbi relativi (che introducono relative: ad es. qui, quod, ubi, unde). 3. Poich in ogni periodo ci sono diverse proposizioni e ciascuna racchiude il suo verbo,occorre cercare in primo luogo il verbo della proposizione principale, che l'unica sintatticamente indipendente, in quanto si regge grammaticalmente da sola e contiene il dato fondamentale del discorso, da cui dipendono tutte le altre. 4. Dal verbo della proposizione principale (che qualifica il tempo in cui si svolge l'azione e il suo modo) si pu risalire al soggetto (persona: 1, 2 o 3; numero: singolare o plurale). 5. Dopo aver individuato il soggetto, vediamo se nella proposizione c' qualche altro termine al nominativo, quindi necessariamente riferito al soggetto. 6. Stabilito dunque il collegamento fra verbo e soggetto della proposizione principale, si ritorna al verbo per esplorare il resto: se il verbo intransitivo o di forma passiva, verifichiamo se sia accompagnato da un complemento predicativo del soggetto o se sia da solo; in tal caso cerchiamo un complemento che sia pi di ogni altro collegato al verbo: per esempio con un verbo di movimento ci possiamo aspettare un complemento di moto ecc. 7. Se il verbo di forma passiva, cerchiamo subito il complemento d'agente, cio la persona da cui compiuta l'azione (a, ab + ablativo); se invece troviamo un ablativo semplice, meglio non pensare ad un complemento di mezzo o di causa (il che potrebbe anche essere), ma vedere prima se non si tratti della cosa da cui, per cos dire, compiuta l'azione, cio dal c complemento di causa efficiente (es. "Il comandante fu ferito da una freccia"). 8. Se il verbo transitivo si proceda allora alla ricerca del complemento oggetto (che sempre in caso accusativo), tenendo per presente che esso potrebbe anche mancare, o p perch sottinteso nel contesto o perch il verbo usato come apparente intransitivo. 9. Dopo aver individuato il complemento oggetto occorre verificare se nella proposizione ci sia qualche altro termine in accusativo che possa riferirsi ad esso: un attributo, u un'apposizione, un complemento predicativo dell'oggetto o un participio. 10. Chiariti questi elementi fondamentali della proposizione in base ai nessi che tra essi intercorrono, si passa agli altri complementi, partendo da quelli che si riferiscono pi da v vicino al soggetto.

11. Dopo aver tradotto la proposizione principale si passa alla traduzione delle altre frasi del periodo, coordinate e subordinate, applicando lo stesso metodo seguito per la principale (prima verbo, poi soggetto, poi compl. oggetto, poi gli altri complementi, ecc.). Continuare cos per tutti i periodi del brano. 12. Rileggere tutto, per controllare che la traduzione abbia senso e che la resa in italiano sia corretta.