Sei sulla pagina 1di 170

Il Dio

di ogni consolazione
in 2Cor 1, 3-7

Prof. Angelo Colacrai

a cura di

Antonio Appella Alexander Serrano


Jean-Baptiste Simar Wolfram Konschitzky
qeo.j pa,shj paraklh,sewj

Deus totius consolationis

Dios de toda consolación

God
who gives every possible encouragement

Dieu de toute consolation Der Gott allen Trostes


1. Benedetto (sia) Dio,
e Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
il Padre delle misericordie e
Dio di ogni consolazione
2. che ci consola in ogni nostra tribolazione,
perché possiamo (anche noi) consolare
quelli (che si trovano) in ogni tipo di tribolazione
con la quale noi stessi siamo consolati da Dio.
Poiché, come abbondano le sofferenze di Cristo in noi,
così, per mezzo di Cristo,
abbonda anche la nostra consolazione.
Quando siamo tribolati,
è per la vostra consolazione e salvezza;
quando siamo confortati,
è per la vostra consolazione,
la quale vi dà forza nel sopportare
le medesime sofferenze che anche noi sopportiamo.
La nostra speranza nei vostri riguardi è salda:
sappiamo che, come siete partecipi delle sofferenze,
così lo siete anche della consolazione.
Euvloghto.j o` qeo.j
Benedetto (sia) Dio,
kai. path.r tou/ kuri,ou h`mw/n VIhsou/ Cristou/(
e Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
o` path.r tw/n oivktirmw/n
il Padre delle misericordie e
kai. qeo.j pa,shj paraklh,sewj
e Dio di ogni consolazione
o` parakalw/n h`ma/j evpi. pa,sh| th/| qli,yei h`mw/n
che ci consola in ogni nostra tribolazione,
eivj to. du,nasqai h`ma/j parakalei/n tou.j evn pa,sh| qli,yei
perché possiamo (anche noi) consolare
quelli (che si trovano) in ogni tipo di tribolazione
dia. th/j paraklh,sewj
con la consolazione
h-j parakalou,meqa auvtoi. u`po. tou/ qeou/Å
con cui noi stessi siamo consolati da Dio.
o[ti kaqw.j perisseu,ei ta. paqh,mata tou/ cristou eivj h`ma/j(
Poiché, come abbondano le sofferenze di Cristo in noi,
ou[twj dia. tou/ cristou perisseu,ei kai. h` para,klhsij h`mwn
così, per mezzo di Cristo, abbonda anche la nostra consolazione.
Ei;te de. qlibo,meqa(
Se siamo tribolati,
u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj(
(è) per la vostra consolazione e salvezza;
ei;te parakalou,meqa( th/j evnergoume,nhj
evn u`pomonh/| tw/n auvtw/n paqhma,twn w-n kai. h`mei/j pa,scomen\
quando siamo confortati, (è) per la vostra consolazione
che opera la pazienza delle stesse sofferenze
kai. h` evlpi.j h`mw/n bebai,a u`pe.r u`mw/n\
e la nostra speranza è ferma riguardo a voi;
u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj\
Sapendo che come siete partecipi delle sofferenze così della consolazione
Euvloghto.j o` qeo.j
kai. path.r tou/ kuri,ou h`mw/n VIhsou/ Cristou/(
o` path.r tw/n oivktirmw/n
kai. qeo.j pa,shj paraklh,sewj(
o` parakalw/n h`ma/j evpi. pa,sh| th/| qli,yei h`mw/n(
eivj to. du,nasqai h`ma/j
parakalei/n tou.j evn pa,sh| qli,yei(
dia. th/j paraklh,sewj
h-j parakalou,meqa auvtoi. u`po. tou/ qeou/Å
o[ti kaqw.j perisseu,ei ta. paqh,mata tou/ cristou/
eivj h`ma/j(
ou[twj dia. tou/ cristou/
perisseu,ei kai. h` para,klhsij h`mw/nÅ
Ei;te de. qlibo,meqa(
u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj(
th/j evnergoume,nhj
evn u`pomonh/| tw/n auvtw/n paqhma,twn w-n
kai. h`mei/j pa,scomen\
kai. h` evlpi.j h`mw/n bebai,a u`pe.r u`mw/n\
ei;te parakalou,meqa(
u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj\
Benedictus Deus et Pater Domini nostri Iesu Christi
Pater misericordiarum et Deus totius consolationis
qui consolatur nos in omni tribulatione nostra
ut possimus et ipsi consolari eos
qui in omni pressura sunt
per exhortationem qua exhortamur et ipsi a Deo
quoniam sicut abundant passiones Christi in nobis
ita et per Christum abundat consolatio nostra
sive autem tribulamur pro vestra exhortatione
et salute
sive exhortamur pro vestra exhortatione
quae operatur in tolerantia
earundem passionum quas et nos patimur 7
et spes nostra firma pro vobis scientes
quoniam sicut socii passionum estis
sic eritis et consolationis
Bendito sea el Dios
y Padre de nuestro Señor Jesucristo,
Padre de misericordias y Dios de toda consolación,
el cual nos consuela en toda tribulación nuestra,
para que nosotros podamos consolar
a los que están en cualquier aflicción
con el consuelo
con que nosotros mismos
somos consolados por Dios.
Porque así como los sufrimientos de Cristo
son nuestros en abundancia,
así también abunda
nuestro consuelo por medio de Cristo
Pero si somos atribulados,
es para vuestro consuelo y salvación;
o si somos consolados, es para vuestro consuelo,
que obra al soportar las mismas aflicciones
que nosotros también sufrimos. 7
Y nuestra esperanza respecto de vosotros
está firmemente establecida,
sabiendo que
como sois copartícipes de los sufrimientos,
así también lo sois de la consolación.
Blessed be the God
and Father of our Lord Jesus Christ,
the merciful Father and the God
who gives every possible encouragement;
he supports us in every hardship,
so that we are able
to come to the support of others,
in every hardship of theirs because of the encouragement
that we ourselves receive from God.
For just as the sufferings of Christ
overflow into our lives;
so too does the encouragement
we receive through Christ
So if we have hardships to undergo,
this will contribute to your encouragement
and your salvation;
if we receive encouragement,
this is to gain for you the encouragement
which enables you to bear
with perseverance the same sufferings as we do.
So our hope for you is secure in the knowledge
that you share the encouragement we receive,
no less than the sufferings we bear.
Béni soit le Dieu et Père de notre Seigneur
Jésus Christ, le Père des miséricordes
et le Dieu de toute consolation,
qui nous console dans toute notre tribulation,
afin que, par la consolation
que nous-mêmes recevons de Dieu,
nous puissions consoler les autres
en quelque tribulation que ce soit.
De même en effet que les souffrances du Christ
abondent pour nous, ainsi, par le Christ,
abonde aussi notre consolation.
Sommes-nous dans la tribulation ?
c'est pour votre consolation et salut.
Sommes-nous consolés ?
c'est pour votre consolation, qui vous donne
de supporter avec constance les mêmes souffrances
que nous endurons, nous aussi.
Et notre espoir à votre égard est ferme :
nous savons que, partageant nos souffrances,
vous partagerez aussi notre consolation.
Gepriesen sei der Gott und Vater Jesu Christi,
unseres Herrn, der Vater des Erbarmens
und der Gott allen Trostes.
Er tröstet uns in all unserer Not,
damit auch wir die Kraft haben, alle zu trösten,
die in Not sind, durch den Trost,
mit dem auch wir von Gott getröstet werden.
Wie uns nämlich die Leiden Christi
überreich zuteil geworden sind,
so wird uns durch Christus
auch überreicher Trost zuteil.
Sind wir aber in Not,
so ist es zu eurem Trost und Heil,
und werden wir getröstet,
so geschieht auch das zu eurem Trost;
er wird wirksam,
wenn ihr geduldig die gleichen Leiden ertragt,
die auch wir ertragen.
Unsere Hoffnung für euch ist unerschütterlich;
wir sind sicher, daß ihr mit uns nicht nur
an den Leiden teilhabt, sondern auch am Trost.
Per un’etimologia di parakalei/n

Contiene l’idea fondamentale chiamo a me


di “chiamata” mando a chiamare
(para Ä kalei/nÀ
consolo
conforto

parª

accanto / vicino / al lato

Avvocato
Difensore
paraklhtoj Aiutante
Intercessore
consolatore
con-solatio / exhortationem

consolazione consolación consolation

dal latino
consolatio

Cum + solor
- Cum = prefisso che indica relazione/unione e simultaneità azione
- Solor = confortare/lenire/calmare
con-solatio / exhortationem

exhortatio

Ex + horior
- Ex = fuori da
- horior = esortare/stimolare/far rinascere

Exhortatio = essere consolato


con senso passivo

Benedictus Deus et Pater Domini nostri Iesu Christi Dio consola


Pater misericordiarum et Deus totius consolationis
qui consolatur nos in omni tribulatione nostra Senso attivo (consolo)
ut possimus et ipsi consolari eos
qui in omni pressura sunt
per exhortationem qua exhortamur et ipsi a Deo
L’uomo è consolato
quoniam sicut abundant passiones Christi in nobis
ita et per Christum abundat consolatio nostra Senso passivo (exhortor)
Encouragement

The act of encouraging; incitement to action or to practice;


as, the encouragement of youth in generosity.

from O.Fr. encouragier, from en- "make, put in" + courage


Trost

Trost ist zwischenmenscliche Zuwendung an jemanden, der trauert oder


anderen seelischen bzw. Körperlichen Schmerz zu ertragen hat.

Das Wort Trost hängt etymologisch mit dem indogermanischen Wortstamm


treu zusammen und bedeutet eigentlich (innere) Festigkeit.

Campo semantico: Trost, Tröstung, Zuspruch, Aufrichtung, Hoffnung,


Linderung, Balsam, Wohltat
Paolo scrive ai Corinzi
La città di Corinto nel percorso di Paolo
Corinto “la ricca”
(Iliade 2,570)
Fonti letterarie e archeologiche testimoniano l’importanza di Corinto

La città di Corinto viene scelta da Paolo nella sua “strategia apostolica”:


sceglie città importante e popolose per meglio diffondere il vangelo. Egli è
apostoli dell’ “urbanità”.
Corinto
si ergeva a cavallo dell’istmo (largo 6 km)
che univa il Peloponneso alla madre patria greca;
ciò consentiva alla città il controllo del traffico
commerciale tra nord e sud.

2 porti:
Lecheo (sul golfo di Corinto)
Cencre (sul golfo Saronico)
canale principale per il traffico
tra est e ovest
Già dal VI secolo a.C., un sistema ingegnoso di trasbordare direttamente le navi:
sull’istmo, in direzione Est-Ovest, un passaggio di blocchi di pietra calcarea,
noto come il Diolkos (largo 6 metri), che permetteva di trasportare su apposite
piattaforme di legno le navi da un mare all’altro.

Nerone nell'anno 67 d.C.


progettò ad un vero canale
che collegasse i due mari
inviando sul posto 6000 schiavi
ad iniziare lo scavo;
ma la sua morte bloccò prematuramente l’impresa.
Bisognerà attendere la fine dell’XIX secolo
perchè venga realizzato il canale artificiale che oggi vediamo.
Questo intenso traffico
garantiva a Paolo
eccellenti mezzi di comunicazione

Priscilla e Aquila,
costretti ad abbandonare l'Italia
a causa dell'editto di Claudio.
Anche loro, come Paolo,
sono artigiani tessitori di tende
ed egli si stabilisce e lavora nella loro casa.
Tra loro nasce un bellissimo e fruttuoso rapporto
che li vedrà insieme
nella missione d'evangelizzazione a Corinto,
ad Efeso e quindi a Roma.
146 a. C. guerra acaica
con distruzione di Corinto (L. Mummio)

44 a. C. rifondazione cesariana di Corinto,


Colonia Laus Iulia Corinthiensis,
un secolo dopo la distruzione
ad opera degli stessi romani (L. Mummio)

27 a. C. Augusto rende l’Acaia provincia senatoriale,


governata da un proconsole che risiedeva a Corinto,
nominato dal senato romano e in carica circa 1 anno
Prosperità della città

edifici monumentali
nel centro della città
tra Augusto (31 a. C. – 14 d. C.) e
Tiberio (14 d. C. – 37 d. C.)

capacità di accogliere i giochi istmici,


secondi solo agli olimpici

Giochi istmici celebrati nel 51


probabilmente influiscono su Paolo
per le immagini di 1Cor 9, 24-25
Diversità religiosa ed etnica è testimoniata
visivamente dalle rovine di templi e santuari:
Corinto

Filone (Legatio ad Gaium 281)


conferma l’esistenza a Corinto nel I d. C.
di una fiorente comunità giudaica.
Il proverbio
“Un viaggio a Corinto non è per tutti”

(Orazio, Epistulae 1, 17, 36; Strabone, geografia, 8,6,26)

indica

l’ethos della città evidenziando che


soltanto i forti e privi di scrupoli
sarebbero sopravvissuti
all’accesa competitività
di una città interamente
dedita allo sviluppo economico.

apporto di nuovi capitali, in una


situazione economica florida,
generò maggiore ricchezza
rimane a Corinto 18 mesi

At 18, 11

incontra Gallione,
data precisa del soggiorno
(primavera 50 d. C. – estate 51)

At 18, 12-17
Parakalei/n
2 momenti semantici

indicativo
imperativo
confortare
esortare
calmare
Parakalei/n
Uso linguistico greco

chiamare vicino a sé
invitare pregare / chiedere

conforto morale
incitare
Parakalei/n

preghiera insistente

chiamare vicino a sé
invitare richiesta incessante
invito urgente
convocare

SFERA GIURIDICA
Parakalei/n

invocazione degli dèi

pregare / chiedere incitare con suppliche

SFERA
RELIGIOSA
Parakalei/n

incitare i soldati

incitare
esortare

SFERA BELLICO-
MILITARE
Parakalei/n

confortare

consolare Esortazione confortatrice


in caso di lutto

SFERA FILOSOFICO-
MORALE
Parakalei/n
Uso nel giudaismo ebraico

confortare
consolare

LXX niham

dispiacersi
compatire
Il termine ebraico
per consolare-consolazione

~xn
nḥm

respirare profondamente, gemere e,


nel senso causativo, “far respirare”,
far tirare il fiato in una situazione di dolore, di paura
Consolazione in LXX

dolore umano
Consolazione umana
per la perdita di persone care

per il popolo sottoposto a


giudizio divino
Consolazione divina

per il singolo nella tentazione


ed angoscia
L’etimologia ebraica sottolinea
questo aspetto fisico-psicologico della consolazione:
far respirare, portare sollievo.

I termini greci parakaleo, paraklesis sottolineano


l’aspetto di incoraggiare, esortare, sostenere,
confortare i sofferenti.
Consolazione e consolatore
nell’antichità extra-biblica
Esortazione a non piangere e lamentarsi

Scopo di far tacere il lamento

Il cuore resta triste e sconsolato


officium consolandi
obbligo morale di consolare il prossimo

colpiti da lutto vecchi sventurati

moribondi esiliati
consolatori

medico degli
filosofo afflitti

componimenti
poeta consolatorie
consolatori

In cielo tra i
morti
beati

Chi conforta se
autoconsolazione stesso è da
esempio
Scritti consolatori

Cicerone Liber consolationis

Consolatio ad Helviam
Seneca
matrem
lettura Fedone
Generis humani magna
consolatio

mezzi Miti e favole


epistole
consolatori Riti misterici

dolci consolatori di
gravi affanni
(Orazio, Epodi Vino e musica
13,17)
Motivi di consolazione

Per
la Filosofia epicurea
Considerare ogni giorno
come ultimo

Morte
come assenza di dolore

atarassìa
Motivi di consolazione

Felicità
di quanto
Azioni gloriose
goduto prima
compiute

Persone /cose
che restano

Ogni dolore
appare
Caducità del
insignificante
cosmo
Motivi di consolazione

Universalità della morte natalis aeterni

Morte come liberazione


Immortalità anima
Anima/corpo
Profonda assenza di speranza e consolazione
nel mondo antico pagano

Motivi sempre incerti

Motivi freddi e vuoti

Morte e dolore sostrato insuperabile

L’uomo cerca con le sue sole forze

Consolazione rimane anestesia psicologica!


Antico
Testamento
La consolazione

annunciata dai profeti


come caratteristica portata dal Messia (Lc 2,25)
dell’era messianica (Is 40,1)

consiste essenzialmente
nella fine della prova e
l’inizio di un’era
di pace e gioia
(Is 40,1s; Mt 5,5)
Il più grande consolatore di Dio è

IL SERVO

Portare il lieto annuncio ai poveri


e consolare tutti gli afflitti (Is 61,2)
Giudaismo

Codice etico rabbinico per consolazione

Presupposto
della consolazione

Essere consolati
SOLO CHI È VERAMENTE CONSOLATO
PUÒ CONSOLARE
giudaismo

Vera consolazione
novità
solo da Dio

Consolare è per lo sconforto


Opus primum di Dio individuale /collettivo

DIO UNICO E REALE SIGNORE


CONSOLATORE DELLE CONSOLAZIONI
MODI

Pluralità mediatori
Giudaismo palestinese
Angeli
profeti
Messia
(il cui tempo è consolazione di Dio)

Speranza innata
Giudaismo ellenistico
nel genere umano
CONSOLAZIONE = SALVEZZA MESSIANICA

ISAIA 40, 1-2


ISAIA 51, 12
Consolate,
consolate il mio popolo Io, io sono il vostro
dice Dio. consolatore
Parlate al cuore di
Gerusalemme
e gridatele che la sua
tribolazione è compiuta,
la sua colpa scontata
Consolazione di Dio agli uomini
giunge
direttamente e indirettamente

Direttamente: Indirettamente:
PAROLA / Scrittura / (Sal 118, 50) PROFETI COME MEDIATORI
Total Number of Verses in Version: 38279

Number of Hits in Version (AT): 89


Number of Hits in Version (NT): 109
Number of Hits in Version (CP): 54

Number of Verses with Hits in Version: 82


Number of Verses with Hits in Version: 105
Number of Verses with Hits in Version: 50
Ricorrenze della parola paraklesis nella Bibbia
Total Number of Verses in Version: 38279

Number of Hits in Version: 89

Number of Verses with Hits in Version: 82


Ricorrenze della parola
paraklesis nell’AT
Nuovo Testamento
Nuovo Testamento

l’evento salvifico
di Gesù di Nazaret

Gesù è il Servo di YHWH annunciato


che dona e realizza
la vera consolazione divina

ATTUAZIONE della para,klhsij promessa nell’AT


Total Number of Verses in Version: 38279

Number of Hits in Version: 109

Number of Verses with Hits in Version: 105


Ricorrenze della parola
paraklesis nel NT
NUOVO TESTAMENTO

3 significati

SUPPLICARE

ESORTARE

CONSOLARE
SUPPLICARE

Davanti alla potenza salvifica di Gesù Sinottici

Quando gli uomini si rivolgono a Gesù Centurione (Mt 8,5)


Anziani dei giudei (Lc 7,4)
Indemoniato guarito (Mc 5,18)
Malati (Mt 14,36; Mc 6,56)
Lebbroso (Mc 1,40)
Preghiera insistente Giairo (Mc 5,23; Lc 8,41)
ESORTARE

Mediante la Parola
Atti ed Epistole
predicata nella potenza dello Spirito

Sostenuta da chi parla in nome di Dio

Messaggio salvifico
da predicazione apostolica
ESORTARE

Parakalein
Esortazione che mira a guidare i credenti in
soprattutto in
una vita degna del vangelo
Paolo

Si distingue da esortazione morale


perché basata su evento salvifico

Paraclesis e parakalein
rientrano nell’ambito del profeteuein
Corpus Paolinum
Total Number of Verses in Version: 38279

Number of Hits in Version: 54

Number of Verses with Hits in Version: 50


Ricorrenze della parola
paraklesis nel Corpus Paolino
parakalei/n
4 in Rm
6 in 1Cor
18 in 2Cor
2 in Ef
2 in Fil
2 in Col
8 in 1Ts
2 in 2Ts
4 in 1Tm
1 in 2Tm
3 in Tt
2 in Fm
Ricorrenze del verbo parakalein nelle lettere paoline
paraklh,sij
29 nel NT / 20 in CP
3 in Rm
1 in 1Cor
11 in 2Cor
1 in Fil
1 in 1Ts
1 in 2Ts
1 in 1Tm
1 in Fm
Ricorrenze della parola paraklesis nelle lettere paoline
con maggiori occorrenze di queste parole che i capitoli importanti sono
2Cor 1, (l’inclusione è dal versetto 3 al 7), seguito da Rom 15
La parola consolazione
appare 9 volte nella 2Cor, lettera dove più ricorre questa parola.
Sostantivo e verbo si rincorrono

Euvloghto.j o` qeo.j
kai. path.r tou/ kuri,ou h`mw/n VIhsou/ cristou/(
o` path.r tw/n oivktirmw/n kai. qeo.j pa,shj paraklh,sewj(
o` parakalw/n h`ma/j evpi. pa,sh| th/| qli,yei h`mw/n(
eivj to. du,nasqai h`ma/j parakalei/n tou.j evn pa,sh| qli,yei(
dia. th/j paraklh,sewj h-j parakalou,meqa auvtoi. u`po. tou/ qeou/Å
o[ti kaqw.j perisseu,ei ta. paqh,mata tou/ cristou/ eivj h`ma/j(
ou[twj dia. tou/ cristou/ perisseu,ei kai. h` para,klhsij h`mw/nÅ
Ei;te de. qlibo,meqa( u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj(
th/j evnergoume,nhj evn u`pomonh/| tw/n auvtw/n paqhma,twn w-n
kai. h`mei/j pa,scomen\
kai. h` evlpi.j h`mw/n bebai,a u`pe.r u`mw/n\ ei;te parakalou,meqa(
u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj\
2Cor 1,3-7

paraklhsewj 5 parakalein 1
parakaloumeqa 2 parakalwn 1
paraklhsij 1

I termini consolare-consolazione
ricorrono 10 volte in cinque versetti.
dia 2
eij 2
kai 7 eite 2
en 2
paraklhsewj 5 h2
thj 5 qeoj 2
hmwn 4 qliyei 2
oti 2
tou 4 outwj 2
hmaj 3 paqhmatwn 2
parakaloumeqa 2
o3 pash 2
twn 3 pathr 2
umwn 3 perisseuei 2
autoi 1
uper 3 autwn 1
cristou 3 bebaia 1
de 1
dunasqai 1
eidotej 1
elpij 1 paqhmata 1
energoumenhj 1 parakalein 1
epi 1 parakalwn 1
este 1 paraklhsij 1
euloghtoj 1 pashj 1
hmeij 1 pascomen 1
hj 1 swthriaj 1
qeou 1 ta 1
qlibomeqa 1 th 1
ihsou 1 to 1
kaqwj 1 touj 1
koinwnoi 1 upo 1
kuriou 1 upomonh 1
oiktirmwn 1 wn 1
wj 1
ESORTARE

Esortazione che mira a guidare i credenti in una vita degna del vangelo

Si distingue da esortazione morale perché basata su evento salvifico

Carisma dell’esortazione pastorale Timoteo incaricato di svolgere


(Rom 12,8) ministero di incoraggiamento ed
esortazione verso i Tessalonicesi
(1 Ts 3,2)
CONSOLARE

Parola di consolazione rivolta a chi soffre

Parola di esortazione per gli stanchi e i tiepidi

Parola di esortazione per gli stanchi e i tiepidi


CONSOLARE

Consolazione che viene dalla salvezza presente e


futura di Dio

La potente e rincuorante consolazione che fa


resistere al tormento e alla tentazione del dubbio

Consolazione che serve a conservare la speranza

Dio della pazienza e della consolazione


(Rom 15,5)
CONSOLARE

Aiuto presente di Dio

Ora lo stesso Signore nostro Gesù Cristo


e Dio nostro padre,
che ci ha amati e ci ha dato per grazia
una consolazione eterna ed una buona speranza,
consoli i vostri cuori e li sostenga
con ogni opera buona e con ogni buona parola
(2 Ts 2, 16)
CONSOLARE

Dio consolatore ultimo e reale

Padre delle misericordie


e
Dio di ogni consolazione

Dio della pazienza e della consolazione


(Rm 15,5)
Quando Timoteo raggiunge
Paolo a Corinto portando
buone notizie della chiesa di
Tessalonica, Paolo si sente
confortato (1Ts 3,11). Tutta la
lettera è contrassegnata dal
tema della consolazione. Paolo,
preoccupato, cerca di
consolare, sostenere la giovane
comunità inviandovi Timoteo. I
Tessalonicesi con la loro
perseveranza nella fede sono
causa di consolazione per
Paolo.
In 1 Tess 4,3-18 la catechesi
sulla sorte dei defunti è
consolazione (4,18) che vince la
desolazione (4,13) di chi è
senza speranza. Ecco perché
Paolo può concludere
“consolatevi a vicenda con
queste parole”. Il missionario è
agente di consolazione quando
annuncia il kerigma della fede e
della speranza cristiana.
consolazione da parte di Dio
nelle sue
tribolazioni-sofferenze

Paolo

Ministro di consolazione
verso gli afflitti
para,klhsij

connotata
matrice teologica
dal legame con Dio

origine da:

misericordia di Dio
dolcezza e bontà di Cristo
agape dello Spirito Santo
Soggetto secondario e strumento
per la consolazione

è l’Apostolo
martyr (testimone)
1,5 in stretta relazione
con le sofferenze e la consolazione di Cristo
con il doppio uso di perisseu,ein

o[ti kaqw.j
perisseu,ei ta. paqh,mata
tou/ cristou/ eivj h`ma/j(
ou[twj dia. tou/ cristou/
perisseu,ei kai. h` para,klhsij
h`mw/n
in grado di suscitare
la pazienza (hypomonè)
nei paqh,mata (sofferenze)

evn u`pomonh/| tw/n auvtw/n paqhma,twn

consolazione come dynamis (potere)


che rende capace di sopportare

Cfr.
Dio della pazienza e della consolazione
(Rom 15,5)
Lettera 2Cor

Integrità

J. Lambrecht, Second Corinthians, Collegeville 1999,


7-9

Natura composita
A. Pitta, La Seconda Lettera ai Corinzi, Roma 2006,
20-31
Lettera 2Cor

Alcune tesi radicali arrivano a smembrare la 2Cor


addirittura in sei missive:

1) la lettera di riconciliazione (1,1–2,13 e 7,5-16)


2) l’“apologia”(2,14–7,4)
3) la colletta (cap. 8)
4) la colletta (cap. 9)
5) la cosiddetta Vierkapitelbrief(dal tedesco: “lettera
di quattro capitoli”) denominata anche seconda
apologia (capp. 10–13)
6) il frammento (6,14–7,1)
Lettera 2Cor

Altre interpretazioni meno estremistiche affermano


che le lettere si ridurrebbero a due:
2Cor 1–9 e 2Cor 10–13.
Cfr. A. Pitta, La Seconda Lettera ai Corinzi, Roma
2006, 49-69:
Lettera D (2Cor 1–9):
“lettera della riconciliazione”;
Lettera E (2Cor 10–13):
“lettera polemica”.
Lettera 2Cor

nella seconda lettera ne riconoscono due,


poiché ipotizzano che la seconda parte della lettera sia
la lettera “dalle molte lacrime”
che Paolo dice di aver inviato precedentemente
a quella che è la nostra 2 Cor.
Temi della lettera

La sofferenza
Apostolato a servizio
come elemento principale
della consolazione di Dio
di questa consolazione

Paolo scrive la lettera ai Corinzi


dopo aver ricevuto le consolanti notizie
sulla situazione della comunità
nell’incontro con Tito
in Macedonia (2Cor 7, 5)
Articolazione del brano

vv. 3-4
BENEDIZIONE e
motivo dell’EULOGIA
(genere della prassi di benedire Dio)

vv. 5-7
SPIEGAZIONI

vv. 8-10
concreto motivo della lode
Soggetto principale è DIO

Paolo e collaboratori sono


nelle frasi subordinate
o
in proposizioni principali
ma con verbo passivo o ricettivo
vv. 3-4
Proposizione principale ottativa

Benedetto (sia) Dio,


Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
Padre delle misericordie e Dio di ogni consolazione!
v. 4
Subordinata di 1° grado relativa
che ci consola in ogni nostra tribolazione

Subordinata di 2° grado finale/consecutiva


perché possiamo consolare

Subordinata di 3° grado relativa


ogni genere di afflizione
con la consolazione

Subordinata di 4° grado relativa


con cui noi stessi siamo consolati da Dio
Antitesi
L'antitesi consiste nell'accostare due parole o frasi di significato opposto.

vv. 3-7

SOFFERENZA CONSOLAZIONE

sofferenze di Gesù consolazione


in lui per mezzo di Gesù
Paronomasia
La paronomàsia (dal greco paronomasía, composto da pará, «vicino», e onomasía, «denominazione»), è una figura retorica
consistente nell'accostare due o più parole che abbiano suono molto simil
(differendo per una o due lettere) e significato diverso.

vv. 3-7

Ripetizione
- radice parakl-
- qlipsij (v. 4)
vv. 3-4
Proposizione principale ottativa

Euvloghto.j o` qeo.j (v. 1)

2 possibilità

ottativo indicativo
con valore di desiderio con valore affermativo
per il tono liturgico

Benedetto (SIA) Dio Benedetto (E’) Dio


Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
Padre delle misericordie e
Dio di ogni consolazione!

Padre del Signore nostro Gesù Cristo

Padre delle misericordie Dio di ogni consolazione

Dio = Padre
Dio
presentato
come nella tradizione veterotestamentaria

come Come
sorgente di misericordia sorgente di ogni consolazione
(PADRE) (DIO)
o` path.r tw/n oivktirmw/n

plurale semitico

espressione tipica della preghiera sinagogale


genitivo soggettivo – che offre misericordia
kai. qeo.j pa,shj paraklh,sewj

infinite sfumature
degli interventi divini
Parallelismo
Dio Padre e del Signore Gesù Cristo
E
Dio delle misericordie e dio di ogni
consolazione

Identità di Dio e di Gesù Cristo

misericordia e consolatore
2Cor
Paolo nel vivo del suo ministero

delusioni difficoltà
prove

Respinto dalla maggioranza dei suoi fratelli ebrei

coloro ai quali la Parola era diretta non rispondono

Paolo sperava di toccare masse


ma tocca solo piccoli gruppi
2Cor
Paolo nel vivo del suo ministero

delusioni difficoltà
prove

Contrasti interni delle comunità

Divisioni
Tradimenti
Veri e falsi apostoli
Dottrine e proposte false
2Cor
Paolo nel vivo del suo ministero

delusioni difficoltà
prove

Prove interiori

Depressione – stanchezza - fatica


Paolo risponde…

Fortissima fiducia Carisma donatogli


nel proprio carisma dallo Spirito Santo

Niente
lo separa da Cristo Il carisma diventa
(Rm 8,25) più luminoso e autentico
“apostolo di Gesù”

sottolinea

a)la sua autorità


b) il suo ministero non era da attribuirsi
a scelta personale (apostolo = inviato);

legittimità del ministero


tutto è vissuto
con amore irriducibile
per la sua comunità

Questa lettera
è una medicina
per il cristiano in difficoltà

(C. M. Martini)
Atteggiamento nuovo di Paolo

Non cerca equilibrio tra sofferenze e gioie

cerca di vivere
le sofferenze e le consolazioni
nelle e dalle sofferenze
Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
Padre misericordioso e Dio di ogni consolazione!
Egli ci consola in ogni nostra tribolazione

Consolazione
Non è una gioia generica
dentro la tribolazione
Consolazioni
nascono nell’entrare nelle prove

non sono ricompensa

non anestesia
psicologica

non semplice conforto


morale e psicologico
Consolazione
non salvezza da una situazione di pericolo

ma come
RAFFORZAMENTO SPIRITUALE
nelle sofferenze
(cfr. 12,7-10)
Abbiamo addirittura ricevuto su di noi
la sentenza di morte
per imparare
a non riporre fiducia in noi stessi
ma nel Dio che risuscita i morti

Paolo trasforma la tribolazione


in occasione di incontro
con la misericordia di Dio e la sua consolazione
paraklhsij – (sostantivo)

è per la vostra consolazione e salvezza (1,6)


u`pe.r th/j u`mw/n paraklh,sewj kai. swthri,aj

swthri,a(1,6) dà a paraklesis
un valore escatologico-soteriologico

partecipazione alla salvezza eterna


e garanzia della pienezza del dono futuro
Qui associate Paraklesis e soterìa

La resistenza dei Corinzi nella sofferenza


(effetto della consolazione)
riempie l’apostolo di speranza per loro.

Sia in 2 Cor che in 2 Ts 2, 16 e Rom 15,4


accostamento di paraklesis e elpìs

Consolazione risulta da parole


(1 Ts 4, 18)

Risulta da eventi
Arrivo di Tito (2 Cor 7,6)
L’apostolo non si blocca nelle difficoltà

Solo entrando
nella prova e nella croce di Cristo
si può partecipare
alle sue consolazioni
PASSIONE DI CRISTO
come
sorgente della consolazione
per apostolo e Corinzi

ESPRESSIONE DELLA
MISERICORDIA
DEL PADRE
Poiché,
come abbondano le sofferenze di Cristo in noi,
così, per mezzo di Cristo,
abbonda anche la nostra consolazione.

L’Apostolo non vive le sofferenze


come destino personale solitario
ma
come sofferenza di Cristo in lui
perché sono
nell’ambito del ministero affidatogli dal Signore
Poiché,
come abbondano le sofferenze di Cristo in noi,
così, per mezzo di Cristo,
abbonda anche la nostra consolazione.

Sofferenze di Cristo in lui


perché
si è buttato nel ministero
per amore del Signore
Uso della 1° PERSONA plurale
Valore generale

hmwn 4

hmaj 3

Le sofferenze di Paolo e collaboratori


Le sofferenze dei cristiani
il cristiano, unito a Cristo,
è consolato proprio
nel mezzo della sua sofferenza
(2 Cor 1,4-7; 7,4 e Col 1,24).

Questa consolazione non è ricevuta


passivamente, essa è nello stesso tempo
conforto, incoraggiamento, esortazione
(concetti espressi dall’unica parola greca
paraklesis)
Non c’è vita cristiana e apostolica
senza sofferenza che è l’essere
associati alla passione di Gesù.
L’associazione alla passione è garanzia
di associazione alla vittoria.

L’apostolo può sopportare le


tribolazioni e consolare gli altri perché
egli è confortato, sostenuto, consolato
da Cristo.

2Cor
ta. paqh,mata tou/ cristou

Alla paraklesis sono collegate


le sofferenze di Paolo e Corinzi
perché sopportate a “causa di Gesù” (4,11)
presente con il suo potere salvifico
nella vita dei singoli e della comunità
quando questi sono resi partecipi
della sua condizione di crocifisso

Preferibile per il contesto apostolico


ta. paqh,mata tou/ Cristou

Comunione di sofferenza
che unisce l’Apostolo alla comunità di Corinto
diventa una comunione di consolazione
2 Cor
Atteggiamento nuovo di Paolo

In ogni cosa
ci presentiamo come ministri di Dio
con molta fermezza:
nelle tribolazioni, nelle necessità, nelle angosce,
nelle percosse, nelle prigioni, nei tumulti,
nelle fatiche, nelle veglie, nei digiuni

2Cor 6, 4-5
v. 6

se siamo tribolati, Ei;te de. qlibo,meqa(


(è) per la vostra u`pe.r th/j u`mw/n
consolazione e salvezza; paraklh,sewj kai.
se siamo confortati, swthri,aj(
(è) per la vostra th/j evnergoume,nhj
consolazione, evn u`pomonh/| tw/n auvtw/n
che opera la pazienza paqhma,twn w-n
delle stesse sofferenze che kai. h`mei/j pa,scomen\
anche noi soffriamo.
v. 6

se siamo tribolati,
se siamo confortati,

In vista della salvezza


dono escatologico
(Rm 8,24; 1Cor 3,15; 5,5)

Alla consolazione si lega


l’esperienza della salvezza
(Fil 1,28)
v. 6

E la nostra speranza è ferma


kai. h` evlpi.j h`mw/n
riguardo a voi:
bebai,a u`pe.r u`mw/n\
Sapendo che, come siete
ei;te parakalou,meqa(
partecipi delle sofferenze,
u`pe.r th/j u`mw/n
così (lo siete) anche della
paraklh,sewj\
consolazione.
v. 6

come siete partecipi delle


ei;te parakalou,meqa(
sofferenze,
u`pe.r th/j u`mw/n
così (lo siete) anche della
paraklh,sewj\
consolazione.

Comunione alle stesse sofferenze


per l’opposizione
incontrata da Paolo e corinzi
v. 6

kai. h` evlpi.j h`mw/n bebai,a u`pe.r u`mw/n\

Speranza salda
della vicendevole partecipazione
alle afflizioni e alla consolazione
In Cristo

Non partecipazione futura


ma ATTUALE
Ministero apostolico
come servizio
dell’epifania escatologica
della misericordia
e
consolazione divina
così, per mezzo di Cristo,
abbonda anche la nostra consolazione.

Relazione stretta tra


sofferenze di Gesù in lui
e
consolazione per mezzo di Gesù

Paolo legge
nelle sue esperienze di prove
personali e comunitarie
il mistero di morte-resurrezione
così, per mezzo di Cristo,
abbonda anche la nostra consolazione.

Entrando nel mistero di morte


abbonda in lui
il mistero della resurrezione di Gesù

motivo di conforto e consolazione


Le sofferenze
sono un modo con cui Cristo opera in me

è lui stesso a soffrire


della mia debolezza
condizionata e causata
dalle circostanze difficili
della mia esistenza cristiana

(C. M. Martini)
Egli ci consola consolati
DIO in ogni nostra da Dio
tribolazione

PAOLO perché possiamo con cui noi stessi


anche noi siamo consolati
(ministro di Dio) consolare da Dio

quelli con la
FRATELLI che si trovano consolazione
in ogni genere
di afflizione
CONSOLAZIONE
diventa
PROCESSO DINAMICO
nella logica pasquale

è Dio che consola Dio


soggetto prossimo del dono

Singoli consolati
danno consolazione 1-3

Paraklesis
Presentata come DONO DI DIO
Chiesa consolata
perché possiamo anche noi consolare

Effetto / conseguenza della logica


pasquale

la grazia divina opera


mediante strumenti umani
Il messaggio di Paolo è assolutamente attuale. L’Apostolo è colui che consolando
offre nelle situazioni di sofferenza,
anche estrema, la Buona Novella di speranza data da Dio.
Consolare
=
Consolazione
Evangelizzare
diventa
=
Rivelazione di Dio
Portare il lieto annuncio
annuncio di coraggio

L’Apostolo consolato è colui che testimonia (Martys)


la consolazione DIVINA
Non a caso la liturgia propone il testo di 2Cor 1, 3-7 nella memoria liturgica dei martiri
Scopo delle tribolazioni e consolazione di Paolo
è la consolazione dei Corinzi (1,6)
è realtà condivisa con loro (1,7)
portata ai tribolati di ogni genere (1,4)

In nome di Cristo, dunque, siamo ambasciatori:


per mezzo nostro è Dio stesso che esorta.
to qeo parakalontoj

2Cor 5,20
Consolare / paraklesis è chiamare a sé (stare vicini)
Esortare, dare coraggio nelle sofferenze;
lo stesso coraggio dato da Dio nel suo Figlio
e vivificato con lo Spirito.
perché possiamo anche noi consolare
quelli che si trovano in ogni genere di afflizione
con la consolazione
con cui noi stessi siamo consolati da Dio.

Ministero apostolico

quando siamo confortati,


è per la vostra consolazione
perché possiamo anche noi consolare
quelli che si trovano in ogni genere di afflizione
con la consolazione
con cui noi stessi siamo consolati da Dio.

Invito a ricordare
quando il Signore ci ha consolati

Invito a ridonare
quanto avuto

Annunciare le meraviglie
che Dio ha operato nella vita di ognuno
Il processo di consolazione delineato
(in 2Cor 1, 3-7)

è visto concretamente compiuto


nell’accoglienza della lettera (2Cor 7,6 ss.)
1, 4 Paolo primo beneficiario e mediatore
7,6 ultimo anello del coinvolgimento

Primo a comparire dopo Dio da cui riceve il dono

Si menziona sempre l’attività di Dio che consola


(1,4 e 7,6)

1, 3-7
Unico soggetto umano che porta il dono è Paolo

7,6
Soggetti diversi ed interdipendenti
1, 3-7
Tempo del verbo è il presente

7,6
tempi: aoristo attivo (soggetto DIO)
aoristo passivo (soggetto CORINZI)
perfetto

Eccezione
presente participio (sostantivato)
Dio o` parakalw/n
VERBO

1,4 participio attributivo di Dio Padre


7,6 (2 volte) per l’azione di Dio

In 1,4 e 1,6 per l’azione di Paolo

In 7,7 per effetto in Paolo attraverso Tito


grazie ai corinzi
che hanno accolto il ministero paolino (cfr. 7,13)
paraklhtoj

Avvocato
Difensore
Aiutante
Intercessore
consolatore

In S. Paolo è DIO

IL DIO DI OGNI CONSOLAZIONE


Il Paraclito
Nel Vangelo di Giovanni
il termine consolatore
è applicato soprattutto allo Spirito Santo
chiamato paraclito, difensore, avvocato.
Il termine è preso dal linguaggio giuridico e
designa colui che si mette accanto all’accusato
per aiutarlo a difendersi: una funzione di consolazione, di sostegno
(Gv 14, 16-17. 26; 15,26; 16,7).
L’assistenza dello Spirito si esprime nel comprendere la verità (16,13) e
nel rendere testimonianza a Gesù (15,27).
In 1 Gv 2,1 usa invece il termine paraclito per Gesù.
Bibliografia essenziale

C. M. MARTINI, Il Vangelo di Paolo, Milano 2007

G. LORUSSO, La seconda lettera ai Corinzi,


Introduzione, versione e commento, Bologna 2007

J. MURPHY-O’CONNOR, The Theology of the Second Letter


to the Corinthians, Cambridge 1991;
trad. it. BERNARDINI P.-PERRERA E.,
La teologia della seconda lettera ai Corinti, Brescia 1993
Bibliografia essenziale

R. E. BROWN, An Introduction to the New Testament,


New York 1997
trad. it. G. BOSCOLO, Introduzione al Nuovo Testamento,
Brescia 2008