Sei sulla pagina 1di 14

ORIGAMI

Da piccola, grazie allaiuto di mia madre, mi dilettavo nella costruzione di graziose figure tridimensionali: gli origami. Ho deciso, pertanto, di ricercare notizie relative a questantichissima arte. Dal giapponese ori, piega e kami, carta, lorigami larte di piegare la carta in modo da ottenere forme a due o tre dimensioni (figure geometriche, fiori, animali, ecc.). Di origine molto antica, ha nella cultura giapponese un posto analogo a quello tenuto dallarte di disporre i fiori (ikebana) e di servire il t (cha-no-yu). Larte dellorigami nasce poco dopo lintroduzione della carta in Giappone e le sue origini sono probabilmente connesse al simbolismo religioso scintoista. Lorigami stato uno dei passatempi pi popolari in Giappone sia fra gli adulti che fra i bambini e, progressivamente, si diffuso in tutto il mondo con sempre maggiore ampiezza. Con il passare del tempo, questarte si sviluppata anche in senso creativo, con lelaborazione di forme pi moderne, che si distaccano da quelle tradizionali per una maggiore arditezza di linee, ed diventato anche uno strumento pedagogico, per opera soprattutto delleducatore tedesco F. Frbel che contribu a introdurlo nel mondo occidentale. La semplicit del materiale richiesto in rapporto ai risultati altamente gratificanti ne ha fatto un esercizio didattico sempre pi adottato nella scuola dellobbligo: la necessit assoluta di precisione e concentrazione e lesigenza di seguire le regole da una parte e lo stimolo ad osservare e ad estrarre le linee essenziali da forme complesse dallaltra, lo rendono uno strumento assai formativo per i ragazzi sotto laspetto manuale e creativo. Tuttavia non bisogna dedurre da ci che lOrigami sia soltanto un facile gioco. A prescindere dal fatto che pu essere praticato a livelli diversi (dalla semplice riproduzione, seguendo le indicazioni fornite dai vari testi in commercio che trattano largomento, allelaborazione di forme nuove spesso di difficilissima esecuzione), esso richiede comunque sempre il rispetto di alcune semplici regole ma rigorose e fondamentali per una buona riuscita: il foglio di partenza deve essere quadrato o di una forma geometrica derivante dal quadrato (per esempio un rettangolo formato da pi quadrati accostati luno di fianco allaltro, un triangolo equilatero ottenuto piegando i lembi di un quadrato, ecc.); limpiego di colla e forbici tollerato, ma usato il meno possibile; tutte le figure si sviluppano da una serie di forme di base (il foglio piegato a met in diagonale una delle pi semplici), che, con successive piegature, vengono modificate fino a creare sagome astratte, forme di cose e deliziose figure tratte dal mondo naturale. La scelta della carta molto importante. Deve essere resistente, sottile e deve tenere bene la piega. Si pu usare carta da fotocopia, carta velina, carta da regalo Sono

vendute anche confezioni di carta per origami che si possono trovare in alcune librerie oppure in negozi per giocattoli.

TECNICHE, FORME DI BASE E PIEGHE DEGLI ORIGAMI


I passaggi seguenti mostrano i procedimenti per ottenere una piega rovesciata all'interno:

Il procedimento per la maggior parte degli origami si pu suddividere in passi pi semplici costituiti da un succedersi di pieghe. Le principali sono:

piega a valle: si ottiene piegando il lembo del foglio in modo tale che, osservandola, la piega cos ottenuta formi un avvallamento; piega a monte: si ottiene piegando il lembo del foglio in modo tale che, osservandola, la piega cos ottenuta formi uno spigolo a mo di montagna; doppia piega semplice o piega a fisarmonica: costituita da una piega a valle ed una successiva piega a monte;

piega a libro: una piega a valle coinvolge una parte di foglio gi modellata da altre pieghe, che viene cos mossa lungo una direttrice come se si stesse sfogliando un libro.

Numerose figure origami, inoltre, traggono origine da una forma di base, una figura piana semplice realizzata sempre nello stesso modo e da cui si sviluppa la variazione che porta alla figura completa. Le principali basi sono le seguenti:

base aquilone: si costruisce piegando i due lati del foglio di carta adiacenti allo stesso angolo di modo che combacino lungo la diagonale; operare, poi, una successiva piegatura lungo quella stessa diagonale;

base pesce: si tratta di una complessa forma il cui risultato finale un rombo; chiamata cos perch da essa si sviluppa in poche mosse la forma della carpa; base quadrata: questa base assume la forma indicata dal suo nome dopo due successive pieghe a valle di un quadrato lungo le diagonali; base triangolare: questa base assume la forma triangolare dopo due successive pieghe a valle di un quadrato lungo le mediane; base gru: la variante della base pesce da cui prende forma in poche semplici mosse la gru; base fiore: consiste nellintegrazione tra la base quadrata e la base gru da cui si realizza il crisantemo; base busta: si tratta di una forma che riprende i passaggi per la realizzazione del crisantemo; base girandola: una rivisitazione della base busta.

La costruzione di un origami pu rivelarsi unattivit efficace da proporre ai bambini per sviluppare la manualit, per imparare a concentrarsi ad eseguire un lavoro di precisione e anche ad imparare a leggere ed eseguire una consegna. Avendo avuto modo di imbattermi pi volte nellarte degli origami, devo ammettere che la piacevolezza del processo di costruzione e la soddisfazione nel realizzarli davvero unica! Propongo, pertanto, una serie di origami, per ognuno dei quali spiegher le modalit di cotruzione.

LA GIRANDOLA

La girandola una figura tridimensionale piuttosto facile da realizzare con gli origami, un gioco semplice e molto amato dai bambini. La girandola dovr essere fissata su un bastoncino di legno con una puntina e i bambini potranno farla girare soffiandoci sopra o correndo velocemente. COSA SERVE:

Un foglio di carta colorata quadrato; Forbici; Una puntina; Un bastoncino di legno (o una matita);

ISTRUZIONI:
Fase 1: piegare ed aprire il foglio lungo la diagonale. Ruotare il foglio e piegarlo nuovamente lungo laltra diagonale.

Fase 2: piegare i due lati del foglio verso la linea centrale, nel senso della lunghezza.

Fase 3: ruotare il foglio, piegare i due lati verso la linea centrale e riaprirli.

Fase 4: ruotare nuovamente il foglio in modo che sia nel senso della lunghezza. Fase 5: piegare langolo A verso lalto, seguendo la linea di piegatura 1-2. Aprire.

Fase 6: fare la stessa piegatura con langolo B.

Fase 7:piegare la parte inferiore del foglio aprendone i due angoli.

Fase 8: ruotare la figura e ripetere la stessa piegatura.

Fase9: piegare la punta A verso lalto e la punta opposta verso il basso.

Fase 10: aprire le ali della girandola in modo che il vento possa entrarvi. Fase 11: fissare la girandola al bastoncino di legno con una puntina.

Piuttosto facile, no?

LA ROSA
La rosa fatta con lorigami una delle forme fatte con la carta pi famose in tutto il mondo. Non molto difficile, basta solo un po di pazienza e manualit. Esistono diverse tipologie di fiori che si possono fare con lorigami e la rosa una di queste. Anche per quanto riguarda le rose ci sono diverse tecniche, questa piuttosto particolare. Per poterla realizzare necessaria della carta molto elastica e flessibile, quindi potrebbe non venire bene con i tipi di carta che non hanno tali caratteristiche. Per ottenere un effetto migliore consigliabile utilizzare della carta rossa o del colore. Il procedimento il seguente:

Fase 1: le dimensioni dovrebbero essere 60 cm di lunghezza e 8 cm di larghezza. Piegare il pezzo orizzontalmente a met.

Fase 2: piegare langolo in alto a destra come ho indicato nellimmagine 1.

Fase 3: allineare la parte superiore e ripiegare di nuovo in mezzo.

Fase 4: piegare la punta da destra verso sinistra, allineandola sul lato sinistro.

Fase 5: seguendo la linea diagonale, piegare la carta allindietro. In questo punto importante premere leggermente sulla piega.

Fase 6: sostenere la punta facendole compiere un movimento rotatorio verso la stessa direzione.

Fase 7: bisogna fare attenzione a non premere troppo sulla parte arrotolata oppure la rosa non avr lo stesso effetto alla fine. Dopo aver girato il pezzo superiore, si avranno un paio di centimetri in pi. Piegare quel pezzo verso la parte posteriore, come ho indicato sopra.

Fase 8: ripetere il passaggio 7 fino a che non c pi nulla da arrotolare. Piegare il pezzo residuo e adattarlo alla rosa.

Fase 9: utilizzare un nastro per fissare il fiore alla rosa. Infine fissare saldamente la radice al fiore.

La rosa pronta!

LA FARFALLA
Si tratta di una composizione un po pi complessa rispetto alle precedenti, a causa della forma non proprio regolare dellinsetto, ma se si seguono alcuni accorgimenti e se si utilizza una carta particolare tutta colorata, il risultato sar ottimo e stimolante per i bambini.

Fase 1: iniziare con il lato bianco del foglio rivolto verso lalto. Piegarlo a met, riaprirlo, quindi piegarlo a met al contrario.

Fase 2: piegare il foglio a met in diagonale, in entrambe le direzioni.

Fase 3: piegare i quattro angoli verso il centro e premere bene.

Fase 4: girare il foglio e piegare i quattro angoli verso il centro di nuovo.

Fase 5: aprire il modellino ottenuto finora.

Fase 6: piegare i bordi esterni verso la linea centrale.

Fase 7: tenendo fermi entrambi i bordi nel punto centrale mostrato nellimmagine, portare questi bordi verso i punti indicati. Quindi, piegare il bordo superiore verso il basso e appiattire.

Fase 8: ruotare il foglio e ripetere il punto 7.

Fase 9: ripiegare la met superiore indietro e appiattire.

Fase 10: ripiegare verso il basso gli angoli esterni come mostro nellimmagine.

Fase 11: piegare gli angoli esterni verso linterno, come mostra limmagine.

Fase 12: piegare la farfalla a met.

Fase 13: piegare lo strato superiore allindietro, verso langolo indicato.

Fase 14: piegare lala posteriore allindietro, anche questa verso lo stesso angolo.

Fase 15: aprire. Assicurarsi che ogni piega sia effettuata molto bene: importante per questo origami che le pieghe siano fatte correttamente per mantenere la farfalla intatta a lungo.

In questo modo la farfalla completa! Sembra complicato, ma in realt pi facile di quanto si creda!