Sei sulla pagina 1di 1

1.

1 generalizzazione di integrali e derivate

dalle quali
Z ∞ Z x
Γ( a) ≡ Γ( a, x ) + γ( a, x ) = t a−1 e−t dt + t a−1 e− tdt
x 0
come si verifica facilmente.
La formula fattoriale si ottiene con alcuni passaggi, integrando
per parti a partire dalla definizione data (1.2)
h i∞ Z ∞
Γ ( x ) = − t x −1 e − t + ( x − 1)t x−2 e−t dt =
0 0
Z ∞
= ( x − 1) t x−2 e−t dt = ( x − 1)Γ( x − 1),
0
poi, scrivendo la legge di ricorsione che se ne deduce consideran-
do un intero n
Γ(n) = (n − 1)Γ(n − 1) = (n − 1)(n − 2)Γ(n − 2) = · · · =
= (n − 1)(n − 2)(n − 3) · · · Γ(1) ≡ (n − 1)!
si ottiene il risultato cercato. Si osservi infatti che Γ(1) = 1, dalla
definizione (1.2)
Z ∞ Z ∞
Γ (1) = t1−1 e−t dt = e−t dt = − e−∞ − e0 = 1.
 
0 0
Le formule di ricorsione ricavate per un intero n o per un reale
qualunque x sono quindi:
Γ(n + 1) = n!
Γ( x + 1) = xΓ( x ), (1.3)
che si rivelano estremamente utili in tutti i casi in cui compaiono
i fattoriali.
I coefficienti binomiali, definiti solamente per i numeri Naturali,
possono essere estesi grazie alla funzione Gamma, anche nell’am-
bito dei reali e dei numeri complessi. Ricordando la definizione
dei coefficienti binomiali [5]
 
n n!
Ck ≡ ≡ ,
k (n − k)!k!

Funzione Gamma
10

-2

-4

-6

-8

-10
-4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5

Figura 1: Funzione Gamma Γ( x ) per valori reali di x. Per valori


di x ∈ N è stato riportato con un cerchietto il valore
del fattoriale di x − 1, a conferma visiva della legge di
ricorrenza (1.3) Γ(n) = (n − 1)!.