Sei sulla pagina 1di 9

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

HOME | UNIVERSITY | FACULTIES

APPUNTI DI GEOLOGIA REGIONALE a cura del Prof. Raimondo Catalano


menu pubblicazione didattica

INDICE Nota

04 - LA GEOLOGIA ITALIANA NEL QUADRO DELLA REGIONE PERIADRIATICA


04.1 - Introduzione
La geologia della Penisola Italiana appare pi comprensibile se inquadrata nel contesto dellevoluzione della regione Periadriatica che unarea deformata molto complessa che circonda il Mare Adriatico. In particolare i principali elementi geotettonici (segmenti regionali) che formano la regione Periadriatica sono: Alpi Occidentali e Settentrionali, Alpi Meridionali e Dinaridi-Ellenidi, Appennini, Arco Calabro e Sicilia; questi insieme ai Carpazi ed ai Balcani costituiscono i settori della Catena Alpina.

Fig. 4.1 Carta geologica della catena alpina nella regione mediterranea; b) Dettaglio della regione italiana delle Alpi.

Le Catene sono strutture asimmetriche costituite da falde sovrascorse le une sulle altre in seguito a traslazioni di centinaia di km. Derivano dalla deformazione della Noetetide (Tetide Giurassica) e dai suoi margini europei ed africani (Apulia). Alpi (ecluse Alpi meridionali), Carpazi, Balcani sono al bordo della zolla Europea e mostrano vergenza settentrionale. Alpi meridionali, Appennino, Sicilia, Dinaridi, Ellenidi fiancheggiano il settore Adriatico-Ionio e mostrano vergenze opposte ma dirette verso il predetto settore (fig. 4.1). Mentre il fronte settentrionale ed orientale delle catene Europa-vergenti individua con sicurezza il margine meridionale dellEuropa stabile, il limite meridionale delle catene verso lAfrica di problematica definizione in quanto la regione occupata dalla zolla di Adria (substrato delle catene periadriatiche) che secondo alcuni A.A. una microzolla separata dallAfrica e secondo altri A.A., sulla scia di Argand 1924, sarebbe un promontorio Africano solidale con lAfrica. Nel corso viene privilegiata lipotesi che i settori tettonici periadriatici Appennini, Alpi meridionali, Dinaridi-Ellenidi derivino dal margine deformato della zolla Adria che corrisponde la margine continentale passivo meridionale della Tetide (Neotetide); la Sicilia farebbe parte del margine Africano S.S. e sarebbe stata limitata verso nord dalla continuazione meridionale della Tetide che dal Giurassico superiore si sarebbe collegata con un braccio di mare che si sviluppa verso SE (attuale Oceano

1 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

Ionico). I segmenti della fascia periadriatica orogenica qui esaminati sono: Sicilia, Arco Calabro, Appennini, Alpi Meridionali. Tutte queste aree sono formate da falde sovrascorse contro avampaesi stabili. Soltanto in pochi luoghi lavampaese affiora (Sicilia, Appennini Meridionali) e le sue successioni generalmente sono nascoste da piane alluvionali o dal mare. I margini delle falde seguono di regola i trends delle facies principali, con eccezione delle Alpi Meridionali che sono meno deformate e dove le facies non seguono la direzione della catena.

04.2 - Caratteri Stratigrafici Generali Della Regione Italiana

(Per Le Illustrazioni Vedere I Paragrafi Relativi Ad Alpi , Appennini Etc)


Le coperture sedimentarie post erciniche sono oggi coinvolte nella deformazione a formare la catena o preservate nelle aree di avampaese (Fig. 4.3). Poich la successione stratigrafica triassico-pleistocenica riflette levoluzione geodinamica del Mediterraneo Centrale (fig. 4.12) oggi possibile effettuare una prima grande suddivisione tra successioni (cicli) di margine continentale passivo (comprensivo delle fasi originarie di separazione continentale) e successioni (cicli) di margine continentale attivo (comprensivo delle fasi dellorogeno tardivo). Qui di seguito vengono sinteticamente riportate le successioni pi note affioranti nella regione italiana e classificabili nei due cicli (fasi) prima menzionati. Il dettaglio stratigrafico viene curato nei differenti settori regionali in cui stata divisa la struttura italiana.

2 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

Fig. 4.2 Carta del Mediterraneo Centrale.

04.3 - Le Successioni Di Margine Continentale Passivo


Le successioni, che vanno dal Permiano superiore allintervallo Cretaceo-Miocene inferiore, hanno registrato levoluzione dei margini continentali passivi della Tetide (Fig. 4.4, 4.6), dallo stadio di separazione continentale, attraverso lo stadio dellespansione oceanica fino alla chiusura oceanica. In particolare, molte regioni italiane sono state parte del margine passivo occidentale e settentrionale della zolla adriatica, formatasi in concomitanza con lapertura della Tetide occidentale chiamata anche Bacino oceanico Ligure Piemontese. Questo margine stato soggetto a fasi tettoniche estensionali e transtensionali. In tutte la parti del margine, la successione sedimentaria basale ha subito nel tempo la medesima evoluzione passando da arenarie continentali rossastre (red beds) a depositi evaporitici e depositi di piattaforma carbonatica o di bacino. Nelle Alpi meridionali (Fig. 4.7) una fase regionale di ingressione marina verso occidente ha prodotto una sequenza di facies fluviocontinentali (il Verrucano Lombardo e le Arenarie della Val Gardena) passanti a facies di sabkha, a facies di laguna (la formazione a Bellerophon), facies marine di acque basse, facies terrigene (le Formazioni del Werfen e del Servino) e episodi vulcanici. Nelle Dolomiti e nelle Alpi Carniche (settore orientale delle Alpi Meridionali), sono ben noti gli spettacolari esempi di piattaforma carbonatica isolata, ladiniche e carniche, che costituiscono lo Sciliar e le Dolomie di Cassiano, che progradano sulle adiacenti e coeve aree bacinali (Formazione di Livinallongo e di San Cassiano). Dopo la deposizione, nel Carnico

3 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

superiore, di facies clastico-terrigene e di facies peritidali di piattaforma carbonatica, pertinenti alla Formazione Raibl, si prodotto durante il Trias superiore lo sviluppo di aree di piattaforma carbonatica rappresentate dalla diffusissima Dolomia Principale, i cui spessori variano tra i 300 m e 2 km. Alle piattaforme carbonatiche si intervallano aree bacinali, in cui si accumulavano potenti successioni argillose, come il Bacino Lombardo. Negli Appennini, il Trias superiore rappresentato dalle Red beds del Verrucano e dallAnidrite di Burano (Fig. 4.8), che funge da superficie di scollamento principale di molti sovrascorrimenti appenninici. In Campania, in Basilicata ed in Sicilia, i depositi del Trias superiore sono rappresentati da facies di mare profondo come calcari ad halobidi, radiolariti e marne (Bacino di Lagonegro, Imerese e Sicano). Durante il Giurassico lungo tutto il margine continentale passivo, si svilupparono estese piattaforme carbonatiche di tipo Bahamiano caratterizzate dalla deposizione di sabbie oolitiche (ad esempio i Calcari grigi liassici nelle Alpi Meridionali, il Calcare Massiccio nellAppennino, la Fm. Inici in Sicilia) La tettonica di rifting interess larghe aree producendo la formazione di bacini intrapiattaforma. Nelle Alpi meridionali le risultanti successioni riempirono, dal Giurassico inferiore, il Bacino di Belluno e il Bacino Lombardo . I calcari rossi nodulari, le facies dellAmmonitico Rosso, le radiolariti (Formazione di Fonzaso e Selcifero Lombardo) e le torbiditi oolitiche (Calcare del Vajont), si depositarono nelle aree bacinali durante il Giurassico medio e superiore. Alla fine del Giurassico, si possono riconoscere 3 grandi domini paleogeografici (Fig. 4.7-4.9): 1) un dominio oceanico, rappresentato dal Bacino Piemontese, dal Bacino Ligure (Liguria e Toscana occidentale) e secondo alcuni AA. parte del Bacino di Lagonegro negli Appennini meridionali, dove le radiolariti e calcari bacinali si depositarono sopra le ofioliti; 2) un dominio bacinale, seguito dallannegamento del margine continentale con la presenza di profondi bacini, in cui dominava la sedimentazione carbonatica pelagica ed emipelagica (Bacino di Lagonegro, Imerese e Sicano) alternati ad alti pelagici o seamounts (per es. la soglia di Trento nelle Alpi meridionali o le zone Trapanesi Saccensi e Iblee in Sicilia) dove si depositarono successioni sedimentarie condensate. 3) estese piattaforme carbonatiche, dove perdur la deposizione di carbonati marini di acque basse. Alcune delle aree persistettero con facies di piattaforma carbonatica anche durante il Cretacico, come la Piattaforma Apula (Calcari di Bari e di Altamura), la Piattaforma Friulana (il Calcare di Cellina), le Piattaforme Carbonatiche Laziale-Abruzzese e Campano-Lucana e Panormide in Siclia. Nelle aree di piattaforma carbonatica durante il Lias si formarono le facies a Lithiotis (molluschi), che nel Tardo Cretacico furono sostituite dalle facies a Rudiste. Durante il Cretacico inferiore, la tipica sedimentazione pelagica ed emipelagica rappresentata dalla Maiolica detta anche Biancone o Lattimusa, calcari marnosi bianchi e varicolori (Cretacico inferiore), e la Scaglia Rossa, marne rossastre e calcari marnosi, tardo Cretacico. I depositi di transizione tra la piattaforma ed il bacino furono caratterizzati dalla presenza di debris flows e in qualche luogo di megabrecce (vedi la Sicilia). Esempi di carbonati di transizione piattaforma- bacino ben preservati sono visibili nel margine continentale occidentale della Piattaforma Fiuliana, negli Abruzzi (Massiccio della Maiella), in Puglia (nel Gargano orientale ed Adriatico) ed in Sicilia (Bacino Imerese). Lo spessore della copertura sedimentaria permo-mesozoica in Italia in media compreso tra 1 e 6 km. In Sardegna alcuni isolati settori di depositi triassici e tardo cretacici sono rappresentati per lo pi da carbonati di mare basso (con spessori di circa 1 km) che poggiano su un basamento cristallino di et cambriano-carbonifera, deformato e metamorfosato dallorogenesi caledoniana e, successivamente, dallorogenesi ercinica.

4 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

Fig. 4.3 - Principali settori e lineamenti della Penisola italiana.

5 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

Fig. 4.5 Ambienti paleogeografici lungo il margine continentale Tetideo

Fig. 4.6 - Ricostruzione del margine meridionale della Tetide

04.4 - Le Successioni Stratigrafiche Durante La Fase Di Margine Att


Linversione dei movimenti relativi tra Placca Europea ed Adriatica sono cominciati nel Cretacico ed hanno determinato la compressione del margine occidentale o la transpressione destra in corrispondenza del margine settentrionale della zolla Adriatica. Levoluzione nello spazio e nel tempo delle Alpi e pi tardi degli Appennini durante il Terziario, testimoniata dalla presenza di sedimenti clastici, flysch e molasse, che si sovrappongono diacronicamente sulle iniziali sequenze di margine passivo . Le avanfosse Alpina e Appenninica che furono riempite dai materiali provenienti dai due orogeni migrano nel tempo, in risposta ai movimenti laterali delle rispettive catene. Nelle Alpi meridionali, il Flysch del Cretacico superiore, si svilupp

6 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

nella fase compressiva iniziale depositandosi nel Bacino Lombardo. Il Flysch Eocenico, legato alla fase di interferenza tettonica della Catena Dinarica con le Alpi orientali, si deposita nella regione nord-orientale (Friuli e Veneto orientale fig. 4.7). Nelle stesse aree non ancora raggiunte dalla deformazione della catena, durante il Paleogene si formarono zone di piattaforma carbonatica e bacini a sedimentazione pelitica (zone Monti Lessini).

Fig. 4.7 - Schema stratigrafico dei vari domini delle Alpi Meridionali.

A partire dallOligocene nelle Alpi Meridionali ed in particolare nellavanfossa, che migrava verso sud, presero posto i depositi molassici della Gonfolite lombarda e della Molassa bellunese (Fig. 4.7). Nella stessa avanfossa si depositano conglomerati formati durante la fase messiniana di caduta eustatica del livello del mare

7 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

mentre le facies evaporitiche si accumulano nelle zone circostanti la Catena appenninica (Il Gruppo Gessoso-Solfifera). Durante il Neogene sedimenti tipici riempirono le avanfosse appenniniche che migravano verso est, come indicato per esempio dalla propagazione verso le zone esterne sia dei thrust che dei bacini di piggy-back. Nellavanfossa dellAppennino centrale si formarono da ovest ad est e dal pi antico al pi recente il Bacino del Macigno, il Bacino della Cervarola, il Bacino della Marnoso-Arenacea, il Bacino della Laga e quello attuale (Figg. 4.8-4.9). Il Flysch del Frido (rappresentato da argille, torbiditi e scaglie ofiolitiche), il Flysch del Cilento (argille, arenarie e conglomerati), le Argille Varicolori e le Argille Sicilidi e il Flysch Rosso sono depositi sinorogenici, che indicano liniziale deformazione compressiva dellAppennino meridionale, dal Cretacico al Miocene inferiore. Il Flysch Numidico un deposito del Miocene inferiore molto diffuso, caratterizzato dalla presenza di quarzareniti ed argille, che segna linizio della deposizione clastica nellAppennino meridionale. Il Flysch di Gorgoglione il sovrastante deposito miocenico, caratterizzato da sedimenti molto grossolani. La migrazione verso est dellavanfossa Appenninica documentata nella Fossa Bradanica. Qui ed in Calabria, le stesse successioni quaternarie sono tra le meglio esposte e mostrano i maggiori spessori. Grazie alla tettonica verticale, i depositi pleistocenici sono stati in molti luoghi sollevati a quote elevate, come ad esempio in Calabria dove sono stati trovati fino a 1000 m di altezza.

Fig. 4.8 - Schema stratigrafico dei vari domini delle Alpi Meridionali

8 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Materiale Didattico

http://www.siripro.it/dipgeopa.asp?structure=education&where=region...

Fig. 4.9 - Successione delle Unit Umbro- Marchigiane e Laziali;

9 of 9

8/9/2012 9:39 AM

Potrebbero piacerti anche