Sei sulla pagina 1di 1

Rieccoci, per prima cosa, un saluto a tutti i lettori, siano essi interessati, oppure no al "giorlantino".

Volevo iniziare l'anno con il botto, ma la ragione per una volta ha avuto il sopravento sul mio istinto, cosi ho messo da parte l'articolo gi scritto. Verr buono pi avanti, tanto le cose rimarranno uguali per chiss quanto altro tempo ancora. Ho ancora qualche sassolino da togliermi dalla scarpa, ma per adesso mi limito a sottolineare una cosuccia che banale non . Se vero che siamo qui per lavorare, ed vero che un lavoro vale l'altro, mi chiedo, quale malsano pensiero porta delle persone a tenere certi atteggiamenti verso alcuni lavoratori? So gi la risposta, ma inevitabilmente la domanda mi sorge spontanea. Parlare di incapacit di queste maestranze a certe mansioni (basta guardarsi attorno) in un contesto come il nostro, non plausibile, equivarrebbe prendere a schiaffi il buon senso. Se in questi anni ho offeso delle persone, tutte dedite al buon funzionamento dell'azienda, verbalmente, o con il mio modo di fare, se altri si sono sentiti offesi per quello che scrivo, (anche se nessuno ha mai contestato ci che dico) pur vero che di molto pi offensivo quello che alcuni di noi hanno subito nel corso degli anni, con il vostro modo di operare. Con un comportamento atto a sminuirci sin dove possibile, denigrandoci, facendoci capire che anche l'ultimo arrivato conta pi di noi. Questo offendere. Un allarme che avrebbe dovuto mobilitare donne e uomini, non per far cacciare una persona, la quale ha pagato anche per errori d' altri, ma per il comportamento subdolo e vergognoso di chi dovrebbe amministrare le risorse umane in modo corretto. Siamo continuamente offesi, (almeno io lo sono) ma l'offesa che abbiamo subito e subiamo non risarcibile da nessun tribunale. Il codice non ci tutela, a meno che non ci sia una denuncia per mobbing, eppure indubbio che ci ha danneggiato, che ne paghiamo e ancora pagheremo le conseguenze in termini sia economici che di qualit della vita. Almeno finch codeste persone, non cambieranno?!? Per finire, vorrei ribadire alla propriet la mia riconoscenza, perch mi da un lavoro, ma finisce tutto li, nulla mi regalato. Detto questo, non mi sento di chiedere scusa a nessuno, forse altri dovrebbero farsi un esamino di coscienza.

Discriminazioni... e mansioni all'uopo

Good work and great effort

Delegato....... Questo articolo scritto per coloro che ancora credono che insieme si possa costruire qualcosa di buono, agli individualisti dico loro solo una cosa, che se, e quando riusciremo ad ottenere dei risultati, non sar certo per merito vostro, ma ne usufruirete comunque.. Dopo una attenta analisi introspettiva ed aver valutato ci che mi circonda, sto seriamente valutando di tornare a ripetere l'esperienza di delegato. Ovviamente con il consenso delle maestranze, se cosi non fosse e senza il vostro appoggio, non ci sarebbe motivo di questa scelta. Il perch di questa mia decisione presto detto. Non sono una persona che si nasconde e tanto meno mi piace chiacchierare a vanvera, io voglio sentire, sapere, le decisioni che vengono prese per noi lavoratori in prima persona. Mi piace il confronto, ho voglia di dire la mia senza interlocutori. Delegare non fa parte del mio bagaglio personale, quando lo faccio perch mi fido di chi ho delegato, ma se la fiducia viene a mancare, allora, non mi limito a criticare ma scendo in campo in prima persona. Preferisco assumermi le mie responsabilit, nei confronti dei lavoratori/ci e della direzione, pur sapendo che non sar certo io a risolvere i problemi che ci attanagliano. Voglio esserci agli incontri, voglio capire come si svolgono i confronti con la direzione, con quale atteggiamento vengono prese certe decisioni. Sar molto vigile ed attento ad ogni situazione, non sar suddito di nessuno e tutto ci che verr detto o fatto lo metter a conoscenza delle maestranze. Il dialogo con i lavoratori/ci sar per me prioritario. In questi giorni ho riflettuto molto a quale sigla sindacale iscrivermi, eliminando a priori quella da cui ho ricevuto solo insulti, rimangono le altre due. Mi tapper il naso non condividendo niente di ci che loro propongono e ne sceglier una, non mi interessa il loro colore politico, mi interessano i fatti. Chi eletto nella RSU, come saprete, non un funzionario del sindacato, ma una lavoratrice o un lavoratore che svolge un preciso ruolo: rappresenta le esigenze dei lavoratori, li tutela collettivamente, controllando l'applicazione del contratto o trasformando in una vertenza un particolare problema. A questo proposito tengo a precisare che il delegato non pu e non deve prendersi carico di fatti personali singoli, pu dare dei consigli utili, vedere il da farsi senza mettersi in contrapposizione con la direzione, per fatti gravi c' il sindacato. La forza della RSU, infatti, non deriva solamente dal potere assegnato dal contratto e dalle leggi ma anche dalla capacit di creare consenso intorno alle sue proposte e azioni e una ampia condivisione degli obiettivi. I componenti delle RSU sono eletti su liste del sindacato ma possono anche essere non iscritti a quel sindacato. Per questo motivo avevo anche pensato di iscrivermi al CUB (sindacato di base), o come semplice operaio senza tessera alcuna, ma i tempi sarebbero lunghi, dovendo aspettare le prossime elezioni. Cosa che potr fare sempre in futuro. In ogni caso gli eletti rappresentano tutti i lavoratori non il sindacato nella cui lista sono stati candidati. Sar interesse mio e di tutti noi la collaborazione con gli altri colleghi delegati, rispettando le regole della coesistenza. Nel caso ci fossero altre persone interessate a questa esperienza, contattatemi. Giancarlo G.

N 35 21/01/13

(*-*) 4 motivi per non lavorare con noi (*-*)


1)Svolgi il tuo lavoro perch bisogna farlo, e perch cos ti guadagni la pagnotta? Ci sono un sacco di aziende che hanno bisogno. Cerca altrove! 2)Pensi sia meglio avere esperienza su pochissime cose, e non ti piace perdere tempo ad imparare altro, allora difficilmente potremmo lavorare insieme: qui imparare nuove tecnologie all'ordine del giorno! 3)Ti piacciono le giacche tagliate su misura, le camicie stirate a secco, le cravatte all'ultima moda e i mocassini lucidi? ? Allora meglio lasciar perdere: il nostro ambiente cos informale che potresti vedere persone girare senza scarpe e pancia all'aria durante le torride giornate lavorative. 4)Vuoi fare carriera con le tue innate doti da carismatico e non con la qualit del tuo lavoro? Preferisci nasconderti o scaricare il barile piuttosto che affrontare i problemi? Allora questa azienda non fa per te. Qua l'ambiente rilassato e si lavora assieme affrontando M. Veronese gli obiettivi senza patemi d'animo. G. Girelli

Interessi correlati