Sei sulla pagina 1di 5

Soluzione del compito di Elaborazione dei Segnali (Prof.

Dardari) - 16 marzo 2012


I. E SERCIZIO 1

1.a) vedere dispensa 1.b) Si chiedeva di dare un esempio per ciascuna delle categorie specicate di legame ingresso-uscita rispettando i vincoli imposti (molteplici risposte sono possibili) 1.c) Usando la denizione
N 1

Xq =
n=0

xn exp (j2nq/N ),

(1)

si ottiene (con N = 4) X0 = 3 3 = 0, X1 = 3 3 exp (j) = 6, X2 = 3 3 exp (j2) = 0, X3 = 3 3 exp (j3) = 6. Risulta dunque: X = [0, 6, 0, 6]. (6) (2) (3) (4) (5)

II. E SERCIZIO 2

2.a) Risulta

3 H1 (f ) = exp (j2f T ) exp (j2f 2T ) = 2j exp j2f T 2 H2 (f ) = 1 (f ) + . j2f 2

sin (f T )

(7)

(8)

2.5

1.5

0.5

0.5

1 2/T

1/T

0 f

1/T

2/T

Figura 1.

|H1 (f )|

|H2(f)| 0

0 f

Figura 2.

` |H2 (f )|, la delta non e stata gracata

0 3/T

2/T

1/T

1/T

2/T

3/T

Figura 3.

|H(f )|

2.b) Si usa la condizione necessaria e sufciente per la stabilit` i.l.u.l. dunque: a


+ +

|h1 (t)|dt =

|(t T ) (t 2T )| dt = 1 + 1 = 2 < +,
+ +

(9)

|h2 (t)|dt =
+ 2T 0

dt +,

(10)

|h(t)|dt =
T

dt = T < +.

(11)

` Il primo ltro e stabile, il secondo no, il sistema complessivo s`! Per valutare la stabilit` del sistema complessivo si faccia a riferimento anche al punto seguente nel quale si calcola la risposta impulsiva complessiva.

2.c)
+ +

h(t) = h1 (t)h2 (t) =

h1 ( )h2 (t )d =

[( T )( 2T )]u(t )d = u(tT )u(t2T ) = rect

3 t 2T . T

(12)

2.d)

3 H(f ) = T sinc(f T ) exp (j2f T ) 2

(13)

9pi

arg(H(f))

9pi 3/T 2/T 1/T 0 f 1/T 2/T 3/T

Figura 4.

Arg(H(f))

2.e) Essendo x(t) periodico di periodo T0 , si scriver` in serie di Fourier con coefcienti cxn collocati ai multipli interi di a ` 1/T0 . Afnch` tali coefcienti siano tutti annullati dal ltraggio (ad eccezione della componente continua) e necessario e che risulti T = T0 in quanto la sinc (f.d.t. del ltro complessivo) si annulla in corrispondenza dei multipli interi di 1/T . III. E SERCIZIO 3

3.a) Dal momento che Pf a = P (X > |no incendio) mentre Pd = P (X > |incendio), si ha PsystemF A = P (almeno 1 rivelatore sopra soglia|no incendio) = = 1 P (tutti i rivelatori sotto soglia|no incendio) = = 1 (P (X < |no incendio)) = 1 (1 Pf a )5 = 0.00499
5

(14)

3.b) Quando viceversa si decide a maggioranza (ricordando che le singole rilevazioni sono per ipotesi indipendenti e che quindi il loro insieme costituisce un esperimento bernoulliano) risulta: PsystemF A = P (almeno 3 rivelatori sopra soglia|no incendio) = + 5 3 5 5
3 Pf a (1 Pf a )2 +

5 4

4 Pf a (1 Pf a )+

5 Pf a = 9.98 109

(15)

3.c) Chiamati A e I gli eventi allarme e incendio rispettivamente e applicando il teorema della prob. tot., si ha Pa = P (A) = P (A|I)P (I) + P (A|I)P (I) = P (A|I)P (I) + P (A|I)(1 P (I)). Inoltre P (A|I) = P (almeno 1 rivelatore sopra soglia|incendio) = = 1 P (tutti i rivelatori sotto soglia|incendio) = 1 (1 Pd )5 = 0.9999, (17) (16)

` e P (A|I) e quella del punto 3.a). Pertanto, sostituendo, P (A) P (A|I) = 0.0955. P (A|I) P (A|I)

P (I) =

(18)

3.d) Pf a = P (X > |no incendio) = 103 1/2erf c( ) = 103 1/4 exp ( 2 /2) = 103 2 = 2 ln (4 103 ) = 3.323

(19)