Sei sulla pagina 1di 6

Chiare, fresche e dolci acque

Ciascuna stanza contiene una situazione speciale, indicata piuttosto che sviluppata, situazione che cela nel suo grembo' una poesia, di cui appariscono appena lampi in pochi tratti energici. Qui il poeta nel medesimo stato, ma sceglie una sola situazione, e ne cava fuori tutti suoni che la pu rendere. Ond' che quella canzone rimasta poco popolare, perch l'interesse nel tutt'insime, e perch si richiede una immaginazione gagliarda , e un gusto molto esercitato a indovinare in ciascuna parte una poesia adombrata con tanta delicatezza. C' l'impressione, e manca l'immagine da cui nata; c' l'immagine, e il sentimento indicato appena nel suono del verso: queste mezze tinte, queste ombre fuggevoli, nunzie di tanta luce, sono geroglifici, incompresi per l'occhio grossolano. [] Quando il poeta indovina la situazione, il principio ti ci fa trovare entro. Molto ammirata, ed a ragione, la prima stanza. Commosso da una vista che gli sveglia tante memorie, l'amante, calda gi l'immaginazione, entra in colloquio con la natura, chiama ad uno ad uno tutti quegli oggetti, a cui si lega una ricordanza di Laura, li decora de' pi gentili ed affettuosi epiteti, e comunicando con loro le sue pene le sente gi raddolcire. Questa entrata drammatica gitta di slancio l'immaginazione del lettore fuori della vita comune in un concitamento poetico, s che l'interesse comincia dalle prime parole. [] un innamorato che ricorda quegli oggetti non col gioioso orgoglio d' una passione soddisfatta, ma con la disperazione di un desiderio vano, lungamente nutrito. Pure le tinte sono cos soavi, che quella disperazione come rattiepidita dalle nuove impressioni; e, se debbo dare un nome al sentimento dolce amaro che ne nasce, gli la tenerezza, l'anima indurata e cupa di tristezza, che comincia a stemprarsi innanzi a quelle care memorie. [] La tristezza si gi purificata, s' spogliata di ci che in essa d'amaro e di fosco. La lacrima comincia a spuntare; la fantasia spande un raggio di luce sulla tetra fisionomia, e se non pu cacciar via i pensieri funebri che occupavano l'animo, li mescola delle pi care consolazioni, rende la morte

amabile, desiderata. Se amor mi dee uccidere, morire qui, esser seppellito qui, dove Laura stata, dove pu ritornare, e chi sa! versare una lacrima sulla mia fossa! Questa fantasia postuma intenerisce l'animo, lo accarezza, lo gitta in obblio, lo attira tutto intero nelle sue lusinghiere immagini; n mai il poeta rimaso s lungo tempo sprigionato dalla realt, da quella realt formidabile che attossica tutt'i suoi godimenti nell'altra canzone. Con che compiacenza descrive i pi minuti particolari, d corpo e sangue alla sua illusione! E come il cuore gli batte, con che interesse, con che affetto assiste alla scena fabbricatagli dalla benefica immaginazione! L'istante della morte rappresentato senza amarezza, anzi con una certa civetteria: Amore che gli chiude gli occhi lagrimanti, come volesse dire: non pianger pi. Si rappresenta morto, foggiandosi in fantasia uno di quei gruppi che gli scultori sogliono porre su' sepolcri: Amore impietosito, che si china a chiudere gli occhi stanchi, da'quali esce' l'ultima lacrima. Il poeta accompagna di un tenero compatimento il corpo e lo spirito nel momento della loro separazione lo spirito lasso, il meschino corpo, la carne travagliata di un tenero compatimento congiunto con una malinconica soddisfazione, immaginando, fine a tanti affanni, quel porto riposato, quella fossa tranquilla. Il pi commovente che tutto questo in forma di preghiera a quei luoghi, dove si fabbricato il castello incantato della morte. E cerca di moverli a compassione del suo corpo, e si fa piccolo piccolo, domanda loro cos poco, contento d'ogni menoma cortesia:
Qualche grazia il meschino Corpo fra voi ricopra.

Scontento della vita, si finge delle gioie nel sepolcro. Uno de' misteri della natura melanconica questo intrattenersi deliziosamente nel cimitero, e dipingersi le dimostrazioni d'affetto che vi ricever il suo frale. E come si lusinga il poeta immemore de' dolori presenti, come sorbe a stilla a stilla i piaceri che gli offre la compiacente immaginazione! Ella giugne bella e mansueta, i suoi occhi desiderosi cercano me: l io lo vidi! e l con la letizia della speranza corrono gli occhi. Un improvviso grido di stupore e di dolore, un oh piet! t' annunzia un cambiamento di scena reso pi commovente dalla confidente letizia dell'amata. L dove cerca l'amante, vede, ed ecco un'immagine solenne che ti sveglia ad un tratto tutte le vanit delle cose

umane, vede terra in fra le pietre. Il poeta tripudia, s'asciuga lacrime di tenerezza , figurandosi Laura sospirosa, supplichevole a Dio per lui:
E faccia forza al cielo, Asciugandosi gli occhi col bel velo.

[] Messosi vivo nella fossa per darsi il piacere di contemplare Laura, pietosa e lacrimante per lui,la vista della bella supplichevole nell' attitudine pittorica d'asciugarsi le lacrime col velo, col bel velo, pu tanto sul rapito amante, che dimentica esser morto e sepolto, gitta via ogni pensiero funebre, e cosa resta di tutta la visione? resta Laura, la bella Laura. Come nel sogno d'immagine pullula immagine, di fantasia qui nasce fantasia; mentre Laura prega, il poeta tutto in ammirazione, tronca all' improvviso la sua funerea fantasia, e rimane l estatico, innamorato innanzi a tanta bellezza. La Laura del sepolcro si trasforma nella Laura, apparsagli quivi stesso, sotto una pioggia di fiori. Ben disse, giunto col:
Erba e fior che la gonna Leggiadra ricoverse Con l'angelico seno.

[] il poeta pensava alla morte; [] Ora quei pensieri sono cacciati via, o, per dir meglio, sono spariti da s, senza saper come; quelle immagini restano sole; l'anima purificata da ogni tristezza, anzi inondata di luce. Volere che il poeta noti e spieghi questo passaggio, pretendere, come alcuni di corta immaginazione, che ci sia qui lacuna, e che forse per isbaglio s' omessa una stanza, un voler supporre nello stato fantastico del poeta la coscienza di questo passaggio; un ignorare che nellazione ci son pure i momenti spontanei, irriflessivi, bruschi, che Dante attribuisce alla Grazia; e che in questo caso lo sparire di certi pensieri e il comparire improvviso di certi altri dee succedere senza che si sappia il come, a quel modo che in sogno: il poeta dee rappresentare la. vita, non spiegarla o interpretarla. I fiori sono come la veste della natura, che noi le rubiamo per decorarne le nostre belle. Qui piovono sopra Laura nelle pi vaghe attitudini, e sembra che abbiano giudizio, cadendo in guisa da imitare gli ornamenti dell' arte, la veste ricamata a fiori, le trecce rilevate da una superba rosa. Tale andava in

processione la Madonna, su cui da' terrazzi o da finestre piovevano fiori, testimonianza d'onore rimasta come l'apoteosi della donna. Le ultime foglioline come cullate dal vento s'arrestano vaganti in s e ti fanno l'effetto d'esseri animati. C in questa descrizione qualche cosa di cos aereo e insieme di cos preciso, che ti senti sforzare limmaginazione, perdi di vista la misura ordinaria delle cose, e non sai se sei in cielo o in terra. All'illusione aiuta il verso facile, trasparente, scorrevole, come su d'una superficie liscia, uscito pur mo' tutto riso e grazia da una forza allegra, che produce come per sollazzo. Ma la grazia cede il luogo ad un sentimento pi serio; la bellezza confina con la grandezza e si trasfigura nel sublime. Cessa il descrivere, i particolari ondeggiano e scompariscono; il portamento, le parole, il riso, il volto di Laura la cingono d'un'aureola, l'alzano da terra; la descrizione si trasforma in un grido di spavento, di quello spavento del sublime che ci fa chiuder gli occhi impotenti innanzi all'inaccessibile, e ci annichila:
Costei per fermo nacque in Paradiso.

un grido che scoppia subitaneo, come un tuono, senza che si spieghi o si prepari il passaggio. Se il poeta avesse potuto spiegarselo, non sarebbe stato carco d'obblio, e ci avrebbe regalato un sublime rettorico. Descrive fin che pu: in sino a che soverchiato e sbigottito prorompe in un grido. Cosa stato? solo dopo si pu raccogliere, riunire alla confusa e senza analisi gli oggetti, e dire:
Cos carco d'oblio il divin portamento e 'l volto e le parole e'l dolce riso m'aveano, e s diviso da l'imagine vera, ch'i' dicea sospirando: Qui come venn'io o quando? credendo esser in ciel, non l dov'era.

Analizza i fiori ; Laura rimane senza analisi, e s'india come Beatrice o Margherita, in mezzo agli angeli: l'obblio del poeta tale che quando estatico si riscuote, il suo sogno che gli pare realt, ed la realt, che gli pare un sogno, e si domanda con stupore e dolore : qui come venni io o quando? Anche uscito dallo stato di fantasia, anche quando pu

guardarsi intorno e veder gli oggetti, rimane per un momento incredulo, gli pare ancora d'essere in cielo. Ma quando dall'alto delle sue immaginazioni si trova fra l'erba, ebbene, no, non si lamenta, non ti fa sentir l'oim del disinganno, si avvezzo a contentarsi di godere in immaginazione; e questa volta la sua fantasia stata tanto durabile, ha goduto fuor del costume cos lungo tempo e senza alcuno interrompimento, che benedice a quei luoghi ed assicura con la bonaria semplicit d'un amabile fanciullo che l solo trova la sua pace:
Da indi in qua mi piace Quest' erba si, che altrove non ho pace.

Vi giunse tristo; se ne va consolato. Qual la sua buona ventura? un piacere immaginario e che sa immaginario. [] Cosa ora questa canzone? la durata dell' errore : sa che un errore; che la realt ne discorda; e che importa? altro non chiede. il Risorgimento del Leopardi . Felici quando dopo lunga lotta posson volger le spalle disdegnose al reale e riparare tra' docili sogni dell'immaginazione! Questa canzone giudicata a ragione, come la pi squisita cosa che sia uscita dalla penna del Petrarca. Sovente rappresenta il suo stato per via di pensieri generali, non senza ragionamento; qui l'animo colto in un momento particolare ben circostanziato. Il poeta non lo ricorda,, non ci si pone al di sopra e lo spiega; ma nel punto che scrive, lo soffre, vi soggiace con una oscura coscienza, narra, fantastica, si lamenta, si rallegra, come attore nel caldo e nello spontaneo dell'azione. In ogni strofa la situazione avanza, rasserenandosi, insino a che giugne all' ultimo dell'obblio e dell'estasi, e si scioglie in un pacato sorriso. Il che avviene per avvenimenti interni dell'animo eccitati da una vista piena di memorie, e succedentisi come onda sopra onda, di per s, con appena qualche barlume di coscienza, senza che la volont o l'intelligenza vi prenda parte. Le immagini sono cos precise e contornate, che sembrano statue; ma si tirano appresso de' sentimenti, che a poco a poco le fondono in note musicali. Nessun sentimento si stacca dall'immaginazione e si continua da s, ma c', se si pu dir cos, una generazione continua, quasi in ciascun verso, talora in un epiteto. Il sentimento tanto pi profondo, quanto pi nascosto; il poeta vede, e nel vedere soffre o si allegra, ma non lo dice, lo senti nella melodia del verso, in qualche aggiunto, in qualche perifrasi, in accessorii talora inespressi, ma inevitabilmente presenti. In questo cielo fosco, che a poco a poco si rischiara in sino a elle t'abbaglia uno splendore

di sole, senti pure stendersi non so che malinconico, che certifica una soddisfazione inquieta, il sogno felice d'un ammalato. Mai non puoi cogliere il poeta in un momento di freddezza, di stagnazione, di sforzo, di riflessione, di assottigliamento []. Per qual miracolo la parola, mentre esprime dolore, ti rivela tanta grazia? mentre esprime contento, ti rivela tanta malinconia? una fusione di tinte, che ti d la vita nella sua pienezza, nel suo misto di luce e d' ombra. Amabile fantasia, la primogenita fra tante simili dell' arte moderna, ispirate alle anime tenere dalla solitudine e dal dolore! Contiene in grembo la nuova poesia, che spunta sulla tomba di Laura. F. D E S A N C T I S
(dal Saggio critico sul Petrarca, Morano, Napoli 1869, c. VIII )