Sei sulla pagina 1di 28

il

www.ilpiccologiornale.it

PICCOLO
Edizione del Sabato
Non riceve alcun finanziamento pubblico

Giornale

Direttore responsabile Sergio Cuti Direttore editoriale Daniele Tamburini Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19 Cremona Amministrazione e diffusione: via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione e redazione via S.Bernardo 37/a Cremona tel 0372 454931 email redazione@ilpiccologiornale.it stampa SEL Societ Editrice Lombarda Cremona pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Cremona n 357 del 16/05/2000 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

Edizione chiusa alle ore 21

Anno XIII n5 SABATO 19 GENNAIO 2013

Periodico 0,02 copia omaggio

Indagine di Legambiente: Cremona la terza citt in Italia per il superamento delle polveri sottili

Bisogna moderare il traffico e proporre strumenti alternativi. Benito Fiori: Una situazione davvero preoccupante
Un occhio di riguardo al nostro territorio ne abbiamo bisogno
di Daniele Tamburini

MA COSA STIAMO RESPIRANDO?


LEDITORIALE

a pagina 3

LOTTA ALLO SPRECO ALIMENTARE


pagina 6

oteremo. Voteremo per le politiche e per le regionali. Saranno elezioni importanti. Giungono nel pieno di una stagione di crisi dalla dimensione inedita, a detta di molti analisti, a cui il Paese ha dovuto rispondere, due anni fa, con un passo indietro del governo eletto e con lincarico al cosiddetto esecutivo dei tecnici. Questo ha spremuto lacrime e sangue, ha imposto sacrifici pesanti, non ha mantenuto tutte le promesse dove sono vere misure per la ripresa? , ma netta la sensazione che abbia fermato una locomotiva senza pi conducente, lanciata verso un burrone. Ora, giusto che torni la politica. Vilipesa, criticata, spesso molto giustamente non dobbiamo dimenticare o, peggio, assuefarci agli scandali, al malaffare, alle collusioni ma, nella sua versione migliore, in grado di dare rappresentanza alle moltissime voci di una societ moderna. Hanno tutti molto parlato di rinnovamento, anche se la maggior parte dei vecchi big ancora l, inossidabile, e alcuni sono over settanta. E a casa nostra? In queste ore si definiscono le ultime candidature. In particolare, c stato scontro nel Pdl per chi, tra Rossoni e Jotta, dovesse occupare una posizione in lista con la possibilit di essere eletto: lha spuntata il cremasco Rossoni. Mentre, per il Senato, difficile che un cremonese possa occupare uno dei primi dieci posti che garantirebbero una sicura elezione. Dalla Lega, ad oggi, giungono poche informazioni: ci dovrebbero essere, per il Senato, la Comaroli e Maffini. Di prestigio il primo posto del cremasco Franco Bordo, subito dopo Vendola, per Sel. Ma gli unici candidati cremonesi che sicuramente siederanno in Parlamento, per adesso, sono del Pd: designati dopo le primarie. Ed molto contento Luciano Pizzetti, che, grazie al ticket con Cinzia Fontana, ha centrato lobiettivo di una elezione praticamente sicura per due cremonesi, ottenendo il massimo risultato possibile, con la senatrice cremasca addirittura capolista per la Camera, e lo stesso Pizzetti a palazzo Madama. Se, alle primarie, Pizzetti fosse giunto davanti alla Fontana, difficilmente quest'ultima sarebbe stata candidata al Senato in posizione sicura. importante avere rappresentanti in Parlamento, importante che la nostra citt, il nostro territorio siano ben rappresentati, da persone radicate qui ma capaci di avere uno sguardo ampio e onesto. Noi che cosa possiamo chiedere, a questo punto, a coloro che saranno eletti, di sinistra, di centro o di destra? Lavorate nellinteresse del Paese, con un occhio di riguardo per il nostro territorio; e mettetevi una mano sul cuore che noi gi da tempo stiamo come lAretino Pietro: con una mano davanti e laltra dietro.

PATENTI, DA OGGI SI CAMBIA: LE NOVITA


Pd: La sfida? Recuperare voti dagli astenuti
ELEZIONI/1

a pagina 7

Pdl: Gianni Rossoni la spunta su Mino Jotta

a pagina 7

ELEZIONI/2

Esiste una reale Emergenza sicurezza? 2013, ANNO EUROPEO DEDICATO AD ARGINARE IL FENOMENO IN ITALIA SI BUTTANO 8 MILIONI DI TONNELLATE DI CIBO a pag 4

SPORT
PER SOGNARE I PLAYOFF CONTRO LA VIRTUS VOLLEY SERIE A2

SUL TERRITORIO

a pagina 5

a pagina 18

Quando a Cremona cera ancora la pena di morte

STORIA DELLA CITTA

Cremo a Sal senza alternative: deve vincere


pagine 24

Vanoli con Chase a caccia di unaltra impresa a Bologna


a pagina 25

Pom rinforzata contro il Marsala, ultimo in classifica


a pagina a pagine 26 26

Cavazzini e Pizzetti, un impegno per lospedale Oglio Po

CASALMAGGIORE

a pagina 10

via De Gasperi, 52

CREMA

Il piacere della conv enienza


3 pezzi
Pom al Kg. 0,52

0,78

gr. 100

1,75

al Kg

1,00
Spicchi Ananas Yoga Fruitesse al Kg. 1,59

gr. 210
Cioccolato Swiss deluxe al Kg. 7,80

Macedonia Yoga Fruitesse al Kg. 1,59

0,58 0,39
gr. 750

ml. 330
Latte Intero Bayerland

Pane Fresco di tutti i tipi TUTTI I GIORNI

1,00

gr. 210

Beck's Analcolica al lt. 1,21

3 pezzi

Ceres Top Pilsner al lt. 1,76

0,48

ml. 330

0,45
lt. 1

Aperto tutti i giorni dalle ore 8.00 alle 20.00


IL PIACERE DEL RISPARMIO

Latte P.S. Bayerland

PRESENTA ALLA CASSA

SCONTO - 15% SULLA SPESA


CREMA - Via Cresmiero (Angolo Via F.lli Bandiera)

QUESTO BUONO

TUTTO PER LA CASA E LA PERSONA

Ma cosa stiamo respirando?


Siamo terzi, in Italia, per le polveri sottili nellaria
aria a Cremona irrespirabile. Se non bastasse il dato ricavato dalle centraline di rilevamento delle Pm10 posizionate in citt, che hanno gi rilevato 13 superamenti della soglia di attenzione (pari a 50 microgrammi per metro cubo) dall'inizio dell'anno, ora lo conferma anche la classifica stilata nell'ambito del rapporto Mal'aria di Legambiente, che posiziona la nostra citt al terzo posto tra quelle pi inquinate del Paese. E' vero che, nel corso del 2012, in tutte le principali citt italiane sono stati superati i livelli di polveri fini (Pm10), e sono 52 quelle che hanno superato il bonus di 35 giorni di superamento del valore medio giornaliero. In questa poco invidiabile classifica, Alessandria, Frosinone e Cremona sono le prime citt classificate, rispettivamente con 123, 120 e 118 giorni di superamento. Ma, pi in generale, larea della Pianura Padana a confermarsi come la zona pi critica, con 18 citt tra le prime 20 posizioni, ubicate in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Purtroppo Cremona detiene una posizione piuttosto elevata anche nel superamento delle polveri Pm2,5, ancora pi infide delle Pm10: la nostra citt si classifica infatti all'ottavo posto, con un valore medio annuo di 31 microgrammi per metro cubo. A questo proposito, pero', si puo' osservare che, per ora, sono ancora poche le citt che provvedono a rilevare tale valore (42 in tutto) e che quindi si tratta di una classifica parziale. Se lemergenza smog nei centri urbani scatta soprattutto nei mesi invernali, anche i mesi pi caldi dellanno non sono immuni da questo problema. In particolare, durante il pe-

Legambiente: Servono strumenti di moderazione del traffico e della densit di autovetture


IL PROGETTO

CREMONA
POSIZIONE

Sabato 19 Gennaio 2013

Finanziamento di 400mila euro al Comune per Vivilacitt

PM 10 TI TENGO DOCCHIO La classifica di Legambiente


CAPOLUOGO DI PROVINCIA (CENTRALINA PEGGIORE) ALESSANDRIA (DANNUNZIO) FROSINONE (FROSINONE SCALO) CREMONA (VIA FATEBENEFRATELLI) TORINO (CONSOLATA) PARMA (VIA MONTEBELLO) GIORNI DI SUPERAMENTO 2011 123 120 118 118 115

di Laura Bosio

1 2 3 3 4

riodo estivo raggiunge valori elevati la concentrazione di ozono, per la quale Cremona si colloca al 13esimo posto, con una media di 71 superamenti annui della media mobile su 8 ore di 120 g/m3. Una situazione decisamente preoccupante, quindi, quella del nostro territorio, che e' interessato da diversi tipi di inquinanti. L'Oms ha fatto un'indagine sulla Pianura Padana, stimando 7.200 morti l'anno a causa dello smog spiega Benito Fiori, portavoce del gruppo AmbienteScienze di Cremona. Con tutto questo, abbiamo un registro tumori che fermo al 2006 perch c' solo una persona destinata a occuparsene, e mancano tutti i dati pi recenti. Insomma, potrebbe profilarsi un serio problema di salute, legato alla con-

centrazione eccessiva di inquinanti. E' chiaro che nelle zone in cui vi alta concentrazione di insediamenti industriali e una conformazione geografica che non permette ricambio d'aria, il problema pi sentito spiega Fiori. Infatti Frosinone, che al secondo posto, ha delle caratteristiche molto simili: si trova nella valle del Sacco ed attorniata da un grande cementificio e da due inceneritori. Una critica anche a Regione Lombardia, che ha fatto un Piano regionale senza tenere conto dei dati pi attuali. Le istituzioni danno un'interpretazione dei dati meno allarmante possibile, mentre invece ci troviamo in una situazione che decisamente preoccupante e che impone riflessioni serie dice Fiori, che con AmbienteScienze e il Politecnico sta organizzando, per il 9

febbraio, un convegno sul tema delle Smart Cities. Si tratta di citt che in Europa hanno fatto tantissimo per coniugare innovazione, ambiente e qualit della vita spiega Fiori ma che in Italia ancora non si sono diffuse, nonostante che possano rappresentare una strada per la riduzione dello smog. Per rispondere all'emergenza inquinamento anche Legambiente lancia le sue proposte, emerse recentemente nel corso degli Stati Generali della bicicletta e della mobilit nuova, che puntano a inserire strumenti di moderazione del traffico e della densit di autovetture (limite a 30 km/h in tutto il centro urbano con esclusione dei principali assi di scorrimento, road pricing e ticket pricing, ridefinizione degli spazi urbani a vantaggio del trasporto collettivo e di quello pi lento).

La Regione Lombardia ha assegnato al Comune di Cremona un finanziamento di 409.304,33 euro per la realizzazione del progetto "VivilaCitt", il cui costo complessivo stimato in 511.630,41 euro, ha ottenuto pertanto una copertura pari all80%. La maggior parte del progetto riguarda il potenziamento del bike sharing sia attraverso una trasformazione del servizio attuale con lutilizzo di tecnologie volte allautomatizzazione, sia attraverso lintroduzione di biciclette a pedalata assistita e postazioni di ricarica delle stesse. A questo proposito, lo scorso dicembre, il ministero dellAmbiente ha concesso in comodato duso gratuito al Comune di Cremona 30 biciclette a pedalata assistita riservandosi di erogare un ulteriore finanziamento per lacquisto di attrezzature per la loro ricarica. Il servizio di bike sharing ad oggi, conta ormai 1.938 iscritti e 9.560 ritiri di biciclette. Le ulteriori azioni previste nel progetto VivilaCitt riguardano: la regolamentazione degli accessi alle aree pedonali mediante la posa di dissuasori retrattili automatici (pilomat); la posa di pannelli informativi; lo sviluppo di un software applicativo che consenta di integrare e migliorare il sistema informativo gi esistente, consultabile da smartphone; la realizzazione di zone wi-fi. Tali servizi rappresentano un tassello del pi ampio quadro relativo alla mobilit sostenibile che lamministrazione sta promovendo attraverso politiche di incentivazione di modalit di spostamento alternative.

2013, lotta allo spreco alimentare


In Italia ogni anno si buttano via otto milioni di tonnellate di cibo. I progetti dellEuropa
Luca Curatti: Al vaglio un progetto di legge europeo per la doppia indicazione di scadenza in etichetta
di Laura Bosio

Sabato 19 Gennaio 2013

Cremona
Variante generale del Pgt, via libera della Giunta
La Giunta Comunale ha assegnato al Consiglio comunale la delibera riguardante ladozione della Variante generale al Piano di Governo del Territorio che si compone del Documento di piano, del Piano delle regole e del Piano dei servizi. Il 21 gennaio prossimo la Commissione consiliare Politiche Urbanistiche e Territoriali si riunir per esprimere il proprio parere in merito a tale documento che il 28 gennaio verr sottoposto allapprovazione del Consiglio comunale. Si conclude cos la prima fase di un lungo percorso iniziato il 18 novembre 2010. Le priorit strategiche che la Variante generale propone sono: la sostenibilit ambientale delle scelte, tendente alla conservazione e valorizzazione dei paesaggi, delle risorse fisiche e della rete ecologica; il contrasto al consumo di suolo e la conseguente restituzione alluso agricolo di circa 600 mila metri quadrati di superficie potenzialmente utilizzabile per altre funzioni dal previgente Pgt; il governo della riqualificazione urbana, teso a favorire il recupero delle aree dimesse, la riduzione dellinquinamento ambientale e lincremento delluso di energie alternative; la rigenerazione del tessuto urbano consolidato; la collaborazione tra lamministrazione ed i soggetti del privato che erogano servizi di pubblica utilit e svolgono un ruolo attivo nella trasformazione del contesto urbano, nel rispetto del principio di sussidiariet; la semplificazione e il notevole snellimento degli strumenti attuativi per interventi edilizi, limitando a casi straordinari i piani/programmi, previlegiuando il permesso di costruire convenzionato; ladeguamento delle infrastrutture della mobilit con operazioni di completamento ed integrazione sia del sistema delle comunicazioni regionali e nazionali, sia dei fabbisogni locali, anche con attenzione alla mobilit lenta; ridare attualit alla rilevanza agricola, fattore trainante dello sviluppo economico locale.

gni anno, in Italia, otto milioni di tonnellate di cibo finiscono in discarica. Lo spreco alimentare una grave "malattia" che investe tutti i paesi industrializzati e riguarda tutta la filiera, dal produttore al consumatore spiega Luca Curatti, presidente di Assoutenti Cremona. Chi produce spesso si trova costretto a gettare via migliaia di tonnellate di merci, quando esse non rispondono agli standard richiesti dalla grande distribuzione. Anche nell'industria di trasformazione si verificano molti sprechi, e la grande distribuzione spesso si trova a gettare via prodotti che sono in scadenza. Per non parlare del consumatore finale che, spesso a causa di una sbagliata gestione delle provviste, si trova a dover eliminare cibo scaduto o ammuffito. Peraltro, il 2013 sar "L'anno europeo di lotta allo spreco alimentare", come ha stabilito il Parlamento Europeo, che vuole mettere in atto strategie per ridurre il fenomeno dello spreco del cibo. Ecco la sfida spiega Curatti: entro il 2025 la riduzione degli sprechi alimentari del 50%. Certo che i numeri presentati dal Global Food Losses and Food Waste sono allarmanti. Ogni anno nel mondo si sprecano 222 milioni di tonnellate di cibo, lequivalente dellintera produzione alimentare dellAfrica sub-sahariana, circa 900 milioni di persone soffrono la fame e quasi un sesto della popolazione mondiale malnutrita. NellUnione europea il 15% dei cittadini vive al di sotto del livello di povert e

Caro direttore, le scrivo per condividere una riflessione che da un po' di tempo a questa parte mi sono trovata a fare. Ho letto che ogni giorno i supermercati devono buttare centinaia di prodotti perch giunti a scadenza, con uno spreco alimentare decisamente importante. Ora mi chiedo: possibile che non si possa fare nulla per recuperare tutto quel cibo? Non potrebbe essere redistribuito alle famiglie povere, per garantir loro il pasto serale? E per quale motivo la legge impone di gettar via prodotti "da consumarsi preferibilmente entro", anche se quella non una data di scadenza vera e propria? R.S.
si rivolge ad enti benefici per mangiare. Purtroppo spesso si scartano cibi solo perch non soddisfano determinati requisiti estetici, o perch una confezione danneggiata, anche se questo non comporta alcuna alterazione del contenuto. La campagna contro lo spreco messa in atto a livello europeo coinvolge direttamente la grande distribuzione ed i meccanismi che la regolano: pubblicit ingannevole, logiche spietate di vendita e sistemi di imballaggio. Emerge la necessit di un maggior coordinamento gestionale, di investimenti in nuove infrastrutture e di uneducazione al nonspreco negli asili e nelle scuole. Un altro problema da rilevare quello delle scadenze: per molti prodotti, infatti, l'indicazione "consumarsi preferibilmente entro". Questo non significa che il prodotto dopo quella scadenza non pi consumabile, ma che potrebbe perdere alcune delle sue propriet nutrizionali spiega Curatti. Si tratta quindi di prodotti che ancora possono essere consumati, nella maggior parte dei casi. A questo proposito, c' al vaglio un progetto di legge europeo per inserire una doppia indicazione in etichetta: fino a quando il prodotto pu essere venduto e fino a quando pu essere consumato. Credo poi che i supermercati e negozi potrebbero, anzich buttare i prodotti in scadenza a fine giornata, metterli in vendita a met prezzo qualche ora prima della chiusura. Il problema delle scadenze viene segnalato anche dal terzo settore, e soprattutto da chi si occupa di distribuire cibo alle famiglie indigenti Gli sprechi sono sempre da condannare afferma Angela Carli, presidente del consiglio centrale della San Vincenzo di Cremona. Premetto che l'impegno principale deve essere quello di tutelare la salute, tuttavia ci sono alcune leggi che impongono di eliminare i prodotti scaduti, anche se si parla di scadenze indicate con "preferibilmente". Credo che la legge, a questo proposito, dovrebbe essere pi chiara, perch vi sono prodotti che possono essere consumati anche dopo scadenza senza alcun rischio. Altro tema quello dello spreco alimentare domestico, che risulta essere uno di quelli pi problematici, come ha recentemente sottolineato il professor Andrea Segr, professore ordinario di Politica Agraria Internazionale e Comparata e promotore della campagna Un anno contro lo spreco. A questo proposito anche Assoutenti fornisce delle raccomandazioni ai consumatori: Bisogna tenere il frigorifero sempre controllato, tenere sui ripiani pi alti i prodotti in scadenza, ma anche pianificare con attenzione la spesa e stare attenti a cosa si mette nel carrello conclude Curatti.

Attenzione anche allo spreco domestico

Cronaca

Sabato 19 Gennaio 2013

Esiste una reale emergenza sicurezza?


La crisi accentua la microcriminalit. Ma non si registra un vero e proprio allarme
remona: citt sicura o realt urbana dove si vive nella paura quotidiana? A seguito di alcuni fatti di cronaca che si sono susseguiti dalla scorsa estate, tra cui i blitz nei parchi , episodi di prostituzione nel centro cittadino e due aggressioni, le opinioni dei cittadini si dividono. Lasciando da parte i casi estremi di chi vorrebbe sostituire le forze dellordine con una milizia cittadina, c chi guarda con preoccupazione crescente a simili episodi e chi, invece, li considera fatti sporadici che, seppure meritevoli di attenzione, sono tuttavia pretesto di strumentalizzazioni politiche o montature giornalistiche. Esiste allora una questione sicurezza a Cremona e, in caso di risposta positiva, a che livello ? In attesa della presentazione del bilancio dellattivit svolte nel 2012, dal comando dei Carabinieri di Viale Trento Trieste fanno sapere che, in generale, alla luce dei dati non emergono particolari criticit per la zona di Cremona e dintorni. Certo, vi sono episodi che vanno oltre la microcriminalit (si ricorda ad esempio la gang della droga, smantellata a dicembre dai Carabinieri a Soresina), ma non si registra una situazione tale da far parlare di un vero e proprio allarme sicurezza. Vi sono alcune zone in cui si sono registrati fenomeni che vanno oltre il furto in appartamento o le scaramucce fuori dal bar: ad esempio nella zona di Soresina, dove stato scoperto e debellato dallArma un ingente traffico di stupefacenti nel mese di dicembre, e dove la sera dellEpifania si consumata la violenta aggressione di un

di Michele Scolari

Le opinioni dei cittadini a confronto: la citt sicura?

Unioncamere: premiate Cat Asvicom e Oleificio Zucchi


Gran finale della selezione e raccolta 2012 di buone prassi aziendali per la Responsabilit sociale dimpresa in Lombardia giunta alla quarta edizione. Limportante iniziativa promossa dalle Camere di Commercio lombarde con Unioncamere Lombardia sostiene e valorizza le imprese impegnate in comportamenti socialmente e ambientalmente responsabili, attente al territorio, ai lavoratori e alla comunit che hanno voluto dare evidenza delle loro scelte coraggiose. A fronte dellampia adesione delle imprese lombarde di tutti i comparti che hanno scelto di assumersi le loro responsabilit in modo proattivo e consapevole verso la societ e lambiente, sono state selezionate 78 aziende lombarde disseminate su tutto il territorio regionale che sono state premiate da Unioncamere Lombardia il 16 gennaio a Milano nel corso dellevento che si tenuto in mattinata a Palazzo Turati. Tra queste, a ricevere il premio sono state due aziende cremonesi: il Centro di assistenza tecnica alle imprese Cat Asvicom e lOleificio Zucchi Spa.

Nel traffico degli stupefacenti i pusher si recano fuori provincia per rifornirsi, segno che le basi sono altrove
anziano. Ma in generale non risulta una ripetitivit ed una recrudescenza tale di fenomeni da indurre a lanciare un vero e proprio allarme. Vi sono indubbiamente fenomeni di microcriminalit, come ad esempio quello dei topi dappartamento o del taccheggio, che difficile eliminare completamente, nei confronti dei quali lattenzione rimane alta: questo tipologia di fenomeni collegata anche alla crisi economica, che diminuisce il denaro a disposizione. Anche sul fronte del traffico degli stupefacenti non si pu parlare di un vero e proprio allarme. Pi che come polo di smistamento, la zona di Cremona e dintorni si configura come luogo dimportazione per lo spaccio al dettaglio, pi che di vendita allingrosso. Sempre pi spesso per lapprovvigionamento gli spacciatori si recano a Brescia, Milano e Bergamo. Fatta eccezione dunque per il caso dei due albanesi arrestati per detenzione di cocaina a giugno e settembre dello scorso anno, e della gang della droga di Soresina, non si pu parlare di un grosso canale per il traffico degli stupefacenti i pusher locali si rivolgono sempre di pi alle piazze di Milano, Brescia o Bergamo.

Dai blitz nei parchi la situazione sembra migliore

La prevenzione ha avuto la sua parte

Anche riguardo ai trascorsi problemi nei parchi cittadini, non si sono pi registrati episodi come quelli al parco Sartori o a quello del Vecchio Passeggio. Merito anche e soprattutto della forte attivit di prevenzione attuata dalle forze dellordine, presenti sul territorio con numerose unit per pattugliamenti e servizi di controllo. Certo, anche se in molti casi i mattinali sono vuoti, non bisogna abbassare la guardia. Occorre continuare nellattivit di prevenzione, ricordando anche che in questo settore la collaborazione dei cittadini pu fare molto.

Patenti di guida, da oggi si cambia


Parte la nuova normativa: salgono a quindici le categorie
ntra in vigore oggi la nuova normativa sulle patenti, che ridisegna le regole per ottenere la licenza di guida. Tra le principali novit troviamo un numero maggiormente diversificato di categorie delle patenti - che passano da 9 a 15, la scomparsa del "patentino" per i motorini e una normativa che prevede la decurtazione di punti anche ai minorenni, se la legge lo prevede. La nuova disciplina nasce dal recepimento di due direttive europee la2006/126 e la 2009/113 - attraverso il decreto legislativo59/2011. Lobiettivo migliorare il livello di sicurezza stradale e la formazione dei conducenti, oltre ad armonizzare e facilitare la libera circolazione di merci e persone in Europa. Un'altra novit significativa riguarda le categorie C (camion) e D (autobus), che vengono sostituite dalla C1e dalla D1, conseguibili a 18 e 21 anni, mentre per conseguire la C e la D "piene" bisogner avere rispettivamente 21 e24 anni. La patente B1 consentir invece di guidare le micro car con massa superiore a 400 kg e sar conseguibile a 16 anni. Per i minorenni - e questa una delle principali novit - viene invece introdotta una nuova

Sabato 19 Gennaio 2013

Cronaca

Non pi il patentino per i motorini, ma una vera e propria patente. Anche i minorenni potranno subire la decurtazione dei punti

di Laura Bosio

I NUOVI LIMITI DI ETA

Et minima per conseguire le varie categorie di patente o per guidare le varie categorie di veicoli: 14 anni Veicoli cui abilita la patente AM, purch non si trasportino altre persone oltre al conducente. 16 anni Veicoli cui abilita la patente A1 purch non si trasportino altre persone oltre al conducente; Veicoli cui abilita la patente B1 purch non si trasportino altre persone oltre al conducente. 18 anni Veicoli cui abilitano le patenti AM, A1 e B1 che trasportino altre persone oltre al conducente;

- Veicoli cui abilita la patente A2; - Veicoli cui abilitano le patenti B e BE; - Veicoli cui abilitano le patenti C1 e C1E.

20 anni Veicoli cui abilita la patente A a condizione che il conducente sia titolare di patente A2 da almeno due anni. 21 anni - Tricicli cui abilita la patente A; - Veicoli cui abilitano le patenti C e CE; - Veicoli cui abilitano le patenti D1 e D1E; - Veicoli per i quali richiesto un certificato di abilitazione professionale di tipo KA o KB. 24 anni - Veicoli cui abilita la patente A; - Veicoli cui abilitano la patenti D e DE.

Le novit non valgono per chi lha presa prima del 18 gennaio

categoria - la AM - per motorini e micro car, che va a rimpiazzare il Certificato di idoneit guida ciclomotore (o patentino). Questa patente potr, come il Cigc, essere presa a 14anni (per la guida all'estero ce ne vogliono 16) ma, a differenza di prima, per ottenerla bisogner sostenere un esame identico a quello per la patente A. Infine, anche ai possessori di patente AM verranno tolti i punti, se commettono infrazioni che lo prevedono. Inoltre, in caso di sospensione della licenza di guida, dovranno sottoporsi alla revisione. Sempre per i minorenni, non sar pi possibile preparare a scuola la prova teorica: d'ora in poi o ci si presenter da privatisti o vi sar l'obbligo di frequentare la scuola guida.

La patente A1 (quella per le moto 125) si potr prendere a 16 anni mentre la nuova A2 (che consente di guidare moto fino a 35 kw) a 18. Per avere la A (guida di tutte le moto senza limitazioni) bisogner avere 20 anni, ma solo se si ha la A2 da almeno 2 anni, altrimenti bisogner attendere i 24. Le novit non verranno applicate a chi ha preso la patente prima del 18 gennaio 2013: le licenze conseguite entro quella data, dice la circolare del ministero, conservano la loro efficacia. Vediamo di seguito, una ad una, tutte le nuove categorie. AM. Permette di condurre: ciclomotori a due ruote (categoria L1e), veicoli a tre ruote (categoria L2e), quadricicli leggeri di massa a vuoto inferiore o pari a350 kg (categoria L6e), tutti e tre con velocit massima non superiore a 45 km/h, cilindrata

inferiore o uguale a50 cm3 se a combustione interna, oppure di potenza nominale continua massima inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici. A1. Permette di guidare motocicli di cilindrata massima di 125 cm3, di potenza massima di 11 kW e tricicli di potenza non superiore a 15 kW. A2. Da accesso a motocicli di potenza non superiore a35 kW. A. Permette di guidare qualsiasi moto, senza limitazioni. B1. Quadricicli diversi da quelli guidabili con patente AM con massa a vuoto inferiore o pari a 400 kg. B. Autoveicoli di massa massima autorizzata non superiore a 3.500 kg per il trasporto di non pi di otto persone oltre al conducente. BE. Complessi di veicoli composti di una motrice della categoria B e di un rimorchio o semirimorchio con massa mas-

sima non superiore a 3.500 kg. C1. Autoveicoli la cui massa massima autorizzata superiore a 3.500 kg, ma non superiore a 7.500 kg, per il trasporto di non pi di otto passeggeri, oltre al conducente. C1E. Complessi di veicoli composti di una motrice rientrante nella categoria C1 e di un rimorchio o di un semirimorchio di massa massima superiore a 750 kg, sempre che la massa autorizzata del complesso non superi i 12.000 kg; complessi di veicoli composti di una motrice rientrante nella categoria B e di un rimorchio odi un semirimorchio di massa superiore a 3.500 kg, sempre che la massa del complesso non superi i 12.000kg. C. Autoveicoli la cui massa massima autorizzata superiore a 3.500 kg e progettati e costruiti per il trasporto di non pi di otto passeggeri, oltre al conducente.

CE. Complessi di veicoli composti di una motrice rientrante nella categoria C e di un rimorchio o di un semirimorchio di massa massima superiore a 750 kg. D1. Autoveicoli per il trasporto di non pi di 16persone, oltre al conducente, di lunghezza massima di 8metri. D1E. Complessi di veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D1 e da un rimorchio di massa massima superiore a 750 kg. D. Autoveicoli progettati e costruiti per il trasporto di pi di otto persone oltre al conducente. A tali autoveicoli pu essere agganciato un rimorchio di massa massima non superiore a 750 kg; DE. Complessi di veicoli composti da una motrice rientrante nella categoria D e da un rimorchio di massa massima superiore a 750 kg.

Cronaca

Sabato 19 Gennaio 2013

PoLiticA Per la Regione: Ruggeri, Cavazzini, Alloni. Per la Camera: Fontana, Manfredini, Digennaro. Per il Senato: Pizzetti, Magnoli, Abbate

Nella giornata di sabato conosceremo con certezza tutti i nomi dei candidati che prenderanno parte alla tornata elettorale per il Parlamento. Intanto i candidati del Pd si conoscono

Pd: la sfida maggiore? Recuperare il voto degli astenuti


gi da alcuni giorni, come pure quelli di Sel per le elezioni nazionali. Sono in fase di definizione proprio in queste ore (mentre andiamo in stampa) le candidature di Pdl e Lega, anche se i nominativi sono quasi certi. Sono stati invece resi noti i nomi alla Camera dell'Udc, a sostegno di Mario Monti: Giuseppe Foderaro, Ugo Rizzi, Paola Biaggi, Gloria Grazioli, Emanuele Cabini. Al Senato invece ci sono Rosalinda Busseti e Martino Boschiroli. Gi noti Per quanto riguarda le regionali, sono stati resi noti i nomi per la lista civica di Ambrosoli: Michelangelo

Gaggia, Paola Bandini e Jean Claude Mugabo Uwihanganye. Gi noti da tempo, invece, i nominativi di Futuro e libert: Roberto Dall'Olmo, Marco Stanga e Alessandra Azzali.

regionali
RoBERto MARoNi
Pdl
Carlo Malvezzi, Simone Beretta, Gabriele Gallina, Antonio Agazzi, Cesira Bassanetti. Donato Daldoss, Paolo Abruzzi.

Lega

Federico Lena, Bernardette Bossi, Antonella Simonetta.

Partito Pensionati
Giacinto Boldrini.

UMBERto AMBRoSoLi
Lista civica Ambrosoli
Jean Claude Mugabo Uwihanganye Michelangelo Gaggia Paola Bandini Giovanni Cuccia di Laura Bosio Italia un problema non da poco. Ed anche su questa grossa percentuale di popolazione che lavoreremo, cercando di riportare la gente alle urne. LA PAROLA AI CANDIDATI Luciano Pizzetti: Abbiamo un duplice obiettivo: vincere le elezioni regionali e quelle politiche, utilizzano ogni energia a disposizione. Il nostro compito dare omogeneit politica a due enti importantissimi per l'Italia: Stato e Regione Lombardia. Ci troviamo di fronte al fallimento del Governo regionale e ora i cittadini dovranno scegliere tra la riproposizione della vecchia congrega e una proposta nuova, la nostra. Il centrosinistra pu rappresentare un solido governo per il nostro Paese, pu fare la differenza. Annamaria Abbate. Con Bersani e Ambrosoli si pu dare una svolta storica all'Italia, e il Pd ha dalla sua una grande ricchezza e variet di esperienze. Sono convinta che le possibilit di vittoria non ci manchino. Ivana Cavazzini. La nostra forza sta in una grande variet di proposte ma anche in una buona percentuale di candidature femminili. Allora votare Pd e votare donna significa voltare finalmente pagina. Ci troviamo in un periodo di profonda crisi e difficolt da cui imperativo uscire: per affrontare questa situazione il Pd ha pensato un modello progettuale di futuro che porti a un'Italia pi giusta. Cinzia Fontana. "L'Italia giusta" deve essere lo slogan di questa campagna elettorale. Siamo un partito che vuole parlare al Paese che lavora, che produce, alle reti sociali... Abbiamo le potenzialit per ottenere un risultato straordinario soprattutto in un territorio come il nostro, dove necessario dare risposte serie contro una crisi che tocca in profondo il mondo produttivo. Vogliamo portare il Paese fuori da questa fase difficile, senza facili slogan elettorali, ma con proposte concrete e attuabili. Agostino Alloni. Bisogna cambiare il governo del Paese e della Regione Lombardia, e l'unica alternativa che vinca Ambrosoli. Il nostro compito di dare forza a questa possibilit. Titta Magnoli. Abbiamo messo in campo nove persone adatte ad affrontare una sfida che particolarmente importante, soprattutto in Lombardia, terreno in cui la battaglia sar pi vivace. Non possiamo assolutamente lasciare la Regione alla Lega. Maura Ruggeri. Con Ambrosoli presidente, le parole chiave sono due: il coinvolgimento delle persone e dei cittadini e la legalit, cosa di cui nel Paese c' estremamente bisogno. Alessia Manfredini. Il Pd ha dimostrato di avere coraggio e di essere credibile. Per questo sono convinta che si possa vincere, sia in Lombardia che a livello nazionale. Valentina Digennaro. Questi ultimi anni sono serviti al Pd per assestarsi e capire quale percorso comune intraprendere. Il partito serio e capace di confrontarsi, come hanno dimostrato anche le Primarie. Insomma, quest'anno abbiamo tutte le carte in regola per vincere. Agostino Alloni, Maura Ruggeri, Ivana Cavazzini.

Partito democratico

Psi

Sel:

Clara Rossini, Lorenzo Ravizza, Tiziana Ida Sozzi.

ntra nel vivo la campagna elettorale del Partito Democratico, che gioved pomeriggio ha presentato i propri candidati a Camera, Senato e Regione Lombardia. Per la Regione sono: Ivana Cavazzini (sindaco di Drizzona) , Maura Ruggeri (consigliere comunale) e Agostino Alloni (consigliere regionale uscente). Per la Camera: Cinzia Fontana (gi senatrice e capolista in Lombardia 3), Alessia Manfredini e Valentina Digennaro, appena 24enne (nonch responsabile del gruppo giovani del Pd di Crema, studentessa). Per il Senato: Luciano Pizzetti (gi deputato), Titta Magnoli (segretario provinciale del Pd) e Annamaria Abbate (consigliere comunale). Il segretario provinciale Titta Magnoli sottolinea: Il "ritorno di fiamma" tra Lega e Pdl, peraltro prevedibile, dimostra che temono la vittoria del Pd. La sfida maggiore, tuttavia, sar quella di recuperare il voto degli astenuti. Purtroppo in

GABRiELE ALBERtiNi
Movimento civico lombardo
Roberto Vitali, Fausta Galli, Gianluca Pettinati.

SiLvANA cARcANo
Movimento 5 stelle
Anna Sari, Matteo Della Noce, Paride Crotti.

cARLo MARiA PiNARDi


Fermare il declino
Simone Bini, Letizia Sommariva, Alessandro Rossi.

camera e senato
PiERLUiGi BERSANi
Partito Democratico
Camera Cinzia Fontana Alessia Manfredini Valentina Digennaro Senato Luciano Pizzetti Titta Magnoli Annamaria Abbate

Sinistra Ecologia e Libert

Camera Franco Bordo Elisabetta Cabrini Roberto Pennacchioli Senato

Sel: E ora di fare un governo di centrosinistra


Nessun compromesso con Monti: lo ha ribadito gioved scorso Sinistra Ecologia e Libert nel presentare i propri candidati alla Camera e al Senato. Nella lista lombarda per il Senato troviamo Monica Frassoni, co-presidente del Partito Verde Europeo (primo posto), Tino Magni, ex coordinatore regionale di SEL (secondo posto), Donatella Carbonetto, Emilio Dioli e Giovanna Denti. Per quanto riguarda la Camera, subito dopo quello di Vendola c il nome del coordinatore regionale di Sinistra, Ecologia e Libert, il cremasco Franco Bordo. Ci sono poi Elisabetta Cabrini e Roberto Pennacchioli. Monica Fassoni ha dichiarato che ora di fare un governo di centrosinistra, e per farlo non c' bisogno di "innesti" come Monti, Fini e Casini. Oggi dobbiamo lavorare per una riconversione ecologica dell'economia, e il Piano energetico di Monti molto confuso. Senza contare che le ricette di austerit che ci ha proposto in quest'ultimo anno hanno contribuito alla recessione, e vanno modificate. fondamentale portare avanti anche il tema dell'inquinamento in Lombardia, il cui governo attuale ha dimostrato la propria incapacit nell'approntare un Piano che risolvesse il problema. Tema importante su cui SEL vuole intervenire quello del lavoro, come conferma Tino Magni, proveniente dal mondo sindacale. Bisogna cambiare le leggi su questi temi: dalla contrattazione sull'articolo 8 alla questione dell'articolo 18, che va ripristinato, al problema del reddito minimo garantito. Attacca Magni: La destra pensa solo ad impedire di governare al centrosinistra, ma non ha una seria proposta di Governo del Paese, mentre il Centro convinto, pur non avendo i voti, di essere legittimato a governare. Secondo Franco Bordo, un altro tema fondamentale quello dei diritti civili. Oggi l'Italia fortemente distante dal resto d'Europa, su questi temi. Manca una legge che regolamenti le unioni civili, che autorizzi i matrimoni tra omosessuali, che si occupi della fecondazione assistita. C' un concetto di modernit che in Italia ha forte bisogno di essere portato avanti. Bordo anche grande sostenitore delle necessit del mondo agricolo, che nell'economia del nostro territorio hanno una preponderanza rilevante. Elisabetta Cabrini, insegnante e neofita della politica, ha invece sottolineato che la scuola ha grande bisogno di essere al centro delle programmazioni politiche, perch il luogo in cui si promuovono i diritti di cittadinanza.

Lavoro, diritti civili, agricoltura, ecologia, scuola: i temi di Sinistra Ecologia e Libert

Monica frassoni Tino Magni Donatella Carbonetto Emilio Dioli Giovanna Denti Fli Camera Roberto Dall'Olmo Marco Stanga Alessandra Azzali

MARio MoNti
Udc Camera Giuseppe Foderato Ugo Rizzi Paola Biaggi Gloria Grazioli Emanuele Cabini Senato Rosalinda Busseti Martino Boschiroli

Le ricette di austerit di questi ultimi anni hanno contribuito alla recessione

SiLvio BERLUScoNi
Pdl Camera Gianni Rossoni Senato Mino Iotta Lega Camera Filippo Bongiovanni Roberta Paloschi Senato Silvana Comaroli Italico Maffini

Fermare il declino

oScAR GiANNiNo
Camera Gimmi Distante Aurelio Gugliandolo

Movimento 5 stelle

BEPPE GRiLLo
Camera Danilo Toninelli Alberto Borell Davide Imberti Fausto Bolzoni

Sabato 12 Gennaio 2013

Cronaca

verde pubblico

Piazza IV Novembre, via al progetto di riqualificazione

Q
Presentato nei giorni scorsi il progetto di riqualificazione del giardino posto al centro di piazza IV Novembre. Lintervento sar realizzato dalla societ Esselunga S.p.A. di Limito di Pioltello (Milano) alla quale il Comune di Cremona ha affidato la sistemazione e la manutenzione di questa area verde fino al 31 dicembre 2014. Si tratta di un contratto di sponsorizzazione, eventualmente rinnovabile, che non prevede oneri a carico dellamministrazione. Da tempo, come ha spiegato lassessore Francesco Zanibelli, il Comune ha deciso di avviare una sperimentazione per ricercare soggetti privati e pubblici che intendessero proporsi come sponsor per la riqualificazione e la manutenzione di alcune aree verdi comunali. Tra le proposte sopraggiunte, si per il momento definitivamente concretizzata quella di Esselunga S.p.A., altre, una decina, sono in fase di perfezionamento e riguardano non solo la sistemazione di rotatorie poste allingresso della citt, ma anche di aree riservate al passeggio dei cani. Tra i progetti in via di definizione - ha aggiunto lassessore - vi quello relativo alla rotatoria di via Postumia dove lo sponsor Lgh. Lintervento prevede il taglio al piede e lestirpazione delle ceppaie delle quattro piante di pino presenti allinterno delle aiuole centrali. Sar valorizzato il filare perimetrale di celtis australis e verranno effettuati interventi di potatura. Saranno tolte sette piante e nove saranno mantenute. Se la conformazione del sottofondo e lintegrit delle radici lo consentono, due delle piante da togliere saranno reintegrate. In questo modo le piante da eliminare sarebbero cinque, che verranno collocate altrove. E prevista leliminazione delle siepi di ligustro nelle aiuole interne, mentre sar manteunta quella esterna come virtuale divisione tra larea a verde e la viabilit circostante. Sar mantenuta la striscia di calcestre sul lato nord per lingresso dei mezzi di manutenzione. Larea sar dotata di impianto irriguo a servizio delle piante e del prato delle aiuole interne. Particolare attenzione verr riservata agli arbusti esistenti con la potatura delle piante di melograno e lagerstroemia. I lavori saranno completati entro la fine di marzo, cos da potere iniziare poi la manutenzione con lavvicinarsi dei mesi pi caldi. L'importo investito sar di 25mila euro. Il Comune ha inoltre preannunciato che per la prossima estate si sta pensando ad una forma di animazione di alcune aree verdi cittadine frequentate soprattutto da persone anziane. Grazie alla collaborazione del complesso bandistico Citt di Cremona e al sostegno di alcuni sponsor, si terranno intrattenimenti musicali con lesecuzione di brani degli anni Sessanta.

Ma c chi resiste: Ritengo che le cose migliori siano quelle fatte da noi, senza supporto di una macchina
di Giulia Sapelli aremmo in grado di fare a meno di alcune tecnologie, come, ad esempio, i telefoni cellulari? Sembrerebbe di no, almeno secondo una recente indagine Istat, secondo la quale il cellulare ormai presente nel 92,4% delle famiglie. Oltre a quello, tra gli oggetti appartenenti alle nuove tecnologie per linformazione e la comunicazione quelli pi diffusi tra le famiglie italiane sono il lettore Dvd (59,4%) e il personal computer (59,3%). Laccesso a Internet disponibile nel 55,5% delle famiglie e il 48,6% possiede una connessione a banda larga. Meno diffusi sono invece lantenna parabolica (33,8%), il cellulare abilitato alla trasmissione di immagini e di dati (34,7%), la videocamera (25,2%) e la consolle per videogiochi (20,3%). Rispetto al 2011, risultano in aumento le famiglie che dispongono di una connessione a banda larga (linea telefonica Adsl o altro tipo di connessione a banda larga), che passano dal 45,8% al 48,6%. Sale dal 33,1% al 34,7% la quota di famiglie con un cellulare abilitato alla trasmissione di immagini e dati. Ma in che modo la tecnologia ha cambiato le abitudini di vita? Lo abbiamo chiesto ad alcuni cittadini. Certe tecnologie mi sono diventate indispensabili, non potrei pi farne a meno racconta Matteo, ingegnere 31enne. Con lo smart phone sono costantemente in contatto con il mondo, attraverso la rete. In questi ultimi anni sono nate tantissime applicazioni che ti permettono di fare davvero di tutto solo usando il cellulare: comunicare in tempo reale per iscritto, gestire la propria agenda di lavoro, poter consultare costantemente la posta elettronica, ovunque ci si trovi. Questo permette anche di velocizzare molto i tempi di lavoro, risparmiando tempo prezioso. I modi di comunicare si sono moltiplicati, grazie ad applicazioni come Viber, Watsapp, Google talk, Skype, che permettono una chat in tempo reale con chiunque. Per me il cellulare strumento di svago racconta Stefano, operaio 23enne. Tuttavia non potrei pi farne a meno. Lo utilizzo per consultare le guide dei programmi tv, per registrare i film che mi piacciono sulla pay tv quando faccio i turni di notte e non li posso vedere in diretta. Mi molto utile anche perch ha il navigatore incorporato, cos non ho dovuto spendere soldi ulteriori per comprarmelo a parte. Ma la tecnologia oggi molto utile anche per gestire una casa. Mio marito ha insistito per installare un

Tutti connessi con il mondo


LIstat rileva una diffusione sempre pi accentuata delle nuove tecnologie

impianto di domotica in casa, e inizialmente non ero d'accordo, ma ora mi sono ricreduta racconta Teresa, 43 anni, casalinga. Ora se sono fuori posso decidere di far partire la lavastoviglie, il riscaldamento, installare o disinstallare l'allarme... insomma, una comodit non da poco. Il tutto usando solo il telefonino. Mi fa sentire pi libera e meno ansiosa di dimenticare qualcosa. L'evoluzione tecnologica importante anche per la cultura. Esistono applicazioni per lo smart phone o l'ipad che permettono di avere in tempo reale le informazioni su un luogo che si sta visitando, dove si trovano i luoghi di interesse pi vicini, dove trovare un buon ristorante, ecc. Un'innovazione che vede crescere lapprezzamento quelle dello e-book, come dimostra la rapida diffusione, negli ultimi anni, dell'e-book reader: si tratta di un apparecchio che permette di leggere libri in formato elettronico, anche se non tutti sono disposti ad abbandonare il tradizionale libro stampato. I libri sono fatti di carta, di fogli ancora profumati di stampa, di copertine colorate ... questo il loro fascino, intramontabile dice Vittoria, 52 anni, commessa. L'idea del libro elettronico non mi affascina, nonostante mia figlia ne abbia uno e lo utilizzi assiduamente. Resto legata al tradizionale concetto di lettura. Dello stesso parere Annalisa, architetto,

Mi hanno regalato lo smart phone, ma non lo so usare

34 anni, secondo cui leggere su un apparecchio elettronico mi sembra molto freddo e triste. Mi piace avere in mano un libro vero, perdere il segno e affannarmi a ritrovarlo, utilizzare i pi assurdi oggetti come segnalibro: questo il fascino della lettura, che con l'elettronica non ha nulla da spartire. Tuttavia per qualcuno una soluzione davvero comoda spiega Renato, 40 anni, agente di commercio. Non ci credevo, ma da quando ho provato l'e-book reader non l'ho pi abbandonato. Mi permette di leggere in qualsiasi situazione e mi utile soprattutto quando viaggio per lavoro: evito di portare con me diversi libri, che mi appesantiscono il bagaglio, perch con un solo apparecchio posso portarmi in giro centinaia di libri. La cosa certa che la tecnologia affascina maggiormente i pi giovani: secondo il dato Istat, infatti, le famiglie in cui presente almeno un minorenne si dimostrano quelle a pi alta intensit di tecnologia Ict: il personal computer e laccesso a Internet sono disponibili, rispettivamente, nell83,9% e nel 79% dei casi. Anche se non sempre questa situazione apprezzata dai genitori. Mio figlio passa la vita attaccato al computer, ai cellulari, ai social network, e non so pi cosa fare per dirottare la sua attenzione verso altre attivit racconta Tiziana, 48 anni, madre di

un ragazzo di 17. Non ho una grande passione per la tecnologia, ma posso comprendere la sua. Solo che ad un livello davvero eccessivo. Esiste una vita anche fuori di casa, ma lui sembra non capirlo.... Sul versante opposto, le famiglie costituite esclusivamente da persone di 65 anni e pi si confermano quelle meno provviste di beni e servizi tecnologici: appena il 13,9% di esse possiede il personal computer e soltanto l11,8% dispone di una connessione per navigare in Internet. Lunico bene ampiamente diffuso nelle famiglie di questa tipologia il cellulare, il cui possesso comunque molto inferiore alla media nazionale (il 70,9% rispetto al 92,4%). Mia nipote ha voluto regalarmi a tutti i costi lo smart phone, ma dopo aver provato a capire come funziona, l'ho messo da parte: non sono in grado di gestire una tecnologia simile racconta Ernesto, 60 anni. A me piace la vita senza troppe complicazioni, e questo boom tecnologico proprio non mi piace. Trovo che sia alienante, soprattutto per i nostri giovani, che sanno usare alla perfezione internet e il computer ma non sono pi in grado di gestire i propri rapporti interpersonali. Inoltre ritengo che le cose migliori siano quelle fatte da noi, senza supporto di una macchina. Mia moglie si sempre rifiutata di comprare una lavastoviglie, perch convinta che per lavare bene i piatti serva "olio di gomito". Non posso che darle ragione.

Cremona

Sabato 19 Gennaio 2013

Quando a Cremona cera la pena di morte


N
di Michele Scolari Non sono molto note, in citt, le vicende che riguardano le condanne a morte tra medioevo ed et moderna, compresa una storia dai toni macabri e misteriosi, legata alle esecuzioni capitali nella nostra citt. Stando ad alcune fonti storiche locali, tra le quali Agostino Cavalcab, nella strettoia compresa tra il Battistero e ledificio sopra il Camposanto dei Canonici (detto anche Scarsella o Cappella di San Giovanni) vi era una struttura nella quale si dice venissero rinchiusi i condannati a morte: secondo alcuni era la parte ora mancante della Scarsella un tempo annessa al Battistero e demolita nel 500, mentre secondo altri si trattava di una gabbia posta nella medesima posizione della Scarsella quando questa era gi stata demolita (del punto in cui si agganciava al Battistero rimane una traccia sul lato nord, prospiciente ledificio sopra il cimitero dei Canonici, dove ancor oggi si nota un arco in pietra internato nel muro e sormontato dai segni di due spioventi). In ogni caso qui si dice si trovassero i condannati a morte, in attesa di essere trasferiti nella cappella di S. Gerolamo dove passavano in preghiera lultima notte prima dellesecuzione (segnalata dal lugubre suono della campana del palazzo Comunale la sera precedente, all'una di notte e all'alba). La parte che univa il Battistero alla Cappella venne demolita verso la met del XVI secolo (il Puerari spiega che se ne decurtarono ben sei braccia per liberar il battistero dintorno); e nessuna traccia rimane di uneventuale gabbia posizionata successivamente. Ma una testimonianza sembra comunque essere rimasta alla base dei lati nord e nord-est del Battistero (quindi dalla parte di Piazza Zaccaria). Osservando i mattoni, vi si notano incise delle scritte: si dice che siano quelle lasciate nei secoli dai detenuti ivi rinchiusi. Tra quella ancora leggibili (altre sono irrimediabilmente sbiadite) vi sono semplici iniziali e firme per esteso assieme a numerose date (in

LA STORIA Sul lato nord del Battistero si vedono ancora le scritte incise dai condannati al patibolo

Impiccagioni e torture allombra del Torrazzo tra XIV e XVIII secolo


Piazza Padella
ric St is at ich Ap de ta

Gli impiccati erano tumulati a S. Girolamo

una si legge chiaramente 1704), ma vi si riconoscono anche alcune invettive alle autorit cittadine laiche e religiose. Poco si sa comunque su questa struttura, giacch fra il XIV e il XVIII secolo pi fonti posizionano le prigioni dentro palazzo Comunale, nellala che da sullattuale via Lombardini (detta in passato appunto La Guardiola, mentre al piano superiore erano lalloggio del Giudice e il Tribunale). Sorvegliate da un Capitano e da alcuni Sbirri, le prigioni contavano diversi locali, descritti dai documenti come angusti, bui e maleodoranti (il Cavalcab dice che la lettiera di paglia spesso tardava a venire cambiata, costringendo i condannati, gi esposti alla fame ed al freddo, a vivere tra fetidi miasmi). Sul lato di piazza Stradivari (dove ora si trovano gli uffici di Spazio Comune) cera lingresso, sormontato da un porticato con una trave alla quale venivano appesi i detenuti durante le torture. Sino al XVI secolo circa, le esecuzioni si tenevano davanti alla chiesa di S. Erasmo (ora non pi esisten-

Sino al XVI secolo le esecuzioni avvenivano alla Chiesa di S. Erasmo

te). I condannati raggiungevano la forca in una processione che partiva dalla prigione, passava dalla chiesa di S. Girolamo (via Sicardo), e si snodava poi per il Vicolo degli Impiccati (detto Stricta de Apichatis, continuazione non pi esistente del vicolo S. Girolamo) e le attuali via XI Febbraio, via Manini e via S. Era-

smo. Dal 600 il patibolo risulta collocato nellattuale piazza Stradivari, davanti alla Torre del Capitano (ancora visibile, inglobata nelledificio dellex Casa di Bianco). Lo spostamento si intuisce anche dal cambio di residenza del Boia, situata sino alla met del 500 in via Palio dellOca (che si chiamava appunto

Contrada del Carnefice), e trasferito dal 1560 circa in alcuni locali sopra la Sala del Consiglio di Palazzo Comunale. Alla Confraternita della Beata Vergine della Misericordia e di San Giovanni Decollato, con sede nella chiesa di S. Girolamo, era affidata lassistenza ai condannati, incluso laccompagnamento al patibolo (in veste bianca e a volto coperto) e la sepoltura, che avveniva nel Sepolcro detto dei Francesi. Gli impiccati invece venivano tumulati dapprima nel cortiletto ai piedi del Torrazzo (detto appunto il Campo Santo) e, una volta pieno, dalla seconda met del 600 nella cappella della chiesa di S. Girolamo (il luogo indicato da una lastra marmorea ancor oggi visibile e per questo la chiesa veniva detta anche degli impiccati). Annota Agostino Cavalcab che un elenco completo dei giustiziati a Cremona non stato tramandato, ma certo che le esecuzioni erano frequenti e, in molti casi, anche alquanto crudeli. Dai documenti risulta che ancora tra 500 e 600 i condannati venissero anche decapitati, bruciati (arsi al focho), fatti a pezzi (tenayati et squartati) o giustiziati tramite fratture multiple causate da una ruota di legno (arrotati). Per lo pi si trattava di assassini o banditi, ma nelle fonti scritte sono riportate anche condanne singolari come quella inflitta a met del 700 a tali Domenico C. e Andrea D., giustiziati per essere stati sorpresi in compagnia di una donna vestita da uomo. Si rischiava inoltre parecchio anche per reati minori: nel XVI secolo per un furto veniva cavato un ogio e per calunnie di una certa gravit schiapata (tagliata) la lingua con una forbesina. Talvolta poi, per intimorire il popolo, i corpi venivano esposti sulla Piazza Piccola (la Platea Minor, attualmente Stradivari), offrendo uno spettacolo certo raccapricciante per i passanti, come raccapricciante, nella sua essenzialit, era la dicitura usata per indicare le esecuzioni nelle delibere del Consiglio della Magnifica Comunit di Cremona: oggi forca.

SABATO 19
10.05 10.55 11.10 12.00 13.30 14.00 14.30 17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.35 21.10 24.00 10.20 10.30 11.00 13.00 13.25 14.00 15.30 17.05 18.05 19.35 20.30 21.05 21.50 22.35 23.50 10.10 11.00 11.30 12.00 14.00 14.55 16.55 17.00 19.00 20.00 20.15 21.05 23.10 23.30 00.40 QUARK ATLANTE. Doc APRIRAI. Attualit UNOMATTINA STORIE.Att LA PROVA DEL CUOCO.Att TG1/TELEGIORNALE EASY DRIVER. Attualit LE AMICHE DEL SABATO.Att TG1/CHE TEMPO F A SUA IMMAGINE PASSAGGIO A NORD-OVEST L'EREDIT. Game show TG1 TELEGIORNALE AFFARI TUOI. Game I MIGLIORI ANNI. Variet S' FATTA NOTTE. . Attualit APRIRAI. Attualit SULLA VIA DI DAMASCO. Att MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG2 GIORNO / DRIBBLING SENZA TRACCIA. Tf THE LYING GAME. Telefilm NORA ROBERTS. Film SERENO VARIABILE. Attualit STORM CELL. Film COPS. Telefilm TG2 NOTIZIE CASTLE. Tf BODY OF PROOF. Telefilm TG2 NOTIZIE TG2 DOSSIER L'ISPETTORE DERRICK. Tf TGR BELLITALIA TGR PRODOTTO ITALIA.Att TG3 Sport - Meteo / TGR TG REGIONE/METEO TV TALK. Attualit TG3 L.I.S. PANE E TULIPANI. Film TG3/REGIONE/METEO BLOB. Attualit SUPERSTORIA 2013. Att E SE DOMANI. Attualit TG3/TG REGIONE AMORE CRIMINALE. Att TG3 AGENDA DEL MONDO

DOMENICA 20
09.35 10.00 10.30 10.55 12.00 12.20 13.30 14.00 16.30 16.35 18.50 20.00 20.40 21.30 23.30 06.30 09.25 10.10 10.50 11.30 13.00 13.45 15.40 17.10 18.10 19.35 20.30 21.00 21.45 22.35 09.50 10.45 11.30 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 15.10 19.00 20.00 21.30 23.45 MAXITALIA. Attualit LINEA VERDE ORIZZONTI A SUA IMMAINA SANTA MESSA RECITA DELL'ANGELUS LINEA VERDE. Attualit TG1 Telegiornale DOMENICA IN L'ARENA TG1 Telegiornale DOMENICA IN COS LA VITA L'EREDIT. Game show TG1 Telegiornale AFFARI TUOI. Game L'ISOLA. Fiction SPECIALE TG1. Attualit REAL SCHOOL. Att ALIEN SURF GIRLS. Tf RAGAZZI C' VOYAGER.Var A COME AVVENTURA. Att MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG2 GIORNO/METEO/MOTORI QUELLI CHE SPETTANO. Var QUELLI CHE. Variet STADIO SPRINT. Sport 90MINUTO. Sport COPS SQUADRA SPECIALE. Tf TG2 NOTIZIE NCIS. Telefilm ELEMENTARY. Telefilm LA DOMENICA SPORTIVA L'ISPETTORE DERRICK. Tf TGR ESTOVEST. Att TGR REGIONEUROPA. Att TG3 Sport - Meteo / TGR TELECAMERE. Attualit PRIMA DELLA PRIMA PASSEPARTOUT. Att TG3/REGIONE/METEO MINI RITRATTI. Att ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO. Doc TG3/REGIONE/METEO BLOB/PRESA DIRETTA PRESADIRETTA. Att SOSTIENE BOLLANI. Var 09.50 10.50 11.30 12.00 12.55 14.00 14.45 15.30 15.55 17.45 18.55 19.35 20.40 21.30 23.35

SABATO 19
CARABINIERI 2.Telefilm RICETTE DI FAMIGLIA. Att TG 4/METEO/NOTIZIE/TRAFFICO UN DETECTIVE IN CORSIA. Tf LA SIGNORA IN GIALLO. Tf TG4 TELEGIORNALE LO SPORTELLO DI FORUM.Att IERI E OGGI IN TV. Attualit POIROT. Film DETECTIVE MONK. Tf TG 4 - METEO 4 TEMPESTA D'AMORE. Soap WALKER TEXAS RANGER. TF SQUADRA ANTIMAFIA. Film LIFE. Telefilm Traffico/METEO TG5 MATTINA BELLI DENTRO. Sitcom SUPERPARTES. Attualit FORUM. Attualit TG5 TELEGIORNALE/METEO 5 COUGAR TOWN. Telefilm AMICI. Talent VERISSIMO. Attualit AVANTI UN ALTRO. Game TG 5 telegiornale - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA. Variet ITALIA'S GOT TALENT. Talent AVVOCATI A NEW YORK. TF TG5 NOTTE/METEO5

DOMENICA 20
08.35 09.20 10.00 11.00 11.30 12.00 12.45 14.00 14.40 15.25 16.45 18.55 19.35 21.30 00.45 STORIE DI CONFINE.Att SLOW TOUR. Att SANTA MESSA LE STORIE DI VIAGGIO A...Att TG 4 TELEGIORNALE RICETTE DI FAMIGLIA. Att PIANETA MARE. Attualit TG4/COME SI CAMBIA. Reality DONNAVVENTURA. Att DETECTIVE MONK. Tf IL GENIO DELLA TRUFFA. Film TG4 Telegiornale - METEO 4 IL COMANDANTE FLORENT.F IL CURIOSO CASO DI B.BUTTON.F UNA VITA AL MASSIMO. Film 06.00 07.00 10.00 11.05 11.35 13.30 14.05 15.10 17.00 18.00 20.00 20.30 22.30 00.30 01.35

RETE 4

SABATO 19
TG LA7 OMNIBUS. Attualit BOOKSTORE. Attualit IL TEMPO DELLA POLITICA JOSEPHINE ANGE GARDIEN.Tf TG LA7 TUTTA LA VITA DAVANTI. Tel JOE BASS L'IMPLACABILE.F THE DISTRISCT. Telefilm L'ISPETTORE BARNABY. Tel TG LA7 IN ONDA. Attualit TUTTI GLI UOMINII DI REBECCA.F OMNIBUS NOTTE. Attualit TG LA7 SPORT

DOMENICA 20
06.00 07.00 07.30 09.50 11.15 11.35 13.30 14.05 16.50 18.00 20.00 20.30 21.30 24.00 01.05 TG LA 7 - METEO - OROSCOPO OMNIBUS. Attualit TG LA 7 TI CI PORTO IO. Attualit TI CI PORTO IO...IN CUCINA JOSEPHINE ANGE GARDIEN.Tf TG LA7 IRMA LA DOLCE. Film THE DISTRICT. Telefilm L'ISPETTORE BARNABY.Tel TG LA7 IN ONDA. Attualit ROB ROY. Film OMNIBUS NOTTE. Attualit TG LA7 SPORT

07.55 08.00 08.50 09.35 11.00 13.00 13.40 14.10 16.00 CANALE 5 18.50 20.00 20.40 21.10 00.20 01.20

07.55 TRAFFICO - METEO 5 08.00 TG5 MATTINA 08.50 LE FRONTIERE DELLO SPIRITO. Attualit 10.00 PAP HO TROVATO UN AMICO. Film 12.00 MELAVERDE. Att 13.00 TG5 Telegiornale - METEO 5 13.40 L'ARCA DI NO. Variet 14.00 DOMENICA LIVE. Variet 18.50 AVANTI UN ALTRO. Game show 20.00 TG 5 - METEO 5 20.40 STRISCIA LA DOMENICA.Var 21.00 CENTOVETRINE. Soap 23.30 DISTRETTO DI POLIZIA 10. Fic 07.00 08.35 10.35 12.25 14.00 16.00 18.00 18.30 19.00 19.15 21.25 00.25 01.30 01.55 02.25 SUPERPARTES. Attualit CARTONI ANIMATI SABRINA VACANZE ROMANE.F STUDIO APERTO - METEO DRAGON HUNTER. Film DRAGONHEART. Film LA VITA SECONDO JIM. Sitcom STUDIO APERTO COS FAN TUTTE. Sitcom AMORE A PRIMA SVISTA. F LE IENE SHOW. Variet CALIFORNICATION. Telefilm SPORT MEDIASET STUDIO APERTO DJANGO. Film

LA 7

06.20 CHANTE! Telefilm 07.00 I PINGUINI DI MADAGASCAR Cartoni animati 11.00 SCOOBY DOO. Film 12.25 STUDIO APERTO - METEO 13.40 MATRIX RELOADED. Film 16.30 TIGER-TEAM. Film 18.05 LA VITA SECONDO JIM. Sitcom 18.30 STUDIO APERTO/METEO 19.25 BEVERLY HILLS CHIHUAHUA.F ITALIA 1 21.10 ALVIN SUPERSTAR 2. Film 23.00 ARMAGEDDON. Film 00.50 SPORT MEDIASET 01.15 STUDIO APERTO 01.45 DJANGO. Film

07.00 LE NOSTRE REGIONI 08.30 ROTOCALCO 12.00 SPECIALE DI PIU: VACANZE IN MONTAGNA 13.00 SPECIALE DI PI ATLETI DA PODIO 20.00 LE NOSTRE REGIONI 20.30 RUBRICA RELIGIOSA: IL GIORNO DEL SIGNORE 21.05 SIT COM: IO E MARGHERITA 21.20 SPECIALE DI PIU: VACANZE IN MONTAGNA 23.00 LA PARTITA DI HUGONY. talk 01.00 VIAGGIO SENTIMENTALE NELLITALIA DEI DESIDERI

08.00 ROTOCALCO 09.10 SPECIALE DI PIU:VACANZE IN MONTAGNA 11.00 S. MESSA IN DIRETTA DAL DUOMO DI CREMONA 12.00 LE NOSTRE REGIONI 13.00 RUBRICA RELIGIOSA : IL GIORNO DEL SIGNORE 20.00 ROTOCALCO 21.15 SPECIALE DI PIU:VACANZE IN MONTAGNA 23.55 SIT COM: IO E MARGHERITA 00.00 VIAGGIO SENTIMENTALE NELLITALIA DEI DESIDERI con Vittorio Sgarbi

10

Sabato 19 Gennaio 2013

Gi definiti quelli di centrosinistra, ancora incertezze per il centrodestra. Alcuni dei nomi in lizza sono dati per posti sicuri

CREMA

andidature per elezioni regionali e politiche del 24 e 25 febbraio. Ormai siamo agli sgoccioli. Il centrosinistra ha gi identificato i propri rappresentanti. Il centrodestra, invece, vaga nel buio. Andiamo con ordine . Pd. Per la Regione, ritenta la corsa Agostino Alloni, consigliere uscente. A lui si aggiungono Maura Ruggeri, consigliere comunale a Cremona e Ivana Cavazzini, sindaco di Drizzona. Per la Camera, i Democratici schierano Cinzia Fontana, gi senatrice, capolista in Lombardia 3, Alessia Manfredini e la giovanissima Valentina Digennaro. Per il Senato: lex deputato Luciano Pizzetti, al 7 posto in Lombardia 3, il segretario provinciale del Pd Titta Magnoli e il consigliere comunale Annamaria Abbate. Rifondazione Comunista. Per le regionali, correranno Gianpaolo Dusi, ex sindaco di San Daniele Po e consigliere provinciale, Francesca Berardi del Comitato per lacqua pubblica e di Rete Donne e PierGiuseppe Bettenzoli, consigliere comunale a Crema e sindacalista. Per la Camera, con Ingroia, Rifondazione propone Davide Persico, sindaco di San Daniele Po, e il cremasco Alessandro Zanola, mentre Luigi Pasotto, metalmeccanico di Casalmaggiore, sar il nome per il Senato.

Tutti i candidati a Roma e al Pirellone


di Michela Bettinelli Rossi Sel (Sinistra Ecologia e Libert). Franco Bordo sar il candidato cremasco al Parlamento; con lui anche i cremonesi Elisabetta Cabrini e Roberto Pennacchioli. Per il Senato, Sel schiera la cremasca Donatella Carbonetto e i cremonesi Emilio Dioli e Giovanna Denti. Altro cremasco in lizza per Roma: Martino Boschiroli, candidato per il Senato con la Lista di Mario Monti. Il centrodestra attende ancora. Marted avremo le investiture ufficiali. La Lega Nord propone, di nuovo, il nome della parlamentare uscente Silvana Comaroli. Stimata sul territorio e amata dal partito, la soncinese deve solo decidere se correre per la Camera o per il Senato. Non se la passa bene, invece, il cremasco Alberto Torazzi: in molti giurano che non verr ricandidato; la vicinanza al Cerchio Magico pesa come una macchia indelebile. Per le regionali, i giochi sono praticamente fatti. Le cremasche Bernadette Bossi e Antonella Simonetta dovrebbero contendersi il Pirellone con il cremonese Federico Lena, vice presidente della Provincia di Cremona. Sara Villa, imprenditrice nel settore estetico, dovrebbe essere la cremasca della lista civica per Roberto Maroni Presidente con il cremonese Alberto Stasi e la casalasca Giuseppina Mussetola. I nodi stanno venendo al pettine in casa Pdl. Comunione e liberazione ha presentato un candidato per le regionali: il vice sindaco di Cremona, Carlo Malvezzi, che dato quasi per sicuro. I cremaschi, invece, stanno ancora cercando. Simone Beretta correr per il Pirellone; a fargli concorrenza c il giovane vice sindaco di Soncino, Gabriele Gallina. Si parlato anche di una candidatura al femminile, quella di Paola Orini che avrebbe rifiutato. Cos come avrebbe rifiutato, dopo una lunga riflessione, limprenditore Renato Ancorotti. in grado di poter garantire un buon risultato nel Cremasco. Gianni Rossoni avrebbe accettato gioved scorso la candidatura alla Camera nella lista del Pdl; per lui un posto quasi sicuro: il terzo o il quarto della lista. Sondaggi alla mano, la sua elezione ad alta probabilit.

Due cremaschi scrivono il programma di Maroni

Pdl, Chironi: Rinnovamento. Il documento unitario


Come c stato allinterno del Pd, non mancato lo scontro allinterno del PDL. Al centro della discussione il dualismo tra le correnti cremasche. Da un lato quella di Opimio Chironi e dallaltro quella del gruppo dirigente. Il ring stato quello del coordinamento provinciale del Popolo della Libert della scorsa settimana. E ora di fare davvero il rinnovamento ha dichiarato Chironi a margine della serata. Chi ha gi avuto molto dal partito e dalle istituzioni deve fare un passo indietro. Non si chiede di andare a casa, ma di lasciare spazio anche ad altri e pi giovani. Il riferimento per tutti i presenti alla serata stato chiaro. Lipotesi di candidare Gianni Rossoni e Per saperne di pi, bisogna Mino Jotta per Roma e Simone leggere il documento, approvato Beretta al Pirellone, ha incenallunanimit, sui criteri scelti per diato lanimo di Chironi e del la selezione dei candidati. Il dosuo gruppo. Non un problecumento contiene importanti inma di persone specifica Chirodicazioni. Per Roma, si chiede ai ni. Interpellato sullargomento, vertici di valutare almeno un noBeretta preferisce non comme locale. Per le regionali, un mentare. Non entro nella poleamministratore con esperienza, mica ha detto. Chi vuole renpresente sul territorio e senza dersi disponibile a candidarsi lo condanne penali. Tutti requisiti pu fare e lo faccia. Io lo far e Opimio Chironi cui rispondono sia Simone Beretsar anche disponibile a fare un ta, considerato esponente storico del partito, passo indietro, a favore di una candidatura sia il vice sindaco di Soncino, Gabriele Galliforte e unitaria. Il resto non mi interessa. Mi na, che tanto piace alla corrente legata a interesso del bene del nostro partito che ha a Chironi. mbr cuore il territorio.

le sessioni sottolinea Chizzoli, Il programma elettorale di abbiamo avuto modo di ragioRoberto Maroni parla anche nare su come utilizzare i 16 micremasco. Alla due giorni di liardi di euro che questa opzioComo e Cernobbio del 15 e 16 ne metterebbe a digennaio, organizsposizione. Abbiamo zata dalla Lega verificato che sarebbe Nord, cerano anpossibile abbassare la che due profespressione fiscale e fatsionisti cremaschi: to proposte su come Andrea Bignami, aiutare le famiglie, o commercialista tifavorire lingresso nel tolare di uno stumondo del lavoro di dio in citt, e Chrigiovani e donne. Ma stian Chizzoli, gi soprattutto abbiamo sindaco di CaperChristian Chizzoli visto che sarebbe davgnanica e profesvero possibile abolire sore di Marketing o attenuare lIrap e alluniversit Bocaiutare le imprese. coni. Bignami e Da un punto di vista Chizzoli sono stati emozionale - racconta selezionati, assieBignami - devo amme a una cinquanmettere che la consatina di professiopevolezza di far parte nisti lombardi, per del gruppo di tecnici ai partecipare alla stesura del proRoberto Maroni quali stato attribuito il compito di porre sul gramma di Marotavolo gli argomenti che anni. dranno a far parte del programDue giorni intensi comma di governo della nostra rementa Chizzoli, raggiunto telegione mi rende orgoglioso. La fonicamente. La prima giornaLega Nord gli fa eco Chizzoli, ta stata riservata ai tecnici ha messo in campo un modo spiega Bignami. Abbiamo lanuovo di costruzione del provorato in gruppi ristretti che gramma, dove non pi il partiavevano lobiettivo di definire to che impone idee dallalto ma come destinare le risorse prosi mette, invece, a ascoltare gli venienti dal mantenimento in stimoli che vengono dallesterLombardia di almeno il 75% no e dal territorio affidandosi a delle imposte pagate dai lomtecnici e persone con compebardi e di definire le problematitenze specifiche. Roberto Mache pi urgenti da affrontare nei roni sar luned pomeriggio a primi 75 giorni di governo della Cremona dove incontrer la regione. stampa, gli imprenditori e le asIl mantenimento del 75% sociazioni di categoria. Presenti delle imposte pagate in Lomanche Bignami e Chizzoli. bardia, infatti, uno dei cavalli mbr di battaglia di Maroni. Durante

Teresa Caso, segretaria Pd: Noi siamo del tutto tranquilli


Il movimento Cinque Stelle ha presentato la mozione di sfiducia nei confronti di Matteo Piloni. Verr discussa luned 28 nel corso di un consiglio comunale che si preannuncia rovente. La maggioranza far quadrato attorno al presidente del Consiglio comunale, mentre il Pdl continua a chiedere le dimissioni di Piloni: e-mail alla mano, Simone Beretta, riuscito a dimostrare che Piloni continua a ricoprire un ruolo importante allinterno del Pd, in contrasto con la sua carica che dovrebbe essere quella di super partes. Ma va oltre e mette anche il sindaco sul banco degli imputati: La Bonaldi non pu e non potr chiamarsi fuori da questa vicenda avendo vidimato le richieste di rimborso. E per quanto riguarda Piloni, se poi vorr farsi rieleggere dalla sua maggioranza sar il primo presidente partigiano eletto dal Consiglio comunale di Crema dallistituzione di tale ruolo con tutte le conseguenze nefaste del caso. Teresa Caso, coordinatrice del Pd di Crema serena. Le motivazioni addotte dal Movimento Cinque Stelle, sono senza fondamento. Il ruolo di Piloni da valutare per altro: Non pu essere giudicato per la sua condizione di dipendente. E un pregiudizio. Al massimo possono, se li trovano, giudicare su fatti accaduti in consiglio comunale che dimostrano davvero che Piloni non super partes. Il punto pi caldo della mozione di sfiducia per la richiesta dei grillini di vedere le carte, le pezze giustificative, dei rimborsi e accusano il Pd di atteggiamento poco etico e trasparente. Unaccusa prontamente rispedita al mittente da Teresa Caso, che risponde: Non abbiamo nulla da rimproverarci e da nascondere. C un diritto sancito da una legge della quale il partito si avvalso. Non esistono pezze giustificative. C un computo delle ore che abbiamo presentato. Ora la palla nelle mani di Piloni che sembra deciso ad affrontare il dibattito in Consiglio comunale. Con ogni probabilit, il presidente del Consiglio comunale rimarr al suo posto, ma non godr pi dellappoggio di tutte le forze politiche presenti nella sala degli Ostaggi. (mbr)

Il 28 gennaio le mozioni sul "caso Piloni". Grillini e Beretta chiedono le dimissioni del presidente del Consiglio comunale

Matteo Piloni

Teresa Caso

Caserme dei pompieri e della polizia: caccia ai colpevoli


Sulle mancate nuove caserme dei vigili del fuoco e della polizia, intervenuto il Pdl che si tolto molti sassolini. Leggiamo: Le nuove caserme erano e restano un elemento indispensabile per dispiegare la volont politica di chi chiamato a decidere. Qui, per, casca lasino. Cera chi le caserme le avrebbe gi realizzate nella passata amministrazione, quando questo era possibile farlo, e chi ha fatto di tutto per mettersi di traverso. Di chi la colpa? A qualcuno, che oggi piange amare lacrime di coccodrillo, Bordo e Torrazzi compresi scrive il Pdl manc il coraggio di fare quello che era necessario fare. Come lattuale sindaco Stefania Bonaldi, che da capogruppo del Pd prefer, chiss perch, sposare miseramente il disinteresse e lopposizione delle sentinelle di allora (tutte rielette in consiglio comunale) piuttosto che sposare linteresse generale del territorio, dando una mano alla giunta Bruttomesso con unopposizione costruttiva . Stefania Bonaldi viene messa sul tavolo degli imputati: Lattuale sindaco che, rispetto alla proposta di realizzazione delle nuove caserme, fu cieco e improvvido, tenta di uscire dallangolo con proposte senza respiro, come quella di mettere delle pezze allattuale caserma dei vigili del fuoco depauperando unarea strategica che potrebbe essere alienata (unaltra nostra proposta costruttiva) al fine di recuperare i soldi necessari per opere importanti e indilazionabili che la citt attende. A difendere il sindaco, arrivato il comunicato del capogruppo del Pd, Gianluca Giossi. Che, invece, sostiene: Il progetto per le caserme di Beretta, di 9 milioni di euro, interamente a carico del comune di Crema, non praticabile. Non lo non solo per i costi ma anche per l'individuazione dell'area per realizzarle, via Colombo, non certo idonea a servizi di questo tipo.

Crema

Sabato 19 Gennaio 2013

Ferla spiega che cosa succede


di Gionata Agisti ha conosciuto un calo del 17% nellultimo trimestre che, sommato al calo del 20% dei tre mesi precedenti, fa un totale di quasi il 40%. Perch si arrivati a questo punto? Le banche hanno chiuso i rubinetti. Non si pu continuare cos: bisogna ricominciare a immettere liquidit sul mercato, a erogare credito, non solo alle imprese, ma anche ai privati perch possano investire. Parte dei dipendenti in cassa integrazione, verranno ricollocati in altre aziende del gruppo e, infatti, 20 di loro sono gi al lavoro. Tutti, comunque, sono stati regolarmente pagati fino a dicembre, compresa la tredicesima e il versamento dei contributi. Tra le aziende del gruppo Ferla ce ne sono due che reggono meglio delle altre e sono potenzialmente in grado di assorbire personale: la prima la Comfort Home, che si occupa di arredo interno. Lazienda stabile conferma

Dopo la richiesta di cassa integrazione per 67 dipendenti e le notizie allarmanti, arrivano le precisazioni

ELEZIONI REGIONALI

11

Agostino Alloni apre la campagna elettorale


Al via la campagna elettorale di Agostino Alloni per le elezioni regionali del 24 e 25 febbraio. Il consigliere uscente, ricandidato al Pirellone nella lista del Partito Democratico, ha organizzato la sua prima iniziativa pubblica presso il cinema multisala Porta Nova di Crema. L'appuntamento previsto per luned 21 gennaio alle ore 21.45. Durante l'incontro, aperto alla partecipazione di tutti i cittadini cremaschi, verr proiettato un video di Gian Carlo Molaschi sul lavoro svolto da Alloni durante i trenta mesi di impegno diretto in qualit di consigliere regionale. Riprendendo Alloni, questo il titolo del breve filmato (dalla durata di circa 45 minuti), sar quindi una sorta di resoconto di mandato in forma video, in cui il candidato cremasco spiega e mostra concretamente le attivit e le iniziative da lui svolte in Consiglio regionale e a favore del territorio cremasco. Durante l'iniziativa verranno poi lanciati il leit-motiv, lo slogan e i contenuti principali della campagna elettorale e introdotte le prime tematiche su cui il consigliere Alloni si impegner direttamente in Regione Lombardia per la prossima legislatura.

dei giorni scorsi la notizia che il gruppo Ferla, attivo nel settore dellimpiantistica, ha messo in atto una ristrutturazione che si tradotta nella cassa integrazione per 67 suoi dipendenti, 56 della Multiservice e 11 della Energy. Preoccupato dalle notizie allarmanti che si stavano diffondendo, riguardo a una possibile chiusura della sua attivit, il titolare, Luca Ferla, ha voluto per precisare che il gruppo esiste ed operativo: Non siamo spariti, continuiamo a combattere sul mercato. Siamo stati costretti dalla crisi a questintervento di ristrutturazione delle nostre aziende operanti sul mercato italiano, un intervento che sar definito nei suoi dettagli entro tre mesi. Allorigine delle difficolt ci sarebbe linsolvenza da parte del 95% dei clienti del gruppo Ferla. La causa di

Luca Ferla

questa situazione il crollo il mercato delledilizia che rappresenta il motore per un settore come il nostro. Se viene meno questo comparto, si verifica un effetto a catena che va a ripercuotersi su tutti gli altri. Il nostro mercato

Ferla, sebbene anchessa abbia perso volumi daffari, rispetto allanno precedente. Daltronde, si vendono meno case e, di conseguenza, ne risente anche il mercato dellarredamento. Lazienda che mantiene il primato di salute la Ferla Service, che si occupa di manutenzioni e che occupa 40 persone circa. Di manutenzioni c sempre bisogno. Questo per quanto riguarda il mercato interno, ma per quello estero? Ufficialmente, si dice che sono state fatte scelte azzeccate sui mercati giusti, ma non un segreto che si stia parlando di Nigeria, sebbene Luca Ferla preferisca rimanere sul vago in proposito. Esclude, per, che si possa parlare di delocalizzazione: piuttosto un investimento. Daltra parte, la Nigeria uno dei principali Paesi in via di sviluppo in quella parte del mondo e per il nostro settore si tratta di una grande opportunit.

Mostra al SantAgostino

Esoterismo o attivazione di processi di autoguarigione?


alcuni valori essenziali per il nostro Hermes e tramandato fino ai giorni benessere. La mostra era gi stata nostri come inconfondibile logo allestita cinque anni fa, all'interno dell'attivit medica e farmaceutica. dell'ospedale regionale La Carit Si tratta di un antichissimo simdi Locarno. bolo diversamente raffigurato nelle Per l'occasione, domenica verr varie epoche e culture ma sempre presentato al pubblico anche il vocollegato a una concezione olistica e lume Dal caduceo al mortaio, una sacrale della medicina spiega Proricerca storica sulla farmacopea vana. Secondo il mito, il dio Hercremasca, scritta a quattro mani mes, incontrando due serpenti in dallo stesso Roberto Provana e dallotta furiosa tra di loro, li tocc con la lo studioso Walter Venchiarutti. Il sua verga alata: subito i serpenti si ricavato della vendita del libro serviriconciliarono e si attorcigliarono atr a finanziare l'associazione Emertorno ad essa. Cos nacque il CaduRoberto Provana gency, impegnata a fornire assiceo: dalla conciliazione degli opposti stenza e cura alle vittime delle guerre nel mondo. ma anche dallanimazione sempre sinuosa e mobile Come sottolinea sempre Provana: Si tratta di un di ci che originariamente era rigida staticit. invito a riflettere su come l'iperconsumo di farmaci Un viaggio nel tempo quello sintetizzato dai pannella nostra societ e quindi i problemi che ne connelli, dove si potr seguire passo passo l'evoluzione seguono, anche di natura economica, potrebbero di questo simbolo: dalla preistoria all'antico Egitto, essere evitati attraverso un'educazione alla respondalla Mesopotamia al Rinascimento italiano, per risabilit personale, nei confronti del proprio corpo e flettere intorno al ruolo e alla natura della medicina, della propria salute in una prospettiva che interroga s il futuro, avveniriGionata Agisti stico e tecnologico, ma anche attenta a recuperare

Castelnuovo, liniziativa

Il mistero del caduceo, una mostra dedicata all'antico simbolo, come occasione per esplorare gli aspetti della medicina alternativa. L'autore il noto scrittore Roberto Provana. Domani pomeriggio, domenica 20 gennaio, alle ore 16, negli spazi del museo civico Sant'Agostino, si terr la mostra a ingresso libero: Il mistero del caduceo - I percorsi del pensiero simbolico a cura della onlus locale Il Risveglio, attiva nel campo della ricerca e dell'applicazione delle discipline olistiche, metodologie che permetterebbero l'attivazione di processi di autoguarigione. Lautore della mostra, che consiste in una serie di venti pannelli, lo scrittore Roberto Provana, psicologo e formatore, noto anche per aver portato a Crema, lo scorso dicembre, l'astronauta di fama mondiale Paolo Nespoli, in occasione di un convegno presso la sede della Libera Artigiani. In questoccasione, per, conosceremo un altro aspetto del versatile scrittore: il suo interesse per l'esoterismo e i simboli tradizionali, un interesse che lo ha portato a dedicarsi alla figura del caduceo, il bastone avvolto da una coppia di serpenti, emblema del dio greco

I genitori dipingono le aule dei loro figli

APPUNTAMENTI

A Milano, la mostra di Laura Giardino

La Milonga con i Tango Tinto


Domenica 20 gennaio, nella prima Milonga dell'anno, ritorneranno a suonare i Tango Tinto, orchestra tipica argentina. Musicalizza: Walter El Zorro Gris, dalle 21.30 Canyegue: a partire da febbraio verr proposto un pacchetto di lezioni, da tenersi sempre l'ultima domenica del mese. Il corso partir al raggiungimento del numero minimo di iscritti richiesto. Per i partecipanti al corso, previsto l'ingresso gratuito alla Milonga, che si terr al termine della lezione. Per informazioni ed iscrizioni contattare Renata: 338-1980563

Un bellissimo rientro a scuola ha accolto gli alunni della scuola primaria di Castelnuovo. Ogni classe ha avuto la propria aula nuova e colorata. Era da tempo che i genitori meditavano di poter dare una mano per pulire e migliorare lambiente della scuola. Gli interventi sullimmobile di competenza comunale. Infatti. ritardavano per urgenze in altri istituti scolastici. Grazie alla collaborazione tra il Comune e lAssociazione Amici Scuole Castelnuovo che hanno stipulato una convenzione ad inizio anno, invece laiuto diventato realt. Il Comune ha autorizzato i lavori e fornito il materiale necessario, e un gruppo di genitori ha fatto il resto dipingendo e pulendo durante le vacanze natalizie le aule della scuola per rendere lambiente accogliente ai piccoli studenti.

AREA B presenta SO QUIET mostra di Laura Giardino, che inaugurer marted 22 gennaio 2013 alle 18.30 nella sede della galleria, Via Cesare Balbo 3, Milano. La mostra resteraperta fino al 9 marzo. Le opere, intriganti aperture sulla vita delle protagoniste, regalano paesaggi e interni immobili, asfittici, dove assente qualsiasi movimento che rimandi alla vita oltre quellistante preciso, con suggestioni che possono richiamare la produzione pi nota di Edward Hopper, o la dimensione provinciale rassicurante di Bill Owens, o, come suggerisce Igor Zanti gli accenti padani caratteristici della poetica di Pupi Avati che si fondono, infrangendosi nella loro cristallina unit, con elementi umani che emergono dalla timidezza del nascondimento, nella loro forzata immobilit. Laura Giardino nasce a Milano nel 1976, dove vive e lavora. Nel 2012 ha vinto la 63 edizione del premio Michetti. Ha partecipato a numerose mostre in spazi pubblici e privati.

Panathlon di Crema

Il Sudore dell'Atleta

Marted 29 gennaio, alle ore 20, al ristorante Villa Toscanini di Ripalta Guerina, il Panathlon di Crema presenter il libro : IL SUDORE DELLATLETA. antologia novellistica e grafica del concorso per il cinquantenario di Panathlon Crema e per lassegnazione della Targa Paolo Scorsetti 2012. Inoltre si svolger la premiazione dei vincitori del concorso grafico e letterario bandito in occasione del 50 del Club.

12

Sabato 19 Gennaio 2013

Crema
Tutti i consigli veramente utili. Suggeriti da Saverio Jacopo Tarenzi della Promet di Ombriano

Casearia di Pandino: a scuola con il tablet

oggi iscrizioni allistituto

In auto, con ghiaccio e neve


di Gionata Agisti consumo maggiore di carburante, con tutte le spese che ne derivano. Pi le mie gomme sono rovinate, pi spesso dovr fare benzina. Senza contare che una gomma usurata spiega ancora Saverio Jacopo Tarenzi, non fornisce le stesse caratteristiche: montare gomme nuove, per esempio, significa garantire alla propria auto, in caso di frenata, uno spazio di arresto inferiore della met. Sempre riguardo alle gomme, il tipo pi adatto per questa stagione quello dei pneumatici invernali, comunemente detti gomme da neve ma che in realt sono adatti alla stagione invernale in genere, senza che il fondo stradale debba essere per forza innevato. Grazie alla loro particolare mescola, resistente ai climi pi rigidi suggerisce il responsa-

A scuola con i tablet: accade alla Casearia di Pandino. Nellambito del progetto Generazione Web sono arrivati tablet e LIM. L'obiettivo del progetto (finanziato da Regione e Ministero) quello di permettere a oltre 1.000 classi lombarde di adottare strumenti tecnologici per le lezioni, abbandonando i libri su supporto cartaceo, per passare a testi esclusivamente in versione digitale (gli e-book), da consultare tramite netbook o tablet. LIstituto Stanga partecipa alliniziativa oltre che con la sede di Pandino anche con quella di Crema. E a Pandino la classe individuata come partecipante al progetto la 3E, dove oltre alla LIM, dallinizio dellanno scolastico al posto dei libri di testo, i ragazzi hanno ricevuto in comodato duso gratuito tablet ed ebook. Per Michele Perna, docente di lettere e referente del progetto Generazione Web per la sede di Pandino, i ragazzi si sono dimostrati, oltre che collaborativi, anche creativi e propositivi. Da parte nostra, noi cominciamo a parlare il loro stesso linguaggio, infatti attraverso queste tecnologie, oggi linsegnante si trova pi vicino al linguaggio degli alunni e trova un punto dincontro nellinformatizzazione della lezione. Ma allo stesso tempo, emerge un altro ruolo fondamentale per linsegnante, che quello di mediatore culturale, perch oggi per i ragazzi, laccesso alle informazioni velocissimo e spetta proprio allinsegnante indirizzare e selezionare i contenuti. Infine, sabato 19 gennaio dalle 14 alle 16.30, presso la sede della Casearia di Pandino, di in via Bovis, 4 ci sar il terzo appuntamento con la Scuola Aperta, rivolto a genitori e alunni di terza media, impegnati nel percorso di conoscenza e orientamento, al fine della scelta della scuola superiore da frequentare nellanno scolastico 2013-2014. Nel pomeriggio, sar possibile visitare i locali della scuola, i laboratori, il caseificio didattico e prendere visione dellofferta formativa.

revisioni di nuove nevicate a parte, l'inverno porta con s temperature rigide che possono procurare pi di un fastidio alle nostre automobili. Per ridurre le possibilit di spiacevoli inconvenienti, abbiamo chiesto di nuovo consiglio e qualche dritta a chi di auto si occupa direttamente e ogni giorno ha a che fare con i danni causati da una scarsa cura del mezzo. Saverio Jacopo Tarenzi, della Promet s.r.l. di Ombriano, suggerisce alcune misure precauzionali, adatte non solo a quanti hanno in programma di percorrere lunghi tragitti, ma utili per ognuno di noi quando, per negligenza o nell'ottica del risparmio a tutti i costi, tendiamo a trascurare gli aspetti pi elementari della manutenzione. Nella stagione fredda, molto importante, prima di tutto, controllare la vettura in ogni sua componente: gomme, freni, pastiglie, olio, per poter viaggiare in tranquillit. Per quanto riguarda le gomme, in modo particolare, buona norma controllare spesso che il loro livello di pressione sia corretto, come indicato dal libretto di uso e manutenzione. Spesso vuol dire almeno una o due volte al mese, perch una pressione non corretta delle proprie gomme porta facilmente alla loro usura e, di conseguenza, anche a un

bile della Promet s.r.l. di Ombriano, questi pneumatici sono in grado di offrire la migliore prestazione su qualsiasi tipo di fondo, anche sull'asfalto pi pulito. poi buona norma sostituirli a inizio aprile, quando la temperatura comincia a salire. L'obbligo che li riguarda, infatti, valido fino al 31 marzo. Molti preferiscono impiegare due soli pneumatici invernali, visto che la legge lo consente, ma questa prassi sbagliata, oltre che pericolosa. Perch? Se l'auto a trazione anteriore, si potr avere s la sensazione di un buon controllo ma, avendo gomme normali montate posteriormente, si potr andare facilmente in sovrasterzo, con la conseguenza di avere una vettura incontrollabile. Sottolineo, comunque, che non per questo si deve abbandonare uno stile di guida prudente: anche con pneumatici invernali, infatti, un fondo innevato rimane molto pericoloso. Non tutti, poi, sanno che le gomme devono essere omologate alla propria vettura. gi capitato che qualcuno si sia disinteressato del tipo di gomme montate dal gommista e che poi, una volta incappato in un controllo delle forze dell'ordine, abbia dovuto subire il sequestro del mezzo e l'imposizione della revisione straordinaria. Molto spesso, cinque persone su dieci non prestano attenzione a queste norme, curando il meno possibile la manutenzione.

Tutti i servizi offerti dal Comune al mondo femminile: sportelli d'ascolto, informativo e virtuale
Lassessorato alla tello dascolto per il diParit del Comune che sagio lavorativo e sociaha inviato alle neo magle; uno sportello inforgiorenni una lettera, in mativo dedicato alle dioccasione del compiscriminazioni di genere; mento del diciottesimo uno sportello virtuale, anno di et. che aggiorner sulle opIl nostro intento diportunit professionali, ce lassessore Morena culturali , progetti euroSaltini, quello di porpei e sulle attivit del t a re a c o n o s c e n z a territorio. dellesistenza, a Crema, Un tema importante di diverse associazioni sul quale lamministraMorena Saltini che si occupano di tezione si sta muovendo, matiche femminile: aprire un canale di la violenza contro le donne, di cui le comunicazione con loro per un evenstatistiche confermano i dati allartuale disponibilit ad accogliere qualmanti. Prosegue infatti la campagna siasi problematica dovessero vivere e inaugurata in occasione della giornata nellottica di una collaborazione, quainternazionale contro la violenza di lora avessero linteresse ad una partegenere, denominata Il fiocco biancipazione diretta. A Crema c gi la co, che prevede incontri di educazioConsulta per le Pari Opportunit ne e sensibilizzazione sul tema. I primi presso lOrientagiovani e a breve, due, grazie allassociazione Padri Sograzie alla partecipazione del Comune maschi che si occupa dellinvio degli a un bando regionale, si realizzer un educatori dei corsi, si sono tenuti gioCentro Risorse Donne che offrir ved 17 gennaio al Racchetti e allo una serie di servizi, quali: uno sporSraffa. Poi sar la volta del Galilei .

Centro risorse donne, a partire da 18 anni

Donne per Soncino: anche un corso per lautodifesa

Pure il Pacioli apre le porte agli studenti e alle famiglie


Sabato 19 gennaio, dalle 9 alle 17, lIstituto Tecnico Luca Pacioli di Crema aprir le sue porte a tutti gli studenti e a tutte le loro famiglie che desiderano visitare la rinomata scuola cremasca ed incontrarsi con i docenti, con gli studenti e con il preside.

Caino & Abele: spettacolo, date, costo biglietto, prevendita


Sussurro nel Vento il nuovo spettacolo della compagnia teatrale Caino & Abele, al suo debutto sabato 26 e domenica 27 gennaio, alle ore 21, al teatro del nuovo oratorio di Offanengo. Protagonisti assoluti dello spettacolo, le 17 bambine e i cinque adolescenti della CRE-Arti, lAccademia del Musical in Oratorio, targata Caino & Abele, sostenuti dal gruppo senior della Compagnia. Sussurro nel Vento lo spettacolo musicale liberamente ispirato a Whistle down the Wind, successo mondiale con musiche di Andrew Lloyd Webber e liriche di Jim Steinman. Dopo il debutto, Sussurro nel Vento replicher anche venerd 22 e sabato 23 febbraio. Prevendita dei biglietti: sabato 19 gennaio ore 15-16 e sabato 26 gennaio ore 10-12, presso la segreteria delloratorio. Biglietto 8, ridotto 5.

Recenti fatti di cronaca, anche locali, hanno portato alla ribalta il tema della violenza sulle donne. Un tema che la commissione di ApertaMenteLab Donne per Soncino ha sempre avuto a cuore: per approfondirlo e parlarne insieme, Donne per Soncino, in collaborazione con l'Associazione Donne contro la violenza di Crema e con il patrocinio del Comune di Soncino, ha organizzato venerd 25 gennaio lincontro Con noi, per te, per tutte le donne-Contro la violenza. La serata, che si svolger a partire dalle 21 nella sala consiliare del Comune di Soncino, si caratterizza per un approccio estremamente pratico, intendendo fornire alle donne gli strumenti per trovare aiuto e supporto in caso di maltrattamenti, per riconoscere i campanelli dallarme e per prevenire eventuali atti di violenza. Alla fine dellincontro sar presentato anche il corso di autodifesa, che si terr nelle prossime settimane, a partire dal 19 febbraio per sei marted, gratuitamente, a Soncino. La serata si concluder con un piccolo rinfresco nella speranza a con l'augurio che sempre meno donne siano oggetto di abusi e violenze all'interno e fuori dalle proprie mura domestiche.

La Mailata fino al 15 febbraio nei ristoranti del Cremasco


Tra il 15 gennaio e il 15 febbraio, l'Associazione Tavole Cremasche ripropone per il 16mo anno la Maialata, la rassegna gastronomica con men tutti a base di maiale. I tavolieri hanno preparato dei men degustazione con prezzi che vanno dai 25 ai 30 euro. E' un'ottima opportunit per gustare il maiale che sar il protagonista assoluto della rassegna con le verdure di stagione. Questa rassegna legata al territorio e all'usanza di allevare il maiale e macellarlo in casa con l'aiuto di un provetto norcino, non dimenticando che in questo freddo periodo dell'anno, a tavola buona abitudine "fare il maiale", per un'abbondante scorta di proteine e grassi prima del lungo salutare digiuno quaresimale. La rassegna organizzata con il patrocinio della Proloco di Crema e con l'Associazione Strada del Gusto Cremonese. www.tavolecremasche.it Isabella Radaelli

Crema

Sabato 16 Gennaio 2013

Presentata la 27esima edizione. Le altre domeniche in maschera: 3-10-17 febbraio. Ecco il programma

13

E gi carnevale: primi carri il 27 gennaio


della provincia di Cremona all'Istituto nazionale ricerche turistiche ha precisato Pisati. Tutte le famiglie intervistate, giunte a Crema per il Carnevale, hanno dichiarato di essere pi soddisfatte di quanto immaginassero. Ricordiamo anche che, in media, una famiglia che arriva da fuori provincia, nelle domeniche del Carnevale, investe pi di 40 euro per il pranzo e lo shopping, a tutto beneficio del commercio locale. La manifestazione non sarebbe possibile senza i circa 40 volontari, che lavorano sodo e gratis per 12 mesi l'anno, cos da rendere possibile le domeniche di festa. Per creare il rivestimento in cartapesta dei mascheroni, gli artigiani utilizzano 6 quintali di carta riciclata, incollata con farina e acqua, mentre per l'intelaiatura e il meccanismo interno dei carri, sempre in movimento, saldano 7 quintali di ferro. Accanto al Comitato del Carnevale, ci sono altri organizzatori: l'associazione Carnavalart, presieduta da Gianni Mombrini, e i tre gruppi che realizzano a mano i carri pi importanti: i Barabt, gli Amici e i Pantel. A questi se ne aggiungono altri, realizzati da singoli gruppi, rappresentativi di parrocchie o paesi del Cremasco. La festa, come si diceva, prender il via domenica 27 gennaio, alle 14.30, in piazza Giovanni XXIII. A movimentare la sfilata dei carri allegorici, ci saranno bande e gruppi folcloristici professionisti, provenienti dall'Italia e dall'estero. Tutte e quattro le domeniche, in piazza Falcone e Borsellino, sar allestita anche l'Isola dei Bambini, dove i piccoli potranno giocare gratuitamente, correndo sui gonfiabili giganti o trasformando il proprio volto in maschere, con l'aiuto delle truccatrici dell'istituto Sraffa, che si occupa anche delle visite guidate alla citt, ogni domenica mattina, a partire dalle 10.30, presso lo stand del Comitato, in piazza Duomo. Il trenino Beniamino permetter invece agli spettatori di viaggiare a zig zag tra i carri, per permettere ai pi piccoli di osservare la sfilata da vicino. Come ogni anno, poi, ci sar spazio anche per i mercatini dell'artigianato artistico, dei prodotti alimentari e del bio, organizzati da Cinzia Miraglio e provenienti da tutta Italia. Questa volta, per, a causa della concomitante campagna elettorale, non potranno essere allestiti in piazza Duomo ma dovranno traslocare in piazza Moro e nelle vicine vie Matteotti e Cavour. Per la prima volta, nello stand del Comitato, saranno in vendita anche dei gadget personalizzati - piatti, tazze e campanelle in porcellana di-

a 27esima edizione del Gran Carnevale Cremasco gi ai nastri di partenza. Per via della Pasqua "bassa", quest'anno la manifestazione partir molto presto, domenica prossima, 27 gennaio e proseguir poi per altre tre domeniche: il 3, il 10 e il 17 febbraio. Una in pi, rispetto agli anni scorsi, visto il brutto tempo che nel recente passato ha guastato pi di un appuntamento. Come ha spiegato il presidente del Comitato Carnevale Cremasco, Eugenio Pisati, durante la conferenza stampa in Comune, alla presenza dell'assessore comunale alla Cultura, Paola Vailati, e dell'assessore provinciale allo Sviluppo economico, Matteo Soccini, quello che diventato ormai il Carnevale pi importante della Lombardia si trasformato in un evento complesso, in grado di soddisfare le aspettative dei cremaschi ma anche quelle dei turisti. Lo conferma un sondaggio commissionato dall'Osservatorio

pinte a mano - con tanto di immagine della maschera cremasca del Gagt col s ucht. Un'altra novit la si deve sempre a Cinzia Miraglio e riguarda il primo Baby Swap Party, un'importazione dagli Stati Uniti e che non altro che una festa del baratto. L'appuntamento per sabato 26 gennaio, a partire dalle 14, al ristorante Le Comari, in piazza Duomo ed dedicato in particolare allo scambio di abbigliamento per bambini e costumi di Carnevale per bimbi e adulti. Chi volesse informazioni, pu scrivere all'indirizzo email: cinziamraglio@gmail.com oppure telefonare allo 0373/85684 o al 389 1547815. Non tutto: questa sera, sabato 19 gennaio, alle 21, presso la sala Pietro da Cemmo, in collaborazione con l'associazione musicale Il Trillo, andr in scena un'anteprima della manifestazione: il Gran Concerto del Carnevale, diretto dal maestro Davide Pedrazzini. L'ingresso libero. (ga)

I PendolarI doPo la lettera dI allonI


Anche gli oltre 13.400 possessori dellabbonamento Ovunque in Lombardia avranno diritto a uno sconto per i disagi di dicembre registrati sulle linee ferroviarie gestite da Trenord. La decisione della societ arrivata a pochi giorni dalla lettera che il consigliere regionale del Pd, Agostino Alloni, aveva inviato allassessore regionale alla mobilit, Andrea Gilardoni, proprio per chiedere che fosse garantito pari trattamento tra i possessori di abbonamenti mensili normali, per i quali previsto il bonus sullacquisto dellabbonamento successivo, e i possessori di abbonamenti integrati. Sono soddisfatto ha commentato Alloni. Trenord e Regione hanno accolto la nostra ri-

Sconto per tutti quelli che hanno patito disagi

Progetto dI 5 stelle

Smart Crema: copertura wi-fi della citt


Il gruppo di lavoro Innovazione del 5 Stelle cremasco ha annunciato il completamento dello studio di fattibilit per la copertura wi-fi del comune di Crema, denominato Smart Crema. Il progetto prevede la copertura completa di Crema, compresi i quartieri periferici, sfruttando nuove tecnologie di tipo MetroMesh per la minimizzazione delle opere civili e quindi dei costi di realizzazione. L'ottica perseguita nella ideazione del progetto quella di un investimento in tecnologia, e non solo di costo per i cittadini. Una volta in produzione, la rete fornir connettivit alla pubblica amministrazione e ai cittadini per veicolare servizi integrati quali videosorveglianza, sistemi di risparmio energetico, multe telematiche, accesso da parte delle Forze dell'ordine dei database delle pubbliche amministrazioni, Urp telematico, e molto altro ancora. L'obiettivo quello di creare una citt intelligente, nella quale i cittadini e le istituzioni possano interagire mediante le nuove tecnologie, il tutto per migliorare la vita di ciascuno. Il progetto verr presentato il giorno sabato 19 gennaio in una conferenza stampa dedicata presso la sala dell'Organo del Comune alla quale sar invitata la cittadinanza oltre al sindaco Stefania Bonaldi, l'assessore Giorgio Schiavini oltre al resto di giunta e Consiglio comunali.

chiesta senza creare disparit di trattamento tra gli abbonati. Sarebbe stato assurdo il contrario visto che la direzione da percorrere va proprio verso lintegrazione tariffaria.

14

Sabato 19 Gennaio 2013

I segreti di un matrimonio felice


E
Pagine a cura di Martina Pugno siste una ricetta per una vita matrimoniale lunga e felice? A quanto pare s, almeno secondo Sonya Lyubomirsky, psicologa della University of California. Se per poter vivere un matrimonio duraturo indispensabile una buona dose di fortuna, ci non toglie che anche la coppia abbia in questo una grande responsabilit: . In una pubblicazione dal titolo "I miti della felicit", la studiosa prende in esame ogni fase del rapporto a due, dall'innamoramento fino allo sviluppo del sentimento nel corso delle relazioni durevoli. Il risultato? Coccole quotidiane, ammirazione per il proprio partner e interesse per le cose che ama sono la carta vincente per il successo dell'unione. Che l'innamoramento e le farfalle nello stomaco siano una fase passeggera nel rapporto lo conferma la psicologa, che tra le pagine del New York Times ha spiegato come la causa principale sia innata nell'uomo: sarebbe infatti l'atteggiamento edonistico, ovvero la capacit, fondamentale per l'evoluzione e la sopravvivenza, ad adattarsi e abituarsi a tutto ci che viene percepito come positivo e piacevole. Questo non significa, per, che il sentimento sia destinato a spegnersi: i forti slanci emotivi lasciano invece spazio ad un sentimento pi maturo e non per questo meno soddisfacente e prezioso, che per necessita di quotidiane cure. Da qui, la ricetta offerta dalla dottoressa Sonya Lyubomirsky, che prevede una buona dose di coccole, gesti affettuosi e abbracci quotidiani, ma anche la capacit di ritagliarsi, nonostante i frenetici ritmi degli impegni quotidiani, anche del tempo di qualit da trascorrere con il proprio partner, interessandosi alla vita e ai racconti quotidiani e non mancando di mostrare la propria stima reciproca. L'esperta si spinge

Speciale Sposi

State organizzando il vostro matrimonio e proprio non riuscite a trovare quel dettaglio, quel piccolo elemento che potrebbe dare uno speciale tocco di orginalit e magia all'evento? Oppure siete agli inizi, e faticate a capire come muovervi, cosa iniziare ad organizzare per primo e a definire i caratteri generali e le atmosfere che volete caratterizzino il giorno del "S"? Oppure, pi semplicemente, amate fantasticare e sognare del vostro giorno pi bello, curiosando tra le novit e le ultime tendenze? A tutti voi si rivolge la trentanovesima edizione di Milano Sposi, che si svolger al Mediolanum Forum il 26 e 27 gennaio e il 2 e 3 febbraio, dalle 14 alle 21 di sabato e dalle 10 alle 21 di domenica. MilanoSposi oggi l'appuntamento di riferimento per il mercato italiano del matrimonio ed visitata non solo dai futuri sposi della provincia di Milano, ma da un pubblico variamente proveniente da buona parte del nord Italiaper entrare in contatto diretto con i migliori professionisti del settore. La presenza delle maggiori "firme" della moda sposi, delle location pi suggestive, dei ristoranti pi raffinati, degli studi fotografici di tendenza, fa di MilanoSposi non solo un momento di grande interesse commerciale ma anche la sede ideale per cogliere idee nuove e originali per il proprio matrimonio, un evento da sempre piacevolmente legato alla tradizione. A MilanoSposi possibile informarsi sui prezzi di prodotti e servizi, effettuare interessanti confronti, ottenere dagli espositori consigli e suggerimenti preziosi e, nel caso lo si desideri, anche effettuare prenotazioni direttamente presso gli stand, a "prezzi fiera" particolarmente vantaggiosi. Ad attendere i visitatori, anche le preziose consulenze gratuite dei professionisti della bellezza e dell'hair style e il Giardino degli Sposi, un romantico percorso tra soluzioni e proposte per il matrimonio. Per gli operatori del mercato del matrimonio, la presenza a MilanoSposi costituisce una certezza di visibilit e di contatto con un pubblico numeroso e altamente selezionato.

MILANO SPOSI 2013 Le novit della fiera

oltre, consigliando di tenere un diario delle emozioni sul quale annotare gli eventi positivi, per fare in modo che nel corso della giornata superi-

no quelli negativi. Il consiglio conclusivo dell'esperta, dunque, quello di spendere ogni mattina cinque minuti per chiedersi cosa si pu

fare, in quel giorno, per rendere migliore la vita del partner: anche un sorriso, un po' di complicit possono essere sufficienti. Se questi consigli possono sembrare facili da seguire nei momenti pi tranquilli, non sempre sorgono naturali nei periodi pi impegnativi, stressanti o intensi: in questo senso, anche il periodo di organizzazione del matrimonio pu essere un ottimo banco di prova, per imparare a ritagliare attimi di assoluta tranquillit anche nei mesi in cui, seppur per eventi gioiosi e felici, l'agenda sembra non lasciare nemmeno un piccolo spazio. Una organizzazione che coinvolga entrambi i partner e tenga conto dei gusti e delle preferenze di entrambi, lo sforzo di ricercare sempre il miglior compromesso e la soluzione che meglio esprima la volont della coppia sono il primo passo per un matrimonio di successo, non solo per quanto riguarda la giornata delle celebrazioni, ma per tutto il resto della vita.

Speciale Sposi
Il matrImonIo allunga la vIta e fa bene... alla salute
Sposarsi fa bene alla salute: questo quanto emerge da un recente studio condotto da Ilene Siegler della Duke University Medical Center e pubblicato sulle pagine dell'Annals of Behavioural Medicine, incentrato proprio sulle aspettative di vita delle persone sposate e dei single. I primi sarebbero soggetti ad un maggiore benessere psichico e fisico, che porterebbe ad una vita, in media, pi lunga e pi sana. La ricerca stata condotta su un campione di 4800 persone di ogni et per un diverso numero di anni, ed avrebbe fatto emergere questo importante dato: all faccia di chi sostiene che il matrimonio sia la tomba dell'amore, pare che le persone sposate (siano esse di sesso maschile o femminile) godrebbero di un sostegno fisico e psicologico maggiore rispetto a quelle non sposate oppure divorziate. Il che farebbe molto bene alla loro salute. Ne conseguirebbe quindi che l'essere single potrebbe venire considerato come un fattore di rischio per persone di mezza et, a parit di cura e di attenzione alla qualit della propria vita e alla propria salute. Del resto, che il matri-

Sabato 19 Gennaio 2013

15

Per le mamme sposate diminuiscono i rischi di baby blues

monio facesse bene alla salute era gi stato dimostrato in diverse occasioni. In passato uno studio pubblicato sul "Journal of Health and Social Behavior" aveva addirittura rivelato che il divorzio farebbe molto male alla salute degli ex coniugi, che rischierebbero di essere vittime di malattie croniche come problemi di cuore o diabete. A conferma di questo studio relativo al benessere delle persone sposate si aggiunge un altra indagine commissionata nel 2007 dallAgenzia

della Sanit Pubblica Canadese, che dimostra come le neomamme sposate siano meno a rischio di incorrere in disturbi legati alla gravidanza, come al depressione post partum, rispetto a quelle che vivono una convivenza da pchi anni o rispetto alle donne single, separate o divorziate. Si tratta di dati, per, precisano gli autori dello studio, che ancora devono essere approfonditi: dallanalisi delle risposte fornite per lindagine non possibile comprendere se gli episodi di baby blues o altri disagi legati all'evento siano causa o risultato di separazioni della coppia oppure della scelta o necessit della mamma di crescere il figlio da sola.

abito bianco per secoli non ha avuto rivali. Ancora oggi, il colore d'eccellenza per il matrimonio e per l'abito della sposa, anche se per le future mogli si aprono sempre pi di frequente nuove possibilit: l'abito colorato conquista sempre pi spose adattandosi ai gusti e ai periodi dell'anno per qualsiasi matrimonio. Anche quest'anno, come nel 2012, resta di grande tendenza il verde, preferito per nella sua declinazione color smeraldo: un tono caldo e avvolgente, ideale per le nozze di fine inverno ma anche per quelle autunnali: dall'abito il colore, che richiama quelli naturali, pu espandersi e conquistare decorazioni e addobbi, unendosi ai colori caldi dell'autunno. I toni pastello sono invece quelli che domineranno l'estate, con un sovrano indiscusso: il color cipria, elegante e raffinato, perfetto per l'abito della sposa e per i dettagli degli ambienti nei quali si decider di festeggiare il lieto evento. Moltissime sono le soluzioni proposte dalle case di moda, con cura per i dettagli che possono costituire importanti

I colori del matrimonio 2013


Intramontabile il bianco, mentre il cipria e il verde fanno tendenza

elementi per creare giochi di contrasto e accendere di colore il vestito. Dettagli verde smeraldo o cipria, in alternativa, potranno essere sfruttati per decorare e impreziosire una mise che prevede il tradizionale abito bianco, per un'efficace unione tra classicismo e modernit. Tra i colori pi

di tendenza spicca anche l'azzurro, come una leggera nuance oppure nelle pi accese sfumature, per le spose che non vogliono passare inosservate. Dall'abito, i colori possono estendersi fino a diventare tema dell'intero matrimonio: in questo caso non sar solo l'abito a riportare la tinta prescelta, ma

anche gli addobbi, le composizioni floreali, ma anche l'abito dello sposo, che pu presentare dettagli che richiamino i colori dell'abito della sposa, per essere in linea con lo stile dell'intera giornata dell'evento. Un piccolo assaggio di quello che sar il colore dominante del matrimonio pu essere gi dato con le par-

tecipazioni e gli inviti, come un indizio che permetta di iniziare a creare la giusta atmosfera. Questi, dunque, i colori che dominano le passerelle per la sposa del 2013: attenzione, per, a fare le dovute valutazioni, riportando i trend presentati in passerella al proprio personale matrimonio.

Non basta selezionare un colore di grande fascino, esso deve anche potersi adattare al carattere della coppia, allo stile e all'atmosfera del matrimonio, ai colori naturali della sposa. Se il verde smeraldo ben si adatta a matrimoni autunnali, ad esempio, pu rivelarsi una tinta forse un po' troppo scura per l'estate, oppure poco adattabile al tema prescelto. Si tratta inoltre di un colore che favorisce le spose bionde, mentre le brune potrebbero invece trovarsi meglio proprio con i tenui toni del cipria, che valorizzeranno la carnagione e i capelli scuri della sposa e potranno essere ripresi facilmente anche nelle decorazioni dal gusto pi classico. Ad influenzare i colori possono essere anche le location, gi dotate di una loro atmosfera e di colori con i quali quelli del matrimonio dovranno incontrarsi in modo armonioso ed elegante: accanto ai diktat del mondo della moda, quindi, prendete in considerazione tutto ci che potr rendere il vostro matrimonio adatto alla vostra coppia, ancor prima che ad una rivista di alta moda.

16

Sabato 19 Gennaio 2013

Speciale Sposi

Per un matrimonio verde: attenzione a dettagli e qualit

Il matrimonio ai tempi di Twitter: per l82% degli utenti, deve essere tradizionale
l matrimonio un'istituzione ormai superata, che non attira pi le giovani coppie: questo il messaggio che molto spesso accompagna dati e statistiche relative al numero di celebrazioni che si svolgono ogni anno in Italia. Tuttavia, basta parlare con le coppie per scoprire che il fascino del matrimonio sempre invariato e che sono moltissimi i giovani che vorrebbero poter coronare questo sogno. Ne sono prova il successo delle fiere di settore, l'attenzione per riviste e pubblicazioni, e ora perfino i social network: il 41,7% di chi twitta associa la parola matrimonio a pensieri decisamente positivi come felicit (29,4%) e amore vero (12,3%). A queste percentuali ottimistiche si contrappone per una fetta non trascurabile di italiani che considera il matrimonio a volte come una ipocrisia (18,2%) (il matrimonio notoriamente la prima causa di divorzio). Un altro 4,8% contrappone al significato positivo il timore per la perdit di libert. Un giudizio pi distaccato viene da quel 12,8% che lo considera una istituzione superata. Pi pragmatico che negativo invece il giudizio dell8,5% che lo ritiene pi che altro un contratto. E questo il risultato, riassunto sul sito neodemos.it, di una ricerca dellUniversit di Milano denominato Voices from the Blogs (VfB), che ha rivolto la sua attenzione a quello che si dice e si discute in rete a proposito di matrimonio. Per realizzare lo studio, sono stati analizzati oltre 20mila tweet postati durante il mese di settembre 2012. Nonostante le voci discordanti, ancor oggi la maggior parte dei commenti preferisce la forma tradizionale di matrimonio

Le nozze che non conoscono crisi

Sono circa due milioni i matrimoni che vengono celebrati ogni anno nell'Unione Europea: di questi, 200mila sono in Italia. Se per la maggior parte degli sposi il legame con la tradizone fondamentale, un altro tema inizia a farsi largo accanto al budget: l'attenzione all'impatto ambientale, che prevede un matrimonio organizzato nel massimo rispetto dei luoghi e all'insegna della riduzione dei consumi. Non si tratta, in questo caso, di matrimoni che si declinano necessariamente come cerimonie semplici e prive di eleganza: la cura per il dettaglio non viene meno e molti sposi si stupiscono di scoprire come nemmeno rinuncie e sacrifici siano necessari per un matrimonio che possa definirsi "green". Tra i pionieri di questa tendenza, che prendendo piede dal Regno Unito vanta crescente diffusione in tutta Europa, Katie Fewings, che di questa attenzione e passione ha fatto un lavoro: Katie gestisce infatti il portale web "Ethical Weddings", ricco di consigli, notizie e informazioni importanti per tutti coloro che desiderano imprimere al proprio matrimonio un segno di ecosostenibilit, senza grandi rinunce. Tra i principali elementi da prendere in considerazione non vi solamente la provenienza degli ingredienti del menu o dei fiori; non ci si limita nemmeno alla scelta di mezzi di trasporto ecologici, ma ci si concentra anche sulla qualit di tessuti e materiali, dalle tovaglie ai decori. Un'attenzione, dunque, che si trasforma anche in una maggiore cura per il dettaglio e la consapevolezza della qualit di ci che si va ad acquistare. Katie Fewings, fondatrice del sito Ethical Weddings, sottolinea anche come l'operazione non debba per diventare fonte di ulteriore stress: Se si cerca di fare tutto da soli, pu diventare abbastanza stressante, senza dare garanzie di successo, e nessuno vuole arrivare al proprio matrimonio con la sensazione di aver fallito. Alcune coppie mi dicono: non riesco a organizzare un matrimonio verde perch ogni cosa deve essere verde. Rilassatevi: averci provato significa gi tanto. Molta gente non ci penserebbe neppure.

(81,3%) alla convivenza (17,2%). A costituire un freno in questi anni sembrano essere, dunque, le condizoni economiche pi che quelle ideologiche: ma per una coppia attenta e in grado di sfrutare le occasioni che offre il mercato, il matrimonio non significa per forza grandi spese. D'altra parte, contenere le spese non comporta necessariamente la rinuncia a un matrimonio elegante e che possa soddisfare il gusto, i sogni e le aspettative degli sposi. Sono proprio gli esperti del settore a garantire,

sempre pi di frequente, la possibilit di usufruire dei migliori servizi a prezzi contenuti: gli atelier da sposa, ad esempio, mettono a disposizione delle spose abiti scontati, o appartenenti alla stagione precedente, delle pi grandi firme: in questo modo, a prezzo scontato sar possibile trovare l'abito dei propri sogni. Allo stesso modo, servizi di catering e ristoranti avranno a disposizione menu realizzati in modo tale da soddisfare tutti i palati, ma basati su elementi tipici, prodotti di stagione e a kilo-

metro zero per una scelta etica e che possa fare bene anche al portafogli, senza ovviamente nulla togliere al gusto, grazie alle elaborazioni dei migliori chef. Una prenotazione tempestiva sar una chiave di successo anche per individuare location, addobbi e servizi ad un prezzo vantaggioso, mentre la scelta di un bravo fiorista e decoratore vi permetter di selezionare fiori anche semplici e di stagione senza dover rinunciare alla creativit di addobbi studiati per l'occasione, unici e originali.

Speciale Sposi

Sabato 19 Gennaio 2013

Bergamo Sposi, appuntamento con leleganza

17

Le fedi, simbolo di ununione indivisibile Gli anelli nuziali possono adattarsi al gusto e alla personalit di ogni coppia L
o scambio delle fedi uno dei momenti pi emozionanti dell'intera cerimonia nuziale, un segno tangibile della nascita di una unione destinata a durare per tutta la vita. La fede quindi un simbolo importante, ma anche un gioiello concreto che verr portato al dito per tutti i giorni futuri. Per questa ragione importante che essa sappia ben rappresentare la coppia e adattarsi anche al carattere e alla personalit di entrambi. Anche la scelta delle fedi, dunque, di grande importanza per poter avere al dito un simbolo che davvero sia rappresentativo del proprio impegno quotidiano. Esistono diversi tipi e modelli di fedi tra i quali orientarsi per selezionare un gioiello che sia il pi possibile personale. Il modello classico forse ancora oggi il pi diffuso; la fede dei nostri genitori, dalla forma bombata e tradizionale allesterno e piatta allinterno, rappresenta il legame del matrimonio nella sua classica bellezza. La larghezza dellanello intorno ai 4 mm. Solitamente in oro giallo, non sono rari coloro che la scelgono in oro bianco. Per chi desidera il massimo della comodit e teme che la fede possa intralciare nelle operazioni quotidiane, la soluzione migliore pu essere la comoda, un fede tradizionale ma ha i profili interni ston-

dati ed per questo pi confortevole da indossare. In oro giallo, oro bianco o platino, la Comoda spesso preferita dagli uomini, poco abituati a portare anelli e incontra anche il gusto delle donne proprio per la sua comodit e per la possibilit di indossarla in modo pratico in qualsiasi occasione nel corso della giornata. Particolarmente apprezzata dalle donne anche la francesina, che viene solitamente preferita dalle donne perch si pu abbinare pi facilmente (oc-

cupa meno superficie del dito) con altri anelli e soprattutto con verette di diamanti, senza che nessuno dei due gioielli offuschi l'altro per bellezza e appariscenza. A differenza della precedente, la mantovana pi larga (circa 6 mm a differenza dei classici 4 mm), e proprio per questo motivo viene chiamata fede larga. Allinterno, piatta e anche l esterno ha una curvatura inferiore rispetto alla classica (sembra pi piatta). Un po' pi moderna e di vasta diffu-

sione tra le coppie pi giovani invece la flat, una fede a sezione quadrata con 4 facce, una interna, due laterali e lultima esterna. Viene preferita dalle coppie che preferiscono un anello che non dia limpressione di una fede nuziale o da coppie che vogliano distinguersi. Questa fede viene solitamente realizzata in oro bianco, in platino, in argento o in metallo. Alcuni la definiscono fede del fidanzamento eterno proprio perch si tende ad evitare la forma classica tradizionale del matrimonio. La Napoletana invece tagliata a met e nasconde un segreto: una piccola incisione permette allanello di aprirsi in due parti. Linterno pu essere personalizzato con una scritta a piacimento oppure con una data cara. Per gli amanti delle fedi colorate e vistose, ma comunque raffinate ed eleganti, la soluzione perfetta costituita dalla fede incrociata. Si compone di tre cerchi indissolubilmente uniti cos non sar mai possibile separarli, n perderli. Solitamente i tre cerchi che compongono lanello sono di 3 colori diversi: giallo, bianco e rosa, anche se nulla vieta di scegliere un unico colore e far personalizzare la fede in modo che sia davvero un simbolo unico di una unione destinata a durare nel tempo.

E' giunta ormai alla quindicesima edizione la fiera Bergamo Sposi, dedicata al mondo del matrimonio, che si svolger quest'anno al Polo fieristico di Bergamo dal 1 al 3 febbraio. Bergamo Sposi mette in primo piano la sempre pi attesa lista di eventi collaterali, eventi supportati dagli espositori e da uno staff di collaboratori di primordine. Tra scintillanti novit e mille stupori, tra una qualit sempre pi elevata e tecnologie hi tech di ultima generazione prende il via questa nuova edizione che negli anni ha saputo guadagnarsi il titolo di vetrina di rilievo e punto di riferimento per gli operatori del settore e tutti i futuri sposi. Perch Bergamo Sposi, oltre che massima qualit, professionalit e proposte diversificate, significa anche glamour, eleganza, sensualit, fantasia, grazie ai professionisti presenti che meglio sanno interpretare il matrimonio. Tra questi tornano, a grande richiesta, il concorso Fiera Visitata Sposa Premiata, con in palio uno Splendido Viaggio a Mauritius, e le attesissime sfilate di moda che avranno come protagoniste sia modelle professioniste sia modelle per un giorno selezionate fra le future spose. Inoltre, dimostrazioni e corsi di alta cucina, degustazioni, lezioni di portamento e make-up, incontri dedicati alla gestione del budget famigliare, consigli di esperti, concerti e proposte musicali per ogni gusto e tipo di matrimonio, accompagneranno i visitatori durante i tre giorni di apertura.

casalmaggiore@ilpiccologiornale.it

Pizzetti: Con noi al governo basta tagli lineari. Cavazzini: Ospedale strategico, serve investire

I candidati casalaschi del Partito Democratico, con alcuni sindaci, incontrano gli operatori
di Simone Arrighi anche mediatica, sulle sorti del nostro ospedale, che avrebbe bisogno di investimenti e non di tagli: ha avvertito Ivana Cavazzini. La strategicit dellOglioPo non devessere messa in discussione. Stiamo parlando di un ospedale sorto grazie ai sacrifici di un intero territorio e al coinvolgimento diretto dei cittadini, che grazie ai loro sforzi hanno donato al presidio importanti attrezzature come la risonanza magnetica. Attorno alla centralit dellOglio-Po per il comprensorio casalasco-viadanese, ruota lintero assetto riorganizzativo dellospedale: il progetto elaborato dagli operatori e dai sindacati prevede il passaggio al modello di assistenza ospedaliera per intensit di cura. Non pi un ospedale strutturato tradizionalmente in reparti in base alla patologia e alla disciplina medica, ma organizzato in aree che aggregano i pazienti in base alla gravit del caso e al conseguente livello di complessit assistenziale. Le proposte di riorganizzazione - che prevedono anche unostetricia con camere singole arredate; una chirurgia per pazienti gravi ed una per quelle meno gravi giacciono inascolate in Regione. Ad oggi, il Piano di Organizzazione Aziendale (Poa) per il 2013 prevede che non vengano nominati nuovi primari per ortopedia e pediatria, che non vi sia il rinnovamento del personale uscente e che il laboratorio analisi (numeri alla mano, una delle eccellenze dellOglio-Po) passi con annesso personale allospedale Maggiore di Cremona, col mantenimento a Casalmaggiore delle sole urgenze. In sostanza, un progressivo depauperamento dellOglio-Po: situazione analoga al ridimensionamento previsto per lospedale Civile di Asola, altro presidio strategico a sostegno del quale, in pochi giorni, sono state raccolte circa 3700 firme di cittadini che verranno impacchettate e spedite alla direzione ospedaliera di Mantova.

Oglio-Po, le promesse del Pd


Luciano Pizzetti e Ivana Cavazzini durante l'incontro con gli operatori dell'Oglio-Po

CASALMAGGIORE

Sabato 19 Gennaio 2013

18

trategico: ecco laggettivo chiave per lospedale OglioPo di Vicomoscano. Da sottolineare e valorizzare. Lo hanno ribadito pi volte il direttore sanitario Rosario Canino, i rappresentanti delle Rsu e gli esponenti politici sedutisi al tavolo della sala riunioni del nosocomio casalese mercoled scorso, per lincontro organizzato dal Pd, primo partito che, in campagna elettorale, si espresso a chiare lettere sul futuro del presidio. Lo ha fatto attraverso le dichiarazioni dei due candidati casalaschi alle prossime elezioni del 24 e 25 febbraio: lex parlamentare Luciano Pizzetti, originario di Ca dAndrea ed in corsa per il Senato; il sindaco di Drizzona Ivana Cavazzini, in lista per la Regione. Presenti con loro, il primo cittadino di Casalmaggiore Claudio Silla insieme al vice Luigi Borghesi e ad altri sindaci del

CASALMAGGIORE - La sorpresa pi clamorosa in tema di candidature casalasche alle prossime Regionali arriva dal Listone di Casalmaggiore: una scelta difficile, partorita dopo mille peripezie, mantenendo per fede, secondo il referente Carlo Gardani, allo spirito con il quale il Listone si formato nel 2009. Stavolta i partiti li abbiamo lasciati fuori: racconta il consigliere comunale, che agir anche come coordinatore nella campagna per le Regionali. Abbiamo candidato Paola Bandini, 57 anni, moglie, madre, imprenditrice, che vive tutti i giorni la dura realt della crisi ed fuori da ogni schieramento. Semplicemente sostiene da sempre il Listone. Logica a quel punto la scelta di appoggiare Ambrosoli. Abbiamo ricevuto - spiega Gardani - due proposte. La prima dalla lista Monti per Albertini governatore, che per era imparentata in partenza con i partiti. Ab-

Listone, Paola Bandini in lista con Lombardia per Ambrosoli


biamo dunque virato sulla lista Centro Popolare Lombardo, in appoggio ad Ambrosoli, proponendo Matteo Rossi. Dopo mille peripezie il nome di Rossi saltato, e questo per noi grave motivo di rammarico: in quella lista per sono entrati vecchi politici o comunque nomi di ispirazione politica. Per tenere fede alla nostra linea ci siamo distanziati. Poi Poi lultima sera utile siamo stati interpellati dalla lista Lombardia con Ambrosoli, civica a tutti gli effetti: avevano riservato per la provincia di Cremona un posto al casalasco, a patto che fosse candidata una donna. Gli altri candidati sono il professore universitario originario del Rwanda Jean Claude Mugabo Uwihanganye, che sar capolista, e Michele Gaggia, ingegnere civile. Tutte scelte coerenti, che danno spazio alla societ civile e a cittadini vergini rispetto alla vita politica. In questo senso la scelta di Paola Bandini ci sem-

territorio casalasco: Gianmario Magni di Scandolara Ravara, Mario Bazzani di Torre de Picenardi, Clevio Demicheli di Solarolo Rainerio. Con noi al governo ha promesso lonorevole del Pd non ci saranno pi i tagli lineari, che rappresentano una soluzione di comodo per la politica e non premiano il merito. Chi governa deve

prendersi le responsabilit di tagliare i reali sprechi delle risorse e deve essere in grado di riconoscere la virtuosit, premiandola. Questa dunque la ricetta del Partito Democratico: nelle prossime settimane conosceremo le proposte provenienti delle altre aree politiche rappresentate nel casalasco. Dobbiamo tenere alta lattenzione,

Le indiscrezioni sui nomi dei papabili candidati casalaschi si susseguono ormai quotidianamente: alcune di queste si sono cristallizzate in conferme ufficiali, come quella di Pierluigi Pasotto che correr s verso Roma (come anticipato mercoled), ma in direzione Palazzo Madama e non Montecitorio. Lassessore ai Servizi Sociali di Casalmaggiore sar infatti in lista al Senato per Rivoluzione Civile, partito che vede lex Pm di Palermo Francesco Ingroia come candidato premier. Siamo molto soddisfatti fa sapere Giancarlo Roseghini, segretario provinciale di Rifondazione Comunista perch attraverso le candidature al Senato, alla Camera e alla Regione esprimiamo un alto valore di candidati, per la

Pasotto per il Senato, Bongiovanni per la Camera. E spunta Malinverno


Filippo Bongiovanni Matteo Malinverno Pierluigi Pasotto

brata ideale: ha tutti i requisiti che la lista chiede. Una sfida nel presente (difficile, forse impossibile, ma ci proviamo spiega Gardani) e anche un test per il futuro. Queste elezioni serviranno anche a verificare la capacit del Listone di essere ancora presente sul casalasco: questa risposta dovranno darla gli elettori, anche per farci capire se giusto impegnarsi ai nastri di partenza per le comunali del 2014. Questa scelta, da un lato, conferma la nostra volont di darsi da fare e di risolvere fattivamente i problemi, mettendoci la faccia; dallaltro, vuole rimarcare le esigenze del casalasco, che non pu pi essere considerato periferia della periferia. In caso di successo numerico contiamo che la lista Ambrosoli tenga in considerazione il casalasco. Noi, nel mentre, appoggiamo il suo programma che, pur di pi ampie vedute e orizzonti, riprende i cardini che il Listone gi present alle amministrative 2009.

Un primo piano di Paola Bandini

maggioranza giovani e tutti riconducibili al partito. Pasotto ha esperienza in ambito amministrativo, un esponente politico riconosciuto a livello provinciale e pu portare avanti le istanze del nostro territorio. Una candidatura di bandiera? Diciamo piuttosto che abbiamo candi-

dato una bandiera, nel senso che Pasotto ha sempre lottato in difesa del lavoro, del sociale e dellambiente. Vorremmo portare avanti una vera alternativa, una politica di rottura rispetto alle ultime esperienze di governo Monti e Berlusconi, che hanno attaccato lo statuto sociale

e i lavoratori. La politica deve tornare ad essere una questione morale e sociale. Dal Senato alla Camera dei deputati: manca solo lufficialit, ma ormai assodato che Filippo Bongiovanni sar in lista per Montecitorio tra le fila della Lega Nord. Da capire solo la posizione, che

determiner le possibilit di approdo in Parlamento dellavvocato e consigliere casalese, oltrech assessore provinciale. Dopo le anticipazioni sui nomi di Michela Scaramuzza e Luigi Araldi, in lista per la Camera con Futuro e Libert, si fanno sempre pi concrete le possibilit di avere un altro casalasco nel novero dei candidati per le prossime elezioni. Si tratta di Matteo Malinverno, di San Giovanni in Croce: probabile un suo inserimento nella lista di Fratelli dItalia. S'intensificano inoltre le voci sul casalasco (di Spineda) Giuseppe Torchio: l'attuale presidente del Gal Oglio-Po ha preso in considerazione la possibilit di guidare la lista di Cremona del Centro Popolare Lombardo con Ambrosoli.

Casalmaggiore
Tra stasera e domani pomeriggio si scatena la kermesse di Torricella del Pizzo

Sabato 19 Gennaio 2013

Cibo, musica e risate: il Pipn


di Vanni Raineri sar in gara al Festival di Sanremo, in programma fra poco pi di un mese. Domenica spazio alla kermesse gastronomica con le tante bancarelle e curiosit, alla presenza anche questanno del noto critico gastronomico Edoardo Raspelli. Si potranno gustare vari piatti non solo presso la tensostruttura principale ma anche alla Buca del Re in via Roma. Alle ore 16, come detto, gratis per tutti la polenta pasticciata con pesto di maiale.

19

Disagio giovanile, la gente chiede pi controlli


Dopo l'ultimo episodio che ha visto unauto piombare a gran velocit sul Listone. Tra leggi discutibili e baristi che fanno i furbi
CASALMAGGIORE Piazza Garibaldi, c da giurarci, torner bella e panchine e colonnelli abbattute nella notte tra sabato e domenica scorsi saranno ripristinati. Ma al di l dellaspetto architettonico, il fuoristrada del 26enne casalese che, con troppo alcool nel sangue, ha rischiato di fare una strage, rilancia il dibattito sulla situazione del disagio giovanile. A Casalmaggiore e non solo. Ma restiamo per il momento sul casalasco. Le reazioni della gente si rincorrono e, al di l dei pensieri pi estremi e della divisione tra colpevolisti o innocentisti, il succo sta nella richiesta di una maggiore sorveglianza e rispetto delle regole, oltre che di un'attenzione migliorata verso la questione sociale. Franco Frassanito, titolare del Bar Centrale, quella notte non era in servizio, ma spesso il venerd o il sabato mattina, quando serve le colazioni, assiste a situazioni che lasciano il segno. Noi raccogliamo i ragazzi che hanno bevuto da altre parti e posso dire che sono davvero tanti. Per legge fino alle 6 del mattino non possiamo servire alcolici e la colazione, da noi, si fa alle 4.30. La legge del resto parla chiaro: non si pu dar da bere a chi gi ubriaco n bisogna eccedere. Ma molti gestori fanno lipotesi, ma solo una voce di popolo, che in ballo quella notte ci fosse una scommessa sui tempi di reazione dellauto. Il problema dunque non pi la piazza, ma lo sballo giovanile. E in tal senso c anche chi affronta la questione dal punto di vista dei genitori. Siamo sicuri di conoscere il disagio di questi ragazzi?: si chiedono in molti. Sul territorio non abbiamo chi si occupi di confrontarsi con le famiglie e spiegare il problema. Gruppi di aiuto di questo tipo si trovano a Mantova, ma non nella nostra zona. Sarebbe molto daiuto una figura istituzionale, forse uno psicologo dei servizi sociali, cos come sarebbe importante che i genitori avessero il coraggio di confrontarsi, senza offendere la suscettibilit di nessuno. Spesso le famiglie vengono a conoscenza dei problemi dei figli quando accade qualcosa di grave. Ma troppo facile scaricare tutto addosso alle famiglie senza un aiuto pure dalle istituzioni. Nel mentre nei giorni scorsi su Facebook lautore della carambola in piazza ha lasciato un messaggio (poi rimosso): Non si finisce mai di imparare. Un segnale di ravvedimento. Tardo, forse, ma gi qualcosa. Giovanni Gardani

rende il via con un momento culturale, si chiuder con polenta pasticciata offerta gratis per tutti domani pomeriggio. Il programma della 8 Fsta dal Pipn si snoda nellarco di 24 ore, col maiale grande protagonista: oltre al pipn (piedino di maiale lessato) protagonista della festa il pizzetto (salame con filetto di Torricella). Dunque la prima iniziativa prevista per oggi pomeriggio, alle 17,30 presso la sala consiliare del Municipio. Qui verr presentato il libro Il grande fiume Po (leggi box a fianco) del parmense Guido Conti, che sar presente e verr intervistato dal giornalista Marco Bazzani, dopo lintroduzione da parte del sindaco Emanuel Sacchini e di Marco Pezzoni, in rappresentanza dellassociazione Democratici nel mondo che organizza levento letterario. In serata, dalle ore 19,30, la tensostruttura principale di piazza Boldori ospiter una cena (per prenotare gli ultimi posti disponibili telefonare al numero 0375/99821) realizzata col contributo della Scuola di Cucina di Cremona, che si concluder con un triplice spettacolo: sul palco il comico di Colorado Caf Max Pieriboni, la regina italiana del burlesque Francesca Cavallotti e il lanciatissimo gruppo musicale Dedalo, che

A fianco i Dedalo, che si esibiscono stasera Pi a sinistra e sopra due immagini della festa del 2012

Le suggestioni del Grande Fiume Po nel libro di Conti


Questo il commento di Marco Pezzoni sul libro Il grande fiume Po di Guido Conti. Il libro un viaggio lungo il Po fatto di storie antiche e moderne, di racconti di ambienti e di personaggi, di miti e tradizioni popolari. A met del libro, lasciata la sponda piacentina e la storia dei primi battelli a vapore sul Po, lasciata la centrale nucleare di Caorso, ecco il capitolo dedicato a Cremona da pagina 156 a pagina 179: con i suoi grandi compositori da Monteverdi a Ponchielli; con la rivalit tra i grandi liutai del passato; con le dotte citazioni di Plinio il giovane, che leggeva il Po come confine del cuore tra l'Italia del Nord e del Sud; con il ponte di barche narrato da Tacito. E poi la genialit pittorica del Pordenone, del Boccaccino, della prima donna pittrice, Sofonisba Anguissola. E poi la cucina tra mostarda, torrone e salame sotto la supervisione di quel grande umanista in cucina che fu il Platina. Da pagina 180 a pagina 199 il capitolo dedicato a Casalmaggiore, preceduto da un breve ricordo della Comune anarchica di Stagno Lombardo. A Casalmaggiore morto ancora giovane il Parmigianino, sepolto al santuario della Fontana. Fuggendo da Parma, durante i primi moti rivoluzionari, passer per Casalmaggiore Maria Luigia d'Austria. Sandra Furini, direttrice della biblioteca di Casalmaggiore, accompagna l'autore a visitare il lungo Po, il Lido, il porto. Il rischio delle piene viene ricordato fin dalle sagge decisioni di Berta, figlia di Berengario, badessa delle monache di Cicognara, che ottenne di costruire argini e canali in difesa del territorio. E poi la grande piena del 1951 con una bella storia d'amore. E ancora un tuffo nel passato con gli scontri navali sul Po tra Venezia e Milano. Infine, perla del capitolo, l'Eridanea e il mito del canottaggio, con lo storico allenatore Umberto Viti, il suo primo campione Pietro Raineri e poi i campioni olimpionici Gianluca

Farina e Simone Raineri (figlio di Pietro). Con le campane che suonano a festa per l'oro conquistato. I casalaschi sono presentati come pescatori, costruttori di barche, contadini ma anche viaggiatori coraggiosi, con le menti aperte sul mondo. Nel capitolo successivo,dedicato a Viadana, si parla di don Primo Mazzolari. Ma il capitolo di Casalmaggiore si conclude con il racconto di una bella avventura: quella di due ragazzi che con una zattera, nell'agosto del 1958, navigarono il Po fino a Venezia. Ci misero un mese. Arrivati a Venezia, dormirono con la zattera attraccata sotto il Ponte dei Sospiri... e il giorno dopo tornarono a casa in treno. La frase pi bella del capitolo quella del dialogo tra l'autore e Sandra Furini: Il Po parte dell'anima dei casalaschi. Spesso nei momenti difficili della mia vita sono venuta sulla riva e lui mi stato accanto. Un confidente.

GABRIELLI OSPITE DEI ROTARY


SOLAROLO RAINERIO - I tre Rotary Club del territorio (Casalmaggiore Viadana Sabbioneta, Casalmaggiore Oglio Po e Piadena Oglio Chiese) assieme per una serata conviviale di grande spessore. Luned 21 gennaio, alle ore 20,30 presso il ristorante La Clochette, il tema sar La protezione civile che vorremmo, la Protezione Civile che ci possiamo permettere. Relatore sar il Prefetto Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile nazionale, gi Direttore del SISDE e Prefetto dell'Aquila nonch coautore, unitamente al Prefetto Antonio Manganelli attuale Capo della Polizia, del libro Investigare edito da Cedam. Il titolo rende bene lidea di quello che sar il contenuto della discussione, vale a dire la difcile gestione delle calamit in tempo di crisi.

Una parte del danno provocato dall'automobilista ubriaco sul Listone di Casalmaggiore

spallucce di fronte ad un guadagno sicuro e non si fanno scrupoli. Anche in discoteca poi si assiste a un controsenso: fino alle 2 di notte si possono servire alcolici, ma pretendiamo forse che dalle 2 alle 4 un ragazzo possa smaltire la sbornia? E inutile proibire ai bar di servire alcolici fino alle 6 se poi due ore prima il danno gi fatto. Un giorno quasi scoppiata una rissa: un ragazzo, visibilmente ubriaco, voleva bere ancora, io mi sono opposto e da l partito tutto.

Controlli da intensificare, questo il punto. Se noto che i giovani si muovono in certi orari e in certi luoghi ripeto, il bar era pieno al momento dellincidente vanno intensificati i controlli, anche come deterrente: credo che, per cominciare, salterebbe ad esempio qualche patente. Pensiero condiviso ma per molti commercianti da anni che si chiedono pi controlli notturni o allalba, senza che la situazione cambi. Qualcuno avanza

MOTTA, LA PERDITA DEL LAVORO


MOTTA BALUFFI Lassociazione Democratici nel mondo organizza uniniziativa pubblica sul tema La persona di fronte alla perdita del lavoro, che si terr marted sera a Motta Baluf. Lincontro avr inizio alle ore 21 e si terr presso la sala consiliare di piazza Gaboardi. Dopo lintroduzione del sindaco di Motta Giovanni Vacchelli, inizier il dibattito moderato dal giornalista Vanni Raineri, cui parteciperanno lo psicologo Giuseppe Sorini (Settore servizi sociali del comune di Cremona), il presidente dellUnione Municipia Gianmario Magni e Marco Pezzoni, in rappresentanza non solo di Democratici nel mondo ma anche del Centro Studi Politica Internazionale e del Movimento Federalista Europeo.

Anche la neve contro il mercato contadino


CASALMAGGIORE La nevicata di tre notti fa ha contribuito a svuotare quasi completamente piazza Garibaldi, ancora innevata a mattina inoltrata. Nulla di strano, se non fosse che proprio gioved era in programma, come sempre, il mercato contadino: dei sei venditori, con relativi camioncino e gazebo, soltanto uno, coraggioso, ha deciso di accamparsi in piazza sfidando la neve e la superficie del Listone ancora imbiancata, dunque pericolosa. Ma io - rivela linteressato - vengo da Ghedi e ho anche un banco al mercato contadino di Desenzano che inaugura proprio oggi (gioved, ndr). Per questo mi conveniva restare. Marco Boschetti, nostro referente, ha detto di sentire il comune per chiedere se potevano ripulire la piazza, ma non era possibile. In effetti non c un accordo in questo senso e da quanto ci stato detto prima si rendono praticabili le strade, poi le piazze. Fatto sta che ben cinque venditori sono tornati subito a casa e anche le strade non erano messe benissimo. Lo stesso Boschetti, presidente del consorzio agrituristico mantovano, contattato telefonicamente, ha precisato che il comune non era tenuto allo sgombero della piazza. E chiaro che la situazione che si creata non fa piacere a nessuno. E capisco anche i venditori che hanno deciso di non fermarsi, perch questa situazione metteva a rischio anche i clienti, con il pericolo di brutti scivoloni e quantaltro. Speriamo che la prossima volta vada meglio, anche se le previsioni davano per certo larrivo della neve. Forse ci si poteva attrezzare un po meglio e un po prima. Boschetti difende comunque il mercato contadino, che a Casalmaggiore non ha ancora sfondato (e non solo per la neve). Stiamo realizzando in questi giorni un video che da fine marzo sar presentato nelle fiere e in alcuni workshop. Lidea di promuovere soprattutto i mercati contadini della zona Gal Oglio Po.

Cultura Spettacoli &


Mercoled i Dialoghi con aperitivo
Nuovo appuntamento con i Dialoghi con aperitivo organizzati dal Teatro Ponchielli nellambito della stagione di prosa. Mercoledi 23 gennaio, alle ore 18, al Caff del Teatro, il critico teatrale e giornalista Nicola Arrigoni incontra Umberto Orsini, Luca Micheletti e Lino Guanciale, protagonisti di La resistibile ascesa di Arturo Ui. Gli artisti si incontrano e si confrontano con il pubblico, raccontandosi e parlando del proprio modo di fare teatro.

Al Teatro Sociale di Soresina va in scena la famosa operetta di Lombardo e Ranzato

Sul palco del Ponchielli la farsa storica di Brecht

Domani Sifasera con Il paese dei campanelli


di Federica Ermete

Il programma della stagione di prosa del Teatro Ponchielli prevede un appuntamento in occasione della Giornata della memoria. Marted 22 e mercoled 23 gennaio, sempre alle ore 20.30, Ert Emilia Romagna Teatro porta in scena La resistibile ascesa di Arturo Ui di Bertolt Brecht, per la regia di Claudio Longhi. Per loccasione, torna sul nostro palcoscenico un grande nome del teatro italiano, Umberto Orsini, impegnato nel ruolo primario dello spettacolo. Il testo di Bertolt Brecht una parabola satirica sullascesa del nazismo nella Germania fra gli anni 20 e 30 e racconta la cronaca nera della Berlino di quegli anni invasa dalle squadracce naziste, ma trasferita, per invenzione dello stesso autore, in una coeva Chicago dove l'industria del commercio dei cavolfiori prospera allombra sinistra del gangster Arturo Ui, alias di Adolf Hitler. Scritta tra il 1940 e il 41 dallesilio finlandese, Brecht defin lopera, in un secondo momento, una farsa storica, dato il piglio ironico, salace ed epico, al contempo con cui essa ricostruisce la tragicomica epopea di un trust scalcagnato in una citt corrotta, ammiccante alla situazione economico-politica in dissesto nella Germania dello stesso periodo. Con Umberto Orsini, affiancato da uno straordinario cast, lo spettacolo intende assecondare pienamente lispirazione grottesca del copione, conferendo allapologo una dimensione circense, dove lincisiva brevit dei singoli numeri, lequilibristica retorica della sopraffazione mafiosa, la serie rocambolesca dei fatti di cronaca narrati e messi alla berlina attraverso la lucida comicit di cui Brecht si serve come arma storico-critica, traducono la parabola in una rivista briosa e nitida, caustica ed elegante sul tragico nonsenso del nostro passato.

I ricco e variegato cartellone della rassegna Sifasera, promossa da Teatro del Viale, prevede unequilibrata alternanza di generi artistici, atti ad accontentare i gusti di un pubblico quanto pi eterogeneo possibile. Il primo appuntamento del 2013 con loperetta. Domani alle ore 17 al Teatro Sociale di Soresina, la Compagnia Teatro Musica Novecento, che ha saputo farsi apprezzare nelle ultime stagioni soresinesi e che nel panorama operettistico nazionale ha saputo ritagliarsi uno spazio di primordine, porta in scena Il paese dei campanelli, famosissima operetta in due atti di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato. A dirigere lorchestra presente il maestro Stefano Giaroli, straordinario asso della bacchetta che, con i suoi musicisti, ha avuto la scorsa estate lonore di dirigere il Rigoletto davanti alla casa del maestro Giuseppe Verdi men-

Un momento delloperetta

tre, a Soresina, si fatto apprezzare, oltre che nelle operette, per il Nabucco e la Carmen. LA TRAMA In un fiabesco paese olandese, i pescatori conducono insieme alle loro mogli una vita

tranquilla in deliziose casette, ciascuna delle quali possiede un piccolo campanile. La pace tuttavia turbata dallarrivo di una nave di aitanti marinai inglesi che corteggiano vivacemente le signore del

luogo. I mariti possono per dormire sonni tranquilli. Una leggenda secolare afferma infatti che, qualora i vincoli di fedelt vengano infranti, i campanelli della casa cominceranno a suonare, avvisando tutto il paese del tradimento in corso. Accade linevitabile: il capitano Hans fa suonare i campanelli con Nela, Tom con la bella Bon-Bon ed il buffo La Gaffe, per un imperdonabile errore, con Pomerania, la donna pi brutta del paese. La Gaffe, tenendo fede al suo nome, commette poi unaltra, decisiva gaffe: a seguito di un involontario scambio di telegrammi, fa arrivare in paese le mogli dei marinai. La storia si ripete, ma questa volta a fare suonare i campanelli sono le mogli dei marinai con i pescatori, mariti di Nela, Bon-Bon e Pomerania. Le coppie sono cos scambiate: le mogli dei marinai divengono le felici consorti degli abitanti del paese, mentre i bei marinai trovano la loro serenit con le divertenti mogliettine del Paese dei campanelli.

Nuovo appuntamento con lottava edizione de Il Sipario, rassegna teatrale organizzata dal Teatro Primo Ferrari di Castelverde. Stasera la Compagnia Teatro Zaist porta in scena Alegher se scampa di Eugenio Donise e la regia di Eugenio Donise e Lina Corbari. Il testo, liberamente ispirato ad uno scritto di G. Giuliani, si svolge in una famiglia cremonese a fine anni 90 benedetta dalleredit di nonno Tonio. In famiglia c laltro nonno, Donato, che non vuole invec-

Commedia dialettale al Ferrari Uno spettacolo per i pi piccoli


chiare grazie alle cure della giovane badante Violetta, c il capo famiglia Walter e la moglie Elena e c Filippo, loro figlio, indeciso cosa scegliere tra la pesca o lodiato studio... La Ccompagnia amatoriale dialettale Teatro Zaist nata nel 2001 presso lOratorio San Francesco del quartiere Zaist di Cremona. Nel 2008 la regia si trasformata a quattro mani con Eugenio Donise e Lina Corbari; si sono portate in scena commedie brillanti, tutte tratte da vicende reali.

Sulla scorta del successo delle scorse edizioni, anche questanno il Teatro Ponchielli dedica la domenica pomeriggio agli spettatori pi piccoli e alle loro famiglie. Il primo appuntamento della rassegna per domani alle 16. Teatro Necessario porta in scena Nuova barberia Carloni, uno spettacolo ideato da Mario Gumina e Teatro Necessario, per la regia di Mario Gumina, e adatto dai 5 anni di et. Nelle sparute barberie di provincia oggi non restano che specchi appannati dal tempo e ricoperti di graffi, vecchie sedie cigolanti, arnesi arrugginiti, odore di brillantina e impazienti avventori in attesa del proprio turno ma, non tanto tempo fa la barberia era il centro del paese. Nella Nuova barberia Carloni tre aspiranti barbieri ingannano il tempo di attesa del cliente cimentandosi in singolari dimostrazioni di abilit.

Nuovo importante appuntamento musicale marted sera al San Domenico


attraverso il suo repertorio da Sincerit allintenso ed ultima canzone Meraviglioso amore mio, contenuta nellalbum Amami tour pubblicato il 20 novembre da Warner Music. Durante il concerto Arisa si esibir anche con cover audaci, capolavori internazionali della musica tra i quali Sweet dreams, Earth song, Personal Jesus e Vecchio frack di Modugno. Arisa rivela tutta la sua straordinaria voce e le grandi capacit di interprete sostenuta dalla bravura dei suoi musicisti in una chiave assolutamente unica e coinvolgente affascinando il pubblico con la sua consueta naturalezza, ironia ed intensit. Un nuovo successo della politica delle date zero al San Domenico di Crema! Tiziano Guerini

Data zero del tour di Arisa a Crema

iprendono i concerti data zero al teatro San Domenico di Crema. Marted 22 gennaio alle ore 21 in programma Amami tour, il concerto di Arisa a Crema prima del debutto a Milano e a Roma. Nata a Genova, Arisa nome darte di Rosalba Pippa cantautrice ed attrice, ha vinto nel 2009 il festival di Sanremo. Il tour, prodotto da Massimo Levantini per Live Nation in collaborazione con Friends & Partners, vedr Arisa sul palco accompagnata da Giuseppe Barbera al pianoforte, Sandro Raffe Rosati al basso, Andrea Pistilli alle chitarre, Giulio Proietti alla batteria e Salvatore Mufale alle tastiere. Uno spettacolo di quasi due ore nel quale Arisa si ripropone in una veste sorprendentemente nuova

La cantante Arisa

Spettacolo per le scuole mercoled mattina al Teatro San Domenico


Un naufrago della vita quotidiana sta aspettando una nave che lo raccolga per evitare di diventare definitivamente un naufrago della vita: linizio dello spettacolo per le scuole (da 3 a 8 anni) della rassegna Junior di mercoled 23 gennaio alle Fervono i preparativi per la premiazione dei vincitori del concorso di scrittura del Fatf che prender il via il 18 febbraio prossimo sul palcoscenico del teatro San Domenico di Crema. I lavori della giuria, presieduta dallo scrittore veneto Fulvio Ervas e composta da giornalisti, rappresentanti delle associazioni organizzatrici, scrittori ed esperti, sono a buon punto e sono stati tuttaltro che facili, visto la ore 10 al Teatro San Domenico in Crema. Il nostro nuotatore cerca di tenersi a galla con gli oggetti che di volta in volta compaiono davanti ai suoi occhi bambini: la scuola, lordine della mamma, in viaggio con pap, il tempo libero, situazioni sempre diverse si rischia di affogare! Occorre imparare a rimanere a galla: questa la vita. Con la collaborazione drammaturgica di Alessandra Guarnero, lo spettacolo scritto ed interpretato da Silvano Antonelli per Uno Teatro Stilema.

Luned 21 gennaio alle ore 20.45 il Caff Letterario di Crema presenta, in sala Bottesini dellIstituto musicale Folcioni, La riscossa del clochard partendo dal libro Io sono nessuno di Wainer Molteni, organizzatore del sindacato dei senzatetto. Ritrovarsi senza pi nulla: la grande paura di questi ultimi anni. E quanto successo a Wainer Molteni, nato a Marsiglia nei primi anni Settanta e cresciuto con i nonni a Mombello, un paese della Brianza. Giovane brillante e laureato in sociologia, diventato un clochard, ma ha saputo rialzarsi. Unesperienza che ora racconta nel libro Io sono nessuno. Storia di un clochard alla riscossa (Baldini&Castoldi). Dopo aver vissuto otto anni per strada, a Milano, e aver conosciuto a poco pi di trentanni, il freddo, la fame, la sporcizia, Molteni ha reagito e fondato Clochard alla riscossa, il sindacato dei senza casa.

La riscossa del clochard luned al Caff Letterario

Ad accompagnare lautore che racconta la strada ci saranno artisti di strada: sono previste incursioni stralunate della Compagnia Cippi Guitti. E non finita qui. Lautore, ad un certo punto della sua vita, si ritrovato senza pi nulla. Esattamente come i terremotati dell'Emilia. Per questo motivo ha accettato di buon grado di collaborare a una sorta di esperimento. Lartista cremasco Riccardo Bianchi eseguir in diretta dei disegni ispirati alle parole di Wainer e a conclusione della serata i lavori verranno messi allasta. Il ricavato servir a finanziare la trasferta dei volontari del Franco Agostino Teatro Festival che andranno a portare una giornata di festa nelle scuole del comune terremotato di Concordia sul Serchio, gemellato con Crema. Sono inoltre previste letture di brani del libro da parte di Simonetta Facchinetti e Ombretta Giacchero.

qualit del materiale raccolto. Nel frattempo vengono ufficializzati i nomi dei finalisti: Beatrice Bianchi, Angelica Lucchetta e Francesco Marchesetti per le scuole Medie (dagli 11 ai 13 anni), Valentina Cipriani, Greta Colombani e Camilla Marudi per le scuole Superiori (dai 14 ai

Fatf, fervono i preparativi per il concorso di scrittura


20 anni). Il concorso di scrittura creativa ideato dal Fatf e giunto questanno alla sua terza edizione, per, non si esaurir con la serata di proclamazione del vincitore: i testi premiati, infatti, saranno pubblicati a cura del Fatf, sia in Italia che in Francia grazie alla ormai cementata e proficua collaborazione con la sezione doltralpe del Fatf di Melun; gli altri finalisti vedranno pubblicati sia in Italia che in Francia un estratto del loro racconto, integrato per dalle valutazioni della giuria; per tutti infine ci sar ospitalit sul sito del Fatf che accoglier le versioni integrali.

CONFERENZA SPETTACOLO Al teatro San Domenico venerd 25 gennaio alle ore 10.30, appuntamento con Liliana Cosi e Marinel Stefanescu e La danza in Europa, ieri e oggi. Lintento quello di diffondere fra i giovani la conoscenza dellarte del balletto come espressione di cultura, strumento di elevazione e liberazione oltre ogni confine sociale e nazionale, momento dellarmonia e della bellezza.

Agricoltura
Organizzazioni di prodotto, nuovi criteri regionali
Sul fronte lattiero caseario, due gli eventi da segnalare che si sono verificati la scorsa settimana: uno riguarda la produzione e laltro la normativa sulle Organizzazioni di prodotto. E terminato infatti liter burocratico che ha aggiornato le norme di riferimento per la costituzione delle Op e la Regione Lombardia ha pubblicato sul suo Bollettino ufficiale le disposizioni regionali in ordine al riconoscimento delle Organizzazioni di prodotto. Era il tassello per completare il quadro normativo nazionale, che a sua volta aveva recepito le indicazioni dellUnione Europea, meglio note come pacchetto latte. Con la pubblicazione sul Burl, sono state fornite le necessarie indicazioni per la costituzione, il funzionamento ed il riconoscimento delle Organizzazioni di prodotto, aggiornando la situazione precedente relativa alla legge 102 del 2005. Per il latte, uno dei prodotti di maggior interesse, per ottenere il riconoscimento regionale lOrganizzazione di prodotto deve A cura di Libera Agricoltori

Sabato 19 Gennaio 2013

Agrinsieme, una nuova rappresentanza I


l comparto agricolo e agroalimentare italiano rappresenta una solida realt per il Paese, un elemento portante della sua struttura economica ed occupazionale, ma anche un elemento di tradizioni e di forte connotazione storico-culturale. In Italia vi sono oltre 1,5 milioni di aziende agricole attive sul territorio, che ne occupano circa il 60%; lagroalimentare ha un fatturato complessivo di circa 250 milioni di euro, pari al 16% del Pil nazionale. Tuttavia anche con questi numeri spesso si fatica a trovare una degna considerazione del mondo agricolo da parte della classe politica. Antonio Piva, presidente della Libera, ha confermato che proprio per queste ragioni Confagricoltura, Cia e lAlleanza delle cooperative (cui fanno capo Confcooperative, Legacoop ed Agci Agrital) hanno deciso di dare vita ad una nuova entit di rappresentanza agricola e cooperativistica: Agrinsieme. E necessario dare maggior peso sindacale e politico agli agricoltori, ed al loro momento economico sviluppato anche attraverso la cooperazione. Con questa operazione a livello nazionale, gli agricoltori hanno raggiunto una rappresentanza di oltre il cinquanta per cento delle aziende agricole, e il momento economico dellagroindustria supera il trenta per cento dellagribusiness nazionale. Con Agrinsieme abbiamo voluto creare una coalizione economica con forti connotati sindacali. La politica e le istituzioni dovranno tenerne conto. Il progetto Agrinsieme ha raccolto pure sul territorio cremonese parecchi consensi; ci anche perch gli attori dellaccordo di livello nazionale stavano gi operando in stretta sintonia. Secondo Confcooperative Cremona laccordo raggiunto tra i livelli nazionali non pu che andare nella direzione di rafforzare lintesa tra i sottoscrittori. Altri settori gi in passato avevano unito le loro forze per acquisire un maggior potere contrattuale: ad esempio Rete Imprese Italia costituita da artigiani e commercianti, oppure per restare nellambito cooperativistico alla stessa ACI, alleanza delle cooperative italiane. Pertanto, quan-

La nuova associazione racchiude Confagricoltura, Cia e Alleanza delle cooperative

21

essere rappresentativa del settore: deve cio associare un numero minimo di produttori (cinquanta) e rappresentare un volume minimo di produzione commercializzata conferita dai soci, o un volume minimo di produzione immessa sul mercato su mandato dei soci (il volume produttivo stabilito secondo la seguente progressione: 50mila tonnellate fino al 31 dicembre 2014, 100mila tonnellate dal primo gennaio 2015 e fino al 31 gennaio 2015 e 150mila tonnellate a partire dal primo gennaio 2016). Tali requisiti devono essere rispettati sia per le Op esistenti che per quelle di nuova costituzione.

Antonio Piva

to mai opportuno e utile un accordo specifico anche per il mondo agricolo. Localmente, e in particolare a Cremona, una certa sinergia era gi in atto concorda la Cia provinciale e questo accordo non pu fare altro che rafforzare lo spirito di collaborazione. E anche importante, che le rappresentanze territoriali abbiano la possibilit di sostenere gli interessi del territorio, cosa che con altre strutture verticistiche non avviene. Oggi il mondo agricolo forse rappresentato da troppi organismi intermedi; Agrinsieme certamente unintesa che rafforza il peso sindacale, attivit sempre pi difficile, ma anche un momento di esempio per altri e che serve per far conoscere i problemi veri dellagricoltura.

LIBERA E COLDIRETTI SI SONO IMPEGNATE A STENDERE UN DOCUMENTO UNITARIO

Centrale di Crotta dAdda, si va verso un fronte comune


dalla Provincia di Lodi. La Libera associazione Agricoltori Cremonesi e la Coldiretti hanno preso limpegno di stendere un documento unitario da sottoporre alla conferenza di servizi, che deve valutare il progetto presentato da una societ privata. Sar fatto uno studio comune incentrato sulle problematiche agronomiche e la modifica del valore dei terreni che il progetto della centrale, con linnalzamento della falda, porterebbe con s. Aspetto che, ovviamente, per le aziende agricole prioritario: il terreno non un bene riproducibile e, quando perduto, perduto. Le due associazioni agricole ritengono infatti che questi aspetti non siano stati valutati con la giusta attenzione. Lincontro stato dunque un passo avanti verso la costituzione di un fronte comune cremonese per bloccare il progetto della centrale sulla sponda lodigiana che, secondo gli enti coinvolti, per ora non d sufficienti garanzie alle comunit, allagricoltura e allambiente. Lincontro stato proficuo perch ognuno, per quanto di propria competenza, ha dato la massima disponibilit.

Lassessore provinciale allambiente Gianluca Pinotti, al termine dellincontro tenutosi a Cremona sul progetto della centrale a Castelnuovo Bocca dAdda ha assicurato la piena disponibilit e il massimo sostegno agli enti locali ed alle associazioni. Ha infatti affermato che non si vuole che la prevista centrale idroelettrica sullAdda arrechi danno alle comunit locali n alle attivit che possiedono terreni in quella zona. Pertanto si cercher di fare in modo che il Comune di Crotta e le associazioni agricole siedano alla prossima conferenza di servizi convocata

Nel corso della prima riunione del nuovo consiglio di amministrazione, stato nominato presidente del Consorzio di Bonifica Navarolo Guglielmo Belletti (Coldiretti Mantova), di San Martino dallArgine, allevatore di vacche da latte. Vicepresidente vicario stato nominato Luigi Ardenghi di Spineda (Libera Associazione Agricoltori di Cremona) e vicepresidente Piercarlo Barili di Casalbellotto (Coldiretti Cremona). Il consiglio di amministrazione quasi completamente rinnovato e questo dovrebbe essere un segnale di buon auspicio, con supporto dellesperienza di alcuni consiglieri storici. In questa situazione sar particolarmente rilevante il coinvolgimento e la collaborazione delle associazioni agricole. Lobbiettivo prioritario era che emergesse in tutta la sua complessit la maestosit dei suoi impianti di bonifica idrau-

Consorzio di bonifica Navarolo, nuovo vertice

lica e di irrigazione, e la fitta rete di canali irrigui e di colo per uno sviluppo lineare di circa 1200 chilometri direttamente gestiti dal Consorzio. Ma anche il fatto di trovarsi in un territorio dalle aree altimetricamente pi depresse delle province di Mantova e di Cremona, soggiacenti in diversi punti del comprensorio di 8-10 metri del massimo livello dei fiumi Oglio e Po che ci delimitano, mette il luce una realt unica, difficoltosa e complessa nella sua gestione. Il presidente uscente ha ricordato di essersi sempre impegnato al massimo per affrontare le problematiche che via via si presentavano, ed ha sottolineato di aver tenuto in particolare considerazione limportanza della comunicazione per far conoscere alla cittadinanza le indispensabili funzioni che svolgono i consorzi di bonifica, compreso il Navarolo.

I MERCATI AGRICOLI - TABELLA AGGIORNATA A GIOVEDI 11 GENNAIO 2013


PRODOTTO
FRUMENTO tenero buono mercantile GRANOTURCO ibrido naz.14% um. SEMI di SOIA Nazionale ORZO naz. Peso spec. 55-60 peso spec. 66-68 CEREALI MINORI CRUSCA Alla rinfusa FIENO Maggengo Agostano PAGLIA press. (rotoballe)

UNITA DI MISURA
Tonn.

CREMONA
245-249

MILANO
n.q.

MANTOVA
n.q.

BOLOGNA (27 dicembre)


(fino) 270-273 buono m. n.q. 243,5-247,5 495-503 (p.spec. 62-64) n.q. (p.spec. 66-67) 261-263 Sorgo nazionale 265-269

PRODOTTO
VACCHE Frisone 1 qualit peso vivo VACCHE Frisone 2 qualit peso vivo VACCHE Frisone 3 qualit peso vivo MANZE SCOTTONE 24 mesi VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60kg ) frisona VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg) pie blue belga

UNITA DI MISURA
kg. Kg. kg.

CREMONA
p.v. 1,06-1,24 p.m 2,40-2,70 pv 0,84-0,92 pm 2,00-2,15 pv 0,64-0,76 pm 1,65-1,85 pm 2,50-3,00

MONTICHIARI
1,05-1,25 0,75-0,85 0,50-0,60

MANTOVA
da macello 1,11-1,21 0,92-1,02 0,76-0,86

MODENA

Tonn. Tonn. Tonn.

234-236 n.q. 228-232 234-239

248-249 507-510 n.q. 268-270

240-244 496-501 Fino a 65 253258 Fino a 70 259264

kg.

Vitelloni da macello 24/30 mesi 1,32-1,47 MONTICHIARI (1 q. 56/60 kg) 1,00-1,10 MONTICHIARI 3,85-4,00

1,44-1,61

Vitelloni femm. da macello pez. nere (kg. 450-500) p.v. 1,481,63 pm 2,85-3,15 (45-55 kg) 0,75-1,35 (pregiate 70 kg) 3,56-4,50

Tonn.

Triticale 275-277 Sorgo 271-273

kg. kg.

1,00-1,10

(da 46 a 55 kg) 0,90-1,20 3,25-3,80

3,00-4,00

Tonn. Tonn.

219221 n.q. loietto: n.q. n.q.

224225 141-151 145-150 80-92

in sacchi 240-243 Mag. 1 t. 140-145 Paglia di frum. casc. 45-50

192-193

PRODOTTO
BURRO pastorizzato

UNITA DI MISURA
kg.

CREMONA
2,95 (dolce) 5,05-5,20 (piccante) 5,25-5,50 6,90-7,20

MILANO
past. 2,60 centr. 3,30 5,05-5,20

MANTOVA
2,30

MODENA
Zangolato di creme X burrificaz. 2,00 -PARMIGIANO REGGIANO 12 mesi 8,70-8,90 PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m 10,80-11,10 PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre 12,55-12,95

Tonn.

PRODOTTO
SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI da macello SUINI da macello SUINI da macello

UNITA DI MISURA
15 kg

CREMONA
3,810

MILANO
3,820

MANTOVA
3,810

MODENA
3,820

PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi GRANA scelto stag. 9 mesi GRANA scelto stag. 12-15 mesi

kg.

n.q. n.q.

kg.

5,25-5,50

25 kg 30 kg 40 kg 156 kg 176 kg

2,750 2,440 2,100 1,465 1,525

2,840 2,505 2,150 n.q. n.q.

2,750 2,440 2,070 n.q. n.q.

2,730 2,460 2,100 (da 144 a 156 kg) 1,455 (da 156 a 176 kg) 1,510 (da 11,49480 kg) 1,494

kg.

6,80-7,25

6,85-7,05

kg.

8,00-8,25

8,00-9,00

8,05-8,25

Oltre 176 kg

1,495

n.q.

n.q.

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il 1 e il 3 mercoled del mese. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono, per la Granaria, il marted (comparto dei cereali e derivati). Per la zootecnia da latte si porta come riferimento anche Montichiari, che quota il venerd. Il mercato di Mantova avviene il gioved. Modena il luned. Il mercato di Bologna, che con la Granaria di Milano fa da riferimento per i cereali, quota il gioved. Tutti gli aggiornamenti della tabella mercati, insieme ai collegamenti alle principali borse, sono sul sito: www.cremona.coldiretti.it.

22

Sabato 19 Gennaio 2013

Salute
PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA
CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da luned a venerd dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Dove: presso la Medicina del Lavoro, Padiglione 10 Accesso avviene mediante impegnativa del medico curante. Le prenotazioni vengono effettuate telefonando allo 0372 408178 da luned a venerd dalle 10.30 alle 13.00; oppure personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia da luned a venerd dalle 09.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da luned a venerd dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione in reparto da luned a venerd dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd. Negli altri orari possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al pi presto sarete richiamati.

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: luned - venerd dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.

PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unit operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari prevista, presso il padiglione 5, da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da luned a venerd dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario:da luned a venerd dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Dove: Medicina del Lavoro, padiglione 10 Impegnativa del medico curante. Allergologia per sospetti professionali Tel. 0372 408178 da luned a venerd, dalle 10.30 alle 13.00; oppure, personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia dalle 09.00 alle 13.00 da luned a venerd. Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da luned a venerd, d alle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso lAmbulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

Quel terribile mal dorecchie... L


di Laura Bosio a stagione invernale si caratterizza per la grande diffusione delle malattie da raffreddamento, e con esse il mal d'orecchie, che pu avere una duplice eziologia: di tipo virale o di tipo batterico. Le prime, in particolare, sono pi frequenti nei bambini, mentre le seconde si riscontrano nei pazienti adulti. I virus che causano queste forme sono quelli influenzali o para-influenzali, mentre i batteri sono principalmente lo pneumococco, lo streptococco, lo staffilococco e l'haemophilus influenzae spiega Maurizio Magnani, direttore dell'unit operativa di otorinolaringoiatria dell'Ospedale di Cremona. L'otite caratterizzata da dolore auricolare, senso di chiusura del timpano con effetto conchiglia, vertigini e la sensazione che la propria voce rimbombi nelle orecchie. Nel bambino piccolo, oltre a questo, pu esserci una naturale predisposizione all'otite a causa di un'insufficienza tubarica (ossia il canalino che mette in comunicazione la cavit retronasale con l'orecchio medio corto e in posizione orizzontale). In questi casi l'allattamento pu facilitare la trasmissione di microbi dalla cavit nasale all'orecchio medio, causando sintomi come inappetenza, disturbi gastrointestinali e a volte anche vomito.

Le otiti sono spesso legate ai virus influenzali o parainfluenzali. Magnani: Attenti alle complicanze

Il dottor Maurizio Magnani, direttore dellunit operativa di otorinolaringoiatria dell'Ospedale di Cremona

Quando un'otite diventa preoccupante? Quando intervengono delle complicanze. Quella pi diffusa, anche se oggi pi rara rispetto a un tempo, la mastoidite. Si tratta dell'infiammazione dell'osso della mastoide (posto dietro il padiglione auricolare), un osso pneumatizzato che risente dell'infiammazione dell'orecchio medio, a cui collegato. I sintomi di tale infiammazione sono dolore e ingrossamento; talvolta per rimuovere il problema necessario un intervento chirurgico d'urgenza (mastoidectomia), che consiste nell'aprire l'osso e drenare le secrezioni. Un'altra complicanza importante la paralisi del nervo facciale, dovuta a un'infiammazione. Anche in questo caso si deve intervenire chirurgicamente. Vi sono poi delle complicanze pi rare che

coinvolgono il cervello: l'infiammazione delle meningi (meningite) o del tessuto nervoso del cervello (encefaliti e ascessi cerebrali) C' poi una forma di otite particolare, che si chiama otite bollosa emorragica, che dovuta alla formazione di bolle, nello strato epiteliare della membrana timpanica, che si riempiono di sangue, e che se si rompono causano sanguinamenti. Se non intervengono complicanze quanto ci vuole a guarire dall'otite? Generalmente la patologia si risolve nel giro di 15-20 giorni, a patto che il paziente si attenga alla terapia e al riposo, senza esporsi alle intemperie, proprio per evitare complicanze. Come si cura l'otite? Innanzitutto si deve trattare l'otalgia, con gocce auricolare a base di preparati anestetici. E' opportuno ricordare che le gocce vanno applicate a temperatura corporea, perch se troppo fredde possono provocare l'incremento del dolore e una sensazione di vertigine. In secondo luogo bisogna tenere il naso pulito per facilitare il drenaggio. A questo proposito opportuno fare dei lavaggi nasali con soluzioni saline o preparati a base di vasocostrittori. Sono utili, infine, dei soffumigi caldoumidi o l'aereosol-terapia con preparati mucolitici. Spesso pu essere opportuno anche instaurare una terapia antibiotica a somministrazione orale (pennicilline potenziate, cefalosporine, macrolidi). Talvolta pu risultare efficace anche il rimedio della nonna: posizionare un fazzoletto bagnato in acqua tiepida sopra l'orecchio dolente, appoggiandoci sopra la bull dell'acqua calda. Possono esserci altri problemi correlati a questa patologia?

Talvolta l'otite catarrale si complica con l'ingresso di germi e batteri particolarmente virulenti, per cui il materiale purulento pu rischiare di rompere il timpano, causando la fuoriuscita di pus e la diminuzione del dolore. Nella maggior parte dei casi tali perforazioni guariscono spontaneamente, ma in una certa percentuale (otiti necrotizzanti) la membrana timpanica resta perforata, e si richiede l'intervento chirurgico per la ricostruzione della stessa, una volta superata la fase infiammatoria (timpanoplastica). Esiste poi una variante dell'otite, pi frequente in estate ma presente anche in inverno, soprattutto in chi frequenta le piscine: si tratta dell'otite esterna, caratterizzata dall'infiammazione della pelle che riveste il condotto uditivo esterno. Spesso il fenomeno si accompagna all'eccessiva pulizia del condotto stesso con i cotton fiock o con salviettine non idonee, che producono micro-abrasioni della pelle, dove poi si innestano i germi dell'acqua, che provocano l'infezione. Per finire, qualche consiglio sull'igiene dell'orecchio? Sono convinto che madre Natura abbia fatto il condotto uditivo in forma sinuosa proprio per preservare le strutture nobili da aggressioni esterne. Dunque le manovre di pulizia che vanno dall'esterno all'interno sono decisamente controindicate. Il consiglio di pulire solo la conca del padiglione auricolare, ricorrendo alla blanda detersione con fazzoletto imbevuto di acqua tiepida, ed evitando prodotti aggressivi. Se si vuole pulire un po' in profondit, al limite si pu ricorrere agli appositi preparati, reperibili in farmacia, che hanno la funzione di diluire le naturali secrezioni dell'orecchio (cerume) in modo che vengano auto-espulse.

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

di Ermanna Allevi

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Gentilissima Naturopata buongiorno, sono nonna di una nipotina di pochi mesi e mi chiedevo se il miele un alimento che si pu dare a un neonato. La ringrazio. Una nonna felice. Gentile signora, innanzi tutto congratulazioni per il lieto evento a Lei e alla mamma della bambina. Per rispondere alla Sua domanda utilizzo la mia esperienza personale, in questo modo penso di spiegarmi meglio. Io ho due figlie e due nipotini (un maschio e una femmina), quando le mie figlie erano molto piccole, mi ricordo che a volte nella loro tisana aggiungevo un p di miele (scelto con cura), oppure anche solo un p di acqua tiepida con il miele e ad entrambe piaceva molto. La stessa cosa con il primo nipotino e forse iniziato questo passaggio di tradizione alimentare anche con la piccola, fino a quando, mia figlia (che frequenta l'universit), telefona allarmata a me e alla sorella dicendoci che il miele non si pu dare ai bambini al di sotto dell'anno di et, perch il miele pu contenere "spore" di Clostridium Botulinum che, a differenza di quanto accade nell'adulto o nei bambini al di sopra dell'anno di et, nei neonati queste "spore" sarebbero in grado di germinare a livello del colon, con conseguente produzione di tossina, la quale provoca manifestazioni essenzialmente riconducibili all'intossicazione classica. Se e quando questo succede, pu portare a complicazioni molto gravi. Ho visionato il materiale di studio sull'argomento e sono rimasta senza parole, pertanto il mio consiglio personale di evitare di dare il miele ai neonati, fintanto non abbiano compiuto un anno di et.

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.

Regione Lombardia

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell'assessore alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidariet sociale, ha deciso di approvare, per il 2013, uno stanziamento di 2 milioni di euro da destinare a iniziative a sostegno dell'alimentazione dei neonati e delle loro madri in condizione di povert. In particolare, tramite carta prepagata, sar destinato un contributo di 900 euro, vincolato all'acquisto di beni alimentari e destinato a mamme in condizione di forte disagio economico per un sostegno concreto dell'alimentazione sana ed equilibrata della madre che allatta e del bambino fino a 12 mesi di vita. Le neo mamme in condizioni di povert assoluta - sottolinea l'assessorato - potranno rivolgersi ai Consultori pubblici e privati accreditati per attivare il loro progetto di sostegno, a partire da febbraio. Inol-

Novecento euro a sostegno delle neo mamme meno abbienti


tre, per potenziare ulteriormente l'iniziativa, saranno ricercate e sviluppate partnership con soggetti del settore privato e del Terzo settore, sia attraverso lo strumento della manifestazione d'interesse, sia attraverso specifici accordi di filiera. i reQUiSiti per AcceDere AL contriBUto Per accedere al contributo necessario avere un figlio di et compresa tra 0 e 12 mesi, essere residenti in Lombardia da almeno un anno alla data di presentazione della richiesta di accesso al contributo ed essere in possesso di attestazione Isee integrata da idonea documentazione, che consenta la definizione della condizione di difficolt economica della donna e/o del suo nucleo familiare nel momento della richiesta.

moDALit Di preSentAZione DeLLA DomAnDA Le richieste di accesso al contributo dovranno essere presentate presso il consultorio pubblico/privato accreditato e a contratto della Asl di residenza, le risorse verranno contingentate per ogni Asl, sulla base del numero di nuovi nati nel territorio di riferimento. Con successivo provvedimento saranno definite le modalit di attestazione della condizione di difficolt economica, che, insieme al certificato di nascita, dovr costituire requisito di accesso al contributo per l'alimentazione del neonato nel primo anno di vita. Le modalit di erogazione del contributo e le caratteristiche del progetto saranno realizzate ad hoc per ogni richiedente. gs

Niente tagli su posti letto e servizi


Non ci sar nessun taglio di posti letto e di servizi nelle strutture sanitarie della Lombardia nel 2013. E' quanto stabilisce la delibera approvata dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Sanit Mario Melazzini, che recepisce il provvedimento nazionale della cosiddetta 'spending review'. Sar poi la nuova Giunta regionale a farsi carico dell'attuazione di questo provvedimento nazionale, attraverso alcune azioni, tra cui: ridefinizione, entro il 30 giugno, della rete delle emodinamiche e delle alte specialit (cardiochirurgie, chirurgie vascolari, neurochirurgie, chirurgie toraciche) in base a criteri di appropriatezza, numero e tipologia di prestazioni stabiliti grazie al lavoro di appositi Gruppi di approfondimento tecnico; riorganizzazione, entro dicembre 2013, dei punti nascita in base ai parametri nazionali (accordo Stato-Regioni del 2010) e regionali (Gruppo di approfondimento tecnico) e tenuto conto di peculiarit particolari (territori montani, difficolt viabilistiche, ecc). Posti letto. Le norme nazionali prevedono un indice di posti letto pari a 3,7 per mille abitanti, compresi 0,7 posti letto per la riabilitazione. Secondo la bozza di regolamento attuativo a oggi disponibile, il calcolo riguarda i posti letto accreditati ed effettivamente a carico del Servizio sanitario. In pi, il numero degli stessi posti letto viene incrementato o diminuito a seconda delle mobilit tra regioni, il che porta la Lombardia a un tasso del 3,84 per mille abitanti. I posti letto a oggi effettivamente operanti a carico del Servizio sanitario regionale rispettano gi l'indice di 3,84 per mille (compresa la ripartizione tra letti per acuti e per la riabilitazione). Per questo non ci sar alcun taglio di posti letto in Lombardia nel 2013 e non sar dunque necessario chiudere nessuna unit operativa per centrare l'obiettivo nazionale. Ecco i principali punti, su cui la nuova Giunta regionale sar chiamata a intervenire. Radioterapie. L'attuale offerta di unit operative di Radioterapia rester inalterata, in base ai risultati dello specifico Gruppo di approfondimento tecnico, che ha visto lavorare insieme Regione Lombardia e i rappresentanti dei radioterapisti. Prevista una ulteriore ottimizzazione del lavoro in rete delle diverse strutture. Punti nascita. E' prevista entro il 31 dicembre 2013 la riorganizzazione dei punti nascita sulla base dei parametri dell'accordo StatoRegione del 16 dicembre 2010 e di quelli stabiliti anche in questo caso nel documento prodotto dallo specifico Gruppo di approfondimento tecnico. Verranno prese in considerazione le peculiarit dei bacini di utenza montani e di quelli caratterizzati da particolari difficolt viabilistiche. Alte specialit. In programma, entro il 30 giugno 2013, sulla base della casistica degli anni 2011 e 2012, una ridefinizione della rete delle alte specialit, che tenga conto di aspetti generali relativi ad attivit rese in emergenza urgenza, ampiezza e contiguit territoriale, popolazione residente, accessibilit ai servizi, casistica oncologica (per la chirurgia toracica e la neurochirurgia) e caratteristiche geomorfologiche del territorio.

sanit

23

Come disintossicarsi dopo le festivit


i sembra di aver esagerato durante le feste natalizie? Panettoni, cioccolati, pranzi e cene con parenti ed amici vi hanno regalato 2-3 kg in pi? Se durante le feste avete esagerato con il cibo e siete ora alla ricerca di un modo veloce ed efficiente per smaltire i chili in eccesso, potrebbero tornarvi senzaltro molto utili i consigli della dottoressa Annalisa Subacchi, Nutrizionista e Specialista nelle Intolleranze Alimentari e in diete personalizzate. 1: niente pAnico Iniziamo da una premessa importante che faccio sempre ai miei pazienti sotto le festivit: niente panico e niente sensi di colpa inutili. E importante e anzi necessario lasciarsi andare un po nei cenoni, ci rivediamo a gennaio per una alimentazione disintossicante. Lalimentazione corretta e la forma fisica non devono essere unossessione, altrimenti le persone dovrebbero passare la vita a dieta! Ognuno di noi deve sapere cosa mangiare, e come mangiare, e quindi lo "sgarro" dei cenoni utile per evitare eccessive ed inutili privazioni ed un modo per poi ricominciare a mangiare correttamente dopo, in maniera pi serena e per raggiungere una forma fisica che duri nel tempo e negli anni. 2: non ASpettAre troppo tempo Dopo le feste, non aspettiamo troppo, ma corriamo subito ai ripari con una dieta (o meglio alimentazione) disintossicante. Infatti, i chili in eccesso sono spesso provocati solo da ritenzione i liquidi, tossine e accumulo di carboidrati che sono stoccati nel nostro corpo ma non sono ancora stati trasformati trasformati in chili di massa grassa e quindi facilmente eliminabili. 3: eVitAre i cLASSici DiGiUni inUtiLi Se priviamo di cibo il nostro corpo in maniera drastica, come se decidessimo di non mettere benzina nellautomobile: non andrebbe in moto, o comunque

Ecco la dieta-tipo per rimettersi in forma a partire da gennaio: la spiega la nutrizionista Annalisa Subacchi

di Giulia Sapelli

Un esempio di dieta disintossicante

colazione Tisana o the depurativo con un cucchiaino di miele (gli zuccheri come glucosio e zucchero raffinato sono stati assunti troppo a Natale) + fiocchi integrali. Spuntino Frutta di stagione o spremuta. pranzo Verdura cotta o cruda a volont e legumi. merenda T o tisana con 2-3 biscotti secchi. cena Pesce oppure minestre di legumi a volont.

Dottoressa Annalisa Subacchi nutrizionista, specialista in test intolleranze alimentari e diete personalizzate, test del DnA (Lattosio, celiachia, Breath test) master in nutrizione, Fitness e Sport presidente ALiAc onlus di cremona La dottoressa Subacchi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@nutrizionistabiologo.it oppure a ilpiccolocremona@fastpiu.it La dottoressa Annalisa Subacchi riceve a: cremonA: Ambulatorio meDicenter Via Giuseppina n.21 tel. 0372/434988 cremonA: Ambulatorio meD Gadesco pieve Delmona tel. 0372/803801 cremA: Ambulatorio Santa claudia Via La pira n.8 cell. 366 4759134 www.nutrizionistabiologo.it Facebook: Lisa nutrizionista

si fermerebbe molto presto! Inoltre attenzione: diete troppo drastiche e restrittive potrebbero portarvi nervosismo, ansia e frustrazione. Spesso sono i complimenti sarcastici di qualche collega, amico, fidanzato o del coniuge che ci spingono a dimagrire ad ogni costo: ci si priva praticamente di tutto, dalla pasta ai biscotti alla frutta. 4: AttiVitA FiSicA per BrUciAre Le cALorie AccUmiLAte Soprattutto per chi normalmente conduce una vita sedentaria, stimoliamo correttamente il nostro fisico con una maggiore (ma non eccessiva per non esagerare) attivit fisica. Anche per i pi pigri, una camminata sugli argini o in centro, il rinunciare allautomobile per la bicicletta, una corsa leggera, faranno s che qualche fetta di panet-

tone in pi o qualche cioccolatino extra diano solo gratificazione al nostro corpo e non rappresentino un aumento di peso, in quanto verranno bruciati rapidamente. 5: LA DietA Di seguito, infine, ecco qualche consiglio e un esempio di dieta disintossicante dopo le feste natalizie da seguire indicativamente per una settimana Evitate quanto pi possibile il sale che causa ritenzione di liquidi (di cui avrete sicuramente abbondato durante i vostri succulenti pranzi) e bevete il maggior quantitativo possibile di liquidi (s ad acqua naturale, infusi e tisane; no a bevande zuccherate e a bibite gassate). Dedicatevi a un po di attivit fisica giornaliera (30/40 minuti) A tavola prediligete cibi integrali e

ricchi di fibre, verdura sia cruda che cotta a volont senza limiti particolari (ottime le classiche conse); preferite frutta poco zuccherina come agrumi e mele verdi. Meglio le proteine vegetali (fagioli-ceci-soia) rispetto a quelle della carne. In questo momento, infatti, davvero molto importante riuscire a depurare quanto pi possibile lintestino e lorganismo in genere. Laugurio e linvito ai lettori che una volta rimessi in forma proseguano con una buona e consapevole alimentazione. Che non da ricercare solo tra Natale e Capodanno (e quindi solo per pochi giorni) ma da Capodanno a Natale (quindi tutto lanno) perch la salute e il sentirsi bene con se stessi e con gli altri un valore molo importante da non sottovalutare mai.

Lo Psicologo Risponde...
Gentile dottore, a fronte di difficolt scolastiche di mio figlio, mi sono rivolta ad un centro specialistico per comprenderne le cause. Mi stato detto che il mio bambino presenta un deficit di intelligenza. Ma cosa si intende per intelligenza? Come si sviluppa? Grazie per lattenzione, Chiara Gentile Chiara, lintelligenza si pu definire come la capacit di risolvere problemi attraverso la ricerca delle relazioni esistenti tra le variabili in gioco, piuttosto che attraverso la ripetizione di schemi consolidati. Una prima caratteristica dunque la capacit di combinare in maniera creativa conoscenze pregresse e dati osservabili per produrre nuove conoscenze. Tuttavia, una caratteristica che la distingue dalla creativit il fatto di operare in situazioni dove le soluzioni non sono tutte uguali: alcune sono giuste, altre sono sbagliate. Lo sviluppo intellettivo reso possibile grazie allinterazione di geni e ambiente: le capacit del bambino inducono lambiente a fornire maggiori o minori stimoli, nello stesso tempo le caratteristiche dellambiente incentivano o disincentivano il bambino ad acquisire nuove abilit. Per stimolare lintelligenza occorre che lambiente proponga al bambino un approccio orientato non solo alla performance, ma anche alla curiosit verso la realt nel suo complesso, compresi fatti apparentemente semplici. Infatti il nostro cervello, che un organo pigro, tende nel tempo a omologare gli aspetti della realt facendo perdere le differenze. Lintelligenza si sviluppa allinterno di un insieme di fattori che chiamiamo contesto di sviluppo, in cui

a cura del dott. Diego Scarselli, psicologo clinico assume un ruolo importante la qualit affettiva che fonda la relazione con il bambino. Il deficit cognitivo una difficolt permanente nelloperare i processi di elaborazione delle informazioni. Il livello intellettivo tale per cui il soggetto fatica nel comprendere fatti semplici e nel pianificare attivit fondamentali legate al gioco, ai compiti scolastici, alla cura della propria persona e alla valutazione dei rischi. Il ritardo cognitivo non una lentezza nel ragionamento ma un vero e proprio deficit: esso comporta che il bambino non potr mai effettuare determinate operazioni mentali. Gli interventi sui ritardi mentali sono strettamente legati allentit del deficit. Essi consistono nellaiutare il bambino a reperire le strategie affinch si appoggi sui punti di forza per compensare i punti di debolezza. Cordiali saluti

STUDIO ASSOCIATO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E PSICOLOGIA di DOTT. LOCCI GRAZIELLA, DOTT.BARBIERI MICHELA & ASSOCIATI Lun-ven:15.30-19.30 - Sab: 9.30-12.30/ 14.00-19.00 tel 0372 429208 - Castelverde (CR) Via Manzoni 12 - Loc. Castelnuovo del Zappa - Tel. 0372 429208 - mail: studioassociatocastelnuovo@gmail.com

lo
Pinturault si impone a Wengen
SCI ALPINO

SPORT

Responsabile Fabio Varesi

Il giovane talento francese Alexis Pinturault, grazie a una perfetta prova in slalom, si aggiudicato la supercombinata di Wengen. Secondo il croato Ivica Kostelic e terzo il redivivo svizzero Janka, che nella libera ha battuto il record di velocit, facendo registrare 158

km/h. Bene gli italiani: 5 Innerhofer (primo in discesa) e 6 Paris. Solo 14 Svindal, che per riduce di qualche punto il distacco da Hirscher nella classifica generale di Coppa del Mondo. In campo femminile, miglior tempo di Daniela Merighetti nelle prove della libera di Cortina.

SERIE A Grazie ai due punti restituiti dalla Corte di giustizia federale i partenopei sono tornati in corsa per lo scudetto
Il campionato ufficialmente riaperto. Grazie ai due punti restituiti dalla Corte di giustizia federale, il Napoli tornato ufficialmente in lotta per lo scudetto e delle tre pretendenti al titolo, d la sensazione di essere la squadra pi in forma. Ne avremo la controprova domani allora di pranzo, quando la squadra di Mazzarri misurer le ambizioni della Fiorentina, reduce da due ko di fila. Un match molto delicato, il cui esito incider pesantemente sul campionato di entrambe le formazioni. I partenopei scenderanno in campo al Franchi, sapendo gi il risultato della Juve, che stasera cercher di dare un calcio alla crisi di risultati (un punto nella ultime due partite) battendo lUdinese. Un match comunque non facile, perch la squadra

Il Napoli ora minaccia la Juventus


di Guidolin in crescita e potrebbe mettere in difficolt una Juve in calo fisico e sempre alle prese con il problema offensivo. Delicato anche limpegno della terza protagonista in vetta, la Lazio in campo oggi pomeriggio a Palermo, contro un avversario caduto nel baratro. Senza le penalizzazioni, i rosanero sarebbero allultimo posto in classifica e senza larrivo di un vero bomber, raggiungere la salvezza diventa unimpresa. Il piatto forte della domenica sicuramente la partita dellOlimpico tra Roma e Inter. Entrambe vittoriose in Coppa Italia, cercano un rilancio in campionato, con la consapevolezza che la zona Champions rischia di diventare un miraggio. Nella zona calda della classifica, punti pesanti sono in palio a

Bergamo, dove lAtalanta ospita il Cagliari. Fabio Varesi fabiovaresi16@libero.it

Cavani, bomber del Napoli

LEGA PRO Per alimentare speranze di playoff i grigioriossi hanno assolutamente bisogno dei tre punti
di Matteo Volpi Carpi-Portogruaro Como-Tritium Cuneo-Reggiana Feralpi Sal-Cremonese Lumezzane-Pavia San Marino-Lecce Treviso-Trapani Virtus Entella-AlbinoLeffe Riposa: SudTirol Lecce Trapani Carpi SudTirol Pavia Virtus Entella San Marino* Lumezzane* Cuneo Cremonese (-1) Portogruaro (-2) Feralpi Sal* Reggiana Como (-1) AlbinoLeffe (-10) Tritium* Treviso (-1) 34 32 30 30 29 27 25 23 23 22 18 18 18 17 16 9 8

Cremo a Sal solo per vincere


20 Giornata
La comunicazione ufficiale arrivata ieri pomeriggio dalla Figc emiliana: tutte le gare del girone A di Promozione (quello in cui milita la Casalese) sono rinviate a data da destinarsi. La neve, caduta copiosamente soprattutto al di l del Po, ha indotto il comitato regionale a rimandare la prima giornata di ritorno, che a Casalmaggiore avrebbe visto scendere in campo i locali biancocelesti contro la Langhiranese. Uno scontro diretto a tutti gli effetti, posticipato per cause di forza maggiore che costringono la Casalese a rinviare le velleit di rimonta. Chiuso il girone dandata allultimo posto e con due sconfitte consecutive ad inizio anno, i La Baslenga innevata maggiorini allenati da Agazzi dovranno iniziare a pensare anticipatamente alla trasferta di Brescello, in programma domenica 27. Gara proibitiva se si considera la cinquina subta al Ferrari allandata. La settimana di sosta forzata potrebbe per far comodo in Baslenga: oltre allautostima da ritrovare, c uninfermeria piena da svuotare. CLASSIFICA (17 giornata) Arcetana 34; Castellana, Meletolese 33; Montecchio 28; Castelnovese 27; Povigliese 26; Cadelbosco, Medesanese 23; Borgonovese, Brescello, Falk 22; Ciano 21; Carignano 20; Langhiranese 18; Bobbiese, Fabbrico, Traversetolo 17; Casalese 15. Simone Arrighi

21 GIORNATA (20-1-h 15) Atalanta-Cagliari, Chievo-Parma, Fiorentina-Napoli (h 12.30), Genoa-Catania, Juventus-Udinese (19-1 h 20.45), Milan-Bologna, Palermo-Lazio (19-1 h 18), Pescara-Torino, Roma-Inter (h 20.45), Siena-Sampdoria. CLASSIFICA Juventus 45; Napoli, Lazio 42; Inter 38; Fiorentina 35; Roma 32; Milan 31; Parma, Udinese 30; Catania 29; Chievo 24; Torino (-1) 23; Atalanta (-2) 22; Sampdoria (-1) 21; Pescara 20; Cagliari 19; Genoa 17; Palermo 15; Siena (-6) 11.

n attesa di un colpo ad effetto, la Cremonese si concentra sulla trasferta di Sal. Una gara difficile, nella quale i grigiorossi incontreranno tuttavia una formazione reduce da tre sconfitte consecutive e ridimensionata rispetto a qualche mese fa. La settimana di mercato non ha prodotto volti nuovi come previsto, motivo per cui mister Scienza dovr far fronte alla trasferta con gli effettivi gi a disposizione. Tra questi rientreranno Moi e Buchel, mentre usciranno di scena per un turno Martina Rini e Carlini, uno dei pi in forma di questultimo periodo. A centrocampo dovremmo rivedere allopera Degeri, sacrificato nella gara di Bergamo, mentre in avanti siamo in trepidante attesa del primo gol targato 2013 di Milan Djuric che in assistenza dovrebbe aver Caridi e Le Noci. Il Feralpi Sal, come detto, reduce da tre sconfitte consecutive ed ha battezzato lanno anche con una bruciante sconfitta casalinga (3-0 per opera del Pavia). Per la truppa grigiorossa, dunque, le scusanti sembrano finite. Si va a Sal per vincere, alla faccia di chi ama criticare e scuotere la testa e senza attendere che arrivi un santo protettore dal mercato di gennaio. Anche perch l'affare Altinier pare essere sfumato e la pista pi battuta rimane quella di Eusepi del Varese e non stiamo certamente parlando di Drogba o Balotelli, indipendentemente dal colore della pelle. I tifosi, quelli veri, seguiranno la squadra in riva al Garda (neve permettendo), nonostante non sia proprio stagione di bagni e tintarelle, perch in questo progetto in fondo ci sperano ancora. La corsa ai playoff ancora tutta da scrivere, ma perdere altro terreno per strada

Casalese ferma ai box per colpa della neve


PROMOZIONE

Classifica

Le Noci impegnato a Bergamo (foto Ivano Frittoli)

potrebbe essere deleterio. PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3) Viotti; Sales, Moi, Tedeschi, Visconti; Baiocco, Buchel, Degeri; Caridi, Djuric, Le Noci. All.: Scienza. CESSIONI Gioved la dirigenza grigiorossa ha ceduto due attaccanti: Alessandro Marotta al Benevento e Antonino Bonvissuto alla Reggiana. REPLICA La Societ Us Cremonese, senza voler creare nessun tipo di polemica, ricorda ad

Alessandro Marotta, in merito alle dichiarazioni rilasciate negli scorsi giorni, che la citt di Cremona e la tifoseria della Cremonese non sono mai state razziste e mai lo saranno. I tifosi grigiorossi hanno sempre applaudito i propri atleti, da qualsiasi parte dellItalia venissero (vedi Prisciandaro e altri) e continueranno a fischiare quei giocatori che non rispettano la gloriosa storia dell'Us Cremonese. Pi chiaro di cos...

Con un gol di Fiorentini arrivato al 6 della ripresa, il Crema ha regolato la pratica Arcellasco. Tre punti che permettono alla formazione di Lucchetti di assestarsi al quinto posto in piene zona playoff. Una posizione di classifica che rispecchia il valore della squadra, che domani ha unaltra ghiotta occasione per salire in graduatoria nel match casalingo contro il Sondrio, un solo punto sotto i nerobianchi e potenzialmente un avversario pericoloso nella corsa ai playoff. Nulla da fare, invece, per la Rivoltana caduta di misura (1-0) a Sancolombano. Un risultato prevedibile, ma ora la squadra deve reagire, a partire dalla sfida interna con la Trevigliese. CLASSIFICA (17 giornate) Giana 45; Ciserano 37; Sancolombano 34; Cavenago 32; Crema 30; Sondrio, Trevigliese 29; Base 96 25; Ardor Lazzate 24; Desio 23; Mariano 22; Arcellasco 19; Valle Brembana, Rivoltana 18; Real Milano 17; Zanconti 10; Giussano 7; Cant 2.

Crema in ascesa punta ai playoff


ECCELLENZA

SERIE D Doppio 1-1 non senza rimpianti per i gialloblu che hanno comunque giocato bene
Doppio pareggio per 1-1 per la Pergolettese nella settimana che porta al big-match di domani a Ponte San Pietro contro la capolista Pontisola. Due pari con rimpianti per i punti persi. Ma se dallincontro di domenica scorsa a Castelgofferdo il rimorso stato per il gol subto su dubbio rigore al 95 dalla Castellana, dopo il vantaggio di capitan Scietti poi espulso per doppia ammonizione, il pareggio contro il Lecco arrivato dopo una gara che ha visto nella prima frazione una delle migliori prestazioni della Pergolettese, alla quale mancata solo un po di cattiveria sottoporta. Poi nella ripresa il Lecco, scampato il pericolo, ha preso coraggio ed aumentando ritmo e corsa, riuscito a togliere liniziativa alla compagine cremasca ed andato a segno con un bel colpo di testa del centravanti Castagna. I gialloblu sono per riusciti vantaggio il primo tempo nonostante almeno due nitide occasioni da rete. Poi ci pu stare nel calcio che alla prima opportunita della squadra avversaria si possa subire un gol, anche perch il Lecco nella seconda parte di gara scesa in campo con maggior intensit e corsa e ci ha messo un po in difficolt per una ventina di minuti . Poi ci siamo ripresi ed il pareggio realizzato stato pi che meritato, anzi pensavo anche di poter vincere nel finale con lopportunit avuta da Pantaleoni. Comunque accettiamo il risultato del campo e concentriamoci subito per la partita di domenica contro il Pontisola a cui arriviamo consapevoli della nostra forza e che affronteremo con lobbiettivo di uscire vincitori come facciamo ogni domenica. Nota lieta stato il rivedere in campo dopo quattro mesi dallinfortunio, Zoppetti

Pergolettese, sfida alla capolista dopo due pareggi


Il tecnico Venturato

a riprendere in mano il gioco e a pervenire al pareggio al 91 con Chiurato che ha festeggiato nel migliore dei modi il suo compleanno. Il commento di fine partita di mister Venturato eloquente: Per 70 minuti ho visto in campo una sola squadra a cui lunico appunto che posso muovere di non aver chiuso in

che al termine della gara, nonostante i novanta minuti giocati, non ha risentito alcun dolore alla caviglia e pu ritenersi pienamente recuperato anche se deve sostenere ancora una visita di controllo. Ma la voglia di giocare accumulata in questi mesi stata talmente tanta che niente poteva impedirgli di scendere in campo vista lassenza di capitan Scietti. Ora si spera di poterli rivedere finalmente in coppia nella sfida alla capolista Pontisola. CLASSIFICA (22 giornata) Pontisola 48; Pergolettese 45; Caronnese 44; Olginatese 41; Voghera 38; Lecco 35; Castellana 34; Montichiari 33; MapelloBonate, Caravaggio 31; Alzano Cene, Aurora Seriate 28; Seregno 26; Darfo Boario (-1) 24; St. Georgen, Pro Sesto 21; Fersina P. 20; SantAngelo 14; Mezzocorona 13; Trento 11 (-1). dalla redazione

Sport
BASKET A2 BASKET DNC

Sabato 19 Gennaio 2013

Incassata linevitabile sconfitta con il San Martino di Lupari, lAssi Manzi Cremona torna ad affrontare avversari pi abbordabili, anche se vincere ad Alghero (stasera alle ore 19) sar molto difficile senza sfoderare una prestazione super. Ben diverso il campionato della Tec-Mar Crema, salita al terzo posto in classifica dopo lautoritaria affermazione contro Alghero (76-50). La formazione di Giancarlo

Tec-Mar, scontro al vertice a Milano Piadena a Orzinuovi per la prova del nove
Giroldi impegnata domani pomeriggio a Milano in un autentico scontro al vertice, visto che in palio c il terzo posto solitario in classifica. CLASSIFICA (15 giornata) Venezia 28; San Martino di Lupari 26; Milano, Tec-Mar Crema 22; Udine, Marghera 18; Alghero 16; Broni, San Salvatore 14; Muggia, Valmadrera 10; Assi Manzi Cremona 6; Virtus Cagliari 4; Biassono 2.

25

Dopo otto vittorie consecutive, possiamo dire che lMgK Vis attesa alla prova del nove domani pomeriggio a Orzinuovi. Il risultato ci dar probabilmente il vero valore dei Piadena, che comunque merita ampiamente il secondo posto in classifica, proprio davanti ai bresciani. Tempi duri, invece, per lErogasmet Crema. Dopo una partenza a razzo, la formazione di Galli ha accusato troppi infortuni, che lhan-

no limitata parecchio, allontanandola dal vertice della classifica. Oltretutto stasera a Crema arriva la capolista Montichiari: vietato abbassare la guardia. CLASSIFICA (13 giornata) Montichiari 24; MgK Vis Piadena 20; Orzinuovi 18; San Bonifacio, Erogasmet Crema, Cant 16; Milanotre Basiglio, Lissone, Pisogne 14; Bernareggio 12; Bergamo, Cittadella 8; Bancole 2; Arzignano 0.

La trasferta di Bologna si annuncia impegnativa, anche se coach Gresta pu contare sullesordio di Brian Chase

LEGA A Dopo aver sbancato Biella, i biancoblu ci riprovano domani contro una Virtus in difficolt
di Giovanni Zagni

La Vanoli sogna unaltra impresa


Avellino-Montegranaro Brindisi-Varese Cant-Venezia Cremona-Bologna Milano-Caserta Pesaro-Roma Reggio Emilia-Siena Sassari-Biella Varese Sassari Siena Cant Roma Reggio Emilia Brindisi Milano Venezia Caserta Bologna Cremona Montegranaro Avellino Pesaro Biella 26 24 22 22 20 16 16 16 14 14 12 10 8 8 6 6
come sono quelle degli uomini di Meo Sacchetti. La Sardegna esulta e tutto il basket ne trae vantaggi a livello di immagine, perch lo spettacolo visto in tv stato gradevolissimo. Torniamo alla Vanoli, per dire che sar ancora in viaggio. Stavolta, nel primo turno del girone di ritorno, in arrivo la trasferta di Bolognacontro la Virtus, squadra dalla grande tradizione ma che al momento viaggia nelle zone basse della classifica, appena sopra alla Vanoli. Ma non si creda di fare una scampagnata, perch pur privi di Hasbrouck e Minard, gli emiliani hanno venduto cara la pelle a Cant, perdendo 79-64, dopo essere stati addirittura

na super Vanoli, la migliore probabilmente tra quelle viste sinora, ha strapazzato lAngelico Biella sul suo campo, segnando ben 92 punti! Si trattato di una prestazione super per intensit difensiva, per grande presenza a rimbalzo, per eccellente qualit nella selezione dei tiri e nelle letture sui giochi a due dei piemontesi. Una prestazione di grande spessore che viene subito dopo quella un po molle contro Reggio Emilia e proprio per questo motivo ancor pi gradita. Segno che in settimana Gresta ed i suoi giocatori hanno lavorato con intensit e professionalit. S, perch vincere cos largamente a Biella significa guardare avanti con maggiore serenit verso il futuro. Mancava Vitali, fermo per linfortunio allindice della mano destra (ne avr ancora per un bel po), ma i compagni, Peric e Jackson in testa (ma anche Johnson e Stipanovic), ne hanno mascherato lassenza andando oltre ogni pi rosea aspettativa. In settimana poi arrivata la notizia dellingaggio di Brian Chase, play-guardia statunitense con alle spalle una carriera ad alto livello, che coprir lassenza di Vitali e si spera, non solo, mentre laltra buona notizia lacquisizione della cittadinanza italiana

per Jackson, che cos ha permesso il tesseramento di un nuovo straniero. Prima di introdurre la prossima gara, ci pare giusto commentare brevemente limpresa di Sassari che ha tramortito la Mens Sana Siena, travolgendola con 30 punti di scarto, in virt di giocate anche rischiose ma affidate a mani eccellenti

CICLISMO

Il presidente federale ribadisce la volont di completare i progetti dei velodromi di Treviso e Milano-Assago

Classifica

16 Giornata

Harris a canestro (foto Castellani)

in vantaggio al 20 (38-39). Gli emiliani hanno nel roster molti giovani promettenti (su tutti Imbr e Moraschini) qualche espertissimo come il play Poeta ed i centri Rocca e Gigli, nonch giocatori di categoria come Gaddefors, Smith e Parzenski. Allandata Poeta e compagni ebbero vita facile al PalaRadi, contro una Vanoli ancor priva di certezze, ma adesso la musica potrebbe essere diversa, anche se non sar facile ripetere la recentissima prestazione di Biella, avendo riguardo anche alla diversa caratura dei due avversari. Ci dicono che anche a Bologna i tifosi ci saranno, avendo organizzato il viaggio e si faranno sentire cos com stato a Biella. In bocca al lupo anche a loro! AVELLINO La squadra irpina torna al passato, ingaggiando Cesare Pancotto per risollevare una classifica fattasi pericolosa. Non potevo rifiutare, doveroso essere qui, sono state le prime parole del coach che ha allenato Avellino nella stagione 2009-2010, pilotata a lottare per i playoff, persi proprio allultima giornata di regular season al PalaRadi. La Sidigas Avellino ha deciso di sollevare dallincarico Gianluca Tucci (che a sua volta aveva sostituito Giorgio Valli), dopo la sconfitta casalinga con Pesaro, che ha complicato il cammino degli irpini verso la salvezza.

Renato Di Rocco stato confermato per la terza volta alla presidenza della Federciclismo fino al 2016. Ha vinto alla prima votazione con 144 dei 257 voti, superando di poco (2 voti) il 55% che gli serviva. E andata un po come era nelle aspettative: Di Rocco, 66 anni romano, prese il posto di Gian Carlo Ceruti nel 2005, era lunico candidato solido. Per Di Rocco sono risultati decisivi i voti degli atleti e dei tecnici. Mi aspettavo un consenso pi ampio, ma negli ultimi tempi abbiamo preso decisioni forti e impopolari - dice il presidente confermato - vogliamo dimostrare che il ciclismo non solo doping, ma uno sport straordinario per tutti i bambini. Il nostro impegno principale, nel quadriennio sar a sostegno delle societ, a facilitare lattivit giovanile, con pro-

Il rieletto Di Rocco punta al rilancio della pista Le magnifiche 22 del Giro


sidente della Fci piemontese 39, Claudio Santi, piacentino e organizzatore della Sei Giorni delle Rose di Fiorenzuola dArda 18, Gianni Sommariva, bergamasco e organizzatore della Settimana Lombarda 6, Salvatore Bianco, leccese e presidente della Fci pugliese 2. Cinque le schede bianche e due nulle. Questo il nuovo consiglio federale: presidente Renato Di Rocco, vicepresidenti Daniela Isetti (vicario), Giovanni Duci e Michele Gamba. Consiglieri: Igino Michieletto, Renato Riedmuller, Corrado Lodi, Camillo Ciancetta, Giovanni Vietri. Rappresentanti atleti: Noemi Cantele e Andrea Tiberi. Presidente Corte federale Jacopo Tognon, presidente Commissione Claudio Vallorani, presidente Revisori dei Conti Simone Mannelli. Fortunato Chiodo

Completata la rosa della squadra al via nella 96 edizione

Renato Di Rocco

getti dei velodromi di Treviso e di MilanoAssago da completare per il rilancio della pista. Al congresso di Levico Terme (Trento) Di Rocco ha distanziato cinque dirigenti: Davide DAlto, milanese ha raccolto 41 voti, Rocco Marghegiano, pre-

(F.C.) Completata la rosa delle squadre ammesse al 96 Giro dItalia, che scatter da Napoli il 4 maggio e si concluder a Brescia il 26. Corsa rosa che vedr al via 22 squadre di 9 corridori (198 in totale). Giro che ha puntato ancora allitalianit, con un panorama tecnico non abbondante e una scelta felice: in tempi di crisi economica stagnante, si garantisce un futuro alle nostre squadre. Questi i team ammessi, con le punte di ciascuno (al momento sicure): Ag2r La Mondiale (Pozzovivo, Betacur), Astana (Nibali, Fuglsang, Brajkovic), Bmc (Phinney), Cannondale (Basso, Viviani, Moser), Euskaltel (S. Sanchez), Fdj (Demare), Blanco-Ex Rabobank (Gesink), Garmin-Sharp (Hesjedal, Farrar), LampreMerida (Scarponi, Petacchi), Lotto-Belisol (Greipel), Movistar (Capecchi, Visconti), Omega Pharma- Quick Step (Cavendisch), Orica-Greendedge (Goss), Radioshack-Nissan (Cancellara), Team Sky (Wiggins), ArgosShimano (Kittel), Saxo Bank- Tinkoff (Kreuziger, Bennati), VacansoleiDcm (Rujano), Vini Fantini-Selle Italia (Garzelli, Gatto, Rabottini, Chicchi ), Bardiani-Csf (Modolo, Battaglin, S. Locatelli), Androni Giocattoli (Pellizotti, Sella, Felline), Team Colombia (Duarte, Atapuma, Chaves). Un cast di attori destinato ad arricchirsi, visto che al momento la Katusha di Joaquin Purito Rodriguez esclusa dal World Tour per motivi etici.

26

Sabato 19 Gennaio 2013

Sport

15 Giornata

i chiama Serena Malvestito e proviene dalla Idea Volley Bologna di A1 ed la nuova centrale della Pom Casalmaggiore. La societ Vbc ha ufficializzato lingaggio della giocatrice pavese, classe 1988, resosi necessario a seguito dellinfortunio occorso a Rossella Olivotto, che accusa un fastidioso risentimento alla schiena e che non potr allenarsi per tutto il mese di gennaio e solo da febbraio potr riprendere gradualmente confidenza con la palla. Larrivo di Serena Malvestito rid quindi completezza allorganico di mister Gianfranco Milano. La giocatrice sar a referto per la partita di domanicon la Sigel Marsala. La nuova centrale rosa ha iniziato la sua carriera nel Club Italia durante la stagione 2004-2005. Quindi lapprodo alla Riso Scotti Pavia per due stagioni in A2 e successivamente, nel 2007, alla Biancoforno Santa Croce. Seguono due annate sportive a Volta Mantovana dopo le quali si registra per la giocatrice pavese lapprodo alla formazione di Giaveno nel 2010. Le ultime stagioni hanno visto Serena Malvestito nelle file di Conegliano in A1 e poi, a seguito del ritiro della squadra veneta dal campionato, con la maglia della Rebec-chi Nordmeccanica Piacenza. Nella

Una Pom pi forte contro il Marsala


Cadelbosco-Frosinone Montichiari-Ornavasso Novara-Sala Consilina Pavia-Mazzano Pom Casalmaggiore-Marsala San Vito-Fontanellato Soverato-San Casciano Novara Pom Casalmaggiore Ornavasso Frosinone Mazzano Pavia Montichiari Sala Consilina Soverato Cadelbosco San Casciano Fontanellato San Vito Marsala 36 34 33 24 22 21 21 20 20 18 18 12 8 7

VOLLEY A2 Nel match con il fanalino di coda le casalasche possono schierare il nuovo acquisto, la centrale Serena Malvestito

Vinto con autorit (3-1) il test con Montichiari


LAMICHEVOLE

Classifica

Serena Malvestito, nuova centrale della Pom

Pom la giocatrice vestir la maglia numero 7. Sono molto contenta dellopportunit concessami dalla Pom ha dichiarato la diretta interessata - arrivo in un gruppo gi affiatato che sta facendo molto bene e il secondo posto in classifica ne la dimostrazione. Sono consapevole degli obiettivi societari e mi metto sin da subito al lavoro per dare il mio contributo. Obiettivi ambiziosi, dopo che la

massima serie la scorsa stagione sfuggita solo nella finale con lIcos Crema. Con la vetta a soli due punti, la Pom non pu far altro che incamerare i tre punti contro il fanalino di coda Marsala. Un match facile solo sulla carta, che le ragazze in maglia rosa devono affrontare con la massima determinazione, per evitare spiacevoli sorprese. Del resto, la differenza tra le due squadre notevole e le siciliane sanno

perfettamente a cosa vanno incontro. Il resto del programma vede la capolista Novara impegnata sul parquet amico contro il Sala Consilina, formazione di met classifica. Difficile prevedere che le piemontesi perdano punti, quindi il divario con la Pom rimarr probabilmente invariato. Trasferta insidiosa, infine, per lOrnavasso, terza forza del campionato che impegnata a Montichiari.

La Pom conferma lottimo momento di forma e riesce ad avere la meglio anche nel secondo test amichevole nel giro di sette giorni con la Systema Montichiari. Bacchi e compagne si sono imposte al Pala George in quattro set, vincendo i primi due, lasciando liniziativa alle padrone di casa nel terzo e tornando padrone del gioco e del punteggio nel quarto parziale. Ad assistere alla gara cera il nuivo acquisto Serena Malvestito. Nel primo set mister Milano ha schierato la formazione tipo con Corna al palleggio, Zago opposta, Bacchi e Beier di banda, Repice e Nardini al centro, Gibertini libero. Il bilancio complessivo per la formazione di Casalmaggiore parla di un ottimo test in vista del match al Pala Farina di Viadana sar di scena la Sigel Marsala. SYSTEMA MONTICHIARI-POMI 1-3 (18-25, 24-26, 25-18, 14-25) - POM CASALMAGGIORE: Bacchi 6, Guatelli 13, Nardini 9, Nasari 3, Corna 3, Zago 9, Beier 14, Repice 7, Gibertini (L), Agrifoglio, DAmbros (L), Olivotto ne, Malvestito. All.: Milano.

SERIE B1
Esultanza della Reima nel match contro Olbia

Ha svolto solo due allenamenti ed ha visto giocare la sua nuova squadra una sola volta, in coincidenza con la vittoria determinante sullOlbia (per 3-1). Ma Marco Gazzotti, il nuovo tecnico della Reima Crema sa perfettamente che la strada da percorrere per centrare la salvezza ancora molto lunga. Mister che impressioni ha avuto della sua nuova squadra? Per anni ho allenato il settore femminile per cui mi devo ancora rendere conto del livello del campionato. Al di l della vittoria di domenica contro Olbia, la squadra mi ha dato unottima impressione e sicuramente ha mostrato che non merita lattuale posizione di classifica. Ho notato

Gazzotti: La Reima pu riuscire a salvarsi


rabbia, determinazione ed una gran voglia di lasciarsi alle spalle un periodo negativo; non scopro nulla di nuovo se dico che la squadra ha qualit, ma servir lavorare molto dal punto di vista psicologico per recuoerare la fiducia nei propri mezzi. Quale stata la principale motivazione che lha spinta a scegliere la Reima? Principalmente stata la voglia di allenare. Dopo i primi contatti telefonici con la dirigenza, ho avuto anche delle ottime referenze sulla societ e sulla squadra, per cui ho deciso di accettare. Sar una bella sfida, ma possiamo uscire dalle zone basse della classifica e centrare la salvezza quanto prima.

Che ambiente ha trovato? Ho notato che lambiente buono e sono molte le persone che seguono le sorti della squadra. Durante la partita ero assorto dal gioco, non sono riuscito a sentire il tifo. Mia moglie Tiziana me lo ha riferito dopo dei cori e degli incitamenti rivolti alla squadra. Naturalmente ora serve una continuit di risultati, ecco perch indispensabile recimolare punti domani sul campo del fanalino di coda Cisano. CLASSIFICA (12 giornata) Cant 29; Bergamo 27; Genova, Asti 23; Milano 21; S. Antioco 19; Cagliari, Mondov 18; Iglesias, Olbia 15; Brugherio 14; Brescia 13; Reima Crema 10; Cisano 7.

ROWING

E tutto pronto a Catania per la 13 edizione dei Campionati italiani di indoor rowing (in Italia conosciuto anche come remoergometro). Lappuntamento per domani presso limpianto La Vecchia Dogana, noto per aver ospitato la rassegna regionale siciliana esattamente un anno fa. In gara gli Adaptive sui mille metri, poi le categorie Ragazzi, Junior, Esordienti, Under 23, Pesi Leggeri e Senior sui 2000. Abbinati ai Campionati italiani, ci sono anche il Meeting nazionale Allievi e Cadetti ed il Tricolore Master. Al via anche due rappresentanti della Baldesio, Michele Manzoli e Raffaele Beduschi, che vogliono ben figurare. Lo scorso anno Manzoli ha conquistato la medaglia dargento e prover a salire ancora sul podio.

Manzoli e Beduschi in gara agli Italiani Sfida bresciana per due

RUGBY

Reduce dal successo per 15-7 nellimpegnativo derby col Codogno, il Crema Rugby Club (nella foto) torna in campo domani alle 14.30 nel difficile match contro la Bassa Bresciana. In palio punti importante per la classifica e per le ambizioni dei cremaschi, che proveranno a sfruttare il fattore campo. Turno casalingo anche per il Cremona Rugby, in campo da favorito contro il Marco Polo, formazione di bassa classifica. Il bilancio della stagione dei grigiorossi, fino ad ora, stato soddisfacente, come ha confermato la dirigenza della societ. Nellaltro girone, invece, il Casalmaggiore prova a riscattare il ko con lElephant Rugby, battendo il Cernusco Rugby, seconda forza del campionato e avversario molto ostico da superare.

BOCCE

Sabato prossimo parte il campionato italiano per societ: prime formazioni a scendere in corsia saranno quelle di terza categoria. Con il passare degli anni sta sempre pi calando la partecipazione delle nostre formazioni, ma la novit del 2013 , dopo qualche anno di disinteressamento, la presenza di una bocciofila cremasca. Due i raggruppamenti della categoria A (prima categoria) e nel girone 1 iscritta la Vis Trescore: squadra con giocatori di esperienza nelle condizioni di poter guardare al campionato con fiducia, perch la formazione di quelle che difficilmente non lasciano il segno. La bocciofila del presidente Luigi Comolli, guidata dal tecnico

Campionato per societ, Vis Trescore ambiziosa Stasera lepilogo del Palabosco
previsto per sabato 9 febbraio al bocciodromo di San Donato Milanese contro la formazione locale della Madonnina, mentre lincontro di ritorno in programma sabato 16 sulle corsie del comunale di via Indipendenza. Frattanto ieri sera a Capergnanica, sotto la direzione di Franco Stabilini, c stato lepilogo del 3 trofeo Mcl, gara individuale con due finali separate. Nella categoria A/B in semifinale Pierantonio Comizzoli, Paolo Guglieri (nella foto), Mario Lotti e Mattia Visconti, mentre in categoria C/D si sono contesi la vittoria Morrys Vailati, Palmiro Rossetti, Gabriele Nichetti e Piergiorgio Cabrini. Massimo Malfatto Riflettori puntati sulle accoglienti corsie del bocciodromo di Bosco ex Parmigiano dove questa sera si concluder il trofeo Palabosco, una gara a coppie regionale organizzata da Claudio e Sabrina con il supporto della bocciofila Cral Aziende Sanitarie Cremonesi. A questa prima manifestazione dellanno 2013, giunta alla sua terza edizione, hanno partecipato circa 340 giocatori (almeno una ventina in pi dello scorso anno!) ed ha visto la presenza di un discreto pubblico durante le due settimane e mezzo di batterie svoltasi interamente sulle corsie del Palabosco e del Dlf di via Bergamo: iscrizioni e spettatori che hanno ampiamente ripagati gli sforzi dei solerti e produttivi gestori del bar pizzeria Palabosco. La finale, sotto la direzione di Carlo Spadafora, inizier alle ore 17.30 con ben sei spareggi in programma sulle corsie del Ferroviario e del Palabosco dove ci sar lepilogo della gara in tarda serata. M.M.

Sergio Marazzi, composta da Giuliano Galantini, Paolo Guglieri, Stefano Guerrini, Alberto Pedrignani ed Andrea Zagheno. Lesordio

Zagheno e Guerrini finalisti al Palabosco

Lettere & Opinioni


"
punto di vista

Per dire la vostra, scrivete a:

lettere@ilpiccologiornale.it cremasco@cuticomunicazione.it

Sabato 19 Gennaio 2013

27

i sacerdoti devono tornare quelli di una volta


Gentile direttore, so che largomento che vado a toccare molto delicato. Ultimamente, ferma restando la fede in Cristo, mi risulta sempre pi difficile ritrovarmi nella Chiesa, per numerose contraddizioni che sto vedendo in essa, a livello locale ma anche mondiale. La domanda che sempre pi mi pongo (dubitando, tuttavia, di essere in solitaria) la seguente: dove sta andando la Chiesa? E, soprattutto, dove stanno andando i suoi sacerdoti? Quale esempio di coerenza e di fedelt al Vangelo ci danno? Chiese drammaticamente vuote durante la giornata: entrare nelle chiese lascia a dir poco desolati. Non c la presenza di un solo sacerdote, salvo recarsi, per esempio, in Cattedrale. Ma i sacerdoti delle altre chiese dove sono? Dov la cura danime di cui un tempo si parlava? Un parroco, quando viene nominato tale, viene forse esonerato dal confessare i fedeli? O deve essere cercato a destra e a manca per poterlo fare, anzich trovare momenti in cui restare in Chiesa, attendendo lui come padre larrivo di coloro che desiderano confessarsi o vogliono trovare una parola di confronto e di conforto? Mi si dir che oggi i sacerdoti sono pochi e hanno molto da fare; prima di scrivere mi sono informata: nella nostra citt i sacerdoti sono ancora, fortunatamente, in numero sufficiente per poter rispondere alle esigenze dei fedeli. Inoltre, molti sono i laici impegnati nelle parrocchie cittadine, lasciando quindi modo ai sacerdoti soprattutto ai parroci di poter dedicarsi alla cura danime. Coerenza con ci che viene annunciato: spesso accade di sentire sacerdoti tenere omelie profonde, ma poi nella realt si notano comportamenti contrari. La punta delliceberg senza dubbio uno scollamento tra una richiesta di povert rispondente al Vangelo e levidenza di una Chiesa, sia a livello di strutture che di persone, lontana da una vera immagine di povert. Sempre a proposito di coerenza si sentono sacerdoti insistere sullamore e sul perdono fraterno, sulla necessit di restare uniti sia allinterno delle famiglie sia nelle comunit parrocchiali stesse, auspicare che in esse tutti si sentano rispettati e valorizzati nel loro pensiero, eppure ancora la teoria si stacca dalla pratica e ci si trova ad essere emarginati, oserei dire esiliati, quando il proprio pensiero esposto coraggiosamente non trova la rispondenza di chi alla guida della parrocchia, trovando purtroppo lavallo di alcuni fedeli che cercano di conservare in parrocchia una propria nicchia a scapito di altri. Credo che oggi nella Chiesa ci siano troppe voci contraddittorie, ritengo ci siano alcune centralit, anche nella vita di un sacerdote, imprescindibili per il suo ministero, quali confessione e celebrazione della messa. Credo un prete non debba sentirsi offeso nel momento in cui qualcuno fa notare che, oggi, un numero sempre minore di essi si dedica con gioia alla direzione spirituale e alla confessione, preferendo linsegnamento, o altre attivit che potrebbero essere svolte anche da laici. Mi rivolgo cos a tutti i sacerdoti: i giovani e non solo loro, in questo mondo fatto di individualismo, hanno bisogno di vedere in voi chi pronto a servire tutti, chi la pensa come voi ma anche chi non la pensa allo stesso modo ma ve lo dice in faccia e non alle spalle come troppi bravi cattolici invece fanno , a vedere in voi chi disposto a spendere il suo tempo nellascolto, anche quando laltro ha solo problemi o banalit da raccontare, chi pronto a rimettere i debiti dellaltro non solo a parole, ma anche nei fatti, chi pronto a vedere nel suo prossimo Ges. I giovani, e non solo loro, vorrebbero vedere in voi il volto di quel Cristo che non ha mai cacciato nessuno, ma che accoglierebbe laltro a braccia aperte, con i peccati piccoli o grandi che ha, magari con la semplice voglia di sentire una parola buona, forse piangendo con lui per poi ricominciare a sperare insieme. Lettera firmata

Canone Rai: ecco quando non devete pagarlo


Buongiorno avvocato, vorrei sapere se posso smettere di pagare labbonamento del canone Rai intestato a mio marito deceduto da ormai dieci anni. Fino ad oggi ho continuato a corrispondere i versamenti del canone, ma sinceramente non trovo giusto continuare a pagarlo dato che oltretutto non guardo mai la televisione. Francesca *** Il cosiddetto canone Rai non un abbonamento, bens una vera e propria imposta che grava su tutti i possessori di televisori, introdotta nel lontano 1938 con il Regio Decreto-Legge del 21 febbraio 1938 n. 246, convertito con la Legge 4 giugno 1938 n. 880, secondo cui deve pagare il canone Rai chiunque detenga uno o pi apparecchi atti o adattabili alla ricezione dei programmi televisivi. Si paga in quasi tutta Europa per le emittenti pubbliche e il canone italiano uno dei pi bassi in Europa, in testa c la Svizzera. In buona sostanza, detto balzello va pagato per il solo fatto di possedere uno o pi televisori, indipendentemente dal fatto che questi vengano

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*


usati o meno, o dalla scelta delle emittenti televisive e per assurdo anche se si proprietari di un televisore non funzionante dimenticato in cantina. Lobbligo tributario non viene meno neppure al verificarsi di eventi quali lassenza di segnale o il possesso di antenna idonea per la ricezione digitale. Se un abbonato muore, gli eredi devono continuare a pagare il canone anche se abitano altrove, a meno che essi non abbiano dato disdetta nei modi che vedremo di seguito, oppure, se sono gi abbonati, abbiano preso in carico il televisore del defunto allegando il certificato di morte e restituendo il libretto. Oggi, con la legge dellex re dItalia ancora in vigore, ci sono soltanto due modi per non pagare il canone, entrambi pienamente leciti: buttare o regalare il televisore secondo una procedura ben precisa, oppure chiederne il suggellamento sempre con una procedura precisa. In particolare, se si opta per la prima soluzione (buttare la tv) bisogna dare disdetta entro il 31 dicembre tramite raccomandata a.r., allegando una dichiarazione sostitutiva di atto di notoriet con firma autenticata nella quale si dichiara che lapparecchio stato gettato e non se ne possiedono altri. Bisogna restituire anche il libretto di abbonamento. Se si decide di regalarla, prevista la stessa procedura di disdetta inviando lapposita cartolina che sta nel libretto di abbonamento unitamente ad una dichiarazione di ricevuta del nuovo possessore e ad una fotocopia della sua carta d'identit. Il libretto va sempre restituito insieme alla disdetta. Per quanto riguarda lipotesi del suggellamento, c un'altra cartolina nel libretto che fornisce le indicazioni. Bisogna fare domanda sempre per raccomandata a.r. entro il 30 novembre, allegando la ricevuta di un vaglia postale di 5,16 euro intestato al Sat e restituendo il libretto. A questo punto lutente non pi tenuto al pagamento del canone e dovrebbe avvenire il suggellamento del televisore: la Rai manda due funzionari dellufficio tecnico erariale con un sacco di juta per

alle elezioni della Camera dei Deputati, mi impegno sin da ora a sostenere questa necessaria azione di lobby territoriale per laffermazione di una risposta positiva a questo bisogno. Se eletto, uno dei primi passi che muover come deputato sar quello di far s che il Cremasco abbia il suo giusto riconoscimento nellambito delle capacit di spesa di competenza del Ministero degli Interni. Si pu fare, si deve fare! Franco Bordo Capolista per Sel alla Camera dei Deputati *** avvolgere il televisore, chiuderlo con un filo di ferro munito allestremit di un piombino timbrato e redigere un verbale in tre copie. Questa operazione abbastanza rara, in quanto pare che generalmente non arrivi mai nessuno. Infine, con la Legge 248/2007 stata prevista labolizione del canone Rai per i cittadini che abbiano unet pari o superiore a 75 anni. Per aver diritto allesenzione occorre che la persona beneficiaria non conviva con altri soggetti diversi dal coniuge titolare di reddito proprio e possieda un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilit (6713,98 euro annui). *avvocato stabilito e mediatore civile emiliacodignola@libero.it

ancora una volta ci sono solo rappresentanti del mondo agricolo


Signor direttore, lo scorso mese di dicembre si sono svolte le elezioni dei consiglieri di amministrazione dei Consorzi di bonifica presenti sul nostro territorio. Tra questi ultimi vi era anche il neonato Consorzio di Bonifica Dugali, Naviglio e Adda Serio, che subentrato a diversi consorzi soppressi. I candidati da eleggere erano suddivisi per fascia di contribuenza e cio sulla base del contributo versato annualmente dai diversi consorziati. Come Lega Consumatori avevamo dato il nostro appoggio tecnico a una lista per la fascia di contribuenza pi bassa, relativa ad immobili costituiti prevalentemente da appartamenti e villette e quindi composta da persone non legate al mondo agricolo. Tutto questo per cercare di dare, per la prima volta, spazio anche ad altri interessi che, nel passato, non avevano mai avuto voce in questi organismi. Per una decina di voti questa lista non riuscita a eleggere il proprio rappresentante e cos tutti i 12 consiglieri eletti appartengono al mondo agricolo, espressione di liste legate rispettivamente alla Libera associazione agricoltori cremonesi e alla Coldiretti. Nulla da eccepire. Tutto regolare e tutto come sempre avvenuto. Ora rimane per il problema di come garantire la rappresentanza non solo al mondo agricolo, ma a tutti i gli altri cittadini che sono chiamati a concorrere economicamente ad opere su cui non hanno avuto n avranno in futuro la possibilit di interloquire. Il problema si pone anche perch, come si gi detto, fino ad ora la gestione di questi enti, anche al di l della volont dei singoli o delle associazioni di riferimento, sembrata cosa riservata a una ristretta elite a cui, anche lente pubblico, colpevolmente, ha delegato tutto. E questa delega stata gestita spesso anche in modo discutibile. Basta ricordare che, in un momento di grave crisi economica, quando sono a rischi servizi essenziali, il soppresso Consorzio Vacchelli ha dirottato i maggiori prelievi imposti a tanti cittadini, su maggiori spese per il personale e per lautoparco. Si affermato, da parte di alcuni amministratori locali che forse nelle decisioni in materia non c stata adeguata informazione alla cittadinanza. Ma come pu essere diversamente se la legge regionale prevede che, per un atto importante come lapprovazione del nuovo Piano di classifica per il riparto delle spese consortili, lunica informazione prevista per i cittadini solamente quella della sua pubblicazione allalbo del consorzio? E evidente che queste norme siano da cambiare (ma di ci cosa ne pensano i candidati al Consiglio Regionale?), ma nella situazione data, ci si chiede che cosa abbiano fatto i rappresentanti degli enti locali che sedevano nel consiglio di amministrazione del Consorzio sopra citato per sensibilizzare sul problema gli enti di riferimento e per cercare di informare preventivamente i cittadini di ci che si stava decidendo sulle loro teste. Unultima osservazione. Nessun rilievo sulla correttezza formale delle elezioni. Si ricorda solamente che nella citt di Cremona, dove interi quartieri erano interessati al voto, il seggio elettorale previsto era ubicato in pieno centro, in zona non facilmente accessibile ai cittadini di detti quartieri. Queste elezioni si sono svolte mercoled 5 dicembre, con seggio aperto dalle ore 9 alle ore 16. E evidente che per un normale cittadino, esprimere il proprio voto era cosa molto semplice: bastava prendere un giorno di ferie e, magari, un taxi. Lega Consumatori Cremona

"

Consorzi di BoniFiCa

"

appeLLo

Chiediamo rispetto sulla nuova centrale vicino a Crotta dadda


Signor direttore, si sono da poco spenti i riflettori sulla proposta di macroprovincia Cremona, Lodi, Mantova. I tempi parlamentari, legati al fine legislatura, non hanno consentito di approvare il provvedimento e della cosa si riparler in futuro. Nelloccasione bisognerebbe mettere i puntini sulle i dei rapporti tra la realt della nostra provincia ed il Lodigiano, evitando i personalismi. I rapporti con il presidente della provincia Foroni o con il suo predecessore Felissari o con Santantonio, suo vice e ora consigliere regionale, sono buoni anche se, a livello di questioni energetiche, i lodigiani hanno gi cercato, in passato, di fare i propri affari, a prescindere dal nostro territorio. Per la questione della centrale Sorgenia di Bertonico, infatti, gli amministratori laudensi hanno definito tutte le intese ed anche le cospicue cosiddette compensazioni ambientali e le relative ricadute economiche a prescindere dai nostri interessi territoriali. I nostri sindaci hanno dovuto minacciare il ricorso ad azioni legali, convocare assemblee sempre pi inviperite per un modus operandi del tutto irrispettoso delle nostre ragioni e delle legittime attese dei comuni cremonesi. Si dovuto dar vita ad una estenuante trattativa nel corso della quale Sorgenia si giustificava dicendo abbiamo gi dato ed alla fine abbiamo dovuto accontentarci delle briciole. Ancora peggio i rapporti col Piacentino se si giudica come andata la vicenda della centrale nucleare di Caorso, che ha portato benefici di circa 40-50 milioni a quel Comune ed alla provincia di Piacenza, ma nemmeno un centesimo ai Comuni ed agli enti cremonesi, pur avendo sostenuto ingenti investimenti per la realizzazione di centri di decontaminazione, di protezione civile e di prevenzione. Se questi sono i precedenti rispetto alle questioni energetiche, non possiamo dimenticare la stessa vicenda delle compensazioni per limpianto idroelettrico di Isola Serafini che ha visto gli enti locali ricorrere, in pi occasioni, alle vie legali per il riconoscimento delle intese, a suo tempo concordate. Ora, dopo due conferenze di servizi, la prima nel 2011 e la seconda lo scorso anno, viene in trattazione la questione della nuova centrale da realizzarsi in prossimit del salto tra Castelnuovo Bocca dAdda e Crotta dAd-

da. Mi pare che la metodologia finora abbia ricalcato i non edificanti precedenti, anche in termini di correttezza di rapporti tra amministrazioni che, negli ultimi tempi, si erano promesse pubblicamente eterno amore. Le nostre ragioni devono essere considerate qui e subito, sia sul piano della trasparenza delle procedure che dellascolto di tutti i portatori di interessi, sia del coinvogimento di tutti gli enti interessati. Al riguardo lAutorit di Bacino del Po di Parma, finora esclusa nonostante le sue indiscusse competenze ambientali, ribadite anche dalla richiesta della Provincia di Cremona sulla valutazione di incidenza dei siti di interesse comunitari a monte ed a valle della prevista centrale, stata interessata perch venga convocata in tutte le fasi relative non solo alle future conferenze di servizio ma anche per lacquisizione del previsto parere. Di questo si trattato anche nel corso dei contatti con il segretario generale Puma e con lingegner Alessio Picarelli. Giuseppe torchio Consigliere provinciale ***

ker (solitamente sotterraneo) scavato e costruito su un territorio sismico ed interessato da un mega stoccaggio di gas? Quanto terreno agricolo scomparirebbe dal nostro territorio? Quali benefici avrebbe la cittadinanza da questa struttura? Considerando che le basi militari Nato sono autonome ed autosufficienti, quali benefici per la disoccupazione giovanile ed in che modo tale struttura militare risolleverebbe la crisi economica che sta condizionando alcune prestigiose aziende locali? Alla fine vogliamo pensare che uno spiritello goliardico si sia insinuato temporaneamente tra quelle mura, ma anche chi ci abita lo abbandoni e si dedichi da subito alla seriet che richiede il governare la citt ed ai tanti problemi insoluti di Soncino. ernesta del sarto Italia Attiva Cremona ***

"

a Crema

Le nuove caserme sono ormai indispensabili


Egregio direttore, ha ragione il sindaco Bonaldi a sostenere che Crema e i Comuni del territorio non sono in grado di sostenere la spesa per la realizzazione delle nuove caserme dei Vigili del fuoco e della Polizia di Stato. Ma non per questo, come territorio, dobbiamo rinunciare a questo sacrosanto diritto! E un diritto che i cittadini cremaschi ed i lavoratori della Polizia e dei Vigili del fuoco attendono da anni: questi due presidi devono essere tutelati e potenziati. Il mantra de i soldi non ci sono non mi convince e serve a colpire sempre i soliti soggetti e il Cremasco uno di questi. Nel recente passato come consigliere comunale di Crema ho avuto modo di dimostrare, pur nella limitatezza delle disponibilit economiche, quanti e quali altri territori sono stati e vengono tuttora tenuti in considerazione nelladeguamento delle strutture per la sicurezza dei cittadini e la tutela del territorio. Crema da anni, tanti anni, che non gode pi di un intervento statale: ci non pi tollerabile. Tutti i rappresentanti del Cremasco, istituzionali e non, devono fare lobby per impegnare il prossimo Governo e Parlamento a reperire le risorse necessarie per la realizzazione delle nuove caserme. Nellottica di rappresentare il territorio in cui da sempre vivo, come candidato per Sinistra Ecologia Libert

"

quesito

a cosa servirebbe una base nato a soncino?


Signor direttore, una base Nato a Soncino? Che ci si sia addormentati il 2 gennaio risvegliandoci nel bel mezzo del carnevale? O forse il 1 aprile? Questa la prima novit del 2013 per il nostro territorio. Tutto il resto pu aspettare! Vogliamo sperare, che la proposta fatta dallamministrazione soncinese cada nel vuoto, ma vediamo a cosa andremmo incontro. Leggiamo su un giornale che sar un centro di supporto (una sede informatizzata, non un poligono di tiro). Ma il sindaco di Vicenza, Achille Variati, in una lettera spiega le motivazioni del suo rifiuto parlando di analisi della documentazione () in cui viene descritta la realizzazione di una struttura con funzioni di bunker per munizioni e altre opere per accogliere centinaia di militari (...). Una polveriera, una santabarbara? Come si concilia questa affermazione con la sede informatizzata cui fa riferimento il sindaco Pedretti? Quali tipi di munizioni verrebbero portate a Soncino? Come supporterebbero le nostre strade landirivieni di mezzi militari? Quali rischi correrebbe la cittadinanza con un bun-