Sei sulla pagina 1di 7

Atti locutori Atti illocutori Atti perlocutori In ogni proferimento linguistico per Austin possibile distinguere: Atto locutorio

orio Atto illocutorio Atto perlocutorio Atto locutorio Corrisponde al fatto di dire qualcosa, al proferimento di unespressione ben formata sintatticamente e dotata di significato (tutto ci che oggetto di studio da parte di sintassi e semantica) Atto illocutorio Corrisponde allazione che viene effettivamente compiuta proferendo lenunciato (affermazione, ordine, promessa, avvertimento, conferimento di una onorificenza, ecc.) Attenzione: uno stesso enunciato pu essere utilizzato per compiere atti allocutori molto diversi fra loro. Esempio: Il gatto sul tappeto (un invito, un avvertimento, una minaccia, uninsinuazione, un ordine, ecc.) Atto perlocutorio Corrisponde agli effetti ottenuti con latto illocutorio Esempi: Il gatto sul tappeto (spaventare, indurre ad entrare, divertire) Le conseguenze perlocutorie dei nostri atti sono del tutto non-convenzionali (non sono prevedibili)
1

La classificazione degli atti illocutori Sono state proposte diverse classificazioni degli atti illocutori (o delle forze illocutorie di un enunciato). La classificazione meglio riuscita quella proposta da Searle nel 1975 nellarticolo Per una tassonomia degli atti illocutori Tre dimensioni di valutazione 1. Scopo dellatto (descrivere, promettere, ordinare, pretendere, ecc.) [importante che sia distinto dagli effetti perlocutori] 2. Vettore dadattamento: esempio del detective al supermercato Acquirente: dal mondo alle parole Investigatore: dalle parole al mondo 3. Stati psicologici espressi (credenza, intenzione, desiderio) Sulla base di queste tre dimensioni Searle distingue cinque tipi di atti illocutori

Atti rappresentativi Scopo: impegnarsi alla verit di quanto affermato Vettore di adattamento: dalle parole al mondo Stato psicologico: credenza Verbi: asserire, descrivere, concludere, giurare, suggerire,
2

Atti direttivi Scopo: indurre lascoltatore a fare qualcosa Vettore dadattamento: dal mondo alle parole Stato psicologico espresso: volont, desiderio Verbi: ordinare, vietare, chiedere, implorare, supplicare, invitare, sfidare, ecc. Atti commissivi Scopo: impegnare il parlante a una linea dazione Vettore dadattamento: dal mondo alle parole Stato psicologico espresso: intenzione Verbi: promettere, rifiutare, acconsentire, scommettere Atti espressivi Scopo: esprimere uno stato psicologico Vettore dadattamento: nessuno Stato psicologico espresso: variabile Verbi: congratularsi, ringraziare, rallegrarsi, scusarsi, rammaricarsi, ecc. Atti dichiarativi Scopo: far corrispondere il contenuto di ci che espresso con il mondo (modificare il mondo con il proferimento linguistico) Direzione dadattamento: duplice Stato psicologico: irrilevante Verbi: battezzare, sposare, dichiarare guerra, condannare, licenziare, ecc.

Austin distingue: Atto locutorio: il fatto di proferire un enunciato che studiato da sintassi e semantica Atto illocutorio: azione che viene compiuta proferendo lenunciato Atto perlocutorio: le conseguenze che ha latto illocutorio negli interlocutori Searle Propone un modo per catalogare gli atti illocutori Ma gli atti linguistici possono essere catalogati in modo convenzionale? Non sempre Searle in Atti linguistici distingue: Atti linguistici diretti: quando la forma grammaticale e il valore illocutorio coincidono (ad esempio: forma dichiarativa e affermazione, forma imperativa e ordine, forma interrogativa e domanda, ecc.) Atti linguistici indiretti: quando la forma grammaticale e il valore illocutorio non coincidono Esempi: Puoi passarmi il sale? Il caff sul fuoco

Problema Se per gli atti linguistici indiretti la forma grammaticale non coincide con latto illocutorio compiuto, come si fa a comprendere latto illocutorio? Nel compiere un atto illocutorio noi ci proponiamo degli scopi; affinch questi scopi siano raggiunti, il nostro interlocutore deve comprenderli. Affinch il nostro interlocutore comprenda lo scopo che ci prefiggiamo con i nostri proferimenti deve esserci un modo per far s che questo sia compreso. Grice Paul Grice si propone appunto di dimostrare che sebbene non sempre la forma grammaticale rispecchi ci che effettivamente vuole essere comunicato al nostro interlocutore, ci sono delle regole razionali che permettono alle persone di intendere ci che comunicato al di l del contenuto letterale. Questo permette ai parlanti di aspettarsi di essere compresi anche quando il contenuto inteso non riflette la forma grammaticale dellenunciato e permette agli ascoltatori di comprendere tale contenuto. Si tratta di capire come il contenuto inteso dal parlante venga trasmesso da parlante ad ascoltatore (anche quando il contenuto non coincide col significato verocondizionale o con il significato letterale dellenunciato)

Paul Grice (1913-1988) Filosofo inglese, formatosi alla scuola dei filosofi del linguaggio ordinario di Oxford e egli stesso esponente di questa corrente di pensiero. Nel 1967 venne invitato ad Harvard a tenere una serie di conferenze (intitolate Logica e conversazione) Il testo che noi leggiamo corrisponde alla seconda delle lezioni tenute da Grice Esempi: Hai una sigaretta? (quando quello che si intende non la richiesta di uninformazione) Fa proprio caldo (quando quello che si intende non la semplice descrizione di un fatto) Il significato di questi enunciati diverso dal significato naturale (una certa forma verbale sintomo di un certo contenuto): Come invece nel caso di Le nuvole significano pioggia Queste macchie significano morbillo diverso dal significato non naturale (che si ha nel caso della comunicazione non verbale) Come nel caso in cui: Lascio sul tavolo la foto di Francesca e Pietro che si baciano

Qual la differenza? Il significato inteso non strettamente legato alla forma linguistica adottata Il significato inteso dipende da unintenzione del parlante e che il parlante vuole che lascoltatore riconosca come sua In sintesi Il parlante vuole indurre lascoltatore A ad avere la credenza p Il parlante vuole che lascoltatore riconosca lintenzione del parlante di produrre quella credenza p nellascoltatore Affinch questo scambio sia possibile ci devono essere delle regole che lo rendono possibile