Sei sulla pagina 1di 2

La nascita della genetica Nel diciannovesimo secolo il fenomeno dell eredit Era un concetto piuttosto vago.

Caratteri ereditari caratteri che sono trasmessi a un individuo dai genitori e che il soggetto potr a sua volta tramandare ai figli

Questo concetto era gi chiaro dagli allevatori di bestiame che per ottenere animali con certe caratteristiche era necessario far accoppiare tra loro un toro ed una mucca che possedevano quelle caratteristiche . Gregor Mendel conoscitore del calcolo delle probabilit seppe interpretare i dati ottenuti ricavandone leggi che ancora oggi sono riconosciute importanti . Con il termine genetica si inizia ad intendere lo studio dei caratteri ereditari e dei meccanismi che regolano la trasmissione .

Mendel figlio di contadini aveva avuto fin da piccolo contatti con gli agricoltori e gli allevatori di pecore : possedeva una certa dimestichezza con incroci di piante e animali . Entr nel convento di Brno ( Moravia ) e prosegu gli studi di biologia . Nell orto del convento Mendel coltiv per molti anni le piante di pisello ed effettu incroci che gli avrebbero permesso di comprendere in che modo avviene la trasmissione dei caratteri ereditari. Mendel utilizz le piante di pisello perch erano : 1. Facili da coltivare 2. Hanno un ciclo vitale breve 3. producevano molti frutti Questo permetteva di seguire diverse generazioni in poco tempo e di esaminare diverse piante

Inoltre ci fu furono altri due motivi : le variet presentate dai piselli che erano in due forme antagoniste ( piante con fiori di colore rosso diverse piante con fiori di colore bianco ; piante con semi lisci tante piante ) . inoltre hanno fiori ermafroditi che portano sia gli organi sessuali maschili che quelli femminili , dove avviene L autoimpollinazione ( incontro del polline e dell ovulo avviene all interno dello stesso fiore ) Autofecondazione